Sei sulla pagina 1di 37

Breve Manuale di storia romana

Cap. I, Introduzione alla storia romana .......................................................................................................................... 1 Cap. II, Le origini di Roma e i primi re ......................................................................................................................... 3 Cap. III, La civilt etrusca e la monarchia dei Tarquini ................................................................................................. 4 Cap. IV, Il passaggio dalla monarchia alla repubblica ................................................................................................... 5 Cap. V, La composizione della societ romana: patriziato e plebe ................................................................................ 6 Cap. VI, La lotta per il controllo dellItalia centrale ...................................................................................................... 7 Cap. VII, La competizione con Roma: i Sanniti ............................................................................................................ 7 Cap. VIII, Laffermazione di Roma nellItalia meridionale: Taranto e Pirro ................................................................ 9 Cap. IX, La prima guerra punica e le sue conseguenze ............................................................................................... 10 Cap. X, La guerra annibalica. Il recupero dellItalia settentrionale ............................................................................. 11 Cap. XI, Roma e loriente ellenistico ........................................................................................................................... 12 Cap. XII, Graecia capta ............................................................................................................................................ 13 Cap. XIII, Eversiones Urbium, da Cartagine a Numanzia ........................................................................................... 14 Cap. XIV, Effetti e ripercussioni della conquista: i Gracchi ........................................................................................ 15 Cap. XV, Dalla guerra giugurtina alla dittatura di Silla ............................................................................................... 16 Cap. XVI, Lo smantellamento della costituzione sillana: Pompeo .............................................................................. 17 Cap XVII, Cesare dal cosiddetto primo triumvirato alla dittatura ............................................................................... 18 Cap. XVIII, Il secondo triumvirato e laffermazione di Ottaviano .............................................................................. 20 Cap. XIX, Augusto e listituzione del principato ......................................................................................................... 22 Cap. XX, I Giulio-Claudi eredi di Augusto ................................................................................................................. 23 Cap. XXI, La crisi del 69 e la dinastia Flavia .............................................................................................................. 25 Cap. XXII, Gli albori del cristianesimo (I-II sec. d.C.) ................................................................................................ 26 Cap. XXIII, Gli imperatori per adozione ..................................................................................................................... 27 Cap. XXIV, Da Commodo alla monarchia militare dei Severi .................................................................................... 28 Cap. XXV, Crisi e anarchia nel III secolo ................................................................................................................... 29 Cap. XXVI, Limpero fra invasioni e lacerazioni ........................................................................................................ 30 Cap. XXVII, Diocleziano e lesperimento della tetrarchia .......................................................................................... 32 Cap. XXVIII, La rivoluzione costantiniana. Giuliano ................................................................................................. 33 Cap. XXIX, Limpero cristiano-barbarico. Teodosio .................................................................................................. 34 Cap. XXX, La fine dellimpero romano doccidente ................................................................................................... 35

Cap. I, Introduzione alla storia romana


1. Le fonti
Primarie (contemporanee ai fatti) e secondarie (storia ricostruita da autori). Secondarie: solo dalla II Punica, in greco per pubblicizzarsi; in latino le Origines di Catone. Inizialmente annalistica, poi anche monografie (Sallustio), biografia (Nepote, Igino), letteratura esemplare (fatti memorabili, Valerio Massimo). Polibio e Dionigi di Alicarnasso scrivono in greco. Livio: Annales. Con limpero si censura la letteratura dopposizione, rimangono conformisti (Velleio Patercolo) e disimpegnati (Curzio Rufo, Arriano). Perduto Plinio in Vecchio, perch offuscato da Tacito. Numerose le biografie, fatte da Svetonio, Mario Massimo, Aurelio Vittore. I-II sec: Plutarco, Vite Parallele, confronto coi grandi greci. Si deve applicare critica storica perch gli storici romani sono tutti politici, tranne Livio, e deformano.

2. La famiglia e il diritto privato


1

Pater familias: ha pieni poteri sui figli: abbandonarli, venderli come schiavi, uccidere una figlia adultera, stabilire matrimoni e divorzi. Le donne non erano mai sui iuris, ma avevano un tutore. Potevano sceglierlo; se quello era condiscendente, avevano libert e potere. Matrimonio: il pi arcaico la manus maritalis. Il vincolo poteva essere pi religioso (confaerratio) o un acquisto laico (coemptio). Un altro vincolo si stabiliva con lusus (tipo usucapione); le XII tavole la resero evitabile con lassenza da casa della moglie per tre notti. Il divorzio era previsto e frequente. Le nozze erano valide solo tra cittadini, chi non lo era praticava il concubinato. Schiavi: condizioni migliori in casa. Per Varrone, instrumentum vocale. Giustizia: anticamente risolta a livello personale con legge del taglione definita dalle XII tav, che tuttavia incoraggiano i risarcimenti pecuniari. Poi la repressione diventa responsabilit della collettivit; nascono i processi. Nel 367 a. C. si istituiscono i pretori, per la giurisdizione civile. Emanano editti che sono dichiarazioni di principi ed entrano nella giurisprudenza. IV-III sec. a. C.: primo trattato giuridico e raccolta di legis actiones, di Appio Claudio Cieco. Avvia laicizzazione diritto, prima affidato ai pontefici. Con limpero, la decisioni del princeps fanno giurisprudenza. Testi diritto romano: Institutiones di Gaio (II sec.) e Corpus iuris civilis di Giustiniano.

3. La istituzioni dello Stato


Dittature: 6 mesi; scompare nel 202 a. C, poi ripristinata da Silla; Cesare si fa dittatore a vita, Antonio allora la abolisce nel 44 a.C. Censura: prestigio pi alto, perch di solito si d ad ex consoli. Dura cinque anni (cerimonia lustrum). Giudica moralit dei cittadini (una sua condanna poteva far perdere diritti politici) e li inserisce nel loro livello di censo; aggiorna liste senatori, amministra il patrimonio statale, appalti e imposte. Consolato: due consoli, un anno, governo civile e comando militare. In caso di morte, sostituiti da un consul suffectus - con limpero se ne succedevano normalmente pi coppie in un anno; il consolato aveva perso potere politico, ma non prestigio. Pretura: istituita nel 367 a.C.; nel 242 il praetor peregrinus, per controversie fra Romani e stranieri. Il numero di pretori aumenta con Silla e poi con Cesare. Compiti giudiziari, a volte anche militari. Oltre alla potestas (autorit riconosciuta) comune alle altre cariche, dittatori, consoli e pretori avevano limperium (imporre la propria volont a nome dello Stato), che si prorogava se, scaduta la carica, il magistrato era ancora impegnato in battaglia. Cos nascono proconsoli e propretori, che governano le province senatorie. Quelle imperiali hanno legati scelti dallimperatore. Edilit: approvvigionamenti, polizia urbana, edilizia, spettacoli. Tribuni della plebe: potevano bloccare le decisioni dannose alla plebe ed erano inviolabili. Limperatore ne assumer le prerogative. Questura: aiutanti dei consoli. Senato: convocato da un magistrato con imperium. Molta autorit in epoca medio-repubblicana, a fine repubblica i populares lo ridimensionano usando i plebisciti, con limpero dipendeva dallimperatore, che poteva inserirci chi voleva. Assemblee: comizi curiati, centuriati, tributi. Sistema municipale: quattuorviri o duoviri a dirigere ogni citt. Senato cittadino con un centinaio di decurioni (spt ex magistrati). Lassemblea popolare eleggeva i magistrati. 2

4. Leconomia
Basata sullagricoltura. Nel 218 a. C. un plebiscito vieta ai senatori di possedere navi per commercio. Nei primi secoli non ci sono grandi differenze di reddito; alcuni iniziano ad arricchirsi solo con le conquiste (nel 280 a. C., Sabina) di terre e schiavi, e soprattutto con le conquiste di province dal II sec. a. C.. Ricchezza giustificata usandola per opere pubbliche. Scambi commerciali (e quindi citt) lungo vie dacqua, molto pi economiche; via terra solo seta e spezie, abbastanza costose perch convenisse il trasporto. Poca tecnologia per mentalit tradizionalista e disponibilit di schiavi.

5. La religione
Numina indefiniti da propiziarsi tramite rituali; la fede del singolo accessoria. Importati gli dei antropomorfi greci, cui si aggiungevano dei per ogni aspetto della vita, genii personali, lari e penati. Vari tipi di sacerdoti; pontifex maximus a capo del collegium pontificum, decemviri sacris faciundis a custodire i libri sibillini, auguri (con auspici in genere favorevoli, durante le lotte politiche usati sfavorevoli per bloccare attivit). Tolleranza: gli altri dei venivano inglobati. Repressi solo i baccanali, perch frutto non di scelte statali ma individuali e rischiose per lordine pubblico. Imperatori divinizzati solo dopo la morte, mentre in oriente anche in vita. Influsso divinit orientali (come Mitra e teologie solari) e filosofie (che sottolineavano gli aspetti morali).

Cap. II, Le origini di Roma e i primi re


1. Tra leggenda e storia
Gli storici romani spiegano lorigine di Roma fondendo il mito locale di Romolo e Remo con quello importato di Enea, che rendono progenitore di Romolo. Tra il 1000 e l800 a. C. due gruppi distinti di allevatori provenienti dai monti Albani e Sabini si insediano su Palatino ed Esquilino. Piccoli insediamenti sui colli Albani, i cui nomi sono elencati da Dionigi dAlicarnasso e Plinio il Vecchio; alla loro testa cera Alba Longa.

2. La Roma primitiva
Lorigine albana rivendicata da alcune gentes romane; quella sabina da alcuni re di Roma e dallorigine di certi vocaboli, ad es. quirites dal sabino curis, asta. Roma si costitu attorno allisola Tiberina, che rendeva facile attraversare il Tevere, il quale segnava il confine tra Lazio ed Etruria. Roma quindi nel Lazio, abitata da Latini, ma molto vicina alletrusca Veio, sulla riva destra.

3. Lordinamento romuleo
Secondo lannalistica, popolazione divisa in tre trib e trenta curie i nomi delle trib sono per etruschi, perci probabilmente si riferiscono alla seconda fase monarchica, in cui molti etruschi arrivarono a Roma. 3

Curia non verrebbe dal sabino curis ma da coviria, riunione di uomini. E impensabile che dallinizio ogni curia fornisse cento uomini allesercito, lo schema 30 curie arrivato gradualmente. La sede del senato si chiama curia: forse perch il senato primitivo era composto dai capi delle singole curie? Probabilmente i senatori iniziali erano meno dei 100 citati da Livio; a loro spettava il comando militare e religioso, mentre la vita cittadina era guidata da capifamiglia e capiquartiere.

4. I re indigeni
I sette re furono inventati per colmare il tempo tra la fondazione a met VIII sec. e la prima data sicura, linizio dellera capitolina coi Fasti, nel 501/509. La monarchia era elettiva; lo si deduce dallistituto dellinterregnum citato dalle fonti: morto Romolo, in attesa dellelezione i senatori regnavano a rotazione. Si sceglieva il re fra comandanti di esperienza, perci non pi giovani regni brevi pi di sette re, in realt. I loro nomi sono cmq storici; scelti tra quelli rappresentativi e alternati tra sabini (Numa) e latini (Tullo Ostilio) per simboleggiare lintegrazione tra i gruppi. Met VII sec.: distruggono Alba Longa; poi si assicurano il controllo del Tevere e delle saline col porto di Ostia. Anco istituisce i feciali, addetti a dichiarare guerra (res repetere: erano abituati a controversie per richiedere cose rubate).

Cap. III, La civilt etrusca e la monarchia dei Tarquini


1. Gli etruschi a contatto con Roma
Sugli antichi abitanti neolitici si innestano due migrazioni: prima dei villanoviani dai Balcani, poi di esuli dallAsia Minore, quelli che per Erodoto erano guidati da Tirreno. Questi ultimi portarono religione, tecnologie, arte, passaggio da villaggi a citt. Gli Etruschi avevano auguri e aruspici; il re era il lucumone, capo militare e religioso; la produzione era ottima, per la fertilit e le miniere; commerciavano con Fenici e Greci.

2. Tarquinio Prisco
Etruschi a Roma dalla fine del VII secolo, per ragioni commerciali. E probabile che una personalit etrusca forte abbia trasformato la monarchia in un primato del proprio casato: in questo pu trovare fondamento la storia di Tarquinio Prisco, che secondo la tradizione avrebbe ottenuto successi militari, avviato opere pubbliche, ecc.. In questa fase la popolazione (e i senatori) aumenta, nasce un quartiere etrusco; forse ora che avviene la tripartizione nelle gentes dei Tizi, Ramni, Luceri.

3. Il fregio della tomba Franois di Vulci


Mostra luccisione di un re Tarquinio, mentre Servio Tullio libera un prigioniero. Servio Tullio sarebbe dunque un etrusco di umili origini divenuto poi re; il nome Servio potrebbe richiamare la sua condizione servile o derivare dal verbo servo, salvare.

4. Servio Tullio
Le fonti concordano nel considerarlo un re illegittimo ma positivo. Organizz la citt in 4 trib urbane, col Campidoglio come terra comune. Con lespansi one in Italia si aggiunsero via via trib rustiche, fino alle 35 del 241 a. C.. 4

Trasform il sistema dei comizi curiati (che pur rimasero) in quello dei centuriati. Secondo la tradizione, cerano 193 centurie, suddivise in 5 classi che ne comprendevano 80, 20, 20, 20, 30, pi 18 di cavalieri e 5 di inermes. Prima classe e cavalieri, insieme, avevano dunque la maggioranza si votava per centurie. Chi non poteva procurarsi unarmatura non aveva diritto di voto. Dallesigenza di verificare la ricchezza dei cittadini nacque, nel 443 a. C., la censura.

Cap. IV, Il passaggio dalla monarchia alla repubblica


1. Tarquinio il Superbo
La riforma centuriata di Servio intaccava il monolitismo del potere regio, restaurato dal Superbo. Considerato un despota, ottenne vittorie militari e promosse opere pubbliche per la cui costruzione si ridussero i cittadini a manodopera forzata. Afferm la supremazia di Roma sugli Albani, e stabil alleanze in realt protettorati con le comunit circostanti.

2. Lanno cruciale 509 a. C.


La tradizione colloca in questo anno eventi in realt ascrivibili a un periodo pi lungo: la cacciata dei Tarquinii con linstaurazione della repubblica, la dedicazione a Giove del tempio sul Campidoglio, che d avvio allera capitolina con regolare conteggio degli anni e trascrizione nei registri dei nomi dei magistrati. Secondo la tradizione, Tarquinio fu cacciato per lo stupro da parte Sesto Tarquinio di Lucrezia, il cui marito Collatino, insieme a Bruto, avrebbe fomentato la rivolta. La realt storica potrebbe essere una faida familiare che port i due a controllare il potere, pur senza ancora il titolo di consoli. Collatino fu presto cacciato; sostituito da Publio Valerio Publicola, sostenitore del popolo; questi, alla morte di Bruto, non si fece affiancare subito da un altro collegialit ancora non definita. Poi si affiancano altri aspiranti al potere.

3. La politica estera del Superbo e le sue conseguenze


Cartaginesi ed Etruschi verso il 535 costrinsero i Focei ad evacuare la Corsica; tra i beneficiari indiretti ci sar anche il Superbo. Quando questi venne cacciato, il re etrusco Porsenna tent di occupare il vuoto di potere. Sappiamo che riusc a vietare a Roma la fabbricazione di armi. Intanto molti centri del Lazio si divisero tra fautori del ritorno dei Tarquini e del distacco da Roma. Accordo con Cartagine: non doveva danneggiare i Latini, n stabilirsi nel Lazio. Temendo Porsenna, alleato ai Latini nostalgici del Superbo, i Latini chiedono aiuto alla potente colonia greca di Cuma, che vince (504). 493, foedus Cassianum: pacificazione generale, Roma riammessa nella lega latina.

4. Gli ordinamenti della repubblica nascente


Fondamentali comizi tributi (territoriali) e centuriati (censitari); il senato, di 300 membri, comprendeva i patres (romulei), conscripti delle minores gentes immessi dal Prisco, e gli ultimi entrati, tra cui Appio Claudio. Coagula nobilt antica e recente. Gli esclusi davano vita alle rivendicazioni plebee. Difficile sapere quali fossero i magistrati iniziali. Forse cera un praetor maximus di origine militare che prendeva poteri amministrativi, staccandosi dagli altri due praetores rimasti alla guida 5

dellesercito, e poi definiti consoli; i quali nel tempo avrebbero scavalcato nei fatti la carica formalmente pi alta (come avvenne al rex sacrorum, sopraffatto dal pontifex maximus).

Cap. V, La composizione della societ romana: patriziato e plebe


1. La formazione dei due ordini e la secessione della plebe del 494/3 a. C.
Patrizi: discendenti dai senatori nominati da Romolo; proprietari terrieri. Plebei: tutti gli altri; artigiani e mercanti. Adsidui: proprietari di beni immobili, partecipano allesercito, a differenza dei capite censi o infra classem. Mentre la prima distinzione fissa, la seconda deriva dal censo, quindi consente mobilit sociale. 494: Secondo la tradizione, la plebe protest contro il nexum (schiavit per debiti) ritirandosi sullAventino per significare il rifiuto di partecipare alla vita politica. Menenio Agrippa li convinse a trattare; lanno dopo ottennero listituzione dei tribuni della plebe, con intercessio (diritto di veto) e sacrosantitas (inviolabilit). Erano eletti dai concilia plebis, che prendevano decisioni dette plebiscita. I contrasti sociali certamente esistiti sono stati reinterpretati in leggende.

2. Le leggi delle XII tavole


Nel 450 a.C il collegio dei decemviri legibus scribundis, formato da patrizi, scrive le prime dieci; lanno dopo un nuovo collegio, che comprendeva anche cinque plebei, termina le ultime due. La tradizione afferma contraddittoriamente che proprio questo secondo collegio fu pi antiplebeo e soggetto agli abusi di Appio Claudio; i decemviri aspiravano al potere tirannico. E invece confermata dai Fasti linterruzione dei consoli nel 450-1, sostituiti dai decemviri. Lunico vantaggio di queste leggi per i plebei fu il fatto che fossero scritte e uguali per tutti: dal mos al ius. Pesanti punizioni per chi violava la fides ai patti.

3. Le leggi Canuleia (445) e Licinie-Sestie (367)


Il tribuno Canuleio permise i matrimoni tra patrizi e plebei. I patrizi concessero ai plebei laccesso a questura e tribunato militare con potest consolare (cosa che li faceva poi entrare in senato), ma non al vero consolato, concesso solo nel 367 a. C. dal dittatore Furio Camillo che accolse le leges Liciniae Sextiae: prevedevano anche che uno dei due consoli fosse sempre un plebeo, rateazione dei debiti, obbligo di assegnare ai nullatenenti parte del terreno pubblico. Nello stesso anno nascono edili e pretori. La classe dirigente si apre: mentre le gentes vanno estinguendosi, i plebei divenuti consoli trasmettono ai discendenti la nobilitas.

4. Le ultime rivendicazioni plebee e la conclusione della lotta fra gli ordini (287 a.C.)
Le cariche religiose si aprono ai plebei, e si riducono molto i casi di applicazione del nexus. Nel 287 a. C. la lex Hortensia, di un dittatore plebeo, rende vincolanti per tutto il popolo i plebisciti; mentre in quegli anni i comizi tributi, non pi solo assemblea della plebe ma di tutti, acquisiscono competenza su ogni genere di legislazione.

Cap. VI, La lotta per il controllo dellItalia centrale


1. Roma e la lega latina
Primo anno repubblica: trattato con Cartagine che garantiva i commerci. Le fonti nascondono la conquista di Roma da parte delletrusco Porsenna dietro il racconto delle gesta eroiche dei difensori. 499 circa: guerra tra Roma e citt del Lazio. 493: foedus Cassianum: alleanza coi Latini. Questi fra loro non avevano originari legami politici, ma piuttosto religiosi. La lega latina rester in vigore fino al 338, quando Roma la scioglier.

2. Le conquiste e la colonizzazione del V sec. a. C.


Vari scontri con Volsci ed Equi nel Lazio meridionale, sintetizzati nella saga di Coriolano, eroe contro i Volsci ma poi, cacciato dai Romani, loro alleato. A nord scontri con gli Etruschi di Veio; a nord est coi Sabini: fase sfavorevole per Roma. Lesercito latino risolleva la situazione; Cincinnato sconfigge gli Equi nel 458. Colonie romane: sono presidi militari con pochi coloni, che restano cittadini romani. Colonie latine: pi numerose e pi popolate, nonch pi autonome ma con lobbligo di fornire soldati alla madrepatria. Seconda met V sec.: rafforzamento Roma. Assedia Veio per dieci anni (forse leggendario, troppo simile a Troia) e la conquista con Furio Camillo nel 396 incremento territoriale Roma dominante sulla lega.

3. Lincendio gallico (390 a.C)


Gi dal VI sec. migrazione Galli in padania. 390: i Galli saccheggiano Roma e, nonostante molte fonti censurino la cosa, Ennio riporta che espugnarono il Campidoglio. Cercando solo bottino, i Galli poi se ne vanno. Ma la storiografia romana riporta una leggenda: Furio Camillo fu richiamato e sconfisse i Galli evitando di pagare un riscatto. Ricostruite le mura: sono le mura serviane, rimaste in parte, mentre delle precedenti (VI sec.) rimangono pochi resti al di sotto di queste.

4. Il consolidamento dellegemonia sul Lazio


Tendenza di Roma (a differenza delle citt greche) ad assimilare popolazioni diverse. Ad es, nel 381 Tuscolo si stacca dalla lega per entrare nello stato romano. Egemonia sul Lazio (354, alleanza coi Sanniti) e rinnovo del patto con Cartagine, alla quale si riconosce nuovamente la supremazia sul mediterraneo occidentale, in cambio delle coste laziali ai Romani. Diverse forme di controllo del territorio (con o senza cittadinanza, colonizzazione, alleanze..), conquistato dietro lideologia del bellum iustum, difensivo.

Cap. VII, La competizione con Roma: i Sanniti


1. La prima guerra sannitica (343-341 a.C.)
7

Inizia lespansione verso sud. Casus belli: i Sidicini, attaccati dai Sanniti, chiedono aiuto a Capua; questa per ha lo stesso problema e chiede aiuto a Roma. Dato che nel 354 Roma aveva fatto un patto coi Sanniti, affinch la guerra fosse ugualmente giusta Capua si affid a Roma in deditionem: le si consegn totalmente, cosa che legittimava i romani a soccorrerli in nome di un valore ancora pi alto del patto stipulato. 341 nuovo trattato coi Sanniti con spartizione influenza: Sidicini sannitici, Campani romani.

2. La guerra latina (340-338 a.C.)


La supremazia di Romani e Sanniti danneggia gli altri popoli, spec. Latini, che si ribellano ma vengono sconfitti dai Romani nel 340 (e poi definitivamente nel 338). Le fonti riportano la storia del sacrificio del console P. Decio Mure, secondo il rituale della devotio; e la storia di Manlio Torquato, che condann a morte il figlio per aver mancato di disciplina militare. 338: Roma scioglie la lega latina e lega a s tutte le comunit laziali con patti individuali, secondo il principio del divide et impera; a loro si lasciava autonomia amministrativa, ma erano dipendenti in politica estera e dovevano fornire truppe. I cittadini inviati nelle colonie perdevano la cittadinanza ma guadagnavano terre, un gran vantaggio per gli indigenti e per Roma, che ne smorzava la pressione sociale.

3. La seconda guerra sannitica (326-304 a.C.)


326: Roma assedia Napoli (greca), che si arrende a condizioni molto favorevoli: doveva solo fornire navi. E un esempio del pragmatismo dei Romani, che non imponevano condizioni non funzionali alla sua sicurezza. Reazione dei Sanniti: nel 321, alle Forche Caudine, sconfiggono e umiliano i Romani, imponendo loro un accordo. Nel 314 Fabio Massimo Rulliano ribalta la situazione e prende Luceria, in Puglia. Sconfigge anche gli Etruschi e una rivolta fomentata dai Sanniti, poi bloccati definitivamente nella loro espansione. Le fonti affermano che dai Sanniti si copi il pilum: vero o no, dimostra lapertura dei Romani nel prendere il buono di altri popoli. 312: costruita via Appia prima via col nome del magistrato utile a espansione verso sud. LEtruria, sconfitta, chiede lalleanza con Roma per salvaguardare i nobili dalle rivolte. 306: terzo patto con Cartagine. Il patto con Napoli e lacquisizione della Campania intensifica i rapporti con la Magna Grecia. La guerra sannitica dimostr coesione tra comandanti patrizi e plebei.

4. La terza guerra sannitica (298-290 a.C.)


Quando i Sanniti attaccano la Lucania, Roma si allea con questultima. 296: i Sanniti provocano sollevazioni antiromane di Etruschi, Galli, Umbri rischio accerchiamento. Roma schiera i suoi migliori generali sono consoli Fabio Massimo Rulliano e Decio Mure, che ripet la devotio del padre sconfiggendo i Sanniti; Rulliano batte separatamente gli altri nemici. 290: Curio Dentato conquista la Sabina: Roma arriva allAdriatico. Roma era ormai dominante in Italia. Lordinamento manipolare delle legioni (non si sa esattamente quando entr in vigore, anche se Livio lo mette gi nel VI sec.) coinvolge anche le classi inferiori, a differenza del sistema basato sulle centurie. 8

Il bottino del Sannio permise lemissione della prima serie monetale, laes grave, e lattribuzione di molte terre ai militari; in generale aument il benessere e lo sviluppo edilizio.

Cap. VIII, Laffermazione di Roma nellItalia meridionale: Taranto e Pirro


1. La vittorie di Pirro (280 e 279 a. C.)
302: con un trattato, Roma rinuncia a passare con le sue navi nel Golfo di Taranto. Thurii, citt della Magna Grecia attaccata dai Lucani, chiese aiuto a Roma; questa stabil un presidio in una zona sotto lorbita tarantina. Forse per sbaglio, nel 282 alcune navi romane entrano nel Golfo sembra una provocazione Taranto ha lappoggio del forte Pirro (re dei Molossi, trib dellEpiro in Grecia) e non vuole trattare. 280, a Eraclea: Pirro vince a caro prezzo. Usa elefanti. 279, a Ascoli Satriano: Pirro vince con ancora maggiori difficolt. Cicerone riporta una terza devotio di un Decio Mure, ma forse una ripresa inventata delle precedenti. 278: trattato impegna Roma a non far pace con Pirro senza consenso dei Cartaginesi, che partecipavano con una loro flotta, e temevano che Pirro puntasse alla Sicilia.

2. Spedizione di Pirro in Sicilia (278-276 a.C.) e sua sconfitta a Benevento (275 a.C.)
Chiamato in soccorso dai Sicelioti, Pirro non riesce a scacciare i Cartaginesi dalla Sicilia occidentale e torna in Italia, dove Curio Dentato lo batte definitivamente nel 275. A Taranto si impone un foedus e ad altre citt magnogreche si impongono alleanze che li obbligavano a fornire navi.

3. La cosiddetta confederazione romano-italica


Conquiste organizzate in tre categorie: Ager Romanus: territorio romano; ne fanno parte le colonie. Articolato in municipia, i singoli centri cui quali autonomia amministrativa e diritto di voto a Roma a meno che non fossero sine suffragio, condizione riservata in genere agli avversari sconfitti; in seguito a volte ottenevano il suffragio (optimo iure). Nomen Latinum: la legge di fondazione di ogni colonia latina stabiliva i doveri di ciascuna verso Roma, in termini di truppe e tasse da fornire. Alle ultime dodici colonie, a partire da Rimini (268) con lo ius Ariminensium si assegnano maggiori diritti. Socii Italici: condizioni diverse, dalle aequissimae di Napoli alle pi svantaggiose per i Sanniti. In genere lasciano autonomia amministrativa, ma comune politica estera. Non impone tasse ma chiede truppe; partecipando alle guerre, i socii prendevano parte del bottino.

4. I Romani in Magna Grecia: linee politiche e cultura


La nobilitas ammirava la cultura greca; la guerra contro Pirro incontrava dissensi ma era sostenuta da Appio Claudio. La linea espansionistica comunque prevalse, ma le illustri citt greche in Italia non vennero trattate duramente, e le loro istituzioni, ammirate dai Romani, furono mantenute. Si pass dallaes grave al sistema di coniatura greco.

Cap. IX, La prima guerra punica e le sue conseguenze


1. La prima guerra punica (264-241 a.C.)
Cartagine, principale colonia fenicia, estendeva i suoi domini in Spagna meridionale, Sardegna, Corsica, Sicilia. Questultima era contesa ai Greci di Siracusa e Agrigento. Leconomia era spt mercantile e la terra nelle mani di pochi manca il ceto contadino che a Roma costituiva il grosso dellesercito. I Cartaginesi usano soprattutto mercenari. 289: muore Agatocle, tiranno di Siracusa; i Mamertini, suoi mercenari, sono scacciati da Siracusa e si impadroniscono di Messina. Siracusa li attacca e quelli si fanno aiutare dai Cartaginesi ma la loro protezione si fa gravosa, cos i Mamertini chiedono aiuto a Roma, offrendo la loro deditio. Dibattito in Senato: seguire la legge feziale, che vietava le guerre daggressione, mantenendo cos limmagine di correttezza agli occhi di Italioti e Sicelioti, o arginare la pericolosa espansione Cartaginese? La decisione rimessa allassemblea popolare, dove i consoli fanno s che lonest ceda allutile: inizia la guerra. A Siracusa non resta che allearsi coi Cartaginesi, ma viene sconfitta da Valerio (Messalla) e costretta allalleanza con Roma. Nel 262 presa Agrigento; il bottino incoraggia alla conquista dellintera Sicilia. A Milazzo la flotta romana, usando i corvi, sconfigge quella cartaginese; si dirige poi in Africa. I Cartaginesi per assumono mercenari spartani che vincono Regolo e lo fanno prigioniero. Seguono sfortune navali per i romani; nonostante ci, nel 254 presa Palermo. 249: sconfitta di P. Claudio Pulcro, tra i pochi poi processati (arroganza della sua gens). 241: il cartaginese Amilcare Barca (padre di Annibale), dopo la sconfitta della sua flotta, chiede la pace.

2. I Romani in Sardegna e Corsica (238-237 a.C.), i Cartaginesi in Spagna (237-218 a.C.)


I mercenari cartaginesi si ribellano e consegnano Sardegna e Corsica ai Romani. I Cartaginesi si espandono in Spagna, traendone molte ricchezze; i Romani impongono con un trattato di fermare lespansione a sud dellEbro. Annibale conquista in breve la Spagna centrale.

3. Roma in Illiria (230-229 a.C.) e in Gallia Cisalpina (268-218 a.C.)


Ormai egemone, Roma si sente responsabile della sicurezza nel Mediterraneo; in pi ha colonie sulla costa adriatica: provoca una guerra contro lIlliria, i cui pirati spadroneggiavano in Adriatico. La Grecia grata. 236: i Galli riprendono le ostilit ma si fermano a Rimini. 232: tribuno della plebe Flaminio vuole romanizzare il nord-est: fa distribuire terre e costruisce la Flaminia Roma-Rimini. Il Senato contrario, pensa che provocher i Galli. I Boi arrivano in Etruria. 223: invasione della Cisalpina, sempre osteggiata dal senato. Boi oppressi, Galli del nord ottengono un foedus pi favorevole.

4. Gli inizi del sistema provinciale e lo sviluppo economico


241: la Sicilia la prima provincia. Nelle province si stanziano soldati e si chiedono tributi. La Sicilia divenne una monocoltura cerealicola, sulla quale si riscuoteva la decima parte del raccolto. Limperialismo, iniziato con la conquista della Sicilia, introduce una nuova etica favorevole allarricchimento, anche attraverso il commercio tant che nel 218 il plebiscito Claudio vieta ai 10

senatori di possedere navi da commercio, cosa necessaria a evitare limprovvisa distruzione dei patrimoni della classe dirigente.

Cap. X, La guerra annibalica. Il recupero dellItalia settentrionale


1. Le vittorie di Annibale fino a Canne (218-216 a.C.)
Le fonti descrivono i Cartaginesi come sleali, e Annibale come grande condottiero ma strenuo antiromano e questo, insieme alla voglia di rivalsa per la conquista della Sardegna, secondo Polibio avrebbe provocato la guerra. Sagunto, a sud dellEbro ma alleata dei Romani, chiede loro aiuto contro i cartaginesi. Prima che questo giunga, Annibale la conquista e decide di continuare alla volta dellItalia. Sconfigge i Romani diverse volte, e, non sentendosi in grado di assediare Roma, procede verso sud, saccheggiando. Il dittatore Fabio Massimo cunctator riesce a contenerlo temporeggiando; ma il popolo vuole lo scontro diretto e gli affianca un altro dittatore alla pari la cui temerariet lo far cadere in unimboscata, da cui Fabio lo salva; tornano daccordo. Ma nel 216 nuovamente i comizi eleggono un console temerario, Varrone, che conduce lesercito alla disfatta di Canne. Annibale si allea con Filippo V di Macedonia e con molte popolaz dellIta meridionale che passano dalla sua parte, tra cui Capua, anche perch non chiedeva arruolamento obbligatorio.

2. La ripresa romana: Fabio Massimo e Claudio Marcello


Consoli Fabio Massimo (lo scudo) e Marcello (la spada). I Romani per avere pi uomini abbassarono il limite censitario; mentre i Cartaginesi ne avevano pochi, perch tra gli Italici arruolavano solo volontari. 212: Capua fu riconquistata e punita. 213: Marcello conquista Siracusa, da cui trae ricchezze e opere darte. Poi i mercenari consegnano Agrigento. Si completa la conquista della Sicilia.

3. La guerra in Spagna e Scipione lAfricano


211: fratelli Scipioni riprendono Sagunto, ma poi muoiono in battaglia. Eletto console il figlio, P. Cornelio Scipione, nonostante fosse giovane. Questi foment credenze sul suo rapporto con la divinit. Conquista la Spagna. 207: Asdrubale con le sue truppe cerca di raggiungere in Italia il fratello, Annibale, ma viene bloccato prima e ucciso. 205: Scipione, nonostante lopposizione di Fabio Massimo, porta la guerra in Africa. Si allea col capo numida Massinissa, riuscendo a renderlo re dei Numidi a scapito del precedente sovrano, che si era alleato con i Cartaginesi. Annibale torna in patria per difenderla. 202: Annibale sconfitto a Zama; lanno dopo si chiese la pace. Prevedeva la rinuncia alla Spagna, alla flotta, e al diritto di intraprendere una guerra senza previo consenso romano cosa che la esponeva alle prevaricazioni dei confinanti Numidi. 195: Annibale fin in esilio a causa di una fazione a lui avversa. Offr consigli al re siriano contro Roma; ma questi fu sconfitto; allora and dal re di Bitinia, a cui i Romani chiesero di consegnarlo: e lui si suicid.

4. La riconquista dellItalia settentrionale


11

Anche dopo la riconquista del sud, nel nord i Galli resistettero a lungo. Ma la padania fertile attirava immigrazione dei romani, che la resero ancora pi produttiva; gli indigeni furono gradualmente assimilati e collaborarono coi coloni, fornendo loro manodopera.

Cap. XI, Roma e loriente ellenistico


1. La prima guerra macedonica (215-205 a.C.)
Filippo V il macedone si alle con Annibale quando era vittorioso a Canne: capiva che il vincitore della guerra romano-cartaginese avrebbe avuto legemonia. La guerra, che coinvolse vari stati greci, fu saltuaria e dur fino al 205, quando la pace di Fenice lasci a Filippo uno sbocco sullAdriatico.

2. La seconda guerra macedonica (200-196 a.C.)


Filippo, alleatosi col siriano Antioco III, attacca Atene, che chiede aiuto a Roma. Qui prevalgono gli interessi imperialistici e si decide di intervenire. 197: a Cinocefale la rigida falange macedone sconfitta dal duttile esercito manipolare romano, guidato da Flaminino. Filippo costretto a restare entro i confini del suo regno; nel 196 la Grecia libera. Mentre Spagna e Cisalpina furono occupate, Roma (in primis Flaminino, che era filelleno) riconosce la superiorit culturale greca e garantisce la sua libert, in cambio del riconoscimento del proprio ruolo superiore nella diplomazia internazionale.

3. La guerra contro Antioco III (192-188 a.C.) e la politica estera


Gli Etoli avevano aiutato i Romani a vincere contro Filippo, ma erano stati ricompensati poco. Cos di uniscono a Antioco III di Siria contro i Romani. Citt elleniche e Filippo V si alleano ai Romani. Gli Etoli vengono presto sconfitti e si concede loro un armistizio; nel 189 Lucio Cornelio Scipione, fratello dellAfricano (il quale il comandante di fatto) batte Antioco a Magnesia, diventando lAsiatico. Le condizioni della pace indeboliscono fortemente la Siria; tra bottini e indennit di guerra, Roma si arricchisce molto. Catone, homo novus, era avverso alle gentes aristocratiche, agli Scipioni e in generale al prestigio personale (non per niente nelle Origines tace in nomi dei comandanti); in questo era appoggiato dallaristocrazia pi tradizionalista. 189: intenta processo contro gli Scipioni: Lucio aveva amministrato da solo lindennit richiesta ad Antioco, Publio aveva trattato personalmente con lui per farsi restituire il figlio prigioniero. 184: Catone censore e continua lattacco; Scipione sdegnato si ritira in una villa e ci muore. Catone, antiellenico, cerca di ristabilire la morale tradizionale con le leggi sumptuariae (limiti alle spese) e battendosi contro labrogazione della lex Oppia (durante la guerra annibalica poneva limiti allostentazione della ricchezza da parte delle donne). Nel 186 erano stati aboliti i Baccanali.

4. La terza guerra macedonica (171-168 a.C.)


Diffidenza romana contro il figlio di Filippo, Perseo, che aveva fatto giustiziare il fratello per salire al trono. Nonostante lopposizione di Catone, Roma interviene, e dopo alcune sconfitte riesce ad avere la meglio nel 168 a Pidna, con Emilio Paolo. 12

Catone riusc a imporre la divisione della Macedonia in quattro repubbliche autonome, contro chi voleva arricchirsi rendendola provincia. Ma fu dura la repressione contro le popolazioni non filoromane, come gli Epiroti e gli Achei: di questi ultimi 1000 furono deportati in Italia, tra cui Polibio, trattato con favore. Il bottino fu tale che dal 167 i Romani non pagarono pi imposte dirette, rimesse poi con le guerre civili nel 43 a.C..

Cap. XII, Graecia capta


1. La Macedonia provincia romana (148 a.C.)
Dissensi fra i macedoni, non abituati alla democrazia; i Romani fanno da arbitri. 149: il greco Andrisco si spaccia per discendente di Filippo, ne prende il nome (sar detto Pseudofilippo) e fomenta una rivolta contro Roma. Viene sconfitto, e le repubbliche macedoni sono ridotte a provincia.

2. La distruzione di Corinto (146 a.C.)


Dissensi fra citt greche; i Romani fanno da arbitri e concedono ad alcune citt di staccarsi dalla lega achea; ma la lega vuole muover guerra ai secessionisti. Roma distrugge lesercito acheo e la loro capitale, Corinto. Le citt non ribelli, come Atene e Sparta, restano alleate di Roma; vi si stabiliscono governi aristocratici per mantenere lordine, e si restringe la loro libert, ponendoli sotto la guida di fatto dello stesso governatore di Macedonia, pur se formalmente la Grecia non ancora provincia.

3. Il filellenismo e la reazione catoniana


Influsso cultura greca con conquiste in Oriente; arrivano opere darte ed emergono collezionisti; oltre al gi noto pitagorismo, si diffondono le altre scuola filosofiche; i primi annalisti scrivono in greco, lingua internazionale. Catone invece, per primo, scrive le Origines in latino. Si oppone allellenismo, colpevole di allontanare dal mos maiorum, aprendo al concetto di humanitas basata sulleducazione, la cultura. Lellenismo fu sostenuto dal circolo di Scipione (Emiliano), di cui facevano parte anche Terenzio e Lucilio. Polibio era amico di Scipione Emiliano, lo accompagn in battaglia e ne scrisse la storia. Panezio si un al circolo e giustific limperialismo romano: i migliori hanno il dovere di realizzare il loro impegno alla guida dei popoli.

4. Levoluzione socio-economica e la reazione catoniana


Catone antifemminista. Si impegna, anche in prima persona, per lutilizzo corretto del denaro a differenza dei molti che, arricchiti dalle conquiste, trasformavano gli investimenti in sfruttamento delle province. Quando amministr la Sardegna, ne espulse tutti gli usurai. Favorevole alluso del denaro pubblico per opere pubbliche, ma non per ostentazioni private. Gli oppositori gli intentarono processi. Invest anche lui nel commercio, ma solo poco capitale per non rischiare troppo: la terra pi sicura. Praticava lui stesso una specie di usura mascherata. Biasimava lo spreco: appoggi le leges cibariae che limitavano i banchetti. Il timore di tracolli patrimoniali lo accomunava alllite del tempo, mentre il suo pensiero antiellenistico era pi 13

ostacolato. Comunque labitudine a spendere stava ormai diventando normale, grazie allaumento di ricchezza dei ceti aristocratici. Redditivit conquiste: aumento schiavi e disponibilit di capitali per investimenti. I pubblicani, che dovevano essere almeno equites, riscuotono anche dalle province (anticipano i soldi allo stato, ma poi ne chiedono molti di pi ai tassati).

Cap. XIII, Eversiones Urbium, da Cartagine a Numanzia


1. La terza guerra punica (149-146 a.C.)
Cartagine si riprende economicamente, ma subisce i soprusi del numida Massinissa, non potendo dichiarare guerra senza il consenso dei Romani che temporeggiano a favore del numida. Catone spinge per la guerra e la ottiene, dimostrando che la prosperit di Cartagine era pericolosa. Scipione Nasica era invece contrario, perch la presenza di un potenziale nemico teneva uniti i Romani. Cartagine si arrese subito senza condizioni, consegnando ostaggi e armi. Ma Roma era decisa a distruggere la citt; allora i Cartaginesi resistettero strenuamente, finch nel 146 Scipione Emiliano saccheggi e distrusse la citt.

2. La prima fase delle guerre in Spagna (197-179 a.C). Le campagne contro Lusitani e Celtiberi fino alla caduta di Numanzia (154-133 a.C.)
197: rivolta dellHispania Ulterior e poi della Citerior ai soprusi dei pretori. Le rivolte continuano con guerriglie logoranti per molti anni. Sulpicio Galba massacr migliaia di Lusitani inermi, e Catone lo cit in giudizio (149). Limbattuto capo dei Lusitani fu ucciso a tradimento. 143: la guerra riprende a Numanzia; nel 134 ci viene mandato Scipione Emiliano, derogando alla regola della non ripetibilit del consolato. 133: Numanzia distrutta.

3. Limperialismo romano
Polibio inserisce limperialismo in un disegno provvidenziale (gli dei sono favorevoli per ricambiare la pietas romana) legittimato dalla bont delle istituzioni. Il bellum iustum rimaneva come obbligo di difendere gli alleati, ma la guerra si giustificava anche soltanto con la prospettiva del profitto; solo pochi tradizionalisti avevano ancora scrupoli. Dopo il 167 (fine regno macedone) si susseguono le dure repressioni: Cartagine e Corinto (146), Numanzia (133). Polibio spiega che tutti gli imperi si mantengono col terrore, dopo esser stati conquistati con coraggio e saggezza, e ingranditi con la moderazione. Panezio offre una giustificazione morale: i migliori hanno la supremazia sui pi deboli, che ne traggono vantaggio.

4. Le rivolte servili in Sicilia (136-132 e 104-101 a.C.)


In Sicilia schiavi trattati duramente, e spesso ex combattenti, in grado di usare armi: fenomeno brigantaggio e poi rivolte. Laggregazione di elementi del proletariato era favorita dalluso del greco. 14

136: prima rivolta a Enna; mette in difficolt i Romani, ma P. Rupilio riesce a reprimerla. 104: seconda rivolta, perch il propretore rifiuta di applicare la decisione senatoria che liberava gli schiavi nati liberi in paesi alleati. I ribelli furono sterminati nel 101 da M. Aquilio.

Cap. XIV, Effetti e ripercussioni della conquista: i Gracchi


1. La situazione socio-economica in Italia e il tribunato di Tiberio Sempronio Gracco (133 a. C.)
Prima met II sec. a.C.: si esaurisce la colonizzazione (colonie latine: non pi conveniente perdere cittadinanza; romane: riluttanza ad abbandonare Roma, dove tutti potevano arricchirsi). Le guerre allontanano i piccoli proprietari dalle terre. Molti le vendono e vanno in citt, diventando nullatenenti ma non pi arruolabili. Questo peggiora le condizioni dei rimanenti adsidui, costretti a combattere pi spesso. I grandi proprietari si arricchiscono, hanno pi terre e schiavi. Occupano lager publicus - la cui possessio non era vera propriet privata e lo affittano. 133: Ti. Sempronio Gracco, di origini nobili, propone lex agraria per limitare luso dellagro pubblico: quello eccedente i limiti sarebbe stato assegnato ai nullatenenti e reso inalienabile. Ricreare la piccola propriet contadina serviva anche a garantire il reclutamento.

2. Le opposizioni alla lex Sempronia e la fine di Tiberio Gracco


Il collega tribuno della plebe pone il veto, spinto dalla proteste. Gracco sostiene un principio nuovo: un tribuno non pu andare contro il volere del popolo che infatti lo depose prima della fine del suo mandato (prima volta). 133: il re di Pergamo nel testamento offre il suo regno ai Romani. Tiberio sottrae al senato la sua gestione, sostenendo che erede di Pergamo il popolo. Contrariamente alle consuetudini, Tiberio si ricandida lanno dopo: ma gli avversari diffondono voci su sue aspirazioni tiranniche, molti contadini non possono votare perch impegnati nella mietitura destate. Tumulti in Campidoglio: ucciso Tiberio.

3. La riforma agraria dopo Tiberio Gracco e il consolato di Fulvio Flacco (125 a.C.)
129: Scipione Emiliano cerca di bloccare i triumviri agrari incaricati dellapplicazione della legge agraria, assegnando ai consoli il compito di dirimere le controversie sui campi. Fu trovato morto. Per contrastare le opposizioni degli Italici alla riforma agraria, Flacco offre loro la cittadinanza, ma la sua proposta non passa.

4. Le riforme di C. Sempronio Gracco (123-122 a.C.) e la fine violenta dei Graccani (121 a.C.)
123 e 122: tribuno della plebe il fratello minore di Tiberio: Gaio Gracco. Promuove: Lex frumentaria: grano a prezzo politico. Lex iudiciaria: non pi i senatori, troppo indulgenti, ma gli equites giudicano i senatori colpevoli di estorsioni nelle province. Trova lappoggio degli equites, ceto in ascesa, distinto dai senatori solo per lassenza dalle magistrature, e alleato ora dei tribuni ora delloligarchia. E contro i privilegi oligarchici. 15

Continua la riforma del fratello; promuove infrastrutture che danno lavoro ai braccianti e denaro ai pubblicani appaltatori. Un suo collega propone colonizzazione di Cartagine, in sfida al senato (Scipione Emiliano ne aveva maledetto il terreno); sar per un fallimento, per i presagi negativi che gli vengono opposti. Nel 121 un tribuno antigraccano propone di abrogare la colonia; scoppiano tumulti; il senato annulla le garanzie costituzionali dando pieni poteri ai consoli; negli scontri molti graccani vengono uccisi e Gaio Gracco si fa uccidere da uno schiavo. La legislazione graccana sar smantellata. Dallet graccana Appiano fa iniziare il periodo delle guerre civili. Daltra parte la prima volta che lo scontro tra fazioni si fa cos violento, e da ora continuer ad esserlo sempre. Le leggi graccane tentavano di ricostruire un ceto medio di agricoltori reclutabili; cosa che Mario far con danni ancora peggiori per i possidenti, dato che assicurer ricompense agrarie anche ai proletari arruolatisi.

Cap. XV, Dalla guerra giugurtina alla dittatura di Silla


1. La politica estera e la guerra contro Giugurta (111-105 a.C.)
Repressa rivolta antiromana a Pergamo, capeggiata da Aristonico. Penetrazione in Gallia meridionale, con fondazione Gallia Narbonese e costruzione della via Domitia, verso la Spagna. 123: conquista delle Baleari, diventate base di pirateria. Tre fratelli contendono per il regno di Numidia; nel 112 Giugurta si impone con la forza, violando larbitrato romano che divideva il territorio. Roma non voleva questa guerra, perch gi impegnata sul fronte germanico e per la lontananza della Numidia; tuttavia, per la pressione del popolo, si dichiar. Sallustio evidenzia che i senatori si lasciavano corrompere da Giugurta; le cose si prolungano, il popolo insoddisfatto elegge un homo novus: Mario. Arrichitosi con affari, accompagn Metello nella campagna numidica, e poi lo sostitu la comando. Apr larruolamento anche ai nullatenenti, ricompensati con bottino e terre. Lesercito divent professionale e legato al comandante da vincoli clientelari; interessato a battersi per chi offriva il pi alto bottino, non per lo Stato. Innovazioni tattiche: nucleo operativo la coorte di tre manipoli. Alleanza diplomatica con Silla, aristocratico impoverito, che riesce a convincere il re di Mauritania a tradire il genero Giugurta e consegnarlo ai Romani, nel 104.

2. I cinque consolati consecutivi di Mario (104-100 a.C.)


Dal 120 barbari del nord premono ai confini. Nel 105 portano a una disfatta seconda solo a Canne. Mario dal 104 sempre rieletto per il suo valore militare, che infatti porta alla vittoria sui Teutoni nel 102 e sui Cimbri lanno dopo. 100: i tribuni della plebe, sullonda dei trionfi di Mario, un popularis, promuovono proposte antisenatorie e tumulti contro gli oppositori. Il tribuno Saturnino, per favorire un compagno, fece assassinare un rivale; Mario non pot pi sostenerli e condusse la repressione. Le riforme di Saturnino furono abolite; i cavalieri smisero di appoggiare i democratici, preferendo la stabilit senatoria. Mario prefer andarsene in Asia.

3.La guerra sociale (91-89 a.C.)


16

95: lex Licinia Mucia istituisce tribunale per giudicare chi si spaccia per cives malcontento. 91: il tribuno Druso, oppositore di Gaio Gracco, propone riforme per pacificare le controversie, tra cui concessione cittadinanza agli Italici per compensarli della perdita di ager publicus. Il console Marcio Filippo si oppone e fa assassinare Druso. Scoppia la guerra sociale: gli Italici insorgono, mentre colonie latine e comunit greche non si ribellano. Gli Italici, che Roma aveva tenuto divisi, si uniscono per loccasione in una confederazione con tanto di istituzioni simili a quelle romane, capitale, moneta propria. Il loro esercito efficiente quanto quello romano, perch molti vi avevano combattuto; molte perdite su entrambi i fronti. 90: lex Iulia de civitate: il console L. Giulio Cesare offre la cittadinanza a chi si arrende, ma si continua a combattere, finch nell89 la concessione viene perfezionata. Tutte la penisola e le colonie latine in Gallia diventano ager romanus, organizzato in municipia molto autonomi, dove viene avviata lurbanizzazione secondo lo schema romano.

4. La guerra contro Mitridate e il conflitto fra Mario e Silla (88-82 a.C.)


88: un tribuno cerca di imporre Mario come comandante della spedizione contro Mitridate, nonostante fosse console Silla. Seguono scontri, vinti dai mariani. Ma Silla sa sfruttare il legame personale coi soldati, li trae dalla sua parte a prendere il potere a Roma. Rid il dominio agli optimates, e parte per lAfrica dopo essersi assicurato che il console L. Cornelio Cinna avrebbe mantenuto lordine da lui stabilito. Mitridate, re del Ponto, si stava espandendo in Asia Minore ai danni dei Romani. Questi avevano una pessima fama tra le popolazioni sottomesse, che si convinsero a sterminare tutti gli Italici l residenti. 88: Silla prende Atene e negli anni successivi batte definitivamente Mitridate (pace nell85). Nel frattempo, a Roma, Cinna aveva violato il giuramento e richiamato Mario, che torn col suo esercito, conquist Roma e commise efferate vendette, fermate solo dal consiglio di Cinna. I due furono consoli insieme per poco: nell86 Mario mor. Cinna rest al potere con un altro console, Carbone, fino all84; fu moderato e conciliante col senato. Per evitare unaltra guerra a Roma, voleva combattere Silla in Grecia, ma fu assassinato dai suoi soldati. Silla sbarca a Brindisi nell83 col suo fedele esercito.

5. La dittatura di Silla (87-79 a.C.)


Commette orrori, liste proscrizione (che provocano morte anche di ricchi non antisillani per confiscarne le terre e darle ai veterani), si fa dittatore a tempo indeterminato, raddoppia i senatori, evita la concentrazione di poteri limitando let e gli intervalli per le magistrature, impedisce il cursus honorum ai tribuni, amplia il pomerium. Nel 79 abdica soddisfatto e si ritira a vita privata; muore lanno dopo.

Cap. XVI, Lo smantellamento della costituzione sillana: Pompeo


1. La rivolta di Lepido (78 a.C.) e le prime abrogazioni degli ordinamenti di Silla
78: il console M. Emilio Lepido, ex sillano, si comporta da antisillano e cerca fra laltro di togliere ai sillani le terre sottratte agli Italici. Il Senato lo manda a reprimere una rivolta scoppiata proprio per quel motivo, e lui si unisce ai ribelli. Pompeo lo sconfisse. 17

2. La guerra in Spagna contro Q. Sertorio (80-72 a.C.) e la rivolta servile di Spartaco (73-71 a.C.)
Q. Sertorio, mariano di fama, organizza rivolta dei Lusitani in Spagna. Mitridate gli si allea. Sertorio viene ucciso da un soldato che ne prende il posto, Peperna, che per si fa sconfiggere e giustiziare da Metello e Pompeo. Questultimo rese la Spagna sua base clientelare. 73: rivolta di schiavi capeggiata dal gladiatore Spartaco. Non ha una precisa strategia, pi che altor saccheggiano la penisola per tre anni. 72: il ricco Crasso si fa assegnare un imperium proconsolare speciale per reprimerli. Spartaco viene tradito dai pirati che avrebbero dovuto traghettarlo sullo stretto di Messina; e nel 71 viene sconfitto e ucciso da Crasso, che crocifisse i sopravvissuti sulla via Appia. Pompeo stermina altri superstiti (rivalit tra lui e Crasso).

3. Pompeo e Crasso consoli (70 a.C.) e la terza guerra mitridatica (74-63 a.C.)
Smantellano i provvedimenti sillani: reintrodotte frumentationes e prerogative dei tribuni. 67: proprio un tribuno promuove un plebiscito che d a Pompeo un ampio imperium proconsulare contro i pirati. Il Senato teme tutto quel potere ma i comizi tributi lo approvano. Pompeo vince e attua riconciliazione con chi si arrendeva, stabilendoli in citt spopolate. 74: Mitridate aveva ricominciato la guerra invadendo la Bitinia, temendo il blocco dei suoi accessi al mar Nero. Lucullo lo sconfigge nel 72 e riduce il suo debito ormai impossibile da pagare ostilit finanzieri romani. Mitridate si rifugia dal re armeno Tigrane; Lucullo lo attacca vittorioso, ma poi i soldati si rifiutano di proseguire; il senato ostile a Lucullo per la sua iniziativa personale, e favorevole a Pompeo, cos autorizza i soldati ad andarsene: Mitridate e Tigrane si riprendono i loro regni. Pompeo li riaffronta, battendoli. Mitridate subisce una rivolte interna e si fa uccidere. Pompeo organizza loriente. Conquista Gerusalemme, ma lascia autonoma la Giudea, imponendole un tributo. Tornato in Italia scioglie lesercito per fugare i timori di dominio personale.

4. La congiura di Catilina (63 a.C.)


Catilina si candida invano al consolato diverse volte, con lappoggio di Crasso e un programma per la riduzione e poi il condono dei debiti agli indebitati. Nel 63 a batterlo fu Cicerone, che scopre il suo progetto di portare una banda armata su Roma e lo blocca. Allora Catilina progetta sommosse in tutta Italia, ma anche in questo caso viene scoperto, per il tradimento di alcuni Galli. Catilina va in Etruria a organizzare lesercito. Il senato discute di cosa fare dei catilinari catturati: Cesare voleva giustiziarli ma tenere in carcere a vita i cittadini romani. M. Porcio Catone (discendente del Censore) convinse il senato a scegliere la pena capitale, sostenuta anche da Cicerone. Saputolo, i rivoltosi si dispersero; lultima banda fu sconfitta. Gloria per Cicerone, pater patriae, che aveva realizzato la concordia ordinum e lotio cum dignitate, cio la tranquillit data dal rispetto della legge.

Cap XVII, Cesare dal cosiddetto primo triumvirato alla dittatura


1. Laccordo fra Cesare, Pompeo e Crasso (60 a.C.). Il primo consolato di Cesare (59 a.C.)
18

Cesare emerge col buon governo dellHispania Ulterior, le cui entrate gli permisero di acquistare appoggi, specialmente dei democratici, opposto a Silla. 59: accordo segreto primo triumvirato con cui riesce a riavvicinare Pompeo e Crasso. Cesare console; il collega Bibulo lo ostacola anche con auspicia sfavorevoli, allora Cesare li fa abrogare e Bibulo, cacciato in malo modo dallassemblea, costretto a restare in casa. Approvate terre per veterani di Pompeo, e ratificato il suo operato in oriente; mentre Crasso ebbe un provvedimento a favore dei pubblicani. Un tribuno cesariano fa approvare il proconsolato di 5 anni e assegna a Cesare quello di Gallia Cis. e Illirico, cui poi si aggiunge la Gallia Narb.

2. La conquista della Gallia (58-50 a.C.)


Gallia: aristocrazia assume le magistrature e lega a s il popolo per legami clientelari; potente casta druidica con poteri giudiziari; popolazione in villaggi isolati; ottimo sviluppo agrario, artigianale e commerciale allettante per limperialismo. 58: Cesare respinge gli Elvezi che stanno per invadere la Narbonese, poi i Germani Suebi che minacciano gli Edui, alleati di Roma. Nel 56 sconfigge anche i Veneti e dichiara la Gallia provincia romana entusiasmo popolare. 55: Germani invadono Gallia Belgica e alcuni infrangono larmistizio; Cesare arresta i capi, sconfigge facilmente gli altri; costruisce ponte sul Reno ma dopo unazione dimostrativa fissa il confine lungo il fiume. 55-54: invasione vittoriosa della Britannia (pretesto: alcune trib avevano aiutato i Veneti), ma senza occuparla. 53: rivolte duramente represse in Gallia; ma risorgono guidate da Vercingetorige. Questi si chiude nella roccaforte di Alesia, che si arrende per fame.

3. Laccordo di Lucca (56 a.C.) e lo scoppio della guerra civile (49 a.C.)
58, tribuno Clodio: collegia di artigiani fra cui reclutava bande armate, frumentationes gratuite (per finanziarle annette Cipro e costringe lo scomodo Catone ad andarvi), condanna allesilio per chi ha fatto giustiziare senza processo quindi anche Cicerone, ma nel 57 Pompeo lo fa tornare, ben accolto dal popolo. Pompeo recluta banda armata contro quella di Clodio. Divisioni Pompeo-Crasso e triumvirato-optimates (questi ultimi volevano togliere il comando a Cesare). 56: incontro a Lucca tra triumvirato, senatori e magistrati; si rinnova il proconsolato a Cesare e si d consolato del 55 a Pompeo e Crasso, che si faranno assegnare proconsolati. Crasso cerca gloria militare e attacca i Parti in Mesopotamia, ma il suo esercito massacrato e lui poco dopo ucciso. 54-52: caos alle elezioni, dilagante corruzione, violenze culminano nelluccisione di Clodi o. Senatusconsultum ultimum: nominato Pompeo console unico per riportare lordine. Represse violenze e impose che i candidati fossero presenti a Roma, con una dispensa per Cesare che pot ricandidarsi nel 48. Grande potere di Pompeo, per prolungamento proconsolato e ottimati che lo strumentalizzavano contro Cesare. 51: Cesare chiede proroga del comando, per non trovarsi privatus processato prima di essere di nuovo console nel 48. Viceversa, i consoli cercano pi volte di togliergli il comando prima, spt Gaio Claudio Marcello, che inviter Pompeo a salvare lo stato. Altri, come Curione, per scongiurare la guerra civile proponevano che Cesare e Pompeo lasciassero il potere entrambi

19

I tribuni Cassio e M. Antonio pongono il veto alla proposta di sostituire Cesare con Domizio Enobarbo: i pompeiani li costringono alla fuga. Un altro senatusc. ult. d ai consoli (= Pompeo) la difesa dello stato. 49: Cesare sa che o si arrende o marcia su Roma: sceglie questultima, oltrepassa il Rubicone e occupa Rimini.

4. La conquista cesariana del potere (49-45 a.C.)


Cesare non incontra resistenza, Pompeo fugge con i consoli e molti senatori. Cesare non compie saccheggi o rappresaglie. Va in Spagna, dove cerano i soldati pi fedeli a Pompeo, e li sconfigge. 48: definitiva vittoria di Cesare a Farsalo. Pompeo fugge in Egitto dove ucciso a tradimento. Cesare non lo prende come un favore, e invece di appoggiare il re Tolomeo appoggia la sorella Cleopatra, sua rivale per il trono, con la quale sintrattiene fino al 47. Rapida campagna contro il figlio di Mitridate. 46: terzo consolato di Cesare. Fa strage dei pompeiani in Africa. La Numidia provincia romana. Ultime battaglie in Spagna, dove Pompeo stesso muore sul campo.

5. Cesare dictator perpetuus e le Idi di marzo del 44 a.C.


Cicerone sapeva che sia Pompeo che Cesare mettevano in pericolo lo stato lottando per il potere personale; comunque scelse di stare con Pompeo. Nonostante questo Cesare fu clemente, con lui e con molti altri ex-nemici, che mise in cariche pubbliche. 46: dittatura cesariana reipublicae constituendae causa, per dieci anni, che nel 44 diventa a vita. Aument il numero di magistrati e senatori a causa dellaumento di provincie; concessioni di cittadinanza a militari meritevoli; per i ceti inferiori agevolazioni per gli affitti e impieghi in opere pubbliche; aumento paga legionari. Calendario. A Cesare vengono tributati onori lontani dalla tradizione repubblicana e vicini alla divinizzazione. Rifiuta per il titolo di re, conscio dellavversione romana. I senatori avevano giurato di difendere la sua vita; perci congeda le guardie del corpo ma il 15 marzo viene pugnalato.

Cap. XVIII, Il secondo triumvirato e laffermazione di Ottaviano


1. Ottaviano, figlio adottivo di Cesare. La guerra di Modena (43 a.C.)
Alla morte di Cesare era console il suo seguace M. Antonio. Compromesso: amnistia per i congiurati in cambio della conferma di tutti gli atti di Cesare. Prepara una laudatio funebris che mescola lodi e sdegno; suscita lira del popolo, che pro -cesare e si solleva contro gli assassini, costretti a fuggire. Lex Antonia de actis Caesaris (pu pubblicare come leggi i suoi atti). Cesare aveva nominato erede il nipote Ottavio, ma Antonio rifiuta le sue pretese. Lex de permutatione provinciarum (Antonio si fa dare province pi vicine a Roma). M. Bruto e Cassio non riescono a farsi cambiare province e organizzano esercito in Oriente. Cicerone pronuncia le Filippiche contro Antonio. Antonio incolpa ingiustamente Ottaviano di aver tentato di farlo assassinare; questi ha ascendente sulle truppe e le convince alla defezione. Antonio attacca Decimo Bruto, che rifiuta di cedergli la Cisalpina. Intanto il senato annulla le sue leggi. Antonio sconfitto da Ottaviano a Modena, e dichiarato nemico pubblico come voleva Cicerone. Si ritira in Narbonese, unendosi alle truppe di Lepido e altri comandanti cesariani. 20

Nella battaglia di Modena muoiono i consoli Ottaviano unico comandante, e non segue il consiglio del senato di unirsi al cesaricida D. Bruto (il quale, abbandonato poco dopo dai suoi soldati, fin ucciso). Il senato fallisce nel proposito di strumentalizzarlo a difesa della repubblica: lui ormai ha un esercito e, quando gli rifiutata la candidatura a console, marcia su Roma (43 a.C.) e si fa eleggere console a nemmeno ventanni.

2. Laccordo fra Ottaviano, Antonio e Lepido (43 a. C.). La vendetta sui cesaricidi a Filippi (42 a. C.)
I consoli del 43 rendono di nuovo perseguibili i cesaricidi. Ottaviano si riavvicina a Antonio; Lepido intermediario; i tre si spartiscono i domini, con lItalia zona comune. Il secondo triumvirato diventa vera magistratura per cinque anni. I tre: Mantennero le magistrature ma ci misero persone a loro fedeli. Liste di proscrizione ancora peggiori delle sillane; ucciso Cicerone e molti anche solo per dare terre a veterani. Ristabiliscono il tributo e molte nuove tasse. Culto di Cesare giustifica attacco a cesaricidi. Bruto e Cassio ottengono alcune vittorie in oriente, ma sono poi sconfitti a Filippi nel 42 da Antonio e Ottaviano e si suicidano.

3. La guerra di Perugia (41-40 a.C.) e laccordo di Brindisi (40 a.C.)


Antonio il vero vincitore di Filippi e si prende loriente; a Ottaviano va la Spagna e lonere di assegnare le terre ai veterani scontento tra la popolazione. Il fratello e la moglie di Antonio fanno s che lo scontento ricada tutto su Ottaviano e finiscono per muovergli guerra; lui per li assedia a Perugia, fino a sconfiggerli ma poi li lascia liberi. Daltra parte i comandanti antoniani non volevano impegnarsi se non per Antonio personalmente, n si voleva combattere per chi metteva in discussione lassegnazione di terre. Antonio non si fa coinvolgere dalla guerra perugina e raggiunge un accordo con Ottaviano, suggellato dal matrimonio con sua figlia. Spartizione. Antonio: est: Ottaviano: ovest; Lepido: Africa.

4. Antonio e Cleopatra. Ottaviano campione della romanit occidentale


37: triumvirato rinnovato fino al 32. A Sesto Pompeo, figlio di Pompeo Magno, fu riconosciuto il controllo di Sicilia, Sardegna, Corsica e Peloponneso; ma laccordo - suggellato dal matrimonio di sua figlia con Ottaviano dura poco e riprende presto le azioni di pirateria. Tuttavia nel 36 sconfitto definitivamente; Ottaviano appare come lartefice e il garante dell a stabilit in occidente. Lepido pretende per s la Sicilia; Ottaviano, forte del suo nome, fa passare tutti i suoi soldati dalla propria parte; Lepido completamente esautorato. Cleopatra, che aveva gi dato un figlio a Cesare, Cesarione, uccide il frat ello Tolomeo e si intrattiene con Antonio nel 41. Questi qualche anno dopo riconosce i gemelli avuti da lei; Cesarione dichiarato re dEgitto con la madre, i gemelli hanno altri territori. Antonio divorzia dalla moglie per sposare Cleopatra matrimonio non valido per Roma. Ottaviano cavalca lo scandalo, mostrando come Antonio tendesse alla dissolutezza e alla monarchia orientale divinizzata. 21

5. La battaglia di Azio (31 a.C.) e il suicidio di Antonio e Cleopatra (30 a.C.)


In occasione della ratifica in senato della donazione alessandrina ai figli di Cleopatra, Ottaviano circonda il senato e costringe gli antoniani a fuggire. Scaduto il triumvirato, Ottaviano non aveva pi oppositori; presenta la sua guerra non come affermazione personale ma bellum iustum contro una regina straniera immorale che tiene Antonio come un fantoccio. Ad Azio la sua flotta sconfigge quella di Antonio e Cleopatra; i due fuggono e si suicidano poco dopo. LEgitto provincia romana alla dirette dipendenze di Ottaviano.

Cap. XIX, Augusto e listituzione del principato


1. La rivoluzione augustea
Le istituzioni repubblicane non erano pi adate; un riformismo popolare non era adeguato allepoca, e i tentativi di cambiamento erano sempre stati colpi di stato di nobili decaduti. Ceti inferiori, esercito e province spingevano per la monarchia, mentre i vertici nascondevano la volont di mantenere lo status quo dietro la facciata di difesa delle libert repubblicane. Ma tutti condividevano il bisogno di pace. Ottaviano realizza monarchia mascherata. Contrario alla cittadinanza per i provinciali, erano gli Italici a dover governare. Decide da solo, aiutato da un informale consilium principis; Senato: diventa consultivo, ma ai senatori sono garantite carriere personali, proconsolati ecc; solo a loro riservato il cursus honorum. I consoli dopo pochi mesi cedono il posto a sostituti pi aspiranti accontentati. Tasse non pi riscosse da pubblicani per evitare soprusi; stabilite con censimenti aggiornati. Ceto equestre: oltre tot sesterzi. Governano alcune province, aspirano a prefetture del pretorio e dEgitto, possono entrare in senato solo per adlectio (raccomandazione del principe). Le assemblee popolari votano ancora ma in pratica acclamano i candidati gi designati dalle centurie destinatrici. Funzionari: scelti dal principe, spesso fra i cavalieri; a diff dei magistrati sono retribuiti e rispondono subito del loro operato, non a fine mandato.

2. I fondamenti del potere augusteo


Imperator: ha comando militare, che aveva di fatto, non di diritto. Sacrosantitas tribunizia a vita. Riveste sempre il consolato insieme a colleghi fedeli; nel 28 princeps senatus (primato formale sul senato). 27: in senato gli d limperium sulle province di frontiera sulla maggior parte dellesercito: ora di diritto. Deciso il titolo di augustus. 23: depone il consolato, sostituito con un potere speciale superiore a tutti gli altri. I comizi gli assegnano la tribunicia potestas. Si pronuncia per primo in senato, ha il veto e pu legiferare. Rifiuta cariche tipo consolati a vita e il titolo di dominus. 12: pontefice massimo. 6 d.C.: si prende competenze di polizia degli edili. Mecenate esalta il regime.

3. Il riassetto militare e provinciale


22

Egitto alle dirette dipendenze di Ottaviano, amministrato da prefectus equestre. Riduzione soldati, accontentati col tesoro egiziano e fondazione di colonie. Esercito non di leva ma professionale. Servizio retribuito di 20 anni. Stanziati ai confini pi esposti. Pretoriani: guardia del corpo imperiale costituita da italici; ferma pi facile e breve, paga maggiore, terre al congedo. Vince varie battaglie contro i barbari grazie ai suoi comandanti. 20: il re dei Parti chiede lamicizia coi romani, che ottengono giusto lascesa al trono armeno di un filoromano, ma si pubblicizza come una conquista. 12: campagne in Pannonia e Germania. 9, Variana clades: lincapacit di Varo provoca una rivolta che a Teutoburgo massacra tre legioni. Leffetto psicologico tale che Augusto fissa i confini sul Reno e rinuncia ad espandersi oltre.

4. Il nuovo corso del sistema imperiale


Pax garantita senza cambiamenti bruschi. Incremento di edilizia e infrastrutture. Cittadinanza non riconosciuta a province in blocco, ma a molti singoli. Ascoltate le rimostranze dei provinciali, specialmente quelli di esercito e burocrazia. Col potere censorio, Augusto esclude dal ceto equestre i molti che ci erano entrati abusivamente; non solo per censo ma anche per moralit. Senatori ridotti a 600, con lobbligo di sposarsi con classi alte e fare figli che intraprendano il cursus honorum senato quasi ereditario, di poche famiglie. Homines novi solo per adlectio. Crea nuovi patrizi restauratore religione antica e mos maiorum. Convoglia la religione nel patriottismo, non scoraggiando culti dellimperatore in oriente.

5. Il problema della successione


Nessuno avrebbe accettato un ritorno al sistema precedente, o un successore designato dallinviso senato. Politica dinastica che accende rivalit e congiure. Augusto, senza figli maschi, designa due nipoti (che per moriranno presto), e rafforza il potere di Agrippa, perch protegga i nipoti in caso si sua morte. Ma Agrippa muore; Augusto costringe Tiberio a ripudiare la propria moglie per sposarne la vedova, lui sdegnato va in volontario esilio. Manda in esilio il nipote Agrippa Postumo per comportamento violento, e adotta il suo figliastro Tiberio; ma, non troppo contento di questa soluzione, lo costringe ad adottare a sua volta il nipote Germanico, che aveva sangue augusteo. 14 d.C.: Augusto muore.

Cap. XX, I Giulio-Claudi eredi di Augusto


1. Tiberio (14-37)
Non ha il carisma di Augusto. Le legioni renane insorgono offrendo il potere al figlio adottivo Germanico, ma questi leale al padre. I tumulti erano fomentati dalle due Giulie (una figlia di Augusto) che sostengono Germanico, della gens Giulia, contro i Claudi. Germanico non ottiene grandi successi contro i barbari sullElba, ma nel 17 d.C. gli concesso il trionfo per poi mandato in oriente. Si ammala e muore; i suoi amici fanno processare Pisone, 23

un amico di Tiberio che si credeva avesse il ruolo di sorvegliare Germanico. Pisone si suicida; la gente sospetta di Tiberio; il quale taglia anche le spese in spettacoli ecc., e la sua popolarit crolla. Tiberio si ritira a Capri e lascia mano libera al prefetto del pretorio Seiano per neutralizzare la famiglia di Germanico; poi si accorge della sua violenza e lo fa uccidere da un prefetto ancora pi sanguinario. Il principato di Tiberio si chiude nel terrore.

2. Caligola (37-41)
Le fonti, di parte senatoria, dipingono male i Giulio-Claudi; possono esagerare, ma si concorda sullessenziale. Gli imperatori del primo secolo temono di perdere il potere e per mantenerlo appoggiano di volta in volta senato o popolo. In genere al dissenso si reagisce col dispotismo. Le lotte di potere sono comunque circoscritte alla capitale. Caligola, unico superstite di Germanico, designato coerede col figlio di Druso Minore ma scelto come unico erede dal senato per i tumulti del popolo. Onora la memoria di Tiberio e Germanico. A un tratto cambia: o per malattia, o per la morte della sorella, o perch non ha esperienza di governo, o per i trascorsi di strage nella sua famiglia e la paura di esser rovesciato. 39: sventa una congiura promossa da suoi familiari; mette a morte i congiurati tranne le sorelle. Gerusalemme sconvolta dalla sua volont di mettere una propria statua nel tempio; scontri anche in Egitto fra Greci ed Ebrei. 41: gli ufficiali del pretorio, temendo per le continue condanne a morte, lo uccidono.

3. Claudio (41-54)
Fratello di Germanico, sopravvissuto perch zoppo e considerato deficiente, in realt si fa istruire da Tito Livio. Alluccisione di Caligola si pose il problema del successore: i pretoriani lo trovarono per caso e lo proposero, anche grazie alla sua parentela col mito Germanico. Cerca di riavvicinarsi alla strategia di Augusto. Caccia da Roma astrologi ed ebrei (tumultuavano per Cristo). Impone ai governatori delle province di seguire i suoi ordini dissenso di senatori e cavalieri sfiducia di Claudio, che preferisce dare grandi poteri a liberti fidati. Spese molto in opere pubbliche, non per s come Caligola. Invade la Britannia. 48: la moglie Messalina, gi traditrice, sposa pubblicamente un altro uomo. I liberti di Claudio, in sua assenza, la fanno uccidere. Claudio, lussurioso, si mette con Agrippina, sorella di Caligola, che lo convince ad adottare il proprio figlio di primo letto, Domizio Enobarbo (Nerone), che nella successione avrebbe scavalcato i diritti di Britannico, figlio di Claudio. Agrippina si para le spalle ingraziandosi il Senato col richiamo dallesilio di Seneca e mettendo il fido Burro come prefetto del pretorio; poi avvelena Claudio.

4. Nerone (54-68)
Agrippina non riesce a controllare il figlio, il cui potere gestito da Seneca e Burro, mentre lui si d ai divertimenti; cos minaccia di sostenere Britannico, e per tutta risposta Nerone lo fa uccidere. Poi uccider anche la madre, su suggerimento dellamata Poppea, millantando che congiurasse contro di lui. 60 : rivolta in Britannia, forse per usura di Seneca. Conflitto coi Parti. Riduce tasse indirette. Reprime abusi nelle province. Repressione dissenso, causato dalla riforma assiologica che imponeva il culto della sua personalit. Si esibisce in teatro, dando scandalo. 24

64: grande incendio distrugge interi quartieri; si cavalca il malcontento insinuando che Nerone labbia fatto per estendere la sua domus aurea. Riversa la colpa sui cristiani, malvisti per il loro vivere appartato: prima persecuzione. 65 e 66: scopre due congiure e la reprime duramente. Eleva la Grecia al rango di federata, che non pagava tributi rabbia per lalta pressione fiscale invece altrove, necessaria a fronteggiare le dilapidazioni. Alcuni governatori di province galliche, tra cui Galba, organizzano una rivolta. Virginio, che avrebbe dovuto reprimerla, vi si allea, ma il suo esercito odia i Galli e li attacca ugualmente, massacrandoli. Dopodich per offre la porpora a Virginio, che la rifiuta. Nerone con un esercito di fortuna va verso nord; i pretoriani si convincono che stia scappando e che bisogna riconoscere Galba; il senato dichiara Nerone nemico pubblico, questi si suicida.

Cap. XXI, La crisi del 69 e la dinastia Flavia


1. Galba (giugno 68-gennaio 69)
Scende verso Roma eliminando tutti i nemici neroniani. Ritorna alla moralit antica e il popolo si lamenta per i mancati divertimenti. Nega ai pretoriani il donativo promesso loro in cambio del sostegno alla sua ascesa. 69: le truppe renane proclamano imperatore Vitellio; i pretoriani acclamano Otone.

2. Otone e Vitellio (69)


Vitellio sconfigge Otone, che si suicida. Folle prodigalit per ingraziarsi soldati e popolo. Vespasiano, comandante dellesercito incaricato di reprimere la rivolta giudaica del 67, si fa proclamare imperatore in Egitto. Eserciti suoi alleati muovono su Roma; Vitellio sgozzato. Si dimostra impraticabile lelezione senatoria del migliore, e si capisce che i soldati non avrebbero mai sostenuto un candidato che non li rappresentasse direttamente.

3. Vespasiano (69-79)
Inizialmente resta in Egitto, lasciando che i collaboratori affrontino linevitabile malcontento dei primi tempi. Presto emana la lex de imperio, con cui definiva i suoi poteri al di sopra della legislazione vigente. Designa i figli Tito e Domiziano come successori. 70: repressa ribellione in Gallia. Tito prende Gerusalemme e ne distrugge il tempio; nel 73 rasa al suolo Masada inizia diaspora ebraica. Varie campagne sui confini. Impulso alledilizia civile; costruzione del Colosseo. Migliore riscossione di tasse (anche sulle latrine pubbliche) e burocrazia, affidata alla borghesia scontento aristocratico. Immette senatori provinciali e scaccia astrologi sembra reprima dissenso. Facile concessione di cittadinanza ai provinciali legioni non pi solo italiche. Represso un complotto contro di lui. Muore naturalmente nel 79.

4. Tito (79-81) e Domiziano (81-96)


Tito ha fama di crudelt, per lassassinio di alcuni congiurati e guerra giudaica, e di dissolutezza. Calamit: Pompei, incendio a Roma, peste. Si adopera per soccorrere le vittime. Muore lasciando un buon ricordo; anche perch non aveva avuto molto tempo, e poi idealizzarlo serviva da antidoto ai mali presenti. 25

Domiziano era convinto di essere al pari di Tito, e si sent defraudato da questi, tuttavia lo divinizz per trarne vantaggi in quanto suo fratello. Cerca gloria militare. 89: rivolta militare. Accetta di versare un indennizzo ai Daci, cosa considerata intollerabile. Rende lamministrazione pi efficiente e aderente alla tradizione repubblicana, mantenendo le magistrature; tuttavia amministra personalmente la giustizia con crudelt malcontento ottimati. Uniche concessioni alle mode, spettacoli e edilizia. Ultimi anni caratterizzati dal terrore; nel 93 bandisce i filosofi; accoglie denunce anche infondate 96: ucciso da una congiura di pretoriani e senatori.

Cap. XXII, Gli albori del cristianesimo (I-II sec. d.C.)


1. I Romani e la religione
I riti servivano a mantenersi il favore degli dei. Si aggiungevano ai propri dei anche quelli delle popolazioni conquistate. La religione di stato era stabilita dal senato, ma privatamente era consentito di credere a ci che si voleva, a patto di riconoscere la superiorit degli dei romani, come parte del processo di romanizzazione. Le guerre civili portano o a scetticismo (per Cicerone la religione serviva solo come instrumentum regni) o a cercare nuovi culti orientali. Tolleranza: si interveniva solo in caso di turbativa dellordine pubblico, come nel caso dellespulsione degli Ebrei (che invece, malvisti dal popolo, erano per tutelati dallo Stato, che li esentava dai riti pubblici per il loro monoteismo). Augusto rinvigor lantica religione per tornare al mos maiorum. Il culto del p rinceps entr in qualche modo nella religione, anche se prima in oriente; se un dio era espressione del potere, venerarlo era questione di osservanza civica.

2. Ebrei e cristiani
Gli ebrei aspettavano il regno dei cieli o un messia vendicatore dei dominatori. Sacerdoti: farisei o sadducei, aborrivano gli infedeli ma scendevano a patti coi Romani. Grandi proprietari terrieri e pubblicani aderivano alla cultura greco-romana, pur mantenendo la loro fede, resa accessibile agli uomini di cultura dalla Bibbia dei Settanta, traduzione greca del III-II sec. a.C.. Estremisti: zeloti (rivoluzionari antiromani) ed esseni (asceti), questi ultimi confusi coi cristiani per la somiglianza di certe pratiche. La denominazione latina di cristiani fu usata solo dal 40. Divisi: per gli Ebrei della diaspora la torah era superata, i Giudei di Palestina erano pi tradizionalisti. I primi erano perseguitati dei Giudei, i secondi pi tollerati. Paolo proselitismo. Re Erode Agrippa, legato ai farisei, rilancia la persecuzione; alla sua morte la Giudea torna provincia, fase di malgoverno proteste, estremisti predicano guerra santa.

3. Una illicita superstitio


Tiberio propose di riconoscere il nuovo Dio, ma il senato rifiut solo per il puntiglio di mantenere autonomia resta religio illicita. La predicazione non era affatto eversiva, tuttavia guardata con diffidenza: i cristiani sono dissidenti per gli Ebrei, non abbastanza rivoluzionari per chi cercava un liberatore, rifiutavano il 26

culto dellimperatore, ovvio per i pagani, e non si presentavano alle celebrazioni pubbliche, stando appartati. Frange estremiste poi rifiutavano cariche e leva accusa di disfattismo. La scelta del martirio piuttosto dellapostasia dimostrava unincomprensibile pervicacia nellerrore.

4. Impero e cristianesimo nei primi due secoli


I cristiani ammettevano ai riti solo i battezzati illazioni su rituali inumani. Le persecuzioni non hanno un chiaro fondamento giuridico, n gli imperatori se ne occuparono granch personalmente. I cristiani erano perseguibili solo su denuncia, non anonima, e se abiuravano erano risparmiati. Mettere a morte qualche cristiano poteva servire a placare il popolo in torbidi locali. Nei primi due secoli non si hanno persecuzioni generalizzate, ma episodi dintolleranza.

Cap. XXIII, Gli imperatori per adozione


1. Nerva (96-98) e il principato adottivo
Il senatore Nerva succede a Domiziano ma debole mancandogli un esercito. Sceglie come successore Traiano, di grande prestigio nellesercito. Nerva tiene buono esercito e popolo con donativi e sgravi fiscali, e si riappacifica col senato e coloro che erano stati perseguitati da Domiziano. 98-180: secolo doro del principato adottivo che consente di scegliere il migliore, anche se non molto di concerto col senato consentito dallassenza di eredi naturali che avrebbero preteso il trono.

2. Traiano (98-117) e Adriano (117-138)


Traiano riprende la politica di conquiste accantonata dai tempi tardoaugustei. Conquista la Dacia, ultima grande conquista romana. Impone ai senatori di investire un terzo nei beni in Italia le province facevano troppa concorrenza. Cerca di liquidare finalmente il regno partico dArmenia, ma ha difficolt; in pi ci sono rivolte in Medio Oriente. Si ritira e muore improvvisamente nel 117 lasciando precariet. Ladottato Adriano ferma lespansionismo, troppo dispendioso, e stronca lopposizione dei senatori in merito giustiziandone alcuni. 132: ultima grande rivolta giudaica. Il giudaismo era ormai un movimento nazionalista che si trasmetteva a catena agli Ebrei della diaspora. La rivolta fu sedata radendo al suolo Gerusalemme nel 135; la citt rinacque come colonia, Elia Capitolina. Fortificazioni ai confini (tra cui vallo di Adriano) costruite dai soldati stessi, che sentivano vicino limperatore, che viaggiava spesso, e ottennero da lui agevolazioni. Adriano era un colto ellenista. Rifece il pantheon circolare di Agrippa. Equiparazione Italia-province.

3. Roma allapogeo dellimpero


Traiano era stato accentratore come gli altri, ma incontra meno resistenza per la rassegnazione del senato, in cambio di prestigio formale e incolumit, e per la mancanza di manie divinizzanti nei principi del periodo.

27

Limpero ormai fatto di citt, piccole riproduzioni di Roma dotate di autonomie in diversi gradi: colonie e municipia, poi provinciali liberae, immuni da tributi o meno. 2-4 magistrati locali eletti dai comizi e un senato. Diffuso levergetismo locale gare di emulazione fra citt nel II sec. revisori dei conti per evitare dilapidazioni. Honestiores (veterani ecc.) non passibili di pene infamanti; humiliores (diseredati) tutelati in teoria ma in pratica vessati. Dualismo occidente romanizzato oriente ellenistico. Zone di montagna rimaste impermeabili a entrambe le influenze. Urbanizzazione crisi piccola propriet agricola, meno remunerativa (meno conquiste meno schiavi); declino anche del latifondo.

4. Antonino Pio (138-161) e Marco Aurelio (161-180)


Il principato di Antonino, adottato da Adriano, fu lungo e tranquillo; cerc la diplomazia e non la guerra, anche coi Parti. Filantropo. Adotta, per volere del padre, Marco Aurelio e Lucio Vero; al primo diede lautorit imperiale ma volle che il senato riconoscesse il secondo come suo collega. I due regnarono insieme, ma col primato di Aurelio. 166: Lucio Vero trionfa contro i Parti. Anni 60: non solo scorrerie, ma migrazioni di massa dei barbari in Germania. Lesercito romano impone la tregua ma poi colpito da peste e torna a Roma; nel 169 Lucio Vero muore. Sconfitte disastrose da parte di Quadi e Marcomanni; altri predoni in Grecia. Si consente linsediamento di molti nomadi barbari. 175: Avidio Cassio promuove una rivolta in oriente contro Marco Aurelio, ma viene ucciso dai suoi stessi soldati. Marco Aurelio, il filosofo, muore dopo vita di guerre non volute. Fisco provato da spese militari.

Cap. XXIV, Da Commodo alla monarchia militare dei Severi


1. Commodo (180-192) e la guerra civile del 193
(Forse) figlio naturale di Marco Aurelio, gli sucede a soli 19 anni. Dilapida per ingraziarsi soldati e popolo; fissato con la caccia come metafora della guerra. 192: i pretoriani lo uccidono e lo sostituiscono con Elvio Pertinace, che attua rigida economia per risanare il buco di Commodo ma riduce anche il donativo per i pretoriani, che lo uccidono dopo tre mesi. Impero al miglior offerente: Giuliano. Ma contemporaneamente ci sono altri imperatori nelle varie parti dellimpero, tra cui Severo, il cui esercito scende verso Roma mentre Giuliano abbandonato e ucciso.

2. Settimio Severo (193-211)


Promette immunit ai pretoriani in cambio di non belligeranza; poi li congeda tutti, sostituendoli. Aveva promesso a Clodio Albino di renderlo Cesare; cosa che non mantiene 197: guerra Albino muore. Uccisi alcuni senatori suoi sostenitori.

28

Verso una monarchia militare: aggiunte tre legioni, una delle quali lasciata a Roma per controbilanciare i pretoriani; pi paghe e agevolazioni ai soldati. Scarsit di reclute a causa di peste e guerre arruolato Germani. Campagne contro Parti e Britanni qui si abbandona il vallo antonino per tornare sulladrianeo. Severo muore.

3. Caracalla (211-217) e Macrino (217-218)


Severo aveva associato i due figli al potere; ma Caracalla uccide a tradimento il fratello. Aumenta ancora le paghe ai soldati per adeguarla allinflazione, e d loro fornitura coatta di vettovaglie carenza merci sui mercati. Pressione fiscale commercio strozzato declino citt. 212: constitutio Antoniniana: a tutti gli abitanti dellimpero (tranne i dediticii) si d la cittadinanza (che fa pagar tasse) lItalia perde anche ufficialmente la supremazia gi persa di fatto. Caracalla reprime il dissenso interno ma coi barbari del nord cerca pacificazione. 217: pugnalato da un sicario, non si viene a sapere che il mandante Macrino, il quale pu quindi farsi acclamare imperatore. Pace ingloriosa coi Parti che costringe ad abbassare paghe militari scontento. La zia di Caracalla organizza un colpo di Stato che porta sul trono un nipote, Elagabalo, mentre Macrino ucciso.

4. Elagabalo (218-222) e Severo Alessandro (222-235)


Sacerdote di El-Gabal, dio Sole di Emesa, di cui cerca di imporre il culto unendolo al vecchio sdegno ucciso e sostituito col cugino tredicenne Severo Alessandro, strumento di mamma e nonna. La madre Mamea attenua lautocrazia, pi tollerante, rilancia edilizia pubblica e riduce le tasse; tuttavia il risanamento richiedeva sacrifici che riversano su Alessandro accuse di avarizia. Il regno partico, dopo un colpo di stato interno, invade la Mesopotamia, minaccia la Siria; Alessandro lo respinge. Intanto pressioni dei barbari del nord, coi quali Alessandro accetta di trattare sdegno dei soldati lo depongono e acclamano Massimino (235).

Cap. XXV, Crisi e anarchia nel III secolo


1. I barbari sulla frontiera renano-danubiana
III-II sec.: Germania meridionale e Austria sono celtiche; pi a nord ci sono i Germani. Migrazione di Cimbri e Teutoni dallo Jutland verso la Gallia; contenuti dai Belgi, si spostano verso lItalia e sono contrastati da Mario. Cesare, conquistando la Gallia, celtica, ne impedisce la germanizzazione. Con Augusto il confine si stabilizza sul Danubio; i successi di Traiano in Dacia lo rendono arteria commerciale, e proprio questa useranno i Quadi per penetrare fino ad Aquileia, dove li fermer Marco Aurelio. I barbari stanziati sulle terre imperiali sono inquilini, legati alla terra e soggetti a tributi. Ora per migrazioni in massa dei Goti premono sul confine. Finch reggeva il prestigio di Roma e la disorganizzazione dei barbari, la lunga ferma militare prometteva grandi guadagni e pochi rischi; poi per il guadagno divent incerto, gli ideali vennero a mancare, cera gelosia verso i pretoriani privilegiati particolarismo dei singoli eserciti in combutta coi locali di cui erano espressione. 29

Peste endemica da Marco Aurelio pi reclutamenti fra i barbari pi esperti dei luoghi, ma scontri interni e saccheggi.

2. Massimino (235-238) e i Gordiani (238-244)


La sommossa contro Alessandro era partita da Massimino, forse di origine barbarica, rude combattente. Inaccettabile per il senato. LAfrica proclama imperatore il vecchio proconsole Gordiano I, che si associa il figlio Gordiano II. Il senato forma un vigintivirato per la difesa dellItalia, guidato da Pupieno e Balbino (a cui associa il nipote 13enne di Gordiano, per avere appoggio latifondisti africani). Sconfiggono Massimino, ma poi si fanno ammazzare a vicenda, mentre lesercito, avverso a entrambi perch erano patrizi, incendia Roma e proclama imperatore Gordiano III, sperando di controllarlo ma a ispirarlo fu piuttosto il senato. Il prefetto del pretorio Timesiteo, suocero di G. III, recupera la Mesopotamia, ma muore nel 243. Le truppe rifiutano il governo del ragazzo e scelgono Filippo lArabo.

3. Filippo lArabo (244-249) e Decio (249-251)


Figlio di un capo arabo assurto al rango equestre, Filippo ottiene successi contro Persiani e Germanici. Cerca di imporre la sua dinastia. Illuminato: attenua ingiustizia sociale e salvaguarda diritti civili; tollerante verso i cristiani. Ma invasioni e ammutinamenti continuano; Filippo, scoraggiato, offre dimissioni, respinte dal praefectus urbi Decio. Questi molto apprezzato dalle truppe, che lo nominano imperatore nonostante lui protesti lealt a Filippo il quale per non si fida e preferisce lo scontro, in cui viene sconfitto. Durante la crisi dellimpero, due tipi di imperatori: guerrieri incolti o colti incapaci sul campo. Decio decide di separare gestione civica e comando militare. Restauratore dei culti, perseguita i cristiani. E il primo imperatore a morire ucciso dai barbari sul campo di battaglia. Sostituito dal suo luogotenente Treboniano.

4. Treboniano Gallo (251-253) e Valeriano (253-260)


La situazione precipita in oriente, per mano di Goti e Persiani. Rinnova persecuzione dei cristiani, uccisi un paio di papi. I Goti sono sconfitti da Emiliano, che i suoi soldati acclamano imperatore; Treboniano chiede aiuto a Valeriano, che non riesce a salvarlo, ma gli succede. Emiliano gli si arrende. Impero devastato da epidemia, guerra civile, attacchi sempre pi frequenti dei Germani e di predoni vari in oriente. Valeriano si tiene loriente, e affida il resto al figlio Gallieno; in Mesopotamia tenta trattative col persiano Shapur, ma cade suo prigioniero. E il primo imperatore che diventa schiavo di un sovrano straniero.

Cap. XXVI, Limpero fra invasioni e lacerazioni


1. Le grandi persecuzioni

30

Ai tempi di Decio, si attribuisce la crisi allallontanamento dagli dei autentici. Infatti i culti si erano moltiplicati, tanto che Settimio Severo aveva cercato di riassumerli sincretisticamente in un dio Sole accettabile da tutti tranne che dai cristiani. Una minoranza di cristiani si riteneva inconciliabile con limpero; molti invece credevano possibile la convivenza a patto del rispetto dei propri principi basilari. Traiano e poi Adriano avevano sancito lilliceit dei cristianesimo, ma senza persecuzioni sistematiche, cosa che aveva permesso proselitismo. La Chiesa, non senza contrasti, riconobbe il primato del vescovo di Roma; promuove opere di carit colmando le inefficienze statali. Risultava inaccettabile la reticenza di alcuni a svolgere pubblici uffici, e lidea che il contributo migliore alla societ fosse la preghiera. Decio verifica la compatta adesione interna in un atto formale: la partecipazione al culto. Chi rifiutava solo i cristiani, nei fatti venne ucciso. Polemiche nella cristianit su come trattare chi abiurava (i lapsi), o chi sera salvato ricorrendo alla corruzione. Si concluse di riammettere nella Chiesa quanti si pentivano del tradimento; molti dei lapsi divennero poi martiri sotto Treboniano o nella persecuzione di Valeriano (257), che prese di mira spt il clero, per privare la Chiesa di gerarchia e beni. Gallieno revoc la persecuzione e restitu i beni. Daltra parte i cristiani si stavano integrando nei normali impieghi, e i pagani li ammiravano per le opere di carit.

2. La frantumazione dellimpero
Gallieno, figlio di Valeriano, affronta attacchi barbari da pi parti e usurpatori (i trenta tiranni) toglie ai senatori conduzione legioni. Potenzia cavalleria. Il generale Postumo si proclama imperatore di Gallia, rendendola indipendente dal resto; nel 263 Gallieno lo sconfigge, ma il capo della cavalleria, Aureolo, sospende linseguimento e pi tardi si ribeller a sua volta. Mentre questi lo assedia a Milano, Gallieno sar ucciso da ufficiali danubiani.

3. Verso la riunificazione: Aureliano (270-275)


268: acclamato imperatore Claudio II. Sconfigge gli Alamanni e i Goti, ma muore di peste. Aureliano era stato tra i congiurati contro Gallieno e comandante della cavalleria per Claudio. Acclamato imperatore, subiva ostilit per le sue umili origini e la severit sui soldati. Intraprende energica riunificazione dellimpero: molte vittorie contro i barbari, repressione rivolta popolare a Roma, fomentata dai senatori. 271: mura di Aureliano attorno a Roma. La Dacia, ultima grande conquista (di Traiano) ormai indifendibile, lasciata ai Goti, che stanziandosi l si astengono dalle scorrerie. Zenobia e il figlio si proclamano Augusti in oriente; Aureliano li sconfigge. Lultimo usurpatore di Gallia si consegna a lui nel 274. Ricompattamento materiale doveva coincidere con quello spirituale culto del Sol Invictus, sincretismo religione di Stato. Primo sacerdote limperatore giustificazione assolutismo. I cristiani non lo accettano, e soldati e funzionari subiscono sanzioni ma non ci sono persecuzioni sistematiche. Recupero province orientali migliora base economica: a Roma distribuzioni gratuite pane, restauro edifici pubblici, bonifiche terre italiche ormai incolte. Moneta: svalutazione iniziata gi da Augusto, aumentata con Nerone; a met III sec. la lega conteneva ormai pochissimo argento, Aureliano la miglior dichiarandone il vero valore.

4. Da Aureliano a Carino (275-285)


31

Aureliano assassinato da un gruppetto di ufficiali che temevano una punizione. Seguono: Claudio Tacito, vittorie in oriente, muore presto; Aurelio Probo (276-282), generale aureliano, vittorie in Gallia, ma dopo il trionfo viene ucciso; Caro, prefetto del pretorio, si associa i figli come Cesari, recupera lintera Mesopotamia, d il titolo di Augusto al figlio Carino, cos viene ucciso dallaltro, geloso. I fratelli Carino e Numeriano regnano insieme, finch Carino uccide laltro. I soldati per non lo accettano come Augusto, preferendo un comandante di Numeriano: Diocleziano.

Cap. XXVII, Diocleziano e lesperimento della tetrarchia


1. Diocleziano (284-305) e la nuova diarchia
Diocle, dalmata di umili origini, romanizza il suo nome. Ha fiducia in una rinascita per limpero, a patto di riorganizzare lesercito: lo divide in limitanei, sulle frontiere, e comitatenses (spt uomini a cavallo) allinterno. Va a Roma solo una volta: bisogna stare vicini alle aree a rischio. 286: diarchia: Massimiano sul Reno, Diocleziano su Danubio e oriente, ma la spartizione non formale. Vittorie sui barbari. Carausio, comandante della flotta romana nella Manica, si proclama Augusto e cerca di farsi accettare come pari dagli altri due; ma questi non potevano ammettere un atto di forza. 291: stabilita a Milano la tetrarchia: i due Augusti avrebbero scelto due Cesari, che poi li avrebbero sostituiti. I Cesari diventano Galerio e Costanzo Cloro.

2. La prima tetrarchia (293-305)


Spartizione: Galerio ha Illiria e Balcani; Massimiano Italia (con capitale Milano), Spagna e Africa; Costanzo Cloro Gallia e Britannia (che riusc a sottrarre a Carausio e al successore Alletto).

3. Le riforme di Diocleziano
Raddoppia province per diminuire potere ai governatori, gi privati del comando militare grazie a Gallieno. Raggruppa province in 13 diocesi rette da vicarii, dipendenti da 4 prefetti del pretorio per ciascun tetrarca. Il consilium principis di Adriano diventa consistorium. Magister officiorum dirige i ministeri; comes rei privatae e sacrarum largitionum gestiscono le finanze. Principale consigliere dellimperatore il comes sacri palatii aura di sacralit per Diocleziano (che appare poco, impone di genuflettersi ecc) fa meglio digerire al popolo i provvedimenti, tra cui molte tasse per mantenere 4 corti Riforma imposte su base annonaria, cio contributi in natura chiesti per ogni persona abile al lavoro (caput) e ogni appezzamento sufficiente a mantenere una persona (iugum), censiti ogni 5 anni aumento addetti catastali. Il sistema era molto rigido alimentava tentativi di evasione e corruzione drastiche punizioni. Meno schiavi pi manodopera libera, spt coloni che partecipavano agli utili schiavi e coloni liberi hanno di che vivere, ma solo al servizio del latifondista; sono accomunati dalla condizione di humiliores, spremuti da padroni, fisco, esercito, pene pi dure. Fissare i contadini alla terra (cosa che porter alla servit della gleba) serviva a evitare che scappassero verso le citt per evitare le 32

tasse sulla terra; daltra parte anche i cittadini erano tassati e progressivamente legati alla professione familiare, per evitare che mestieri indispensabili restassero scoperti. 301: edictum de pretiis: limite ai prezzi per frenarne limpennata ma inattuabile: borsa nera e scambi in natura. Diocleziano aveva moglie e figlia cristiane; ma Galerio riteneva il crist. pericoloso per lesercito e lo convinse a perseguitarlo. Dal 303, quattro editti successivi ordinano: divieto riunioni culturali, distruzione chiese e sacri testi, rimozione dai pubblici uffici e arresto del clero e poi di tutti i cristiani. Bagno di sangue, spt in oriente.

4. Il fallimento della tetrarchia (305-310)


Diocleziano si ritira per controllare personalmente la successione, e convince Massimiano a fare altrettanto. Il primato per anzianit spetterebbe a Cloro, ma in pratica va a Galerio, sostenuto da Diocleziano, e anche dai due nuovi Cesari, Massimino e Valerio Severo. Alla morte di Costanzo Cloro i soldati proclamano Augusto suo figlio, Costantino, appena liberato da Galerio, che lo aveva tenuto come ospite-ostaggio. Galerio, come compromesso, elev Severo ad Augusto e concesse a Costantino il titolo di Cesare. 306: malcontento a Roma, per declassamento da capitale e scioglimento pretoriani deciso da Severo si acclama imperatore Massenzio, figlio dellex Augusto Massimiano; anche questultimo scende in campo, perci i soldati di Severo rifiutano di opporsi a lui, il loro antico comandante. 307: Massenzio si proclama Augusto e Costantino lo riconosce. 308, a Carnuntum: Diocleziano ribadisce le dimissioni sue e di Massimiano; Severo sostituito da un amico di Galerio, Licinio, invece che dal Cesare designato Costantino, che resta tale insieme a Massimino. Massenzio hostis publicus allunanimit. Massimiano si proclama Augusto per la terza volta, ma sconfitto da Costantino.

5. Lesaurimento della tetrarchia (311-324)


3 Augusti: Licinio, Massimino (che ci si fa proclamare nel 310, ma tanto Galerio un anno dopo muore) e Costantino, che si considera gi Augusto. 311, editto di Serdica: fine persecuzione cristiani. Voluto da Galerio, ma condiviso da Costantino e Licinio. Massimino lo ignora procedendo con la repressione. 312: Massenzio, a Roma, muore sconfitto da Costantino. Costantino chiede a Massimino di terminare la persecuzione dei cristiani; questi accetta e restituisce i beni confiscati, sperando di aver in cambio mano libera nellinvasione della Tracia. 313: editto di Milano. Licinio sconfigge Massimino e stermina tutti i parenti dei tetrarchi; lui e Costantino nominano tre nuovi Cesari, i loro figli. Licinio con un pretesto muove guerra a Costantino, che per lo sconfigge e uccide nel 323.

Cap. XXVIII, La rivoluzione costantiniana. Giuliano


1. Costantino, limperatore cristiano (324-337)
La tradizione narra che nel 310 un sogno lo rese fedele al Sol Invictus, e unaltra visione prima della battaglia contro Massenzio lo convert al cristianesimo. E la ricerca di un simbolismo unificante per cristiani e pagani. 33

In realt abbandon il culto del Sol Invictus solo dopo la disfatta di Licinio; mantenne la carica di pontefice e autorizz il culto della sua gens Flavia. Non poteva rompere coi pagani. Tuttavia, privilegi al cristianesimo: no tasse ai preti, tribunali ecclesiastici, aiuti alledilizia sacra. Risposta cristiana: 314, liceit servizio militare per i cristiani. La Chiesa ottiene repressione statale dello scisma donatista in Africa. 325, Costantino convoca il concilio di Nicea: condanna dellarianesimo. Nonostante ci, Costantino in seguito tese allarianesimo e si fece battezzare in punto di morte da Eusebio, vescovo ariano

2. Le riforme di Costantino
Si appoggia alla Chiesa anche perch sopperisce alle mancanze statali in ambito assistenziale. Crollo potere dacquisto del denarius (che Costantino sostituisce col solidus) tracollo di proletariato e piccola borghesia; economia monopolio dei pochi detentori doro. Per il resto, segue politica di Diocleziano: aumento burocrazia, tasse, distinzione comitatenses e limitanei. Essendo stati aboliti i pretoriani, i loro prefetti hanno funzioni civili. Larruolamento garantiva privilegi; se non bastava, era coatto. Capitale Costantinopoli! Perch: posizione strategica e difendibile. Nuovo senato spt cristiano, di pari dignit di quello romano. Si approfondisce il solco tra humiliores e viri clarissimi (detentori di alte cariche). Costantino da morto ebbe onori divini pagani ma sepolto in una chiesa.

3. Leredit di Costantino
Impero spartito fra i tre figli: Costantino II aveva pi potere Costante e Costanzo gli sono avversi; le truppe di Costanzo lo uccidono (340). Costanzo ariano, Costante niceno porta avanti repressione pagani, Ebrei, donatisti. Costante sprezzante verso le truppe insorgono e lo uccidono; ma il capo degli insorti, Magnenzio, viene poi sconfitto da Costanzo, che resta unico imperatore.

4. Costanzo II (337-361) e Giuliano (361-363)


Costanzo non ce la fa a gestire da solo limpero; sceglie come Cesari due cugini: prima Gallo, che presto uccide perch troppo tiranno, e poi Giuliano, che pone sul Reno. Giuliano ottiene vittorie 360: le truppe lo acclamano Augusto, ma si evita guerra perch Costanzo muore di febbre. Giuliano lApostata, educato secondo rigido cristianesimo, e vedendo le efferatezze dei bigotti costantinidi, entr in contatto col neoplatonismo e divenne pagano. Tolse privilegi alla Chiesa e appoggi Ebrei; ma persino i pagani moderati non lo capirono, cerano problemi pi importanti delle guerre di religione, come la questione persiana. Taglia tasse e spese di corte, sfoltisce burocrazia; la sua ampia produzione letteraria testimonia tensione spirituale. 363: ucciso in battaglia, forse a tradimento da un suo milite cristiano.

Cap. XXIX, Limpero cristiano-barbarico. Teodosio


1. Valentiniano e Valente (364-378)
Breve impero di Gioviano, che si ritira dalla Persia e ripristina sussidi ai cristiani. Alla sua morte si acclama Valentiniano, che si tiene loccidente e d loriente al fratello Valente. 34

Valentiniano respinge i barbari dividendoli fra loro; la guerra rende indispensabile privilegiare i militari (come i Severi) pi tasse per pagarli. Combatte corruzione, parassitismo, favoritismi; crea difensori del popolo che tutelassero i diritti dei meno abbienti. Temuto per durezza, ammirato per equilibrio e tolleranza religiosa. Alla sua morte lo sostituisce il figlio Graziano. Valente, ariano, persecutore cattolicesimo, debella Visigoti e conclude una pace sfavorevole con i Persiani.

2. Adrianopoli e la svolta teodosiana


Goti dellovest = Visigoti; dellest = Ostrogoti. 375: limpero ostrogoto crolla sotto gli Unni ostrogoti e visigoti premono insieme sui confini danubiani; alcuni ammessi pacificamente nellimpero romano molti poi ci provano non pacificamente. Valente non attende rinforzi ed sconfitto e ucciso ad Adrianopoli (378). Teodosio magister militum sul Danubio successi diventa Augusto. Conclude coi Goti un foedus innovativo: si insediano, ma come nazione indipendente alleata, esente da imposte, con proprie leggi; forniscono truppe con comandanti goti e lautamente pagate. I Romani rimasti l sono sotto la giurisdizioni di Roma. Contestata dai pagani non rassegnati alla fine dellimpero; apprezzata dal popolo (e cristiani) che considera i barbari rozzi ma onesti, mentre i Romani corrotti. Si rimprovera a Teodosio aver promosso barbari ai vertici dellesercito.

3. La riunificazione mancata
Lusurpatore Magno Massimo uccide Graziano; Teodosio prima lo riconosce poi lo decapita, sostituendolo col fratello di Graziano, Valentiniano II, ariano ma antipagano. Questi muore per mano del magister equitum Arbogaste, che proclama un altro Augusto, ma entrambi sono sconfitti nel 394 da Teodosio ma questi non pu riunificare limpero, perch muore.

4. La politica di Teodosio
Vieta ogni discussione religiosa; dichiara illeciti pagani e manichei; tollera i sacrifici pagani ma non interviene contro la distruzione di templi ad opera di cristiani fanatici; pi tardi mette al bando il paganesimo: cristianesimo unica religione ufficiale. 390: Teodosio ordina unesecuzione di massa, il vescovo di Milano Ambrogio gli nega la comunione. subordinazione stato-chiesa. Senatori latifondisti e grandi imprenditori avevano privilegi sfacciati, mentre i ceti produttivi erano sfiancati dalle tasse. Ai coloni era vietato abbandonare la terra. I difensori del popolo furono in pratica neutralizzati.

Cap. XXX, La fine dellimpero romano doccidente


1. La dissoluzione dellimpero occidentale (395-423)
Occidente: latifondo schiavile; scambi in natura. Cristianesimo legato alla Chiesa Oriente: piccola propriet con manodopera libera; popolazione numerosa e antigermanica meno penetrazione barbara; esportazioni valuta pregiata. Cristianesimo lacerato da dispute; missionario conversione molti Goti (vescovo ariano Ufila traduce in gotico la Bibbia). 35

Figli di Teodosio: Onorio in occidente, sotto tutela di Stilicone, e Arcadio in oriente, dominato da due prefetti del pretorio, Eutropio e Rufino, concordi nelleliminare Stilicone. Alarico, re visigoto, invade province orientali; Stilicone interviene, ma i prefetti gli intimano di ritirarsi, temendo che voglia annettersele. Stilicone fa sopprimere Rufino sostituendolo con leunuco Eutropio; questi offre ad Alarico la prefettura illiriciana e induce lAfrica a secedere dalloccidente per unirsi alloriente sconcerto; rimosso ma la moglie ne continua lopera: incoraggia Alarico a muover contro lItalia, ma Stilicone lo respinge. 404: Onorio sposta la capitale da Milano a Ravenna, appena prima che gli Ostrogoti devastassero lItalia settentrionale poi sconfitti. Invasione della Gallia per non avere conflitti altrove, Stilicone concede enorme indennit ad Alarico il senato sospetta che i due complottino Stilicone ucciso, mentre i suoi soldati disertano alleandosi ad Alarico: marciano su Roma 410 la saccheggiano, ritirandosi dopo tre giorni fine di unepoca! Usurpatore Claudio Costantino III riconosciuto come Augusto da Onorio (intanto Arcadio era morto). 410 muore Alarico. Visigoti, stanziatisi nel sud-ovest della Gallia, riconosciuti come foederati. Impero ai minimi termini: alla morte di Onorio (423) una mera finzione giuridica.

2. LOriente nel gioco dinastico imperiale (423-455)


I consiglieri del minorenne Teodosio II, figlio di Arcadio, cercano riavvicinamento con Ravenna, pace coi Persiani, intervengono in questioni dinastiche occidentali. 421: Onorio proclama Augusto Costanzo III, sposato con sua sorella Galla Placidia, e dichiara suo erede il loro figlio, Valentiniano III. Morto Onorio, Valentiniano III incoronato e sua tutrice Galla Placidia, che copre doro gli Unni perch non attacchino e poi ne proclama il capo Ezio comandante della cavalleria: questi difende strenuamente limpero, ma perde lAfrica in mano ai Vandali, che sterminano i cristiani. 434: capo degli Unni Attila; scorrerie in oriente, ma Costantinopoli inespugnabile; poi si rivolge contro loccidente. Teodorico, re visigoto, preferisce limpero agli Unni: raccoglie gli altri barbari e sconfigge Attila, anche se muore in battaglia. Attila non desiste; entra in Italia e si ferma solo di fronte a Roma, con la mediazione di papa Leone Magno. Muore nel 453 e il suo impero si dissolve.

3. Agonia e fine dellOccidente romano (455-476)


Valentiniano III diede impulso edilizio a Roma, fece equa politica fiscale, combatt manichei e rafforz primato del papa, ancora contestato. Pugnal Ezio temendone il potere, poi fu ucciso a sua volta nel 455 trono vacante; loriente ne rivendica il primato ma in pratica se ne frega, lasciandolo in bala dei Vandali, finch limperatore doriente Leone I comincia a diffidare di loro e collabora con loccidente. 465: nuovo e peggiore sacco di Roma, ad opera dei Vandali. La Gallia dichiara secessione; la Spagna presa dai Vandali In occidente imperatore effimero Giulio Nepote, il cui magister militum, ex segretario di Attila, eleva al trono il proprio figlio Romolo (Augusolo per spregio), presto deposto dal germanico Odoacre (476). Loriente lo riconosce re di un regno che ormai romano-barbarico.

4. Dalleconomia cittadina alla societ curtense

36

Varie teorie sulle cause della fine. Gibbon: cristianesimo; marxisti: fallimento economia schiavile; altri: difetti costituzionali, strapotere esercito Ma la deposizione di Romolo Augustolo non fu un gran trauma; peggio il sacco del 410. Dai tempi di Diocleziano era diffusa la commendatio, con cui i meno abbienti potevano evitare tasse e arruolamento mettendosi al servizio di un possidente si arriva alla curtis altomedievale, dove il signore consolida il suo potere pi che la produttivit + guerre e pestilenze carestia, citt in rovina. Loriente sopravvive fino al 1453; Giustiniano tenter riunificazione nel 535 e stiler corpus iuris; ma vera erede delluniversalismo di Roma la Chiesa.

37

Potrebbero piacerti anche