Sei sulla pagina 1di 3

Ma le risorse necessarie vanno trovate - Corriere.

it

Page 1 of 3

ACCEDI

Editoriali e Commenti
Home
<

Cerca
MILANO CAMBIA

Opinioni

Economia

Cultura

Spettacoli

Sport

Le citt

Salute

Tecnologia

Scienze

Motori

Viaggi

27ora

OPINIONI

EDITORIALI E COMMENTI

Corriere della Sera > Editoriali > Ma le risorse necessarie vanno trovate
IL PROGRAMMA

PIletti

Ma le risorse necessarie vanno trovate


Il discorso di Letta: un elenco di impegni colossali, sostenuto da un po' della sana incoscienza della sua generazione
Enrico Letta, uno dei pi giovani presidenti del Consiglio della storia repubblicana, ha presentato alla Camera un programma di governo molto ambizioso, che richiederebbe senz'altro una intera legislatura per essere attuato, ma sul quale ha sfidato il Parlamento: se entro 18 mesi le Camere non avranno imboccato la strada giusta per le riforme istituzionali e per la legge elettorale, l'esecutivo si dimetter. Perch, ha spiegato Letta, i cittadini non possono pi essere presi in giro. Grande coraggio e spirito di servizio ha dimostrato il nuovo premier, che, come ha detto all'inizio del suo discorso, ha voluto parlare il linguaggio della verit. Bene, seguendo questo filo assolutamente condivisibile, va detto che Letta cos come sfida il Parlamento va sfidato sul suo programma. Il premier ha promesso la crescita dell'economia senza rinunciare al rigore dei conti pubblici. Gi oggi sar a Berlino e poi a Bruxelles e quindi a Parigi, per convincere Angela Merkel e l'Europa - il nostro comune futuro - che di solo risanamento si muore. Poi, rientrato a Roma, dovr passare ai fatti. sterminato l'elenco dei provvedimenti messi in cantiere. Letta vuole ridurre la pressione fiscale su famiglie e imprese senza aumentare l'indebitamento. Il presidente del Consiglio annuncia meno tasse sul lavoro stabile e sui giovani assunti; la riforma complessiva dell'Imu, sospendendo intanto il pagamento di giugno; l'annullamento del previsto rincaro dell'Iva dal 21 al 22%; pi fondi a sostegno delle imprese e dei mutui; il rafforzamento dell'apprendistato; il sostegno ai bassi salari; ammortizzatori sociali per i precari; un piano pluriennale per la ricerca; la riforma della burocrazia all'insegna della semplicit; lotta all'evasione fiscale senza svalutare il ruolo di Equitalia; il rifinanziamento della cassa in deroga; la soluzione del problema esodati; una riforma radicale del Welfare; modifiche alla riforma della previdenza per consentire un accesso anticipato di 3-4 anni al pensionamento con una penalizzazione proporzionale. A sorpresa annuncia anche la cancellazione dello stipendio da ministri per quelli che sono anche parlamentari e chiede l'eliminazione dei rimborsi elettorali. Un programma il pi lontano possibile da quello di un governo balneare o a termine. Un elenco di impegni colossali. Sostenuto, come ha confidato lo stesso Letta ai suoi collaboratori, da un po' della sana incoscienza di una generazione, quella degli anni Sessanta, che ha la sua storica occasione nel momento pi difficile del Dopoguerra. Incoscienza guidata da una fede nell'Europa politica, orizzonte della generazione Erasmus e unico futuro possibile per la crescita del Paese. Sulla carta ci sarebbero i numeri per realizzare il nostro sogno, come lo ha definito Letta. Il governo ha una
A Giugno stop al pagamento dell'Imu (29/04/2013)

Ecco lo yacht di Bossi jr: in Tunisia

India, tenta il record e muore di infarto Letta: Abbiamo un'ultima possibilit. Basta debiti scaricati sulle future generazioni Preiti, i tre indizi che mettono in dubbio il suo racconto

15

62
Mi piace

19
4

NOTIZIE CORRELATE Un programma ambizioso (e prudente) (30/04/2013) Letta taglier l'Imu sulla prima casa Piano di riforme e meno austerity (29/04/2013) Governo, Letta : Restano nodi da sciogliere Il Pdl apre, ma niente veti su di noi (25/04/2013) Ultima chiamata (25/04/2013) Ma sul programma pesa il nodo Imu (25/04/2013) MULTIMEDIA

NOI DUE & PARSHIP Incontri seri e di qualit Conosci chi ti render felice: la tua anima gemella ti aspetta! AUTOMOBILI.COM Km 0 Le migliori auto a Km 0

Governo, Letta chiede la fiducia alla Camera (29/04/2013)

http://www.corriere.it/editoriali/13_aprile_30/ma-le-risorse-necessarie-vanno-trovate-... 30/04/2013

Ma le risorse necessarie vanno trovate - Corriere.it

Page 2 of 3

maggioranza amplissima. Ma il linguaggio della verit, il non voler prendere pi in giro i cittadini, impone di chiedere: dove prender Letta i soldi per fare tutto quello che vuole? Il premier non lo ha detto, ma ha garantito che non far debiti, come un buon padre di famiglia. A mettere tutto in fila, forse non bastano 30 miliardi. Per Letta quindi indispensabile ottenere nuovi margini di manovra da Bruxelles: pi tempo per rientrare col deficit sotto il 3%, come stato concesso alla Spagna, o pi probabilmente la golden rule per scomputare dal disavanzo gli investimenti e una maggiore considerazione del ciclo avverso ai fini del pareggio strutturale. Ma l'allentamento del vincolo esterno, ammesso che ci sia, non baster. Determinante la scommessa sul ritorno della fiducia presso famiglie e imprese, come motore della crescita. Ci sar poi un processo di privatizzazioni e dismissioni da riprendere, sapendo per che il momento non favorevole (dove stanno tutti questi compratori?), un Welfare da ridisegnare, preservandone l'universalismo ha detto il premier, ma riorientandolo su chi ha effettivamente bisogno. Significa combattere abusi e sprechi. La riforma dell'Isee per evitare che le prestazioni assistenziali vadano ai finti poveri pronta. E su questa scia molte risorse potrebbero arrivare da una seria lotta all'evasione fiscale. Letta ha promesso: non pagheranno pi i soliti noti. Vogliamo crederci. Ma la fiducia dei cittadini non pu pi essere tradita, ha scandito lo stesso premier. E quindi, ci permettiamo di fare una postilla al suo discorso: se non riuscir a realizzare il suo programma, Letta lo capir molto prima che passino 18 mesi. In quel caso tutto potr fare, meno che galleggiare. Enrico Marro
30 aprile 2013 | 7:30
RIPRODUZIONE RISERVATA

SCHEDA: Enrico Letta (24/04/2013)

OGGI IN

editoriali >

Fermezza e attenzione alle parole Ora ridurre senza indugi le tasse sul lavoro Quei fantasmi che ancora ci perseguitano

19

Commenta la notizia
CONDIVIDI LE TUE OPINIONI SU CORRIERE.IT TUTTI I GIORNI DALLE 8 ALLE 24

ANNUNCI PREMIUM PUBLISHER NETWORK Aprire un Franchising ? Scopri come con Mail Boxes Etc. Contattaci Online! www.mbe.it/conoscimbe4w/ SFRUTTA IL SABATO Non mancare al 'SATURDAY BANKING CHEF' di BPM. Scopri come! www.bpm.it American Express per te! Carta Verde con quota gratuita il primo anno! Scopri di pi! americanexpress.it

15

Le cavallette
30.04|09:01 ElCidCampeador Letta dice che non vuole lasciare debiti alle future generazioni. Affermazione surreale, visto che il debito attuale non potr mai essere ripagato. Per giunta, si levano voci sempre pi arroganti per l'introduzione di un'altra patrimoniale, oltre all'IMU ed al balzello sui depositi. Cio sui risparmi che ogni padre di famiglia cerca di accumulare per aiutare i figli. La realt, nascosta dietro farisaici sofismi, che la classe imprenditoriale, facendo leva sul ricatto della dislocazione, della cassa integrazione e della mobilit, vuole continuare a vivere di rendita; che la casta burocratica non intende certo mollare i suoi privilegi e l'inutile sedia che occupa. Restano solo le classi medie e, tra queste, le pi deboli, ovvero le persone anziane, ritirate dal lavoro e con un piccolo patrimonio. Insomma i Kulaki da sterminare, con la benedizione del PDL, purch si sistemino certe faccende.

Elenco di buone intenzioni


30.04|08:53 il campagnolo Il discorso di letta per ora solo un elenco di buone intenzioni (sommatoria dei desideri di centro destra e centro sinistra) che richiedono risorse per decine di miliardi di euro tipico dei governi di pentapartito

http://www.corriere.it/editoriali/13_aprile_30/ma-le-risorse-necessarie-vanno-trovate-... 30/04/2013

Ma le risorse necessarie vanno trovate - Corriere.it

Page 3 of 3

degli anni 70-80. Quando ci spiegheranno come e dove trovano le risorse, senza nuove tasae altrimenti siamo al punto di partenza, cominceremo a ragionare!

strano a dirsi ma i soldi ci saranno se si restituisce la fiducia ai cittadini


30.04|08:52 datemi una leva che oggi come tartarughe in letargo hanno infossato gli arti e la testa nel loro debole benessere di antica sopravvivenza. Hanno gli orecchi tesi questi salvatori potenziali ma non agiscono per la stupidit regressa degli incapaci che hanno colpito attraverso mille follie il progresso. Se si libera il mercato, se si cancellano le cavolate fatte, si riprender a lavorare, Permettere il lusso senza misure becere potr onorare chi lavora, come avviene dovunque nel mondo civile. Inseguito scatener la corsa al lavoro. Quando sentiremo squillare il campanello di case e non saremo assalii da un tuffo al cuore allora l'Italia sar salva e libera

I veri poveri ,
30.04|08:44 cattif.49. cio quelli che volenti o nolenti hanno sempre pagato e ancora pagano quanto preteso dal mostro mai sazio che la macchina statale in cambio di servizi pessimi , saranno ancora quelli chiamati a sborsare e a ridurre i consumi . Se non ci fosse un'enorme economia sommersa , altro che manifestazioni di piazza , avremmo la guerra civile .

Dove trovare i soldi?


30.04|08:25 francesco II Dal tesoretto nascosto dell'ex PCI, del Vaticano e dei Sindacati.

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Corriere.it. Ti ricordiamo che puoi commentare i nostri articoli tutti i giorni dalle 8 alle 24 Se sei gi nostro utente esegui il login altrimenti registrati

Leggi tutti i commenti

OPINIONI I Blog I Forum Editoriali e Commenti La nota politica Le firme del Corriere della Sera Vatican 2013 Lettere al Corriere Italians Il twitter del Direttore Il twitter di Corriere.it Sonar, captiamo le opinioni

Gazzetta | Corriere Mobile | El Mundo | Marca | Dada | RCS Mediagroup | Fondazione Corriere | Fondazione Cutuli
Copyright 2013 RCS Mediagroup S.p.a. Tutti i diritti sono riservati | Per la pubblicit RCS MediaGroup S.p.A. - Divisione Pubblicit

Servizi | Scrivi | Nuovo Titolare della Privacy


Hamburg Declaration

RCS MediaGroup S.p.A. - Divisione Quotidiani Sede legale: via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano | Capitale sociale: Euro 762.019.050 Codice Fiscale, Partita I.V.A. e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n.12086540155 | R.E.A. di Milano: 1524326

http://www.corriere.it/editoriali/13_aprile_30/ma-le-risorse-necessarie-vanno-trovate-... 30/04/2013