Sei sulla pagina 1di 11

Note musicali (Musical notes)

Figurazioni ritmiche (Rhythmic figurations)


Name1 Note symbol Duration Rest

Il primo nome di ogni coppia BRITISH ENGLISH, il secondo AMERICAN ENGLISH.

Per lattesa di pi battute si usano i termini:


-

MULTI-REST OR MULTIPLE BAR REST GATHERED REST MULTI-MEASURE REST

Anatomia della nota/Anatomy of the note

Chiavi (Clefs)

I termini neutral clef o percussion clef strumenti percussivi a suono indeterminato.

, invece, si riferiscono agli

Alterazioni (Accidentals)

Flat (il verbo di riferimento to lower, abbassare) Da cui lespressione to be flat, essere calante

Sharp (il verbo di riferimento to raise, innalzare) Da cui lespressione, to be sharp, essere crescente

Natural (il verbo di riferimento to cancel, cancellare, annullare)

Double flat

Double sharp

Pentagramma (Staff, stave)

Accenti e unit (Beats/pulses and units)

1. UNIT OF MEASURE (U.M.) = minim; UNIT OF BEAT (U.B.) = crotchet; UNIT OF SUBDIVISION (U.S.) = quaver; 2. UNIT OF MEASURE (U.M.) = dotted minim; UNIT OF BEAT (U.B.) = crotchet; UNIT OF SUBDIVISION (U.S.) = quaver; 3. UNIT OF MEASURE (U.M.) = semibreve; UNIT OF BEAT (U.B.) = crotchet; UNIT OF SUBDIVISION (U.S.) = quaver; 4. UNIT OF MEASURE (U.M.) = dotted minim; UNIT OF BEAT (U.B.) = dotted crotchet; UNIT OF SUBDIVISION (U.S.) = quaver;

Il termine punto, nellaccezione di sostantivo, si traduce con DOT. Quando si ha necessit di indicare una nota puntata, il termine in questione verr reso nella forma aggettivata DOTTED e, in quanto tale, preceder sempre il sostantivo!

Termini di rifermento per gli accenti: - Strong, forte (generico) - On-beat, accento forte - Weak, debole (generico) - Off-beat, accento debole - Downbeat, accento metrico

- Upbeat, a. anacrusi (una o un gruppo di note poste sul tempo debole di direttore in levare che conduce al battere della battuta dinizio Time signatures/Indicazione del tempo

una battuta [o in levare] che precedono quella/e d'inizio della battuta successiva [posta/e sul tempo forte]); b. movimento preparatorio del

TEMPO SEMPLICE, simple time signature TEMPO COMPOSTO, compound time signature

Common time

Alla breve o Cut time

Metronome mark

Elementi tecnici (Technique)


Tie

Slurred notes Tail

Note relationships

Tie legatura di valore

Slur legatura di portamento

Phrase mark, legatura di fraseggio (meno comune, ligature)

Glissando o Portamento

Tuplet, Gruppo irregolare (duplet, triplet, quadruplet, quintuplet, sextuplet, ecc.) Chord DYAD, diade TRIAD, triade TETRAD, quadriade EXTENDED CHORDS, accordi con note ulteriori alla settima (es. accordi di nona, undicesima e tredicesima) Arpeggiated chord (anche Broken chord"). Con gli stessi termini, si indica anche il Basso albertino (pi propriamente conosciuto come Alberti bass), tipo di accompagnamento specie negli strumenti a tastiera in cui le note di un accordo sono ripetute ciclicamente creando un effetto scorrevole e sostenuto.

VOICES

Male/maschile Tenor Baritone Bass

HIGH INTERMEDIATE LOW

Female/femminile Soprano Mezzo-soprano Contralto2

Non confondere con il termine ALTO, usato per 1. i bambini (maschi) nella fase della postpubescenza (il termine che designa la voce infantile nella fase della pre-pubescenza TREBLE); 2. la voce femminile grave nella scrittura corale a 4 parti (SATB: Soprano, Alto, Tenor, Bass); 3. indicare una precisa estensione allinterno di una famiglia di strumenti.

Intervalli (Intervals)

Poich lintervallo, come noto, classificabile in Maggiore (MAJOR, abbreviato in M), Minore (MINOR, abbreviato in m), Giusto (PERFECT, abbreviato in P), Diminuito (DIMINISHED, abbreviato in d), Aumentato (AUGMENTED, abbreviato in A), Pi che aumentato (DOUBLY abbreviato in DA) e Pi che diminuito (DOUBLY
DIMINISHED, AUGMENTED,

abbreviato in

Dd), si considerer la relativa natura, nellaccezione grammaticale, come aggettivo e, quindi, verr collocata prima del numerale di riferimento: a major second, a minor third, a perfect fourth, a diminished/augmented fifth ecc.. ALCUNE PRECISAZIONI: - STEP, usato per descrivere generici intervalli di seconda; - SKIP (LEAP), usato per descrivere generici intervalli di terza in poi; - Il termine Unisono pu essere tradotto con UNISON o PRIME; - La dicitura di ogni intervallo pu essere abbreviata usando le lettere riportate tra parentesi nel paragrafo precedente: es. C-D = M2 (major second); F-Ab = m3 (minor third); C-C = P8 o PU/PP (in base al contesto: perfect octave oppure perfect unison/perfect prime); C-E# = A3; D-Ab = d5.

Armonia (Harmony)
QUADRIADI/TETRADS

Per la costituzione degli accordi, valgono gli stessi termini impiegati per gli intervalli: major, minor, diminished, augmented:

MAJOR root, M3, P5; MINOR root, m3, P5; AUGMENTED root, M3, A5; DIMINISHED root, m3, d5;

Gradi della scala (Degrees of the scale)

Il VI grado conosciuto anche come Superdominant ma meno frequente limpiego di questo termine. Si preferisce, come indicato nello schema, il termine Submediant per lidea implicita di trovarsi una terza sotto la tonica!

KEY /TONALIT
In riferimento allo schema proposto nei manuali di teoria e solfeggio in merito il calcolo della tonalit nella fattispecie il circolo delle quinte e delle quarte -, si osservi il corrispondente nella cultura anglofona:

FA DO SI MI FA SOL RE LA DO

SI MI

b
SOL

LA RE

F C B F

B E

# #
G E D A C

b
A D G

In Inglese, per la memorizzazione della successione delle alterazioni si utilizzano le locuzioni:


Father Charles Goes Down And Ends oppure Fat Cats Go Down Alleys Eating Birds
Battle Ends And Down Goes Charles's Father

Battle per le tonalit con i diesis

per le tonalit con i bemolle

Ne deriva che, per chiedere cosa porta in chiave (KEY

SIGNATURE

larmatura in chiave) una data tonalit si user lespressione: How many sharps or flats are there in the key of F minor? e si risponder semplicemente: 4 flats Nel caso in cui si parta dal presupposto che si sa se una tonalit abbia in armatura diesis o bemolle ma la domanda mira a conoscerne il numero, si chieder: How many sharp notes does B maj have? How many flat notes does Ab maj have? Anche in questo caso la risposta sar diretta. Se, nel caso di Do maggiore o La minore, non vi sono alterazioni, si potr dire no changes in the key, no accidentals in the key signature oppure no flats or sharps.