Sei sulla pagina 1di 41

La Teca Edizioni

Lluís Serra Llansana

ENNEAGRAMMA DELLE PASSIONI

Lluís Serra Llansana

ENNEAGRAMMA DELLE PASSIONI

Lluís Serra Llansana ENNEAGRAMMA DELLE PASSIONI Anatomia psicologica delle passioni dominanti Traduzione di Sabrina Ruzzu

Anatomia psicologica delle passioni dominanti

Traduzione di Sabrina Ruzzu

Barcellona 2012

DELLE PASSIONI Anatomia psicologica delle passioni dominanti Traduzione di Sabrina Ruzzu Barcellona 2012 La Teca Edizioni

La Teca Edizioni

Titolo originale: El Eneagrama de las Pasiones Anatomía psicológica de las pasiones dominantes

Traduzione dallo spagnolo: Sabrina Ruzzu

PRIMA EDIZIONE - NOVEMBRE 2012 Casa Editrice: La Teca Edizioni Fondatore Giovanni M. Quinti Associazione Culturale La Teca Gran Vía, 204 bis -local 4 08004 Barcellona - Spagna Tel. 93 432 99 76 - 664 669 664 lateca@lateca.info www.gurdjieff.es

Copyright: Lluís Serra Llansana - 2012

Diritti esclusivi di edizione: La Teca Edizioni

Deposito legale: B-26761-2012 ISBN: 978-84-940125-3-2

Editing: Paola De Vera Revisione: Linda Parrinello Illustrazioni: Elisabet Serra Vendrell Disegno di copertina: José Luis G. Muedra Foto di copertina © Benet Soley Grafica e impaginazione: José Luis G. Muedra Stampa: Cimapress

Stampato in Spagna

Come stabilito dalla legge, sono rigorosamente proibite, senza l’autorizzazione in forma scritta dei titolari del copyright, la riproduzione totale o parziale di questa opera attraverso qualsiasi mezzo o procedimento meccanico o elettronico incluse le fotocopie e la diffusione attraverso Internet e la distribuzione di esemplari di questa edizione mediante affitto o pubblico prestito.

“Non vi è nessun progresso nell´essere senza qualche misterioso tributo di lacrime, di sangue e di peccato“.

Pierre Teilhard de Chardin

“Chiunque qualche volta costruì un cielo nuovo trovò in primo luogo nel suo stesso inferno il potere necessario per farlo“.

Friedrich Nietzsche

Accidia

9 Lussuria 8 1 Ira 2 Orgoglio Gola 7 Paura 6 3 Vanità Avarizia 5
9
Lussuria
8
1
Ira
2
Orgoglio
Gola
7
Paura
6
3
Vanità
Avarizia
5
4
Invidia

E1

E

E

E

E

E

E

E

E

2

3

4

5

6

7

8

9

INDICE

Prologo all'edizione italiana

9

Prologo

17

Introduzione

25

Ringraziamenti

31

Enneatipo 1 L´enneagramma dell´ ira

35

Enneatipo 2 L´enneagramma dell´orgoglio

67

Eneatipo 3 L´enneagramma della vanità

97

Enneatipo 4 L´enneagramma dell´invidia

129

Enneatipo 5 L´enneagramma dell´avarizia

161

Enneatipo 6 L´enneagramma della paura

195

Enneatipo 7 L´enneagramma della gola

229

Enneatipo 8 L´enneagramma della lussuria

257

Enneatipo 9 L´enneagramma della pigrizia

289

Interrelazioni tra le passioni dominanti

320

Riferimenti bibliografici

359

Enneagramma delle passioni

11

PROLOGO

ALLEDIZIONE ITALIANA

L´Enneagramma è uno strumento efficace per conoscere se stessi e gli altri. Chiunque abbia avuto modo di partecipare a un seminario o a un workshop serio sull´Enneagramma ne ha fatto probabilmente esperien- za. Al di là di qualsiasi idealizzazione e pur possedendo un atteggiamen- to critico, l´Enneagramma offre spunti di autoriflessione di indubbio valore. Questo testo, frutto di annosa investigazione del Prof. Serra, ne è la prova. Non solo per il fatto che è il cuore pulsante del lavoro di ricerca universitaria che il Prof. Serra ha presentato, con successo accademico, per l´ottenimento della sua terza laurea presso la Facoltà di Psicologia dell´Universitá RAMON LLULL di Barcellona (Spagna), ma anche per la metodologia empirica utilizzata nell´ambito della ricerca qualitativa e per l´analisi sottile che compie su tratti fondamentali della natura umana. Per chi non conosce nulla dell´Enneagramma queste pagine po- trebbero risultare non semplici, ma se il lettore neofita non è alla ri- cerca di informazioni banali, frammentate o semplicistiche e possiede la pazienza e passione del ricercatore, allora potrà trovare in esse uno strumento unico nel suo genere. Difficilmente un libro su questo ar- gomento raggiunge tali profondità e completezze. Pur essendo un te- sto accademico, evita di perdersi in astruse concettualizzazioni teoriche. Bensì è un testo pratico, quasi un manuale tecnico, che parla di compor- tamenti umani riconoscibili e delle ragioni profonde che li provocano.

12

Enneagramma delle passioni

Anche a questo serve l´Enneagramma: se il lettore sta cercando un luo-

go dove rispecchiarsi, con il fine di conoscere meglio se stesso ed iniziare un processo di autoriflessione senza, d´altra parte, sentire la necessità di avere un simbolo talismanico che possiede tutte le risposte, ha in mano

il libro giusto. I principi che il neofita deve possedere per poter godere di questa conoscenza, in fin dei conti, non sono molti. Secondo l´Enneagramma delle personalità, inizialmente sviluppatosi con il contributo di Oscar Ichazo e Claudio Naranjo, esistono nove tipi fondamentali, nove carat- teri (e Serra ci spiegherà nove passioni dominanti) nei quali possiamo ricondurre la molteplice variabilità di ogni essere umano. Queste nove tipologie vengono collocate sul simbolo enneagrammico, che il lettore troverà all´inizio di ogni capitolo, in senso orario nel perimetro esterio-

re del cerchio. Le linee interne ad esso, stabiliscono precise, intelligenti

e ispiratrici relazioni tra tali diversi tratti di personalità. L´obiettivo di

questo testo potrebbe essere, per il neofita, di conoscere motivazioni, caratteristiche e potenzialitá di ciascuna tipologia in diversi ambiti della vita, cercandosi in ognuna di esse. In questo modo, se avrà la capacità di autoriflessione giusta, potrà scoprire molte cose su se stesso e sugli altri. D´altra parte se quello che lo anima è davvero il desiderio di autocono- scenza, forse scoprirà che tutti i tipi parlano, chi più chi meno, di lui. Per il lettore esperto, invece, questo testo offrirà materiale di una profondità tale che solo quasi trent´anni di studio sull´Enneagramma possono offrire. Penso agli psicologi che si sono formati nel Programma SAT, o agli esperti di psicologia del lavoro con competenze nell´ambito delle risorse umane e della selezione del personale, ai counselor o a chi, con una maggiore o minore accreditazione, conduce workshop sull´Enneagramma. Questo testo è stato pensato soprattutto per chi già possiede una conoscenza sul simbolo. In esso potranno trovare risposte sulle cause “nascoste“ che motivano i comportamenti, le carenze e le difficoltà di ciascun tipo. In tal modo sarà più facile anche per il clinico avere a disposizione un materiale di riflessione ulteriore nella relazione d´aiuto. Il simbolo dell´Enneagramma ha delle origini molto controverse.

Prologo alla edizione italiana

13

Quando un prodotto della conoscenza umana appare nella storia e ispira

individui, esperti, menti illuminate, penetrando anche nel tessuto accade- mico ed universitario, siamo tentati di pensare che esso non possa essere

il prodotto della mente di un solo uomo. Se il lettore è già un esperto o almeno un introdotto conoscitore del simbolo dell´Enneagramma, sa che nella numerosa letteratura su que- sto argomento le prime pagine sono sempre delicate all´analisi di sue ipotetiche e millenarie origini. Si parla spesso di un suo antichissimo

utilizzo in monasteri sufi, di una conoscenza segretissima che ha radici

nel pensiero islamico. Il lettore non si lasci ingannare così facilmente. A

volte anche i più grandi esperti di un certo argomento, si lasciano sfug- gire dettagli improbabili, basati esclusivamente su opinioni approssima-

tive. In realtà, l´unica origine accertata dalle fonti storiche del simbolo dell´Enneagramma, con le sue efficaci relazioni fra i diversi punti deline-

ati dalle linee interne che offrono al simbolo una armonia matematica ed

estetica, può essere fatta risalire a George Ivanovitch Gurdjieff (1870?- 1949), un mistico armeno che ha sviluppato un sistema di conoscenze sulla psicologia umana, ma anche fortemente criticato. In origine l'En- neagramma non veniva esclusivamente utilizzato con lo scopo di arric- chire la conoscenza dei tipi psicologici, bensì come strumento sintetico

e simbolico di tutto il lavoro di Gurdjieff. La conoscenza di questo En-

neagramma originale non è obiettivo del presente studio; un approfon- dimento di questo genere ci auguriamo possa essere realizzato in futuro.

Gurdjieff affermava di aver conosciuto l´Enneagramma in una mi- steriosa comunità chiamata Sarmoung, della quale, però, non abbiamo alcun riferimento storico (d´altra parte Gurdjieff si impegnava alacre- mente per nascondere le fonti da cui traggono ispirazione i suoi inse- gnamenti).

Esistono nella letteratura lulliana alcuni simboli simili all´Enneagramma, che forse hanno ispirato Gurdjieff nella creazione del simbolo attua-

le, ma nulla è certo. La falsa attribuzione delle origini islamiche o sufi

dell´Enneagramma, cosí come il prof. Serra in molti nostri colloqui privati

mi

ha confermato, ha diversi motivi. Uno fra tutti è l´influenza che Idri-

es

Shah (1924-1996), un noto maestro sufi del secolo scorso, ebbe nei

14

Enneagramma delle passioni

confronti di uno dei seguaci più importanti di Gurdjieff, John G. Bennet. Alla sua morte Gurdjieff lasciò nei suoi allievi un´impronta indelebile

e un vuoto incolmabile, i sostituti probabilmente da lui designati non ave-

vano il carisma e la perspicacia del maestro. Come pecore senza pastore molti si misero alla ricerca di qualcuno che potesse continuare a guidarli nel loro lavoro interiore: il metodo di Gurdjieff li aveva condotti ad ac- quisire conoscenze così importanti su loro stessi e sui principi che gover- nano il mondo animico che si sentivano altamente motivati a continuare. L´Enneagramma è solo una piccola porzione della sua eredità, da qui

il lettore può comprendere quanto sia stata dolorosa, per i suoi allievi, la perdita di una fonte d´ispirazione così importante. Quando Bennett conobbe Idriesh Shah si lasciò convincere che la comunità Sarmoung era un´antica comunità sufi, tanto che arrivò a scrivere: “Gurdjieff era, più d´ogni altra cosa, un sufi” (J.G. Bennett, Gurdjieff: Making a New World, N.Y.: Harper & Row, 1973 pag.12). Successivamente Bennett la-

sció la guida del suo gruppo, tutti allievi di Gurdjieff, nelle mani di Shah

e a lui intestó una proprietá immobiliare. Non desidero addentrarmi sui

motivi per cui Shah continuò per molto tempo quest´opera di convin- zione, né desidero dare eccessivo adito ai pareri di alcuni sui benefici economici che ne ebbe da tale operazione (J.G. Bennett, Witness: The Autobiography of John G. Bennett. Turnstone Books. pag. 355-363), né alle critiche, a causa di questo ed altri atteggiamenti, nei confronti di Shah provenienti da diverse fonti del sufismo (M. Sedgwick, European Neo-Sufi Movements in the Inter-war Period capitolo che appare in Islam in Inter-War Europe, edito da Natalie Clayer e Eric Germain, 2008). Il mio obietti- vo è quello di invitare il lettore a non cadere in false immaginazioni:

l´Enneagramma non è uno strumento magico, nè un oggetto sacro ver- so il quale dobbiamo mostrare venerazione. Credo che solo con questo atteggiamento, del tutto in linea con il pen- siero originale di Gurdjieff, potremo non correre il rischio di trasformare gli strumenti di autoconoscenza in divinità da proteggere o idealizzare. Se vogliamo davvero far tornare l´Enneagramma nella cornice caratteristica delle sue origini certe, dobbiamo sempre mantenere un sano equilibrio tra l´analisi critica dell´apertura del cuore. Gurdjieff era solito affermare:

Prologo alla edizione italiana

15

“Non dovete credere in nulla che non possiate verificare personalmente”. È con questo spirito che il lettore dovrebbe sfogliare queste pagine. L´Enneagramma sia per lui un traghetto da utilizzare per arrivare ver- so una piú profonda conoscenza di sé. Perché l´Enneagramma è solo l´inizio, chi ha pazienza di cercare se ne renderà conto molto presto. In conclusione desidero anche felicitarmi con tutto lo staff della casa editrice LA TECA che è riuscita, dopo molti mesi di duro lavoro, a pro- durre un opera di questa portata. L´aiuto di tutti è stato indispensabile, un ultimo ringraziamento alla dott.ssa Ruzzo, che ha curato la traduzio- ne. Ed un ultimo ringraziamento all´autore, caro Amico e Fratello inso- stituibile, che ha scelto le nostre edizioni come mezzo per far giungere a noi e a coloro che verranno i fruttuosi anni della sua investigazione.

Buona Lettura.

Giovanni Maria Quinti

Presidente Internazionale dell´Istituto per lo Sviluppo Armonico LA TECA

Enneagramma delle passioni

17

PROLOGO

“Conosci te stesso”, diceva l´aforisma inscritto sulla porta del tempio de- dicato ad Apollo ed edificato sulla roccia a Delfi. Senza dubbio, al giorno d´oggi, una necessità per tutti coloro che si dedicano a qualsiasi professio- ne inerente la relazione d´aiuto o l´insegnamento. É anche un elemento centrale nell´ideale umanistico di persona che oggi affascina e attrae. Co- noscere se stessi, però, non è una condizione sufficiente per il progresso spirituale; potremmo senz´altro dire che sia una condizione necessaria per questo processo. In realtà infatti, per crescere spiritualmente, non ba- sta conoscersi; bisogna anche essere disposti a cambiare per essere una persona migliore, tenendo in considerazione e condividendo di più con gli altri. Questo è il tema, più o meno implicito, ma tuttavia centrale di questo libro. Però forse, amico lettore, prima di addentrarti nella sua let- tura, probabilmente vorrai sapere qualcosa di più riguardo al suo autore, sull´argomento dell´enneagramma e delle passioni umane e sul valore e sull´attendibilità della sua conoscenza dell´argomento. Chissà, forse ti in- teressa sapere quale contributo specifico apporta questo libro all´ampia bibliografia già esistente su questi temi. A tutto ciò dedicherò le prossime righe, come prologo a questo interessante lavoro del Dr. Lluís Serra. Conobbi Lluís Serra nell´ambito della ricerca universitaria. Era un allievo del corso di dottorato nella Facoltà di Psicologia e Scienza dell´Educazione e dello Sport Blanquerna, dell´Università Ramon Llull (Barcellona).

18

Enneagramma delle passioni

Probabilmente fu questo contesto che fece in modo che le nostre pri-

me conversazioni riguardassero temi psicologici e l´educazione relativi all´essere umano, alla conoscenza di se stessi o alla spiritualità. Condivide- vamo anche la necessità di condurre su questi temi una ricerca rigorosa. Mi trovai molto presto in sintonia con Lluís, non solo per i suoi modi sempre affabili e cordiali, non esenti da uno spiccato senso dell´umorismo, ma anche perché mi colpirono le sue convinzioni relative al tema che avrebbe voluto approfondire. Lo aveva molto chiaro: voleva condurre una ricer- ca relativa all´enneagramma. Non è molto frequente che gli alunni di un corso di dottorato abbiano già tanto chiaro dall´inizio ciò a cui vogliono dedicare i propri sforzi di ricerca. Ma Lluís aveva già maturato il suo pro- posito. La sfida in questo caso era di natura diversa: come condurre una ricerca relativa all´enneagramma che rispondesse ai requisiti accademici di una tesi di dottorato. C´è da chiarire che in quel periodo, i primi anni 90, l´enneagramma non era conosciuto né dal grande pubblico, né dalla mag- gior parte dei professori dell´ambito universitario. E sappiamo che tutto ciò che è nuovo genera dubbi, soprattutto nel mondo accademico, dove molte volte ciò che è nuovo e sconosciuto suscita – in modo senza dubbio riprovevole – direttamente rifiuto. L´enneagramma inoltre si porta dietro un alone di conoscenza esoterica al cui riguardo molti colleghi avevano già preso una posizione chiara: non è empirico, non è dimostrato, non è

Perciò si doveva fare in modo di perfezionare e indirizzare

scientifico

correttamente la proposta e la decisione di Lluís. Per quanto mi riguarda ero sempre stato molto interessato ad appro- fondire la conoscenza dell´essere umano e proprio in quel periodo avevo letto alcuni libri riguardanti l´enneagramma. Alcuni di Richard Riso, un altro, il classico, di Helen Palmer e anche quello relativo all´Ennea-type struc- tures di Claudio Naranjo. Nonostante queste letture, sicuramente per la mia inclinazione autodidatta o a causa della carenza di una formazione più sistematica ed esperienziale – che invece possedeva Lluís Serra – mi resi conto del fatto che il contributo che io avrei potuto apportare alla ricerca era abbastanza limitato. Con tutto lo sforzo che sarebbe stato necessario allora per conoscere il mio tipo! Tuttavia la mia attrazione per le sfide e le possibilità creative mi fecero comprendere che, probabilmente, unendo la motivazione e la conoscenza di Lluís con la possibilità di poter offrire loro

Prologo

19

un sostegno dal punto di vista metodologico, si sarebbe potuto svolgere

un lavoro interessante relativo ad un sistema con molto potenziale: questo non poteva non essere evidente quando cominciammo, ma lo era certa- mente per Lluís che mi contagiò con il suo entusiasmo. Questo fu il punto

a partire dal quale iniziai a conoscerlo meglio, cominciando dal lavoro

concreto e dalle conversazioni riguardanti strettamente il lavoro ma che avevano origine quasi sempre dagli argomenti più disparati. Ammiravo di Lluís Serra il suo rigore, il suo talento nel lavorare, il suo stile sistematico e meticoloso, il suo interesse per l´aspetto storico e quello descrittivo, la sua capacità di analisi e sintesi. La capacità, che pochi possiedono, di vedere gli alberi e, contemporaneamente, anche il bosco. In Lluís queste qualità si colgono poiché traspaiono spesso da una nuova riflessione innovativa, da un´annotazione interessante sempre in linea con l´argomento, per com- plesso che sia. Così, poco a poco, scoprii il poliedrico Lluís Serra: edu- catore, dirigente, eccellente scrittore e giornalista, persino attore! Incarna egli stesso quell´ideale, al quale abbiamo prima accennato, dell´umanista dai molti interessi. Tutto questo si riflette molto chiaramente in questo libro. Vista l´ambizione dell´obiettivo, accadde quello che era prevedibile:

la ricerca si estese più di quanto ci saremmo aspettati, seguendo le diverse

tappe della vita del suo autore che arricchirono sempre il lavoro. Un´altra caratteristica di Lluís è questa: non abbandona mai il lavoro, persiste nel suo intento finché non raggiunge l´obiettivo, costi quel che costi, con sfor- zo e determinazione. Per tutti questi motivi, è facile capire che per me fu molto semplice e gratificante essere il relatore della sua tesi. Tuttavia c´è una caratteristica di Lluís Serra che mi sembra particolar- mente significativa e, potremmo dire, indispensabile per poter comprende- re bene il suo lavoro. Questa caratteristica è che Lluís si propone di aiuta- re le persone a risvegliare la propria vita interiore. Questo lo ha portato ad approfondire i diversi autori e le possibilità riferite all´enneagramma. Ha studiato a fondo, in particolare, La Quarta Via nel pensiero di Gurdjieff ma anche, approfondito in modo rilevante, la tradizione dei peccati capi- tali nella spiritualità cristiana. Riguardo a quest´ultimo punto, Lluís Serra ha studiato tale tradizione a partire dalla Grecia classica fino all´Età Mo- derna, contribuendo ad una migliore comprensione riguardo alle origini dell´enneagramma. Lluís Serra non scrive, come fanno molti, solamente

Enneagramma delle passioni

25

INTRODUZIONE

Ogni itinerario personale comincia da una discesa. Nel 1993, partecipai a un campo di lavoro ad Antananarivo, Madagascar. Quell´esperienza die- de origine a un libro che vide la luce quattro anni dopo: Il coraggio naviga dentro il mare (El coratge navega mar endins). Ricordo le ore di un pomeriggio trascorse nella discarica municipale di Tana, dove vidi i bambini scavare tunnel nelle montagne di spazzatura, con il rischio di rimanervi seppelliti, per estrarre oggetti di dubbio valore. Apocalittico. Discesi nelle viscere della miseria e dell´orrore, nei bassifondi della nostra società. Conobbi lì il sogno di alcune persone che cercano di rendere possibile un cambiamen- to. Questa volta, le cose sono diverse, ma hanno due punti in comune: la discesa e il coraggio. Discesa, che consiste nello scendere nelle profondità del cuore umano, al fondo delle sue passioni dominanti, e coraggio, con il rischio di perdere il contatto con la terra ferma e di essere inghiottito dalle acque. Si tratta di un´avventura personale (e collettiva), che accetta un itinerario senza la garanzia di arrivare alla meta prefissata. Come Luiz Vaz di Camões (1980) in Os Lusíadas, il viaggio trascorre “per mari mai navigati prima d´ora“ (p. 30), perché per ognuno il suo itinerario è una novità. Nel mio caso, altri mi hanno preceduto nella ricerca lasciando scie sulla superficie del mare. La mappa dell´enneagramma facilita il compito, purché si usi con rigore e conoscenza. Il suo potere nell´affascinare non

26

Enneagramma delle passioni

deve ostacolare il viaggio e la sua vera meta. L´impegno di conciliare la

mia ricerca esistenziale con la realizzazione di una tesi dottorale, malgra- do i rischi e le tensioni che potesse implicare, si è dimostrato fruttuoso e impegnativo. Le reticenze iniziali del mondo universitario potevano esse- re superate solamente con progetti, con buone basi e metodologia validi. Nessun progetto dottorale coinvolge tanto quanto quello che, partendo dalla propria vita e delle proprie inquietudini, non si limita a soddisfare alcuni requisiti universitari. La mia investigazione prende come punto di partenza il concetto del- le passioni dominanti come viene sviluppato da Claudio Naranjo (1994a, 1997, 2000, 2004), e mira a creare una teoria sulle ripercussioni che si producono in una persona quando si lascia guidare dalla sua passione dominante nell´ambito delle relazioni stesse, con gli altri (nell´ambito dell´amore – coppia e amicizia – lavoro) con i beni materiali (da un lato, denaro e proprietà, e dall´altro, natura ed ecologia) e con Dio, il divino,

il trascendente, delimitando in alcuni casi il terreno a determinati aspetti.

Gallen e Neidhardt (1997) pubblicarono un libro che contiene una rifles- sione sui diversi aspetti riferiti alle relazioni. Palmer (1995) studiò le ca- ratteristiche dell´interazione tra tutti gli enneatipi nell´ambito dell´amore

e del lavoro, tema questo al quale Lapid-Bogda (2006) dedicò un libro. Il

mio apporto prende in esame le relazioni da parametri distinti, come sono

le passioni dominanti, affronta tale compito in modo sistematico e applica

una metodologia ermeneutica, la Grounded Theory. Si basa sull´analisi qua- litativa dei testi di 27 interviste tanto in lingua castigliana come in lingua italiana, selezionate le une e le altre in funzione dei 27 sottotipi esistenti nell´enneagramma, concentrandosi fondamentalmente su ogni tipo. L´età media delle persone che hanno risposto ai questionari, nel momento in cui lo hanno compilato, era di 43 anni, quasi il 60 % delle quali appartenenti al sesso femminile. Il mio obiettivo è stato di accostarsi al substrato psicologico dei pecca-

ti capitali – chiamati qui passioni dominanti – applicato nel campo delle relazioni, e gettare ponti che favoriscano il dialogo interdisciplinare, con l´aiuto della mappa della psicologia degli enneatipi, comunemente chia- mata enneagramma. Le persone che si sono dedicate intensamente a vi-

Introduzione

27

vere processi spirituali, già in epoche precristiane fino agli eremiti, i padri

del deserto e i monaci in seguito (Grün 2003a), hanno ingaggiato strenue

battaglie interiori con il proprio ego che minacciava la loro libertà. Non si

mossero tanto dalla norma stabilita quanto dalla profondità della loro per- sonalità. Erano consapevoli dei loro sentimenti e dei diversi meccanismi psicologici che potevano ostacolare una vita spirituale e l´accesso a Dio. Dal profondo della persona, hanno costruito o scoperto una spiritualità che Anselm Grün chiama una spiritualità dal basso e che Evagrio Póntico definì con una formulazione classica: “Se desideri conoscere Dio impara in primo luogo a conoscere te stesso“ (Grün, 2000, p. 8). Santa Teresa d´Avila (1986) lo espresse con chiarezza: “Ho ricevuto per la più grande grazia del Signore un giorno di propria ed umile conoscenza, benché ciò

mi sia costato molte afflizioni e lavoro, più che molti giorni di preghiera,

(Fondazioni 5, 16, p. 692).” Autoconoscenza necessaria, ma non sufficien- te. La psicologia ha un ruolo chiave in questo tipo di spiritualità e in questi

processi personali le passioni svolgono un ruolo decisivo, come si può os-

servare in San Giovanni della Croce (1955) nella sua opera La Notte oscura della salita al Monte Carmelo. Il concretizzarsi di quelli che vengono chiamati peccati capitali fu il risultato del processo spirituale di quanti giunsero alla conclusione che c´erano alcune idee, sentimenti e azioni che erano fon- damentali, che generavano atteggiamenti a essi correlati e che bloccavano ogni progresso spirituale. Andare alla radice garantisce un processo più rigoroso e profondo. Si è effettuata in modo tradizionale la distinzione tra coscienza psico- logica e coscienza morale. Per la prima, mi riconosco autore dei miei atti. Per la seconda, elaboro la sua valutazione morale: cioè, se quello che ho fatto va bene o male. Senza la prima, la morale si trasforma in qualcosa di imposto, esterno alla persona che è costretta a rimanere nel tabù o nella proibizione. Approfondire la coscienza psicologica, un obiettivo collate- rale di questo libro, significa prestare un servizio insostituibile alla perso-

na e contemporaneamente procurare i fondamenti per l´esercizio di una

morale della libertà, senza la quale essa non avrebbe nessun senso. Garri-

do (1996) afferma: “Le scienze umane, specialmente la psicologia, hanno

analizzato il funzionamento della coscienza in tutta la sua complessità:

28

Enneagramma delle passioni

strutture, tendenze, evoluzione, etc“. (p. 544). Per questo motivo, il dialo- go tra psicologia e morale risulta profondamente arricchente e indispen- sabile. Ciononostante, non esiste altra pretesa che quella di procurare dati dalla psicologia in modo che lo studioso di morale possa utilizzarli per la sua riflessione. Non desidero oltrepassare qui i limiti della propria ricerca, benché sia consapevole che la terapia abbia un limite, ma la spiritualità, no. Prima di impegnarmi nello studio delle relazioni, ho disegnato lo sce- nario della ricerca attraverso domande sull´origine e sul significato del sim- bolo dell´enneagramma e sul numero delle passioni, poiché comunemente il cristianesimo parla di sette peccati capitali e l´enneagramma è incentrato su nove. Il fatto che l´enneagramma non abbia una paternità chiara e che per anni sia stato trasmesso in maniera orale, gli ha procurato un certo carattere esoterico e misterioso (Volmer, 1998). Ritengo infondate le sue origini sufi. Le tre persone chiave sono Gurdjieff, Ichazo e Naranjo. George Ivanovich Gurdjieff, la prima persona che parla dell´enneagramma, morì nel 1949 e i suoi contributi sono studiati dai gruppi di Quarta Via che si trovano disseminati in molte città del mon- do. Óscar Ichazo, creatore dell´Istituto Arica, trasmise a Claudio Naranjo nel 1970 alcuni elementi basilari dell´enneagramma. Naranjo, creatore del programma SAT (Seekers After Truth, Cercatori di verità), li ha sviluppa- ti su solide basi in modo tale che, secondo Palmer (1996), ha stabilito il ponte verso la psicologia contemporanea. La sua opera fondamentale in questo campo è Carattere e nevrosi. L´enneagramma dei tipi psicologici, (1994), completata da Gli enneatipi in psicoterapia, I tipi dell´enneagramma nella vita, nella letteratura e nella pratica clinica (Naranjo, 1997). Il processo dell´introduzione dell´enneagramma è stato complesso e la sua conoscenza è stata utilizzata a volte per finalità confuse che hanno danneggiato la sua credibilità, sia perché alcune correnti poco valide lo hanno parzialmente incluso nel loro bagaglio, sia per il fatto che – trattan- dosi di una metodologia innovativa – ne sono state proposte delle sempli- ficazioni che ne hanno banalizzato i contenuti. L´enneagramma enumera nove passioni, una per ogni tipo, delle quali sette coincidono con la lista tradizionale dei peccati capitali. Se ne aggiungono due: la vanità e la paura. In tutte le liste dei primi autori che formulano un´enumerazione chiusa, a

Introduzione

29

cominciare dal monaco Evagrio Póntico, sono comprese otto passioni, tra

le quali vi è la vanità. La paura, l´unica che non compare sulla lista, si po-

trebbe confondere con il sacro timore di Dio e, forse per questo motivo, ne fu esclusa. Questa ricerca permette la pubblicazione di due libri. Il primo, L´enneagramma delle passioni, questo che tenete tra le mani o magari sullo schermo di un e-reader, offre un´anatomia psicologica delle passioni do- minanti. Il secondo, L´enneagramma delle relazioni, che riflette la conclusione della mia ricerca, presenta una costellazione dei tratti di ogni passione do- minante per ognuno dei quattro ambiti studiati.

1. In relazione a se stessi (autoconcezione, autoimmagine, autostima)

2. Con gli altri

- Amore (coppia e amicizia)

- Lavoro

3. Con i beni materiali

- Denaro e proprietà

- Natura o ecologia

4. Con Dio , il divino, il trascendente

Entrambi i libri si collocano su un secondo livello di lettura. Non offro- no i concetti basilari dell´enneagramma, che si danno come presupposti,

e che fondamentalmente si inquadrano nei contributi di Claudio Naran-

jo. Anche un lettore che non li conosca può trarne vantaggio, benché gli possano sfuggire alcuni dettagli. Qui l´analisi di ogni passione segue uno stesso schema, ispirato alla relazione tra essere, consapevolezza e azioni. La consapevolezza che ogni persona ha del proprio essere si ripercuote- rà, normalmente, sulla sua maniera di comportarsi. La mancanza di con- sapevolezza, caratteristica dell´ego, oscura l´essere e turba il comporta-

mento. Dedico il capitolo finale del libro all´interrelazione tra le passioni dominanti, che può servire a vedere con maggior chiarezza somiglianze

e differenze tra gli enneatipi. Nei riferimenti, seguo le norme dell´APA

(American Psychological Association). Ho evitato una redazione basata sulla differenza dei sessi, benché non sempre sia stato possibile, ed ho

30

Enneagramma delle passioni

escluso espressioni perifrastiche o determinati stili che potessero ostacola- re un´agile lettura del testo. La mappa della persona secondo l´enneagramma si basa su tre centri.

Il centro mentale che genera pensieri, che ricevono il nome di fissazioni nella loro versione egoica. Il centro emozionale che genera sentimenti, de- nominati passioni quando agiscono con la forza dall´ego. Il centro viscera- le o istintivo, impegnato nell´azione, raggruppa gli istinti sessuale, sociale e conservativo che influiscono sul modo di vivere la passione dominante. Pertanto, l´enneagramma presenta le caratteristiche e le conseguenze del pensare, sentire e agire conformemente alle passioni. Bisogna dire che la psicologia degli enneatipi integra tre visioni della persona in uno schema comune: le psicologie della mente o cognitive, che privilegiano il pensare alla configurazione della personalità; le psicologie dell´emozione, che pri- vilegiano il sentire, e le psicologie del comportamento che ne chiariscono i copioni. Seguendo la lezione di Gurdjieff, si cerca di integrare queste tre visioni in quella che egli realizzò come la sua proposta della Quarta Via (Ouspensky, 1968; Reyner, 1985). Se una persona conosce la sua passione dominante, andrà direttamen- te, nella maggioranza di casi, al capitolo che parla di lei. Nessun proble- ma. Ciononostante, la conoscenza completa dell´enneagramma aggiunge profondità e sfumature alla comprensione di se stessi. Perciò, è racco- mandabile la lettura completa del libro, anche se non è necessario seguire un ordine preciso. Bisogna dire che tutte le passioni possono sedurci con maggiore o minore forza. Chi, qualche volta, non ha provato invidia? Chi non è mai caduto nella gola? Chi non è stato sfiorato dalla vanità? Chi non

si è arrabbiato? Chi non ha sperimentato desideri lussuriosi

chiave della passione dominante è il suo legame con il carattere: non reagi-

? L´elemento

sce solamente davanti a un fatto, come fanno le altre passioni, ma si attiva prima dell´esperienza. Queste realtà appartengono al cuore umano, per questo sono costantemente attuali.

Lluís Serra Llansana

NOTA: chi desideri comunicare commenti, riflessioni o esperienze correlate al contenuto di questo libro, può farlo mediante posta elettronica inviando i messaggi al seguente indirizzo:

llserrall@gmail.com

ENNEAGRAMMA DELLE PASSIONI

Anatomia psicologica delle passioni dominanti

IRA

IRA

‹‹

‹‹

E1

L´ENNEAGRAMMA

DELL´IRA

9

8 1 2 7 6 3 5 4
8
1
2
7
6
3
5
4

CATEGORIA

SOTTOCATEGORIA

Oscuramento

dell´essere

Oscuramento dell´ essere Riduzione del livello di consapevolezza Alterazioni del comportamento , per mezzo di alcune

Riduzione del livello di consapevolezza

dell´ essere Riduzione del livello di consapevolezza Alterazioni del comportamento , per mezzo di alcune

Alterazioni del comportamento, per mezzo di alcune strategie operative

Resistenza nei confronti del mondo reale a partire da parametri relativi a un mondo ideale (Auto)negazione del substrato istintuale ed emozionale

Cecità della mente provocata dall´eccesso di ira Identificazione con una maschera di irreprensibilità e bontà Formazione reattiva intesa come trasformazione di ciò che risulta inaccettabile Difficoltà varie nell´essere consapevole

(Auto)critica da parte di un giudice interno inappellabile Senso di superiorità nelle relazioni sociali (Super)sforzo volto al miglioramento e al perfezionismo (Auto)controllo sotto forma di ordini, regole, controllo e manipolazione Conflitto tra gli opposti, accompagnato da una sensazione di proibito Necessità di avere ragione, come garanzia di essere irreprensibile Rigidità accompagnata da mancanza di flessibilità e di spontaneità

‹‹

Ripercussioni dell´ira nell´ambito delle relazioni

ORGOGLIO

ORGOGLIO
INTERRELAZIONI TRA LE PASSIONI DOMINANTI
INTERRELAZIONI
TRA LE PASSIONI
DOMINANTI

Enneagramma delle passioni

359

RIFERIMENTI

BIBLIOGRAFICI

ALBERONI, F. (1999). Los envidiosos. ¿Qué y a quién envidiamos? (2ª ed.). Barcelona: Gedisa. Ed. it. (2000), Gli invidiosi. Milano: Garzanti. BUÑUEL, L. (film per la regia di, 1967), Bella di giorno. Francia-Italia. CALDERÓN DE LA BARCA, P. (1982). La vida es sueño. El alcalde de Zalamea. Estella (Navarra): Salvat Editores. Trad. it. (2008), La vita è sogno (Testo spagnolo a fronte). Milano: Garzanti. Trad. it. (1989), L' alcalde di Zalamea. Torino: Einaudi. ― (2005). El gran teatro del mundo. Barcelona: Debolsillo. Ed. it. (2011). Il gran teatro del mondo. Milano: Garzanti. CAMÕES, L. V. de (1980). Os Lusiadas. Madrid: Editora Nacional. Ed. It. (2001). Lusiadi. (Testo portoghese a fronte). Milano: BUR- Rizzoli. CAMPS, V., ARANGUREN, J.L. & FRAIJÓ, M. (994). La envidia. Madrid:

Alianza Editorial CASTILLA DEL PINO, C., TUBERT, S., MATES, R., VALCÁRCEL, A., CAMPS, V., ARANGUREN, J. L. & FRAIJÓ, M. (1994). La envidia. Madrid: Alianza Editorial. COIXET, I. (film per la regia di, 2003). La mia vita senza di me. Spagna-Canada. COPPOLA, F. F. (film per la regia di, 1972). Il padrino . USA. CHAPLIN, C. (film per la regia di, 1940). Il grande dittatore. USA. DARABONT, F. (film per la regia di, 1994). Le ali della libertà. USA. DOSTOIEVSKI, F. (2000). Los hermanos Karamazov. Madrid: Editorial Debate. Ed. It. (2005). I fratelli Karamazov. Torino: Einaudi. FRÖMM, E. (2006). El miedo a la libertad. Barcelona: Paidós Ibérica Ed. it. Frömm, E. (1994), Fuga dalla libertà. Milano: Mondadori.

360

Enneagramma delle passioni

EVAGRIO PÓNTICO (1995). Obras espirituales (Tratado Práctico a los monjes. Exhortación a una virgen sobre la oración). Madrid: Editorial Ciudad Nueva. Introducción y notas de José I. González Villanueva. Trad. it. (1995). Trattato pratico sulla vita monastica, Roma: Città Nuova.

Ed it. (1995). Per conoscere lui, Esortazione a una vergine, Ai monaci, Ragioni delle osservanze monastiche, Lettera ad Anatolio, Pratico, Gnostico. Monastero

di Bose, Biella: Qiqajon.

FELLINI, F. (film per la regia di, 1974). Amarcord. Italia. FISHER, R. (1996). El caballero de la armadura oxidada. Barcelona: Ediciones Obelisco. Ed. it. (2007). Il cavaliere nell'armatura arrugginita. Torino: Bis Edizioni. FOLLETT, K. (2001). Los pilares de la tierra. (2ª ed.). Barcelona: Plaza & Janés Editores. Ed. it. (2007). I pilastri della terra. Milano: Mondadori. GALLEN, M-A. & NEIDHARDT, H. (1997). El eneagrama de nuestras relaciones. Enredos, interacciones, crecimiento. Bilbao: Editorial Desclée de Brouwer. GARRIDO, J. (1996). Proceso humano y Gracia de Dios. Santander: Editorial Sal Terrae. Ed. It. (2008). La relazione affettiva con Dio. Bologna: EDB Edizioni. GIBRAN, G. J. (1976). El profeta. Barcelona: Editorial Pomaire. Ed. it. (2011). Il profeta e Il giardino del profeta. Milano: Mondadori. GOLDEN, A. (1999). Memorias de una geisha. México: Ediciones Alfaguara. Ed. it. (2012). Memorie di una geisha. Milano: Longanesi. GOETHE, J. W. (2002). Fausto. Barcelona: Espasa Calpe Ed. it. GOETHE, J. W. (2003). Faust. Milano: Mondadori. GRÜN, A. (1988). La mitad de la vida como tarea espiritual. (6ª ed.). Madrid: Narcea, S. A. de Ediciones.

Ed. it. (1988). Quarant'anni. Età di crisi o tempo di grazia? Padova: EMP

― (2000). Una espiritualidad desde abajo. El diálogo con Dios desde el fondo de la persona. Madrid: Narcea, S. A. de Ediciones. Ed. it. (2005). Spiritualità dal basso. Brescia: Queriniana. ― (2003a). La sabiduría de los padres del desierto. (4ª ed.). Salamanca:

Ediciones Sígueme. Ed. it. (2010). La saggezza dei padri del deserto. Torino: Gribaudi.

― (2003b). La protección de lo sagrado. Estella, Navarra: Verbo Divino. Ed. it. (2002), Sotto le ali del sacro. Padova: EMP.

Riferimenti bibliografici

361

HELLINGER, B. (2002). Órdenes del amor. Barcelona: Editorial Herder. Ed. it. (2003). Ordini dell'amore, Un manuale per la riuscita delle relazioni. Milano-Adria: Apogeo. HOMERO (2005). Odisea. Madrid: Alianza Editoral. Ed. it. OMERO (2012). Odissea. Milano: BUR-Rizzoli. HONORÉ, C. (2005). Elogio de la lentitud. Un movimiento mundial desafía el culto a la velocidad. (3ª edc. ) Barcelona: RBA Libros. Ed. it. (2008). E vinse la tartaruga, Elogio della lentezza: rallentare per vivere meglio. Milano: Rizzoli. HUXLEY, A. (1949). Al margen. Madrid: La Nave Ed. it. (2007). Tutti i racconti. Milano: Dalai Editore. IBSEN, H. (2002). Nora o Una casa de muñecas. El pato salvaje. Madrid: Promoción y Ediciones. Ed. it. (2007). Una casa di bambola. Milano: BUR-Rizzoli. Ed. it. (2003). L'anitra selvatica. Milano: BUR-Rizzoli. JUAN DE LA CRUZ, SAN (1955). Noche oscura de la subida al Monte Carmelo. En: Vida y obras de San Juan de la Cruz. Madrid: La Editorial Católica. Trad. it. (2011). Notte oscura. Bologna: EDB Edizioni. Trad. it. (2006). Salita del monte Carmelo. Roma: Edizioni OCD. (1994). Obras completas. Madrid: La Editorial Católica. Trad. it. (2001). Opere complete. Milano: San Paolo Edizioni. KUBRICK, S. (film per la regia di, 2002). Eyes Wide Shut. USA. KUROSAWA, A. (film per la regia di, 1952). Vivere. Giappone. LACROIX, M. (2005). El culte a l’emoció. Atrapats en un món d’emocions sense sentiments. Barcelona : Edicions La Campana. Ed. it. (2002). Il culto dell'emozione. Milano: Vita e pensiero. LARRA, M. J. de (2005). Vuelva usted mañana. Madrid: El País. Trad. it. (2011). Artículos (Testo spagnolo a fronte). Milano: La Vita Felice. LAS MIL Y UNA NOCHES (1999). (2ª ed.). [Alí Babá y los cuarenta ladrones, pp. 290-298] Barcelona: Óptima. Ed. it. ANGIOLILLO ZANNINO, G., LUONI B. (traduzione a cura di, 2009), Le mille e una notte. Milano: BUR-Rizzoli. LEIBNIZ, G. W. (2001). Compendio de la controversia de la Teodicea (Parte I, 8-11). Madrid: Encuentro. Ed. it. (2005), Saggi di Teodicea sulla bontà di Dio, la libertà dell'uomo e l'origine del male (Testo francese a fronte). Milano: Bompiani. LEONE, S. (film per la regia di, 1966). Il buono, il brutto, il cattivo. Italia.

362

Enneagramma delle passioni

LYNCH, D. (film per la regia di, 1980). The elephant man. USA. MEIRELLES, F. (film per la regia di, 2002). City of God. Brasile. MILTON, J. (2003). El paraíso perdido. Pozuelo de Alarcón, Madrid: Espasa Calpe. Ed. it. (2004). Il paradiso perduto. Milano: Mondadori. MINA & A. LUPO (canzone, 1972). Parole, parole, parole, in Cinquemilaquarantatre Mina. Lugano: studi "La Basilica" PDU. MOLIÈRE (2000). El avaro. Barcelona: Océano. Ed. it. (2004). L' avaro. Torino: Einaudi. NARANJO, C. (1993). La agonía del patriarcado. Barcelona: Kairós. Ed. it. (2009). L'ego patriarcale, Trasformare l'educazione per rinascere dalla crisi costruendo una società sana. Milano: Apogeo. ― (1994a). Carácter y neurosis. Una visión integradora. Vitoria-Gasteiz: La Llave. Ed. it. (2006). Carattere e nevrosi, L'enneagramma dei tipi psicologici. Roma:

Astrolabio Ubaldini Edizioni.

― (1998). Autoconocimiento transformador: los eneatipos en la vida, la literatura y la clínica. Vitoria-Gasteiz: La Llave.

Ed. it. (2003). Gli enneatipi in psicoterapia, I tipi dell'enneagramma nella vita, nella letteratura e nella pratica clinica. Roma: Astrolabio Ubaldini Edizioni.

(2000). El Eneagrama de la sociedad. Males del mundo, males del alma.

Vitoria-Gasteiz: La Llave. Ed. it. (2007). La civiltà, un male curabile. Milano: Franco Angeli.

― (2004). Cambiar la educación para cambiar el mundo. Vitoria-Gasteiz: La

Llave. Ed. it. (2006). Cambiare l'educazione per cambiare il mondo. Per un'educazione salvifica. Udine: Forum Edizioni. NARDONE, G. (2004). No hay noche que no vea el día. La terapia breve para los ataques de pánico. Barcelona: Herder. Trad. it. (2005). Non c'è notte che non veda il giorno. Milano: TEA. NHAT HANH, T. (2002). La ira: el dominio del fuego interior. Barcelona: Ediciones Oniro. Ed. it. (2003). Spegni il fuoco della rabbia. Governare le emozioni, vivere il Nirvana. Milano: Mondadori. NIETZSCHE, F. (2003). La genealogía de la moral . Madrid: Tecnos Ed. It. (1984). Genealogia della morale. Uno scritto polemico. Milano, Adelphi. OUSPENSKY, P. D. (1968). Fragmentos de una enseñanza desconocida. (8ª ed). Buenos Aires: Librería Hachette.

Riferimenti bibliografici

363

Ed. it. (1976). Frammenti di un insegnamento sconosciuto. Roma: Astrolabio Ubaldini Edizioni. PALMER, H. (1996). El eneagrama. Barcelona: Los Libros de la Liebre de Marzo, S. L.

Ed. It. (1988). L’enneagramma, La geometria dell’anima che vi rivela il vostro carattere. Roma: Astrolabio Ubaldini Edizioni. PLATÓN. (1979). Obras completas, Madrid: Aguilar S. A. de Ediciones. Ed. it. (2000). Tutti gli scritti. Milano: Bompiani. PUZO, M. (2004). El padrino. Barcelona: Círculo de Lectores. Ed. it. (1998). Il padrino. Milano: TEA. SÁNCHEZ PIÑOL, A. (2003). La pell freda. Barcelona: Edicions La Campana. Ed. it. (2005). La pelle fredda. Milano: Feltrinelli. SERRA LLANSANA, L. (1997). El coratge navega mar endins. Barcelona: STJ.

― (2010). Códigos del despertar interior. Barcelona: La Teca Ediciones.

Trad. it. (2010). Codici di Risveglio Interiore. Barcellona: La Teca Edizioni.

SHAKESPEARE, W. (1989). Teatre (vol II). La tragèdia de Juli Cèsar. Barcelona:

Ed. Selecta-Catalònia.

Ed. it. (2007). Giulio Cesare (Testo originale a fronte). Milano: Feltrinelli.

― (2000). El mercader de Venecia. Barcelona: Anagrama.

Ed. it. (2008). Il mercante di Venezia (Testo originale a fronte). Milano:

Feltrinelli. SINAY, S. & BLASBERG, P. (1998). Gestalt para principiantes. Buenos Aires: Era naciente. SODERBERGH, S. (film per la regia di, 1989). Sesso, bugie e videotape. USA. STEVENSON, R. L. (1999). El extraño caso del Dr. Jekyll y Mr. Hyde. México, D.F.: Lectorum. Ed. it. (2012), Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde. Milano:

BUR-Rizzoli. TERESA DE JESÚS, SANTA (1986). Obras completas. Madrid: La Editorial Católica.

Ed. it. (2011), Tutte le opere (Testo spagnolo a fronte). Milano: Bompiani. THACKERAY, W. (1984). La fira de les vanitats (vols. I y II). Barcelona: Edicions

62.

Ed. it. (2012). La fiera della vanità. Milano: Garzanti. TEILHARD DE CHARDIN, P. (1.963). Prólogo. En: Teilhard de Chardin, M.M. Energia espiritual del sufrimiento. Barcelona: Fontanella. Ed. it. (2000). Sulla sofferenza (Prologo). Brescia: Queriniana.

364

Enneagramma delle passioni

UNAMUNO, M. de. (1998). Abel Sánchez. Madrid: Ediciones Cátedra. Trad. it. (2009). Abel Sanchez, Una storia di passione. Venezia-Mestre:

Amos Edizioni. VOLLMAR, K. (1998). El secreto del eneagrama. Un sistema que revela las claves de la personalidad. Madrid: Editorial EDAF. Ed. it. (1999). Il segreto dell'enneagramma, Saper diventare padroni della propria vita. Cesena: Macro Edizioni. WEIR, P. (film per la regia di, 1990). Green Card - Matrimonio di convenienza. USA.

Titoli pubblicati dello stesso autore

Titoli pubblicati dello stesso autore Codici di risveglio interiore La trasformazione di sé verso la verità,

Codici di risveglio interiore

La trasformazione di sé verso la verità, l’ amore e la libertà.

Lluís Serra Llansana

Il sonno e il risveglio sono due stati vitali che si differenziano per il livello di coscienza. Nel primo, risulta praticamente inesistente. Nel secondo, la sua influenza lascia un segno. Nonostante ciò, in entrambi i casi, ci si riferisce non solo alla dimensione fisica della persona, ma anche alla sua dimensione psicologica e spirituale, che è molto più determinante. Quando qualcuno vive addormentato, si trasforma in un essere meccanico. Può godere del successo, richiamare l’attenzione della società, avere un’agenda senza spazi vuoti, ma gli sfuggono le cose essenziali. Essere cosciente costituisce un’altra realtà che è vincolata ai sensi, e germoglia nell’interiorità della persona. “Le gocce di articoli, che ho scritto e pubblicato a ritmo mensile per la dispensa di studio specializzata La Quarta Via, hanno riempito la tinozza di un progetto editoriale de La Teca. Tutti gli articoli, in un modo o nell’ altro, sono al servizio del risveglio e stimolano alla vita cosciente. Si prefiggono di offrire i codici che ci permettono di accedere al risveglio interiore”.

La Teca Edizioni - 216 pg. Saggistica - ISBN: 978-84-937668-2-5

La Teca Edizioni

Prossimamente

L'Enneagramma delle Relazioni

Costellazione dei tratti delle passioni dominanti

Lluís Serra Llansana

L'Enneagramma delle Relazioni Costellazione dei tratti delle passioni dominanti Lluís Serra Llansana

La Teca Edizioni

MULTIMEDIA

Il Sonno di Rosetta

Teatro - Cinema - Danze di Gurdjieff Edizione Speciale DVD

La storia del Ney

La storia dell’uomo CD - Testo e voce narrante

Giovanni Maria Quinti

Musica e idea originale

Fabio Imbergamo

Prossime pubblicazioni

Incontri con il Maestro

Conferenze di Ouspenski dal 1930 al 1947

P. D. Ouspensky

Lo Gnostico Paolo

Esegesi gnostica delle lettere paoline

Elaine Pagels

di Ouspenski dal 1930 al 1947 P. D. Ouspensky Lo Gnostico Paolo Esegesi gnostica delle lettere
LaTeca Edizioni Gran Vía, 204 bis, local 4 - 28004 - BARCELLONA - Spagna Tel.

LaTeca Edizioni

Gran Vía, 204 bis, local 4 - 28004 - BARCELLONA - Spagna Tel. 06 98357445 - +34 93 432 99 76 lateca@lateca.info

www.gurdjieff.es