Sei sulla pagina 1di 5

Come costruire un Chembuster per dissolvere le scie chimiche e bilanciare clima e condizioni meteorologiche.

Articolo di Don Croft <terminator3@turbonet.com> Postato in origine da Stephanie Relfe su http//www.metatech.org

Definizione di una scia di condensa (contrail): Una scia di condensa si forma qu ando un aereo viaggia a quote elevate (circa 30.000 piedi o pi, equivalenti a cir ca 9.144 metri ) e comprime l'aria in vapore acqueo e cristalli di ghiaccio attr averso i motori e il profilo alare che taglia l'aria a forte velocit. Questa scia scompare da pochi secondi a 15 minuti dopo, poich i cristalli evaporano. Definizione di una scia chimica (chemtrail): Il termine chemtrail relativamente nuovo in quanto nato pochi anni fa proprio con l'apparire delle scie chimiche. U na scia chimica molto diversa da una scia di condensa (contrail). A prima vista una scia chimica potrebbe sembrare molto simile a una scia di condensa, tuttavia , invece di scomparire come farebbe una scia di condensa, una scia chimica conti nua a spargersi in maniera uniforme fino a formare una formazione nuvolosa sotti le, simile a nebbia ad alta quota, fino a formare un banco nebbioso che copre un a vasta area. Queste scie attraversano il cielo da un capo all'altro dell'orizzo nte e restano nell'aria da 5 ad anche 8 ore E' noto che queste formazioni rendano quello che in origine era un cielo blu pul ito in una copertura nebbiosa grigiastra uniforme. (Nota: al giorno d'oggi ci so no gi molti Chembuster presenti in molte nazioni, per cui se doveste vedere delle scie chimiche che non durano a lungo potrebbe significare anche che ci sia un C hembuster in quella zona). Le attuali ricerche indipendenti effettuate hanno dim ostrato che queste scie chimiche sono, almeno in parte composte da una sostanza oleosa di origine sconosciuta che viene correntemente spruzzata da jet delle dim ensioni di quelli di linea su quasi ogni area popolata del globo. Si scoperto an che che alcune scie chimiche contengono cellule sanguigne, alluminio, micoplasma (un agente patogeno ultra microscopico difficilmente o anche impossibile da ril evare con le attuali analisi mediche) virus e altri componenti biologici sconosc iuti. Ci sono anche molti rapporti di incremento di malattie, specialmente quell e respiratorie, nelle aree dove vengono spruzzate queste scie. Queste vengono spesso spruzzate da jet di linea bianchi che non hanno numeri di identificazione stampati, come sarebbe obbligatorio. Spesso si pu notare questi j et passare in cielo senza fare nessuna scia, e all'improvviso quello stesso aere o inizia a lasciare una netta ed evidente scia. Sono stati anche fotografati cas i in cui una scia inizia a presentare brevi interruzioni, come se l'aereo avesse finito la sostanza chimica in un serbatoio e fosse dovuto passare a una nuova r iserva. Per maggiori informazioni e foto sulle scie chimiche si veda:

http://www.carnicom.com/contrails.htm (in Inglese) oppure http://www.nexusitalia.com/sciechimiche.htm (ottimo sito in Italiano con molte f oto).

Storia del Cloudbuster. Il Cloudbuster di Wilhelm Reich era ben conosciuto per la sua capacit di creare p ioggia. Il problema era posto dall'utilizzo continuativo, dal fatto che l'energi a orgonica disorganizzante (DOR) assorbita dal dispositivo poteva provocare dann i all'operatore se non veniva scaricata via sufficientemente bene. Questo scaricar e via l'energia negativa fu ottenuto mediante: 1) collegando il cloudbuster a un corpo d'acqua corrente sufficientemente grande (difficoltoso) oppure 2) collega ndo l'uscita del cloudbuster a un accumulatore di orgone. Tuttavia, l'accumulato re di orgone diventava presto saturo di radiazione DOR che, alla fine causava an cora problemi all'operatore. Per questo motivo il cloudbuster, pur essendo una t ecnologia veramente buona per l'uomo, rimase accattonata per molti anni. Il Cloudbuster Re-Inventato. Utilizzando le ricerche di Wilhelm Reich, abbiamo creato un dispositivo economic o, trasportabile e facile da costruire che distrugge in maniera consistente le s cie chimiche e sana l'atmosfera. Il Chembuster la risposta a questi attacchi in co rso. A differenza del Cloudbuster originale, il Chembuster trasforma l'energia o rgonica disorganizzante in energia orgonica benefica e NON si satura di energia negativa o pericolosa per l'operatore. Chiunque pu costruirne uno per una spesa i n materiali di circa 150 Euro. Unisciti anche tu alla battaglia Adesso !

E' nella natura umana mettersi da parte e pensare che una sola persona non pu cam biare quello che sta succedendo in tutto il mondo. Ora per non avete pi scuse per rimanere inattivi. Per pochi Euro e qualche ora del vostro tempo, VOI potete far e la differenza. Un CB propriamente costruito dovrebbe essere in grado di ridurre notevolmente gl i effetti delle scie chimiche per circa 72 chilometri in ogni direzione ( 144 ch ilometri di diametro) dal dispositivo. Con questo dispositivo una semplice manciata di cittadini preoccupati per la lor o salute e sicurezza possono effettivamente SMANTELLARE il progetto multi miliar dario delle scie chimiche. Il Chembuster non pu fare nessun danno. Pu solo sanare e aiutare. Spetta a voi unirvi alla battaglia e salvare voi stessi e il vostro p aese. DETTAGLI PER LA COSTRUZIONE DEL CHEMBUSTER: Materiali necessari. SECCHIO: Utilizzare un comune secchio di circa 8 litri con maniglia, per esempio di quelli in vendita da bricofer, una volta finito il dispositivo si puo' lacia re il secchio in posa cosi' da usare la maniglia per trasportarlo. TUBI DI RAME: Sei tubi standard da 1 Pollice (la misura standard in Europa e' 2, 6 cm) di diametro e 182 cm di lunghezza reperibili in negozi di materiali da Idr aulica/ceramiche e materiali edili, in alternativa per una maggiore trasportabil it del dispositivo si possono tagliare 6 tubi di 30 cm e 6 tubi di 152 cm che ver ranno uniti a quelli piccoli alla fine della costruzione mediante 6 accoppiatori in rame; e 6 cappucci terminatori in rame per chiudere una delle estremit dei tu bi. CRISTALLI: Procurarsi 6 cristalli bi-terminati (con 2 punte naturali a entrambi i lati), lunghi circa 5 cm , avvolgerne la base con nastro isolante in modo da c reare abbastanza spessore da posizionarli all'interno di ogni tubo (a un estremi

t dei tubi di 182 cm o di quelli da 30 cm nel caso si usino i tubi tagliati in du e parti per trasportare e smontare il dispositivo) quindi incollarli ai cappucci terminazione in rame e chiudere queste estremit dei tubi fissando i cappucci con del nastro isolante o saldandoli per evitare che la resina successivamente si i nfiltri nei tubi durante il processo di catalizzazione. METALLO: Procurarsi un qualsiasi tipo di truciolato metallico, anche a scagliett e, da uno dei tanti posti dove si lavorano i metalli, come negozi di insegne , l uminose, fabbri, infissi in alluminio, lavorazioni metalli. Personalmente uso qu elle in alluminio per considerazioni di peso, ma QUALSIASI metallo va bene. Si t enga solo presente che delle particelle molto fini, come quelle che si ottengono facendo le chiavi non sono altrettanto buone perch impediscono alla resina di ri empire tutto il secchio. SPAZIATORI IN LEGNO: Come da modelli nel disegno sotto, tagliare tre forme in le gno compensato o multistrato di 1 cm circa di spessore. Forma 1 viene utilizzata come base per i tubi di legno, dentro il secchio, e ten erli in posa (lato con i cappucci di chiusura). Forma 2 deve appena entrare al di sotto del bordo del secchio. E' importante tag liare via i bordi per permettere di versare la resina e, una volta ultimato il p rogetto infilare le dita per poterlo rimuovere dato che questo pezzo non e' part e del CB ultimato ma serve solo per tenere allineati i tubi in maniera dritta fi nch la resina non catalizza. I fori per i tubi in questa forma dovrebbero essere un poco larghi cos da farla sfilare facilmente alla fine. Forma 3 di forma circolare per la parte finale dei tubi, in alto, tiene i tubi i n posizione dritta, i fori dovrebbero essere dello stesso diametro dei tubi cos d a tenerli in posa ognuno in maniera parallela all'altro.

IN AREA DOWNLOADS E' POSSIBILE SCARICARE I MODELLI IN DIMENSIONI REALI DA STAMPA RE E UTILIZZARE PER TAGLIARE LE 3 FORME DI LEGNO. RESINA: Si usa resina al poliestere, come di quelle usate nella costruzione di b arche in fibra di vetro, va bene anche l'epossidica ma molto cara, consigliabile trovare un venditore che la offra in taniche da almeno 5 litri perch pi convenien te, ferramenta molto forniti e negozi di vernici/colori o materiali edili sono i posti in cui cercare, anche negozi di surf o nautica di solito ne hanno. Effettuare le operazioni su un pavimento o superficie ben livellati, prima di tu tto si consiglia di fissare i cristalli nei tubi corti (nel caso si sia scelto d i utilizzare i tubi in due lunghezze differenti per un pi facile smontaggio/trasp orto) e chiudere queste estremit con i tappi in rame (nastro isolante o saldatura ) quindi miscelare un poco di resina e versarne circa 2 cm sul fondo del secchio , cospargerci sopra un po' di metallo in maniera uniforme. ATTENZIONE: I vapori della resina sono infiammabili e leggermente tossici, fare queste operazioni in una zona ben ventilata.

La percentuale che sembra funzionare meglio nell'orgonite di circa una parte di resina e una parte di metallo (ovvero uguale volume di resina e metallo). Poggia rci sopra la forma di legno n.1 prima che la resina indurisca, cos che non affond i molto nel liquido. Preparare circa 1,8 litri di resina e versarla nel secchio dopo che i tubi corti (con le estremit chiuse e contenenti i cristalli) sono stat i poggiati nei rispettivi fori della forma di legno n1. Quindi aggiungere ancora qualche manciata di metallo finch non si ottiene di nuovo un rapporto di uguale

resina e metallo, aiutandosi magari con un oggetto per mescolare un poco ma senz a premere sulla forma di legno nel fondo, si consiglia anche di tappare le estre mit rimaste aperte dei tubi con del nastro isolante per evitare che del metallo f inisca all'interno accidentalmente.

Ora inserire con cura la forma di legno n.2 nei tubi finche' questa non tocca ap pena il bordo interno del secchio e posizionarla in maniera tale che i tubi sian o paralleli tra loro, quasta operazione va fatta abbastanza velocemente per evit are che la resina indurisca e non si riesca pi a muovere i tubi per allinearli. U na volta che la resina sar indurita si potr rimuovere questo pezzo dato che come g i detto serve solo per la costruzione e l'allineamento dei tubi. Ora ultimare il dispositivo mettendo altra resina/metallo fino a quasi riempire il secchio, lasciando circa 2 cm di spazio dalla forma di legno n.2 che poggiata sui bordi in cima al secchio. Ora il dispositivo completato, attendere fino a c he la resina sia indurita (ATTENZIONE: durante la catalizzazione la resina si ri scalda fino a scottare). Come riferimento si saranno usati circa 5,6 litri di re sina e un ugual volume di metallo. In ultimo, una volta rimossa la forma di legno n.2 si mettono gli accoppiatori d i rame alle estremita' do ogni tubo e si inseriscono le parti lunghe dei tubi in rame, con in cima inserita la forma di legno n.3 che sorregge i tubi. Abbiamo anche sperimentato con estensioni di circa 12,7 cm per aumentarne il rag gio d'azione. Ebbe un forte effetto sulla Luna e sull'atmosfera alta del pianeta per centinaia di km. A quanto pare riuscimmo disabilitare il centro di guerra a tmosferica sotto la base aeronautica di Homestead, lasciando il chembuster con l e estensioni, puntato al campo di orgone stagnante della base per una settimana. Abbiamo scoperto che non c'e' bisogno di puntare il dispositivo in una particola re direzione per pulire l'atmosfera dall'orgone stagnante, pi a lungo viene tenut o in piedi, in posizione, maggiore sar la distanza in cui l'atmosfera viene influ enzata e migliorata dal chembuster, fino a raggiungere diversi km intorno al dis positivo. Anche se di solito viene lasciato dritto in piedi, una volta abbiamo eliminato u na densa cintura di smog che si trovava in lontananza, semplicemente puntandolo verso questa per pochi minuti, quindi in caso di necessit la direzione pu essere a nche un fattore. I chembuster distruggono notevolmente le scie chimiche. Potrebbero essere necess ari alcuni giorni al vostro chembuster per fargli attivare l'ambiente circostant e in maniera sufficiente da avere efficacia contro queste scie, ma una volta che sar successo baster puntare il dispositivo alle scie e queste scompariranno dopo solo pochi secondi che saranno state spruzzate dai jet, anche le scie al di fuor i del campo del chembuster si dissolveranno, pi lentamente. Le scie chimiche comp oste da elementi solidi impiegheranno di pi a dissiparsi ma abbiamo visto che que ste compongono solo il 10% delle scie spruzzate e sono quindi piuttosto rare. I Cloudbusters del Dr. Reich erano estremamente pericolosi quando operavano perc h egli non aveva un generatore di orgone attaccato al suo dispositivo. L'orgone d annoso (DOR) porta con s una carica che pu prosciugare molto in fretta la forza vi tale di una persona quando viene concentrato in un punto limitato. E' del tutto simile a una campo di elettricit statica molto forte. Quando una copertura nuvolo sa improduttiva e sbilanciata (troppi fulmini, per esempio, o troppa pioggia) il Chembuster la assorbe.

Potrebbe anche aiutare a porre fine alla siccit. In generale, non fa altro che bi lanciare le condizioni atmosferiche, credo che esso faccia da mediatore tra l'at mosfera e il suolo in qualche maniera. Quello che abbiamo installato in Namibia, in Africa, port finalmente un abbondante pioggia nel deserto della zona. Questo accadde il 05 Settembre 2001, e continu per molti giorni. Gert, l'individuo che h a costruito quel chembuster e ci ha comunicato l'accaduto ( http://educate-yours elf.org/africasfirstcloudbusterjun01.html ) ci disse che questo non era semplice mente mai accaduto nel deserto della Namibia, nell'epoca conosciuta. Esso probab ilmente la regione pi secca del pianeta. ATTENZIONE: Se toccate i tubi di rame quando il chembuster st attirando e assorbe ndo forti quantit di orgone sbilanciato e non toccate successivamente la base con l'orgonite, potreste sperimentare forti mal di testa, magari anche il giorno su ccessivo, come ci ha riferito un nostro amico di recente, quindi toccate sempre la base dopo aver toccato i tubi. Tenete presente che i nostri sforzi, ancora pionieristici, dovrebbero essere vis ti principalmente come un trampolino di lancio a progetti e sviluppi futuri piut tosto che come l'ultima parola. SUGGERIMENTO: Se volete ottenere ancora pi pioggia, provate a mettere dell'acqua in cima al materiale nel secchio, o ad annaffiare il dispositivo ogni giorno. Ne i climi molto rigidi, coprire la cima dei sei tubi con piccoli ombrelli cosi' ch e l'acqua non congeli e spacchi i cristalli all'interno. Il CB ha mostrato di av er effetto ugualmente bene se posto in ambienti interni come appartamenti o este rni. Fino a sette cristalli possono essere in seguito introdotti in ognuno dei t ubi per migliorarne le prestazioni.