Sei sulla pagina 1di 34

Tecnologia Meccanica prof.

Luigi Carrino

CAPITOLO 7

Frattura DUTTILE o FRAGILE


La frattura causa la separazione di un solido stressato in due o pi parti.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Comportamento duttile e fragile

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Frattura dei Metalli Frattura Duttile


La frattura causa la separazione di un solido sollecitato in due o pi parti.
Frattura duttile : alta deformazione plastica e lenta propagazione della cricca

a) b) c) d)

Inizio della strizione Coalescenza delle cavit ed inizio della rottura Propagazione della frattura interna Rottura (per coppa e cono)

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Frattura duttile

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Frattura Fragile

Un materiale fragile un materiale che si rompe dopo un allungamento percentuale di circa il 5%.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Frattura Duttile e Fragile

Frattura duttile

Frattura fragile

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Frattura Fragile Le fratture fragili nei metalli sono dovute a difetti come:
pieghe porosit strappi e cricche danni da corrosione infragilimento da idrogeno ( 14.5.11)

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Frattura Fragile

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Tenacit
La tenacit una misura della quantit di energia che un materiale in grado di assorbire prima di giungere a rottura; questa propriet di notevole importanza tecnologica in relazione allattitudine di un materiale a resistere a sollecitazioni di urto senza rompersi. In pratica definita dal lavoro occorrente per rompere con un sol colpo un provino del materiale in esame (prova di resilienza). La tenacit si indica col simbolo K e si misura in [J].

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Prova di Resilienza
La prova di resilienza indice della tenacit del materiale; un materiale pu essere definito tenace quando possiede una buona resistenza a trazione (max) accoppiata a un buon allungamento (A%) e a una buona resilienza (K).

Linverso della tenacit [1/K] d indicazione sulla fragilit del materiale: quanto pi grande la tenacit, tanto pi piccola risulta la fragilit.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Un materiale ha modulo di resilienza tanto pi elevato quanto pi elevato il carico unitario al limite elastico e quanto pi basso il modulo di Young.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Velocit di carico
Aumentando la velocit di carico: Aumenta la tensione di snervamento e il carico a rottura Diminuisce lallungamento percentuale a rottura

Carico ad impatto: Test molto severo Pi fragile Minore tenacit

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Prova di Resilienza (UNI 4431 / UNI EN 10045)


la prova meccanica che determina la resistenza agli urti dei materiali. una prova distruttiva in quanto provoca la rottura del provino in esame. Si esegue mediante il pendolo di Charpy.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Prova di Resilienza
Energia potenziale gravitazionale

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Prova di Resilienza

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Prova di Resilienza
Le norme prescrivono che la macchina deve rendere disponibile unenergia nominale di 30010 J, che la velocit di impatto deve risultare compresa nellintervallo 55.5 m/s. La superficie della provetta dopo la rottura si presenter poco riflettente e di aspetto fibroso se la rottura stata di tipo duttile, cio preceduta da una notevole deformazione plastica. Nel caso di frattura fragile la superficie di rottura si presenter riflettente in quanto la deformazione plastica praticamente nulla. I risultati vengono espressi con la seguente simbologia: KU nel caso di provino con intaglio a U KV nel caso di provino con intaglio a V

Se le condizioni di prova non sono quelle normali necessario completare il simbolo con altre indicazioni: energia disponibile della macchina e le dimensioni della provetta.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Prova di Resilienza
La temperatura normale di prova 235C. Per prove a temperature differenti, la provetta deve essere immersa nel mezzo di raffreddamento o riscaldamento per un tempo sufficiente a far raggiungere allintera provetta la temperatura prescritta e non devono trascorrere pi di 5s tra il prelevamento a temperatura controllata e la fine della prova.

I valori di resilienza possono variare sensibilmente, infatti a basse temperature la resilienza assume valori decisamente inferiori a quelli ottenuti a temperatura superiore. Inoltre, si evidenzia un campo di temperature in cui i valori di resilienza subiscono una brusca variazione

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Prove di impatto
Utilizzate anche per trovare lintervallo di temperatura della transizione duttile-fragile

(Da J.A.Rinebolt e W.H. Harris, Trans. ASM, 43: 1175(1951))

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Transizione duttile - fragile

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Transizione duttile - fragile

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Influenza del tenore di carbonio

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Curiosit

Affondamento del Titanic: il Titanic era costruito con acciaio con temperatura di transizione duttile-fragile a 32C. Il giorno dellaffondamento, la temperatura del mare era -2C che rese la struttura molto fragile e suscettibile al danneggiamento.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Curiosit

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Tenacit a Frattura Le cricche e i difetti sono concentrazioni di sforzi


K I = Y a
KI = fattore di intensit di sforzo = sforzo applicato a = lunghezza apice cricca Y = costante geometrica

KIc = valore critico di fattore di intensit degli sforzi (tenacit a frattura)

Con f = carico a rottura

= Y f a

Esempio: Al 2024 T851 Acciaio 4340

26.2MPa m1/2 60.4MPa m1/2

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Misura di Tenacit a Frattura


un intaglio viene realizzato su un provino di spessore B B>>a condizione di deformazione piana B = 2.5(KIc/sforzo di snervamento)2 Il provino testato a trazione Provino di tipo compact-tension Maggiore il valore di KIc, maggiore la duttilit del metallo Usato nella progettazione per ricavare la dimensione permessa del difetto

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Comportamento a fatica
I primi studi intorno alla fatica vennero compiuti alla fine del secolo XIX, in seguito a una serie di rotture "inspiegabili" di assali ferroviari progettati per resistere a carichi (statici) ben superiori a quelli cui invece avveniva la loro rottura improvvisa in esercizio. In questo senso fondamentale l'opera di August Whler, il quale intu che il fenomeno era dovuto alla natura ciclica del carico cui l'assale era sottoposto e tent di ricostruire lo stato di sollecitazione in laboratorio, mettendo in relazione l'ampiezza massima del ciclo di sollecitazione con il numero di cicli che il pezzo sopportava prima della rottura: ne ricav una serie di curve su base statistica che ancora oggi sono chiamate diagrammi di Wohler e costituiscono lo strumento base per la progettazione di componenti meccanici sollecitati a fatica. Da questi diagrammi si evidenzia per alcuni materiali l'esistenza di un limite inferiore di sforzo massimo al di sotto del quale il materiale non si rompe per effetto di fatica nemmeno per un numero "molto alto" (idealmente infinito) di cicli. Questo valore dello sforzo detto limite di fatica del materiale.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Comportamento a fatica

Nel caso dei materiali metallici (di gran lunga il pi importante e il pi studiato) la fatica legata ai fenomeni di microdeformazioni plastiche cicliche locali indotte dal ciclo di sollecitazioni. Esse sono dovute al fatto che, per effetto di vari tipi di microintagli e/o discontinuit (bordi di grano, inclusioni non metalliche, composti interstiziali, rugosit superficiali), localmente il valore dello sforzo pu superare il carico di snervamento anche se il carico macroscopico esterno rimane sempre al di sotto di esso.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Fattori metallurgici di influenza

Il limite di fatica si lega inevitabilmente con la tensione di rottura Rm e quindi con i fattori che la modificano: composizione: per Rm non troppo elevato, la composizione non influisce particolarmente, mentre con Rm elevato si nota una maggiore resistenza a fatica degli acciai legati; dimensione della grana cristallina: mediamente una struttura fine comporta l'aumento di Rm e quindi del limite di fatica; morfologia: strutture globulari e lamellari (al decrescere della distanza delle lamelle) sono favorite; la struttura migliore quella della sorbite; l'austenite residua e le inclusioni non metalliche sono fattori negativi; la fibratura comporta una minore resistenza a fatica per un provino ricavato trasversalmente alla direzione di laminazione; incrudimento: nonostante esso provochi l'aumento di Rm, non consigliabile in quanto collateralmente causa l'aumento della difettosit e quindi delle microcricche.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Fattori meccanici di influenza


Si considerano come fattori meccanici tutti quelli legati all'esercizio e al dimensionamento del pezzo metallico. La concentrazione di tensioni, dovuta a intagli previsti o a irregolarit superficiali o interne non volute, permette alla cricca di fatica di originarsi con maggiore facilit, direttamente dal secondo stadio. Dato che la cricca inizia spesso sulla superficie del pezzo, l'estensione di quest'ultima proporzionale alla probabilit d'innesco. necessario eliminare i solchi lasciati dagli utensili di lavorazione, in quanto in essi si crea una concentrazione di tensioni. Comunque una superficie ben levigata apporta significativi vantaggi solo su pezzi in acciai ad alta resistenza, per i quali quindi indinspensabile una accurata lavorazione. Si sottolinea poi che importante pure evitare che una successiva corrosione crei irregolarit superficiali. Si pu ridurre l'effetto degli sforzi di trazione creando una compressione superficiale sul pezzo: mediante pallinatura, rullatura o smerigliatura. Bisogna solo porre attenzione a non favorire la formazione di microcricche sotto pelle.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Prove a fatica

Sono possibili differenti tipi di cicli di sforzo (assiale, torsionale e flessionale)

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Creep (scorrimento viscoso a caldo) nei Metalli


Il creep la deformazione progressiva a sforzo costante. Importante per applicazioni ad alta temperatura . Creep primario: velocit di creep diminuisce col tempo per incrudimento. Creep secondario : velocit di creep costante per processi simultanei di incrudimento e di recupero. Creep terziario: velocit di creep aumenta con il tempo (a causa della formazione di microvuoti ai bordi grano e al relativo scorrimento di tali bordi) portando a strizione e rottura.

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Prova di Creep
La prova di creep determina leffetto della temperatura e dello sforzo sulla velocit di creep. I metalli sono testati a sforzi costante a differente temperatura e temperatura costante con sforzo differente.

Alta temperatura o stress

Media temperatura o stress Resistenza al creep: Stress per produrre Bassa temperatura o stress una velocit minima di creep di 10-5%/h

ad una determinata temperatura

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

Prova di Creep a rottura


La prova di creep a rottura come la prova di creep, ma finalizzata alla rottura del provino Diagrammato come log sforzo vs log tempo di rottura Il tempo per la rottura diminuisce con laumento di sforzo e temperatura

(Da H.E. McGannon [ed]. The making, shaping and Treating of Steel, 9th ed., United States Steel, 1971, p. 1256

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino

PROVE TECNOLOGICHE
Hanno lo scopo di determinare lattitudine dei materiali a subire determinati processi ai quali saranno sottoposti per realizzare un certo prodotto.

Piegamento Colabilit Temprabilit (UNI 3151) Imbutitura (UNI EU 14)