Sei sulla pagina 1di 1

Giancarlo

La mappa delia critica letteraria italiana anni Settanta. Rispetto al passato i critici militanti , cio quelli che non fanno soltanto accademia ma arrivano anche al grosso pubblico scrivendo su quotidiani e riviste, non si possono pi raggruppare in scuole n metterli in relazione diretta con grandi < <maestri come Croce, De Sanctis o Emilio Cecchi. Il panorama formato da raggruppamenti piuttosto flui di che spesso hanno contatti e scambi fra loro. Per esempio, come si vede nel dise gno, Mario Spinella sia tra I marxisti sia tra gli psicanalitici, e Alberto Arbasino presente tanto come critico-scrit tore che come avanguardista.