Sei sulla pagina 1di 2

LEZIONE DEL 30 MARZO 2009

Lauda-
Scuola Romana e Veneziana
Scuola europea

La LAUDA
Controriforma non vuol dire necessariamente "tornare indietro", ad esempio nella pittura si
realizzò con grandi innovazioni che preludettero al Barocco.
San FILIPPO NERI. A Roma apre un oratorio, chiamato poi Oratorio Filippino, e su questo
esempio nacquero questi oratori in molte città d'Italia. Questo luoghi erano destinati a parlare,
discutere di questioni religiose, e soprattutto a CANTARE. Queste erano manifestazioni extra-
liturgiche, che vennero poi chiamate LAUDAE, su testo VOLGARE, che trattano gli argomenti
della catechesi più scontati e ovvi, come il bene e il male, abbastanza semplificati.
A volte si avevano raccolte di Laude PARODIE, quindi si prendeva a esempio qualche melodia e
se ne sviluppava il tema.
a Saluzzo si prese una raccolta di Villanelle , profane, che cominciavano quasi tutte con
l'espressione "Ero dicea" , dove Ero è il nome di un personaggio della mitologia greca.
Ancina sostituì a Ero il nome di Pietro, e il resto del testo si sostituiva con qualche parabola
biblica.
Tempio Armonico (1599): più di 120 canzonette di vari autori adattate nel testo per
soddisfare i bisogni della catechesi e della cristianità.

c.c. = formuletta del "cantasi come..." il tema già conosciuto e noto.


Tutto ciò era importante per il punto di vista religioso, non tanto quello musicale, che era di
importanza minore. Era la risposta della Controriforma alle novità Luterane.

IL MADRIGALE SPIRITUALE
componimento a 4,5 voci con tutte le caratteristiche del madrigale classico, ma il testo è
totalmente diverso: alle passioni amorose, la lontananza, l'erotismo, si sostituisce la parola
del vangelo o comunque l'argomento religioso. E' la versione "dotta" della lauda, che ha una
bassa estrazione e poche pretese di artisticità, e quindi ha valore musicale elevato.

Il '400 è un secolo di "globalizzazione fiamminga", mentre nel '500 abbiamo lo sviluppo locale
dei semi gettati dalla presenza dei fiamminghi in tutta la penisola, nel secolo precedente.

SCUOLA VENEZIANA E ROMANA

Venezia
Venezia, 1535. Adriano Willaert. Importante perchè fonda (o rifonda) la CAPPELLA MARCIANA,
cioè della Cattedrale di San Marco. Per tutto il 6e700 è stata un riferimento per la musica
sacra italiana.
Tutti imparano da lui, e i Maestri di Cappella di San Marco saranno tra i più grandi musicisti
del tempo.

Venezia, molto autonoma, Repubblica Marinara, nemica dell'Imperatore ma anche del Papa di
Roma. Infatti introdusse nella musica sacra gli STRUMENTI, che fino ad allora erano
assolutamente VIETATI dalla chiesa di roma.
Abbiamo a Venezia anche una grande scuola di pittori, come il Giorgione, Tiziano, Tintoretto.
In questa scuola si evince la passione per il colore, che probabilmente influenzava anche la
musica, nella forma dell'utilizzo di vari strumenti negli énsamble strumentali.
A San Marco c'erano due cori, e anche due o tre organi, e quindi i compositori erano invitati a
comporre per doppio coro e a tener conto di queste caratterstiche.
Andrea Gabrieli, Giovanni Gabrieli, organisti in San Marco, non concorsero mai a diventare
Maestri di Cappella, anche se componevano moltissimo, messe, mottetti, lamentazioni,
madrigali.

Roma

A roma non c'è nessuna intenzione di modificare molto le condizioni in atto all'epoca, e aveva
San Pietro e la moltitudine di cappelle e chiesette in tutta la città.

Giovanni (di Pierluigi) da Palestrina , 1525/26 , si sposta a Roma per studiare dove trova dei
grandi maestri fiamminghi, seppur nomi minori, a livello di compositori. Tornato a casa a
Palestrina, ha la fortuna che l'Arcivescovo-Cardinale diventa Papa che lo convoca a Roma dove
si stabilisce definitivamente.
La Cappella Giulia insieme alla Sistina era una della cappelle più importanti dove lavorare in
quel periodo. 1555 l'anno dei TRE Papi, c'è un certo giro di vite nell'ambito musicale romano,
ma siccome era sposato venne licenziato, a causa della nuova regola che imponeva ai cantori
di essere single.
Dopo essere rimasto vedovo e aver passato un periodo di depressione si risposò, tra l'altro
con una donna molto ricca ed ebbe un felice periodo conclusivo della vita. Muore nel 1594 a
Roma.
Musicalmente è stato molto fertile ma anche molto limitato, perchè non ha composto musica
strumentale.
Ha scritto musica profana, madrigali, e soprattutto madrigali spirituali.
Non ha scritto laude, che era destinata ai minori, ma ha scritto inni, mottetti, litanie, testi vari,
messe, tutto ciò che poteva essere scritto in testo latino.
Le MESSE sono 104, in tutti i modi possibili per questa composizione:
Messe su TENOR (ne adotta una e le altre vengono composte ad hoc)
Messe PARAFRASI (melo
Messe Parodia (come modello ha un canto polifonico e non monodico)
4 voci, 5 voci, 8 voci.
Palestrina riesce ad essere molto dotto come contrappuntista, quindi molto fiammingo. Ma
anche molto melodico, orizzontale, cantabile, dolce, molto italiano.
Abbiamo quindi molta più consonanza, molto senso del tonale.
La religiosità del Palestrina è molto calma, dolce, seppur molto complessa musicalmente.

ESPAÑA: cattolicissima, il più grande compositore fu Tomàs Luìs de Victoria.


(1548/1611)Venne a Roma dove conobbe Palestrina e i suoi figgli, quindi di formazione
parzialmente Italiana.
20 messe di cui 19 sono PARODIA di componimenti sacri. Musiche meravigliose, di forte
carattere spagnolo col loro carattere anche n po' tetro e disperato, molto profondo.
Nel 1571 ha luogo la battaglia di Lepanto nella quale si sconfissero i Saraceni, e in questa
occasione compose la "Missa pro Victoriae", e fu l'unico caso in cui mise ad esempio un canto
profano di Clement Jannequin.

Orlando di Lasso era un fiammingo (1532-1594) con tutto quello che voleva dire. Alla fine si
stabilisce a Monaco di Baviera, uomo di grandissima versatilità, parlava tante lingue e in
musica ha fatto praticamente di tutto:
74 messe
infiniti mottetti
il tutto di una disinvoltura totale, le messe parodia sono ispirate dalle più basse canzonette a
dispetto di quello che erano le direttive del papa, era molto più vicino a Gesualdo che non a
Palestrina.
Madrigali
Villanelle.