Sei sulla pagina 1di 18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

Variazioni su un tema di Borges, I


Paolo Caressa (1994)

Nel suo libro di saggi Otras inquisicciones (Emec, Buenos Aires, 1960), Jorge Lus Borges pubblic il breve saggio La esfera de Pascal, presentandolo come la storia di una metafora della storia universale... Le suggestioni provocate dal breve scritto sono cariche di spunti matematici, e mi sono tornate alla mente nel leggere un articolo di M.Eden pubblicato nel volume Mots (Hermes, Paris, 1990) che raccoglie una serie di scritti dedicati a M.P.Schtzenberger. Lo scopo di questa nota quindi unicamente quello di collegare questi lontani e diversi scritti, tracciando in qualche modo un percorso, frutto pi del caso che della ricerca sistematica, fra le visioni geometriche dell'ermetismo antico e le elucubrazioni della scienza moderna. L'eterogenea pletora di dati raccolti ci che ho da offrire all'attonito lettore.

Qual' il geometra che tutto s'affigge Per misurar lo cerchio, e non ritrova, pensando, quel principio ond'elli indige, Tal'era io a quella vista nova: Veder voleva come si convenne L'imago al cerchio e come vi s'indova; Ma non eran da ci le proprie penne: Se non che la mia mente fu percossa Da un fulgor in che sua voglia venne.
www.caressa.it/testi/varborges.html 1/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

A l'alta fantasia qui manc possa; Ma gi volgeva il mio diso e 'l velle, S come rota ch'igualmente mossa L'amor che move il sole e l'altre stelle. Cos, mirabilmente, si conclude il Paradiso di Dante, il quale dichiara esplicitamente di non essere in grado di descrivere n di comprendere la visione divina cui si trova dinanzi, e con la quale termina, quasi spossato, l'intero poema. notevole il fatto che il poeta scelga come termine di paragone il problema della quadratura del cerchio, questione oscura e misteriosa ai suoi tempi. Il costume intellettuale di usare paragoni geometrici nel descrivere questioni teologiche inafferrabili non esclusivo di Dante, ma si trova in tutta la letteratura metafisica classica. Infatti, nell'antichit, la teologia e la visione del mondo erano un tutt'uno: le entit metafisiche venivano comunque "localizzate" in qualche posto, seppur ultraterreno, e quindi erano passibili di descrizione geometrica. Cos l'universo degli antichi, ad esempio l'universo aristotelico che dominava la Weltanschauung medievale, comprendeva luoghi geometricamente determinati ove risiedevano le potenze sovrannaturali e Dio stesso. La famosa descrizione delle sfere concentriche pi o meno numerose che circondano la Terra, centro del Creato, stata un modello geometrico dominante nel Medioevo. Queste descrizioni non hanno perduto il loro fascino n la loro suggestione: in particolare la questione pi interessante riguarda l'ultima sfera del Creato, che corrisponde poi all'Empireo. A proposito di questa, San Bonaventura afferma che "contiene ogni cosa e non contenuta in null'altro" (omnia continens et a nullo alio contenta), cos come Campano da Novara (astronomo, medico e cappellano di Urbano IV, noto per un commento a Euclide) dichiara che la superficie "convessa" del cielo Empireo non ha altro oltre s. Queste opinioni sembrano esprimere una concezione geometrica moderna, secondo la quale gli oggetti geometrici non devono necessariamente essere pensati come immersi in uno spazio euclideo, ma possono essere considerati a s stanti (il che ci fa pensare alle veriet riemanniane della relativit generale, i modelli moderni dello spazio-tempo). La questione pu essere ancora pi sottile (e fuorviante) se si considerano le coincidenze numeriche fra le concezioni cosmogoniche antiche e moderne: i 9+1 cieli medievali e la segnatura 9+1 dello spaziowww.caressa.it/testi/varborges.html 2/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

tempo di Witten (su questo argomento e sul confronto superstringhetomismo, si veda O. Pekonen, The Heavenly Spheres Regained, The Math. Intell. 15 (1993), 22-26). Un dato che per noi moderni pu apparire arbitrario l'incessante ricorrenza della forma sferica in questo tipo di discussioni di, per cos dire, geometria/metafisica. Questo facilmente spiegato se si considera che la concezione degli antichi della geometria e delle figure geometriche era totalmente euclidea: il concetto fondamentale sul quale si fondavano le definizioni e le argomentazioni geometriche era quello di "distanza", perch direttamente sperimentabile nel mondo fisico (a sua volta non sempre distinto dal mondo geometrico) tramite la vista ed il tatto. La necessit di misurare lunghezze, aree e volumi ha dato origine alle prime astrazioni della gometria, e la simmetria e la perfezione delle figure geometriche elementari sono sempre state affiancate alla simmetria ed alla perfezione dei numeri interi. Cos Platone, nel Timeo (VIII) spiega perch la sfera sia la forma perfetta e divina: [...] [il Demiurgo] form un corpo levigato ed omogeneo in tutti i punti equidistanti dal centro, e intero e perfetto, risultante da corpi perfetti, e postavi nel mezzo un'anima, non soltanto ve la distese interamente, ma con essa lo avviluppo anche al di fuori, e cos form un cielo circolare, che si muove circolarmente, unico e solitario, ma per propria virt autorigenerantesi, non bisognoso di nessun altro, e capace di conoscere e amare a sufficienza se stesso. E per tutte queste ragioni il demiurgo lo gener. Si confronti questa opinione con il seguente passaggio che copio dall'incomincio del De rivolutionibus orbium clestium di Copernico (1453): Per prima cosa osserviamo che il mondo sferico, sia perch questa la pi perfetta fra le forme, totalmente integra e non bisognosa di altre compagini; sia perch fra tutte le figure quella pi capiente e che meglio conviene a custodire tutte le altre, sia anche perch ogni parte distinta del mondo, intendo il Sole, la Luna e le stelle, constano di tale forma; sia perch tutte le cose tendono a questa forma, come appare nelle gocce d'acqua e negli altri corpi liquidi, quando sono lasciati a se stessi. perci nessuno potr dubitare che tale forma sia anche da attribuirsi ai corpi divini Ragioni analoghe hanno spinto i pensatori antichi a ritenere perfetto il
www.caressa.it/testi/varborges.html 3/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

moto circolare. Scrive Plotino nelle Enneadi (II, 2-1) Perch [il cielo] si muove di moto circolare? Perch imita l'intelligenza. [...] In un cerchio il centro naturalmente immobile, ma se anche la circonferenza fosse tale, sarebbe un immenso centro. Essa girer piuttosto intorno al suo centro. Cos il movimento circolare, legato alla forma sferica, perfetto. La perfezione della forma sferica, e del moto circolare, implicano che questi non si addicono non solo all'universo ma a Dio medesimo. Cos il presocratico Senofane, vissuto fra il VI e V secolo a.C., sostenendo l'impersonalit di Dio, che contrapponeva al culto degli di, lo raffigur come una sfera, reputando questa forma la meno inadatta a rappresentare l'unit e la perfezione. Parmenide di Elea, vissuto circa mezzo secolo appresso, cos si esprime nel suo Poema sulla Natura, in un frammento riportato dallo scettico Sesto Empirico, nella sua opera Contro i matematici (VII): [l'Essere] compiuto da ogni lato simile alla massa di una sfera rotonda, di uguale forza dal centro in tutte le direzioni; che egli infatti non sia n un po' pi grande n un po' pi debole qui o l necessario. Autorevoli commentatori, come Mondolfo (cfr. Zeller, Mondolfo, La filosofia dei Greci, IV, La Nuova Italia, Firenze, 1961) e Calogero (Storia della logica antica, Laterza, Bari, 1961) attribuiscono una valenza dinamica a queste opinioni, che riecheggia anche nel passo del Timeo citato in precedenza. L'immagine di Dio come una sfera (infinita, o dinamicamente tendente all'infinito, come il pensiero presocratico lascia intendere) riaffiorata negli scritti ermetici, il cui corpus si caoticamente ed eterogeneamente ampliato a partire dal III secolo d.C., e che compendiano la sapienza antica iniziata da Hermes Trismegistus figura mitica, (il nome dice: Mercurio tre volte sapiente), leggendario re-mago, identificato anche col dio egizio della sapiena Toth (ritratto di solito come babuino scriba), che avrebbe regnato per 3226 anni e scritto 36525 libri; Giamblico, nel suo I misteri dell'Egitto diminu, nel vano tentativo di rendere credibili questi dati, il novero dei volumi a 20000 e Clemente Alessandrino, nei suoi Stromata, li ridusse ragionevolmente a 42. Di questa opera mitica non restano che dei frammenti, tessere forse di un unico mosaico, che vanno sotto il nome di Corpus Hermeticum. In uno di questi scritti frammentari troviamo (si tratta dell' Asclepio) la seguente formula, evidenziata per la prima volta dal teologo francese Alanus de Insulis sul finire del XII secolo:
www.caressa.it/testi/varborges.html 4/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

Dio una sfera intellegibile, il cui centro in ogni parte e la cui circonferenza inaccessibile. Questa inimmaginabile configurazione geometrica sembra ricorrere nel pensiero post-medievale in forme assai diverse, eppur preservando il suo carattere originario; Borges, che ne ricostruisce la storia nel libro Otras inquisicciones (Emece, Buenos Aires, 1960) afferma che l'immagine di una simile e inconcepibile sfera una metafora il cui iterarsi perdurer ab eterno. Fra le sue manifestazioni, qui ricordiamo quella emersa nel De la causa, principio et uno di Giordano Bruno, dove (libro V) si legge [...] sicuramente possiamo affirmare che l'universo tutto centro o che il centro dell'universo per tutto, e che la circonferenza non in parte alcuna per quanto differente dal centro, o pur che la circonferenza per tutto, ma il centro non si trova in quanto che differente da quella. (Bruno qui con "universo" intende il riflesso immanente, e dunque passibile di indagine razionale, dell'Uno, cio del Dio che, per sua natura, imperscrutabile agli intelletti umani). Questa visione viene poi ripresa da Pascal che scrisse, come rammenta Borges: La natura una sfera infinita il cui centro in tutte le parti e la circonferenza in nessuna. ma che, nel manoscritto originale, scrisse "spaventosa" in luogo di "infinita". Qui voglio rimarcare come queste argomentazioni si fossero spinte molto pi oltre nell'opera di Nicola Cusano, ed in particolare nella sua Dotta ignoranza. Quivi Cusano dimostra come un triangolo ed un cerchio infiniti siano la medesima cosa, al fine di dimostrare la ragionevolezza del dogma della trinit divina, e rende pi complesso ed elaborato il dettame ereditato, consciamente o inconsciamente, dalla tradizione ermetica e neoplatonica. Leggiamo nel libro I, cap.XII: Altri ancora, che si sono sforzati di raffigurarsi l'unit infinita, dissero Dio cerchio infinito. E coloro che considerano di Dio l'esistenza assolutamente in atto, dissero che egli come una sfera infinita. Il paragone che azzarda Cusano quello del triangolo infinito, e le figure che sembra suggerire ricordano la rappresentazione schematica del piano proiettivo con le tre
www.caressa.it/testi/varborges.html 5/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

rette corrispondenti agli assi delle coordinate omogenee: x0, x1, x2. Scrive ancora Cusano, nel libro I, cap.XXI: Il cerchio figura perfetta dell'unit e della semplicit. Abbiamo gi dimostato che il triangolo [infinito] cerchio. [...] Questi pensieri si evidenziano nel cerchio infinito senza 2 Rappresentazione del piano proiettivo P : le coordinate principio e senza fine, omogenee [x0,x1,x2] sono legate a quelle cartesiane (x,y) eterno, in modo indivisibile come x=x1/x0 e y=x2/x0. quanto mai uno e tale da abbracciare tutto. E poich si tratta si un cerchio massimo, anche il suo diametro massimo. Ma poich non possono esservi pi massimi [dimostrazione per assurdo basata sulla presunta unicit dell'infinito] quel cerchio quanto mai uno tale che il suo diametro circonferenza. Un diametro infinito ha un punto medio che all'infinito. E il solo punto medio il centro. Perci contro, diametro e circonferenza sono la stessa cosa. Partendo da questi presupposti, nel libro II, cap.XI, scrive: Il centro del mondo coincide con la circonferenza. Ma il mondo non ha circonferenza. Se avesse un centro, il mondo avrebbe anche una circonferenza, e avrebbe in se stesso, al suo interno, l'inizio e la fine, e avrebbe limiti in rapporto a qualcos'altro e, al di fuori del mondo vi sarebbe dell'altro e vi sarebbero altri luoghi ancora. Affermazioni tutte senza verit. Essendo impossibile che il mondo si racchiuda fra un centro corporeo ed una circonferenza, il mondo risulta inintellegibile, e Dio stesso ne centro e circonferenza. Osserviamo come in questo passo ritorni l'opinione citata in precedenza di San Bonaventura e Campano da Novara sulla non esistenza di altri luoghi di l dal cosmo: esso non immerso in nessun altro spazio ultraterreno. Infine, nel libro II, cap.XII, Cusano formula la sua versione del dictamen giunto da Hermes Trismegistus a Pascal: La macchina del mondo avr il centro ovunque, e la circonferenza in nessun luogo, poich la sua circonferenza ed il
www.caressa.it/testi/varborges.html 6/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

suo centro sono Dio, che dappertutto e in nessun luogo. Non il caso di insistere ulteriormente sulla ricchezza tematica dell'opera di Cusano i cui riferimenti matematici divengono spesso l'asse portante di intere argomentazioni. Allontaniamoci quindi (non senza una punta di rimpianto) dal filosofo rinascimentale, avvicinandoci al contempo al presente. Un pensatore dell nostro secolo che ha tributato a Cusano il riconoscimento dovuto stato Hermann Weyl: come noto, il grande intellettuale tedesco non solo ha lasciato un'orma profonda nelle matematiche moderne, ma ha anche contribuito al dibattito filosofico della prima met del novecento intorno ai fondamenti del pensiero scientifico. nella prima di tre conferenze tenute alla Yale University nel 1931 che Weyl fa esplicito richiamo alla dotta ignoranza di Cusano in relazione al problema della concezione del divino nel mondo moderno. L'aspetto geometrico ed aritmetico delle simmetrie naturali il punto di partenza delle argomentazioni di Weyl, che cita Kepler nel passo La scienza dello spazio unica ed eterna, ed un'immagine dello spirito di Dio. in cui riecheggiano le opinioni di Bruno e Cusano, e sviluppa il suo discorso nel quale, latente, dietro osservazioni caute e pacate, in Weyl s'avverte la stessa tensione che abbiamo gi letto in Bruno e Cusano: Weyl ovviamente non fa esplicito riferimento al motto antico del quale abbiamo tracciato la storia, poich un moderno, ben conscio delle differenze fra mondo matematico e mondo fisico, ma ci non gli impedisce di esprimersi cos: La mera postulazione del mondo esterno non spiega, in realt, proprio ci che si supponeva dovesse spiegare, e cio il fatto che io, in quanto sostanza che agisce e percepisce, mi trovo collocato in tal mondo; la questione della sua realt inseparabilmente connessa con la questione del render conto della sua armonia retta fra le leggi matematiche. Ma il fondamento definitivo della ratio che governa il mondo lo possiamo trovare solo in Dio; un aspetto della sostanza divina. Piuttosto che un modello geometrico, Weyl lascia intendere che, come termine di paragone, come analogia cusaniana, il modello insiemistico quello che pu evocare suggestioni teologiche corrette. Cos la teoria cantoriana del transfinito d lo spunto a Weyl per le
www.caressa.it/testi/varborges.html 7/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

seguenti riflessioni: Noi rigettiamo la tesi della finitezza categoriale dell'uomo, sia nella sua forma statica [...], sia nella sua forma teistica, specificamente luterano-protestante [...] Al contrario l'intelletto libert all'interno delle limitazioni dell'esistenza; aperto verso l'infinito. vero che Dio, cos come l'infinito attuale, non pu e non potr essere compreso dall'intelletto; Dio non pu penetrare nell'uomo attraverso la rivelazione, n pu l'uomo penetrane in lui attraverso la percezione mistica. L'infinito attuale pu essere solo rappresentato simbolicamente. (si noti l'ultimo periodo, che riecheggia una nota sentenza di Gauss.) Rileggendo questo passo di Weyl, due altre concezioni tornano alla mente: gli interventi teologici di Cantor e Planck. Georg Cantor, partendo dalla sua teoria degli insiemi e cercando di giustificare il concetto di insieme che tentava di formalizzare, arriva a spiegare la plausibilit e l'esistenza degli insiemi con la plausibilit e l'esistenza di Dio: Una dimostrazione parte dal concetto di Dio, e dalla massima perfezione dell'essenza di Dio trae come prima conclusione la possibilit di creare un transfinitum ordinatum [la gerarchia totalmente ordinata dei numeri ordinali]. Passa poi a concludere dalla sua divinit e gloria la necessit della riuscita della creazione reale del transfinitum. Azzardo qui, in modo empio e blasfemo, una versione cantoriana del dictamen sulla natura di Dio il cui riaffiorare nella storia del pensiero stiamo considerando: Dio un insieme i cui sottoinsiemi sono ovunque e che non contenuto in nessun altro. Aggiungo anche che questa formulazione mal posta: un tale insieme sarebbe l'insieme degli insiemi, e il paradosso di Russell diverrebbe una dimostrazione per assurdo della non esistenza di Dio! Pi ragionevole, Max Planck sembra sostenere alcune delle opinioni di Weyl, quando in una sua conferenza del 1937 afferma: Niente quindi ci impedisce, anzi una nostra inclinazione intellettuale tendente ad una concezione unitaria del mondo lo esige, di identificare tra loro i due poteri operanti su tutto, eppure pieni di mistero, l'ordinamento del mondo della scienza e il Dio della religione [...] Partendo da ci egli [lo scienziato] cerca di avvicinarsi il pi possibile, sulla via della ricerca induttiva, a Dio e al suo ordinamento del mondo come scopo
www.caressa.it/testi/varborges.html 8/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

supremo, eternamente irraggiungibile. Ecco di nuovo espressa, da un fisico, l'inintellegibilit dell'infinito attuale (in qualche modo identificato con Dio nel miglior spirito plotiniano) gi espressa da Weyl. Ma questo ci porta fuori strada rispetto al percorso che stiamo seguendo e tracciando allo stesso tempo, e che parte, cronologicamente, dalla sfera infinita di Parmenide. Prendendo spunto tuttavia dal passo di Cantor sopra riportato, non sembra inopportuno riprendere il discorso insiemistico e logico sull'esistenza di Dio. Mentre Weyl sembra postulare l'esistenza del mondo e da questa intuire l'esistenza di Dio, e tuttavia non azzarda nessun tentativo di riesumare una "teologia razionale" (pure in voga ai suoi tempi, nel post Concilio Vaticano I), nella quale gli enti metafisici sono rappresentati simbolicamente e manipolati con le regole della logica formale, un suo grandissimo coevo, Kurt Gdel, si spinge pi in l. La dimostrazione ontologica dell'esistenza di Dio elaborata da Gdel di difficile reperimento: ne ho trovato tracce nel volume di Hao Wang Reflections on Kurt Gdel (MIT Press, Cambridge, 1987) dal quale copio ci che segue. Intanto Gdel introduce i concetti, distinti dagli oggetti, che considera enti intenzionali (congettura, seguendo Frege, che gli insiemi siano estensioni di concetti). Chiama poi positivi e negativi i concetti che fanno riferimento ad entit morali. Allora la linea del ragionamento di Gdel la seguente: Assioma 1 (Dicotomia) Un concetto positivo se e solo se la sua negazione negativa. Assioma 2 (Chiusura) Un concetto positivo se necessariamente implicato da un concetto positivo. Teorema 1 Un concetto positivo consistente (cio pu avere delle istanze). Definizione D divino se e solo D soddisfa tutti i concetti positivi. Assioma 3 Essere divino un concetto positivo. Assioma 4 Essere un concetto positivo logico, dunque necessario. Definizione Un concetto P l'essenza di x se e solo se x soddisfa P (cio se P(x) vero) e se P minimale rispetto a questa propriet. Teorema 2 Se x divino allora "essere divino" l'essenza di x. Definizione NE(x) se e solo se x ha una propriet essenziale (cio tale che sia la sua essenza). Se vale NE(x) allora si dice che x esiste necessariamente. Assioma 5 Essere NE God-like. Teorema 3 Necessariamente esiste qualche x tale che x divino.
www.caressa.it/testi/varborges.html 9/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

Ovviamente sarebbe interessante vedere la dimostrazione in tutti i dettagli (senza contare del problema dell'unicit: in genere in Matematica si procede per assurdo, ma Gdel era molto attento alle istanze intuizioniste, che rigettano questo metodo di dimostrazione, e chiss come avrebbe proceduto in questo caso). Non credo comunque che le opere di Gdel in corso di pubblicazione riportino i suoi scritti in proposito. Dimostrazioni simili erano gi state date da Cartesio e da Leibniz, sulla base del classico argomento di Sant'Anselmo d'Aosta, il cosiddetto argomento ontologico, che si pu riassumere come segue: si parte dal concetto (innato in ogni uomo per ipotesi) di Dio quale essere perfetto o necessario, e si conclude, senza rifarsi all'esperienza empirica (cio a priori) l'esistenza di questo essere, che caratteristica essenziale della sua perfezione o necessit (in breve: Dio cos perfetto che fra i suoi attributi v' l'esistenza). L'interesse della dimostrazione di Gdel triplice: intanto l'autorit di Gdel stesso spinge a prenderla in considerazione dal punto di vista dell'argomentazione formale; poi il grado di precisione con la quale formulata, che la rende esteticamente interessante; infine il fatto che sia stata elaborata negli anni '70 del XX secolo! Conchiuder qui l'argomento, certo di aver sconcertato il lettore, ricordando la seguente confutazione delle dimostrazioni ontologiche dell'esistenza di Dio elaborata dal teologo tedesco Hans Kng: L'argomento ontologico si era interrogato sull'esistenza di un essere perfettissimo e necessario. Ma che un tale essere esista realmente non si potuto dimostrare, in quanto dal concetto soltanto pensato di qualcosa non segue necessariamente la sua realt. Gdel aggira in parte questa critica introducendo assiomi in qualche senso platonici: il platonismo implica l'esistenza di Dio (congetturo che sia equivalente). A questo proposito (vale a dire a proposito di neoplatonismo, sebbene di stampo pi antico), amo citare le sapienti parole dello pseudo-Dionigi, quando nella sua prima lettera a Gaio monaco, afferma che Egli stesso [Dio] invece situato al di sopra dell'intelligenza e dell'essere: proprio perch totalmente sconosciuto ed inesistente, esiste in modo sovraessenziale ed conosciuto in una maniera che trascende l'intelligenza. La totale ignoranza spinta al massimo grado identica alla conoscenza di colui che
www.caressa.it/testi/varborges.html 10/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

si trova al di sopra di tutti gli esseri conoscibili. cio Dio non solo inconoscibile (come Weyl e Plank ricorderanno quindici secoli dopo) ma anche inesistente, in qualsiasi modo si voglia intendere la parola "esistere"... En passant vorrei far notare come sia Weyl che Gdel diedero un contributo alla questione cosmologica: Weyl si occup della teoria einsteiniana della Relativit Generale fornendone una elegante formulazione variazionale e scrivendo uno dei primi trattati, Raum, Zeit, Materie sull'argomento divenuto ormai un classico; Gdel trov nel 1949 nuove soluzioni delle equazioni cosmologiche di Einstein che prevedono un universo "rotante" che compie una rotazione completa ogni 70 miliardi di anni e che prevede la possibilit di viaggiare nel passato; questa immane sfera ricorda in modo inquietante quella platonica: era quindi d'obbligo rubricarlo in questa sede, dedicata alla storia della sfera di Pascal. Tornando a Kng, questi nel suo libro Existiert Gott? (Piper&Co., Mnchen, 1978) sembra proporre una visione mondana e storica di Dio, fortemente intrisa di neohegelismo. Una lettura spregiudicata e radicale di questo libro sembrerebbe indurre a credere che la visione di Diodi Kng quasi materialistica (bruniana?), cio che Egli non sia altro dall'universo e dalla sua evoluzione. Questa interpretazione mi tornata alla mente nel leggere un saggio, di M.Eden, apparso nel volume collettivo Mots (Hermes, Paris, 1991), ed intitolato God, Man and Science. L'analisi di questo recente lavoro chiuder il cerchio iniziato con la sfera di Parmenide.

Variazioni su un tema di Borges, II

Le speculazioni della cosiddetta "teologia razionale" tendono ad essere relegate fra i ricordi del passato, o fra le dabbenaggini di malaccorti teologi contemporanei. Eppure il percorso cvhe abbiamo seguito nella prima parte di questa nota ci ha portato
www.caressa.it/testi/varborges.html 11/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

fino agli anni '70 del XX secolo: vedremo qui come nel 1990, ad opera di uno scienziato, nuove concezioni razionalistiche di Dio siano state elaborate; ci porremo dunque la finalit di prendere sul serio queste elucubrazioni ed argomentarci sopra, sperando di contribuire, pigri, inetti ed eretici come siamo, alla confusione ed al disappunto del lettore.

Dio una sfera intellegibile il cui centro in ogni parte e la cui circonferenza in nessuna.

La storia di questo enunciato, cui si dato un modesto contributo nel nostro precedente intervento, ci ha condotti alla considerazione del rapporto fra immaginazione geometrica e metafisica. Avevamo promesso una breve trattazione delle spregiudicate concezioni geometrico-teologiche che Murray Eden professa nel suo saggio God, Man and Science (in M.Lothaire (ed.) Mots, Hermes, Paris, 1991), ed avevamo tratto spunto, per introdurre le pi o meno farneticanti (di ci si lascia il giudizio al benevolo lettore) opinioni di Eden, dalle ben pi razionali e e prudenti concezioni del teologo Hans Kng, famosa quanto discussa voce della moderna teologia cattolica. La frase riportata in calce evoca in noi suggestioni geometriche: da un lato possiamo facilmente immaginare una "sfera infinita" come una sfera di raggio infinito, il cui centro effettivamente ubiquo: se per sfera si intende "luogo di punti equidistanti da un punto detto centro" ovvio che ogni punto dello spazio racchiuso da una sfera di raggio infinito ha distanza infinta (quindi uguale al raggio) della superficie sferica che localizzata all'infinito, per l'appunto. V' tuttavia qualcosa di antiestetico e fuorviante in questo ragionamento e, visto che abbiamo la geometria proiettiva a disposizione, non possiamo che pensare che la superficie di una tale sfera non sia altri che il piano improprio, e che quindi la sfera piena infinita altri non sia che lo spazio proiettivo; tuttavia, se lo spazio proiettivo imparentato con una sfera, questa sfera S3 (la sfera tridimensionale che racchiude una palla quadridimensionale), poich lo spazio proiettivo ne quoziente topologico. Quindi l'immagine di una sfera infinita (che immaginiamo dinamicamente come una sfera che si espande all'infinito) non significativa. Piuttosto le fascinazioni della geometria proiettiva possono fornire spunti pi raffinati per tradurre il dictamen da noi discusso in termini esteticamente accettabili.
www.caressa.it/testi/varborges.html 12/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

Il vizio essenziale che invalida, ed anzi rende deliranti le osservazioni precedenti, la concezione metrica della sfera: secondo la definizione euclidea di luogo di punti equidistanti dal centro il concetto di sfera perde semplicemente senso quando le distanze divengono infinite, e quindi la metrica si banalizza. Diversamente potremmo pensare di utilizzare caratterizzazioni topologiche della sfera per immaginare la sfera infinita. Ad esempio la prima cosa che viene in mente che la sfera compatta: la compattezza una propriet puramente topologica e, sebbene la nostra forma mentis euclidea ci forzi a figurare un compatto come qualcosa di limitato, il che collide in qualche modo con l'idea di infinit che deve far parte dell'immagine che andiamo formandoci, il barlume infantile della visione topologica del mondo potrebbe sugegrirci la generalit del concetto di compattezza, della quale uno degli esempi pi clamorosi il teorema di Tikhonov: cos il cubo di Hilbert, che il prodotto cartesiano di infinite copie del segmento [0,1], compatto pur avendo infinite dimensioni. La sfera ad infinite dimensioni poi ben nota conoscenza ai topologi algebrici, che ne hanno argomentato, ad esempio, la contraibilit... Ma risaputo (o dovrebbe esserlo): la topologia pu essere pi mistica ed iniziatica della teologia. Un ulteriore segno della inusitata semplicit della concezione geometrica sopra considerata si evince ponderando sul fatto che, ai nostri giorni, esiste una teoria geometrica del mondo, che la relativit generale, la quale ci pone in una variet differenziabile, con metrica di Lorentz (non euclidea) e soprattutto non compatta (la compattezza implicherebbe l'esistenza di paradossi temporali). Come si vede, la raffinatezza delle teorie geometriche moderne rende imbarazzante trattare dell'immanenza di Dio e di una sua presunta bruniana o comunque panteistica identificazione col mondo. Eppure non tutto pare perduto: esistono ancora solfeggiatori del pensiero che si dilettano in acrobazie geometrico-teologiche, e Murray Eden uno di questi. Nel suo saggio si sofferma su molti aspetti della natura divina, epper io ne prender in considerazione solo gli spunti attinenti alla nostra oziosa discussione. Eden inizia la sua esposizione enunciando gli assiomi fondamentali che bene postulare per accettare la sua discussione: l'esistenza del mondo (assioma materialista) e l'esistenza di Dio (assioma teista). Un altro assioma che Eden assume, e che lega i due precedenti, che dio abbia creato il mondo, in un qualche senso che probabilmente non pu specificarsi meglio. Eden improvvisa anche qualche timida argomentazione contro le negazioni di uno o pi di questi assiomi, argomentazioni opache in
www.caressa.it/testi/varborges.html 13/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

verit, e che non mi sembrano paragonabili al serio studio di Hans Kng, del quale avr modo di parlare, argomentazioni, dicevo, sulle quali non voglio soffermarmi e che sono volte a negare il nichilismo (che nega il mondo e Dio), l'ateismo (che nega Dio ma non il mondo) e l'idealismo berkleyano (che nega il mondo ma non Dio). Una ulteriore assunzione che esista un solo Dio: le argomentazioni addotte da Eden in favore di questo postulato sono deboli: si limita a dire che pi divinit potrebbero entrare in conflitto fra loro. Su questo assioma ci sarebbe molto da dire: mi limito ad osservare che una concezione ragionevole di Dio ne contempla anche l'unicit: infatti il concetto abramico che Eden sembra professare implica necessariamente l'unicit (pi di in uno stesso universo vuol dire l'assenza di un Dio). Un raffinato argomento dato nei Capp.II-III della Citt virtuosa da Abu Nasr al-Farabi; qui mi limito ad abbozzare una dimostrazione per assurdo (come quasi ogni dimostrazione di unicit): se esistesse pi di un Dio soddisfacente ai tre assiomi di Eden, allora, postulando anche la coerenza del mondo e dei fenomeni naturali, il che rende possibile ad esempio la ripetitivit delle osservazioni e quindi la scienza, il terzo assioma darebbe immediatamente un assurdo. Un ulteriore spunto di interesse potrebbe essere indagare l'unicit di Dio nell'mbito del sistema di assiomi che Gdel usa per formalizzare la prova ontologica dell'esistenza di Dio: visibilmente i sistemi di Weyl, Gdel ed Eden sono diversi. L'assioma seguente di Eden quello che potrebbe chiamarsi "assioma panteista forte": Dio materiale. Eden ammette che le correnti teologiche tendono a considerare Dio immateriale e riconosce in questo una caduta verso il paradosso dualista, denunciato in modo lucido ad esempio dal logico Smullyan in An unfortunate dualist (in This book needs no title, Prentice Hall, 1980), secondo il quale un Dio immateriale non pu interagire col mondo materiale (questione che risale a Cartesio, come ben noto). Eden pretende di dimostrare questo assioma panteista forte al modo degli scolastici, utilizzando una versione forte dell'assioma materialista: tutto ci che esiste materiale. Allora, per l'assioma teista, Dio materiale. Questo punto ci consente di ricondurci alla discussione dalla quale eravamo partiti: infatti se Dio materiale allora possiamo darne un modello geometrico, esattamente come facciamo per l'universo. Il passaggio che rende bene l'idea della concezione di Dio di Eden quello che traduco qui di seguito: Un argomento sollevato a favore di un Dio immateriale che Lui/Lei sia dovunque. come se Dio fosse distribuito
www.caressa.it/testi/varborges.html 14/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

uniformemente nelle quattro dimensioni della fisica classica e forse anche nelle dieci (o pi) dimensioni postulate da alcuni fisici moderni. In tali circostanze difficile capire come Dio possa avere una densit finita in un universo illimitato. Naturalmente, l'universo potrebbe essere limitato e quindi l'integrale della massa di Dio sull'universo sarebbe finito [...] Ad esempio agisce ogni elemento di volume della massa di Dio indipendentemente? Se cos, in che senso Dio unitario? Altrimenti, c' un centro di controllo ed in che modo differisce dal resto di Dio? (il lettore tragga le conclusioni che vuole dal passo precedente: io mi astengo da ogni commento, simulando una imparzialit che invero non posseggo.) Prendiamo comunque sul serio questo brano: la conclusione cui giunge Eden che Dio non dovunque, ma in grado di percepire ogni cosa ovunque: questo crea tuttavia ulteriori problemi: infatti un'attivitpercettiva richiede sempre un'intervento sull'ambiente (perch avviene per tramite di una interazione) e se Dio materiale, come assume Eden, pure soggetto al principio di indeterminazione di Heisenberg nel suo interagire col reale, ed ogni osservazione che Lui/Lei (per dirla con Eden) compie ltera il fenomeno osservato. Gli effetti dissipativi dovuti all'osservazione, ed il fatto che un'osservazione richiede comunque energia complicano ulteriormente la questione. Eden non pu nascondersi il problema e prova a trarsi d'impaccio dicendo comunque che Lui/Lei non pu avere pi energia di una pulce o pi massa di un neutrino. In realt i problemi non finiscono qui: il concepire la materialit di Dio conduce ad un panteismo per cos dire estremo: se Dio materiale allora soggetto alle stesse leggi che regolano i fenomeni materiali, leggi fissate da lui medesimo. Questo pu non essere del tutto paradossale, ma pone diversi problemi, primo fra tutti che senso dare alla frase "Dio ha creato il mondo", che Eden ritiene esser vera (e quindi implicitamente non priva di significato). D'altra parte, se Dio materiale, dovrebbe essere incluso nel cmputo di ci che vi , vale a dire l'universo stesso. Ma, se Dio fa parte dell'universo non sembra ragionevola affermare che lo abbia creato, a meno di non intendere in qualche modo esotico la semantica del verbo "creare". Tutto ci mi pare riecheggiare la credenza (condivisa dalle religioni orientali ad esempio) che l'universo non abbia mai avuto inizio (e specularmente che non avr mai fine), e che la presunta singolarit del Big-Bang sia illusoria (cosa che i fautori del tempo immaginario, nel senso dei numeri complessi, ritengono vera):
www.caressa.it/testi/varborges.html 15/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

ma inutile pontificare su questo, vi sono miriadi di saggi pi o meno divulgativi (e pi o meno farneticanti) che affrontano la questione dell'inizio dei tempi. Per concludere questa verbosa divagazione vorrei proporre le pi prudenti opinioni del teologo Hans Kng, gi citato, che propone una mondanit di Dio in un senso neo-hegeliano che, per quanto intriso della farraginosa e rude simmetria dei sistemi tedeschi ottocenteschi, mi pare teologicamente pi sensata delle tesi enunciate dallo scienziato Murray Eden. Cito testualmente alcuni brani dal suo ponderoso trattato dedicato al problema dell'esistenza di Dio, a costituire una sorta di riassunto della storia di questa misteriosa questione. La metafisica greca classica, quale venne recepita dalla teologia cristiana, era un primo, ma per noi insufficiente passo verso il superamento dell'ingenua comprensione antropomorfica di Dio (ad es. Omero): un'accentuazione della fondamentale differenza fra Dio e divino da una parte, e mondo e uomo dall'altra. Platone stato colui che [...] ha introdotto nella storia culturale dell'Occidente la divisione dualistica della realt [...] Per la comprensione di Dio, ci equivale a una netta separazione fra il mondo divino delle idee, con al vertice l'idea di Bene [si pensi alla dimostrazione di Gdel], e il mondo sensibile dell'apparenza formato di materia cattiva. Aristotele giunse invece a tirare gi dal cielo le idee divine e sovramondane di Platone, per porle nelle cose di questo mondo. Ma in tal modo diventa ancor pi incolmabile l'abisso fra il Primo Principio e il mondo [...] Infatti, per questo essere divinopuro (actus purus) ogni autentico rapporto col mondo denuncerebbe anche una carenza (potentia). Anche Plotino [...] vede l'Uno divino separato dal mondo [...] La teologia cristiana [...] ha corretto in molti modi il dualismo greco: per la teologia classica dei Padri della Chiesa e del'alta scolastica, Dio immanente al mondo proprio perch lo trascende. La teologia cristiana, per, lungo la storia, anche rimasta ancorata in molti modi al dualismo [...] Descartes [...] ha persino inasprito questo dualismo [...] Hegel, infine, fu colui che, dopo altri, cerc con Fichte e Schelling, di operare una mediazione. Ma soltanto Teilhard [de Chardin] e [Alfred N.] Whitehead, alla luce dell'odierna unitaria visione scientifica del mondo, vedono Dio e il mondo nella loro unit, senza per questo eliminare le differenze. Dispiace che il teologo tedesco non abbia citato il suo illustre conterraneo Weyl nel concludere le sue riflessioni, comunque questo brano riepiloga sinteticamente la storia dell'idea di mondanit divina:
www.caressa.it/testi/varborges.html 16/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

quale posto debbano avere in questa storia le elucubrazioni di Eden non mi chiaro; il lavoro di Eden ricco anche di altri spunti, non meno problematici, sui quali non possiamo (non vogliamo (non dobbiamo?)?) soffermarci... Faccio solo notare come la concezione geometrica di Dio che avevamo rintracciato fin dai presocratici, trovato esplicitamente nel pensiero ermetico ed inseguito attraverso tutto il filone neoplatonico del pensiero occidentale, giungendo a Pascal (da dove abbiamo cominciato seguendo lo spunto di Borges) mai ha raggiunto la complessit tecnica di Eden, perch nemmeno i pi sfrenati mistici del passato avrebbero mai immaginato di poter integrare sulla massa di Dio... Un pensiero, forse un'inquietudine, spero d'aver suscitato nella mente del lettore: ormai siamo abituati al fatto che gli scienziati (in particolare i fisici che hanno a che fare con questioni ultime (o prime?) come l'origine dell'universo) esprimano giudizi ed opinioni metafisiche nel loro linguaggio tecnico, spesso utilizzando le loro conoscenze scientifiche anche per immaginare e concepire Dio, ma dobbiamo anche abituarci al fatto che le opinioni dei teologi in materia possano essere molto pi prudenti, e forse ragionevoli, di quelle degli scienziati. Visto che questa corposa nota stata costruita attorno a parole altrui, citate forse non sempre a proposito, non posso che concluderla affidando ad un autore la cui esistenza dubbia quanto quella di Dio, l'ultima parola in materia di mondanit divina. Si tratta delle parole conclusive della Teologia Mistica del presunto Dionigi Aeropagita: parlando della causa universale (cio di Dio) afferma che non n anima, n intelligenza, e non possiede n immaginazione, n opinione, n parola n pensiero; che essa stessa non n parola n pensiero; e che non oggetto n di discorso n di pensiero. Non n numero, n ordine, n grandezza, n piccolezza, n uguaglianza, n disuguaglianza, n somiglianza n dissomiglianza; non sta ferma n si muove, n rimane quieta n possiede una forza, n nua forza; non luce; non vive e non vita; non n essenza, n eternit, n tempo; non ammette neanche un contatto intellegibile; non n scienza, n verit, n regno, n sapienza; non n uno, n unit, n divinit, n bont; non neppure spirito, per quanto ne sappiamo; non n figliolanza, n paternit, n qualcuna delle cose che possono essere conosciute da noi o da qualche altro essere; non nessuno dei non-esseri, e nessuno degli esseri; n gli esseri la conoscono in quanto esiste; e neppure essa conosce gli esseri in quanto esseri. A proposito di essa, non esistono n discorsi, n nomi, n conoscenza; non tenebra, n
www.caressa.it/testi/varborges.html 17/18

03/05/13

Variazioni su un tema di Borges

luce, n errore, n verit; non esistono affatto, a proposito di essa, n affermazioni n negazioni: quando facciamo delle affermazioni o delle negazioni in sguito ad essa, noi non l'affermiamo n la neghiamo. In effetti, la causa perfetta ed unitaria di tutte le cose al di sopra di ogni affermazione; e l'eccellenza di colui che assolutamente staccato da tutto e al di sopra di tutto superiore ad ogni negazione.

POSTILLA 2002: Frugando nella rete ho scoperto un bel saggio di Chiara Richelmi, decisamente pi "professionale" ed interessante di quello da me qui presentato, dedicato all'armonia delle sfere celesti nella Divina Commedia e che si apre con una citazione borgesiana sulla sfera di Pascal.

Questa opera distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 3.0 Unported. This work is licensed under a Creative Commons AttributionNonCommercial 3.0 Unported License.
Stampa pagina questa Contatti:
p a o l o ( a ) c a r e s s a . i t

Home: http://www.caressa.it

Chiudi

www.caressa.it/testi/varborges.html

18/18