Sei sulla pagina 1di 4

Propriet epatoprotettrici di estratti vegetali Protezione epatica e miglioramento strutturale: Melcalin Epadox

Introduzione
Le attivit svolte dal fegato nell'oganismo sono molteplici e comprendono l' immagazzinamento del glicogeno (Gly)1, la sintesi delle proteine del plasma tra cui l'albumina e fattori di coagulazione, la produzione di bile, la disintossicazione da tossine, scorie ed altri elementi nocivi introdotti nell'organismo con l'alimentazione o a causa dell'inquinamento ambientale ed essenziale nel metabolismo dei farmaci (il fegato rende questi composti idrosolubili facilitandone l'eliminazione renale). Viste le molteplici azioni che questo importante organo svolge necessario preservarne lo stato funzionale con uno stile di vita corretto e qualora questo non fosse sufficiente si pu integrare l'alimentazione con prodotti specifici che aiutino a mantenerne o addirittura a migliorarne l'architettura. Ci sono piante di provata efficacia per le problematiche epatiche come la cicoria, la curcuma e l'artemisia che possono essere indicate quando la funzionalit epatica sia compromessa o semplicemente quando il fegato si trovi in una situazione di sovraccarico di lavoro a causa per esempio di una terapia farmacologica. E' noto che la maggior parte dei farmaci viene metabolizzata a livello epatico per cui ogni farmaco fa aumentare il lavoro del fegato e tanto maggiore l'associazione di farmaci in una polifarmacoterapia tanto maggiore sar il sovraccarico a cui quest'organo dovr far fronte. Si stimato che il danno epatico indotto da farmaci rappresenta fino al 7% di tutte le reazioni avverse che queste sostanze possono causare: questo perch i farmaci sono in grado di provocare danni diretti agli epatociti, ai dotti biliari e alle strutture vascolari e possono interferire con il flusso della bile. Pertanto un'integrazione con prodotti vegetali rappresenta un ottimo supporto naturale soprattutto nel caso in cui ci si trovi a dover affrontare una terapia farmacologica.

Funzione di sintesi (metabolismo proteico, glucidico e lipidico)


Il fegato importante per il metabolismo proteico: al contrario delle cellule muscolari che sintetizzano proteine per il loro uso esclusivo, gli epatociti sintetizzano proteine importanti per le funzioni di tutto l'organismo infatti la maggior parte delle proteine circolanti sintetizzata proprio da quest'organo. A livello epatico vengono prodotte proteine di trasporto (albumina, transferrina, lipoproteine), proteine del sistema immunitario (proteine del sistema del complemento, proteine della fase acuta) e fattori di coagulazione. Una proteina sintetizzata durante un evento acuto la proteina C-reattiva la cui produzione epatocellulare stimolata in modo importante da citochine proinfiammatorie quali TNF-alfa, IL-6 e IL-1 25 mentre una delle proteine pi abbondanti nel plasma, la cui produzione riflette la capacit di sintesi epatica, l'albumina che tra le diverse azioni svolge anche la funzione di trasporto e di mantenimento della pressione oncotica intravascolare (vd
Albumina: Azioni e Alterazioni. Benefici di una supplementazione con albumina tamponata: Pralbumina www.portaledinu.it/press).

Il fegato essenziale per il metabolismo dei carboidrati: al fine di mantenere costanti i livelli di glucosio all'interno del range fisiologico, il fegato funziona come struttura in grado di stoccare e cedere glucosio al bisogno. Il glucosio una volta nel fegato subisce una serie di trasformazioni mediante le quali viene stocato sottoforma di glicogeno, quando i livelli di glucosio nel sangue scendono, il glucagone stimola il glicogeno ad essere riconvertito in glucosio mantenendo cos valori adeguati di glicemia. Il fegato gioca un ruolo chiave anche nel metabolismo lipidico essendo il centro della sintesi degli acidi grassi, del colesterolo e di VLDL (lipoproteine a bassissima densit)12,13,14,15.
Propriet epatoprotettrici di estratti vegetali Protezione epatica e miglioramento strutturale: Melcalin Epadox Autore: Dario Boschiero, Laura Converso

Rev. 0 Data: 15/10/2012

Stoccaggio
Il glicogeno (Gly)1 una forma di deposito di glucosio che pu essere mobilitato rapidamente. Si tratta di una polimero ramificato molto grande che che pu essere scisso per produrre molecole di glucosio quando necessaria energia. Le due sedi principali di accumulo di glicogeno sono fegato e muscolo scheletrico. La concentrazione di glicogeno maggiore nel fegato rispetto ai muscoli (10% contro 2% in peso), ma viene stoccato pi glicogeno nel muscolo scheletrico a causa della sua maggiore massa. Nel fegato, la sintesi e la degradazione del glicogeno sono regolate per mantenere la glicemia necessaria a soddisfare le esigenze dell'organismo nel suo complesso mentre nel muscolo questi processi sono regolati al fine di soddisfare le esigenze energetiche del muscolo stesso18. Il fegato funge da zona di stoccaggio anche di alcune vitamine, quali A, D e B12 e di ferro.

Funzione di detossificazione/metabolismo dei farmaci


Il fegato l'organo centrale di detossificazone di sostanze esogene ed endogene. Le sostanze idrosolubili vengono eliminate dai reni mentre le sostanze liposolubili vengono trasformate in sede epatica prima di essere eliminate. Nel fegato le biotrasformazioni possono portare non solo alla detossificazione, ma in certi casi si ha l'attivazione di alcune molecole (es. profarmaci). Il processo di detossificazione pu essere diviso in pi fasi: in una le sostanze lipofiliche sono coniugate con un gruppo reattivo che ne migliora la polarit molecolare (questa fase pu essere sufficiente a rendere la sostanza idrofilica e facilitarne l'eliminazione renale). In un'altra i prodotti che si sono formati nella prime fase vengono coniugati con sostanze come l'acido glucuronico o con alcuni amino acidi al fine di creare molecole caratterizzate da una migliore idrofilicit che quindi possono essere escrete ancora meglio dal fegato nel lume intestinale mediante la secrezione di bile. Alcune molecole dannose per il nostro organismo che sono eliminate dal fegato sono l'alcol e l'ammonio. La degradazione dell'alcool prevede l'attivazione di enzimi alcool deidrogenasi che metabolizzano l'alcol ad acetaldeide e poi ad acido acetico che verr successivamente integrato come acetil-CoA nel ciclo dell'acido citrico. L'assunzione di alcol per lunghi periodi e ad alte dosi pu costituire un serio danno per l'organismo infatti questa sostanza in grado di indurre la sintesi di un sottotipo di citocromo (CYP2E1) che rilascia specie reattive dell'ossigeno contribuendo cos allo stress ossidativo inoltre, se il fegato non riesce a smaltire l'eccesso di etanolo, riverser in circolo l'acetaldeide che risulta essere una sostanza altamente tossica per l'intero organismo. Dalla degradazione delle proteine e dell'urea si forma l' ammonio. Il fegato produce e metabolizza l'ammonio mediante due sistemi di detossificazione: il ciclo urea/ornitina e il ciclo di glutammato.

Statistiche tossicit da farmaci


Tramite la circolazione portale (che convoglia al fegato il sangue proveniente dal tratto gastrointestinale) il fegato costantemente esposto agli xenobiotici ingeriti e di conseguenza svolge un ruolo predominante nella biotrasformazione dei farmaci. Il danno epatico indotto da farmaci rappresenta fino al 7% di tutte le reazioni avverse che possono manifestarsi in seguito ad assunzione farmacologica; questo avviene perch i farmaci sono in grado di provocare danni diretti agli epatociti, ai dotti biliari e alle strutture vascolari e possono interferire con il flusso della bile. Le manifestazioni pi comunemente riscontrate comprendono epatite, colestasi, steatosi, cirrosi, lesioni vascolari e neoplastiche e insufficienza epatica fulminante16,17. Va aggiunto che la tossicit da farmaci pu essere aggravata da fattori quali malattie epatiche come la cirrosi nella quale si assiste a un cambiamenti nel flusso sanguigno e nella funzione epatica che alterano la disponibilit del farmaco e dall'et: l'invecchiamento porta in molti casi a un certo declino della funzione epatica che causa variazioni dal 25% al 35% nel flusso ematico del fegato, nella massa epatica e nel metabolismo del citocromo P450. Ci sono anche altri fattori che contribuiscono all'elevata incidenza di tossicit indotta da farmaco nei soggetti anziani, come riduzione della funzionalit renale, l'aumento della massa grassa che causa un'alterata
Propriet epatoprotettrici di estratti vegetali Protezione epatica e miglioramento strutturale: Melcalin Epadox Autore: Dario Boschiero, Laura Converso

Rev. 0 Data: 15/10/2012

biodisponibilit del farmaco, la diminuzione della massa magra corporea e la politerapia; si stimato che nella popolazione geriatrica dal 20% al 25% di tutti i casi di epatite sono indotti da farmaco, mentre per tutte le et l'incidenza varia dal 2% al 5% di tutte le ospedalizzazioni per ittero19.

Attivit epatoprotettiva di alcuni composti


La Cicoria ha diverse propriet tra cui quella di abbassare la glicemia, i lipidi, ridurre l'acido urico e ha anche un'attivit epatoprotettiva. accertato che la terapia con estratti di cicoria porta alla normalizzazione di alcune caratteristiche morfofunzionali del fegato (diminuisce le zone di necrosi e aumenta l'attivit di sintesi proteica): in esperimenti in cui stata indotta l'epatite con tetracloruro di carbonio si sono misurati i valori di alcuni enzimi epatici come l'aspartato transaminasi (AST), l'alanina transaminasi (ALT) e la fosfatasi alcalina (ALKP) rilevando che il loro aumento veniva ridotto di molto se si somministravano estratti a base di cicoria indicando, non solo che i suoi composti sono in grado di migliorare la funzionalit epatica ma anche che la pianta presenta una potente attivit anti-epatotossica comparabile a quella della Silimarina (forte epatoprotettore). In vitro si osservata anche un'attivit protettiva nei confronti del danno ossidativo a carico del DNA indotto da radicali liberi e l'inibizione di tipo dose-dipendente 2,3,4,5,6. La Curcuma in grado di prevenire il danno ossidativo grazie alle sue propriet anti-ossidanti. Studi su animali in cui era stata indotta l'epatite hanno dimostrato l'effetto epatoprotettivo dell'estratto di questa radice: il preparato ha aumentato significativamente l'eliminazione della sostanza marker somministrata suggerendolo come trattamento per migliorare la funzionalit epatica grazie alla sua azione di rapida disintossicazione. La curcumina un componente estratto dalle radici di Curcuma longa che presenta forti attivit antiossidanti ed epatoprotettive. Ricerche hanno mostrato gli effetti benefici sugli epatociti che si manifestano con un aumento significativo dell'attivit metabolica delle cellule e un miglioramento dello stress ossidativo. Altri studi hanno valutato gli effetti protettivi della Curcuma nel danno epatico indotto, misurando l'aspartato aminotransferasi (AST) e l'alanina aminotransferasi (ALT): entrambi i valori erano significativamente diminuiti nel gruppo che aveva assunto estratto di curcuma inoltre gli enzimi antiossidanti come la superossido dismutasi, la catalasi e il glutatione perossidasi erano notevolmente aumentati nel gruppo che aveva assunto estratto di curcuma indicando che l'estratto ha significativi effetti epatoprotettivi7,8,9,10. E' stato dimostato anche l'effetto epatoprotettivo dell'estratto grezzo di Artemisia vulgaris, confermato dall'istopatologia del fegato che mostrava una migliore architettura epatica e una diminuzione delle zone di necrosi e ci ha attestato in modo scientifico la validit di questa pianta gi usata dalla tradizione popolare per i disturbi epatici11.

Conclusioni
Il fegato svolge molte funzioni nel nostro organismo essendo sede di sintesi, trasformazione, detossificazione e stoccaggio; un organo costantemente esposto alle sostanze che introduciamo dall'esterno e la sua importanza nei processi di detossificazione notevole. Mantenerlo in buono stato attraveso uno stile di vita corretto che eviti gli eccessi alimentari e l'eccessiva assunzione di alcolici importante ma molto spesso non sufficiente per altri fattori indipendenti dalla nostra volont, basti pensare alla terapia farmacologica che si deve affrontare in seguito a una patologia; tanto maggiore saranno i farmaci necessari e tanto maggiore sar il sovraccarico epatico causato. Per supportare il fegato in questo eccesso di lavoro si pu agire con una strategia naturale usando erbe di provata efficacia come cicoria, curcuma, e artemisia che sono in grado di proteggere il fegato e di migliorane le eventuali zone lesionate. Melcalin Epadox contiene estratti di cicoria, curcuma e artemisia che come visto, hanno provata efficacia nel migliorare i parametri biochimici oltre ad avere un'ottima azione
Propriet epatoprotettrici di estratti vegetali Protezione epatica e miglioramento strutturale: Melcalin Epadox Autore: Dario Boschiero, Laura Converso

Rev. 0 Data: 15/10/2012

antiossidante2,3,4,5,6. Cicoria e curcuma sono utili per migliorare lo stress ossidativo avendo entrambe un'attivit antiossidante, l'artemisia di cui gi la tradizione ne conosceva e ne sfruttava le propriet epatoprotettrici, ha dimostrato anche dopo studi clinici la sua capacit di migliorare l'architettura epatica e di ridurre le zone di necrosi11. Gli estratti di Citrus sinensis, Cnicus Benedictus e di Melissa Officinalis concorrono a migliorano l'azione del preparato aumentandone l'efficacia antiossidante20,21,22,23,24. La somministrazione prevede 30 gtt di Epadox diluite in una bottiglietta dacqua da mezzo litro, a cui si consiglia di aggiungere anche 30 gtt di Rendox da bere durante la mattinata in modo da favorire un miglior drenaggio.
Bibliografia
1 Diagnostica differenziale con bioimpedenza- Medical Device BIA-ACC Biotekna. Gly=Glycogen: glicogeno. 2 Westferry Circus, Canary Wharf. An agency of the European Union. European Medicines Agency, 2012. Reproduction is authorised provided the source is acknowledged. 22 May 2012 EMA/HMPC/113041/2010 Committee on Herbal Medicinal Products (HMPC) 3 Krylova SG, Efimova LA, Vymiatina ZK, Zueva EP. [The effect of cichorium root extract on the morphofunctional state of liver in rats with carbon tetrachloride induced hepatitis model]. Eksp Klin Farmakol. 2006 Nov-Dec;69(6):34-6. 4 Hassan HA, Yousef MI. Ameliorating effect of chicory (Cichorium intybus L.)-supplemented diet against nitrosamine precursors induced liver injury and oxidative stress in male rats. Food Chem Toxicol. 2010 Aug-Sep;48(8-9):2163-9. Epub 2010 May 15. 5 Zafar R, Mujahid Ali S. Anti-hepatotoxic effects of root and root callus extracts of Cichorium intybus L. J Ethnopharmacol. 1998 Dec;63(3):227-31. 6 Wang Q, Cui J. [A review on pharmic effect of chicory research and development]. Zhongguo Zhong Yao Za Zhi. 2009; Sep;34(17):2269-72. 7 Illouz S, Alexandre E, Pattenden C, Mark L, Bachellier P, Webb M, Berry D, Dennison A, Richert L. Differential effects of curcumin on cryopreserved versus fresh primary human hepatocytes. Phytother Res. 2008 Dec;22(12):1688-91. 8 Deshpande UR, Joseph LJ, Samuel AM. Hepatobiliary clearance of labelled mebrofenin in normal and D-galactosamine Hcl-induced hepatitis rats and the protective effect of turmeric extract. Indian J Physiol Pharmacol. 2003 Jul;47(3):332-6. 9 Padmaja S, Raju TN. Protective effect of curcumin during selenium induced toxicity on dehydrogenases in hepatic tissue. Indian J PhysiolPharmacol. 2005 Jan;49(1):111-4. 10 Lee HS, Li L, Kim HK, Bilehal D, Li W, Lee DS, Kim YH. The protective effects of Curcuma longa Linn. extract on carbon tetrachlorideinduced hepatotoxicity in rats via upregulation of Nrf2. J Microbiol Biotechnol. 2010 Sep;20(9):1331-8. 11 Gilani AH, Yaeesh S, Jamal Q, Ghayur MN. Hepatoprotective activity of aqueous-methanol extract of Artemisia vulgaris. Phytother Res. 2005 Feb;19(2):170-2. 12 J Anim Physiol Anim Nutr (Berl). 2008 Jun;92(3):272-83. Liver lipid metabolism. Nguyen P, Leray V, Diez M, Serisier S, Le Bloc'h J. 13 Z Gastroenterol. 2007 Jan;45(1):35-41.Lipid metabolism in the liver. Canbay A, Bechmann L. 14 Journal of Nutrition and Metabolism. Exercise Intensity Modulation of Hepatic Lipid Metabolism. Fbio S. Lira, Luiz C. Carnevali Jr, Nelo E. Zanchi, Ronaldo VT. Santos, Jean Marc Lavoie and Marlia Seelaender 15 Role of the liver in the control of carbohydrate and lipid homeostasis. C Postic, R Dentin, J Girard 16 Bookshelf ID: NBK6102. Drug-Induced Cholestatic Liver Disease. Gerd A. Kullak-Ublick. 17 Pharmacol Res. 1996 Jun;33(6):337-42. Altered hepatic metabolism of fatty acids in rats fed a hypolipidaemic drug, fenofibrate. Yamamoto K, Fukuda N, Zhang. 18 Bookshelf ID: NBK21190. Chapter 21Glycogen Metabolism 19 Bookshelf ID: NBK12508. Alterations in Hepatic Metabolism of Drugs 20 Biomed Chromatogr. 2009 Mar;23(3):239-49. The phytochemical analysis and antioxidant activity assessment of orange peel (Citrus sinensis) cultivated in Greece-Crete indicates a new commercial source of hesperidin. Kanaze FI, Termentzi A, Gabrieli C. 21 Pharm Biol. 2011 Mar;49(3):276-82. Antioxidant capacity of hesperidin from citrus peel using electron spin resonance and cytotoxic activity against human carcinoma cell lines. Al-Ashaal HA, El-Sheltawy ST. 22 AncSci Life. 2009 Oct;29(2):3-6. In vitro antioxidant activities of Asteraceae Plants. Vijaylakshimi S, Nanjan MJ. 23 Journal of Medicinal Plants Research Vol. 5(2), pp. 217-222, 18 January, 2011. Antioxidant activity of Melissa officinalis leaves. Ekrem Koksal1, Ercan Bursal, Emrah Dikici, Fatih Tozoglu and Ilhami Gulcin 24 Phytother Res. 2004 Oct;18(10):789-92. Antioxidant activity of supercritical extract of Melissa officinalis subsp. officinalis and Melissa officinalis subsp. Inodora. Marongiu B, Porcedda S, Piras A. 25 Pathology Patterns Reviews. S108 Am J Clin Pathol 2001;116 (Suppl 1):S108-S115 American Society of Clinical Pathologists Inflammation and Atherosclerosis. The Value of the High-Sensitivity C-Reactive Protein Assay as a Risk Marker
Propriet epatoprotettrici di estratti vegetali Protezione epatica e miglioramento strutturale: Melcalin Epadox Autore: Dario Boschiero, Laura Converso

Rev. 0 Data: 15/10/2012