Sei sulla pagina 1di 4

Descrizione e sistema feudale Il medioevo inizia nel 476 (caduta dell'Impero Romano d'Occidente) e termina nel 1492 (scoperta

dell'America). Si divide in Alto Medioevo (V-X secolo) e Basso Medioevo (X-XV secolo). Nel medioevo si ha la diffusione del sistema feudale detto anche vassallaticobeneficiale. Consisteva nella cessione di un terreno da parte di un dominus a un vassallo in cambio di fedelt e supporto in caso di battaglia. I vassalli potevano dividere il feudo e concedere le parti ai valvassori e ai valvassini. Carlo il Calvo Capitolare di Quierzy (877): Diritto di ereditariet ai feudi maggiori. Corrado II Constitutio de feudis (1037): Diritto di ereditariet ai feudi minori. Societ Medievale Nel medioevo distinguiamo due poteri Potere temporale: Sovrani e principi, imperatori ecc. (beni materiali) Potere spirituale: potere della chiesa (beni spirituali) e una societ divisa in tre ordini: Chierici Nobili Servi Nascita della Cavalleria Nuovo ceto sociale Nascita dell Borghesia Nuovo ceto sociale Economia del Medioevo Distinguiamo 4 grandi periodi: V-VIII Secolo: grande instabilit VIII-XI: affermazione del sistema signorile XI-XIV: Rinascita economia urbana e rapporti internazionali XIV-XV: Grande crisi e ristrutturazione economica europea Crociate Le crociate erano una serie di spedizioni militari contro i turchi, con pretesto religioso. Lo scopo era quello di liberare la Terra Santa dai musulmani. La prima crociata avvenne nel 1095 e viene chiamata crociata dei pezzenti Poi ci fu una 3 crociata contro Saladino 3 Crociate importanti, 14 totali. Conflitto tra impero e papato 962 Privilegium Othonis (il papa doveva giurare fedelt ai rappresentanti dell'Imperatore) 1046 Principatus in electione (diritto di eleggere i papi) 1059 Concilio a Laterano (elezione dall'imperatore e le grandi famiglie romani) 1078 Dictatus Papae (proibisce investitura ecclesiastica da parte dei papi 1122 Concordato di Worms (netta divisione tra investitura laica ed ecclesiastica) DALLA REPUBBLICA CHRISTIANA AGLI STATI MONARCHICI 1310 Enrico VII scende in Italia (allora divisa in 3 parti) per provare a riunificarla. Dante lo appoggia nel De Monarchia, ma i comuni guelfi e gli Angioini formano una alleanza anti-imperiale. Ludovico il Bavaro si schiera a fianco dei ghibellini contro il Pap. Viene scomunicato e

IL MEDIOEVO

elegge l'Antipapa Niccol V, che govern per due anni Marsilio da Padova scrive il Defensor Pacis, dove descrive l'uomo come animale sociale e indica il fondamento del potere nel consenso popolare. Nella Dieta Imperiale del 1338 Ludovico viene riconosciuto imperatore. Carlo IV nel 1356 decreta con la Bolla D'Oro il meccanismo di elezione dell'imperatore: avrebbero votato quattro principi laici e tre principi ecclesiastici. Questo porta a due fenomeni: trasformazione dei vari principati in Stati moderni tentativi di rendere ereditario il potere imperiale Federico III fa eleggere suo figlio Massimiliano d'Asburgo re dei romani Dalla cattivit Avignonese al Concilio di Firenze Morto Bonifacio VIII viene eletto Clemente V che sposta la sede papale ad Avignone. Questo avrebbe subordinato il Papato all'autorit della monarchia francese. Questa lontananza da Roma per favor la centralizzazione del governo ecclesiastico. La curia papale venne riorganizzata in : Cancelleria Apostolica: amministrava il patrimonio Camera apostolica: curava il governo della Chiesa Universale Dataria: Esaminava le suppliche Sacra Penitenzieria: Tribunale per le questioni di coscienza Sacra rota: Competenza in materia ecclesiastica Gli abusi della chiesa scatenarono diverse rivolte John Wyclif, docente ad Oxford e primo traduttore inglese della Bibbia, critic ferocemente la Chiesa (abusi nelle reliquie, pratica delle indulgenze, transustanziazione eucaristica, purgatorio). Al suo pensiero si rifecero i lollardi. Jan Hus, prete boemo, riprende i concetti di Wyclif e li utilizza in senso politico. Viene scomunicato e fugge da Praga. Scrive il De ecclesia dove ritiene la Chiesa una comunit di predestinati. Durante il Concilio di Costanza viene condannato a morte. Una risposta non conflittuale arriva da Tommaso da Kempis. Egli racchiude il suo pensiero nella Devotio moderna, cio la pratica delle virt quotidiane sulla base di preghiera (anticipa cos l'umanesimo). Nel 1376 Gregorio XI lascia Avignone per tornare a Roma. Alla sua morte: 12 su 16 cardinali a Roma elessero Urbano VI come papa I cardinari francesi elessero Clemente VII Questo noto come scisma d'occidente. Con Urbano si schierarono gli stati Italiani, l'impero, l'Ungheria e l'Inghilterra. Con Clemente la Francia, la Borgogna, la Savoia, Napoli, la Scozia. La loro morte non risolse il problema: vennero eletti altri due papi (Gregorio XII e Benedetto XIII). Un concilio a Pisa vot per Alessandro V e si vennero cos a creare 3 parti. Nel concilio di Costanza nel 1414 finalmente tutti e tre i papi vennero deposti. Venne eletto Martino V. Venne inoltre stabilito che i concili si dovevano tenere ogni 10 anni. Nei concili di Basilea e Firenze si venne a creare un piccolo scisma.

Guerra dei 100 Anni A causa delle lotte tra Capetingi e Carolingi e il frazionamento feudale che ne segu, i re di Francia avevano territori meno vasti di quelli dei loro vassalli. Nel 1066 Gugielmo divenne re D'Inghilterra, continuando a rimanere vassallo del re di Francia. Con Luigi VI (Luigi il Grosso) la Francia inizi a disporre di beni pi ampi. con Filippo II Augusto che si viene a consolidare la monarchia francese: si fece chiamare Rex Franciae e non Rex Francorum e riprese le lotte contro il re d'Inghilterra. La popolarit della monarchia francese raggiunse l'apice con Luigi IX detto il Santo, che diede un profondo senso di giustizia alla monarchia francese. Con la conquista della Normandia da parte di Guglielmo il Conquistatore fece in modo di ereditare la coscrizione di massa e il diritto delle imposte, e mantenne la costituzione della cavalleria. Quando Enrico II Plantageneto spos Eleonora i sovrani inglesi divennero duchi d'Aquitania, conti d'Angi e duchi di Normandia, possedendo molti territori francesi. A fare le spese delle rivolte francesi fu Giovanni I Plantageneto (1199-1216), soprannominato Senzaterra. Egli attacc insieme ai tedeschi nella Battagli di Bouvines ma venne sconfitto 81214) e favor sia l'incoronazione di Federico di Svevia sia la formazione di un regno anglo-francese. Egli inoltre concesse la Magna Charta Libertatum, il primo esempio di Costituzione di uno stato. In questa carta vennero introdotte limitazioni all'autorit regia. in realt un patto giurato in cui il re riconosce alcune libert al popoli. Nonostante vari tentativi n lui n il figlio Enrico III riuscirono a renderla inefficace. Nel 1297 Edoardo I vi aggiunse uno statuto secondo il quale non poteva alzare le tasse. Infine nel 1340 Edoardo III divise il parlamento in una Camera dei Lords e in una Camera dei Comuni. CAUSE DELLA GUERRA DEI 100 ANNI: Concorrenza tra le due monarchie Sovrano inglese vassallo di quello francese La francia mirava a ostacolare i rapporti tra Fiandre e Inghilterra L'Inghilterra non sopportava la Scozia e rivoleva la Normandia L'occasione per iniziare la guerra si ebbe con l'estinzione della dinastia capetingia. Si contesero il trono allora Edoardo III e Filippo di Valois (vincitore) PRIMA FASE Battaglie di Crecy e Poitiers, si conclude con la pace di Bretigny e con l'annessione della Francia sudoccidentale all'Inghilterra SECONDA FASE I Francesi praticarono azioni di guerriglia e riuscirono a riprendersi molti territori. TERZA FASE Con l'avvento di Carlo VI si ebbe una crisi dinastica: il re era giovane e pazzo. Nel frattempo Enrico V Lancaster si alle con Giovanni Senza Paura e ad Azincourt travolse l'esercito francese. Carlo VI stipul allora il Trattato di Troyes: ripudi il figlio Carlo e nomin Enrico V suo successore (poich aveva sposato la figlia Caterina) IL RISCATTO FRANCESE A questo punto un personaggio nuovo interviene: Giovanna D'Arco, contadina analfabeta e per di pi donna. Ella riusc a farsi ricevere da Carlo. Gli disse di essee stata mandata da Dio e che le aveva ordinato di salvare la Francia e decretare Carlo re. Riusc a convincere Carlo e nel 1429 liber Orleans, assediata da mesi, in pochi giorni.

Successivamente liber molti altri territori e Carlo nel 1429 pot tornare a Reims per essere incoronato come Carlo VII. Per Giovanna venne rapita e venduta agli inglesi e venne arsa viva nel 1431. Il successo dei francesi per non manc nonostante la morte della pulzella. Ne 1475 con il trattato di Piquigny la pace venne stipulata. LA GUERRA DELLE DUE ROSE Nel frattempo la pazzia di Enrico VI dette vita a un conflitto interno per il trono: i Lancaster (rosa rossa) e i York (rosa bianca). Alla fine salirono i Tudor con Enrico VII. SITUAZIONE DELLE DUE MONARCHIE AL TERMINE DELLA GUERRA DEI 100 ANNI L'Inghilterra grazie a un buon rapporto con il parlamento e una collaborazione con la borghesia pose le basi per il predominio marittimo che la port a diventare la prima potenza europea. In Francia si ebbe un rafforzamento del potere centrale, un esercito permanente e la scomparsa dei feudi.