Sei sulla pagina 1di 159

CORSO INTRODUTTIVO LA CHIAVE DEL SUCCESSO CORSO INTRODUTTIVO DI YOGA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI VEDICI.

Questa Lezione l'introdurr nel meraviglioso mondo dello yoga; gli dar un'idea circa i benefici che lei pu ottenere praticando yoga e meditazione. Caro Studente: Benvenuto alla fraternit degli yogis. Lei ha preso una posizione molto saggia. Il successo nella vita dipende da prendere la decisione corretta. Ci permetta di congratularlo per la sua azzeccata decisione. Questo corso l'introdurr in suoi sconosciuti poteri interni, aprendogli le porte del successo. Impari i segreti dei vecchi saggi e domini come essi il mondo materiale, mediante lo sviluppo di tutte le sue energie spirituali. L'essere umano qualcosa pi che una semplice combinazione di differenti atomi materiali. L'essere umano possiede l'energia spirituale, la quale pi potente e luminosa della luce solare stessa. Tutti desideriamo essere felici e vivere senza nessuna complicazione, ma nella nostra vita giornaliera ci troviamo sfortunatamente, con migliaia di difficolt e molto poche allegrie. Come raggiungere allora quella piattaforma che ci garantisca la chiave del successo nella nostra vita giornaliera? Come sviluppare le nostre multiple potenze e fare che gli altri rispetti la nostra posizione, e perfino c'imitino? La pratica dello yoga l'aiuter a sviluppare tutte questi potenze. Primo che tutto, diventa necessario un completo controllo sulla mente ed i sensi. Stiamo vivendo attualmente in un'epoca di molta agitazione, e necessario sviluppare l'atto-controllo, il quale pu ottenersi solo mediante le semplici e pratiche tecniche dello yoga. Lo yoga una strada per finire con le innumerabili sofferenze del nostro corpo. Lo yoga pu darci forze con le quali non avevamo sognato prima. un processo meraviglioso, pieno di gradevoli sorprese. Questa strada lo condurr alle regioni pi profonde del suo essere. Lo yoga proviene dalla cultura pi antica del mondo, la cultura dell'India. Molte storie mistiche dell'India ci contano come un yogi pu controllare la materia. Tutti i poteri mistici provengono da Yogesvara, il Maestro di tutti i poteri mistici. Il nostro proprio corpo possiede molti poteri che ci differenziano degli animali. Tuttavia, degli yogis impariamo che l'uomo comune che non pratica yoga utilizza solamente il 10 percento della sua capacit intellettuale. Tutti stiamo cercando opulenza, desideriamo essere voluti per gli altri, vogliamo dominare il male affinch questo non ci colpisca. Vogliamo sicurezza e forza. Tutto questo, lo crede o no, sta ora nelle sue mani. Osservi come il processo di yoga cambia il suo destino. Lo yoga e la meditazione sono regali del mondo trascendentale. Molti l'affermarono gi, e noi siamo molto contenti che anche lei abbia scelto questo processo, poich avr un'opinione vivencial sperimentando gli esercizi ed imparare le tecniche che presentiamo in questo corso introduttivo. In una parola, Benvenuto! Gli augura tutti i successi B. A. PARAMADVAITI SWAMI DIRETTIVO ISEV. CAPITOLO 1 CHE COSA YOGA? Lo yoga una scienza che purifica il nostro corpo e la nostra mente, liberandoci di tutte le perturbazioni. Lo yoga pu arrivare a svegliare in noi luminosi sentimenti e felicit, i quali fortificano le nostre relazioni con nostra moglie, i bambini, genitori, vicini e colleghi. Cos, come il vento allontana le nuvole che coprono il sole, lo yoga rimuove gradualmente i dolori fisici e pensieri indesiderabili, dunque, rivelando la conoscenza interna, incrementa la nostra stima per la vita. Lo yoga c'insegna a controllare i nostri sensi e la nostra mente impaziente, ed a metterci in armonia con le Leggi Universali, amministrando cos le nostre energie della migliore maniera. Come un strumento musicale emette suoni molto gradevoli all'essere toccato per un professionista, allo stesso modo, il nostro corpo, mente ed intelligenza, ci porteranno molta felicit all'essere diretti perfettamente. La disciplina ygica c'insegna anche a vedere gli altri, amici o nemici, con gli occhi dell'amore. Una persona che pratica seriamente yoga, si chiama yogi. Lo yogi si occupa giornalmente allo sviluppo pratico della scienza dello yoga, ed impara i differenti esercizi e tecniche, tanto dello yoga come della meditazione. Cominciamo con esercizi molto facili e semplici, ma di gran effettivit. CAPITOLO 2 COME FUNZIONA LO YOGA? Con la pratica di certi esercizi e la regolazione della respirazione, il processo di yoga purifica il nostro sangue, nervi e differenti organi, rilassando cos il corpo e la mente. In questo modo, si facilita la concentrazione della mente per lo sviluppo di qualunque attivit. La meditazione c'aiuta a controllare la mente e ridurre le tensioni, incrementando simultaneamente l'atto-controllo, la semplicit ed i pensieri puri. I cambiamenti causati per lo yoga sono naturali e rimangono per molto tempo. La pratica dello yoga c'allevia i carichi delle intense esigenze della vita moderna, perch l'eccesso di ansiet distrugge la salute e la felicit. La medicina moderna ha concluso che l'ansiet giornaliera origine di molte malattie, ed invece, la tranquillit porta come conseguenza una buona salute. Bench vogliamo sempre incolpare alle forze o fattori esterni per le nostre difficolt, la pratica dello yoga dimostra che molti problemi possono essere risoluti mediante la nostra autodisciplina. Esperimenti di laboratorio hanno dimostrato che le onde del cervello di yogis che si trovano in stato

di meditazione sono pi armoniose delle onde del cervello di persone che dormono in sonno profondo o di persone che si trovano sotto il processo ipnotico o che sono sveglie. Altre investigazioni ed esperimenti dimostrano che gli yogis che praticano regolarmente le differenti tecnici ygicas, aumenta le sue abilit di rilassamento, riducono la velocit nei battiti del cuore, riducono la pressione del sangue e controllano, fino ad un certo punto, il sistema nervoso, il quale era stato considerato, per la scienza medico occidentale, come incontrollabile per mezzo della coscienza. Perci, funziona lo yoga, offrendo nuove e multiple opportunit di migliorare e regolare la nostra salute. CAPITOLO 3 ALCUNI RACCOMANDAZIONI E PREVENZIONI A. MANGI Si ottiene migliori risultati dello yoga quando si pratica con lo stomaco vuoto. Dopo i cibi speri per lo meno quattro ore di iniziare la pratica di esercizi. Se ha mangiato un po', deve aspettare per lo meno un'ora. Se inevitabilmente deve mangiare un'ora prima della pratica, prenda solamente un succo di frutte o un annacqua di erbe. Si raccomanda la dieta vegetariana, il quale il regime alimentare tradizionale degli yogis di tutto il mondo. B. VESTIARIO I vestiti che usiamo nella pratica lo yoga devono offrirci libert di movimenti. Niente deve stringere il corpo; realizzi gli esercizi senza occhiali, orologi, gioielli, etc. Le donne non devono usare gonne. C. ATTENZIONI Se lei sente dolori nel suo viso, o eccessiva tensione praticando qualche esercizio, non si sforzi nell'esecuzione di tale esercizio. Qualunque mal di testa, significa che lei deve sospendere l'esercizio, e pi tardi, fare un altro tentativo pi soave. Nel caso in cui lei soffra alcuno malattia, consulti col suo medico l'approvazione dei suoi esercizi. Non si sforzi mai troppo. Roma non Fu Costruita In Un Giorno, ed il nostro corpo ha bisogno di tempo per adattarsi a questa disciplina. D. AVVERTENZE SPECIALI PER LE DONNE Nei primi tre mesi di gravidanza, possono essere praticati tutti gli esercizi in posizione di seduti. Le posizioni in piedi, nelle quali, necessaria l'inclinazione del tronco, devono essere praticate soavemente, senza pressione alcuna sul ventre. Nell'ultimo mese prima del parto non devono praticarsi esercizi di nessun tipo. Un mese dopo la nascita del beb, possono incominciare gli esercizi, di accordo con la comodit che lei siede praticandoli. E. EFFETTI DI LE PRATICHE Gli esercizi, giustiziati correttamente, gli faranno sentire migliore, tanto mentale come fisicamente. Nel caso in cui lei si fa male praticando qualche esercizio, possibile che stia commettendo qualche errore. Riveda accuratamente le istruzioni, e se non riesce a risolvere il problema, consulti i nostri istruttori. L'ISEV conta su un dipartimento di corrispondenza, nel quale saranno risoluti tutti i suoi problemi ed inquietudini, senza costo addizionale, per i nostri professori di yoga e meditazione. F. OSSERVAZIONE GENERALE CIRCA GLI ESERCIZI Gli esercizi devono praticarsi sempre lentamente e con respirazione controllata. Se la pratica si fa regolarmente, gli effetti positivi si incrementeranno Forza, vitalit, controllo di peso e la possibilit di una vita pi lunga e piena di salute, sono i risultati naturali di questo processo. CAPITOLO 4 DOVE PRCTICAR YOGA? Molte persone desiderano sapere quale l'ambiente pi favorevole per praticare yoga. Per realizzare gli esercizi, lo raccomandiamo separare una stanza nella sua casa. Se possibile, tolga tutti i mobili ed oggetti che possano deviare la sua mente della pratica. Se lei possiede quadri che mostrino qualche motivo spirituale o dell'India, li collochi; essi l'aiutano a creare un ambiente appropriato. Scelga un posto tranquillo e ben ventilato. Il successo della pratica dipende anche da un posto silenzioso, libero di rumori e perturbazioni. Per evitare la distrazione della sua mente, raccomandiamo che non ci siano altre persone a meno che desideri realizzare le pratiche in gruppo Nelle scuole di yoga e nelle classi di gruppi, si preferisce l'uso di una sala molto pulita e tranquilla, con piano di legno o tappetato. CAPITOLO 5 COME PREPARARE IL POSTO PER I NOSTRI ESERCIZI? Il posto non deve essere molto soave n brandisco. Idealmente, si preferisce il piano tappetato; o nel suo difetto pu usare una ripara o una schiuma di approssimativamente 6 centimetri di spessore. La schiuma e la ripara hanno l'inconveniente che scivolano, problema che non si presenta col piano tappetato. Chiunque sia il posto che lei utilizzi, questo deve mantenersi sempre pulito; pertanto, non utilizzi scarpe in detto posto CAPITOLO 6 QUANDO IL NOSTRO PRCTICAR EJERCICIOS? La maggior parte degli yogis praticano molto presto i suoi esercizi nella mattina. Il migliore momento per la pratica dello yoga prima o durante l'alba; prima che siamo pieni di migliaia di responsabilit. Inoltre, durante queste prime ore del giorno sono molto poche cose che ci perturbano, carri, persone, etc.,

La pratica dello yoga a questa ora molto importante. il pi utilizzata per gli yogis che non hanno una stanza esclusiva per le sue pratiche, poich il momento nel quale gli altri riposano. Il tempo previo all'apparizione del sole molto favorevole per lo yoga e la meditazione. In lingua Sanscrita si conosce a questa ora come" Brahma muhurta", si raccomanda l'orario dalle 5 a 6:30. La pace mentale assolutamente necessaria per potere praticare gli esercizi. Per questo, molto importante che lei scelga un orario stabile (30 a 60 minuti). CAPITOLO 7 COME RESPIRARE COME UN YOGI? La respirazione molto importante in ogni esercizio. Con l'adeguata ossigenazione del corpo, lei svilupper tutte le sue potenzialit fisiche. Il primo passo che dobbiamo dare nel sentiero dello yoga prendere coscienza della respirazione. Nel corso avanzato insegniamo tecniche chiamato Pranayama, del Sanscrito PRANA: forza vitale o eterica che occupa il cosmo; e YAMA: controllare, ma come introduzione, importante imparare a respirare lentamente durante tutti gli esercizi, osservando come mette l'aria nei suoi polmoni, ed anche come si svuotano quando lei esala. Eviti di fumare o respirare aria inquinata, poich, per mezzo di nuetros polmoni e la circolazione del sangue, detti tossico sono distribuiti rapidamente per tutto il corpo. Osservi come entra ed esce l'aria attraverso i suoi polmoni. Pu respirare coi polmoni o con lo stomaco. molto importante che lei respiri la cosa pi lenta e profondo che possa. Mediti il come la sua vita dosata per una quantit determinata di respirazioni, e che se arriviamo a respirare lentamente, potremo vivere pi tempo. Nei Himalayas vive yogis che, mediante gli esercizi del Pranayama, impararono a controllare completamente l'aria dentro il suo corpo, e raggiungono una vita di 300 e 400 anni. CAPITOLO 8 GLI ESERCIZI E LA SUA PRATICA Ad alcuni persone sono facilitate loro pi alcuni esercizi che altri. Per ci, molto difficile affermare quali esercizi sono pi raccomandabili per ogni tipo di persona. Generalmente raccomandiamo i nostri studenti che sperimentino con tutti gli esercizi che presentiamo loro e che scelgano i pi utili, nel senso che questi esercizi migliorino le sue condizioni fisico-mentali. Impari tutte le tecniche ed elabori il suo proprio programma affinch lo pratichi giornalmente. A poco a poco gli si sar stato facilitando lo sviluppo di tutti gli esercizi. Quando disponga di tempo, li pratichi tutti. Sappiamo che lei sforza si ferma arrivare rapidamente alla perfezione. CAPITOLO 9 GLI ESERCIZI CON ILLUSTRAZIONI E SPIEGAZIONI CIRCA LA TECNICA ED I BENEFICI DI OGNUNO In questa breve introduzione nel sentiero dello yoga, realizzeremo alcuni esercizi che l'aiuteranno a conoscere il suo corpo ed a capire l'importanza di un'adeguata respirazione, e riuscire cos un migliore funzionamento di ognuno dei suoi organi. possibile che all'inizio lei non riesca ad eseguire gli esercizi come noi li descriviamo, ma questa non deve essere causa di disperazione n ansiet. Con la pratica costante, lei continuer a notare come Lei flexibilizan i suoi muscoli, facilitandosi cos lo sviluppo dell'esercizio. La pratica deve portare a termine nella mattina, la cosa pi presto possibile, cinque della mattina o alci. Deve cercarsi un posto sufficientemente ventilato, dove non ci siano polvere accumulata o brutti odori, e se possibile, un posto dove ci siano alberi. Si raccomanda praticare gli esercizi dopo un breve bagno. molto importante non forzare troppo l'organismo, perch potrebbe dovere abbandonare l'apprendistato dovuto a quello laceri di qualche muscolo. Sforzi Lei, ma non tensione eccessivamente i muscoli. Ricordi che ogni movimento deve essere realizzato di un modo armonico. NON DIMENTICHI MAI L'IMPORTANZA DI LA RESPIRAZIONE. Deve mantenersi cosciente di questa in ognuno degli esercizi. il. TECNICA. In posizione in piedi. I piedi insieme ed il corpo completamente retto. Unisca le palme delle mani all'altezza del petto e con le dita verso l'alto. VARIANTE I. Inali lenta e profondamente. Simultaneamente separi le palme dalle mani, portando le braccia completamente rette verso il basso, continuando il movimento fino a formare una croce col corpo. Esali dopo lentamente e contemporaneamente torni a collocare le palme delle mani nella posizione iniziale. Ripeta l'esercizio dieci volte. VARIANTE II. Lo stesso esercizio anteriore. Quando le braccia stiano in croce, le palme delle mani si rovesciano verso l'alto. Le braccia rimangono retti e si trattiene la respirazione. In questa posizione le braccia si lanciano all'indietro ed all'altezza delle spalle. Quindi tornano a collocare le palme delle mani verso il basso ed emana come nel variante I. Ripeta l'esercizio dieci volte. VARIANTE III. Lo stesso esercizio anteriore. Alzando le braccia, alzano simultaneamente i talloni e si scendono simultaneamente con l'esalazione. In questo esercizio lo sguardo deve stare diretta davanti ed ad un punto fisso per potere mantenere l'equilibrio. Benefici: Questo esercizio c'insegna a respirare. Sviluppa in noi l'armonia, base fondamentale del processo di yoga. Nella variante II si esercitano le spalle. Nella variante III si esercitano i muscoli del polpaccio ed i talloni. Aumenta la nostra capacit di concentrazione. 2a. TECNICA. In posizione in piedi. I piedi insieme ed il corpo completamente retto. Le braccia allungate durante il corpo coi dorsi delle mani insieme. Inali lento e profondo. In maniera simultanea, alzi le braccia al di sopra della testa formando un V. Pieghi il tronco e tenti di toccare il piano con le palme delle mani. Esali in tre tempi toccando il piano. Cerchi di non piegare le ginocchia. Tuttavia, se lo ostacolato eseguire l'esercizio senza piegare le ginocchia, potr farlo fino a che i suoi muscoli stiano sufficientemente flexibilizados. Ripeta l'esercizio dieci volte. Benefici: Questo esercizio amplia i polmoni, sviluppa in noi armonia, flexibiliza la vita ed i muscoli posteriori della gamba. Elimina e previene le indisposizioni stomacali ed addominali. Riduce l'eccesso di grasso nell'addome e migliora la digestione. Flexibiliza la colonna. 3a. TECNICA. In posizione in piedi. I piedi insieme. Le braccia incrociate e toccando il petto. Inali lenta e profondamente. Simultaneamente, alzi le braccia incrociate fino all'altezza del mento. Mantenga l'aria e doppio le ginocchia fino a rimanere coccoloni. Cerchi di non alzare i talloni. Torni a mettere le gambe rette ed esali mentre abbassa le braccia incrociate fino al petto. Mantenga davanti lo sguardo ed ad un punto fisso per facilitare l'equilibrio. Ripeta l'esercizio dieci volte.

Benefici: Questo esercizio aumenta il nostro equilibrio fisico e spirituale, amplia la nostra capacit respiratoria, aumenta il nostro coordinazione motoscafo, diminuisce la stipsi, flexibiliza i muscoli del polpaccio e le caviglie sviluppando la nostra concentrazione. 4a. TECNICA. In posizione in piedi. I talloni insieme e le punte dei piedi separati. Il corpo retto. I pollici si uniscono nella base della colonna. Inali lento e profondamente. Simultaneamente, alzi i talloni. Mantenga l'aria ed assuma la posizione di cuclillas, aprendo al massimo le gambe, ma senza separare i talloni, ritorni in piedi alla posizione ed esali dopo, abbassando simultaneamente i talloni. La colonna deve rimanere davanti retta, lo sguardo ed ad un punto fisso per non perdere l'equilibrio. Ripeta l'esercizio dieci volte. Benefici: Questo esercizio c'insegna a mantenere la colonna retta, amplia la nostra capacit respiratoria, aumenta la nostra capacit di coordinazione, diminuisce la stipsi, flexibiliza i muscoli del polpaccio e le caviglie sviluppando la nostra concentrazione. 5a. TECNICA. In posizione in piedi. I pollici si uniscono nella base della colonna. I piedi separati alla larghezza delle spalle. In questa posizione si piega il tronco fino all'altezza della vita, se gli possibile. Guardata sempre davanti ed ad un punto fisso. In questa posizione giri il tronco verso la destra. Inali iniziando il giro ed esali mentre finisce di farlo. Ripeta l'esercizio in senso contrario, cinque volte cominciando l'esercizio e cinque volte in senso contrario. Benefici: Questo esercizio flexibiliza la colonna e la vita. D un massaggio agli organi interni dell'addome ed i suoi muscoli. Esercita il nervo ottico ed i muscoli dell'occhio ed elimina la stipsi. 6a. TECNICA. VARIANTE I. In posizione seduta. Le gambe incrociate. La colonna retta. Muova all'indietro la testa e dopo in avanti. Inali portando all'indietro la testa ed esali portandola in avanti. I movimenti devono essere lenti. Ripeta l'esercizio dieci volte. VARIANTE II. Collochi l'orecchio destro nella spalla destra. Porti la testa al centro. Collochi dopo l'orecchio sinistro nella spalla sinistra. Giri la testa al centro. Inali ogni volta che alzi la testa ed esali portandola al lato. Ripeta l'esercizio dieci volte. VARIANTE III. Collochi il mento vicino allo sterno. Inizi giri per la destra, tentando di non alzare la testa. Il movimento deve essere lento. Inizi l'inalazione al principio del giro ed inizio ad esalare in mezzo a questo. Ripeta l'esercizio cinque volte. Inizi dopo giri per la sinistra. Ripeta l'esercizio cinque volte. Benefici: Questo esercizio c'aiuta ad ottenere un piacevole rilassamento dei muscoli del collo, il quale Lei tensiona eccessivamente durante il giorno. Ricordi che i nervi che collegano col cervello e le altre parti del corpo passano per questa zona. Dobbiamo praticare giornalmente questo esercizio. 7a. TECNICA. In posizione seduta. Le gambe incrociate. Le braccia di fianco al corpo. Le dita delle mani devono rimanere nel piano durante tutto l'esercizio. Inizi in avanti giri delle spalle. Ripeta l'esercizio cinque volte. Inizi all'indietro giri. Ripeta l'esercizio cinque volte. Benefici: Questo esercizio c'aiuta a rilassare le spalle, eliminando le tensioni che si concentrano l durante il giorno. 8a. TECNICA. Corichi Lei supino con le gambe allungate e le braccia ai lati del corpo. Levante del suolo la gamba destra. Questa deve rimanere completamente retta. Le faccia girare in direzione dell'orologio. Ripeta l'esercizio cinque volte. Ora abbassi la gamba destra e ripeta l'esercizio con la gamba sinistra. Respirazione libera. Giri ora le gambe in senso contrario. Benefici: Questo esercizio elimina i gas dello stomaco e degli intestini, risolve la stipsi e l'indigestione. molto utile come terapia di riabilitazione per le persone che soffrono di qualche disordine neuromuscolare o fratturi delle ossa. 9a. TECNICA. VARIANTE I. Corichi Lei supino. Pieghi la gamba destra e collochi la coscia vicino al petto. Intrecci ora le dita delle mani e li collochi sul ginocchio destro. Inali lenta e profondamente. Esali dopo. Simultaneamente con l'esalazione, levante la testa ed il petto. Tenti di portare il ginocchio fino al naso. Inali e simultaneamente porti lentamente la schiena e la testa fino al suolo. Il corpo deve essere rilassato. Ripeta l'esercizio cinque volte. Ripeta l'esercizio con la gamba contraria. VARIANTE II. Pieghi le gambe sul petto e collochi le braccia attorno alle ginocchia. Ripeta le indicazioni dell'esercizio anteriore. Benefici: Questo esercizio d un massaggio allo stomaco e finisce con la ventosit e la stipsi. 10a. TECNICA. In posizione seduta e con le gambe allungate davanti. Muova Lei come se stesse remando una scialuppa. Mantenga giunte le gambe. Inclini in avanti il corpo ed all'indietro. Ripeta l'esercizio dieci volte. Benefici: Questo esercizio eccellente per le donne che aspettano un figlio, possono praticarlo durante i primi tre mesi di gravidanza. Inoltre, attiva l'addome, massaggiando muscoli ed organi addominali. Capitolo 10 CHE COSA MEDITAZIONE? Abbiamo fatto gi conoscere alcuni aspetti su meditazione. Andiamo ora ad approfondire questo aspetto dello yoga. I benefici principali della meditazione sono: tranquillit della mente, sollievo di tensioni ed ansiet, sviluppo dei poteri mentali, memoria acuta, potere di convinzione, autorrealizacin, e scoperta delle nostre potenze e piaceri interni. Esistono molte forme di meditare. Nel passato, gli yogis si allontanava dalla societ e si addentravano nelle montagne per riuscire cos una migliore meditazione. Questo distanziamento c'insegna che nel processo di meditazione non dobbiamo prestare attenzione ad oggetti mondani. Si ha bisogno di concentrazione ed aiuta della nostra coscienza per riuscire il successo nella meditazione. Bench la meditazione sia un processo avanzato di yoga, si presenta in questo corso introduttivo una tecnica semplice, affinch lei, caro studente, possa sperimentare i meravigliosi effetti del sentiero dello yoga. La conoscenza vedica ci presenta una gran variet di aspetti pratici per la nostra vita, e di tutti essi, la meditazione la pi facile da apprezzare. Capitolo 11 CHE COSA UN MANTRA? Etimolgicamente, la parola mantra proviene dai vocaboli sanscrito MAN: menzioni e TRA: liberare. In altre parole, il mantra una vibrazione sonora che permette di liberare la nostra mente di multiple influenze come incubi, ansiet, etc. Esiste molti mantras nelle Proibizioni, come il seguente: OM NAMOH BHAGAVATE VASUDEVAYA KRISHNAS IL TUO BHAGAVAN SVAYAM OM NAMOH NARAYANAH Il mantra pi conosciuto e raccomandato di tutti, il famoso: FAR KRISHNA FAR KRISHNA KRISHNA KRISHNA FAR FAR FAR RAMO FAR RAMO RAMO RAMO FAR FAR

Affinch un mantra causi effetto, non necessario capire la lingua del mantra. Gi il suono del mantra sufficiente per ottenere il risultato desiderato. Tecnica: Il mantra deve essere pronunciato molto accuratamente e come si iscrive, ad eccezione della lettera H, la quale si pronuncia come una J in Far. Dopo i nostri esercizi, dobbiamo sederci per cinque minuti e ripetere il mantra in voce sufficiente come per ascoltarci stessi. Dobbiamo ripetere lo stesso mantra un ed un'altra volta. Lasci che la sua mente si lavi nella vibrazione purificatrice che deriva dal mantra. Dimentichi Lei di tutto il resto. Rilassi Lei e respiri l'atmosfera millenaria degli yogis autorrealizados. La meditazione ha un altro gran vantaggio, perch lei pu praticarla in qualunque parte ed a qualunque ora del giorno: viaggiando nell'autobus o dentro un aeroplano, quando disponga solo di cinque minuti, o quando sia noioso per qualcosa o qualcuno. Continuando a ripetere il mantra, lei si allontaner immediatamente dal mondano rumore ed i suoi pensieri diventeranno pi chiari. Capitolo 12 LA SUA SALUTE Essere salutare fa la vita pi felice. Nessuno vuole ammalarsi, bench in realt siamo colpevoli di molte delle nostre malattie, dovuto alla mancanza di attenzione del nostro corpo. Le malattie si devono a tre cause principali: 1. Ansiet. 2. Mancanza di pulizia. 3. Mangiare in eccesso. L'acqua inquinata, gli alimenti prodotti con chimici, respirare fumo e gas di carri, etc., sono anche altre cause importanti di molte malattie. molto difficile, allora, liberarsi di esse. Tuttavia, se noi pratichiamo yoga, potremo controllare molte di queste cause nella radice stessa, mediante la forza del nostro atto-controllo, per godere cos una vita pienamente salutare. La salute fisica e la salute mentale, sono la chiave per l'avanzamento dell'uomo. La nostra mente pu essere protetta, specialmente mediante gli esercizi di meditazione. Dobbiamo evitare per esempio qualunque azione violenta o carente di buone motivazioni umane:, tortura di animali, etc.. Questo tipo di influenze causano traumi psicologici e squilibrano la nostra mente e le nostre emozioni. La mente e l'intelligenza sono molto difficili da controllare; per quel motivo la meditazione offre una meravigliosa forma di dirigere, per il nostro beneficio, il nostro corpo sottile. Capitolo 13 L'IO SUPERIORE E L'IO INFERIORE Le Proibizioni discriminano nel nostro corpo otto elementi, a sapere: 1. Terra, 2. Acqua, 3. Fuoco, 4. Aria, 5. Etere, i quali compongono quello che si conosce come corpo grossolano. In un stato pi elevato troviamo: 6. La mente, 7. L'intelligenza e 8. Il falso ego, cio l'identificazione della nostra coscienza col corpo temporaneo. Questi tre ultimi elementi formano il corpo sottile, nel quale agiscono i desideri, frustrazioni, emozioni, sonni, etc. In un stato ancora pi elevato, si trova l'anima spirituale, manifestata mediante la coscienza, penetra il quale tutto il corpo per mezzo dei globuli rossi del nostro sangue. Quando l'anima non abita oramai il corpo, questo diventa inutile, cio, morto. Lo Yogi deve imparare le differenze tra il corpo grossolano, il corpo sottile ed il corpo spirituale. Cos, egli sapr cercare sempre i veri interessi dell'Io superiore. Capitolo l4 DIETA RACCOMANDATA Presentiamo loro tre famose ricette vegetariane, le quali offrono loro una dimostrazione delle deliziose preparazioni della cucina vedica. Nel nostro corso completo, diamo una guida su alimentazione, con molte ricette pi. importante sapere che classe di alimenti consumiamo, poich l'alimento penetra tutto il nostro organismo e colpisce la nostra coscienza. Alimenti che contengano sangue, carne, etc., sono la causa dell'aggressivit e tensioni nella nostra vita giornaliera. In questo corso completo, gli offriamo un studio dettagliato della scienza vegetariana. Ora, goda i deliziosi piatti ind. CHAPURI INGREDIENTI: 1 tazza di farina di grano integrale, 1/4 Cucchiaiata di sale, 1/2 Tazza di acqua tibia o siero, 1/2 Cucchiaiata di zucchero, 1 Cucchiaiata di burro, 1 Pizzico di polvere di infornare. Preparazione: Mescolare insieme la farina, il sale, lo zucchero, la polvere di infornare ed il burro. Aggiunga gradualmente l'acqua fino a che la massa sia soave, ma non umida e possa essere maneggevole. Ama Lei ella approssimativamente 5 minuti, la copra e le lasci riposare per 1/2 ora. Lubrifichi il tavolo ed il rullo, divida la massa in palle di 1 1/2" di diametro. Caldo nel frattempo l'olio o il ghee, estenda col rullo le palle fino a che rimangano ben magre, collochi il chapuri nella padella e quando appaiano bolle lo rovesci e speri che si gonfi. Lo serva caldo. D 6 Chapuris. Prescrive Non. 2 SABJI. INGREDIENTI: 1 Zapallo medio (auyama); 2 Zucchine (zuchini); 2 Pimentos o Papriche; 1 Cetriolo piccolo; 4 Cucchiaiate di olio di oliva; 2 Tazze di brodo vegetale con papi; 3/4 Tazza di salsa di pomodoro; 3 Pomodori; 2 Cucchiaiate di sale; 1 Pizzico di cumino. PREPARAZIONE: Si offendono gli zapallos in cubi di 1", le papriche in strisce, la zucchina in strisce di 1", il cetriolo pelato e senza semi si unisce picchiata. Caldo l'olio di oliva in un gran polsonetto ed aggreghi il cumino. Dopo, aggreghi la zucchina, lo zapallo e la paprica, lo mescoli affinch tutto si impregni di olio; al vegetale caldo aggregato il brodo di papi, la salsa di pomodoro ed il sale al gusto, dopo aggiunga i cetrioli. Cucini lentamente il vegetale con questo liquido. Rimescoli lentamente fino a che il liquido si volatilizzi, questo si

approssimativamente per un'ora fa. I vegetali devono rimanere soffici, ma senza disintegrarsi. Nel frattempo tagli i pomodori in ottavi e mancando 1 o 2 minuti per ritirarlo del fuoco aggiunga i pomodori. Deve accompagnarsi con rotoli di pane fresco e caldo. D 8 porzioni. Prescrive Non. 3 PALLINE MERAVIGLIOSE INGREDIENTI: 2 tazze di latte in polvere; 1 Tazza di burro od olio; 1 e 3/4 tazze di zucchero a velo; 1/2 Tazza di noci senza sale, cocco o uve uvette. PREPARAZIONE: Sciolga l'olio o burro in una padella e lasci raffreddare un po' il burro od olio. Aggreghi lo zucchero a velo e rimescoli fino a che diventi cremoso, uguale senza grumi. Aggreghi dopo gradualmente latte in polvere e continui a mescolare continuamente. Tenti di fare una pallina di pi o meno 2.5 cms. di diametro. Se ancora sta troppo inumidito, aggreghi un po' pi di latte in polvere. Se troppo secca, allora aggreghi un po' di olio o burro sciolto. Continui facendo palline di 2.5 cms. di diametro. Sono gi pronte per servirsi. Capitolo 15 BREVE COMMENTO CIRCA L'INDIANA Il nostro Istituto conta su molti centri di studi in India. Noi visitiamo regolarmente questo meraviglioso paese. Molta gente pensa all'India come un paese molto povero ma, in realt, grazie alla sua eredit della conoscenza dello yoga e la meditazione, l'India conserva l'incantesimo del davvero umano, bench le sue grandi citt siano orribili, tali e come lo sono le citt grandi del mondo moderno, e specialmente, quelle della chiamata terzo mondo. I nostri centri in Vrindavan, Mayapur, Hyderabad e Bombay, sono situati in ambienti molto gradevoli, e costruiti in base all'antica architettura vedica, e sono centri di rifugio per molti che vogliono riposarsi un po' delle tremende tensioni dalla societ moderna. Anche lei sar benvenuto ai nostri centri dell'India. Per maggiori informi, entri in contatto col nostro segretario. Tradizionalmente l'India il paese dello yoga. Le Scritture pi antiche del mondo sono i libri chiamate Proibizioni, i quali insegnano tutti gli aspetti relazionati con lo yoga e la meditazione. Nel corso completo studiamo i differenti ed interessanti aspetti della cultura vedica. Sappiamo che l'India la culla dell'Astrologia, la Filosofia, l'Architettura e la Letteratura. L'uomo pu arricchire la sua vita con questa saggezza. Capitolo 16 YOGA E CONOSCENZA Le Proibizioni spiegano che un yogi deve coltivare conoscenza circa l'Io superiore. Il processo di yoga una scienza che ci rivela multipli aspetti di gran utilit per la vita. Di tutti i libri di yoga, il pi importante " Il Bhagavad-gita Scienza Suprema" tradotto allo Spagnolo per l'ISEV. Questo libro, e la" India Misteriosa", sono attualmente i libri di yoga pi spacciati nel mondo, e l'aiuteranno ad approfondire la sua comprensione circa lo yoga e la meditazione. Questi due libri vengono compresi nel nostro corso completo di yoga. In totale, l'ISEV ha tradotto pi di 30 libri della lingua sanscrita alla lingua spagnola. Se lei interessato in alcuno di essi, pu sollecitarci pi informazione. Capitolo 17 ULTIMI PAROLE. La finalit di questo corso introduttivo, iniziare una nuova tappa nella sua vita. Lei sa gi che cosa essere yogi, e sicuro che ha sperimentato i vantaggi di questo sentiero, pieno di realizzazioni personali. L'invitiamo affinch prosegua e c'accompagni in questo processo, e possa ottenere risultati completi. Il corso gli far godere della conoscenza dei saggi, esplorando i segreti della vita mistica, sviluppando i poteri che provengono dalla fonte di tutti i poteri.

Lezione 1 Benvenuto all'Istituto Superiore di Studi Vedici, ed allo studio della scienza dello yoga per corrispondenza. Il tuo successo la nostra meta. Il corso fu compilato affinch lo yoga possa arrivare a posti lontani ed isolati e possa aiutare le persone che non possano uscire delle sue case. La relazione personale dell'alunno col professore molto difficile da sostituire per qualcosa scritto. Tuttavia, l'insegnamento spirituale non dipende da contatto fisico. La tua relazione coi grandi maestri dell'India comincer quando studi le istruzioni con profonda attenzione. Apre il tuo intelletto ed il tuo cuore. Comunica le tue inquietudini e dubbi ai professori che sono a tua disposizione nella corrispondenza. Il nostro grande maestro Srila Prabhupada e Srila Sridhar Maharaj ispirarono questo corso. Essi desiderano che da tutte le parti del mondo possano conoscere i benefici trascendentali che lo Yoga pu offrire. L'Istituto offre variet di programmi: tra essi i grandi festival per gli alunni nella sua Propriet in Granada-Cundinamarca. La Biblioteca sonora e letteraria dell'ISEV che serve gli alunni con grandi variet di materiali per studi avanzati, etc. Ti auguro forza e determinazione in questo sentiero importante. Il tuo domestico, B.A Paramadvaiti Svami. CONSACRAZIONE La composizione di questo corso per corrispondenza dello yoga non sarebbe stata mai possibile senza l'ispirazione del mio amato maestro spirituale Om Visnupada Paramahansa Parivrajakacarya 108 Srimad Bhaktivedanta Svami Prabhupada ed Om Visnupada Paramahansa Parivrajakacarya 108 Bhakti Raksaka Sridhar Deva Gosvami Maharaja. Siamo completamente indebitati con essi e la consacrazione di questo corso ad essi unicamente una piccola dimostrazione della gratitudine che sentiamo per essi. Che le benedizioni di essi si estendano a tutti i cercatori sinceri che studiano questo corso il nostro anelito. GRATITUDINE Il numero dei miei collaboratori in questa opera molto grande. Da 1980, fino a 1985, lavoriamo affinch il corso di yoga per corrispondenza possa terminare. Nello stesso tempo fu tradotto all'Inglese e si prepar una variante in cinese. Finalmente, per l'aiuto di tanto devoti possiamo presentare al pubblico ispanofono la versione finale del corso, affinch tutti abbiano i segreti dello yoga alla sua portata. Ringraziamo a: Acharya Bhakti Bhimala Harijana Maharaja per la sua amicizia ed ispirazione. I membri della Rivista Di Giro al Supremo ed Istituto Bhaktivedanta per i suoi articoli scientifici della Scienza del Bhakti. I membri dell'ISEV che mi hanno appoggiato col suo sacrificio immotivato. Specialmente, Nell'edizione a: Vaidjanath Dai Adhikary, Jaya Jagadish Dai Adhikary, Ranadhir Dai Adhikary, Loka Svami Dai Adhikary, Atulananda Dai Adhikary. Nella direzione a: Sri Rupa Manjari Devi Dasi. Nella traduzione a: Ivonne Lpez. Produzione a: Lokanath Dai Brahmacary, Laksmi Sahasranama Devi Dasi, Svarupa Damodara Dai Brahmacary. Nell'arte a: Varsana D.D, Jamadagni Dai, Baladeva Dai Brahmacary. Eternamente grato, B.A Paramadvaiti Svami. Caro Studente: Abbiamo il gusto di presentargli oggi la prima lezione, la quale consta di un'introduzione ad ognuna delle sette sezioni sviluppate in ogni fascicolo del nostro corso, le quali si andranno svolgendo fino a fargli conoscere la visione trascendentale della conoscenza vedica. Lo yoga, Scienza dell'Autorrealizacin, richiede necessariamente la base di una conoscenza speciale e la guida adeguata per facilitare allo studente la conseguente realizzazione spirituale. Le basi della conoscenza di questo corso sono state prese degli scritti della Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Svami Prabhupada chi fino alla sua sparizione, in 1977, pubblic pi di 80 volumi ed una serie di commenti circa le eterne scritture sanscrite delle proibizioni, il corpo di conoscenza spirituale pi antica ed estesa del mondo. Uno dei nostri propositi fondamentali fare arrivare queste vitali conoscenze al maggiore numero possibile di persone. Dovuto a ci si scelto la modalit dell'istruzione per corrispondenza, per facilitare in questa forma, senza uscire di casa, la pratica della disciplina yoga. Naturalmente, continuando ad avanzare in questa strada, lei si trover con differenti domande ed inquietudini che speriamo gli siano risolute soddisfacentemente in lezioni pi avanzate. Anche cos, se lei sente la necessit di consultarci specialmente su qualche tema, non dubiti un momento di comunicarsi per lettera, telefono o personalmente se il caso. Siamo sempre disposti ad aiutarlo. Sar anche molto favorevole per lei discutere le sue lezioni con amici che siano altrettanto attratti al tema, cos come praticare e studiare insieme ad essi. Ora, e molto brevemente, alcuni parole circa il materiale che lei utilizzer: 1. Il Bhagavad-gita Scienza Suprema, per la Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Svami. Questa opera che studieremo dopo di una breve introduzione; lo scoprir finalmente i tesori filosofici che rinchiude ognuna delle sue pagine e l'autorizzata utilit per la sua propria vita. Approfittando della nostra guida, lei potr studiare un capitolo del Bhagavad-gita insieme ad ogni lezione. 2. L'India Misteriosa, scritta per Walter Eidlitz ci permetter di scoprire gli aspetti pi profondi della saggezza dell'India. In temi tali come la Vegetarianismo reincarnazione, Astrologia e lo Yoga. Questo racconto sar un incentivo immediato per continuare nella ricerca della cosa spirituale. 3.- Un nastro registrato, parlata e redatta per la Sua Santit B.A Paramadvaiti Svami. Questa porta, in primo luogo, la pronuncia corretta di ognuno dei 24 versi o mantras i quali gli suggeriamo memorizzare, ricordare e ripetere frequentemente. Cantando o

pronunciare questi versi in Sanscrito uno pu liberare la mente dei differenti problemi ed ansiet. La parola" mantra" viene dalle radici Sanscrita man e tra, le quali significano rispettivamente" mente" e" liberazione." Cos, i mantras parole speciali che liberano la mente. Dopo dei 24 versi o slokas, lei potr ascoltare alcuni canti vedici e musica strumentale dell'India (shenai) che l'aiuteranno nelle sue meditazioni. 1.- Le migliori ore per meditare sono quelle dell'alba, chiamate per i saggi" Brahma-muhurta." In questo periodo, l'ambiente pi tranquillo e la mente pi rilassata ed in calma. Scelga un posto col minimo di perturbazioni esterne, e se questo lo ostacolato, chiuda la porta della sua stanza, e se necessario, collochi in lei un'insegna che dica": non disturbi, sto meditando." Questo pu sembrare qualcosa attore comico, ma molto serio e delicato. Tutti abbiamo il diritto e l'obbligo di approfondire sinceramente in noi stessi, di inquisire, affrontare e risolvere i problemi essenziali della vita con piena maturit mentale, liberi di qualunque perturbazione esterna. 2.- Ogni lezione divisa in sette sezioni ed il corso progettato affinch lei possa studiare approssimativamente ogni lezione per due settimane. La sua meditazione giornaliera deve includere un po' di ognuna delle sette sezioni, enfatizzando chiss in un o due delle stesse, dipendendo dalla lezione specifica e della sua propria preferenza personale. Tuttavia, la cosa pi importante che lei possa sviluppare stretta regolarit nella sua pratica. Tenti di studiare e meditare simultaneamente tutti i giorni. Facciamo speciale enfasi nell'importanza di stabilire cos cos una pratica e perseverare in lei. Bench molte altre cose altrettanto importanti possano apparire per distrarrlo, queste devono essere respinte, e bench niente esterno appaia, la nostra mente svilupper a volte internamente molte ragioni per le quali potremmo posporre pi tardi per la nostra pratica giornaliera. Se noi permettiamo questo, non possiamo sperare mai di fare progressi costanti nella vita spirituale. 3.- Per studiare le sue lezioni, realizzi i suoi esercizi e meditazioni, destini per lo meno ogni mattina mezz'ora. Se lo desidera, pu aumentare questo tempo ma non investa meno di mezz'ora. Tenti di non passare per alto un solo giorno. Il progresso costante basato nello sforzo costante ed in che non ci siano interruzioni. Segua regolarmente questo programma giornaliero e la sua ricompensa sar la perfezione vera e la felicit reale e durevole. Gli auguriamo molti successi, piena soddisfazione e la forza necessaria per superare tutti quegli ostacoli che possano presentarsi nel percorso per il rifugio verso lo yogi. OM TAT SAT. LEZIONE 1 SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. Tutte le persone di qualunque livello culturale conoscono "quasi per lo meno il nome" Bhagavad-gita." Penso che saranno cio di accordo con me in che non ha fatto fino ad ora parte del nostro ecosistema culturale, che non stato incorporato n assimilato dentro le nostre vite, dovuto, non tanto a che sia un libro sconosciuto, bens a che abbiamo mancato della classe di commento fedelmente interpretato come quello che ci presenta Svami Bhaktivedanta, un commento scritto non solamente per un erudito, bens per un apprendista, un punto di vista di un devoto devoto durante tutta la sua vita." (Denis Levertov). * Il Famoso Libero BHAGAVAD-GITA Fu Dietro Parlati 5.000 Anni In Indiana, Per KRISHNA Ad ARJUNA IL BHAGAVAD-GITA. GLI INSEGNAMENTI ETERNI CIRCA L'IO E L'UNIVERSO. Tutti i giorni siamo bombardati con massiccia dose di informazione: la radio, la televisione, steccati, calcolatrici, libri, riviste, giornali, film, registrazioni, etc. Quasi senza eccezione questa informazione progettata affinch ci vediamo. Cos, sulla base dei nostri concetti, rispondiamo cambiando opinione, comprando un prodotto o votando per un certo candidato. Fortunatamente, sempre di pi persone stanno cominciando a sentire, gi sia in una maniera vaga o molto chiaramente che esiste qualcosa pi che il nostro proprio corpo per essere alimentato, vestito e portato di qua per l in automobili ed in aeroplani. Incominciano a sentire anche che il vasto universo non pi che un rodo per le interminabili sfilate di trionfi e disastri economici e politici dell'uomo. Presto o tardi la maggioranza di noi si trattiene a domandare: Chi sono io?, Che cosa sto facendo con la mia vita?, Per che motivo tutto questo mondo?, Da dove viene? e quale il suo proposito?. Durante migliaia di anni, persone inquisitive hanno consultato il Bhagavad-gita, il dialogo eterno tra il Sig. Krishna ed il suo discepolo Arjuna, in ricerca di risposte alle sue pi profonde indagini circa l'io e dell'universo. Gli insegnamenti del Gita, considerato" il gioiello" della saggezza spirituale dell'India, trascendono le limitazioni di tempo e posto per applicarsi agli sforzi umani pi fondamentali di comprendere l'identit e l'esistenza. In questo corso lei imparer circa la coscienza, la reincarnazione, la Legge del karma, l'origine dell'universo, le tecniche di meditazione ed altri temi spiegati nel Gita. Questi conformano gli insegnamenti centrali dell'ISEV. Il Bhagavad-gita un poema filosofico di 700 versi, scritto originalmente in lingua Sanscrita. una delle opere letterarie e filosofiche pi importanti che l'uomo abbia conosciuto mai. Su questo libro si sono iscritti pi commenti che ecceda qualunque altro nella storia dell'umanit. Questo storico tesoro della perenne letteratura classica il sostentamento spirituale della cultura pi antica dell'umanit, la cultura vedica. Il Gita ha determinato la vita sociale, etica, culturale e fino a politica dell'India per cientos di anni; ancora oggigiorno le sue glorie emergono nonostante le influenze straniere di Greche, Musulmani ed Inglesi. Il Gita ha influito profondamente il pensiero di generazioni di filosofi, teologi, educatori, scienziati e scrittori del mondo occidentale. Per esempio, Henry David Thoreau scrisse nel suo diario": Tutte le mattine lavo il mio intelletto con la stupenda e cosmogonica filosofia del Bhagavad-gita... in paragone con questi insegnamenti, la nostra civilt e letteratura moderne sembrano meschine e triviali." Il Gita stato considerato per molto tempo come l'essenza della letteratura vedica, il vasto corpo delle antiche scritture che compongono la base della filosofia e la spiritualit vediche. Come essenza dei 108 Isopanisads, il Bhagavad-gita conosciuto come Gitopanisad. Bench sia stato pubblicato e letto come un libro indipendente, il Bhagavad-gita appare originalmente come un episodio del Mahabharata, o la gran epica storica, dove occupa dal capitolo 25 fino al 42 del Bhisma Parva. Tradizionalmente si attribuito il

lavoro di autore a Vedavyasa (Srila Vyasadeva) chi considerato per l'ortodossa storiografia vedica come la" incarnazione letteraria di Dio", e chi apparve approssimativamente cinque mille anni fa per redigere l'eterna filosofia vedica al principio dell'era di kali-yuga, l'era attuale di ignoranza ed oscurit spirituale. Quando incominciamo a leggere il Gita, troviamo che una narrazione di Sanjaya, discepolo di Vyasadeva, al Re cieco Dhrtarastra chi il padre degli infedeli ed irreligioso Kauravas. Reddito lontano dalla battaglia, Sanjaya capace di raccontare gli eventi che hanno l luogo, poich detti avvenimenti gli sono rivelati per Vyasadeva, attraverso una visione soprannaturale. Il Bhagavad-gita un dialogo tra il Sig. Krishna ed Arjuna. Questo dialogo succede giustamente prima del principio del primo incontro bellico nella battaglia di Kuruksetra, la gran guerra fratricida in due eserciti: Kauravas e Pandavas, per determinare il destino politico di quell'epoca. In un momento dato, Arjuna dimentica completamente il suo dovere prescritto come guerriero o Ksatriya, il quale lottare per una causa giusta in una guerra sacra. Per motivi personali, Arjuna decide di non lottare nel campo di battaglia. Krishna, la Suprema Personalit di Dio, chi aveva accettato essere l'autista della quadriga del suo amico e devoto Arjuna, trova a questo completamente perplesso ed in illusione. Krishna decide allora di illuminare ad Arjuna, ricordandogli il suo dovere sociale come guerriero, e qualcosa di pi importante ancora, il suo dovere eterno e la sua natura (sanatana-dharma) come entit spirituale eterna in relazione con Dio. Gita significa canzone e bhagavad si riferisce alla parola" Bhagavan", un termine Sanscrito che significa Dio, il possessore, vat, di tutte le opulenze (bhaga). Il Bhagavad-gita allora, il canto del Sig. di tutte le opulenze. IL BHAGAVAD-GITA. INTRODUZIONE. Ora, prima di proseguire, legga le tre primi pagine dell'introduzione del suo Bhagavad-gita come . Nei giorni dopo, lei legger per lo meno tre pagine ogni giorno, fino a che finisca di leggere tutta l'introduzione. Con sicurezza lei trover che esistono moltissimi concetti nuovi e difficili da capire o accettare immediatamente. Non si preoccupi, se prosegue con questo corso, raggiunger una comprensione graduale dei differenti concetti. Dopo avere completato le 24 lezioni, gli suggeriamo rileggere l'introduzione. Lei si sorprender di quanto meglio pu capirla e quanta realizzazione ha ottenuto di lei. SEZIONE 2 Il verso della Quindicina. Dopo avere studiato un capitolo del Bhagavad-gita, nella sezione due lei familiarizzer ora con un sloka o verso particolare dello stesso libro. Abbiamo selezionato per il suo studio i testi pi importanti ed applicabili. La memorizzazione del verso ha l'effetto di portarlo alla meditazione circa la filosofia e le frasi originali parlate per Krishna. Lei pu preparare un piccolo libretto coi versi e studiarli durante il giorno. Come memorizzare il verso? Legga a voce alta la pronuncia Sanscrite ripetute volte. Guidi Lei mediante la registrazione del cassette. Un buono aiuto per l'apprendistato dei versi utilizzare la traduzione parola per parola che si trova sotto al testo in Sanscrito, e cos capir quello che sta memorizzando. Di seguito presentiamo il suo verso: Bhagavad-gita, Capitolo 2 Verso 12 na tv evaham jatu nasam na tvam neme janadhipah na caiva na bhavisyamah sarve vayam atah param na - non ; tuo - che; eva - in realt; aham - io; jatu - qualche tempo; nao - no; asma - esistei; nao - n, neanche; tvam - tuo; na - n; ime - tutti questi; janadhipah - re; na - n; ca - neanche; eva - in realt; na - che non; bhavisyamah - esisteremo; sarve - tutti; vada noi; atah param - in nessun tempo futuro. Traduzione: non ci fu mai un tempo in che Io non esistessi; n tu n tutti questi re; n nel futuro nessuno di noi smetter di esistere. Mediti durante uno o due minuti circa il significato di questo verso e ricordi la cosa studiata un o due volte durante il resto del giorno. Egli" Io" ed il" tu" del quale parla qui Krisna trascendono la natura finita e temporale di tutti i corpi materiali (Ksetras). Cos, questo indica un'esistenza oltre lo spazio temporaneo del corpo fisico. La nostra identit reale si trova in realt molto oltre questo corpo temporaneo, ed arrivare a sapere che cosa il" io accampamento" il primo passo nella vita spirituale. Ripeta il verso in Sanscrito durante tre o quattro minuti tutti i giorni fino a che l'abbia memorizzato e dopo memorizzi la traduzione. Nei giorni dopo, ripeta il verso e la traduzione durante due o tre minuti e mediti contemporaneamente sul significato. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. INTRODUZIONE. Affinch ottenga un maggiore beneficio della sua meditazione giornaliera, lo raccomandiamo eseguire in primo luogo alcuni pochi esercizi semplici per rilassare il suo corpo e calmare la sua mente. Quale il significato di yoga e che cosa la meditazione? Nel Bhagavad-gita Krishna dice": So fermo nello yoga Oh Arjuna! esegue il tuo dovere ed abbandona ogni attaccamento per il successo o il fallimento. Simile stabilit mentale si chiama yoga." (Capitolo 2) verso 48.) Lo yoga non si riferisce ad una serie di pratica sofisticate di ginnastica fisica o mentale, ancora quando ella prescriva qualche tipo di esercizi. Lo yoga un stato spirituale e psicologico nel quale si usano certe posizioni fisiche o" asanas." Ma questi esercizi stanno destinati solamente a rilassare la mente ed il corpo ed a preparare questi elementi di tale forma che la coscienza possa andare oltre la piattaforma materiale. Ricordi, come gi lo spieghiamo nell'introduzione di questo corso che il parola yoga proviene del vocabolo Sanscrito yug che significa vincolare. Avanzare durante il tragitto dello yoga significa conoscersi migliore e pi profondamente, e la vera conoscenza significa la capacit di autocontrolarse e finalmente stabilire un vincolo con la Verit Assoluta. In questo programma di meditazione si usano alcuni esercizi fisici e mentali per aiutare a rilassare il corpo e la mente. Come lo spiega Krishna nel Bhagavad-gita": Per quell'il cui mente sfrenata, l'autorrealizacin un lavoro difficile. Ma quell'il cui mente controllata e che si sforza mediante i mezzi corretti, ha assicurato il successo. Quella la Mia opinione." (Capitolo 6) testo 36.

importante il non dare preferenza agli esercizi e trascurare cos la pratica della cosa mentale o psicologico che sono le vere mete di questo programma. Lei pu imparare a respirare molto abilmente ed a collocare il suo corpo in differente asanas, ma questo non gli garantisce n la pace mentale n il progresso spirituale. Oggigiorno si uguaglia l'avanzamento spirituale con migliaia e migliaia di cose che non hanno relazione con la vera liberazione dell'anima, o del suo confino in questa esistenza materiale. Infine, il valore di qualunque sentiero deve giudicarsi per il frutto che produce. In conclusione, ricordi che la parte pi importante del successo nella sua meditazione consiste nel diligente studio di ogni lezione. Allo stesso tempo non dimentichi che la meditazione deve essere eseguito calmadamente, con gran attenzione, mente aperta ed in un atteggiamento contemplativo adeguato. Per incominciare la sua meditazione, prepari nel piano un posto che non sia troppo soffice, n neanche troppo cinque pesetas. Si raccomanda utilizzare una stuoia vegetale che copra il sedile utilizzato. Situi Lei comodamente in lui, attraversi le sue gambe e respiri lenta e profondamente. Mantenga eretto e diritto il corpo, il collo e la testa. Con gli occhi socchiusi, guardi fissamente la punta del naso, chiuderli significherebbe completamente la possibilit di addormentarsi; aprirli del tutto significherebbe la possibilit di essere distratto per gli oggetti che stanno intorno a suo. Krishna dice": La situazione yoga quella del disinteresse di tutte le attivit sensuali. Chiudendo tutte le porte dei sensi e fissando la mente al cuore e l'aria vitale nella parte superiore della testa, uno si situa nello yoga." , B.G. Capitolo 8, verso 12. Gli esercizi riaffermano il controllo sulla sua mente; lei arriver ad essere esente di tutte le paure e completamente libero di pensieri sensuali. Mediti circa la grazia e protezione dell'Assolute, la meta ultima della sua vita. In questo modo, lei deve prepararsi a s stesso ogni giorno. Incominci a meditare giornalmente per un minuto e dopo aumenti il suo tempo di meditazione un minuto ciascuno giorno fino a completare tre minuti di meditazione giornalieri. In altre lezioni gli saranno dati differenti esercizi per praticare, ma ogni sessione di meditazione del Gita dovr incominciare e finire con tre minuti di tranquilla meditazione. Ricordi che non importa quanto lungo sia la strada, incomincia col primo passo. Rimanga fisso nel sentiero con tenacia, intelligenza e pazienza, ed arriver a liberarsi di tutte le tensioni. SEZIONE 4 Differenti aspetti della conoscenza vedica Opinioni degli scienziati circa l'origine della cultura vedica. In questa sezione discuteremo alcuni temi relazionati con l'origine e la psicologia della conoscenza vedica. La conoscenza vedica ed il processo di yoga non sono basati nella fede cieca, pertanto, dobbiamo aumentare la nostra convinzione studiando molto accuratamente questa sezione. In questa opportunit c'occuperemo degli aspetti storici ed archeologici della cultura vedica. Gli attrezzi utilizzati dagli ideologi empirici sono le correnti scientifiche della storia, l'antropologia, l'archeologia, la filologia e discipline perfezioni. Tuttavia, gli erudito sono di accordo in cui la ricostruzione critica dell'origine e natura della cultura vedica altamente incerta. L'archeologia ovviamente, una scienza specialmente appropriata per verificare circa le culture antiche, ma, quello che fu certo per i registri storici vedici anche certo per le scoperte archeologiche, i quali non ci danno fino al presente una visione chiara della civilt vedica? Ovviamente, molti dei posti geografici menzionati nelle scritture vediche si conoscono ancora, e di accordo con la tradizione, molti dei tempii in India sono stati conservati durante migliaia di anni, ma questi posti non hanno lasciato evidenze archeologiche solide. Conseguentemente, i costumisti menzionano che la letteratura vedica fu scritta nei principi dell'era di Kali, approssimativamente cinque mille anni fa e che i filosofi, yogis e Rsis vissero fa molti milioni di anni furono gli abili osservatori. Bench molto spesso gli scienziati empirici considerino esagerata tale sofisticazione nell'umanit antica, essi ammettono che" la storia della razza umana si sta riscrivendo con nuovi processi di computo e con emozionanti scoperte attorno al mondo." La tendenza generale di tornare a scrivere la storia dell'umanit per comprovare i dati teorici, dai principi della civilt umana avanzata ed andando all'indietro fino a quello che arriv ad essere conosciuto come preistoria. E per quel che riguarda l'archeologia in India, gli scavi di citt e tempii non hanno prodotto ancora dati empirici concludenti circa la prima apparizione della cultura vedica. L'archeologia occidentale inizi i suoi lavori nei principi del secolo XIX, quando gli investigatori dell'East India Company scoprirono molti tempii, santuari, monete antiche ed iscrizioni scritte in lingue morte. Nella decade degli anni 30 del secolo 19 si decifrarono gli editti dell'imperatore Asoka e si situ alla civilt Ind nell'anno 300 prima di Cristo. Nel secolo 20, incominciarono lavori a gran scala. Le scoperte archeologiche pi famose in relazione col periodo preistorico ebbero luogo basso la supervisione dell'archeologo Sri John Marshall chi nell'epoca degli anni 20 scopr le citt di Harappa e Mohenjaro, localizzate in quello che oggi il Pakistan. Queste erano le citt di un'efficiente comunit sociale urbana, chiamata ora la civilt ind e la quale partita a credito da 3.000 anni A.C. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. Cominceremo questa sezione investigando le fonti dove questi filosofi della trascendenza calmarono in realt la sua sete Assoluta. Che cosa sono le Proibizioni? Da dove provengono? Che cosa dicono? Chi li scrisse o compil? Commentando il Vedanta Sutra (2.1.6), Madhva, uno dei principali maestri della filosofia vedica, cita il Bhavisya Purana come segue: Rg - yajuh - samartharvas ca bharatam pancaratrakam mula-ramayanam caiva proibisce ity eva sabditah Puranani ca yaniha vaisnavani vido vidhu "Il Rig-proibizione, lo Yajur-proibizione, il Sama-proibizione, l'Atharva-proibizione, il Mahabharata, il quale include il Bhagavadgita, il Pancaratra e la Ramayana originale, sono considerati tutti come letteratura vedica. I Puranas supplementi Vaisnavas, sono anche letteratura vedica." Noi possiamo includere anche le scritture corollario come i Samhitas ed i commenti dei grandi maestri chi hanno guidato per secoli il corso del pensiero vedico. Affinch sia accettata come vedica una scrittura deve conservare lo stesso proposito dei testi vedici originale. Le scritture vediche, Costumisti, comprendono un tutto armonioso con una conclusione armoniosa (siddhanta). In conseguenza, noi dobbiamo accettare come scrittura vedica fededegna qualunque opera che sviluppi il siddhanta vedico senza cambiare il suo significato, perfino se l'opera non fa parte delle scritture originali. In effetti la tradizione vedica necessita di pi opere autorizzate che trasmettano il messaggio di

accordo col tempo ed il posto. Tuttavia, per essere genuine queste estensioni della letteratura vedica devono adattarsi strettamente alle dottrine delle Proibizioni, i Puranas ed il Vedanta-sutra. La letteratura vedica non morta n arcaica. Nonostante, qualunque opera letteraria, sia antica o moderna, deve essere considerata non vedica se devia del Siddhanta Vedico. Cos, il Buddismo, il Jainismo ed il Sikhismo, bench siano definitivamente risultato della letteratura vedica, non sono considerati come tali. Perfino la concezione di induismo altrui alla conclusione vedica, come lo vedremo pi tardi. Le scritture vediche sono estese e varie. Solamente il Rig-proibizione consta di 1.017 inni, il Mahabharata consta di 110.000 paia di versi e le 18 Puranas principali contiene cientos di migliaia di versi. SEZIONE 6 LO YOGI E LE SUE RELAZIONI CON IL MONDO. LO YOGI, AMICO DI TUTTI. "Se la nascita e la morte non esistessero, e n l'et n la paura della cosa amata si frustrasse, se tutto non perisse tanto rapido, Che vita non sarebbe cosa di apprezzare? Pancatantra. Una domanda che uno si deve fare : perch devo cercare l'autorrealizacin? La risposta che la nostra sofferenza, sia grande o piccolo, causato per il fatto che non sappiamo chi siamo, da dove veniamo e verso dove andiamo. Le difficolt che si vanno incrementando tra le persone, i gruppi e perfino le nazioni, hanno la stessa causa: non sappiamo chi siamo o chi il nostro vicino . Questo il perch finalmente richiediamo una soluzione efficiente. Da molti anni la gente ha tentato di risolvere i problemi che angosciano l'uomo ed il mondo, e sono accorsi alle differenti scienze sociali tali come la Filosofia, la Sociologia, la Psicologia e la Politica, elaborando qualche sistemazione materiale e pertanto temporale, per tentare di evitare d'un colpo per tutti tali problemi, ma bench essi si siano sforzati dura e sinceramente in queste sistemazioni, il beneficio ottenuto non ha risolto veramente alla comunit intera i problemi che penetra la natura materiale. Di un altro lato, una persona intelligente capisce che la ricerca della sua felicit e quella degli altri esseri, assolo pu essere contrario dentro s stesso. Questo il vero intendimento dell'esistenza come esseri spirituali eterni: la comprensione dell'anima come l'Essere e del corpo materiale come il veicolo temporaneo nel quale abita l'anima. Di accordo con la comprensione vedica: gli animali, le piante, gli insetti, etc., sono tutti essi esseri vivi dovuto alla presenza dell'anima, la quale si manifesta mediante la coscienza. Dentro il corpo di ogni essere vivo si trova l'anima, gi sia, il corpo di un filamento di erba, una piccola farfalla, un gigantesco elefante, un cigno, una vacca o un uomo. Tutti questi esseri vivono dovuto alla presenza dell'anima. Perfino mediante l'osservazione sprovveduta, possiamo vedere che tutti i corpi si vedono differenti. Quella differenza dipende dal" desa, kala e patra" (tempo) posto e dettaglia. In ogni sposo, il corpo differente e la coscienza differente, ma l'anima la stessa. L'anima in un uomo della stessa qualit che l'anima in un filamento di erba. Questa la vera comprensione vedendo gli altri esseri. Sappiamo anche che, col proposito di mantenersi a s stesso, uno deve ammazzare ed alimentarsi di altri esseri, tali come le piante. Nella letteratura vedica si dice": In questo mondo materiale tutte le entit viventi conservano la sua vita alimentandosi di altre entit viventi." Cos, deplorevolmente uno deve causare dolore ad un'altra entit vivente. Ed in questa confusa situazione molto difficile capire come potere vivere e lavorare per il beneficio di tutti gli altri, ma per quello che capisce la vita da un punto di vista spirituale, conosce le cose come sono; la sua visione si trasforma ed immediatamente si trasforma anche la sua relazione con gli altri esseri viventi. Egli non li considera oramai come semplici macchine per la sua propria soddisfazione personale, ma vedr in essi fratelli pi avanzati e fratelli meno avanzati che egli, ma sempre i suoi fratelli, ed in conseguenza, egli sar gentile con tutti ed agir da tale forma che causer il minore danno ed il maggiore beneficio entrando in contatto con questi esseri. Come dice il Gita nel capitolo 6, verso 32: "Oh Arjuna! un yogi perfetto chi mediante il paragone con suo proprio io, vedi la vera uguaglianza di tutti gli esseri tanto nella sua felicit come nella sua afflizione." Le scritture vediche descrivono le qualit di un yogi: egli amichevole con tutti, egli non vede nessuno come il suo nemico, in lui pu confidarsi, uguale verso tutti, nessuno pu trovarlo una mancanza, magnanimo, soave, sempre pulito, lavora sempre per il beneficio di tutti, molto pacifico, sempre devoto al supremo, studioso, autocontrolado, non mangia pi della cosa necessaria, non influenzato per l'energia inferiore o illusoria, Maya, offre sempre i suoi rispetti a tutti, non desidera nessun rispetto per lui, sempre grave, misericordioso, poetico, esperto e silenzioso. Orbene, se lei volesse studiare medicina o musica dovrebbe seguire un processo, egualmente, l'autorrealizacin richiede anche un processo graduale. Non pu sperarsi che qualcuno che affliggi incomincia in queste discipline spirituali sia gi un essere perfetto che abbia sviluppato tutte quelle meravigliose qualit; tuttavia, potremo migliorare gradualmente il nostro carattere personale, sviluppando maturit e stabilit mentale con una coscienza illuminata. Di questa maniera, potremo essere stimati per gli altri perch staremo in capacit di comprendere le persone e le cose, in termini della sua reale natura. Se lei segue questi insegnamenti seriamente capir, ovviamente, quale il beneficio che pu ottenere e di che maniera pu aiutare a tutte le altre entit viventi che sono dopo tutti i suoi fratelli. SEZIONE 7 YOGA E SALUTE. Questa sezione lo servir tanto da guida in tutti gli aspetti fisici come nella sua dieta e nella sua salute mentale e spirituale. Vicino alle gradevoli preparazioni vegetariane, la nutrizione perfettamente oscillata ed una comprensione profonda della natura spirituale degli alimenti che lei consuma, possono combinare si ferma creare in lei una vita felice e salutare. Lei pu godere di una buona alimentazione e contemporaneamente potr ottenere comprensione spirituale. Anche questa sezione tratter della medicina ayurvdica ed alla fine di ogni lezione lei trover sempre una semplice, ma squisita ricetta vegetariana. Primo che tutto, faremo una breve introduzione circa la scienza della medicina vedica, la quale c'aiuter a conoscere meglio il nostro corpo, la sua natura e le sue attenzioni, l'alimentazione e l'igiene, infine, insegnamenti pratici per mantenere questo corpo, il quale considerato per tutte le filosofie e religioni come un tempio di Dio. L'Ayurveda, originario delle proibizioni, la Scienza Medica per una vita salutare. Include campi perfeziona della conoscenza come biologia, botanica, herbologa, anatomia, nutrizione, igiene, medicina e chirurgia. Questo ramo specializzato della conoscenza Vedica fu rivelata originalmente per Sri Dhanvantari, un'incarnazione del Sig. Supremo.

Si crede che originalmente esistessero sedici parti dell'Ayur-proibizione. Si dice anche che questa scienza dell'Ayur-proibizione fu parlata per il gran saggio Atreya Rsi ai saggi di Naimisaranya, un bosco in quello che attualmente Bengal occidentale, e che posteriormente fu redatta e reescrita per differenti autori in distinte epoche. Il Sarak Samhita ed il Sushruta Samhita sono i commenti pi antichi ed autorizzati di tutti. Noi discuteremo molte di questi insegnamenti pratici in altre lezioni. Le Proibizioni provvedono una completa descrizione della scienza che parla circa la nutrizione, ma vanno anche oltre una buona nutrizione, perfino gli animali pi bassi sanno proprio che mangiare per mantenersi salutari, e c'insegnano come spiritualizzare il processo di alimentazione mediante la trasformazione di tutte le attivit culinarie offrendoli al Supremo. Questa arte abbastanza semplice e gli apprendisti avanzati di yoga non lo dimenticano mai. In lezioni posteriori lei imparer gradualmente questo processo. Speriamo che nel frattempo, lei sviluppi gradualmente sempre di pi attrazione per gli alimenti vegetariani. Non solamente arriver ad essere pi ricco e saggio, bens pi salutare; gradualmente lei si render conto che una dieta pura essenziale per lo sviluppo di una coscienza pura. Ora viene una squisita ricetta dalla cucina vegetariana molto facile da preparare. INSALATA DI CETRIOLO CETRIOLO (RAITA) 1 cetriolo grande; 2 Tazze di Yoghurt; 1/2 Cucchiaiata di cumino in polvere; 1/2 Cucchiaiata di sale; Un pizzico di pepe in polvere. Peli e grattugi il cetriolo. Aggiunga lo Yoghurt e le specie. Agiti soavemente. Raffreddi nel frigorifero. Speriamo che preparando questa insalata gradevole e rinfrescante lei ricorder l'origine degli ingredienti e dar grazie al Sig. Supremo per la sua generosa creazione. Mediante tale remembranza, lei si purificher ed arricchir spiritualmente. Come raccomanda il Bhagavad-gita": Oh figlio di Kunti, tutto quello che faccia, tutto quello che mangi, tutto quello che offra e regala, cos come tutte le austerit che esegua, devi farli come un'offerta a Me." , Bg. 9.27). Questo tutto per oggi. Un'altra volta gli auguriamo pieni successi in questo gran sentiero, il quale ha incominciato giustamente ora. Prima di concludere la sua pratica giornaliera, assicuri Lei di ripetere la meditazione che impar nella prima parte di questa lezione.

LEZIONE 2 Oggi stiamo cominciando la seconda lezione del suo corso di Yoga: Un passo pi in avanti nel sacro sentiero dello Yoga. Costruiamo insieme un mondo pi gentile. SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. "Il fatto che il Bhagavad-gita rimanga in piena validit, pu essere giudicato per la maniera come grandi riformatori tali Mahatma Gandhi e Vinoda Bhave basarono come spontaneamente le sue vite e le sue azioni su lui e lo commentarono in dettaglio ai suoi discepoli." (Thomas Merton). La sezione una di ogni lezione consta di un esame del Bhagavad-gita, capitolo per capitolo, permettendogli due settimane per completare il suo studio. Per capire il pieno significato degli insegnamenti di Krishna ad Arjuna, importante studiare contemporaneamente poche pagine. In questa seconda lezione del suo corso di Yoga, offriamo in primo luogo un'introduzione alle basi storiche del Bhagavad-gita, e discutiamo dopo il primo capitolo," Osservando gli eserciti nel campo di Battaglia di Kuruksetra." Basi Storiche. La narrazione principale del Mahabharata tratta circa la guerra tra i Kauravas," i cento figli di Dhritarastra", diretti per Duryodana, e del lato opposto, i suoi cugini," i Pandavas", i figli di Pandu, guidati per Yudhistira suo fratello maggiore. Pandu e Dhritarastra erano i figli del Re Vicitravirya, un discendente del Re Bharata, antico sovrano del mondo di chi devia il nome del Mahabharata. Dhritarastra era il figlio maggiore ed il legittimo successore del trono, ma per essere nato cieco, il trono fu dedito a suo fratello minore Pandu. Tuttavia, Pandu mor essendo molto giovane ed i suoi cinque figli (Yudhistira) Bhima, Arjuna, Nakula e Sahadeva, rimasero bassi la tutela parziale di Dhritarastra. Questo non accett mai la supremazia di suo fratello, e desiderando che, invece dei figli di Pandu, i suoi propri figli governassero al mondo, egli cospir contro la vita dei Pandavas e la sua madre vedova Pritha (Kunti). I Pandavas, tuttavia, scapparono dalle sue atrocit un ed un'altra volta, dovuto principalmente all'amorosa protezione di Krishna chi era nipote di Kunti e, pertanto, parente di essi. Infine, Duryodhana, un politico molto abile e figlio maggiore di Dhritarastra, ingann ai Pandavas e li priv del suo regno e la sua libert in una partenza di gioco. Dopo essere stato forzati a passare tredici anni nell'esilio, i Pandavas ritorn e reclamarono il suo regno a Duryodhana chi bruscamente ricus consegnarlo. I Pandavas, obbligati moralmente come Ksatriyas ad occuparsi in alcuno forma dell'amministrazione politica, ridussero le sue domande a solo cinque province. Quando anche questa miserabile petizione fu respinta, Arjuna ed i suoi fratelli ricorsero alle armi, preparando lo scenario per quello che risulterebbe essere una devastatrice guerra globale. Yudhistira era il fratello maggiore dei Pandavas, e per guadagnare il trono o per opporsisi a, si riunirono i grandi guerrieri di tutti gli angoli della terra. Come gesto fine per evitare la guerra, Yudhistira invi a Krishna per proporre una tregua, ma Krishna trov a Duryodhana determinato a dirigere il mondo alla sua maniera. Mentre i Pandavas, uomini dei pi elevati principi religiosi e morali, riconoscevano a Krishna come quello Sig. Supremo Stesso, gli empi figli di Dhritarastra non l'accettavano cos. Tuttavia, Krishna si offr a partecipare alla guerra di accordo coi desideri dei rivali. Come Dio, Egli non si farebbe personalmente carico del tema, ma chi lo desiderasse potrebbe scegliere tra approfittarsi dell'esercito di Krishna o avere a Krishna stesso. Come consigliere ed aiutante, Duryodhana, il geniale politico, voleva strappare l'esercito a Krishna, mentre Yudhistira fu altrettanto ansioso di avere a Krishna Stesso. Di questa maniera, Krisna si trasform nell'auriga di Arjuna, assumendo il carico di condurre la quadriga del leggendario arciere. Questo ci porta al punto nel quale comincia il Bhagavad-gita, coi due eserciti in formazione ed intelligenti per iniziare il combattimento. CAPITOLO UNO: OSSERVANDO GLI ESERCITI IN IL CAMPO DI BATTAGLIA DI KURUKSETRA. Come lo racconta il Mahabharata, di seguito gli eserciti in lotta, i quali sono diretti per i Pandavas ed i Kauravas rispettivamente, si sentono ora disposti per la prima battaglia della gran guerra di Kuruksetra. Dopo il tumultuoso tocco delle conchiglie di ognuno degli eserciti, segnalando cos il principio della battaglia, Arjuna chiede a Krishna - chi ha consentito agire come il suo auriga - che collochi la sua quadriga tra i due eserciti. Arjuna vedi allora per il suo orrore, ai suoi genitori, nonni, zii, fratelli, figli ed amici nelle file di entrambi gli eserciti, preparandosi per la battaglia. Oppresso di dolore e vedendo i suoi parenti intimi, maestri ed amici riuniti con simile spirito bellicoso, Arjuna, pieno di compassione, si sente abbattuto e decide di non lottare. Perch Arjuna decise di non lottare? Per compassione? Per debolezza?, o fu per ignoranza caso nel quale Arjuna non si intendeva l'importanza della sua propria partecipazione di questa guerra decisiva nell'ostacolare l'avanzamento degli empi Kauravas?. Nel capitolo uno e nei primi versi del capitolo due, ascoltiamo i propri argomenti di Arjuna giustificando la sua decisione di non lottare. Quindi ascolteremo al Sig. Supremo Sri Krishna chi spiega ad Arjuna perch i suoi argomenti non hanno nessun valore. importante per noi tenere in conto che Arjuna era un gran devoto ed un'anima pienamente autorrealizada, bench nel racconto del Gita egli dimostri essere molto confuso, realmente stato posizionato nella sua posizione" ignorante" per Krishna, il direttore di scena di questo dramma, e sta giocando solamente un ruolo, affinch cos possa Krishna comunicare i suoi insegnamenti trascendentali per il beneficio di tutto il mondo. Come la conversazione di Krishna dissipa tutti i dubbi di Arjuna e lo libera di ogni ansiet, le parole di Krishna hanno anche il potere di liberare tutti ed ognuno di noi delle legature di questa esistenza materiale, se abbiamo realmente il desiderio di accettarli nel cuore. Ognuno di noi, di un o un'altra forma, mantenuta per gli stessi problemi che esprime Arjuna nel Gita. Pertanto, se desideriamo capire le istruzioni liberadoras di Krishna, dobbiamo identificarci primo con Arjuna ed i suoi problemi. Questo facile, poich, come Arjuna, siamo attratti ai nostri propri corpi, alle nostre famiglie, ai nostri lavori, al nostro paese, etc. Essere attratto non significa necessariamente che tali cose ci piacciano troppo, ma semplicemente le nostre vite girano attorno a, e sono grandemente affettate per queste designazioni materiali temporali di una forma o altra e pertanto dobbiamo fare attenzione al risultato delle nostre azioni. Come Krishna fa notare ad Arjuna, nei versi 16 e 17 queste designazioni cangianti non esistono realmente dal punto di vista cosmico, e l'unica cosa che importa in realt l'Io eterno ed immutabile, l'indistruttibile anima spirituale. Questa la base di tutta la conoscenza trascendentale, e perfino se lei non avesse assimilato nient'altro di questo corso, se lei realizza pienamente che" io non sono questo

corpo, io sono un'anima spirituale, parte e porzione del Sig. Supremo", lei avr dominato l'essenza dello yoga. Continui leggendo e rileggendo il capitolo due durante le prossime due settimane e mediti profondamente su tutti i concetti importanti. SEZIONE 2 Bhagavad-gita, Capitolo 2, Testo 22 vasamsi jirnani yatha vihaya navani grhnati naro parani tatha sarirani vihaya jirnani anyani samyati navani dehi vasamsi - vestiti; jirnani - vecchie e consunte; yatha - come ; vihaya - lasciando; navani - vestiti nuovi; grhnati - accetta; narah - un uomo; aparani - altre; tatha - allo stesso modo; sarirani - corpi; vihaya - abbandonando; jirnani vecchi ed inutili; anyani altri corpi; samyati - in realt accetta; navani - nuovo dehi - anima corporificada. Traduzione": come una persona si mette nuovi paramenti rifiutando le vecchie, in forma simile, l'anima accetta nuovi corpi materiali abbandonando i vecchi ed inutili." Mediti sui differenti corpi che lei ha avuto in questa vita e nei quali avr man mano che invecchia. Il suo corpo cambia permanentemente, ma lei, l'io reale, rimane sempre lo stesso, agendo come un osservatore dal cambiamento. L'idea chiave in questo verso " Cambiamento." Il cambiamento di un corpo ad un altro non niente strano. I corpi vecchi sono comparati con paramenti sconquassati ed inutili e pertanto, li cambiamo con corpi nuovi. L'anima non pu rimanere in un corpo vecchio ed inutile e pertanto, ella cambia dimora nel momento opportuno. Ripeta il verso in Sanscrito durante tre o quattro minuti tutti i giorni, usando il cassette affinch l'aiuti nella pronuncia. Tenti di memorizzare il verso e lo ripeta dopo mentre medita sul significato, durante due o tre minuti tutti i giorni. Continui ripetendo anche il verso della lezione uno, tanto spesso che non lo dimentichi. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. PAVANAMUKTASANAS: Rilassamento delle Gambe. Primo investa tre minuti in tranquilla meditazione, come si spieg nella lezione uno. Ora incominciamo gli esercizi di oggi, imparando un po' pi circa il corpo e come rilassarlo. "Oh Arjuna! il Sig. Supremo situato nel cuore di tutti e dirige il vagare di tutte le entit viventi che stanno situato come in una macchina fatta di energia materiale." , B.g.18. 61). Il corpo fisico simile ad una macchina, ma dovuto alle brutte posizioni, molte volte, le sue differenti parti spendono prematuramente, specialmente le congiunture. Inoltre, la maggioranza dei corpi soffrono di secrezioni, le quali producono tensioni ed inibizioni muscolari. A volte sentiamo dolori in differenti parti del corpo senza una ragione apparente, ma se teniamo in conto che il corpo umano non pi che una macchina, allora sapremo che quella macchina ha bisogno di attenzione ed accomodamenti speciali per il suo corretto funzionamento. I seguenti esercizi si denominano Pavanamuktasanas. Pavana si riferisce ai fluidi corporali come i gas, i quali spiegheremo pi avanti in una sezione sulla salute. Mukta, fa riferimento alla" liberazione" ed asana significa" posizione." Cos Pavanamuktasanas posizioni che liberano i fluidi corporali ed eliminano prodotti di rifiuto che si sono accumulati in certe parti sensitive. Quando il corpo si libera di ogni tipo di tensioni pu funzionare perfettamente, come una macchina quando stato ben oliata. Praticando giornalmente questi esercizi, stiamo stimolando le differenti parti del corpo, ed il risultato completo rilassamento ed ovviamente un miglioramento della salute. Incominciamo oggi col rilassamento delle gambe. a, Senti Lei comodamente. Allunghi ora in avanti le sue gambe. Le mani nel suolo, di fianco alle anche. Piedi insieme. Incominci per contrarre in avanti le dita dei piedi ed all'indietro senza muovere le caviglie. Una contrazione in avanti ed all'indietro una volta. Lo ripeta dodici volte, Raffigura 1. b, Contragga in avanti le caviglie ed all'indietro. Ripeta l'esercizio dodici volte. , Raffigura 2. c, Separi i piedi circa quaranta centimetri. Incominci a girare il piede destro in direzione delle lancette dell'orologio. Conti fino a dodici. Ora giri il piede destro in senso contrario uguale numero di volte. Ripeta l'esercizio in entrambi i sensi col piede sinistro. Ora d, giri contemporaneamente entrambi i piedi, usando lo stesso processo ed uguale numero di volte. e, Allacci le mani sotto alla coscia destra. Pieghi la gamba fino a che il suo ginocchio tocchi il suo petto, l'estenda dopo nuovamente in avanti. Lo ripeta dodici volte. Allacci ora le mani sotto alla coscia sinistra. Segua lo stesso processo con uguale numero di volte, Fig. 3). f, Unisca le sue gambe. Collochi la mano destra sotto alla coscia destra e la mano sinistra sotto alla coscia sinistra. Doppio entrambe le gambe e porti le ginocchia al petto. Lo ripeta dodici volte, Fig. 4) Ora g, allacci le sue braccia sotto alla coscia destra. Giri la gamba, descrivendo un ampio circolo. Ripeta l'esercizio dodici volte. Faccia dopo la stessa cosa con la gamba sinistra. Li giri primo nella direzione delle lancette dell'orologio e dopo in senso contrario. h, Unisca le gambe ed unione le braccia sotto alle cosce. Giri simultaneamente entrambe le gambe descrivendo un ampio circolo. Ripeta l'esercizio dodici volte. Li giri primo nella direzione delle lancette dell'orologio e dopo in senso contrario, Fig. 5). i, Corica Lei di spalle. Braccia e gambe separati, le palme delle mani guardando verso l'alto. Chiuda gli occhi. Respiri profondamente e rilassi Lei per cinque minuti. , Fig. 6). Nota: prima delle pratiche deve darsi sempre un bagno di acqua fredda e dopo gli esercizi asciugarsi il sudore del corpo con un asciugamano. L'Ayur-proibizione raccomanda non lavarsi con acqua fredda dopo avere praticato gli esercizi. SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. Quanto lei valga? "Quello che abbandona quello che imperituro per quello che perituro, perde quello che perituro e quello che imperituro. La cosa peritura niente in s stesso." (Canakya Pandit). "Grazie all'inflazione, leggiamo in un recente ufficio dell'Associated Press," lei vale ora cinque e mezze volte pi di quello che valeva fa solo pochi anni. Il calcio, il magnesio, il ferro ed altri chimici nel corpo di un adulto avevano un valore di 98 centesimi di dollaro nei primi anni della decade dei 70 ed ora hanno un valore di US$5.60 di accordo col dottore Harry Monsen, professore di anatomia

nella scuola di medicina dell'Illinois. Ed il prezzo continuer ad aumentare come sta succedendo con cadaveri e scheletri, disse. Siamo messi nella spirale inflazionaria." In quello che siamo messi pi che la spirale inflazionaria. siamo messi in quello che la letteratura Vedica segnala come la vera essenza dell'illusione, il fallimento di capire chiaramente chi siamo. "La maggior parte del corpo umano, continua l'articolo, acqua. In una persona di 50 chili, disse il dottore Monsen, ci sono approssimativamente 5 chili di calcio, 1 chilo di fosfati, 18 once di potassio approssimativamente ed un po' pi di 12 once di zolfo e sodio, un po' pi di 2 once di magnesio ed un po' meno di 2 once di ferro, rame ed iodio." Ora, gli sembra che quello lei ? mediti su questo per un momento. Il corpo acqua nella sua maggiore parte, dice il dottore Monsen, ma, quando lei pensa circa chi lei , quando pensa circa suo io, della sua identit, Pensa di lei stesso come annacquato? Nel corso della sua vita lei ha bevuto moltissima acqua e ha evacuato anche molta. L'acqua andata e venuto, ma lei sta l ancora. Che cosa quello lei? calcio, fosfato, potassio, zolfo? questa la composizione essenziale della nostra identit? sodio, magnesio ferro, rame...? La questione semplice. Se analizziamo i nostri corpi non troveremo pi che un barile pieno di acqua e chimici per valore di cinque o sei dollari. Tuttavia, se meditiamo circa noi stessi, chi siamo realmente, sapremo intuitivamente che siamo pi qualcosa, conclusione? noi non siamo questi corpi materiali. Mediante la discriminazione intelligente, dobbiamo tentare di capire la differenza tra il corpo e l'Io. Il corpo fatto di chimici: solfori, iodio, etc., ma l'Io, l'identit reale dell'essere vivente la coscienza. Il corpo con coscienza una persona il corpo senza lei un cadavere. I cadaveri, annota l'AP" stanno pi cari che mai." Il dottore Munsen predice che pronto il prezzo raggiunger gli US$200. La coscienza, tuttavia, non ha prezzo. L'intelletto, l'ambizione, la bont e l'amore sono tutti sintomi della coscienza. Cos, in questo senso, che la coscienza l'elemento essenziale ed invaluable del corpo. L'AP ha inviato un interessante ufficio circa il valore del corpo, ma, quanto pi interessati dobbiamo stare nella comprensione dell'io dentro il corpo? Che cosa quello che c'incita ad attaccarci tanto ai nostri corpi mentre stiamo in essi? Se inquisiamo in questa forma, vedremo finalmente l'importanza della coscienza. la coscienza quella che d vita al corpo e quella che fa temporaneamente a questo tanto prezioso. Questa coscienza conosciuta anche come anima, o spirito. La letteratura Vedica pertanto, ci dice che se noi desideriamo comprendere il vero valore della vita, dobbiamo inquisire circa la nostra identit spirituale, oltre i nostri corpi materiali. La maggioranza di noi pensa che siamo il corpo. Quando pensiamo di noi stessi come americani, ind, giapponesi o tedeschi, bianchi o neri, uomini o donne. Che cosa sono queste designazioni bens dettagliate descrizioni dei nostri corpi? Prestiamo troppa attenzione ai nostri corpi il cui valore praticamente nessuno, ed ignoriamo l'anima invaluable, o la coscienza dentro il corpo. Quando fu detto alla gente che valeva solo 98 centesimi di dollaro, si sentirono offesi," disse il dottore Monsen." Si sentirono meglio al sapere che valevano US$5.60." Se possiamo liberarci delle designazioni corporali, capiremo che definitivamente non siamo questi corpi, e riconosceremo chi siamo realmente, ma non ci sar limite per sentirci molto meglio. Srila Vyasadeva scrisse le Proibizioni per la guida dell'umanit nell'era di Kali. SEZIONE 5 FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. CHE COSA SONO LE PROIBIZIONI? Ora studieremo un'introduzione breve, ma completa dell'origine delle Proibizioni. Nel Brhad-Aranyaka Upanisad (2.4.10) ci si informa": Il Rg-proibizione, lo Yajur-proibizione, il Sama-proibizione, l'Atharvaproibizione e gli Itihasas, storie come il Mahabharata ed i Puranas, stanno tutti ispirati per la Verit Assoluta. Questi derivano dal Bramino Supremo senza nessun sforzo della sua parte. "Di accordo con la tradizione Vedica, le Proibizioni sono assolute e per se stessi autorizzati. Non dipendono pi che di se stessi per essere spiegati. Questo stesso principio viene dalle labbra di Sri Krishna nel Bhagavad-gita (3.15): Brahmaksara samudbhavam" Le Proibizioni sono manifestati direttamente dell'infallibile suprema Personalit di Dio." Il commentatore Sridhara Swami (Bhavarthadipika 6.1.40) annota che le Proibizioni sono supremamente autorizzate perch essi derivano da Narayana stesso. Jiva Gosvami annota che la scrittura Vedico Madhyandina-sruti attribuisce tutte le Proibizioni (Sama) Atharva, Rg e Yajur, cos come i Puranas e gli Itihasas alla respirazione dell'essere Supremo. Finalmente l'Atharva-proibizione afferma che Krishna chi istru a Brahma in principio dissemin la conoscenza Vedica nel passato. Come abbiamo visto, le scritture si descrivono a loro stesse come apauruseya, volendo significare che esse non provengono materialmente da nessuna persona condizionata, bens del Supremo, un'origine trascendentale alla dualit mondana.) La conoscenza Vedica fu impartito a Brahma negli albori della creazione. Brahma istru dopo a Narada i cui realizzazioni appaiono attraverso la letteratura Vedica. La conoscenza Vedica considerata eterno, ma poich l'universo materiale sta in flusso costante, gli insegnamenti Vedici devono essere riaffermati. Bench anche l'universo materiale sia considerato eterno, continua a passare per tappe di creazione, manutenzione ed annichilazione. Anteriormente le Proibizioni si trasmettevano in forma orale, ma dopo il saggio Vyasadeva compil tutti i costumisti in forma scritta. SEZIONE 6 LO YOGI E LE SUE RELAZIONI CON IL MONDO. LO YOGI E LA PULIZIA DIVINA. Leggiamo nel capitolo 13, testi 8 al 12 di Bhagavad-gita": L'umilt, l'assenza di orgoglio, la non violenza, la tolleranza, la semplicit, l'avvicinarsi ad un maestro spirituale fededegno, la pulizia, la costanza, e l'atto-controllo... tutti questi aspetti sono caratteristici della conoscenza, il contrario ignoranza." La pulizia fa riferimento tanto alla pulizia esterna come all'interna. Pulizia interna significa una mente pulita e pura, la quale manifesta la luce e la verit dell'anima. In questo stato di purezza uno pu utilizzare la mente in forma costante per incrementare ed espandere la comprensione spirituale. Questo l'abilita ad uno per controllarsi a s stesso in tutte le circostanze ed a mantenere un atteggiamento positivo. La pulizia interna significa dissipare sempre l'oscurit dell'ignoranza con la torcia della conoscenza. Il sistema Vedico per la pulizia esterna pu essere riassunto come segue: Presto nella mattina prima dell'uscita del sole, uno deve lavarsi. Prima di ci, uno deve lavarsi accuratamente i denti ed evacuare. Le Proibizioni prescrivono che uno deve lavarsi sempre le mani e la bocca dopo avere

mangiato, dopo avere toccato qualcosa di impuro, come sostanze inquinate e quando esce dai posti che generalmente sono visitati da persone che non hanno abitudini di pulizia. Inoltre, importante essere attento alla pulizia della casa, specialmente nell'area dove uno medita. Nessuno dovr entrare alla stanza di meditazione con le scarpe sistemate. Le scarpe entrano in contatto con cose molto sporche. Come la meditazione e lo studio si praticano generalmente essendo seduti sul piano, deve fare gran attenzione a mantenere la cosa bella copia e togliersi le scarpe un gran aiuto. Se l'apprendista, sia uomo o donna, ha i capelli lunghi, questo deve essere legato dietro la testa durante la meditazione. Di accordo con le scritture Vediche, il cotone si purifica o pulisce con acqua. La lana si purifica col sole e gli altri tessili devono lavarsi regolarmente. I materiali plastici sono considerati impuri sotto ogni circostanza, per essere essi prodotti mediante idrocarburi. Per sviluppare una coscienza pi elevata, importante mantenere sempre puliti e puliti l'ambiente ed i vestiti. Il Bhagavad-gita dice," L'austerit del corpo consiste in questo: il rispetto al Sig. Supremo, i brahmanas, il maestro spirituale ed i superiori tali come il padre e la madre. La pulizia, la semplicit, il celibato e la non violenza sono anche austerit del corpo." (Capitolo 17) testo 14. Come tale, la pulizia descritta come una delle austerit del corpo, ma quello che arriva a diventare molto regolato, si abituer anche a questi principi, e naturalmente non avr inconveniente alcuno, al contrario, arrivasse ad apprezzare ed allora ad assaggiare realmente l'atmosfera spirituale, la quale mantenuta in un ambiente di pulizia esterna ed interna. La sua vita arriver ad arricchirsi con la luce chiara della verit, ed incomincer a sentire prosperit e felicit illimitate. SEZIONE 7 YOGA E SALUTE. Rifletti su un'alimentazione umana. "Se qualcuno mi offre con amore e devozione, una foglia, un fiore, una frutta o acqua, Io l'accetter." , Bg. 9. 26). In questa occasione investigheremo insieme scientificamente i principi di una nutrizione appropriata alle necessit e finalit della vita umana. Sappiamo molto bene che la scienza riconosce che alla dieta di qualunque essere vivente gli corrisponde una struttura anatomica e fisiologica speciale, ed ugualmente, certe condizioni naturali proprie ed ambientali. (Ecosistema). In questo senso, mediante la nostra esperienza pratica possiamo notare che la fisiologia, la costituzione anatomica visibile, i sistemi e funzioni digestivi, sono differenti nei distinti regni della natura. L'essere umano e la tigre sono buoni esempi di questo acuto contrasto. Di accordo con le sue diete, possiamo stabilire dentro i vertebrati tre gruppi principali a sapere: I carnivoro, gli erbivori ed i frugvoros. Esaminiamo da vicino alcune delle sue caratteristiche principali e decidiamo dopo dentro quale categoria potrebbe ubicarsi all'essere umano. 1.- Gli Animali Carnivori. Questo gruppo include animali tali come il leone, il cane, il gatto, la tigre, etc. Una caratteristica notevole del suo sistema digestivo, che generalmente breve, approssimativamente tre volte la longitudine dei suoi corpi. Questo si deve a che la carne, la sua dieta naturale, si scomporsi rapidamente ed i prodotti risultanti di questa putrefazione diventano tossici in forma rapida se non sono espulsi immediatamente del corpo. Un sistema digestivo breve permette l'evacuazione rapida dei chimici tossici che derivano dalla decomposizione della carne. Lo stomaco degli animali carnivori trattiene solitamente dieci volte pi acido cloridrico che lo stomaco dagli animali non carnivori. Solitamente i carnivoro cacciano durante la notte e dopo riposano e dormono durante il giorno. Essi mancano, in generale, di ghiandole sudoripare le quali servono per pulire e rinfrescare la pelle. La lingua rimpiazza queste funzioni. Invece animali vegetariani come la vacca, il cavallo, il cervo, l'elefante, etc., digeriscono la maggior parte della sua alimentazione durante la giornata diurna e traspirano liberamente attraverso i pori della sua pelle col fine di rinfrescare il suo corpo. La differenza pi significativa tra questi due gruppi la troviamo nei suoi denti. Oltre ai suoi affilati artigli, tutti i carnivoro possiedono poderose mandibole ed appuntiti ed allungati denti chiamati canini, i quali attraversano la pelle pi dura, partono e rompono ossa. I carnivoro non possiedono molari, i denti piani posteriori, i quali sono imprescindibili affinch un animale di dieta vegetariana possa macinare il suo alimento. A differenza dei grani, la carne non deve masticarsi nella bocca per essere predigerita, si digerisce nella sua maggiore parte nello stomaco e gli intestini. Pu osservarsi che per esempio, il gatto ed il cane appena se possono masticare. 2. Gli Animali Erbivori. Questo gruppo di animali include l'elefante, la vacca, la pecora, il cammello, etc. Si alimentano di erbe, foglie e piccoli germogli presi dei rami degli alberi. La sua digestione comincia nella bocca con una classe di enzima chiamato ptialina, la quale si trova nella sua saliva. Il processo di assimilazione lento negli erbivori ed il suo alimento deve essere masticato accuratamente e ben mischiato con la ptialina per ottenere una digestione completa e corretta. Per questa ragione, gli erbivori possiedono 24 molari speciali e non possiedono artigli n affilati denti. Bevendo acqua l'aspirano a differenza dei carnivoro che la bevono con la lingua. Come non si alimentano di sostanze che si scomporsi rapidamente, come il caso dei carnivoro con la carne, ed il suo alimento ha bisogno di maggiore tempo per essere digerito, possiedono un sistema digestivo ed intestini pi lunghi, che in generale misurano fino a dieci volte il volume dei suoi corpi. Studi realizzati recentemente, hanno dimostrato che una dieta basata nella carne produce effetti eccessivamente dannosi in animali erbivori. 3. Gli animali frugvoros. Questo gruppo di animali include principalmente le scimmie antropoidi, i quali sono molto simili anatomicamente agli esseri umani. La sua dieta alimentare consiste principalmente in frutte secche e fresche, foglie e radici. Gli animali frugvoros possiede milioni di pori nella sua pelle. Possiedono anche molari per macinare e masticare gli alimenti. La sua saliva alcalina e come quella degli erbivori, trattiene ptialina per la predigestione dalle frutte ed i vegetali. Finalmente, studieremo agli esseri umani e le sue caratteristiche. In molti aspetti sono simili agli erbivori e frugvoros e completamente differenti ai carnivoro. Come nel caso delle scimmie antropoidi, il nostro sistema digestivo anche dodici volte il volume del nostro corpo. La pelle umana possiede vicino a tre milioni di pori, per dove si volatilizza l'acqua e si rinfresca il corpo mediante il sudore. Come gli animali vegetariani, l'essere umano beve acqua mediante suzione. La struttura dentale e la forma della mandibola sono appropriate per una dieta esclusivamente vegetariana. La saliva umana alcalina e trattiene anche ptialina per la

predigestione dagli alimenti. Per queste differenti caratteristiche anatomiche e fisiologiche, si vede chiaramente che l'essere umano non progettato per essere carnivoro. Nel rivista Carosello numero 276 del 25 di Novembre di 1.983, pubblicata per il diario Il Tempo di Bogot, il prestigioso Cardiologo Colombiano, Dottore Diego Augusto Leiva Samper, affermava la sua intervistatrice che" quasi che una sfida che faccio alla scienza medica e biochimica, ed aspetter la sentenza in relativamente poco tempo: Circa 20 anni. L'uomo non programmato per consumare proteine animali, ed esse sono l'inizio di gravi problemi di salute, come sono le malattie degenerative cronache, chiami Lei diabete, reumatismo, artrite o arteriosclerosi, con la sua sequela di malattie cardiovascolari e perfino il cancro. Stiamo elaborando col professore Wedt dell'Universit di Monaco e col dottore Schnitzer della Germania, lavori che provano, mediante investigazioni di anatomia patologica che sono le proteine animali quelle che si depositano nella membrana bazal dell'endotelio vascolare, arterie ed arteriali, producendo l'ingrossamento e l'indurimento delle sue pareti." I quattro denti canini che si trovano nella bocca dell'essere umano, significano che l'uomo, in un piccolo grado, gli stato dato la facilit di alimentarsi con cibo animale. Tuttavia, questo solamente una concessione per tempi di emergenza. In tutti i libri sacri del mondo, specialmente nelle Proibizioni, troviamo che la migliore nutrizione degli esseri umani consiste in grani, ebree, noci, vegetali, frutte, zucchero e latte. Ora viene una squisita ricetta molto facile da digerire e di preparare. LATTE MASALA 2 tazze di latte fresco. 2 cucchiaiate di Zucchero. 6 mandorle gi pelate. 1/4 di cucchiaiata di noce moscada. 10 a 12 pistacchi gi pelato 1 Pizzico di Zafferano. Bolla il latte tre volte senza che si sparga e diminuisca dopo il fuoco. Aggiunga tutti gli ingredienti, rimescoli e cucini per cinque minuti. La tolga dopo del fuoco e le lasci riposare. L'offra al Sig. Supremo e dopo diletti Lei con questa deliziosa e nutritiva preparazione. E cos salutiamo, ricordandogli l'importanza di risolvere qualunque inquietudine, commento o domanda che si sia svegliato in lei. Siamo sempre disposti ad aiutarlo. Veda la sua prossima lezione. Non dimentichi concludere ogni sezione con tre minuti di silenziosa meditazione OM TAT SAT. Gli Istruttori. LE INDIMENTICABILI ISTRUZIONI DI SRI KRISHNA AD ARJUNA IN IL BHAGAVAD-GITA SONO STATE DIETRO LA GUIDA PER GLI ASPIRANTI DELLO YOGA DA MIGLIAIA DI ANNI.

LEZIONE 3 Oggi nuovamente ci riuniamo per continuare ad avanzare, attraverso queste profonde istruzioni e meravigliose conoscenze che questi scoprendo. Om Tat Sat Gli Istruttori SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. "Il Bhagavad-gita per l'induismo il canto grandioso ed insuperabile che scopre il segreto della vita umana nella resa incondizionata e cosciente a Krishna." (Thomas Merton). CAPITOLO DUE. Contenuti riassunti del Bhagavad-gita. Gli insegnamenti filosofici del Bhagavad-gita in queste istruzioni di Krishna al guerriero Arjuna, cominciano in questo capitolo. Stordito e perplesso in quanto al corso appropriato dell'azione, Arjuna si arrende come discepolo di Krishna e gli chiede istruzione. "Ora sono confuso circa il mio dovere ed a causa della mia magrezza ho perso ogni riparazione. In questa condizione ti chiedo che mi dica chiaramente quello che migliore per me, ora sono il Tuo discepolo ed un'anima devota a Te. Per favore istruiscimi, Bg. 2.7). Krishna comincia il suo insegnamento ad Arjuna presentando la filosofia Sankhya, lo studio analitico della materia e lo spirito. Per calmare il suo orrore davanti all'idea di ammazzare i suoi parenti, Krishna contrasta l'eternit dell'anima, l'io reale, con la temporalit del corpo materiale, la coperta esterna dell'anima. L'anima, atma, eterno, continua esistendo dopo la morte del corpo materiale. Ci non sono "mai nascita n morte per l'anima. N essendo stato una volta, smette di essere mai. L'anima sempre innaciente, eterno, esistente, immortale e primordiale. Non lo ammazzato quando si ammazza al corpo." , Bg. 2. 20). Nel momento della morte, l'anima trasmigra verso un nuovo corpo": come una persona si mette nuovi paramenti rifiutando le vecchie, in forma simile, l'anima accetta nuovi corpi materiali, abbandonando i vecchi ed inutili." , Bg. 2. 22). L'uomo saggio quello che conoscendo all'io l'anima eterna, non si ammattisce come mai per il cambiamento del corpo (morte) e indifferente ai piaceri temporanei e dolori del corpo materiale. Tale persona eleggibile per la liberazione dell'incarnazione materiale. Come quell'io accampamento eterno e non mai soggetto alla morte, Arjuna non deve dispiacersi di dovere ammazzare i corpi esterni e temporali nel compimento del suo dovere come Ksatriya (soldato). Pi ancora, il suo dovere come Ksatriya lottare nella battaglia": Considerando il tuo dovere specifico come Ksatriya, devi sapere che non esiste per te un'occupazione migliore che quella di lottare in base ai principi religiosi, cosicch non c' necessit di titubare." , Bg. 2. 31). Krishna spiega dopo: la" arte di agire", karma yoga. Per compiere il nostro dovere verso il Supremo in forma disinteressata, (senza desiderare i frutti dell'azione, uno raggiunge la liberazione delle legature materiali. Arjuna chiede dopo a Krishna che enumeri le caratteristiche di quello che sta autorrealizado e reddito nella coscienza disaffezionata e trascendentale. Nel resto del capitolo Krishna descrive elaboratamente lo sthita-praja, la persona fissa nella coscienza del Supremo. Tale persona pienamente conoscitrice della sua identit spirituale e della differenza con la materia, non interessata nel piacere materiale. Coi sensi controllati e con la mente e l'intelligenza fissi nel Supremo, egli non colpito per le dualit materiali tali come la felicit ed il dolore, la perdita ed il guadagno. Tale persona lasciando il corpo attuale, raggiunge il mondo spirituale. , Bg. 2. 55 - 72) SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 2,Texto 17 avinasi il tuo tad viddhi yena sarvam idam tatam vinasam avyayasyasya na kascit kartum arhati avinasi - imperituro; tuo - ma; tat - quello; viddhi - sappilo; yena - per chi; sarvam tutto il corpo; idam - questo; tatam - ampiamente invalso; vinasam - distruzione; avyayasya - della cosa imperitura; asya di ci; na kascit - nessuno; kartum - fare; arhati - capace Traduzione": Sappiate che quello che penetra tutto il corpo indistruttibile. Nessuno pu distruggere l'anima imperitura" La parola chiave in questo verso " anima." Se l'anima entra nel corpo, da dove proviene? E quando esce dal corpo a dove va? ad un nuovo corpo? o arriva a liberarsi della catena di nascite e morti ripetuti? Pu esistere l'anima senza il corpo? Pensi a queste domande quando mediti su questo verso e continui ripetendo tanto spesso come sia necessario affinch non dimentichi i versi imparati nelle lezioni uno e due, con le sue rispettive traduzioni e significati. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. PAVANAMUKTASANAS: Rilassamento delle braccia. Continuiamo oggi con la seconda serie di posizioni di Pavanamuktasanas. Questi l'aiuteranno a rilassare le sue braccia. Le asanas richieste per il rilassamento delle braccia dinamica ed esigono speciale attenzione nell'area delle mani, perch molte articolazioni stanno localizzate l. Essere capace di rilassare le braccia e le mani significa una maggiore capacit di lavoro dato che le mani e le braccia sono quelle che ricevono il maggiore carico di lavoro nel corso delle nostre attivit giornaliere. Se noi tutti i giorni dedichiamo un tempo alla pratica di questi esercizi, eventualmente saremo capaci di rilassare perfettamente tutte le parti del nostro corpo. La vita giornaliera significa dovere affrontare molte classi di problemi, ma se il nostro corpo fisico deve essere aggiunto alla lista di questi problemi, allora tutto diventa molto pi difficile. Dobbiamo imparare a mantenere controllo sulle nostre funzioni corporali per potere canalizzare appropriatamente le nostre energie verso una meta specifica. Sperimentare tensione quando lavoriamo significa su sforzo e perdita di energia. D'altra parte, essere libero della tensione, significa una maggiore flessibilit e minore sforzo in qualunque attivit. Le nostre vite devono essere intelligentemente pratiche e l'applicazione di questa classe di conoscenza scientifica c'aiuter a sviluppare un senso di logica. Questa serie di lezioni c'aiuteranno ad avere armonia perfetta nei nostri corpi fisici ed il risultato pratico sar una vita pi gradevole e felice. Gli ricordiamo che gli esercizi devono realizzarsi tenendo in conto la respirazione. Ogni volta che siede che la sua respirazione si agitata per l'esercizio, lo sospende fino a che questa si normalizzi. Dopo ogni serie di esercizi riposi uno o due minuti. Ed ora la pratica. Per cominciare pratichi tre minuti di tranquilla meditazione ed esegua la prima serie di pavanamuktasanas descritto nella lezione due.

a, Senti Lei nel suolo e metta le gambe davanti al corpo. Allunghi le mani, parallele con le gambe, la schiena deve essere retta. , Fig. 1). b, Apra e tensione le sue mani. Lo ripeta dieci volte. Quindi chiuda la mano col pollice tra le altre dita. Apra e chiuda le mani. Lo ripeta 10 volte. , Fig. 2). c, Col pollice tra le altre dita, inizi la rotazione dei polsi, primo nel senso delle lancette dell'orologio, 10 volte, e dopo in senso contrario. , Fig. 3). d, Con le braccia allungate, apra le mani ed inizi la flessione dei polsi salendo ed abbassando le mani. Ripeta l'esercizio 10 volte, Fig. 4) e, Nella stessa posizione seduta, porti le dita delle mani alla spalla corrispondente. Inizi il giro dei gomiti attorno alla spalla, primo in un senso e dopo in senso contrario. Ripeta l'esercizio 10 volte in ognuno dei sensi. , Fig. 5). RAFFIGURA 5 f, Con le mani aperte e le palme verso l'alto allunghi in avanti le braccia e pieghi dopo i gomiti, toccando le spalle con la punta delle dita. Ripeta 10 volte il movimento. , Fig. 6). RAFFIGURA 6 Ora che ha terminato questa serie di esercizi, riposi tre minuti. Per quello tempo lei pu ripetere questo mantra, la vibrazione sonora che libera la mente,: FAR KRISHNA, FAR KRISHNA, KRISHNA KRISHNA, FAR FAR, FAR RAMO, FAR RAMO, RAMO RAMO, FAR FAR La H si pronuncia come J. Discuteremo questo ed altri mantras in pi dettaglio nelle future lezioni, ma per adesso dovr essere sufficiente accettare il consiglio del Bhagavad-gita a questo rispetto. Nel capitolo 10 Krishna cita questa mantra-meditazione come la forma pi elevata di autorrealizacin": Dei grandi saggi io sono Bhrgu, delle vibrazioni sono l'OM trascendentale, Dei sacrifici sono il canto dei Sacri Nomi (Japa) e delle cose immobili sono i Himalayas", Bg. 10. 25) Qui," sacrificio" si usa nel suo vero senso, il quale " fare qualcosa di sacro." Attualmente," sacrificio" arrivato a significare abbandonare qualcosa, ma la derivazione originale di questa parola proviene da sacer che significa santo, sacro, e facere che significa fare. Cos, sacrificio significa realmente" girare santo o spiritualizzare", occupandosi in questo processo di autorrealizacin. In questo verso, Krishna la Suprema Personalit chi possiede grandezza oltre quello che possiamo immaginare, per definizione menziona vari grandi fenomeni materiali, i quali possono utilizzarsi per rappresentare al Supremo. Ogni tema menzionato pu essere compreso come il pi grandioso nella sua rispettiva categoria. Cos, di tutti i processi spirituali, il canto dei Sacri Nomi, Japa, definito qui, come il metodo pi elevato di autorrealizacin. SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. VITA ED ANIMA. In questa opportunit, gli presenteremo due articoli sull'importante tema": non Siamo Questo Corpo." Il viso che vediamo tutti i giorni nello specchio, riflessa una luce che brilla negli occhi e che manifesta vita. Attraverso gli anni, il nostro viso cambia l'infanzia alla giovent e della vita adulta alla vecchiaia. Ma attraverso tutti i cambiamenti del nostro corpo, noi rimaniamo come la stessa persona cosciente. Tutti possiamo capire intuitivamente che siamo differenti del corpo fisico. Quando guardiamo i membri del nostro corpo, noi diciamo": questo la mia mano" o" questo la mia gamba." Egli Io il possessore e l'osservatore del corpo. Questo Io si rivela mediante la coscienza. Quando la coscienza esce, il corpo materiale si trasforma in un cadavere inanimato e senza vita. Il dottore Bigelow, capo di chirurgia del cuore dell'ospedale generale di Toronto descrisse questo fenomeno": Esistono certi casi nei quali lei si trova presenti per caso nel momento nel quale la gente passa di un stato animato alla morte, ed alcuni misteriosi cambiamenti hanno luogo. Uno dei pi notevoli la repentina mancanza di vita o lucentezza negli occhi. Questi diventano opachi e letteralmente senza vita, disabitati." Gli scienziati hanno compilato una montagna di dati di laboratorio circa gli importanti chimici contrari nel sistema vivente, tali come proteine, acidi nucleici, DNA e RNA, carboidrati, etc. Ma tutti i tentativi di spiegare il fenomeno della coscienza prodotto di una reazione chimica coordinata non ha prodotto come mai nessun risultato tangibile. Discutendo la sua ricerca di tutta la vita del mistero della coscienza, il vincitore del premio novello di Chimico Albert Szent-Gyorgi disse": Nella mia investigazione circa l'essenza della vita, lasciai ad un lato la concezione di atomi ed elettroni, i quali non possiedono in assoluto vita. Per quel motivo nella mia vecchiaia, io sto ora ritornando sui miei passi." Che esiste vita oltre gli atomi ed elettroni fu riconosciuto dal famoso Biologo Thomas Huxley chi disse": mi sembra evidente che esista un terzo elemento nell'universo, cio la coscienza, la quale non posso concepire come materia n energia, n come qualunque combinazione tra entrambe." Ma a parte riconoscere l'esistenza della coscienza, la scienza pressata a dare maggiore informazione della sua scoperta. Il premiato premio novello di fisico Niels Bohr scrisse una volta": Reconocidamente, lei non pu trovare niente in fisica o chimica che abbia una relazione remota con la coscienza. Tuttavia, tutti noi sappiamo che esiste tale elemento come coscienza, semplicemente perch in noi stessi. In conseguenza, a parte le leggi della fisica, della chimica e della teoria del cuanto, esiste questo altro elemento differente agli studiato, la coscienza, e che dobbiamo accettare come parte della natura. Eugene Wigner, un altro nobel di fisica fu di accordo in che": la meccanica quantica non pu descrivere la vita e la coscienza." Ma perfino bench fisici moderni non abbiano informazione solida circa la natura della coscienza, in antichi testi Sanscriti tali come il Bhagavad-gita, si trovano dettagliate descrizioni della coscienza come un fenomeno naturale, fondamentale ed irriducibile. Nel Gita il Sig. Krishna spiega": Sappiate che quello che penetra tutto il corpo indistruttibile. Nessuno pu distruggere l'anima imperitura. Solo il corpo materiale dell'entit vivente, la quale indistruttibile, incommensurabile ed eterna, soggetto a distruzione, pertanto, lotta, Oh discendente di Bharata"!. , Bg. 2.17 - 18).

Nel Capitolo settimo del Bhagavad-gita, la coscienza descritta come l'energia universale superiore alla materia. I nostri corpi fisici formati con elementi materiali sono parte dell'energia inferiore eternamente cangiante. Ma la forza vitale che attiva il corpo umano una particella dell'antimateria, potenza superiore,; ella la fonte della coscienza e la diffonde per tutto il corpo, esattamente come il sole sparge i suoi raggi per il cielo. Nel suo stato puro la coscienza si confronta all'aria pulita. Bench la natura dell'aria sia inodore, quando si mette in contatto con un oggetto si percepisce il suo aroma. Quando corre il vento per un giardino di fiori, l'aria si riempie con la sua dolce fragranza, una brezza dell'oceano galleggiando sulle frangente onde si converte in un'aria salata e confortante, ma il vento passando per un netturbino, diventa pestilente. Con tutto, questi odori sono essenzialmente differenti dell'aria in s stesso. Allo stesso modo, la coscienza umana passa per innumerabili designazioni fisiche transitorie. Si concepisce qualcuno come un uomo o una donna, grasso o debole, americano tedesco o russo, fattore, avvocato o politico, giovane, maturo o vecchio, ricco, povero o di classe mezza, ma tutte questi entit sono cangianti; esse vengono e vanno via col passo del tempo. Oggi sono un dottore, ma quando stava bambino non era un dottore. Tutti questi concetti materiali si prendono e si lasciano dietro. Come le nuvole nel cielo, queste designazioni mentali e corporali sono scopate per i venti del tempo e finalmente finendo la vita, cambiano. Tuttavia, la coscienza continua esistendo oltre la morte del corpo. Quale il suo destino? e Che cosa forzi guidano il suo invisibile ed impercettibile viaggio o giornata? Siamo Anime Spirituali. Tutti ricordiamo avere visto uno di quegli uomini trasparenti fatti di plastica con gli organi esposti: il cuore, polmoni, cervello, vene, muscoli e tutto il resto, ma non ci domandiamo mai quale la parte che fa che il corpo viva. Nelle classi di Biologia ed i nostri Chimica professori ci dicevano un ed un'altra volta che una complessa ordinazione di atomi quella che d luogo a che l'essere umano viva, completato con una personalit unica, emoziona, opinioni ed intelligenza. Ma gli atomi dei nostri corpi sono gli stessi atomi delle automobili, i televisori, le camere e gli altri oggetti inanimati. Che cosa quello che fa che una complessa organizzazione di atomi abbia vita ed altre no? Uno dei pochi posti dove lei pu trovare una risposta precisa a questa questione l'antico classico dell'India": Il Bhagavad-gita." Oltre a questa natura inferiore, Oh Arjuna quello delle poderose braccia!, c' un'energia superiore Mia la quale consiste in tutte le entit viventi che lottano con la natura materiale e che sostengono l'universo." , Bg. 7. 5). GLI SCRITTI DI SRILA PRABHUPADA DIEDERO L'ISPIRAZIONE PER CREARE QUESTO CORSO DI YOGA, DI TALE MANIERA CHE IL MESSAGGIO ARRIVI A TUTTA LA CITT E VILLAGGIO DEL MONDO. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. Il Guru ed il Parampara. Esamineremo ora il concetto Vedico del maestro (guru) e dallo studente (sisya). Non solamente lo studente deve accorrere alla letteratura Vedica per la conoscenza perfetta, se non che deve ricevere conoscenza di un maestro con chi manterr una relazione speciale. Tecnicamente il parola" guru" significa" pesante", ed il guru qualificato deve essere pesante o serio con la conoscenza. Chiunque che sia stordito per i problemi inerenti all'esistenza deve avvicinarsi ad un maestro spirituale per acquisire conoscenza. In questo modo, il Bhagavad-gita presenta la relazione ideale tra il maestro ed il discepolo. Dovendo lottare nella battaglia contro i suoi amici e parenti, Arjuna si sent molto sconfortato ed oppresso. Un notevole Psicologo ha commentato che Arjuna speriment cio quello che si denomina" ansiet ontologica", perse la visione della sua identit e del suo dovere. Per quel motivo egli si avvicin al suo guru, al suo maestro, Krishna, chi accettato per le Proibizioni come la Suprema Persona, il conoscitore ed il compilatore delle Proibizioni. Ho perso ogni riparazione", disse Arjuna. "Per favore istruiscimi." , Bg.2. 7). Posteriormente, il Sig. Krishna dice ad Arjuna che tutto il mondo deve accettare un maestro spirituale genuino. Nel Mundaka Upanisad (1.2.12) leggiamo testualmente: tad-vijanartham sa gurum eva bhigacchet samit-panih srotri - yam brahmanistham Che tradotto significa: Per imparare la scienza trascendentale, uno deve avvicinarsi sommessamente ad un maestro spirituale genuino che stia nella linea discipular e che sia fisso nella Verit Assoluta. Di questa maniera, il messaggio delle Proibizioni discende attraverso il maestro spirituale. Come abbiamo menzionato gi, le Proibizioni sostengono che la conoscenza acquisita, tanto per percezione sensuale o per speculazione, non pu abilitare mai lo studente per raggiungere la meta pi elevata della vita. La Verit Vedica arriva dallo studente per il processo discendente, dalle Proibizioni e passando per il guru. Questa catena di trasmissione si chiama" guru-parampara", la successione discipular. Nel Bhagavad-gita (4.2) Krishna dice ad Arjuna," evam parampara praptam"," Questa scienza suprema, il bhakti-yoga, o conoscenza mediante il servizio devozionale, fu ricevuta cos attraverso la catena di successione discipular." Cosicch la relazione dallo studente non solo col suo proprio maestro spirituale, ma anche col maestro spirituale del suo maestro spirituale e col maestro spirituale di quello maestro, e cos via, in un'infrangibile catena di maestri. La catena di maestri nella quale un" guru" particolare ascolto e parla la verit si denomina il suo" sampradaya." Per esempio, nel" Brahma-sampradaya" la conoscenza Vedica discende da Brahma, e nel" Kumara sampradaya" discende dai Rsis Kumara (saggi). Nel concetto Vedico, questi" sampradaya" incominci con la creazione dell'universo e perdurano fino al momento attuale nella persona del proprio guru dallo studente. Grazie alla consistenza della trasmissione, tutti i guru previ sono presenti negli insegnamenti del maestro spirituale attuale. Lo studente riceve il messaggio Vedico sigaro, dello stesso modo egli pu ricevere come un manico di una catena di persone situate nei rami dell'albero di manico. L'uomo nella cosa pi alta dell'albero prende la frutta e l'uvetta con attenzione all'uomo che sta sotto. Cos la frutta discende da un uomo ad altro ed arriva al che sta nel suolo, senza nessun danno e senza cambiamento alcuno. Uno pu domandarsi se una linea di maestri pu passare esattamente il messaggio di uno ad un altro senza cambiare, togliere o addizionare qualcosa. Nessuno pu darsi arie da parlare circa la conoscenza Vedica ricevuta in successione di anteriori maestri solamente il guru perfetto. Se il messaggio rimane puro e procede di un guru qualificato si assicura il successo nel processo Vedico. SEZIONE 6 LO YOGI E LE SUE RELAZIONI CON IL MONDO. LO YOGI E LA VERACIT.

Il Sig. Santo disse": Oh figlio di Bharata!, l'assenza di paura, la purificazione dell'esistenza propria, la coltivazione della conoscenza spirituale, la qualit, l'atto-controllo, l'esecuzione di sacrifici, lo studio delle Proibizioni, l'austerit, la semplicit, la non violenza, la veracit, l'essere libero dell'ira, la rinuncia, la tranquillit, l'avversione a cercare difetti negli altri, la compassione e l'assenza di avidit; la mansuetudine, la modestia e la ferma determinazione, il vigore, l'indulgenza, la forza, la pulizia, la carenza di lussuria e la passione per l'onore, queste qualit trascendentali appartengono agli uomini pi dotati per la natura divina." , Bg. 16. 1 - 3). Oggi discuteremo circa l'importanza della veracit, dobbiamo capire che chiunque che desideri avanzare nella vita spirituale e perfezionare la sua meditazione, deve essere onesto in ogni tempo e sotto ogni circostanza": Il male male, e come il saggio non lo tratter mai bene, bench assetato si trovi, acqua della strada non berr (Pancatantra). Questo significa che uno deve essere onesto con s stesso e con gli altri. Lo studente che non ha preparato il suo esame pu copiarlo di qualcuno pi e pertanto ottenere buoni risultati, ma ovviamente si sta sbagliando a s stesso. Allo stesso modo, non c' scorciatoia per quella quale veramente desidera l'autorrealizacin. Egli deve praticare compiutamente la sua meditazione e capire con sincerit quale la meta ultima della vita. facile coltivare l'apparenza esterna di successo nella vita spirituale, ma le apparenze non significano risultati reali. Attualmente, il pi grande inganno quello che" siamo questi corpi." In effetti questo corpo fatto di elementi materiali, i quali sono temporanei ed insoddisfacenti per l'anima eterna che costituisce la nostra identit reale. Sicuramente stiamo in capacit di godere quelli corpi temporanei, ma per quanto tempo? Possedere un corpo materiale ed identificarsi falsamente con lui significa in ultime accettare il peso della malattia e la vecchiaia, delle quali nessuno nel concetto temporaneo pu fuggire, e le quali possono distruggere eventualmente i nostri piani di piacere materiale. Pertanto, la persona intelligente supera i lacci del corpo ed i sensi e guida la sua vita con ogni determinazione verso la realizzazione spirituale e la felicit che sono eterne e felici. L'energia illusoria o Maya tanto forte che a volte la nostra mente pu suggestionarci o ancora forzarci a fare cose che finiscono alla fine per essere molto sfavorevoli, fisica, mentale o spiritualmente. Ancora dopo avere saputo quello che sta passando, la mente continua imponendoci i suoi capricci: fa' questo, fa' la cosa altra, guarda qua. Quindi, qualcuno che onesto tenter sempre di controllare la sua mente usando la sua intelligenza, perch l'intelligenza che differente alla mente, appartiene in realt all'energia superiore. Ha la capacit ed il potere per controllare la mente se allenata di forma appropriata. Possiamo osservare questa energia illusoria nella pratica. Quando ad una persona malata il suo medico gli consiglia di astenersi da fumare e bere, perch il dottore sa che se il malato continua facendolo, morr. Ma bench la persona malata abbia ascoltato il consiglio di un'autorit qualificata, probabile che non sia capace di controllare i suoi sensi e la sua mente, e pertanto continuer a tentare di godere delle attivit distruttive proibite, nonostante il fatto che il suo fine sar certamente doloroso e molto male. In conseguenza, egli e solamente egli che si sta causando tanti problemi. Questo quello che significa sbagliarsi a s stesso. Abbia questo presente: solamente pu derivare frustrazione dalla ricerca di piacere come una finalit, o di perseguire cose che sono inutili, non necessarie o antinaturali alla nostra essenza, l'io reale o anima. Tuttavia, se solamente cerchiamo quello che necessario, utile e nativo per l'anima, non saremo mai ingannati. SEZIONE 7 YOGA E SALUTE. AYUR-PROIBIZIONE. "La gente deve dare un'accoglienza calda alla religione, la ricchezza, il mais, l'istruzione di un maestro spirituale e la medicina." (Canakya Pandit). La malattia una delle quattro miserie basilari del corpo, e questo deve badare pertanto seriamente conservando la cosa pulita di sterpaglia o inimica che lo facciano inutile per la coltivazione dell'autorrealizacin. Di accordo con le Proibizioni la malattia deve trattarsi come se fosse il fuoco: estinguerlo non appena appaia. Migliore ancora portare una vita salutare per prevenire i malesseri del corpo. Oggi gli presenteremo l'Ayur-proibizione," la scienza della vita naturale e promossa." Ovviamente solo menzioneremo alcuni principi che l'aiuteranno a capire le funzioni del corpo. Inoltre, spiegheremo alcuni diete e rimedi casalinghi. Per malattie serie lei deve consultare sempre il medico. Che cosa l'Ayur-proibizione? L'Ayur-proibizione il sistema medico tradizionale dell'India antica e moderna, ha le sue radici nelle Proibizioni. Nella lingua sanscrito Corredo significa" vita" e Proibisce significa" scienza." Pertanto, Ajur-proibizione significa" Scienza della Vita", ed anche" la conoscenza per avere una vita lunga e pacifica." L'Ayur-proibizione unisce la cosa fisica con la cosa metafisica, collega la pi elevata coscienza con una salute pi soddisfacente. Promuove le tecniche per l'attenzione preventiva e curativa della salute, integrando le discipline mentali, spirituali e fisiche. La tradizione scritta nell'Ayur-proibizione sale a molte migliaia di anni. stato praticato senza interruzione dall'antichit fino ai nostri giorni. Il Sig. Ampthill, governatore del Sud dell'India durante il periodo coloniale, disse": La gente dell'India questo abituata con la medicina preventiva e curativa, mentre l'Europa si trova in un stato di ignoranza selvaggia... La scienza della medicina nacque in India e di l la portarono in primo luogo all'Arabia e dopo all'Europa." L'ayur-proibizione presenta concetti ed avvicinamenti di tale grandezza che potrebbe rivoluzionare la medicina moderna. Contiene una classificazione di tecniche terapeutiche che non ha parallelo con nessuna scuola di medicina. Herbologa e farmacologia, terapia fisica e massaggi, terapia dietetica e nutrizionale, chirurgia, psichiatria, l'uso di mantras spirituali, tecniche di meditazione e purificazione, fanno parte della terapia dell'Ayur-proibizione. Le tre Doshas. L'ayur-proibizione basato nello studio delle tre energie del corpo: Vata, fischia e kapha, le tre Doshas. Questi termini sono stati tradotti a volte come aria, bile e mucosit, sostanze questi che troviamo profusamente dentro il nostro corpo. Pi correttamente, questi sono i principi energetici o centri di energia che producono e distribuiscono le sostanze menzionate, insieme ad altri pi, per mantenere il corpo in forma. Caro Studente: come lei ricorder, nella nostra lezione introduttiva si menzionarono i cinque elementi grossolani che compongono il mondo materiale: terra, acqua, fuoco, aria ed etere. Mischiandosi questi elementi si risolve la costituzione di tutti ed ognuno degli

oggetti, compreso i nostri corpi grossolani. Inoltre esistono i tre principi sottili che controllano la materia, le tre modalit della natura" bont, passione ed ignoranza." Queste modalit determinano le qualit materiali, tanto dei corpi grossolani come dei sottili, degli oggetti e delle situazioni. Un buon esempio di queste tre modalit sono i colori, giallo, per la bont, rosso, per la passione, ed azzurro, per l'ignoranza. Con questi tre colori principali un artista pu produrre qualunque colore e dipingere un numero illimitato di quadri. Allo stesso modo, il Sig. Supremo unisce tutti i corpi e situazioni della vita tirandoli fuori da un miscuglio delle tre modalit della natura. Queste modalit saranno discusse nuovamente nella lezione 12 di questo Corso. Se lei desidera, pu ampliare la sua conoscenza nel tema consultando nel frattempo i capitoli 14, 17 e 18 del Bhagavad-gita come . Il Vata (aria) che si riferisce all'energia vitale, domina i movimenti e la percezione del dolore, le attivit sensore e motoscafi, la mobilit delle cellule, gli impulsi dei morsetti nervosi, la respirazione e la digestione, il dolore ed il piacere. L'Ayur-proibizione distingue dieci" arie" differenti, i quali controllano tutte le funzioni sensoriali del corpo, e sono importanti per il progresso nel Hathayoga. Parleremo pi dettagliatamente circa queste" arie" nelle lezioni 10 e 15, sezione terza, di questo Corso. Fischia Dosha:, L'energia revisore della bile che liquida e di colore giallo chiaro, l'energia calorica che c' in ogni cellula, e situata nei seguenti sette componenti del corpo ai quali controlla anche: ombelico, stomaco, ghiandole sudoripare, sanguini, linfa, occhi e pelle. Della Fischia Dosha si genera l'ultima delle Doshas: Kapha che il principio dell'energia solida che domina gli elementi mucosi. Gli aminoacidi e le proteine con le quali si costruisce il corpo, cadono sotto la categoria di kapha. La Kapha situata nei seguenti punti, ai quali controlla anche: Petto, gola, naso, lingua, testa, intestino grosso, membrane sinoviales e grasso. Oltre a controllare i differenti corpi, anche le Doshas determina la qualit dell'ambiente. Ricordi che "Vata" si riferisce all'inizio delle arie vitali, "Fischia" all'inizio dell'energia calorica e "Kapha" all'inizio delle sostanze solide, affinch possa comprendere che anche i cambiamenti nell'ambiente alterano il bilancio delle Doshas. Per esempio, in una regione montagnosa predomina "Vata"; nel livello del mare la kapha Dosha; mentre nel deserto la fischia Dosha sta nell'atmosfera. Gli alimenti stanno dominati anche per i principi energetici sottili. Da parte sua, essi hanno influenza sulle Doshas del corpo. Caro studente: in questo corso vogliamo dargli un'idea dei principi dell'Ayur-proibizione, ed in nessun modo vogliamo scoraggiarlo affinch lei consulti il suo medico in caso di malattia. Tuttavia, lei potr capire come procedono i dottori Ayur-vedici quando trattano una malattia, la quale definita come un squilibrio delle tre Doshas nel corpo. Invece di iniettare chimici e veleni nel sistema del paziente che sono strani e che nella maggioranza dei casi producono effetti negativi, o ancora di utilizzare lo scalpello e la catena montuosa, i medici Ayur-vedici con l'aiuto della conoscenza totale del corpo, gli alimenti, le piante e l'ambiente, correggono lo squilibrio delle tre Doshas, per mezzo delle diete, un possibile cambiamento dell'ambiente e medicine naturali che si sentono prodotte per la natura. Queste medicine sono pi poderose dei chimici inventati per l'uomo e non producono effetti negativi. I medici Ayurvedici comprendono tutte le leggi circostanti, di accordo con le quali, il Sig. Supremo ha creato questo mondo. Per mantenere un bilancio appropriato delle tre Doshas, l'Ayur-proibizione enfatizza i cinque fattori seguenti: 1. Dieta adeguata, 2. Esercizio, 3. Regolazione sessuale, 4. Attivit mentale appropriata, 5. Ambienti disinquinato. Tutti questi fattori si faranno conoscere nel nostro corso come ingredienti naturali nella pratica dello yoga. Primo parliamo di una dieta appropriata in questa sezione. Una buona salute dipende dalle nostre abitudini per mangiare: L'Ayur-proibizione vedi allo stomaco come il centro del corpo, dato che riceve gli alimenti che sono convertiti in nutrienti delle Doshas. Pertanto, la buona salute dipende in larga misura da esercitare con moderazione tanto il mangiare come quello dormire": Quello che regolato nelle sue abitudini di mangiare, dormire, lavorare e divertirsi, pu mitigare tutti i disturbi materiali con la pratica dello yoga." , Bg. 6. 17). Quando mangiamo e dormiamo in eccesso, in forma deficiente, in posti inappropriati ed inopportunamente, con ogni sicurezza le Doshas sar distorta. Il mangiare o dormire troppo si chiama athiyoga ed il mangiare o dormire molto poco si chiama henayoga. Quando lei diminuisce artificialmente la quantit di alimenti o di sonno le Doshas si altera e gradualmente si ammaler. Le azioni inappropriate per rispondere alle domande del corpo si chiamano mithyayoga. Un esempio di questo mangiare inopportunamente o nel posto sbagliato. L'Ayur-proibizione raccomanda il Samayoga per conservare le necessit del corpo regolate e soddisfatte. La scienza Vedica della nutrizione descrive alcuni regole ed idee per praticare il Samayoga nel momento di mangiare. Dobbiamo tenere in conto sei fattori per la buona nutrizione: il posto, il momento del giorno, il tempo che abbia passato tra cibo e cibo, la classe di alimenti, l'ordine in cui si mangiano, e, finalmente, la condizione mentale della persona che sta mangiando. Il posto o l'atmosfera in che si mangia deve essere pacifico e spunto. Con questo fine, molto meglio non discutere temi mondani. Al contrario, dato che l'anima autorrealizada accetta il suo cibo come prasadam, la povert del Sig., l'alimentarsi un'altra opportunit per ricordare al Sig. Supremo. Krishna spiega nel Bhagavad-gita Capitolo 15, testo 14": Io Sono il fuoco della digestione in ogni corpo vivente, ed Io Sono l'aria vitale sporgenza ed entrante, per mezzo del quale Io digerisco i quattro tipi di alimenti." Pertanto, anche saggio mangiare in un'atmosfera appropriata per la digestione. Pianterreno tali circostanze spirituali, Vaishvanara, una rappresentazione del Sig. Supremo, presente nei nostri corpi come il fuoco della digestione nello stomaco, digerir il nostro cibo soave ed amorevolmente. Dobbiamo mangiare anche all'ora corretta. Come esistono momenti pi consigliabili per realizzare una certa classe di attivit, ci sono certe ore del giorno che sono le pi appropriate per i differenti cibi. Jataragni, o Vaishvanara, pi forte quando il sole sta nel suo punto mezzo. Pertanto, il cibo pi sostanziale si deve fare poco dopo di mezzogiorno. In quello momento, le due terzi parti della capacit dello stomaco possono riempirsi, e gli alimenti saranno lentamente digeriti ancora se un cibo forte. Tuttavia, nella mattina si deve fare una colazione soave (frutta) latte, frittelle di riso, piselli freschi, etc., ma se la colazione forte, tenti di riempire solamente una terza parte del suo stomaco. Allo stesso modo, se lei vuole mangiare nella notte, allora deve riempire unicamente la terza parte del suo stomaco. Tutti abbiamo sperimentato quella sensazione di fastidio che rimane dopo un cibo abbondante ed importuna. Questo si deve all'alterazione delle Doshas, come lo spieghiamo anteriormente. Mangiare meno della cosa necessaria altera anche la vata-dosha, l'energia che controlla la nostra aria vitale, ma il mangiare in eccesso produce una reazione immediata in tutte le Doshas. L'antidoto per la soddisfazione aspettare pi tempo prima di fare il seguente cibo. In questo modo, il fuoco della digestione avr pi tempo per

digerire l'eccesso di cibo. L'ayur-proibizione consiglia di prendere un cibo ogni sei ore. Il giorno ha 24 ore, se sottraiamo le sei ore di sonno, ci rimangono 18 ore. Cosicch di accordo con l'ayur-proibizione, solo si deve mangiare tre volte al giorno. Il cibo che completamente digerita ed assimilata si chiama liscia, l'elemento primario di combustione del corpo. Ma se lei mangia di nuovo molto rapido, gli alimenti del cibo anteriore si trasformeranno in am, o mangi senza digerire nello stomaco ed il duodeno. Il mangiare alimenti inadeguati porta anche all'accumulazione di materie senza digerire e putrefatte nel tratto intestinale. Cos, per esempio, prestato attualmente molta attenzione alla medicina moderno nativo nella pratica di pulire tutto il tratto intestinale per eliminare le materie eliminabili, si attaccano i quali alle pareti intestinali come se fossero gomma. L'ayur-proibizione spiega che am non n livella (linfa), n cattiva, acqua rimanenza che si elimina, cio, feci ed orina. L'am si fermenta, e tanto pi rimanga nel corpo, tanto pi tossico diventer. Essendo il primo nella lista delle cause nelle alterazioni delle Doshas. Le Doshas dispersa per tutto il corpo, ma sono specialmente sensibili nello stomaco. Quando c' am nello stomaco, questo pu alterare le altri Doshas in qualunque parte del corpo. In conseguenza, mangiare appropriatamente il fattore pi importante per prevenire le malattie. Il corpo un'unit con lo stomaco come un centro, e tutto deriva da questo centro in forma di onde o vibrazioni. Mangiare assicura appropriatamente l'armonia di tutto il corpo. Discuteremo nelle prossime lezioni i differenti tipi di alimenti e l'ordine in cui devono mangiarsi. Nella nostra classe di cucina impareremo a preparare il ghee, un ingrediente importante nella Cucina Vegetariana Vedica. Il Ghee, un tipo di burro chiarificato, si usa per friggere e cucinare. Il suo sapore squisito e non ha equivalente nella cucina occidentale. Ricetta per preparare il Ghee 3 libbre di burro senza sale. Collochi il burro senza sale in una pentola, quelle che non si attaccano sono ideali. Il processo sar pi facile se il burro sciolto occupa solo la met o le due terzi parti della stesse. Sciolga il burro a fuoco mezzo fino a che cominci a produrre una schiuma. Con un cucchiaio lungo, rimuova la schiuma man mano che esce. Abbassi il fuoco a lento. A poco a poco usciranno tutti i solidi e man mano che lei il sacco, il burro diventer pi chiara. Continui tirando fuori i solidi ogni venti minuti fino a che il Ghee prenda una colore ambra ed i solidi non salgano pi. Questo processo prender un'ora e mezza a due ore e mezza. Tiri fuori con un mestolo il ghee chiarificato e lasci approssimativamente in fondo un pollice della pentola. Tenti di non rimuovere i solidi che abbiano potuto rimanere in fondo. La ghee eccedente pu essere colata con un tessuto di cotone per avere appena rimosso i solidi proteici. Il ghee pu conservarsi per tempo indefinito senza necessit di refrigerarlo. I solidi possono conservarsi ed utilizzarli per fare pane, torte, vegetali al vapore e cereali. Qui hanno un piatto per preparare con ghee. Malpouras 1 tazza di Zucchero a velo, 1 Tazza di Farina Bianca, 1 Tazza di Fragole partenze in pezzi piccoli, 3 Tazze di Yoghurt fresco e soave. Acqua per impastare e Ghee per fritar. Primo faccia una massa. Usi lo zucchero, la farina ed acqua in quantit sufficiente affinch la pasta gli rimanga soave ed uniforme. Caldo il Ghee in una stoviglia fonte che sia il sufficientemente grande e fionda come per friggere. Badi a non scaldare il ghee tanto che gli esca fumo. Tiri fuori con un cucchiaino porzioni di massa e lasci loro cadere nel ghee caldo. Li rovesci occasionalmente, man mano che Lei fritan. Li tiri fuori quando siano dorate. Lasci loro sgocciolare in un tessuto o in un tovagliolo di carta. Quindi li collochi in una refrattaria grande e li copra con lo yoghurt e le fragole. Lasci riposare da tre a quattro ore prima di servire, migliore ancora se colloca la refrattaria nel frigorifero. Non dimentichi offrire questa preparazione al Sig. Supremo. Quindi la serva e la goda. Buono, si termina pi una lezione. Non dimentichi i suoi tre minuti di tranquilla meditazione alla fine di ogni sezione. Gli auguriamo che il suo avanzamento per questo sentiero sia pi rapido ogni giorno.

LEZIONE 4 Oggi cominciamo una nuova lezione, e come ogni arte richiede costanza, gli ricordiamo l'importanza di sviluppare l'abitudine da studiare regolarmente le lezioni. Tenti di assimilare i contenuti con gran attenzione ed attenzione, tentando di realizzare le pratiche con simile interesse. Questa la maniera positiva di dimostrare il suo progresso spirituale, e anche la chiave per sperimentare un cambiamento interno giorno dopo giorno. SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. "Arjuna sente una ripugnanza istintiva per la guerra, e questa la ragione principale per la quale gliela sceglie come esempio di un dovere difficile da compiere. Il Bhagavad-gita sta dicendo che, ancora in quello che sembra meno spirituale, uno pu agire con intenzioni pure e pertanto, essere guidato per la coscienza di Krishna. Questa coscienza per s stessa imporr le limitazioni pi strette sull'uso della violenza, perch questo uso non diretto per i propri interessi egoisti, e molto meno per la crudelt, il sadismo ed il semplice desiderio del sangue." Thomas Merton. Cominciando il capitolo tre vediamo che Arjuna questo confuso per le anteriori istruzioni che Krishna gli ha dato.. Egli ha pensato erroneamente che incompatibile il controllo dei sensi ed il fissare la mente ed intelligenza al Supreme con l'esecuzione dell'azione. Di quella maniera, egli domanda a Krishna che perch suo dovere il compromettersi in una guerra, Bg. 3.1-2). Rispondendogli, Krishna gli spiega il Karma-yoga, o l'esecuzione delle azioni, affezionata al Supremo e libero della guadagno fruitiva e di desideri personali, Bg. 3. 3-35) . Karma o lavoro fruitivo porta con s due aspetti: la compiacenza e la sofferenza materiale. Tuttavia, essi lo legano ad uno alla catena di nascite e morti ripetuti nel mondo materiale. Krishna spiega inoltre che l'inazione non sufficiente per salvarlo ad una delle reazioni materiali, e delle susseguenti legature al mondo materiale. Di natura, tutto il mondo forzato ad agire. Ancora per mantenere il corpo fisico, uno deve lavorare. Per quel motivo, uno deve lavorare di una maniera che uno non si complichi pi in legature materiali, ma lo guidi alla liberazione finale. Quell'arte del lavoro karma-yoga, lavorare ed agire con la direzione del Supremo, Visnu o Krishna, per la Sua soddisfazione. Il lavoro deve eseguirsi come un sacrificio a Visnu, altrimenti il lavoro lo lega ad uno a questo mondo materiale. Pertanto, iOh figlio di Kunti!, esegue i tuoi doveri prescritti per la Sua soddisfazione e di quella forma rimarrai sempre disaffezionato e liberi della cattivit", Bg. 3. 9). Come si descrive in capitoli susseguenti del Gita, Karma Yoga l'eleva gradualmente ad uno al Bhakti-yoga, o servizio devozionale sigaro a Krishna. Di seguito segue un dialogo su yaja (sacrificio), i doveri prescritti nelle Proibizioni, i quali purificano e promuovono gradualmente l'esecutore, dalle attivit fruitivas fino alle attivit spirituali, Bg. 3.10-16) . Quello che sta completamente Autorrealizado non ha bisogno oramai dell'esecuzione di tali doveri, perch egli completamente purificato e cos il suo dovere atto-illuminato per il Sig.. Tuttavia, egli deve continuare realizzando doveri non fruitivos per servire da esempio a quelli che sono affezionati ai frutti dell'azione, Bg. 3.l7-29. Krishna finisce le Sue istruzioni in Karma-yoga e Yaja, ordinando ad Arjuna": Consegnandomi tutte le tue opere, con la tua mente assorta in Me, senza desiderio di guadagno e liberi di egoismo e letrgia, lotta." Allora Krishna gli dice in somma perch deve lottare, Bg. 30-35). Nell'ultima sezione di questo capitolo, Arjuna domanda," perch uno sospinto alle azioni peccaminose, ancora involontariamente, come compromesso per la forza?" , Bg. 3.36). Krishna gli risponde che la lussuria, il desiderio materiale, la" distruttrice della conoscenza e dell'autorrealizacin", la quale incita agli atti peccaminosi, ed Egli prescrive il metodo per conquistarla: la regolazione dei sensi inspirata per l'atto-conoscenza spirituale. I sensi (indriyas), la mente, sgorghi, e l'intelligenza (budhi), sono i recipienti della lussuria. Conoscendo che l'Io trascendentale ai sensi materiali, la mente e l'intelligenza," uno deve controllare qualcosa di inferiore per mezzo dell'io superiore e cos mediante la forza spirituale conquistare a questo nemico insaziabile conoscente come lussuria", Bg. 3.37-43). Ora legga sette versi del Capitolo tre tutti i giorni e mediti su essi, specialmente in relazione con l'effetto pratico che possano avere nel suo proprio lavoro e nella sua vita personale. SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 2 Testo 13. dehino smin yatha dehe kaumaram yauvanam jara tatha dehantara praptir dhiras tatra na muhyati dehinah - del corporificado; asmin in questo; yatha - come; dehe - nel corpo; kaumaram-infanzia; yauvanam - giovent; jara - vecchiaia; tatha - in forma simile; dehaantara - bonifico del corpo; praptih risultato; dhirah - il sobrio; tatra - allora; na - mai; muhyati - allucinato. Traduzione: come in questo corpo, continuamente l'anima corporificada passa dell'infanzia alla giovent e dopo alla vecchiaia, in forma simile, quando arriva la morte l'anima passa ad un altro corpo. L'anima autorrealizada non si confonde per tale cambiamento. Il tema chiave di questo verso " cambiamento di corpi." Mediti lo studente su questo: Dove sta il corpo che lei aveva a 5 anni? Ed il corpo di quando aveva 15? Dove stanno? Ma lei continua ad essere lo stesso. Gi in una stessa vita ha cambiato corpo. Mediti su questi luoghi comuni. Il suo corpo cambia sempre, ma lei, l'anima, eterna ed otterr nuovi corpi dopo che il suo corpo muoia. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. SIDDHASANA E PADMASANA. Oggi impareremo a sederci in SIDDHASANA ed in PADMASANA (Posizione di Loto). Entrambe le posizioni sono per meditare. Tuttavia, faccia in primo luogo specialmente gli esercizi che impar nella Sezione Tre delle Lezioni due tre, quelli destinati a rilassare i muscoli delle ginocchia e delle anche. Queste asanas facili da realizzare, e lei deve farli prima della sua meditazione tutti i giorni durante alcuni minuti. Per sedersi in una posizione perfetta di meditazione, niente migliore che la posizione conosciuta come Loto. A volte le persone tentano, senza nessuna preparazione previa, sedersi in questa posizione, ma questo non corretto. La parte del corpo che pi problema presenta la regione delle ginocchia. Piegare la parte inferiore in un angolo di pi di 90 gradi qualcosa che solamente si ottiene con

la pratica di distensione dei muscoli del ginocchio. anche importante rilassare i muscoli della parte bassa dell'anca. Se questi due posti stanno perfettamente distensionados, allora, potremo sederci in maniera comoda e per lungo tempo. Come tutti i corpi non sono uguali, diamo come alternativa la posizione di SIDDHASANA che una perfetta posizione di meditazione per i corpi meno flessibili. La cosa importante di una posizione di meditazione non la posizione, bens la comodit che si trova stando cos per lungo tempo. PADMASANA Senti Lei con le gambe allungate in avanti. Pieghi una gamba e collochi il piede sopra alla coscia della gamba contraria. La pianta del piede deve stare verso l'alto ed il tallone deve toccare l'osso pelvico. Pieghi l'altra gamba e collochi il piede della stesso sull'altra coscia. SIDDHASANA Senti Lei con le gambe allungate davanti. Pieghi la gamba destra e metta la pianta del piede contro la coscia sinistra, col tallone facendo pressione sul perineo, l'area tra i genitale e l'ano. Pieghi la gamba sinistra e collochi il piede sul polpaccio della gamba destra. Col suo tallone sinistro pressi esattamente l'osso pelvico sui genitale. Inserisca le dita del piede sinistro tra il polpaccio e la coscia della gamba destra. Forse gli sia necessario muovere il piede destro e girarlo a mettere nel suo posto per potere farlo. Afferri le dita del piede destro e li inserisca nello spazio tra la coscia ed il polpaccio sinistro. Le gambe devono rimanere fisse, le ginocchia sul suolo ed il tallone sinistro sopra al diritto. La colonna deve essere fermo, retta ed eretta. Tenti di mantenere questa posizione per tre minuti. Se lo ostacolato all'inizio, smetta di farla quando si siede stanco, ed annoti il tempo che pot rimanere cos. Lei potr mantenersi un po' in questa posizione pi ciascuno giorno, ed alla fine della prima settimana star in capacit di sedersi cos per tre minuti senza nessuna difficolt. Quando lei si trovi nella sua posizione di meditazione, cominci a cantare soavemente il mantra che impar nella Sezione 3a. della lezione anteriore. FAR KRISHNA, FAR KRISHNA, KRISHNA KRISHNA, FAR FAR, FAR RAMO, FAR RAMA,RAMA RAMA, FAR FAR. Questo mantra gli sar di gran aiuto per fissare la sua mente alla piattaforma trascendentale, col quale lei si liberer di tutte le distrazioni fisiche e mentali. Per cantare questo mantra che sta raccomandato specialmente nel Kalisantarana Upanisad, lei pu superare tutte le ansiet, inquietudini e distrazioni interne ed esterne, e diventare fisso nell'autorrealizacin. SEZIONE 4 ASPETTI VARI DELLA CONOSCENZA VEDICA. Gli occhi che usiamo per vedere l'Io. "Come esiste aroma nel fiore, olio nel seme di ajonjol, fuoco nel legno, burro chiarificato nel latte e zucchero nella canna di zucchero, egualmente, mediante la conoscenza, devi vedere lo spirito che sta dentro il corpo." Canakya Pandit. Come tutti noi sappiamo, l'organo per vedere l'occhio; l'occhio riceve i raggi specchiati per qualunque cosa che ci circonda e li concentra sulla sua retina. Poi invia le immagini al cervello per mezzo del nervo ottico. Certamente, esistono alcuni cose che non possiamo vedere coi nostri occhi. Alcune sono tanto piccole che precisiamo usare un microscopio per vederli. Altre stanno tanto lontano che necessitiamo usare un telescopio. Ancora pi, altre cose, come i raggi ultravioletti o infrarosso e le onde di televisione, sono tanto sottili che possiamo vederli solo se disponiamo degli strumenti adeguati per tale fine. Cosicch nonostante nostro limitato potere, possiamo percepire di un o un'altra maniera gli elementi grossolani e sottili del mondo. Per la nostra comprensione, le antiche letterature Vediche dell'India classificano questi elementi in materia solida, liquida, energia radiante, gas, etere, mente, intelligenza ed ego. Ogni elemento progressivamente sempre di pi sottile. Il liquido pi sottile della materia solida, l'energia radiante pi sottile del liquido; il gas pi sottile dell'energia radiante, e cos via. Certamente possiamo vedere la materia solida, il liquido, possiamo vedere l'energia radiante, ma non possiamo vedere il gas o l'etere. pi, possiamo percepire il gas nei palloni gonfiati e l'etere nelle trasmissioni di radio e televisione. Ma non possiamo vedere gli elementi pi sottili, la mente e l'intelligenza. Tuttavia, possiamo percepire i risultati della mente nei pensieri, e dell'intelligenza nei discernimenti sagaci. Allora, chi o che cosa quello che fa che percepiamo queste cose? Tu sei, l'anima che vive dentro il tuo corpo. Tutti noi siamo anime spirituali, pi sottili che il pi sottile degli elementi materiali. Naturalmente che non possiamo vedere l'anima coi nostri grossolani occhi materiali. Ma il fatto che non possiamo vederla, non significa che l'anima non esista. Se qualcuno arguisce": Io non posso vedere l'atomo, cosicch per ci penso che "non esiste", quello non avr influenza su qualcuno che sappia quanto piccolo realmente l'atomo. E l'anima ancora pi piccola che l'atomo. Come ce l'informano le letterature Vediche, il suo volume la diezmilsima parte della punta di un capello. Non importa che non possiamo vedere l'anima, perch esiste una maniera di percepirla. Come un fisico percepisce l'atomo mediante certi processi, allo stesso modo possiamo percepire l'anima per il processo della conoscenza trascendentale. E, che cosa la conoscenza trascendentale? Il Sig. Krishna dice nel Bhagavad-gita che conoscenza trascendentale significa comprendere la differenza tra l'anima e la materia. Come Krishna spiega, l'anima cosciente, ma la materia no. Ognuno di noi pu capire che" Io sono un essere vivente cosciente", poich se qualunque parte del nostro corpo fosse amputata, quella parte smetterebbe di essere cosciente. In questo modo, possiamo comprendere che il corpo in se non ha coscienza propria, egli riceve la sua coscienza dell'anima. Neanche possiamo generare coscienza combinando elementi incoscienti. La coscienza il sintomo dell'anima, e l'anima la pi sottile degli elementi esistenti. Anche Krishna segnala che l'anima rimane, ma che la materia cambia": come in questo corpo, continuamente l'anima corporificada passa dell'infanzia alla giovent e dopo alla vecchiaia, in forma simile, quando arriva la morte, l'anima passa ad un altro corpo. L'anima autorrealizada non si confonde per tale cambiamento", Bg. 2.13). Ora che sono un giovane, posso ricordare quando era un ragazzo pi piccolo. E quando sia vecchio, ricorder quando era un adulto. Il mio corpo materiale sta costantemente cambiando. Ma in qualche modo, io sono ancora sempre la stessa persona, in modo che posso vedere che non sono il corpo, bens l'anima che sta dentro il mio corpo. E dopo la morte, sicuramente il corpo cambier, ma "io" l'anima, rimarr essendo lo stesso. Come spiega il Sig. Krishna, una persona che ha la conoscenza trascendentale non confuso per questa trasmigrazione dell'anima. Poich ha perfetta conoscenza dell'anima, della materia e della differenza tra essi, egli vedi perfettamente.

Compreso una persona che possieda conoscenza materiale pu vedere meglio che qualcuno i cui occhi sono nuvolosi per l'ignoranza. Per esempio, quando un orologiaio guarda dentro il suo orologio, egli pu vedere che cosa funziona male. Ma lei non pu vederlo, poich non ha quella conoscenza. Un marinaio guarda il porto ed anche lei lo fa, ma il marinaio sa come portare la barca a porto sicuro e lei non lo sa. Ambedue guardano al porto, ma uno ha la conoscenza e l'altro non l'ha. In modo che quello che ha la conoscenza, realmente quello pu vedere. Dobbiamo imparare di una persona che ha la conoscenza se vogliamo espandere la nostra visione e vedere perfettamente. Una mattina in Perth, Australia, la Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada camminava per la spiaggia. Egli disse": voi vogliono giudicare tutte le cose per quello che possono vedere coi suoi occhi. Ma, possono vedere voi all'India? Io sono venuto di l. Sta l nell'oceano, ma voi non possono vederla. Significa quello che l'India non esiste? No. Se voi vogliono conoscenza, voi devono imparare di qualcuno che l'abbia visto" gi. Il Bhagavad-gita lo stabilisce molto semplicemente": Tenta di imparare la verit avvicinandoti ad un maestro spirituale fededegno. Inquisisce sommessamente di lui e rendigli servizio. Il maestro spirituale pu impartirti la conoscenza trascendentale perch egli ha visto la verit." Nel Bhagavad-gita come , Srila Prabhupada ci mostra come riuscire la conoscenza trascendentale e vedere perfettamente l'anima. Come possiamo vedere i microbi mediante un microscopio e le stelle con un telescopio, allo stesso modo possiamo vedere l'anima per mezza del Bhagavad-gita," il campo di azione dell'anima." SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. Le qualificazioni del Guru. Poich il guru deve trasmettere perfettamente le verit della conoscenza Vedica, egli svolge un ruolo decisivo. In conseguenza, le Proibizioni raccomandano al presunto discepolo mettersi alla corrente delle qualificazioni di un guru genuino. Deplorevolmente, negli anni recenti molti maestri ind ed occidentali, in disaccordo con la versione Vedica, hanno debilitato la credibilit del guru. Attualmente abbiamo guru professionali che riscuotono per mantras segreti e permettono che i suoi discepoli omettano tutte le austerit regolative Vediche che insegnano lo yoga come un sforzo ginnico; che affermano che il proposito dello yoga il benessere materiale; che cos sfidano alle Proibizioni all'atto-declararse o farsi dichiarare come Dio, e cos via. appena comprensibile che quando sentiamo il parola" guru" siamo abbastanza scettici. Di accordo con le Proibizioni, la relazione guru-sisya una verit eterna che una persona pu realizzare solamente se si avvicina sinceramente ad un guru genuino. Per quel motivo necessario comprendere in primo luogo le caratteristiche di un guru genuino, cio, di un maestro spirituale che ha ricevuto e pu impartire conoscenza pura. Srila Rupa Gosvami, un filosofo Vedico del secolo 16 e discepolo di Sri Krishna Caitanya, enumera nel suo Upadesamrta sei sintomi principali di un guru": Qualunque persona sobria che possa tollerare gli impulsi della parlata, le esigenze della mente, gli impulsi dell'ira, della lingua, dello stomaco e dei genitale, qualificato per fare discepoli per tutto il mondo." Il maestro spirituale anche un" Acharya", cio quello che insegna con l'esempio personale. La lucidit intellettuale non autorizza un uomo di dubbioso carattere personale, affezionato alla compiacenza egoista e l'interesse personale, per essere un maestro spirituale. Sri Krishna Caitanya disse": apani acari bhakti karila pracara"," Primo diventa perfetto, e dopo puoi insegnare." In altre parole, il guru deve essere un Svami, o amo dei sensi e non un schiavo dei dettati di essi. Nessuno dovesse assumere capricciosamente i titoli di guru, Svami o sannyasi, quello che rinuncia ad attivit mondane. Il candidato deve dimostrare realmente qualit di guru, Svami o sannyasi. Due grandi maestri spirituali che gli consegnarono Coscienza di Krishna al mondo sufriente. Per definizione, il guru impartisce istruzioni di accordo con gli insegnamenti della letteratura Vedica. Egli non devia degli insegnamenti Vedici mediante la speculazione mentale, n un ateo, un politico mondano o un humanitarista. Egli sostiene che la conoscenza spirituale il benessere ultimo per l'umanit; per quel motivo egli stesso porta una vita che dimostra il disinteresse del piacere materiale. In altre parole lui deve essere felicemente unito col Supremo. La Letteratura Vedica ammette che tale persona Sudurlabha, molto difficile da trovare. Da parte sua, il guru stesso deve essere un sisya, discepolo, di un maestro spirituale genuino nella successione discipular. Esiste anche un sistema di accertamento chiamato" guru-costumista-sadhu." Gli insegnamenti del guru devono corrispondere con quelle del sadhu, il maestro spirituale previo nella successione discipular, quelle che a sua volta, devono corrispondere col significato diretto dei costumisti, o scritturi. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI E LA SUA FAMIGLIA. Quando una persona comincia a praticare yoga, frequentemente si trova con l'incomprensione da parte di suoi vicina sulle differenti attivit ed idee intraprese nel nuovo processo. Idealmente, le relazioni familiari devono essere molto affettuose, piene di amore e sentimenti spirituali. inevitabile, chiaro sta che incomincino ad esistere situazioni contraddittorie. Nelle" feste" tradizionali per esempio, molto comune il consumo di sigarette e liquori, e queste attivit si praticano e considerano come normali", ma qualcuno che sta tentando di purificare la sua coscienza; si sentir comprensibilmente riluttante a" seguire la corrente della massa." Nello Srimad-Bhagavatam, scritto gi pi di 5.000 anni fa, si commenta la relazione tra il gran yogi Prahlada Maharaja e suo padre Hiranya Kasipu chi non sentiva nessuna attrazione per i principi spirituali, al contrario, volle forzare suo figlio ad imparare l'arte della politica e l'inganno, e la maniera di prendere vantaggio sugli altri. Egli tent di inculcare in suo figlio i valori materiali pi bassi, tali come l'avarizia, la lussuria ed il gusto per l'intossicazione. La storia racconta che, malgrado Hiranya Kasipu fosse molto poco gentile con suo figlio, Prahlada Maharaja fu sempre molto gentile con suo padre, dandogli buone istruzioni e tentando di elevarlo ed influirlo per mezzo della sua saggezza trascendentale. Seguendo l'esempio della storia anteriore, dobbiamo dunque, avere molto amore e comprensione per i membri della nostra famiglia, tentando di darloro buone istruzioni, in modo che essi possano avanzare nella sua vita spirituale, la quale la missione reale della vita umana. Col tempo, essi comprenderanno il beneficio vero che lei sta ricevendo praticando lo yoga, rendendosi conto della superiorit di questa pratica in relazione con le ansiet e problemi causati per la lotta materiale dell'esistenza.

Durante le sue pratiche di yoga, lo yogi deve tentare di essere solo e di non essere interrotto nel suo studio e meditazione. Per l'adeguata pratica dello yoga si raccomandano le ore della mattina, nelle quali la maggioranza della gente dorme. L'atmosfera inoltre sempre pi calmata, quello che ci permette una migliore meditazione ed un aumento nella nostra capacit di studio e comprensione. Nella preparazione dei cibi vegetariani lo yogi deve cucinare sufficiente quantit per comunicare di questa ai suoi parenti ed amici, di tale maniera che essi possano apprezzare anche il meraviglioso sapore dei cibi vegetariani, le quali sono salutari, naturali e riempi di molto eccellenti e superiori vibrazioni. Migliorare sempre le sue relazioni familiari deve essere uno dei desideri dello yogi. Se sorge qualche problema, lo yogi deve controllare la sua mente, dando esempio per mezzo della tolleranza e l'amore. In alcuni casi, a partire dal comportamento dello yogi, i membri della famiglia incominciano a condividere il processo con gran entusiasmo, e cos la vita familiare diventa felice e piena di ispirazione e molta pace. Lo yogi non deve essere molto affezionato ai membri della sua famiglia, sapendo bene che in qualunque momento tanto essi egli possono andare come (morire), poich questo corpo materiale non eterno. Nelle antiche scritture Vediche si racconta la storia di un re chi dopo un lungo tempo di attesa, ottenne, per mezzo della benedizione di un santo, l'arrivo di un figlio. Al poco tempo di nascere, suo figlio mor. Il re incominci a lamentarsi circa la benedizione che egli aveva ricevuto ed in quello momento si apparve il saggio e domand al re": Che cosa vuoi?. Quale il tuo desiderio"?. Ed immediatamente il re rispose": per favore ritornami a mio figlio, portalo di nuovo al suo corpo. Guarda quanto soffro. Il santo per mezzo dei suoi poteri mistici port l'anima al corpo del figlio del Re. E ritornando a quello, il bambino vide il saggio e gli disse: "perch mi portasti di nuovo? Io andavo gi in strada verso la mia prossima tappa di esistenza." A quello che il saggio rispose": Io ti chiamai di nuovo perch tuo padre voleva vederti." "A che padre ti riferisci"?, domand attonito il bambino. "Io ebbi migliaia di genitori nelle mie distinte nascite", disse. Ora quale padre vuole vedermi ""?. Sentendo questa discussione, il re comprese che stava cercando un falso rifugio in una relazione familiare, poich tutto il mondo sta qui solo temporaneamente. Pertanto, non dobbiamo essere molto affezionati ai nostri parenti, bench dobbiamo avere un curato naturale per essi e tentare di illuminarli spiritualmente. Nel Bhagavad-gita si dice che l'uomo saggio non si lamenta n per i vivi n per i morti, ma ancora cos, i suoi sentimenti di affetto, compassione ed amore includono a tutte le entit viventi e cos egli sta situato perfettamente. Cos, se l'ha compreso ben caro studente, lei vedr alla sua famiglia in una maniera differente, con maggiore chiarezza ed anche pi responsabilit. SEZIONE 7 LO YOGI E LA SALUTE. Il Bibbia ed il Vegetarianismo. "Se quello che taglia alberi ed ammazza bestiame, o fa fango sanguinante nella battaglia, e per tutto quello raggiunge il cielo, allora mi lasci domandare, chi va all'inferno"?. Pancatantra. Con alcuno frequenza, quelli che presentano ragioni etiche e biologiche per praticare il Vegetarianismo sono combattuti con argomenti basati nel Bibbia, suppostamente i quali favoriscono il consumo della carne. Come sappiamo gi, la carne non necessaria n per la salute n per migliorare le nostre vite. Perci, vediamo che se alcuni passaggi del Bibbia sembrano ancora giustificare il massacro di animali, non una ragione valida per rimanere moralmente stupendamente in un stato di sviluppo. I dipsomaniaci possono osservare che Ges bevve vino, ma quello non giustifica l'alcolismo. Se desideriamo continuare mangiando animali morti e perpetuare la bestialit dei mattatoi, possiamo tentare di riferirci al Bibbia, ma passeremo solo per tonti cercando posti nei quali si raccomandino i mattatoi. questione di escogencia personale: o possiamo essere gli ultimi in continuare con un'abitudine demoniaca, o possiamo essere i primi a seguire una strada verso un migliore modo di vivere in pace con tutti gli altri esseri, rispettando i suoi diritti naturali alla vita. Non una casualit che le civilt nelle quali si consumano molta carne mostrino anche un'alta frequenza di assassini e guerre, perch il sentimento per le altre entit viventi appannato. Lei preparato oggi per ammazzare ad un'entit cosciente come una vacca o un coniglio, per il semplice piacere della sua lingua, e domani una persona commetter aggressioni immisericordiose contro i suoi congeneri umano. Per esempio, le nazioni del mondo si sono viste avvolte molte volte in lotte e guerre solamente per assicurare la detenzione di beni superflui come le spezie, o per un eccesso di petrolio e gas. I vegetariani sono in generali molto meno aggressivi delle sale da pranzo di carne. Attraverso la storia, uomini e donne illuminati hanno lottato per migliorare la condizione umana. Ebbe chi crederono che i lavoratori avevano diritti elementari, quelli che litigarono per abolire lo schiavit e quelli che tentarono di fermare il lavoro dei bambini. Attraverso le epoche troviamo piccoli gruppi di pionieri che scorsero la realt del presente e dedicarono le sue vite al progresso dell'umanit per un migliore futuro. I primi Cristiani, includendo Cristo stesso, dedicarono le sue vite a propagare un insegnamento di amore e compassione, protestando contro i sacrifici di animali e l'oppressione di Roma. Essi non si sentirono legati per le tradizioni, gli intrighi religiosi e le parole scritte. Noi stiamo ora in una posizione simile. Possiamo continuare la strada facile della tradizione cattiva capita, o possiamo incominciare ad applicare elevati concetti di morali nella vita giornaliera. Il pi grande comandamento del Nuovo Testamento, rinnovato per Cristo stesso e reiterato un ed un'altra volta per la letteratura Vedica, amare a Dio su tutte le cose ed al nostro prossimo come a noi stessi. E, Chi quello prossimo?. Gli altri uomini, le vacche, i cani, i piccoli insetti, compreso gli alberi e le piante. E le parole" noi stessi", si riferiscono realmente all'Io spirituale, all'anima interna e non solamente a questo corpo temporaneo. Se realmente il Bibbia appoggiasse il mangiare carne avrebbe alcuno giustificazione per continuare con quella pratica; ma niente sta pi lontano dalla realt. In lei il Vegetarianismo non solamente indicato bens realmente reclamato. Per esempio, nel Genesi 9:4,5 si proibisce direttamente di mangiare carne": Ma carne con la sua vita che il suo sangue, "non mangerete." "Perch certamente chieder il sangue delle vostre vite; di mano di ogni animale la chieder; e di mano dell'uomo, di mano dell'uomo suo fratello, chieder la vita dell'uomo." A meno che si specifichi un'altra cosa, gli appuntamenti Biblici furono presi della Bibbia collezione Istoria Universale della letteratura Editoriale Pecora Nera, 1.984. Nel Levtico (Cap.3) Ver.17, si dice": Questo un decreto perpetuo che viene da generazione in generazione e dove voglia che vivano. Gli Israeliti non mangeranno n grasso n sanguini." Posteriormente nel 7:23 si dice": non mangeranno sebo di bue, n di agnello, n di capra." Nello stesso capitolo si dice": Perch tutto

quello che mangia grasso di qualche animale che normalmente offre in sacrificio al Sig., non sar considerato per pi tempo figlio di Dio. Non importa dove vivano gli Israeliti, non devono utilizzare mai il sangue di uccelli o animali per il cibo (Levtico) 7:25,26. Il massacro conforme al rituale ebreo di tagliare la gola dell'animale e lasciare che il sangue esca, non evade queste istruzioni, poich non tutto il sangue di un animale pu essere bonificato o eliminata delle sue arterie, e l'uso delle parti anteriori e posteriori non evita la presenza di grasso... Pertanto, le abitudini giudaice sembrano essere un chiaro tentativo di evitare le istruzioni dell'Antico Testamento circa non mangiare entit viventi che avessero sangue dentro esse. Le piante, ovviamente, non sanguinano. Nei libri posteriori del Bibbia, i Profeti maggiori condannano anche il mangiare carne: Isaia (1:11,12,15 e 16) afferma": per che motivo mi serve"?, dice Geova," la moltitudine dei vostri sacrifici? Disgustato sto di olocausti di montoni e di sebo di animali grassi; non voglio sangue di buoi, n di pecore, n di maschi caprini." "Chi chiede questo delle vostre mani?, quando venite a presentares davanti a Me per calpestare i Miei atri?...." Quando estendiate le vostre mani, Io nasconder di voi i Miei occhi; egualmente quando moltiplichiate il discorso, Io non vi sentir; piene stanno delle vostre sangue mani." "Lavaggi e puliti; togliete l'iniquit delle vostre opere davanti dei Miei occhi; smettete di fare la cosa brutta." Di accordo con Isaia, 66. 3, il massacro delle vacche particolarmente aberrante": Quello che sacrifica bue come se ammazzasse un uomo...." Troviamo anche nel Bibbia la storia di Daniel chi mentre stette in prigione in Babilonia si rifiut di ricevere la carne che gli offrivano i suoi carcerieri, preferendo mangiare semplicemente cibo vegetariana. Nel Genesi (1:11,12), si dice": Dopo disse Dio: produca la terra erba verde, erba che dia seme; albero di frutto che dia frutto secondo il suo genere che il suo seme stia in lui ecceda la terra." E fu cos. "Produsse, dunque, la terra erba verde, erba che d seme secondo la sua natura, ed albero che d frutto il cui seme sta in lui secondo il suo genere. E vide Dio che era buono." "E disse Dio: Ho qui che vi ho dato ogni pianta che d seme che sta su tutta la terra, ed ogni albero in che c' frutto e che d seme; vi saranno per mangiare." "Ed ad ogni bestia della terra, ed a tutti gli uccelli dei cieli, ed a tutto quello che striscia sulla terra in cui c' vita, ogni pianta verde sar loro per mangiare. E fu cos" (Gen.1:29,30). Potrebbe stare pi qualcosa in favore del Vegetarianismo che quello che abbiamo appena letto? La storia ufficiale della Chiesa ammette che l'edizione del Bibbia si fece posteriormente nel Secolo IV, nel Concilio di Nicea (D.C.325), quando l'Imperatore Romano Constantino accett una forma di cristianit che gli permettesse di continuare con la tradizionale vita romana. Non che suggeriamo che il Vegetarianismo fu appoggiato prima di questo momento, ma nei tempi moderni abbiamo visto un esempio di un cambiamento di interpretazione molto sottile dando alla parola" ammazzare" il senso di assassinare, limitando con questo la proibizione di ammazzare solo gli esseri umani. Ed ora, altro delizioso piatto vegetariano: PAKORAS RIPIENI Ripieno: Melanzane tagliate in fette molto magre, Pezzi piccoli di cavolfiore, Paprica verde tagliata in bastoncini molto fini, Punte di asparagi, Rametti di prezzemolo, Fette di zucchini o cetriolo cetriolo, Fette di carote o tagliate finemente alla cosa molto, 1/4 di cucchiaiata di pepe, 2 cucchiaiate di coriandolo, 1/2 cucchiaiata di crcuma, 1/2 a 3/4 tazza di acqua. Pascola: 1-1/2 tazza di farina di cece, 2 Cucchiaiate di Sale, 2 Cucchiaiate di Ghee od olio vegetale, 1/2 Cucchiaiata di polvere di asaftida soave. I pezzi di vegetale non devono misurare pi di un pollice. I vegetali si immergono nella pasta e dopo si friggono in ghee sufficiente come per coprirli completamente. Friggerli fino a che siano dorati, dopo li tiri fuori con un cucchiaio striato, collocando le PAKORAS su un tovagliolo grosso affinch sgoccioli l'olio. Li serva scalda. Buono caro studente, la sua conoscenza e pratica hanno aumentato. Continui perseverando e praticando regolarmente la sua meditazione, e sar premiato coi pi grandi doni. LA VITA SPIRITUALE PORTA ALLEGRIA DI L'INFANZIA A LA VECCHIAIA.

LEZIONE 5 Tutte le nostre benedizioni per un assicurazione avanzamento in questa sacra strada, e come dice il Bhagavad-gita, 7.19,": dopo molte nascite e morti, quello che realmente ha conoscenza a Me si arrende, conoscendo mi mangio la causa di tutte le cause e di tutto quello che esiste. Tale gran anima si trova molto raramente." Bench tale gran anima sia molto rara di trovare, chiunque che cerchi di raggiungere questo sentiero con entusiasmo, intelligenza e firmi costanza interna, prover con ogni sicurezza il nettare divino della liberazione delle catene materiali. SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. "Questo il libro che mi ha dato la pi grande illuminazione durante tutta la mia vita." Johann wolangvon Goethe. La Conoscenza Trascendentale. Nei capitoli anteriori, il Karma-yoga, l'azione non fruitiva, e lo yaja (sacrificio), furono raccomandati per l'elevazione spirituale. Ora, nel quarto capitolo, Krishna spiega che il jana-yoga, l'elevazione verso la coscienza di Dio mediante la coltivazione della conoscenza spirituale, pi elevata poich tanto il Karma-yoga come lo Yaja culmina nella conoscenza trascendentale. Questa conoscenza trascendentale, cio quello conoscenza relativa a Dio, la jiva, o anima individuale, e la sua relazione eterna, presentata in questo capitolo del Gita. Krishna menziona in primo luogo la storia della trasmissione orale del Gita che ha la sua origine in S Stesso, attraverso una successione discipular (parampara). E poich col tempo questa successione si ruppe, Krishna sta parlando ora nuovamente nel Gita ad Arjuna chi come devoto di Krishna qualificato per comprendere" il mistero trascendentale di questa scienza" (1-3). Nei seguenti versi La Persona Suprema spiega la Sua natura trascendentale come quello Sig. Supremo e la ragione per la quale Egli discende periodicamente alla regione dalle attivit mondane, per ristabilire il dharma o i principi religiosi (4-8). Quello che comprende la natura trascendentale della Sua apparizione e delle Sue attivit, raggiunge la liberazione. Quelli che prendono rifugio in Lui sono purificati per tale conoscenza e riescono amore per Lui. Krishna corrisponde alla jiva di accordo col grado di rendimento verso Lui. Nei versi 14 al 24 Krishna spiega nuovamente gli intrecci dell'azione e come per situarsi nella conoscenza trascendentale uno arriva a liberarsi delle reazioni karmice. L'uomo saggio, sapendo pienamente che il suo essere quello (Io) spirituale e che sta subordinando al Supremo, rinuncia all'interesse personale delle azioni ed agisce solo per il Supremo. Abbandonando ogni senso di propriet sui suoi possessi ed agendo solamente per le necessit basilari dalla vita, egli non colpito per le reazioni del lavoro. Krishna descrive differenti tipi di sacrifici raccomandati nelle Proibizioni (25-32) e dice che tutti essi culminano nella conoscenza trascendentale. Allora egli rivela i processi per raggiungere la conoscenza trascendentale, avvicinandosi ad un guru autorrealizado, ed Egli spiega quale la conoscenza ultima che tutte le jivas parti di Krishna (34-35). La conoscenza trascendentale distrugge le reazioni karmice e porta con s la" suprema pace spirituale" (36-39). Tuttavia, quelli che non hanno fede nella conoscenza trascendentale, non raggiungono n felicit n coscienza di Dio. In conclusione, Krishna ordina ad Arjuna che distrugga i suoi dubbi con la conoscenza spirituale": Armato con lo yoga", Egli dice ad Arjuna," alzati e lotta" (41-42). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 3, Testo 37 Sri Bhagavan uvaca kama quella krodha quella rajoguna-samudbhavah maha-sano maha-papma viddhy enam iha vairinam Sri Bhagavan uvaca - La Personalit di Dio disse; kamah - lussuria; esah - tutti questi; krodhah - ira; esah - tutti questi; rajah-guna - la modalit della passione; samudbhavah - nato di; maha-sanah - che distrugge tutto; maha-papma - molto peccaminosa; viddhi - sa; enam - questo; iha - nel mondo materiale; vairinam - il peggiore nemico. Traduzione: Il Sig. Santo disse: unicamente la lussuria, Arjuna, la quale nasce dal contatto con le modalit materiali della passione. Dopo questa lussuria si trasforma in ira, lo divora tutto e costituisce il nemico Peccaminoso di questo mondo. Mediti specialmente qualche tempo su questo significato. La parola chiave di questo verso " lussuria." Mediti su questa parola. Mediti sull'ira che solo lussuria, la quale nasce dalla brutta comprensione che siamo questi corpi materiali. Pensi profondamente su questi luoghi comuni, ancora nella sua vita giornaliera. Mediti come l'ira e la lussuria distruggono tutto quello che toccano. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. Nidra-yoga. Prima Parte. Oggi studieremo questa interessante pratica. Nidra significa" sonno"; Yoga significa" vincolo." Nidra-yoga un sistema di rilassamento mediante il quale possiamo mantenere un stato particolare della coscienza in un strato pi profondo della nostra mente. Potremmo dire che Nidra-yoga significa: sogno squico o avere coscienza dentro il sonno. Una persona cosciente dentro lo stato del sognare riesce a comprendere che la sua coscienza pu muoversi oltre il corpo fisico ed essere libero di questo. Gli antichi yogis comprese che non essendo il corpo, potevano essere esenti di ogni tipo di tensione. In generale, i problemi del corpo fisico sorgono poich la persona identifica erroneamente la sua coscienza col corpo. Ma attraverso questo sistema di autorrealizacin possiamo comprendere praticamente che non cos. TECNICA: Metta il suo corpo fisico in posizione di Chadvasana, Chad - morto; asana - posizione. Chadvasana significa la posizione di un corpo inerte. Per eseguire questa tecnica, corichi Lei di spalle, le gambe separate, la testa retta nella stessa direzione del tronco e guardando verso l'alto. Le mani devono essere separate circa 20 cms. del corpo e le gambe devono essere separate circa 40 cms. tra s ed equidistanti di una linea perpendicolare dal tronco, sentendosi comodo. Chiuda lentamente gli occhi e prenda coscienza della sua respirazione. Questo significa che deve fissare la sua attenzione al processo di inalare ed esalare l'aria, senza arrivare ad esercitare una fastidiosa concentrazione in ci. Ora calmi completamente tutto il suo corpo fisico e cerchi di non fare pi movimenti non necessari. Continui a percepire, senza sforzarsi, la sua respirazione normale e naturale. In questo processo di aquietamiento del corpo fisico ed in quello di essere cosciente della respirazione, usi sette minuti. ORA VA A PRENDERE COSCIENZA TOTALE DEL CORPO FISICO.

Incominci a concentrarsi sul suo piede sinistro. Prenda coscienza del dito grande del suo piede sinistro, dopo delle altre dita dello stesso piede. Ora la pianta del piede, tanto quanto la sua parte dorsale. Mentre prende coscienza di ogni parte del piede, rilassi e si riposi ognuna dalle parti delle quali continua ad essere cosciente. Ora prenda coscienza di tutto il piede sinistro. Dia si racconta che sia perfettamente rilassato. Quindi faccia la stessa cosa con la caviglia. Elevi la sua percezione della coscienza verso il polpaccio. Continui a rilassare ogni parte della quale presa coscienza. Ora percepisca il suo ginocchio sinistro, tanto nella parte dorsale come nella parte ventrale. Continui portando sulla sua concentrazione verso la coscia e dopo prenda coscienza della sua anca sinistra. A questa altezza tutta la sua gamba deve essere completamente rilassata. Man mano che sta facendo cosciente dalle differenti parti del piede fino all'anca sinistra, la sua concentrazione deve essere graduale e graduale, riposata e soave. Ora ripeta il processo incominciando col piede destro e finendo nell'anca destra. Tutto questo si riesce senza nessun sforzo. Di seguito prenda coscienza che i suoi piedi, le sue gambe e le sue anche sono perfettamente rilassati. Quasi non li sente. Ora prenda coscienza della sua mano sinistra, delle dita di quella mano, e continui a ruotare quella percezione per ognuno delle dita, e mentre fa questo, continui a rilassare le sue parti. Quindi diriga quella percezione verso la palma della sua mano e prenda coscienza di lei. Gi la sua mano sinistra deve essere completamente rilassata. Quindi porti su quella percezione verso il polso e continui fino all'avambraccio. Prenda coscienza del gomito del suo braccio sinistro, tanto del lato dorsale come del ventrale. Quindi faccia Lei cosciente del braccio sinistro, lo riposi soavemente. Quindi giri quella percezione verso la sua spalla sinistra e lo rilassi. A questa altezza faccia Lei cosciente di tutto il suo braccio sinistro. Finalmente, prenda coscienza che tutto il suo braccio sinistro e le due gambe insieme ai suoi piedi sono perfettamente rilassati. Ora ripeta lo stesso processo con la sua mano e braccio destro e dopo prenda coscienza che le sue due braccia, mani, gambe e piedi, sono perfettamente rilassati. Ora faccia la stessa cosa con la sua anca. Gi devono essere perfettamente rilassate. Rilassi naturalmente tutta la sua zona gltea. Prenda coscienza della parte bassa della sua schiena. Faccia Lei cosciente dell'area dove comincia la colonna vertebrale. Rilassi soave e naturalmente quella parte, senza sforzo. Quindi prenda coscienza della parte sinistra della sua schiena. Continui dirigendo quella percezione verso la scapola sinistra, e lo rilassi soavemente. Ora prenda coscienza della parte dorsale della clavicola sinistra nella sua schiena. Rilassi tutta quella parte. Quindi lo far sulla parte destra della sua schiena, la scapola destra e continui cos fino alla parte dorsale della clavicola destra nella sua schiena. Rilassi tutta questa parte. Ora prenda coscienza della sua colonna vertebrale, incominciando dalla parte bassa, fino ad arrivare alla parte alta. Rilassi Lei sempre di un modo soave e naturale. Tutti i giorni deve tentare di concentrarsi sempre di pi sul processo di Nidra-yoga. Questo lo preparer per la meditazione. Sia paziente e determinato. Sia felice ed entusiasta. Ora lei incomincia la ricerca della verit con lei stesso. La verit oltre la relativit. Man mano che rilassa ogni parte del suo corpo, canti il mantra che impar nella lezione tre, sezione terza, il mantra Far Krishna. Questo mantra perfezioner il suo rilassamento e l'aiuter a liberare la coscienza del suo corpo. Il significato completo di questo mantra sar spiegato nella prossima lezione. ESERCIZIO DI DONDOLIO SU LA SCHIENA: Questo esercizio non deve essere praticato da persone che abbiano problemi nella colonna vertebrale. Corichi Lei supino e prenda Lei entrambe le gambe con le mani. Culli sulla colonna vertebrale e tenti di rimanere coccoloni. Faccia attenzione a non farsi male. ESERCIZIO DI DONDOLIO LATERALE Questo esercizio non deve essere praticato da persone che abbiano problemi nella colonna. TECNICA: Corichi Lei supino e pieghi le gambe sul petto. Intrecci le dita delle mani e li collochi dietro la testa. Inizi il dondolio di sinistra a destra, conservando i gomiti nel suolo. Ripeta l'esercizio dieci volte. BENEFICI: Massaggia la schiena, le natiche e le anche. SEZIONE 4 ASPETTI VARI DELLA CONOSCENZA VEDICA. I misteri della Creazione. (Maha-Visnu) l'espansione di Krishna chi il creatore del Cosmo materiale, situato oltre la portata dei sensi e degli strumenti materiali. Gli scienziati che investigano l'universo visibile non possono scoprire la forma di Dio come un telespettatore non pu vedere il produttore del programma, La creazione illimitata. Le Proibizioni c'informano del cielo spirituale cos come del Cosmo Materiale. Molti scienziati non sono soddisfatti con le teorie dei suoi colleghi circa l'origine dell'universo perch queste tendono ad eliminare completamente la possibilit di Dio. Albert Einstein disse nei suoi ultimi giorni": Solamente voglio sapere come Dio cre l'universo. Tutto il resto sono semplici dettagli." Il dottore Carl Sagan, in un film filmato in India della serie di televisione" Cosmo", elogi la concezione Vedica della creazione, annotando che di tutti i pensieri religiosi, gli antichi insegnamenti Vedici circa l'origine dell'universo, sono i pi accettabili in termini della scienza moderna. Sagan spieg che la scienza Vedica della creazione non molto differente di alcune delle teorie scientifiche moderne circa l'origine dell'universo, perch suggerisce che la creazione e la dissoluzione dell'universo succede con intervalli regolari che durano miliardi di anni. Il principio Vedico della creazione pu descriversi come" emanacionismo", cio, che la materia non fu creato sorpresivamente del niente. La materia una delle energie esterne del Sig.. Sotto la supervisione del Sig. questa energia genera universi che sono predestinati, e hanno cicli di creazione, permanenza e distruzione. Di accordo con le Proibizioni, i periodi di manifestazione e nomanifestazione durano 4.3 miliardi di anni. Di accordo col Bhagavad-gita, il principio creativo essenziale che sta dietro la creazione universale l'introduzione dell'energia spirituale nella materia inerte. La materia dotata con gli ingredienti necessari affinch cresca e si sviluppi, ma lo spirito proporziona l'energia che inizia il processo di crescita e sviluppo. Un'analogia di questo processo si osserva nell'utero della donna, somministra il quale tutti gli ingredienti organici per la produzione di un corpo umano. Ma il nuovo corpo non pu cominciare a svilupparsi se non si introdursi lo spermatozoide maschile, il quale provvede l'impeto iniziale per la crescita umana.

La creazione cosmica ha luogo quando Krishna fecondo la natura materiale universale con le anime viventi, influenzando la materia inerte con la sua potenza creativa, ed attraverso l'azione del tempo. Egli lo spiega brevemente nel Bhagavad-gita": La sostanza materiale totale chiamato Bramino, la fonte della nascita, e quello Bramino al quale Io ingravido, facendo possibile la nascita di tutti gli esseri viventi... tutte le specie di vita appaiono dovuto alla sua nascita nella natura materiale, ed a che Io Sono il Padre che apporta la semente". ( Bg.14. 3-4) . La descrizione Vedica della storia comincia col tempo della creazione. Il tempo si calcola in relazione con l'atomo e la ripetuta creazione e distruzione dell'universo. Per dargli un'idea circa questi calcoli, abbiamo preparato un diagramma speciale basato in un segmento della vita del primo essere vivente di questo universo chi empoderado per il Supremo per creare pianeti, etc. Egli vive fino al fine di ogni creazione. , Per favore veda il diagramma nella pagina seguente. Le Proibizioni danno una descrizione molto dettagliata dell'universo. La prima entit vivente creata direttamente per Dio, si chiama Brahma, e sta empoderada per creare tutte le cose dell'universo. Nel diagramma lei potr ottenere alcuno comprensione circa lui. Brahma prega nel Brahma-Samhita: "Io adoro a Govinda (Krishna), il Sig. Primordiale." L'ordine del sistema planetario suggerisce un designer intelligente ed un controllore. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. Le qualificazioni del discepolo. Un studente anche deve essere qualificato, e la sua condizione basilare si presenta chiaramente nel Bhagavad-gita. Il discepolo deve inquisire sommessamente del Guru e rendergli servizio" (Bg.4.34). La fede nel Guru della maggiore importanza e lo qualifica ad uno per l'iniziazione. Lo Svetasvatara Upanisad (6.23) afferma: yasya deve per bhaktir yatha deve tatha gurau tasyaite kathita hy arthah prakasante maharmanah "Solo a quelle grandi anime che hanno fede implicita nel Suprema e nel Maestro Spirituale, sono loro rivelati tutti i significati della conoscenza Vedica." La fede nel Guru il tema trattato in una narrazione nel Bhagavata-Purana (10.8) ecceda Sri Krishna. Ricordando i passatempi della Sua adolescenza, Krishna si ricorda che una volta Egli and a raccogliere combustibile per il Suo Guru, e cos Egli ed il Suo amico si erano persi nel bosco per un gran temporale, ed in questo modo passarono tutta la notte deambulando di qui per l. Di mattina, quando finalmente il Guru ed altri discepoli trovarono a Krishna, il Guru era molto compiaciuto e benedisse a Krishna di questa maniera: " sommamente meraviglioso che Tu abbia sofferto tante inconvenienze per Me. Badare al suo corpo piace a tutto il mondo come la prima considerazione, ma Tu sei tanto buono e leale al Tuo Guru che ti sei sacrificato per la compiacenza del Tuo maestro spirituale senza importarti le scomodit del Tuo corpo. il dovere del discepolo dedicare la sua vita al servizio del maestro spirituale. Mio pi caro delle due volte nati (1), sono molto compiaciuto per la Tua azione, e ti benedico affinch tutti i tuoi desideri ed ambizioni siano soddisfatte. Che la comprensione delle Proibizioni, i quali hai imparato di me, rimangano sempre nella Tua memoria, affinch continuamente possa ricordare gli insegnamenti delle Proibizioni e cita le sue istruzioni senza difficolt. In questo modo mai sarai defraudato in questa vita o nella prossima." E Krishna si ricorda dell'incidente in questo modo: "Senza le benedizioni del Maestro Spirituale, nessuno pu essere felice. Per la povert del maestro spirituale, e per le sue benedizioni, uno pu riuscire la pace e prosperit, ed essere capace di portare a termine la missione della vita umana." Qui la fede descritta non ovviamente semplicemente un accordo intellettuale su qualche tema teologico. Piuttosto, il discepolo deve arrendersi completamente in corpo ed in mente come il domestico del Guru e prendere le istruzioni del Guru come la missione della sua vita. Allora non un'esagerazione dire che" la selezione di un Guru pi significativa della selezione di un marito o una moglie." Le Proibizioni fanno enfasi nella necessit di tale compromesso. Dopo tutto, il Guru agisce come il salvatore dal discepolo, solamente egli pu impartire la conoscenza Vedica e, pertanto, la liberazione. Per quel motivo, il discepolo ha un debito col suo Guru chi personalmente l'ha tirato fuori dall'ignoranza condizionata e l'ha benedetto con la perfezione dell'eternit, la prosperit e la conoscenza. A sua volta, il Guru deve eseguire umilmente i suoi doveri, come un domestico del Supremo e del suo proprio Guru nella successione discipular. Se uno compiace il Guru per il servizio sincero ed in realt capisce la conclusione Vedica, riceve l'iniziazione di Brahmana (2). Un Brahmana una persona erudita che il sufficientemente responsabile come per illuminare gli altri. In India c' molti SmartaBrahmanas, o Brahmanas coscienti della casta chi insistono in che uno non pu essere elevato allo stato Brahminico a meno che sia nato da una famiglia Brahmana. Decisamente questo concetto di Brahmana per nascita non Vedico. Un saggio scrisse: Nello Srimad - Bhagavad-Gita-mucchio-dhyayah del Mahabharata, Vasudeva-Krishna dice in termini molto chiari che la classificazione della gente in quattro Varnas, casto, basata nel Guna-karma, cio, basato nelle qualit spirituali e nella condotta." C' un racconto popolare nel Chandogya Upanisad su un ragazzo chiamato Satyakama che si avvicin ad un Guru affinch l'illuminasse. "Sei figlio di Brahmanas"?, gli domand il Guru. Il ragazzo disse che egli non sapiente chi suo padre era. Il Guru gli disse che domandasse a sua madre, ma la madre del ragazzo gli disse francamente che dato che ella aveva conosciuto molti uomini non era sicura di chi suo padre era. Allora il ragazzo ritorn dove il Guru e gli disse": Mia madre non sa." Compiaciuto con l'onest del ragazzo, il maestro spirituale concluse": Tu sei un Brahmana." Secondo le norme Vediche chiunque pu essere elevato per mezzo dell'istruzione a questa piattaforma spirituale. Nel Hari-bhaktivilasa di Sanatana Gosvami si regge che certamente quello che appropriatamente iniziato, diventa un Brahmana, come il metallo della campana si trasforma in oro quando mischiato con mercurio. Nel Settimo Canto del Bhagavad-Purana (7.11.35), Narada dice al Re Yudhisthira che se uno ha le qualit di un Brahmana, uno deve essere accettato come Brahmana. Di questa maniera, nascere in una famiglia, razza o religione in questione, non una qualificazione per un sisya. I pi importanti di tra tutte le qualificazioni del discepolo sono la fede, il servizio e le domande sottomesse. Tuttavia, il discepolo non deve seguire ciecamente il suo Guru. Nel Bhagavad-gita, Arjuna fa una serie di domande escudriantes, e Sri Krishna gli risponde con ragionamenti filosofici e riferendosi ai costumisti ed i sadhus.

Nella tradizione Vedica non pu essere esagerata l'importanza della relazione Guru-sisya. Certamente il Padma-Purana enfatizza che impossibile guadagnare conoscenza senza un Guru": a meno che uno sia iniziato per un maestro spirituale fededegno nella successione discipular, il mantra che uno abbia ricevuto non ha nessun effetto." Continuamente i costumisti, scritture vediche, accentuano il valore inestimabile dell'associazione con una persona sacra. detto che un momento di quell'associazione pi prezioso di migliaia di vite senza lei. L'impazienza del sisya, studente, di sentire del Guru, in s stessa una gran qualificazione. Se dopo avere sentito, ubbidientemente egli porta a termine le istruzioni del maestro spirituale, il discepolo avanza oltre la liberazione, all'ultima tappa di amore per Dio. In altre parole, caro studente, praticando il processo di Yoga insegnato nel nostro corso, lei si allener per s stesso per superarsi il livello della fede cieca. E se lei comprende tutto questo, potr ottenere iniziazione di un maestro spirituale fededegno, dopo c'essere stato preparato attraverso le sue esperienze personali e realizzazioni pratiche. (1) le due volte nati sono quelli che hanno ricevuto l'iniziazione Brahmana, o chi hanno accettato il suo maestro spirituale come suo padre affinch egli li guidi fuori dell'illusione materiale. (2) l'iniziazione di Brahmana pu essere ricevuta per quelli yogis molto determinati chi per avere studiato diligente e profondamente la filosofia, hanno compreso le istruzioni date e sono pronti a continuare compreso il processo di yoga fino al fine delle sue vite. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI E LA VIOLENZA. Frequentemente stiamo conoscendo persone nelle nostre classi di Yoga chi fraintendono come questo gran dialogo sul tema dello yoga tra Krishna ed Arjuna prese posto nel campo di KURUKSETRA momenti prima di detta guerra. In generale, la gente pensa che qualunque cosa relazionata col tema spirituale non ha niente a che vedere con la violenza. In realt cos, ma qui dobbiamo comprendere il significato vero che si vuole trovare la parola" violenza." Questo mondo materiale basato nel fatto che un'entit vivente deve conservare la sua propria vita prendendo la vita di un'altra entit vivente. Tutti dobbiamo mangiare ed essere mangiati per altre entit viventi. Ancora se mangiamo vegetali, comunque stiamo ammazzando esseri vivi. E bench stiamo a salvo degli animali della selva, i nostri corpi sono destinati a servire da alimento ai batteri, i virus ed altri microorganismi. Questo ci dimostra che in realt la vita in questo mondo materiale non divorziato della violenza. E come c' la necessit di violenza per mantenere la vita di una persona, c' a volte anche necessit della violenza per mantenere i principi morali e l'avanzamento spirituali, ma solamente basse circostanze molto speciali. Gli esperimenti di Psicologia moderna hanno tentato di migliorare l'uomo, attraverso l'educazione, ma non sono stati capaci di abolire il crimine, l'insicurezza e tanti altri problemi della nostra societ. Durante i tempi Vedici, i Ksatriyas, o guerrieri religiosi, difendevano i principi della religione, ancora se c'era necessit di lottare e di ammazzare, col fine di proteggere la gente. "Considerando il tuo dovere specifico come Ksatriya, devi sapere che non esiste per te un'occupazione migliore che quella di lottare in base ai principi religiosi, cosicch non c' necessit di titubare." (Bg.2.31). Se lei ammazza una tigre quando attacca la sua casa, nessuno lo considererebbe criminale. Allo stesso modo, i Ksatriyas, chi appoggiano le scritture religiose ed i suoi principi e chi difendevano la felicit e la sicurezza di tutte le persone in generali, non incorrevano nelle reazioni peccaminose nelle quali si incorre quando si commette capricciosamente violenza in base ai desideri personali. Questo si chiama Natihimsa. Himsa vuole dire in Sanscrita" violenza" e nati vuole dire" necessaria." Cos, la violenza necessaria a volte nella societ umana. Chiaro sta che la violenza non desiderata per nessuno, ma nel Bg. la posizione di Arjuna era quella di difendere i principi religiosi e fu il Sig. Sri Krishna che gli spieg che in realt la morte non un fatto tanto importante, perch non siamo questo corpo, e stiamo passando continuamente di un corpo ad un altro in questo mondo materiale, e questo corpo c' dato finalmente secondo le nostre attivit anteriori. Se siamo peccaminosi, saremo destinati alla sofferenza, ma se aiutiamo gli altri, allora potremo godere di migliori condizioni materiali nel futuro. Ma, sia che godiamo o soffriamo, il proposito vero di questa vita umana liberarsi di queste nascite e morti ripetuti, e quello solo possibile attraverso il processo dell'autorrealizacin. per questo che lo yogi tenta di evitare la violenza e preferisce istruire la gente affinch sospendano le sue attivit sfavorevoli e riescano realizzazioni pi elevate. Questo fu insegnato specificamente per Sri Caitanya chi apparve in India 500 anni fa ed insegn che in questa era di Kali, la presente era, l'autorrealizacin ed i principi morali si sono degradati tanto che se applicassimo il sistema Vedico secondo il quale ogni persona peccaminosa punita in maniera severa e violenta, praticamente tutto il mondo soffrirebbe tale punizione. Pertanto, Egli disse che nell'era di Kali la maniera pi adeguata per migliorare le condizioni morali sarebbe a voce alta per il processo di meditazione nel mantra o il canto dei mantras sacri e pubblicamente affinch la gente possa ascoltarli e possano beneficarsi; ed inoltre per la presentazione erudita della filosofia delle scritture Vediche alla gente, affinch ella capisca che con tutte le sue attivit irresponsabili sta deviando di quello verso la liberazione. Uno dei maggiori pericoli della violenza attuale eseguita la per la societ moderna, nel massacro di migliaia e migliaia di innocenti animali, con la supposizione che questo necessario per l'alimentazione delle persone. Bench abbiamo parlato gi di questo tema nella Lezione 4, Sezione 7, vogliamo menzionare un'altra volta che il massacro di animali innocenti si considera un'offesa tanto grande per le leggi Vediche che la persona che l'esegue, o la persona che si avvantaggia della sua esecuzione, deve prendere un'altra volta nascita come quell'animale e sperimentare le stesse sofferenze che sentono quelli poveri animali. E che cosa dire di proporzionare tante sofferenze ad amici e parenti in questo mondo. E che cosa dire dei milioni di beb che sono assassinati nel ventre. Questa classe di violenza completamente condannata per la societ Vedica e, per quel motivo, Ahimsa o la no-violenza, significa evitare qualunque attivit violenta non necessaria. Non solo questione di umanit, ma costituisce il primo passo per capire qualunque idea o filosofia sul proposito di questa vita umana. Rispetto all'inutilit e pericolo della violenza ed il beneficio del sistema di yoga, le scritture Vediche ci raccontano una bella storia: Una volta, in uno dei suoi viaggi, il gran missionario e predicatore Narada Maneggiai, si addentr nella spessa selva e si trov l con una persona che era un gran criminale che spiava nell'oscurit ed attaccava a tutti quelli che passavano per rubarloro il suo denaro, ed a volte li ammazzava perfino. Quando Narada Maneggiai si trov con questo delinquente pot vedere per il suo viso, un detto popolare dice che il viso il riflesso della mente, quello che egli stava pensando e che classe di carattere aveva. Narada Maneggiai approfitt di questa opportunit per rimproverarlo molto fortemente": perch ti sei dedicato ad attivit tanto degradate e vili? Non sai per caso che la legge del karma non passer neanche per alta uno solo dei crimini che hai commesso, e per quel motivo dovrai soffrire molto"?. Il ladro replic": Pu che abbia ragione o pu che no, ma quello che non posso fermare queste attivit, perch cos posso

compiacere solo mia moglie di chi sto molto affezionato, e chi mi ama come niente in questo mondo. E la cosa unica che ella vuole che gli porti oro, gioielli e molta opulenza. Inoltre non posso fare nient'altro perch non imparai a fare un'altra cosa." Narada Maneggiai sorrise sentendo questa affermazione e gli rispose": davvero credi che tua moglie si ama? Stai in una gran illusione. Ella si sta usando solo per la sua propria compiacenza ed alla fine non far niente per te." Molto confuso per l'affermazione di Narada Maneggiai, il ladro gli rispose": Che cosa vuoi dire che mia moglie non mi vuole? Sto servendolo fedelmente per moltissimi anni. Ho rubato a tanta gente e perfino ho ammazzato ad alcuni, solo per compiacerla. Come puoi dire che ella non mi vuole?" Narada Maneggiai rispose": perch non fai la prova? Vedi dove sta tua moglie e gli dici": Mia cara moglie, lasciami domandarti qualcosa, sei pronta per accettare solamente il cinquanta percento delle reazioni peccaminose di tutte le attivit che ho commesso per compiacerti?" E quando ascolti la risposta comprenderai che ho tutta la ragione." Molto confuso, il ladro corse verso la sua casa, e non appena entr nella sua casa e vide sua moglie, gli domand": Mia cara moglie, ti amo tanto, per favore dimmi: come ti ho aiutato io, mi aiuteresti anche accettando il cinquanta percento di tutte le reazioni peccaminose delle attivit che ho commesso per compiacerti? Accetteresti solamente la met delle reazioni"?. Sua moglie divent immediatamente verso lui e gli grid": Sei pazzo? Tu sei un stupido. Neanche sei stato capace di avere un lavoro decente e sopra a quello vuoi che soffra per i tuoi peccati. Niente far! Ed ora vieti di qui, Il ladro rimase ancora pi confuso e perturbato, e con la testa bassa ritorn alla selva, senza sapere che cosa fare e senza sapere a dove andare. Ma allora, si ricord di Narada Maneggiai e pens": forse posso trovarmi un'altra volta con quella persona." Usc correndo verso il posto dove aveva visto il saggio. L stava Narada Maneggiai sorridendo ed aspettando la risposta. Il ladro gli disse": Mio caro Sig., Tu mi hai illuminato. Sono stato in illusione durante tutta la mia vita, mia moglie non sente nessun amore per me. Semplicemente ella mi utilizza affinch lavori duramente ed arrischi la mia vita solo per compiacerla e non vuole fare niente per me. Per favore, dimmi che cosa quello che devo fare ora?, Come posso salvarmi di questa condizione tanto miserabile"?. Narada Maneggiai gli disse": c' una soluzione, ma non molto facile. Puoi praticare il processo di yoga e canto il sacro nome del Sig., il Sacro Nome di Dio." Il ladro disse": Dio? Non so dove Egli stia e neanche so se esiste." Tuttavia, Narada Maneggiai fu capace di convincere il ladro che il canto mitigherebbe tutti i suoi peccati passati e gli insegn a cantare il Nome di Dio, Ramo. In questo modo, il ladro entr in meditazione profonda e dimentic il suo condizionamento esterno. A poco a poco controll completamente i suoi sensi e raggiunse l'autorrealizacin. Anni pi tardi, quando Narada ritorn, trov al ladro vivendo pacificamente con sua moglie che era stato anche illuminata. Quando vide a Narada, il ladro gli offr riverenze, ma Narada osserv che mentre il ladro lo riveriva aveva molto curato di non schiacciare nessuna formica che potesse stare nella sua strada. Cos Narada pot vedere che il gran potere del canto aveva trasformato un criminale in qualcuno pieno di compassione per gli esseri vivi. Inoltre, Narada vide che altri campagnoli erano molto impressionati per il cambiamento del ladro, e lui accorrevano affinch li istruisse nella meditazione e nell'autorrealizacin. Il sistema del Bhakti-yoga descritto per Sri Caitanya Mahaprabhu sta abilitandoci per insegnare alla gente a liberarsi delle reazioni karmice per mezze del processo della meditazione, e derivare vero entusiasmo spirituale da lei che la forza necessaria richiesta in un mondo tanto difficile per avere successo nell'esecuzione dello Yoga. Questa la migliore maniera di eseguire la non violenza. Ricordi purch praticare la no-violenza significa lavorare per l'elevazione spirituale delle altre entit viventi. E, ovviamente, questo comincia con la nostra propria purificazione spirituale. SEZIONE 7 YOGA E SALUTE Il Bibbia ed il Vegetarianismo: 2a Parte. Continuiamo col nostro articolo sul Bibbia ed il Vegetarianismo. Il Bibbia mette di rilievo il Vegetarianismo. In alcuni sezioni del Vecchio e Nuovo Testamento, tali come nell'Esodo, Levtico, Numeri, Deuteronomio, Josu, Ruth, e Samuel 1 e 2, troviamo pi riferimenti circa gli alimenti e di come prepararli. Tra essi si menzionano: pane, minestrone, latte, miele, manna, olive, differenti classi di frutte, farina raffinata, uve, cetrioli, meloni, porri, coriandolo, granate, fichi, uvette, grano, orzo, acqua, aceto, fagioli, lenticchie ed una gran quantit di vegetali. Solamente quando i figli dell'Israele" piagnucolarono per la carne, noti Lei l'espressione "piagnucolare" per, il Sig. disse loro che dovrebbero mangiarla per un mese intero," fino a che vi esca per i nasi e l'odiate..." (Numeri 11:19,20). E," stava Ancora la carne tra i denti di essi, prima che fosse masticata, quando l'ira di Geova si accese nel paese, fer al paese con una piaga molto grande." (Numeri 11:33). In questi libri si fa molta enfasi nella dieta vegetariana. Come lei potr rendersi conto, caro studente, non stiamo tentando di risaltare il Vegetarianismo come tale, se non perch consideriamo che la dieta appropriata per l'umanit, basato in principi umani. E pertanto, come alimento, la carne stata sempre menzionata con dispiacere. Negli esempi del Bibbia che si riferiscono a qualcuno che lavora molto duramente, quella persona sempre ricompensata con ricchezze ed alimenti gradevoli, come il latte ed il miele, e non con le estremit e gli organi degradanti di animali morti. Nelle Canzoni di Salomone troviamo frutte, noci, e fiori, menzionate per illustrare la generosit del Sig. Supremo. Questo conferma quello che Krishna dice nel Bhagavad-gita (9:27)": Se qualcuno mi offre con amore e devozione, una foglia, un fiore, frutta o annacqua, Io l'accetter." Krishna enfatizza che questo quello che Egli, come l'oggetto pi elevato di tutti i sacrifici, accetta. Egli non dice": Offrimi un uomo, ossa, carne, sangue, uova, pesce...", perch Egli non accetta questa classe di cose. Verdure, grani, frutte ed annacqua, sono gli alimenti adeguati per gli esseri umani, e nella Sua povert, saggezza e bont infinite, Egli non accetter mai qualcosa che sia disastroso per noi. Quindi, dobbiamo accettare che quello che Egli ci dice buono per noi e che dobbiamo respingere la cosa inutile. Questa intelligenza, e cos come ci libereremo della catena della sofferenza e la morte. In conclusione, gli chiediamo che esamini questo tema di mangiare carne dal punto di vista della sua propria coscienza e della sua conoscenza. Se lei sincero, Dio, chi sta situato nel cuore di tutte le entit viventi, lo guider dal suo interno. Abbiamo tentato di somministrargli evidenzi tanti nativo, biologici, come delle scritture, e man mano che lei progredisca in questo sentiero, ricever anche illuminazione del suo interno. L'accoglienza sincera di questa guida dall'interno e l'esterno, gli permetter di fare un rapida avanzamento nel sentiero dell'illuminazione.

Ed ora, per incominciare a mettere in pratica questi principi di una vera vita umana, basata in principi elevati, una deliziosa preparazione vegetariana. LASSI 3 parti di yoghurt, 1 parte di acqua. Semi di cumino secchi e fette biscottate, Pepe nero, Sale. Mescoli l'acqua con lo yoghurt. Per ogni quattro (4) tazze di Yoghurt ed annacqua aggreghi 1/2 cucchiaiata di sale, 1/4 cucchiaiata di pepe nero e 1 cucchiaiata di seme di cumino tostato. Ora, mescoli molto bene tutto questo. Anche il Lassi pu prepararsi mescolando Yoghurt, acqua e dopo aggregando 1/3 di tazza di zucchero per ogni due (2) tazze di Lassi. Questa specialmente un'altra bibita molto deliziosa quando fa molto caldo. Buono caro studente, cos abbiamo terminato pi un'altra lezione. Mediti qui molta busta i temi ed insegnamenti trattati, sia sempre un cercatore della Verit ed un guardiano dei principi pi elevati della vita umana. IL Signore SRI KRISHNA IL CONTROLLORE diedi TUTTI I MONDI SPIRITUALI E MATERIALI.

LEZIONE 6 Non eccede ricordargli la cosa importante che risolvere qualunque inquietudine o interrogante che si sia svegliato in lei. Questo naturale. Aspettiamo allora la sua lettera manifestando le sue domande, commenti o inquietudini sui temi trattati. SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. "Il Bhagavad-gita pu vedersi come un gran trattato circa la" vita attiva." Ma realmente pi che quello, perch tende a fondere l'adorazione, l'azione e la contemplazione nel compimento dei doveri giornalieri, quello che trascende tutti i tre per virt di una coscienza pi elevata." Thomas Merton. Capitolo Cinque Karma-yoga: Azione nella Coscienza di Krishna. Nel capitolo terzo, Krishna spiegava che una persona situata nella conoscenza trascendentale si libera della necessit di eseguire i doveri prescritti. E nel Capitolo Quarto Egli dice ad Arjuna che tutti i sacrifici del lavoro culminano nella conoscenza trascendentale. Alla fine del capitolo quarto Krishna consiglia ad Arjuna che lotti. Arjuna, perplesso perch Krishna enfatizza l'importanza di ambedue, tanto del lavoro in devozione come dell'inazione nella conoscenza, chiede a Krishna che stabilisca definitivamente quale dei due sentieri il pi vantaggioso. Arjuna confuso, perch per lui, lavoro e rinuncia sono incompatibili. Per chiarire la confusione di Arjuna, Krishna spiega nel Capitolo quinto che il lavoro devozionale in conoscenza piena, non implica reazione materiale e per quel motivo la stessa cosa rinunciare al lavoro. Tuttavia, il lavoro in devozione il meglio dei due. Dopo Krishna descrive le caratteristiche di quello che lavora in forma disaffezionata, sacrificando i frutti del lavoro ed offrendoli a Lui. Tale lavoratore devozionale, purificato per la conoscenza trascendentale, comprende che egli un'entit spirituale, poich trascendentale al corpo, la mente ed i sensi, e cos egli non si identifica con l'azionare di questi elementi. Eseguendo tali azioni senza attaccamento, e consegnare i risultati al Sig. Supremo, egli" non colpito per la reazione peccaminosa, come la foglia di Loto non toccata per l'acqua." In questo modo, egli raggiunge la pace. Tale livello di disinteresse arriva a situarsi nella trascendenza, o brahmanirvana. Come un pandita o persona saggia, anche egli fisso nella conoscenza perfetta dell'io e del Supremo. Egli vedi tutti gli esseri con senso di uguaglianza, e cosciente della sua natura spirituale oltre il corpo materiale esterno. Egli lavora per il suo benessere spirituale e concentrandosi sul Supremo non toccato per le qualit di piacere esterno, Bg. 5.18-23) . Come conclusione, Krishna dice che quello che lo conosce come la meta ultima di tutti i sacrifici ed austerit, come quello Sig. Supremo di tutti i mondi, come il migliore amico di tutti gli esseri viventi, raggiunge il sollievo della sofferenza materiale. SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita. Capitolo 8 Verso 16 abrahma-bhuvanal lokah punar avartino rjuna mam upetya il tuo kaunteya punar janma na vidyate abrahma - fino al pianeta Brahmaloka; bhuvanat - dei sistemi planetari, pianeti; punah - un'altra volta; avartinah ritorno; Arjuna - Ah Arjuna; mam - a Me; upetya - arrivando; tuo - ma; kaunteya - Oh figlio di Kunti; punah janma - rinascimento; na - mai; vidyate - succede. Traduzione: Oh figlio di Kunti! dal pianeta pi elevato del mondo materiale, fino al pi basso, tutti sono posti di miseria dove succedono la nascita e la morte ripetuti, ma quello che raggiunge la Mia dimora non gira mai a nascere. Le parole chiave di questo verso sono": tutti sono posti di miseria." Mediti lo studente su questo significato. Mediti su quello che significa la vera pace. Non pu esistere pace dove esista la maggiore miseria che la nascita e la morte ripetuti. C' solo l pace, nella Dimora Suprema, nella nostra casa vera, senza la tragedia di queste miserie di nascita, vecchiaia, malattia e morte ripetuti. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. Nidra-yoga. 2a Parte. Questa la continuazione dello studio e pratica del Nidra-yoga che cominciamo nella lezione anteriore. Gi fatta il rilassamento totale del suo corpo fisico, prenda ora coscienza della sua respirazione. Sia cosciente di come la sua respirazione entra ed esce dal suo corpo fisico. Concentri Lei in lei. Incominci per il naso e segua internamente per il suo corpo fino ai suoi polmoni, uscendo dopo di essi e passando internamente per il suo corpo fino al naso e dopo fino ad uscire. Prenda coscienza soave, ma distintamente, senza nessun sforzo. Respiri lenta e naturalmente. Osservando ogni atto realizzato, senza fare sforzo, mantenga la sua coscienza sveglia e sempre attenta. Ora inizio a contare la sua respirazione; conti come uno ogni respirazione che entra ed esce, due; un'altra respirazione che entra ed esce, tre; un'altra respirazione che entra ed esce; e cos via conti ogni respirazione fino a dieci o venti volte. Cerchi di mantenere la sua coscienza sveglia ed osservare ogni cucia. Partendo che i sensi del nostro corpo sono tanto forti, dobbiamo conoscere il nostro corpo in modo che c'intendiamo la vera posizione dell'anima di lui. Questo sar di profitto per dominare i nostri sensi e cos avanzare rapidamente. Vediamo ora un esercizio per dare ai nostri occhi la forza e lucentezza che necessitano. TECNICA: Senti Lei di fronte ad al sole, se possibile, e chiuda gli occhi. Li mantenga chiusi durante tutta la pratica. Sfreghi Lei le palme delle mani fino a che si riscaldino. Li collochi sugli occhi. Li lasci l durante qualche tempo, uno o due minuti. Lei sentir che le sue mani trasmettono caldo ed energia ai suoi occhi. Ripeta l'esercizio cinque volte. Gli esercizi per gli occhi devono praticarsi solo massimo due volte al giorno. BENEFICI: Rilassa, ricarica e rivitalizza il nervo ottico. Come lo promettemmo nella Lezione 5a. Sezione 3a., qui sta la spiegazione circa quello Far KRISHNA MANTRA: MANTRA di Meditazione Nel linguaggio Sanscrito originale, man significa" mente" e tra significa" liberare." Cosicch mantra una combinazione di suoni che libera la nostra mente di tutte le ansiet. Le letterature Vediche dell'antica India segnalano come unico un mantra che il pi effettivo per resistere le pressioni ed ansiet dell'epoca attuale. Il mantra :

FAR KRISHNA, FAR KRISHNA, KRISHNA KRISHNA, FAR FAR, FAR RAMO, FAR RAMO, RAMO RAMO, FAR FAR. Non necessario capire il linguaggio di questo mantra per ricevere il suo beneficio. La sola vibrazione sonora produce gli effetti desiderati. Il nome Krishna significa" il pi attraente", il nome Ramo significa" il pi compiacente", ed il nome Far si usa per dirigersi all'energia devozionale del Sig.. Pertanto, il maha-mantra significa": Oh, l'ogni attrattiva, il tutto compiacente, oh energia del Sig., per favore occupami nel Tuo servizio devozionale." Tempo e Posto Non esiste nessuna restrizione in quanto al tempo ed al posto in cui deve praticarsi il mantra di meditazione. Tuttavia, le ore pi tranquille, sono i migliori. Egualmente, il mantra di meditazione utilizzato prima e dopo gli esercizi, aiuta a mantenere la mente calmata. Pratica Pratichi il mantra di meditazione ripetendolo un ed un'altra volta in tono di conversazione normale. Se alcuno allora difficolt in tranquillizzare la mente instancabile ed i sensi, porti su un po' la voce e dopo l'abbassi gradualmente. Deve concentrare sulla pronuncia di ogni sillaba del mantra, fino a che familiarizzi con lui tanto quanto il musicista lo sta con la scala musicale. Assorbendosi completamente nella vibrazione sonora, potr raggiungere la perfezione della sua meditazione. In India, gli Yogis che ricevevano l'iniziazione di un maestro spirituale Vaisnava, devoto al servizio devozionale, ricevono di lui alcuni conti sacri dell'albero sacro Tulasi. I conti hanno 108 palline pi un grandi, separate una di un'altra con nodo. La funzione di questi conti di regolare la meditazione nel mantra, contando un numero minimo stabilito per il maestro spirituale, meditando su quello Far KRISHNA MANTRA. Ma nel principio questo non tanto importante. Aumenti a poco a poco la sua meditazione in quello Far KRISHNA MANTRA. Non esistono regole strette, ma la concentrazione deve migliorare ed il nostro coraggio di cantare pi tempo aumenter cos anche. Lasci che il suono che soavemente deriva dalla sua bocca entri per i suoi uditi ed arrivi diretto al suo cuore. In questa forma il meraviglioso risultato della meditazione lo rivela con prontezza. L'effetto di cantare il mantra, che quanto pi lo senta e lo canti, pi comprender la sua natura spirituale. Lei sta cantando i nomi di Dio e, in conseguenza, si sta mettendo in contatto con la Suprema Persona. Sta percependo anche il mondo spirituale. Tra pi si concentri sulla vibrazione sonora pi rapidamente spariranno dalla sua mente le distrazioni. Pertanto, permetta che quello Far KRISHNA MANTRA l'accompagni molto a tutta la cosa di questo corso e nella sua vita giornaliera. SEZIONE 4 ASPETTI VARI DELLA CONOSCENZA VEDICA. Reincarnazione e Karma. "Un vitello pu trovare sua madre tra migliaia di vacche; allo stesso modo la cosa buona e la cosa brutta che abbiamo fatto ritorna per sussurrarci: Sono il tuo '." Pancatantra "Io accettai la teoria della reincarnazione quando aveva 26 anni", disse il conosciuto fabbricante di automobile Henry Ford, ad un giornale il 26 Agosto, di 1.928. Thomas Edison, Benjamn Franklin, Tom Paine, Rubn Daro, Porfirio Barba Jacob, Ciuffo Lizarralde, Thomas Merton, credono che l'anima, quando muore il corpo, passa ad un nuovo corpo. Molte persone hanno l'impressione che la reincarnazione una recente importazione filosofica dell'India, ma realmente il concetto della reincarnazione ha avuto una carta importante nella tradizione filosofica e teologica del mondo occidentale. Platone, 4 A.C. chi aiut a collocare i fondamenti della filosofia occidentale, scrisse": L'anima relazionata con differenti corpi in differenti tempi" (Leggi 10.903). Nel terzo secolo della nostra era, Origini, uno dei Genitori della Chiesa Cristiana, scrisse nel suo libro" Primi Principi"": Per alcuno inclinazione verso il male, alcuni anime persero le sue ali ed entrarono in corpi; primo in corpi di uomini, e dopo, per l'associazione con le passioni irrazionali, terminando il suo ciclo di vita umana, cambiano a bestie, e di l affondano nel livello di piante. Di questa condizione essi possono di nuovo ascendere e li restaurati il suo posto nel paradiso." Tuttavia, quando la teologia cristiana si solidific nel decorso dei secoli, questo punto di vista si trasform in eresia condannato nell'anno 533, per l'imperatore Giustiniano chi lanci il suo anatema contro Origini": Se qualcuno crede nella favolosa preesistenza dell'anima e la mostruosa restaurazione che gli seguirebbe, egli deve essere anatematizado o maledetto." Questo editto distrusse quasi dentro il cristianesimo ogni conversazione circa la trasmigrazione. Stava azzeccato Giustiniano condannando l'idea che la reincarnazione era qualcosa" di favolosa" e" mostruosa" o sta realmente l'anima" relazionata con differenti corpi in differenti tempi", come lo credeva Platone? La migliore forma di risolvere il problema andare direttamente alla fonte - ai primi riferimenti della reincarnazione. Fortunatamente, i documenti pi antichi circa la trasmigrazione sono anche filosoficamente i pi completi. Si trovano nella letteratura Sanscrita Vedica scritta fa A.C. circa 3.000 in India. La visione Vedica della reincarnazione chiaramente spiegata nel Bhagavad-gita, il quale accettato in tutto il mondo come l'essenza della conoscenza spirituale Vedica. Nel Gita, il Supremo Sig. Krishna illumina il Suo studente ed amico, Arjuna, nella scienza dell'autorrealizacin che comincia con la brillante presentazione del processo della reincarnazione. L'anima eterna e passa per corpi animali fino a che riesce una forma umana. Immediatamente dopo le Sue istruzioni ad Arjuna, il Sig. Krishna dichiara che la trasmigrazione dell'anima un fatto"; come in questo corpo, continuamente l'anima corporificada passa dell'infanzia alla giovent e dopo alla vecchiaia, in forma simile, quando arriva la morte, l'anima passa ad un altro corpo. L'anima autorrealizada non si confonde per tale cambiamento", Bg. 2.13) . L'esistenza dell'anima, un principio cosciente non cangiante dentro il sempre cangiante corpo materiale, implicato nelle recenti investigazioni della scienza moderna. In" Il Cervello Umano", il Professore John Pfeiffer annota che" il suo corpo non trattiene nessuna dalle molecole che conteneva sette anni" fa. Egli paragona il corpo vivente con un mulinello. La forma non cambia, ma tutti gli ingredienti fluiscono ad un passo vertiginoso. Nella sua pubblicazione" Foundations of Biology", L.L Wooddruff d un'altra analogia adatta per il caso: "L'antica affermazione che i materiali che formano il corpo umano cambiano completamente ciascuni sette anni, un riconoscimento tacito che scendo l'influenza dal corpo, il materiale senza vita, in forma di alimento, gradualmente trasformato in materia vivente simile. Indubbiamente, come un geyser o termale intermittente conserva per il momento la sua individualit a

momento, bench non sia composto in nessuno degli istanti delle due stesse molecole di acqua identicamente posizionata, di quella stessa maniera l'individuo vivente una concentrazione alla quale mettono materiali, svolgono per un po' il suo ruolo, e dopo emergono per dissolversi nell'ecosistema. Di questa maniera, nella vita di un uomo di settanta anni, in realt egli nato" e" morte" dieci volte. Ovviamente, senza tenere in conto l'ultima morte del corpo, quando l'entit personale sembra finire, queste" morti intermedie" non distruggono la struttura e le caratteristiche del corpo. Sia come sia, tuttavia, le sostanze fisiche del corpo di una persona di settanta anni hanno cambiato un ed un'altra volta. Sono stati allora dieci differenti persone? Indubbiamente non. Allora, Che cosa quello che vogliamo dire esattamente con la parola" persona?" La migliore maniera di rispondere questa domanda contemplare la persona che meglio conosce, noi stessi, attraverso un esercizio semplice a memoria. Per esempio, la cosa prima che ricordo della mia vita un giorno quando aveva anno e mezzo. Avvicinando mi domandai a mia madre se ella poteva comprendere quello che io stavo dicendogli. Io non conoscevo le parole corrette e mi frustrai tremendamente. Nella mia mente questo incidente risalta fisica e psicologicamente. Attraverso questi ricordi, posso sperimentare direttamente la continuit della mia esistenza attraverso gli anni. Posso ricordare milioni di cose che feci, vidi, sentii e sentii. Nessuno pi god o soffr queste cose o situazioni. Quindi, io come persona sono continuo nonostante la discontinuit del mio corpo. Cos, andando ancora pi lontano, posso rendere conto che le mie emozioni, pensieri e ricordi sono anche cangianti. Sono realmente un osservatore fino a di questi fenomeni mentali. Stanno fluendo davanti ad io cos come le molecole del mio corpo fisico. Il mio corpo una forma grossolana fatta di particelle grossolane, e la mia mente una forma sottile fatta di particelle sottili. Ma non sono nessuno di essi. La persona che io" chiamo" in realt una continuit di coscienza, un'anima spirituale eterna. Ora la domanda che sorge ": perch gli scienziati non hanno trovato l'anima?." La risposta molto semplice. Un scienziato empirico osserva tutto attraverso i suoi sensi materiali e la mente, i quali sono troppo grossolani per percepire l'anima spirituale. alcuni scienziati, tuttavia, chi capiscono qualcosa sull'esistenza della persona oltre il corpo e la mente. Per esempio, il fisico Irwin Schroedinger, chi in 1.933, vinse il Premio Novello in Fisica per il suo lavoro in meccanica di longitudine di onda, scrisse la cosa seguente in" Che cosa vita"?: Ancora quando un ipnotizzatore istruito o professionista avesse successo in cancellare tutti i ricordi anteriori, lei n penserebbe che egli l'avrebbe ammazzato. In nessun caso c' una perdita di esistenza personale che cosa deplorarsi. N ci non la sar mai. Ovviamente, la dichiarazione pi definitiva in questa materia data per il Sig. Krishna molto appropriatamente": ci non sono Mai nascita n morte per l'anima. N essendo stato una volta, smette di essere mai. L'anima sempre innaciente, eterno, esistente, immortale e primordiale. Non lo ammazzato quando si ammazza al corpo." (Bg.2.20). La Dimora dell'Anima Lei, l'anima, passa di un corpo ad un altro, questo spiegato per il Sig. Krishna attraverso un'analogia sorprendente: (Bg.2.22)": come una persona si mette nuovi paramenti rifiutando le vecchie, in forma simile, l'anima accetta nuovi corpi materiali, abbandonando i vecchi ed inutili." Il Sig. Krishna spiega che la mente il meccanismo dietro queste trasmigrazioni": chiunque sia lo stato di esistenza che uno ricordi quando abbandona il suo corpo, quello stato raggiunger senza dubbio." (Bg.8.6). Tutto quello che abbiamo pensato e fatto durante la nostra vita fa un'impressione nella nostra mente, e la somma totale di tutte questi impressioni determina i nostri pensieri finali nel momento della morte. Di accordo con la qualit di questi pensieri, meriteremo un corpo nuovo ed adeguato dopo la morte. Ricordo che quando aveva dieci o dodici anni, per il principio degli anni cinquanta, solevamo dire per scherzo cose come questa": non ammazzare quella mosca pu essere tuo bisnonno." Non stavamo lontano dalla realt ma lasciavamo da parte il vero punto della trasmigrazione, il quale afferma che il nostro prossimo corpo, dopo questo, sar migliore o peggiore di accordo con le qualit delle nostre attivit in questa vita. Se siamo sacri riceveremo un corpo di santo la prossima volta, ma se siamo come cani, meglio prepararci per la nostra prossima vita come tali. Questa la legge del karma che stabilisce che per ogni azione che realizziamo, sia buona o brutta, c' una reazione appropriata, sia in questa vita o in una vita futura. Cosicch il milionario ed il genio stanno mietendo i benefici di un buon karma, ed il povero, l'indigente o lo stupido, avendo commesso attivit peccaminose, sta ricevendo il suo merito giusto. "Queste cinque cose sono determinate per ogni uomo prima di lasciare il ventre: la durata dei suoi giorni, il suo destino, la sua salute, la sua erudizione e la sua tomba." Pancatantra. Forse ci piacerebbe pi se tutti si trasformassero in milionari o geni, ma il proposito della legge del karma non di somministrarci una casa comoda e coperta in questa vita materiale. Il proposito di portarci al punto di domandarci la cosa pi importante": Come posso scappare dal ciclo doloroso di nascita e morte"?. Lei prepara la sua prossima vita di accordo con la forma di vita che porta attualmente. Di accordo con le Proibizioni, la vasta ruota cosmica di nascita e morte arriva a 8.400.000 specie di vita: 900.000 acquatici, 2.000.000 di piante, 1.000.000 di insetti, 1.000.000 di uccelli, 3.000.000 di quadrupedi e 400.000 umano. Se si comincia nella tappa pi bassa, primo passa per gli organismi pi semplici unicellulari, prima di raggiungere quelli con percezione sensoriale. Finalmente si sviluppa attraverso tutti i mammiferi, fino ad arrivare allo stato umano. Krishna spiega che dopo la morte": Prendendo cos un altro corpo grossolano, l'entit vivente ottiene un certo tipo di udito, lingua, naso e senso del tatto, i quali sono attorniati attorno alla mente. Cos ella gode un gruppo particolare di oggetti dei sensi" (Bg.15.9). Quindi, ora il tipo di corpo che abbiamo un'espressione della nostra coscienza nel momento della nostra ultima morte. Come Origini indovin nel Secolo Terzo, quello verso il Karma non va sempre in salita. Una volta raggiunto lo stato umano, possiamo tornare a cadere in forme pi basse di vita se non usiamo adeguatamente le agevolazioni il corpo umano. La forma umana speciale per che solo gli esseri umani hanno sufficiente intelligenza per inquisire circa i mezzi per potere uscire dal ciclo di nascita e morte. Solo nella forma umana possiamo smettere di identificarci coi corpi per i quali stiamo passando ed imparare a vedere la nostra vera identit spirituale eterna. Una volta che identifichiamo la nostra natura spirituale eterna ed indistruttibile, ci liberiamo del ciclo vizioso della nascita e della morte. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. Gli elementi essenziali del pensiero Vedico. Bench non sia molto abituato con la lingua Sanscrita, un nuovo studente della cultura Vedica deve comprendere molti termini nuovi. Semplicemente per memorizzare le parole di un glossario egli non pu soddisfare realmente quella necessit; le Proibizioni stessi

prescrivono che per capire i significati di termini tali come Bramino, Paramatma e Bhagavan, lo studente deve situarsi in una piattaforma superiore di coscienza. Egli deve sapere per esperienza propria la distinzione tra materia, Jada, e spirito, Bramino, e la natura di ambedue, dell'illusione, Maya, e del Supremo Controllore (Isvara). Poich alcuni parole tali come dharma e livella non hanno equivalenti in Castigliano, la necessit dallo studente di sperimentare personalmente e realizzarsi diventa ancora molto pi grande. Per riuscire una comprensione chiara, lo studente deve imparare in primo luogo i significati semplici dei termini Sanscriti ed evitare le interpretazioni allegoriche e la speculazione, per non arrivare a confusioni non necessarie. In altre parole, lo studente avanza pi facilmente se accetta il significato diretto che dato nei costumisti, scritture vediche, e non accettando i significati indiretti espressi per commentatori imperfetti. La letteratura Vedica non difficile da capire se lo studente impara i termini dei costumisti nel suo significato originale. I TRE ASPETTI DELL'ASSOLUTO. La letteratura Vedica tratta i tre aspetti della Verit Assoluta: Bramino, Paramatma e Bhagavan. Gli Upanisads ci fa conoscere il Bramino, i sistemi dello yoga, il Paramatma, il Bhagavad-gita, i Puranas ed il Bhagavan. Il Bhagavata-Purana (1.2.11) espressa che i tre aspetti sono realmente Uno, visti da differenti angoli": I trascendentalistas eruditi che conoscono alla Verit Assoluta richiama a questa sostanza non duale, Bramino, Paramatma o Bhagavan" 1.- BRAMINO Bramino si riferisce all'aspetto impersonale, l'aspetto tutto penetrante della Verit Assoluta. Le multiple manifestazioni del cosmo, la materia mobile ed immobile, gli atomi, i corpi, i pianeti, lo spazio, non sono la causa ultima in se stessi, n sono neanche eterni. Tutti essi provengono dal Bramino eterno. Il Vedanta-Sutra (1.1.2) espressa chiaramente, jan mady asya yatah": Il Bramino Supremo l'origine di tutto." Il Mundaka Upanisad (2.2.10-12) offre una spiegazione appropriata: brillante, luce tra le luci. Quella, la quale i conoscitori dell'anima se conoscono. Il sole non brilla l, n la luna n le stelle. Questi lampi non brillano, molto meno est, terreno, fuoco. Seguendolo, come Egli brilla, cos brilla tutto. Tutto questo mondo illuminato con la Sua luce.... davanti... dietro, a destra a sinistra. Estesa sotto e sopra. Radhakrishna scrive che il Bramino" non pu essere definito con categorie logiche o con simboli linguistici. Il Bramino l'incomprensibile Nirguna, senza qualit, l'Assoluto Sigaro" Il Brhad-aranyaka Upanisad (3.9.26) descrive ai filosofi del Bramino, come quelli che cercano la radice dell'esistenza nei componenti della materia, ma trovano solo Neti Neti": Che l'Io non n questo, n quello." Quando uno comprende il Bramino, uno conosce lo spirito impersonale in tutte le cose. 2.- PARAMATMA Anima significa" l'Io." Thomas Hopkins scrive": L'Atman si distingue del corpo fisico grossolano; l'Io interno, il principio o energia che conced all'uomo la sua natura essenziale, la quale non distrutta quando il corpo distrutto." Nel campo di battaglia di Kuruksetra, quando Krishna d coraggi ad Arjuna, dice: "Non ci fu mai un tempo in che Io non esistessi, n tu n tutti questi re, n nel futuro nessuno di noi smetter di esistere. Ci non sono mai nascita n morte per l'anima. N essendo stato una volta, smette di essere mai. L'anima sempre innaciente, eterno, esistente, immortale e primordiale. Non lo ammazzato quando si ammazza al cuerpo"(Bg.2.12.20. L'atma o anima individuale distinta del Paramatma, o Superalma, un'identit che sta oltre l'anima. La parola PARAMA significa" Supremo e Trascendentale", e come nel Katha Upanisad si descrive, il Paramatma e l'atma sono come due uccelli posati in un albero: Ambedue, la Superalma, Paramatma, e l'anima atomica individuale (jiva-atma), sono situati nello stesso albero del corpo dentro lo stesso cuore dell'entit vivente; solamente uno deve liberarsi di tutti i desideri materiali come dei lamenti e cos potere comprendere le glorie dell'anima, per la grazia del Supremo (1.2.20). La mera coscienza della relazione di uno col Paramatma la meta dell'astanga-yoga mistico, insegnato per Patajali, l'autore dello Yoga-SUTRA. Di accordo col Bhagavad-gita," quella Superalma, Paramatma, percepito per alcuni attraverso la meditazione...." La perfezione della meditazione come risultato della trance yoga chiamato SAMADHI. Lo stato della perfezione chiamata trance o SAMADHI, quando la mente di uno completamente restretta di attivit mentali materiali, dovuto alla pratica dello yoga. Si caratterizza per l'abilit di uno per vedere l'io, la mente pura, piaccio e gioia nell'io. In quello stato gioioso, uno si situa in felicit trascendentale illimitata ed uno stesso gode attraverso i sensi trascendentali. Stabilito cos, uno non si allontana mai dalla Verit, ed ottenendo questo, non c' guadagno maggiore. Essendo situato in tale posizione, uno non mai scosso, ancora in mezzo alle difficolt pi grandi. Questa in realt la libert reale di tutte le miserie, le quali sorgono dal contatto con questo mondo materiale. Questa realizzazione succede quando il mistico vedi la forma trascendentale di Dio dentro il suo cuore. Bench solamente i mistico genuini possano vedere la Superalma, Ella seduta nei cuori di tutti gli esseri viventi, sia che essi lo realizzino o no. "Io sono seduto nel cuore di ognuno e di Me viene il ricordo, la conoscenza e la dimenticanza." Il Paramatma guida l'anima corporificada, testimone di tutte le attivit e concede ad ognuno i risultati delle sue attivit. "La Superalma entra dentro i corpi degli esseri creati chi stanno influenzati per le modalit della natura materiale e sono motivati a che godano gli effetti di queste per mezzi della mente sottile." Al sapere che la Superalma presente in ogni anima ed in ogni corpo materiale, lo yogi che ha compreso il Paramatma vedi tutti gli esseri con visione di uguaglianza. "Il saggio umile, in virt della conoscenza vera, vedi con visione di uguaglianza ad un Brahmana tranquillo ed erudito, ad una vacca, ad un elefante, ad un cane ed ad un mangia cani (paria)", (Bg.5.18. In realt, la visione dello yogi che ha compreso il Paramatma si estende a tutti gli aspetti dell'esistenza. "Tale persona che situata nella trascendenza e attocontrollata vedi di uguale forma ciottoli, pietre ed oro. Ella un yogi perfetto chi, per paragone a suo proprio io, vedi la vera uguaglianza in tutti gli esseri, tanto nella sua felicit come nella sua afflizione, oh Arjuna." , Continuer. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LA YOGI CELIBE. La Yogi celibe chiamato brahmacari, o studente celibe. I ragazzi e ragazze giovani hanno cos tutto il suo tempo disponibile per dedicarsi allo studio della letteratura Vedica e trasformarsi in esperti in differenti campi.

La divisione sociologica delle Proibizioni distingue quattro ordini spirituali o ashramas, e quella di brahmacarya la prima. Nella societ Vedica, tutto il mondo allenato nel livello di brahmacari approssimativamente fino ai venti o venticinque anni per gli uomini, ed un po' meno per le donne. Di accordo col sistema ashrama, a 5 anni il ragazzo vive al Guru-kula, o il posto dove sta il guru. L tutti gli studenti servono il guru, ed imparano di lui tutti gli aspetti della vita, specialmente lo spirituale. Bench la maggioranza di noi non siamo cresciuti in un Gurukula, se siamo celibi possiamo applicare nelle nostre vite le regole del brahmacari. Il brahmacari allenato affinch sia celibe e sobrio, ed affinch segua i mandati che sono dati nelle scritture per la purificazione della coscienza. Molte grandi personalit del passato, tali come Sankara, Narada, i Kumaras, Bhisma ed il gran leader spirituale Bhaktisiddhanta Sarasvati, rimase come Brahmacaries celibi tutta la vita e dedicarono completamente il suo tempo all'autorrealizacin. Pi ancora, uno deve cominciare l'allenamento brahmacari bench sposi pi tardi, per potere imparare cos i principi del controllo dei sensi. Di accordo col Bhagavad-gita stiamo vagando attraverso migliaia di specie di vita, dimenticando sempre la nostra natura spirituale, pensando che siamo il centro di tutto, il disfrutador, il Sig.. Pertanto, non c' forma di uscire da questa condizione materiale a meno che ascoltiamo di un maestro spirituale circa quale la nostra posizione naturale : Che siamo parti e porzioni di Dio e che dobbiamo agire da conformit. Questa pratica di Brahmacarya inculca in uno il desiderio di cercare l'autorrealizacin perch canalizza le tendenze sensuali che altrimenti si trasformano nelle nostre legature a questo mondo materiale. La vita sessuale, essendo la cima del piacere nel mondo materiale, la prima ragione per la quale rimaniamo fagotti. Nel livello di brahmacari si evita completamente. Attualmente, troviamo molti annunci di processi di yoga, ma in realt questi non migliorano la coscienza dato che i suoi insegnamenti non esigono la pratica di brahmacarya. La libert sessuale non raccomandata in nessun processo di meditazione di yoga n nel servizio devozionale. Vita spirituale significa che dobbiamo tentare di occuparci nella ricerca della Verit Assoluta e nel servizio, non in aumentare il nostro piacere sessuale. Brahmacarya il fondamento di tutti gli altri ordini come allenamento basilare nella vita spirituale. Sposi o no, o vada direttamente all'ordine rinunciatario di sannyasa, la pratica di brahmacarya lo liberer ad uno dell'intreccio materiale, e ci fisser positivamente alla Verit Assoluta. Quando il maestro spirituale conosce le qualit dallo studente, egli decide in che cosa deve lavorare il suo discepolo, ed allora si trasforma inoltre in una guida vocazionale. In questa forma lo studente comincia a svolgere il suo mestiere o l'ordine spirituale che gli fu inculcata col seme del servizio devozionale e l'abilit per controllare i suoi sensi sulle quattro tendenze animali (mangiare) dormire, accoppiarsi e difendersi. Egli ha imparato una condotta morale esemplare: "Un uomo saggio vedi sempre una madre in ogni donna, la sua cara vita in ogni essere, e la ricchezza altrui spazzatura ." Pancatantra La yogi celibe deve prendere vantaggi di non avere molte responsabilit. Per esempio, tutto il tempo che un yogi sposato dedica alla sua famiglia, la yogi celibe l'utilizza per inquisire circa la Verit. Anche egli deve associarsi con persone che stanno tentando di avanzare spiritualmente, poich giovent significa avere forza, audacia ed agevolazioni per imparare. Ricordi che ovviamente la giovent non questione di et. SEZIONE 7 YOGA E SALUTE. La no-violenza. "So generoso con tutto quello che vive, riceve il forestiero necessitato, se no, la tua propria vita sparir come i cigni spariscono da un nido di loti." Pancatantra. Oggi spiegheremo una parola di vitale importanza": Ahimsa" che significa" no-violenza." una considerazione addizionale al tema del vegetarianismo, completandolo cos gi esposto su salute ed economia. Non dobbiamo prendere capricciosamente un'altra vita, neanche quella di una pianta, a meno che abbiamo una ragione valida. anche comprendere la vera relazione dell'uomo con tutti gli altri esseri e la forma come egli deve alimentarsi senza rompere questo equilibrio. , Nel Bhagavad-gita, Krishna dice che Egli accetta un'offerta di preparazioni vegetariane. Gruppi di persone, tanto filosofici come spiritualistici, hanno seguito dieta vegetariana perch per essi tutti gli esseri viventi sono sacri, e, pertanto, di questo fatto nasce la necessit da vivere armonicamente senza causare sofferenza alcuno. Di accordo con un punto di vista umano, l'uomo non vede gli animali come i suoi schiavi particolari," creati" per Dio per il suo proprio diletto e compiacenza barbara, n li immagina come la fonte inesauribile della sua alimentazione, ma li vedi come ai suoi fratelli minori. Perch realmente sappiamo che non abbiamo nessun diritto a causarloro dolore ed agonia e prendere brutalmente le sue vite, solamente per soddisfare la nostra lingua. Come chiunque pu comprendere, gli animali non camminano felici, offrendosi volontariamente davanti al coltello del macellaio. Siamo noi chi con le nostre estranee idee circa le necessit proteiche, vita subhumana, e gusti gastronomici, li forziamo ad entrare frenetici e storditi alla fine della rampa, della quale non ritorneranno mai. Chiunque che abbia visitato un mattatoio, pu attestare la maniera tanto orrenda e miserabile come si annichiliscono milioni di innocenti animali. Per una supposta necessit dietetica solamente negli Stati Uniti si assassinano giornalmente nove milioni di animali. Che cosa dire della Francia, Germania, Russia e dell'Argentina, il maggiore esportatore di cadaveri, e del resto del mondo. Non essere umano n morale quello che stiamo facendo: quelli che piangerebbero sconsolatamente se il suo cane o gattino fossero feriti o morto, ammettono senza nessuna riparazione la non necessaria, barbara e giornaliero massacro di milioni di animali. un tema che lo studente di Yoga deve conoscere, meditare su lui e trarre le conclusioni morali ed umane di accordo col suo proprio avanzamento spirituale e ferma beneficio dell'umanit intera. A.C. Bhaktivedanta Swami Srila Prabhupada, il gran leader spirituale contemporaneo, spiega la parola" Ahimsa" di questa maniera": Ahimsa significa non ostacolare la vita progressiva di nessun essere vivente." Non si deve pensare che poich la scintilla spirituale non muore mai, ancora dopo la morte del corpo, non c' danno in ammazzare animali per gratificare i sensi. Ora la gente fedele a mangiare animali, nonostante avere un'ampia provvista di grani, frutta e latte. Non c' necessit di ammazzare gli animali. Il mandato per tutti. Quando non c' alternativa, uno pu ammazzare un animale, ma questo deve offrirsi in sacrificio, come si prescrive nelle scritture, tanto nel Bibbia come nelle Proibizioni. In ogni caso quando c' un'ampia provvista di alimento per l'umanit, le persone che desiderano avanzare nella vita spirituale non devono commettere violenza contro gli animali. Vero" Ahimsa" significa non fermare la vita progressiva di nessuno. Anche gli animali stanno avanzando nella sua vita evolutiva, trasmigrando di una categoria animale ad un'altra. Se si ammazza ad un animale particolare, allora si trattiene il suo progresso. Se un animale rimane in un corpo particolare per

molti giorni o anni, e lo ammazzato prematuramente, allora egli deve ritornare nuovamente a quella forma di vita per completare i giorni o anni restanti, con l'oggetto che sia promosso ad un'altra specie di vita superiore. Cos, il progresso di essi non deve fermarsi solo per il fatto di uno soddisfare la sua lingua. A questo lo chiamato" Ahimsa" Molti altri grandi leader e santi hanno condiviso in differenti epoche storiche questo stesso criterio. E se dal punto di vista della salute non comprendiamo l'importanza di essere vegetariani, di accordo con le nostre responsabilit umane e morali dobbiamo considerare, per lo meno, la possibilit di vivere molto pi sanamente ed in pace con gli altri, senza necessit di prendere la vita degli animali e di accordo con le leggi di Dio. Ora, la nostra ricetta vegetariana quindicennale. MELANZANA BHARATA l Berenjena,2 chilli verdi piccoli assaltati, 2 cucchiaiate di burro, l/4 di tazza di cocco grattato, l/4 di uve uvette dorate, l/2 cucchiaiata di coriandolo macinato, l/2 cucchiaiata di sale. Bolla la melanzana col fusto. La tiri fuori dall'acqua quando sia tenera. Gli tolga la pelle, il fusto e dopo schiacci la polpa. Caldo il burro ed annata la polpa, le uve uvette, i chilli ed il sale, ogni picchiata molto finemente. La frigga in ghee per cinque minuti. Aggiunga il cocco grattato, il coriandolo e dopo ritiri del fuoco.

LEZIONE 7 Cominciamo una nuova lezione. Promuoveremo pi un gradino nella scala della conoscenza Vedica, un passo pi nel rifugio verso lo Yoga. Avanti! SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. "Deve avere alcuno classe in realt nel Bhagavad-gita come , dato che quelli che seguono i suoi insegnamenti esibiscono una gioiosa serenit, normalmente scomparso nelle vite fredde e stridenti della gente contemporanea." - Dottore Elwin Powell, Professore di Sociologia di Bufalo. Sankhya-yoga. Nel Capitolo Sei Krishna descrive il sentiero di dhyanayoga, tecnicamente chiamato" astanga-yoga"," il sentiero ctuple", una pratica di meditazione meccanico tendiente a controllare la mente ed i sensi e mettere a fuoco la nostra concentrazione nel Paramatma, la Superalma, la forma di Krishna che abita dentro il cuore. Dopo avere parlato dell'importanza di controllare la mente, Bg. 6. 5-6, Krishna descrive a quello che lo riuscito gi, lo Yogi o trascendentalista, Bg. 6.7-9, e riassume allora la metodologia e la meta ultima del sistema di asthanga-yoga. Il sedersi, gli esercizi di respirazione ed il controllo della mente ed i sensi, culminano in" samadhi" o la coscienza fissa nella Superalma (Bg.6.10-19). Un Yoga-yukta quello che ha raggiunto la perfezione nello yoga, ha una mente ferma, fissa nel Supremo. Egli liberato, la sua mente sta in pace e le sue passioni si sono calmate, egli sperimenta" felicit trascendentale senza attaccamenti", ed egli non mai agitato ancora in mezzo alle grandi difficolt. In questo modo, egli liberato di tutte le miserie che derivano dal contatto dell'anima con la natura materiale. , Bg.6. 20-32). Tuttavia, Arjuna si dispiace di dicendo che il processo di astanga-yoga molto difficile da praticare, e si dirige a Krishna dicendolo": la mente inquieta, turbolenta, ostinata e molto forte, mi sembra che soggiogarla pi difficile di controllare il vento." Krishna risponde che controllare la mente in realt difficile, ma che ci" possibile mediante la pratica costante ed il disinteresse", Bg. 6. 3536). Poi Arjuna inquisisce circa il destino che aspetta allo yogi che non persevera nella pratica costante e non raggiunge la perfezione (Bg.37-39). Krishna risponde che tale yogi fallita presa in una prossima vita un nascita auspicioso, in una famiglia ricca, pia o di saggi, e cos egli rivive la sua pratica, e dopo di molte nascite e molte esperienze raggiunge la perfezione, Bg. 6.40-45). La conclusione del Capitolo Sei e di tutta la prima parte del Bhagavad-gita data nei versi finali": un yogi superiore all'asceta, superiore al filosofo empirico e superiore al lavoratore fruitivo. Pertanto, Oh Arjuna, so un yogi in tutte le circostanze. E di tutti gli yogis, quello che si rifugia sempre in Me con gran fede, adorandomi con amoroso servizio trascendentale, quello che pi intimamente unito con me in yoga, ed il pi elevato di tutti" (Bg.6.46-47). Lo Yogi, o quello che stabilisce un vincolo col Supremo, in questo modo superiore all'asceta (tapasya, al lavoratore fruitivo) karmi, ed al filosofo empirico (jani). E di tutti i sentieri dello yoga (karma-yoga) jana-yoga, astanga-yoga, hatha-yoga, scheggia-yoga, etc., il bhakti-yoga, servizio devozionale amoroso a Krishna, il culmine, la cosa pi elevata, perch la perfezione dell'amore in conoscenza trascendentale. SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 7, Testo 19 bahunam janmanam davanti a janavan mam prapadyate vasudevah sarvam iti mahatma sudurlabhah bahunam - molti; janmanam - nascite; davanti a - dopo; janavan - quello che possiede conoscenza; mam - a Me; prapadyate - si arrende; vasudevah - la causa di tutte le cause; sarvam - tutto; iti - cos; sah - tale; mahatma - gran anima; sudurlabhah - molto rara. Traduzione": dopo molte nascite e morti, quello che realmente ha conoscenza a Me si arrende, conoscendo mi mangio la causa di tutte le cause e tutto quello che esiste. Tale gran anima si trova molto raramente. Le parole chiave di questo verso sono" dopo molte nascite e morti." Mediti lo studente su quello significato con speciale attenzione. Molte nascite e morti ripetuti abbiamo sofferto un ed un'altra volta. Innumerevoli volte. Ma" quello che realmente ha conoscenza a Me" si arrende. Mediti lo studente su questi due luoghi comuni. La ripetuta nascita e morte; e l'ottenimento della vera conoscenza per rompere d'un colpo quell'importuna catena per tutte. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. Nidra-yoga, Terza parte, Meditazione nello scheletro Dopo avere eseguito il processo di rilassamento completo del suo corpo fisico, prenda ora coscienza del corpo interno. Incominci con lo stesso procedimento che nello Yoga-Nidra - uno, ma prendendo coscienza delle ossa del suo corpo fisico. Cominci in primo luogo a prendere coscienza nelle ossa delle dita del suo piede sinistro, e gradualmente salga cos fino a quelli dell'anca. Durante questo percorso prenda coscienza di come lei si sta scoprendosi a s stesso come un scheletro. Quindi concentri Lei in tutta la struttura ossea. Ora ripeta lo stesso processo col piede contrario, fino ad arrivare alla parte superiore della sua anca. Ora sia cosciente totalmente delle sue gambe con ossa all'aperto ed il resto del suo corpo coperto di carne. Ora prenda coscienza delle ossa della mano sinistra, di quelli del suo braccio e spalla sinistra. Ora prenda coscienza del suo braccio destro cos come lo fece col sinistro. Ora prenda coscienza di tutte le ossa del suo corpo. Prenda coscienza della sua testa e delle ossa della sua testa. Prenda coscienza di quelli della fronte e della parte occipitale. Prenda coscienza delle ossa della parte alta. Ora prenda coscienza che tutto il suo corpo, testa, braccia e gambe, sono un scheletro. Lei pu praticare questo esercizio quando lei voglia. Noi raccomandiamo le ore precoci della mattina per le sue pratiche di yoga. Tenti di dedicare 1 a 1 1/2 ora del suo tempo per il suo studio e pratica dello yoga. L'illustrazione dello scheletro umano pu aiutarlo durante la sua meditazione. Continuiamo ora con un magnifico esercizio per i nostri occhi.

Tecnica: In posizione in piedi le braccia allungate davanti. I pugni chiusi, coi pollici insieme e lifting verso l'alto. Pieghi i gomiti ed avvicini lentamente i pollici verso il suo viso. Torni ad allontanarli lentamente, fino a che le braccia stiano completamente lifting. Durante tutto l'esercizio, gli occhi guardano fissamente ai pollici. Ripeta tre volte il ciclo completo. Benefici: Rilassa, ricarica e rivitalizza il nervo ottico. TORSIONE DI LA COLONNA: Posizione Iniziale: Senti Lei nel suolo. Allunghi le gambe ed appoggi le palme delle mani ad ogni lato del corpo ed appoggi Lei in esse. Ora separi le gambe tanto quanto sia possibile, ma senza piegarli e senza costringersi. Mantenga allungati le braccia e diriga la mano destra verso l'alluce del piede sinistro, tentando di toccarlo. Simultaneamente, porti all'indietro il braccio sinistro, di tale maniera che rimanga on-line retta col braccio destro, e giri all'indietro la testa guardando la mano sinistra. Faccia girare ora il tronco e diriga la mano sinistra verso l'alluce del piede destro, tentando di toccarlo. Simultaneamente porti all'indietro il braccio destro guardando la mano destra o sinistra, come sia la mano che stia spostando all'indietro. Ripeta ogni giro dieci volte. Inizi l'esercizio con movimenti lenti e continui ad aumentare dopo la velocit. Inali iniziando un movimento ed esali finendo il seguente. Benefici: Rilassa il tronco e flexibiliza la colonna e la vita. MEZZA FARFALLA: Adotti la posizione iniziale. Pieghi la gamba destra e collochi il piede destro sulla coscia sinistra. Porti la mano sinistra al ginocchio sinistro inizi il movimento del ginocchio destro verso l'alto e verso il basso, aiutandosi con la mano destra. Faccia attenzione a non rovinare uno dei suoi muscoli. Inizi delicatamente l'esercizio. Ripeta l'esercizio col ginocchio sinistro. Col tempo il suo ginocchio toccher il suolo senza nessun sforzo. Questo esercizio flexibiliza i muscoli delle gambe. Quattro Pesci Eterni. (illustrazione) SEZIONE 4 LA TEORIA DI L'EVOLUZIONE Prima Parte. In questo articolo mostreremo come la teoria dell'evoluzione , nonostante il dubbio di molti scienziati, insegnata ancora nelle scuole ed universit come conoscenza basilare, e ha anche i suoi difetti come qualunque altra teoria materialista. Presenteremo il pensiero Vedico completo nella seconda parte. Durante gli ultimi 150 anni, la propagazione della carta della scienza in quasi tutte le sfere della vita ha prodotto una rivoluzione nelle idee, rivoluzione riassunta per la teoria dell'evoluzione di Chiacchiera Darwin. Bench sia stato solo provata come teoria, milioni di persone l'hanno accettata come un fatto. Discutendo l'influenza ed implicazioni della sua teoria, suggeriremo qui una spiegazione alternativa circa l'evoluzione, cio, nei due sensi teistico e scientifico, e la quale non basata nei metodi imperfetti di speculazione utilizzati per Darwin. Come questa teoria che racconta che l'origine dell'uomo fu restretta alla letteratura Vedica, scritta originalmente in Sanscrito e, pertanto, l'uomo occidentale del passato ignor il suo profondo significato. SCIENZA CONTRO RELIGIONE Attraverso il Medioevo ed il Rinascimento, la civilt Occidentale credeva fermamente nell'esistenza del Dio Supremo, ed a partire da questa teoria si prodursi la vita. Tuttavia, con la venuta dell'Et della Ragione, la credibilit del Cristianesimo fu provata severamente nel crogiolo dello scrutinio scientifico. Bench molti Cristiani vedessero nella scoperta delle leggi scientifiche nuove rivelazioni per la gloria di Dio, la scienza con la sua investigazione critica le spiegazioni date nel Bibbia sulla creazione, scavando l'autorit tradizionale della dottrina Cristiana. La descrizione letterale Biblica dell'origine dell'uomo soffr la sua peggiore prova in 1.859, quando Chiacchieri Darwin pubblic la sua" Origine delle Specie", un trattato che cerca di dimostrare l'evoluzione graduale dell'uomo dalle specie pi basse. Fino all'epoca di Darwin, la dottrina Ecclesiastica era stata spiegata per autorit tali come l'Arcivescovo Ussher chi sosteneva che il mondo era stato creato alle" nove della mattina, del 23 di Ottobre dell'anno 4.004 prima di Cristo." Questa data fu calcolata per i dati Biblici, seguendo i rastrelli della storia di Adamo ed Eva e dopo quelli della creazione cosmica. Ma gli uomini della Chiesa trovarono molto difficili confutare le estese spiegazioni di Darwin. Dopo la resistenza iniziale, la maggioranza dei difensori della versione Biblica sull'evoluzione compresero il passo del tempo e cominciarono a lodare a Darwin per dimostrare quanto intelligentemente aveva sistemato Dio l'evoluzione delle specie dalle forme pi primitive di vita fino ad arrivare alla forma umana. Ma lo stesso Darwin evit sempre di menzionare a Dio nei suoi scritti. In privato, egli ammise": Considero tutti i sentimenti umani come attribuibili a qualche origine nell'animale." Alla fine del secolo XIX, l'interpretazione letterale del Bibbia dato per gli Ortodossi non pot sopportare per pi tempo l'inseguimento degli scienziati, e le autorit ecclesiastiche tentarono di adattare la teologia Cristiana al cambiamento scientifico. Una comunit di scienziati materialista ogni volta maggiore, vide che era il momento adeguato per attaccare la fede che gli uomini avevano in Dio ed eregir la scienza come una nuova divinit ed a loro stessi come i suoi sacerdoti. In 1.893, per esempio, Ernst March disse": La concezione teologica delle cose ced passo a conoscenze pi rigide che erano accompagnati da una maggiore illuminazione... La filosofia materialista della teologia un'acquisizione sterile, una retrocessione verso un stato pi basso della cultura scientifica." Oggigiorno, le idee di Darwin sono molto unite alla maggioranza delle investigazioni scientifiche. Per esempio, i genetisti e biochimichi moderni hanno esteso il Darwinismo presentando la sua teoria dell'esistenza, nella quale Dio si trasformato in un estraneo. Promettendo vita fatta in un laboratorio e l'immortalit del corpo carnale, hanno convinto la gente che l'origine della vita un incidente molecolare e che lo stesso uomo non pi che una combinazione di chimici. Ma se esaminiamo i metodi di Darwin, troveremo che le sue conclusioni sono meno" scientifiche" della sicurezza con che egli li afferm. Teorizzando che tutte le forme di vita si svilupparono a partire da un remoto ancestro, Darwin decise che una forza sconosciuta si accord col tempo e causo l'evoluzione delle differenti specie che oggi conosciamo. Egli pens che il passo finale di questo processo fu lo sviluppo dell'uomo a partire dalla scimmia. Darwin trov negli scritti di Thomas Maltus, una prova sulla popolazione, un meccanismo che dar apparentemente all'evoluzione le sue conclusioni razionali. Malthus diceva che gli animali e l'uomo si riprodursi in progressione geometrica, mentre gli alimenti del mondo lo facevano solo in progressione aritmetica. Arguiva che se una sola delle specie viventi si riprodursi senza nessun impedimento, molto pronto invaderebbe il mondo. Malthus descrisse

una lotta per l'esistenza nella quale tutti gli organismi viventi sono adattati per mantenere un equilibrio nella natura. Darwin sugger che la lotta per l'esistenza favoriva certe specie di vita, e le pi adatte di esse erano quelle che sopravvivevano, attitudine che era misurata in termini della capacit di un organismo per alimentarsi, difendersi e riprodursisi. Egli chiam questo processo di" selezione naturale", il quale era suppostamente il meccanismo che dava la natura per guidare il cambiamento delle specie per quello verso l'evoluzione. Pi tardi, le teorie genetiche di Gregor Mendel ed altre, somministrarono le spiegazioni per le mutazioni. Nel suo diario, Darwin ammette": Una tendenza costante a riempire gli enormi vuoti di conoscenza con ipotesi inesatte e superficiali." Questo suggerisce che la teoria di Darwin sebbene serve per spiegare tutta l'informazione che egli raccolse, ella poggia solamente in evidenza circostanziale. N Darwin n nessuno ha osservato direttamente la transizione di una specie ad un'altra. Nessuno ha visto almeno che una specie dia vita ad una specie differente. La cosa migliore che Darwin poteva dire a questo rispetto era che tale fatto era successo nel passato. Sentiva che era l'unica forma di spiegare le sue osservazioni. VIVI E BENE L'uomo di Pechino, l'uomo del Nerdental, ed altre scoperte simili sono state menzionate in tutto il mondo come forme umane primitive che hanno preceduto lo sviluppo evolutivo dell'uomo moderno. Questi annunci si avvicinano pi alla propaganda che alla verit scientifica. Come possiamo vederlo ad intorno nostro, molte forme primitive vivono di fianco ad altre pi avanzate. I Darvinisti dichiararono una volta che un pesce primitivo, il Coelacanth, si era estinto faceva settanta milioni di anni. Ma sorpresivamente, il Coelacanth apparve vivo ed in buon stato nelle acque della Meridionale Africa, senza avere cambiato dietro la sua forma fossilizzata di cientos di milioni di anni. Esistono molti esempi simili, ed in ogni sposo gli scienziati sistemano molto intelligentemente le sue teorie affinch siano di accordo con l'evidenza cangiante. Che l'uomo primitivo esist, nel passato o al presente, non prova che gli uomini civilizzati siano un'evoluzione recente. L'evidenza contraria negli ultimi anni per il dottore Legga Key nell'Africa, mostra definitivamente forme umane pi avanzate che vissero in un periodo anteriore che specie umane meno avanzate che vissero posteriormente. Non c' evidenza reale di forme pi avamposti che abbiano evoluto a partire dalle meno evolute. Se gli scienziati futuri trovassero i resti delle trib indigene di Nuova Guinea che vivono nel Secolo Venti, marcirebbero essi affermare che quello la forma di vita umana predominante in detto secolo? Ovviamente che no, perch gli aborigeni della Nuova Guinea rappresentano solamente una piccola frazione della razza umana esistente in questo momento. Pi ancora, in India, il centro del mondo antico, il metodo civilizzato di disporre dei cadaveri stato sempre cremando i corpi, senza lasciare evidenzia pertanto alcuna affinch i paleontologi possano osservare. Scavi di ossa di trib aborigene dimostrarono che avevano vissuto insieme alla cultura Vedica pi avanzata. Pertanto, le prove del Darwinismo poggiano su una superficie molto debole di congettura empirica; e realmente non costituiscono nessuna prova. GLI ANELLI PERSI La teoria pi conosciuta ed ovvia contro il darwinismo l'assenza virtuale di forme intermedie di specie, siano gi vive o fossilizzate. Senza questi anelli persi non esistono mezzi di connessione per i quali possa succedere l'evoluzione. Inoltre, i Darvinisti non possono spiegare lo sviluppo dei pesci, gli uccelli, le balene o i delfini. L'ornitorringo Platypus sfida anche le sue spiegazioni, come lo fanno migliaia da altre belle creature. Alcune appuntamenti degli stessi scienziati riveleranno la teoria di Darwin per quello che : un richiamo non scienziato per soddisfare le menti degli uomini atei: "Il registro dei fossili non c'informa come si crearono i pesci... solamente possiamo indovinare la maniera come nacquero i primi di essi." (Url Lanham) I Pesci. "L'origine degli uccelli principalmente una questione di deduzione. Non esiste evidenza di fossili circa i sorprendenti cambiamenti, mediante i quali i rettili si trasformarono in uccelli." (A.I Marshal), Biologia e Fisiologia Comparata degli Uccelli. Non ci sono non solamente prove che le forme pi basse di vita si siano sviluppate fino a raggiungere altre pi complesse ed avanzate, ma la teoria del cambiamento per mutazione, la quale stata accettata facilmente, ha dimostrato anche essere scorretta. I dottori Alan Wilson, professore di Biochimica nell'Universit della California in Berkely, e M. King, un investigatore genetista, presentarono evidenze nella Rivista" Scienza", del 11 di Aprile di 1.975 che dimostrano che le mutazioni non possono spiegare i cambiamenti nelle forme di vita necessari per lo sviluppo evolutivo. I pilastri del Darwinismo si stanno schiantando contro il piano, perch senza una spiegazione valida delle variazioni, tutta l'idea di Darwin si trasforma in un assurdo. Il fatto reale che non esiste evidenza solida per l'evoluzione di Darwin. Molti l'accettarono alla cieca, senza osare discutere alla comunit scientifica che diede a questa teoria la sua approvazione. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. I TRE ASPETTI DELL'ASSOLUTO Seconda Parte. 3.- Bhagavan La realizzazione di Bhagavan il visione teista della Verit Assoluta come la Persona Suprema, proprietaria di attributi inconcepibili. Parasara Maneggiai definisce a Bhagavan la Persona Suprema che possiede bellezza, conoscenza, come forza, fama, ricchezza e rinuncia infinite. Bench il concetto della creazione suggerisca molte grandi personalit, o semidei, tutto il senso della parola, Bhagavan si applica solamente all'Essere Supremo, alla Divinit Stessa. Bhagavan il tratto pi elevato dell'Assoluto. il Bramino Supremo, Parabrahman, e la fonte di Paramatma. Come abbiamo annotato previamente, il Vedanta-Sutra (1.1.2) espressa che la Verit Assoluta la fonte di tutte le emanazioni (JANMADY ASYA YATAH). Inoltre, il Vedanta ed i Puranas esprimono che, come la fonte di tutto, l'Assoluto deve possedere intelligenza e coscienza. Questi ultimi attributi implicano personalit, ed il tratto personale supremo della Verit Assoluta si chiama Bhagavan. Mentre il Bramino sprovvisto di qualit materiali o attributi, Bhagavan possiede qualit trascendentali. Tutti gli esseri riposano nel Bramino, ed il Bramino stesso riposa nella Persona Suprema. Le Proibizioni considerano il Bramino come il fulgore, brahmajyoty, del corpo trascendentale della Suprema Personalit di Dio. Il Brahma-Samhita (5-1) postula che Bhagavan sac-cid-ananda-vigrahah la forma personale di eternit, piena di conoscenza, e di prosperit. Il Bramino impersonale manifesta solamente il tratto" SAT", eternit,

dell'Assoluto Bramino al Bhagavan come i raggi del sole sono al sole. I raggi del sole sono il fulgore del sole e non hanno esistenza indipendente, separata del sole. Paramatma manifesto gli aspetti" SAT" e "CIT" (conoscenza, dell'Assoluto) ma solo Bhagavan manifesto con pienezza gli aspetti" SAT"," CIT" e" ANANDA", eternit, conoscenza e prosperit. Cos, Bhagavan la corporificacin (" vigraha", piena di sac-cid-ananda. Nel preambolo di ognuna delle dichiarazioni del Sig. Krishna nel Bhagavad-gita, sta la frase" Sri Bhagavan Uvaca"," La Suprema Personalit di Dio disse." Inoltre, il Gita stabilisce che Bhagavan, Krishna, la Verit ultima": non c' verit superiore a Me." Il Brahma-samhita fa una conferma simile, ISVARAH PARAMA KRISHNA SAC CID ANANDA VIGRAHA": Il Supremo Controllore Krishna chi ha una forma trascendentale di eternit, prosperit e conoscenza." Ed il Bhagavata Purana (1.3.28) indica che tutte le Trasformazioni procedono del Bhagavan Supremo (Krishna). In un senso, Dio, o Bhagavan, non ha nome, nonostante, per le Sue attivit lo sono conosciuto molti nomi. Il nome di Krishna significa" suprema attrattiva." Nella definizione di Parasara Maneggiai, la Persona Suprema deve essere sommamente attraente e sommamente opulenta. Nell'adempimento dei diversi passatempi (lilla), tanto quanto per la sua compiacenza, per creare e sostenere, Bhagavan Krishna si espande in forme tali come Narayana, Vasudeva e Maha-Visnu. Il nome Krishna, anche la Somma attrattiva implica Visnu l'omnipenetrante. Il nome Bhagavan, la somma opulenza, implica i nomi" Isvara", il supremo controllore, e "Purusa", il supremo disfrutador. Il Laghu bhagavatamrta di Rupa Gosvami dice circa i nomi dati all'Assoluti che: "Secondo le relazioni tra Sri Krishna, il Sig. Primordiale, e Suoi devoti i Puranas lo descrive con diversi nomi. A volte Egli chiamato Narayana; a volte Upendra (Vamana), il fratello minore di Indra, il Re del Cielo (Upa-Indra); ed a volte Ksirodakasayi Visnu. A volte chiamato Sesa-Naga, quello delle mille teste, ed a volte il Sig. di Vaikuntha. Quando la persona inquisitiva comprende a Bhagavan, la Suprema Personalit di Dio, egli comprende simultaneamente il Bramino ed il Paramatma. Perch abbiamo visto che, lontano da essere separati l'uno dell'altro, i tre aspetti dell'Assoluto stanno tutti presenti dentro Bhagavan. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. Lo Yogi Sposato. Lo Yogi sposato chiamato" grihasta" (uomo di casa), perch questo accetta la responsabilit di sua moglie e figli. Sri Caitanya chi apparve 500 anni fa in India, introdusse per questa era di Kali il processo pratico di vita spirituale che pu essere eseguito ugualmente per celibi e sposati. Nella cerimonia di fuoco chiamato" Agnijotra", si stabilisce il dovere matrimoniale. In questa cerimonia gli sposi promettono al Sig. Supremo che essi non si separeranno e che si proteggeranno materiale e spiritualmente tra s e conserveranno una relazione molto armonica. La vita matrimoniale di un yogi non basata semplicemente nell'attrazione sessuale. Il matrimonio una responsabilit materiale e spirituale; l'attrazione dovuta alla bellezza corporale deve finire in una certa tappa della maturit spirituale. Il vero amore deve basarsi sull'anima spirituale, non nel corpo esterno. Non interessa che qualcuno sia vecchio o giovane, brutto o bello, dunque, la reale bellezza viene dall'anima spirituale. Pertanto, La relazione tra marito ed ammanetta deve essere sempre di rinunciatario e le relazioni sessuali devono essere comprese solamente come un mezzo per la procreazione, cio, con la finalit di concepire anime pure. Le attivit sessuali fossero della relazione matrimoniale sono considerate peccaminose, perch aumentano l'inclinazione di irresponsabilit in questo mondo, tali come non volere badare appropriatamente ai figli ed ovviamente della moglie. Di questa maniera, oltre all'esistenza di figli non desiderati, si causano molti problemi. L'uomo sposato deve sforzarsi a convincere i membri della sua famiglia affinch compiano anche i principi della vita spirituale. Di questa maniera non ci saranno desarmona n opinioni differenti circa il valore reale della vita. L'uso di anticoncezionali considerato improprio per lo Yogi, perch gli anticoncezionali causano malattie molto severe ed inoltre, tentano di pervertire il proposito vero della relazione sessuale. Se tanto il marito come la donna stanno in coscienza spirituale, il matrimonio davvero felice e pacifico, e le relazioni reali di affetto sono basate nell'intendimento dell'anima spirituale eterna. Economicamente, tra i quattro ashramas, l'ashrama grhasta l'unico produttivo. L'uomo sposato deve guadagnare denaro per mantenere alla sua famiglia ed a volte lavora per migliorare lo sviluppo economico della societ. Il brahmacari si occupa nello studio, il vanaprastha, la persona che si sta preparando per la rinuncia, visita i posti sacri, ed il sannyasi, il rinunciatario, predica. Il grihastha riceve il beneficio spirituale degli altri ordini, specialmente dei sannyasis, e il suo dovere aiutarli con carit e donazioni. Egualmente, affinch possa dare alla sua famiglia guida spirituale, egli animato ad occuparsi in qualche processo spirituale nella sua casa, come lettura delle scritture, avere un altare, etc. In questo stato di coscienza l'uomo sposato capace di compiere tutti gli obblighi verso la sua famiglia, e contemporaneamente avanzare spiritualmente. Di questa maniera, quando egli abbia et avanzata potr rinunciare ai lacci delle relazioni familiari e dedicare completamente la sua vita all'avanzamento spirituale. SEZIONE 7 YOGA E SALUTE. Il Dolore. Oggi discutiamo su qualcosa che ci colpisce tutti nel mondo materiale: il dolore. La maggioranza delle sofferenze che c'affliggono sono pi scomodi che pericolosi, pi un disturbo che una minaccia. Ancora ammettendo che le miserie fisiche e mentali sono inconvenienti inevitabili della vita in questo mondo materiale, la natura ha dotato al corpo con meccanismi curativi; lasciando dal nostro parte proprie inclinazioni, stiamo in capacit di fargli di fronte alla gran maggioranza delle nostre indisposizioni. Ma non siamo soli con le nostre inclinazioni. In effetti, siamo sovraccarico con quelle degli altri: Rimedi meravigliosi che vediamo per T.V, riviste in circolazione, medicina senza ricetta medico o che appaiono clandestinamente negli angoli e nelle riunioni sociali. Le droghe, tanto i soavi come i forti, sono usciti dai bassofondi ed arrivato alla gente in generale. Pi di un esperto pensa che il fenomeno della societ prescritta radica nella necessit culturalmente rinforzata di evitare il dolore. "I pi giovani stanno essendo educati di questa maniera", fu il commento che fece per la rivista Newsweek il signore Donald Russakof che dirige un'organizzazione di terapia di gruppo. stato detto loro da un semplice mal di testa fino a qualunque altro disturbo. molto difficile dire di chi la colpa , ma questo quello che sta succedendo."

Norman Cousins scrisse nella sua libro" Anatomia di una Malattia", un scrutinio della sua lotta contro una malattia straziante": Gli americani sono probabilmente in tutto il mondo le persone pi coscienti del dolore. Per anni l'abbiamo avuto dentro noi: modulo, nella radio, nel T. V., nella conversazione giornaliera. Il minore sintomo di dolore deve essere scacciato come se fosse la pi temibile malvagit. Come risultato, ci siamo trasformati in una nazione di pillole, catturati ed ipocondriaci, facendo del pi minimo mal di testa una prova terribile." Il Sig. Cousins conclude": Il fatto che tutti ignorano circa il dolore, che la migliore maniera di eliminarlo eliminando l'abuso del corpo." Dalla prospettiva Vedica questo un buon consiglio, ma non sufficiente per finire definitivamente col dolore. Il dolore, come la vecchiaia o la morte, non potr mai eliminarsi n , in questo mondo, quello che si vuole fare. Il dolore un allarme effettivo, un'indicazione che qualcosa non sta funzionando bene. I tossicodipendenti all'eroina, le sigarette, il Valium, la caffeina, l'aspirina o qualunque altro agente che evita il dolore, portano la sua causa ad un estremo di sconfitta, perch il dolore deve essere soddisfatto non evitato, le sue cause devono essere maneggiate non negate. Apprendisti della scienza dell'autorrealizacin, come Mahatma Gandhi, hanno riconosciuto il dolore come un sintomo della vita corporificada, la forma in cui la natura ci d segni. E che cosa quello che tenta di dirci la natura? Che come siamo esseri eterni, la nostra presenza in questo fragile corpo materiale un errore. Non importa quanto consentiamolo o viziamolo, sar sempre un brutto affarone, ma un affarone al quale dobbiamo tirarlo fuori il migliore profitto. Bench dobbiamo riconoscere che l'Io differente del corpo, non saggio trascurare le necessit del corpo. I maestri Vedici non ci hanno consigliato mai di cercare il dolore come metodo per raggiungere l'autorrealizacin. Quando non c' una cura semplice per il dolore, dobbiamo consultare un Medico. Magari in altri tempi era distinto. Gli asceti dovevano passare molti anni nei boschi o montagne soggetti a pratiche rigorose di yoga per sottomettere i desideri mondani e raggiungere il pi elevato Io interno. Ed in realt, l'austerit la chiave per occuparsi del dolore in tutte le sue forme. Ma la chiave dell'austerit per l'avanzamento spirituale la tolleranza, non l'autotortura. Tapasya. La parola Sanscrita per austerit che si riferisce a sacrificare volontariamente qualcosa per un obiettivo pi elevato. Come il Sig. Cousins lo sugger, l'abuso e l'eccesso sono la radice del dolore, allora l'atto-controllo un pre-requisito dell'atto-soddisfazione. L'austerit nelle nostre abitudini di mangiare, dormire, avere sesso e lavorare richiedono di un allenamento che deplorevolmente assente delle materie scolare. Tuttavia, nell'educazione Vedica la cosa pi importante. Le scritture Vediche descrivono il corpo come una macchina (yantra). E come tutti quelli che hanno avuto carro lo sanno, ogni macchina ha la sua bisogno particolare. L'abuso pu accorciare la sua vita. Una classe sbagliata di benzina pu causare problemi nel motore. Un mantenimento inadeguato produce un cattivo funzionamento. Ed ovviamente, la cosa pi importante l'autista dietro il timone. Se egli trascurato o non informato circa l'attenzione del suo veicolo, come se egli desse rodei dovendo viaggiare ad alcuno parte. La maggioranza delle nostre austerit individuali devono essere guidate per il buonsenso. Gandhi chi pratic un grado di austerit che sarebbe molto difficile per noi, credeva che con fede e rinuncia non aveva sacrificio, bens una semplice sostituzione di un piacere per un altro minorenne. Viviamo e sentiamo, non ferma dedicarci ad alimentare, vestire, proteggere e consentire questo corpo, ma dobbiamo somministrare semplicemente al corpo la cosa necessaria per vivere. L'anima deve avere una residenza temporanea, ma Gandhi sentiva che una capanna di fango pulisce era tanto buona come un palazzo. Sforzarci troppo per avere comodit fisica, solamente devia le nostre energie del proposito reale e spirituale della vita. Finalmente, l'eccesso ed il conseguente sforzo per evitare il dolore sono spiritualmente sintomi di una societ smussata, un'i cui membri hanno molto poca, se alcuno comprensione della differenza fondamentale tra l'anima ed il corpo, l'autista ed il veicolo. Ignoranti della nostra vera identit, accettiamo qualunque piacere come qualcosa di buono. E qualunque cosa che ostacoli il piacere, come qualcosa di brutto. Per complicare pi le cose, alcuni atto-conclamati visionari offrono conoscenza senza regole di austerit: in altre parole, evitare il dolore. E scegliendo la nostra religione, come scegliendo qualunque comodit, siamo una societ di consumo. Stiamo tanto ansiosi come sempre di consumare tutto quello che i mercanti di prosperit distribuiscono sotto le etichette progettate di nirvana e meditazione. Siamo gente che associa l'io con la sensualit, non con la trascendenza, una gente che cerca instancabilmente il divertimento pi che la saggezza. Sono alcuni pochi i privilegiati che riescono ad apprezzare il sacrificio e l'austerit, e pi pochi ancora, quelli che acquisiscono la conoscenza tecnica per sapere come praticarli. Siamo una societ di estremi, tanto radicali nella nostra rinuncia come nel nostro posesividad. D'altra parte, il processo Vedico abbraccia l'austerit appropriata, resistendo le nostre necessit materiali con un forte senso di necessit spirituali. Questa forma di austerit, dedicando il tempo e l'energia di uno all'autorrealizacin, non sar tanto sofisticata come le miliardarie campagne di pubblicit che spingono alle medicine che ammazzano il dolore, agli stimolanti ed i modificatori del comportamento, ma proporziona migliori risultati: la conoscenza dell'io oltre tutte le scomodit fisiche e mentali, un io oltre il dolore. Terminiamo ora la nostra lezione con una deliziosa ricetta vegetariana. CAVOLFIORI NEL SUO SUCCO. 1 cavolfiore medio, 2 Cucchiaiate di Ghee, burro chiarificato, od olio vegetale, consulti la Lezione Quarto per la ricetta del Ghee, 1/2 Cucchiaiata di differenti spezie, tali come peperone pesto, cumini, foglie fresche di coriandolo, etc., 1 cucchiaiata di sale, Acqua sufficienza per cucinare i vegetali, 1 Cucchiaiata di burro o ghee. Lavi e sistemi il cavolfiore e la tagli in piccoli pezzi. In una padella grande e forte, quelle che non si attaccano sono ideali. Caldo le due cucchiaiate di ghee od olio e gli aggiunga pepe rosso. Quando il pepe rosso si metta orata, annata le spezie, rimescoli, e collochi i pezzi di cavolfiore. Continui rimescolando i cavolfiori, durante cinque o dieci minuti, fino a che siano dorate, dopo aggiunga annacqua sufficiente affinch i cavolfiori si cucinino. Aggiunga il sale e copra. Rimescoli ogni tanto fino a che i cavolfiori stiano blanditas. Il liquido deve volatilizzarsi completamente durante la cottura. Pu aggregare pi acqua se necessario. Aggiunga la cucchiaiata eccedente del ghee e li serva con riso bianco. Come sempre, offra questa preparazione al Sig. ed inviti i suoi amici e familiari a goderla. Speriamo che la sua conoscenza e pace vadano sempre in aumento e che sviluppi fiducia in lei ed in questi insegnamenti. SRI KRISHNA, LA BELLA REALT

LEZIONE 8 Ci riuniamo nuovamente e speriamo che questa lezione riempia le sue migliori inclinazioni ed aspirazioni. SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. Gli devo "un giorno magnifico al Bhagavad-gita come . Fu come se un impero ci parlasse, niente piccolo e senza valore, bens esteso, metronotte e consistente, la voce di un'antica intelligenza, la quale in un'altra epoca ed ambiente era riflesso e, pertanto, ordinato le stesse domande che ci preoccupano." Ralph Waldo Emerson. La Conoscenza dell'Assoluto. Nei primi sei capitoli del Bhagavad-gita si stabilito la distinzione basilare tra lo spirito, l'entit vivente, e la materia. L'entit vivente (jiva) si descritto come non materiale, cio, anima spirituale, capace di alzarsi dell'identificazione materiale (ahankara), all'autorrealizacin spirituale mediante differenti tipi o processi di yoga, il sankya, il karma, il jana e l'astanga. Questi sistemi di yoga sono gradualmente progressivi e culminano, alla fine del capitolo sei, nel bhakti-yoga, o servizio devozionale a Krishna. La parte mezza del Gita, i capitoli dal sette al dodici, tratta principalmente di Krishna Stesso, Purusottama, la" Suprema Personalit di Dio", e la relazione eterna tra la jiva ed Egli, mediante il bhakti-yoga. Il capitolo sette stabilisce la conoscenza di Krishna, il processo di raggiungere questa conoscenza e, finalmente, il risultato ultimo di tale risultato. Ci servono da preludio i tre primi versi, nei quali Krishna dice": Ora, sente, oh figlio di Prtha (Arjuna), come praticando yoga con piena coscienza in Me... potrai conoscermi in pienezza, senza alcun dubbio, Bg. 7.1). Ora ti dichiarer completamente questa conoscenza tanta fenomenica (materiale) come spirituale, conoscendo il quale non rimarr nient'altro per conoscersi, Bg. 7.2). Di tra molte migliaia di uomini uno procuri magari la perfezione, e di quelli che sono riusciti la perfezione, uno mi conosce difficilmente in realt", Bg. 7.3). Krishna incomincia per stabilire le Sue due energie principali: l'energia" inferiore", la materia o apara-prakriti che consta di otto elementi materiali; e l'energia" superiore", lo spirito o per-prakriti che consta delle jivas, le quali sono ora ingarbugliate nella materia, Bg. 7.4-5). Egli " l'origine ed il fine" di entrambe le energie e la Suprema Verit, Bg. 7.6-7). Poi Krishna spiega come Egli si manifesta dentro tutti i fenomeni: Egli " il sapore dell'acqua, la luce del sole e della luna... l'intelligenza degli intelligenti" e cos via, Bg. 7.8-12). Poi dichiara che esistono quattro classi di atei che non si arrendono ad Egli e quattro classi di uomini pi che se lo fanno, Bg. 7.15-18). Quelli che sono saggi, sanno che Egli tutto cos come la Suprema Causa ed a Lui, Bg si arrendono. 7.19). D'altra parte gli stupidi, i materialisti, si arrendono ai semidei per riuscire benefici immediato fruitivos, i quali sono limitati e temporanei, Bg. 7.20-23). Anche non gli intelligenti, quelli che concepiscono che la forma personale di Krishna materiale che sta coperta per Yoga-maya, la Sua potenza esterna, essi non conosceranno mai a Krishna, Bg. 7.24-26). Nei quattro versi finali, Krishna conclude che quelli che sono pi ed intelligenti ed aspirano alla liberazione della legatura materiale, cercano rifugio attraverso il servizio devozionale, conoscendo che Egli il Sig. Supremo. Tali persone, dice Krishna," possono fortemente con mente, comprendermi e conoscermi perfino nel momento della morte", e raggiungere cos la Sua dimora trascendentale nel mondo spirituale, (Bg. 7.27-30). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Il verso di questa lezione corrisponde allo Srimad-Bhagavatam, un'altra scrittura della casa del tesoro Vedico. Fu scritto dallo stesso autore del Bhagavad-gita, Srila Vyasadeva. Srimad-Bhagavatam, Canto 1, Capitolo 1, Testo 14 apannah samsrtim ghoram yan-nama vivaso grnan tatah sadyo vimucyeta yad bibheti svayam bhayam apannah - essendo ingarbugliato; samsrtim - nella maglia della nascita e la morte; ghoram - troppo complicata; yat - quello che; nama - il nome assoluto; vivasah - inconsciamente; grnam - cantando; tatah - di quello; sadyah - immediatamente; vimucyeta - si libera; yat quello che; bibheti - teme; svayam - personalmente; bhayam - la paura stessa. Traduzione: Gli esseri viventi che sono acchiappati nelle complicate reti della nascita e la morte, possono liberarsi immediatamente con cantare ancora inconsciamente, il Sacro Nome di Krishna che temuto per la paura personificata. La parola chiave di questo verso " nama", o il sacro nome del Sig.. Nelle future lezioni impareremo come lo yogi pu riferirsi con l'Assoluto per cantare i mantras. Di questa maniera pu trovare la completa protezione di ogni tipo di pericoli. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. Nidra-yoga. Quarta Parte. Meditazione nel Sistema Circolatorio. Nella Lezione Sette meditiamo sullo scheletro, ed ora meditiamo sul cuore e la corrente sanguinea. Il cuore il centro di tutta la circolazione e l cominceremo la nostra concentrazione nel sistema circolatorio. Prender prima coscienza della circolazione arteriale che parte del suo cuore verso l'alto. Abbiamo gi la nozione che possediamo un scheletro, ora allora ubichiamo il cuore in quello scheletro ed a partire da l vedremo come esce l'arteria aorta in direzione verso la testa, fino al posto chiamato" pastorale dell'aorta". Prenda coscienza delle distinte ramificazioni che irrigano la testa. Veda come del cuore partono le arterie polmonari e le distinte ramificazioni che a sua volta partono di queste. Percepisca ora le arterie che partono verso il basso in direzione alle gambe. Man mano che continuiamo a conoscere i posti per dove passano queste arterie, vediamo come continua a sparire la coscienza di scheletro ed appare una visione di arterie sanguinee. Ora prenda coscienza della circolazione venosa. Osservi come partono dalle gambe fino al cuore e capti come partono dei polmoni fino ad arrivare al cuore. Veda come trasportano il sangue dalla testa fino al cuore. Analizzi le differenti ramificazioni che si vanno presentando durante le vene. Ora prenda coscienza tanto della circolazione arteriale come venosa ed osservi come entra ed esce dal cuore. Lei pu investire dieci minuti nella pratica di Nidra-yoga. Quando incominci lo faccia passo a passo, gradualmente. Poi pu aumentare la velocit. Lasci che la sua mente viaggi per tutto il suo corpo. Lei deve studiare il corpo in ogni piccolo dettaglio. Che cosa quello che distingue questo corpo dalla materia morta? Chi ci ha dato questa meravigliosa macchina?

Ed ora continuiamo coi nostri esercizi per gli occhi. Non dimentichi praticarli due volte al giorno. TECNICA: In posizione in piedi. Le braccia allungate davanti. I pugni chiusi, coi pollici insieme e lifting verso l'alto. Lasci il braccio sinistro allungato davanti. Diriga il braccio destro, completamente lifting, verso il fianco destro ed all'altezza della spalla. Ritorni il braccio destro fino alla posizione iniziale. Nello spostamento, gli occhi sono fissi nel pollice destro. Ripeta l'esercizio tre volte. Lo pratichi ora col braccio sinistro. La respirazione libera ed i movimenti si eseguono lentamente. BENEFICI: Rilassa, ricarica e rivitalizza il nervo ottico. FARFALLA COMPLETA VARIANTE 1 Senti Lei ed unisca le palme dei piedi. Sottometta i piedi con entrambe le mani. Avvicini i talloni alle natiche tanto quanto possa. Assente soavemente i gomiti sulle ginocchia, fino a che queste tocchino il piano. Ripeta il movimento venti volte. VARIANTE II La stessa posizione, ma collocando le mani sulle ginocchia. Esercitando pressione verso il basso tenti di portare le ginocchia al piano e dopo lasci loro alzarsi. Ripeta l'esercizio venti volte. BENEFICI: Flexibiliza i muscoli delle gambe. SEZIONE 4 ASPETTI VARI DELLA CONOSCENZA VEDICA. La Teoria dell'Evoluzione. Seconda Parte. La Visione Vedica dell'Evoluzione. L'errore di Darwin fu minimizzare la sua propria debolezza umana. Passando per alto le limitazioni dei suoi sensi e la sua mente, ed ignorando la tendenza umana inevitabile ad illudersi ed a commettere errori, egli ingann la gente reclamando come un fatto quello che poteva essere solo un'ipotesi di prova. Per trovare una spiegazione concludente circa l'origine delle specie, dobbiamo avvicinarci ad una fonte di conoscenza che stia oltre le imperfezioni dei nostri minuscoli cervelli. Questa fonte infallibile di conoscenza sono le scritture Vediche, le quali, a differenza dei postulati speculativi degli scienziati empirici, sono parlate direttamente per lo stesso Sig. Supremo. Nella letteratura Vedica troviamo una spiegazione ben sostentata, circa l'origine delle numerose specie, tanto del punto di vista teistico come dello scienziato. I Teisti dell'epoca di Darwin non possedevano argomenti scientificamente vitali coi quali potere difendere e spiegare la creazione divina. Per esempio, perch spiega la vita tale variet di organismi, dall'elementare ameba fino all'essere umano tanto complesso? Quale la relazione tra la vita animale e l'umana? Le risposte a queste domande si trovano nelle Proibizioni. Di accordo con l'informazione Vedica, il corpo materiale solo un coperto temporaneo dell'anima eterna, una marionetta che danza per qualche tempo, fino a che l'anima passa alla sua seguente forma di vita. Questo confermato nel Bhagavad-gita, un libro circa la vita spirituale parlato per il Sig. Krishna (Dio Stesso)": come in questo corpo, continuamente l'anima corporificada passa dell'infanzia alla giovent e dopo alla vecchiaia, in forma simile, quando arriva la morte l'anima passa ad un altro corpo" (Bg.2.13). Gli scienziati non hanno accesso alla conoscenza dell'anima attraverso i suoi metodi di osservazione empirica e sperimentazione, perch come si descrive, l'anima sta oltre la portata del mondo materiale, incommensurabile coi nostri grossolani sensi. I Darvinisti moderni propongono un'ancestro comune per tutte le specie: un organismo unicellulare con funzioni vitali minime. Anche le Proibizioni specificano un'origine per tutte le entit viventi, ma la conclusione Vedica che l'origine di tutte le specie Dio. Come quello Sig. Krishna spieghi nel Bhagavad-gita: Oh, figlio di Kunti! deve comprendersi che tutte le specie di vita appaiono per mezze della sua nascita nella natura materiale, e che Io Sono il padre che apporta la semente" (Bg.14.4). "Io Sono la fonte di tutti i mondi materiali e spirituali. Tutto deriva da Me..." (Bg.10.8). Molti degli attuali seguaci di Darwin sostengono che la vita nacque per un incidente in una primitivo (zuppa) miscuglio chimica, ma quando gli scienziati Vedici vogliono sapere da dove usc quello (zuppa) mescola, o l'universo per questo caso, i Darvinisti non possono rispondere. La teoria della creazione accidentale dell'universo si basa semplicemente su ipotesi improbabili e nella mancanza di volont per ammettere la sua ignoranza. Darwin teorizz che le variet di forme di vita avevano evoluto gradualmente di un'a un'altra in un'enorme quantit di tempo. Tuttavia, le Proibizioni descrivono esplicitamente il processo per il quale tutte le specie furono create al principio dell'universo. Le Proibizioni fanno la seguente divisione: 900.000 specie di vita acquatica, 2.000.000 di specie di piante ed alberi, 1.100.000 di specie di insetti, 1.000.000 di specie di uccelli, 3.000.000 di specie di bestie e 400.000 specie di vita umana. Le Proibizioni non dicono che tutte questi 8.400.000 specie di vita esistano simultaneamente in un solo pianeta. Ci sono innumerevoli milioni di pianeti nella creazione di Dio, ognuno con forme di vita appropriate per il suo ambiente. Semplicemente perch non vediamo oramai certe classi di vita nella terra, tali come il dinosauro, non possiamo provare che non esistono in qualche altro posto. Il mondo materiale creato per la piccola minoranza di anime che si ribellarono contro la supremazia di Dio. Il Sig. proporziona un posto per esse dove possano realizzare le sue fantasie come minuscoli dei nella sfera mondana. Tuttavia, contemporaneamente il Sig. proporziona alle anime cadute i mezzi per rivivere la sua coscienza di Dio, e ritornare cos al mondo spirituale. Il Piano Perfetto. L'apparente mancanza di povert divina nella natura, fece che Darwin fosse un incredulo. Egli si lamentava": non posso vedere evidenza alcuna di un proposito benefico." In realt, le miserie che tutte le creature ereditano in questo mondo materiale sono, in un senso, una benedizione, perch esse spingono all'entit vivente, quando raggiunge la forma umana di vita, ad investigare i mezzi per esulare dalla sua condizione dolorosa. Le sofferenze esisteranno finch tentiamo di sfruttare la natura e rimaniamo ignorando la nostra vera posizione spirituale. L'evoluzione il mezzo per il quale il Sig. Supremo porta in forma graduale all'entit vivente ad una coscienza totale, e le variet di vita sono le differenti prigioni per le quali deve passare l'anima durante il suo viaggio per il mondo materiale. Il culmine dell'evoluzione dell'anima la forma umana di vita, nella quale uno deve terminare il ciclo di nascita e morte e ritornare alla dimora

spirituale. Tuttavia, se uno rovina la vita umana per trascurare la cultura spirituale, allora deve un'altra volta discendere di nuovo alle specie animali ed essere soggetto al processo dell'evoluzione. Il Brahma-vaivarta Purana dice": Uno acquisisce la forma umana di vita dopo essere trasmigrato per le 8.400.000 specie di vita, mediante il processo dell'evoluzione graduale. La forma umana di vita danneggiata per quelli stupidi vanitosi che non prendono il suo rifugio nei piedi di Loto di Govinda, Dio. Possiamo vedere che anche le Proibizioni parlano di evoluzione. L'entit vivente in essenza un'anima spirituale vagando di un corpo ad un altro nel ciclo del samsara. Il vagare dell'anima sta determinato per l'evoluzione della coscienza. L'entit vivente deve passare delle forme pi basse di vita ai superiori: dopo avere ricevuto una" lezione" delle sue esperienze in una forma di vita, raggiunge il seguente in un livello superiore, accettando una forma corporale pi complessa di accordo con la sua coscienza pi sviluppata. Di questa maniera, anche le Proibizioni spiegano la somiglianza tra le differenti forme di vita, la quale condusse erroneamente a Darwin a suggerire che le specie erano nate fisicamente di un'in un'altra, per mutazione ed adattamento. Le specie sono solo manifestazioni dei diversi tipi di coscienza, gi sia, pianterreni o superiori, per godere questo mondo materiale di molte maniere. Le 8.400.000 forme di corpi furono creati d'un colpo, e sperano per le entit viventi che vogliano accettarli. Dopo avere vagato per le 8.000.000 di forme di piante ed animali, l'anima raggiunge la forma umana come una manifestazione del livello pi elevato di coscienza in questo pianeta. Nella forma umana, l'entit vivente ha finalmente l'opportunit di comprendere, attraverso le istruzioni delle Proibizioni che siamo parti e porzioni spirituali di Dio, l'Anima Suprema. Seguendo quelle istruzioni, uno pu alzarsi a forme di vita ancora pi perfette in altri pianeti (semidei), o pu raggiungere il mondo spirituale. Il destino di quelli che sprecano la sua vita umana descritto nel Bhagavad-gita": A quelli che sono invidiosi e malevoli, i quali sono i pi bassi tra gli uomini, Io li lancio nell'oceano dall'esistenza materiale, dentro varie specie demoniache di vita", Bg. 6.19). "Riuscendo nascita ripetuta tra le specie di vita demoniache, tali persone non possono avvicinarsi mai a. Gradualmente si sprofondano fino al pi abominevole tipo di esistenza", Bg. 16.20). Se un essere umano sviluppa una coscienza animale, bene pu prendere di nuovo il corpo di un animale ignorante. Anche questo si spiega nel Bhagavad-gita, Capitolo 14, verso 15":... e quando muore nella modalit dell'ignoranza, nasce nel regno animale." Le Proibizioni dichiarano enfaticamente che poich abbiamo raggiunto ora questa forma umana, dobbiamo approfittare dell'opportunit di inquisire circa Dio, l'origine di tutte le cose. L'informazione autorizzata pi completa circa Dio e della Sua creazione si trova nelle Proibizioni stessi, e l'essenza della saggezza Vedica contenuta nello Srimad-Bhagavatam ed il Bhagavadgita. Questa letteratura, presentata per la prima volta A.C. senza adulterazioni di nessuna classe per la Sua Divina Grazia Bhaktivedanta Swami Prabhupada, somministra all'investigatore seriamente inquisitivo una spiegazione tanto teistica come scienziata sulla creazione dell'universo e l'origine delle specie, e d istruzioni precise su come completare il processo evolutivo acquisendo coscienza di Dio in questa forma umana di vita. SEZIONE 5 LE PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. Le Tre Energie dell'assoluto. 1.- CIT Cit-Sakti l'energia spirituale della Verit Assoluta. Bhagavan, la Persona Suprema, la fonte energetica, che agisce attraverso la Sua potenza interna (CIT). Egli manifesta il Regno Eterno di Dio e dei Suoi soci eternamente liberati. Come Maya costruisce questo universo mondano coi cinque elementi materiali; allo stesso modo la potenza spirituale (CIT) ha costruito il mondo spirituale. Il mondo spirituale conosciuto come Vaikuntha," il posto senza ansiet." Il Bhagavad-gita descrive a questo universo separato come quella natura eterna che persiste ancora dopo l'annichilazione dell'universo materiale. Ma esiste un'altra natura, la quale eterna e trascendentale a questa materia manifesta e non manifesta. Questa natura suprema e non mai annichilita. Quando tutto in questo mondo annichilito, quella parte rimane come . A quella dimora suprema lo chiamato non - manifesta ed infallibile e il destino supremo. Quando va via non si ritorna mai l. Quella Io dimora Suprema, Bg. 20 e 21. L'universo spirituale, Vaikuntha, eterno, cio, esente delle dure leggi del mondo materiale, dove tutte le entit viventi soffrono nascita, vecchiaia, malattia e morte. Quando Bhagavan entra all'universo materiale come un'incarnazione (Avatara), Egli non mai soggetto alle leggi materiali, ma rimane reddito nella sua potenza spirituale interna (CIT). 2. JIVA. La radice verbale" jiv" significa" vivere, stare o rimanere vivo", ed il sostantivo" jiva" si riferisce all'entit vivente individuale o anima. Secondo l'analisi Vedica, l'essere vivente (jiva) separato del corpo, nonostante, dentro ogni corpo (includendo quello degli uomini) le bestie, gli uccelli e le piante, risiede un'anima individuale (jiva). La coscienza individuale il sintomo della presenza del jiva o anima. Bench il corpo sia perituro, il jiva eterno. "Sappiate che quello che penetra tutto il corpo indistruttibile. Nessuno pu distruggere l'anima imperitura." (Bg.2.17). Ci sono innumerabili particelle di atomi spirituali, le quali sono misurate come una dieci millesimo parte della punta di un capello." Chiaramente, il jiva sfida la percezione attraverso i sensi materiali. Secondo la concezione Vedica, la coscienza non proviene da una combinazione materiale; il sintomo della presenza del jiva dentro il corpo. Quando il jiva abbandona il corpo, la coscienza l'abbandona anche ed il corpo perisce. il jiva che l'io vero, ma in contatto con la materia, diventa condizionato. "L'individuo originale o primordiale, il jiva, limitato in s stesso per il corpo ed i sensi." Originalmente il jiva una parte spirituale del Bhagavan Supremo e condivide le Sue qualit di sac-cid-ananda in porzioni minute. La posizione costituzionale del jiva subordinata a quella del Bhagavan Supremo. Mentre il Bhagavan Supremo non cade mai dentro il controllo dall'energia materiale, il jiva pu cadere sotto il controllo di detta energia, dimenticando cos la sua relazione col Bhagavan Supremo, dovuto all'illusione ed al cattivo uso del suo libero arbitrio. Desiderando essere una disfrutador indipendente, il jiva entra al mondo materiale. Il jiva soffre nel mondo materiale di molte maniere, rimanendo sotto l'incantesimo della natura materiale, Maya. In realt l'anima" jiva" non ha niente a che vedere col mondo materiale, ma dovuto a" Maya" (illusione) egli agisce per soddisfarsi a s stesso, attraverso i sensi materiali. Se per il tempo dell'annichilazione universale egli non riuscito finalmente la liberazione della cattivit del corpo

materiale egli ritorna al corpo del Visnu Supremo e prende un'altra volta nascita nella prossima creazione, affinch possa esprimere nuovamente i suoi desideri, karma. Quando il jiva riesce la liberazione, egli va al Brahmayoti o ancora a Vaikuntha, i pianeti spirituali dove risiede il Supremo nella Sua forma Personale completa. La vera liberazione per il jiva raggiungere la sua identit spirituale originale (svarupa), perch nella sua forma eterna il jiva pu associarsi con Bhagavan, la Suprema Personalit di Dio. La terza energia dell'Assoluta chiamata Maya, sar spiegata nella prossima lezione. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. Lo yogi e l'educazione dei suoi figli. L'uomo saggio deve educare i suoi figli nei principi morali, perch i bambini che sono buoni e virtuosi sono la felicit della sua famiglia." Canakya Pandit. Naturalmente, se qualcuno un yogi e vive di accordo con principi elevati o spirituali, a lui non gli piacerebbe vedere che i suoi figli si trasformino in persone materialista, carenti di buone qualit. Sfortunatamente, nella nostra societ moderna, tanto nella famiglia come nella scuola e nell'universit, preparano i nostri figli affinch lascino ad un lato ogni conoscenza spirituale, e semplicemente si dedichino allo sviluppo economico, la gratificazione dei suoi sensi e le attivit sociali mondane. Cos, tutti essi stanno tentando di convincere la gente giovane che la vita proviene dalla materia, e che semplicemente basata in una combinazione casuale di differenti elementi chimici che la produssero in continua e progressiva evoluzione e che si dirige verso un futuro sconosciuto e villaggio di incertezze scientifiche. Questo, ovviamente, sta totalmente contro l'intendimento spirituale, e pertanto di qualunque realizzazione che un yogi possa ottenere. Cos, lo yogi deve assicurarsi che anche i suoi figli capiscano che la vita proviene dalla vita, e che la Vita Suprema la Persona Suprema. Come possibile che ognuno di noi possiamo avere desideri, felicit, ambizioni, amore, pace o differenti sentimenti propri, se non esiste un perch ed un per che motivo? Come pu esistere pi tutto questo e molte cose e provenire dal niente, di un incidente casuale, che non possono spiegare, ma che riempie di paure il cuore degli uomini? Sciocchezza, pi ancora, sciocchezza e sciocchezza! Per tutto questo, l'educazione moderna sta trascurando il principale intendimento dell'esistenza umana, dalla giovent facendo dai suoi seguaci, adoratori di una grandiosa civilt tecnologica, tanto vicino alla sua propria distruzione come lontana di principi umani e spirituali, e, pertanto, considerata per grande yogis e personalit come una societ di assassini di anime o atmahanah. Lo yogi deve curare pertanto personalmente che i suoi figli comprendano quale il vero proposito della vita umana, e che siano allenati anche adeguatamente con questo fine. Possiamo vedere anche che attualmente in molte universit e scuole, gran parte degli studenti sta usando differenti tipi di droghe e stupefacenti, perdendo ogni capacit di comprensione di cose molto semplici, e che cosa dire di arrivare all'intendimento spirituale. Questo deve essere fermato immediatamente. Incominciando con una condotta molto stretta dello yogi stesso nei principi a seguire cos come con un esempio molto buono per gli altri membri della famiglia e la comunit intera, guidandoli saggia ed amorevolmente nella ricerca di verit e piaceri superiori molto pi elevati e spirituali. La responsabilit e dovere di un yogi sta sempre nel suo esempio. L'istituzione appropriata per l'educazione dei nostri figli chiamata tradizionalmente" Guru-kula", o" la Scuola del Maestro", nella quale i bambini sono allenati da maestri spirituali molto esperti. insegnato loro non solo come mantenere le sue vite nella lotta per l'esistenza in questo mondo, ma insegnato loro anche come sviluppare la perfezione dal suo amore spirituale, la compassione spirituale per gli altri esseri, ed il perfezionamento delle sue vite, giorno dopo giorno. Sfortunatamente, tali posti di educazione spirituale sono molto scarsi e difficili da trovare. Ma il" ISEV", cosciente di questa necessit, sta lavorando molto dura ed esforzadamente per stabilire alcuni di questi Istituti di Educazione Basilare, tanto in Colombia come in altre parti del mondo. Perci, dipende essenzialmente dallo yogi stesso educare i suoi figli e trasmetterloro quello che egli ha compreso dentro il suo cuore, nel processo dell'autorrealizacin o yoga. In quello che si riferisce a giochi, si raccomanda dare una completa libert ai figli, pi o meno fino ai cinque o sei anni di et. Dopo di questa et, essi devono incominciare ad essere allenati nei principi della conoscenza e del controllo dei sensi. Cos, quando pi tardi si trasformino in uomini o donne adulti, saranno capaci di controllare e guidare i suoi sensi, e non diventare semplicemente schiavi di questi. Nei tempi Vedici, quando un bambino compiva un anno, i genitori realizzavano una cerimonia nella quale ero consegnato al bambino un libro ed alcuni monete, affinch egli scegliesse. Di questa maniera il bambino dimostrerebbe le sue tendenze naturali verso le attivit intellettuali o verso i commerciali. Osservando cos le sue inclinazioni generali, potevano guidare il bambino per facilitargli il suo sviluppo nel mondo. Ma contemporaneamente, i genitori non perdevano mai di vista il proposito della vita umana, in termini dell'enorme responsabilit della purificazione spirituale. Ovviamente, questa cerimonia era sempre eseguita sotto la supervisione di un astrologo qualificato o di un Brahmana chi sono molto difficili da trovare attualmente. Il principio basilare dell'educazione Vedica che il bambino deve capire come fare la sua vita felice, pacifica ed utensile per s stesso e per gli altri. Se costantemente egli ricorda questo e contemporaneamente segue il buon esempio dei suoi genitori, sicuramente sar protetto e guidato durante il tragitto spirituale. Altrimenti egli correr il grave pericolo di essere derivato della sua strada per questa cos chiamata societ moderna, e perder finalmente tutta la sua potenza spirituale, felicit, pace e conoscenza. L'educazione deve dare valori superiori al materialismo, altrimenti i bambini sono ingannati, saranno infelici e causeranno solo problemi. SEZIONE 7 YOGA E SALUTE I PRIMI GENITORI CRISTIANI "L'uomo intellettuale non deve stare in ansiet per la sua propria manutenzione. Deve essere ansioso solamente per conoscere la religione. Gli alimenti per ogni uomo sono creati per lui nel momento della sua nascita." Canakya Pandit I primi Genitori Cristiani non praticarono solo e difesero il vero Vegetarianismo nei campi spirituale ed ascetico, ma furono eccessivamente energici coi suoi compagni che desideravano gli alimenti basati nella carne. Tertuliano, per esempio, disse": Quanto

ingegnosamente essi insistono nell'esempio di Ges Cristo per mangiare e bere, col fine di soddisfare la sua lussuria! Mi sembra che Egli chiamasse una persona" benedetta" quando questa dichiarava che facesse il suo lavoro per compiere la volont del Padre, e non ferma soddisfare in eccesso la sua fame e la sua sete. Credo che Egli era abituato a restringersi, istruendo gli altri circa non lavorare per questi" alimenti che non li portano alla vita eterna n pregare per il piacere di alimenti ricchi e succulenti, bens solamente per pane." Per quello visto, anche Tertuliano dovette affrontare il problema di mangiare carne. Egli si vide obbligato a dire": il Suo stomaco il suo Dio, il suo fegato il suo tempio, il suo ventre il suo altare, il cuoco il suo sacerdote, ed il fumo del grasso il suo Spirito Santo. I condimenti e le salse sono il suo olio devoto ed i suoi rutti sono le sue profezie." Clementino scrisse nelle sue Omelie": L'alimentazione antinaturale di cibi basati nella carne, tanto profana come l'adorazione pagana di demoni, con sacrifici e festival impuri nei quali un uomo arriva a sedersi insieme ai demoni a mangiarsi al suo compagno." interessante annotare qui che tutte le dottrine spirituali affermano enfaticamente che l'uso di alimenti basati nella carne, diminuisce l'intuizione ed asla l'anima della comunione con le sfere spirituali superiori. Clemente di Alessandria, il pi ammirabile dei filosofi del suo tempo, scrisse": Quelli che abituano i cibi frugali sono i pi forti, i pi salutari ed i pi nobili... dobbiamo evitare quelle classi di alimenti che c'inducono a mangiare quando non abbiamo fame... perch c' dentro una sobria semplicit, una salutare variet di vegetali commestibili, radici, olive, erbe, latte, formaggio, frutte e tutti gli alimenti secchi... Quelli che si sentono attorno a tavoli opulenti, alimentando le sue proprie malattie, sono diretti per la malattia pi licenziosa che per caso chiamer il demonio dello stomaco." In questo appuntamento abbiamo un indicativo delle abitudini di dieta di quelli che stettero vicino a Cristo. Si suggerito, nelle Omelie di Clementino, XII, Cap. 6 che Pedro e Mateo furono vegetariani. molto possibile che almeno il Maestro avrebbe avuto associazione coi" Nazareni" (nome di una setta pre-cristiana di Ebrei Siriani) simile in alcuni aspetti agli Esenios che menzionano Plinio ed Epifanio. Le ordine pi esoteriche dei Nazareni e gli Esenios si asteneva di avvinazzato alcoliche e di cibi carnivori. Poich il Maestro descritto tradizionalmente come un Nazareno, con capelli lunghi, barba e vestito semplice, e dato che esenio significa" costume da bagno", in modo che essere battezzato implica l'iniziazione nella setta. Sembra che Pablo dia una buona spiegazione circa il comportamento delle persone rispetto agli alimenti, quando scrive nei Romani, 14: 20.22,": non distruggere l'opera di Dio per causa del cibo. Tutte le cose fatte in forma corretta sono pulite, ma cattivo che l'uomo faccia imbattersi ad altri in quello che mangia. Buono non mangiare carne, n bere vino, n niente in che tuo fratello inciampi, o si offenda, o si debiliti. Hai tu fede? Abbila verso te davanti a Dio..." Ed ora la nostra ricetta quindicennale: PALLE DOLCI DI PAPA: 4 papi dolci mediane; un po' di farina, 1 Cucchiaiata di noce moscada, 2 Tazze di zucchero, 1 Tazza di acqua, Ghee per friggere. PREPARAZIONE: Lavi bene le patate. Li cucini in acqua fino a che siano tenere. Quindi tolga loro la pelle fino a che rimangano come un pur, dopo gli aggreghi i condimenti e la farina. Ami bene ed ugualmente. Faccia anche un sciroppo con lo zucchero e l'acqua, lo lasci che bolla per cinque (5) minuti a fuoco basso affinch non si scotti. Quindi faccia palline piccole della massa delle patate e li frigga non nel ghee molto caldo fino a che siano dorate e duri. Li tiri fuori e li sgoccioli con tovaglioli. Quindi con un cucchiaio li prende e segni di correzione un bagno nello sciroppo caldo. Variazione: possono fare anche Lei in distinte forme come triangoli, cilindri, etc., ma deve seguirsi sempre prima il procedimento descritto. Commentando le sue inquietudini ed avanzamenti. Il suo progresso in questo sentiero importante, lei non fermi solo bens per tutti noi.

LEZIONE 9. La parola" intelligenza" viene dal Latino" inteligentia", e significa" facolt di comprendere"," di conoscere." L'intelligenza vera significa l'abilit per comprendere la differenza tra oscurit e luce; scegliere tra la strada che porta a Dio e quello che conduce ad un maggiore intreccio materiale. Dato che lei si sta dedicando a quello verso lo Yoga, pu essere sicuro di acquisire un'intelligenza spirituale accampamento, e pertanto, la sua purificazione e perfezione ultime sono garantite. SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. Raggiungendo il Supremo. Il capitolo otto del Gita relazionato quasi esclusivamente col momento della morte, il momento nel quale la jiva abbandona il corpo materiale. Cominciando il capitolo, Arjuna fa a Krishna sette domande": Arjuna inquis: Oh mio Sig.! Oh Persona Suprema!, che cosa il Bramino? che cosa l'Io? che cosa sono le attivit fruitivas? che cosa questa manifestazione materiale? e che cosa sono i semidei? Per favore spiegami questo. Oh Madhusudana! Come vive nel corpo questo Sig. del Sacrificio ed in che cosa parte vive? E come possono conoscerti nel momento della morte quelli che si occupano nel servizio devozionale?" , Bg. 8.1-2). Krishna risponde molto brevemente alle prime sette domande (3-4), poich Egli si occupato estesamente di esse. Ma Egli risponde all'ultima domanda, la relazionata col ricordo di Krishna al momento della morte, fino al fine del capitolo. Krishna dice ad Arjuna che chiunque che abbandoni il corpo ricordandolo, raggiunger la Sua dimora Suprema, Bg. 8.5). La qualit della nostra coscienza al momento della morte determina il nostro prossimo destino, Bg. 8.6). Poich la capacit dei nostri pensieri e memoria , a sua volta, influenzata per la nostra coscienza ed attivit durante la vita, Krishna istruisce ad Arjuna affinch pensi costantemente a Lui, ancora nel compimento del suo dovere prescritto, Bg. 8.7-8). Per tale meditazione costante, uno raggiunge Krishna dopo avere lasciato il corpo materiale. Nel verso nono, Krishna istruisce come uno dovrebbe meditare su Lui. Nei quattro versi seguenti, Bg. 8.10-13, Krishna descrive il difficile metodo di astanga yoga, meditazione in Krishna per raggiungere i pianeti spirituali. Poi Krishna conclude che Egli molto facilmente raggiunto per quello che non vacilla in essere Suo devoto, bhakti-yoga, (Bg. 8.14). Dopo avere raggiunto Krishna nel mondo spirituale, l'apprendista di bhakti-yoga non ritorna mai al mondo materiale, il quale pieno di miserie, Bg. 8.15-16). Oltre il mondo materiale, il quale creato perpetuamente e distrutto, sta il mondo trascendentale, la dimora eterna e suprema di Krishna, e dopo essere stato raggiunto uno non ritorna mai al mondo materiale, Bg. 8.17-21). Krishna reitera che uno raggiunge questo destino supremo per devozione pura, Bg. 8.22). Poi Krishna descrive come le differenti classi di yogis abbandonano particolarmente i suoi corpi in momenti auspiciosos per raggiungere l'elevazione i pianeti celestiali o la liberazione. Tuttavia, il bhakti-yogi, indifferente a tali processi, Bg. 8.23-27). In conclusione, Krishna dichiara che Suo devoto, il bhakti-yogi, non spoglio dei risultati degli altri sistemi di avanzamento spirituale. Al momento della morte, egli ritorna a Krishna nel mondo trascendentale, Bg. 8.28). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 8 Testo 6 yam yam vapi smaran bhavam tyajaty davanti a kalevaram tam tam evaiti kaunteya sada tad-bhava-bhavitah yam yam - qualunque cosa che; va - gi sia; api - anche; smaran - ricordando; bhavam - natura; tyajati - abbandona; davanti a - alla fine; kalevaram - questo corpo; tam tam - simile; eva - certamente; eti - ottiene; kaunteya - Oh figlio di Kunti; sada - sempre; tat quello; bhava - stato di esistenza; bhavitah - ricordando. Traduzione: chiunque sia lo stato di esistenza che uno ricordi quando abbandona il suo corpo, quello stato raggiunger, senza dubbio. L'idea chiave di questo verso " lo yogi non deve utilizzare solamente il suo tempo umano nella gratificazione dei sensi." Mediti lo studente su questo luogo comune. Perch? Perch la morte pu arrivare in qualunque momento. E come ci dice il verso," quello stato raggiunger...", di accordo con lo stato di esistenza che uno ricordi quando abbandona il corpo. Pertanto, uno deve essere cosciente delle attivit della sua mente e del suo corpo. SEZIONE 3 Nidra-yoga V Dopo avere eseguito i quattro processi di Nidra Yoga anteriori, ora prenda coscienza di s stesso. Prenda coscienza della sua" coscienza." Analizzi che anteriormente avemmo coscienza del corpo fisico, della respirazione, delle ossa, della circolazione sanguinea, e questa coscienza l'abbiamo ottenuta come se fossimo un osservatore che vedi tutto questo. Ora possiamo farci di nuovo la classica domanda: Chi Sono Io? Domandarci: Sono queste ossa?, Sono la respirazione?, Sono il sangue? No. Allora, Chi Sono Io? Prenda coscienza che uno l'osservatore, e mediti in quale l'origine di questa coscienza che osserva tutto. Mediti in che la coscienza uguale all'anima. Mediti in che questa anima-coscienza sta situata nel cuore. Mediti in come passa il sangue per il cuore e " carica" con questa anima-coscienza, e dopo sparsa per tutto il corpo attraverso le arterie e vene. Meditiamo in che se una parte del nostro corpo non riceve sangue, non avremo percezione di quella parte. Meditiamo sul fatto che se non mette sangue alla mano destra, allora questo si addormenta." Mediti che quando noi prendevamo coscienza della nostra mano destra era perch l stava presente il nostro coscienza-anima. Cos possiamo meditare pi profondamente che tutto questo corpo fisico ha vita dovuto al nostra presenza nella forma di coscienza-anima in come. Mediti in che se la nostra anima-coscienza non presente, allora la materia non ha vita. Mediti ora in cui siamo Anime Spirituali che possiamo dare vita alla materia. Noi diamo vita al cuore poich stiamo nel centro di lui. Mediti in come vita diamo alle facolt sensoriali, alle influenze fisiche e psicologiche del cervello, all'intelligenza, alla discriminazione, al codice genetico; mediti come che dovuto al nostra presenza come anime spirituali tutta la materia ha vita e movimento. Ora mediti in Quali Sono I Desideri Dell'Anima? CHE COSA CERCHIAMO DENTRO QUESTO CORPO MATERIALE? Mediti in che L'Anima Eterna. Mediti in che L'Anima Questa Piena Di Conoscenza E Prosperit. In cui L'Anima non Pu trovare la Sua Posizione Costituzionale Dentro il Corpo Fisico. Mediti in che Il Corpo Fisico Solamente Temporaneo E L'Anima la Nostra Identit Reale E Naturale.

Per quel motivo dimenticare questa relazione simile a quando il sangue non arriva ad alcuni parti del corpo - perdiamo la coscienza di chi siamo e perch stiamo qui. necessario allora, recuperare quella connessione con la Verit Assoluta, svegliare la nostra coscienza addormentata nel grembo di" Maya", la strega dell'illusione e la paura. Ed ora il nostro ultimo esercizio per fortificare i muscoli che controllano gli occhi. TECNICA Senti Lei. La mano sinistra sopra al ginocchio sinistro. Col braccio destro allungato, descriva un circolo completo. Cominci il circolo dalla destra. Il pugno deve essere chiuso ed il pollice diretto verso l'alto. Gli occhi sono fissi nel pollice destro. Ripeta l'esercizio cinque volte in direzione delle lancette dell'orologio e cinque volte in direzione contraria. Ripeta l'esercizio con la mano sinistra. Benefici: Rilassa, ricarica e rivitalizza il nervo ottico. PASSO DI PAPERO. Metta Lei coccoloni. Collochi le mani sulle ginocchia ed inizio a camminare in quella posizione. Tenti di farlo nella punta dei piedi e dopo con le piante dei piedi nel suolo. Non si affatichi praticando l'esercizio. (Vedere disegno in pagina seguente) BENEFICI: Migliora la circolazione del sangue nelle gambe. Allevia la stipsi. In questo caso si raccomanda prendere due bicchieri di acqua e praticare l'esercizio per un minuto, ripetendo l'esercizio fino a che faccia effetto e sparisca la stipsi. SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. La visione del poeta " vedere l'infinito in un granello di sabbia e l'eternit in un istante." Dello stesso modo, una persona che comprende le parole del Sig. Krishna nel Bhagavad-gita, pu vedere la trascendenza fino a nei fatti giornalieri di questo mondo materiale. Un caso concreto: Un articolo recente represse che ogni anno 20 milioni di nordamericani soffrono ferite causate per lo sport. Una percentuale molto alta di questi incidenti li soffrono persone di 35 anni ed ancora maggiori chi non vogliono riconoscere che i suoi corpi sono invecchiati. Un medico prominente osserv che queste persone soffrono di" un caso acuto di ingenuit." Orbene, un medico pu allegare che come chiunque che pensi che il suo corpo di cinquanta anni di et pu muoversi in un recinto di tennis, lo faceva quando aveva venti anni, soffre di ingenuit, ma nel Gita, il Sig. Krishna ci dice che un uomo vecchio ancora giovane interiormente e che anche chiunque che non possa apprezzare la sua psicologia interna, soffre di ingenuit. In altre parole, Krishna parla di un corpo che invecchia esteriormente ed un Io eterno dentro quello corpo che rimane sempre giovane. Ed Egli descrive che mentre il corpo esterno sta cambiando l'infanzia alla giovent e dopo alla vecchiaia, l'Io interno rimane ugualmente. , Tutti i giorni vediamo come le madri riconoscono in uomini completamente cresciuti ai suoi propri figli a chi qualche volta ebbero sulle sue gonne. Come Krishna spiega, l'Io interno, atma, vivr eternamente, ma il corpo deve invecchiare, ammalare e morire, e fino a che non noi autorrealicemos, otterremo sempre di pi corpi che devono invecchiare, ammalare e morire. Allora, perch i nostri saggi medici non ci dicono come possiamo maneggiare questa ferita tanto critica, la morte? Potrebbe essere un la risposta, e che essi non sanno come curarla. Realmente, tanti pazienti come medici mostrano un acuto caso di" semplicioneria mentale" quando non vedono che il corpo deve invecchiare, ammalare e morire. Se dimenticano completamente l'Io interno e falliscono in prepararlo per la morte e la prossima vita, allora oramai non esiste nessuna espressione distinta a quella di semplicioneria mentale. La vita umana adeguata per l'autorrealizacin. E questa non si riesce esercitando i nostri corpi o dandoloro riposo addizionale. Dobbiamo analizzare la nostra situazione, scoprire le differenze tra il corpo e l'Io interno e trovare la formula che offrono le Scritture per il momento della morte. Bench l'atteggiamento di oggi sia di" semplicioneria mentale" dobbiamo ottenere la serenit sufficiente per guardare in avanti, verso la nostra morte e pi in l. Per la maggioranza di noi la vera malattia che stiamo ignorando l'Io interno e la vita prossima. Vecchiaia significa un po' pi che essere semplicemente un esperto in baseball e tennis. Vecchiaia vuole dire che moriamo. Cosicch, prima di avere troppi anni, dobbiamo cominciare con un programma che ci metta spiritualmente in forma. Dobbiamo sforzarci duramente per l'autorrealizacin. E questo ci porta ora" un altro granello di sabbia." Dalla decade scorsa, la morte si trasformata di moda in un tema. Non oramai un tab, ed in realt, la gente parla della morte come se non avesse paura e fosse pienamente illuminata circa il suo significato. Legge best sellers come" Vita dopo la Vita", cammina come una pecora del gregge a corsi sulla morte ed il processo di morire. Ma, a che cosa conduce tutto questo? Qualcuno arrivato a comprendere come sar realmente la sua propria morte? Non sembra che cos sia. Gli investigatori del processo della morte possono riunire grandi volumi con informazione scientifica sulle esperienze fisiologiche e mentali di gente moribonda, e fino a possono tentare di aiutare il paziente ad accettare la morte di un modo" pi facile", ma possono dirci che cosa realmente la morte? Circa questo, il Bhagavad-gita ci dice che" morte" vuole dire che l'anima abbandona il corpo. Se quella spiegazione tanto semplice non sufficiente, possiamo osservare i fatti della vita giornaliera. In un funerale qualcuno si lamenta": Mio marito andato via." Che cosa quello che andato via? In altre parole, e tutti lo sappiamo, l'Io interno ha lasciato al corpo. Il cadavere pu stare nella bara, ma la vera persona andata via gi. Sfortunatamente dimentichiamo molto presto questa verit, possibilmente dopo avere visitato un psicologo che si specializza in" Terapia Aflictiva." Ma nostri cos chiamate esperti non possono spiegare il processo della morte con dire semplicemente": Questo passa a tutto il mondo", o" Ancora hai la tua propria vita per viverla." Dopo tutto, che cosa ha passato alla persona che ha lasciato il suo corpo? Il Gita dice": ci non sono Mai nascita n morte per l'anima. N essendo stato una volta, smette di essere mai. L'anima sempre innaciente, eterno, esistente, immortale, e primordiale. Non lo ammazzato quando si ammazza al corpo." Quando uno abbandona un corpo, semplicemente ottiene un altro. E che classe di corpo otterremo? Questo dipender dal nostro stato mentale quando abbandoniamo questo corpo. Le letterature Vediche dell'India descrivono 8.400.000 specie differenti di vita, dagli acquatici pi inferiori e piante, fino agli insetti, i rettili, gli uccelli, le bestie e compreso gli esseri umani. Dopo la morte, accettiamo un corpo in chiunque delle specie descritte. E se facciamo cose che sono grandi equivoci davanti agli occhi di Dio: ammazzare superfluamente altri esseri viventi o dimenticarci dell'autorrealizacin, certamente non otterremo un corpo superiore.

Cosicch non possiamo ignorare semplicemente i segni della vecchiaia e la morte che vediamo giornalmente attorno a noi. Dobbiamo vedere oltre le investigazioni facili e superficiali. Caro amico: vogliamo vedere le cose realmente sono come, dobbiamo guardare verso il Bhagavad-gita ed acquisire la vera visione trascendentale. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. L'illusione materiale chiamata" Maya." Questo vuole dire irrealt, delusione, dimenticanza," quello che "non ." Sotto l'influenza di lei, l'uomo pensa che egli pu essere felice dentro il mondo materiale temporale. " per l'illusione, maya, che l'anima, jiva, rinchiusa. Uno dovrebbe sapere che la natura illusione e che il Sig. Poderoso l'artefice dell'illusione." Il potere di Maya tale che bench un uomo stia soffrendo miserie ctuples, egli si creder felice. La causa della sofferenza e dell'impotenza dell'uomo questa illusione sotto il cui influenza si dimentica della sua natura divina. Quando il jiva si identifica col corpo, egli sviluppa migliaia di desideri e tenta di soddisfarli. La natura del mondo materiale tale che quanto pi tratta il jiva di sfruttare la situazione materiale, pi si complica nelle reti della sua energia illusoria. Agendo sotto l'influenza di Maya, il jiva si sottomette a s stesso alla legge del Karma, causa ed effetto; azione e reazione. Della sua origine, Bhagavan Krishna dice": Questa, la Mia energia divina, Maya, consiste nelle tre modalit della natura materiale e molto difficile da superare" (Bg.7.14). Le Proibizioni aggiungono": Bench questa energia sia falsa o temporaneo, la fonte di Maya il mago Supremo, la Personalit di Dio, che Mahesvara, il Controllore Supremo." In sintesi, Maya un inganno, un trucco, un miraggio che stordisce le persone facendoloro pensare che l'eternit e la felicit risiedono nelle attivit del mondo materiale, il quale realmente temporaneo e miserabile. Ancora un uomo accuratamente educato o intelligente pu essere basso l'incantesimo di questa illusione, il Bhagavad-gita definisce tale persona come un mayayapahrta-jana," quell'il cui conoscenza stata rubata per Maya", Bg. 7.15). La sostanza della letteratura Vedica la liberazione di tutte le creature degli artigli di questa energia. "Essere estratto di questa illusione, la quale ha dominato in qualche modo la razza umana, la meta di ogni sforzo." Secondo il Bhagavad-gita, molto difficile per il jiva liberarsi dello schiavit di Maya. "Questa la Mia energia divina, consistente nelle tre modalit della natura materiale, molto difficile da superare. Ma quelli che a Me si sono arresi, possono attraversarla facilmente" (Bg.7.14). Le Proibizioni descrivono quattro forme differenti per mezze delle quali Maya complica alle anime in questo mondo. Quando l'anima attraverso la pratica dello yoga perfetto trascende l'influenza dei quattro tipi di Maya, allora l'Ananda-maya spirituale eterno gli dar rifugio in suo violetto immortale. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI ED IL SUO LAVORO. "Ogni atto realizzato in qualunque tempo, posto ed et, porta come conseguenza la cosa buona e la cosa brutta in una ricompensa esatta ed adeguata." - Pancatantra Tutto il mondo, senza importare la sua posizione nella vita, deve realizzare qualche lavoro. Ancora per un yogi molto difficile astenersi da essere attivo, e neanche desiderabile, perch la natura stessa dell'anima essere occupata. Ed ovviamente, in questo mondo siamo sempre interessati in ottenere per esempio qualche beneficio del lavoro che stiamo eseguendo, in come gode dei risultati del lavoro. Deve comprendersi che il proposito della vita di un yogi differente di quella di un materialista. Egli non interessato solamente nel suo benessere materiale immediato, ma sta pensando anche alle necessit spirituali della sua famiglia, la sua nazione, e le altre entit viventi, in termini dei benefici, tanti presenti come futuri. Oggigiorno, l'uomo corrente deve lavorare in condizioni molto sfavorevoli: fabbriche rumorose ed oscure, in un ambiente inquinato, tra colleghi di cattivo genio, o deve fare qualche lavoro col quale non pu identificarsi o al quale non lo trova nessuna utilit. Ovviamente che alcuni classi di lavoro sono socialmente necessarie, ma in un'investigazione si scopr che solamente il cinque percento di tutti gli uomini intervistati si sentiva soddisfatto col suo lavoro. Pertanto, bench i materialisti lottino molto duramente per godere dei frutti del suo lavoro, dimenticandosi di godere del lavoro stesso, sembrasse che essi soffrano in proporzione diretta alla quantit di lavoro che stiano realizzando. Questo perch essi ignorano le leggi della natura, e, pertanto, volontaria o involontariamente, causano sofferenza a questa e le altre entit viventi, compreso ai suoi compagni. La frase Biblico" occhio per occhio e dente per dente", illustra la legge del karma, la quale impone una brutta azione per una brutta azione ed una buona reazione per una buona azione. Nei tempi Vedici, il lavoro di tutte le persone era benefico per la societ intera. La gente seguiva le istruzioni dei consiglieri spirituali e delle scritture Vediche. Pertanto, vivendo la gente in armonia con Dio e la natura, il lavoro era una fonte di piacere per il lavoratore e per la societ in generale. Se qualcuno era artista, architetto, operaio, agricoltore, uomo d'affari, professore o compreso polizia, tutte le attivit contribuivano al benessere completo di tutta la popolazione, ed una percentuale dei risultati si usava per fini spirituali e, di quello modo, tutti gli individui ricevevano aiuto per autorrealizarse. Come dice la Scrittura Vedica": pertanto, uno deve agire come un tema di dovere, senza attaccarsi ai frutti delle attivit perch lavorando senza attaccamento uno raggiunge al Supremo" (Bg.3.19). Cosicch tutto il mondo, senza importare la sua posizione, comprendeva che il suo lavoro era tanto importante come benefico per la societ, ed allora si sentiva soddisfatto. Che cosa dire della cultura Vedica, 5.000 anni fa, se quando guardiamo la societ occidentale pre-industriale, possiamo vedere che, in generale, il lavoro era eseguito con molto pi curato ed attenzione. Gli artigiani erano realmente orgogliosi del suo lavoro; gli artisti ed i musicisti glorificavano a Dio e la natura in termini positivi. Sfortunatamente, le cose si giudicano oggi solo per il suo valore commerciale, senza importare se il prodotto inquina o distrugge la mente degli uomini, i suoi corpi o l'ecosistema. Pertanto, la lavoratrice corrente sente un vuoto nella sua vita giornaliera perch egli capisce che non stimato per il lavoro specifico che sta realizzando, bens per il denaro che sia capace di produrre per riempire la tasca del suo impresario. Quasi con ogni sicurezza il suo lavoro diretto verso qualche prodotto inutile o dannoso per il quale si creato una domanda artificiale attraverso la pubblicit e la propaganda. O una persona opprime solamente fattorini e fa complicati calcoli di computo, si dedica ai numeri astratti o a fare qualunque altra classe di lavoro monotono; forse la cosa unica che deve fare sedersi e sperare che arrivi l'ora di uscita. Tutta quell'insoddisfazione che la gente sperimenta la piena di frustrazione. Pertanto,

vediamo che prende rifugio nel gioco o in distinti tipi di intossicazione e prostituzione, arrotolandosi cos sempre di pi nella vita materialista. Per questa ragione, lo yogi deve trovare una classe di lavoro che sia necessario eseguire e che sia benefico per lui, per la sua famiglia e per la societ in generale e col quale possa avere una vita onesta e dedicare i frutti del suo lavoro per illuminare ad altri. Tra pi vicino stia il suo lavoro degli ideali spirituali, molto meglio per lui. Se lo yogi pu dedicare direttamente la sua energia ad istruire ad altri circa la vita spirituale, questa sar la cosa migliore per lui. Ma se per una ragione o altra gli impossibile fare questo, deve dedicare almeno i frutti del suo lavoro, tanto quanto lui sia possibile, per aiutare a quelli che hanno accettato la carta di Maestri Spirituali. Di questa maniera egli sentir che il suo lavoro ha qualche beneficio pratico accampamento per la societ. Pi ancora, lo Yogi convinto che di tutte le classi di lavoro prospero, il lavoro di benessere spirituale il beneficio pi elevato. Alleviare alcuni necessit corporali temporali, (tali come aprire ospedali o fare carit ai poveri, non arrivare realmente al punto di partenza del problema, il quale che tanto egli come l'altra gente devono essere portati verso la sua natura spirituale eterna, e questo finir d'un colpo coi suoi problemi per tutte. In realt, aiutando semplicemente le persone a soddisfare le sue necessit materiali pu essere a volte un errore, perch senza la conoscenza spirituale la cosa pi sicura che ritornino alle sue abitudini peccaminose anteriori, e pertanto, avranno garantito un futuro oscuro per loro stessi ed i suoi seguaci. Distribuendo conoscenza dell'io, lo Yogi pu vedere che la gente perde interesse nelle attivit peccaminose, e questa stessa gente lavorer allora in favore della societ. Quando realizza questa classe di lavoro, il desiderio interno dello Yogi di aiutare gli altri si soddisfa immediatamente in grado sommo, ed in forma simultanea il suo proprio avanzamento verso la meta della vita riceve un impulso sostanziale, perch come Krishna dice": Quelli che insegnano ad altri circa Me, sono molto cari per Me (Bg.18.69). In questo aspetto, consigliato allo studente consultare il capitolo 12 del Bhagavad-gita, nel quale Krishna parla circa i differenti livelli di lavoro che devono essere eseguiti di accordo con l'avanzamento spirituale. Pertanto, lo yogi deve essere sicuro che chiunque sia la sua inclinazione esterna, di una forma o un'altra pu occuparsi in un lavoro mediante il quale il Supremo sia soddisfatto, la societ sia beneficata e le sue proprie necessit spirituali e materiali siano risolte. SEZIONE 7 YOGA E SALUTE. FERTILIZZANTI ED INSETTICIDI ARTIFICIALI. Attualmente tutti i campi del mondo sono trattati con prodotti velenosi (fertilizzanti) pesticidi, etc.. Questi veleni sono mantenuti nel corpo degli animali che mangiano piante ed erbe. Per esempio, i campi sono fumigati con l'insetticida DDT, un veleno molto poderoso del quale gli scienziati dicono che pu causare cancro, sterilit, e serie malattie del fegato. Il DDT ed i pesticidi come questo sono mantenuti nell'animale ed una volta immagazzinati sono difficili da eliminare. Quando le vacche mangiano erba, la maggior parte dei veleni che hanno ingerito rimangono nei suoi corpi; e quando lei mangia carne, il DDT e gli altri prodotti chimici che si sono accumulati durante la vita dell'animale entrano anche nel suo corpo. Mangiando al termine di questa catena alimentare, gli umano si trasformano fatalmente nei consumatori finali di pesticidi ed altri veleni, raggiungendo un'alta concentrazione di essi. In realt, la carne trattiene 13 volte pi la quantit da DDT che i vegetali, frutte ed ortaggi. Esperimenti realizzati nell'Universit dello Stato dell'Iowa, mostrano che la maggiore quantit di DDT negli esseri umani proviene dalla carne. DROGHE, ANIMALI, MALATTIE, PAURA ED ORMONI PERFEZIONI. Ma l'avvelenamento della carne non ferma l. La carne preparata con molti prodotti chimici per aumentare il suo volume, migliorare il suo colore, etc. Per produrre maggiore quantit di carne a minore prezzo, gli animali sono obbligati a mangiare, ingrassati, ed iniettati con ormoni per stimolare la sua crescita e sviluppo. dato loro stimolanti per l'appetito, antibiotici, sedativi e miscugli alimentari chimica. Molti di questi elementi causano cancro e, in realt, molti animali sono morti a causa delle droghe prima di essere sacrificati. Un altro pericolo che affronta la persona che mangia carne che l'animale si infetta frequentemente con malattie che non sono scoperte o che sono ignorate dagli ispettori, gli empacadores o i macellai. A volte, se l'animale ha cancro o un tumore di qualunque classe nel corpo, la parte cancerosa rimossa ed il resto del corpo spacciato agli empacadores di carne. O qualcosa peggio, la parte o parti cancerose sono incorporate a prodotti tali come i cani caldo e marcato eufemsticamente come" carni fredde." In una regione dove ispezionano regolarmente, trovarono da poco che pi di 25.000 teste di bestiame avevano cancro negli occhi. Gli scienziati hanno trovato che il fegato di un animale malato, quando si d come alimento i pesci, pu causare cancro. Un medico famoso, il dottore I. H. Kellogs (Vegetariano), una volta che era seduto di fronte ad un cibo vegetariano afferm": Che buono potere mangiare senza affannarsi perch o dove sar morto." Evolvendo le fattorie in fabbriche di animali, molti animali non vedono la luce del giorno, le sue vite passano tra reticolati ed una crudele scala periferia che culmina nella sua morte brutale. Un buon esempio l'aumento delle propriet di polli. Di accordo con un articolo della Tribuna di Chicago, le uova sono covate in un piano alto e dopo i pulcini sono stimolati, impasticcati e forzati a mangiare. Mangiando voracemente nelle sue piccole gabbie dove non possono esercitarsi mai n mai prendere aria fresca. Crescendo sono cambiati ad un altro piano durante un certo periodo di tempo, e cos li vanno scendendo ad altri livelli, fino a che arrivano all'ultimo dove sono sacrificati. Tali pratiche antinaturali non squilibrano solo la chimica del corpo dei polli, ma distruggono le sue abitudini naturali e quelli degli uomini. In anticipo al suo sacrificio, come durante questo atto, ogni animale battuto per la paura soffre drastici cambiamenti biochimichi, endocrini, nel suo corpo. Il risultato che si liberano innumerabili tossine nella corrente sanguineo e passano finalmente alla carne dell'animale morto. L'Enciclopedia Britannica appoggia il fatto che i Chimici velenosi, tali come l'acido urico, si filtrano nei tessuti dell'animale. Come il corpo umano soffre cambiamenti intensi, perfino malattie, durante gli accessi di ira o paura, allo stesso modo gli animali soffrono cambiamenti biologici in situazioni di pericolo. Il livello ormonale dell'animale, quello di adrenalina, aumenta specialmente drasticamente quando vedi che ci sono altri animali che stanno morendo intorno a suo, ed ovviamente comincia a lottare febbrilmente per la sua propria vita. La gran quantit di paura che fa che gli ormoni siano liberati nel torrente sanguineo, sono quelle che finalmente assorbe il corpo della persona che mangia carne dove possono causare stati mentali simili a quelli nei quali si prodursi per la prima volta. Di accordo con l'Istituto Americano di Nutrizione": La carne degli animali morti piena di sangue tossico ed altri prodotti di disfatto simili." Putrefazione.

Non appena l'animale sacrificato, il contenuto proteico dei suoi muscoli comincia ad indurirsi, e gli enzimi si rovinano a loro stesse", il contrario della decomposizione nelle piante che hanno pareti cellulari forti ed un sistema circolatorio semplice. Oltre ad un grado eccessivamente rapido di decomposizione e putrefazione, poco dopo della morte dell'animale, le sostanze velenose si liberano nel suo sistema. Non facile immaginare i cambiamenti che si succedono nel cadavere da quando si ammazza l'animale fino a che la carne si invecchiata, il tempo l'aggiunge sapore, o fino a che finalmente l'imbarcano, la tagliano ed imballano, ed arriva finalmente allo sfortunato consumatore. La carne passa molto lentamente per il sistema digestivo umano, il quale, come gi abbiamo visto, non progettato per mangiare carne. La carne prende vicino a cinque giorni per uscire dal sistema digestivo, a differenza del cibo vegetariano, e per questo tempo gli elementi causanti della malattia che si trovano nel prodotto in decomposizione, sono stati in contatto costante con gli organi della digestione e, pertanto, hanno creato una situazione velenosa che distrugge il tratto digestivo. La carne cruda che sta gi in decomposizione, pu inquinare le mani che la tocchino come qualunque altra cosa che abbia contatto con lei. Gli ufficiali pubblici Britannici di salute seguirono un rastrello di avvelenamento che li condusse ad un mattatoio e dovettero notare le casalinghe" devono trattare la carne come se fosse l'equivalente all'escremento dei maiali." Frequentemente i batteri velenosi non sono distrutti bench la carne sia cucinata; specialmente se la carne stata arrosta o fatta alla griglia, continua ancora essendo una gran fonte di batteri. Ed ora, dimentichiamo l'abitudine spiacevole di mangiare carne, e passiamo alla nostra ricetta vegetariana PUR DI PAPI CON YOGHURT. 2 libbre di papi, 1 Cucchiaiata di Sale, 2 Tazze di Yoghurt naturale, 1 Cucchiaiata di cumino macinato, 1 Cucchiaiata di coriandolo. Lavi le patate e li tagli per la met. Li bolla in una pentola con acqua. Quando le patate siano soffici li sgoccioli e li schiacci. Aggreghi le spezie e lo yoghurt. Mescoli bene. SRILA PRABHUPADA, LO YOGI PI FAMOSO IN L'ATTUALE ERA MODERNO

Lezione 10 Con questa nuova lezione desideriamo ricordargli l'importanza di comprendere questi insegnamenti con una mente aperta e flessibile. Facendo domande intelligenti e praticare con pazienza, sicuro che lei continuer avanzando rapida e naturalmente. SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. LA CONOSCENZA PI CONFIDENZIALE. Nella cosa esposta anteriormente nel Bhagavad-gita, la conoscenza relativa alla differenza basilare tra l'anima ed il corpo si descritta come" confidenziale." Orbene, nel Capitolo Nono, si spiega lo Scheggia-vidya, o" il re della conoscenza", e" Scheggia-ghuyam," la conoscenza pi confidenziale", cio la conoscenza corrispondente all'eterna funzione costituzionale o attivit originale dell'anima. Quell'eterna funzione costituzionale, sanatana-dharma, si descrive attraverso il Gita, e nel capitolo nono in questione, come" Bhakti" o il servizio devozionale trascendentale a Krishna, la Suprema Personalit di Dio (Purusottama). Al principio del capitolo, Krishna dice che ora Egli impartir" la saggezza pi segreta", la quale allevier ad Arjuna il cui fede ferma in Krishna lo qualifica per ricevere questi insegnamenti, di tutte le miserie, Bg. 9.13). Krishna spiega dopo che tutta la creazione cosmica poggia dentro Lui. Ancora cos, bench Egli sia la fonte ed il controllore dell'universo, Egli rimane trascendentale ed appartato di lei, Bg. 9.4-10). Subito, Krishna descrive agli ignoranti (mudhas) chi ignorano la Sua supremazia trascendentale e ridicolizzano la sua forma personale apparentemente umana, e li contrasta con le grandi anime (mahatmas) chi stanno informate della Sua divinit e chi l'adorano con devozione, Bg. 9.11-14). Quindi Krishna descrive i differenti tipi di adoratori: gli adoratori del Bramino impersonale, dei semidei e della forma universale, ed Egli si descrive a S Stesso come il vero ed ultimo oggetto di adorazione (15-21), il protettore di Suoi devoti, Bg. 9.22, ed il beneficiario ultimo di tutti i sacrifici ai semidei, Bg. 9.23-24). Altri adoratori raggiungono le dimore dei suoi oggetti di adorazione, ma" quelli che mi adorano, vivranno con me", Bg. 9.25). Nei versi finali del Capitolo Nono, Krishna parla circa Suoi devoti. Facendolo a Lui, obietto di tutte le azioni, offerte ed austerit, Suo devoto si libera della legatura del karma e lo raggiunge Lo nella Sua dimora eterna, Bg. 9.26-28). Bench imparziale, Krishna favorisce a quelli che lo servono con amore, Bg. 9.29). Perfino, se un devoto commette le azioni pi abominevoli, egli deve essere considerato come un santo, poich egli sta" debitamente reddito"; lo stesso processo del servizio devozionale l'elever alla corretta ed ultima perfezione, Bg. 9.30-31). pi, se ancora le persone considerate come quelle di pi bassa classe possono raggiungere Krishna cercando la Sua protezione, che cosa dire di quelli nati due volte, i brahmanas? , Bg. 9.32-33). In conclusione, Krishna dichiara che quello che completamente Suo devoto, lo raggiunge Lo. "occupa sempre la tua mente in pensare a Me e trasformati in Mio devoto; offrimi riverisci ed adorami. Essendo completamente assorto in Me, sicuramente tu me verrai", Bg. 9.34). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 6, Testo 2 yam sannyasam iti prahur yogam tam viddhi pandava na hy asannyasta-sankalpo yogi bhavati kascana yam - che, sannyasam - rinuncia, iti - cos, prahuh - dicono, yogam - vincolarsi col Supremo, tam - quello, viddhi - devi sapere, pandava - Oh figlio di Pandu, na - mai, hi - certamente, asannyasta - senza abbandonare, sankalpan - la propria soddisfazione, yogi un trascendentalista mistico, bhavati - si converte, kascana - chiunque. Traduzione: Quello che si denomina rinuncia la stessa cosa che lo yoga, cio vincolarsi col Supremo, perch nessuno pu trasformarsi in yogi, a meno che rinunci al desiderio di gratificazione dei sensi. L'idea chiave di questo verso " lo yogi non deve vivere solamente per gratificare i suoi sensi." Mediti specialmente lo studente su questo significato. Uno pu rinunciare ad un'attivit quando trova un'attivit superiore. Quando lo yogi rinuncia a gratificare i suoi sensi, rinuncia non differente di yoga, e questo vincolarsi col Supremo, finalmente egli pu sviluppare un'attivit ed un piacere superiori. Mediti lo studente circa l'importanza della condizione di rinunciare alla gratificazione dei sensi (piacere inferiore), per vincolarsi (yoga, con l'Essere Supremo o Dio) piacere superiore o spirituale. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. PRANAYAMA. Prana significa" aria"," Yama" significa" controllo." Pranayama una parte del sistema Astanga-yoga, utilizzato per controllare il sistema respiratorio. Questo processo importante per il controllo dei sensi e per il progresso nella realizzazione spirituale. Nel corpo ci sono dieci classi differenti di aria, i quali circondano l'anima pura. Le arie sostengono le attivit dei sensi. Pertanto, quando le arie sono controllati, anche i sensi e la mente lo stanno. Le dieci arie sono le seguenti: A. - Primari. Arie" grossolane." 1. Prana: l'aria che entra per il naso. 2. Aggiusta: l'aria intestinale che permette l'evacuazione e le attivit dell'Addome. 3. Samoana: l'aria dentro lo stomaco. 4. Udhana: l'aria per inghiottire, passa attraverso la gola. 5. Vyana: l'aria che passa attraverso il corpo. B. - Secondari: Arie" sottili." 6. Naga: l'aria per aprire la bocca e gli occhi. 7. Krkara: l'aria che creda l'appetito, e che aiuta a vomitare. 8. Kurma: l'aria per contrarre i muscoli. 9. Devadatta: l'aria per sbadigliare e rilassarsi. 10. Dhananjaya: l'aria per conservare l'equilibrio. Il controllo delle arie comincia col Pranayama, o controllo dell'aria che passa attraverso il naso. TECNICHE:

Senti Lei in posizione di Loto. Lo faccia comodamente tutto. Gi seduto in posizione di Loto, o in SIDDHASANA, appoggi le sue mani sulle ginocchia in una maniera rilassata. Anche pu essere disteso. Chiuda soavemente gli occhi e mantenga la colonna vertebrale retta, senza tensione. Prenda ora coscienza di tutto il suo corpo fisico. Quindi prenda coscienza che il suo corpo fisico completamente quieto. Non faccia da ora in poi pi movimenti non necessari. Incominci a prendere coscienza della sua respirazione entrando ed uscendo attraverso il suo naso. Ora inizio a contare la sua respirazione da 1 a 20. Pratichi naturalmente il pi possibile senza sforzo. Ora porti lentamente la mano destra al suo viso. Col pollice copra la fossa destra del suo naso ed il dito mezzo ed indice appoggiati nel cipiglio. Mantenga le dita anulare e piccolino a distanza sulla fossa sinistra del suo naso. Inali soave e profondamente per il lato sinistro del suo naso. Ora copra la sua fossa sinistra con le due dita e levante il pollice destro. Esali molto soavemente per la sua fossa destra. Ora, inali per la sua fossa destra ed esali per la sua fossa sinistra. Quando inali per la sinistra, copra la sua fossa destra col pollice, e quando esali per la destra, copra la fossa sinistra con le due dita. Ripeta tutto il processo per cinque volte, alternando un ed un'altra fossa nasale. Ora, senza smettere di fare l'esercizio, prenda coscienza della sua respirazione passando attraverso la gola dove esiste un'aria (udhana) che controlla l'entrata ed uscita della respirazione. Cominci a contrarre questa parte come se a partire da quello punto stesse respirando. Quando inali, contragga, e quando esali, espanda. Prenda coscienza che la sua respirazione comincia nella gola. Ora sospenda gli esercizi e prenda coscienza della respirazione nel naso entrando ed uscendo. Prendere unicamente coscienza della respirazione la finalit di questi esercizi, col fine di ottenere equilibrio mentale. Vogliamo ricordargli che lei pu fare tutti i giorni gli esercizi insegnati in questa sezione. Gli esercizi di respirazione non devono eccedere i quindici minuti. SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. VARNASRAMA-DHARMA. C' una parola che abbiamo ascoltato varie volte: Varnashrama dharma. Oggi tenteremo di spiegarla. I seguaci della volont di Dio, come fu insegnata per il Sig. Krishna nel Bhagavad-gita, sono generalmente conosciuti come ind. Questa parola" ind" che data solo di fa poco tempo, un nome dato per i Maomettani a quelli seguaci del varnashrama-dharma chi normalmente riunivano nel fiume Ind, in India. "Ind" si convert in" Ind" per una brutta pronuncia, in modo che" Ind" una designazione vuota e carente di significato speciale. Il principio delle quattro ordine sociali e le quattro ordine spirituali fu creato originalmente per Dio Stesso, come rivelato nel Bhagavad-gita, 4.13, e chiamato appropriatamente varnashrama-dharma. Essenzialmente, le quattro ordine della vita chiamato" varna" sistemate scientificamente per il progresso materiale della societ, e le quattro ordine spirituale chiamato" ashrama" designato per il progresso naturale dell'autorrealizacin. Entrambi i sistemi, il varna e l'ashrama, stanno inter-relacionados ed ognuno dipende dall'altro. Il proposito di questo piano creato per il Sig. Stesso accelerare le qualit trascendentali dell'individuo, in modo che gradualmente possa realizzare la sua identificazione spirituale ed agire in modo che possa liberarsi delle legature materiali della vita condizionata. un sistema per mezzo del quale l'essere umano civilizzato pu portare a termine il suo missione exitosamente, la quale deve essere distinta delle propensioni naturali dell'animale che sono il mangiare, il dormire, l'accoppiarsi ed il difendersi. Vita Tranquilla, Vita spirituale Il sistema varna di quattro caste: Brahmana, ksatriya, vaisya e sudra, perfettamente organizzati in termini materiali per permettere alla gente vivere pacificamente e dedicarsi alla vita spirituale mentre si occupato in attivit normali. In ogni societ esiste sempre una classe interessata nei commerci e l'agricoltura. Di accordo col capitolo 18 del Bhagavad-gita, i doveri dei vaisyas sono la" agricoltura, la protezione delle vacche ed il commercio." La classe" sudra" d'altra parte, realizza il lavoro o serve alle altre classi. I ksatriyas gli amministratori e protettivi, o poliziotti. "L'eroismo, il potere, la determinazione, la destrezza, il valore nella battaglia, la generosit e la leadership sono le qualit di lavoro per i ksatriya" (Bg.18.43) I Brahmanas costituisce la classe intelligente ed impartiscono conoscenza spirituale e guidano all'umanit verso l'autorrealizacin. Sia che uno accetti o non li nominare di Brahmana, ksatriya, vaisya e sudra, esiste sempre naturalmente in ogni societ una classe intelligente interessata nella conoscenza superiore o spirituale e nella filosofia. Esiste anche una classe interessata nell'amministrazione e nel governo degli altri. Una classe interessata nello sviluppo economico, nei commerci e nell'ottenimento di denaro. E finalmente, esiste un'altra classe di uomini che non sono tanto intelligenti, n hanno spirito militare, e neanche hanno capacit per lo sviluppo economico, ma semplicemente tentano di servire alle altre classi per ottenere il suo sostentamento. Guardando la storia della societ, vedremo che queste caratteristiche sono costanti. Questo sistema esistito da tempo immemorabile, e continuer per tempo immemorabile. Non bisogna potere che possa fermarlo. Dovuto alla dipendenza straniera dell'India ed a quelli che non seguono il sistema Varnashrama, detto paese sta ora presenziando alla degradazione dell'ordine naturale e sistema artificialmente un sistema basato nella casta ereditaria. Poich il sistema di Varnashrama creato per Dio, esister sempre, sia nella sua forma degradata od originale, non potendo essere estinto. come il sole, una creazione di Dio. Sia che sia coperto per le nuvole o in un cielo sereno, il sole esister. Quando il sistema di Varnashrama arriva a degradarsi, appare allora come il sistema di casta ereditaria. Le quattro ordine naturali stanno ancora l, ma non c' una vera regolazione per la cooperazione tra le comunit ed ordini sociali. Di accordo col sistema originale dato nel Bhagavad-gita, la casta non determinata per la nascita, bens per le qualit. La letteratura Vedica perfettamente chiara in questo punto. Il Sig. Krishna Stesso us l'espressione" brahma-bandhu", per significare" relativo ad un Brahmana", per descrivere ad una persona che nasce nella famiglia da un Brahmana, ma che non qualificato come tale. Questo fu il caso di Asvathama, come si descrive nello Srimad Bhagavatam, 1.7.35. Egli era figlio di un Brahmana, ma aveva ammazzato i cinque figli di Draupadi mentre dormivano, e per quel motivo Krishna disse che egli dovrebbe essere chiamato" brahma-bandhu." Come la magistratura un carico per una persona qualificata, dello stesso modo il carico di Brahmana si capisce solo per qualificazione. Per la solo nascita uno non pu arrivare ad essere un alto giudice della corte, ma una persona qualificata, non importa la sua nascita, eleggibile per il carico. Analogamente, qualunque uomo che raggiunga le qualit di un Brahmana, bench sia nato in una famiglia di casta bassa deve essere riconosciuto come un vero Brahmana. Esiste un esempio nel Chandogya Upanisad di un discepolo che si avvicin ad un guru per

essere istruito. Il guru chiese al ragazzo del suo cognome. Per potere rispondere al suo maestro, egli domand a sua madre. Inquisendo sua madre, il ragazzo ebbe come risposta": Io non so. Io ero domestica nella mia giovent e lavorava in molti posti. Io non so chi tuo padre" fu. Il ragazzo raccont la cosa anteriore al saggio, e questo dichiaro": Nessuno bens un Brahmana parlerebbe tanto veracemente come te l'hai fatto", ed il ragazzo fu accettato per questo come un Brahmana, poich egli ag come un Brahmana. Analogamente, nel Hari-bhakti-vilasa, che il letteratura modello per il comportamento regolativo nel servizio devozionale, si dice": come il bronzo pu essere trasformato in oro mediante il processo chimico appropriato, allo stesso modo per il processo di iniziazione di un guru genuino qualunque essere umano pu essere trasformato in un nato per la seconda volta, in un Brahmana. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. KARMA. Le scienze e filosofia occidentali sostengono comunemente che la legge della causalit governa tutte le azioni ed i differenti avvenimenti nell'universo che non possono esistere azioni o avvenimenti senza le sue cause corrispondenti, almeno nella piattaforma materiale. La letteratura Vedica richiama a questo la Legge di Causa ed Effetto, o Legge del Karma. Le azioni del jiva derivano nella sua trasmigrazione da un corpo materiale ad un altro. In altre parole, il jiva si toglie e si mette corpi, come una persona si mette nuovi paramenti, rifiutando le vecchie. Mentre il jiva trasmigra, egli soffre o gode i risultati delle sue attivit passate (Karma). In un senso ogni karma cattivit. Ancora le attivit pio, o" buon karma", legano ad una persona alla ruota della trasmigrazione. Se uno vuole trascendere il Samsara, o le nascite e morti ripetuti, uno deve essere libero di ogni karma. Il jiva creda il suo proprio Karma coi suoi desideri particolari di godere di differenti maniere questo mondo. In questo modo, n Bhagavan, n la natura materiale sono responsabili per il karma del jiva; egli fa il suo proprio destino. Secondo le attivit del jiva, e scendo la supervisione dal Suprema, semplicemente la natura materiale gli concede un altro corpo affinch porti a termine i suoi desideri. La liberazione della gran catena del karma arriva attraverso la conoscenza. "Come il fuoco converte al legno in cenerino, Oh Arjuna!, dello stesso modo il fuoco della conoscenza converte in cenerino tutte le reazioni (Sarva-karmani, delle attivit materiali") Bg. 4.37). Questo" fuoco della conoscenza" si riferisce alla coscienza del jiva della sua propria posizione costituzionale come eterno domestico del Supremo. Quando uno si arrende a Bhagavan, trascende immediatamente tutto il karma passato, presente e futuro. Il jiva non pu liberarsi meramente del karma con lasciare le sue attivit. Le Proibizioni incorniciano all'anima come eterna ed irrevocabilmente attiva. " davvero impossibile per l'essere corporificado abbandonare tutte le attivit. Nonostante, si dice che quello che rinuncia ai frutti dell'azione, karma-phala-tyagi, quello che ha rinunciato in realt." In altre parole, uno deve imparare l'arte di lavorare senza incorrere in karma. Nel Bhagavad-gita, Bhagavan Krishna spiega in dettaglio questa arte del karma-yoga. Riassumendo, quello che esegue le sue attivit come sacrificio al Bhagavan Supremo evita il Karma, la cattivit dentro il mondo materiale. Questa attivit di sacrificio tanto raffinata si chiama akarma, cio, l'azione senza reazione. Il" Narada Pancaratra" spiega che l'arte di karma-yoga Hrsikena-seva nam": Servire al Sig. dei sensi coi sensi di uno." la funzione del guru insegnare ai suoi discepoli questa arte schiva dell'akarma, l'azione senza reazione. SAMSARA. Samsara vuole dire nascite e morti ripetuti, o trasmigrazione. Come risultato del karma, una persona pu prendere la sua nascita in una famiglia di ricchi mercanti o in una famiglia di insetti. Il Padma-Purana espresso in dettaglio che ci sono 8.400.000 specie di vita e che il jiva caduto deve prendere nascita in ognuna di esse. Dopo avere evoluto attraverso molte migliaia di nascite, il jiva raggiunge finalmente la forma umana, l'unica opportunit di coltivare l'autorrealizacin per la sua liberazione ultima del ciclo del Samsara. SAMSARA La Vasta Ruota Della Nascita E La Morte Conduce All'Anima, Sembrando Trovare Ella Suo Violetta Finale In Alcuna Di Le 8.400.000 Specie Di Vita. IN LA CUSPIDE DI LA RUOTA QUESTO LA VITA UMANA, LA QUALE, SE SI USA SAGGIA E PRUDENTEMENTE, PU LIBERARE ALL'ANIMA DI LO SCHIAVIT DELLA NASCITA E MORTE RIPETUTI. (Illustrazione) ROTAZIONE DI LA GAMBA. TECNICA: Coricato supino, le gambe allungate e le braccia ai lati del corpo con le palme delle mani nel piano. Le gambe giunte. Levante del suolo la gamba destra, sempre retta, e le faccia girare dieci volte nel senso delle lancette dell'orologio e dopo dieci volte in senso contrario. Esegua lo stesso esercizio con la gamba sinistra. Ripeta simultaneamente l'esercizio con entrambe le gambe ed in entrambi i sensi. Durante l'esercizio tutto il corpo, includendo la testa, devono rimanere nel suolo. Non si affatichi, faccia l'esercizio di accordo con la sua capacit respiratoria. Deve inalare ed esalare in ogni circolo. Benefici: Fortifica i muscoli dell'addome. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI E L'AUSTERIT. "Se lei vuole conquistare il mondo facendo un lavoro semplice, allora controlli la mente, la quale sta ballando sempre di fronte al viso dei cinque piaceri ed i dieci sensi." Canakya Pandit. Austerit una parola magica che c'apre le porte di qualunque successo nella vita. Se vogliamo raggiungere qualcosa di molto grandioso, tanto nelle nostre attivit materiali come nelle attivit sviluppate durante il tragitto spirituale, dobbiamo essere disposti a trovare ed ad affrontare anche difficolt ed ostacoli molto grandi. Dovuto a queste difficolt, la maggior parte della gente non desidera raggiungere grandi obiettivi. In altre parole, austerit significa la serie di difficolt che una persona assume per raggiungere la gran meta della perfezione nello yoga o l'autorrealizacin. L'austerit nelle modalit dell'ignoranza e la passione volere raggiungere mete temporanee tali come la fama (essendo sportivi distaccati) getti del cinema o della canzone, e l'accumulazione di ricchezze materiali e temporali. Naturalmente, un yogi non interessato in tali mete mondane o materiali. Per esempio: Durante tutta la vita possiamo lavorare molto duramente, come asini, e cos ottenere molto denaro. Ma, quando arriviamo al momento della morte, chiamiamo immediatamente il medico e gli diciamo": per favore, il mio caro medico, io sono una persona supremamente ricca, io gli pagher

quello che lei voglia se lei mi d un anno pi di vita, o forse solo un'ora, un secondo pi di vita, per favore." Ma il medico dovr rispondergli": Con tutto il suo denaro lei non pu comprare un solo istante pi di vita, perch la morte non sta basso il mio controllo." Un yogi sempre un saggio, perch egli vedi sempre le cose come esse sono. Per raggiungere la perfezione della nostra vita, l'autorrealizacin, inevitabile, l'austerit sincera e naturale. Gli yogis, per esempio, si alzano molto presto, prendono un bagno e dopo si dedicano a meditare. Essi tentano di evitare conversazioni su temi mondani. Neanche utilizzano il suo tempo andando cos al cinema n altri programmi chiamate culturali o sportive. Lo yogi segue l'ordine del suo maestro spirituale, e se gli difficile da eseguire questa ordine, questa difficolt accettata dal discepolo come un'austerit naturale. L'austerit prescritta per questa era attuale (Kali-yuga), la meditazione su quello Far KRISHNA Maha-mantra; Far KRISHNA Far KRISHNA, KRISHNA KRISHNA, Far Far, Far Ramo Far Ramo, Ramo Ramo Far Far. Nella lezione quindici, terza sezione del nostro corso, si daranno le istruzioni basilari su questo processo di meditazione o mantra-yoga. Questa meditazione un processo purificativo, specificamente prescritto per questa era, per le sue condizioni particolari, per le Proibizioni, perch molto facile da praticare, d pace e tranquillit e si esegue allegramente. Uno potrebbe domandarsi allora, dove sta l'austerit? La risposta a questa domanda la troviamo nello Srimad Bhagavatam (Canto II)": Nell'era di Kali tutte le buone qualit degli uomini sono sparite, e l'ipocrisia, la rissa e la brutta fortuna appaiono ovunque. Ancora cos, questa era ha un gran vantaggio. Semplicemente per uno cantare quello Far KRISHNA Maha-mantra, pu raggiungere il Destino Supremo della vita." Il segreto che al principio della vita spirituale, dovuto al nostro attaccamento a cose e risultati materiali o mondani, il processo di yoga pu sembrarci amareggio come il fiele, ma alla fine dolce come il miele. Al contrario di quello che pu succederci nelle nostre attivit mondane che sono all'inizio molto dolci, ma alla fine sono molto amare. Perci, caro studente, prosegua senza dubitare, malgrado a volte quello verso lo Yoga possa sembrarci qualcosa di duro ed austero. Ma sappiamo anche che quando sviluppiamo le nostre migliori qualit e perfezioniamo il nostro amore, la vita nello Yoga diventer molto dolce e rallegri. SEZIONE 7 YOGA E SALUTE. MEDITAZIONE SU LA TRADIZIONE. Dobbiamo domandarci se gli orrori di un mattatoio, o acchiappare gli animali silvestri per usare la sua pelle o la sua carne, o torturare indifesi animali nei laboratori di vivisezione, e molte altre azioni abominevoli che commettiamo contro il regno animale, stanno concordi coi principi di amore e compassione. Per comprendere molte delle storie allegoriche del Bibbia che nascono nella letteratura ebraica, magari possa aiutarci sapere che essi furono influenzati per molto tempo per i metodi egiziani di rappresentazione grafica. Essi utilizzarono simboli, segni e geroglifici. Gli animali furono usati per rappresentare stati di sdoppiamento spirituale, etc. Attraverso tutto il Bibbia abbiamo la stessa classe di simbolismo: l'Agnello di Dio, la colomba della pace, ancora i Quattro Vangeli hanno i suoi simboli: il leone, il bue, l'aquila e l'uomo con testa di angelo. L'astrologia svolse anche un ruolo importante nella vita della gente di quelle epoche; ogni Tagli Reale aveva i suoi astrologi ed indovini. In conseguenza, il Bue, Taurus, ed i Pesci, Pesci, si trovano citati frequentemente, riferendosi all'era astrologica che viveva l'umanit e bene sono potuti essere usati in una maniera mistica ed allegorista. Ma senza importare come interpretiamo le storie Bibliche, una cosa certo: completamente contraddittorio il quadro di un Figlio di Dio, santo, divinamente compassionevole, con un coltello nelle Sue mani, tagliando la gola delle Sue amate creature viventi. Fu il Maestro un Vegetariano? Quelli che tentano di seguire un regime di vita vegetariano sono ostacolati frequentemente per la credenza che Ges Cristo mangiava carne. Ed anche i vegetariani sono accusati di tentare di ottenere una migliore posizione che quella che Egli raggiunse. Ma nessuno che sia convinto che il Vegetarianismo l'unico mezzo di vita corretto per un Cristiano, pu accettare l'idea che il fondatore del Cristianesimo fu una sala da pranzo di carne o ancora di pesce. I Cristiani credono che il Maestro fu pi grande di Buddha chi considerava il Vegetarianismo come una parte essenziale della vita pura. Tuttavia, non importa se il Maestro era un vegetariano o no, a lui lo acclamato come esempio dell'essere umano perfetto. Per noi non c' alternativa in questo dilemma. Per quel motivo dobbiamo esaminare le ragioni esposte che difendono il punto di vista che il Maestro mangi carne e vedremo come pu dimostrarsi che queste sono false. Tutte le evidenze presentate vengono dai Quattro Vangeli. Possono riassumersi brevemente della seguente maniera: 1, ci sono 19 riferimenti al cibo nei Vangeli ed in pi di un'occasione si rappresenta al Maestro dicendo ai discepoli": Hanno qualcosa di mangiare?" , Juan 21.5; Lucas 24,41. Le 19 riferimento sono: Scherzo, Marcos 7.19; Lucas 3.11; 9.l3; Juan 4.34; Brosimos, Lc. 24.41; Brosis, Jn.4.32; 6.27.55; Prosphagion, Jn. 21.5; Trophe, Mt. 3.4; 6.25; l0.l0; 24.45; Lc. 12.23; Jn. 4.8; Phago, Mt. 25.35.42; Lc. 8.55 2, si suppone che il Maestro ed i discepoli abbiano conservato la Pasqua quando celebrarono l'Ultima Cena. 3, si dice che il Maestro mangi pesce dopo la sua resurrezione. (Lc.24.43). Lo rappresentato anche come dando pesce ai suoi discepoli per mangiare, Jn. 21.9, dando di mangiare quattro mille persone con sette, o cinque, pezzi di pane e pochi pesci piccoli, Mt. 14.17; 15.36; Mc. 6.41; 8.7; Lc. 9.13; Jn. 6.11). E finalmente si presentano le due occasioni nelle quali si dice che Egli fece un miracolo per aiutare i Suoi discepoli a prendere un'enorme quantit di pesci, Lc. 5.6; Jn.21.11. INTERPRETAZIONE. Primo prendiamo i riferimenti a" mangiare." Se esaminiamo queste 19 riferimento vedremo che nessuna di esse implica che il Maestro mangi carne. Tali espressioni come" il Mio cibo fare la volont di chi mi invi" e" Lavorare non ferma il cibo che perisce" sono chiaramente metaforiche, ed in nessun caso indicano mangiare carne. Ma, ancora se a qualcuno gli sembra implicito che Egli sanzion il mangiare carne, quello non cos, perch tutte le parole greche usate, traducono cibo, alimento. Le parole usate sono: Scherzo alimento, quattro volte,; Brosimos - quello che pu essere mangiato, una volta,; Brosis - alimentarsi o l'atto di mangiare, quattro volte,; Prosphagion - qualunque cosa per mangiare, una volta,; Trophe - alimento, nutrizione, sei volte,; Phago - per mangiare, tre volte. Cosicch non disse Egli," Hanno alcuno carne?" , Jn. 21.5, bens "Hanno voi qualcosa per mangiare?" E quando i Vangeli dicono che i discepoli andarono a comprare cibo, Jn. 4.8, semplicemente si riferiscono ad alimenti. Questo in quanto ai riferimenti su mangiare.

Un punto che indica che l'Ultima Cena non era il Cibo Pascual l'assenza di qualunque menzione del parola Agnello, o come dice J.A Gleizes," sostituendo il pane ed il vino per il sangue e la carne nel sacrificio divino," il Maestro" annunciava la nuova alleanza tra l'uomo e Dio, una vera riconciliazione con tutte le sue creature." Se il Maestro fosse stato una sala da pranzo di carne, Egli avrebbe menzionato l'agnello e non il Pane, come il simbolo della Divina Passione nella quale l'Agnello di Dio fu morto per i peccati del mondo. E come tutte le cose indicano che l'Ultima Cena non fu la Pasqua, ma se fu un cibo di amicizia che il Maestro ebbe coi Suoi discepoli. significativo che ancora il pilastro dell'Ortodossia, il defunto Vescovo Gore disse": Assumeremo che Juan sta nella cosa certa quando egli corregge Marcos circa la natura dell'Ultima Cena. Non fu il cibo Pascual propriamente detta, bens un cibo di addio coi Suoi discepoli. N fare il racconto della Cena suggerisce la cerimonia del Cibo Pascual", Un nuovo commento della Scrittura Sacra, Parte III, pagina 235. Di un'altra parte, Decano Farrar, nel suo commento di San Lucas nel Bibbia di Cambridge per Scuole, dice che pu essere che l'Ultima Cena" non fosse l'attuale Mangi Pascual Ebrea, bens una quale si incammin a rimpiazzarla per una Pasqua di un significato pi divino." Punto di vista Etico. Per quelli che credono che il Vegetarianismo il vero verso vita, l'argomento etico pi forte di qualunque altro. Se leggiamo nei Vangeli che il Maestro fece qualcosa di indegno di qualcuno che fu perfettamente compassionevole, comprenderemmo che i Vangeli danno una falsa versione di Lui, e cos quando essi lo rappresentano come tossicodipendente alla crudele pratica di mangiare pesce, sappiamo che sono falsi in quell'aspetto. Questa frase non sta nella nuova versione. Le storie di alimentare alle cinque e le quattro mille persone hanno confuso gli erudito, e le sue spiegazioni stanno lontano da essere soddisfacenti. Gli erudito non li respingono basati nel fondamento morale, bens nello scienziato. Nei Vangeli c' un'inconsistenza in queste narrazioni che lancia dubbi circa la sua esattezza. I tre primi Vangeli dicono che l'alimentare le cinque mille persone ebbe luogo nel deserto, Mt. 14.13-21; Mc. 6.30-44; Lc 9.10-17, ma Juan dice che succed in una montagna e che c'era molta erba nel posto, Juan 6.3.10. Interpretazione Mistica. Alcuni sostengono che realmente la storia si riferisce al Cibo Eucaristico, e stato trasformata in un" miracolo" per gli Evangelisti, mentre altri l'interpretano misticamente. Tutti gli studenti biblici sono abituati con l'uso del Pane come un simbolo del Corpo di Cristo o la sostanza divina, e noi sappiamo che nella Chiesa Primitiva il" pesce" era soprannome della cosa misteriosa. La parola Greca per Pesce, I-CH-TH-o-S, formata delle lettere iniziali delle parole" iesos christos theos vos soter" che significa Jess Cristo Figlio di Dio Salvatore. Si trova come un simbolo Cristiano nelle catacombe e fu una specie di vocabolo misterioso. Per quel motivo appena ragionevole supporre che il termine pescato sia usato nei Vangeli in un senso mistico. L'interpretazione mistica della Scrittura fu molto usuale nella Chiesa Primitiva ed Origini dice che" mentre ogni passaggio della Scrittura ha un significato spirituale, molti passaggi non hanno un altro significato, e c' spesso un significato spirituale sotto una finzione letterale." Ed Atanasio ci previene che" se tentiamo di comprendere la Sacra Scrittura alla lettera, incorreremo nella pi grande bestemmia tanto quanto attribuire crudelt o falsit alla Divinit." Questo precisamente quello che ha fatto l'interpretazione no-mistica dei Vangeli, poich ci hanno fatto credere che il Maestro chi venne a predicare un Vangelo di amore, fu tanto contraddittorio nella Sua vita che Egli mangi le creature del Sig. ed incoraggi ad altri a fare la stessa cosa. Nota": Vegetariano" viene dal Latino" vegeter" che significa" vivificare." Homo vegetus si applica ad una persona dinamica e Vigorosa. Ed ora la nostra squisita ricetta vegetariana. Ricotta (Curd). 1 gallone di latte intero, 2 Limoni, Tessuto grande e quadrato di 45 x 45. Collochi il latte in una pentola e la metta a cucinare. Quando bolla il latte, faccia attenzione che non si scotti. Mentre il latte bolle, sprema il succo dei due (2) limoni e coli questo succo. Quando bolla il latte, aggreghi il succo di limone. Il latte si taglier. Tolga il latte del focolare e la lasci che si raffreddi. Allora torni a collocarla dopo sul focolare e le lasci bollire. Questo separer adeguata ed equilibratamente il latte tagliato del siero. Ora prenda il tessuto e getti il latte tagliato ed il siero al tessuto. Lasci che scivoli per alcuni minuti e dopo leghi il latte tagliato nel tessuto. Appenda questa sacca affinch finisca di sgocciolare; non dimentichi utilizzare una corda o fischia molto forte affinch rimanga ben legato. Differenti preparazioni nelle quali si usa la ricotta, richiedono differenti periodi di tempo di strizzata. La ricotta la base per differenti preparazioni deliziose. Non ha sostituto. , Lei pu utilizzare anche il siero per le sue zuppe, etc.. CECI TENERI IN SALSA DI COCCO E YOGHURT (KABLI CHANA USAL). Tempo di Preparazione: 15 minuti, dopo avere avuto tutti gli ingredienti intelligenti. Tempo di Ammollo: 8 ore. Tempo di Cottura: 2 a 3/4 ore, o 30 a 40 minuti nella pentola a pressione. INGREDIENTI: 1-1/4 tazze di Ceci secchi, 4 - 5 Tazze di acqua, 3-1/2 tazze se utilizza la pentola a pressione, Cucchiaiate di Ghee od olio vegetale, per friggere le spezie, 1-1/2 Cucchiaiate di semi di cumino, 2 Cucchiaiate di semi di coriandolo, 1/2 Cucchiaiata di semi di Minojo, 8 Grani di Pepe Nero, 1 Cucchiaiata di semi di papavero bianco, se si ottengono, o anarcardio punto o mandorle, 1 Tazza di Yoghurt interamente, crema inacidisce o siero di latte raffinato, 1-1/2 a 3 Cucchiaiate di semi di peperoncini verdi freschi, tagliati in pezzi, 1/2 Cucchiaiata di radici di Zenzero fresco, pelate e tagliate in pezzi, 1 Tazza di cocco fresco o un pacchetto di cocco secco, grattato, 11/2 a 2 Tazze di Ghee od olio vegetale per friggere, 2 Papi medi per infornare, 1-1/4 Cucchiaiate di semi di Senape Nera, 6 a 8 Foglie secche di curry, 1-1/4 a 1-1/2 cucchiaiate di sale, 1 Cucchiaiata di crcuma, opzionale, 2 Cucchiaiate prezzemolo fresco punto o foglie di coriandolo, 6 a 8 Rondelle di limone o lima per adornare. PREPARAZIONE: 1.- Collochi i Ceci in una stoviglia grande, getti le 3 1/2 tazze di acqua e lasci inzuppare durante la notte, pi o meno 8 ore, alla temperatura ambiente.

2.- Pre-caldo il forno a 200 F. 3.- Peli le patate e li tagli in cubi piccoli. 4.- Sgoccioli i ceci in un colatoio, li collochi in una casseruola di 3 o 4 stanze, annata quattro o cinque tazze di acqua ed un po' di ghee o di olio vegetale, e lo lasci bollire a fuoco alto. Quindi abbassi il fuoco a mezzo o basso, copra bene con un coperchio e lasci bollire soavemente durante 2 o 3 ore, o fino a che i ceci siano soffici come il burro, ma senza che si spacchino. Se sta utilizzando la pentola a pressione, combini gli stessi ingredienti nella pentola ed usi 3-1/2 tazze di acqua. 5.- Ritiri del fuoco, Riduca la pressione se necessario, scopra e rimescoli. 6.- Collochi i semi di cumino, di coriandolo, di finocchio, di pepe nero, e di papavero bianco, in un recipiente forte v li tosta per 10 minuti a fuoco lento. Li porti dopo ad un mulino elettrico di caff e li polverizzi fino a che rimangano in polvere. In un mixer, combini lo Yoghurt, i peperoncini verdi tagliati in pezzi, lo zenzero, la polvere delle spezie appena fatto, 1/2 tazza di acqua ed il cocco. Quindi copra e mescoli a fuoco mezzo durante l minuto, o fino a che gli ingredienti si siano trasformati in una salsa soave. 7.- Caldo a fuoco mezzo, 1-1/2 a 2 tazze di ghee od olio in un recipiente di 10 o 12 pollici, o una casseruola di 3 stanze, fino a che la temperatura raggiunga i 365F. Collochi accuratamente i cubi di papa nel Ghee od olio bollendo e frtelos fino a che siano tostati e dorati. Li tiri fuori, li sgoccioli e li metta a parte nel forno pre-riscaldato in una refrattaria coperta con tovaglioli di carta. Ritiri tutti i recipienti che trattengano ghee od olio dal posto dove stia cucinando. 8.- Caldo a fuoco mezze 4 cucchiaiate di ghee od olio vegetale in una casseruola di 3 o 4 stanze, durante 30 a 60 secondi. Collochi i semi di senape nera e frtelas fino a che scricchiolino e scoppiettino (30 a 45 secondi). Aggiunga le foglie di curry ed i ceci, utilizzi un cucchiaio striato, dopo versi la salsa di Yoghurt, il sale e la crcuma. Riduca il fuoco di mezzo a sotto, rimescoli frequentemente, cucini senza coprire fino a che la salsa abbia diminuito alla met della quantit originale. Copra i cubi di papa. 9 - prima di offrire al Sig. Krishna, adorni ogni porzione con erbe fresche punto e con rondelle di lima o limone. SRILA PRABHUPADA, IL FAMOSO YOGI CHE CAMBIO LA VITA DI MILIONI.

Lezione 11 Gli ricordiamo che deve leggere attentamente i libri che includiamo e specialmente il Bhagavad-gita il cui riassunto abbiamo fatto nella Prima Sezione di ogni Lezione, ma lo raccomandiamo la lettura di tutto il capitolo che corrisponda ad ogni Lezione. Qualunque dubbio, e gli torniamo a reiterare che qui stiamo sempre per aiutarlo, gliela risolveremo nella misura delle nostre possibilit, limitazioni e capacit. SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. "Il Bhagavad-gita appropriato per darci come un'idea evidente tanto della cosa pi generale della cosa pi elevata nella religione ind" C. W. Hegel. A proposito, per favore ricordi l'importanza di leggere il capitolo corrispondente al Bhagavad-gita, come si indica in questa sezione, prima di cominciare ogni lezione. L'OPULENZA DELL'ASSOLUTO. Al principio del Capitolo Sette del Bhagavad-gita, Krishna ha spiegato le Sue differenti energie, materia e spirito. Qui nel Capitolo Decimo, Egli spiega ad Arjuna le Sue opulenze specifiche, manifestate nel Suo energie omnipenetrantes. Krishna comincia da affermare che quelli che sono saggi, conoscendolo come quello Sig. Supremo e la fonte originale di tutte le cose, sono liberi di tutte le reazioni peccaminose. Essi si occupano sempre nel servizio devozionale sigaro ed immotivato a Lui, Bg. 10.28). Quindi sono descritte le caratteristiche sublimi di tali devoti sigari, Bg. 10.9). Krishna dissipa l'ignoranza di quelli quale sono Suoi devoti, e li conduce verso Lui, Bg. 10.10-11). I versi dal 8 al 11, conosciuti come catuh-sloki, o i quattro versi, sono tradizionalmente considerati l'essenza degli insegnamenti del Gita. Quelli che conoscono a Krishna come quello Sig. Supremo ed a Lui si arrendono completamente in devozione pura, sono direttamente illuminati per Lui, e mostra loro la strada per finalmente raggiungerlo. Arjuna dichiara enfaticamente che accetta a Krishna come la Suprema Verit Assoluta e la sua totale obbedienza alle istruzioni che gli ha dato, Bg. 10.12-15). Pi avanti, in questo magnifico dialogo, Arjuna chiede a Krishna che descriva in dettaglio le Sue opulenze divine," per le quali Tu penetri tutti questi mondi e risiedi in essi." , Bg. 10.16-18). Subito Krishna d la descrizione delle Sue principali opulenze. Delle luci Egli il sole radiante, delle estensioni di acqua, Egli l'oceano e delle cose immobili, i Himalayas. Egli la saggezza del saggio, la forza del forte, lo splendore della cosa splendida. Tutti i meravigliosi fenomeni che manifestano qualche volta una gran forza, bellezza, grandezza e sublimit, tanto nel mondo materiale come nello spirituale, sono semplicemente manifestazioni frammentarie delle Sue energie ed opulenze divine. In questo modo Krishna, essendo la causa di tutte le cause (karanakaranam), il Supremo Oggetto di adorazione di tutti gli esseri, Bg. 10.19-41). Nell'ultimo verso di questo capitolo, Krishna dice che pi importante della conoscenza delle Sue opulenze separate la comprensione che queste e tutte le cose esistono poich Egli entra in essi come la Superalma (Paramatma), per la quale Egli penetra e mantiene a tutti gli universi infiniti, Bg. 10.42). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 2, Testo 59 visaya vinivartante niraharasya dehinah liscio-varjam raso'py asya param drstva nivartate visayah - oggetti Per il piacere dei sensi; vinivartante - si pratica la restrizione di; niraharasya - mediante restrizioni neqativas; dehinah - per la corporificada; liscio-varjam - abbandona il gusto; rasah - lo stesso gusto; api - ancora; asya - suo; param - Il Supremo, un gusto superiore; drstva - sperimentando; nivartate - d la schiena a. Traduzione: Bench l'anima corporificada si sforzi per rinunciare al piacere dei sensi mediante regolazioni severe, ancora rimane con lo stesso desiderio sensuale. Ma sperimentando al Supremo, egli quale un gusto superiore, se pu dare la schiena al piacere materiale. Le parole chiave di questo verso sono": un gusto superiore." Mediti lo studente su questo luogo comune particolare. In questo verso vediamo come non possibile rinunciare al piacere dei sensi, neanche mediante disciplina e severe regolazioni. Pertanto, solo possibile rinunciare al piacere dei sensi, quando si sperimenta" un piacere superiore", il quale pu essere solo contrario nella vita spirituale genuina. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. SURYA NAMASKAR, O SALUTO AL SOLE. Questa disciplina una serie di asanas dinamici, le quali hanno come finalit la sincronizzazione delle distinte correnti nervose che fluiscono durante il nostro corpo. Dentro il corpo fisico esistono due grandi sistemi nervosi ed una serie di ghiandole che prendono gli ordini il movimento e condotta dall'individuo nella sua vita giornaliera. Questi sistemi sono: il simpatico ed il parasimpatico; le ghiandole principali sono: i surrenali, il pancreas, il fegato, la truffa e la tiroide. Mediante la pratica di queste asanas si potr cos cos perfettamente il funzionamento di questi organi. Il risultato di questo che si disporsi di una maggiore quantit di energia tanta fisica come squica, e, indirettamente, una percezione mentale pi chiara. In termini dell'Ayur Proibisce, questi esercizi equilibrano tutte le Doshas. A volte capiamo molto poco alcuni aspetti basilari della nostra esistenza, tali come l'autorrealizacin. Questo si riflette nel fatto che neanche capiamo molto bene l'aspetto interno del nostro corpo. Possiamo dire che in realt a noi non ci conosciamo stessi, o che nel meglio dei casi questa conoscenza superficiale. Lei pu incominciare il suo diario processo di yoga con questi esercizi. ASANAS: 1 - PRANAMASANA: Partorisca Lei diritto coi piedi insieme. Collochi le palme giunte di fronte al petto. Rilassi tutto il corpo. Esali lentamente. (Illustrazione) 2 - JASTA UTTANASANA. (Illustrazione) Con totale coscienza di ogni movimento, levante entrambe le braccia al di sopra della testa. Mantenga le braccia separate alla larghezza delle spalle. Pieghi all'indietro la testa e la parte superiore del tronco. Inali alzando le braccia.

3.- PADAJASTASANA. (Illustrazione) Pieghi Lei in avanti fino a che le dita o le mani tocchino il suolo ai lati o di fronte ai piedi. Tenti di toccare le ginocchia con la fronte, ma non si sforzi troppo. Mantenga le gambe rette. Esali piegandosi in avanti. Nella posizione finale tenti di contrarre l'addome per espellere la massima quantit di aria. 4.- ASHUA SANCHALANASANA. (Illustrazione) Allunghi all'indietro la gamba destra tanto quanto possa. Simultaneamente e senza muovere il piede sinistro, pieghi la gamba sinistra, portando all'indietro la testa, inarcata la schiena e lo sguardo diretto verso l'alto. Alla fine del movimento, il peso del corpo deve poggiare nelle due mani, il piede sinistro ed il ginocchio destro. Inali allungando all'indietro la gamba destra. 5.- PARVATASANA. (Illustrazione) Raddrizzi la gamba destra e collochi il piede sinistro vicino al piede destro. Alzi le anche ed abbassi la testa in modo che rimanga tra le braccia; il corpo deve formare due lati di un triangolo. Nella posizione finale devono rimanere destri le braccia e le gambe. In questa posizione tenti di mantenere i talloni in contatto col suolo. Esali quando raddrizzi la gamba sinistra e doppia il tronco. 6.- ASHTANGA NAMASKAR. (Illustrazione) Abbassi il corpo verso il suolo, in modo che nella posizione finale di questa posizione tocchino solo il suolo la punta dei piedi, le ginocchia, il petto, le mani e la mascella. Le anche e l'addome devono essere leggermente separati del suolo. Mantenga l'alito. Non c' respirazione in questo esercizio. 7.- BHUYANGASANA. Alzi il corpo della vita per sopra allungando le braccia. Pieghi all'indietro la testa. Questa posizione finale si conosce come Bhuyangasana. Inali alzando il corpo. (Illustrazione) 8.- Ripeta la posizione 5a. 9.- Ripeta la posizione 4a. 10.- Ripeta la posizione 3a. 11.- Ripeta la posizione 2a. 12.- Ripeta la posizione 1a. SEZIONE 4 ASPETTI VARI DELLA CONOSCENZA VEDICA. Oggi continueremo con la nostra spiegazione del sistema sociale Vedico. NECESSIT DI BRAHMANAS. L'ideale Vedico che ogni persona sia allenata di accordo con le sue qualit ed inclinazioni particolari. necessario che in ogni societ ci siano specialmente guide, uomini qualificati il cui lavoro non attaccare mattoni o qualunque altra cosa, bens semplicemente guidare con intelligenza reale mentre gli altri fanno il suo lavoro di accordo coi suoi desideri. Dove esiste tale guida, il lavoro diventa felice. Krishna l'autore delle ordine, e pertanto l'esistenza di una classe dirigente eterna e naturale, ma si ha bisogno di un allenamento. Nella societ democratica, l'educazione non stipula l'allenamento dei brahmanas nella sua carta di guide. Bench la necessit di tale brahmanas sia chiara, non esiste un'istituzione per allenare brahmanas adeguati. Uno dei propositi fondamentali dell'ISEV allenare tale Brahmanas qualificato per il beneficio di tutta la societ. Quali sono le caratteristiche di un Brahmana? Che cosa fanno e che cosa non fanno? Primo che tutto, essi non mangiano carne, non si intossicano, non giocano, n hanno vita sessuale illecita. Di questa maniera, essi si trasformano in una classe intellettuale e purificata. Si dice che un vero Brahmana pu santificare a tutta la societ. Nella concezione delle quattro ordine parti come situate nella forma universale del Sig. Supremo, si dice che i brahmanas la testa, i ksatriyas le braccia, i vaisyas lo stomaco ed i sudras sono le gambe. Della stessa forma il nostro corpo ha bisogno di tutte le parti per il suo mantenimento adeguato; non possiamo dire che la testa non c' indispensabile. Necessitiamo tutto. Se c' un corpo senza testa, un corpo morto. Analogamente, se non ci sono un Brahmana o intellettuale, quello una societ morta. Se qualcuno sta lavorando per la comprensione del Sig. Supremo, egli un Brahmana. Perch deve essere richiamatolo a prestare servizio militare? Come le braccia sono necessarie per il corpo, allo stesso modo sono necessari le sistemazioni militari, ma non persone con qualit di brahmanas. Dove non esistono disposizioni per la protezione dei brahmanas, quello una societ senza testa, senza cervello: morta. E non pu esistere pace in tale societ. DEGRADAZIONE ATTUALE. Per causa della mancanza di allenamento della gente nell'era attuale e dovuto alla sua pratica viziosa del sesso illecito, consumo di carne ed intossicazione, il Sig. Caitanya dichiar che: kalau sudra-sambhava, nell'era di Kali tutto il mondo un sudra. La cerimonia Vedico chiamato Garbhadhana, nella quale l'uomo e sua moglie fanno voti prima di avere relazione sessuale e dichiarano che si uniscono per avere sesso col fine di produrre un bambino cosciente di Krishna, non si osserva pi. Pertanto, a meno che uno si sottometta ad un processo di apprendistato e si qualifichi come un Brahmana, non c' esigenza giusta per un posto tanto importante ed elevato. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. Oggi vedremo PURUSA e PRAKRTI. La parola PURUSA, si riferisce a Bhagavan, il Sig. Supremo, vuole dire quello predominato ed il disfrutador supremo. "PRAKRTI" vuole dire la natura predominata. Gli esseri viventi, jivas, e l'energia materiale, maya, sono le forme pi alte e pi basse di PRAKRTI, rispettivamente. Purusa corrisponde al maschile, il disfrutador, e Prakrti corrisponde alla cosa femminile (quello goduto). Chiaro sta, ambedue si compiacciono in questa relazione.

Lo Svetasvatara Upanisad (6-7) descrive l'aspetto PURUSA della Verit Assoluta di questa maniera": lo conosciamo chi il Sig. Supremo dei signori, il Sovrano dei sovrani." Bhagavan Krishna afferma che": Di tutto quello che materiale e di tutto quello che spirituale, voglio che sappia con sicurezza che di entrambi Io Sono l'origine e la dissoluzione." Il Purusa la Causa di tutte le cause, la fonte energetica di tutte le energie. Ancora quando il jiva ottenga la liberazione, egli non pu assumere la posizione del tutto, del Purusa, perch il jiva una parte eterna frammentata del Purusa. , Srimad Bhagavatam Canto 10, Cap. 87 verso 30. Il Bhagavata Purana (10.87.30) sintetizza la situazione: "Oh, eterno Supremo! Se tutte le entit vivente corporificadas fosse eterno ed omnipenetrantes come Tuo, esse non starebbero basso il Tuo controllo. Ma se le entit viventi sono accettate come energie minute della Sua Signoria, subito esse stanno basso il Tuo controllo Supremo. Per quel motivo la vera liberazione trasporta la resa al Tuo controllo delle entit viventi, e quella resa far loro felici. Solo in quella posizione esse possono essere controllori. Pertanto, gli uomini con scarsa conoscenza chi difendono la teoria monista che il Supremo e le entit viventi sono uguali in tutti gli aspetti, in realt stanno deviando loro stessi e deviando gli altri." Dato che suolo il Purusa Supremo il tutto-predominante, il controllore indipendente ed il disfrutador, Egli chiamato Asamaurdhva," Il pi grande di tutti." Imparando a meditare sul Purusa o Purusottama, l'essere vivente supremo, nelle sue differenti manifestazioni come Narayana, Krishna, Vasudeva e Visnu, il jiva condizionato raggiungesse la purificazione e la liberazione suprema della trasmigrazione. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI E LA VITA SESSUALE. Non c' malattia tanto distruttiva che la lussuria; n nemico peggiore che la passione; n fuoco come quello dell'ira e nessun senso di felicit come quello della conoscenza." Canakya Pandit Krishna dice nel Bhagavad-gita che le attivit sessuali che sono di accordo coi principi religiosi non sono differenti di Lui Stesso. Pertanto, sono assolutamente accettabili e positive. Allo stesso tempo, possiamo vedere che il mondo moderno arrivato ad un disastro sessuale totale: omosessualit, prostituzione infantile, migliaia di differenti perversioni, aborti, divorzi, e migliaia di cuori e case distrutte. Tutto questo ha provato che la cos chiamata rivoluzione sessuale non pi che un gran inganno e, in ultime, un disastro. Tuttavia, i veri sentimenti di amore, i quali tutto il mondo sperimenta dalla precoce infanzia con la relazione materna, fino all'ultimo respiro in forma di sentimenti affettivi per tutti i parenti ed esseri amati, sono basati nell'impulso sessuale, e come si perpetuerebbe l'umanit senza l'impulso sessuale? Pertanto, dobbiamo conoscere quali sono le relazioni necessarie e quali ci portano alla degradazione. Dovuto alla propaganda utilizzata per l'industria, il consumatore del mondo informo questo sperimentando un'ansiet ciascuna volta maggiore per ottenere piacere sessuale, ed una quantit uguale di frustrazione non raggiungendo la cosa sperata. Migliaia e migliaia di donne hanno preso pillole contraccettive, solamente per scoprire dopo che queste sono causanti dell'aumento nella percentuale di cancro, senza menzionare le malattie mentali. E come sottoprodotto di questo, la discordia nelle relazioni tra marito ed ammanetta, e madre e figli. Tuttavia, il Sig. Krishna ci d l'equilibrio appropriato: Le relazioni sessuali nella societ umana, e specialmente per lo yogi, stanno dirette unicamente alla procreazione, ed in questione a figli coscienti di Dio. La cultura Vedica c'offre un processo purificativo e scientifico per mezzo del quale uno pu essere sicuro che suo figlio sar elevato ed un onore per la famiglia. Accettando questo processo di purificazione, lo yogi pratica automaticamente l'autoregolazione e, contemporaneamente, sicuro di accettare tutte le responsabilit che implica l'educazione appropriata di suo figlio con una base spirituale. In tale atmosfera, il bambino potr cos essere ricevuto nel mondo con affetto a differenza dei genitori chiamate moderne chi durante i primi tre o quattro mesi di gravidanza risolvono se ammazzeranno il bambino o no, o se lo lasceranno vivere per dopo abbandonarlo. chiaro che le Proibizioni proibiscono rigorosamente l'aborto. Lo Srimad-Bhagavatam descrive come nel momento della concezione l'anima spirituale entra nell'utero della madre attraverso il seme. Cos, l'embrione una persona viva dal primo momento. Danneggiare suo proprio figlio porta severe reazioni": La sola concezione dell'ingiustizia commessa ai parenti, assicura la perdita della terra ed il cielo. Tali picari si trasformano in sporchi vermi." Pancatantra. Il famoso movimento di liberazione femminile incoraggia le donne affinch si associno con tanti uomini come sia loro possibile, e cos avere la libert di scegliere tra la moltitudine. Tuttavia, l'unica libert che esse hanno guadagnato con questa pratica quella di potere scegliere la persona a chi pregheranno di ottenere l'appoggio necessario per suo figlio, il governo, i suoi genitori, etc., dopo che sono stati ingravidate ed abbandonate. Od ovviamente, rimane sempre la possibilit di trasformarsi nell'assassina di suo proprio figlio. Questa chiamata libert stata la fonte di molti concetti erronei circa il proposito reale della vita umana e per la gente in generale molto difficile superare tali influenze e trasformare di nuovo in qualcosa di salutare le relazioni sessuali, collocarli nella sua prospettiva reale e proporzione adeguata nella vita umana, lasciando cos il tempo e l'energia richiesti a ricerche pi alte ed elevate. Lo yogi pu controllare solamente i suoi sensi quando capisce che uomini e donne non sono in realt i suoi corpi se non che sono anime spirituali eterne. Al contrario, se uno si lascia dominare per la visione materiale immediata di": io sono un uomo; ella una donna" e l'utilizzarla o sfruttarla mi dar un gran piacere, allora stiamo assicurando la nostra degradazione futura. Krishna spiega nel Bhagavad-gita che la lussuria sorge dalla modalit della passione e questo il nemico pi terribile di tutte le entit viventi, perch dovuto alla sua influenza esse diventano irresponsabili trascurano i doveri e mete reali della vita umana. Per quelli che non sono avanzati spiritualmente pu essere un po' difficile controllare l'impulso sessuale, ma se tentano di farlo sulla base di una vita moderata e continuano praticando la meditazione e l'autorrealizacin, sicuro che raggiungeranno alla fine la vittoria sull'inseguimento dei sensi. Lei sobreentiende che pratiche tali come andare al cinema o leggere pornografia sono molto sfavorevoli per lo Yogi che desidera controllare l'impulso sessuale ed eseguire adeguatamente i suoi doveri. Pertanto, si raccomanda che lo Yogi sia assorto le 24 ore del giorno in attivit positive che abbiano relazione con l'avanzamento spirituale, gi sia diretta o indirettamente. Riempendo cos la sua coscienza con una gran necessit di avanzamento spirituale, egli si liberer gradualmente delle confusioni causate per la propaganda sessuale di questa societ moderna artificiale di consumo.

Nella societ Vedica esistono quattro ashramas, od ordini sociali, le quali, oltre al comportamento sociale generale, regolano anche le relazioni tra i membri del sesso opposto. Il brahmacari o studente, non realizza sesso. Quando una persona si sposa, ai 20 o 25 anni per l'uomo ed un po' meno per la donna, entra, pertanto, nel grhastha ashrama, e lui o lei possono avere associazione con la moglie o il marito seguendo le regolazioni del matrimonio, e la vita sessuale si dedica esclusivamente a procreare. I bambini che crescono di questa maniera, potranno capire anche che la meta della vita la coscienza di Dio. In questo modo, la relazione coniugale pu occuparsi nel servizio di Dio. Nella societ Vedica, le relazioni extra-matrimoniali sono completamente proibite, e cos si protegge all'umanit da molti danni, come bambini indesiderati, educazione interrotta o incompleta, etc. Mediante questo corso stiamo tentando di darloro un'idea completa del sistema sociale Vedico Varnashrama Dharma. SEZIONE 7 LO YOGA E LA SALUTE. "Mangia solo quello che vantaggioso per te e soddisfa la tua fame. Pensa alla tua digestione cos come nella reazione per causare sofferenze non necessarie ad altri, e non arrischiare la tua salute n fisica n spirituale." Pancatantra Oggi prenderemo alcuni suggerimenti riassunti dei testi dell'Ayur Proibisce che ci danno spiegazioni pratiche sulla salute, la nutrizione e la dieta. 1.- Gli alimenti cucinati non devono essere mangiati freddi, perch essi sono molto pesanti e difficili da digerire. 2.- Il riso pu essere riscaldato, se questo si fa appropriatamente. Il metodo aggregare un po' di acqua al riso e collocarlo dentro una pentola pi ampia e piena di acqua e fare quello che conosciamo come" bagno di Mara." Allora si mette a fremere l'acqua della pentola pi grande e cos il riso si riscalda senza che rimanga scotto o asciugo. 3.- I chapatis, questa preparazione si spiegasse nella Lezione 12 che rimangano del giorno anteriore, possono mangiarsi polverizzandoli. Collochi la polvere in un bicchiere di latte caldo ed aggreghi miele e zucchero. Lasci riposare il miscuglio per dieci minuti e la prenda come faccio colazione. 4.- Anche i chapatis che abbiano pi di 24 ore di preparati, pu polverizzarsi. Aggreghi a questo polvere miele ed un po' di ghee ed otterr laddu, questa preparazione si spiegher nella lezione 13. Pu prendersi come kapha, l'alimento pi importante dei cibi. 5.- Miele, ghee, olio ed annacqua non devono mischiarsi mai in parti uguali, sia gi insieme o in pari. Se uno il miscuglio, deve farlo in proporzioni disuguali per evitare reazioni tossiche. 6.- Alimenti con gusto amaro (tikta liscio) sono un antidoto quando si sono presi molti alimenti dolci. Gli alimenti amari sono di gran aiuto per le persone con disordini nella cappa (disordini dell'energia che controlla le mucosit,) o che soffrano di diabete, artrite, fornculos, etc. 7.- Il riso ed il latte quando sono presi insieme sono leggeri, ma quando si cucinano insieme diventano molto pesanti per la digestione. 8.- Yoghurt, veccie, lenticchie e ravanelli non devono mangiarsi giornalmente. 9.- Per un appetito debole: un pezzo di ginger (zenzero) inzuppato in limone e sale e preso prima di ogni mangi, gli aprir l'appetito. 10.- Per aiutare alla digestione prenda un o due cucchiaiate del seguente miscuglio dopo ogni mangi: tosti semi di finocchio o anice fino a che rimangano dorate e li mescoli con succo di limone ed un po' di crcuma. Ora, due deliziose preparazioni di riso: RISO CON VECCIE ED ARACHIDE. 1 e 1/2 Cucchiaiate (zuppiera, di Ghee) 1/2 Cucchiaiata (zuppiera, di peperoni grandi) 1/2 Cucchiaiata di pepe nero in polvere, 1/4 Tazza di arachide cruda, 1 e 1/4 Di tazza di riso lavato, 1/2 Cucchiaiata di sale, 1/3 Di libbre di veccie, 2 e 1/8 Di tazze di acqua. Metta il ghee in una padella e lo scaldi a fuoco mezzo o sotto. Aggreghi i peperoni pesti. Quando questi stiano gi di colore nero, aggreghi il pepe nero in polvere. Quindi aggreghi l'arachide e mescoli bene fino a che si sia rosolato. Aggreghi il riso lavato e sgocciolato, e continui rimescolando fino a che il riso si attacchi un pochino alla pentola nella base ed ai lati. Aggreghi il sale e le veccie. Continui a rimescolare e dopo aggreghi l'acqua. Lasci bollire in fuoco mezzo-alto, lo copra ed abbassi il fuoco a sotto. Cucini da 15 a 20 minuti lasciando la pentola coperta e senza rimescolare il riso. Dopo 15 a 20 minuti scopra la pentola ed introduca un cucchiaio fino al fondo della pentola. Non rimescoli. Se ancora umido copra di nuovo la pentola e continui cucinandolo. Quando il cucchiaio esca secca dal riso, questo pronto e pu ritirarsi del fuoco. Lo rimuova un po' nella superficie con una forchetta. Ora l'offra al Sig. e la goda dei suoi parenti ed amici. RISO CON LIMONE (NIMBUBHAT). Tempo di preparazione: 10 minuti. Tempo di cottura: 25 a 35 minuti. Porzioni: quattro. INGREDIENTI: 1 tazza di riso di buona qualit, 2 Tazze di acqua, 1 Cucchiaiata di sale, 2 Cucchiaiate di ghee od olio vegetale, l/2 Tazza di anarcardi pelati, 1/2 Cucchiaiata di urad dal, 1 Cucchiaiata di semi di senape nera, 1/3 Cucchiaiata di crcuma, 1/3 Tazza di succo di limone, 2 Cucchiaiate di prezzemolo fresco punto, o foglie di coriandolo, 1/4 Di tazza di cocco grattato, fresco o secco, per adornare. PREPARAZIONE: 1.- Bolla l'acqua in una casseruola grande. Collochi il riso, il sale e mezza cucchiaiata di ghee od olio vegetale e copra bene la casseruola. Riduca il fuoco a sotto e lasci bollire, senza rimescolare, durante 15 a 25 minuti (dipendendo dalla classe di riso) o fino a che il riso stia coposo e tenero e l'acqua si asciughi. Ritiri del fuoco e lasci coperta la casseruola. 2.- Caldo la calza cucchiaiata di ghee od olio vegetale restante in una casseruola di due stanze, a fuoco basso. Collochi gli anarcardi punto e lasci loro friggere fino a che si rosolino. Tiri fuori gli anarcardi e li collochi nella superficie del riso cucinato. Copra nuovamente la pentola del riso. 3.- Collochi i semi di senape e l'urad dal nel ghee caldo e lasci loro fritar fino a che siano scricchiolanti e l'urad dal sia ben dorato. 4.- Versi accuratamente il riso cotto nelle spezie fritte e spruzzi la crcuma in polvere, il succo di limone, ed il prezzemolo fresco punto o le foglie di coriandolo. Rimescoli soavemente affinch si mischino tutti gli ingredienti. 5.- Ritiri del caldo e prima di offrire questa preparazione a Krishna, adorni col cocco grattato. Un altro passo pi nella nostra strada, un altro gradino pi in questa scala della conoscenza Vedica.

Lezione 12 Oggi cominciamo una nuova lezione, un scalino pi nel nostro sforzo per provare i frutti della realizzazione spirituale della quale lei ha potuto avere un presentimento che ora sta comprovando. Il Bhagavad-gita descrive della seguente maniera il risultato della meta dell'autorrealizacin": In quello stato gioioso uno si situa nella felicit trascendentale illimitata e gode di s stesso attraverso i sensi trascendentali. Stabilito cos, uno non si allontana mai dalla verit, ed ottenendo questo, pensa che non c' maggiore guadagno. Essendo situato in tale posizione, uno non si altera mai, neanche in mezzo alla difficolt pi grande. In realt, questo la vera libert di tutte le miserie che sorgono dal contatto materiale." (Capitolo 6) testo 21. Tuttavia, il Pancatantra fa una saggia avvertenza circa tutti gli sforzi: "Bench nel momento di mangiare, il destino c'offra una gran quantit di piatti deliziosi, nessuno di essi arriver alla bocca senza l'aiuto della mano." Per questo l'incoraggiamo affinch comprenda il valore dell'autorrealizacin e continui con costanza per questa strada. SEZIONE 1 STUDIO DI UN CAPITOLO DEL BHAGAVAD GITA. "Il testo del Bhagavad-gita infonde paura reverenziale. La visione della Forma Universale, Capitolo 11, uguale ad una poesia sublime di Occidente, ma superiore in immagini dettagliate ai canti finali del Dante nella sua visione del Paradiso." Allan Ginsberg. LA FORMA UNIVERSALE. In questo capitolo del Gita Krishna rivela direttamente ad Arjuna il Suo virat-rupa, cio la" Forma Universale." Per questa rivelazione, Krishna conferma la realizzazione di Arjuna, che Krishna la causa di tutte le cause e, specificamente, la fonte di tutti gli universi materiali. Il capitolo comincia con la dichiarazione di Arjuna che dopo avere sentito le istruzioni confidenziali di Krishna, nei differenti capitoli anteriori, egli stato ora liberato dell'illusione. Questo indica che egli ha accettato totalmente a Krishna come la Verit Assoluta e la fonte di tutte le cose, e non mangio un semplice essere umano ordinario o straordinario, Bg. 11.1). Tuttavia, bench Arjuna accetti a Krishna come il Supremo, teme che nel futuro altri non lo facciano. Per quel motivo sollecita a Krishna": Oh il pi grande di tutte le personalit, oh Formi Suprema! Bench veda qui davanti a me la Tua vera posizione, nonostante, desidero vedere la maniera in cui sei entrato in questa manifestazione cosmica. Desidero vedere quello Tua" forma, Bg. 11.3). Col fine di stabilire in forma concludente la divinit di Krishna, Arjuna lo sollecita che gli riveli la Sua gigantesca forma dell'universo materiale, Bg. 11.4). Krishna accetta mostrare ad Arjuna la Sua maestosa e terrificante Forma Universale e gli concede la visione divina affinch possa osservarla, Bg. 11.5-8). Poi Krishna rivela la spettacolare forma, Bg. 11.9-49, nella quale Arjuna, stordito e sorpreso, pu vedere" le illimitate espansioni dell'universo situate in un posto, bench divise in moltissimi migliaia", Bg. 11.13). Arjuna, coi suoi capelli irsuti, descrive l'estesa e rifulgente forma offrendo discorsi di glorificazione, Bg. 11.14-15). Vedi anche nella forma universale a tutto l'esercito nemico, come ai suoi propri soldati precipitandosi nelle molte bocche di Krishna, e trovando la sua propria distruzione, Bg. 11.26-30). Subito, Arjuna implora urgentemente a Krishna che gli spieghi la gran forma, Bg. 11.31). Come risposta, Krishna informa ad Arjuna che di accordo col Suo piano, quasi tutti i soldati presenti saranno morti nella battaglia. Bench in ultima istanza questo piano fosse eseguito con o senza la partecipazione di Arjuna, questo dovr agire come un strumento da Krishna nella gran lotta e cos potere essere sicuro di raggiungere la vittoria, Bg. 11.32-34). Arjuna, oppresso, glorifica a Krishna come il maestro originale, il rifugio dell'universo, e la causa di tutte le cause, Bg. 11.35-40, supplica a Krishna che gli perdoni per il suo trattamento familiare nel passato, Bg. 11.41-44). Disturbato per la forma universale di Krishna, Arjuna lo prega che ritorni alla Sua forma di quattro braccia, o Narayana, (Bg. 11.4546). Dopo avere informato ad Arjuna che egli la prima persona in vedere questa forma universale, Bg. 11.47-48, Krishna ritorna alla Sua forma di quattro braccia e, finalmente, alla Sua forma originale di due braccia, tranquillizzando di questa maniera ad Arjuna": la Tua mente si ammattita vedendo questo terribile il Mio aspetto. Ora che finisca, devoto Mio, liberati di ogni perturbazione. Con la mente tranquilla tu puoi vedere ora la forma che desideri", Bg. 11.49). Dopo, Krishna spiega che la Sua bella forma di due braccia inconcepibile, ancora per i semidei, e sta oltre la comprensione che si riesce per lo studio delle Proibizioni, la penitenza, la carit e l'adorazione, Bg. 11.52-53). Krishna conclude il capitolo dichiarando che la Sua forma trascendentale di persona apparentemente umana, pu essere compresa direttamente solo per il servizio devozionale sigaro (Bhakti) e che i bhaktas puri chi sono" amichevoli verso tutte le entit viventi", raggiungono la Sua associazione eterna, Bg. 11.54-55). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. BHAGAVAD-GITA, Capitolo 9, Testo 22 ananyas cintayanto mam ipsilon janah paryupasate tesam nityabhiyukltanam yoga-ksemam vahamy aham ananyah - nessun altro; cintayantah - concentrando; mam - in Me; ipsilon - chi; janah - persone; paryupasate - adorano appropriatamente; tesam - suoi; nitya - sempre; abhiyuktanam - fisso nella devozione; yoga-ksemam - necessit; vahami - porto; aham - io. Traduzione: Ma a quelli che mi adorano con devozione, meditando senza deviazione sulla Mia forma trascendentale, Io Stesso porto loro quello che loro necessario e li preservo quello che possiedono. L'idea chiave di questo verso " che lo yogi sempre protetto." Per ogni entit vivente ci sono sempre cibo e rifugio. A volte rompiamo le Leggi di Dio tentando di trovare alimento ed allora il Supremo ci punisce per tali offese, per riformarci. Se uno abbandona la sua falsa posizione indipendente e si arrende alla volont di Dio, naturalmente arriver ad essere molto caro per il Sig., e pertanto, non dovr preoccuparsi per il suo sostentamento. Lei deve meditare sull'onnipotenza e protezione del Supreme. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. NIDRA-YOGA: MEDITARE SU L'ANIMA. Mediante la pratica profonda del Nidra-yoga si arriva finalmente alla comprensione che c' una forza oltre il corpo fisico, la quale l'origine o fonte dell'energia materiale. Fino ad ora abbiamo meditato sulle differenti parti del corpo e le diverse manifestazioni delle energie che sostengono il corpo fisico. Ora in questa pratica deve meditare direttamente sull'anima, riuscendo un'interiorizzazione

della nostra coscienza sulla percezione, tanto nel senso grossolano o denso (materiale), come nel sottile o spirituale. L'anima qualcosa che situato oltre il concetto materiale e della realt temporanea. Pertanto, dovremo sviluppare una coscienza percettiva distinta alla quale solitamente maneggiamo. La nostra coscienza ordinaria, attraverso i sensi fisici, ci serve per percepire tutto quello che materia, ma quando tentiamo di percepire l'anima, primo dobbiamo comprendere la nostra propria coscienza, poich l'anima si esprime sempre come la coscienza. Possiamo paragonare l'anima ad un immenso sole e la coscienza alla luce diafana del sole. Attraverso tutto il tempo abbiamo creduto essere la luce del sole, ma mediante la conoscenza pratica ci rendiamo conto che siamo il sole e non la luce, bench c'esprimiamo in lei. Noi mangio anime spirituali passiamo per differenti corpi: dell'infanzia alla giovent, e dopo alla vecchiaia. Continuiamo ad essere gli stessi in corpi che hanno continuato a cambiare. I nostri pensieri, emozioni, desideri e prospettive cambiano in ogni momento, ma il fondo di noi stessi, l'anima spirituale, completa, innaciente e primordiale. Quando, per esempio, qualcuno muore, parliamo che egli and via, ma il suo corpo fisico sta ancora presente. Quello che diciamo che and via realmente l'anima. TECNICA. Collochi Lei in posizione Chadvasana e rilassi tutto il suo corpo per il processo ordinario di Nidra-yoga. Ora, mediti sulle sue ossa, il suo sistema circolatorio. Mediti circa i differenti componenti del suo corpo, la terra, l'acqua e l'aria entrando ed uscendo. Domandi Lei ora": Chi sono io? Sono io l'osservatore dei miei atti, ma, da dove vengo? Quale il mio futuro? Il sangue passa per il cuore e carica con la coscienza, per quel motivo quando alcuno parte del corpo non riceve la circolazione del sangue, come le nostre unghie, o se fermammo artificialmente l'entrata di sangue nella mano, immediatamente per la coscienza in questa parte e quella parte si addormenta o muore. Ma chi sono io realmente? So io quello che faccio, ma, chi quello che fa? Siamo anime spirituali, possiamo dare vita e movimento alla materia, come a questo corpo. L'anima sta dentro il cuore di ognuno. Lavora nel corpo attraverso l'intelligenza e la mente, la quale rappresenta all'anima in questo mondo materiale. La mente il leader dei sensi, e li controlla mediante il cervello e la spina dorsale. Compreso il codice genetico ordinato e selezionato per la mente. Senza" la nostra presenza come anime spirituali" nessuno dei meccanismi del corpo possono funzionare indipendentemente. Mediti su questi fatti e domandi Lei quali sono i desideri dell'anima? Che cosa cerchiamo dentro questo corpo materiale? Le Proibizioni ci dicono che l'anima eterna, piena di conoscenza e prosperit; ma per una causa o un'altra, si sbaglia cercando l'eternit, la conoscenza e la prosperit in questo corpo materiale, il quale non ha nessuna facilit n possibilit per quello. Per quel motivo, il processo dello Yoga deve risvegliarci dal sonno dell'illusione e dell'identificazione con questo corpo, e rivelarci la condizione originale della nostra anima. Ed ora una cassettiera e stupenda posizione per meditare. TECNICA: Inginocchi Lei e metta le anche sulla parte di dentro ai piedi. Gli alluci dei piedi devono essere uniti. Le ginocchia devono stare giunte ed i talloni separati. I talloni devono rimanere ai lati delle anche. Le palme delle mani sulle ginocchia. La colonna retta. Inali ed esali lentamente. Mantenga la posizione tanto quanto sia possibile. Benefici: Questa posizione allevia le malattie del sistema digestivo, tali come ulcera peptica ed iperacidit. Migliora il funzionamento della digestione e deve praticarsi anche dopo i cibi. Tonifica i muscoli pelvici, egli quale previene le ernie. Serve anche da gran aiuto per facilitare il parto. MOVIMENTO DEL COLLO. VARIANTE I. In piedi, la cosa pi rilassata possibile, Muova lentamente in avanti la testa ed all'indietro. Ripeta dieci volte l'esercizio. VARIANTE II. La stessa posizione anteriore. Muova la testa alla destra, tentando di toccare la spalla con l'orecchio, dopo porti un'altra volta la testa al centro e dopo alla sinistra tentando di toccare e cos via la spalla con l'orecchio. Ripeta l'esercizio dieci volte. La respirazione si deve impadronire di accordo dei movimenti. Si inala quando la testa va al centro ed emana quando va ai fianchi. VARIANTE III La stessa posizione. Giri a destra la testa e dopo alla sinistra. Ripeta l'esercizio dieci volte. La respirazione si fa inalando in un lato ed esalando nell'altro lato. VARIANTE IV Descriva circoli con la testa tanto grandi come gli sia possibile. Lo ripeta cinque volte nel senso delle lancette dell'orologio e cinque in senso contrario. I movimenti devono essere lenti e soavi. Deve inalarsi iniziando ogni circolo ed emana a partire dalla met di detto circolo. SRILA PRABHUPADA DETTANDO UNA CONFERENZA DI CONOSCENZA VEDICA AI SUOI DISCEPOLI AMERICANI. (Foto) SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. Oggi analizzeremo un tema molto importante: la posizione della scienza moderna quando tenta di spiegare il fenomeno della vita e la sua espressione come coscienza e la concezione Vedica di fronte a questa ipotesi e di fronte alla vita stessa. Attualmente nelle scienze biologiche predomina l'idea che la vita pu essere compresa completamente basso la messa a fuoco della chimica e la fisica. Da questo punto di vista, ogni segno di vita dal funzionamento metabolico delle cellule fino ai fenomeni mentali del pensare, sentire e desiderare, deve essere spiegata come la conseguenza di processi chimici fondamentali e basilari. Coi successi spettacolari della biologia molecolare moderna, questo punto di vista diventato tanto comune che il biologo James Watson afferma": Ora esiste completa certezza, essenzialmente tra tutti i biochimichi, che le caratteristiche degli organismi vivi saranno tutte comprese in termini delle interazioni coordinate di molecole grandi e piccole. La supposizione basilare nella quale la scienza moderna si basa, che qualunque cosa reale pu essere descritta completamente, per lo meno in principio, per un sistema numerico, e tutti questi fenomeni possono essere descritti per trasformazioni di questi numeri di

accordo con certe regole di calcolo. Questa concezione riassunta nella scienza della chimica, la quale fa il tentativo di stabilire la base di un intendimento completo della vita. Di accordo con questo punto di vista, un organismo vivente consiste in una combinazione di molti atomi composti di elettroni e nuclei, dei quali si pensa che sono entit che possono essere descritte completamente in termini di variabili numeriche, come per esempio la massa, il carico, l'impulso, il tornio, l'energia, etc. L'organismo si considera nient'altro che la somma totale di questi atomi in interazione, gli alcuni con gli altri, spiegati per la legge di Coulomb, di attrazione e repulsione, o rifiuto elettrico, le forze di Vanno Der Waal, ed altre leggi espresse in termini di cambiamenti in variabili numeriche col passo del tempo, egli quale la stessa cosa pensare che una torta la somma degli ingredienti. E questo molto lontano di essere la verit. Sta la farina, il latte, la vaniglia, lo zucchero, il fuoco. Ed anche l'intelligenza o coscienza che li organizza, secondo un metodo o modo di agire intelligentemente. Vediamo come queste considerazioni si applicano all'intendimento della conoscenza cosciente. L'esempio dato frequentemente quando descrivendo una luce gialla come un'oscillazione elettromagnetica con una longitudine di onda di 6.000 unit di Angstrom c' detto niente della coscienza nella sensazione di gialla. Che cosa pu spiegare questa conoscenza circa la coscienza? Supponiamo che fossimo capaci di dare una descrizione fisica completa dell'interazione della luce con cellule foto-sensitive nella retina dell'occhio, gli spargimenti susseguenti di ioni attraverso le pareti cellulari di neuroni nel nervo ottico, e lo scarico risultante di certi chimici nelle fessure sinottiche tra neuroni, etc. Nel suo stato perfezionato consisterebbe in un sistema numerico e regole di calcolo, e potrebbe pronosticarsi con gran esattezza cose tali come la variazione di differenti potenziali elettrici nel cervello. Potrebbe pronosticarsi, per esempio, che quando la luce gialla batte la retina, succeder un certo modello di oscillazioni elettriche che possono essere descritte per varie migliaia di numeri, cominciando con 1.26345, 6.87535, 7.9987... Questa prognosi pu essere verificata per misure sperimentali. Tuttavia, questo non ci direbbe niente della conoscenza di vedere luce gialla. Per la sua propria natura, tale descrizione non fa nessun riferimento alla conoscenza cosciente, niente affatto provvede un intendimento chiaro del tema. Nel pensiero scientifico moderno, e specialmente nella psicologia del comportamento, il paradigma o esempio della descrizione numerica ha portato alla gente a confondere la conoscenza cosciente col comportamento del corpo fisico. Quindi, la conoscenza cosciente scorrettamente concorde con la sequenza di reazioni elettrochimiche e movimenti fisici. Possiamo concepire certamente una situazione fisica nella quale i suoni sono prodotti, ma dove non avremmo ragione sarebbe in supporre che la coscienza sia presente in un registratore, per esempio, la quale sta funzionando con un nastro adeguato e programmata in anticipo. Il comportamento misurabile di oggetti, non ci dice, evidentemente, niente di qualunque esperienza della conoscenza cosciente, qualitativamente qualcosa differente di quegli aspetti della realt che speriamo di descrivere in termini numerici. Nonostante, non solamente la mia propria coscienza molto reale, poich la funzione in se di tutte le mie esperienze specifiche della realt, ma devo supporre, con tutta la ragione, che altre entit viventi, o gli esseri umani, sono per lo meno anche coscienti. Bench sia concepibile che un automa possa rispondere, sistematicamente, ad una pagina stampata, sono convinto ancora ma che lei, caro studente, cosciente di questi discorsi quando li legge. Sebbene, il comportamento di una struttura materiale non pu essere concorde con la coscienza, la similitudine tra esseri umani implica che essi condividono la propriet della conoscenza cosciente. La coscienza allora per lo meno una caratteristica comune che sperimentata nel momento, per miliardi di esseri. Questo ci porta alla questione di se la coscienza associata con alcuno violazione delle leggi di fenomeni materiali che si studiano in fisica e chimica. Se la coscienza reale e affettata per il comportamento della materia, allora si deve pensare che anche il comportamento della materia deve essere colpito per la coscienza. Senza dubbio, questa la regola generale in fisica dove un'entit o aspetto di un'entit, come per esempio il momentum, colpisce un'altra, ed allora si colpisce di giro. Se questa regola si applica alla coscienza, le attivit dovrebbero essere osservate in esseri vivi che si differenziano dalle attivit pronosticate per le leggi fisiche. interessante osservare che nella meccanica quantica, la teoria fondamentale della fisica moderna si trova in una situazione tale. Dallo sviluppo di questa teoria in 1.920, una prominente scuola di pensiero iniziata per John Neumann, ha sostenuto certi principi basilari di meccanica quantica, i quali implicano che la coscienza dell'osservatore influisce il corso degli eventi fisici. Citiamo un riassunto di questo punto di vista": Se uno accetta la formazione di meccanica quantica di Neumann portato o guidato a conclusioni di molta portata e non interamente accettabili... Il risultato di queste considerazioni che il meccanico cuanto non pu dare una descrizione completa del mondo fisico, perch devono esistere sistemi, chiamate" coscienti" per Wigner che stanno oltre i poteri della teoria della descrizione..." Infortunadamente, la natura dell'influenza dell'osservatore non chiarita in nessun senso per la teoria quantica. Questo non sorprendente per che se la coscienza non inerentemente descrivibile per sistemi numerici, qualunque teoria matematica dell'interazione tra coscienza e variabile misurabili, pu essere unicamente, nel meglio dei casi, un avvicinamento. Tali metodi non possono, in ultime, toccare la natura della coscienza in se. Per comprendere realmente la coscienza si richiede un avvicinamento che trascenda completamente l'assemblaggio della teoria scientifica moderna. In sintesi, questo metodo basato nello studio della coscienza attraverso il mezzo della coscienza in s. Dipende dal principio basilare che la nostra conoscenza cosciente non meramente un recettore passivo di pensieri e sensazioni materiali, ma il sintomo diretto di un variopinto regno di entit coscienti, predominate per l'Essere Cosciente Supremo. Attraverso lo sviluppo della relazione tra l'individuo e l'entit cosciente suprema, la vera natura della coscienza pu conoscersi per percezione diretta e cosciente. Da un punto di vista generale del metodo empirico scienziato, tale avvicinamento tanto buono come i risultati che produce mettendolo in pratica. Come abbiamo visto, certamente non stato escluso di recenti incontri scientifici. Al contrario, provvede una sfida agli studenti delle scienze biologiche. Nel Bhagavad Gita (capitolo 7) testo 5, le entit coscienti sono descritte come segue": oltre a questa natura inferiore, Oh Arjuna, quello delle poderose braccia!, c' un'energia superiore Mia, la quale consiste in tutte le entit viventi che lottano con la natura materiale e che sostengono l'universo." Questo indica l'estensione delle interazioni tra coscienza e materia, molte delle quali possono essere studiate in forma avvicinata per i metodi sperimentali di fisica e chimica. Lontano da restringere l'impresa scientifica, lo studio pi elevato o superiore della coscienza recensito nel Bhagavad-gita, suggerisce opportunit agli scienziati affinch facciano grandi avanzamenti e pratiche molto al di sopra delle concezioni teoriche. 1.- Watson, J.D. Biologia Molecolare del Gene, 2a. edizione, enlo Park, California, U.S.A: W.A Benjamn, Inc. 1.970, p. 67. 2.- Gottfried, K. Meccanica Quantica, New York: l~J.A. Benjamn, 1. 66, pag. 188 * Espresse nel relazione tempo-spazio e coscienza. SEZIONE 5

PRINCIPALI TEORIE DI L'AUTOREALIZACIN. La parola" guna" vuole dire letteralmente" fune." Ci sono tre gunas o funi, chiamate anche le tre modalit della natura materiale, a sapere: SATTVA, la bont; Schegge, la passione; e TAMAS, l'ignoranza, le quali lo legano ad uno come tre funi forti. Cos, a volte il mondo materiale di Maya chiamato trigunamayi. Il jiva ottiene differenti corpi secondo le" gunas" in cui abbia agito nel passato. A sua volta, ogni corpo l'induce ad agire in una guna predominante. Consideriamo un uomo influenzato per la modalit della bont, o sattva-guna, (come per esempio un filosofo, un medico o un poeta. Questo uomo vive con un senso della conoscenza, e chiaro sta, della felicit. Egli fa la sua vita gradevole per la coltivazione della conoscenza materiale; egli non fa nessun sforzo per alzarsi spiritualmente. Purch una persona sia affezionata ad un stato avanzato della felicit materiale e lavori solo per migliorare le condizioni materiali, egli non pu riuscire la liberazione, bench continui ottenendo corpi nella modalit della bont. Chiunque sia la sua opulenza materiale, egli deve affrontare le quattro miserie: nascita, vecchiaia, malattia e morte. Il Bhagavad-Gita descrive la modalit della passione, spacca guna, come il prodotto" nato di desideri ed aneliti illimitati." La cosa tipica di questo guna l'attrazione ed il piacere sessuale. La jiva ansia questo, e riuscendo i suoi desideri fabbrica un duro nodo di attaccamento per la vita materiale. I suoi desideri grossolani si espandono gradualmente verso aneliti pi sottili come l'onore, la compiacenza familiare, il denaro, etc. Il jiva deve lavorare molto duro costantemente per acquisire e mantenere queste cose. Secondo l'analisi Vedica, i risultati delle grandi civilt materialista fioriscono della Scheggia Guna. Infine, il tama-guna o la modalit dell'ignoranza. Condiziona al jiva alla pigrizia, a dormire eccessivamente e, alla dipendenza di intossicanti. "Il risultato di questa modalit la pazzia." In qualunque momento le azioni del jiva sono influenzate, non solo per una modalit ma anche per una combinazione delle tre modalit. In un momento determinato, Spacchi pu dominare su Tamas; in un'altra istanza, sattva pu farlo su schegge, etc. Al momento della morte, un jiva nella modalit della bont trasmigra ad un corpo nei pianeti superiori; un jiva nella modalit della passione trasmigra ad un corpo in un pianeta intermedio come la terra; ed un jiva nella modalit dell'ignoranza trasmigra ad un corpo nelle specie animali. Tutto nel mondo materiale sorge dalle interazioni delle modalit della natura materiale. "I gunas gli elementi primordiali che si accordano in proporzioni varie per produrre tutti gli oggetti del mondo." Come un burattino, il jiva sembra ballare, ma in realt egli si impenna di queste tre funi o il tri-guna-mayi. I Costumisti spiegano tutto in termini di gunas, i quali includono i differenti tipi di conoscenza acquisita di religione, la determinazione, gli alimenti che uno mangia e la carit che uno realizza. Il trascendentalista quello che si alza sulle tre modalit. Una differenza importante tra Bhagavan, l'anima suprema, ed il jiva, l'anima infinitesimale, che Bhagavan non mai basso l'influenza delle gunas. In ogni tempo, Egli il padrone di esse, mentre il jiva cade abbasso la sua influenza. Seguendo i mandati Vedici, il jiva pu trascendere gradualmente le tre modalit materiali e raggiungere la sua coscienza trascendentale pura. Di qui che Krishna esorti ad Arjuna nel Bhagavad-Gita affinch si alzi su quelle modalit" e cos ritornare al Supremo. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI ED IL GIOCO. "Faccia la cosa corretta, la cosa corretta, la cosa corretta fino al suo ultimo alito di vita; fugga dalla cosa scorretta, bench la cosa corretta lo porti fino alla morte di quell'alito." Pancatantra La societ moderna ha fatto all'uomo molto affezionato ai giochi d'azzardo. Esistono migliaia di casin, lotterie, differenti competenze sportive e molte altre classi di giochi che sono stati introdotti in massa. Nelle grandi citt troviamo attualmente un senza numero di macchine elettroniche per giocare con l'oggetto di mantenere dissipata la mente delle persone. Come vedi tutto questo una persona che vuole avanzare spiritualmente? Quale sar la sua reazione? E, Quale sar l'effetto di questa classe di attivit? Ovviamente che molto pochi guadagnano ed indovinano il numero del premio maggiore, ma perdono il suo denaro in un sonno, spendendo cos il suo tempo ed energia in aumentare il suo concetto illusorio di godere un miraggio nel deserto che quasi sempre irreale, quando non impossibile da raggiungere. Dobbiamo comprendere che questa classe di divertimento ozioso, oltre ad incrementare la propensione di sognare, creda un senso artificiale di competenza bench la meta finale sia tanto insensata come l'attivit per mezzo della quale si riesce, specialmente in quello che si riferisce alle macchine elettroniche. Uno si riempie con un fervore inumano per guadagnare, per arrivare al massimo alto, per trasformarsi nel pi grande. Se analizziamo la nostra situazione reale, con testa fredda, vedremo invariabilmente che il nostro vero destino in questo mondo essere battuto costantemente per le leggi crudeli della natura. In realt, siamo dipendenti e sempre subordinati. Pertanto, avendo il desiderio illusorio di competere con Dio, non appena troviamo qualche risorsa che c'aiuti ad aumentare il nostro falso prestigio lo prendiamo immediatamente in maniera entusiasta. In conseguenza, la mentalit basilare di quelli quale si occupano in sport pigri e nel gioco in s stessa erronea. Il gioco produce tale mentalit che il perdente ricorre all'assassinio ed altri crimini quando il senso di un guadagno facile sembra che gli scappato per tra le dita. Il gioco distrugge anche la veracit e l'integrit, due qualit essenziali nella vita spirituale, perch basato in una rete di bugie e di verit a met, tali come che pu tirare fuori dispari che il gioco onesto, e che se guadagna, il denaro lo risolver tutti i suoi problemi, includendo la nascita, la vecchiaia, la malattia e la morte. La cosa pi importante di tutto, che il gioco un abuso flagrante del denaro che appartiene a Dio e che fatto per utilizzarlo nel suo servizio. Guadagnare piace a tutto il mondo, ma alla fine tutti perdono. Perdiamo questo corpo materiale insieme ai possessi e relazioni che ci risultano tanto care. Cosicch quale l'oggetto di guadagnare se lo perderemo ogni domani? Questo il principio yoga: Lo yogi non desidera perdere tutto per guadagnare un po' del presente. Egli desidera conoscenza spirituale, forza spirituale, per superare il concetto illusorio di" me" e" mio" che tanto si generalizzato in questo mondo. Le attivit false sono quelli che ci fanno confidare contro ogni speranza che possiamo conquistare le leggi della natura materiale. Quando Krishna dice nel Bhagavad-gita": Delle frodi sono anche il gioco d'azzardo..." (10.36), egli sta affermando che la cosa suprema tra tutte le attivit false. Uno pu essere molto ricco o molto povero secondo il suo destino. Lo yogi non vuole immergersi

nell'illusione secondo la quale pu cambiare meglio il suo destino con qualcosa. Pi ancora, il principio dello yogi accettare per esempio quello che serva per la sua propria armonia, trovare un mezzo onesto per guadagnarsi da vivere, senza mendicare, prestare o rubare, prenotando la maggior parte della sua energia per attivit di autorrealizacin e benessere umano. Pertanto, accettando il suo destino materiale senza avversione, pu formare contemporaneamente il suo destino spirituale, in base alle Scritture rivelate e scendo la guida da un maestro spirituale fededegno. In questo modo, il principio stesso del gioco e dei divertimenti oziosi non attraggono allo yogi chi considera queste attivit come una perdita di tempo ed una fonte di ansiet, concezioni sbagliate e relazioni sfortunate. Cosicch seguendo il principio yoga, dobbiamo utilizzare ogni momento delle nostre vite con la maggiore seriet ed ordine. Si dice che tutti i ricchi del mondo non possono recuperare n un momento cattivo consumato. Pi che giocare le nostre vite, costruiamo il nostro futuro spirituale con una base solida di conoscenza e disinteresse. Dopo avere raggiunto l'autorrealizacin potremo dire che abbiamo vinto il premio maggiore", perch avremo conquistato le sofferenze della vecchiaia, la malattia e la morte, avendo superato il concetto corporale della vita. SEZIONE 7 LO YOGA E LA SALUTE. Oggi continuiamo con la serie di piccole, ma importanti indicazioni basilari sull'alimentazione. 11.- Per il cibo fosse di ora, un Bakri Sandwich: Il Bakri molto facile da preparare, e pi facile da offrire ed assaporare. Mescoli una quantit proporzionale di ghee in farina di grano integrale. Si impasta e dopo si entusiasma un po' pi grosso di un chapati, e dopo lo cucina su un stampo di acciaio, lo colloca dopo miele e ghee, in parti disuguali, esattamente come lo farebbe in un sandwich. Pu fare anche questo ripieno con un po' di lattuga ed olio di oliva. 12.- I cereali vecchi, riso e farine, non sono consigliati. Sono pi nutritivi quando sono freschi. 13.- Il sale di mare dovr aggregarla agli alimenti acidi. 14.- I dolci e gli alimenti dolci, include le farine, il riso, etc., possono essere presi con un po' di ghee per la digestione e l'assimilazione. Il ghee pu essere preso nell'alimento o prima di farlo. 15.- Qualunque classe di alimento che si sia cucinato sei ore prima, Lei ritorno difficile da digerire. Cos, molto poco di questo alimento deve essere preso. 16.- Il miele non dovr mai essere cucinato, arrosta, etc., perch facendolo si prodursi un elemento tossico. Per questa ragione, il miele non dovrebbe essere usato in pasticceria. 17. Il manico, la papaya, i banani e le frutte secche (noce) nocciole, arachide, etc., sono le uniche frutte che potrebbero essere prese coi chapatis o altri alimenti pesanti. Le altre frutte possono essere prese separatamente in diete leggere. Ed ora la nostra preparazione vegetariana della quindicina: PANE BASILARE DI GRANO INTERO SENZA LIEVITO. Il pi popolare di tutti i pani senza lievito, o chapati, si impadronisce di farina integrale. Pertanto, ricco in fibra, vitamine B ed E, proteine, ferro, grassi non saturati e carboidrati. Come i pani integrali, anche i chapatis contiene acido fitico, un chimico che regola la quantit di calcio ed altri minerali che il corpo assorbe. Cosicch mentre i conoscitori possono assaggiare i chapatis per il suo gusto raffinato, la sua tessitura ed aroma, i fanatici degli alimenti naturali potranno goderli anche per il suo contenuto nutrizionale. CHAPATIS. 1 tazza di farina integrale, o se no, mescolare 3 parti di crusca per 2 parti di farina, 1/4 Tazza di burro sciolto, Acqua tibia. Mescoli la farina col burro e l'acqua ed Ama Lei ella per dieci minuti. La copra e le lasci riposare per un'ora in un posto freddo o all'ombra. Usi farina nell'area in cui lavora col rullo e faccia dopo con la massa palline di mezzo pollice di diametro (3 a 4 cm). Col rullo appiani la pallina affinch rimanga come una piccola torta di pi o meno 10 a 12.5 cms. di diametro. Scaldi ora una casseruola che sia molto pulita, e collochi il chapati nel recipiente. Sia diligente ed osservi che non bruci. Quando incomincino ad apparire bolle, rovesci rapidamente il chapati fino a che tornino ad apparire le bolle. Usando pinzetta, sostenga il chapati sul fuoco. Pu collocarlo compreso per molto poco tempo sul focolare e rovesciarlo rapidamente, Collochi il chapati sul lato che innanzitutto si era impiegato nella casseruola. In alcuni secondi il chapati si gonfier. Rapidamente lo rovesci. Lo metta sul focolare per alcuni pochino secondi, e dopo lo rimuova immediatamente. Gli unga burro in entrambi i lati, usando un pennello di cucina. Copra i chapatis con un straccio pulito affinch conservino il caldo. L'offra immediatamente a Krishna, o lo collochi nelle pieghe dell'asciugamano di carta ed offra al pi tardi. Nota: Tenti di stabilire un ritmo nei suoi movimenti affinch possa impastare un chapati mentre l'altro si sta cucinando. Di questa maniera lei far approssimativamente un chapati ogni due minuti. Buono caro studente, gli auguriamo successo in questo rifugio verso lo yoga e che la sua mente abbia la determinazione per continuare per lui. "La prima o seconda evidenza di un'intelligenza genuina non fare commerci, ma se li fa, allora deve essere sicuro di farli bene." Pancatantra.

Lezione 13 SEZIONE 1 STUDIO DEL BHAGAVAD-GITA. "Quando il Bhagavad-gita si conobbe in Europa, fu ricevuto con gran entusiasmo. La ragione per la quale questo libro caus una profonda impressione nella mente degli europei, pu spiegarsi per il fatto che istru, per la prima volta, all'Occidente con un misticismo che esigeva un amore devozionale a Dio che pu essere dimostrato nella realt e non solamente in maniera spirituale." Albert Schweitzer. SERVIZIO DEVOZIONALE. Nei capitoli anteriori, Krishna spieg le concezioni personale, impersonale ed universale del Supremo, come i differenti sistemi di yoga per raggiungere il Supremo. Nel capitolo 12, Krishna afferma che il bhakti-yoga, il servizio devozionale amoroso, il pi elevato e pi conveniente processo di realizzazione spirituale. Anche Egli descrive le caratteristiche sublimi di quelli quali seguono questo perfetto sentiero. Questo capitolo comincia con una domanda di Arjuna. Bench Krishna abbia stabilito previamente l'adorazione della Sua forma personale come il Supremo modo di adorazione, e la devozione a Lui come il sistema di yoga pi elevato, Arjuna vuole ora essere sicuro che egli ha compreso completamente tutto. Nel primo retro Arjuna chiede a Krishna che stabilisca che considera il pi perfetto, se a quelli che sono correttamente occupati nel servizio devozionale o chi adorano il Bramino non manifestato, la caratteristica impersonale e tutto penetrante di Krishna, Bg. 12.1). Krishna risponde": Io considero come il pi perfetto quell'il cui mente fissa nella mia forma personale, dedicato sempre ad adorarmi con gran fede trascendentale", Bg. 12.2). Krishna dice ad Arjuna che eventualmente gli adoratori della concezione impersonale della Verit Assoluta lo realizzano, ma poich questo un processo indiretto, molto pi difficile, Bg. 12.3-5). Egli assicura ad Arjuna che per quelli che sono fissi nel servizio devozionale sigaro se li salva prontamente dall'oceano di nascita e morte, Bg. 12.6-7). Egli istruisce ad Arjuna affinch fissi la sua mente ed intelligenza a Lui e, per questo semplice metodo, raggiungerlo finalmente. Per quelli che non possono fissare spontaneamente la sua attenzione a Lui e senza deviazione, Krishna spiega il processo indiretto per il quale essi possono raggiungere gradualmente questo stato, cominciando con la coltivazione della conoscenza (jana), passando alla meditazione (ahyana), alla rinuncia dei frutti dell'azione, karma - phala-tyaga, al sacrificio dei frutti del lavoro, sadhana - bhakti, e finalmente all'esecuzione dei principi regolativi v terapeutici del bhakti-yoga (sadhana-bhakti) (Bg. 12.9-12). Nella sezione finale del capitolo, Krishna racconta le qualit e caratteristiche del Suo devoto sigaro, ripetendo alla fine di ogni descrizione che tale devoto" molto caro per Me." Il devoto sigaro libero dei desideri materiali, delle dualit della natura materiale e del falso ego; avendo fatto di Krishna la suprema meta della sua vita, il devoto si stabilisce nel suo servizio con determinazione, e la sua mente ed intelligenza stanno in completa armonia con Krishna, Bg. 12.13-2). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 5 Testo 30 io mam pasyati sarvatra sarvam ca mayi pasyati tasyaham na pranasyami sa ca io na pranasyati yah - chiunque che; mam - a Me; pasyati - vedi; sarvatra - da tutte le parti; sarvam - tutte le cose; ca - e; mayi in Me; pasyati - vedi; tasya - suo; aham - Io; na - no; pranasyami - sono perso; sah - egli; ca - anche; io - a Me; na - n; pranasyati - perso. Traduzione: Per quello che mi vedi da tutte le parti e vedi tutte le cose in Me, Io non sono mai perso, n egli non mai perso per Me. L'idea chiave di questo verso " vedere da tutte le parti" a Dio. Mediti specialmente lo studente su questo significato. Perdere a Dio significa non vederlo in ogni evento, in ogni atto, in ogni momento, in ogni posto. Per quel motivo per quello che vedi da tutte le parti a Dio ed in tutte le cose, "Egli" non mai perso n" egli perso per Me", dice Krishna. Mediti soprattutto questo ed apra bene gli occhi del suo cuore. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. Oggi vedremo Nidra yoga VII. Meditare su Bramino. Innanzitutto faccia la sua pratica di esercizi di rilassamento e dopo pratichi il Nidra-yoga per quindici minuti. Dedichiamo il nostro tempo alla meditazione sul Cosmo e la nostra posizione in lui. Col suo corpo perfettamente rilassato, prenda coscienza della grandezza dell'universo. Non possiamo concepire la sua grandezza, n possiamo vedere i suoi limiti nel cielo; n neanche sappiamo che cosa c' oltre il nostro universo. Questo pianeta uno tra tanti milioni, ed un sole atto-rifulgente illumina questo universo. Noi siamo molto piccoli dentro il nostro corpo, ma il nostro corpo fatto degli stessi materiali che costituiscono il cosmo. Tutto dentro il cosmo costituito per atomi; atomi che galleggiano di un stato ad un altro. Sembra che il nostro corpo rimanga stabile, ma ogni cellula sta cambiando costantemente. Il nostro alimento entra al corpo, e l'eccesso esce per mezzo dagli intestini, la respirazione, le mucosit, il sudore, le pelurie ed unghie del nostro corpo, etc. L'unit dell'anima non cambia, ma la combinazione varia costantemente e dentro ogni atomo esiste una circolazione del protone e l'elettrone. Questa energia che mi penetra e penetra tutto questo universo chiamata in Sanscrito" Bramino." Tutti i corpi manifestati fanno parte di bramino. Molte volte abbiamo ascoltato a filosofi dire che tutto uguale. Il nostro corpo nasce dalla terra ed a lei ritorniamo, ma questo non risponde il perch noi siamo manifestati, e da dove proviene originalmente la vita. Le Proibizioni dicono che Bramino perfetto, ma gli esseri viventi imperfetti non comprendono la natura e pensano che tutto questo solamente un incidente casuale. Ma la perfezione di Bramino potr solo essere compresa quando usciamo dalla piattaforma mondana e cerchiamo sinceramente la Verit Assoluta. Dentro la manifestazione materiale troviamo la dualit materiale e l'aspetto di relativit di tutte le cose. Ma nel Bhagavad-gita Krishna dice: matra-sparsas il tuo kaunteya sitosna-sukha-duhkha-dah agamapayino nityas tams titksasva Bharata

"Oh figlio di Kunti!, l'apparizione temporanea della felicit e l'afflizione e la sua sparizione a tempo debito, sono come l'apparizione e sparizione delle stazioni dell'inverno e l'estate. Sorgono dalla percezione proveniente dei sensi ed uno devi imparare a tollerarli senza disturbarsi, Oh rampollo di Bharata!" Il Bramino un mistero, ma come noi siamo parte del Bramino, questo mistero pu essere scoperto per il processo dell'autorrealizacin. Per adesso, mediti semplicemente sull'energia tutto penetrante che sta nell'universo. TECNICA. Studi il testo anteriore e mediti sui differenti punti. Osservi Lei a lei stesso come parte del Bramino. La vera meditazione basata nella conoscenza e ci proporziona la realizzazione personale. Per questo, studi molto bene le parti filosofiche del corso complementari al tema, e cos lei potr meditare con gran successo. In questa lezione praticheremo un esercizio abbastanza dinamico conoscente come il colpo di ascia. Lo pratichi e ricordi che deve ripetere giornalmente tutti gli esercizi imparati. TECNICA: In posizione in piedi. I piedi separati circa 60 o 70 centimetri. Un i pollici delle mani ed incrocio le mani (una sopra all'altra). Li collochi all'altezza di cavalli. Inali lenta e profondamente. Allo stesso tempo, alzi le braccia completamente rette, al di sopra della testa, fino a che il corpo rimanga completamente verticale. Pieghi ora il tronco ed esali in tre tempi. Simultaneamente, tenti di mettere la testa per tra le gambe. I movimenti devono essere forti e devono coincidere con le esalazioni. Faccia attenzione a non battersi le mani contro il piano. Ripeta l'esercizio dieci volte. Questo esercizio non deve essere praticato da persone che soffrano di vertigine o di pressione arteriale dimissione. Benefici: Finisce con la stanchezza, dunque, stimola la circolazione ed i nervi della spina dorsale. Esercita i muscoli delle anche, la schiena e gli organi addominali. E per gli occhi: Altro eccellente esercizio fissare la vista al cipiglio, questo si chiama" tatrak." Fermi l'esercizio davanti al minore sintomo di stanchezza, c' pericolo in farlo volgarmente si crede come. anche buono vedere la punta del naso. Benefici: Fortifica la vista, previene malattie agli occhi. SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. Possono i calcolatori avere coscienza? Gli scrittori di fantascienza tentano frequentemente di risolvere i problemi della vecchiaia e la morte, approfittando dell'idea secondo la quale un essere umano essenzialmente una macchina complessa. In una scena tipica, medici e tecnici esaminano la testa dell'agonizzante signore Juan Prez con un escanografo, un strumento altamente sensitivo che registra con ogni dettaglio le connessioni simnticas dei neuroni del suo cervello. Un calcolatore trasforma allora sistematicamente questa informazione in un programma che simula in maniera fedele il modello specifico di attivit interna di quello cervello. Quando detto programma passa per un calcolatore appropriato, la personalit reale del signore Prez sembra rivivere per mezzo della macchina. Sono scappato dalla morte!" dir allegramente il calcolatore, attraverso un generatore di parole elettronico. Esaminando la stanza con camere di televisione, il computarizado signore Prez apparir un po' disorientato nella sua nuova personificazione. Ma quando i vecchi amici l'intervistano," egli" spiega tutti i tratti caratteristici del signore Prez. Nella storia, il signore Prez vive di nuovo nella forma di un calcolatore, ora il suo unico problema evitare di essere cancellato della memoria del calcolatore. Bench questa storia possa sembrare fantastica, alcuni degli scienziati moderni pi influenti del mondo prendono sul serio i principi che c' dietro menzionata la storia. In realt, gli investigatori della scienza della vita, affermano che un'entit vivente non pi che una macchina complessa costruita con componenti molecolari. Nel campo della filosofia e la psicologia questa affermazione ci porta alla conclusione inevitabile che la mente include solo il funzionamento biofisico del cervello. Di accordo con questo punto di vista, possiamo definire con termini completamente meccanici le parole che applichiamo alla personalit umana, tali come coscienza, percezione, volont, proposito ed intelligenza. Insieme a questa linea di pensiero ci sono state sempre speculazioni tonte circa la costruzione di macchine che possano esibire questi tratti della personalit. Ma ora le cose sono andate oltre la semplice speculazione. L'arrivo dei moderni calcolatori elettronici ci ha fatto un nuovo campo di investigazione affezionato costruire realmente questa classe di macchine. Questo il campo dell'investigazione dell'intelligenza artificiale, o" ingegneria conoscitiva", nella quale gli scienziati tendono a pensare che i calcolatori digitali con sufficiente velocit e complessit possono produrre nella realt tutti gli aspetti della personalit cosciente. Una certa volta, potemmo osservare in un catalogo dell'Universit M. I. T. che l'ingegneria conoscitiva implica un avvicinamento alla mente e l'intelligenza, il quale " qualcosa di differente di quella dei filosofi e psicologi, per quanto l'ingegneria conoscitiva tratta di produrre intelligenza. In questo articolo analizzeremo se possibile che una macchina possieda un io cosciente che si percepisca come un osservatore ed un artefice. La nostra tesi sar che mentre i calcolatori possono generare in principio sequenze complesse di comportamento paragonabili a quelle prodotte per gli esseri umani, i calcolatori non possono possedere una conoscenza cosciente senza l'intervento di principi di una natura superiore della conoscente per la scienza moderna. Ironicamente, possiamo basare i nostri fermi argomenti sui concetti stessi che costituiscono il fondamento della ricerca di intelligenza artificiale. In quanto ai calcolatori si riferisce, la deduzione pi ragionevole che possiamo fare di questi argomenti che i calcolatori non possono essere coscienti. Quando si applicano alla macchina del cervello umano, questi argomenti appoggiano un'alternativa: la comprensione non meccanica dell'io cosciente. Per cominciare, facciamo alcuni domande circa un calcolatore ipotetico che possiede intelligenza ed un'autoconocimiento cosciente in un livello umano. Questo calcolatore non deve duplicare la mente di un essere umano particolare, come il nostro signore Prez, ma deve sperimentare semplicemente una conoscenza di pensieri, sentimenti e percezioni sensoriali uguali alle nostre.

Primo esaminiamo un po' l'organizzazione interna del nostro calcolatore cosciente. Come appartiene alla classe di calcolatore digitale, consiste di un magazziniere di informazione o memoria; un apparato chiamato l'unit centrale di procedimento, CPU, e vari dispositivi per scambiare l'informazione con l'ambiente. La memoria semplicemente una mezzo passiva utilizzata per registrare grandi quantit di informazione in forma di numeri. Possiamo visualizzare la memoria tipica di un calcolatore come una serie di scatole intestate, ognuna delle quali pu conservare un numero. Alcune di queste scatole contengono normalmente numericamente alcune istruzioni codificate che specificano il programma di attivit del calcolatore. Altre contengono differenti classi di informazione e le altre conservano i passi intermedi dei calcoli. Questi numeri possono rappresentarsi fisicamente nella memoria come modelli di istruzioni in un" condensatore" in microminiatura, modelli di magnetizzazione in piccoli magneti, e di molte altre forme. Il CPU realizza tutte le attivit operazionali del calcolatore, le quali consistono in un numero determinato di operazioni semplici di manipolazione simbolica. Dette operazioni includono in generale i seguenti passi: in primo luogo, di un posto specifico, o" direzione", nella memoria, il CPU ottiene un'istruzione codificata che identifica l'operazione che realizza. Di accordo con questa istruzione, il CPU ottiene informazione addizionale della memoria. Quindi il CPU porta a termine l'operazione per s stesso. Questo deve includere il" input, lettura di un numero nella memoria mediante un dispositivo esterno, o il" output" (trasmissione di un numero della memoria ad un dispositivo esterno). O l'operazione pu includere la trasformazione di un numero di accordo con regole semplici, o il trasloco di un numero di un posto ad un altro nella memoria. In qualsiasi caso, l'ultimo passo dell'operazione implica la selezione di una" direzione" della memoria, dove possa cercarsi la seguente istruzione codificata. L'attivit di un calcolatore consiste nient'altro che in passi di questa classe, realizzati uno dietro un altro. I codici di istruzioni conservati nella memoria passiva specificano le operazioni che il CPU esegue. La funzione del CPU semplicemente eseguirli in sequenza. La costruzione fisica del CPU come quella della memoria, pu includere differenti componenti, che vanno da connessioni semiconduttore in microminiatura fino a trasmettitori elettromeccanici. solamente l'ordinazione logica di questi componenti, e non la sua costituzione fisica questione, quello che determina il funzionamento del CPU. Ora, supponiamo che un calcolatore sta eseguendo un programma. Vediamo che possiamo capire circa i possibili stati di coscienza del calcolatore. Quando realizza il programma, il CPU del calcolatore verificher solamente un'istruzione in un momento dato, ed i milioni di istruzioni che comprendono il resto del programma esisteranno solo in un registro inattivo nella memoria del calcolatore. Allora, intuitivamente sembra dubbioso che un semplice registro inattivo possa avere qualcosa da vedere con la coscienza. Dove, allora, risiede la coscienza del calcolatore? In un certo momento il CPU sta realizzando solamente un'operazione elementare, per esempio," copiare il numero della scatola 1687002 nella scatola 9994563." Di che maniera possiamo riferire questa attivit con la percezione cosciente di pensieri e sentimenti? DEFINENDO LA COSCIENZA. Siamo interessati in comprendere l'esperienza soggettivo accampamento della conoscenza cosciente. Per capire chiaramente la concezione di coscienza, dobbiamo fare qui una piccola pausa per descriverla e stabilire la sua posizione come sottometto di una verifica seria. Per coscienza vogliamo dire la conoscenza di pensieri e sensazioni che percepiamo direttamente e che" sappiamo" che percepiamo. Dato che altre persone sono simili a noi, naturale supporre che sono analogamente coscienti. Se accettiamo la cosa anteriore, dovremo convenire che la coscienza un tratto obiettivo della realt, il quale tende ad essere associato con certe strutture materiali, tali come i corpi degli esseri umani. Ora, quando una persona comune ascolto che un calcolatore pu essere cosciente, tende ad interpretare ovviamente questa affermazione nel senso che abbiamo appena descritto. Pertanto, immaginer che un calcolatore pu avere esperienze coscienti soggettive simili alle sue. Certamente, questo l'idea che ci sono dietro storie come quella che comincia questo articolo. Uno pu immaginarsi al computarizado signore Prez guardando la stanza attraverso le camere di T.V del calcolatore, e sentendo stupore per la sua strana trasformazione. Se il computarizado signore Prez potesse sentire in realt tale esperienza soggettiva, allora affronteremmo la situazione descritta nella figura No.1. Di un lato, esisterebbe l'esperienza cosciente del calcolatore: la sua esperienza soggettiva di colori, suoni, pensieri e sentimenti, sarebbero una realt. Dell'altro lato, esisterebbero le strutture fisiche del calcolatore. Tuttavia, non possiamo correlare direttamente la coscienza col processo fisico reale del calcolatore, n neanche la coscienza con l'esecuzione di operazioni individuali rudimentali. Di accordo con gli investigatori dell'intelligenza artificiale, la coscienza deve corrispondere alle propriet astratte di pi alto livello nella condizione fisica del calcolatore, propriet descritte per simboli tali come pensieri e sentimenti che si mantengono nella parte superiore della piramide elevata che sono le definizioni astratte. Realmente, queste propriet astratte sono gli unici tratti immaginabili del nostro calcolatore cosciente che possono avere alcuno relazione diretta col significato di coscienza. L'entit, essendo differente della macchina, ha un certo da potere per comunicarsi con questa e dovrebbe avere le seguenti caratteristiche: 1.- Possedere sufficienza potere di discriminazione per riconoscere certi modelli astratti ed elevati circa l'organizzazione nell'ordine della materia. 2.- Dovrebbe essere capace di stabilire prima un vincolo tra la coscienza e l'ordine della materia menzionato. Specialmente, deve modificare i contenuti dell'esperienza cosciente di accordo coi cambiamenti che queste propriet astratte soffrono col passo del tempo e le sistemazioni della materia si trasformano. chiaro che non c' posto per un'entit di questa classe nella cornice di quello che succede dentro un calcolatore. Certamente, possiamo concludere che un'entit pu corrispondere a comportamenti naturali completamente sconosciuti per la scienza moderna. Questa la conclusione alla quale dobbiamo arrivare se assumiamo che un calcolatore pu essere cosciente. Ovviamente che possiamo evitare questa conclusione se supponiamo che nessun calcolatore arriver ad essere cosciente, e, in realt, questo il caso. Tuttavia, lasciando i calcolatori ad un lato, che cosa possiamo dire della relazione tra la coscienza ed il corpo fisico di un essere

umano? Di un lato, sappiamo che gli esseri umani possiedono coscienza, e dell'altro, la scienza moderna c'insegna che il corpo umano una macchina complessa composta per componenti molecolari. Possiamo arrivare alla comprensione di una coscienza umana che non abbia bisogno dell'introduzione di un'entit della classe descritta nei punti 1 e 2? Ironicamente, se tentiamo di basare la nostra comprensione sulla teoria scientifica moderna, la risposta non. La ragione che tutti gli scienziati moderni cercano di capire che la coscienza umana dipende, diretta o indirettamente, di un'analogia tra il cervello umano ed un calcolatore. In realt, il modello scientifico di coscienza umana una macchina cosciente." Il Sanatana-dharma c'insegna che un organismo vivente consiste di un atma in associazione con un corpo fisico composto per energia esterna. Il Bhagavad-gita descrive il corpo fisico come una macchina, o yantra, e l'atma come un passeggero che continua a condurre quella macchina. Quando l'atma rossa, i suoi sensi naturali sono legati nel sistema fisico informatore-processore del corpo, e, pertanto, percepisce al mondo attraverso i sensi corporali. L'atma la coscienza reale dell'Io dell'entit vivente ed il corpo semplicemente un meccanismo simile ad un veicolo senza coscienza. Se riprendiamo i nostri argomenti circa una macchina cosciente, vedremo che l'atma svolge il ruolo specificato nelle affermazioni 1 e 2. L'anima incidentemente cosciente, e possiede le facolt sensoriali e l'intelligenza necessarie per interpretare le propriet astratte dei complessi stati cerebrali. Il Bhagavad-gita spiega: Questo corpo si chiama il campo, ed a quello che conosce questo corpo lo denominato il conoscitore del campo" atma", Bg. 13.2). La coscienza presente in tutti i corpi vivi e Dio, o Krishna, il suo signore: devi comprendere che anche Io sono il conoscitore dentro tutti i corpi, e comprendere a questo corpo ed il suo proprietario, Paramatma, denominata conoscenza..." , Bg. 13.3) Se consideriamo quello che succede quando una persona legge un libro, possiamo intenderci della pratica la posizione dell'atma come l'osservatore cosciente del corpo. Quando una persona legge, comprende i differenti pensieri ed idee che corrispondono a propriet astratte del pi alto livello e non semplicemente all'inchiostro e la carta. In realt, nessuna di queste propriet astratte esiste in realt nel libro stesso, n neanche immaginiamo che il libro cosciente di quello che contiene. Come lo mostra la figura 3 per stabilire una correlazione tra il libro, di una parte e la conoscenza cosciente del suo contenuto, dell'altra, deve c'essere una persona cosciente con intelligenza e sensi che possa leggere il libro. In una maniera simile, affinch la conoscenza cosciente sia associata con le propriet astratte dello stato di una macchina, deve esistere un'entit cosciente che possa leggere detti stati che abbia creato la macchina e chi possa metterla in contatto con un'entit vivente. LA SCIENZA DI LA COSCIENZA. Dato che n la Suprema Personalit n le atmas individuali sono combinazioni di elementi materiali, non possibile scrutinarli direttamente, attraverso apparati sensori materiali. In base ad informazione materiale, l'unica maniera in cui possiamo dedurre la sua esistenza con argomenti indiretti come quelli presentati in questo articolo. Tuttavia, di accordo col sanatana-dharma, possiamo osservare direttamente e comprendere tanto la Suprema Persona come agli atmas, se prendiamo vantaggio delle facolt sensori nativo dell'atma. Pertanto, il sanatana-dharma proporziona i fondamenti per una vera scienza della conoscenza. Come questa scienza si occupa di tutte le potenze dell'atma, si estende necessariamente oltre il dominio del pensiero meccanicista. Quando l'atma restretto allo stato fisico rosso, pu partecipare ad attivit personali solo mediante macchine, come il cervello che genera un comportamento per la concatenazione di operazioni impersonali. L'atma non pu manifestare tutto il suo potenziale in questa situazione embrutecedora. Ma l'atma pu riuscire un grado pi elevato di attivit, nel quale partecipa direttamente ad una relazione di amore reciproco con la Suprema Persona, Krishna. Poich tanto l'atma Krishna come di natura cosciente e personale, questa relazione implica l'uso completo di tutte le facolt di percezione, pensiero, sentimento ed azione. In effetti, lo scambio reciproco diretto tra l'atma e Krishna definisce la funzione ultima ed il significato della personalit cosciente, cos come l'interazione di un elettrone con un campo elettrico si dice che definisce il significato finale di un carico elettrico. Il Sanatana-dharma insegna che la natura vera della conoscenza pu essere compresa per l'atma solamente in questo livello di attivit cosciente. Pertanto, il sanatana-dharma ci proporziona una spiegazione della natura dell'essere cosciente che ci porta oltre i concetti del mondo meccanicista. Mentre appoggiando l'idea che il corpo una macchina, questa spiegazione sostiene che l'essenza della personalit cosciente si trova in un'entit che interacta come questa macchina, ma che in un tutto distinto di lei. Pi ancora, uno pu conoscere solo la natura vera di questa entit in un contesto assoluto che trascende completamente il dominio delle macchine. Abbiamo discusso che un avvicinamento strettamente meccanicista della vita, non pu spiegare in forma soddisfacente la coscienza. Se vogliamo progredire in questa area, ovvio che abbiamo bisogno radicalmente di un avvicinamento differente ed abbiamo spiegato in maniera breve come il sanatana-dharma proporziona questa alternativa. Il sanatana-dharma indica la relazione tra la coscienza e le macchine, all'affermare in forma valorosa che la personalit cosciente irriducibile. Bisogna continuare delucidando il significato fondamentale dell'esistenza personale, aprendo una regione pi elevata di attivit cosciente, una regione che pu essere esplorata per esperienza diretta. "Questa conoscenza il re dell'educazione, il pi segreto di tutti i segreti. la conoscenza pi pura, e poich d percezione diretta dell'io mediante l'illuminazione, la perfezione della religione. eterno e si esegue allegramente", Bg. 9.2). In contrasto, il visione meccanicista del mondo, la cosa migliore che pu proporzionarci la caricatura sterile osservata nella personalit cosciente riassunta per il computarizado Sig. Prez. Fig. 1.- Relazione tra la coscienza e le strutture fisiche di un calcolatore ipoteticamente cosciente. Se supponiamo che il calcolatore cosciente, allora il contenuto della coscienza del calcolatore ed il sistema fisico sono reali. Tuttavia, il contenuto della coscienza pu corrispondere unicamente a propriet astratte di alto livello di quello sistema. Queste propriet si rappresentano nel quadro per una gerarchia di descrizioni simboliche. Tali propriet esistono solo in un senso astratto, non sono presenti nella realt del sistema tangibile del calcolatore. Conoscenza cosciente di pensieri, sentimenti e percezioni.

Fig. 2.- Relazione tra la coscienza e le strutture fisiche del cervello. I contenuti della coscienza e delle strutture fisiche sono reali, ma i contenuti di Costruzione sensoriale, la coscienza possono corrispondere solo a propriet astratte del pi alto livello di quelle strutture. EGO "Pensieri"," sentimenti" e" Percezioni" Costruzione sensoriale elementare Procedimenti matematici sofisticati Operazioni Pi elevate Operazioni elementari SISTEMA DEL CALCOLATORE EGO "Pensieri"," Sentimenti" e" Percezioni" Costruzione sensoriale elementare Operazioni ancora pi elevate Operazioni elevate Operazioni Neutrali basilari SISTEMA DEL CERVELLO. Conoscenza cosciente della trama e della storia. TRAMA Descrizioni del tema ed i caratteri. Idee basilari ed immagini. Frasi Parole Lettere Inchiostro sulla carta. Fig. 3. - Relazione tra la coscienza e le strutture fisiche del libro. Quando una persona legge un libro, diventa cosciente di propriet astratte di un livello pi elevato che il semplice inchiostro sulla carta, i quali non sono presenti direttamente in queste strutture fisiche. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTOREALIZACIN. Oggi vedremo Per-Prakrti ed Apara-Prakrti. Ci sono due classi di Prakrti: Per Prakrti ed Apara Prakrti. Il jiva si chiama per, o superiore, e Prakrti, natura; il jiva sta al di sopra dell'energia inferiore, la materia morta, il quale chiamato Apara Prakrti. Anche il jiva chiamato l'energia marginale, perch, bench sia puramente spirituale, egli a volte basso l'influenza di Apara Prakrti, Maya, ed a volte basso l'influenza dell'energia spirituale. Bhagavan Krishna descrive le energie del Supreme, della seguente maniera: La terra, l'acqua, il fuoco, l'aria, l'etere, la mente, l'intelligenza e l'ego falso, in complesso tutti questi otto comprendono le Mie energie materiali separate (Prakrti). Oltre a questa natura inferiore, Oh Arjuna, quello delle poderose braccia! c' un'energia superiore Mia, la quale consiste in tutte le entit viventi che lottano con la natura materiale e che sostengono l'universo", Bg.7.4-5. I jivas sostiene l'universo, perch essi condividono l'energia superiore, Per Prakrti, e lavorano con la materia (Apara Prakrti). I jivas pu manipolare la materia per la sua compiacenza. Apara Prakrti in s stessa (terra) acqua, fuoco, etc., non ha nessuna potenza per generare le manifestazioni innumerabili dentro l'universo. Le attivit dell'universo sono il risultato delle azioni dei jivas, i quali muovono la materia inerte. In questo modo, la versione Vedica si opporsi alla concezione dell'universo che opera meccanicamente, senza il tocco spirituale. I jivas pu creare molte cose perch essi sono l'energia spirituale superiore, ma in nessun modo essi sono il Purusa Supremo. Per che essi non possono creare la materia del niente, n possono creare vita della materia. Possono manipolare solo quello che hanno ricevuto. Semplicemente il jiva cerca di imitare al Purusa vero, ma questo lo trasporta innumerabili problemi. Nella vita materiale, ogni jiva pensa": Io sono il Purusa, il padrone disfrutador." Questo si chiama illusione, Maya. Il jiva ha un certo grado di potere controllore, ma in tutti i casi questo limitato. Le letterature Vediche patrocinano affinch il jiva abbandoni i suoi conati di disubbidienza di trasformarsi in Dio volendo manipolare l'energia Apara Prakrti. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI E LE DROGHE. "Il sole che si nasconde e l'uomo ubriaco sono insieme di un rosso acceso. Essi naufragano in una nudit senza speranza; la sua dignit morta." Panchatantra. Tutte le entit viventi stanno cercando molto ansiosamente la saggezza e la felicit, perch farlo un impegno naturale, ma tentano anche di superare tutte le limitazioni di questo corpo materiale facendo ogni tipo di sistemazioni artificiali. naturale che tutto il mondo preferisca la felicit alla sofferenza, dato che in una condizione penoso nessuno pu godere della vita. Come un bambino che si mette tutto nella bocca tentando di tirare fuori qualche sapore a tali oggetti, l'uomo tenta di trovare soddisfazione per compiacere i suoi sensi, o la sua mente, e poich in generale assorto completamente in attivit esterne, non si rende conto che la sua vera identit quella di un'anima spirituale eterna. A causa della concezione erronea della sua vera identit nella ricerca della compiacenza sensoriale, egli si dedica a differenti pratiche, le quali si descrivono comunemente nelle Proibizioni come appartenenti alla modalit dell'ignoranza. Il principale di queste pratiche l'intossicazione. Tutte le differenti classi di stimolanti o intossicanti che l'uomo usa per incrementare il piacere materiale causano solo stragi nella coscienza. Per esperienza, sappiamo che ogni tipo di intossicazione associato

invariabilmente con effetti colaterali perniciosi, tali come malattie, depressione, addizione ed a volte violenza. Poich questo corpo materiale destinato a morire, qualunque piacere artificiale che possiamo estrarre per mezzo delle droghe, non pu alleviare in nessun modo i nostri desideri interni di felicit. Piuttosto si incrementa il grado di frustrazione dell'entit vivente, contemporaneamente che il suo corpo distrutto per l'influenza di tali droghe. Di questa maniera, se qualcuno vuole avanzare seriamente per la strada spirituale, lo raccomandato nelle Scritture Vediche che non si avveleni con nessuna classe di intossicanti. Deve evitare di prendere qualunque stimolante per soave che sia, affinch cos la coscienza possa rimanere tanto pura e diafana come sia possibile, e di quella maniera vincolarsi con la conoscenza trascendentale e dedicarsi senza ostacoli alla meditazione. Tutto il mondo sa molto bene che l'intossicazione limita e distorce la visione del mondo materiale. Nessuno riceve consigli di una persona ubriaca. Pi ancora, semplicemente una persona intossicata non ha nessuna ispirazione su temi spirituali. Egli si trover un ed un'altra volta attaccato per l'influenza della modalit dell'ignoranza. Per quel motivo il Bhagavad-gita raccomanda che uno deve controllare i desideri sensoriali, bench esista il desiderio per l'intossicazione. Con la sospensione di tali attivit e sperimentando un sapore pi elevato con questo processo di Yoga, uno pu prendere coscienza, e di quella maniera controllare i sensi. Ogni intossicazione si basa praticamente sulla propaganda e nella moda. Dovuto all'influenza di amici e parenti ed alla propaganda incessante, tutto il mondo, compreso i bambini, ingannato e quasi forzato affinch cominci a fumare sigarette ed a prendere avvinazzate alcoliche, e quando un giovane arriva all'universit, imparer con ogni sicurezza l'arte di fumare marijuana e di consumare ancora droghe pi forti. Questo non n vantaggioso, n aiuta a risolvere nessun tipo di domanda o problema. Neanche si sperimenta una soddisfazione pi elevata per quanto il proposito della vita umana raggiungere la comprensione spirituale e la perfezione, le quali sono sufficienti per proporzionarci l'informazione necessaria circa il comportamento appropriato in questo mondo. Ma prendendo droghe, uno perde realmente tutte le opportunit, tanto quella di un comportamento sociale corretto come quella di un avanzamento spirituale. Per tutto questo, troviamo che in India gli Yogis n fumano, n bevono, n consumano droga alcuna, compreso neanche prendono t o caff. Attualmente la scienza medica moderna utilizza molte droghe nei suoi trattamenti, ma dobbiamo riconoscere che gran parte di dette droghe causa altre malattie sconosciute per l'umanit. Queste malattie sono le reazioni causate per i rimanenti di chimici che sono entrati al nostro corpo nella forma della medicina alopta, cos come per i cibi prodotte artificialmente i cui fonti sono i fertilizzanti artificiali, insetticidi, pesticidi ed i preservativi chimici. Pertanto, uno deve avere molta cautela ingerendo alimenti o medicine. Per quel motivo non mangi cose delle quali non sia sicuro circa la sua qualit, natura e provenienza. Non beva liquidi fermentati, n prenda superfluamente droghe, perch questo gli causer stragi nella sua salute e nell'equilibrio della sua coscienza, necessarie entrambe per una buon utilizzazione della vita umana. SEZIONE 7 LO YOGA E LA SALUTE. Studieremo ora i principali prodotti del latte, incominciando per una descrizione delle differenti classi di latte. LATTE DI VACCA. Madhura liscio, (sapore dolce. Questa pu incrementare qualunque deficienza di dhatu, struttura. Controlla vata, aria, e pitta (bile). considerata come un amrta (nettare) perch immediatamente si trasforma in liscia, linfa, se si prende sola. A meno che sia presa immediatamente dopo estratta della vacca, dovr essere bollita per farle pi leggera e libero di germi. Se arriva a raffreddarsi molto difficile da digerire, uno non deve lasciarle riposare in una bottiglia o in un altro recipiente. Pertanto, preferibile prenderla scaldi. molto buona per le malattie del cuore ed elimina i veleni ed i tossico. Tutti i ragazzi tra i tre ed i quattordici anni dovrebbero prendere per lo meno latte tre volte al giorno. La donna incinta dovrebbe bere giornalmente latte, come ferma due persone. Quando la donna sta allattando il suo bambino, dovrebbe bere giornalmente due litri, circa sei bicchieri. Le frutte acide, tali come le arance, limoni, pompelmi non vanno molto bene col latte. LATTE DI CAPRA. Kashaya, sapore aspro, e lavana liscio (sapore salato). Questa molto pi leggera del latte di vacca. Ha meno kapha Dosha (mucosit) perch la capra non beve acqua come la vacca egli quale le fa meno nutritiva, ma molto utile per i bambini che non possono digerire il latte di vacca. Questa contiene anticorpi contro differenti malattie. Pu essere usata in febbri, asma, alta pressione arteriale, tubercolosi, e diarrea ed anche quando il latte di vacca non pu essere tollerato. LATTE MATERNO. molto soave. Forma tutti i sette dhatus, elementi strutturali, nell'infante se gli dato con amore. anche molto utile per malattie degli occhi. Possono usarsi alcune gocce come un bagno molto effettivo per i disordini visuali. Una madre lattante deve evitare alimenti caldi, aspri, salati o acidi, affinch il suo latte provenga da suo proprio liscia (linfa) e cos non faccia male al bambino. Se per alcuno ragione la madre non pu produrre sufficiente latte di petto, il latte di capra lessa il migliore. YOGHURT. Amla liscio (sapore acido). Aumenta l'appetito se si prende prima dei cibi. Prende molto tempo per essere digerito, ed aiuta a formare il sangue, il grasso ed il seme. Fortifica a Jataragni, il fuoco stomacale. Aumenta il kapha, mucosit, e pitta (bile); controlla il vata (aria). Se si prende con altri alimenti non altera le Doshas (energie), ma presa assolo causa definitivamente tumulti. Pu mescolarsi con ghee, miele o mung dahl. Una ricetta popolare mescolare lo yoghurt con banano e lo spolverato semi di senape pesti. Lo yoghurt aiuta ad alleviare problemi dei seni, e di infiammazioni della vescica e l'uretra. Lo yoghurt senza grasso buono per l'indigestione e per l'infiammazione del pancreas. Lo yoghurt deve prendersi fresco tra le 24 ore seguenti alla sua preparazione. Non deve prendersi giornalmente yoghurt n nelle stazioni fredde o piovose, n nella notte, servito solo, o se caldo. Il mangiare yoghurt in eccesso, pu produrre edema (ritenzione di acqua), rientro eccessivo nelle mestruazioni, malattie della pelle, anemia, pressione arteriale dimissione, vertigine, sparizione, o febbre.

Ed ora la nostra ricetta vegetariana della quindicina. LADDU. Tazza di burro senza sale, tazze di farina di cece setacciata o farina di grano, tazze di zucchero a velo, 3 Tazza di cocco secco grattato, 1/2 Tazza di noci o mandorle senza sale punte. Sciolga il burro in una casseruola. Aggiunga a poco a poco la farina setacciata, rimescolando costantemente. Continui rimescolando a fuoco mezzo-sotto fino a che la farina si metta orata. Aggreghi il cocco e le noci e rimescoli. Aggiunga gradualmente lo zucchero a velo setacciata e mescoli bene. Se si formano grumi, li rovini con un cucchiaio. Ritiri del fuoco, lasci raffreddare fino a che possa fare palle. Formi palle di 1 pollice. Per variare un po', aggiunga una cucchiaiata di cannella o noce moscada in polvere. Ed ora qualcosa di molto speciale: CEROTTI DI PATATE FRITTE, ANARCARDI, UVETTE E COCCO (GUZERATI ALOO CHIDWA) Serve per 10 porzioni. Ingredienti: 12 once di papi, approssimativamente 2 papi di volume medio, Tazze di ghee od olio vegetale Peperoni verdi, partiti per la met, con semi e tagliati in strisce molto magre 1 cucchiaiata di cumino in polvere 1 cucchiaiata di paprica o peperone in polvere 1 cucchiaiata di crcuma in polvere. 1 cucchiaiata di garam 1 cucchiaiata di sale 1 cucchiaiata di zucchero o zucchero cande in polvere 1-1/2 cucchiaiate di olio o ghee 1/2 tazza di noci" sposi" (noce di anarcardio), anarcardi, partiti in pezzetti o in met. 1 cucchiaiata di semi di finocchio Cucchiaiate di semi di ajonjol 1/2 tazza di uvette o ribes. 1/2 tazza di cocco grattato in strisce. Preparazione: 1.- Lavi e peli le patate. Li collochi una per una durante la sua mano e la grattugi con una grattugia manuale per il lato dei vuoti grandi per ottenere strisce magre. Metta le strisce di papa in un colatoio e getti loro annacqua fredda per dieci minuti. Agiti il colatoio per tirare fuori l'eccesso di acqua. Collochi le strisce di papa in asciugamani di carta assorbente affinch si asciughino. 2.- Collochi il burro chiarificato o l'olio in una paila profonda in fuoco alto fino a che la temperatura arrivi a 375F. Getti piccoli pugni delle strisce di papa e frite per due minuti, o fino a che siano tostate e di colore dorato; li tiri fuori e sgoccioli l'olio, dopo li collochi su pi asciugamani di carta assorbente. Dopo avere frigguto tutte le strisce di papi, metta a friggere i peperoni verdi fino a che siano dorati, li tiri fuori, lasci loro sgocciolare e li collochi su asciugamani di carta assorbente. 3.- Mescoli le spezie in polvere, il sale e lo zucchero in un recipiente piccolo. Scaldi cucchiaiata e media di ghee od olio in una casseruola per friggere in fuoco mezzo-pianterreno per minuto e mezzo. Aggiunga gli anarcardi ed i semi di finocchio, rimescoli mentre Lei fritan o per cinque minuti. Collochi i semi di ajonjol e continui a rimescolare fino a che il miscuglio prenda un colore dorato. Ritiri del fuoco e versi il contenuto attraverso un setaccio o colatoio di maglia fine, posizionato su un recipiente. Pu conservare il ghee o l'olio per girarlo ad usare. 4.- Combini tutti gli ingredienti in un'insalatiera grande e rimescoli soavemente per mescolare bene. Serva fresco, caldo, freddo o alla temperatura ambiente. Se lo vuole conservare, lo collochi in un recipiente ben chiuso a temperatura ambiente. Pu durargli fino a due settimane. Utilizzi il cocco e le uvette per adornare. Buono caro studente, abbiamo finito un'altra lezione. E ricordi che pi studio produce pi rapidamente migliori risultati. SIN UN MAESTRO SPIRITUALE GENUINO NON PU RICEVERSI CONOSCENZA TRASCENDENTALE.

Lezione 14 Questa la grandezza della cosa grande a chi gioielli di saggezza decorano; nonostante i danni e gli ostacoli, anche essi possono vedere fino al fine di quello che intraprendono." Pancatantra Una lezione pi vuole dire pi un passo in questo bello verso la conoscenza Vedica. Cosicch avanti, senza affievolire n dubitare che alla fine c'aspetta la Verit Assoluta e la totale comprensione di lei. Come gli promettemmo, insieme a questa lezione lei riceve un breve esame, affinch possiamo sapere quale il suo avanzamento stato. Cosicch per favore risponda tutte le domande e c'invia le risposte non appena gli sia possibile. SEZIONE 1 STUDIO DI UN CAPITOLO DEL BHAGAVAD-GITA. "Nelle mattine, do un bagno al mio intelletto con la filosofia stupenda e cosmogonica del Bhagavad-gita che se paragoniamo col nostro mondo moderno e la sua letteratura, questi risultano meschino e triviale" Henry David Thoreau. LA NATURA, IL DISFRUTADOR E LA COSCIENZA. Il Capitolo Tredici del Bhagavad-gita si riferisce alla distinzione ed interrelazione tra il corpo, l'anima e la Superalma (Paramatma). Il corpo chiamato Ksetra, o il campo delle attivit dell'anima, e consta di 24 elementi materiali. L'anima che risiede dentro il corpo si chiama ksetra-ja, o" il conoscitore del campo di attivit." I sintomi di vita, ed in ultima istanza, tutti i movimenti dentro il mondo materiale, si devono all'interazione dell'anima con la materia. Oltre il Ksetra-ja, o il conoscitore individuale del corpo, l'anima, sta il Supremo Ksetra ja, la Superalma, che il supremo conoscitore dentro tutti i corpi. Bench la Superalma esista come unit, appare separatamente in tutti i corpi, come il sole appare simultaneamente per riflessione in molti differenti depositi di acqua. Egli accompagna eternamente all'anima individuale come il testimone residente, l'autorit ed il sostentamento. Di questi due" conoscitori del campo" di attivit, il jiva, l'anima individuale infinitesimale, fallibile, essendo soggetta all'influenza inquinante o illusoria della materia, mentre la Superalma infallibile, essendo immune all'influenza della materia. Questo Capitolo conclude che quello che pu comprendere analiticamente tutta la manifestazione materiale come una combinazione dell'anima con gli elementi materiali chi possa vedere, oltre essi, all'anima Suprema, la Superalma, arriva ad essere eleggibile per la liberazione del mondo materiale e cos ritornare al mondo spirituale. Al principio di questo capitolo, Arjuna inquisisce circa i sei aspetti principali: prakrti, la natura materiale, Purusa, il disfrutador, ksetra, il campo, ksetra-ja, il conoscitore del campo, jana, la conoscenza, e jaya, il fine della conoscenza, (Bg. 13.1). Krishna definisce rispettivamente il ksetra e ksetra-ja come il corpo e l'anima, Bg. 13.2). Poi dice che Egli il conoscitore dentro tutti i corpi, e definisce la conoscenza come la comprensione di questi tre aspetti, il corpo, l'anima individuale e la Superalma, Bg. 13.3). Dopo, Egli enumera i 24 elementi materiali che costituiscono il campo di attivit, rappresentato per il corpo, Bg. 13.4-7). Subito enumera gli aspetti che costituiscono il processo della conoscenza, non essendo differente questo processo dell'avanzamento spirituale per il quale l'anima corporificada liberato della legatura della materia, Bg. 13.8-12). Poi Krishna descrive il jeya (" la cosa conoscibile" che la Superalma, la quale esiste nella cosa mobile ed immobile. La Superalma un bench multiplo; il sostentamento di tutti gli esseri viventi, trascendentale alle modalit della natura (padrone delle modalit), e sta oltre la portata dei sensi materiali, Bg. 13.13-19). Poi Krishna descrive la Prakrti, la natura materiale che consta delle tre modalit, ed il Purusa, l'entit vivente. Egli parla circa la causa e natura dell'intreccio materiale del jiva, Bg. 13.20-24). Nei due versi seguenti, Egli menziona i differenti sentieri per la realizzazione della Superalma: dhyana, sankhya, karma-yoga ed il sentiero di ricevere la conoscenza delle autorit, Bg. 13.2526). Nei versi finali, Krishna dettaglia il tema essenziale del capitolo: l'interrelazione tra la materia, l'anima e la Superalma. Tutte le azioni, Egli dice, si devono alla combinazione del ksetra ed il ksetra-ja, il corpo e l'anima, oltre i quali sta la Superalma. L'anima e la Superalma sono eterne e trascendentali al corpo, Bg. 13.27-34). In conclusione, Krishna dichiara che quello che ha conoscenza che capisce la differenza tra il corpo e l'anima, e chi comprende il processo della liberazione dell'anima del corpo," raggiunge la meta suprema", Bg. 13.35). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 15 mamaivamso jiva-loke jiva-bhutah sanatanah manah sasthanindriyani prakrti-sthani karsati poppa - Mio; eva - certamente; amsah - particelle frammentarie; jiva-loke - mondo di vita condizionata; jiva-bhutah - le entit viventi condizionate; sanatanah - eterna; manah - menzioni; sasthani - sei; indriyani - sensi; prakrti - natura materiale; sthani - situate; karsati lottando arduamente. Traduzione: Le entit viventi di questo mondo condizionato sono le Mie eterne parti frammentarie. Dovuto alla vita condizionata, esse stanno lottando molto arduamente coi sei sensi, quelli che includono la mente. L'idea chiave di questo verso amsah che significa" parti frammentarie." Come parti del Tutto - Supremo, il nostro dovere rendergli servizio, come l'obbligo della mano prestare servizio al corpo. Questa la chiave per liberarci del karsati, o della lotta ardua per l'esistenza. Mediti accuratamente su questo punto. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. NIDRA-YOGA VIII: MEDITAZIONE IN IL PARAMATMA. Oggi meditiamo sull'origine di tutta la manifestazione cosmica. La Coscienza Suprema lo controlla tutto, perfino a noi stessi, perch non siamo indipendenti come si crede comunemente. In realt, la nostra coscienza tanto minuscola che limitata per il corpo materiale. Siamo solo coscienti del nostro proprio corpo, ma non del corpo del nostro vicino. Qualcosa che tanto piccolo non pu essere indipendente.

Dentro l'universo esiste una legge invariabile, conosciuta come la legge del Karma. Questa legge amministrata dal Legislatore Supremo conosciuto come Paramatma o Superalma. Egli seduto nel cuore di tutte le entit viventi, osservando le sue attivit e desideri, e concedendogli i risultati buoni e brutti delle sue azioni. Se l'entit vivente lo merita, anche il Paramatma pu soddisfare i suoi desideri. Sotto la legge del karma, soffriamo e godiamo in questa vita di accordo delle nostre attivit previe, siano gi di questa vita o di vite anteriori. Come e dove situata la Superalma? Quale la sua relazione con l'Ogni penetrante Bramino? Krishna spiega nel Bhagavad-gita": richiamato Bramino all'indistruttibile e trascendentale entit vivente, ed alla sua natura eterna lo chiamato l'io. L'azione toccante allo sviluppo di questi corpi materiali si chiama Karma cio le attivit fruitivas." Si conosce alla natura fisica come perpetuamente mutabile. L'universo la forma cosmica del Sig. Supremo ed Io sono quello Sig. al che si rappresenta come la Superalma che abita nel cuore di ogni essere corporificado", Bg. 8.3.4). "Ed Io sono il fondamento del Bramino impersonale, la quale la posizione costituzionale della felicit ultima, essendo immortale, imperituro ed eterno", Bg. 12.27). "Io sono situato nel cuore di tutti, e di Me vengono la memoria, la conoscenza e la dimenticanza..." , Bg. 15.15). Pertanto, Krishna differenzia tra l'entit vivente, il karma, la natura fisica e l'universo, e dichiara che Egli il Sig. di tutte questi energie, come il Bramino impersonale, nel suo carattere di Paramatma. Per una migliore comprensione pu consultare la Sezione Leva della Lezione 6. La Superalma un'espansione plenaria della Suprema Personalit (Bhagavan). A differenza delle anime condizionate che stanno anche nel mondo materiale, la Superalma non mai condizionata o scendo il controllo dalla legge del karma, l'illusione o l'ignoranza. E, al contrario di quello che espongono alcuni yogis e svamis cattivo informati, la minuta entit vivente non si trasforma mai in Superalma. La sua posizione eterna quella di essere domestico del Sig. Supremo. Quando l'entit vivente desiderosa di raggiungere la perfezione e liberarsi delle catene dell'esistenza materiale, il Paramatma, nella sua carta di permisor ed osservatore delle azioni dell'entit vivente, porta a detta entit vivente fino ad un maestro spirituale fededegno chi gli dar istruzioni per arrendersi alla Superalma. Gli yogis mistici dirige frequentemente la sua meditazione verso la Superalma che seduta nel cuore. Nel decorso della meditazione nelle Sue qualit, sviluppano gradualmente otto differenti classi di siddhis o perfezioni mistiche che sono: Incoraggiare-Siddhi: Potere tornarse tanto piccolo come un atomo. LAGHIMA-Siddhi: Potere tornarse tanto leggero come una piuma. PRAKTI-Siddhi: Trasportare un oggetto materiale a qualunque posto. MAHIMA-Siddhi - Tornarse tanto pesante come una montagna. ISITA-Siddhi: Manifestare un pianeta. VASITA-Siddhi: Controllare gli elementi materiali. PRAKAMIA-Siddhi: Soddisfare tutti i suoi desideri. KAMAVASAYITA Siddhi: Potere prendere qualunque forma. Tuttavia, tutte questi perfezioni mistiche sono considerate trappole nella vita spirituale, perch lontano da liberarci degli attaccamenti materiali, esse ci schiavizzano ancora pi ed aumentano il nostro intreccio materiale. La perfezione vera della meditazione nella Superalma arrivare a liberarci di tutti gli aneliti per ottenere piacere materiale e sviluppare una gran attrazione per l'associazione col Sig. Supremo nella piattaforma del servizio trascendentale sigaro. TECNICA. Primo realizzi tutti gli esercizi per il rilassamento di gambe e braccia, ed il Surya namaskar; dopo pratichi il Nidra-yoga. Ora mediti accuratamente sulle differenti qualit del Paramatma. Il Paramatma la forma di Dio che situata nel cuore di tutti e perfino si trova dentro ogni atomo che controlla e mantiene tutto l'universo. In realt, n un filamento di foraggio in questo mondo materiale si muove senza il suo consenso. Ma nonostante essere il Sig. Supremo di questo e tutti gli altri universi, Egli completamente libero di tutti gli attaccamenti. Pu trovare un oggetto migliore di meditazione? Di seguito un esercizio che pu essere praticato per tutti, specialmente per bambini e giovani in crescita: TECNICA: In posizione in piedi. I piedi insieme ed il corpo completamente verticale. Porti le mani alla schiena con le dita intrecciate e li collochi all'altezza delle anche. In questa posizione, doppio il tronco in avanti. Simultaneamente allunghi le braccia verso l'alto, e tenti di guardare sempre in avanti. Mantenga questa posizione un momento, e collochi il corpo nella posizione iniziale. Inali ritornando alla posizione eretta ed esali abbassando il tronco. Ripeta l'esercizio dieci volte. BENEFICI: Questo esercizio fortifica i muscoli che legano le scapole e la colonna. Sviluppa il petto ed il collo. SEZIONE 4 ASPETTI VARI DELLA CONOSCENZA VEDICA. IL CORPO SOCIALE. Idraulici, Banchieri, Professori di secondaria, Generali; la lista di occupazioni interminabile. Ma la nostra complessa societ ha bisogno della cooperazione di tutti. Le relazioni tra le innumerevoli classi di lavoratori sono difficili da capire, ma il compito pi facile quando riconosciamo che tutte le occupazioni cadono dentro quattro classi generali: 1. La classe intellettuale; 2. - La classe militare e governante; 3. Il classe commerciante e 4. - La classe operaio. La classe intellettuale pu essere comparata con la testa del corpo sociale, e quella che proporziona guida pratica e direzione spirituale. La classe militare e governante che organizza e protegge i cittadini, pu essere comparata con le braccia. Il classe commerciante che soddisfa le necessit economiche di tutti, pu essere comparata con lo stomaco. E la classe operaio, la quale sostiene tutta la struttura, pu essere comparata con le gambe. In un corpo sociale salutare, tutte le classi lavorano in una coordinazione perfetta.

Il fatto che tutte le societ contengono alcuno versione dei quattro gruppi sopra menzionati, suggerisce che essi sono una caratteristica della legge naturale, ordinati per il designer supremo ed il controllore dell'universo. Questo si conferma nel Bhagavad-gita, dove il Sig. dichiara che Egli stesso ha creato le quattro ordine sociali. Questo non sorprendente; Dio, avendo fatto tante sistemazioni naturali per sostenere l'esistenza dell'uomo sulla terra, non poteva trascurare l'ordinamento sociale in maniera appropriata. Idealmente, ogni organizzazione umana deve essere capace di soddisfare tutte le necessit di una vita comoda, senza avere un'economia in rovine o un conflitto sociale. Tuttavia, questo solo possibile quando si d enfasi nella vita ad un proposito pi elevato come l'autorrealizacin, la quale culmina con la comprensione della nostra entit come domestici del Sig. Supremo. Quando la gente capisca che non questo corpo altro che l'anima dentro lui, potr in forma nativo minimizzare le sue esigenze materiali superficiali. In caso contrario, si preoccuperanno solo per i suoi desideri egoisti essendo vittime dell'ambizione distruttiva, e cos le quattro classi sociali smetteranno di cooperare. La mancanza di conoscenza spirituale la causa principale dei difetti nei sistemi sociali dell'attualit: il capitalismo ed il comunismo. Come il capitalismo promuove una mentalit di consumo, fomentando desideri materiali illimitati, si creda una competenza costante tra gli individui e gruppi per la ricchezza, il potere ed il prestigio. Questo provoca un'atmosfera di sfiducia, insoddisfazione, disuguaglianza, invidia e paura, i quali portano a volte ad esplosioni di violenza, come riposi, proteste ed ammutinamenti. Dovuto a pressioni economiche, la maggioranza delle persone si vedono forzate a svolgere mestieri che sono contrari alle sue abilit naturali e molti milioni soffrono l'angoscia di neanche avere impiego. Il comunismo tenta che tutto il mondo cooperi di una maniera non spirituale nel servizio di un stato secolare, ma questa cooperazione forzata crudelmente per una polizia onnipotente appartenente all'apparato dello stato. Gli scioperi dei lavoratori polacchi dimostrano in forma chiara che il comunismo non ha potuto raggiungere la sua meta di un servizio incondizionato lo stato. Anche il comunismo si sbaglia tentando di eliminare della societ al classe commerciante. Questo un impossibile, e rimane provato con la crescita di enormi imprese private di mercato nero dentro le proprie frontiere comuniste. Quello che tanto ai capitalisti come ai comunisti fa loro mancanza una classe di leader intellettuali che comprendano chiaramente come organizzare la societ in base all'autorrealizacin e non nelle mete materiali. Tali professori si chiamano Brahmanas. importante notare che l'assolo nascita in una famiglia di Brahmanas non qualifica una persona per occupare la posizione di Brahmana. Solamente qualcuno che domini completamente la scienza dell'autorrealizacin e che sia un esempio vivente di qualit tali come l'onest, la semplicit e la bont, pu trasformarsi in un Brahmana. Dato che tale brahmanas non ha la tendenza a sfruttare gli altri, la gente cerca volontariamente il suo consiglio ed il valore dei suoi insegnamenti. Uno dei principali compiti di un Brahmana educare i giovani affinch occupino la posizione sociale che stia pi di accordo con le sue abilit naturali ed il suo talento. Per lo studio diligente delle caratteristiche fisiche e psiclogicas di un individuo, un Brahmana pu aiutarlo a scegliere la corsa che pi soddisfazione personale pu dargli. Pertanto, gli studenti si trasformerebbero in esperti nei campi scelti e la societ si farebbe bene avendo cittadini ben allenati e produttivi. Primo che tutto, i brahmanas aiuta tutti a riuscire un bilancio appropriato tra le mete materiali e spirituali della vita. Insegnano che il lavoro infine l'azione dell'anima attraverso il corpo. L'attivit naturale dell'anima il servizio trascendentale al Sig. Supremo; quindi, i Brahmanas mostra a tutti i membri delle quattro ordine sociali come realizzare il suo lavoro come un'offerta al Sig. Krishna. Questa la piattaforma reale dell'uguaglianza sociale e la cooperazione. Oltre alle quattro varnas: Sudras: Operai, Vaisya: Commercianti e fattori, Ksatriyas: Amministratori e Soldati, Brahmanas: Intellettuali e Sacerdoti. Esistono anche quattro ashramas, od ordini spirituali che sono: Brahmacari: studente. Grihastha: uomo di casa. Vanaprastha: vita di ritiro. Sannyasi: vita di rinunciatario. Una persona brahmacari tra i 5 ed i 25 anni, e vive sotto l'attenzione del guru, essendo istruito per brahmanas. Dopo, pu sposarsi ed entrare nell'ordine di Grihastha o uomo di casa durante 20 o 25 anni della sua vita, badando alla sua famiglia e delle necessit materiali della societ. Se un brahmana-grihastha, lavora come Sacerdote. Attorno ai 50 anni, e durante pi o meno altri 25 anni, pu trasformarsi in un vanaprastha, preparandosi gradualmente per la rinuncia in compagnia di sua moglie, e mettendo i commerci a cura dei suoi figli. Nella parte finale della vita, la persona deve prendere sannyasi che la rinuncia totale a tutti gli obblighi materiali includendo la famiglia, lasciando a sua moglie basso la protezione dei figli. In questa tappa, la persona viaggia ed istruisce spiritualmente alla societ. In questo sistema sociale trascendentale, tutte le quattro classi e le quattro ordine spirituali condividono nel suo lavoro la stessa meta finale: l'autorrealizacin e la coscienza di Dio, ed in conseguenza, tutti sono sicuri di avanzare spiritualmente. L'ATTUALE DEGRADAZIONE. Dovuto alla mancanza di allenamento della gente in questa era ed alla pratica di vizi tali come il sesso illecito, il mangiare carne e l'intossicazione, il Sig. Caitanya dichiar": Kalau sudra-sambhava, nell'era di Kali tutto il mondo un sudra." La cerimonia Vedico chiamato Garbhadhana-samskara, nel quale il marito e la moglie fanno voti prima di avere relazioni sessuali e dichiarano che essi uniscono sessualmente per procreare un bambino cosciente di Dio, non si osserva da molto tempo. La relazione illecita tanto generalizzata che nessuno pu sapere se uno nasce da un Brahmana o di qualunque altra persona. Con l'estinzione dei varnas ed ashramas originali, tutto il mondo arrivato ad un stato deplorevole, essendo governato da uomini indesiderati ed indesiderabili che non hanno nessun allenamento nelle ordine religiose, politiche o sociali. Nell'istituzione di Varnashrama un allenamento regolare nei principi per le differenti classi di uomini. Come ora abbiamo bisogno di ingegneri e dottori ed esistono i posti per il suo adeguato allenamento in istituzioni scientifiche, allo stesso modo sono necessarie le ordine sociali. Questa era la situazione delle originali epoche Vediche. I doveri sono descritti e l'allenamento deve essere dato. Senza allenamento, uno non pu reclamare, per esempio, che per il fatto di essere nato in una famiglia brahmana o di ksatriyas, bench si agisca come sudra, si per quel motivo un Brahmana o un ksatriya. Tali richiami hanno degradato il sistema e l'hanno portato al caos, abbandonando ogni speranza di pace e prosperit. Il risultato che esiste ovunque sudras; un ksatriya dovrebbe stare nel palazzo presidenziale, conducendo l'esercito nella battaglia, ma ci

sono l uomini senza allenamento alcuno e senza intelligenza che sono meno che sudras. Quando non c' disposizione per allenare le ordine naturali, troviamo che la leadership inefectivo e corrotto. Nel sistema Vedico, poich esisteva l'adeguata educazione, la societ era pacifica e strutturata di tale maniera che tutte le persone in generale potessero sviluppare coscienza di Dio. Quella la vera societ umana dove si progredisce verso la realizzazione spirituale. Krishna consiglia nel Bhagavad-gita che uno deve rimanere nel suo proprio lavoro: " migliore dedicarsi alla propria occupazione di uno, bench chiss si esegua imperfettamente che accettare l'occupazione di altra ed eseguirla perfettamente. Le reazioni peccaminose non colpiscono mai i doveri prescritti che vanno di accordo alla natura di uno", Bg.18.47. Lavorare di accordo con la nostra natura e col proposito di servire al Sig., l'abilita ad uno per raggiungere la perfezione mediante quello lavoro, non importa quanto abominevole o piacevole possa essere. Uno deve portare a termine il suo lavoro, bench in ci trovi alcuno difficolt. Certamente, se un uomo esegue il suo lavoro con costanza, ma non serve a Dio mediante lo stesso, sar dominato per quello costante lavoro empio. Il significato assoluto di ogni attivit che uno offra i frutti a Dio. Questa arte di lavorare in servizio devozionale pu essere imparata e per quel motivo che i brahmanas deve essere presenti. Un gran devoto del Sig. Krishna, il bambino Prahlada Maharaja, diceva ai suoi condiscepoli": Quello che si richiede che cambiamo la nostra coscienza e smettiamo di pensare che sono il supremo disfrutador, signore di tutto quello che faccio e nel suo posto desideriamo arrivare ad essere i sinceri domestici del vero disfrutador, la Suprema Personalit di Dio, Krishna." Questo amoroso servizio trascendentale, un cambiamento di coscienza che pu essere perfettamente raggiunto sotto un'azzeccata guida, mentre lavoriamo nel nostro dovere occupazionale. Di accordo col Sig. Caitanya, tutto il mondo deve arrendersi a Dio. Poich le ordine del varna sono naturali poich sono create per Dio, esse hanno solamente significato quando si usano per il servizio devozionale a Dio. LE DIVISIONI IN IL CORPO SOCIALE SONO SIMILI AL NOSTRO PROPRIO CORPO. IL CORPO SOCIALE DEVE AVERE UNA TESTA CHE LO DIRIGA, DUE BRACCIA PER PROTEGGERLO, UN STOMACO PER ALIMENTARLO E DUE GAMBE PER SOSTENERLO. (Illustrazione) SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTORREALIZACIN. BRAHMA - SIVA - VISNU Ci sono molti concetti contemporanei erronei sulla" Trinidad Ind" di Brahma, Siva e Visnu. Generalmente i dizionari definiscono a Brahma come al" membro capo della trinidad ind" (Vedere dizionario di Inglese Webster's New World Dictionary of the English Languaje), ed altre fonti li descrivono come un triunvirato Supremo, essendo questi tre dei uguali. Il termine la Trinidad dimostra un tentativo per applicare la teologia Cristiana alla Letteratura Vedica, allo stile dei primi missionari Cristiani. Il pioniere indologista Sri William Jones, fece una volta questo commento: "Nativi molto fidati mi hanno assicurato che uno o due missionari sono stati tanto rozzi nel suo zelo per convertire i pagani, incitando agli ind dicendoli che essi erano ora quasi Cristiani per che Brahma, Siva e Visnu non erano altri che la" Trinidad Battezza", un giudizio nel quale possiamo domandarci solo se sono la pazzia, l'ignoranza o l'empiet quelle che predominano." In ogni modo, le Proibizioni non appoggiano queste teorie diffuse. Tutte questi tre personalit stanno classificate come GunaAvataras, cio, controllori della natura materiale. Brahma creda l'universo materiale e controlla la modalit della passione; Visnu mantiene l'universo e controlla la modalit della bont; e Siva distrugge l'universo e controlla la modalit dell'ignoranza. Brahma, un jiva molto poderoso, la prima entit vivente che nasce nell'universo. La sua vita si prolunga per la durata intera dell'universo, e quando l'universo annichilito, egli muore. In paragone con gli umano, la durata di Brahma davvero lunga: Secondo calcoli umani, mille ere sommate sono la durata di un giorno di Brahma, e la stessa la durata della sua notte. Quando il giorno di Brahma si manifesta, questa moltitudine di entit entrano in esistenza, ed all'arrivo della notte di Brahma, sono tutte annichilite, Bg. 8.17-18). , Per maggiore riferimento consulti la Sezione 4 della Lezione 5. Il Brahma-Samhita paragona a Brahma con un gioiello il cui brillo solo riflessa luce del sole. Brahma creda il cosmo basso la direzione ed ispirazione di Bhagavan, la Suprema Personalit di Dio. Siva sta a carico della distruzione dell'universo nel momento dell'annichilazione. Egli sta a carico di pula-guna, la modalit dell'ignoranza, ma non dobbiamo concludere che egli ignorante. Uno dei suoi nomi Asutosa, il quale indica che a lui lo compiaciuto facilmente. Siva accetta adoratori di tra gli esseri pi caduti, includendo i fantasmi ed i demoni, chi l'adorano per ottenere benedizioni materiali, le quali sono facili da ottenere. Lo Srimad-Bhagavatam (12.13.16) afferma": Vaisna vanam Yatha Sambhuh"" Siva il pi grande Vaisnava, devoto di Visnu." Nel Padma-Purana, Siva fa questa osservazione a sua moglie": il Mio caro Parvati, sono differenti metodi di adorazione, e di tutti, l'adorazione alla Persona Suprema (Bhaqavan) considerata la pi alta. Ma ancora pi eccelso che l'adorazione al Supremo l'adorazione di Suoi devota." Visnu un'espansione di Bhagavan Krishna, la fonte di tutte le incarnazioni. Ci sono molte espansioni di Visnu, e tutte sono la stessa Persona Supremo Bhagavan. Un'espansione di Visnu, mantiene l'universo e controlla la Sattva-guna, o la modalit della bont. Dei tre Guna-Avataras, Visnu l'unico che pu concedere la liberazione del Samsara, Harim Via Naiva Srtim Taranti. Per quel motivo incerto considerare che la devozione a Brahma o Siva pu provvedere benefici incommensurabili, poich dalle piattaforme di TAMAS e Spacca uno difficilmente pu comprendere la Verit Assoluta. La modalit della bont serve come un trampolino dal quale possono trascendersi tutte le modalit ed ottenere la relazione pura col trascendentale supremo, Bhagavan. Poich Brahma e Siva sono espansioni di Visnu, possiamo apprezzare l'osservazione di Louis Renou": in realt, nello stretto senso della parola, l'Induismo come religione pu essere riassunto come Visnuismo." SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI ED IL MOVIMENTO DI" DIRITTO A VIVERE."

Alla cosa molto, di questo corso rimasto chiaro per lei, caro studente, che qualunque classe di violenza atto-animata e non sanzionata religiosamente incompatibile con la vita spirituale, e l'aborto non l'eccezione. Anticipando la conclusione del seguente articolo, possiamo informarlo che lo Yogi vedi l'aborto come l'aperto assassinio di un essere umano. In poche parole, se stiamo a livello di coscienza di Dio, saremo benedetti con tutte le buone qualificazioni e respingeremo automaticamente qualunque classe di atto violento. Solamente in 1.959, nei diritti umani delle Nazioni Unite, i politici presentarono il seguente messaggio audace": Il bambino, in ragione della sua immaturit fisica e mentale, ha bisogno di protezione ed attenzione, includendo difesa legale adattata dopo ed anche prima della sua nascita." Da quando la Corte Suprema degli Stati Uniti legalizz l'aborto in 1.973, si sono informati di undici milioni di aborti praticati in America. Si stima che si sono realizzati 60 milioni in tutto il mondo. La prestigiosa rivista" Newsweek" afferma che nell'Unione Sovietica ogni donna pratica una media di sei aborti durante la sua vita. Pertanto, nella decade scorsa, il numero di vittime in embrione somm cientos di milioni di morti. Nella societ civilizzata, l'assassinio di un essere umano stato proibito tradizionalmente, tanto per i codici religiosi come per i legali. Le eccezioni pi comuni sono state la pena capitale ed il diritto delle forze armate e la polizia per ammazzare nel corso delle sue attivit legali. Tuttavia, si considera in generale che gli esseri umani hanno il diritto inviolabile alla vita. Ma, si suppone che un bambino non nato un essere umano? Il Dr. Bernard Nathanson scrive nel suo libro" L'Aborto in America"": Parlando nel senso medico stretto, sappiamo che esiste un'entit indipendente, biologicamente iniziata, dal momento in cui lo sperma si unisce con l'ovulo, possiamo discernere che la sua presenza ed attivit cominciano con la sua introduzione." Abbonda l'evidenza scientifica circa questa conclusione. Strumenti sensibili possono captare il suono del cuore di li bevi non nati, come di onde cerebrali elettriche nel primo trimestre della gravidanza quando si realizzano la maggioranza degli aborti. Nonostante tutto, in 1.973, la Corte Suprema di Gli Stati Uniti legifer che un feto non " una persona legale" con diritto a vivere alla difesa della Costituzione. Di questa maniera, la Corte aument il diritto dello stato per privare della vita ad un essere umano per ragioni sociali. Siamo entrati, dunque, in un'area confusa nella quale il diritto a vivere soggetto a cambiare secondo il criterio giudiziale e legislativo. Alcuni hanno paragonato l'aborto con gli effetti sanguinanti degli stati totalitari: le esecuzioni in massa di Stalin, l'assassinio di sei milioni di Ebrei di Hitler. Ma la filosofia attuale dell'aborto sembra avere pi somiglianza con la dottrina nazi circa l'eutanasia, o con l'assassinio inmisericordioso. Per il supposto benessere della societ, ancora i Tedeschi puri con certi difetti fisici o sociologici furono assassinati da medici professionali per ragioni apparentemente umane, razionali e scientifiche. Si considera l'aborto come una politica simile all'eutanasia di bambini no-nati? Alcuni dicono che s. Ci sono segni che i governi estenderanno molto pronto la politica dell'eutanasia ad altri esseri umani. Il Comitato Nazionale per il Diritto a Vivere informa che": alcuni dottori e squadre di investigazione hanno proposto che non si considerino persone ai neonati fino a che compiano un mese o pi." Allora si interrogerebbe al bambino e si deciderebbe se gli lasciato vivere o no. Gli anziano sono un altro obiettivo simile a chi li supposti che sono un gran peso economico per la societ. Una volta che si risolvesse che giustificabile socialmente ammazzare un altro essere umano, dove potremo fermarci? FATTI O MITI? Sfortunatamente, alcune delle giustificazioni sociali in favore dell'aborto non resistono un'analisi razionale. Si detto molto circa il" fatto" della busta popolazione sta esaurendo le risorse della terra, in questione gli alimenti. Ma di accordo con Herman Kahn, esperto del" Hudson Research Institute", la terra pu resistere una popolazione 5 volte superiore all'attuale di 4 miliardi. interessante notare che l'India, con una popolazione di 650 milioni, sta esportando ora un'eccedenza di grani. Senza dubbio, alcuni parti del mondo stanno avendo fame nera, ma in fondo questo si deve ad una brutta amministrazione umana. L'affermazione secondo la quale l'aumento di popolazione deriva in un aumento automatico dal crimine ed altri problemi sociali, neanche certo. In Gran Bretagna, per esempio, vivono 50 milioni di persone in un'area pi piccola di California e tuttavia. ha un totale di assassini annuale minorenne di quello dei ngeles. Nel densamente popolato Giappone l'assassinio quasi sconosciuto. Alcuni allegano che la prevenzione di gravidanze dovute alla violazione una buona giustificazione per l'aborto. Ma un studio realizzato in Minnesota per dieci anni, mostr che non ci fu una sola gravidanza in 3.500 casi di violazione. Cosicch l'argomento della violazione il pi debole per razionalizzare milioni di aborti. l'aborto la soluzione al problema dei" bambini non desiderati"?. possibile che la madre non ami il bambino, ma c'erano recentemente 800.000 compagni sperando di potere adottare un bambino. Solo 100.000 poterono farlo perch il numero di aborti caus scarsit di bambini disponibili per l'adozione. Che cosa possiamo dire circa il diritto che ha la donna di fare col suo corpo quello che voglia, secondo il grido di battaglia del movimento di liberazione femminile? Tale diritto non esiste per nessuno, neanche per le donne. Per esempio, una donna non pu iniettare legalmente Lei eroina nel suo corpo, non pu suicidarsi, n pu utilizzarlo nella prostituzione, Della stessa forma, ella non ha il diritto indisputabile di ammazzare un beve inesistente dentro il suo corpo. In qualche modo, il beb non il corpo della donna bens un'entit separata e con diritto a vivere. Con molto poche eccezioni, neanche gli animali ammazzano le sue bimbe. Finalmente, evidenza scienziata dimostra che l'aborto lontano da essere una tecnica medica sicura, implica molti rischi pericolose comprese emorragie, epatite a causa delle trasfusioni di sangue, sterilit, infezioni e profonde cicatrici psicologiche. In donne che praticano l'aborto nella sua prima gravidanza, le perdite nel primo trimestre in gravidanze posteriori 3 volte pi frequente di quelle che non sono falliti. Le perdite nel secondo trimestre aumentano in 10 volte. La nascita prematura, una delle maggiori cause del ritardo mentale, si incrementano anche in un alto grado. Nel frattempo, l'aborto clinico continua come un commercio normale, producendo enormi guadagni ai quali lo praticano. Si informato di salari fino a di US $200.000 annuali, per gli abortisti. Alcuni anni fa si approvarono leggi in molti stati, per mezzo delle quali le cliniche di aborti dovevano dimostrare con prove di laboratorio che i suoi clienti erano realmente incinta. In alcuni cliniche si

scopr che per lo meno il 20 percento delle donne che andavano a fallire non stavano incinta, ma i suoi pagamenti aiutavano a che l'aborto continuasse essendo un commercio lucroso. Gli avvisi delle cliniche affermano avere" delicate alternative per gravidanze non desiderate." Ma, che tanto delicate sono queste pratiche nella realt? Il metodo pi comune la suzione. Un tubo vuoto con un potere di suzione 28 volte pi alto di quello di un aspirapolvere casalingo, rompe il beb in pezzi e li assorbe tirandoli fuori dall'utero. Quando la gravidanza pi anticipato, si taglia in pezzi al beb con un coltello chirurgico e si fa una raschiatura. In un film recente, appare una donna stanca per la colpa domandando al dottore se il suo beb fallito era stato un bambino o una bambina. Il dottore risponde in un tono professionale e senza la minore emozione": Come posso saperlo?, quando usc era rotto." Un'altra tecnica comune iniettare una soluzione salina nel sacco amnitico, bruciando cos il feto e causandogli la morte. Quindi si induce la madre affinch dia a luce un" dolce di mela" morto, chiamato cos per il colore della sua pelle rosso acceso dovuto alle scottature. NON C' FUGA. Non fa molto tempo, gli abortisti responsabili per queste morti sarebbero stati puniti come criminali. Ma ora le leggi umane hanno cambiato e gli abortisti si sono trasformati in persone rispettabili, in uomini d'affari che fino a pagano imposte. In contraddizione a distorta l'idea moderna che l'embrione un tessuto senza vita individuale, lo Srimad-Bhagavatam, l'essenza di tutta la conoscenza Vedica, afferma": Sotto la supervisione del Sig. Supremo e di accordo col suo lavoro previo, l'entit vivente, l'anima, che risiede nella cellula dello spermatozoide, entra nell'utero femminile per acquisire un tipo specifico di corpo" (SrimadBhagavatam 3.31.1). Questa dichiarazione autoritativa risolve la domanda cruciale di quando comincia la vita nell'utero. Pi enfaticamente, la vita comincia nel momento stesso della concezione, il momento nel quale lo sperma, portando l'anima, entra nell'ovulo. Un altro punto importante che bisogna notare che il diritto alla vita determinato per la legge divina, non per le nostre decisioni capricciose. la legge del karma, lavorando sotto la supervisione del Sig. Supremo, quella che determina quando lo spirito dell'anima individuale entrer nell'utero umano. Una prova di questo che la concezione succede frequentemente nonostante le numerose misure contraccettive. Anche a volte una donna sterile o un uomo impotente possono concepire un figlio. In conseguenza, se attraverso un aborto violento tentiamo di negare ad un'anima la sua nascita umana meritata per la legge del karma, stiamo sfidando la volont di Dio nel pi terribile delle maniere. Per quella stessa legge del karma, chiunque che distrugga un feto in sviluppo dovr soffrire una punizione severa dopo la morte. "Di quello che semini, raccoglierai", dice il Bibbia, e le letterature Vediche confermano che tanto la persona che si fa l'aborto come quello che lo realizza, sono obbligati al momento della sua morte ad entrare in un utero dove loro stessi saranno vittime dello stesso atto indesiderabile. L'aborto una trasgressione grave alle leggi della natura di Dio. Cosicch quelli che siano molto ansiosi di godere il piacere sessuale, ma vogliono evitare la responsabilit di allevare figli, devono considerare con molto giudizio le rigorose conseguenze dell'aborto. A differenza delle leggi della Corte Suprema, le leggi della natura e di Dio si realizzano sempre strettamente. IL PROBLEMA REALE E LA SOLUZIONE Dietro la crisi dell'aborto si nasconde un problema ancora pi profondo: l'enorme aumento recente nel numero di gravidanze non desiderate. Questa l'altra crisi, una crisi tanto severa che milioni di Americani sono ricorsi all'assassinio di feti come l'unica soluzione apparente. Lanci Morrow scrisse da poco in una casa editrice del Rivista" Time"": Senza l'aborto legale e facile, molte vite in progresso si rovineranno senza speranza"; i bambini indesiderati crescono senza amore, colpiti e criminali. Siamo completamente di accordo con che devono rettificarsi queste condizioni sociali. Ma, che persona sana, che comprenda che il feto un essere vivo dal momento della concezione, pu considerare l'aborto come una soluzione valida per le gravidanze indesiderate? Sembra che fossimo acchiappati nella rete di un dilemma crudele: l'orrore dell'aborto, o la miseria di vite distrutte, case rotte e masse di bambini non desiderati. Ma la verit che le crisi dell'aborto ed i bambini indesiderati, come le malattie veneree, l'abuso ai bambini ed il divorzio, sono sorti dalla vita sessuale illecita e senza restrizioni. Le scritture Vediche permettono il sesso con un unico proposito: procreare bambini coscienti di Dio. Pertanto, il sesso; solo per piacere, una violazione alle leggi di Dio, ed una societ di trafficanti di sesso, deve soffrire la sua punizione nella forma di aborti, pornografia e malattie veneree, abuso sessuale di bambini, etc. La societ Americana questo sentendo la reazione agonizzante al suo proprio ateismo, e le discussioni circa se lo stato deve aiutare o non a pagare gli aborti, uguale ad una chiacchierata senza oggetto in una barca che affonda. Ignorando le regolazioni che governano il sesso, spiegate nelle scritture, siamo discesi al livello dagli animali. Che cosa di buono ha" una discussione ragionevole" circa ammazzare bambini? Ammazzando pi di un milione di bambini nel ventre ciascuno anno, gli americani stanno commettendo l'assassinio massiccio pi grande della storia moderna ed ora stanno tentando di decidere come la cosa giusta fare e moralmente. No; la moralit circa questo tema come fermare il sesso illecito. Tutto il mondo, dai dirigenti della nazione fino all'ultimo cittadino, devono comprendere il proposito divino di amministrare il sesso: procreare bambini coscienti di Dio. Qualcosa pi, tutti i governanti dovrebbero praticare questo principio nelle sue proprie vite e propagarlo vigorosamente a tutta la societ. Sfortunatamente, nostri cos chiamate leader non hanno la forza morale per vivere di accordo con le leggi di Dio. Pertanto, non possono preoccuparsi per fare compiere queste leggi dentro la societ. Le leggi di Dio presentate nelle Scritture Rivelate, sono fatte per assicurare la pace e la prosperit, ed infine, per guidare i cittadini verso la conoscenza di Dio. Ma il commercio nefasto dei nostri leader atei perpetuare la filosofia del piacere sensoriale senza restrizioni. Come si spiega nel Bhagavad-gita": Gli atei credono che la gratificazione dei sensi fino al fine dei suoi giorni sia la necessit primaria della civilt umana. Pertanto, la sua ansiet non avr fine." SEZIONE 7 LO YOGI E LA SALUTE. Oggi continueremo nella spiegazione dei principali prodotti lattei. BUTTERMILK.

Amla e Kashaya liscio. Il Butter milk fresco il pi apprezzato alimento nell'Ayur-proibizione. Pu essere fatto giornalmente con uguali quantit di yoghurt ed annacqua, le quali si battono fino a che sorga una piccola schiuma sulla superficie, allora si tira fuori questa schiuma. Quello che rimane quello che chiamiamo butter-milk. Se rimasto molto grosso, allora aggreghiamo 25 percento pi di acqua per fare la cosa pi fine. Pu aggregarsi anche pi acqua se lo yoghurt che si sta usando molto aspro. Il Butter-milk il migliore alimento per la digestione. Aiuto all'ignizione di Jataragni, il fuoco della digestione ed incrementa le encimas digestive, inoltre controlla vata-aria e kapha-mucosit. Il Butter-milk aiuta nelle seguenti situazioni: allevia l'edema, le malattie dell'addome (colica) colite, ulcere, indigestione, etc., emorroidi, diarrea, malattie della milza e del fegato, cistite (infiammazione della vescica), anemia, rimuove le tossine del sistema circolatorio; controlla e diminuisce il colesterolo e l'eccesso di obesit. Questo Butter-milk ha risultati opposti allo yoghurt: deve essere preso giornalmente dopo ogni mangi, essendo il pi importante quella del pomeriggio. un gran associato per la funzione digestiva. Lo yoghurt ed il Butter-milk non devono essere presi insieme nello stesso cibo. Il Butter-milk non deve essere dato a bambini minori di cinque anni. BURRO. astringente e rinfrescante. Il burro d forza e peso al corpo, formando grasso. Deve essere dolce e non salata. Controlla vata, pitta e Kapha (aria) bile, mucosit. Consumandola con moderazione c'aiuta a migliorare le seguenti condizioni: residui del sangue, preso con zucchero cande, tubercolosi, malattie degli occhi, disordini intestinali, foruncoli. GHEE. Ha sapore dolce e rinfresca il corpo. Controlla tutte le Doshas (energie). Il ghee fatto con latte di vacca, incrementa la longevit, la memoria, il discernimento e l'intelligenza. Il ghee produce energia e ritarda il processo distruttivo dei tessuti del corpo. Incrementa la fertilit del seme e dell'ovulo. Incrementa la voce e fortifica la gola. buono per i bambini e le persone di et avanzata. Prendere ghee aiuta a formare i sette dhatus (elementi strutturali del corpo) e proporziona anche qualunque cosa che sia loro necessaria. Controlla vata e pitta, aria e bile, e il migliore alimento per resistere l'eccesso di bile. utile nelle seguenti situazioni: intossicazione, eruzioni, tagliate, scottature, fornculos, morbillo, herpes, ulcere, febbri, malattie del petto ed insalubrit in generale. Il ghee ha una qualit speciale, perch stimola il fuoco della digestione a mo' di combustibile. Il ghee ha la propriet di trovare quali i difetti sono in Jataragni (fuoco della digestione), oscillandolo. Trattiene anche i valori nutritivi dal latte, provenendo da lei; con cinque libbre di latte si prodursi due once di ghee. Quello ghee trattiene il valore dal latte, senza ricaricare il fuoco digestivo. Se si consuma cinque libbre di latte, il processo digestivo sar completamente perturbato e dissestato, ma un o due cucchiai di ghee danno ignizione ed aiutano al processo della digestione, la quale la funzione pi importante per prevenire le malattie. Il ghee deve consumarsi fresco. Quando ha passato molto tempo dopo la sua elaborazione, si trasforma in una tossina molto poderosa che usata in medicina. Aiuto a resistere le seguenti situazioni: l'obesit, l'epilessia, la vertigine, mal di testa e dita, e disordini visuali. Quando si mischia con acqua e si d in piccole gocce, aiuta nelle anomalie degli occhi e gli uditi. Si dice che il ghee vecchio tanto poderoso che pu rivivere ad un uomo in stato di virgola. Ora spieghiamo 3 delle nostre squisite ricette vegetariane che utilizzano differenti forme del latte come ingrediente basilare: SANDESH. Ricotta ottenuta a partire da 1/2 gallone di latte, 1 Cucchiaiata di acqua di rose, opzionale, 1 e 1/4 Tazze di zucchero, non pi di una parte di zucchero per quattro parti di ricotta, 1/4 di Tazza di latte in polvere. Lasci che la ricotta appenda per 4 a 5 ore. La tiri fuori dal tessuto, preferibilmente deve usarsi mussolina, ed ama Lei ella su una superficie soave fino a che la ricotta rimanga ben soave ed unta. Ora mescoli la ricotta, lo zucchero ed il latte in polvere con l'acqua di rose in una stoviglia piccola e la collochi a fuoco lento. Sia molto diligente affinch non si scotti. In caso che la sua stufa non abbia fuoco basso, collochi sotto un coperchio. Rimescoli costantemente fino a che il cagliato inizio a staccarsi della stoviglia e non sia tanto appiccicosa. La tiri fuori dalla stoviglia ed ami di nuovo. Ora faccia piccole palline e dopo li offra, ed a dilettarsi col suo sapore dolce e penetrante. Se vuole una variazione del Sandesh, annata un seme di Cardamon durante la cottura, e la ritiri quando il Sandesh si sia raffreddato. LATTE SOLIDIFICATO (KHOA) Quando si bolle il latte fresco fino a che quasi tutta l'acqua si volatilizzata, la pasta cremosa che si forma si chiama Khoa. Questa pasta cremosa la base per preparare il dolce soave di latte che conosciamo come Burfi, squisite torte di latte solido che chiamiamo pera, e molti altri dolci di latte. Il latte condensato pu sembrare semplice, ma ha i suoi trucchi. Il latte attraversa vari processi: primo si bolle fino a che formi una schiuma; dopo si lascia bollire a fuoco alto, dopo a fuoco mezzo e dopo a fuoco basso. Nell'ultimo passo, deve rimescolarsi il latte condensato, che gi star appiccicosa, in maniera ritmica, continua e vigorosa, per evitare che si scotti. Con un po' di pazienza e di pratica, si trasformer in un esperto preparando turni di cremoso Khoa. Porzione: 10 a 12 Once. Tempo di preparazione: pi o meno mezz'ora. Ingredienti: 8 Tazze di latte intero. 1.- Collochi la met del latte in una pentola di sei stanze e le lasci bollire in fuoco alto una volta affinch gli esca schiuma. Per prevenire che il latte si attacchi, rimescoli costantemente con un cucchiaio o spatola di legno. Se necessario, riduca un po' il fuoco affinch il latte non si sparga, ma continui bollendo durante 12 o 15 minuti.

2.- Aggiunga il latte restante e continui rimescolando fino a che bolla nuovamente. Non smetta di rimescolare e lasci bollire altri 12 o 15 minuti. 3.- Riduca il caldo a fuoco mezzo e lasci bollire il latte fino a che ispessisca ed acquisisca consistenza di crema grossa. 4.- Riduca un'altra volta il fuoco a mezzo alto e continui cucinando il latte, rimescolando vigorosa, costante, ritmica ed accuratamente. Rimescoli fino a che il latte si diminuisca ad una pasta grossa che possa togliersi delle pareti della pentola. Il volume deve essere vicino a 1/6 della quantit con la quale incominci. 5.- Ritiri la pentola del fuoco, collochi la Khoa in una fonte e le lasci raffreddare. Con la temperatura ambiente si andr indurendo fino a formare una specie di torta di latte dolce. Torte Di Latte Solido (Pera) Porzioni: 12 pezzi. Tempo di preparazione: 3/4 di ora approssimativamente. Ingredienti: 5 a 6 Once di Khoa, 4 a 5 Cucchiaiate di Zucchero, 1/2 Cucchiaiata di cardamomo in polvere. 1 pizzico di ghee, burro chiarificato, o burro dolce, 1-1/2 Cucchiaiate di pistacchi pelati, tagliati in pezzi magri. 1.- Mescoli bene la Khoa, lo zucchero, ed il cardamomo in polvere. Collochi il miscuglio in un recipiente di circa 10 pollice, preferibilmente in pentola con aderente, a fuoco mezzo. Rimescoli costantemente. Cucini fino a che il miscuglio sia grossa ed asciuga. Ritiri del fuoco e lasci raffreddare fino a che sia fermo, un po' tibia e lei possa manipolare comodamente la preparazione. 2.- Unga di burro un vassoio. Collochi la Khoa condita in una superficie pulita ed ami fino a che diventi soave e cremosa. La tessitura deve essere egli sufficientemente firmi come affinch possa tagliarsi. Se la massa molto sciolta o umida, aggiunga un po' di latte in polvere scremata extra-fine. Se la massa molto grossa, gli spruzzi un po' di latte. 3.- Divida la massa di Pera e faccia circa 12 palle. Li collochi in stampi decorativi o ama Lei esse come se fosse a preparare panzerotti e pressi il pollice nel centro di ognuna per formare un piccolo buco, collochi i pistacchi tagliati in ognuna delle porzioni. Quando abbia lista chiunque di queste tre squisite preparazioni, l'offra al Sig. Supremo Sri Krishna, e la goda in compagnia dei suoi parenti o amici. Perci, caro studente, abbiamo concluso pi una lezione. Fino alla prossima! Speriamo che per lei sia tanto piacevole ricevere queste lezioni come per noi insegnarli. L'Amore Spirituale Permette L'Associazione Intima Con La Suprema Personalit Di Dio

Lezione 15 Abbiamo avanzato oltre la met del corso e come il nostro proposito speriamo che l'abbiano servito questi insegnamenti. Perci avanti, caro studente, proseguiamo sempre. SEZIONE 1 STUDIO DI UN CAPITOLO DEL BHAGAVAD-GITA. "Il Bhagavad-gita stato sempre la mia fonte di allegria. Ogni volta che sono incapace di percepire una linea argentata nell'orizzonte, apro il Gita ed incontro un verso che mi d una nuova speranza." Mahatma Gandhi LE TRE QUALIT DI LA NATURA MATERIALE Come si spieg nel capitolo tredici, la jiva ingarbugliata nel mondo materiale dovuto all'associazione con le modalit della natura. In questo capitolo, Krishna spiega che cosa sono le modalit della natura, come agiscono, come legano e come pu uno liberarsi della sua influenza. Al principio del capitolo, Krishna dichiara ad Arjuna che Egli gli riveler nuovamente questa Suprema saggezza, il meglio di tutte le conoscenze per il cui comprensione uno pu raggiungere" la natura trascendentale" ed essere liberato della ripetizione di nascita e morte, Bg. 14.1-2). Krishna spiega che tutti gli esseri viventi prendono nascita dentro questo mondo quando Egli li colloca nella natura materiale. Per quel motivo Egli " il padre che apporta il seme" di tutte le differenti specie di vita, Bg. 14.3-4). La natura materiale consta di tre modalit: Sattva (bont), Schegge, passione, e Tamas (ignoranza). Queste modalit condizionano all'entit vivente che prende nascita nel mondo materiale, Bg. 14.5). Krishna definisce e spiega le caratteristiche generali ed i sintomi delle modalit e come esse condizionano e legano alla jiva. Descrive anche il destino delle differenti jivas dopo la morte, Bg. 14.618). Uno pu trascendere l'influenza delle tre modalit e raggiungere Krishna comprendendo il lavoro delle tre modalit e capire che Krishna trascendentale ad esse, Bg. 14.19). Quando uno trascende le modalit, riesce a liberarsi delle miserie della nascita, la vecchiaia e la morte, e pu godere ancora del" nettare in questa vita", Bg. 14.20). Poi Arjuna fa a Krishna tre domande": Quali sono i sintomi di quello che trascendentale alle modalit della natura? Come si comporta?, e Come trascende le modalit? , Bg. 14.21). Krishna risponde alle due primi domande nei versi 22 al 25. In essenza, una persona che ha trasceso le modalit della natura che capisce che suo proprio essere spirituale e trascendentale alla materia, non colpito per le azioni e reazioni del mondo materiale. Egli questo libero di tutte le dualit materiali, tali come piacere e dolore, onore e disonore, e non si occupa in attivit fruitivas. Come risposta alla terza domanda, Krishna dice che uno trascende le modalit per la pratica del Bhakti-yoga (servizio devozionale). E trascendendo le modalit, raggiunge il livello del Bramino, la posizione spirituale preliminare, caratterizzata per la liberazione dell'inquinamento materiale, Bg. 14.26). Nel verso finale del capitolo, Krishna dichiara che Egli la base o la fonte del Bramino, Bg. 14.27). Per quel motivo, quando uno ha raggiunto il livello del Bramino, quando si liberato dell'inquinamento delle modalit della natura, si qualifica per occuparsi nel servizio devozionale di Parabrahman, il Bramino Supremo, Krishna. SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA Bhagavad-gita, Capitolo 14 Testo 27 bramino o hipratisthaham amrta ayavvayasya ca sasvata gi ca dharmasya sukha yaikantilasya ca bramino - della brahmajyoti impersonale; hi - certamente; pratistha - il fondamento; aham - Io Sono; amrtasya - dell'imperituro; avyayasya - immortale; ca - anche; sasvatasva - della cosa eterna; ca - e; dharmasya - della posizione costituzionale; sukhasya la felicit; aikantikasya - ultima; ca - anche. Traduzione: Ed Io Sono il fondamento del Bramino impersonale, la quale la posizione costituzionale della felicit ultima, essendo immortale, imperituro ed eterno. Pertanto, dobbiamo dirigere solamente la nostra attenzione verso l'Essere Supremo, poich illuminazione spirituale significa la ricerca della fonte originale di ogni esistenza. Mediti con chiarezza su questo punto. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE PRANAYAMA II La meta dello yoga controllare la mente e fissarla ad un solo punto: il Paramatma, o il Supremo nel nostro cuore"; Per quello che ha conquistato gi la mente, la Superalma raggiunta, perch egli riuscito la tranquillit. Per un uomo tale, la felicit e la sfortuna, il caldo ed il freddo, l'onore ed il disonore, sono tutti la stessa cosa", Bg. 6.7). Il Hatha - Yoga un processo completo e sistematico per raggiungere la meditazione nel Paramatma. Continuiamo a studiare il tema che iniziamo nella Lezione 10, Terza Sezione. I movimenti del corpo sono innanzitutto generati nel cuore, e tutte le attivit del corpo sono realizzati per i sensi, i quali sono spinti per i dieci differenti tipi di aria dentro il corpo. Questo quello che affermano le Proibizioni. Ricordi che le arie furono descritte nella Lezione 10, 3a. Sezione. La respirazione corretta una dei supporti della buona salute. Le citt inquinate originano malattie nuove e perturbano l'abilit di rilassamento ed il bilancio mentale. L'aria pura necessaria, ed il Sig. Supremo somministr sufficiente, ma la nostra negligenza nella cosa spirituale e la mancanza di conoscenza hanno fatto che le persone distruggano la sua buona salute fumando sigarette ed inquinare l'aria di differenti forme. Il sistema Hatha-yoga lavora di tale maniera che lei controlla la mente controllando le arie; quando le arie sono controllati, anche la mente lo sta, e viceversa. LA TECNICA DEL PRANAYAMA E LA SUA META. Per controllare le arie, la cosa pi importante controllare il Prana, l'aria della vita. Questo processo si chiama PRANAYAMA. Per cominciare, uno pratica la respirazione profonda e fermamente, come l'abbiamo imparato nelle lezioni anteriori. Quindi continui

controllando l'aria che entra e quello che esce, inalando ed esalando alternatamente attraverso le due fosse nasali; questi processi sono conosciuti come PURVAKA, inalazione, e RECAKA (esalazione). La velocit della respirazione si va riducendo gradualmente, fino a che uno riesce il KUMBHAKA, o l'interruzione dell'alito. I periodi durante i quali uno pu mantenere la respirazione si prolungano anche. Questo sistema si spiega negli Yoga-Sutras di Patanjali ed in altri testi, come il Hatha-yoga Dipika e nello Srimad-Bhagavatam, dove dice: "Mentre fissa continuamente il suo sguardo sulla punta del naso, un yogi erudito pratica gli esercizi di respirazione attraverso una tecnica conosciuta come PURVAKA, RECAKA e KUMBHAKA, controllando l'inalazione e l'esalazione, e dopo interrompendoli. Di questa maniera, lo yogi si restringe degli attaccamenti materiali ed abbandona tutti i desideri mentali. Non appena la mente sconfitta per i desideri lussuriosi e si inclina verso i sentimenti di gratificazione sensoriale, lo yogi la porta di giro e la rinchiude nel centro del suo cuore", S. B. Canto 7 Cap.15,Textos 32 e 33. Con questa pratica, gli yogis prolunga la durata della vita per molti anni. Il Hatha - Yoga o Astanga-yoga altamente tecnico e, quando si avanzato molto, implica una conoscenza profonda dei centri vitali del corpo, i cakras ed il cervello, purifica i 72.000 Nadis (nervi) che escono del plesso solare, permettendo per la cosa conseguente che la Kundalini, forza vitale, si alzi del cakra (centro vitale) pi basso ai pi elevati, fino a che arrivi al Brahma randra, di dove l'anima, dopo molti anni di meditazione e pratica, esce e raggiunge qualunque pianeta spirituale o materiale il quale lo yogi abbia aspirato. Il Hatha-yoga consiste tradizionalmente di otto sentieri, e per quel motivo lo chiamato anche Astanga-yoga,: 1.- Yama: controllo dei sensi, 2. - Niyama: Compimento stretto di regole e regolazioni. 3.- Asana: Pratica delle differenti posizioni. 4.Pranayama: Controllo della respirazione. 5.- Pratyahara: Ritirare i sensi degli oggetti dei sensi. 6.- Dharana: Concentrazione della mente. 7.- Dhyana: Meditazione. 8.- SAMADHI: autorrealizacin. E deve essere praticata in un posto appartato senza perturbazioni sensuali. Per lo meno, in un principio, uno deve lavorare sotto la guida personale come un maestro esperto. HATHA-YOGA E BHAKTI-YOGA. Possiamo vedere che degli otto sentieri, abbiamo praticato sistematicamente solo il numero 3 e ricevuto un'introduzione al numero 4. In generale, per raggiungere l'autorrealizacin attraverso l'Astanga-yoga, si necessitano molti, molti anni. In realt, questo sentiero di Yoga era raccomandato in Satya-Yuga, quando la gente viveva in media 100.000 anni. Nel nostro caso, non dobbiamo continuare con questo difficile tipo di controllo delle arie, il quale impossibile da imparare senza una pratica intensa sotto una guida personale. Nel Bhagavad-gita, perfino Arjuna a chi Krishna selezion come il discepolo adatto per ricevere i suoi insegnamenti elevati, present riparazioni dopo avere ascoltato la spiegazione del Hatha-yoga": Oh Madhusudana (Krishna)! il sistema di yoga che Tu hai riassunto mi sembra imprctico ed insopportabile, perch la mente inquieta ed instabile." (Bg.6.33). Pertanto, per raggiungere la meta dello yoga-samadhi o meditazione nel Supremo, le Scritture Vediche raccomandano un altro processo per questa era, chiamata il canto del Santo Nome ed il servizio al Supremo, o Bhakti-yoga. Krishna dice nel Bhagavad-gita": E di tutti gli yogis, quello che si rifugia in Me con gran fede, adorandomi con amoroso servizio trascendentale, quello che pi intimamente unito con me in yoga e il pi elevato di tutti." (Bg.6.47). E per controllare la mente inquieta che una necessit primordiale, Krishna raccomanda": Occupa sempre la tua mente in pensare a Me e trasformati in Mio devoto; offrimi riverisci ed adorami. Essendo completamente assorto in Me, sicuramente me verrai", Bg. 9.34). In conseguenza, nel nostro corso continueremo istruendolo circa la pratica ed i benefici del servizio devozionale, bhakti-yoga, alla Suprema Personalit, e la meditazione nel Suo Nome, con l'intendimento che le Asanas ed il Pranayama, a parte migliorare la salute e calmare la mente, sono mezzi di preparazione per meditare su Dio. Nella nostra Lezione 6, 3a. Sezione, gli presentiamo il Canto del mantra Far Krishna, il quale speriamo, abbia praticato durante tutto il corso. Oggi, per favore, legga di nuovo quella sezione. Gli daremo una spiegazione pi dettagliata nella prossima lezione affinch lei possa assaggiare abbondantemente il nettare spirituale per il quale siamo sempre ansiosi. SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. "Come non pu applaudirsi con una sola mano, neanche possiamo riuscire quello che abbiamo deciso di fare un sforzo." Pancatantra. TANTRA-YOGA. - Pu il sesso essere Yoga?. Da quando il libro Siddhartha di Hermann Hesse cattur la fantasia degli Occidentali, indubbiamente ha causato un impatto di pensiero ed azione, specialmente tra la gente giovane. Bench il libro non dica niente nuovo, sembra offrire la cosa migliore di entrambi i mondi, l'orientale e l'occidentale. In essenza, promette che uno pu dare redine sciolta ai suoi sensi al pi alti ed il pi basso limite di piacere, e che di questa maniera uno pu arrivare alla superconciencia. Chiaro sta che il piacere materiale pi elevato il sesso, ed i metodi spirituali genuini prescrivono astinenza totale o una regolazione molto stretta. Cosicch questo nuovo movimento od onda pu apparire come un'alternativa piacevole per la gente che prende superficialmente le cose e solamente vuole guadagni senza nessuna perdita o, come lo dice un proverbio bengalese, il tipo di gente che vuole solamente la parte posteriore della vacca, la parte che d latte, e non la parte parte anteriore, la parte che deve essere alimentata. Molti delle cos chiamate leader spirituali che sono stati in qualche modo inclusi in questa onda o movimento, si richiamano a se stessi" tntricos", e richiamano" Tantra-yoga" al suo processo dubbioso. Essi sostengono che detto processo una forma genuina di controllare la mente attraverso l'esaurimento sessuale, o esercizio sessuale chiamato" tantra" che suppostamente basato nella letteratura Vedica.

Come seguace della letteratura Vedica, l'ISEV vuole chiarire questa pratica erronea ed abominevole, per evitare che le persone serie siano sfruttate da questi imbroglioni astuti. Primo che tutto, lanciamo un'occhiata al parola" tantra." In s" Tantra" vuole dire," un sistema stretto di yoga, di comandamenti, regolazioni e regole." Ci sono quattro livelli progressivi di" tantra": 1," Tantra" per gente che sta nella modalit della natura di oscurit ed ignoranza; 2," Tantra" per quelle persone che si trovano nella modalit della passione; 3," Tantra" per chi stanno nella modalit della bont; e 4," Tantra" Vaisnavas che sono per devoti del Sig. e che quindi hanno trasceso le modalit di questo mondo materiale. Il cercatore Occidentale considera che questa letteratura Vedica nascosta nel mistero, e finch non conosce in buona fede un guru, un precettore spirituale genuino, egli rimarr in illusione. La sua Divina Grazia A. C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada ha dissipato questo mistero attraverso l'insegnamento della letteratura Vedica, puramente e senza commenti divergenti. "Non ho segreti", diceva Srila Prabhupada, dar loro "tutto come ." Generalmente, i cos chiamati guru mantengono un atteggiamento di mistero in quanto a loro stessi, qualcosa come": Io so qualcosa che "non dico", egli quale mantiene sempre ai seguaci cercando a tentoni risposte. Srila Prabhupada non fu mai cos. Egli ripart il tesoro della letteratura Vedica. Ci sono tre tipi di letteratura su Vaisnava-tantra: Il Narada-Pancaratra, Il Pancaratra ed Il Vaikhanasa. Questi c'offrono regole e regolazioni che liberano la mente degli attaccamenti materiali, e fissano la coscienza alle forme, nomi, qualit e passatempi del Sig. Krishna. Questi tantra descrivono come un Vaisnava, un yogi che affezionato al Sig. Supremo, deve cos cos la sua vita: come deve usare i conti o japas per cantare mantras spirituali, come deve adorare le forme rivelate del Sig. attraverso le Divinit, e molte altre tecniche di concezione circa Dio. Il Vaikhanasa ed altri" tantra" pancartricos sono molto rigorosi, e per fare progresso spirituale uno deve seguire puntualmente le sue regolazioni. I membri della Societ Internazionale per la Coscienza di Krishna, per esempio, seguono il Narada-Pacaratra. Essenzialmente, tutte le regole e regolazioni del Narada Pancaratra sono spiegate per Srila Rupa Gosvami nel suo libro "Il Nettare della Devozione." Ci sono sessanta quattro punti principali, dei quali cinque sono molto importanti: 1, accettare un maestro spirituale fededegno. 2, adorare le Divinit. 3, studiare lo Srimad Bhagavatam e lo Srimad Bhagavad-gita. 4, cantare il Maha-mantra: Far KRISHNA, Far KRISHNA, KRISHNA KRISHNA, Far Far, Far Ramo, Far Ramo, Ramo Ramo, Far Far, insieme ad altre persone ed individualmente, cio a voce bassa quando si cantano i conti, japas o ronde, e 5, Vivere in un posto sacro come Mathura-Vrndavana, il posto dove il Sig. Krishna nacque e god dei suoi passatempi infantili. Per seguire appropriatamente questi modelli uno deve ricevere iniziazione formale da parte di un maestro spirituale genuino e seguire strettamente i quattro principi basilari: non fare sesso illecito, non intossicarsi, non partecipare a giochi d'azzardo e non mangiare carne, uova n pesce. I" tantra" rapidamente Vaisnavas elimina l'idea illusoria che il corpo fisico l'io. In molto breve tempo la yogi devozionale scopre che egli stesso un'anima spirituale pura, felice ed eterna, e cos si immerge con molto entusiasmo nell'oceano del servizio amoroso al Sig. Supremo. Gradualmente tutti gli ostacoli spariscono ed incomincia a sperimentare gusto sentendo e cantare i Nomi del Sig. Supremo. Questo gusto pi alto sorpassa tutti i piaceri materiali, e le circostanze fisiche e mentali non possono distrarrlo. Questo piacere si sviluppa in devozione pura (bhava-bhakti), nel quale lo yogi sperimenta ogni emozione in grado massimo in relazione col Sig. Supremo. Quando le onde di" bhava" sbattono nel cuore, la yogi devozionale sperimenta amore puro per la Suprema Personalit di Dio, e questa la perfezione pi elevata della vita. Per quelle persone che sono affezionate alla modalit mondana della bont si descrive il processo di" Karma-Kanda" o gratificazione dei sensi, cocktail con qualche aspetto di avanzamento spirituale. Questo ramo della letteratura Vedica offre cerimonie di matrimonio, di nascita, funebri e cerimonie di adorazione a differenti semidei per ottenere successo materiale. Di accordo con questi" tantra", se uno si invischia e compromette nella vita familiare, deve obbedire a tutte le regolazioni delle Sacre Scritture, e se non commette nessun peccato per 100 nascite umane, ritorner al mondo spirituale, in poche parole: ritorner a casa, ritorner al Supremo. Questo un processo lento, ed arrischiare pi una nascita nella vita materiale assolutamente insicuro, poich i sensi sono tanto forti che in qualunque momento possono fare che uno cometa mancanze e rovini cos l'opportunit per la liberazione definitiva. I" tantra" per chi si trovano nella modalit della passione offrono metodi di rettifica di peccati anteriori attraverso sacrifici costosi e difficili, o attraverso peregrinazioni lunghe a posti sacri. Ancora quando uno realizzi tutti questi riti, ancora pu avere il desiderio nel cuore di continuare a peccare. E bench questo processo di adorare divinit minori possa promuoverlo a pianeti pi elevati e superhumanos, rapidamente uno spende il suo buon karma e presto o tardi cade in pianeti inferiori e deve cominciare nuovamente. un processo lento e senza nessun beneficio duraturo. Per quelle persone che si trovano nella modalit dell'ignoranza, quelli che invidiano a Krishna o che sono troppo impazienti seguendo una strada spirituale, o quelli che vogliono poteri magici, ricchezza e pronta liberazione, esiste il processo chiamato Sig.-vidya. , Questo il codice yoga che falsi guru hanno pervertito al livello di sessualit grossolana e quello che gli Occidentali sono arrivati a conoscere come" Tantra". Se uno difetto in seguire le regole e regolazioni di sri-vidya, sperimenta non un risultato rapido di poteri mistici bens piuttosto una caduta precipitosa e di rovina totale, ed in molti casi malattie severe e malati terminali come la pazzia e fino alla morte repentina. Per avere durante il tragitto successo tntrico, lo yogi tenta di compiacere la Divinit dell'energia illusoria distruttiva, Kali, o Durga. Ed il processo raramente portato a capo fino al fine. L'aspirante deve controllare completamente i suoi organi fisici attraverso la pratica di posizioni sedute e digiuni dati nel processo di Hatha-yoga, e questo non pi che il principio. Lo yogi deve meditare di accordo a regole molto strette. KALI LA DIVINIT DI L'ENERGIA DISTRUTTIVA, PU PORTARE A SEVERE ED INCURABILI MALATTIE, PAZZIE, O LA MORTE SUBITANEA PER QUELLI QUALI UTILIZZANO IN MANIERA IGNORANTE IL" TANTRA." (Illustrazione)

Lo yogi deve essere seduto sopra ad una pelle di cervo, foraggio" Kusa" ed un tessuto di cotone, fissando i suoi occhi alla punta del naso. Inoltre, egli deve rinunciare ad ogni intossicazione, Gioco d'azzardo, consumo di qualunque tipo di carne e praticare strettamente il celibato. La restrizione dell'impulso sessuale la cosa pi importante se uno desidera perfezionare il cos chiamato Yoga del Sesso. Contrario a quello presentato per la pubblicit attuale, il piacere fisico non il vero obiettivo del" Hatha-yoga." Quando lo Yogi ottiene un controllo completo di tutti i suoi organi esterni ed interni, deve incominciare a pulire la sua mente di tutte le attrazioni e rifiuti verso le cose materiali. Non deve amare n odiare nessuno n niente. Ora il guru gli consiglier di realizzare austerit costanti che unicamente provano la tolleranza dello yogi in quanto al freddo ed al caldo. Se lo yogi passa questi prove calmadamente, allora pu seguire il processo, che continuer pi difficile e spossante. In primo luogo, egli deve cucinare carne e mangiarla senza nessun condimento o maturazione ed anche senza dispiacere o ripugnanza, dato che probabile che sia stato vegetariano. Deve andare dopo ad un crematorio dove deve cercare tra le ceneri quella parte del corpo umano che non si scotta. Questo un pezzo di grasso cilindrico di pi o meno 5 cms. da lontano e 3 a 4 cms. di largo che sta situato esattamente dietro l'ombelico. Non si consuma nel fuoco, ma risplende con una luce verdastra, atemorizante e misteriosa. Lo yogi deve dire i mantras appropriati, e senza retrocedere o pensarlo molto, deve mangiarlo. Dopo, in un momento determinato per il guru, il" yogi" deve cucinare un pesce morto ed ugualmente manger il pesce senza nessun fastidio. Quindi egli deve prendere vino senza che si veda colpito per l'effetto dello stesso. Tutto questo prepara i suoi nervi ed emozioni e lo fa completamente indifferente alle ansiet e necessit del corpo. Quindi deve ammazzare cinque animali e fare una specie di sedile con le sue teste. Dopo che lo yogi si siede su esse, il guru invoca gli spiriti degli animali, e questi attaccano la mente dello yogi. Se egli rimane saggio, pu proseguire alla prossima tappa, il sesso. Sotto la supervisione del maestro spirituale, lo yogi porta a termine una specie di atto sessuale con una yogini (yogi femminile) chi stato chiamata ed allenata nelle arti della carne. Durante la relazione sessuale il" yogi" deve controllare la sua mente e stringere i muscoli dello stomaco col fine di non perdere il suo liquido seminale e tirare fuori il liquido o flusso dalla donna. Il" yogi" conserva il miscuglio di questi due liquidi nella base della sua spina dorsale. L eventualmente infiammer il" Animo", o" potere del serpente" che salir per la sua spina dorsale attraverso il nervo" susuma" e tirer fuori l'anima dal" yogi" della situazione o posto nel cuore, e dopo, fosse del corpo, entrer nella luce chiara e bianca. , Con le sue menti decrepite, gli imbroglioni di oggi hanno frainteso questa disciplina tanto stretta e l'hanno rimpiazzata per un" passaggio" economico per entrare in orge. Ora lo yogi si siede per meditare ed incomincia col sistema di" scheggia-yoga." Egli eleva la forza del" Kundalini" per la spina dorsale a sei centri, o cakras, di potere psichico. Le Divinit che abitano in ognuno dei sei" cakras" o centri psichici gli offrono poteri materiali e piaceri di inconcepibile dimensione. Questi sono tutti trucchi di Kali, Durga, per distrarre allo yogi del successo. Perci, se la forza del" Kundalini" arriva al centro localizzato tra i suoi occhi, ajma, lo yogi pu prepararsi allora per lasciare il suo corpo. Ora deve fare quello che si chiama" la lingua lunga." Col dente affilato di una capra, lo yogi si taglia il sptum o la corda o carnecita sotto alla lingua. Giorno dopo giorno egli deve tagliare il sptum un ed un'altra volta con l'obiettivo che la lingua possa estendersi sempre di pi. Quando la ferita si cura, lo yogi deve tagliare di nuovo e sempre di pi profondo. Alla cosa ultima deve essere capace di allungare la sua lingua fino alla met del suo naso, e dopo fino agli occhi. Questo deve continuare fino a quando possa allungare la lingua fino a davanti suo. Dopo, attraverso la forza del" Kundalini", lo yogi eleva l'anima vivente fino alla gola ed introduce la" lingua lunga" nel passaggio posnasal. Questo evita che l'anima passi alla bocca, naso, occhi o uditi. Attraverso il fuoco mistico si apre un canale nella parte superiore del cranio, il quale si frattura, e l'anima entra alla luce chiara e bianca. Una volta che si trova in questa luce, se lo yogi commette l'errore di pensare che diventato Dio, dimenticher completamente tutta la sua lotta col corpo e cadr immediatamente in una forma inferiore di vita come quella da un germe o una pietra. Lo Srimad-Bhagavatam (10.2.32) lo nota cos": Per la sua intelligenza impura, lo yogi che si trasforma in uno con Dio, cade finalmente di nuovo al mondo materiale, senza importare che tanto severe siano stati le austerit realizzate." Ora abbiamo lanciato un'occhiata in dettaglio al vero verso il" tantra." I seguaci dei" tantra" Vaisnavas suggerisce che per il progresso spirituale genuino, non necessario passare per tutti questi problemi. Invece si pu cantare Far KRISHNA, Far KRISHNA, KRISHNA KRISHNA, Far Far, Far Ramo, Far Ramo, Ramo Ramo, Far Far, e la vita comincer ad essere felice, semplice e sublime. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'ATTO-REALIZZAZIONE CONCLUSIONE DI LA LETTERATURA VEDICA. La parola Siddhanta vuole dire" conclusione." Potremmo domandare se la letteratura Vedica ha realmente un Siddhanta. C' qualche tema comprensivo che unisce a tutti i libri? Se il proposito alla fine uno, perch appaiono i Costumisti per presentare molte filosofie differenti? Perch enfatizzano tante forme differenti di adorazione e meditazione? Danno i Costumisti stessi una storia degna di fiducia della letteratura Vedica? Generalmente, gli erudito basano le sue risposte a queste domande sull'ordine storico nel quale essi credono che apparissero i libri. Di questa maniera risultato la teoria che il Rg Proibisce apparve prima che gli Upanisad ed i Puranas. Col passo di cientos e migliaia di anni l'atteggiamento della gente cambi e suppostamente si svilupparono filosofie e sette differenti. Molti erudito concludono che attorno all'anno 200 sorse A.C. il monoteismo. Da questo punto di vista la letteratura Vedica appare come Se non provenisse da un piano maestro singolare. La letteratura Vedica ha, tuttavia, la sua propria versione del Siddhanta Vedico e la storia. Per comprendere la versione Vedica, dobbiamo solo lasciare che le Scritture parlino per loro stesse. IL SIDDHANTA VDIC0. Dove dobbiamo cercare il Siddhanta Vedico?, o esiste una sola opera che abbrevi e chiarifichi le differenti stirpi tematiche e le sue posizioni e conclusioni relative? Chiaro sta che tale compendio delle Proibizioni dovrebbe essere autoritativo ed accettabile a tutte le scuole filosofiche. E chiaramente, di tutte le opere, il Bhagavad-gita quello che meglio soddisfa queste qualificazioni. Per questa

sola ragione, il Gita si trasformato nell'opera pi conosciuta e frequentemente tradotta di tutte le scritture Vediche. Questo un punto nel quale tutti gli erudito ed acharyas Vedici sono di accordo. Sankara descrisse al Gita come un riassunto dell'essenza di tutti gli insegnamenti Vedici. Ramanuja mise la chiave di tutta la sua filosofia, nel suo Gita-Bhasya (commento sul Bhagavad-gita). Sridhara Swami dichiar": Il Gita, il quale flu della bocca di Loto di Padmanabha Stesso (Bhagavan Krishna) deve essere ben assimilato; quale l'uso della molteplicit di altre scritture? "Thomas Hopkins osserv": La grandezza e continua importanza del Gita riposa nel suo successo in riuscire una complessa sintesi di multi-propositi." Il commentatore prominente del Gita, la Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada, scrive che il Gita " l'essenza della conoscenza Vedica. Perch il Gita parlato per la Suprema Personalit di Dio, uno non deve leggere un'altra letteratura Vedica." Egli aggrega che se uno tanto fortunato di leggere il Gita senza interpretazione animata, sorpassa tutti gli studi di saggezza e quello delle scritture Vediche. anche di questa gran opera che Louis Renou scrive": Per quasi tutto il mondo il Bhagavad-gita per eccellenza" il libro. Ananda K. Coomerswami descrive al Gita come un compendio di tutta la dottrina Vedica che pu essere trovato nelle Proibizioni, Brahmanas ed Upanisad anteriori, essendo cos la base di tutti gli sviluppi posteriori. Pu essere considerato come l'asse di tutta la filosofia Ind. Duecento anni fa le traduzioni incominciarono ad apparire in Occidente, e tra altri, Emmanuel Kant, Henry David Thoreau, Ralf Waldo Emerson ed Aldous Huxley, hanno accettato il Gita come la sua introduzione alla saggezza Vedica. Nei suoi settecento versi, il Bhagavad-Gita trattiene i temi principali dalla filosofia Vedica. Se uno legge il Gita con l'atteggiamento appropriato, pu ottenere conoscenza Vedica attraverso il processo naturale di Sabda. Nel Gita, Arjuna, il discepolo che aveva il coraggio turbato, accetta a Krishna come il suo maestro spirituale. Egli un guerriero, ed il suo dialogo con Krishna prende posto giusto prima di una colossale battaglia che andava a cominciare nel campo di Kuruksetra. Vedendo i suoi amici e parenti nell'altro lato, all'improvviso Arjuna perde il suo desiderio di lottare e si confonde circa il suo dovere. Bhagavan Krishna comincia allora ad istruirlo, in consonanza con la totalit della conoscenza Vedica. In realt, spesso Krishna fa allusione e perfino cita i Costumisti come il Vedanta-Sutra. Se usiamo il Bhagavad-gita come una guida per il Siddhanta di tutti i Costumisti - se questo come dice Sankara" il riassunto dell'essenza", potremmo fare la seguente domanda: Quale l'essenza del Bhagavad-gita? Realmente non una domanda difficile. Perch Krishna afferma ripetutamente che lo Yogi pi elevato quello che si d esclusivamente in amorosa devozione a Bhagavan, la Suprema Personalit di Dio. Krishna afferma che questa dottrina di amore e devozione per il Supremo " la parte pi confidenziale di tutte le scritture Vediche." Alla fine Krishna conclude che Arjuna deve abbandonare tutti gli altri Dharmas e semplicemente arrendersi a. "Io ti liberer di ogni reazione peccaminosa, "non temere", Bg. 18.66). I sei Gosvamis famosi di Vrindavan scrisse molti libri per proteggere il Siddhanta dalla tradizione Vaisnava. (Foto) Lo studente non deve confondere al Krishna del Bhagavad-gita col" dio sectreo, rurale", male interpretato per molti erudito. Del Krishna del Bhagavad-gita, Hopkins scrive": Krishna stato rivelato come quello Sig. Supremo, nel Bhagavad-gita, concorde col Bramino ed i Purusa Vedici e con la forma universale di Visnu. Egli il culmine di tutte le forme religiose delle Proibizioni." Ainslee Impeci commenta": attraverso il Gita sta la supposizione che trascendendo e completare le discipline del lavoro e la conoscenza, si riesce la devozione per Krishna come quello Sig. Supremo. Arrendendosi a, gli uomini trovano la meta finale che essi cercano, la realizzazione di suo vero Io. questa enfasi nella devozione quello che ha fatto che il Gita sia la scrittura che simpatizza pi direttamente col cuore del paese Ind." Quando ritorniamo alla storia della raccolta dei Costumisti, potremo vedere come i grandi temi del Bhagavad-gita risuonano armoniosamente attraverso la letteratura Vedica. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI, IL DEBOLE E FORTE IL Come la posizione del forte proteggere ai pi deboli, di uguale maniera, il dovere del quale hanno la conoscenza insegnare ed istruire l'ignorante. Per esempio, se abbiamo un dolore di dente andiamo immediatamente dove il dentista. Egli sta in una posizione superiore per la sua conoscenza circa trattare e badare a questa classe di problemi; pertanto, c'arrendiamo alla sua conoscenza ed autorit. Un altro esempio: quando saliamo ad un aeroplano e ci sediamo, abbiamo fede assoluta in cui il pilota sa molto bene come maneggiare l'aeroplano, dato che nelle sue mani sta la vita di tutti i passeggeri. A nessuno gli sarei successo chiedere al suo amico Pedro che maneggiasse l'aeroplano affinch il pilota potesse sedersi coi passeggeri e chiacchierare un momento con essi, perch? Perch sappiamo intrinsecamente che certe persone sono qualificate per una classe di lavoro ed altre per un altro. un fatto accertabile che in qualunque situazione, alcuni sono pi alti ed altri pi bassi, alcuni pi forti ed altri pi deboli. Se stiamo sviluppando una certa classe di forza, il nostro dovere usarla per proteggere ai pi deboli. Srila Prabhupada spiega che l'uomo ha fondamentalmente tre potenze o forze. La potenza sessuale, per generare figli coscienti di Dio, la potenza fisica, per la difesa dei deboli; e la potenza spirituale per liberare anime cadute. Come siamo sempre pi deboli di alcuni e pi forti di altri, allora dobbiamo utilizzare appropriatamente qualunque forza che ci sia stati concessa, non ferma sfruttare ai deboli, n per sentire invidia dei pi forti. Nella letteratura Vedica esiste una storia che narra questa situazione di maniera molto bella: C'era una volta un domestico che puliva il palazzo, e stanco di pulire si present davanti al re e si lament di questa maniera": il Mio caro Re, sto servendoti fedelmente durante tutti questi giorni. Sto lavorando molto duramente, ma la cosa unica che ottengo come pago quanto basta per vivere semplicemente, mentre posso vedere che il Primo Ministro si sta servendo anche e sta lavorando molto duramente, ma egli non sta lavorando pi affezionato di me, egli non sta dando pi del suo tempo che io, n pulisce il palazzo come me. Per quel motivo non posso comprendere perch egli questi pagando pi a lui che ad io." Il Re rispose": pensi Tu che sei uguale al Primo Ministro?" Ed il domestico replic": S, a lui mi sento ugualmente, sento che ho le stesse capacit." Ed il Re gli rispose": Buono, facciamo una prova." E chiese ad un altro domestico che andasse per favore a portargli un elefante, e disse al primo domestico": Vedi e verifica quanto pesa questo elefante." Il domestico usc dal palazzo e fu per tutta la citt, tentando di trovare una

bilancia adeguata per potere pesare l'elefante. Dopo molte ore e gi molto stanco, ritorn dove il Re e gli disse": lo sento molto, ma non potei sapere il peso di questo elefante, perch non trovai nel paese una bilancia il sufficientemente grande come per pesarlo." Sentendo tale risposta, il Re chiam il suo Primo Ministro e gli disse": il Mio amante Primo Ministro, voglio che mi verifichi il peso di questo elefante, potresti farlo?" Il Primo Ministro assent ed usc con l'elefante, e dopo di un mezz'ora ritorn con l'animale e disse": L'elefante pesa 1500 chili." Il domestico rimase perplesso ed immediatamente domand al Primo Ministro": il Mio egregio signore, io non potei pesare questo elefante. Per favore mi dica come pot verificare il suo peso." Il Primo Ministro gli rispose": Ah, questo non fu molto difficile. Primo lo portai ad un lago e lo misi in una gran scialuppa. Quindi misurai la profondit alla quale la scialuppa si era immersa dovuto al peso dell'elefante, e quando tirai fuori l'elefante riempii la scialuppa con pesi fino a che affond fino alla stessa altezza che l'aveva affondato l'elefante. Di questa maniera, senza ostacolate alcuna, potei sapere il suo peso." Il domestico, comprendendo, divent molto umile, e senza dire una parola, ritorn alle sue attivit domestiche di pulirlo il palazzo, e verso molto bene, perch sapeva farlo. Possiamo capire con questa storia che ci sono definitivamente differenti capacit tra le differenti persone in questo mondo, e che in realt tutti stanno servendo, ma alcuni persone hanno grandi o speciali responsabilit ed altri li hanno piccole, secondo la sua intelligenza, le sue capacit e le sue differenti abilit particolari. Nel diario vivere possiamo vedere che una persona che ha molto denaro nelle sue mani e non questo moralmente qualificata, semplicemente spender il denaro in prostituzione ed intossicazione, ed in tante altre attivit illecite. Pertanto, perch dovrebbe egli avere denaro? Il sistema Vedico raccomanda che ognuno abbia solamente quello che possa aiutarlo nell'avanzamento spirituale. Se qualcuno non qualificato, non dovrebbe essere permessogli che maneggiasse i fondi della nazione e di quella maniera fargli la strada affinch si trasformi in un malvivente e debba soffrire nel futuro la reazione karmica. molto importante comprendere questo luogo comune. Tanto se siamo interessati nel benessere comune, come se in un momento dato dovessimo esercitare una funzione amministrativa. Tanto in uno come in un altro caso, necessaria quella comprensione dei valori superiori della vita, e la preparazione in funzione di quelli valori. SEZIONE 7 LO YOGA E LA SALUTE. Oggi studieremo il valore nutritivo degli zuccheri: ZUCCHERA: Lo zucchero raffinato non fu compreso nell'Ayur-proibizione, per la semplice ragione che questo non si conosceva nella sua epoca. Questo tipo di zucchero arriv dall'India durante l'invasione Musulmana. Un professore di Ayur-proibizione ci diceva che tossico fino ad un certo grado. Gli zuccheri naturali tali come lo zucchero proveniente del succo di canna, melassa, gur, zucchero in pietra e miele, sono utilizzati e descritti nell'Ayur-proibizione. Discuteremo tutti questi elementi, molto nutritivi per la costruzione del corpo. Essi non devono essere presi per una malattia relazionata con kapha (malattia biliosa). ZUCCHERO ED IL SUCCO DI CANNA. Madhura liscio (gusto dolce). Lo zucchero deve essere preso con lo stomaco vuoto. Controlla vata (aria) ed incrementa kapha (mucosit), (Eccetto se preso dopo il cibo, nel qual caso incrementa vata. La canna deve essere masticata coi denti per estrarre il succo. L'eccesso di Doshas raccolto nelle fibre masticate e di questa maniera sono sloggiate del corpo. Forma eccessiva orina e la canna gialla sempre migliore che la canna rossa. Quando il succo si bolle, evapora acqua ed appare qui quello che si conosce come melassa. MELASSA NERA. Questa rovina le Doshas e difficile da digerire. Pu causare lombrichi nello stomaco. Agisce come un lassativo e molto utile per il disordine del rene e purifica l'orina. Quando la melassa si ripulisce sotto il sole, le particelle nere sono rimosse e si trasforma in Gur. GUR, melassa marrone o gialla, Questa aiuto ad eliminare la costipazione. Forma kapha e dhatus. Se preso in eccesso, spegne completamente il fuoco della digestione. , Le grandi quantit di zucchero danneggiano a Jataragni. MELASSA GRANULATA Questa aiuto a controllare i residui del sangue, rakta pitta. Controlla vata (aria). Molto buono per calmare la sete, la nausea e le nausee. Ed ora due squisite ricette di uno dei dolci Vedici pi popolari: La HALAVA. HALAVA Di Noci Ed Uvette (Suji Halava). Tempo di preparazione: 30 minuti. Porzioni: da 4 a 6. Ingredienti: 2-1/2 tazze di acqua, o 1 tazza di acqua e 1-1/2 di latte; 1-1/8 Tazze di miele, o 1 tazza di zucchero e due cucchiaiate di miele, 1 Dozzina di strisce di zafferano spagnolo di buona qualit, opzionale,; 1 Cucchiaiata di semi di cardamomo, non molto polverizzate; 1/4 Cucchiaiata di noce moscada in polvere; 1/8 Cucchiaiata di chiodo in polvere; 1/8 Cucchiaiata di cannella in polvere; 2 Cucchiaiate di uve uvette; 1/2 Tazza di ghee (burro chiarificato); 1 Tazza di semola, fecola o farina di yucca, anche conoscente come Maizena; 1/4 Tazza di noci punto; 2 Cucchiaiate di cocco secco o fresco, grattato. 1.- In una casseruola di 3/4, combini l'acqua o il miscuglio di latte ed annacqua, con una tazza di zucchero o miele, lo zafferano, il cardamomo e le spezie in polvere. Lasci bollire a fuoco alto per tre minuti. Quindi ritiri del fuoco ed annata le uve uvette. 2.- In un'altra casseruola calda il ghee a fuoco mezzo-pianterreno per due minuti. Aggiunga la semola o la fecola e lasci che si frigga durante circa 15 o 20 minuti, o fino a che diventi ben dorata. Dopo, senza smettere di rimescolare, gli getti accuratamente lo sciroppo preparato nel punto anteriore e le noci. Lasci bollire a fuoco lento fino a che la farina assorba tutto il liquido. , Il tempo di cottura varia un po' dipendendo dalla farina che stia usando.

3.- Quando la Halava sia soave e soffice, ritiri il recipiente del fuoco, annata due cucchiaiate di miele e la collochi in una stoviglia decorativa. L'adorni col cocco grattato e l'offra al Sig. Krishna. Nota. - Un pizzico di sale quando va via avendo appena preparato la Halava, aiuta a perfezionare il suo sapore. questione di gusti. HALAVA Di Semola E Di Farina Di Cece, Suji Halava II. Tempo di preparazione: 30 minuti. Porzioni: da 4 a 6. Ingredienti: 2-1/4 tazze di latte; 1 Tazza di zucchero o miele; 1 Cucchiaiata di semi di Cardamomo in polvere; 1/4 Tazza di uve uvette; 1/2 Tazza di ghee; 1 o 2 Foglie di canna fistola; 3/4 Cucchiaiata di semi di Finocchio; 1/4 Tazza di farina di cece, setacciata; 1 Tazza di semola, fecola o Maizena; 1/3 Tazza di Mandorle o noci punto; 1/3 Cucchiaiata di pepe nero, un po' punto. 1.- Combini il latte, lo zucchero o il miele ed il cardamomo in una casseruola di 1/4 e la metta a fuoco mezzo-alto. Rimescoli fino a che bolla. Quindi abbassi un po' il fuoco e lasci bollire durante 3 o 4 minuti. Ritiri del fuoco ed annata le uve uvette. 2.- In una casseruola di 3/4, quelle che non si attaccano sono ideali, collochi il ghee a fuoco mezzo-sotto, per due minuti. Aggreghi le foglie di canafstula ed i semi di finocchio, rimescoli e frite fino a che i semi diventino dorate. Aggiunga lentamente la farina di cece e la semola o la maizena, lasci friggere senza smettere di rimescolare, fino a che il ghee assorba tutti gli ingredienti e si mettano di colore dorato, pi o meno 15 o 20 minuti. 3.- Mentre continua rimescolando, aggreghi Non lo sciroppo preparato nel punto. 1, fino a che il liquido si assorba e la Halava sia soave e soffice. Ora collochi in piatti decorativi, spruzzi le noci o mandorle punto ed i grani di pepe, ed offra a Krishna. L'ALLEGRIA DEL CANTO CONGREGAZIONALE DEL MAHA-MANTRA FAR KRISHNA INCOMPARABILE E LA MEDITAZIONE RACCOMANDATA PER LA NOSTRA ERA ATTUALE.

Lezione 16 SRILA PRABHUPADA. SEZIONE 1 STUDIO DI UN CAPITOLO DEL BHAGAVAD-GITA. "Il Bhagavad-gita uno dei riassunti pi chiari e ricchi della filosofia perenne che qualche volta si sia compilato. Questo fatto spiega il valore duraturo del libro, non ferma solo gli ind, bens per tutta l'umanit." Aldous Huxley LO YOGA DI LA PERSONA SUPREMA. Nei capitoli anteriori, Krishna ha raccomandato il Bhakti-yoga come il metodo pi conveniente mediante il quale Arjuna pu liberarsi degli intrecci del mondo materiale. Il principio basilare del Bhakti-yoga il disinteresse delle attivit materiali e l'attaccamento al servizio devozionale trascendentale di Krishna. Il capitolo quindici comincia descrivendo come rompere l'attaccamento al mondo materiale, e cos raggiungere il mondo spirituale, e finisce con l'enfatica dichiarazione di Krishna che Egli, essendo la Suprema Personalit di Dio (Purusottama), l'essenza delle Scritture Vediche. Quello che capisce questo, si occupa nel Bhakti-yoga (servizio devozionale a Lui). Al principio del capitolo si confronta al mondo materiale, il suo attivit fruitiva, karma, ed i risultati arruffoni, con un albero baniano complessamente intrecciato. Le parti dell'albero, la radice, i rami, i rametti, le foglie, i frutti, etc., si confrontano con l'attivit fruitiva, la piet, l'empiet, i sensi, gli oggetti dei sensi, i risultati delle attivit fruitivas, gli inni Vedici per l'elevazione, i differenti sistemi planetari, e cos via. Per l'esecuzione delle attivit fruitivas, basate nei desideri della gratificazione sensoriale, l'ingarbugliato jiva forzata a sbagliare di ramo in ramo, cio, di corpo in corpo, di pianeta in pianeta, in questo albero del mondo materiale. In questo modo, Krishna dichiara che" quello che conosce questo albero il conoscitore delle Proibizioni." In altre parole, il proposito ultimo della conoscenza Vedica comprendere questo ingarbugliato albero del mondo materiale e districarsi d'un colpo da lui per tutte, Bg. 15.1-2). Dopo, Krishna descrive la maniera di districarsi e raggiungere cos il mondo spirituale. "Usando l'arma il disinteresse, con determinazione, uno pu abbattere questo albero baniano. Facendo quello, uno deve cercare quello posto del quale, essendo andato una volta, non si ritorna mai, e l arrendersi a quella Suprema Personalit di Dio di chi tutto ha cominciato ed in chi tutto rimane da tempo immemorabile." Subito Krishna descrive il processo di resa e fa una breve descrizione del mondo spirituale, Bg. 15.3-6). Nei seguenti versi, Krishna descrive le entit viventi condizionate nel mondo materiale e come esse stanno trasmigrando di un corpo ad un altro. Di accordo con la sua mentalit, la legato jiva sviluppa un tipo particolare di corpo materiale grossolano, equipaggiato con alcuni sensi particolari, coi quali gode alcuni oggetti determinati. Krishna assicura che gli stupidi non possono imparare questo processo di trasmigrazione, ma i saggi se possono, Bg. 15.7-11). Nel resto del capitolo, Krishna discute la Sua propria natura trascendentale. Egli enumera alcune delle Sue manifestazioni nel mondo materiale, per mezzo delle quali mantiene tutta la creazione cosmica. Egli la fonte del sole, della luna e del fuoco; Egli la forza dei pianeti che galleggiano nella sua orbita; Egli la forza digestiva in ogni corpo; Egli la Superalma nei cuori di tutti gli esseri viventi; ed Egli la fonte ed ultimo obiettivo delle Proibizioni, Bg. 15.12-15). Krishna spiega che ci sono due classi di esseri": i fallibili", le anime condizionate del mondo materiale, ed i" infallibili", le anime liberate del mondo spirituale. Egli Stesso sta oltre tutte esse e il sostentamento tanto del mondo materiale come dello spirituale, Bg. 15.16-17). Pertanto," mi celebrato, tanto nel mondo come nelle Proibizioni, come quella Persona Suprema (Purusottama)", Bg. 15.18). Chiunque che l'accetti come tale, si trasformer nel" conoscitore di tutto", ed in conseguenza, si dedicher al Suo servizio devozionale, Bg. 15.19). Krishna conclude dichiarando che la conoscenza della Sua importanza Suprema e la resa al Suo servizio l'essenza delle scritture Vediche. Tale comprensione lo porta ad uno alla saggezza e la perfezione. SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA Bhagavad-gita, Capitolo 9 Testo 4 maya tatam idam sarvam jagad avyakta murtina mat-sthani sarva bhutani na caham tesv avasthitah maya - per Me; tatam - penetrato; idam - questo; sarvam - tutto; jagat - l'universo; avyakta murtina - mediante la forma non manifesta; mat-sthani - situate in Me; sarva-bhutani - tutte le entit viventi; na - no; ca - anche; aham - Io; tesu - in essi; avasthitah - reddito. Traduzione: Nella Mia forma non manifesta Io penetro tutto questo universo. Tutti gli esseri stanno in Me, ma Io non sto in essi. L'idea chiave di questo verso ": l'onnipotenza del Sig.." In questi giorni di moda che la gente aspiri alla posizione di Dio, dicendo che tutto Dio e che Dio tutto, ovviamente che si aggiungono in quella categoria. Ma in questo verso il Sig. Krishna chiarisce questa idea con fatti contundenti: Tutte le entit viventi stanno in Dio, poich Egli, in un senso, tutto penetrante, ma Egli mantiene un'entit separata e distinta, e pertanto, Egli non sta in essi. Cosicch a differenza dell'opinione popolare, lo yoga non fatto per trasformarci in Dio, bens per purificarci di tale maniera che possiamo arrivare a Dio. E questo arrivare a Dio significa che sviluppiamo un amore tanto puro per Lui che Egli si siede obbligato a rivelarsi a. Lei deve meditare accuratamente su questo punto. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. Meditazione per l'era moderna - Il Mantra Far Krishna ed il Mantra Panca Tattva. Il canto una forma di meditazione basato in ascoltare le vibrazioni sonore trascendentali. Il nostro intreccio nei temi materiali comincia nel suono materiale. Tutti i giorni ascoltiamo suoni materiali nella radio e la televisione, di parenti ed amici, e di accordo con quello che sentiamo, pensiamo cos, desideriamo, sentiamo ed agiamo. Pertanto, rimaniamo nella sfera materiale dell'esistenza, prendendo un corpo dietro altro e soffrendo le miserie della nascita, la morte, la vecchiaia e la malattia. Srila Prabhupada afferma": c' Anche suono nel mondo spirituale, e se c'avviciniamo a quello suono, allora la nostra vita spirituale comincer."

L'entit vivente nella vita materiale come un uomo che sogna. Ella accetta le situazioni di felicit e sfortuna del suo sonno come una realt ultima. Sogna di trovare un tesoro, ma nella realt non neanche ricco. Sogna di essere attaccato da una tigre, ma non sta in un pericolo reale. E quando sveglia, si rende conto della sua situazione. Della stessa forma, qualcuno che canta il suono trascendentale del Nome di Krishna si sveglia gradualmente della condizione addormentata nella vita materiale verso una posizione spirituale originale. Il suono spirituale ha qualit speciali. Quando ascoltiamo il suono" annacqua" ricordiamo il suo sapore e le sue qualit. Ma come c' una differenza tra il suono materiale e l'oggetto, il suono" annacqua" non pu calmare la nostra sete. Tuttavia, il suono" Krishna" assoluto e vibra nella piattaforma spirituale, e quindi, non differente di Krishna. Come Egli onnipotente, le Sue energie trascendentali si manifestano col suono del Suo Nome. La vibrazione" Far KRISHNA" ha il potere di purificare la mente e la coscienza. Come tutte le entit viventi sono relazionate eternamente con Krishna, il canto dei Suoi Nomi si confronta frequentemente alla chiamata naturale da un bambino a sua madre. Le 16 parole Sanscrite Far Krishna, Far Krishna, Krishna Krishna, Far Far, Far Ramo, Far Ramo, Ramo Ramo, Far Far, costituiscono un mantra o formula sonora trascendentale. Questo poderoso mantra conosciuto come Maha-Mantra, stato raccomandato per grandi autorit morali come il metodo pi facile e denaro contante per raggiungere l'autorrealizacin nella presente era. La parola" Mantra" significa" quello che libera la mente", man: menzioni; tra: quello che libera la mente delle illusioni materiali e le ansiet. Questo canto purifica allo stesso modo la mente come una medicina prescritta per una malattia del corpo lo va restaurando a poco a poco fino alla sua condizione naturale salutare. Qualcuno che si dedica a questa pratica, conoscente mantra di meditazione, sviluppa come gradualmente un controllo mentale e raggiunge un elevato controllo dei sensi. In questo stato puro di coscienza spirituale, libero di ubriachezza prodotta per la tensione, la confusione, la depressione ed i sentimenti di invidia ed odio, uno sperimenta vera pace mentale, e pu concentrare sul Paramatma, o Krishna, attraverso il Suo Nome. Quando i Salmi judeocristianos, il Rosario Cattolico, i discorsi Islamici ad Allah e certe tecniche di meditazione Buddista, si esprimono in forma di canti, sono anche metodi di canto dei Nomi di Dio. Ma il Mantra di Far Krishna la manifestazione sonora di Dio pi poderosa. Nelle Proibizioni, questo mantra si descrive come quello che abbraccia tutte le qualit trascendentali e le energie di Dio. Man mano che uno avanza nelle tecniche della meditazione e sperimenta il risveglio dell'amore puro per Dio, tutti i residui della coscienza materialmente condizionata si dissolvono, e le qualit originali e naturali dell'anima: eternit, conoscenza e prosperit, si manifestano nella sua totalit, egli quale la meta dell'autorrealizacin. Il Mantra Panca-Tattva. Dopo avere imparato circa il Mantra Far KRISHNA, oggi vedremo un nuovo Mantra, il Mantra Panca-Tattva, il quale serve da preparazione per la nostra meditazione in quello Far Krishna ed aumenta il suo effetto. Il Mantra Panca-Tattva come segue: (Jaya) sri-krishna-caitanya prabhu nityananda sri-advaita gadadhara srivasadi-gaura-bhaktavrinda. Dobbiamo cantare questo Mantra prima di cantare Far KRISHNA, ed ogni tanto durante il canto. Questo Mantra pu essere cantato prima e dopo ogni meditazione. Il Mantra Panca-Tattva invoca la benedizione spirituale di tutti i cinque Tattvas: Sri Caitanya Mahaprabhu, Nityananda Prabhu, Sri Advaita, Gadadhara e Srivasa. Caitanya Mahaprabhu il Sig. Krishna Stesso Chi apparve 500 anni fa in Nadia, India, col fine di propagare il processo dell'autorrealizacin per questa era di Kali (Kali-Yuga). Descriveremo la Sua vita ed insegnamenti nella seguente Sezione. Per essere la principale incarnazione per questa era, lo chiamato Yuga-Avatara ed Egli il primo dei cinque Tattvas del Panca-Tattva (" le cinque verit". Il secondo Tattva Nityananda Prabhu chi la prima espansione del Sig. come il Maestro Spirituale originale e Chi incarn insieme al Sig. per aiutarlo nella Sua missione. Il terzo Tattva Sri Advaita, la manifestazione di Maha-Visnu, l'aspetto del Sig. addetto della creazione del cosmo materiale. Il quarto Tattva Gadadhara, l'incarnazione della potenza di piacere interna del Sig. Supremo. Il quinto Tattva Srivasa che rappresenta l'energia del Sig. che, essendo un'entit vivente pura, affezionata al servizio devozionale immacolato del Sig.. Quando cantiamo il Mantra Panca-Tattva, stiamo invocando tutte le benedizioni affinch c'aiutino ad avanzare nella vita spirituale. Il Signore CAITANYA E le Sue 4 Espansioni Apparvero In NADIA, Bengala, Indiana, 500 Anni fa Per Liberare A Le Anime Ignoranti E Peccaminose Di Questa Era Di KALI ( foto. La gente che non ha esperienza personale nel processo dello Yoga, a volte dubbio che realmente la meditazione possa fare sorgere quella connessione con la trascendenza e portarci al mondo spirituale. Al rispetto racconteremo loro un'antica storia. C'era una volta un Yogi che non aveva denaro per comprare alimenti che desiderava offrire a Krishna, ma si occupava tutti i giorni in meditare su Lui. Durante la sua meditazione, cucinava differenti preparazioni per offrirli al Sig.. Di questa maniera, tutti i giorni, egli cucinava mentalmente sulle rive del Fiume Gange distinte preparazioni e li offriva. Tuttavia, la sua meditazione era tanto forte che un giorno incominciando un po' l'offerta dopo la cosa abituata, volle sapere se il riso dolce che aveva preparato durante la sua meditazione, gi era freddo, poich sempre il riso dolce deve essere offerto freddo. Cosicch nella sua meditazione, tocc la pentola dove si trovava il riso dolce, e si scott il dito; egli si spavent tanto che svegli della sua meditazione, e guardando le sue dita si diede conto che s si era scottato. In quello momento, nel mondo spirituale, il Sig. Narayana sorrideva molto compiaciuto, poich stando nel cuore dell'entit vivente, Egli lo sa tutto. Quando Srimati Laksmi devi, la Dea della Fortuna e la Consorte eterna del Sig., domand al Sig. Narayana perch sorrideva, Egli non rispose. Invece di rispondere invi due messaggeri ai bordi del Gange affinch raccogliessero in un aeroplano allo Yogi e lo portassero di giro al regno di Dio. Lo Yogi raggiunse per la semplice meditazione il successo completo nella vita spirituale.

Questo solamente un piccolo esempio dei risultati che possiamo ottenere quando prendiamo seriamente il processo della meditazione. Se assorbiamo completamente le nostre menti nella vibrazione sonora del Maha-Mantra Far KRISHNA, possiamo purificare a poco a poco la nostra coscienza e la nostra anima di tutte i coperte materiali nelle quali profondamente avvolta. Ma, se rimaniamo solo dubbiosi, allora n raggiungeremo il successo nella piattaforma spirituale n la felicit materiale. Invece di guardare verso la luce reale che l'anima, staremo cercando freneticamente la luce nell'oscurit degli elementi grossolani materiali. Vedremo in questa lezione la" asana invertita" pi famosa, conoscente come" Sarvangasana": TECNICA: Corichi Lei supino, i piedi insieme, le braccia allungate e le palme delle mani nel piano. Utilizzando le braccia come leve, levante le gambe e la schiena ad una posizione verticale. Pieghi i gomiti ed usi le braccia come sopporti. Pressi la schiena con le palme delle mani col fine che questa rimanga retta. Allunghi le gambe ed il tronco, fino a che formino un angolo retto col collo. Il mento deve pressare sullo sterno. Incominci a praticarla durante alcuni secondi. Quando si stanchi della posizione, collochi lentamente la schiena nel piano e dopo le gambe. Un movimento brusco, pu essere pericoloso per la colonna. SARVANGASANA (illustrazione) BENEFICI: Questa asana stimola la ghiandola tiroide e migliora l'equilibrio del sistema circolatorio, quello di riproduzione, il digestivo, il nervoso ed il ghiandolare. Corregge la crescita scorretta del corpo ed aiuto alla soluzione di molti problemi psicologici, perch porta al cervello una gran quantit di sangue fresco. Allevia l'asma e la bronchite. Cura le emorroidi. Migliora il funzionamento delle gambe, l'addome, la colonna vertebrale ed il collo. Elimina il grasso della vita. Cura il diabete e la leucorrea. SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. VITA ED INSEGNAMENTI DI SRI CAITANYA, LA TRASFORMAZIONE DORATA. Nell'ultima parte del secolo XV, apparve in Bengal Occidentale, India, il riformatore politico, culturale e religioso pi straordinario. SRI CAITANYA MAHAPRABHU IN HARI-NAMA SANKIRTANA. (Foto). Cinquecento anni prima di Gandhi, questa personalit eccellente inaugur un movimento massiccio della no-violenza e di disubbidienza civile contro il governo Musulmano invasore. Egli spian le restrizioni asfissianti del sistema ereditario di casto e fece possibile che la gente di qualunque condizione potesse trascendere le barriere sociali e raggiungesse la piattaforma pi elevata di illuminazione spirituale. Facendo questo, Egli ruppe l'influenza dominatore che l'orgogliosa elite intellettuale esercitava nella vita religiosa dell'India. Ignorando ogni tipo di rituali e formule antiquate, introdusse un movimento spirituale rivoluzionario, il quale, dovuto al suo interesse universale, conosciuto ora in tutto il mondo. Il nome di questo riformatore poderoso fu Sri Krishna Caitanya Mahaprabhu, il fondatore del movimento moderno conosciuto comunemente come Far Krishna. Le scritture Vediche dell'India predissero la Sua apparizione per molto tempo, e fu come in 1.486 succed la sua nascita, in Mayapur, un distretto della citt di Navadvipa. I grandi santi ed erudito si resero conto molto pronto che Egli non era un essere umano ordinario, bens un'incarnazione della Suprema Personalit di Dio, il Sig. Krishna Stesso che appariva come un gran devoto del Sig.. Bench nascesse in una famiglia aristocratica da Brahmanas, Sri Caitanya si mostr sempre impaziente con le funzioni religioso ritualsticas. Quando arriv alla Sua giovent, cominci a svolgere la Sua missione divina, permettendo a tutte le persone, da tutte le parti, l'accesso all'esperienza reale dell'amore a Dio, per mezzo del quale uno pu sentire l'estasi spirituale pi elevata. Il risveglio di coscienza che insegn Sri Caitanya pu riuscirsi col Sankirtana, il canto dei Sacri Nomi del Sig. nel Mantra Far KRISHNA. Quando viaggiava per l'India, moltitudini di cientos di migliaia di persone a Lui si univano per realizzare canti massicci. Sri Caitanya li recitava frequentemente un verso Sanscrito che descriveva l'essenza dei Suoi insegnamenti: "In questa era di Kali, non c' un'altra alternativa, non c' un'altra alternativa, non c' un'altra alternativa per il progresso spirituale, bens cantare il Santo Nome, cantare il Santo Nome, cantare il Sacro Nome del Sig.." (Brhan-Naradiya-Purana) Ogni volta che affrontava l'opposizione politica, sociale o filosofica, l'estatico movimento di Sankirtana del Sig. Caitanya usciva vittorioso. Una certa volta, quando l'informarono che il governo tentava di rovinare il Suo movimento di Sankirtana, Sri Caitanya organizz immediatamente la dimostrazione pacifica di disubbidienza civile pi grande realizzata in India fino a quell'epoca. In un pomeriggio fermo in anticipo, Sri Caitanya e cento mille dei Suoi seguaci apparvero sorpresivamente per strade di Navadvipa e si divisero in molti gruppi ben ordinati e cominciarono a cantare e ballare. Man mano che andavano per tutta la citt, il suono del Mantra Far KRISHNA risuonava come un ruggito provocatorio. Finalmente, arrivarono ai quartieri del governo dove il Sig. Caitanya si riun con Chand Kazi, il governatore di Nadia, e lo convinse affinch si unisse al Suo movimento di Sankirtana. A partire da quello giorno, Chand Kazi promise anche proteggere e promuovere il canto Far KRISHNA. Anche il Sig. Caitanya affront rivali filosofici, dei quali i Mayavadis fu il pi forte. Questo era un gruppo elitario di filosofi che si era esteso per tutta l'India, tergiversando il significato delle scritture Vediche, in un vano sforzo per dimostrare che Dio non ha personalit n forma. Il Sig. Caitanya confut l'interpretazione dei Mayavadis, spiegando con logica perfetta che le scritture Vediche devono essere compreso direttamente. Dimostr che le spiegazioni nascoste coprivano solo il significato vero delle Proibizioni. Egli insegn": Le entit viventi sono tutte persone individuali, ed esse sono parti e porzioni del Tutto Supremo. Se le parti e porzioni sono persone individuali, la fonte di dove provengono, non pu essere impersonale. Egli la Persona Suprema tra tutte le persone relative." Mentre visitava Benares, centro della scuola di filosofia impersonalista, il Sig. Caitanya fu sfidato per Prakasananda Sarasvati, l'erudita Mayavadi pi importante e leader di pi di 60.000 Vedantistas. Sri Caitanya lo sconfisse in un dibattito pubblico ed in una delle conversioni religiose massicce pi sorprendenti di tutti i tempi, Prakasananda Sarasvati insieme a tutti i suoi seguaci si arrese al Sig. Caitanya e cominciarono a cantare i Sacri Nomi di Krishna con gran entusiasmo.

Bench appartenesse alla casta pi elevata, il Sig. Caitanya diceva ogni volta che tali designazioni erano solamente esterne, e si comportava di accordo con questo insegnamento. Senza importargli le convenzioni sociali dell'epoca, Egli arrivava alle case di devote di caste inferiori e prendeva i Suoi alimenti con essi. In realt, Egli consegn i Suoi insegnamenti pi confidenziali circa l'amore a Dio, a Ramananda Riga, membro di una casta inferiore. Un altro dei discepoli del Sig., Haridasa Thakura, era nato Musulmano e, pertanto, era considerato un esiliato per la societ Ind. Tuttavia, Sri Caitanya l'esalt alla posizione di Namacarya, cio il Maestro Spirituale del Sacro Nome di Krishna. Di questa maniera, il Sig. Caitanya sedette le basi di una religione universale per tutta l'umanit; un processo scientifico di svegliare spirituale che si sta divertendo ora per tutto il mondo. SEZIONE 5 DIFFERENTI FILOSOFIE DI L'ATTO-REALIZZAZIONE. LA STORIA VEDICA. Abbiamo segnalato gi che non c' un riconoscimento empirico e preciso sulla tradizione orale della letteratura Vedica. Moriz Winternitz conclude": La letteratura Vedica si estende A.C." tuttavia da un passato sconosciuto fino ai 50, generalmente si ammette che in realt gli insegnamenti erano antichi e furono scritti secoli dopo la sua reale composizione. Un trattamento storico della filosofia Ind non stato sviluppato dai grandi pensatori Ind stessi. Questo si deve a che gli acharyas Vedici non vede pi la necessit di un'investigazione a fondo, poich le scritture verificano la storia basilare della sua origine della seguente maniera: 1, La tradizione orale cominci simultaneamente con la creazione del cosmo, quando l'Essere Supremo parl la conoscenza Vedica alla prima entit vivente, Brahma, 2, Vyasadeva, una poderosa incarnazione di Bhagavan, redasse le Proibizioni al principio del millennio di Kali, circa cinque mille anni fa. Lo Srimad-Bhagavatam (1.4.17-25) descrive al saggio Vyasadeva della seguente maniera: Il gran saggio chi stava completamente qualificato nella conoscenza, pot percepire attraverso la sua visione trascendentale il deterioramento di tutta la cosa materiale dovuto all'influenza dell'era di Kali-Yuga. Pot vedere anche che, in generale, alla gente senza fede gli sarebbe accorciata la durata della vita e sarebbe impaziente dovuto alla mancanza di bont.... Egli vide che i sacrifici menzionati nelle Proibizioni erano mezzi per i quali le occupazioni delle genti potrebbero essere purificate. E per semplificare il processo divise l'unica Proibizione in quattro per potere espanderli tra gli uomini... I fatti storici e le storie autentiche che si menzionano nei Puranas furono chiamate la quinta Proibizione. Dopo che le Proibizioni furono divise in quattro, Paila Risi si trasform nel professore del Rg-proibizione, Jaimini si fece il professore del Sama-proibizione, e Vaisampayana glorific solo lo Yajur Proibisce. A Sumantu Maneggiai Angira gli fu incaricato l'Atharva Proibisce.... A Romaharsana gli furono confidati i Puranas e gli archivi storici. Tutti questi saggi eruditi, a sua volta, consegnarono le Proibizioni ai suoi molti discepoli, ed ai discepoli dei suoi discepoli, e cos i rispettivi seguaci delle Proibizioni li ricevono fino ad oggi. Pertanto, il gran saggio Vyasadeva pubblic le Proibizioni affinch cos potessero essere assimilati dagli uomini di poca capacit intellettuale. Dovuto alla Sua compassione, il gran saggio pens che questa era la cosa indovinata e che cos aiuterebbe gli uomini a riuscire la meta ultima della vita. Di questa maniera, egli redasse la gran narrazione storica chiamata il Mahabharata per le donne, i sudras e gli amici delle due volte nati. Secondo questa versione, i costumisti non sono il lavoro di molte mani attraverso migliaia di anni. Chiaro sta che gli investigatori Occidentali non sono di accordo con questa relazione perch contraddice il nostro concetto attuale delle civilt antiche, ma i seguaci delle Proibizioni accettano le dichiarazioni dei costumisti come corrette. Chiunque sia la versione che uno accetti, una domanda significativa persiste. Perch sembra che essi mettano di rilievo i differenti aspetti della Verit Assoluta? Avendo questa domanda in mente, nella prossima lezione guarderemo le differenti parti delle Proibizioni Stessi. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI ED I SUOI DOVERI SOCIALI. Lo yogi deve tentare sempre di fare bene a quelli che stanno intorno a suo. Nel Bhagavad-gita si dice che quello che un gran uomo fa, l'uomo comune tratta di imitarlo. C' anche un detto popolare": dimmi con chi cammini e ti dir chi sei." In altre parole, lo Yogi sempre interessato in influenzare i suoi parenti ed amici col suo atteggiamento spirituale positivo e far loro comprendere che c' un proposito pi elevato in questa vita. Pertanto, egli ira al suo lavoro, si riferir coi suoi amici, educher i suoi figli e frequenter altre persone, avendo sempre l'intenzione di dimostrarloro col suo esempio i benefici della vita spirituale. In questo modo, egli tenter di essere materialmente l'esempio perfetto di qualcuno che stabilito ed avanzato spiritualmente. Per esperienza propria, la raccomandazione pi importante per i nostri studenti, in termini di compiere i suoi doveri la societ, che insegnino ad altri circa il processo di Yoga come l'hanno imparato in queste lezioni, gi sia parlando con essi o somministrandoloro letteratura sul tema. A questo rispetto, i nostri libri" L'India Misteriosa" e" Il Bhagavad-gita" sono istruzioni basilari molto adeguate con le quali potr dare alla gente una buona idea sul valore del processo di Yoga. Tutti gli studenti possono sollecitarci pi volumi di questi libri e dopo distribuirli ai suoi amici, parenti, vicini, etc. In questo modo, lo Yogi compie i suoi doveri sociali facendo il bene alla societ. Certamente l'atteggiamento mentale molto importante. Se qualcuno molto assorto nella sua pratica di Yoga, definitivamente sar capace di aiutare per mezzo della sua istruzione alla gente, nei suoi problemi ed inquietudini. Nel passato abbiamo sperimentato molte volte che gente drogata, con tendenze al suicidio o frustrata in questo mondo materiale, acquisiscono nuove speranze e forza, semplicemente per praticare Yoga. Questo molto prezioso per la societ perch nessuno pu essere felice solo per lottare molto duro per le cose materiali. Contribuisce anche a migliorare la relazione con altre persone, per mostrarloro e consigliarloro la pratica del canto del Mantra Far KRISHNA, perch questo pu purificare la mente e farloro comprendere che in realt non siamo questo corpo, egli quale l'intendimento basilare per qualunque avanzamento spirituale. Pertanto, dobbiamo usare la nostra intelligenza per capire i valori progressivi della vita e dare la conoscenza ad altre persone. Nel capitolo 18 del Bhagavad-gita Krishna dice a questo rispetto che "la pi cara di tutte le entit viventi in questo mondo quella che illumina gli altri." Chiaro sta che illuminazione non vuole dire insegnare qualche corso su tecnica di calcolatrici, o letteratura classica, o illuminazione per fotografia.

Un'altra maniera di portare a termine il dovere sociale di uno come yogi distribuendo cibo ed informazione sul Vegetarianismo, come ha imparato gi attraverso le lezioni, specificamente nelle sezioni dello yogi e la sua salute. Lei si reso conto che ci sono piatti vegetariani molto saporiti e salutari, i quali, quando sono preparati ed offerti con la coscienza corretta, hanno un gran effetto purificatore per quelli quale stanno mangiandolo. Questo cibo, chiamato PRASADAM, pu essere distribuita ad amici, vicini ed a molte altre persone; pu essere anche preparata e data ai poveri, la gente in ospedali, alla gente degli ancianatos, negli orfanotrofi ed in tanti altri posti di beneficenza. Cos, uno pu aiutare a risolvere il problema della fame tanto materiale come spirituale. Un'altra maniera di portare a termine i suoi doveri sociali come yogi, organizzando riunioni nella sua casa, invitando gli amici e leggendoloro i libri sacri, tentando di insegnarloro l'importanza della realizzazione spirituale. In casi speciali, lei pu mettersi in contatto col nostro centro e sollecitare professori con esperienza speciale affinch visitino la sua casa o citt, e programmare cos conferenze, se lei ha riunito un gruppo di persone interessate. Poich lo yogi davvero avanzato sempre questo pensando di fare bene gli altri, naturalmente egli deve molte cose fare e non sar mai noioso. Le persone di mente egoista che lavorano solo molto cinque pesetas per accumulare grandi fortune, si trovano a loro stesse in una posizione molto pietosa per essere affezionate a proteggere i suoi propri ego falsi e quelli dei suoi parenti, senza un proposito pi elevato nella vita. Lei non deve ammattirsi. Descriviamo solo semplicemente un po' di quello che lei gi deve stare cosciente. La pratica dello yoga ci fa conoscere le miserie di questo mondo e contemporaneamente c'offre una soluzione pratica situandoci nella conoscenza trascendentale. Come Krishna dice nel Bhagavad-gita, "quello che moderato nelle sue abitudini di mangiare, dormire, lavorare e svagarsi, pu superare tutte le sofferenze materiali per praticare il sistema di Yoga." Cos allora, caro amico, essere yogi significa anche insegnare ad altri circa lo yoga e non allontanarsi dal mondo. Perch come noi riceviamo questi insegnamenti e lei li riceve di noi, pu cominciare anche ad insegnarli ad altre persone che, lo sappiano o no, hanno bisogno anche di questa conoscenza. SEZIONE 7 LO YOGI E LA SALUTE. COMPIACERE A DIO ATTRAVERSO IL VEGETARIANISMO. Caro studente, oggi analizzeremo alcuni temi importanti relazionati con la dieta vegetariana. Come lei deve saperlo, il Vegetarianismo sale dietro a cientos di anni. Gli Ind e Buddisti furono conosciuti come i suoi pi forti difensori, bench troviamo anche grandi santi appartenenti ad altre religioni e tradizioni culturali, tanto nel passato come al presente che lo difesero e praticarono; tuttavia, gli yogis ed i grandi spiritualisti insegnano che da solo il Vegetarianismo non offre una risposta completa a questo tema della dieta. Come esseri umani dobbiamo essere coscienti di tutto quello che facciamo, ed una delle cose che realizziamo con pi regolarit l'atto di mangiare. Pertanto, dobbiamo sapere che cosa quello che mangiamo, come fu preparato, da dove viene, chi lo prepar, quando dobbiamo mangiarlo, e finalmente, a chi devo ringraziare per gli alimenti che mangio. Tra i vegetariani pi stretti stanno i conigli e le scimmie. Ovviamente che il nostro proposito non imitarli perch essi non hanno comprensione spirituale. Pertanto, la tradizione Vedica insegna che lo yogi deve eseguire yaja, o sacrificio, e solamente allora pu prendere i rimanenti del sacrificio come il suo alimento. Nel Bhagavad-gita (3.13) si dice": I devoti del Sig. si liberano di ogni tipo di peccati perch mangiano alimenti che si offrono in primo luogo in sacrificio, yaja sista. Gli altri chi preparano alimenti per il piacere dei suoi propri sensi, in realt mangiano solamente peccato." Ma, quale l'obiettivo del sacrificio o yaja? Il sacrificio una cerimonia mediante la quale uno diventa cosciente della realt spirituale ed offre qualcosa per il piacere di una personalit superiore. Ma, quale quella realt pi elevata con la quale stiamo tentando di convenire in relazione col nostro processo di mangiare? La letteratura Vedica dice, Jivo jivasya jiva nam, un'entit vivente mantiene il suo corpo alimentandosi di corpi di altre entit viventi. Ogni essere vivo ha una certa classe di alimenti che sono appropriati per il suo corpo e situazione particolare. Non abbiamo visto mai un coniglio mangiandosi ad una vacca, n ad una vacca mangiandosi ad un coniglio, poich tutte le entit viventi richiedono di una certa classe di alimenti per mantenere il suo corpo. Ma a differenza degli esseri vivi con corpi inferiori, l'essere umano ha l'opportunit ed il dovere di discriminare ogni cucia che fa o che mangia. Vita umana significa l'abilit di discernere intelligentemente tra quello che utile ed a chi quello che non lo , per prendere solo quello che necessario, conoscendo appartiene tutto. Della stessa forma in cui un uomo sano respinge l'idea del cannibalismo, un yogi o qualunque essere umano elevato respingono di natura l'idea di mangiare carne, pesce o uova, perch tali alimenti degradano spiritualmente l'uomo e lo predispongono a malattie y/o disordini mentali e fisici. La carne, il pesce e le uova si considera che stanno nella modalit dell'ignoranza e che aumentano l'ignoranza della quale li consuma. Pertanto, quelli che ingeriscono prodotti come la carne animale, sono anche tossicodipendenti all'alcool, le droghe e la sigaretta, e non offrirebbero mai i suoi alimenti affinch Dio li prendesse. In tale stato mentale, essi aumentano il suo intreccio karmico che risulta in reazioni peccaminose. Mangiando quegli alimenti inquinati, essi stanno incorrendo in pi peccato e, quindi, sono squalificati per seguire il sentiero dello yoga. Alcuni possono proporre che come dobbiamo evitare il consumo di alimenti inquinati, migliore digiunare. Bench il digiuno si menzioni nelle scritture Vediche, mai si deve fare per ragioni ulteriori, tali come motivi politici, o per ricevere adulazione falsa degli altri. Quella classe di digiuno sta anche nelle modalit della passione e l'ignoranza per che ha come fine mete materiali. Quello che segue le istruzioni Vediche, digiuna solamente come raccomandato nelle scritture, e n pi n meno di quello che necessita, come l'abbiamo imparato nelle nostre sezioni corrispondenti all'Ayur-proibizione. Se una persona mangia molto, allora il suo apparato digestivo dovr lavorare in eccesso e dormir pi della cosa necessaria. Non sar questo un sonno riparatore perch star sognando costantemente dovuto all'attivit dei suoi organi interni. Non solo quello, ma sar insonnolito tutto il giorno. Cosicch il digiuno in s stesso non una risposta alla questione di come mangiare; neanche lo il mangiare molto poco, perch il risultato la debolezza tanta fisica come mentale, n il mangiare in eccesso, perch i sensi devono essere pronti e vigile per la vita spirituale. Quale allora la forma appropriata in cui possiamo mantenere salutare il nostro corpo e contemporaneamente non violare i principi religiosi?

LA VERA SCIENZA DI LA NUTRIZIONE. Fino a questo momento non si potuto fabbricare in un laboratorio n un banano o mela, n una goccia di latte, n un grano piccolo di riso o grano, non importa che tanto sofisticati siano i calcolatori o il macchinario. Certe macchine sono utili per processare gli alimenti, ma produrre un'altra cosa. Una domanda ovvia : Da dove vengono i nostri alimenti giornalieri? Approfittiamo giornalmente delle meraviglie che il mondo c'offre per soddisfare le nostre necessit basilari. Esiste una forza intelligente dietro queste sistemazioni. Abbiamo visto gi che nessuna macchina pu produrre tali articoli di prima necessit, e l'uomo ha dimostrato che completamente incapace di maneggiare i temi del mondo. Neanche un argomento molto ragionevole dire che tutto si prodursi per una casualit senza ordine n concerto. Che persona saggia potr credere nella" gran esplosione" senza causa che tenta di spiegare l'origine dell'universo? Esiste un'intelligenza suprema dietro queste sistemazioni intricate della natura. Cos come quando parliamo di intelligenza pensiamo automaticamente ad una persona che la possiede, quando parliamo dell'intelligenza che regola il cosmo, pensiamo che appartiene alla persona supremamente intelligente: Dio o Krishna. Per le sistemazioni del Supremo, ogni entit vivente riceve la sua quota destinata di alimenti e cos pu mantenere la sua vita. Tuttavia, come ogni membro della specie umana dotato con un'abilit per ricevere informazione circa la mano Suprema che sta dietro il sistema universale, anche il suo dovere riconoscere la sua dipendenza e dare riconoscimento a quello da quale dipende. Questo simile a ringraziare per il suo anfitrione dopo avere cenato sontuosamente nella sua casa. Qualcuno pu arguire che dovuto al mio lavoro diventai creditore a venire alla casa e questo mi qualific per prendere gli alimenti. Di uguale maniera, i materialisti affermano che per il suo proprio sforzo che guadagnano denaro e possono comprare gli alimenti richiesti per la sua manutenzione. Ma qualcuno solamente poco intelligente pu negare il piano, o la benedizione se lo preferisce, del Supremo. E lontano da negare la carta del Suprema, lo yogi sar felice di potere glorificarlo in ogni azione, cominciando dal processo di mangiare. Allora, questo il processo di yaja, o sacrificio: si preparano gli alimenti per la soddisfazione del Suprema, gli sono offerti, e si accettano i rimanenti come una povert del Sig.." Krishna dice nel Bhagavad-gita (9.26)": Se qualcuno mi offre con amore e devozione una foglia, un fiore, frutta o annacqua, Io l'accetter." Di accordo con le norme della cultura Vedica, solamente le cose che possono offrirsi al Sig., devono fare parte della dieta di un essere umano civilizzato. Nella prossima lezione gli indicheremo come fare a Krishna un'offerta fededegna nella sua casa. Ed ora la nostra deliziosa ricetta della quindicina: CREMA DI MANICO. 4 a 5 manici maturi ma duri, 1 Tazza di zucchero a velo, 1-1/2 Tazze di crema battuta. Lavi bene i manici e li tagli in piccoli pezzi, ma non li peli. Bolla in poca acqua per 25 minuti, o fino a che siano teneri. Li coli in un setaccio molto fine. Lasci raffreddare la polpa e dopo aggreghi la crema e lo zucchero a velo. Rimescoli soave e lentamente. Una volta che tutto sia uniforme, collochi in platicos profondi e refrigeri.

Lezione 17 Come quando lei apre le tende nella mattina e l'oscurit della notte si dissolve immediatamente per la presenza della luce del sole, allo stesso modo, quando lei riceve conoscenza spirituale sigaro di una fonte corretta, l'oscurit dell'ignoranza non pu rimanere. Ora, finch pu vedere e sentire, deve mantenere aperta la finestra della conoscenza trascendentale. per il suo proprio beneficio e l'abiliter affinch faccia la cosa migliore per gli altri. SEZIONE 1 STUDIO DI UN CAPITOLO DEL BHAGAVAD-GITA. "La presente traduzione e commento un'altra manifestazione dell'importanza permanente contemporanea del Bhagavad-gita. Svami Bhaktivedanta ci porta ad Occidente una salutare avvertenza che la nostra cultura unilaterale ed altamente funzionale sta affrontando una crisi che pu finire in autodistruzione per quanto non ha la profondit interna di una coscienza metafisica autentica." Thomas Merton. LA NATURA DIVINA E DEMONIACA In questo capitolo. Krishna descrive e paragona due classi di qualit ed a quelli quali li possiedono. La natura divina o trascendentale (daivia), situata nella modalit della bont, conduce l'individuo al progresso spirituale. Le qualit demoniache (asuria), nella modalit della passione e l'ignoranza, al contrario, pregiudicano il progresso spirituale e conducono alla pi bassa nascita e la posteriore cattivit materiale. Quelli che possiedono qualit divine portano una vita regolata, reggendosi nell'autorit delle Scritture e raggiungendo la perfezione. Ma quelli che possiedono qualit demoniache agiscono capricciosamente, senza sottomettersi alle scritture, e sono legati per le modalit della natura materiale. Krishna enuncia 23 qualit trascendentali nate dell'atmosfera divina, Bg. 16.1-3). Queste qualit, come si menzion previamente, sono auspiciosas per il progresso nel sentiero della liberazione del mondo materiale. Poi Krishna presenta ad Arjuna un riassunto delle qualit demoniache (arroganza) orgoglio, ira, vanit, rudezza ed ignoranza. Krishna dice che le qualit trascendentali conducono alla liberazione, mentre le demoniache, conducono alla cattivit. Egli assicura ad Arjuna che non deve preoccuparsi, poich nato con qualit trascendentali. In questo modo, Krishna incoraggia ad Arjuna, indicandolo che la sua partecipazione nella battaglia non demoniaca, poich egli non sta agendo sotto l'influenza dall'ira, del falso prestigio n della rudezza. Di accordo coi mandati delle Scritture che dirigono per il suo ordine sociale, ksatriya, litigare in una guerra religiosa un'attivit divina, mentre astenersi da farlo demoniaco, ed irreligioso, Bg. 16.4-5). Di seguito, Krishna le qualit demoniache. Essenzialmente, i demoniaci sono atei e materialista che violano i mandati delle Scritture che guidano il comportamento umano, tanto sociale come spiritualmente. Tali persone concepiscono il mondo senza nessun fondamento n proposito, e quindi, si inclinano verso le attivit capricciose e distruttive. Per essi la meta ultima della vita la gratificazione sensoriale. Sono attratti per oggetti non permanenti e materiali. Legati per innumerabili desideri materiali, ottengono il denaro per qualunque mezzo. Sono vanitosi, lussuriosi ed audaci, e non c' fine per la sua ansiet, Bg. 16.6-18). Tali persone demoniache prendono nascita in varie specie di vita inferiori e sono intrepidi al pi abominevole tipo di esistenza, di dove non possono avvicinarsi mai a Krishna, Bg. 16.19-20). Ogni uomo saggio, cosciente di Krishna, deve abbandonare la lussuria, l'ira e l'avidit che sono le vie che lo portano all'inferno. Scappando da esse uno pu alzarsi all'autorrealizacin ed il" supremo destino", Bg. 16.21-22). Krishna conclude dicendo che quello che vive capricciosamente senza seguire le regolazioni delle Scritture, date per promuovere una persona alla realizzazione spirituale, non raggiunge la perfezione n la felicit, mentre quello che comprende le regolazioni delle Scritture Vediche e guida la sua vita di accordo con esse, gradualmente elevato alla perfezione spirituale (23-24). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA Bhagavad-gita, Capitolo 9 Testo 26 patram puspam phalam toyam io io bhaktya prayacchati tad aham bhakty-upahrtam asnami prayatatmanah; patram - una foglia; puspam - un fiore; phalam - una frutta; toyam - acqua; yah - chiunque che; io - a Me; bhaktya - con devozione; prayacchati - offre; tat - quello; aham - Io; bhaktiupahrtam - offerto con devozione; asnami - accetto: prayata-atmanah - di quell'in coscienza pura. Traduzione: Se qualcuno mi offre con amore e devozione una foglia, un fiore, frutta o annacqua, Io l'accetter. L'idea chiave in questo verso " con amore e devozione." Durante tutto il giorno stiamo offrendo differenti cose agli altri, ma finch esiste un motivo personale non possiamo parlare di amore. Ma Krishna, Dio, sta interessato unicamente al nostro amore incondizionato. Non ma questo amore l'unica cosa che pu attrarrlo, ma Egli permette che lo conquistiamo attraverso l'amore puro. Egli non necessita niente materiale, ma Egli desidera il nostro amore. Mediti sulla differenza tra l'amore puro e quello che chiamiamo amore in questo mondo materiale. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. MANTRA YOGA AVANZATO. "Tenti di salvare la sua anima finch il suo corpo sta salutare e basso controllo, e la morte sia distante. Nel momento della morte, che cosa potr fare"?. Canakya Pandit. Caro Studente, lei ha cantato ora gi il Maha Mantra Far Krishna per un periodo di un mese. Studiamo un po' pi profondamente la natura del Maha Mantra Far Krishna. Il Sig. Caitanya Mahaprabhu, l'espansione del Sig. Krishna, raccomand che uno deve cantare il Maha Mantra le 24 ore del giorno col fine di purificare e perfezionare la vita. Egli disse che si deve cantare il Sacro Nome del Sig. in un stato mentale umile, risentendo pi basso del fieno o paglia della strada. Uno deve essere pi tollerante di un albero. Essere sempre libero dell'ego falso ed offrire sempre i nostri rispetti agli altri. In questo stato umile, uno pu cantare costantemente il Sacro Nome di Dio. Cantare il Sacro Nome di

Krishna fa costantemente che uno si vada staccando dei sentimenti materiali, e si concentri sempre di pi sulla natura spirituale, entrando in samadhi, o trance, quando la mente sia fissa senza nessuna deviazione nel Sacro Nome del Sig.. A volte le chiamate Yogis fabbrica la sua propria versione di perfezione, ed ovviamente si considerano loro stessi come la cuspide di tale perfezione. Pertanto, si rifiutano di sottomettersi a qualunque processo purificativo o a realizzare qualunque tipo di austerit. Bench essi siano in un corpo materiale ed affezionati completamente alle domande ed i piaceri del suo corpo (il quale, per il passo del tempo) si sta scomporsi continuamente, si considerano in un modo o nell'altro anime liberate e vedono gli altri come esseri molto inferiori. Questo comparato nella letteratura Vedica come quello che chiude gli occhi per evitare di vedere una situazione pericolosa, e dopo afferma audacemente che non c' pericolo. Se crediamo che siamo esseri perfetti in questo mondo materiale, nonostante la costante forza di attrazione e repulsione che fluisce attraverso la nostra mente, allora come se chiudessimo gli occhi alla realt circostante. Nessuna macchinazione ci salver nel momento della morte. Dato che siamo minuscole anime spirituali, dobbiamo svegliare alla nostra dipendenza reale, la nostra dipendenza di Krishna o Dio, ed abbandonare la nostra dipendenza falsa, la nostra dipendenza della materia. Il migliore metodo in questa era per raggiungere simultaneamente tutte questi mete, vincolarci alla Suprema Verit Assoluta, la fonte suprema della conoscenza, attraverso la vibrazione dei Suoi Santi Nomi: Far Krishna, Far Krishna, Krishna Krishna, Far Far, Far Ramo, Far Ramo, Ramo Ramo, Far Far. Nel Bhakti-yoga, lo yoga della devozione, il canto il mezzo di purificazione, e nello stato perfetto del bhakti-yoga, il fine il canto puro. Pertanto, il Bhakti-yoga, come il Sacro Nome del Sig., anche un processo assoluto, tanto per i mezzi come per il fine. Non ci sono regole difficili n specifiche per cantare i Nomi del Sig.. Uno pu cantare in qualunque momento ed in qualunque posto, e questo lo purificher la mente e gli ricorder la sua relazione con Dio. In questa era non si raccomanda che abbandoniamo artificialmente il lavoro o la vita familiare. Cantando, purificheremo in maniera automatica qualunque situazione, dando per scontata qualunque attivit peccaminosa. Il canto una dichiarazione aperta della nostra dipendenza di Dio, ed ammettendolo, Dio far le sistemazioni necessarie nella nostra vita affinch possiamo superare tutti gli ostacoli. C' una storia che enfatizza specificamente il canto del Maha Mantra Far Krishna come una possesso invaluable: Il gran Acharya Vaisnava, Sanatana Gosvami stava vivendo nella cittadina sacra di Vrndavana in India. Poich Sanatana era un devoto sigaro del Sig., la gente abituava donargli alcune dei suoi possessi materiali per raggiungere la sua propria purificazione. Una certa volta, un uomo molto ricco gli regal una pietra di tocco che poteva trasformare in oro qualunque cosa. Ma come Sanatana era assorto nelle sue attivit spirituali, non prest la minore attenzione a questa pietra preziosa e la lasci semplicemente vicino al deposito di spazzatura. Un uomo molto materialista ascolt che Sanatana aveva in suo potere una cosa che era molto preziosa ed avvicinandosi a Sanatana gli chiese che gli desse in carit la cosa pi preziosa che avesse. Come Sanatana conosceva la mentalit dell'uomo, gli segnal la pietra di tocco che era facile vicino al deposito di spazzatura. Spaventato di allegria, l'uomo raccolse immediatamente la pietra, gli diede i grazie a Sanatana offrendogli discorsi e riverenze e si allontan molto rapido. Allora trasform molte cose in oro e god aumentando la sua ricchezza. Tuttavia, al giorno dopo cominci a riflettere circa che se questa era la cosa pi preziosa, allora, perch Sanatana l'aveva lasciata vicino al netturbino? Gli fu successo che questo santo doveva avere qualcosa di ancora pi prezioso. Cosicch al giorno dopo ritorn alla dimora di Sanatana Gosvami e gli offr di nuovo le sue pi rispettose riverenze. Sanatana domand all'uomo che voleva, e questo gli rispose": Mio caro Sig., gli sono molto grato perch lei mi ha dato l'oggetto pi prezioso. Ma c' qualcosa che voglio sapere. Se questa pietra di tocco la cosa pi preziosa, perch l'aveva conservata vicino al netturbino? Per favore mi dica la cosa gran saggio. Sar possibile che lei abbia qualcosa di pi prezioso? Sanatana gli rispose": S, il mio egregio signore. Comparato con quello che io ho, quella pietra di tocco insignificante." Allora l'uomo disse": il Mio egregio signore, lei mi ha consegnato senza alcun dubbio questa pietra di tocco che preziosa. Posso essere tanto audace di chiedergli che mi consegni la cosa pi preziosa di lei abbia?" Sanatana gli rispose": lo far, ma con una condizione." L'uomo domand curiosamente": Con che condizione? Far qualunque cosa." Sanatana gli disse": la Mia condizione che getti nel fiume quella pietra di tocco." Con una fede totale nel gran saggio, l'uomo lanci al fiume la pietra di tocco senza nessuna vacillazione. Quindi chiese umilmente a Sanatana che gli consegnasse il suo possesso pi prezioso. E Sanatana l'inizi immediatamente nel canto di Far Krishna, Far Krishna, Krishna Krishna, Far Far, Far Ramo, Far Ramo, Ramo Ramo, Far Far. In altre parole, Sanatana rivel all'uomo che non c'era nient'altro prezioso che quello verso l'autorrealizacin. Il gran Brahmana politico, Canakya Pandit, comprendeva che l'autorrealizacin la benedizione pi elevata della vita umana. Una volta afferm che non dovevamo spendere n un solo momento delle nostre vite, perch n tutto l'oro del mondo pu comprarci scioccamente un solo momento consumato. L'uomo lavora giorno e notte sotto la concezione sbagliata che per quello lavoro guadagna denaro, e con quello denaro si mantiene egli e la sua famiglia. Pertanto, finisce per utilizzare la sua intelligenza umana per perfezionare attivit che sono gi realizzate dagli animali con meno problemi. Occupati sempre in guadagnare denaro, dimentichiamo il valore reale della vita umana: l'autorrealizacin. Ma il canto del Mantra Far Krishna tanto gradevole ed effettivo che ci permette di occuparci completamente nell'autorrealizacin senza cambiare maniera drastica il nostro modo di vita, e contemporaneamente ci sveglia a poco a poco all'importanza di sviluppare coscienza spirituale. In realt, nessun processo tanto poderoso come il Mantra Far Krishna, per trasformare la nostra sciupata coscienza materialista in coscienza pura di domestici eterni, parti e porzioni del Sig.. Allo stesso tempo, ci rendiamo conto della cosa inutile che dirigere le nostre energie verso il progresso materiale, il quale, dopo tutto, solamente temporaneo ed alla lunga inutile. In quanto alla sua propria pratica, caro studente, lo raccomandiamo che aumenti il suo canto del Mantra Far Krishna. Se si sente abbastanza preparato e determinato, lei pu meditare sul mantra Far giornalmente Krishna, per lo meno per mezz'ora. Alcuni persone dicono che non hanno tempo per questa classe di meditazione, ma in realt uno deve disporre di tempo per lei dato che, nel senso pratico, il canto del Mantra Far Krishna c'acutizza la mente e cos possiamo compiere pi rapido i nostri compiti materiali. Nei monasteri ed ashramas del Movimento Far Krishna, dove si allena ai Bhakti-yogis molto strettamente bassi la guida di un maestro spirituale, gli studenti promettono cantare giornalmente per lo meno 16 ronde di Japa del Maha Manta Far Krishna. Questo prende pi o meno 2 ore. Ovviamente che questo un compromesso e non crediamo che lei debba compromettersi in forma

prematura. Quello che lei s deve promettere che canta ogni giorno un numero determinato di ronde, il massimo che possa senza su sforzo, e mantenere quella promessa. Lei sperimenter a poco a poco gli effetti purificativi del canto del Maha Mantra Far Krishna. Praticheremo ora un'asana semplice che ci far avanzare ancora pi nella conoscenza del nostro corpo: TECNICA: Senti Lei nella posizione dell'esercizio della Lezione Dodici. Inalando, alzi le braccia fino a che rimangano completamente retti sulla testa. Esali e pieghi in avanti il tronco, mantenendo il tronco e le braccia allungate in una stessa linea retta. Arrivando al piano, le palme delle mani e la fronte riposano su lui. Mantenga l'aria un momento ed esali dopo. Inali nuovamente, mentre porta le braccia ed il tronco allungati, fino alla posizione iniziale. Ripeta l'esercizio dieci volte. Possono mantenersi anche il tronco e le palme delle mani nel piano fino a quando lei lo consideri piacevole. In questo caso, la respirazione profonda. BENEFICI: Tonifica i muscoli pelvici, regola il funzionamento delle ghiandole surrenali e rilassa il nervo sciatico. Aiuto a curare la sciatica ed a controllare l'ira. SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. TRASMIGRAZIONE. C' un luogo comune che ha richiamato sempre l'attenzione di tutti i trascendentalistas. Se il nostro corpo cambia costantemente ed alcune cellule sono rimpiazzate per altre, se tutto nel mio corpo cambia e continuo io ad essere lo stesso, dove sto io realmente? Chi sono io? Gli scienziati dicono che ogni sette anni tutte le cellule dei nostri corpi cambiano, perfino le cellule del cervello. Ancora cos, esiste qualcosa che permanente. Lei pu vedere unicamente nel quadro la trasmigrazione i corpi cangianti, ma in realt lei non ha visto ancora la vera persona. I corpi stanno cambiando sempre, questo ovvio, ma lei non ha visto ancora la persona pi importante di questo quadro. Questa persona la scintilla cosciente nel corpo. In altre parole, questa persona realmente lei. In qualunque posto o circostanza il suo corpo sta cambiando. Nel passato lei aveva il corpo da un bambino, dopo lei prende il corpo di una persona giovane, e dopo avr quello di una persona di et avanzata. Il cambiamento graduale, ma continuo. In ogni momento, migliaia e milioni di complesse reazioni biochimiche stanno succedendo nel suo corpo, ed anche migliaia e milioni di cellule stanno nascendo, crescendo, dividendosi e morendo, essendo rimpiazzato a sua volta per altre notizie. Esattamente come l'acqua di un fiume che sempre differente, lei non pu mantenere sempre il suo corpo uguale. Fino alla sua mente sta cambiando anche per il momento in momento. E la sua intelligenza sta, a sua volta, cambiando anche, facendolo sempre di pi maturo. Fino a qui abbiamo parlato del suo corpo, la sua mente e la sua intelligenza. Ora, chi lei? Lei non il corpo. Non si tratta di un significato enigmatico n di una credenza dogmatica. Piuttosto, un'esperienza scientifica che uno pu comprendere facilmente. Per favore consideri accuratamente questo. La sua mente ed intelligenza stanno cambiando ad ogni istante. Menzioniamo gi che ogni cellula del suo corpo cresce, invecchia, muore e rimpiazzata. Ma, che cosa quello che rimane dentro lei? Questa qualcosa la coscienza dentro il corpo. Se lei pensa circa questo, sar sempre di accordo circa la differenza tra lei, le sue esperienze ed il mezzo che lo circonda, lei e le sue mani, piedi, occhi, testa, fino alla differenza tra lei ed i suoi pensieri attuali. Neanche ricordiamo i pensieri del paragrafo anteriore, ma ancora stiamo leggendo lo stesso articolo. Ora, lei sta ancora leggendo. Non lei come" il corpo" o lei come" la mente", perch il corpo e la mente di fa alcuni momenti non esistono oramai, ma lei continua ad essere l'osservatore che sta leggendo; lei la coscienza. Malgrado il suo corpo e la sua mente cambino, quella coscienza individuale permanente. Il contenuto della coscienza pu cambiare, ma la funzione della coscienza non cambia mai. Dentro il corpo dal bambino pi piccolo, ella presente. Man mano che il bambino continua a maturare, cambia il suo corpo con quello di un uomo giovane, e dopo per quello di un anziano. Di uguale maniera che una persona cambia i suoi vestiti ma rimane essendo la stessa, la coscienza individuale cambia un corpo ad un altro, ma continua sempre ad essere la stessa persona, lo stesso osservatore cosciente. "Come una persona si mette nuovi paramenti rifiutando le vecchie, in forma simile, l'anima accetta nuovi corpi materiali, abbandonando i vecchi ed inutili." , Bg. 2.22). Ma, che cosa succede nel momento della morte? Un corpo morto significa che non c' pi coscienza presenti. Penserebbe lei che la coscienza individuale non esiste oramai pi? Ricordi che attraverso tutta la nostra vita, il nostro corpo sta cambiando costantemente, ma la coscienza rimane. Ma nel momento della morte non sta oramai, and via. Ma, dove sta? da dove venne ed a dove and via? possibile che al momento della morte quella coscienza individuale continui ad esistere? Se cos, a dove va? Pu questa scintilla di vita individuale, questa coscienza individuale, passare ad un altro corpo, prendere nascita un ed un'altra volta come in un ciclo? E se cos, ha fine questo ciclo? Non sono solamente gli studiosi della scienza Vedica quelli che sono giunti alla conclusione della reincarnazione, l'anima eterna dentro il corpo temporaneo. Il famoso scrittore e versifica W. Goethe scrisse": Io sono tanto sicuro, come che lei pu vedermi ora che ho vissuto mille volte nel passato e che ritorner mille volte nel futuro." Anche alcuni filosofi Cristiani, come Origini, sono difensori distaccati della reincarnazione. Il concetto Cristiano di resurrezione non potrebbe essere ben abile senza il concetto della reincarnazione. Consideriamo l'impossibilit di resuscitare il corpo di una persona che si scomporsi durante migliaia e migliaia di anni. Vediamo un appuntamento del Bibbia a questo rispetto": Quello che fatto di carne e sangue non pu condividere il regno di Dio, e quello che mortale non pu possedere l'immortalit." , I Corinzi 16:50.

Il processo di Yoga o meditazione gli faciliter la comprensione diretta o percezione dell'io o anima. Identificandoci con l'anima spirituale, parte e porzione del Supremo, smettiamo di identificarci col corpo fisico temporale. Pertanto, ci liberiamo del ciclo di nascita e morte, e mai pi ritorniamo a questo miserabile mondo materiale e potremo ritornare a casa, di giro a Dio. SEZIONE 5 LE PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'ATTO-REALIZZAZIONE. LE QUATTRO PROIBIZIONI. Oggi continueremo analizzando le Proibizioni. La parola Proibisce significa" Conoscere", vite: conoscere, e denota la" Conoscenza Divina." Le Proibizioni sono inni principalmente cantati per sacerdoti per lodare ai dei. Per molti anni questi inni non furono scritti, ma si trasmettevano oralmente di maestro a discepolo. Il Rg Proibisce, o Proibisce delle Lodi, consta di 1.017 inni ordinati in dieci libri. La maggioranza dei versi sono lodi al dio del fuoco, Agni, ed Indra, il dio della pioggia e dei cieli. Il suo uso limitato a chi stanno allenati nelle discipline della vita spirituale. Conosciuto come" La Proibizione dei Sacrifici", lo Yajur Proibisce contiene istruzioni per eseguire sacrifici. Il Sama Proibisce " La Proibizione dei Canti" e consta di 1.549 versi, anche molti dei quali appaiono in differenti contesti, dentro il Rg Proibisce. In questione il Sama Proibisce loda la bibita celestiale, soma. L'Atharva Proibisce contiene canti e riti, comunemente utilizzati per il sollievo di malattie. Ancora quando i rituali Vedici sono intrinsecamente complicati, molti erudito li prendono con incantesimi selvaggi. Tentando di correggere questo punto di vista, Ainslee Impeci scrive": Proibisci significa" inni." Questi non sono, pertanto, le effusioni spirituali del cuore degli uomini primitivi nel principio della storia, come si suggerito a volte, bens i risultati di un sistema religioso altamente sviluppato." Generalmente, la gente attratta per la sezione Karma-kanda delle Proibizioni, la quale tratta principalmente di attivit fruitivas per l'elevazione ai pianeti celestiali. confermato che se uno desidera tale opulenza materiale, deve eseguire i sacrifici Vedici. Ignoranti della vera conclusione del siddhanta Vedico, molta gente ha pensato che le parti del Karma-kanda sono gli essenziali. Le quattro Proibizioni fomentano la soddisfazione dei desideri materiali attraverso l'adorazione ai semidei. Per esempio, quello che desideri sesso deve adorare al dio dei cieli, Indra; quello che desideri buona progenie, deve adorare ai grandi progenitori chiamato Prajapatis; Quello che desideri buona fortuna, deve adorare a Durgadevi, e quello che desideri potere, deve adorare ad Agni, il dio del fuoco. Quello che aspiri ad avere denaro, deve adorare ai Vasus, e quello che desideri un corpo forte, deve adorare la terra. In qualsiasi caso, la letteratura Vedica descrive ai semidei, non mangio immaginari, bens come agenti autorizzati della Volont Suprema chi amministrano i temi universali. Le funzioni della natura non vanno alla deriva; per ogni aspetto c' una personalit incaricata. Indra, per esempio, distribuisce la pioggia e Varuna governa sugli oceani. Uno deve notare, tuttavia, che nessuno di quelli dei, si numerano come 33 milioni, simile con Bhagavan, il Supremo. Generalmente gli inni di sacrificio offerti ai semidei finiscono con le parole OM TAT SAT. Il Rg Proibisce (1.2.22.20) afferma, Om tad Visnoh paramam padam sada pasyanti surayah": I Semidei stanno guardando sempre verso la dimora Suprema di Visnu." Il Bhagavad-gita (17.23) lo conferma: Om tat sad iti nirdeso brahmanas tri-vidhah smrtah brahmanas tena proibisci ca yajas ca vihitah puro "Dall'inizio della creazione le tre sillabe, Om tat Sat, sono stati usate per indicare la Suprema Verit Assoluta (Bramino), ed erano intonate per i brahmanas mentre cantavano gli inni Vedici durante i sacrifici per la soddisfazione del Suprema." SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO; LO YOGI E LA COMPASSIONE. "La qualit di un uomo si conosce per lo sforzo sincero che egli fa per raggiungere una meta" - Srila Sridhar Swami Maharaj "Il frutto delle azioni buone o brutte di ogni stato anteriore, noi ritornano senza nessun sforzo, portate per il destino" - Pancatantra. In una delle antiche scritture dell'India un verso che dice": Se uno sfortunato vedendo la sofferenza degli esseri viventi, e felice vedendo la felicit di altri, allora i suoi principi religiosi sono apprezzati come imperituri per persone esaltate chi sono considerate pie, benevolenti e compassionevoli" (Srimad-Bhagavatam 6.10.9). Dobbiamo comprendere che esiste sempre dualit in questo mondo. Troviamo deboli e forti, e sempre la responsabilit del forte proteggere al debole invece di pensare in come sfruttarlo. I concetti moderni ed i movimenti di liberazione hanno proposto falsamente che l'uguaglianza pu essere raggiunta tra tutti gli esseri viventi: Uguaglianza tra gli uomini, uguaglianza tra uomo e donna, uguaglianza tra le classi pi alte e le classi pi basse; ma se studiamo scientificamente l'essere umano, troviamo che non c' un solo essere umano uguale ad un altro. Ogni persona ha capacit e qualit individuali. Alcuni sono intelligenti, alcuni sono forti ed alcuni non sono benedetti con quelle qualit. Pertanto, compassione non significa solo sentirsi afflitto per la gente che si trova in situazioni sfortunate, ma la vera compassione significa che quello che deve qualit ha usarli per proteggere a quelli che dipendono da quella qualit o che non l'hanno. Di questa maniera, le relazioni umane saranno basate in amore e fiducia pi che in lotta per l'esistenza e la paura costante di essere sfruttati. Chiaro sta che la compassione si estende dagli esseri umani fino agli animali, ed a tutti gli esseri viventi. Solo quelli che sono crudeli di cuore godono vedendo di fronte ai suoi occhi che qualche animale torturato o che tagliato in pezzi. Le Scritture Vediche affermano che qualunque persona che patrocini il massacro di animali, o che sia relazionata con lei, gi sia mangiando carne, trasportandola, cucinandola, servendola, o di qualunque altra maniera, perder la qualit della compassione ed imparer a godere della sofferenza degli altri, gi sia diretta o indirettamente, per cui dovr soffrire la quantit corrispondente di reazioni peccaminose. La societ moderna considera che il mangiare carne una necessit inevitabile della vita. Relazionato con la cosa anteriore, sta il fatto delle persone che producono cinema, film per T.V ed altri spettacoli, nei quali la massima attrazione la brutalit e la violenza. Si pubblicano anche innumerabili riviste, giornali e storielle il cui principale interesse la violazione, l'assassinio, il furto e molte altre attivit crudeli. I critichi di cinema Gene Siskel e Frank Ebert dissero circa questi film": La decapitazione frequente, gli spari e le pugnalate che sono dati ai corpi femminili si sono trasformate in una routine grottesca. come se fossi chiesto all'udienza che si identifichi con gli attaccanti, e questo realmente quello che ci disturba."

Quello che ancora pi spaventoso il numero di aborti che si portano a termine nel mondo: 60 milioni per anno. Questo ci mostra che quelli che devono dare suppostamente protezione ai bambini, hanno perso la compassione nei suoi cuori a tale punto che non lo pensano due volte per assassinare crudelmente i suoi figli. Ad un livello pi elevato, vediamo come i politici inviano alla gente alla guerra, e diventano responsabili per la perdita di tante vite, e tutto dovuto ad un male abile o a qualche desiderio egoista; inoltre spendono milioni e milioni di dollari all'anno per assicurare la sua partecipazione in questa violenza collettiva. Ci sono attualmente alcune 50.000 sezioni esplosive nucleari nella terra e nella met del mondo, gli scienziati stanno addetti di fabbricare tecnologia per la guerra. Comunque, dobbiamo comprendere che morire nella guerra o in un embrione fallito, una reazione karmica per avere assassinato in questa vita o in una vita passata. Allora, dello stesso modo, non possiamo avere pace se ammazziamo animali. Per quel motivo, lo yogi considera che la compassione una degli aspetti pi importanti per sviluppare i pi sottili sentimenti spirituali, i quali possono essere solo raggiunti per qualcuno che perfezioni una fratellanza spirituale verso tutte le entit viventi comprendendo che abbiamo un padre comune. A questo rispetto le Scritture Vediche ci narrano una bella storia di come la compassione si sveglia automaticamente in qualcuno che pratica il processo di Yoga. Fa molte migliaia di anni, il gran sacro Narada, dopo avere visitato al Sig. Supremo nel mondo spirituale, si diresse alla confluenza dei tre fiumi sacri dell'India per lavarsi. Narada Maneggiai vide che un cervo giaceva nel suolo, attraversato per una freccia. Il cervo aveva le zampe rotta e si stava ritorcendo di dolore. Un po' pi avanti, vide un cinghiale attraversato anche per una freccia. Le sue zampe anche erano rotte, e si ritorceva di dolore. Quando cammin un po' pi, vide un coniglio che anche stava ferito. Narada Maneggiai sent un dispiacere molto profondo vedendo a quelle entit viventi soffrire di quella maniera. Avanzando un po' pi, il saggio vide un cacciatore che era nascosto dietro un albero. Il cacciatore portava frecce ed era pronto per ammazzare pi animali. Il suo corpo era nerastro, ed aveva occhi rossicci ed un aspetto feroce. Era come se il sovrintendente della morte Yamaraja, fosse l fermo con archi e frecce nelle mani. Quando Narada Maneggiai lasci quello verso il bosco e si avvicin al cacciatore, tutti gli animali lo videro ed immediatamente fuggirono. Quindi, il cacciatore volle punire a Narada con un linguaggio ingiurioso, ma, dovuto all'influenza spirituale del santo, non pot proferire n una sola bestemmia. Il cacciatore disse a Narada": Oh Gosvami! Oh gran persona sacra! Perch me venuto lasciando la strada che attraversa il bosco? Ora, con assolo vederlo, tutti gli animali che stava cacciando sono andati via." "Abbandonai la strada e te sono venuto, per risolvere un dubbio che c' nella mia mente", rispose Narada. Si stava domandando se tutti i cinghiali ed altri animali che stanno a mezzo ammazzarti appartengono." "S, quello che dici certo", rispose il cacciatore. Narada Maneggiai gli domand allora": perch non li ammazzasti completamente? Perch li feristi solo, oltrepassando con frecce i suoi corpi?" Il cacciatore rispose": la Mia cara persona sacra, mi chiamo Mrigari, il nemico degli animali. Mio padre mi insegn ad ammazzarli di quella maniera. Quando vedo soffrire gli animali che lascio agonizzanti, sento un gran piacere." Devo una cosa chiederti "", gli disse Narada Maneggiai il cacciatore. Questo interruppe": lei Pu portarsi qualunque animale o alcuno altra cosa che desideri. Ho molte pelli per dargli, se lei li volesse. Posso dargli una pelle di cervo o di tigre." Narada Maneggiai gli rispose": non voglio nessuna delle pelli. Solo desiderio di sollecitarti una cosa a mo' di carit. Ti chiedo che da questo giorno d'ora in poi scacchi matti agli animali completamente, senza lasciarli a mezzo ammazzare." Il cacciatore rispose": Mio caro Sig., che cosa sta chiedendomi? Che cosa c' di brutto con gli animali che giacciono l feriti? Marcirebbe, per favore, spiegarmelo?" Narada Maneggiai gli rispose": Se lasci agli animali soffrendo cos stai causandoloro apposta dolore. Quindi, dovrai soffrire per compensarlo." Narada Maneggiai continu": il Mio caro cacciatore, la tua occupazione quello di ammazzare animali. Quella solo una leggera offesa della tua parte. Ma quando coscientemente causi loro un dolore non necessario lasciandoli a mezzo ammazzare, incorri in peccati molto grandi. Tutti gli animali ai quali hai ammazzato ed ai che hai causato loro una sofferenza non necessaria, ti ammazzeranno nella tua seguente vita, uno dietro un altro, e vita dietro vita." Cos, dunque, per associarsi col gran saggio Narada Maneggiai, il cacciatore si convinse della cosa peccaminosa della sua attivit, e sent qualcosa di paura dovuto alle sue offese. Quindi il cacciatore ammise che era convinto della sua attivit peccaminosa, e disse": mi insegnarono questo commercio dalla mia prima infanzia. Ora mi domando come posso liberarmi di questa quantit illimitata di attivit peccaminose?. Mio caro Sig., per favore, mi dica come posso liberarmi delle reazioni della mia vita peccaminosa?. Ora sono completamente dedito a lei e cado ai suoi piedi di Loto. Per favore, mi liberi delle reazioni peccaminose." Narada Maneggiai assicur al cacciatore": Se ascolti le mie istruzioni, trover la maniera che possa liberarti." Il cacciatore disse allora": Mio caro Sig., far quello che lei mi dica." Narada l'ordin immediatamente": Primo che tutto, rompe il tuo arco. Quindi ti dir che pi devi fare." "Se" rompo il mio arco, alleg il cacciatore," come mantengo"?, "Non ti preoccupare", disse Narada," io ti provvedr di cibo tutti i giorni." Una volta che Narada Maneggi gli assicur quello, questo ruppe il suo arco, cadde immediatamente ai piedi da Loto del santo e si arrese completamente. Dopo questo, Narada Maneggiai l'alz e gli diede istruzioni per l'avanzamento spirituale. Egli gli consigli": Ritorna a casa tua e distribuisce le tue ricchezze tra le persone sacre. Lascia la tua casa ed insieme a tua moglie vedi al fiume. L devi costruire costantemente una capanna e canto il Maha Mantra Far Krishna. Io invier loro due mangi tutti i giorni. Potranno prendere tanto quanto vogliano." Il saggio Narada fece che i tre animali che erano feriti ritornassero in s. In effetti, questi si alzarono e fuggirono velocemente. Quando il cacciatore vide fuggire agli animali, rimase pieno di stupore. Offr le sue rispettose riverenze al saggio Narada e ritorn a casa sua. Dietro questo, Narada Maneggiai prosegu verso il suo destino. Dopo che il cacciatore ritorn a casa sua, segu strettamente le istruzioni del suo maestro spirituale, Narada. Le notizie che il cacciatore si era trasformato in yogi si diffusero per tutto il villaggio. In realt, tutti i campagnoli gli portarono regali e li presentarono all'antico cacciatore. Un giorno, mentre Narada Maneggiai parlava col suo amico Parvata Maneggiai, chiese a questo che l'accompagnasse a vedere al suo discepolo il cacciatore. Quando i santi saggi arrivarono al posto dove stava il discepolo, questo li vide da lontano. Con gran vivacit, si mise a correre verso il suo maestro spirituale, ma non pot lanciarsi al suolo ed offrirgli riverisci per che c'erano formiche che andavano di un lato ad un altro ai suoi piedi. Vedendo queste formiche, il cacciatore li separ con un pezzo di tessuto. Dopo avere

sgombrato cos il suolo, si lanci quanto lungo era per offrire le sue riverenze. Narada Maneggiai disse": il Mio caro cacciatore, quello comportamento non in assoluto sorprendente. Un uomo che prende quello verso lo Yoga si trasforma automaticamente in un essere pacifico e compassionevole. Egli il meglio dei cavalieri. Oh cacciatore!, buone qualit tali come quella non violenza e la compassione, le quali hai sviluppato, non sono molto sorprendenti, perch quelli che sono affezionati allo yoga, non sentono mai l'inclinazione a causare dolore ad altri per invidia." Di questa narrazione possiamo comprendere che non deve infliggersi sofferenza a nessuna entit vivente, se pu evitarsi in qualche modo. Al contrario, uno deve pensare sempre come fare bene gli altri, aiutandoli ad avanzare spiritualmente. Questa la conclusione delle Scritture rivelate, dei grandi santi e yogis, e pu essere rivelato nel cuore di uno se percorre sinceramente il rifugio verso lo yoga. SEZIONE 7 LO YOGI E LA SALUTE. COMPIACERE A DIO ATTRAVERSO IL VEGETARIANISMO - II - L'OFFERTA. C' un altro piano molto intelligente dietro lo yaja (sacrificio). Dato che dobbiamo ammazzare per mangiare, dobbiamo trovare un processo per mezzo del quale resistiamo i risultati di tale violenza. Come l'entit vivente tanta nella forma di vegetale come nella forma animale, la violenza che si commette contro detti esseri normalmente peccaminosa. Allora, che cosa possiamo fare? "Se qualcuno mi offre con amore e devozione un fiore, una frutta, una foglia o acqua, Io l'accetter." Dio il Supremo Creatore di ognuno di noi, ed anche il Supremo Controllore di tutte le azioni e reazioni, buone o peccaminose. Se un yogi, dopo di avere preparato e condito molto bene il suo alimento, lo presenta al Sig. in un piatto speciale nel posto di meditazione dove ha il suo altare, possiamo considerare che ha realizzato in maniera semplice un yaja o sacrificio. Lo yogi deve fare tutto con molto curato ed attenzione, ed essere cosciente della ragione che c' dietro tutto questo. Si ha bisogno solo di poche sistemazioni. Lei pu fare un altare con una fotografia di Krishna ed un posto per collocare il piatto del Sig.. Non deve provare gli alimenti, neanche annusarli, con l'intenzione di compiacersi a lei stesso. Primo deve offrirli al Sig.. L'offerta si impadronisce nell'altare di un piatto che utilizzer solo con questo proposito. Deve collocare il piatto nell'altare, inclinare di fronte la sua testa fino al suolo dell'altare, e cantare il seguente mantra: sarira abidya-jal, jodendriya tahe kal, jiva phele visaya-sagore ta"ra madhye juhwa ati, lobhamoy sadurmati, ta"ke grugno kathina samsare krsna baro doyamoy, koribare jihwa jay, swa-prasad anna dilo thai sei annamrta pao, radha-krsna-guna gao, preme dako caitanya-nitai Questo mantra significhi: "Oh Sig.! Questo mondo materiale un posto di ignoranza, ed i sensi costituiscono una rete di strade che ci conducono verso la morte. Siamo caduti nel vasto oceano dall'attrazione sensoriale, e di tutti i sensi, quello della lingua il pi vorace e difficile da controllare; molto difficile controllare la lingua in questo mondo materiale. Ma Tu il mio caro Krishna, sei molto buono con noi e ci hai dato questo magnifico prasadam, alimento spirituale, per aiutarci a controllare la lingua. Prendiamo dunque questo Krishna-prasada alla nostra intera soddisfazione, e nel processo glorifichiamo alle Sue Signorie Sri Sri Radha e Krishna, ed amorevolmente invochiamo l'aiuto del Sig. Caitanya e Prabhu Nityananda." Quando lo yogi prende solamente qualche liquido, egli pu pronunciare Sri Visnu, tre volte. Sri Visnu, Sri Visnu, Sri Visnu. Dopo questa offerta, uno pu togliere il piatto dell'altare, e dopo distribuire l'alimento spirituale, prasada o povert di Dio, purificando a tutti quelli che lo mangiano. Gli ricordiamo anche che n la carne, n le uova n il pesce, possono essere offerti nell'altare in questo sacrificio. Neanche si raccomanda offrire cipolle n agli. Se Dio desiderasse questi alimenti, Egli l'avrebbe espresso nelle scritture rivelate. Ma Egli dice chiaramente quali sono gli alimenti che preferisce: vegetali, grani, frutte, latte ed i suoi prodotti derivati, e lo Yogi coopera col Sig. offrendo ed accettando a cambiamento gli alimenti che stanno nella lista delle preferenze del Sig.. Pertanto, realizzando lo yaja nella forma di offerta di alimenti vegetariani, il Sig. esonera allo yogi da qualunque reazione peccaminosa, il quale nasce come un risultato dell'assassinio commesso. Questo appena naturale, perch tutte le cose fatte in maniera favorevole nel servizio del Sig. sono completamente spirituali e, in conseguenza, sono sprovviste di qualunque reazione peccaminosa. Se lei prepara gradevoli alimenti vegetariani, come si raccomandato, li offra sempre davanti ad un ritratto del Sig. Krishna che lei pu trovare nei libri del corso. Chiedendogli anche aiuto per il suo avanzamento spirituale, nella sua presente vita, cos come la purificazione del corpo e della mente. Di questa maniera, questo alimento crea fini tessuti cerebrali, i quali l'aiutano a pensare pi chiaramente ed a mantenere la mente libera di attaccamenti materiali. Dio non ha bisogno di questa offerta perch Egli attosoddisfatto, ma per essere l'Amico Supremo di tutte le entit viventi, come il Proprietario Supremo ed il Disfrutador di tutti i sacrifici, la nostra offerta umile lo compiace, ci permette di avanzare spiritualmente e c'aiuta a perfezionare i nostri sentimenti amorosi verso Lui. Il Sig. onnipresente e desideroso di accettare la nostra offerta, se preparata ed offerta con lo spirito appropriato. Ascoltando la vibrazione sonora pronunciata al momento dell'offerta, il Sig. prende gli alimenti e li benedice toccandoli. Egli sar soddisfatto con un'offerta adeguata, e sar ancora pi compiaciuto per l'amore puro di che si sia impadronito. Ed ora la nostra ricetta vegetariana quindicennale: Panzerotti Di Cavolfiore E Veccie (Gobi-Mattar Samosa). Porzioni: 30 Panzerotti. Tempo di Preparazione: 1-1/2 ore. Ingredienti Ripieno: 1 cavolfiore piccolo; 1/2 Bilancia di Veccia;. 1/8 di tazza di Ghee od olio vegetale; 1/2 Cucchiaiata, zuppiera, di seme di cumino; 1/2 Cucchiaiata, zuppiera, di sale; 1 Cucchiaiata di paprica; 1/4 di cucchiaiata di marinatura; 1/4 di cucchiaiata di cannella; 1/4 Cucchiaiata, zuppiera, di cumino in polvere; 1/2 Cucchiaiata, zuppiera, di coriandolo polvere o macinato. Ingredienti massa: 2 tazze di farina bianca; 3/4 Tazza di acqua tibia; 4 Cucchiaiate, ghiotte, di solidi di ghee o burro. Abbastanza Ghee per friggere.

Tagli il cavolfiore in pezzi piccoli. Caldo il ghee ed aggreghi il seme di cumino. Frigga ora il cavolfiore tagliato nel ghee e specie in fuoco mezzo fino a che il cavolfiore stia blandita, ma non lasci che si rosoli. Aggreghi gi le veccie cucinate e brandisci. Aggreghi sale e tutte le altre specie o condimenti. Cucini fino a che tutto il vegetale o i legumi siano molto soavi e possano essere peste facilmente e dopo continui fino a che la pasta sia ben secca ed un po' oscura nel suo colore. MASSA: Tagli i solidi del ghee o il burro e li aggreghi alla farina bianca. Mescoli con le mani fino a che abbia una massa di buona consistenza. Lentamente aggreghi l'acqua tiepida. Mescoli molto bene e dopo ami, fino a che la massa sia ben soave, per lo meno dieci minuti. Quindi incominci a fare palline che abbiano pi o meno 2.5 cms. di diametro. Con un rullo incominci ad appianare le palline affinch rimangano come tortille di 10 cms. di diametro. Li tagli per la met. Collochi le calze lune nella mano sinistra, lasciando il bordo arrotondato verso le punte delle dita. (Fig.1, Sul bordo retto) cio quello che si tagliato, unga acqua col dito. Tiri l'angolo superiore per sotto rovesciando un po' fino a che si ottenga la forma di cono. Pressi fermamente nella cucitura affinch rimanga bollato. , Fig. 2). Riempia 2/3 parti del cono col ripieno, Fig. 3, e dopo chiuda il bordo superiore avendo bagnato prima i lati con un po' di acqua affinch rimanga ben bollato. Pizzichi, rovesci e pieghi il bordo bollato in pieghe successivi per formare un bordo ondulato, Fig. 4). Ogni Samosa deve avere approssimativamente prima da 10 a 12 dei doblecillos descritti. L'obiettivo finale avere una Samosa con forma uniformi e triangolare o di ventaglio. Queste Samosas deve essere molto bollate affinch non scoppino quando si stiano friggendo nel ghee. Ora pu procedere a scaldare il ghee. Fredda le Samosas fino a che siano dorate e fette biscottate. Per sapere se gi sono pronte, batta soavemente con un cucchiaio o alcune tenaglie, e se suona vuoto, allora gi stanno. Rimangono assolutamente deliziose. SRILA SRIDAR MAHARAJA, IL GRAN MAESTRO CHE INSEGNA GLI ASPETTI PI SOTTILI E TRASCENDENTALI DELL'AMORE SPIRITUALE DELLA CONOSCENZA VEDICA.

Lezione 18 Incominciamo una nuova lezione che speriamo colmi le sue pi elevate aspirazioni spirituali. Ricordi che il temi oggetto di questo Corso non sono altri che la saggezza Vedica millenaria dell'India che sta completamente intatta. Studi questi insegnamenti, li pratichi secondo le sue possibilit, ma sforzi Lei sempre. SEZIONE 1 STUDIO DI UN CAPITOLO DEL BHAGAVAD-GITA. Possiamo vedere il Bhagavad-gita come il principale sostentatore letterario dell'enorme civilt religiosa dell'India, la cultura sopravvissuto pi antico del mondo." Thomas Merton. CAPITOLO DICIASSETTE. LE DIVISIONI DI LA FEDE. Nel capitolo quattordici Krishna spieg ad Arjuna che necessario per trascendere le tre modalit della natura materiale eseguire il servizio devozionale, bhakti-yoga, a Lui. Krishna conclude il capitolo quindici dichiarando che la Sua Divinit Suprema e l'adorazione a Lui sono l'essenza confidenziale della conoscenza Vedica. Dopo, nel capitolo sedici, Egli afferma che per essere elevato spiritualmente, uno deve agire di accordo con le regolazioni delle Scritture Vediche. Cominciando il capitolo diciassette, Arjuna inquisisce circa la posizione di quella quale confeziona alcuni metodi di adorazione di accordo con la sua propria immaginazione, ignorando le regolazioni delle Scritture. Questa classe di fede si trova nella modalit della bont, passione o ignoranza? , Bg. 17.1, domanda Arjuna. Come risposta, Krishna spiega che ci sono tre classi di fede che corrispondono alle tre modalit della natura e si sviluppano a partire da esse, Bg. 17.2-6). Quindi descrive queste modalit su quattro aspetti: l'alimento, il sacrificio (yaja), l'austerit, tapasya, e la carit, danneggia. Il sacrificio, la penitenza e l'austerit nelle modalit pi basse, ignoranza e passione, sono eseguite per beneficio proprio, temporale e materiale, tali come il risultato di ricchezze, onore e potere. Tuttavia, le stesse attivit portate a capo nella bont, sono eseguite di accordo al dovere ed i principi regolativi, senza intenzioni fruitivas e col proposito di purificarsi ed alzarsi, Bg. 17.7-22). Nei versi finale Krishna spiega in essenza che gli atti di sacrificio, austerit e carit devono essere eseguiti solamente per la Sua soddisfazione. Relativamente al tradizionale sistema Vedico di sacrificio, spiega anche che le parole Om Tat Sat che indicano la Suprema Verit Assoluta, sono pronunciate per i brahmanas per compiacere al Supremo. Krishna dichiara che il sacrificio, la penitenza e la carit, quando sono eseguite per la Sua soddisfazione, arrivano ad essere un mezzo per l'avanzamento spirituale. Atti portati a capo senza fede nel Supremo e con violazione delle Scritture, nella passione o ignoranza, producono solamente risultati materiali non permanenti e per quel motivo sono inutili. Tuttavia, l'adorazione o la fede nella modalit della bont, basata nei principi regolativi ed eseguita per dovere, purifica il cuore di chi la realizza e conduce alla fede pura e la devozione per Krishna. Detta fede si conosce come "Nirguna" o che trascende le modalit della natura, Bg. 17.23-28). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA Bhagavad-gita, Capitolo 2 Testo 69 gi nisa sarva-bhutanam tasyam jagarti samyami yasyam jagrati bhutani sa nisa pasyato muneh gi - che; nisa - notte; sarva - tutte; bhutanam - delle entit viventi; tasyam - in quello; jagarti - sveglia; samyami - l'atto-controllato; yasyam - nel che; jagrati - svegliano; bhutani - tutti gli esseri; sa - quello ; nisa - notte; pasyatah - per l'introspettivo; muneh - saggio. Traduzione: Quello che notte per tutti gli esseri, il momento di svegliare per l'atto-controllato, ed il momento di svegliare per tutti gli esseri, notte per il saggio introspettivo. Una parola importante usata in questo testo " samyami", o atto-controllato. Se uno controlla i suoi sensi, potr rendersi conto che la maggioranza delle entit viventi in questo mondo occupate perseguendo obiettivi vani, guidati per il suo sensi descontrolados. Tuttavia, il saggio atto-controllato, comprendendo che tale ricerca finisce solamente in frustrazione, riceve la sua ispirazione di un'altra fonte chiamata la pratica dell'autorrealizacin o Yoga. Ma, bench egli sia occupato in una ricerca superiore, invece di vantarsi, sente compassione per le anime che vanno in direzione sbagliata e, pertanto, utilizza tutto il suo potere per illuminarli. Quindi, egli la bienqueriente umile di tutte le entit viventi. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE COME DIRIGERE LA MENTE? Caro studente, nella lezione di oggi, tenteremo di spiegare alcuni punti relazionati col fenomeno conosciuto come" viaggio astrale." Molte persone desiderano utilizzare il processo di Yoga per fortificare i poteri mentali, ed a volte includono il" viaggio astrale" come un beneficio secondario. Per comprendere questo fenomeno tanto edito, dobbiamo capire in primo luogo il sintomo fondamentale della vita, la coscienza, come la sua posizione fisica e metafisica in relazione col corpo materiale. Dovuto alla natura delle coperte sottili dell'anima, mente, intelligenza ed ego falso, gli scienziati moderni non hanno potuto comprenderli completamente, n neanche discernere un elemento di un altro. Essi hanno potuto solo presentare generalizzazioni tali come l'inconscio, l'inconscio, il preconsciente, etc., e le sue spiegazioni vaghe non si avvicinano in nessun momento alle definizioni delle Proibizioni. Ovviamente sarebbe sbagliato pensare che le coperte sottili della coscienza possono costituire la coscienza pura o la realt spirituale. No. Esse sono materiali, e tutta la cosa materiale , di natura, relativo, temporale e limitato. Sono certamente pi malleabili che gli elementi grossolani ed offrono all'anima maggiore" libert" che le sue controparti, ma non possiamo dimenticare che, dopo tutto, sono le coperte o impedimenti per raggiungere la nostra coscienza puro originale. Facendo un esame diligente, vediamo che il pi grossolano dei tre elementi sottili, la mente, ha tre funzioni: pensiero, sentimento e volont. La mente pu riflettere sul corso di un'azione (pensiero), pu assorbire impressioni mediante gli organi sensoriali (sentimento), e pu sviluppare un desiderio da dirigere il corpo fisico affinch agisca da una forma determinata, volont.

La carta della mente accettare o respingere le differenti alternative che si presentano costantemente nel mondo. Superiore alla mente l'intelligenza il cui mestiere dirigere le divagazioni della mente. Per esempio, supponiamo che abbiamo appena mangiato in forma abbondante. Quando ci portano il dolce che si vede delizioso, la mente pensa": deve stare riqusimo." Sperimenta anche il desiderio": S, volesse provarlo, me lo manger tutto." Dopo di preparare il corpo per cominciare a mangiare, la mente dir": S, produce una sensazione molto gradevole nella mia lingua." Allora l'intelligenza agisce e porta alla mente per un'altra rotta": Se mi mangio tutto il dolce, dopo sento male." Di questa maniera, l'intelligenza, essendo superiore alla mente, pu dirigerla in differenti direzioni. In conseguenza, esercitare l'intelligenza significa dirigere la mente verso un ideale pi elevato. Finalmente, l'ego falso un punto immaginario di contatto, tra l'anima, che puramente spirituale, e la natura materiale. Diciamo immaginario perch l'anima che spirituale, non si mette mai in contatto reale con la materia. Ma poich l'anima desidera avere di s stessa una designazione materiale specifica, immagina la sua identit in termini del corpo grossolano che la copre. Pertanto, ahankara, o ego falso, il pi sottile delle coperte della coscienza pura. Per questo che diciamo che nel momento della morte del corpo grossolano, o in realt quando il corpo non serve oramai da stanza per l'anima, l'anima si stacca dagli elementi grossolani e, guidata per la coperta sottile dei tre elementi prima menzionati, cerca un corpo grossolano nuovo basato nella sua propria concezione materiale e temporale. Ovviamente questo non significa che nel momento della morte l'anima condizionata ordinaria scelga il suo prossimo corpo, ma di accordo col corpo sottile che ha sviluppato, guidata per forze superiori all'interno dell'utero di sua seguente madre, dove si svilupper in un corpo che sia l'appropriato. Il sonno lo stato nel quale l'anima, circondata per la coperta sottile della mente, l'intelligenza e l'ego falso, si stacca temporaneamente dalla coperta degli elementi grossolani e vaga in forma involontaria per la piattaforma sottile. Allora il viaggio astrale lo stesso processo, ma la sua esecuzione un po' pi diretta. Ovviamente che nella piattaforma sottile, l'anima non ha il peso del corpo fisico, n neanche pu soddisfare i desideri della mente. Tuttavia, il fenomeno del viaggio astrale tanto attraente perch d all'anima una dimostrazione della libert che pu raggiungersi nella piattaforma spirituale pura. La sua mente pu pensare all'India, per esempio, ed in un istante stare l. Allo stesso modo, un viaggio nella piattaforma astrale, mentale, istantaneo. Ma in ultima istanza, in un senso materiale, il viaggio astrale non proporziona una soluzione permanente alla ricerca di libert dell'anima. Nel meglio dei casi, solo un sollievo temporaneo dell'importuna carica del corpo fisico, come il riposo che ci proporzionano le ferie di fine di anno, dopo le difficolt che abbiamo passato nel lavoro durante tutto l'anno. Per quel motivo, questi tipi di pratiche non sono raccomandati per Krishna Chi notaci nel Bhagavad-gita (8.16)": Oh figlio di Kunti! dal pianeta pi elevato del mondo materiale, fino al pi basso, tutti sono posti di miseria dove succedono la nascita e la morte ripetuti; ma quello che raggiunge la Mia dimora non gira mai a nascere." Allora, quale la forma di abbandonare questo mondo materiale di oscurit, e raggiungere la dimora di Krishna? "Oh figlio di Pritha! per quello che mi ricorda senza deviazione, dovuto alla sua consacrazione costante nel servizio devozionale, Io Sono molto facile da ottenere" (Bg.8.14). La risposta molto semplice: dobbiamo occuparci in quello processo per mezzo del quale nostro essere intero, dalla mente verso il basso, fino al corpo fisico materiale, e verso l'alto, fino all'ego, possa purificarsi e dedicare al servizio spirituale. Questo Yoga, o Bhakti Yoga, l'accettazione di essere un domestico eterno, parte e porzione della Persona Suprema. Questo significa che la mente, in realt tanto difficile da controllare, pu occuparsi in: 1, pensare: circa il Supremo, della nostra relazione con Lui, di come compiacerlo, e circa chi siamo e quale la nostra natura vera ; 2, Sentire: il piacere che causa cantare il mantra Far Krishna, il piacere di eseguire un servizio al Supremo, il piacere di provare gli alimenti offerti al Supremi; e 3, Volont: il desiderio di avanzare nella conoscenza spirituale, di superare le nostre brutte abitudini, di insegnare ad altri la strada sacra, etc. LA PI ALTA MEDITAZIONE SU L'AMOROSO SIGNORE SUPREMO SRI KRISHNA E LA SUA POTENZA INTERNO SRIMATI RADHARANI. (illustrazione) La nostra intelligenza pu occuparsi in dirigere alla mente lontano dalle attrazioni materiali e verso la grazia del Nome e la Forma del Supremo. E l'ego pu essere purificato se sviluppiamo la nostra coscienza pura da domestici eterni del Sig.; allora potremo sperimentare il nostro vero ego, o la nostra vera identit. L'ego falso se l'anima lo concepisce come appartenente alla materia, come la mente e l'intelligenza sono false quando si impiegano per aumentare la nostra gratificazione materiale dei sensi. Ma l'anima possiede eternamente: menzioni, intelligenza ed ego. solo questione di purificarli, utilizzandoli nelle sue attivit eterne per il servizio del Supremo. Pu domandarsi lei: E che cosa passa col corpo? Il corpo materiale, possiamo occuparlo in un'attivit spirituale? Questo non difficile, perch la materia si spiritualizza al contatto dello spirito, come il ferro pu acquisire le propriet del fuoco quando si mette in contatto con lui. In altre parole, quando usiamo il corpo in attivit yogisticas, questo si spiritualizza a poco a poco, quello che significa che non ci spinger pi in tante direzioni, ma si trasformer in un attrezzo pratico ed utensile per realizzare il nostro servizio devozionale. Nel corpo grossolano e nel sottile esistono sei agenti che c'impellono ad agire: la mente, l'ira, le parole, la lingua, lo stomaco ed i genitale. Quando qualcuno sta in coscienza materiale, spinto costantemente per la natura materiale attraverso questi sei agenti. Ma quando uno spiritualizza la mente ed il corpo per mezzi dello yoga, questi sei agenti urgenti si vanno calmando ed alla fine sono conquistati, ed in quello momento, le parole, la mente ed il corpo, bench sia ostensibilmente materiale, possono stare affezionato cento percento al servizio del Supremo. In paragone con tutta la cosa anteriore, il viaggio nella piattaforma materiale sottile semplicemente un'altra classe di inferno. come una goccia di acqua nel deserto, mentre il processo del servizio devozionale, quando si prende senza riserve, come un oceano illimitato di piacere spirituale per l'anima. Questo quello che l'aspetta a chi pratichi con ogni sincerit quello verso lo yoga. SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. ESPERIENZA EXTRASENSORIALE.

Lo Yoga si chiama anche" La scienza della mente." Se la mente non controllata, ci porta attraverso innumerabili esperienze materiali e ci fa soffrire la nascita, la vecchiaia, la malattia e la morte; pertanto, possiamo considerarla come un nemico. Tuttavia, quella stessa mente, se controllata per la pratica dello Yoga, ci porta di ritorno al mondo spirituale. Discutiamo oggi il fenomeno della mente: L'esperienza extrasensoriale. Le Scritture Vediche spiegano come l'anima spirituale condizionata circondata per due classi di corpo: il corpo sottile che consiste nell'ego, l'intelligenza e la mente; ed il corpo grossolano, compreso per terra, acqua, fuoco, aria ed etere. A volte abbiamo sentito parlare di persone che in stato di gran commozione o pena, o abbasso anestesia, hanno visto o sentito quello che succede col suo corpo, ma con la sensazione di stare galleggiando sopra della scena. Tali esperienze possono spiegarsi facilmente attraverso la conoscenza Vedica: il corpo sottile abbandona il corpo grossolano, perch questo ultimo ha sofferto tanti tumulti che si trasformato in una" casa scomoda", e galleggia su lui sperando di potere ritornare quando detti tumulti finiscano. Che cosa dire degli stati di commozione o dolore. molto comune che in sonni il corpo sottile viaggi fuori del corpo fisico, dato che il corpo sottile pu andare dove voglia per il potere della mente. Non ci troviamo a volte in posti distanti quando sogniamo? Non abbiamo realizzato attivit impossibili per il nostro corpo grossolano, come volare? L'anima portata per il corpo sottile, pu lasciare il corpo fisico per un breve periodo di tempo, come un autista abbandona il suo carro, lasciando funzionandolo e dopo ritorna. La morte significa che il corpo sottile abbandona d'un colpo per tutti il corpo fisico e mai pi ritorna. Nella maggioranza dei casi, il corpo sottile guidato per i desideri della mente, accetta immediatamente un altro corpo grossolano, di accordo con la legge del karma, e prende un'altra nascita. Tuttavia, le Proibizioni spiegano anche che un'entit vivente (jiva) che lascia il suo corpo grossolano in una delle seguenti circostanze: a)-suicidio, b, - in un stato molto intossicato; o c, - in un incidente molto violento, non riceve immediatamente un nuovo corpo materiale grossolano. Succede la stessa cosa quando la persona molto affezionata al suo corpo o la casa dove ha vissuto, etc. Allora l'entit vivente si trasformer in un fantasma per un tempo, e far la ronda per i posti, o rimarr vicino alle persone che conobbe nel passato. Dovendo rimanere in tale situazione per molto tempo, l'entit vivente condizionata soffre innumerevoli sofferenze e frustrazioni, perch conserva i suoi desideri grossolani di godere e non ha oramai un corpo grossolano per soddisfarli. Pertanto, i fantasmi cercano frequentemente sfruttare i corpi di persone di mente o carattere debole o ammalo per potere godere. Particolarmente, quando stanno mezze dormite, questi esseri sottili possono entrare pi facilmente in un corpo e controllare temporaneamente i suoi movimenti, idee mentali e perfino possono parlare. Cosicch tanto le persone deboli come quelli molto affezionate al suo corpo fisico anteriore, o inclinate a cercare questo tipo di relazione, come il caso dei medium, percepiscono a volte la presenza di questi esseri spettrali come voci interne che danno loro ordini o suggerimenti affinch realizzino o non certe azioni. Quando questi esseri sono presenti, possono causare seri tumulti fisici e mentali. In generale, gli stati mentali che i psicologi analizzano come schizofrenia, catatonia, paranoia, ed altre alterazioni gravi, sono prima il risultato patetico delle situazioni menzionate. Sfortunatamente la gente tonta che incapace di distinguere tra la natura spirituale vera e la natura materiale, nella sua forma grossolana e sottile, considerano frequentemente che queste entit spettrali sono divine, esseri perfetti che possiedono tutte le qualit della trascendenza. Pertanto, si trasformano a volte in medium ed insegnano alla gente ad adorare queste entit, sotto il nome di spiritismo, per motivi materiali superflui. Ma questi adoratori confusi, per la legge del karma, stanno semplicemente preparando la sua futura esistenza spettrale dopo la sua morte, e riceveranno un corpo grossolano solo dopo molti patimenti e frustrazioni. Il processo del Bhakti-yoga e la meditazione nel Supremo pu aiutarci a sviluppare maggiore forza ed una mente pi pura e serena, egli quale ci liberer della debolezza e l'influenza di questi esseri spettrali. Le Proibizioni raccomandano certi mantras molto poderosi ed effettivi che possono aiutarci in questo senso. Questi mantras deve cantarsi o recitare a voce alta, specialmente in caso di necessit urgente, ed invocano la protezione di una delle incarnazioni di Sri Visnu, conoscente come Sri Nrisimhadeva. Il mantra si chiama Sri Nrisimha Pranam e si canta cos: namas tu narasimhaya prahladahlada-dayine hiranyakasipor vaksah-sila-tanka-nakhalaye ito nrsimhah parato nrsimhoyato yato vami tato nrsimhah bahir nrsimho hrdaye nrsimho nrsimham adim saranam prapadye tava kara-kamala-incagli nakham adbhuta-srngam dalita-hiranyakasipu-tanu-bhrngam kesava dhrta narahari-rupa jayajagadisa far "Offro le mie riverenze al Sig. NRSIMHA DEVA Chi sta sempre dando prosperit a Suoi devota come PRAHLADA MAHARAJA, e cesellando i cuori di demoni come HIRANYA KASIPU. Il devoto vedi sempre da tutte le parti al Sig. NRSIMHA. Il Sig. NRSIMHA sta nel suo cuore e fosse di tutte le cose. Pertanto, permtasenos prendere rifugio nel Sig. NRSIMHA. Oh il mio Sig. NRSIMHA, le tue mani sono tanto belle come i fiori di Loto, ma con le Tue lunghe unghie hai lacerato la vespa di HIRANYAKASIPU. A Te Sig. dell'Universo, ti offro le mie pi umili riverenze." Raccomandiamo che se alcuno persona si sente disturbata in qualche momento, per queste entit incorporee, canti questi mantras prima di dormire nella notte e nel momento stesso della perturbazione. Anche questi Mantras serve innanzitutto da protezione tipo di contrariet, perch invocano il carattere protettivo del Sig. Supremo che protegge a Suo devoto come un leone ai suoi cuccioli. Ci saranno presentati molti ostacoli materiali, ma tecniche semplici come questi mantras, e la nostra determinazione infrangibile, ci proteggeranno sempre pi di quello che uno possa immaginare. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'ATTO-REALIZZAZIONE. LE PAROLE OM TAT SAT Al principio ed alla fine di ognuna delle nostre lezioni, utilizziamo queste tre parole. Tenteremo ora di spiegarloro la cosa pi chiara e semplicemente possibile. Le tre parole Om Tat Sat indica la Verit Assoluta, il Supremo, Bhagavan (Visnu). Queste parole sono pronunciate per assicurare la perfezione del sacrificio. Alcuni erudito si sorprendono il trovare che i Puranas descrive al Sig. Visnu, o il Sig. Krishna, come

l'aspetto pi elevato della Verit Assoluta, quando suppostamente le Proibizioni non danno importanza a questo punto. E, conseguentemente, molti erudito concludono che Visnu crebbe in popolarit col divenire dei secoli. Ma in realt le Proibizioni danno importanza alle parole Om Tat Sat, Om Tad Visnoh. Ogni volta che qualcuno adora ad un Semidio, Indra o Varuna o qualunque altro, offre anche riverenze a Visnu per un buon risultato. Krishna afferma nel Bhagavad-gita che i benefici dei Semidei sono realmente" concessi per Me." Perch le quattro Proibizioni trattano principalmente di elevazioni materiali, e come Visnu il Sig. della liberazione dell'illusione materiale, la maggioranza dei sacrifici sono per i Semidei e non ferma Visnu. Ma recitando Om ed Om Tad Visnoh, ancora i seguaci del Karma-kanda riconoscono a Visnu come l'ultimo benefattore. Nel Bhagavad-gita Krishna critica i seguaci delle quattro Proibizioni chi non conoscono il proposito fondamentale del sacrificio: yam imam puspitam vacam pravadanty avipascitah proibizione-vada-ratah partha nanyad astiti vadinah kamatmanah svarga-per janma-karma-phala-pradam kriya-visesa-bahulam bhogaisvarya-gatim prati Gli uomini di poca conoscenza sono molto affezionati alle parole fiorite delle Proibizioni, le quali raccomandano diverso attivit fruitivas per l'elevazione ai pianeti celestiali che risultano in buon nascita, potere e cos via. Essendo desiderosi della gratificazione dei sensi e di vita opulenta, essi dicono che non c' nient'altro che quello. Il Siddhanta Vedico stabilito nel Bhagavad-gita corrisponde a quello delle quattro Proibizioni, bench nelle Proibizioni questo non sia tanto attentamente sviluppato. Tuttavia, ci sono molti riferimenti nelle quattro Proibizioni alla Supremazia del Bhagavan Supremo. L'Atharva Proibisce fa la seguente affermazione": La Suprema Persona desider creare entit viventi, e cos Narayana cre tutte le entit viventi. Di Narayana, nacque Brahma. Narayana cre a tutti i Prajapatis, i patriarchi. Narayana cre ad Indra." Anche: io bramino vidadhati purvam io vai vedams ca gapayati sma krsnah": Fu Krishna che istru a Brahma nella conoscenza Vedica nel principio, e chi divulg la conoscenza Vedica nel passato." Le Proibizioni specificano: brahmanya devaki-putrah": Il figlio di Devaki, Krishna, la Suprema Personalit." Troviamo" anche: Al principio della creazione, stava solo la Suprema Personalit, Narayana." Non esisteva Brahma, n Siva, n il fuoco, n la luna, n getti nel cielo, n il sole. Stava solo Krishna Chi creda tutto e gode tutto." Bhaqavan Krishna valuta le quattro Proibizioni di questa maniera: traigunya-visaya proibisce nistraigunyo bhavarjuna nirdvandvo nitya~sattva stho nirvoga-ksema atmavan "Le Proibizioni trattano principalmente il tema delle tre modalit della natura materiale. Alzati al di sopra di queste modalit, Oh Arjuna! so trascendentale a tutte esse. So libero di tutte le dualit e di ogni ansiet per guadagno e sicurezza, e stabilisciti nell'Io", Bg. 2.45). Ancora quando la sezione del karma kanda delle Proibizioni danno istruzioni per una ricchezza materiale, le Proibizioni furono realmente fatte per l'elevazione ad una vita trascendentale. Quando le attivit di Karma kanda (gratificazione dei sensi) terminano, si offre l'opportunit per la realizzazione spirituale nella forma degli Upanisad. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI COME C0MERCIANTE. "Hai solo un boccone? d la met al bisognoso, qualche volta qualcuno ha posseduto la ricchezza che la sua anima tanto ambiva"?. Pancatantra. Naturalmente, tutti i commercianti in questo mondo hanno la gran responsabilit di distribuire le merci nella societ, e devono assicurarsi che esistano sempre le forniture necessarie. Essi devono mantenere continuamente la produzione affinch l'umanit sia pienamente provvista. Nella societ Vedica i commercianti sono conosciuti come Vaisyas. Oltre a comprare e vendere, i Vaisyas responsabile per la protezione delle vacche, questo il suo dovere molto importante, e la produzione della terra. La vacca specialmente importante per la societ umana, perch una fonte di latte, come una madre una fonte di latte per suo figlio. Il latte un alimento miracoloso della natura, non solo perch pu trasformare in articoli utili e deliziosi per offrirli a Krishna e per la nutrizione umana, bens perch la crema di latte si batte per dare burro e dopo fare il ghee (burro chiarificato) che forma una parte essenziale di tutti i sacrifici Vedici; pertanto a volte al latte se la conosce come il liquido della religiosit. Perfino per il semplice mantenimento della societ umana, molto importante che si protegga ai tori e le vacche, perch con l'aiuto del toro si coltiva la terra e possono produrrsi i vegetali ed i grani, e col latte che d la vacca, possono prepararsi quantit illimitata di alimenti. In realt, la societ Vedica il pi oscillata ecologicamente, e riconosce che la vacca la parte pi importante in detto bilancio. Come ora si ammette che interferendo con lo sviluppo proprio della natura l'umanit la pi danneggiata, allo stesso modo il massacro di vacche e tori, invece di permetterloro che compiano il suo ciclo normale di vita, il danno pi grande che pu essere causato a tutto il pianeta. In realt, il costante stato di guerra in cui viviamo, uno dei sottoprodotti di questo massacro. In un senso immediato, dopo la nostra nascita, dobbiamo prendere almeno latte materno durante i sei primi mesi di vita e dopo si cambia per il latte di vacca durante altri 78 anni. Per quel motivo si considera la vacca come una delle nostre madri. E come nessuna persona saggia taglierebbe la gola a sua propria madre, neanche nessuno dovrebbe considerare la possibilit di sgozzare la vacca per consumare la sua carne (la quale) come abbiamo visto in lezioni anteriori, ha dimostrato essere uno degli alimenti pi abominevoli e velenosi. In conseguenza se qualcuno si domanda perch nella societ Vedica si adora la vacca, perch ci proporziona un servizio prezioso, tanto per la manutenzione del corpo, come per la conservazione dei principi religiosi. Pertanto, il dovere del Vaisya di proteggere la vacca il pi importante dovere che garantisce la prosperit materiale e spirituale di tutta la Societ. Poich ora adoriamo al denaro invece di Dio, i Vaisyas di oggigiorno si considerano solo di successo se riescono ad accumulare grandi quantit dell'oggetto della sua adorazione, per qualunque mezzo possibile, sia questo legale o illegale. Allora egli realizza attivit dannose e distruttive, semplicemente per aumentare il suo conto bancario. Questo si conosce nelle Proibizioni come ugrakarma, o attivit terribili che attentano agli interessi umani. Ovviamente che nella societ Vedica esiste la competenza tra i Vaisyas, ma in forma di incentivo salutare per offrire buoni prodotti a prezzo ridotto. Ma in questa societ atea, il commerciante fa qualunque

cosa per ottenere denaro perch la competenza a "morte." Lo sfruttamento sta da tutte le parti. Chi pu dire onestamente che non si sentito sfruttato? Il capo sfrutta i suoi lavoratori affinch questi producano oggetti inutili, dopo contratta ad un'agenzia di pubblicit affinch insieme possano sfruttare il pubblico con la sua propaganda suggestiva e portarlo a comprare cose non necessarie. La societ Vedica include la competenza, ma non basata nello sfruttamento bens nella cooperazione mutua, come il corpo umano richiede della cooperazione di tutti i suoi organi e membri per funzionare adeguatamente. La natura del Vaisya ottenere guadagni comprando merci e vendendoli ad un prezzo pi alto. Ma nella societ Vedica questo non si fa disordinatamente, ma si commercia con articoli che sono necessari per la sussistenza e l'avanzamento spirituale, come con altri che hanno valore intrinseco e decorativo: frutte e vegetali, grani, prodotti lattei, vacche, terre, metalli e pietre preziose, articoli per la casa, attrezzi, etc. I Ksatriyas assicura che i Vaisyas compia correttamente i suoi doveri. Nessuno di questi temi richiede di un'industria massiccia e distruttiva, n di un sfruttamento indebito della terra. Al contrario, possono usare per il miglioramento la societ senza effetti colaterali dannosi, e se il Vaisya usa il 50 percento dei suoi guadagni disponibili nel servizio dei professori religiosi della societ, allora tutte le sue attivit mercantili si purificheranno dato che sono stati utilizzate nel servizio al Supremo. Cos, mentre il Vaisya occupato nelle sue attivit di marketing, cosciente del fatto che per lo meno il 50 percento dei suoi guadagni si usano per spiritualizzare alla societ e risentir soddisfatto di provvedere la cosa necessaria per la conservazione di detta societ e contribuire, contemporaneamente, col miglioramento spirituale di lei. Di questa maniera, non c' incompatibilit alcuna tra i commerci e lo Yoga. SEZIONE 7 LO YOGI E LA SALUTE. MALATTIE CAUSATE PER LA CARNE. Gli eschimesi il cui dieta sta basata quasi esclusivamente in carne e grasso animale hanno una media di vita di solo 27 anni e mezzo. I Kirageses, una trib nomade della Russia Orientale, a fatica sorpassano i quaranta. D'altra parte, investigazioni antropologiche su culture non carnivore, hanno provato la salute eccellente, vigore e longevit che godevano trib tali come i Honzas del Pakistan, i Qtomi del Messico e gli Indi del Sud-oriente degli Stati Uniti. Tra questa gente il ciclo di vita pu arrivare a 110 anni. Le statistiche mondiali circa la salute, dimostrano che le nazioni che consumano pi carne hanno una percentuale superiore in malattie del cuore e cancro. Mentre le culture vegetariane hanno una diminuzione significativa in queste malattie. Vedremo ora alcuni malattie prodotte per il consumo della carne: 1.- Cancro: Il risultato di un studio recente di 50.000 vegetariani, Avventisti del Settimo Giorno, commosse il campo dell'investigazione, rivelando un'incidenza abbastanza inferiore rispetto al livello nazionale degli Stati Uniti. Si trov anche un aumento marcato nella media di vita su quello stesso livello nazionale, in questi studi si aggiunse un taglio trasversale della popolazione in termini di et, sesso ed occupazione. Studi fatti in un altro gruppo religioso, i Mormoni dello Stato della California che bench non sia completamente vegetariano, mangia molta minore quantit di carne che la livello media, mostr un'incidenza di cancro 50 percento pi bassa del livello nazionale. Studi di gruppi che praticano discipline religiose Orientali, come il movimento di Far Krishna, i quali sono vegetariani stretti, non mangiano carne, pesce n uova, dimostrarono un indice di cancro 80-85 percento, sotto la norma nazionale. 2.- Malattie relazionate coi reni: Goccia ed Artrite. Tra i prodotti di rifiuto pi importanti che contiene la carne e coi quali pi deve combattere il suo consumatore, sono la rea e l'acido urico. Per esempio, una bistecca ha approssimativamente 14 grammi di acido urico, azoti composti, per libbra. Un medico americano analizz l'orina di sale da pranzo di carne e di vegetariani, e trov che i reni dei primi devono lavorare tre volte pi che quelli dei secondi per potere eliminare gli azoti velenosi che si ingerisce attraverso la carne. Durante la giovent, il corpo pu maneggiare questo peso senza evidenza di malattia o danno. Ma come i reni si consumano in forma prematura dovuto al gran sforzo, diventano deficienti per realizzare adeguatamente il suo importante lavoro. Col risultato che le malattie renali siano tanto frequenti. Quando i reni non possono sopportare pi lo sforzo eccessivo di una dieta a base di carne, l'acido che non pu essere eliminato si deposita in differenti parti del corpo. Pertanto, assorbito per i muscoli, cos come una spugna assorbe acqua, dopo si indurisce e formano vetri. Quando questo succede nelle congiunture, il risultato sono le malattie tanto dolorose conoscenti come goccia, artrite e reumatismo. Quando l'acido urico passa ai nervi, d luogo alla nevrite e la nevralgia. Attualmente, molti medici consigliano ai pazienti che soffrono queste malattie, di sospendere completamente il consumo di carne o per lo meno ridurrlo drasticamente. 3.- Malattie del cuore. Uno degli argomenti pi semplici in favore di una dieta senza carne la relazione indiscutibile tra mangiare carne e le malattie del cuore. Negli Stati Uniti, il maggiore consumatore di carne nel mondo, una di due persone muoiono per alcuno disturbo cardiaco relazionato con pressione arteriale dimissione. Vale la pena annotare qui che queste malattie sono praticamente sconosciute in societ dove si consuma poca carne. Una relazione dell'Associazione Medica Americana presentato in 1.961, afferm": Una dieta vegetariana pu prevenire nel 90-97 percento dei casi, tutte le malattie del cuore, tali come trombosi coronaria ed ostruzione coronaria." Perch la carne tanto pericolosa per il sistema circolatorio? Il grasso animale, come il colesterolo, non si elimina attraverso le pareti delle vene delle sale da pranzo di carne. Dovuto alla continua accumulazione di questa materia, la capacit reale delle vene, si diminuisce col passo degli anni, permettendo sempre meno il passo del sangue per tutto il corpo. Questa condizione pericolosa si conosce come arteriosclerosi, e fa che il cuore si sforzi troppo perch deve bombardare con pi difficolt affinch il sangue circoli attraverso le vene ed arterie difettose ed interrotte. Questo posto vacante in pressione arteriale dimissione ed attacchi di cuore. Alcuni scienziati dell'Universit di Harvard scoprirono da poco che la pressione arteriale dei vegetariani tende ad essere abbastanza pi bassa che quella delle sale da pranzo di carne. Durante la guerra della Corea, si interrogarono 200 cadaveri di soldati Americani, con 22 anni di et media. In quasi il 80 percento dei casi, le sue arterie erano indurite ed interrotte, dovuto all'accumulazione di

sottoprodotti della carne, mentre i corpi dei Coreani della stessa et, non avevano quella classe di problemi. I Coreani sono essenzialmente vegetariani. Ora si riconosce che le malattie del cuore sono Non la causa. 1 di morti in America e ha raggiunto proporzioni di epidemia. Di accordo con relazioni dell'Associazione Cardiaca Americana, si restringe sempre di pi ai pazienti il consumo di carne, o li stati eliminati completamente, perch si dimostrato che esiste un limite nella quantit di carne che il cuore pu tollerare; I dottori hanno cominciato ad accettare che le diete vegetariane per il suo contenuto di fibra e sufficienza proteica, pu ridurre il livello di colesterolo. Il Dr. U.D. Register, Capo del Dipartimento di Nutrizione dell'Universit della California in Collina Linda, ha descritto esperimenti secondo i quali una dieta ricca in fagioli e veccie pu ridurre il colesterolo, bench le persone mangino grandi quantit di burro. 4. Eliminazione Difettosa. Dato che il nostro sistema nervoso fu progettato per una dieta vegetariana, l'eliminazione deficiente una conseguenza del consumo di carne ed una fonte costante di preoccupazione per le sale da pranzo di carne. La carne per il suo basso contenuto di fibra si muove molto lentamente per il tratto digestivo umano, quattro volte pi lentamente che i grani ed i cibi vegetariani, causando malattie e stipsi cronica, che ora sono parte permanente della nostra societ carnivora. Molte investigazioni recenti hanno dimostrato conclusivamente che un'eliminazione efficiente ha bisogno di un certo volume e fibra che proporziona loro solo una dieta vegetariana. Vegetali, grani e frutte, in contrasto con la carne, mantengono la sua umidit e volume per passare in forma rapida, attraverso il tratto digestivo. Pertanto, i vegetariani ricevono quantit appropriate di fibra naturale nella sua dieta, e si avvantaggiano delle caratteristiche preventive di malattie che queste sostanze possiedono. Di accordo con investigazioni recenti, la fibra naturale aiuto ad ostacolare l'appendicite, cancro nel clon, malattie del cuore ed obesit. Cos, caro studente, speriamo che attraverso questo corso lei sia diventato molto favorevole al vegetarianismo, fino ad osiamo pensare che ha abbandonato gi completamente la carne. Tuttavia, se fino ad ora la sua dieta si basata sulla carne, tenti di cambiarla gradualmente fino al giorno che sia un vegetariano stretto, ed in conseguenza, questo seguendo un modello pi appropriato per l'essere umano. Ed ora un'asana eccellente: la posizione del Serpente o Bhujangasana. Coricato bocca-sotto, appoggi le palme delle mani sotto alle spalle, Fig. 1). Mentre inspira profondamente, alzi in primo luogo lentamente la testa e di seguito la parte superiore del corpo, fig. 2, fino a che solo la vita a partire dall'ombelico e le gambe tocchino il piano, Fig. 3). Mantenga la posizione per un minuto e dopo discenda pausadamente. Pu ripetere questo esercizio fino a sei volte. Benefici: Mantiene la flessibilit della colonna e con ci la nostra giovent. I muscoli della schiena si fortificano come gli addominali. Previene la costipazione. Aumenta il caldo corporale e stimola l'appetito. molto utile per la donna perch agisce come un tonificante dall'utero ed ovaie, evitando numerose malattie. BHUJANGASANA (Illustrazione) Ed ora la deliziosa ricetta della quindicina. BASTONCINI DI PANE. 2 tazze di farina integrale, o mescolare una di crusca per 2 parti di farina di trigo);1/2 Tazza di farina di grano; 1 Cucchiaiata di sale; 1 e 1/2 Cucchiaiate ghiotte di semi di ajonjol. Abbastanza Ghee per friggere. Mescoli le farine, il sale ed i semi. Mescoli con le mani fino a che la farina abbia molto buona consistenza. Incominci ad aggregare lentamente acqua ed a fare una massa umida, ma soave che non rimanga bagnata. Ami per 5 o 10 minuti fino a che sia perfettamente soave. Divida questa massa in dodici parti. Ora faccia piccoli cilindri con ogni pezzetto che non siano pi lunghi di 12.5 cms. e di una larghezza da 3 a 4 cms. Caldo il ghee a fuoco mezzo ed inizio a friggere i bastoncini, vari contemporaneamente, senza congestionare la paila. Devono essere completamente coperti per il ghee affinch si friggano uniformemente. Speri che si rosolino e che battendoli suonino soavemente vuoti. Li tiri fuori e lasci loro asciugare in tovaglioli. Sono deliziosi con burro o soli. Possono conservarsi da due a tre giorni. LA META DELL'AMORE SPIRITUALE ARRIVARE A LA DIMORA DEL SIGNORE IN IL MONDO SPIRITUALE.

Lezione 19 SEZIONE 1 STUDIO DI UN CAPITOLO DEL BHAGAVAD GITA. "Il Bhagavad-gita, come i Vangeli, c'insegna a vivere con la coscienza di una verit interna che eccede la comprensione del nostro pensiero e che non soggetta al nostro controllo. Seguendo l'affanno del potere, siamo schiavi del nostro proprio appetito. Obbedendo a quella verit interna, riusciamo ad essere liberi." Thomas Merton CAPITOLO DICIOTTO. LA PERFEZIONE DI LA RINUNCIA - I Come questo Capitolo molto molto, poich riassume tutto il contenuto del Bhagavad-gita, l'abbiamo diviso in due parti. Il Capitolo diciotto del Bhagavad-gita tanto una sinossi, come la conclusione di tutti gli insegnamenti del Gita. Poich il Gita fa enfasi nella rinuncia delle attivit materiali, e l'occupazione nell'elevazione spirituale, Arjuna chiede a Krishna che gli spieghi definitivamente il proposito della rinuncia, tyaga, e dell'ordine della vita rinunciatario (sannyasa) (Bg. 18.1). Come risposta, Krishna reitera che la rinuncia non significa abbandonare tutte le attivit, poich questo impossibile per l'anima corporificada. Significa piuttosto abbandonare attivit fruitivas, e nel suo posto, eseguire i doveri prescritti senza attaccamento per i suoi risultati. Per quelli che non siano rinunciatario, i frutti dell'azione, desiderabili, indesiderabili ed il miscuglio di ambedue, si accumulano dopo la morte, mentre per il rinunciatario non ci sono tali risultati per soffrire o godere. Di questa maniera, un saggio rinunciatario si libera delle legature del karma, Bg. 18.2-12). Krishna spiega dopo come uno pu agire senza reazioni materiali. Egli cita la filosofia Sankhya, la quale presenta cinque fattori che contribuiscono all'esecuzione di tutte le azioni; questi fattori sono: il posto dell'azione, l'esecutore, i sensi, lo sforzo personale e la Superalma. Quello che crede essere il fattore esclusivo nelle azioni, senza considerare gli altri fattori, specialmente la Superalma, la causa finale, sta in ignoranza ed arriva ad essere complicato per i frutti del suo lavoro. Ma quando uno agisce di accordo alla direzione del Superalma, senza desideri personali, le sue azioni non l'impongono reazioni materiali. In questo modo Krishna indica ad Arjuna che se agisce di accordo con le Sue istruzioni, non sar il vero esecutore, n soffrir le conseguenze di ammazzare nel campo di battaglia, Bg. 18.13-18). Le tre modalit della natura predominano in differenti aspetti della psicologia ed il comportamento umano. La conoscenza, l'azione, i lavoratori, l'intelligenza, la determinazione e la felicit, ognuna sono di tre classi, di accordo a come siano regolate per le tre modalit. Krishna li analizza in una maniera sistematica, Bg. 18.19-40). Di accordo con le modalit materiali che si sia assunto, uno si adatta ad una delle quattro divisioni occupazionali della societ umana: Brahmanas, educatori e predicatori, Ksatriyas, governanti e guerrieri, Vaisyas (fattori) industriali e commercianti, e Sudras (operai). Krishna enumera le rispettive qualit e doveri di ognuna delle quattro divisioni sociali (varnas) e spiega che per aderire ai quattro doveri prescritti della nostra propria divisione occupazionale, e per offrire i risultati del nostro lavoro al Sig., uno pu raggiungere la perfezione. Per lavorare di accordo col suo dovere sociale, il quale determinato per le modalit della natura, l'anima condizionata pu, in ultima istanza, trascendere le modalit. Per quel motivo, la cosa pi conveniente per Arjuna agire di accordo coi principi di un Ksatriya e lottare nella battaglia per la soddisfazione di Krishna, Bg. 18.41-48). Krishna conclude che uno pu raggiungere la pi elevata perfezione della rinuncia mediante il controllo della mente e per il completo disinteresse delle cose ed i piaceri materiali, Bg. 18.49). Subito Krishna spiega lo stato che segue alla rinuncia: raggiungere il Bramino, lo stato preliminare della trascendenza. Questo stato, basato nella conoscenza spirituale, si caratterizza per la fortuna che deriva dalla liberazione dei desideri materiali e della dualit. "In questo stato", dice Krishna," si raggiunge il servizio puro Mi", Bg. 18.50-54). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 5 Testo 18 vidya-vinaya-sampanne brahmane gavi hastini suni caiva svapake ca, panditah sama-darsinah vidya - educazione; vinaya - mansuetudine; sampanne - completamente provvisto; brahmane - nel brahmana; gavi - nella vacca; hastini - nell'elefante; suni - nel cane; ca - e; eva - certamente; svapake - nel comeperros, il paria,; ca - rispettivamente; panditah quelli che sono molto saggi; samadarsinah - vedono con visione uguale. Traduzione: Il saggio umile, in virt della conoscenza vera, vedi con visione di uguaglianza ad un brahmana tranquillo ed erudito, ad una vacca, ad un elefante, ad un cane ed un comeperros (paria). Questa la prova vera per una persona di conoscenza. La conoscenza non significa l'accumulazione di gran quantit di fatti relativi al mondo materiale. La conoscenza reale, come si indica in questo verso, significa vedere la scintilla spirituale, atma, dentro ogni corpo e sapere che parte e porzione dello Spirito Supremo, Paramatma. Pertanto, invece di trovare differenze tra tutte le entit viventi, esse siano uomini, animali o qualunque altra cosa, sulla base dei suoi corpi temporanei ed esterni, la persona di conoscenza vera si fa amica di tutti perch li vedi come sono e vedi anche la presenza della Superalma nei suoi cuori. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE IL MANTRA PER TROVARE IL GURU FEDEDEGNO. "Come una scialuppa di legno adatta per attraversare l'oceano, allo stesso modo il guru necessario per attraversare il mare di questa vita. Ma un lato della scialuppa il rovescio dell'altro; Quelli che stanno seduti in fondo della scialuppa periranno, mentre quelli che stanno nella parte superiore staranno a salvo. Cos, quelli che sono umili ai piedi del guru potranno scappare, ma quelli che si alzano orgogliosamente al di sopra del guru, periranno." Canakya Pandit.

Attualmente il parola guru si applica in maniera vaga per riferirsi a qualunque persona che istruisce ad altri, in un o un'altra classe di yoga o meditazione, senza importare la meta ultima di questa pratica. Ma dobbiamo capire che il parola Guru significa realmente" Maestro Spirituale." Perch il Guru chi istruisce i suoi discepoli in come controllare i suoi sensi ed alzarsi a poco a poco della vita condizionata alla coscienza spirituale. Esaminando con attenzione potremo concludere che il principio di un maestro autorizzato deve trovarsi in ogni classe sociale, perch ci sono sempre una ricerca di conoscenza ed il maestro che deve impartirlo. Il Guru originale Krishna Stesso, l'oratore del Bhagavad-gita. Qualunque altro guru fededegno che viene dopo il Sig. Krishna non pu contraddire in nessun modo le istruzioni del Sig. Krishna nel Bhagavad-gita ed altre Scritture Rivelate. Questo chiamato il sistema Param-per e progettato per proteggere la Conoscenza Assoluta dalla speculazione mentale. Prima di accettare una persona come il nostro Guru, dobbiamo assicurarci che realmente stia insegnando di accordo con le istruzioni del Bhagavad-gita. Allora per voi, cari studenti di Yoga, chi sono venuti praticando lo Yoga e la Meditazione sotto la guida della nostra Scuola Superiore di Studi Vedici, speriamo e confidiamo che nel suo avanzamento spirituale potranno trovare il suo proprio Maestro Spirituale non appena sia possibile, per potere progredire ancora pi durante questa vita. Specificamente, le Proibizioni raccomandano la meditazione nel seguente mantra: om ajana-timirandhasya janajana salakaya caksur unmilitam yena tasmai sri-gurave namah Egli quale vuole dire: "Nacqui nell'ignoranza pi oscura ed il mio Maestro Spirituale apr i miei occhi con la torcia della conoscenza. Io gli offro le mie pi rispettose riverenze." dovere del Maestro Spirituale illuminare i suoi discepoli, e dovere del discepolo cercare il Maestro Spirituale e chiedergli che l'illumini. di somma importanza comprendere la necessit di avvicinarsi ad un Guru fededegno se uno vuole realmente avanzare nella vita spirituale. Come c' molto difficile avvicinarci per i nostri mezzi ad un uomo molto ricco o famoso, cos pure l'entit vivente condizionata non qualificata per avvicinarsi alla Verit Assoluta Suprema, o Dio. solamente per l'intervento misericordioso del rappresentante della Persona Suprema, il Maestro Spirituale, che permesso occuparsi nel servizio dell'a uno Sig. e, pertanto, qualificarsi in forma graduale per associarsi col Sig.. Che classe di persona qualificata per lavorare come Maestro Spirituale? Forse quella persona tanto simpatica? o esistono alcuni qualificazioni tangibili che deve dimostrare? Di accordo con le Scritture Vediche, il Maestro Spirituale deve c'essere ricevuta istruzione del suo proprio Maestro Spirituale che deve apparire nella successione discipular di maestri, la quale cominci con Krishna Stesso, e deve essere molto esperto nella Verit Assoluta. In conseguenza, nel comportamento del maestro spirituale, non possiamo trovare la minore orma di attaccamento al piacere materiale o rifiuto alla sofferenza. Le Scritture Vediche ci dicono che le entit viventi di questa era sono in generale sfortunate, pigre, ingannate e perturbate. Pertanto, nonostante la sua posizione miserabile, non possono vedere la necessit di imparare di un maestro spirituale fededegno, o se riescono a vedere tale necessit, finiscono per essere ingannate da un Guru falso e portate ad un vicolo cieco. O a volte possono evitare queste due trappole e mettersi in contatto con un rappresentante genuino del Sig. ed ammettere la sua posizione esaltata, ma dovuto alla sua consumata testardaggine, si rifiutano di arrendersi ed a seguire i suoi insegnamenti. Cosicch sembra che il compito pi difficile di questa era sia convincere alle anime condizionate della necessit di avvicinarsi al rappresentante del Sig. ed ascoltare di lui. In realt, si dice nelle letterature Vediche che l'entit vivente sta vagando per tutto l'universo, a volte nei pianeti pi elevati ed altre nei pi bassi. Di quelli milioni di entit viventi, solo una pu essere la sufficientemente fortunata, per la grazia del Sig. Supremo, come affinch possa avvicinarsi ad un rappresentante del Sig.. Di questa maniera, per la povert del Sig. Krishna uno riceve un Guru, e per la povert del Guru uno riceve a Krishna. tanto importante il Maestro Spirituale che impossibile raggiungere la perfezione nella vita spirituale senza la sua attenzione e buoni desideri. Il procedimento corretto avvicinarsi al Maestro Spirituale con domande sottomesse e con un atteggiamento di servizio. Dovuto alla sua posizione esaltata di connessione intima col Sig. Supremo, il Maestro Spirituale pu benedire il discepolo sincero con un progresso spirituale rapida. SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. I 24 Ingredienti Cosmici. Nella Lezione 5a, Quarta Sezione, si descrive leggermente il come Visnu manifesto la creazione cosmica, con l'aiuto di Brahma, il dio creativo. In questa lezione presenteremo un schema degli ingredienti che compongono la creazione cosmica. L'anima spirituale e gli ingredienti cosmici derivano spiritualmente da Visnu. Brahma creda i corpi e le forme materiali a partire da ingredienti materiali, affinch tra l'anima spirituale (atma). L'atma, avendo dimenticato il Paramatma (Superalma), identifica il suo corpo materiale e le sue interazioni con la natura esterna": si identifica col campo delle attivit" e con le situazioni spiacevoli o piacevoli causate per questo. Pertanto, essendo illuso, sperimenta felicit e tristezza. Il Paramatma l'accompagna in tutti i corpi. Per maggiore informazione a questo rispetto, pu leggere il suo Bhagavad-gita, Capitolo Sette, Testo Quattro, e Capitolo Tredici, Testi Sei Sette. (Vedere grafica pagina seguente) SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'ATTO-REALIZZAZIONE. In questa Lezione continueremo analizzando i differenti testi basilari della letteratura Vedica. GLI UPANISADS. Gli Upanisads una collezione di 108 Tesi Filosofiche. La parola O-pa-n-sat significa" sedersi accerchia" e si riferisce al discepolo seduto di fianco al suo Guru, col proposito di ricevere la saggezza Vedica trascendentale. Cos, gli Upanisads segna il principio della vita trascendentale. La principale contribuzione degli Upanisads che stabiliscono la cosa assoluta come immateriale. Gli Upanisads descrive a Bramino come la realt eterna e non manifestata, della quale germogliano e nella quale riposano tutte le manifestazioni. Essendo inconcepibile

per i sensi materiali, Bramino descritto come nirguna, senza qualit, e rupa, senza forma. Nelle parole di Brhad-Aranyaka Upanisad (3.9 26), Bramino" incomprensibile, dato che non compreso." Cos, la saggezza degli Upanisads supera chiaramente le parti del Karma-kanda delle quattro Proibizioni," perch il proposito della religione non solamente l'ottenimento di felicit terrena n celestiale, mediante sacrifici offerti correttamente ai dei, se non anche la liberazione, come risultato della vera conoscenza, del rinascimento per assorbimento nel Bramino." Ancora quando gli Upanisads enfatizza la meditazione sul Bramino impersonale, essi non contraddicono il Siddhanta abbreviato nel Bhagavad-gita; gli Upanisads non nega che la Verit Assoluta ha personalit. Negando che Dio ha una personalit materiale, gli Upanisads affermano la Personalit Spirituale di Dio. Per esempio, lo Svetasvatara Upanisad (3.19) spiega chiaramente che la Verit Assoluta non ha gambe n mani materiali, ma ha mani spirituali con le quali Egli accetta tutto quello che gli offerto, e che, analogamente, Bhagavan non ha occhi materiali, ma ha occhi spirituali che lo vedono tutto. Ancora quando Egli non ha uditi materiali, sente tutto e, possedendo tutti i sensi spirituali perfetti, conosce il passato, il presente ed il futuro. Esistono molti inni Vedici simili che descrivono alla Verit Suprema Assoluta come una persona oltre il mondo materiale. Per esempio, il Hayasirsa Pancaratra spiega che ancora quando ogni Upanisad presenta in primo luogo il Bramino Supremo come impersonale, alla fine la forma personale di Bhagavan emerge. Come l'Isa Upanisad indica, la Verit Assoluta Suprema eternamente tanto impersonale come personale. L'invocazione del Brhad-Aranyaka Upanisad afferma," che Egli, l'essere Supremo, il tutto nell'universo. Di Lui tutto viene." Lo Sveta svatara Upanisad afferma (3.8)" Io conosco al gran Purusa chi luminoso come il sole, e sta oltre l'oscurit." L'aitareya Upanisad (1.12) descrive al Supremo Controllore come la causa energetica di ogni creazione": Egli cre questi mondi...." Il Prasna Upanisad (6.3) lo corrobora. Il Katha-Upanisad afferma": Egli eterno tra gli eterni, la coscienza tra tutte le coscienze, Egli consegna i frutti delle attivit a tutti i jivas." Oltre alla realizzazione del Bramino e Bhagavan, anche gli Upanisads parla circa la localizzazione della forma intermedia, Il Paramatma (Superalma). Il Mundaka, Svetasvatara ed il Katha Upanisads affermano che dentro il cuore di ogni entit vivente risiedono la jiva atomica individuale e la Superalma, il Paramatma. Essi sono come due uccelli situati nell'albero del corpo: Uno degli uccelli, la jiva individuale, sta mangiando il frutto dell'albero (godendo dei sensi), e l'altro sta osservando solo (Paramatma). La dimenticanza del jiva della sua relazione col Paramatma gli fa cambiare la sua posizione un albero ad un altro, il processo della trasmigrazione. Ambedue, il Katha e Svetasvatara Upanisads, danno un commento pi ampio: ancora quando i due uccelli stanno nello stesso albero, l'uccello che sta mangiando completamente assorto, come disfrutador dei frutti dell'albero. Se, di un o un'altra maniera, egli rovescia il viso verso il suo amico chi il Sig., e riconosce le sue glorie, si libera subito di ogni ansiet. Attraverso gli Upanisads vediamo che la jiva individuale ed il Paramatma, la Superalma, mantengono la sua individualit separata, ancora quando essi riescano una classe di unit quando il jiva accetta agire di accordo col desiderio del Paramatma. Chiunque sia il caso, n il Paramatma Supremo n la jiva individuale perdono la sua individualit. Questo importante, perch come vedremo pi avanti, il concetto di Bhakti, sul quale si fa enfasi nel Bhagavad-gita, si perde se il jiva diventa uno col Bramino Supremo in tutti gli aspetti. Nel Bhakti si sviluppa una relazione amorosa tra la jiva individuale e la Persona Suprema, Bhagavan. In nessun momento deve uno confondere il jiva col Purusa Supremo. Se uno confonde questo o tenta di fonderli in uno, perde il siddhanta (conclusione) essenziale della letteratura Vedica. Descrivendo la qualit antimaterial (nirgunatva, dell'Assoluto) gli Upanisads prepara la strada per un intendimento appropriato della personalit trascendentale (Bhagavan) chi possiede tutte le opulenze spirituali e l'ultimo obiettivo di ogni meditazione e bhakti (devozione). SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO LO YOGI ED IL DENARO. "Il denaro causa pena per ottenerlo e per conservarlo; causa pena per spenderlo, per perderlo e per dissiparlo: il maledetto problema non finisce" mai. Pancatantra. Al denaro in India lo chiamato LAKSMI. Laksmi il nome della Dea della Fortuna. In questo mondo siamo molto attratti per la Dea della Fortuna nella forma di denaro, perch con questo possiamo acquisire le cose che dobbiamo per gratificare i nostri sensi. Come succede con tutto in questo mondo materiale, il denaro buono o cattivo dipendendo dall'uso che gli sia dato. Pu essere la causa della nostra distruzione ed anche della nostra liberazione, come il fuoco serve per scaldare la nostra casa o per bruciarla. Al denaro lo schivato tradizionalmente nella vita spirituale perch considerato come il causante della degradazione; ma di accordo con la filosofia Vaisnava pi elevato, qualunque cosa che si usa per propagare le glorie del Sig. ed insegnare alla gente quello verso l'illuminazione non deve produrrci paura e, in realt, benvenuta. una questione di motivazione. Se uno il sufficientemente puro ed esperto nella scienza dell'autorrealizacin, pu acquisire milioni di pesi per propagare le glorie di Krishna tra migliaia e migliaia di persone che rimarrebbero altrimenti nell'ignoranza, e non utilizzerebbe n una moneta per il suo proprio piacere sensoriale. Ripetiamo che una questione di motivazione. E questa motivazione basata nella coscienza. A questo rispetto, le Proibizioni dividono la coscienza in cinque livelli a sapere: Primo sta ANNAMAYA, o dipendenza esclusiva negli alimenti per conservare l'esistenza, il caso dei bambini piccoli. Pertanto, si soddisfatto con solo avere sufficienza cibo. Si percepisce al Supremo nella forma di alimento, e quello il limite della realizzazione del Sig.. Quindi segue PRANAMAYA, o lo sforzo unico per soddisfare le necessit corporali e mantenersi vivo. Pertanto, si percepisce al Supremo nella forma dei sintomi vitali e l finisce la sua comprensione. Questo quello che succede con gli animali ed anche con alcuni esseri umani. Il seguente livello JNANAMAYA, nel quale uno diventa cosciente del processo di pensare, sentire e desiderare. In questo punto uno si sforza per creare una situazione analoga con la mente e, pertanto, piace di filosofare, leggere, o si dedica all'altruismo mondano e la religione. Questo il limite di realizzazione del Suprema ferma pi del 99 percento della societ umana.

Al di sopra di JNANAMAYA sta VIJNANAMAYA, in questo livello la mente dell'entit vivente ed i sintomi vitali si distinguono dell'entit vivente in s stessa, ed uno comincia a comprendere la sua identit come un spirito eterno. Questo l'inizio di una percezione spirituale della Suprema Verit Assoluta. Finalmente sta ANANDAMAYA, o l'esistenza completamente benedetta. In questo, il pi elevato stato di coscienza, uno comprende la sua relazione specifica col Suprema ed agisce in tutta quella capacit, bench ancora possieda un corpo materiale. Questo livello il culmine dell'evoluzione della coscienza e qui si riesce la soddisfazione completa e la conoscenza nell'esistenza eterna. Ed ora ritorniamo al nostro tema originale": Lo Yogi ed il denaro." Dipendendo dallo stato di coscienza che si tenga, uno utilizzer il suo denaro per acquisire alimenti, o proteggersi a s stesso e potere mantenere i suoi sintomi vitali, o pu creare una situazione felice per la mente, o liberarsi dell'intreccio materiale compiacendo al Supremo. Alcuni persone possono arguire che": il Mio servizio a Dio consiste in mantenere alla mia famiglia", ma questo non accettato per la conoscenza anteriore delle Proibizioni. Se in questa forma umana, la quale la nostra opportunit per raggiungere il pi elevato livello di coscienza, dedichiamo il nostro denaro vinto duramente a chiunque dei primi tre obiettivi menzionati nell'ultimo paragrafo, senza sforzarci per arrivare alla meta pi alta, staremo sprecando il regalo pi prezioso. Se qualcuno c'offre un milione di pesi e preferiamo vivere per strada come un ubriaco, staremo utilizzando appropriatamente i nostri fondi? Allo stesso modo, se non sviluppiamo un'attrazione per la meta pi elevata dalla vita, ed invece rimaniamo dominati per le illusioni del mondo, tali come": sto tentando Solo di vivere con quello che ho" o" voglio solo aiutare il bisognoso", staremo male spendendo un Don molto prezioso. Ovviamente che la Yogi cosciente di Dio vuole rimanere vivo, ma non considera che questo sia un fine in s stesso, bens piuttosto, un veicolo per arrivare alla meta suprema, cio, per fare agli altri coscienti di Dio. Desiderer anche aiutare i bisognosi, ma egli comprende quale la necessit reale - l'elevazione della coscienza - e la proporziona nella forma di conoscenza ed alimento spirituale. Il problema coi tre livelli pi bassi di coscienza poggia in che questi rappresentano differenti livelli di legature. Se uno spende il suo denaro e si preoccupa solo per questo, la cosa unica che sta facendo aumentare il suo intreccio materiale. I lacci possono dare l'illusione di libert, ma in realt sono solo legature perch dirigono l'energia verso concetti o aspetti illusori di se stessi. Il corpo e la mente possono fare certe domande, ma queste non hanno niente a che vedere con l'anima, o l'io vero. MOLTI YOGIS HA CONSTRUDO BEGLI TEMPII CON LE DONAZIONI CHE RICEVERONO. QUESTI BEGLI POSTI DI ADORAZIONE CONGREGAZIONALE PU TROVARLI IN TUTTA L'INDIANA. (Foto). Pertanto, considerare che la meta pi elevata della vita soddisfare tutte questi domande - e spendere il denaro in questo impegno - la forma pi grossolana di illusione e, in ultimo termine, un'offesa al Sig. Supremo. D'altra parte, rivivere il nostro interesse nell'autorrealizacin e la coscienza di Dio, e spendere il nostro denaro comprendendo che appartiene a Dio e che, in conseguenza, deve essere consumato nel suo servizio e ferma la sua compiacenza, l'uso corretto di Laksmi, la Dea della Fortuna, e l'unica maniera di assicurare la nostra libert finale dell'ignoranza ed il desiderio. SEZIONE 7 YOGA E MEDITAZIONE. DIETA PER UN PIANETA SPIRITUALE. Quando il Sig. Krishna parla nel Bhagavad-gita, Egli chiarisce il proposito finale del vegetarianismo": Se qualcuno mi offre con amore e devozione una foglia, un fiore, frutta o annacqua, Io l'accetter", Bg. 9.26). In s stesso, il vegetarianismo significa noviolenza, protezione degli animali, ma offrire alimenti vegetariani al Sig. Krishna e dopo accettarli come la Sua povert (prasada), significa molto pi, e Bhakti Yoga, cio arrivare ad essere coscienti della Suprema Personalit di Dio. Quando si accorda il vegetarianismo col canto dei Nomi del Sig. Supremo Far KRISHNA, Far KRISHNA, KRISHNA KRISHNA, Far Far, Far Ramo, Far Ramo, Ramo Ramo, Far Far questo si trasforma in qualcosa pi che un semplice principio etico o razionale: questa forma di vita umana si trasforma nel mezzo pi semplice e pi piacevole per raggiungere la realizzazione spirituale. Nella Coscienza di Krishna, la ragione spirituale per il vegetarianismo include tutte le altre ragioni, etiche, sentimentali, nutrizionali, economiche, mediche, cos come un biglietto di 1.000 pesi include quelli di 200, di 100 o di 50. Unicamente gli alimenti pi freschi, pi succulenti, pi nutritivi e pi sensibilmente gradevoli sono preparati ed offerti a Krishna. Dobbiamo analizzare accuratamente i molti vantaggi di mangiare Krishna Prasada, o avere una mente stretta e spiritualmente vegetariana, ed esaminare anche le obiezioni pi importanti al vegetarianismo. Possiamo definire un" vegetariano stretto" come quella persona che si astiene completamente da mangiare carne, uova e pesce. Alcuni vegetariani, chiamato" vegans" si astiene non solo da mangiare carne, ma anche di prendere latte, perch hanno paura dei pesticidi e del colesterolo. Tuttavia, le frutte, i grani ed i vegetali non contengono colesterolo, cosicch un vegetariano pu prendere un litro di latte e mangiare alcune once di formaggio ogni giorno, senza raggiungere la cima massima di colesterolo permesso. Senza prendere latte, uno obbligato a consumare quantit di alghe, soia, semi di ajonjol o pastiglie per ottenere la quantit essenziale di vitamina B12 e calcio. In quanto ai pesticidi, praticamente qualunque cosa che mangiamo trattiene qualcosa da essi, dovuto all'uso generalizzato di fertilizzanti chimici. I chiamate ovo-vegetariani non possono essere accettati come vegetariani stretti, perch mangiano uova, i quali sono - dopo tutto carne, con una coperta di calcio, prodotti in massa sotto condizioni ingiustificabili data la quantit di fonti di proteine. Ma il termine allatto, bevitore di latte, vegetariano accettabile. Prendere latte di vacche che pi tardi saranno assassinate non in nessun modo accettare l'assassinio di vacche, e se noi avessimo l'opportunit, chiuderemmo immediatamente tutti i mattatoi. OBIEZIONI DI I NO-VEGETARIANI. Una delle pi forti obiezioni dei no-vegetariani contro il vegetarianismo il che i vegetariani devono ammazzare piante e che anche questa violenza, ma non ammissibile paragonare pienamente gli animali coscienti, come le vacche, coi vegetali, che hanno una coscienza molto bassa. Inoltre, realmente noi dobbiamo mangiare piante, frutte, grani, etc., perch le vitamine e minerali che si trovano in questa classe di alimenti sono essenziali per mantenere insieme il corpo e l'anima. Certamente, le piante sono tanto vive come le vacche; recenti esperimenti hanno dimostrato che le piante sentono, ed il Bhagavad-gita, l'essenza di tutti gli insegnamenti

Vedici, conferma che tutte le forme di vita contengono anime spirituali, qualitativamente uguaglia alcune ad altre. Ma, ad ogni modo, dobbiamo mangiare qualcosa, ed anche le Proibizioni dicono": Jivo-jivasya jivanam: Nella lotta per l'esistenza un'entit vivente alimento di un'altra." Cos, da un punto di vista umano, il problema di scegliere una dieta non risiede nel fatto di non ammazzare, perch questo un proposito impossibile, poich necessario alimentarsi, bens quello di causare la minore sofferenza e contemporaneamente soddisfare le necessit nutrizionali del corpo. Una dieta ben oscillata di frutte, grani, vegetali e prodotti lattei, soddisfa questa necessit. In Scritture il Bhagavad-gita, si raccomanda come questa classe di dieta come la pi appropriata per l'uomo. Un'altra obiezione molto comune al vegetarianismo ": Ges Cristo mangiava carne, cosicch, perch noi no? Ma i Cristiani Vegetariani dimostrano che nella Grecia antica, della quale si tradursi il Nuovo Testamento, non appoggiavano l'argomento che Cristo mangiava carne. Per esempio, parole greche come" brosimos"," prosphagion" e" trophe", quelle che significano solamente "alimento" o "nutrizione", furono tradotte vagamente come" carne", eccetto nel Nuovo Bibbia Inglese. Ed i vegetariani Cristiani affermano che nei testi dove si dice che a Cristo gli offrirono pesce ed un favo di miele, Egli accett" questo", in singolare. "Questo" significa il favo di miele. Nell'Antico Testamento c' un verso che pronostica questo del giovane Cristo": Egli manger burro e miele, dato che sapr respingere la cosa brutta e scegliere la cosa buona" (Isaia 7:15). Il significato di questo che altrimenti mangiare lo condurrebbe ad una mentalit brutale, e questo non pu essere accettato nel carattere di Cristo. PERCENTUALI COMPARATIVE DI PROTEINE. Le sale da pranzo di carne argomentano": Ma la carne perfetta e gi completa in proteine; per ottenerli non devo spendere ore comprando, cucinando e combinando i vegetali corretti." Primo che tutto, la carne non " pura" o" perfetta" in proteine, quando pi un 25-30 percento di proteina. La proteina netta utilizzata (NPU) la quantit realmente digerita ed assorbita per il corpo, 67 percento comparata col 82 percento del latte, il 70 percento del formaggio, il 67 percento dei ceci ed il 60 percento del grano intero. Al dispiacere gli alimenti prima menzionati, sicuramente contengano meno proteine che la carne, ma poich il suo NPU alto, semplicemente mangiando pi di essi o combinandoli uno trova le proteine RDA, la quantit minima giornaliera permessa. Per esempio, il latte solo il 4 o 5 percento di proteina, ma con due tazze si ottengono vicino al 40 percento della quantit di proteina utilizzato RDA che di 43.1 grammi. Un cubo di due pollici di formaggio produce vicino al 30 percento. Per completare, la combinazione corretta di alimenti di buonsenso e tanto naturale come il pane ed il burro, ed evita facilmente deficienze dietetiche. Pi ancora, il valore alimentare complementare aumenta combinando gli alimenti (vedere quadro). Per esempio, il NPU del riso solo 60 percento e quello dei grani soli il 40 percento e si incrementa al 43 percento quando si mangiano insieme, e combinare latte con pane di grano intero aumenta il suo NPU al 13 percento. Inoltre, le proteine non sono tutte. Nutriente essenziali, tali come il ferro, il potassio, il magnesio, il calcio e vitamine essenziali tali come la C, l'A, la riboflavina, la niacina ed il complesso B, sono quasi completamente assenti delle carni. In questo modo, gli alimenti vegetariani sono assolutamente necessari per mantenere una buona salute. Quale , allora, la ragione per ammazzare animali per mangiarli, specialmente nei paesi Americani ed Europei che sono ricchi in alimenti vegetariani? Ancora se qualcuno insiste nel mangiare animali, egli deve sperare fino a che muoiano naturalmente. Conoscitori che possono obiettare che tale carne deve essere molto dura, devono ricordare che i corpi morti stanno molto lontano da essere freschi, dato che deve aspettare fino a due settimane affinch il" rigore mortis" sparisca. Questo scienziato ed interessante articolo lo continueremo pi avanti. (Vedere grafica pagina seguente). Impareremo ora la HALASAN o posizione dell'Aratro. Corichi Lei di spalle e rilassi respirandosi tranquilla e profondamente. Di seguito, mantenendo le braccia durante il corpo e le palme contro il suolo, levanti lentamente ambedue gambe on-line retta, fino a formare il perpendicolare contro il piano. Incominci ora ad alzare le anche piegando un po' le gambe. Separi tutta la schiena dal suolo fino a che i piedi tocchino terra ma l della sua testa. Allunghi le gambe la cosa pi possibile e conservi le braccia allungate come nell'inizio dell'esercizio. Una variante, portare in avanti le braccia allungandoli fino a toccare i piedi con le mani, o pu collocare le mani vicino alla nuca con le braccia arcuate. Respiri lentamente per il naso. Ritornando alla posizione iniziale lo faccia con lentezza e senza alzare la testa. La HALASANA (Illustrazione) BENEFICI: Previene i mali del fegato, la milza e l'obesit. D gran flessibilit alla colonna e fortifica i muscoli dell'addome. Ristabilisce della stanchezza dandoci nuova energia. Corregge le deviazioni della colonna nei bambini. Evita la formazione di grasso nella vita ed anche. Spariscono i mal di testa o emicranie; cura il diabete, fortifica il collo, torace e gambe. Ed ora la nostra ricetta della quindicina. PARATHA. 1-1/2 tazze di farina integrale, o parti di crusca per quella di farina,; 1/2 Tazza di farina bianca; 1/4 Tazza di Ghee o burro chiarificato; Acqua. Mescoli il burro o il Ghee con la farina integrale. Continui ad aggregare l'annacqua fino a che abbia pi o meno una consistenza soffice. Collochi questa massa in una stoviglia. La copra e le lasci riposare per mezz'ora. Quindi ami Lei ella per 10 minuti. Ora faccia palle grandi di pi o meno 5 cms. di largo o diametro, usando la farina bianca di grano affinch non si attacchi la massa; prenda un rullo di impastare e gli metta anche un po' di farina. Continui ad appianare le palline fino a che gli rimangano come torte di 20 cms. di diametro. Queste devono rimanere ben rotonde, piane ed uguali. Sparga il burro sciolto sulle parathas che ha appena fatto e li pieghi per la met. Gli unga burro e li pieghi in stanze affinch rimangano come una stanza di luna. Quindi prenda il rullo e li appiani di nuovo. Quindi continui a collocare le Parathas una per un'in una casseruola, facendogli frequentemente il giro. Ogni volta che rovesci le Parathas, getta loro una cucchiaiata di ghee sulla superficie, aiutando col cucchiaio affinch il ghee li penetri. Stringa ogni tanto i bordi per assicurarsi che rimangano ben cucinate. Cucini ogni Paratha fino a che zoppo colore rossiccio e sia tostata.

Lezione 20 SEZIONE 1 STUDIO DI UN CAPITOLO DEL BHAGAVAD-GITA. "I significati o spiegazioni di Swami Bhaktivedanta sul Bhagavad-gita sono trasparenti e squisitamente dettagliate - questa classe di esposizione presentata per la prima volta alla gente Occidentale ordinaria - un deposito di antichit, esperienza, devozione, conoscenza, erudizione, vecchia saggezza ind, sincerit, giubilo e dolce discernimento trascendentale." Allen Ginsberg CAPITOLO DICIOTTO. Conclusione. La Perfezione della Rinuncia - II Poi Krishna impartisce ad Arjuna la conclusione decisiva di tutto il Suo insegnamento; il dovere ultimo del jiva arrendersi a, con devozione ed amore puro trascendentale. Solo mediante la devozione pu essere compreso Krishna, la Suprema Verit Assoluta, la Suprema Personalit di Dio. Per comprendere a Krishna, uno pu entrare nel Regno di Dio, Bg. 18.55). Agendo abbasso sempre la Sua Suprema protezione, sempre cosciente di Lui, Suo devoto trascende tutti gli ostacoli della vita condizionata e per la Sua grazia raggiunge il Regno Spirituale, Bg. 18.56-58). Krishna previene ad Arjuna che se egli non osserva le Sue istruzioni divine, e scendo l'influenza dall'illusione schiva il suo dovere, ancora cos si vedr obbligato a litigare per la sua condizione di Ksatriya, Bg. 18.59-60). Comprendendo a Krishna come la Superalma nel cuore, il Controllore Supremo e Direttore delle erranti entit viventi, Arjuna dovesse arrendersi totalmente ed in questo modo avere pace trascendentale e raggiungere la Dimora Eterna, Bg. 18.61-62). Dopo avere istruito ad Arjuna affinch rifletta su questo tema molto confidenziale, per esempio, arrendersi a Krishna nella forma della Superalma, (Bg. 18.63, Krishna lo manifesta la parte pi confidenziale della conoscenza, la suprema istruzione, l'essenza e conclusione del Gita: uno deve abbandonare tutti i processi religiosi e doveri (karma-yoga) jana-yoga, dhyana-yoga, il doveri socio religiosi o delle ordine sociali, il risultato del Bramino e Paramatma, eccetera, e semplicemente arrendersi a Krishna come il Suo devoto sigaro in eterno ed amoroso servizio trascendentale, l'eterno e supremo dharma. "Pensa sempre a Me e trasformati in Mio devoto. Adorami ed offrimi le tue riverenze. Cos senza dubbio me verrai. Io ti prometto questo perch tu sei il Mio amico molto caro. Abbandona tutte le variet di religione e solamente a Me arrenditi. Io ti liberer di ogni reazione peccaminosa. Non temere. , Bg. 18.64-66). Nel verso seguente, Krishna stabilisce le qualificazioni per comprendere il Gita: Egli che l'ascolta deve essere austero, devoto, senza invidia ed occupato nel servizio di Krishna, Bg. 18.67). Quello che impartisce questi insegnamenti di Krishna, il domestico pi caro di Krishna e raggiunge la devozione pura per Lui, Bg. 18.68-69). Quello che studia il Gita" mi adora con la sua intelligenza", e quello che ascolta i Suoi insegnamenti con fede si libera di tutti i peccati, Bg. 18.70-71) Nel punto culminante della narrazione del dilemma di Arjuna, Krishna gli domanda": hai sentito distintamente questo con la tua mente? E, si dissolsero gi le tue illusioni ed ignoranza?" Arjuna rispondi confidenzialmente": il Mio caro Krishna, Oh infallibile! Ora la mia illusione andata via. Per la tua povert ho recuperato la mia memoria, ed ora sono fermo e libero del dubbio e preparato per agire di accordo con le Tue istruzioni", Bg. 18.7275). In un breve epilogo, Sanjaya, chi sta narrando tutta la conversazione a Dhritarastra, si rallegra in estasi avendo ascoltato il dialogo sacro. Le sue pelurie sono irsute di allegria e conclude": dovunque stia Krishna, il maestro di tutti i mistico, e dovunque stia Arjuna, l'arciere supremo, certamente l staranno anche l'opulenza, la vittoria, il potere straordinario e la moralit. Quella la mia opinione", Bg. 18.74-78). "PENSA SEMPRE A ME E TRASFORMATI IN MIO DEVOTO. ADORAMI ED OFFRIMI LE TUE RIVERENZE. COS, SENZA DUBITA TUO ME VERRAI. IO TI PROMETTO QUESTO PERCH SEI IL MIO AMICO" MOLTO CARO. (Foto) SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Srimad-Bhagavatam, Canto 3, Capitolo 25,Verso 19 na yujyamanaya bhaktya bhagavaty akhilatmani sadrso" sti sivah pantha yoginam brahma-siddhaye na - no; yujyamanaya - essendo eseguito; bhaktya - servizio devozionale; bhagavati - in direzione alla Suprema Personalit di Dio; akhila-atmani - la Superalma; sadrsah - come; asti - cos ; sivah - auspiciosa; panthah - strada; yoginam - degli yogis; brahmasiddhaye - per la perfezione dell'autorrealizacin. Traduzione: La perfezione nell'autorrealizacin non pu essere ottenuta per qualunque classe di yogi, se egli non occupato nel servizio devozionale del Sig. Supremo, il quale l'unico strada auspicioso. L'idea chiave di questo verso " annunciare il vero senso del processo di Yoga." Lo Yoga non un complicato sviluppo ginnico, n un sistema per respirare meglio, n un atteggiamento caritatevole mondano, n il risultato di una speculazione mentale. Questo stato stabilito per il Supremo, personalmente o attraverso le Sue incarnazioni. La superiorit del servizio devozionale, bhakti-yoga, che diretto a compiacere il creatore originale e precettore di tutte le strade, cio, il Sig. Sri Krishna. La meta di tutti i sentieri armonizzare con la volont del Suprema, ed il servizio devozionale c'insegna questa arte in forma presa diretto. Mediti accuratamente su questi punti. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. MEDITAZIONE - TILAKA. La seguente meditazione fatta affinch lo Yogi possa proteggere e spiritualizzare il suo corpo attraverso una meditazione chiamato TILAKA. Questa cerimonia deve realizzarsi tutti i giorni dopo essersi avuto ricoperto. Il processo della Tilaka-meditazione praticato per tutti gli yogis dell'India. Generalmente, essi prendono della rivera dei Fiumi Sacro Gange o Yamuna una creta molto fine e gialla

che mischiata con acqua si applica in differenti parti del corpo. Ma poich questa creta non si ottiene facilmente in Occidente, possiamo fare solamente la stessa cosa con acqua, toccando il nostro corpo nelle differenti parti. Di mattina, dopo c'avere lavati e vestirci con vestiti puliti, dobbiamo sederci nella nostra sedia, cuscino o posto di meditazione, e collocare di fronte una piccola stoviglia con acqua di noi. Applicando l'acqua, deve tentare di farlo di tale modo che si formi una V con un rombo sotto a questo, vedere illustrazione. Mentre si applica le differenti marche di acqua nelle distinte parti del corpo, (metta dentro l'acqua il terzo dito della sua mano destra ogni volta che faccia una marca, devono cantarsi i corrispondenti mantras in Sanscrito. Di questa maniera possiamo prendere coscienza che realmente questo corpo ci fu dato per il Sig. e che per essere Egli il padrone, l'unico che pu proteggerci nel nostro servizio. Pi ancora, il corpo deve essere utilizzato nel servizio di Dio. Mentre si applica il Tilaka nel centro della fronte, uno deve cantare: Om Kesavaya Namah; dopo nello stomaco, sopra all'ombelico: Om Narayanaya Namah; dopo si applica il Tilaka nel suo petto dicendo: Om Madhavaya Namah; il quarto passo applicare il Tilaka nella sua gola dicendo: Om Govindaya Namah; il quinto posto di applicare il Tilaka il lato destro dell'addome dicendo: Om Visnave Namah; il sesto passo quello di applicare il Tilaka nel braccio destro, col terzo dito della mano sinistra ovviamente, dicendo: Om Madhusudanaya Namah; dopo sale alla spalla destra ed applicando il Tilaka si dice: Om Trivikramanaya Namah; dopo l'ottavo passo applicare il Tilaka nel lato sinistro dell'addome dove dice: Om Vamanaya Namah; e dopo nel braccio sinistro dove dice: Om Sridharaya Namah; dopo deve passare alla spalla sinistra dicendo: Om Hrsikesaya Namah; dopo nella parte superiore della schiena, vicino alla nuca, e dice: Om Padmanabaya Namah; e per la parte inferiore della schiena si canta: Om Damodaraya Namah; finalmente si lavano le mani e passano per la parte superiore della testa nella regione del brahma-randhra, il piccolo vuoto reddito nella testa, per il quale gli yogis pu abbandonare il corpo al momento della morte, e si canta: Om Vasudevaya Namah. Questi differenti nomi indicano differenti espansioni del Supremo Visnu, e cantandoloro uno invoca auspiciosa spiritualit e si protegge anche il corpo da qualunque danno materiale. Come quello Sig. situato nel cuore di ognuno, il corpo in realt il Suo tempio. Segnandolo con Tilaka si sveglia la coscienza che gli elementi materiali che compongono il corpo sono proporzionati per Dio; che il corpo l'alberga, e che il corpo ha vita perch il Sig. gliela ha data, e questa vita pu essere ritirata in qualunque momento per Lui. Pertanto, ci corrisponde dedicare per esempio questo corpo ad attivit che compiacciano a Dio, al Suo servizio. Precisamente per queste ragioni gli Yogis di tutto il mondo realizza questa meditazione Tilaka. Occupandosi completamente nella pratica dello Yoga che consiste nelle attivit devozionali, e nello studio personale e meditazione, lo yogi si libera a poco a poco dell'invidia ed altre qualit negative. La sua coscienza trasformata si manifesta anche nelle sue relazioni interpersonali, perch tratter gli altri con compassione ed apprezzer in realt le sue buone qualit. Di questa maniera, lo yogi dimostra un comportamento ideale verso le altre persone ed a cambiamento sar apprezzato per le sue qualit signorili. Abbiamo menzionato l'invidia come una delle principali qualit negative, perch la nostra invidia del Sig. Supremo quello che ci ha attratti a questo mondo materiale. Originalmente eravamo occupati in un servizio amoroso sigaro al Supremo, e questo amore puro sta ancora presente nei nostri cuori, ma dovuto al nostro desiderio di godere indipendentemente del Sig., il nostro amore originale rimane coperto e rimpiazzato per sentimenti di invidia per il Supremo e per altre entit viventi. Non c' senso in invidiare o criticare superfluamente ad altre entit viventi. In realt, questo il primo sintomo della vita condizionata, ed in reciprocit, l'avanzamento nella vita spirituale significa che uno ha superato il desiderio di criticare ad altri. A questo rispetto, c' una storia molto illustrativa: Una volta un brahmana che seguiva molto strettamente i precetti religiosi, cred all'improvviso che si fosse trasformato in una persona molto avanzata. Nel suo vicinato viveva una prostituta che soddisfaceva molti uomini tutti i giorni e non stava per niente interessata nella vita spirituale. Il Brahmana si disturb molto per la classe di vita che portava questa prostituta e tent di fare che prendesse coscienza di quella vita tanto peccaminosa. Allora, ogni volta che veniva un uomo a visitarla, il brahmana metteva di fronte una pietra della sua casa, cos attraverso il tempo, si incominci a formare una gran pila di pietre davanti alla casa della prostituta, ed il brahmana, a sua volta, era invecchiato. Quando arriv il momento di morire, succed qualcosa di molto interessante: il brahmana nonostante c'essere seguiti principi religiosi molto stretti, stava pensando sempre agli uomini che visitavano la prostituta, e tent di mostrargli la sua collera mettendo quella gran pila di pietre davanti alla sua porta per mostrargli la sua posizione caduta. Era tanto assorto in questo tema che nel momento di morire stava pensando solo alla prostituta, e cos dovette nascere quasi di nuovo in una situazione infernale come se avesse vissuto la vita della prostituta. Mentre quando arriv il momento della morte dalla prostituta, ella stava pensando a tutte le pietre che c'era davanti alla sua porta, e cominci a riflettere": Oh che caduto sono" ho perso deplorevolmente tutta la mia vita. Che cosa posso fare? Come potr riuscire che il Sig. Supremo mi perdoni per la vita degradata che ho portato? Che cosa far?" Di questa maniera la prostituta cominci a lamentarsi sinceramente per la vita che aveva portato e si pent davanti al Sig., e pertanto ella fu assolta dei suoi peccati e ricev l'opportunit di prendere nascita in una famiglia molto spirituale e religiosa ed alla fine ritorn a Dio. Questa storia ci mostra che il Sig. si sente compiaciuto con un atteggiamento umile e pentito, e non per una posizione di" me sono pi avanzato e santo che tu", o per alcuni principi pseudo-religiosi. Il servizio pi elevato di uno pu realizzare ispirare gli altri affinch avanzino nella vita spirituale. Se uno non ha comprensione spirituale, ma desidera istruire ad altri circa i principi religiosi per ottenere reputazione di un uomo molto sacro, le sue istruzioni saranno di dubbioso valore ed il suo proprio avanzamento sar fermato. Non esistono formule per ricevere la grazia del Suprema. A Lui lo conquistiamo solo con la devozione amorosa pura. Tuttavia, finch siamo basso l'influenza dell'identificazione corporale, non potremo riuscire la purezza necessaria per vedere al Sig. faccia a faccia. In conseguenza, questa meditazione Tilaka c'aiuter a superare l'identificazione con le pene ed i piaceri del corpo, ricordandoci chi il proprietario ultimo del corpo ed a che tipo di attivit dobbiamo dedicarlo. Meditazione Del TILAKA (Illustrazione) SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA.

POSTI SACRI - I Nella quarta sezione delle seguenti due lezioni, lo porteremo con noi ad un viaggio per l'India. La cultura Vedica viene dall'India e una cultura viva. Noi orgullece contarloro che abbiamo le nostre proprie agevolazioni nei principali posti sacri dell'India. In questi due capitoli conteremo loro circa i posti sacri, il suo significato e storia. Speriamo che nel futuro lei possa andare personalmente, come uno dei nostri studenti, visitare i nostri centri ed approfittare dell'opportunit per fare studi pi profondi che aumentino la sua realizzazione spirituale. La prima fermata Bombay. A Bombay abbiamo costruito un enorme centro progettato in maniera specifica per sistemare ed istruire gli occidentali culturale e spiritualmente circa le scienze Vediche. Questa la sede dell'Istituto Bhaktivedanta dove si studiano ed analizzano le differenti scienze Vediche, e si preparano varie pubblicazioni per i membri dell'Istituto attorno al mondo. L'enorme tempio di marmo di Juhu Beach, la terra di Far Krishna, Juhu 400 054, fu costruito sotto la guida personale del fondatore della Societ Internazionale per la Coscienza di Krishna, la Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada. Egli vide il suo sonno di stabilire una casa internazionale di ospiti ed un tempio, convertito in realt in 1.976. Oggi troviamo un ampio e bello tempio di marmo e due case di ospiti di sette piani, con tutte le comodit che possiamo desiderare in nostra prima fermata in India. Bombay una gran citt cosmopolita e sicuramente non un posto tranquillo. Tuttavia, nel tempio di Radha Rasabihari potremo trovare sufficiente pace e tranquillit per acquisire armonia interna con lo studio delle scritture rivelate. La seguente fermata durante la nostra visita ai posti sacri dell'India Delhi. Arrivando da Delhi, dobbiamo prendere un treno fino alla stazione Mathura. Sono pi o meno 75 chilometri. Di l possiamo prendere un taxi o un autobus fino a Vrndavana, la terra di Krishna che sta solo a 10 miglia di Mathura. Durante il tragitto a Vrndavana, vedremo tempii e santuari costruiti per devoti, in memoria dei passatempi di Krishna Che apparve 5.000 anni fa in questo stesso posto. Per migliaia di anni le scritture Vediche hanno glorificato la terra sacra di Vrndavana. Allo stesso modo in che Krishna apparve trascendentalmente in questo mondo, la Sua dimora appare anche con questa stessa natura trascendentale. Bench sembri essere situata in India, ha tutte le qualit trascendentali del mondo spirituale: eternit, prosperit e conoscenza. Krishna, nella Sua povert senza causa, discende da tempo in tempo per liberare alle anime cadute di questo mondo e portarli di ritorno alla Sua dimora, oltre la nascita e la morte. Il Krishna del Bhagavad-gita, il quale abbiamo studiato in questo corso, ed il Krishna di Vrndavana sono un e la stessa persona. Non l'immaginazione di un autore, bens la realt vera, la Persona Suprema, Chi apparve per ristabilire la vita spirituale, dando le istruzioni necessarie a tutta la gente di questo mondo attraverso le Sue parole personali parlate ad Arjuna. Anche i passatempi di Krishna sono stati descritti in quella letteratura bella e famosa che lo Srimad Bhagavatam, o la" Bella Istoria della Personalit di Dio." In 18.000 versi, lo Srimad Bhagavatam spiega le potenze specifiche del Sig. Supremo che culmina nel Decimo Canto, il quale descrive i passatempi pi intimi manifestati per il Sig. Krishna in Vrndavana. Nella Sua giovent, Krishna non abbandon mai l'estesa area di Vrndavana, e si capisce che Egli presente l eternamente. In Vrndavana esistono 12" boschi" principali e 121 secondari, in realt non significa che siano posti di densa vegetazione. Vrajanath, il bisnipote di Krishna, con l'aiuto di Maharaja Pariksit e sua madre Uttara, stabil 160 posti dove Krishna realizz i Suoi passatempi, e le Divinit di Radha Madan Mohan, Radha Govinda, Radha Gopinath, i Divinit reggenti di Doji, Adideva, Kesava, Govinda e le Divinit protettive di Bhutesvara, Chaklesvara, Nandisvara, Kamesvara e Gopesvara. Vrndavana anche il posto di molti passatempi eccellenti relazionati col Sig. Brahma il creatore, il Sig. Indra, Siva, Narada Maneggiai, e molti altri. Per aiutarci nella nostra visita a Vrndavana, il Krishna Balarama Mandir nel Bhaktivedanta Swami Marga, sar compiaciuto di proporzionarci una guida speciale chiamato" Cintamani-Dhama, una guida di Vrndavana" con la quale potremo localizzare e visitare tutti i posti dei passatempi di Krishna. Anche il Krishna Balarama Mandir ha una scuola per Studi Avanzati di Yoga, e l troveremo alloggio e guida. La gradevole casa di ospiti ed il tempio, furono costruiti per Srila Prabhupada con l'unico proposito di aiutare gli Occidentali affinch si assorbano nella modalit del Bhakti-yoga, la modalit della coscienza di Krishna. Egli stesso pass i suoi ultimi giorni in Vrndavana, ed il Samadhi, sepoltura, del fondatore del movimento mondiale di Bhakti-yoga si trova l. Caitanya Mahaprabhu visit Vrndavana 500 anni fa, viaggiando attorno a tutta l'area e scoprendo molti posti di pellegrinaggio. Precisamente fu basso i Suoi ordini che i sei Gosvamis, i Suoi discepoli intimi, rimasero l per costruire tempii e stabilire i differenti posti dei passatempi di Krishna. Dobbiamo assicurarci di visitare i principali tempii del centro della citt. Esistono anche altri posti speciali come Radha-Kunda, Syama-Kunda, Govardhan ed alcuni pi che sono situati nella periferia di Vrndavana. IL RADHA-KUNDA: IL POSTO PI SACRO IN VRINDAVANA, INDIANA. (Foto) TEMPIO IN ELLORA, INDIANA, SCOLPITO IN UNA SOLA PIETRA. L'UNICO IN IL MONDO. (Foto) RADHA-GOVINDA: LE DIVINIT ORIGINALI DI SRILA RUPA GOSWAMI. (Foto). Le storie circa Krishna sono tanto belle perch dimostrano la relazione trascendentale amorosa tra il Sig. Supremo ed i Suoi soci o devoti eterni. Ci sono innumerabili di queste storie e possono essere comprese sotto la guida di un devoto esperto che comprenda la modalit di questo posto sacro, cio che capisca il servizio eterno a Krishna. eccitante vedere che in Vrndavana praticamente ciascuna casa un tempio, e pertanto, ci sono 5.000 tempii nella citt. Nel momento delle cerimonie chiamato aratikas che si realizzano nei tempii, potremo sentire campane suonando dappertutto, e la gente correndo di qui per l, per assistere ai programmi dei differenti tempii, e cantare i Sacri Nomi e ballare nell'estasi della vita spirituale. Di tutti i posti sacri del mondo, Vrndavana il pi esaltato per che la Suprema Personalit di Dio Stesso apparve in questi paraggi. Di questa maniera abbiamo visitato i posti speciali dei passatempi di Krishna in Vrndavana. Quando lasciamo Vrndavana, potremo fermare in Mathura e visitare il posto dove Krishna nacque ed oltre ad altri tempii importanti. Abbiamo visitato con lei nostri primi posti sacri dell'India. Nella prossima lezione andremo a Bengal e Sridam Mayapur, dove continuarono i passatempi di Krishna 4.500 anni dopo la sua apparizione in Vrndavana.

SEZIONE 5 Principali Filosofie Di L'AUTORREALIZACIN IL VEDANTA SUTRA. Il Vedanta Sutra consta di codici che rivelano il metodo di intendimento della conoscenza Vedica e la forma pi concisa di questa conoscenza. Di accordo col Vayu e Skanda Puranas" un sutra un codice che esprime l'essenza di ogni conoscenza in un minimo di parole. Questo deve essere applicabile universalmente e senza mancanze nella sua presentazione linguistica." Gli erudito conoscono il Vedanta Sutra per una variet di nomi, includendo (1) Brahma Sutra, (2, Sariraka, (3, Vyasa Sutra, (4, Badarayana Sutra, (5, Uttara-Mimamsa e, 6, Vedanta-Darsana. Ci sono quattro capitoli (Adhyayas, nel Vedanta Sutra e quattro divisioni) padas, in ogni capitolo. Cosicch, il Vedanta Sutra conosciuto come Sodasa-Pada perch questo contiene sei divisioni di codici. Il tema di ogni divisione completamente descritto in termini di cinque differenti materie esposte, adhika rane, le quali sono chiamate tecnicamente pratija, hetu, udajarana, upanaya e niga sgorga. Ogni tema deve essere spiegato necessariamente con riferimento al Pratija o una dichiarazione solenne del proposito del trattato. Al principio del Vedanta-Sutra, c' una dichiarazione solenne del proposito, athato brahma-jijasa": Ora il momento per inquisire circa la Verit Assoluta." Le ragioni (hetu) devono essere espresse, gli esempi (udaharana) devono essere dati in termini di vari fattori, il tema (upanaya) deve essere portato gradualmente pi vicino per capirlo, e finalmente questo deve essere appoggiato per appuntamenti autorizzati, nigamana, dei Costumisti Vedici. Di accordo al gran Lessicografo Hemacandra, anche conoscente come Kosakara, il Vedanta trattiene il significato dagli Upanisads che sono per se stessi parti delle porzioni del Brahmana delle Proibizioni. Come il Professore Apte descrive nel suo dizionario, la parte del Brahmana provvede le regole per l'impiego degli inni dei differenti sacrifici e d spiegazioni dettagliate dell'origine degli inni. , D'altra parte, la parte del mantra contiene gli inni. Cos, Hemacandra disse che il Vedanta Sutra forma il supplemento delle Proibizioni. Come la parola" Proibisce" significa" conoscenza" e" alce" significa" il fine" il Vedanta proporziona comprensione appropriata dell'ultimo proposito delle Proibizioni. Possiamo notare di nuovo che gli Upanisads, i quali sono in se stessi parti della porzione Brahmana delle Proibizioni, appoggiano la conoscenza data nei Codici del Vedanta-Sutra. Le Storie (Itihasas) Le storie o Itihasas sono letterature Vediche supplementari; esse includono il Mahabharata ed i Puranas. Come i rituali Vedici sono difficili da capire ed il Vedanta Sutra abbreviato ed altamente filosofico, le storie offrono conoscenza Vedica nella forma di storie ed incidenti storici. Il Chandogya Upanisad si riferisce al Mahabharata ed i Puranas come la Quinta Proibizione. Gli acharyas Vedici considera le storie dei Puranas come reali, non solo di questo pianeta, bens di molti altri dentro l'universo. Indubbiamente, alcuni dei dati storici presi di altri pianeti non vanno di accordo con la vita in questo, per esempio, i lasso di vita favolosamente lunghi, o l'abilit di volare senza aiuto meccanica. Ma non c' ragione per considerare i Puranas come addizioni posteriori. Quello che non possa essere comprensibile non necessariamente inautntico. Impeci scrive": I Puranas stava descrivendo il suo intendimento dell'universo, dove la cosa soprannaturale era comune e le nascite miracolose erano ordinarie." I seguaci dei Puranas sostengono che considerando le situazioni dei differenti pianeti e le differenze in tempo e circostanze, uno non deve trovare le Puranas difficili da capire. In altre parole," tempo che gli erudito abbandonino i suoi pregiudizi e diano ai Puranas il suo dovuto luogo come una fonte della storia antica dell'India." Difensori dei Puranas sostengono che il gran saggio Sri Vyasadeva ed i grandi acharyas (maestri) tali come Sukadeva, Suta, Maitreya, e pi recentemente, Ramanuja e Madhva, accettarono i Puranas come letteratura Vedica autenticazione. I Puranas tratta principalmente delle attivit sovraumane di Bhagavan e le Sue differenti incarnazioni in differenti ere. Narrano anche le attivit dei saggi e devoti di Bhagavan. Ancora quando non c' un curriculum cronologico stretto per queste storie, gli acharyas Vedici non li considera immaginarie. Gli storiografi moderni cercano in vani una chiave per il suo intendimento, ed infine, gi frustrati, offrono finalmente teorie circa le sue raccolte. Il Mahabharata, la storia del" Gran Regno di Bharatavarsa", descrive la storia dell'antico impero del mondo. Abbracciando circa 100.000 versi, il Mahabharata il poema pi allungo nel mondo della letteratura, e la tradizione Vedica conferma che questo fu il lavoro di Vyasadeva. Questa epopea racconta come i Pi Pandavas abbatte alla demoniaca dinastia dei Kurus. I Kurus strapp disonestamente ai fratelli Pandavas il suo diritto al trono, li esiliarono nel bosco ed al suo ritorno negarono loro la sua terra. Il lavoro si incentra negli eventi della battaglia di 18 giorni tra i figli di Kuru ed i suoi cugini, i figli di Pandu. A volte chiamato la" Proibizione Krishna", il Mahabharata d importanza a Bhagavan Krishna, specialmente nella sua sezione principale, il Bhagavad-gita. C' 18 Puranas principali: sei composti per gente nella modalit dell'ignoranza, sei per quelli nella modalit della passione e sei per quelli nella modalit della bont. Di tutti i Puranas, il Bhagavata Purana in primo luogo l'e il pi conosciuto e letto in tutto il mondo. Il Bhagavata Purana, anche Srimad Bhagavatam, considerato come il commento pi diretto del Vedanta-Sutra, poich Vyasadeva l'autore di ambedue. Come tema principale, il Bhagavatam descrive a Bhagavan Krishna ed i suoi soci e devoti. Anche gli altri Puranas descrive i differenti metodi per i quali uno pu adorare i Semidei, ma il Bhagavatam tratta solamente del Bhagavan Supremo. La retro iniziale, janmady asya yatah, corrisponde al primo verso del Vedanta Sutra ed indica che Vyasadeva sta scrivendo direttamente circa la Verit Assoluta, la fonte di tutte le emanazioni. Come questo si incentra nell'adorazione della Suprema Personalit di Dio, Bhagavan Sri Krishna, si pu dire che lo Srimad Bhagavatam trascende le sezioni del Karma-Kanda delle Proibizioni che trattano di sacrifici per guadagni materiali, le sezioni del Jana-Kanda che trattano inquietudini filosofiche, e le sezioni dell'Upadana-Kanda che trattano dell'adorazione dei Semidei. Lo Srimad Bhagavatam (1.2.6) descrive il sentiero pi elevato di questa maniera": La suprema occupazione, dharma, per tutta l'umanit, quello mediante la quale gli uomini possono arrivare a prestare servizio amoroso e trascendentale al Sig.. Affinch detto servizio devozionale soddisfaccia all'io completamente, deve essere libero di motivazioni ed essere ininterrotto."

A volte il sentiero del Bhakti indicato in questo verso oggetto di critici perch sembra essere destinato a quelli quale non possono dedicarsi ad una filosofia pi elevata. Ma di accordo con lo stesso Bhagavatam (1.2.12), il bhakti vero deve basarsi sulla comprensione di tutta la letteratura Vedica. In altre parole, il bhakti deve svilupparsi in compimento dalla filosofia Vedanta": Il saggio o studente sincero ed inquisitivo, ben equipaggiato con conoscenza e disinteresse, arriva a comprendere quella Verit Assoluta per prestare servizio devozionale in termini di quello che ha imparato nel Vedanta-Sutri." Come George Hart scrive": Il Bhagavata Purana sta tra i migliori lavori di devozione che si sono iscritti, essendo simile, nella mia opinione, solamente per altri lavori in lingua Ind." Tuttavia, uno deve capire lo Srimad-Bhagavatam alla luce della filosofia Vedanta. Il Vedanta-Sutra spiega la Verit Assoluta attraverso una logica ed argomento sullo stessi. Generalmente, i recitanti professionali dello Srimad-Bhagavatam trattano della sezione del Liscio-lilla che descrive la famosa danza di Krishna con le donzelle di Vrndavana. Questa sezione, (Canto 10, Capitoli 29 a 35, presa fuori del contesto diventa realmente un ostacolo per il nostro intendimento di Bhagavan Krishna ed il Siddhanta Vedico. Lo Srimad-Bhagavatam comincia dove il Bhagavad-gita finisce. Il Bhagavad-gita afferma che se uno sa circa le apparizioni ed attivit trascendentali di Bhagavan Krishna, pu liberarsi del ciclo di nascita e morte. Lo Srimad Bhagavatam comincia col riconoscimento di Bhagavan Krishna come la causa di tutte le cause; dopo continua narrando i passatempi di Krishna dalla Sua apparizione fino alla Sua sparizione. Cos, lo Srimad-Bhagavatam chiamato lo studio di post-grado del Bhagavad-gita. Lo Srimad-Bhagavatam si incentra in Bhagavan Krishna come nella conclusione Vedica. Come solamente Bhagavan Krishna esibisce i tratti completi di Dio, gli confermato come la fonte di tutte le incarnazioni, compresa l'espansione di Visnu. ete camsa-kalah pumsah krsnas il tuo bhagavan svayam: Bhagavan Krishna il summum bonum. Questo il tema predominante del Bhagavatam. SEZIONE 6 LO YOGI E LA SUA RELAZIONE CON IL MONDO. LO YOGI E LA MORTE. "Un uomo nasce solo e muore solo; egli sperimenta suolo le conseguenze di suoi buone o cattive azioni; e va solo all'inferno o il cielo." Canakya Pandit Bench gli scienziati moderni tentino di controllare la morte inevitabile attraverso la sperimentazione con droghe ed investigando in laboratori da dove proviene la vita, bench si costruiscano migliaia e migliaia di ospedali per controllare le malattie, bench si sviluppino costantemente nuovo formule gerentolgicas e metodi di chirurgia plastica, dobbiamo ammettere che ancora il tasso di mortalit del cento percento. Bench la societ moderna abbia sviluppato con successo nuove forme di arte, scienza, e mezzi di scambio culturale e di espressione, ancora dobbiamo trovare la soluzione al fattore terrificante ed invincibile della morte. In realt, ci siamo trasformati in esperti scoprendo nuove forme per accelerare la morte inevitabile. Gli scienziati riconoscono che qualcosa mancanza nel corpo morto che era presente nel vivo. Solo un momento prima, il corpo si muoveva, parlavo, pensavo! vivevo! Se essi potessero isolare quell'elemento ed iniettarlo nel corpo morto, la vita potrebbe prolungarsi indefinitamente. Ma tutti i suoi tentativi per arrivare a quello punto sono vani, perch come il Bhagavad-gita afferma": quell'elemento immateriale e, pertanto, non pu percepirsi con strumenti umani." Come Yogis possiamo comprendere perfettamente che una volta che l'atma, l'elemento spirituale, abbandona il corpo, non esiste la pi remota possibilit di restituirgli la vita. In altre parole, il momento della morte non nient'altro che l'uscita dell'anima di un corpo inutile. Come ci togliamo paramenti vecchi e ci mettiamo vestiti nuovi, allo stesso modo al momento della morte usciamo da un corpo inutile che stato usato fino al massimo, ed entriamo in uno nuovo, come un corpo giovane cambia ad un corpo adulto ed eventualmente ad un corpo anziano. Tuttavia, l'io interno rimane essendo lo stesso. Questo prova la capacit dell'anima per accettare corpi differenti. Allo stesso modo, al momento della morte l'anima entra in un altro corpo, condizionato per il Karma delle sue attivit e desideri anteriori. L'esperienza della morte la pi drammatica che dobbiamo soffrire, perch soffrire morte e nascita contraria alla nostra natura costituzionale. Pi ancora, in realt apparteniamo al mondo immortale, spirituale, libero delle angosce della nascita e la morte, la vecchiaia e la malattia. Pertanto, non bisogna meravigliarsi per il nostro desiderio intenso di liberarci della morte. Ma, finch tentiamo di farlo con un atteggiamento provocatorio, sfidando le insuperabili leggi della natura, quelli tentativi ci porteranno solo al fallimento. Il metodo scientifico per conquistare la morte dato nel Bhagavad-gita, dove Krishna dice che lo stato della mente nel momento di morire determina il corpo nuovo che uno riceve. E dopo dice che chi voglia che sia capace di pensare a Lui al momento della morte, mediante la perfezione dello Yoga, pu raggiungerlo immediatamente nel mondo spirituale. Per quel motivo lo Yogi non teme alla morte, perch durante tutta la sua vita si preparato per la morte, considerando che questa pu venire in qualunque momento. Se uno muore affezionato a cose materiali, soggetto a ricevere un'altra volta un corpo materiale affinch cos continui soddisfacendo i suoi desideri materiali. Ma se al contrario, egli glieli sistema per purificare la sua mente, specificamente col canto del mantra Far Krishna, e ha coscienza spirituale al momento di morire, egli sar protetto per l'energia divina e, in conseguenza, liberato degli artigli materiali. C' una storia affascinante nello Srimad-Bhagavatam che illustra l'importanza di quello momento decisivo che la morte: C'era una volta un giovane chiamato Ajamila chi era stato allenato nel principio del servizio devozionale o Yoga, durante tutta la sua vita. Ajamila andava giornalmente al bosco ad ottenere fiori e frutte per il tempio. Un giorno, Ajamila vide ad un uomo di classe bassa abbracciando una domestica. Bench tentasse di cancellare quella scena della sua mente, non fu capace, e risolse che di una forma o un'altra tenterebbe di trovarsi con la donna nella prima opportunit. In primo luogo, la port a casa sua come domestica. Il suo attaccamento aument con la sua associazione ed abbandon molto pronto a sua casta moglie e la sua famiglia per dedicarsi a guadagnare denaro per compiacerla, quello che non era facile. Pertanto, Ajamila realizz ogni tipo di attivit peccaminose per aumentare i suoi guadagni. Cos abbandon il suo allenamento di Yoga e si degrad al livello di un mondano chiunque, attaccato completamente ai piaceri mondani. Nel corso della sua vita non si preoccup per quello che era corretto o scorretto ed ebbe molti figli. Nonostante la sua posizione miserabile ebbe un bambino pi che molto pronto si trasform in suo preferito. Per fortuna, lo chiam" Narayana" che un nome

Sanscrito del Sig. Supremo e che significa" il posto di cappotto e riposo di tutte le entit viventi." Pertanto, stava tutto il giorno pronunciando inavvertitamente un nome del Sig., bench egli pensasse solo a suo figlio viziato, Narayana. Arriv il momento della morte. Giacendo nel suo letto, vide tre creature orribili, i messaggeri della morte che venivano a trascinarlo alla corte di Yamaraja, dove gli uomini peccatore sono giudicati di accordo con le sue attivit e si decide che cosa punizione e nascita seguenti avranno. Nella sua ansiet, Ajamila cominci a chiamare suo figlio:! Narayana! Narayana!, e stava per essere strappato del suo corpo, quando all'improvviso apparvero quattro persone magnifichi ed efulgentes, i messaggeri del Sig. Visnu, e fermarono i messaggeri della morte. Questi obiettarono l'interferenza, citando codici religiosi e ripetendo dettagli della vita peccaminosa di Ajamila. Ma i messaggeri del Sig. Visnu, pi poderosi dello stesso Sig. della morte, Yamaraja, insisterono": Egli cant il nome del Sig. nel momento della sua morte, pertanto rimane assolto di tutti i suoi delitti." "Ma, - dissero i messaggeri della morte - egli non stava richiamando al Sig. Narayana. Stava pensando a suo figlio chi si chiama cos" per coincidenza. I messaggeri del Sig. risposero": non importa, il nome del Sig. assoluto." Dopo, i due gruppi di messaggeri sparirono, ed Ajamila che era stato cosciente di tutto quello successo, recuper i suoi sensi e si rese immediatamente conto dei suoi delitti, e delle punizioni che l'aspettavano, ed anche della povert del Sig. Supremo esimendolo dal suo destino. Quindi, con una determinazione rinnovata, si dedic al servizio devozionale del Sig. in un posto sacro, reddito sulle rive del Gange e si perfezion a poco a poco per mezzo dei processi Ygicos. Allora i quattro messaggeri del Sig. che l'avevano salvato, a lui si avvicinarono di nuovo. Quando Ajamila li riconobbe, immediatamente offr loro i suoi rispetti e riverenze. Non appena li vide, abbandon il suo corpo materiale nel bordo del Fiume Sacro ed assunse immediatamente la sua forma originale spirituale che l'appropriata per associarsi col Sig.. Ajamila sal ad un aeroplano dorato e fu direttamente al regno del Sig., al mondo spirituale. Questa narrazione non fatta per incoraggiare allo Yogi a che si dedichi alle attivit peccaminose durante la sua vita, ma illustra la potenza di cantare il nome del Sig., e la protezione che pu ottenere lo yogi sincero nel momento della morte. La morte, allora, si trasforma in un'esperienza liberadora invece di qualcosa di terrificante. Un gran poeta Vaisnava scrisse: "Male ragionano quelli che dicono che i Vaisnavas muore, quando continuano vivendo nel suono. I Vaisnavas muore per vivere, e vivono per propagare il Santo Nome." C' un altro esempio che mostra la differenza tra quello che significa la morte per un Yogi e per un materialista. Il gatto acchiappa un topo e lo porta nei suoi denti, pertanto, per il topo la bocca del gatto la morte personificata. Allo stesso modo, il gatto porta ai suoi gattini nella bocca di un posto ad un altro, ed essi si sentono molto sicuri afferrati per quelli denti. Analogamente, la morte cattura il materialista senza coscienza, e lo spezza senza povert gli attaccamenti ottenuti. Pertanto, per i materialisti la morte il suo peggiore nemico. D'altra parte, allo Yogi gli arriva anche la morte, ma egli la vedi come se fossero le mani del Sig. che venissero per lui per portarlo a svolgere il suo seguente servizio, dovunque il Sig. lo porti. Egli non affezionato n a quello che lo circonda, n alle sue posizioni, molto meno al suo corpo fisico, perch egli sa che la sua identit vera essere anima spirituale eterna, domestico del Supremo. Cosicch la morte un tema insignificante per lo Yogi ed in ultima istanza, un'opportunit per aumentare il suo servizio al Supremo. In conseguenza, il sentiero dello Yoga ci permette di superare la gran paura, della morte, ed eseguire compiutamente i nostri doveri in questo mondo, raggiungendo la dimora suprema in questa vita presente. SEZIONE 7 LO YOGA E LA SALUTE. DIETA PER UN PIANETA SPIRITUALE. Seconda Parte. Molta gente vegetariana per ragioni etiche, pensando che non del tutto possibile perdonare come" dominio dell'uomo" l'assassinio di quattro miliardi di animali ogni anno. Alcuni altri non dubitano di prendere vegetarianismo se essi visitano un mattatoio o se loro stessi devono ammazzare gli animali che dopo si mangiano. Eufemismi tali come" sirloin"," petto" o" costoletta" non nasconderanno per pi tempo l'orrore della macelleria di vacche, ed i compratori non staranno pi di accordo in collocare nelle sue bocche pezzi di corpi di vacche. Queste visite sono repulsive per tutte le sale da pranzo di carne. Alcuni penseranno": Allora che cosa? Chi mi punisce? Il governo non arresta nessuno per ammazzare vacche." Ma essi si sbagliano: Karma Istantaneo, Sprechi Insani. Si provato scientificamente che la dieta nordamericana ricca in carne la causa di molte malattie. Alcuni esempi: Alcuni investigatori hanno trovato che la carne fritta produce cancerogeni, agenti causanti del cancro. Il latte di petto delle donne novegetariane trattiene dieci volte pi pesticidi che quella dalle vegetariane. Molti nordamericani, quelli che sono pi ricchi, mangiano specialmente quasi due volte pi delle proteine che necessitano, e questo tende quasi sempre a collocare il calcio fosse delle ossa ed ad ubicarlo nel torrente sanguineo. Questo processo pu produrre la perdita di forza delle ossa e la sua debilitazione attorno ai quaranta anni. Evidenze che vincolano la dieta nordamericana col cancro ed altre malattie, hanno fatto che il Senato degli Stati Uniti chieda un aumento nel consumo degli alimenti vegetariani nella dieta nazionale. Sodio, nitrato, ormoni ed antibiotici, dadi ad animali in grandi quantit per ingrassarli e tranquillizzarli, sono passati al consumatore e molti investigatori pensano che sono la causa primordiale di malattie. Ovviamente, tutti questi fattori non sono la causa originale delle malattie, ma sono loro stessi manifestazioni di cause sottili, come violazioni delle leggi della natura. Gli esseri umani sono fatti per mangiare alimenti vegetariani, ma quando i suoi appetiti incontrollabili li portano a mangiare carne devono soffrire del Karma, il quale condiviso per tutti quelli che partecipano alla macelleria: dagli allevatori ai macellai, i compratori, i cuochi ed i consumatori. Questa la vera connessione tra la dieta e la malattia": Karma istantaneo." Si manifesta immediatamente, come nel caso del botulismo, un avvelenamento mortale, o pi tardi, come nel caso della debilitazione delle ossa; pu manifestarsi individualmente, come nel caso infernale di un cancro, o collettivamente, come nella macelleria massiccia della peste bubbonica. Ma non c' in qualsiasi caso fuga alle reazioni del karma. Mietiamo quello che seminiamo in questa vita o nella prossima, perch la natura ha la sua giustizia al di sopra di qualunque stato.

Il Bhagavad-gita rivela come il vegetarianismo stretto, quando si integra col Bhakti-yoga, pu resistere il karma. I devoti sono liberati delle reazioni del karma perch essi primo offrono tutti i suoi alimenti al Sig., mentre altri chi preparano unicamente i suoi alimenti per la gratificazione personale dei suoi sensi, mangiano solo peccato." , Bg. 3.13, in altre parole, chiunque che offre i suoi alimenti di accordo coi principi del Bhakti-yoga, si converte trascendentale a tutte le reazioni del Karma, mentre quello che respinge fare questo incorre in un cattivo karma. Pi ancora, quando si agisce senza karma pu unire la sua coscienza a quella di Dio ed arrivare a conoscere la Sua presenza personale ad ogni passo. Questo il vero beneficio del prasada (cibo offerto). Economicamente, la dieta no-vegetariana ha prodotto una tragedia. Da 1.950 fino a 1.970, la produzione di grani negli Stati Uniti aument in un 50 percento. Ma, come fu distribuito quello grano? Realmente, all'allevamento gli dato il 85 percento del mais commestibile, orzo, drena, saggina e la soia che non si esport e che fu prodotta negli Stati Uniti. Inoltre, i Nordamericani danno quasi agli animali la met del grano che loro stessi mangiano. Una gran parte della terra degli Stati Uniti si usa attualmente per alzare bestiame, terra preziosa che potrebbe essere usata per coltivare grani. Molta gente di accordo con che sprecare il cibo un peccato. Tuttavia, tutto questo sforzo ed energia producono solamente vicino ad una libbra di proteina di carne per sedici libbre di grani; unicamente quello che si spreca, potrebbe coprire il 90 percento del deficit mondiale di proteine annuali. In America Centrale, dove il 70 percento dei bambini stanno affamati, il 50 percento della terra utilizzato per" coltivazioni effettive", coltivazioni tali come iris che crescono rapido, lasciano molti guadagni, ma sono di molto poco uso per la sopravvivenza umana. Mentre le multinazionali utilizzano le migliori terre per le sue" coltivazioni effettive", caff, t, tabacco, cibi esotici, la gente del paese forzata ad utilizzare le terre pendenti ed erose, nelle quali molto difficile coltivare. Fondo per lo sviluppo sono stati affezionati ad irrigare il deserto del Senegal affinch le compagnie multinazionali possano coltivare melanzane e manici, per portarli via aerea ai migliori ristoranti dell'Europa. In Haiti, una delle terre pi ricche del mondo, la maggioranza dei contadini completamente impoveriti lottano per sopravvivere tentando di coltivare alimenti nelle pendenze di fino a 45 delle montagne. Essi dicono che sono esiliati dalla sua nascita. Queste terre appartengono ora ad un'elite arricchita; il bestiame portato per firme americane per la sua bimba e dopo re-esportato a ristoranti di hamburger. Il risultato di questo sistema una produzione massiccia di carne. "Il grano dell'uomo povero convertito in sifone per alimentare la vacca dell'uomo ricco", dice il direttore di un gruppo di Consiglieri di Proteine delle Nazioni Unite. Man mano che la domanda per la carne aumenta, le nazioni ricche stanno comprando sempre di pi grani per alimentare i maiali ed il bestiame. Le provviste di grano una volta utilizzate per alimentare la gente, sono spacciate al migliore offerente ed innumerevoli esseri umani sono condannati all'inanizione. "Il ricco pu competere per il cibo dell'uomo povero, ma il povero non pu farlo" D'altra parte, per ogni libera di grano che una vacca mangia, produce una macchia di latte, una stanza di gallone, del quale si tira fuori formaggio, burro e yoghurt. Questi alimenti suppliscono tutti i nutriente essenziali per una dieta umana, quando sono combinati intelligentemente con grani, frutte e vegetali. Esistono per lo meno 40 classi di vegetali, nove classi di grani, venti classi di frutte, venti classi di fagioli e veccie e venti classi di noci disponibili nel mercato, oltre ai prodotti lattei. Quale allora, la necessit di tutta quella violenza e disubbidienza alle leggi pi elevate dell'umanit, della natura di Dio? CAMPI RELATIVI PER ACRO DI PROTEINA UTILE PROVENIENTE DI VARIE FONTI ALIMENTARI. (Grafico) Citeremo subito alcuni frasi di celebri personalit che furono vegetariani": Realmente l'uomo il Re delle bestie, perch la sua brutalit eccede quella di quelli. Noi viviamo della morte di altri. Siamo cimiteri! Da molto piccolo rinunci a mangiare carne, ed arriver il tempo quando gli uomini vedano l'assassinio di animali dello stesso modo in cui guardano ora l'assassinio di uomini." Leonardo D Vinci. Mentre siamo tombe viventi, come possiamo aspettare una condizione di vita ideale sulla terra"?. Leone Tolstoy. "Gli animali sono i miei amici... ed io non mi mangio ai miei amici. Questo tremendo, non suolo la sofferenza e la morte degli animali, bens l'uomo sopprimendo in lui stesso, superfluamente, la sua pi elevata capacit spirituale: quella della simpatia e piet verso le creature viventi, giustamente come a s stesso, e violando i suoi propri sentimenti si trasforma in un essere crudele." George Bernard Shaw. "La pace mondiale, o qualunque altra classe di pace, dipende nella sua maggiore parte dall'atteggiamento mentale. Il vegetarianismo pu darci l'atteggiamento mentale corretto per la pace... ci porta verso una migliore, pi giusta e pi pacifica comunit di nazioni." Unu, Primo Ministro di Burma. " il mio punto di vista che la forma vegetariana di vita, unicamente per il suo effetto fisico nel temperamento umano, sarebbe l'influenza pi vantaggiosa per l'umanit." Albert Einstein. ALCUNI VEGETARIANI FAMOSI Albert Einstein, Platone, Leone Tolstoy, Guidoslitta Dylan, Luisa May Alcorr, Susan St. James, Henry David Thoreau, Socrate, il Papa Alejandro, Ovidio, Sir Isaac Newton, H.G Wells, Pitgoras, Ralph Waldo Emerson, Benjamn Franklin, Richard Wagner, Candice Bergen, Mahatma Gandhi, Rabindranath Tagore, Horace Greely, Leonardo D Vinci, Clemente di Alessandria, Buddha, Dick Gregory, John Wesly, Voltaire, Jean Jacques Rousseau, John Milton, Chiacchiera Darwin, Generale William Booth, Plutarco, Paul Newman, Seneca, Albert Schweitzer, Percy Bysshe Shelley, Dr. J.H. Kellog, San Francisco, Clint Walker, Upton Sinclair, James Coburn, George Bernard Shaw, Dalai Lecchi. Cantiamo Far Krishna, a vivere come vegetariani stretti ed essere felici in questa vita e nella prossima! Vedremo ora una posizione di rotazione per la colonna: ARDHA-MATSYENDRASANA. Senti Lei con le gambe allungate, giunte ed in avanti. Pieghi la gamba destra mantenendola vicino alla sinistra e collocando il piede destro sotto la coscia sinistra, di tale maniera che il tallone tocchi il perineo. Ora raccogliendo la sua gamba sinistra verso il suo petto,

le faccia passare al di sopra della gamba destra ed appoggi la pianta del piede sinistro sul suolo, di fianco alla coscia destra. Di seguito, girando a sinistra un po' le spalle di destra, faccia passare il suo braccio destro per il viso esterno della gamba sinistra fino a che la sua mano destra prenda il piede sinistro. Applicando cos un movimento di rotazione alla colonna. Di seguito, faccia lo stesso esercizio girando verso l'altro lato. molto probabile che non ottenga farlo i primi giorni, non si scoraggi, ruoti il tronco fino a dove raggiunga ed in poco tempo sar riuscito il successo. ARDHA-MATSYENDRASANA (Illustrazione) BENEFICI: Corregge le deviazioni della colonna, benefica il sistema nervoso, il fegato, pancreas, milza, intestini e reni. Cura la lombaggine ed i reumatismi muscolari della schiena. Previene contro la dispepsia e la costipazione. Ed ora la nostra squisita ricetta vegetariana: KITRI Ingredienti: 1 tazza di Riso, 1 Tazza di dahl urad, o dahl mung o veccie partite, 1 Cucchiaiata di sale, 1 Cucchiaiata di colore, 2 Papriche punto, 1/2 Cavolfiore o cavolo cappuccio, 2 Tazze di fagioli, l Papa piccola, l/4 Tazza di burro, 5 Tazze di acqua, 2.5 cms di zenzero fresco, 1 Cucchiaiata di seme di anice, l/2 Cucchiaiata di asafetida, 2 Cucchiaiate di cumini macinati. Lavi completamente il riso ed il dahl. Li collochi in una pentola grande con coperchio ed annata l'acqua. Bolla. Aggiunga il sale e le spezie. Tagli il cavolfiore in fette grandi, o tagli il cavolo in pezzi grandi. Tagli la patata in pezzi di 4 cms; rimuova le fibre dei fagioli e li parta in pezzi di 5 cms. Aggiunga immediatamente le verdure o dopo che il Kitri si sia lasciato bollire a fuoco mezzo, coperto, per mezz'ora, affinch le verdure siano pi tenere. Rimescoli un o due volte, ma non molto frequentemente. Rimescolando troppo, il Kitri rimane molto spesso. Cucini a fuoco mezzo fino a che stia ben lesso e le verdure siano molto tenere. Aggiunga il burro e rimescoli leggermente. Offra a Krishna. Buono caro studente, vogliamo ricordargli che se non ha inviato il suo esame debitamente sbrigato, lo faccia con la maggiore brevit possibile. Siamo molto interessati in sapere quanto ha avanzato nel sentiero dello Yoga. Fino alla prossima! Questa Colonna Fu CONSTRUDA Per HELIODORUS, L'Ambasciatore Della Grecia In L'Indiana, In L'Anno 113 Prima di Cristo, In La Citt Di BESNAGAR In L'Indiana. L'ISCRIZIONE IN LA COLONNA DICE CHE HELIODORUS SI TRASFORM IN UN SEGUACE DI GLI INSEGNAMENTI DI SRI KRISHNA.

Lezione 21 Pronto termineremo il corso e la nostra maggiore soddisfazione sar sapere se gli stato davvero utile. Aspettiamo le sue lettere con commenti e suggerimenti. Gli commentiamo anche che a partire dal secondo anno offriamo un Corso Avanzato di questi insegnamenti. Opportunamente l'informeremo. L'invitiamo anche a che si avvicini alle nostre sedi centrali, ed abbiamo cos l'opportunit di sviluppare una relazione pi personale. Ed ora, cominciamo con questa nuova lezione. SEZIONE 1 STUDIO DI UN CAPITOLO DEL BHAGAVAD-GITA. "Questo poema esige il rispetto pi elevato." Immanuel Kant RIFLESSIONI FINALI. Parte-I Capitoli 1-5. Sappiamo che la migliore maniera di analizzare e comprendere una conoscenza ricevuta, fare domande circa detta conoscenza. Lei termin ora gi i 18 (diciotto) capitoli del Bhagavad-gita, e le ultime tre lezioni saranno utilizzate per riflettere sugli aspetti pi importanti di quello prezioso libro. Gli daremo in primo luogo le domande, ed anche le risposte, ma per risolvere le domande lei utilizzer la cosa studiata prima di aiutarsi con le risposte date. Ora perch, caro studente, incominceremo con le riflessioni finali. DOMANDI E RISPOSTE. , Per maggiori spiegazioni, consulti il testo o testi, sono i suoi significati, che si indicano alla fine di ogni risposta. CAPITOLO UNO. P-1 - Perch Arjuna decise di non litigare nella battaglia di Kuruksetra? R. - Quando Krishna, a domanda di Arjuna, situa la quadriga di questo tra i due eserciti, Arjuna vedi i suoi parenti ed amici, riuniti nelle truppe di entrambi i bandi. Notando lo spirito militare, e presentendo la moria imminente, Arjuna si sente spaventato per il dolore e la compassione, e decide di non litigare, ignorando il proposito elevato della battaglia, Krishna desidera che le armate demoniache siano annichilite. Arjuna analizza tutta la situazione in termini dei suoi propri interessi. E cos, egli decide che non interessato in riuscire una vittoria militare e guadagnare un regno in cambio della vita dei suoi amici e familiari e la prosperit della societ, Bg. 1.21-46). CAPITOLO DUE. P-1 - Che cosa vuole dire Krishna quando dice ad Arjuna": parlando parole dotte ti lamenti per quello che non degno di lamento?" R. - Krishna sta insinuando che l'anima (essere) eterna, e non il corpo materiale. La compassione di Arjuna per i suoi parenti era male focalizzata, causata esclusivamente per il suo desiderio di benessere corporale temporale. Identificando il corpo materiale esterno con l'essere, Arjuna aveva dimenticato che l'essere reale, l'anima, essendo spirituale ed eterna, non pu ammazzarsi, come il corpo materiale e temporale pu ammazzarsi. Pertanto, il lamento di Arjuna per la morte dei soldati oppositore era dovuto all'illusione, Bg. 2.11). P-2 - Che cosa quello che distingue la natura dall'anima di quella del corpo? R. - L'Anima, o Essere, non ha principio, eterna ed immutabile, non pu essere distrutta n trasformata per nessun mezzo materiale. Essendo trascendentale ed atomica, l'anima non pu essere percepita, avanscoperta, misura o catturata per i sensi materiali. Ogni anima un'entit spirituale, individuale, differente ed eternamente cosciente, Bg. 2.11-30). P-3 - Che cosa la trasmigrazione? R. - "Trasmigrazione significa il cambiamento di corpo. Quando l'anima situata dentro un corpo materiale temporale, ella essendo eterna ed immutabile si esalta dell'infanzia alla maturit e dopo alla vecchiaia. Ancora durante il ciclo di vita di un corpo particolare, l'anima sta, pertanto, trasmigrando. Quando il corpo materiale, attraverso la malattia, vecchiaia ed altre circostanze, diventa inabitabile per l'anima, questa l'abbandona ed entra in un nuovo corpo dentro il ventre di una madre e nasce." All'anima che gli trasmigri concesso un nuovo corpo, di accordo col suo karma, o attivit previe, (Bg. 2.13-22). P-4 - Come descrive Krishna ad una persona in" Coscienza trascendentale?" R. - Tale persona, completamente cosciente della sua identit spirituale e differenziazione della materia, non interessata nel piacere materiale. Cos egli controlla i suoi sensi esterni. Coi sensi controllati e con la mente ed intelligenza fissi nel Supremo, egli non colpito per le dualit materiali tali come la felicit ed il dolore, la perdita ed il guadagno. Tale persona, alla fine del suo presente corpo, raggiunge il mondo spirituale, Bg. 2.54-72). CAPITOLO TRE. P-1 - Pu uno riuscire la liberazione delle reazioni del karma astenendosi dall'attivit? R. - No. L'anima attiva di natura, e per quel motivo, non pu rimanere mai inattiva. Nello stato condizionato dell'esistenza materiale, le modalit della natura materiale forzano all'anima corporificada ad agire abbasso il suo controllo. Uno pu essere liberato delle reazioni del karma, occupandosi in" lavori devozionali" o karma yoga, Bg. 3.4-8). P-2 - Che cosa Karma Yoga? R. - Nel suo stato condizionato, il jiva o anima esegue attivit centrate e dirette verso la gratificazione corporale. Sotto la legge del karma, ella deve soffrire o godere le reazioni delle attivit pie o empie che esegua per gratificare i suoi sensi. Queste reazioni karmice lo forzano a prendere ripetute nascite in questo mondo materiale, Karma Yoga " l'arte di lavorare" mediante il quale l'anima pu scappare da questo intreccio materiale. In" Karma Yoga" uno esegue attivit di accordo con gli insegnamenti delle Scritture Vediche o quelli che concordino con la versione Vedica. Tali attivit purificano ed elevano a chi li eseguano, alla piattaforma di realizzare attivit per la soddisfazione di Visnu (Krishna). Le attivit disinteressate, realizzate nel servizio del Supremo, non lasciano reazioni materiali e, pertanto, uno si libera della legatura della materia, Bg. 3.3 e 3.9-35. P-3 - A chi chiama Krishna" il cacciatorpediniere della conoscenza e l'autorrealizacin?" R. - A Kama, o lussuria che il desiderio per la gratificazione materiale dei sensi e spinge al jiva, condizionandolo a tentare di godere e sfruttare gli oggetti materiali. Nella pratica della gratificazione dei sensi, il jiva animato realizza attivit peccaminose, le quali l'avvolgono in ripetute nascite e morti. Tra pi assorto materialmente Lei torne, pi si dimentica della sua posizione come entit

vivente trascendentale. Cos, capendo la natura trascendentale dell'anima, uno deve conquistare la lussuria o kama mediante il controllo dei sensi, come Krishna istruisce ad Arjuna, Bg. 3.36-43). CAPITOLO QUATTRO. P-1 - Quale il proposito della venuta di Krishna al mondo materiale? R. - Mentre il jiva condizionato forzato a prendere un corpo materiale sotto la supervisione della legge del karma, Krishna discende al mondo materiale nella Sua propria forma eterna e trascendentale, per il Suo desiderio indipendente. Egli appare nel mondo materiale come un'incarnazione o espansione quando questa diventa necessaria per ristabilire i principi della religione. Krishna afferma che quello che capisce la natura della Sua apparizione ed attivit, raggiunge il mondo spirituale, Bg. 4.4-9). P-2 - Come lo libera ad uno la conoscenza trascendentale? R. - La" Conoscenza Trascendentale", o l'intendimento che l'essere non materiale bens eterno e trascendentale alla materia, lo libera ad una delle reazioni karmice, perch quando uno si situa in questa conoscenza smette di eseguire attivit fruitivas diretti verso la gratificazione materiale dei sensi. Uno capisce che la gratificazione dei sensi solamente illusoria e produce un piacere temporaneo. Nell'assenza di attivit fruitivas per la gratificazione dei sensi, non ci sono reazioni karmice che possano legarci, Bg. 4.18-24, 36-42). P-3 - Perch e come pu uno avvicinarsi al Maestro Spirituale? Quale il criterio di un Guru genuino? R. - Stando la conoscenza trascendentale oltre il limite della percezione materiale dei sensi e della speculazione empirica, uno deve avvicinarsi ad un Maestro Spirituale o Guru, cio quello che ha realizzato la verit in una linea di successione discipular originato in Dio Stesso. Il discepolo si avvicina ad un Guru genuino, con un atteggiamento sottomesso, sempre preparato per rendergli servizio amoroso ed ansioso per esporre umili inquietudini, col proposito di avanzare spiritualmente. Quando lo studente si qualifica di questa maniera, il Guru l'impartisce conoscenza trascendentale, Bg. 4.34). CAPITOLO CINQUE. P-1 - Quali sono le caratteristiche del lavoratore devozionale (karma-yogi)? Quali sono le sue realizzazioni, la sua forma di agire, ed il suo destino finale? R. - La persona che agisce in Karma-yoga non si identifica con le azioni del suo corpo, mente e sensi, perch capisce che la sua azione reale trascendentale al corpo materiale; sa inoltre che egli e tutto quello che possiede appartiene a Krishna. E cos, egli consegna il suo corpo, sensi mente ed intelletto al Suo servizio. Agendo da questa maniera tanto disaffezionata, e non ferma una gratificazione personale dei sensi, egli non colpito per le reazioni del lavoro. Suo proprio lavoro l'eleva alla posizione di totale illuminazione in relazione col suo essere e l'Essere Supremo (Krishna) ed egli procede cos senza deviazione nel sentiero della liberazione. P-2 - Quali sono le caratteristiche della persona autorrealizada, il" saggio umile", la" persona liberata", il" mistico perfetto", il" Bramino realizzato" o" persona cosciente di Krishna"? R. - L'anima autorrealizada non illuso per la falsa identificazione del corpo materiale con suo vero essere. Egli si capisce a s stesso come una parte frammentaria di Dio. La sua mente stabile perch egli non si disturba per le perdite e guadagni di cose materiali. Fisso nella conoscenza trascendentale, egli vedi tutti gli esseri con una visione di uguaglianza e lavora per il suo essenziale benessere spirituale. Non attratto per il piacere materiale dei sensi. Egli gode del piacere interno, concentrandosi sul Supremo, Bg. 5.18-28). P-3 - La persona autorrealizada, dice Krishna ad Arjuna," si affanna sempre in procurare il benessere di tutti gli esseri coscienti." Quale la natura di tale attivit benefattore? R. - Conoscendo la temporalit del corpo materiale e l'eternit del vero essere, la persona autorrealizada vedi l'attivit orientata verso il benessere corporale come insufficiente. Attribuendo la sofferenza ad una mancanza di coscienza di Dio (Krishna), egli lavora per impartire coscienza di Dio a tutti gli altri, Bg. 5. 25). SEZIONE 2 IL VERSO DI LA QUINDICINA. Bhagavad-gita, Capitolo 18, Testo 66 sarva-dharman parityajya mam ekam saranam vraja aham tvam sarva-papebhyo moksayisyami ma sucah sarva-dharman - tutte le variet di religin ; parityajya - abbandonando; mam - a Me; ekam - solamente; saranam - resa; vraja - vedi; aham - Io; tvam - a te; sarva - di tutte; papebhyah - di reazioni peccaminose; moksayisyami-liberer; ma - no; sucah - temi. Traduzione": Abbandona tutte le variet di religione e solamente a Me arrenditi. Io ti liberer di ogni reazione peccaminosa. "Non temere." Questo verso stato preso come la conclusione ultima e decisiva del Bhagavad-gita, perch se uno segue questa istruzione semplice e respinge tutte le altre istruzioni religiose, la sua vita sar di successo. Invece, se uno esegue tutti i rituali di questo o quella religione, ma non segue questa istruzione, la sua vita sar un fallimento. Tutti stiamo devoti a qualcosa o qualcuno, e la parola" rendere" appare anche in questo verso. Ma la frase che qualifica, mam ekam (" a Me solamente", sta l per spiegare esattamente a chi dobbiamo renderci. Se prendiamo con ogni sincerit questa istruzione, allora saremo liberi di tutto il nostro cattivo karma, ed il nostro sentiero di ritorno al Sig. si rasserener. SEZIONE 3 YOGA E MEDITAZIONE. LE DIECI OFFESE CONTRO IL CANTO DEL SACRO NOME DEL SIGNORE. La vita spirituale non n molto comoda n facile da portare a termine. Necessariamente uno deve essere una persona molto seria e determinata. La vita spirituale comparata col camminare sul filo di un coltello. Quando incominciamo a meditare reguladamente, dovremo continuare ad imparare pi dello stato mentale di un yogi. I grandi yogis nel passato riun specificamente dieci punti importanti che uno deve osservare accuratamente col fine di avere successo nel processo di meditazione, di uguale maniera come la coscienza del padre e la madre nel momento della concezione di un figlio determina la classe di figlio che nasce. Dello stesso modo e dipendendo dalla nostra coscienza quando stiamo meditando, abbiamo un certo risultato. Poich il Mantra Far KRISHNA molto poderoso per che ci porta direttamente al livello di associazione con l'Energia Suprema, dobbiamo informarci dei doveri propri e della

comprensione necessarie. La prima offesa : Bestemmiare AI Devoti Che hanno Dedicato le Sue Vite A Propagare Il Sacro Nome Del Signore. Logicamente, uno deve essere molto diligente di non offendere nessuna persona nel mondo. Ma uno deve avere pi curato con quelle persone che hanno rinunciato all'attaccamento materiale e che hanno dedicato le sue vite in attivit offerte al Sig., ed il Sig. sicuramente non accetter offese contro le persone che dedicano le sue vite a servirlo intimamente. La seconda offesa : Negare La Supremazia Del Signore Supremo E Pensare Che ci sono Molti Dei Differenti. A volte i filosofi panteisti presentano la Verit Assoluta dicendo che non importa a chi si adori finch acquisiamo realizzazione spirituale. Anche questo si considera un ostacolo nel progresso spirituale. Bench tutto sia considerato un frammento dell'Assoluto, non vuole dire in nessun momento che possiamo arrivare al Supremo negando la sua relazione personale e prendendo rifugio in alcuno espansione senza importanza. Possono avere molti nomi nel mondo per Dio, ma Dio solo uno; come il sole non appartiene n alla Cina, n alla Russia, n agli Stati Uniti, n alla Francia, n alla Colombia, di quello stesso modo Dio non appartiene ad una nazionalit specifica, n ad un certo gruppo. Dio quella persona inalterabile, onnipotente, centro di todo.La terza offesa : Pensare Che Il Maestro Spirituale Una Persona Ordinaria E Che Per Tale Motivo non c' Necessit Di Seguire le Sue Istruzioni. Questo ostacolo molto importante per quelle persone che hanno accettato gi un maestro spirituale e hanno preso iniziazione. Agli studenti che stanno cominciando a praticare lo Yoga, li raccomandiamo che prendano coscienza delle sue necessit e comprensioni personali, quale il desiderio del Supremo, ed agiscano di accordo col Suo desiderio. Se qualcuno non fa questo, si sta sbagliando. Tutte le sistemazioni in questo mondo devono essere pianificate ed ordinati strettamente; cos pure, per il processo di Yoga, ci sono regole strette ed ordini. Lo raccomandiamo che se realmente desidera avanzare spiritualmente, deve essere molto stretto con s stesso e cos, a poco a poco, dominer i suoi sensi. La quarta offesa : Bestemmiare Contro Le Letterature Vediche O Quelli Che Concordino Con La Versione Vedica. Le Scritture Vediche sono le pi antiche sulla terra, e ci danno informazione sul mondo spirituale. Esse presentano a Dio come una persona chi sta dandoci la conoscenza perfetta sulla nostra vita, la reincarnazione, la legge del karma, il processo dello Yoga, e tanti altri temi di importanza per la vita umana. Allora, se uno nega queste informazioni senza nessuna ragione, non pu considerare si unisca persona molto intelligente. Abbiamo visto chiaramente che in Occidente si sono presentati molte versioni speculative sulla vita spirituale, e nessuno stato capace di dare un sistema tanto logico e tanto pratico come il sistema di Yoga presentato per Krishna. Quindi, uno non deve negare queste scritture. La quinta offesa : Considerare Immaginarie Le Glorie Del Cantare Far KRISHNA. Quando uno non un devoto molto avanzato nel processo di Yoga, non pu capire la potenza che viene dal cantare il mantra Far KRISHNA. Quindi, non raccomandabile interpretare questo processo nello stato neofita. La sesta offesa : Dargli Alcuno Interpretazione Al Sacro Nome Del Signore. confermato nelle Scritture Vediche che quando uno medita sul mantra Far KRISHNA, si purifica delle attivit peccaminose, ma se qualcuno arrivasse a pensare che come sta praticando meditazione, pu continuare a peccare e che dopo purifica cantando il mantra Far KRISHNA, questo diminuir abbastanza la potenza della sua meditazione. La Settima offesa : Commettere Attivit Peccaminose Fidandosi Di Il Sacro Nome Del Signore. Quando un bambino commette qualche errore o mancanza, il padre l'istruisce bene affinch lo non giri a commetterlo, e finalmente, il padre lo perdona. Ma se il bambino commette di nuovo la stessa mancanza, il padre lo punir. Cantare Far KRISHNA simile ad un atteggiamento di confessione e di pentimento, e cantando, uno pu purificarsi e liberare delle reazioni peccaminose, dovuto alla povert del Sig.. Ma uno non deve tentare di ingannare a Krishna. Se uno pensa che pu eseguire qualunque attivit illecita e che dopo si liberer delle reazioni peccaminose cantando il Mantra Far KRISHNA, uno cadr dal processo di Yoga. Pertanto, lo Yogi deve essere molto diligente e cosciente che a Dio non pu essere ingannatolo in nessun momento, perch Egli lo sa tutto. L'ottava offesa : Considerare Che Cantare Far KRISHNA Una Di Le Actividades RITUALSTICAS AUSPICIOSAS Che si Presentano In Le Proibizioni Come Attivit FRUITIVAS (Karma-KANDA). Troviamo tanti gruppi che presentano tanto differenti strade di adorazione per tanti propositi differenti che se questi processi non ci portano al livello del Servizio Devozionale sigaro al Sig. Supremo, non possiamo paragonarli col cantare del Maha-Mantra Far KRISHNA che specificamente insegnato come il processo di autorrealizacin per l'era di Kali-Yuga. Come si dice": Uno deve giudicare un albero per i suoi frutti." Egualmente, uno deve giudicare i risultati della sua meditazione, se realmente uno sta facendo avanzamento spirituale. La nona offesa : Istruire A Gli Infedeli Su Le Glorie Del Cantare Far KRISHNA. Quando istruiamo ad alcuni persone sul processo della meditazione chi non stanno interessate ed al contrario, manifestano un atteggiamento avverso, parlando contro la vita spirituale, uno non deve presentare i poteri e benefici del Maha-Mantra Far KRISHNA, perch ascoltando queste offese, si colpisce anche la coscienza dello Yogi. La decima offesa : non Avere Completa Fede In Il Canto Di I Sacri Nomi E Mantenere Attaccamenti Materiali, Perfino Dopo avere Compreso Tante Istruzioni Su Il Tema. Le cose materiali che siano completamente necessarie per mantenersi non sono un ostacolo, ma se uno realmente assorto in cose materiali per la gratificazione dei sensi, mentre si canta il mantra Far Krishna, si creda necessariamente un ostacolo per l'autorrealizacin spirituale. Questi dieci punti uno deve capirli sempre di pi accurata e prontamente, poich molti di essi si riferiscono coi concetti previ dei nostri giudizi inconsci e con le brutte interpretazioni che chiariremo meditando profondamente sui nostri desideri personali e, finalmente, attraverso la pratica della meditazione costante, senza deviare della vera meta della meditazione. A volte la gente non ha fede nel potere supremo della Suprema Personalit di Dio, ma realmente, finch non comprendiamo che c' un Creatore Supremo, come possiamo spiegarci che esista la creazione nella quale viviamo, o il perch esistiamo? Indubbiamente questa creazione materiale perfetta, e una creazione del Sig.. Ed in realt tutti stiamo in una prigione, recuperandoci di tutte le attivit peccaminose che abbiamo realizzato per non seguire le leggi del Sig. Supremo. In questo modo, il Sig. ci d di nuovo un'opportunit per arrivarlui. Noi abbiamo creduto avere il diritto di sfruttare alla natura e le altre entit viventi (schiavit) manipolazione, etc., per unicamente incrementare il nostro egoismo e la nostra gratificazione sensoriale. Cosicch, bench ci siamo sbagliati durante il tragitto, dobbiamo capire che questa creazione meravigliosa non ha potuto essere creata per qualche incidente o coincidenza o per un'esplosione strana, come a volte tentano di spiegarlo alcuni scienziati moderni. Una volta, un ateo visit Isaac Newton chi aveva costruito nella sua casa un piccolo modello dell'universo con le differenti sfere che corrispondevano ai pianeti. Il modellino era appeso nel soffitto di uno delle sue stanze, e quando l'amico ateo vide questo meraviglioso modello, domand con sorpresa": Chi realizz il modello tanto incredibile che hai in questa stanza?" Il mio caro amico,

neanche io posso comprenderlo. L'altro giorno quando entrai in questa stanza, all'improvviso lo trovai cos posto. Apparve per s stesso; che cosa pensi? E l'amico ateo rispose": il Mio caro Isaac, tu non puoi convincermi di questo ragionamento; deve avere un creatore dietro questo modello; tutto tanto meraviglioso...." Ma lo scientifico Newton rispose": No, realmente gli chiedo che mi creda; all'improvviso stava l; neanche io potevo comprenderlo." E l'amico ateo disse": stai offendendo la mia intelligenza. Stai tentando di dirmi che cos, all'improvviso, in questa stanza apparve questo modello dell'universo senza che nessuno l'abbia messo l"?. E Newton rispose": S, il mio caro amico, e tu stai offendendo la mia intelligenza tentando di dirmi che tutto questo universo nacque per incidente, senza avere un creatore." A volte la gente dice che Dio presente, ma non hanno una soluzione pratica per spiegare l'esistenza del mondo e neanche possono capire la base di vivere pacifica ed armonicamente in questo pianeta. Pensano semplicemente di portare una vita dove tutto, diretta o indirettamente giri attorno al sesso, poich hanno distrutto i valori essenziali e reali della vita umana, tali come la morale, la sincerit, etc., e cos ci troviamo sempre di pi in un disastro totale, tanto individuale come sociale. Quindi, se vogliamo ascoltare qualunque persona, primo dobbiamo investigare le sue qualit. In questo senso, c' una piccola storia bengalese che ci d un buon esempio: Una volta aveva un sciacallo che and al paese ed all'improvviso cadde nella pentola da una persona che stava tiendo vestiti. Quando lo sciacallo pot uscire, era diventato azzurro con la tintura. Lo sciacallo ritorn presto alla selva dove tutti gli animali lo riceverono con gran sorpresa, poich prima non avevano visto mai un animale tanto strano. Gli animali vennero a domandargli chi era e da dove veniva. Dopo, lo sciacallo comprese che si era trasformato in qualcuno molto speciale e questione per avere ora un colore azzurro. Quindi, quando gli animali gli chiesero della sua origine, egli rispose che era stato inviato per Dio, e disse": Io sono uno che porta il messaggio di Dio." Tutti gli animali nella selva erano felici perch avevano un messaggero di Dio con essi e domandarono allo sciacallo se potevano adorarlo, e lo sciacallo, senza esitazione, rispose affermativamente. Quindi gli animali fecero un gran trono e misero sopra allo sciacallo ed incominciarono a portargli mangi speciali, frutte, fiori e squisiti manicaretti e regali per glorificarlo. Lo sciacallo era molto felice godendo nella sua falsa posizione di tutte questi adorazioni. Ma un giorno vennero altri sciacalli a quello bosco e, come la sua natura, quando un sciacallo incomincia ad ululare gli altri non possono controllarsi e devono ululare anche. Cosicch lo sciacallo azzurro incominci ad ululare quando ascolt gli altri sciacalli. Allora le tigri, elefanti, uccelli, bisce, conigli, etc., che stavano guardandolo, all'improvviso si resero conto che chi stava di fronte di essi erano n pi n meno che un sciacallo ordinario dipinto di azzurro e che li aveva ingannati a tutti; l'ululato rivel che lo sciacallo azzurro non era divino n aveva nessuna qualit speciale e che semplicemente era un sciacallo. La morale della favola di questa storia che molte volte qualcuno si presenta come una personalit molto avanzata, cosicch noi non dobbiamo lasciarci deviare per imitazioni ordinarie e superficiali di sanit o saggezza, perch sono ingannatori che tentano di approfittarsi degli esseri umani ingenui. Il vero giudizio pu concludersi quando si vede quanto disaffezionati stanno queste persone delle cose materiali. Sono interessati in intossicazione materiale? Sono interessati in vita sessuale? Sono interessati in fama e vanit personale? O sono realmente interessati nella vero autorrealizacin e stanno dedicando la sua vita al beneficio degli altri? Di questa maniera noi dobbiamo determinare se qualcuno vuole sfidare la posizione di Dio, come si vede comunemente oggigiorno. Molti leader accettano a Dio come il Creatore Supremo, ma una volta che vedono che la gente dipende da essi, vogliono immediatamente prendere la posizione di Dio e dimenticano la posizione originale. Questa la tendenza ingannatrice. Realmente se a tutti fossi chiesto loro che seguissero l'autorit di Dio, non avrebbe frainteso n problemi essenziali come quelli oggigiorno, poich l'autorit di Dio protegge tutti, dato che tutti siamo figli di Dio, siamo bianchi, neri, gialli, uomini, donne, bambini, vecchi, etc. Non dovremmo avere paura finch si sta in questa coscienza e si seguano le ordine supreme. SRILA BHAKTISIDDHANTA SARASVATI THAKUR. SOTTO IL SUO ORDINE IL MESSAGGIO DI KRISHNA FU DISTRIBUITO PER SRILA PRABHUPADA ATTORNO AL MONDO. (Foto) SEZIONE 4 DIFFERENTI ASPETTI DELLA CONOSCENZA VEDICA. POSTI SACRI - II La nostra seguente fermata durante questo viaggio trascendentale all'India, Calcutta. L prenderemo un treno verso Krishna Nagari, e dopo un taxi o autobus a Sridam Mayapur. Sridam Mayapur ha un significato straordinario per tutti quelli quale cercano la Verit Spirituale in questa era di Kali: lo stesso Sig. Krishna che apparve 5.000 anni prima in Vrndavana, discese da nuovo 500 anni fa nello Yoga-pitha, il Suo posto di nascita in Sridam Mayapur, come fu vaticinato nelle Scritture Vediche: krsna varnam tvisakrsnam sangopangastra-parsadam yaja sankirtanah-prayair yajanti hi sumedhasah "In questa era di Kali, quelli che sono intelligenti eseguono il canto congregazionale del Mantra Far Krishna, adorando alla Suprema Personalit di Dio che appare in questa era per descrivere sempre le glorie di Krishna. Questa incarnazione di carnagione dorata e associata con le Sue espansioni plenarie e personali, come con Suoi devoti ed associati" (Srimad-Bhagavatam) Canto 1, Capitolo 5, testo 32. Il Sig. Caitanya l'incarnazione del Sig. Krishna Chi venne a portare lo Yuga dharma, o processo specifico di autorrealizacin per una yuga particolare, per le anime condizionate di questa era. La sua vita ed insegnamenti sono straordinari e sono stati descritte in differenti pubblicazioni preparate per i sei Gosvamis di Vrndavana chi furono i principali seguaci di Caitanya Mahaprabhu. In questi libri troveremo una guida tecnica di come potremo praticare vita spirituale in questa epoca, se viviamo in Occidente, in un ashrama di citt, in una propriet, o in India in un posto sacro. Qui, in Sridam Mayapur, Caitanya cominci il Suo movimento trascendentale di Sankirtana, il canto congregazionale del Santo Nome per purificare a tutto il mondo dell'influenza di questa et oscura. Una volta all'anno, pi di mille visitatori arrivano al nostro centro internazionale per il festival dell'apparizione del Sig. Caitanya, insieme a circa 200.000 pellegrini dell'India, per celebrare questa occasione tanto auspiciosa. Il festival si realizza in Marzo ed Aprile, e vogliamo incoraggiare tutti gli studenti del nostro Istituto Superiore di Studi Vedici che chiedano tutta l'informazione necessaria affinch a noi si uniscano in queste celebrazioni.

Nell'area di Navadvipa, del quale Sridham Mayapur il centro, abbondano, come in Vrndavan, i tempii e posti dove il Sig. Caitanya ed i Suoi soci realizzarono numerosi passatempi. Mayapur situato sulle rive del famoso Fiume Gange che attraversa tutta la l'India, dai Himalayas fino a sboccare nel mare, vicino a Calcutta. In questo Fiume si lava la gente per purificarsi di tutte le sue attivit peccaminose. Il Gange si trova coi Fiumi Sarasvati e Yamuna in Prayag (Allahabad), dove si celebra il Kumbhamela, un festival al che accorre yogis di tutto il mondo. Qui in Mayapur, il Gange molto bello ed i devoti si lavano regolarmente nelle sue acque. Le agevolazioni del Mayapur Chandrodaya Mandir (tempio) sono multipli ed includono una scuola di Primaria. Il progetto del tempio di Mayapur costruire qui stesso una citt spirituale Vedica. Architetti ed ingegneri di molti paesi stanno studiando piani e design di strutture che permetteranno di sistemare un flusso continuo di visitatori di tutto il mondo. Le costruzioni si alzano per il cielo, e tutto si incentra attorno al messaggio supremo che pu aiutare al mondo a salvarsi dall'esistenza materiale delineando la sua vita in maniera spirituale. La citt destinata a dare capacit a 50.000 membri. Stanno progettate universit, ospedali, librerie, il tempio pi grande di tutta la l'India. Nonostante tante attivit, l'atmosfera di Mayapur tanto pacifica che uno pu assorbirsi completamente nella vibrazione del nome di Krishna e sperimentare una profonda meditazione. Dopo avere visitato Mayapur, possiamo andare alla citt sacra di Jagannath Puri dove il Sig. Caitanya visse l'ultima parte della Sua vita e dove troveremo molti posti nei quali realizz i Suoi passatempi. Jagannath Puri la citt dove si porta a termine una volta all'anno il famoso festival di Ratha-Yatra, al quale assistono fino a cinque milioni di persone. Vicino a Jagannath Puri, in Bhuvanesvara," ISKCON" sta costruendo un tempio speciale per tutti quelli quale desiderino visitare lo stato di Orissa. Se abbiamo tempo, possiamo andare anche al Sud dall'India e visitare molti altri posti sacri. Ma di accordo con le grandi autorit spirituali, Vrndavana e Mayapur sono i posti sacri pi importanti di tutta l'India, e se lei li ha visti, pu dire certamente che ha visto i posti pi sacri della terra, e che ha toccato la polvere dei posti ai quali aspirano fino ai semidei dei pianeti pi elevati. Abbiamo finito il nostro viaggio, ed un'altra volta desideriamo che lei abbia un'opportunit nella vita di visitare personalmente questi centri, affinch possa approfondire le sue convinzioni e nella sua coscienza spirituale. SEZIONE 5 PRINCIPALI FILOSOFIE DI L'AUTOREALIZACIN. GLI INSEGNAMENTI DI GLI ACARYAS. Un Acharya un maestro della conoscenza Vedica. Egli imparti