Sei sulla pagina 1di 1

Centro Formazione Calcio

R.Kappa calcio

Europe Cup U12: poker Hajduk!


Battuta la Fiorentina ai calci di rigore. Per i croati il quarto trionfo. Un record! Terza la Juve, quarto il Valencia.

lHajduk Spalato ad alzare al cielo per la quarta volta nella storia la prestigiosa Europe Cup U12 al termine di un torneo ben giocato in cui i piccoli croati hanno saputo imporre la loro superiorit. Niente ha potuto la Fiorentina giunta allappuntamento finale dopo aver superato, senza non poche sofferenze nellordine Roda, Sestese e Valencia. LHajduk ha prevalso sulla compagine viola per 6-5 dopo i calci di rigore. I quaranta minuti regolamentari si erano chiusi sullo zero a zero, figlio di una partita molto bloccata e priva di emozioni fino alla met del secondo tempo, quando lHajduk ha avuto a disposizione un golosissimo calcio di rigore che per i croati hanno banalmente sprecato. Sul ribaltamento di fronte la Fiorentina ha centrato una clamorosa traversa, bissata pochi secondi dopo da un altrettanto clamorosa conclusione stampatasi sul palo alla sinistra del bravo portiere dellHajduk. Il finale di gara stato di marca viola, ma i tentativi dei gigliati si sono sempre infranti sul muro difensivo dellHajduk, che seppur con qualche apprensione di troppo riuscito a rendere innocui gli sforzi dei giocatori della Fiorentina. La roulette dei rigori si conclusa soltanto al quattordicesimo tiro dal dischetto (7 rigori per ciascuna squadra), quando il portiere dellHajduk ha parato con stile la conclusione del rigorista viola scatenando la gioia irrefrenabile dei suoi compagni di squadra e di tutti i sostenitori croati presenti sugli spalti dello Stadio Torrini di Sesto Fiorentino. Di contro la Fiorentina uscita nuovamente battuta da una finale delle Europe Cup U12. I viola pur giungendo

ormai da tantissimi anni allappuntamento conclusivo, hanno conquistato la grande coppa soltanto in due occasioni. Quella con lHajduk diventata una vera e propria sfida infinita, persa dai viola troppe volte ai calci di rigore. Insomma una vera e propria maledizione sportiva! SUL GRADINO PIU BASSO del podio si piazzata la Juventus, che nei quarti aveva infranto i sogni di gloria dellEmpoli e che nella finalina ha superato per 1-0 gli spagnoli del Valencia. LHajduk ha fatto il pieno, portando a casa anche il premio per il Miglior Giocatore, assegnato, dalla giuria composta dagli allenatori di tutte le squadre partecipanti, a David Ilicic. Negli altri tornei del Memorial Sergio Castelletti successo meritato della Fiorentina nella Coppa Italia Open U10 (secondi gli svizzeri del Luzern, terzi i romeni del Cluj) e dellInter Suno nella Exhibition Cup. E CALATO QUINDI IL SIPARIO sul Memorial Sergio Castelletti 2013 che nel corso di questi ultimi anni si trasformato da semplice torneo internazione di calcio a vero e proprio evento sportivo. La manifestazione non ha tradito le aspettative. Le quarantacinque squadre presenti e gli 800 atleti giunti in citt in rappresentanza di 9 nazioni, hanno colorato per tre giorni i campi di Scandicci, di Sesto Fiorentino (dove si giocata la finale), di Lastra a Signa e di Doccia. Un evento unico magistralmente promosso dal Centro Formazione Calcio e organizzato dalla Sestese Calcio, dalla Lastrigiana e dallo Scandicci Calcio. Legittima la soddisfazione del

coordinatore Fabrizio Mancini: Per quanto riguarda laspetto organizzativo filato tutto alla perfezione, grazie soprattutto alla preziosa collaborazione della Sestese, della Lastrigiana e dello Scandicci. Sotto laspetto pi puramente tecnico questa ventiduesima edizione ha evidenziato un grande equilibrio ed un grande livellamento, grazie anche allottima qualit delle squadre locali quali la Sestese (vincitrice della Coppa dei Debuttanti), la Lastrigiana (vincitrice del Challenge Ponte Vecchio), il Rinascita Doccia e lo Scandicci. ALLA CERIMONIA DI PREMIAZIONE erano presenti, fra gli altri, i figli dellindimenticato Sergio Castelletti, che come ogni anno non hanno voluto fare mancare il loro calore e la loro vicinanza a questa manifestazione che si consolida come seconda solo alla Firenze Marathon per numeri e rappresentanza internazionale. AL TERMINE DELLA FINALISSIMA e prima della premiazione, poi annullata per un improvviso e violentissimo nubifragio stato ricordato Vito Maurello, allenatore del Centro Formazione Calcio-Lastrigiana tragicamente scomparso sabato mattina a seguito delle ferite riportate in un drammatico incidente stradale avvenuto luned scorso. Intorno alla grande famiglia del Centro Formazione Calcio ed della Lastrigiana si sono unite le migliaia di persone presenti sulle tribune, che al termine del minuto di silenzio hanno tributato a Vito un lungo e caloroso applauso. Ciao Vito, ti vogliamo bene!

www.centroformazionecalcio.com

Pagina 1