Sei sulla pagina 1di 2

STRATEGIA DI INVESTIMENTO MISTA SU AZIONI ITALIA

Minimizzare il rischio relativo all'investimento azionario amplificando i guadagni


Questo articolo segue quello pubblicato nel 2010 dal sottoscritto che descrive quattro strategie diverse
studiate per un investimento azionario nell'arco di un certo numero di anni.
Lo spunto per questa stesura arriva grazie ad una particolare andamento dell'indice azionario italiano
(FtseMib) avvenuta proprio negli anni 2010 e 2011.
Mi concentrer su una delle quattro strategie presentate nel precedente articolo per illustrare l'interessante
abbinamento con un normale investimento su fondi azionari Italia. Gli anni 2010 e 2011 sono risultati preziosi
perch caratterizzati da bassa direzionalit dell'indice che, abbiamo visto, nella strategia longshort
rappresenta un fattore sostanzialmente non positivo.
Come funziona questa strategia combinata?
Ho preso come riferimento due fondi di investimento azioni Italia tra i migliori degli ultimi 5 anni.
Schroder Italian Equity e Fidelity Italy e ho loro dedicato un 25% cadauno del mio importo complessivo
investito su azionario Italia; il restante 50% l'ho dedicato alla strategia longshort sull'indice FtseMib Italia
(presentata appunto nell'articolo scritto nel 2010).
Il fondo Schroder si caratterizzato per una buona e regolare sovraperformance ante 2008, ma anche post
2008. Il Fidelity Italy si caratterizzato per un'ottima sovraperformance ante 2008, e una pi che buona
sovraperformance post 2008. Insomma, una scelta dei fondi a cui dedicare il 50% dell'importo possiamo dire
oggettivamente convincente (il termine sovraperformance si riferisce al maggior risultato assoluto ottenuto
dal fondo rispetto all'indice di riferimento dello stesso mercato di investimento).
Qual' l'obbiettivo di questa combinazione?
Investire sul mercato azionario Italia cercando di ridurre sensibilmente il rischio drawdown* del mio
investimento, lasciando il pi possibile inalterato l'effetto guadagno nelle fasi positive del mercato.
I risultati dell'esperimento:
Data inizio investimento: 2 gennaio 2008; data fine rilevazione: 30 dicembre 2014
Importo totale investito euro 100 (per comodit di calcolo e visualizzazione percentuale del risultato)

ANNO
2008
Progressivo
2009
Progressivo
2010
Progressivo
2011
Progressivo
2012
Progressivo
2013
Progressivo
2014
Totale

Schroder
Italian
Equity
25 euro
-47.6%
13.1
+26.93%
16.62
-6.52%
15.53
-18.62%
12.64
+19.21%
15.07
+27.98%
19.28
+1.55%
19.58

Fidelity
Italy
25 euro

Longshort
strategy
50 euro

Portafoglio
base 100

Indice
FtseMib
base 100

-50.25%
12.43
+39.07%
17.29
-0.73%
17.16
-23.77%
13.08
+25.7%
16.44
+32.68%
21.81
-2.33%
21.30

+21.86%
60.93
+35.85%
82.77
-11.78%
73.02
-9.76%
65.89
+10.84%
73.03
+15.15%
84.09
+1.85%
85.64

-13.54%
86.46
+34.95%
116.68
-9.4%
105.71
-13.34%
91.61
+14.11%
104.54
+19.74%
125.18
+1.07%
126.52

-48.75%
51.25
+17.98%
60.46
-13.23%
52.46
-25.2%
39.24
+7.84%
42.32
+16.56%
49.32
+0.23%
49.43

E' stato volutamente scelto di iniziare dal 2008 visto il crash avvenuto sul mercato. L'obiettivo, infatti,
quello di avvicinare l'investitore magari pi conservativo che utilizza l'azionario come giusta diversificazione,
ma che pi sensibile emotivamente alle dinamiche molto spinte del mercato azionario stesso. In questo
modo gli si fornisce uno strumento utilissimo per compensare il rischio drawdown dell'investimento, ma
sostanzialmente lasciargli inalterate le possibilit di guadagno. La strategia indicata qui sopra negli ultimi 7
anni risultata sempre pi performante rispetto all'indice con un risultato finanziario finale
eccezionalmente positivo raffrontato all'indice.
Come indicato nell'articolo scritto nel 2010 la strategia longshort per funzionamento ed efficienza fiscale
viene eseguita con l'utilizzo del derivato sul Ftse Mib con una leva pari ad 1 nelle fasi long e leva pari a 0,5
nelle fasi short.
Aggiungiamo inoltre che un perfetto risultato di efficienza fiscale (compensazione plus e minus di fondi di
investimento e derivati finanziari) su una strategia come quella indicata possibile, alla data di oggi,
allinterno di una polizza di Private Insurance con presenza di banca depositaria e gestore dedicato.
* rappresenta l'intensit della riduzione di valore di un capitale in termini percentuali o assoluti.
Per ulteriori approfondimenti e per contattare lautore si rinvia al sito www.bertacche.it o www.longshort.net
Scritto da Filippo Bertacche 25.01.2013. Aggiornato il 2.1.2015. Tutti i diritti riservati. Utilizzo e pubblicazione su
consenso.