Sei sulla pagina 1di 2

Le dispute territoriali con la Cina Negli ultimi anni la Cina stata al centro di una serie di dspute territoriali riguardanti

i le isole nei mari della Cina meridionale e orientale. In questa presentazione, vorrei concentrami su una delle controvrsie pi recenti, vale a dire la contesa tra la Cina e il Giappone delle isole Senkaku, un gruppo disole disabitate che si trovano tra la Cina e le isole giapponesi di Okinawa. Questa dsputa sulla sovranit delle isole Senkaku ebbe inizio molti secoli fa, ma la situazione non mai stata cos grave fino a settembre dellanno scorso, quando il Giappone cerco di acquistare tre delle isole contese direttamente dal loro proprietario privato. Di conseguenza, questo ha provocato manifestazioni di larga scala in Cina. Innanzitutto, bisogna notare che le zone attorno alle isole hanno ricche fonti di petrolio, pesce e depositi minerali. Tuttavia questo non lunico motivo di questultima dsputa territoriale tra Cina e Giappone. Mi spiego meglio, le manifestazioni che si sono svolte in Cina hanno toccato certi temi agli dei risentimenti nati in passato, in particolare, lungo le lunghe decadi della conquista imperiale del Giappone. Quindi sembra che una gran parte delle manifestazioni in Cina abbia messo al centro dello scontro quei risentimenti invece che evidenza. Allora si potrebbe asserire che questa situazione che concerne le dspute territoriali semplicemente la goccia che ha fatto traboccare il vaso, poich le cinesi gi covavano risentimenti nei confronti dei giapponesi. Le conseguenze delle manifestazioni hanno portato allinterruzione momentanea delleconomia giapponese poiche molti cittadini cinesi boicottarono la vendita dei prodotti giapponesi, rifiutandosi di comprarli. Questo ha causato la chiusura temporale di fabbriche e uffici di marche giapponesi in Cina, come Honda, Nissan e Toyota. Inoltre leconomia giapponese dipende molto dalle esportazioni ma a causa del rifiuto di prodotti giapponesi, della Cina, la quale uno dei mercati pi grandi del Giappone, leconomia giapponese continuava a perdere profitto durante lultimo quarto dellanno scorso. Vi sono anche altre preoccupazioni che sono emerse da questa disputa. La cosa che preoccupa maggiormente la corsa tacita agli armamenti tra i due paesi. La Cina per esempio spende pi di circa 120 miliardi di dollari ogni anno per il suo esercito, due volte pi del Giappone, che, ufficialmente non ha una propria armata poiche dopo la seconda guerra mondiale il governo giapponese decise di stabilire una costituzione di pace, rinunciando al diritto di intraprendere una campagna militare. Oggi per, alcuni politici di destra hanno risposto alla situazione, dichiarando che il Giappone deve abbandonare la costituzione pacifista per difendersi dalle minace esterne, come quelle della Cina e della Corea del Nord. Tornando alla disputa tra la Cina e il Giappone, il premier giapponese, Shinzo Abe, ritiene che il bilancio dellesercito cinese sia motivato dallambizione territoriale. Ho letto in un articolo della BBC, che questo punto di vista dimostra la crescita del nazionalismo in Giappone un concetto che non stato ben giudicato durante il periodo del dopoguerra. Ma oggigiorno, a causa dei conflitti con la Cina, c un numero crescente di cittadini che credono che il Giappone debba tornare a prendere gli armamenti. Altra cosa che sembra evidente nellambizione territoriale della Cina il nuovo

disegno del passaporto cinese, che ha provocato nuove dispute con lIndia, poiche il disegno consiste in una mappa della Cina che include zone localizzate al nord dellIndia. Altri paesi si sono uniti alla protesta come Vietnam, le Filippine e Taiwan poiche la mappa mostra altre isole nel mare della Cina meridionale come territori cinesi. Per questi paesi, il nuovo disegno del passaporto cinese come unoffesa alla loro sovranit, perch gli agenti doganali devono sigillare le pagine che contengono la mappa e conseguentemente, questo sembra appoggiare linterpretazione territoriale della Cina. LIndia per ha risposto alla situazione, sigillandole con una mappa del proprio paese. Questa situazione tra la Cina e Giappone mi fa pensare che sia soprattutto una questione di orgoglio nazionale, nel senso che i governi non vogliono arrendersi alle pressioni imposte dallopposizione, per non dimostrare debolezza. A mio vedere, la situazione attuale non sembra possa finire in modo positivo in futuro. In questo momento, i due lati sono arrivati in uno stallo.