Sei sulla pagina 1di 120

D I G I T A L

K E Y B O A R D S

manuale d'istruzioni

genesys xp

Italiano

MESSAGGI SPECIALI
SIMBOLI DI PERICOLO:
I prodotti elettronici Generalmusic possono avere etichette simili a quelle illustrate di seguito in questa sezione. Osservate attentamente le precauzioni indicate nelle istruzioni di sicurezza.
Il punto esclamativo all'interno di un triangolo equilatero serve a segnalare l'esistenza di importanti istruzioni duso e di manutenzione nella documentazione che correda lo strumento. il simbolo del fulmine con la freccia all'interno di un triangolo equilatero serve a segnalare la presenza di "tensioni pericolose" all'interno dell'apparecchio, che possono essere di intensit sufciente a costituire un rischio di scossa elettrica.

NOTA IMPORTANTE
Tutti i prodotti elettronici Generalmusic sono stati collaudati ed approvati da un laboratorio di test per la sicurezza, cos da poter eliminare ogni rischio prevedibile correlato alluso dello strumento, ovviamente se questo e stato correttamente installato ed usato. NON modicate questa unit e non incaricate altri di farlo, gli standard di sicurezza ed operativit dello strumento potrebbero diminuire, e come ulteriore conseguenza questo farebbe decadere la garanzia.

PRECAUZIONI IMPORTANTI A TUTELA DELLA SICUREZZA PERSONALE


ISTRUZIONI RIGUARDANTI IL RISCHIO D'INCENDIO, SCOSSE ELETTRICHE O DANNI ALLE PERSONE ATTENZIONE!

Durante l'utilizzo di apparecchiature elettriche occorre osservare le seguenti precauzioni: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. Leggete attentamente le istruzioni prima di utilizzare lo strumento. Per ridurre i rischi, necessaria una stretta sorveglianza quando lo strumento usato in presenza di bambini. Questa apparecchiatura, da sola oppure in combinazione con un amplicatore o una cufa, in grado di produrre livelli di suono tali da poter causare la perdita permanente dell'udito. Non fatela funzionare a lungo ad un volume fastidioso o troppo alto. Posizionate lo strumento in modo che gli sia garantita una corretta aereazione. Evitate di posizionare lo strumento in prossimit di fonti di calore tipo caloriferi, stufe e/o altre apparecchiature in grado di produrre calore. Evitate di usare questo apparecchio in un luogo eccessivamente polveroso. Lo strumento dovrebbe essere collegato ad una presa del tipo indicato sullo strumento stesso. Quando si prevede di non utilizzare lo strumento per un lungo periodo, meglio disinserire il cavo di alimentazione dalla presa di corrente. Non calpestate il cavo di alimentazione. Quando disinserite il cavo dalla presa, non tirate il cavo ma afferrate saldamente la spina. Evitate di far cadere piccoli oggetti (graffette, spilli) e di versare liquidi sullo strumento, poich potrebbero penetrare allinterno e causare danni allelettronica. Per l'assistenza dello strumento, rivolgetevi ad una persona qualicata quando: a. b. c. d. 13. sono stati danneggiati il cavo di alimentazione o la spina; sono caduti piccoli oggetti all'interno dell'apparecchio; lo strumento non funziona oppure mostra strani comportamenti durante il funzionamento; stata danneggiata la console che ospita le parti elettriche ed elettroniche.

A parte i piccoli interventi descritti nelle istruzioni per la manutenzione da parte dell'utente, non tentate di intervenire direttamente in caso di guasti. L'assistenza tecnica deve essere effettuata dal personale qualicato.

Generalmusic non responsabile per alcun danno derivante da uso improprio o da modiche apportate allo strumento, n per perdite o distruzione di dati.

SPECIFICHE SOGGETTE A MODIFICA


Le informazioni contenute in questo manuale sono ritenute esatte al momento della stampa. Generalmusic si riserva il diritto di modicare ogni specica tecnica senza obbligo di preavviso o aggiornamento delle unit esistenti.

Conservate questo manuale duso

INDICE DEL MANUALE


Genesys xp contenuto dell'imballo Connessioni Pannello di controllo Prima d'iniziare Controllare la versione del sistema operativo Come aggiornare il sistema operativo La Pagina di SYSTEM SET UP Pag.1 Pag.1 Pag.2 Pag.4 Pag.4 Pag.4 Pag.5

USARE LA GENESYS XP COME STRUMENTO AUTONOMO


Diagramma a blocchi Introduzione Accensione dello strumento Creazione del repertorio Sezione SONG PLAYER Comandi SONG PLAYER Schermata SONG: selezionare una song in formato MIDI Schermata SONG: selezionare una song in formato AUDIO Volume della SONG Gestione del repertorio con la DB LIST Copiare i files musicali nell'hard disk Copiare i files in formato GEM usando la funzione MULTICOPY Copiare i files MP3 o MIDIFILES usando la funzione COLLECT Creazione della DB LIST Uso della DB LIST Preselezione di una nuova SONG Cambiare l'ordine di visualizazzione nella DB LIST Trasposizione in tempo reale dei files MIDI usando la DB LIST Visualizzazione del contenuto multimediale dei files musicali Ricerca veloce delle SONGS nella DB LIST: FUNZIONE SEARCH DB LIST Edit menu Aggiungere un file alla DB LIST Cancellare un file dalla DB LIST Cambiare la posizione di un file nella DB LIST Modificare gli attributi dei files nella DB LIST DB Scan Come programmare una PLAY LIST Uso del sequencer di Genesys xp per editare una SONG MIDI Caricare una SONG da un driver nel sequencer (Floppy, CD Rom, Hard disk) Cambiare la tonalit di una SONG F2 M.TRANSPOSE EN. (Master Transpose Enable) F3 DETUNE F4 RANDOM PITCH F5 TOUCH SENSITIVITY F6 MODE PRIORITY F7 VEL. CURVE (velocity Curve) F8 VEL.RANGE (Velocity Range)

Pag.6
Pag.6 Pag.6 Pag.6 Pag.7 Pag.7 Pag.9 Pag.10 Pag.11 Pag.11 Pag.12 Pag.12 Pag.12 Pag.14 Pag.16 Pag.18 Pag.18 pag.18 Pag.19 Pag.19 Pag.20 Pag.21 Pag.21 Pag.21 Pag.22 Pag.22 Pag.22 Pag.23 Pag.25 Pag.25 Pag.27 Pag.28 Pag.29 Pag.29 Pag.29 Pag.30 Pag.30 Pag.31

Indice Del Manuale

Genesys xp

EDIT PART PAGE 2 F2 DELAY F3 KEY RANGE F4 CREATE TRACK F7 COPY TRACK F8 ERASE TRACK Modificare i livelli del volume in una SONG F2 PAN F3 RANDOM PAN F4 AUDIO OUT F5 3D EFFECT F8 MIXER LOCK Edit degli effetti in una SONG MIDI Tipo di effetto SEND LEVEL (livello della mandata) General Effect 1 Balance Programmazione degli effetti Salvataggio della SONG editata sull'hard disk DISK DRIVES F1 LOAD F2 SAVE F3 COPY F4 DELETE F5 RENAME F7 MULTICOPY F8 COLLECT Tasto funzione G: UTILITIES A: Floppy Disk B: Hard disk C: CD ROM D: RAM Tasto funzione H: PROPERTIES A: Floppy Disk B: Hard disk C: CD ROM D: RAM Visualizzazione delle propriet di una cartella o di un file APPENDICE AL CAPITOLO EDIT E FUNZIONI DEL DISCO Una speciale funzione di salvataggio Trasformare uno standard MIDI file in una SONG in formato GEM

Pag.31 Pag.31 Pag.32 Pag.32 Pag. 33 Pag.33 Pag.35 Pag.36 Pag.36 Pag.36 Pag.37 Pag.37 Pag.38 Pag.39 Pag.39 Pag.39 Pag.40 Pag.40 Pag.42 Pag.42 Pag.42 Pag.42 Pag.43 Pag.43 Pag.43 Pag.43 Pag.44

Pag.45

IL VOCAL GENIUS
F4 MIC Equalizer F5 Programmazione del riverbero F6 Programmazione del DELAY F7 TALKOVER F8 LOCK LA SEZIONE HARMONY
Indice Del Manuale

Pag.45 Pag.46 Pag.46 Pag.47 Pag.49 Pag.50 Pag.50 Pag.51 Pag.51 Pag.51 Pag.52
Genesys xp

Indice Del Manuale

Genesys xp

F1 VOLUME F2 PAN F3 EDIT F4 VOICE SET VOCAL GENIUS MODE ESEMPI Uso dei MIDIFILES con la traccia HARMONY Classico effetto VOCODER

Suonare dal vivo con la Genesys xp: le risorse


Selezione di un PRESET I pulsanti KEYBOARD MODE Editare i PRESETS: richiamare un sound in una PRESET PART La sezione EDIT EDIT PART EDIT PEDALS F2 Pedal assign (assegnazione pedali) MODO MULTIPEDAL SOUND EDIT QUICK Come salvare l'edit del PRESET: L'area USER PRESET SOUND EDIT PRO Waveform Volume & Balance Funzioni di utilit (Utility) Amplitude and Balance Envelope (inviluppo d'ampiezza e del balance) I parametri dell'inviluppo d'ampiezza Inviluppi d'ampiezza (key ON/key OFF) Balance Envelope (inviluppo del Balance) Parametri di controllo del Balance Envelope Filter (Filtri) Parametri di controllo del filtro LFO (oscillatore a bassa frequenza) Parametri dell'LFO PAN Parametri di controllo del PAN Envelope Memorizzare un suono Inserire i Nomi Il SAMPLE EDITOR Opzioni del Sample Editor Assign Sample (assegnazione di un sample) F6 Sample Editing Memorizzare i Samples F2 SAVE Architettura delle risorse della Genesys xp KEYBOARD HARMONY Selezionare gli styles di Genesys xp Funzioni di controllo degli styles Style Tools
Indice Del Manuale

Pag.52 Pag.52 Pag.53 Pag.53 Pag.54 Pag.54 Pag.54 Pag.55 Pag.57 Pag.57 Pag.58 Pag.58 Pag.59 Pag.59 Pag.60 Pag.61 Pag.61 Pag.62 Pag.62 Pag.63 Pag.63 Pag.64 Pag.65 Pag.66 Pag.66 Pag.66 Pag.67 Pag.67 Pag.67 Pag.67 Pag.68 Pag.68 Pag.68 Pag.68 Pag.69 Pag.69 Pag.70 Pag.70 Pag.71 Pag.71 Pag.72 Pag.72 Pag.73 Pag.74 Pag.75 Pag.75 Pag.76
Genesys xp

Indice Del Manuale

Genesys xp

Il men STYLES TOOLS Cambiare il punto di SPLIT La struttura dello style Che cos' un RIFF Editare il mixaggio degli styles EDIT del Drum Kit Styles Preset Memorizzare uno style preset modificato Le Memories Salvare le Memories Richiamare le Memories La Music Library

LA SEZIONE RECORDING STUDIO


Menu per la registrazione di una WAVE Stereo Schermata principale del registratore Il menu Wave Editor Insert silence Remove Silence Normalization Copy to file Append Edit Titles IL VOCAL REMOVER Acquisire (GRAB) una traccia da un CD audio Attivare il VOCAL REMOVER Menu per la registrazione di una Wave Mono Campionamento: Mono Sample CD STUDIO Masterizzare un CD ROM Masterizzare un CD Audio Il Sequencer F6 La pagina di TIME TEMPO INIZIARE A REGISTRARE Editare gli eventi della SONG ERASE MOVE COPY Quantize (quantizzazione) Insert Measures Delete Measures Velocity Transpose Microscope La Master Track F6 Edit Score F4 Get Score Aggiungere o inserire testo (lyrics)
Indice Del Manuale

Pag.76 Pag.77 Pag.78 Pag.78 Pag.78 Pag.79 Pag.80 Pag.80 Pag.81 Pag.81 Pag.81 Pag.82 Pag.83 Pag.83 Pag.84 Pag.85 Pag.85 Pag.85 Pag.85 Pag.85 Pag.85 Pag.85 Pag.86 Pag.86 Pag.86 Pag.86 Pag.87 Pag.88 Pag.88 Pag.89 Pag.90 Pag.91 Pag.91 Pag.92 Pag.93 Pag.93 Pag.93 Pag.93 Pag.94 Pag.94 Pag.95 Pag.95 Pag.95 Pag.96 Pag.97 Pag.97 Pag.97
Genesys xp

Indice Del Manuale

Genesys xp

Inserimento accordi Modo di registrazione EASY SONG Registrare nuovi Styles User Style Edit La funzione Copy La funzione Mask Le locazioni degli User Style La sezione Video Karaoke Il collegamento video Il MIDI F1 MIDI Channels F2 Configuration F3 MIDI Filters F4 General set F5 Common Arr. F6 MIDI Dump Il Menu System Setting I Pad Programmabili Salvare le impostazioni dei Pads MP3 LYRICS EDITOR Visualizzare il testo degli MP3 Scrivere o inserire il testo Aggiungere i TAGS di sincronizzazione

Pag.97 Pag.98 Pag.99 Pag.101 Pag.101 Pag.102 Pag.103 Pag.104 Pag.104 Pag.105 Pag.105 Pag.105 Pag.105 Pag.105 Pag.106 Pag.106 Pag.107 Pag.109 Pag.109 Pag.110 Pag.110 Pag.110 Pag.110

Le illustrazioni e le schermate di questo manuale sono da intendersi solo a scopo educativo e potrebbero risultare diverse da quelle contenute nello strumento.

Indice Del Manuale

Genesys xp

manuale d'istruzioni

genesys xp

Grazie per aver acquistato Genesys xp ! Ora potete realizzare tutto il vostro potenziale musicale usando la tecnologia pi avanzata contenuta in questo apparecchio ideale per le esecuzioni dal vivo. Leggete per favore questo manuale poich vi sono dettagliatamente descritte tutte le procedure per un corretto uso dello strumento.

Genesys xp contenuto dell'imballo


Genesys xp Cavo di alimentazione AC Cavo RCA per la connessione video Microfono CD ROM con il Sistema Operativo CD ROM musicale Manuale d'istruzioni

Genesys xp connessioni
Collegate lo strumento ad una presa AC Collegate lo strumento in stereo ( due cavi jack L/R ) ad un sistema di altoparlanti esterno. Genesys xp uno strumento di livello professionale. Per ottenere una buona qualit audio, consigliato l'uso di un adeguato impianto di amplificazione.

Lyrics, Chords, Score....


VIDEO OUT serve per connettere un monitor video o un televisore, per visualizzare il contenuto multimediale dei files musicali. (connessione RGB o S-VHS ) LINE/R-MIC/L connessione per una sorgente esterna con controllo di guadagno. AUDIO OUT: RIGHT/M-LEFT/M connessioni principali per un impianto di amplificazione esterno AUDIO OUT: OUT 1-OUT 2 uscite audio ausiliarie dello strumento

Connessione seriale Pc/Mac

Slot di espansione

Pedali programmabili: switch o continui

Collegamento per una tastiera standard da PC (Ps2)


PedaleVOLUME

Interfaccia MIDI (InOutThru) per connettere una apparecchiatura MIDI (tastiera o PC)

Unit MULTIPEDAL

Pag.1

manuale d'istruzioni

genesys xp

Genesys xp Pannello di controllo


Tutte le funzioni di Genesys xp sono accessibili dal pannello di controllo.
Tasti funzione A - H, per la selezione dei dati all'interno delle varie schermate. VOCAL GENIUS controlla i parametri del segnale esterno e le impostazioni del vocal processor PARTS serve per visualizzare tutte le parti musicali di una song o uno style. D-HOLD abilita o disabilita la funzione display hold

STYLE TOOLS permette l' accesso ai parametri di controllo fine di uno Style CD STUDIO tasto ad accesso diretto per tutte le funzioni di masterizzazione di un CD. DISK DRIVES & SYSTEM permette l'accesso al menu del disco, all'editing dei dati di sistema ed al setup MIDI PROGRAMMABLE PAD possibile assegnare a questi tasti una serie di utili funzioni in tempo reale

La sezione RESOURCE permette di accedere alla selezione di Suoni, Presets, Styles e Memories. Inoltre, sempre con questi tasti possibile inserire i caratteri per dare un nome ai file o agli altri parametri personalizzabili dello strumento

HEADPHONES prese per collegare due cuffie allo strumento

Gli sliders controllano il volume delle sezioni audio e MIDI

VARIATION-FILL&BREAK permettono la gestione in tempo reale degli styles, richiamando i vari patterns.

Pag.2

manuale d'istruzioni

genesys xp

Genesys xp Pannello di controllo


Display grafico LCD 320x240 retroilluminato I tasti funzione F1 - F8, selezionano o richiamano i dati all'interno dei vari menu. VIDEO & KARAOKE tasti per l'accesso ed il controllo di tutte le informazioni ed i dati multimediali contenuti nei files musicali: score, chord, lyrics

SECTION EDIT questa sezione permette di modificare i parametri relativi ai presets, agli effetti ed al mixer. SOUND CONTROLS tasto ad accesso diretto per il controllo realtime dei parametri Sustain, FX bypass, Touch etc. PAGE per la selezione delle pagine dei menu TRANSPOSE controlla la trasposizione globale dello strumento OCTAVE alza o abbassa di una ottava la parte selezionata. Regola il contrasto del display La sezione SONG/PLAYERRECORDING STUDIO serve per gestire la riproduzione delle songs e delle funzioni di registrazione sia audio sia MIDI.

Il tasto DEMO serve per avviare la riproduzione delle songs dimostrative di Genesys xp

Sezione INPUT DATA: i tasti CURSOR, i tasti ENTER/ESCAPE, i tasti INC/DEC e l'ALPHA DIAL, servono per inserire o modificare i dati in tutte le sezioni di Genesys xp.

Richiama i vari modi di controllo dei presets di xp utilizzabili da una tastiera MIDI.

Richiama le parti principali di uno style INTRO, ENDING, e controlla i vari modi di attivazione: START/STOP , SYNCRO,RESTART RESTART.

COMBO DVD-CDRW questa periferica permette di leggere DVD ROM e leggere o scrivere CD (ROM o AUDIO ). E' inoltre possibile usare CD riscrivibili.

Pag.3

manuale d'istruzioni

genesys xp

Prima d'iniziare! Controllare la versione del sistema operativo


E' molto importante installare l'ultima versione di sistema operativo dello strumento. Per questo motivo controllate prima di tutto la versione (RELEASE) correntemente installata nel vostro strumento. 1 Premete il tasto SYSTEM sul pannello di controllo

2 Il display mostra la schermata principale SYSTEM screen

4 Nella parte alta del display riportata la versione di

3 Premete il tasto F7 per selezionare il menu


"BATTERY&RELEASE". ATTENZIONE!

O.S. correntemente installata. Confrontate questa data con quella stampata sull'OS CD contenuto nella scatola dello strumento. Nel caso sul CD sia indicata una data pi recente, aggiornate lo strumento. Controllate anche il nostro sito web: www.generalmusic.com.

Prima di procedere con l'aggiornamento, salvate tutti i dati personali memorizzati nella memoria interna della Genesys xp.

Come aggiornare il sistema operativo


1 Inserite il CD O.S. nel lettore CD 2 Spegnete lo strumento 3 Accendete lo strumento, e contemporaneamente
ruotate l' ALPHA DIAL sul pannello in senso orario.

6 Selezionate il CD ROM come driver di installazione


ruotando il dial. Premete quindi il tasto ENTER.

4 Nel display apparir la seguente schermata SYSTEM SET UP:

7 Premete di nuovo ENTER dopo il messaggio di

5 Selezionate 2 usando il tasto cursore DOWN

conferma. A questo punto partir la procedura di aggiornamento che sar completata in pochi minuti. Terminata l'operazione nel display sar visualizzata la schermata principale.

NOTA: Nella serie Genesys ci sono due tipi di aggiornamento del sistema operativo: 1) Aggiornamento completo che contiene nuove funzioni ed implementazioni, ottimizzazioni, debug ed aggiornamento delle risorse musicali. (Souni e styles). Questo tipo di aggiornamento in genere contenuto in un CD a causa delle sue dimensioni. 2) Patch di aggiornamento. Include il debug e l'ottimizzazione del sistema senza l'aggiornamento delle risorse musicali. Di solito la patch di aggiornamento pu essere scaricata dal nostro sito web e facilmente trasferita su un floppy disk per aggiornare la Genesys.

Pag.4

manuale d'istruzioni

genesys xp

La Pagina di SYSTEM SET UP


Altre opzioni della pagina System Set Up:
Se accidentalmente alcuni files del O.S. dovessero risultare corrotti, questo potrebbe essere causa di malfunzionamenti. Usate questa opzione per ripristinare il sistema operativo direttamente dall' hard disk. Questa funzione vi permette di caricare il sistema operativo contenuto in un CD nella memoria RAM, senza salvarlo nell' hard disk. Usate questa opzione per ripristinare le impostazioni originali dell' hard disk dal CD Rom O.S. ATTENZIONE! Questa operazione formatter l'intero hard disk, quindi salvate tutti i dati importanti contenuti nell' hard disk prima di avviare la procedura. Questa opzione permette di controllare l'integrit dell' hard disk e della ram di sistema. Usate questa opzione in caso di sospetti malfunzionamenti dell'hard disk o della memoria ram.

Selezionate l'opzione con il tasto DOWN e premete ENTER

Premete F1 per eseguire o ESCAPE per annullare l'operazione

Nello schermo appare una barra progressiva di controllo, che indica lo stato di avanzamento dell'operazione.

Una volta completata l'operazione apparir nel display il seguente messaggio. Premete ENTER o ESCAPE per terminare la procedura.

Nello schermo appare una barra progressiva di controllo, che indica lo stato di avanzamento dell'operazione.

Una volta completata l'operazione apparir nel display il seguente messaggio. Premete ENTER o ESCAPE per terminare la procedura.

Pag.5

manuale d'istruzioni

genesys xp

Usare Genesys xp come strumento autonomo


Questo capitolo spiega il funzionamento della Genesys xp come unit autonoma, con attenzione per tutte le funzioni relative all'esecuzione di musica dal vivo.

Genesys xp diagramma a blocchi

INTRODUZIONE
L'utilizzo dal vivo della Genesys xp come unit autonoma, richiede una apposita configurazione. Ecco di seguito i passaggi necessari: 1 Collegamento dello strumento 2 Accensione dello strumento 3 Controllo del Sistema Operativo (O. S. upgrade) 4 Creazione del repertorio 5 Uso dal vivo del xp

ACCENSIONE DELLO STRUMENTO


La Genesys xp ha una struttura molto simile a quella di un personal computer, con una memoria RAM dove vengono caricati tutti i dati (sistema operativo e risorse musicali), archiviati nell' hard disk interno. La memoria RAM della Genesys di tipo alimentato, il che permette di mantenere tutt i dati in memoria anche spegnendo lo strumento. La conservazione dei dati assicurata da una batteria tampone, la cui ricarica avviene durante il normale uso dello strumento. La batteria interna completamente carica, assicura circa una settimana di autonomia, dopodich i dati saranno cancellati dalla memoria e verranno automaticamente ricaricati dall' hard disk.

ATTENZIONE:

Salvate tutti i dati che avete creato (SET UP , MEMORIES, PRESET, etc.) prima nell'hard disk e poi fate una copia di back up anche su CD.

Pag.6

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Creazione del repertorio


Il capitolo seguente spiega come configurare la Genesys Xp come unit autonoma per le esecuzioni dal vivo. Le impostazioni di fabbrica dell' hard disk comprendono solo le songs dimostrative. Il repertorio di canzoni invece contenuto nel CD ROM allegato. In questa sezione del manuale, il CD Rom sar usato come riferimento per le operazioni di creazione del repertorio. Allo stesso modo possibile usare qualsiasi altro supporto compatibile o altri files musicali.

Sezione Song Player Concetto:


La sezione Song player della Genesys serve per riprodurre i files musicali. Questi files vengono suonati direttamente dal drives selezionato, dal rispettivo supporto (floppy disk, CD Rom e audio CD, hard disk), esattamente nel modo in cui sono stati programmati (vedi nota ). Tutte le operazioni analizzate in questa sezione sono relative alla riproduzione dei files.

Prestazioni:
Questa sezione pu eseguire i seguenti formati MIDI:
Genesys Gem WK series songs (tranne WK2) WX songs Standard MIDI Files GM1 & 2 + Lyric (Tune 1000 format) .KAR Word Box Piano Disk DOC Disklavier

I seguenti formati audio:

MP3 MP3+lyrics Audio CD .Wav

Operazioni:
1 Inserite il supporto nel lettore 2 Selezionate il lettore 3 Selezionate un file 4 Eseguite il file

Premete il tasto SELECT sul pannello per entrare in Song Player

3 4

Inserite il CD Rom con le songs nel lettore, e quindi selezionatelo appena pronto, premendo il tasto funzione C. Selezionate una cartella del CD usando i tasti CURSORE UP/DOWN. Usate i tasti PAGE per una ricerca veloce o per saltare da un folder all' altro.

Il display visualizza la schermata principale del SONG PLAYER

NOTA IMPORTANTE: la Genesys xp permette di modificare qualsiasi parametro di un MIDIFILE : note, suoni, effetti etc. Per ulteriori informazioni fate riferimento alla sezione SONG EDIT di questo manuale.

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.7

manuale d'istruzioni

genesys xp

Una volta individuata la cartella, premete il tasto CURSOR RIGHT per entrare nella cartella

7 8

Selezionate la song da eseguire con i tasti UP/DOWN Selezionata la song premete il tasto PLAY per ascoltarla.

La parte superiore del display mostra lo stato di esecuzione

Prima di premere PLAY

Il display mostra le songs contenute nella cartella

Dopo aver premuto PLAY

NOTA Mentre una song sta suonando, possibile selezionarne un'altra senza interruzioni. Potete selezionare un'altra song della stessa cartella, o contenuta in un'altra cartella dell' hard disk. Usate i tasti CURSOR per selezionare un' altra song.

I tasti cursore UP/ DOWN selezionano i titoli nella cartella

Il tasto cursore sinistro serve per uscire dalla cartella.

Selezionata la nuova song, premendo in successione prima STOP e poi PLAY la nuova song inizier immediatamente. 2 1

E' possibile fare la stessa operazione in modo pi veloce premendo il tasto ENTER.

NOTA Mentre sta suonando una song GEM, possibile visualizzarne il contenuto multimediale (Lyrics, Chords, Score)

Premendo semplicemente i tasti SCORE o LYRIC sul pannello, il display mostra il contenuto multimediale del file. Fate riferimento al capitolo SCORE & LYRICS di questo manuale per ulteriori informazioni sull'argomento.
Pag.8 usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Descrizione:

Area di selezione drivers

Filtri di visualizzazione

Funzione AUTO PLAY Espelli CD Modo PLAY LOOP

Area di selezione drivers Filtri di visualizzazione Premendo i rispettivi tasti funzione (da A a D) possibile se- Questi tasti permettono di selezionare il tipo di file visualizzato lezionare uno dei drives disponibili per riprodurre o caricare nella directory dei drives.Questo rende pi veloce la ricerca del file nel supporto selezionato. i dati nello strumento. NOTA La RAM interna della Genesys utilizzata come un qualsiasi altro drive per riprodurre songs, presuppone un precedente caricamento dei dati in memoria. L' area di memoria RAM non legge direttamente. Fate riferimento al capitolo SEQUENCER per tutte le operazioni relative alle song in RAM. Espelli CD Premendo il tasto funzione H possibile espellere il CD dal drive. AUTO PLAY Premendo il tasto F7 possibile abilitare la funzione AUTO PLAY. Questa funzione vi permette, mentre un file sta suonando, di cambiare directory, scegliere un altro file e farlo suonare immediatamente senza premere STOP e poi PLAY. ATTENZIONE! La selezione di una diversa directory mentre la funzione AUTO PLAY attiva provoca l'interruzione dell'esecuzione del file corrente. Disabilitate questa funzione se non volete interruzioni cambiando cartella. MODO PLAY LOOP Premendo il tasto funzione F8 si abilita il modo PLAY LOOP . In questo modo, terminata l'esecuzione di una song questa ripartir automaticamente da capo.
Premendo F1 MP3, la Genesys xp mostra solo i files Mp3 presenti nel supporto selezionato. Premendo F2 SMF, la Genesys xp mostra solo gli Standard Midi files presenti nel supporto selezionato. Premendo F3 WAVE, la Genesys xp mostra solo i file audio ".Wav" presenti nel supporto selezionato. Premendo F4 GEM , la Genesys xp mostra solo le songs GEM presenti nel supporto selezionato. Premendo F5 CD, la Genesys xp mostra solo i file audio presenti sul CD. Premendo F6 ALL , (default) la Genesys xp mostra tutti i files presenti nel supporto selezionato (no filter).

Comandi Song Player


tasto SELECT STOP Button

Serve per accedere alla sezione SONG PLAYER.


tasto PLAY

Interrompe l'esecuzione del file. Premendo di nuovo PLAY il brano inizia da capo
tasto PAUSE tasto FAST REWIND tasto FAST FORWARD

Avvia l'esecuzione di un file selezionato.

Interrompe l'esecuzione del file. Premendo di seguito PLAY la song ricomincer dal punto in cui era stata interrotta.

Avanzamento e arretramento veloce del file che sta suonando.

ATTENZIONE! Durante la lettura diretta dei files questi tasti sono disabilitati.
Pag.9

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Descrizione:
Durante l'esecuzione di una song possibile visualizzare una pagina contenente importanti informazioni sull'esecuzione.

Schermata Song: selezionare una song in formato MIDI


1
Selezionate una song GEM nella pagina principale del song player, premete PLAY e quindi il tasto ESCAPE

Nel display appare la schermata con tutte le informazioni relative alla song in esecuzione

VELOCITA' DEL METRONOMO

PART F1 Visualizza le parti muF2


sicali utilizzate nella song corrente

TITOLO DELLA SONG F3 POSIZIONE BAR/BEAT F4


NOME DELLA SONG PERFORMANCE

PLAY SINGLE
Modo Play single. Suona solo la song corrente.

PLAY ALL
Selezionando questa opzione, saranno eseguite in sequenza tutte le song contenute nella cartella selezionata

PART
1
Premete i tasti funzione F1/F2 per visualizzare la pagina SONG PART.

F1

OPTION
Abilita il conto alla rovescia e il volume del metronomo.

F2

BACK
Torna alla pagina precedente

F4

SONG PERF.
Visualizza le song performances utilizzate nella song (*)

F5 F7 ERASE
Cancella dall'esecuzione la traccia selezionata.

SOUND VIEW
Visualizza tutti i suoni utilizzati nella song

F6

METRONOME
Attiva o disattiva il click del metronomo.

NOTA

F6

TIME/TEMPO
E' la pagina corrente, dove sono visualizzati tutti i riferimenti musicali di tempo.

Selezionate una delle opzioni con il cursore quindi premete ENTER per confermare.

Premete il tasto ESCAPE per uscire da ogni pagina. Premendo ESCAPE due volte si ritorna alla pagina principale del song player.

NOTA (*)
Per ulteriori informazioni sull'argomento, fate riferimento al capitolo SONG EDIT di questo manuale.

Pag.10

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Schermata song: selezionare una song in formato audio


1
Selezionate una song audio (Mp3 o wave) nella pagina principale song player, premete PLAY e quindi ESCAPE

2 TITOLO DELLA SONG

Nel display appare la schermata con tutte le informazioni relative alla song in esecuzione

F3 ELAPSED REMAINING
Timer del tempo trascorso o rimanente della song

PLAY SINGLE
Modo Play single. Viene eseguita solo la song corrente.

C D F4

PLAY ALL
Selezionando questa opzione, saranno eseguite in sequenza tutte le song contenute nella cartella selezionata

INFORMAZIONI

RELATIVE AL PRESET CORRENTEMENTE SELEZIONATO

Per ulteriori informazioni fate riferimento al capitolo PRESET.

VOLUME DELLA SONG


E' possible controllare il volume generale della song usando gli appositi sliders sul pannello di controllo. MAX. LEVEL

MINIMUM LEVEL MAIN SLIDER


Regola il volume generale della Genesys xp

STYLE/SEQ.
Regola il volume generale di una song MIDI

CD
Regola il volume generale del CD audio

MP3
Regola il volume generale di un file Mp3

HD AUDIO
Regola il volume generale di un file WAVE

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.11

manuale d'istruzioni

genesys xp

Gestione del repertorio con la DB List Concetto:


Con la Genesys xp potete organizzare e gestire il vostro repertorio direttamente dall'hard disk interno, usando qualsiasi tipo di file musicale riconosciuto. Memorizzati i files nell' hard disk, possibile selezionarli e riprodurli per autore e titolo, senza interruzioni. Questo indipendentemente dalla loro posizione e dal formato. Tutto ci possibile creando una DB (data base) list.

Caratteristiche:
La DB list comprende i seguenti formati MIDI:
Genesys Gem WK series songs (tranne WK2) Standard MIDI Files GM1 & 2 + Lyric (Tune 1000 format) .KAR

Ed i seguenti formati AUDIO:


MP3 MP3+lyrics .Wav

Operazioni:
1 Copia dei files musicali nell' HD 2 Creazione di una DB list 3 Uso della DB list 4 DB List Edit

Copiare i files musicali nell' hard disk Copiare i files in formato GEM usando la funzione MULTICOPY
1 2 3
Inserite il CD musicale GEM nel lettore CD Premete il tasto DISK sul pannello Selezionate il CD con il tasto funzione C. Apparir la seguente schermata:

Selezionate usando i tasti CURSORE UP/DOWN la prima cartella del CD musicale dalla quale scegliere i files.

Copiamo per iniziare dei files musicali in formato GEM. 4


Premete il tasto F7 M.COPY (MULTICOPY)

Premete il tasto funzione F1 ADD, per aggiungere la cartella selezionata alla lista di copia.

La Genesys xp mostra la schermata MULTICOPY. Questa 7 funzione agevola la procedura di creazione del repertorio, creando una COPY LIST contenente solo i files che volete usare. Creata la lista, la procedura di copia automatica.
Pag.12

Ripetete l'operazione dal punto 5, se volete aggiungere altre cartelle alla lista di copia.

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Premendo il tasto funzione F2 SEL.ALL (Select all), possibile includere tutto il contenuto del CD nella lista di copia. 7 Completata la lista, premete il tasto funzione F4 per avviare 9
la copia dei files nell' hard disk.

Un ulteriore messaggio permette di selezionare la periferica per la copia. Premete ENTER per avviare il processo di multicopy

L'operazione di multicopy richiede diversi minuti. IL tempo proporzionale alla quantit di dati da copiare nell'hard disk. Completata la procedura, il display visualizza di nuovo la schermata principale multicopy. 8
Il display visualizza il seguente messaggio. Premete il tasto Premete due volte il tasto ESCAPE per tornare alla schermata ENTER per confermare. principale

Descrizione:
F1
DRIVER SORGENTE

ADD
Aggiunge la cartella selezionata alla lista di copia.

F2

SEL.ALL
Aggiunge tutto il contenuto del CD (o del Floppy disk) alla lista di copia.

F4
DRIVER DI DESTINAZIONE (HD)

EXECUTE
Serve per iniziare la copia.

F6

REMOVE
Rimuove la cartella selezionata dalla lista di copia.

F6 REMOVE F7 CLEAR 1 3 1 2 1 2 3
Selezionate il driver di destinazione con i tasti funzione E/F Selezionate la cartella da rimuovere con i tasti UP/DOWN Rimuovete la cartella selzionata con il tasto funzione F6

F7

CLEAR
Cancella la lista di copia

Selezionate il driver di destinazione con i tasti funzione E/F Cancellate la lista di copia con il tasto funzione F7

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.13

manuale d'istruzioni

genesys xp

Copiare files MP3 o MIDIFILES usando la funzione COLLECT.


La funzione COLLECT simile alla funzione MULTICOPY. La funzione MULTICOPY stata pensata per lavorare con songs in formato GEM, mentre la funzione COLLECT serve per copiare gli altri formati come gli MP3 ed i MIDIFILES (per ulteriori informazioni sull'argomento fate riferimento alla parte di questo manuale riguardante i formati audio e midi compatibili con Genesys xp). 1 2 3
Inserite il CD musicale GEM nel lettore CD. Premete il tasto DISK sul pannello. Selezionate il CD come driver sorgente, premendo il tasto funzione C. Appare la seguente schermata.

Selezionate la cartella MP3, usando i tasti UP/DOWN. Una volta selzionata la cartella si abilita la funzione COLLECT.

Dopo alcuni secondi appare il contenuto della cartella. Premete il tasto funzione F1 ADD per aggiungere files alla lista di copia.

Premete il tasto F8 COLLECT per accedere alla funzione.

Completata la lista di copia, premete F4 EXECUTE per avviare la procedura di copia.

Il display visualizza la schermata principale della funzione. Premete il tasto DOWN per selezionare la cartella MP3.

10

Nello schermo appare la cartella di destinazione.

L' hard disk della Genesys xp contiene gi una cartella MP3 che comprende una sottocartella DEMO (contenente le songs dimostrative dello strumento). A questo punto nella cartella principale MP3, si crea una sottocartella dove memorizzare i files di cui abbiamo bisogno. 7
Appare la sottocartella LYRICS. Premete due volte il tasto RIGHT per selezionare i files MP3 contr.

Pag.14

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

11

Premete il tasto G NEWFOLD per creare una nuova cartella.

12

Premendo il tasto ENTER inizia l'operazione di copia nella nuova cartella.

11

Usate i tasti RESOURCE per dare un nome alla nuova cartella e quindi premete ENTER sul pannello di controllo.

Finita la copia, il display ritorna alla pagina principale della funzione.


Premete due volte il tasto ESCAPE per tornare alla pagina principale.

Descrizione:
F1
DRIVER SORGENTE

ADD
Aggiunge la cartella selezionata alla lista di copia.

F2

SEL.ALL
Aggiunge tutto il contenuto del CD (o del Floppy disk) alla lista di copia.

F4

EXECUTE
Serve per iniziare la copia.

DRIVER DI DESTINAZIONE (HD)

F6

REMOVE
Rimuove la cartella selezionata dalla lista di copia.

F7 F6 REMOVE F7 CLEAR 1 3 1 2 1 2 3
Selezionate il driver di destinazione con i tasti funzione E/F Selezionate la cartella da rimuovere con i tasti UP/DOWN Rimuovete la cartella selzionata con il tasto funzione F6

CLEAR
Cancella la lista di copia

Selezionate il driver di destinazione con i tasti funzione E/F Cancellate la lista di copia con il tasto funzione F7

Usando la stessa procedura, potete aggiungere altri files compatibili (MIDIFILES o WAV) nell' hard disk della Genesys xp. Una volta copiati tutti i files di cui avete bisogno nell'hard disk, molto semplice creare una DB list.
usare genesys xp come strumento autonomo Pag.15

manuale d'istruzioni

genesys xp

Creazione della DB List Concetto:


Questa importante funzione di Genesys xp consente la lettura diretta di grandi quantit di files musicali, permettendo di selezionarli senza interruzione ed indipendentemente dal formato. Tutti i files che avete copiato nell'hard disk sono visualizzati in una lista ordinata per numero, autore e titolo. Il risultato un foglio elettronico molto efficiente, con il quale possibile selezionare e richiamare in tempo reale le songs di cui avete bisogno.

Prestazioni:
Qualsiasi tipo di file musicale compatibile copiato nell' hard disk pu direttamente essere selezionato ed eseguito.
Genesys Gem WK series songs (tranne WK2) Standard MIDI Files GM1 & 2 + Lyric (Tune 1000 format) .KAR

MP3 MP3+lyrics .Wav

Tipo, numero, autore, e titolo di ogni brano sono immediatamente visualizzzati nel display pronti per l'esecuzione Veloce, intuitivo e facile da usare.

Operazioni:
1 2 3 4 1 Premete il tasto DB list sul pannello Selezionate DB list Eseguite la funzione SCAN Selezionate le canzoni nella DB list

Premete il tasto DB LIST sul pannello di controllo. Il display mostra la schermata di accesso alla DB list.

Premete ENTER per accedere al modo DB list

Premendo EDIT appare il menu di edit della DB list

La prima volta che si accede a questa funzione, lo strumento deve 5 eseguire un' operazione chiamata DB scan. Questa operazione necessaria per riconoscere ed organizzare i files musicali che avete copiato nell' hard disk. 3
Premete F7 EDIT e poi DB SCAN per eseguire l'operazione

Selezionate DB SCAN usando il tasto cursore DOWN e premete ENTER

Pag.16

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Nel display appare un messaggio di conferma. Premete ENTER per avviare il DB scan

Nel display appare la schermata scanning in progress

Questa operazione pu richiedere alcuni minuti, il tempo proporzionale alla quantit di dati da analizzare nell' hard disk.

Completata l'operazione di scanning, nel display appare la schermata principale della DB. A questo punto siamo pronti per l'esecuzione dei brani usando la funzione DB list.

Descrizione:
CAMPO : ARTIST CAMPO:N. (NUMERO)
Indica la posizione numerica del file nella lista, mentre l'icona indica il tipo di file selezionato Visualizza il nome dell'artista o dell'autore della song

CAMPO : TITLE
Visualizza il titolo della song

FILTRO DI VISUALIZZAZIONE
Premendo i tasti funzione da F1 a F5 potete scegliere di visualizzare solo il tipo di file selezionato

GEM MP3

SONGS

F1

MP3
Premendo F1 visualizzerete solo i files Mp3 contenuti nella DB list

FILES

F2 WAVE MIDIFILES F3 F6 SEARCH


Premendo F6 si accede alla pagina di ricerca della DB list

SMF
Premendo F2 visualizzerete solo gli Standard Midi Files contenuti nella DB list

WAVE
Premendo F3 visualizzerete solo i file WAVE contenuti nella DB list

F7

EDIT
Premendo F7 si accede alla pagina di edit della DB list

F8

BACK
Premendo F8 si esce dal modo DB list e si ritorna alla pagina principale Database

F4

GEM
Premendo F4 visualizzerete solo i files GEM contenuti nella DB list

NOTA 1 Le informazioni relative ai campi AUTHOR e TITLE vengono estratte direttamente dalle informazioni di copyright contenute nel file musicale. Fate riferimento al capitolo EDIT di questo manuale per una spiegazione completa sull' argomento.
usare genesys xp come strumento autonomo

NOTA 2 Per una spiegazione completa sulle funzioni SEARCH e EDIT della DB LIST, fate riferimento a pag. 20 di questo manuale.

F5

ALL
Premendo F5 visualizzerete tutti i files contenuti nella DB list

Pag.17

manuale d'istruzioni

genesys xp

Uso della DB List


1
Premete il tasto DB LIST sul pannello

Con i tasti CURSORE UP/DOWN, selezionate la song che volete suonare dalla lista

La pagina principale della DB LIST appare in pochi istanti. Da questa schermata possibile controllare direttamente l'intero 3 repertorio musicale dell'hard disk.

Selezionata la song premete il tasto PLAY

Preselezione di una nuova song


Durante l'esecuzione di una song possibile selezionare un altro file musicale senza interrompere l'esecuzione.
Precedente schermata song play

Selezionando una nuova song, la song precedente non viene interrotta.

NOTA E' possibile selezionare velocemente le pagine della DB LIST premendo i tasti PREV/NEXT PAGE

Cercate e selezionate un'altra song con i tasti UP/DOWN Terminata la song corrente, la successiva e gi selezionata, evidenziata dal cursore. Premete PLAY per suonarla. Per terminare immediatamente la song corrente e far partire la nuova, premete il tasto ENTER.

Cambiare l'ordine di visualizzazione nella DB list


Durante l'esecuzione di una song possibile ricercare e selezionare un altro file musicale senza interrompere l'esecuzione, ed inoltre possibile cambiare l'ordine di visualizzazione in tempo reale.

Premete il tasto RIGHT Al primo accesso, le songs della DB list sono per ordinare le songs per ordinate per numero artista

Premete ancora il tasto RIGHT per ordinare le songs per titolo (in ordine alfabetico)

Pag.18

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Trasposizione in tempo reale dei files MIDI usando la DB list


E' possibile trasporre una song MIDI in tempo reale sia in lettura diretta sia usando la DB list. In questo modo facile cambiare la tonalit di una song adattando lo strumento alle proprie necessit.

1 2

Selezionate ed eseguite una song MIDI dalla DB List Premete il tasto TRANSPOSE UP sul pannello principale

Il display indica di quanti semitoni stata trasposta la song corrente.

Ogni volta che premete i tasti TRANSPOSE UP o DOWN aumentate o diminuite di un semitono la tonalit
Il transpose generale ha una escursione compresa tra +/- 24 semitoni.

NOTA TRANSPOSE RESET Il TRANPOSE una funzione real time, rimane cio attiva fino Premete i tasti TRANSPOSE UP/DOWN contemporaneamente a quando non viene modificata manualmente. ATTENZIONE! Il transpose non ha alcun effetto sui files audio quali MP3 o WAV. Usando la Genesys xp possibile trasporre solo i files in formato MIDI.

Visualizzazione del contenuto multimediale dei files musicali


Premete il tasto SCORE o il tasto LYRICS sul pannello per visualizare immediatamente il contenuto multimediale dei files. Per ulteriori dettagli fate riferimento al capitolo SCORE & LYRICS di questo manuale. 3
Premete il tasto SCORE per visualizzare la partitura

1 2

Selezionate ed eseguite una song MIDI dalla DB List Premete il tasto LYRICS per visualizzare il testo nel display

ATTENZIONE! A causa del formato audio dei dati non possibile generare la partitura da un file musicale MP3. Solo i files MIDI e i files MP3 possono contenere elementi multimediali. Assicuratevi prima dell'acquisto di un file MIDI che esso sia compatibile con il formato lyrics della Genesys xp (TUNE 1000). La connessione della Genesys xp ad un televisore avviene attraverso il connettore VIDEO OUT, il terminale dal quale escono i dati multimediali. In questo modo possibile vedere sia SCORE sia LYRICS sullo schermo del televisore.

Il testo appare nel display


usare genesys xp come strumento autonomo Pag.19

manuale d'istruzioni

genesys xp

Ricerca veloce delle songs nella DB list: funzione SEARCH


Durante una performance musicale con la Genesys xp, potreste ricevere dal pubblico la richiesta di una canzone in particolare. In questo caso lo strumento offre una funzione di ricerca veloce per selezionare la song in un tempo minimo. Questa una funzione particolarmente efficace se il vostro repertorio comprende molti files musicali.

Position N.

Title

Premete il tasto F6 SEARCH per accedere alla funzione

Dopo alcuni secondi il risultato della ricerca appare nel display

Da questa schermata ora possibile:


A

Selezionare il file premendo ENTER e quindi PLAY

Potete cercare una song per Numero (posizione reale nell' hard disk), per Artista e per Nome. 2 3
Selezionate il campo di ricerca con i asti cursore UP/DOWN. Nell'esempio, ARTIST Scrivete il nome dell'artista che state cercando

Selezionate un altro file premendo il tasto funzione H SEARCH NEXT

La Genesys xp cerca nel database la song successiva che comprende i caratteri che formano la parola: ELVIS

Premete il tasto G SEARCH NOW per avviare la ricerca

NOTA NOTA Per semplificare ed incrementare l'efficienza di questa funzione, E' possibile richiamare la funzione SEARCH anche mentre una vi consigliamo di collegare la Genesys xp ad una tastiera stan- songs in esecuzione. dard per PC PS2,usando il connettore sul pannello posteriore
Pag.20 usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

DB list EDIT menu


La DB list della Genesys xp possiede un menu di EDIT che permette un' ulteriore serie di controlli nella gestione delle songs

Andate alla pagina principale della DB list e premete il tasto funzione F7 EDIT per accedere al menu

Il menu EDIT appare sul display. Usate i tasti cursore UP/ DOWN CURSOR per selezionare le varie funzioni e quindi premete ENTER

Descrizione
DELETE
Cancella il file selezionato dalla DB list

ADD
Permette di aggiungere un file selezionato dall'hard disk alla DB list

MOVE DOWN
Permette di spostare un file selezionato indietro di una posizione

MOVE UP
Permette di spostare un file selezionato avanti di una posizione

DB SCAN
Esegue una scansione dell'hard disk per creare o aggiornare la DB list

MODIFY
Permette di modificare per ogni file il numero, l'artista ed il titolo

AGGIUNGERE UN FILE ALLA DB LIST

Selezionate ADD e premete ENTER

Selezionate un file dall' hard disk e premete ENTER

Il file stato aggiunto alla DB list

CANCELLARE UN FILE DALLA DB LIST

Selezionate il file da cancellare

Selezionate EDIT, DELETE e ENTER

Il file stato rimosso dalla lista

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.21

manuale d'istruzioni
CAMBIARE LA POSIZIONE DI UN FILE NELLA DB LIST

genesys xp

Selezionate dalla lista il file che volete spostare

Selezionate EDIT, MOVE UP o DOWN e premete ENTER

Il file stato spostato

NOTA
L'operazione pu essere ripetuta tutte le volte che volete

NOTA
La funzione UP/DOWN MOVE cambia solo la visualizzazione del file. Essa infatti non modifica i dati sull'hard disk

MODIFICARE GLI ATTRIBUTI DEI FILES NELLA DB LIST

Selezionate un file nella DB list

Selezionate EDIT, MODIFY e quindi premete ENTER

Appare la finestra di mofica della song. Inserite i nuovi dati e premete ENTER.

NOTA I nuovi dati: Numero, Artista, e Titolo determinano la posizione e la visualizzazione del file nella DB list.

DB SCAN
Abbiamo gi analizzato la procedura di scansione e la sua importanza. Ripetete la procedura di scansione (DB Scan) tutte le volte che aggiungete nuovi files nell' hard disk per aggiornare il vostro repertorio.

Pag.22

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Come programmare una PLAY LIST


PLAY LIST la seconda opzione nella pagina principale Database. Usando la PLAY LIST potete programmare una selezione speciale del vostro repertorio musicale. Per esempio, dovete suonare ad una festa di matrimonio, poi in una discoteca ed infine in un karaoke bar. Questa funzione vi permette di organizzare facilmente una selezione musicale adatta per ogni tipo di performance, memorizzarla e richiamarla all'occasione. 1
Premete il tasto DB list sul pannello

Inserite un nome per la nuova PLAY LIST e premete ENTER

Selezionate PLAY LIST con il tasto DOWN e premete ENTER

La nuova PLAY LIST appare nel display. Premete ENTER

La prima volta che si accede alla funzione, appare una schermata come questa.

Premete il tasto funzione F1 LIST

Premete il tasto funzione F7 EDIT e selezionate ADD. Premete ENTER per aggiungere files alla PLAY LIST

Premete il tasto F7 NEW per creare una nuova play list

Selezionate un file nell'HD con i tasti cursore e premete ENTER

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.23

manuale d'istruzioni

genesys xp

La prima canzone stata aggiunta alla play list

10

Ripetete l'operazione finch la lista non completa

Completata la PLAY LIST, la procedura per selezionare ed eseguire i files esattamente la stessa utilizzata per la DB LIST.

Descrizione:
Analizziamo la schermata principlae PLAY LIST. Per richiamare questa pagina premete il tasto F1 LIST dalla pagina principale

F6 RENAME
Consente di rinominare una play list esistente

F7 NEW
Crea una nuova Play list

Selezionate la playlist che volete rinominare, premete F6 RENAME, inserite il nuovo nome e premete ENTER. Selezionate la play list da cancellare e premete F8 DELETE.

F8 DELETE
Cancella una playlist

E' possibile creare diverse PLAY LIST: premete il tasto F7, scrivete il nome della PLAYLIST e premete ENTER. Ogni PLAYLIST pu contenere una selezione speciale del vostro repertorio, adatta a qualsiasi tipo di situazione: matrimoni, karaoke bar, disco ecc. Selezionatele con i tasti UP/DOWN e premete il tasto ENTER.

ADD
Aggiunge files musicali dall' hard disk interno

F5 SEARCH
La PLAY LIST include una funzione di ricerca, come quella della DB list

ADD

FROM

DB

LIST

Permette di aggiungere files musicali gi presenti nella DB list

F6 EDIT
Menu di edit della PLay List

DELETE
Cancella un file selezionato dalla play list

F7 PLAY LOOP MODE


Permette di suonare in loop la song selezionata

MOVE UP/DOWN
Sposta un file in gi o in su di una posizione.

F8 BACK
Ritorna alla pagina principale della DB list

MODIFY
Permette di modificare il numero, l'artista ed il titolo del file musicale Pag.24

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Uso del sequencer di Genesys xp per editare una song MIDI


In questo capitolo analizzeremo alcune semplici procedure di edit basate sul sequencer della Genesys xp. Queste procedure si riferiscono solo ad alcuni aspetti generali della song, non all'edit di eventi MIDI. Per questo tipo di edit fate riferimento al capitolo specifico di questo manuale (EDITARE GLi EVENTI DELLA SONG Pag.92).

Concetto:
Durante una esecuzione realtime alcuni files potrebbero richiedere alcuni aggiustamenti: tonalit, livelli dei suoni, sostituzione dei suoni. Queste operazioni sono possibili solo caricando la song nella memoria RAM della Genesys xp, dopodich la canzone editata pu essere salvata nuovamente nell' hard disk

Prestazioni:
I formati MIDI che possono essere caricati nel sequencer della Genesys xp (RAM file memory):
Genesys Gem WK series songs (tranne WK2) Standard MIDI Files GM1 & 2 + Lyric (Tune 1000 format) GEM WX song files

Genesys xp MIDI sequencer:


Fino a 64 song diverse Ogni song pu contenere fino a 32 tracce 250.000 events in totale Mixing & editing dei parametri 4 effetti divisi in due blocchi

Operazioni:
1 2 3 4 Caricate una song nella memoria RAM Eseguite la procedura di editing Confermate i cambiamenti con STORE Salvate la song modificata nell'HD ESEMPI
1 Cambio tonalit 2 Edit livelli volume 3 Cambiare i suoni

Caricare una song da un driver nel sequencer


1
Premete il tasto DISK sul pannello

(Floppy, CD Rom, Hard disk)

Individuate la canzone

Localizzata la cartella si abilita la funzione LOAD

La pagina principale del disco appare nel display 2


Selezionate il driver dal quale volete caricare la song

Premete il tasto funzione F1 LOAD e quindi ENTER

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.25

manuale d'istruzioni

genesys xp

Da questa schermata possibile selezionare la locazione nella Sul display appare la schermata di selezione dei DRIVERS. quale caricare la song (da 1 a 64). Usate i tasti CURSORE UP/DOWN per selezionare una locazione. 5 Premete ENTER per caricare 7 Premete il tasto funzione D (RAM)

Una volta caricata la song, il display mostra di nuovo la 8 schermata del caricamento. Potete quindi scegliere se caricare un'altra song o iniziare la procedura di edit.

Usate i tasti cursore per selezionare la song nella cartella

Premete il tasto SELECT sul pannello

Usate i tasti UP/DOWN per selezionare la song, se ce sono altre caricate in memoria.

La canzone stata ora caricata nella Ramfile, l'area di memoria dove il sequencer della Genesys xp sequencer legge i dati della song. La song ora pronta per essere editata.

Pag.26

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Cambiare la tonalit di una song


Nel capitolo precedente abbiamo esaminato la funzione TRANSPOSE ottenuta premendo il tasto TRANSPOSE sul pannello di controllo. Questo un TRANSPOSE realtime e non pu essere memorizzato nella song. In questo capitolo invece descritta la procedura per memorizzare il cambio di tonalit nella song. 1
Selezionate la song alla quale volete cambiare tonalit

Usate il DIAL (o i tasti INC/DEC ), per inserire il valore di trasposizione in semitoni (+/- 60 semitoni)

Premete il tasto PRESET sul pannello

Ripetete l'operazione sulle altre tracce

Selezionate EDIT PARTS con i tasti cursore

Usate il tasto PART per selezionare le tracce da 9 to 16

ATTENZIONE!
Non applicate il transpose al DRUMKIT ( traccia delle percussioni Track 10)!

Premete ENTER

Dopo aver transposto tutte le parti premete STORE

Il TRANSPOSE il primo parametro del menu di edit


usare genesys xp come strumento autonomo

Premete ENTER per memorizzare i cambiamenti

Pag.27

manuale d'istruzioni

genesys xp

Descrizione:
Analizziamo in dettaglio la schermata principale EDIT PARTS e tutti i parametri di controllo. F5 TOUCH SENSITIVITY
Abilita o disabilita sulla traccia selezionata il controllo dinamico della tastiera

F1 TRANSPOSE
Sposta la traccia selezionata di un valore programmabile in semitoni (+/- 60 )

F2 M.TRANSPOSE EN F6 MODE PRIORITY


Assegnazione del modo POLY o MONO ad ogni traccia Il MASTER TRANSPOSE ENABLE, abilita o disabilita la traccia selezionata alla condizione di MASTER TRANSPOSE sul pannello

F7 VELOCITY CURVE
Selezione di una curva di velocit per ogni traccia

F3 DETUNE
Sposta l'accordatura fine della traccia selezionata di un valore programmabile (+/- 64)

F8 VELOCITY RANGE
Assegna un valore selezionabile di velocity per ogni traccia (da 0 a 127)

F4 RANDOM PITCH
Imposta un valore programmabile di random pitch per la traccia selezionata

Il menu EDIT PARTS diviso in due pagine. Premete il tasto PAGE NEXT sul pannello per visualizzare la seconda pagina.

F2 DELAY
Imposta un delay MIDI sulla traccia selezionata (range da 0 a 768)

F3 KEY RANGE
Permette di delimitare la zona di tastiera per la traccia selezionata (da A0 a C8 range)

F6 CREATE TRACK
Permette di creare ed aggiungere una nuova traccia

F7 COPY TRACK
Permette di copiare tutti i dati di una traccia in un' altra

F8 ERASE TRACK
Cancella la traccia selezionata dalla song

F2 M.TRANSPOSE EN (MASTER TRANSPOSE ENABLE) In questo menu possibile determinare quali tracce saranno processate dal GLOBAL TRANPOSE. Come potete vedere la traccia DRUM (n.10) disabilitata. Regolate questo parametro a seconda delle vostre esigenze.

1 2

Premete il tasto funzione F2 M TRANSP EN Selezionate la traccia con i tasti CURSORE UP/DOWN

3 4

Selezionate ENABLE o DISABLE usando il DIAL (o INC/DEC ) Premete STORE e quindi ENTER per confermare le modifiche

Pag.28

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

F3 DETUNE Questo menu permette di aggiungere un valore di detune ad una traccia. Il detune pu essere utilizzato per dare pi "corpo" ad un suono simulando il suono dei synth analogici.

1 2

Premete il tasto funzione F3 DETUNE Selezionate la traccia usando i tasti cursore UP/DOWN

3 4

Impostate il valore di detune usando il DIAL (o INC/DEC) Premete STORE e quindi ENTER per confermare le modifiche

F4 RANDOM PITCH Questo menu permette di aggiungere un valore di RANDOM PITCH ad una traccia. Pu essere utilizzato ad esempio, per rendere pi realistica la simulazione di un oscillatore di un synth analogico.

1 2

Premete il tasto funzione F4 RANDOM PITCH Selezionate la traccia usando i tasti cursore UP/DOWN

3 4

Impostate il valore di random pitch usando il DIAL (o INC/DEC ) Premete STORE e quindi ENTER per confermare le modifiche

F5 TOUCH SENSITIVITY Questo menu permette di disabilitare il controllo dinamico delle tracce dalla tastiera MIDI esterna che state utilizzando.

Il TOUCH SENS. ON in tutte le tracce, secondo le impostazioni di fabbrica.

1 2

Premete il tasto funzione F5 TOUCH SENS Selezionate la traccia usando i tasti cursore UP/DOWN

3 4

Disabilitate o abilitate il TOUCH SENS. usando il DIAL (o INC/DEC) Premete STORE e quindi ENTER per confermare le modifiche

NOTA: ricordatevi di premere il tasto PART sul pannello per selezionare le tracce da 9 a 16 (quindi da 17- 24, 25-32). usare genesys xp come strumento autonomo Pag.29

manuale d'istruzioni

genesys xp

F6 MODE PRIORITY In questo menu possibile impostare il modo POLY (polyphonic) o MONO (monophonic) per ogni traccia, ci rende possibile un controllo molto accurato della vostra esecuzione.
TRACK MODE
POLY MONO L La traccia suona in modo polifonico La traccia suona in modo monofonico con priorit a sinistra La traccia suona in modo monofonico con priorit a destra La traccia suona in modo monofonico con priorit per l'ultima nota suonata

MONO R

MONO T

1 2

Premete il tasto funzione F6 MODE/PRIORITY Selezionate la traccia usando i tasti CURSORE UP/DOWN

3 4

Selezionate uno dei modi con il DIAL Per selezionare PRIORITY usate il tasto CURSORE destro

Impostate la priorit su ON usando il DIAL

Premete STORE e poi ENTER per confermare i cambiamenti

Impostando questa funzione su ON, lo strumento assegna alla traccia selezionata una riserva di polifonia. Questo garantisce che non verranno mai sottratte note alla traccia stessa F7 VEL. CURVE (VELOCITY CURVE) In questo menu possibile impostare la risposta dinamica della tastiera. E' possibile scegliere tra 8 diversi tipi di curve dinamiche.

Selection

Curve Type Normal Normal Normal Reverse


(suonando pi forte sui tasti il volume diminuisce)

Reverse Reverse Reverse

1 2

Premete il tasto funzione F7 VEL. CURVE Selezionate la traccia usando i tasti CURSORE UP/DOWN

3 4

Selezionate la curva ruotando il DIAL Premete STORE e poi ENTER per confermare le modifiche

NOTA: i parametri DETUNE, RANDOM PITCH, TOUCH SENS, MODE PRIORITY, VEL.CURVE, VEL RANGE servono per il controllo MIDI in tempo reale della Genesys xp tramite una tastiera esterna. Li ritroveremo nel capitolo di questo manuale dedicato ai controlli MIDI della Genesys xp.
Pag.30 usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

F7 VEL. RANGE (VELOCITY RANGE) Con questo parametro possibile impostare l'ambito dei valori di velocit MIDI entro il quale il suono assegnato alla traccia selezionata verr suonato o meno.
Il parametro preimpostato in modo da coprire tutta l'estensione (da 0 a 127) .

Premete il tasto funzione F8 VEL. RANGE

Spostatevi con il CURSORE DESTRO sul campo del valore massimo di VELOCITY

Selezionate la traccia usando i tasti CURSORE UP/DOWN

Selezionate il valore minimo di VELOCITY con il DIAL

Selezionate il valore massimo di VELOCITY con il DIAL

Il suono assegnato alla traccia suona solo se il valore minimo uguale a 64, fino a 127.

Il suono assegnato alla traccia smette di suonare se il valore massimo supera 90.

NOTA: Usando questa funzione possibile creare presets 6 Completata la programmazione, premete STORE e poi ENTER per confermare le modifiche molto complessi del tipo "velocity switch". Fate riferimento Premendo il tasto ESCAPE possibile ritornare alla pagina al relativo capitolo del manuale.
principale Preset & Sound Edit.

EDIT PARTS Pagina 2

F2 DELAY Questo parametro permette di aggiungere un delay MIDI programmabile (da 0 a 768) al suono selezionato.

1 2

Premete il tasto funzione F2 DELAY Selezionate la traccia usando i tasti CURSORE UP/DOWN

Impostate il valore di delay con il DIAL

Ripetete l'operazione tutte le volte che ne avete necessit 6


Completata la programmazione, premete STORE e poi ENTER per confermare le modifiche.

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.31

manuale d'istruzioni

genesys xp

F3 KEY RANGE Questo parametro permette di delimitare la zona di tastiera alla quale assegnare il suono selezionato.
All'accensione tutti i suoni sono assegnati su tutta la tastiera (da A0 a C8).

1 3

Premete il tasto funzione F3 KEY RANGE Impostate il limite inferiore con il DIAL

2 3

Selezionate una traccia usando i tasti cursore UP/DOWN Per impostare il limite superiore, selezionate il valore relativo usando il tasto RIGHT, e cambiate il valore con il DIAL.

Impostando il limite inferiore a C4 come nell'esempio, il suono selezionato suoner dalla nota MIDI C4 fino a C8

Impostando il limite superiore a C4 come nell'esempio, il suono selezionato suoner dalla nota MIDI A0 fino a C4

C4

C8

A0

C4

NOTA: Usando questa funzione possibile creare 6 Completata la programmazione, premete STORE e quindi ENTER per confermare le modifiche. configurazioni di suoni molto complesse. Fate riferimento al capitolo EDITARE I PRESETS a Pag.58.

F4 CREATE TRACK Questa funzione permette di aggiungere nuove tracce alla song selezionata

1 3 1 2
Premete il tasto funzione F6 CREATE TRACK Selezionate il numero della traccia da creare con il DIAL

Premete ENTER per confermare

La nuova traccia ora disponibile nella song. Premete due volte il tasto PART per visualizzarla.

Pag.32

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni
F7 COPY TRACK Questa funzione copia velocemente tutti i parametri di controllo da una traccia all'altra.

genesys xp

1 3

Premete il tasto funzione F7 COPY TRACK Premete ENTER per confermare

Selezionate la traccia da copiare con il DIAL

La traccia copiata ora disponibile nella song.

F8 ERASE TRACK Questa funzione cancella la traccia selezionata dalla song.

Premete il tasto funzione F8 ERASE TRACK

Premete ENTER per confermare

La traccia n.6 stata cancellata dalla song

ATTENZIONE!
Questa funzione (come CREATE e COPY track) agisce solo sulle tracce vuote o assegnate al controllo MIDI da tastiera. Se infatti provate a cancellare una traccia controllata dal sequencer appare nel display un messaggio come sopra. Per ulteriori informazioni fate riferimento al capitolo successivo DESCRIZIONE: TRACK STATUS.

NOTA: Le funzioni CREATE, COPY ed ERASE non richiedono la memorizzazione (store) nella song performance. usare genesys xp come strumento autonomo Pag.33

manuale d'istruzioni

genesys xp

Descrizione: TRACK STATUS


In questo capitolo frequentemente usato il termine TRACK. Ora analizzeremo gli stati possibili di una traccia.
DEFINIZIONE: Nella struttura di Genesys xp viene definita traccia (TRACK) la struttura di controllo del suono e di tutti i parametri relativi.

Una traccia pu avere tre diversi stati: 1 Controllata dal sequencer

2 Vuota (non contiene nessun dato)

(MUTE) Traccia muta

3 Controllata da una tastiera MIDI esterna Lo stato di ogni traccia pu essere facilmente cambiato premendo il relativo tasto funzione: 1 Selezionate una traccia 2 Premete il tasto funzione A 3 Premete di nuovo il tasto A

Stato corrente: la traccia controllata dal sequencer

In questo caso la traccia in MUTE

La traccia pu essere suonata da una tastiera MIDI esterna

Descrizione: STORE PERFORMANCE


DEFINIZIONE: La struttura che controlla tutti i parametri relativi ad una song (suoni, effetti, livelli, pan, ecc.) si chiama SONG PERFORMANCE Tutte le volte che si preme il tasto STORE appare nel display la seguente schermata:
Il Preset Name il nome della song performance. Scrivete in questo campo il nome che volete SONG la locazione (da 1 a 64) dove pu essere memorizzata una song performance

ATTENZIONE!
Questo un campo molto importante poich il suo contenuto verr utilizzato dalla funzione DB SCAN per determinare il campo ARTIST nella DB list.

Ogni song pu contenere fino a 8 diverse song performances

Pag.34

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Modificare i livelli del volume in una song


1
Selezionate una song nella RAM e premete il tasto MIXER

Cambiate il livello del volume con il DIAL

Selezionate una traccia con i tasti CURSORE UP/DOWN

Ripetete l'operazione per modificare le altre tracce

Completata la procedura, premete il tasto STORE, e quindi ENTER per confermare.

Descrizione: La pagina MIXER


F1 VOLUME
Imposta il volume di ogni traccia

F2 PAN
Imposta il pan di ogni traccia

F3 RANDOM PAN
Imposta un valore programmabile di pan "casuale".

F4 AUDIO OUT
Assegna la traccia alle uscite ausiliarie

F5 3D EFFECT
Accede al menu di controllo dell'effetto 3D effect

F8 MIXER LOCK
Filtra i controlli di volume contenuti nella song performance

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.35

manuale d'istruzioni

genesys xp

F2 PAN Questo menu permette di impostare la posizione panoramica di un suono assegnato ad una traccia.

Premete il tasto funzione F2 PAN

Selezionate una traccia con i tasti cursore UP/DOWN e regolate il PAN usando il DIAL

PAN BALANCE Pan = 0 posizione centrale

Pan = -31 tutto a sinistra

Pan = +31 tutto a destra

Ripetete l'operazione per le altre tracce ed al termine ricordatevi di premere STORE e quindi ENTER per confermare.

NOTA: per sentire l'effetto del PAN, la Genesys xp deve essere collegata ad un impianto stereo. F3 RANDOM PAN Questo parametro aggiunge al suono selezionato una percentuale di effetto PAN casuale. 1
Premete il tasto funzione F3 RANDOM PAN

Selezionate una traccia con i tasti cursore UP/DOWN ed inserite il valore con il DIAL

Ripetete l'operazione per le altre tracce ed al termine ricordatevi di premere STORE e quindi ENTER per confermare.

F4 AUDIO OUT Questo menu permette di assegnare le uscite audio relative al suono ed alla traccia selezionati 2
Selezionate una traccia ed impostate le uscite audio con il DIAL Le tracce sono normalmente assegnate alle uscite Left+Right Il suono assegnato alle uscite ausiliarie OUT 1+2 Il suono assegnato solo all' out 1 (mono out) Il suono assegnato solo all' out 2 (mono out)

Premete STORE e quindi ENTER per confermare le modifiche

ATTENZIONE! Per ascoltare il segnale assegnato alle uscite ausiliarie necessario che OUT1 e OUT2 siano connesse ad un mixer.

Premete il tasto funzione F4 AUDIO OUT

Gli effetti non escono dalle uscite aux OUT1 e OUT2

Pag.36

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni
F5 3D EFFECT

genesys xp

Questo menu controlla i parametri dell'effetto 3D. Questo effetto aggiunge profondit al suono generale di Genesys xp. 1
Premete il tasto funzione F5 3D Effect

Aumentate (o diminuite) l'effetto 3D con il DIAL

Notate come aggiungendo l'effetto, si allarghi il fronte stereo

Selezionate BASS BOOSTER con il cursore DOWN ed incrementate il valore con il DIAL

Incrementando il BASS BOOST otterrete una esaltazione delle frequenze basse L'effetto 3D un effetto globale che non pu essere assegnato ad una traccia o memorizzato nella song performance. F8 MIXER LOCK Questa funzione disabilita i livelli dei volumi contenuti nella song performance. In questo modo possibile controllare i livelli delle tracce in tempo reale.

Se attivate la funzione premendo il tasto F8, i livelli delle tracce rimangono invariati anche cambiando song. Questa funzione non compresa nei parametri della song performance e pu essere abilitata o disabilitata solo manualmente.

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.37

manuale d'istruzioni

genesys xp

Edit degli effetti in una song MIDI


La Genesys xp possiede un dsp molto potente che genera un'ampia variet di effetti di ottima qualit. La programmazione del dsp fa parte dei dati della song performance e pu essere quindi inclusa in una song Gem.

Concetto:
Il processore interno della Genesys xp genera effetti che permettono di arricchire i suoni. Gli effetti generati appartengono a due famiglie principali: ambienti (riverberazione) e delay/modulazioni. Gli effetti sono divisi in due blocchi, A e B. OUTPUT F1 EFFECT TYPE
E' la pagina corrente, dopo potete selezionare gli effetti da assegnare alla song

GRUPPO A
MIDI TRACK
MANDATA

EFFETTO 1 EFFETTO 2 EFFETTO 1 EFFETTO 2


MANDATA

GRUPPO B Caratteristiche:

NOTA:
In una song in formato GEM possibile usare quattro effetti contemporaneamente: due riverberi e due delay/modulation.

EFFECT 1 EFFECT2 1 Hall1 Mono Delay 1 2 Hall2 Mono Delay 2 3 Hall3 Stereo Delay 1 4 Warm Hall Stereo Delay 2 5 Long Hall Multitap Dealy 1 6 St. Concert Multitap Dealy 2 7 Chamber Ping Pong 8 Studio Room 1 Pan Mix 9 Studio Room 2 Chorus 1 10 Studio Room 3 Chorus 2 11 Club Room 1 Ensemble 1 12 Club Room 2 Ensemble 2 13 Vocal Phaser 1 14 Metal Vocal Phaser 2 15 Plate 1 Flanger 1 16 Plate 2 Flanger 2 17 Church Chorus Delay 1 18 Mountains Chorus Delay 2 19 Falling Flanger Delay 1 20 Early 1 Flanger Delay 2 21 Early 2 Dubbing 22 Early 3 Distortion 23 Stereo Dist. Delay 24 Ph. Model Pitch shifter 1 25 Pitch shifter 1 26 Shift Delay 27 Rotary 1 28 Rotary 2 29 EQ Jazz 30 EQ Pops 31 EQ Rock 32 EQ Classic

Premete il tasto EFFECT sul pannello per accedere alla pagina principale di edit degli effetti.

Descrizione:

F2 SEND LEVEL
Regola il livello degli effetti per ogni traccia

F3 GEN.EF.1BAL
Bilanciamento e livello generale dell' Effect 1

F4 EFFECTS PROG.
Pagina di programmazione dei parametri degli effetti

Pag.38

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni
TIPO DI EFFETTO 1
Selezionate l'effetto 1 con il DIAL

genesys xp

Selezionate l'altro effetto ed i parametri con i tasti cursore

Volume generale effetti 1 e 2 Mandata dell'effetto 1 nel 2

Ripetete l'operazione secondo le vostre necessit e ricordatevi di premere STORE e poi ENTER per confermare le modifiche.

SEND LEVEL (LIVELLO DELLA MANDATA) 1


Premete il tasto F2 per accedere alla pagina SEND LEVEL

Selezionate una traccia premendo il relativo tasto

Selezionate uno dei campi con i tasti CURSORE LEFT/RIGHT

Inserite il valore con il DIAL

Ripetete l'operazione secondo le vostre necessit e ricordatevi di premere STORE e poi ENTER per confermare le modifiche.

GENERAL EFFECT 1 BALANCE Questa funzione permette di ridurre il livello generale del riverbero, indipendentemente dalla programmazione della song. Immaginate di suonare in un ambiente molto grande con un alto coefficiente di riverberazione. Con questa funzione potete ridurre il riverbero della Genesys xp, migliorando la definizione sonora ed evitando sgradevoli risonanze.

Entrate nella pagina premendo il tasto F3 e regolate il volume con il DIAL

Questa una funzione globale e quindi non inclusa nei parametri di programmazione della song performance. Non infatti necessario premere STORE poich la regolazione verr mantenuta nei parametri generali di sistema.
usare genesys xp come strumento autonomo Pag.39

manuale d'istruzioni
PROGRAMMAZIONE DEGLI EFFETTI

genesys xp

Questa pagina vi permette di regolare i parametri dell'effetto selezionato nella pagina EFFECT TYPE. Ogni famiglia di effetti ha un diverso numero di parametri programmabili. 1
Selezionate la pagina premendo il tasto F4

Selezionate i parametri da modificare con i tasti CURSORE UP/DOWN

Regolate il valore con il DIAL

Premete STORE e poi ENTER per confermare.

Salvataggio della song editata nell' hard disk


Una volta completata la procedura di edit nella RAM (SONG TRANSPOSE, MIX, EFFETTI, ecc.) la song deve essere salvata nell'hard disk (o su un floppy) per essere suonata dal PLAYER, dalla DB LIST o da una PLAY LIST. 1
Premete il tasto DISK sul pannello

Selezionate la cartella SONGS con il CURSORE RIGHT

2 Selezionate la RAM premendo il tasto funzione D A questo punto disponibile la funzione SAVE e potete selezionare il file da salvare

SALVA tutte le songs contenute nella RAM Se premete SAVE in questa fase, tutte le canzoni in memoria verranno salvate nell'hard disk (dalla locazione 1 alla 64).

4 Per salvare una SINGOLA SONG, premete di nuovo il tasto SALVARE tutto il contenuto della memoria RAM RIGHT e quindi il tasto F2 SAVE Nel caso in cui sono presenti in RAM altri dati come: SOUNDS, Se in memoria sono presenti pi songs, potete selezionarle PRESETS, STYLE PRESETS, USER STYLES, MEMORIES, le cartelle con i tasti CURSORE UP/DOWN. ad essi sono visualizzate sul display.
Pag.40 usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Premete il tasto ENTER

Selezionate una locazione con i tasti CURSORE UP/DOWN OPZIONI:

A questo punto appare la schermata dove decidere la cartella di destinazione nella quale salvare la vostra song.

Salvare la song nella stessa locazione:

La song che avete editato sostituisce la versione precedente salvata nell'hard disk B
Salvare la song in una diversa locazione:

Salvare la song in un'altra locazione richiede l'aggiornamento della DB list, poich avrete due versioni diverse della stessa song (l'originale e quella modificata).

Selezionate una cartella usando i tasti UP/DOWN o createne una nuova premendo il tasto G

Inserite il nome della cartella

Selezionate l'opzione che preferite

Entrate nella cartella selezionata con il tasto RIGHT

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.41

manuale d'istruzioni

genesys xp

Descrizione: DISK DRIVES


TASTI DA

F1 LOAD
Schermata caricamento dati

Selezione dei DRIVES

E SCSI
SCSI disponibile solo se installata la scheda SCSI opzionale ed connessa ad una periferica SCSI compatibile

F2 SAVE
Schermata salvataggio dati

F3 COPY
Copia il file selezionato nel drive di destinazione

G UTILITIES
Accede alla pagina utility del drive selezionato

F4 DELETE
Cancella un file o una cartella

F6 RENAME
Rinomina la cartella selezionata

H PROPERTIES
Mostra le propriet del drive selezionato

F7 MULTICOPY
Accede alla funzione MULTICOPY (vedi pag 12)

F8 COLLECT
Accede alla funzione COLLECT (vedi pag 13)

F1 LOAD L'operazione di caricamento (load) della Genesys xp presuppone la selezione di un driver sorgente (dove sono memorizzati i dati) ed un driver di destinazione (dove volete caricare i dati).
SORGENTE
FLOPPY DISK
MIDIFILES GEM Songs Genesys data Wav Mp3

DESTINAZIONE
HARD DISK RAM
Gli MP3 non possono essere caricati in Ram

HARD DISK

CD ROM
FLOPPY DISK RAM

CD ROM
RAM

HARD DISK RAM HARD DISK FLOPPY DISK

F2 SAVE Come per il load, l'operazione di salvataggio (save) della Genesys xp presuppone la selezione di un driver sorgente (dove sono memorizzati i dati) ed un driver di destinazione (dove volete salvare i dati). F3 COPY Supponiamo di voler copiare una song da un floppy disk all'hard disk interno della Genesys xp.
DA A HARD DISK

1 2

Inserite un floppy disk nel drive con alcune songs GEM Premete il tasto DISK sul pannello, e quindi F1 floppy disk

FLOPPY DISK

Premete F3 COPY e quindi due volte ENTER

Selezionate la cartella o il file da copiare con il CURSORE LEFT/RIGHT

I dati selezionati vengono copiati nell'hard disk

Allo stesso modo possibile copiare, compatibilmente con le dimensioni, dati dall'hard disk interno al floppy disk.
Pag.42 usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni
F4 DELETE

genesys xp

Questa funzione vi permette di cancellare una cartella o un file dal drive selezionato o dalla memoria interna. NelI'esempio seguente cancelleremo una cartella dall'hard disk interno.

Localizzate il file o la cartella da cancellare e premete F4

Premete ENTER per cancellare i dati

F5 RENAME Questa funzione vi permette di rinominare una cartella. In questo esempio rinominiamo una cartella dell'hard disk 1
Localizzate la cartella nell'hard disk e premete F5

Ora inserite il nuovo nome che volete dare alla cartella

Si apre il campo dove inserire il nome

Premete ENTER per confermare. La cartella mostra il nuovo nome

F7 MULTICOPY Per le spiegazioni su questa funzione andate a pagina 12 di questo manuale. F8 COLLECT Per le spiegazioni su questa funzione andate a pagina 13 di questo manuale.
usare genesys xp come strumento autonomo Pag.43

manuale d'istruzioni
TASTO FUNZIONE G: UTILITIES

genesys xp

Selezionate il drive e premete il tasto funzione G per visualizzare il menu utility. Il menu UTILITY comprende diverse opzioni in funzione del driver selezionato. A: FLOPPY DISK B: HARD DISK

Opzioni di Formattazione

Cambia l'etichetta Refresh della directory del floppy disk

1 2 3

Premete A FLOPPY DISK Premete G UTILITIES Premete ENTER per confermare A scopo precauzionale, l'opzione FORMAT richiede un'ulteriore pressione del tasto ENTER per confermare ed avviare l'operazione.

1 2 3

Premete B HARD DISK Premete G UTILITIES Premete ENTER per confermare A scopo precauzionale, l'opzione FORMAT richiede un'ulteriore pressione del tasto ENTER per confermare ed avviare l'operazione.

Per selezionare le utilities del floppy necessario che nel drive sia inserito un supporto compatibile

ATTENZIONE! La formattazione dell'Hard disk causa la perdita di tutti i dati. Evitate questa operazione se non strettamente necessaria.

C: CD ROM

D: RAM

1 1

1 2 3

Premete C CD ROM Premete G UTILITIES Premete ENTER per confermare

1 2 3

Premete D RAM Premete G UTILITIES Premete ENTER per confermare Come potete vedere, le RAM UTILITY riguardano le periferiche per l'ingresso e l'uscita dei dati ovvero il floppy disk, l'hard disk ed il CD ROM

Per selezionare le UTILITIES del CD deve essere inserito un supporto compatibile nel drive Le funzioni ERASE e FAST-ERASE sono disponibili solo utilizzando CD riscrivibili (CD-RW)

Pag.44

usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni
TASTO FUNZIONE H: PROPERTIES (PROPRIETA')

genesys xp

Selezionate il drive e premete il tasto funzione H per visualizzare le propriet del drive, della cartella o del file selezionato. Le propriet sono diverse a seconda del drive o del file selezionato. A: FLOPPY DISK B: HARD DISK

1 1

2 C: CD ROM

2 D: RAM

2 VISUALIZZAZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA CARTELLA O DI UN FILE

Selezionate un driver ed un file (o una cartella)

Premete il tasto funzione H per visualizzare le propriet

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.45

manuale d'istruzioni

genesys xp

APPENDICE AL CAPITOLO EDIT E FUNZIONI DEL DISCO Una speciale funzione di salvataggio
La Genesys xp ha una speciale funzione di export che permette di convertire una song GEM in un MIDIFILE standard.

Concetto:
Una song GEM caricata nella RAM viene convertita ed esportata in formato MIDIFILE standard. Ecco di seguito alcune differenze tra i due formati: Gem Song Standard midifile
Tracks Sound Banks DSP Effects Track edit Song Perf. 32 1600 16 4 Si Si 16 127 1 GM 2 (reverb chorus) non supportato non supportato

Operazioni:

1 Caricate una song nella memoria RAM seguendo le 6 Selezionate A FLOPPY DISK ed entrate nel folder MIDIFILE
istruzioni descritte a pagina 25

2 Premete il tasto DISK sul pannello 3 Selezionate RAM come drive e selezionate la song

Inserite un supporto compatibile nel floppy disk driver 7 Premete ENTER per confermare

4 Premete il tasto funzione F2 SAVE

8 Selezionate il floppy disk. Il file ora disponibile come MIDIFILE

5 Premete ENTER per confermare


Pag.46

Il midifile un formato di scambio delle songs


usare genesys xp come strumento autonomo

manuale d'istruzioni

genesys xp

Trasformare uno standard MIDIFILE in una song in formato GEM Concetto:


Seguendo le istruzioni a pag. 25, possibile convertire un MIDIFILE in una song GEM, semplicemente caricandolo nella memoria del sequencer di Genesys Xp. Caricato il file, possibile modificarlo allo stesso modo di una song GEM, e salvarlo nell'hard disk (o in un floppy), in formato GEM.

Operazioni:
1 Caricate un midifile in una locazione di memoria 2 Durante il caricamento, il MIDIFILE viene convertito
dalla Genesys xp in una song GEM

3 Editate i parametri come per una song GEM 4 Salvate il file sul disco in una cartella GEM

usare genesys xp come strumento autonomo

Pag.47

manuale d'istruzioni

genesys xp

IL VOCAL GENIUS Concetto:


La sezione vocal genius ha una doppia funzione: quella di processare un segnale vocale connesso al MIC AUDIO IN di Genesys xp e di il segnale acquisito come sorgente per generare una armonizzazione in tempo reale a 4 voci. Grazie alla sua sezione di hard disk recording, la Genesys xp permette di registrare le vostre performance vocali in un file wave .

Caratteristiche:
MIC SIGNAL PATH
Input gain
MIC LIMITER

FBK
SUPRESS

D/A
CONVERTER

BAND

EQ

REVERB DELAY
OUT

MIDI CONTROL
MIDI KEYBOARD SEQUENCER TRACK

FREQUENCY SHIFT 1 FREQUENCY SHIFT 2 FREQUENCY SHIFT 3 FREQUENCY SHIFT 4

Operazioni:
1 Prima di iniziare, portate al minimo il volume MIC nella sezione VOCAL GENIUS. Ora siete pronti per connettere un microfono all'ingresso MIC/L sul pannello posteriore dello strumento. Come potete vedere, sul pannello posteriore ci sono due connettori: l'ingresso MIC/L serve per il microfono e per la funzione HARMONY, mentre l'ingresso LINE permette di collegare uno strumento (ad esempio una chitarra). 2 Collegate ed attivate il microfono, premete quindi il tasto EFFECT per entrare nella pagina del Vocal Genius

MIN.

3 Regolate la sensibilit d'ingresso usando il potenziometro sul pannello posteriore Mandate un segnale di test usando la vostra voce e regolate l'ingresso aiutandovi con il VU-Meter visualizzato sul display.

ATTENZIONE!
Se il VU-Meter visualizza il messaggio "PEAK" con un segnale vocale continuo, significa che il segnale troppo elevato e probabilmente distorto. La distorsione digitale rovina il segnale NOTA Usate il MIC LIMITER per ridurre il rischio di saturazione del segnale in ingresso.

Risposta ottimale di un segnale vocale continuo

Segnale "PEAK"

4 Premete il tasto ON ed alzate il volume per ascoltare il segnale microfonico dal vostro impianto audio. NOTA
Ricordatevi di bilanciare il VOCAL GENIUS MICRO ed il livello del GENIUS con lo slider MAIN volume. La regolazione ottimale del MAIN volume approssimativamente a 3/4 della corsa dello slider.

Il Vocal Genius

Pag.49

manuale d'istruzioni

genesys xp

DESCRIZIONE:
VOL
Visualizza il livello del volume relativo allo slider MIC

VU-METER
Visualizza il livello del volume d'ingresso MIC

F1 LEFT-RIGHT
Imposta l'ingresso esterno come L/R

REV

DELAY

SEND

Regola la mandata del riverbero

F2 MIC-LINE
Permette di collegare un microfono all'ingresso audio MIC ed uno strumento all'ingresso LINE

REVERB
RIchiama 8 diversi tipi di riverbero

DELAY
Richiama 8 diversi tipi di delay

F4 MIC EQUALIZER
Pagina di programmazione dell'equalizzatore MIC

MIC LIMITER
Il MIC LIMITER THRESH OLD controlla il compressore/limiter interno

F5 REVERB PROG
Pagina di programmazione dei parametri del riverbero

N/L GATE
Il parametro N/L permette di ridurre e/o eliminare il feedback del microfono (effetto Larsen). Questa funzione molto efficace quando il microfono posizionato vicino alle casse. La regolazione va da -48 a -12db. La posizione OFF permette di escludere la funzione. REVERB E DELAY VOLUME Regola la mandata del delay

F6 DELAY PROG
Pagina di programmazione dei parametri del delay

F7 TALKOVER
Regola il livello del talkover

F8 LOCK
Blocca i parametri del Vocal Genius

NAVIGAZIONE

DATA INPUT

F4 MIC EQUALIZER
Premete F4 MIC EQUALIZER per entrare nella pagina dell'equalizzatore Equalizzatore semi-parametrico a 3 bande per regolare il timbro del microfono
Regola gli alti, (High Gain), i bassi, (Low Gain) ed i medi, (Middle Gain). La Middle Frequency comprende valori dal medio basso (250Hz 1KHz) al medio alto (1.3KHz 6.4KHz).
NAVIGAZIONE DATA INPUT

Premete ENTER o ESCAPE per tornare alla pagina VOCAL GENIUS

F5 PROGRAMMAZIONE DEL RIVERBERO


Premete F5 REVERB PROGRAMMING per accedere alla pagina di programmazione del riverbero

NAVIGAZIONE

DATA INPUT

Premete ENTER o ESCAPE per tornare alla pagina VOCAL GENIUS

Pag.50

Il Vocal Genius

manuale d'istruzioni
F6 DELAY PROGRAMMING

genesys xp

Premete F6 DELAY PROGRAMMING per entrare nella pagina di programmazione del delay

NAVIGAZIONE

DATA INPUT

Premete ENTER o ESCAPE per tornare alla pagina VOCAL GENIUS

F7 TALKOVER
Premendo F7 TALKOVER possibile programmare l'attenuazione del livello audio introdotta da questa funzione

NAVIGATION

DATA INPUT

Premete ENTER o ESCAPE per tornare alla pagina VOCAL GENIUS

F8 LOCK Tutti i parametri possono essere memorizzati in una delle performance di Genesys xp (SONG PERFORMANCES, richiamate dal sequencer e MEMORIES richiamate in tempo reale).Per situazioni particolari, potreste trovare pi utile usare la sezione VOCAL GENIUS in tempo reale, disabilitando il richiamo automatico dei parametri. Premete questo tasto per abilitare il LOCK. I parametri del Vocal Genius non cambieranno anche selezionando SONGS o MEMORIES.

Il Vocal Genius

Pag.51

manuale d'istruzioni

genesys xp

LA SEZIONE HARMONY Concetto:


La sezione HARMONY usa la vostra voce come segnale portante, generando fino a 4 voci di accompagnamento. Il risultato un effetto di ensemble vocale molto efficace. Le voci sono derivate dagli eventi MIDI ricevuti da Genesys xp, siano essi suonati in tempo reale da una tastiera MIDI o trasmessi dalla traccia di una song dal sequencer. GENIUS
Genius slider volume

HARMONY
VOCAL HARMONY ON/OFF

EDIT
Pagina HARMONY edit

Descrizione
Premete EDIT per entrare nella pagina HARMONY EDIT

TASTI

FUNZIONE

A-D

F1 VOLUME
Pagina corrente

ON/OFF delle voci

E MAIN
Abilita o disabilita una copia della voce principale

F2 PAN
Edit del PAN per ogni singola voce

F BASS
Copia della voce principale, una ottava sotto NOTA Nel VOCAL GENIUS ci sono 6 voci disponibili ma possibile usarne solo 4 contemporaneamente

F3 EDIT
Visualizza il menu edit

F5-F6-F7
Cambia il modo HARMONY

F8 LOCK
Blocca i parametri correnti

F1 VOLUME
Premete F1 per accedere alla pagina di edit del volume di ogni voce
Premete i tasti funzione da A a F per abilitare o disabilitare le varie voci dell'armonia
Voice 1 Nota pi bassa dell'accordo Voice 2 Seconda nota pi bassa
dell'accordo

ON
OFF

Voice 3 Nota pi alta dell'accordo Voice 4 Seconda nota pi alta


dell'accordo

NAVIGAZIONE

DATA INPUT

Main

Copia della vostra voce, utilizzata per duplicare la melodia Una ottava pi bassa della vostra voce.

Bass

Ogni voce HARMONY ha un volume indipendente per poter bilanciare la sonorit globale. Selezionate le voci con i tasti UP/DOWN e quindi modificate il volume con il DIAL F2 PAN

Premete F2 per accedere alla pagina di edit del PAN di ogni voce

NAVIGAZIONE

DATA INPUT

Ogni voce dell'HARMONY ha una regolazione di PAN indipendente. Con questo parametro potete aggiungere profondit al vostro "coro virtuale". Selezionate le voci con i tasti UP/DOWN e modificate il valore con il DIAL
Pag.52 Il Vocal Genius

manuale d'istruzioni
F3 EDIT
Premete F3 per entrare nella pagina di edit dei parametri delle voci dell'HARMONY

genesys xp

NAVIGAZIONE

DATA INPUT
Waveform OFF SINUS TRIANGLE

LFO

MODULATION

SAW SQUARE RANDOM SAMPLE/HOLD

Aggiunge una modulazione LFO (Low Frequency Oscillator) alle voci dell'armonia

CHORD TYPE
Seleziona il modo di assegnare le note di un accordo al vocal genius

PITCH FILTER AUTO CORRECTION


Correzione automatica dell'intonazione della voce principale

SMART CLOSE TRANSPOSE


Transpone di +/- 1 ottava la sezione vocal genius

FREE
L'intonazione della voce principale rimane inalterata

VOCODER TRACK
Seleziona il canale MIDI che controlla il VOCAL GENIUS

NOTA
Per controllare il GENIUS da una tastiera MIDI, impostate la traccia vocoder sul canale MIDI di trasmissione della tastiera stessa

F4 VOICE SET
Premete F4 per richiamare la pagina contenente 16 harmony presets

La pagina VOICE SET include16 FACTORY PRESETS che configurano automaticamente le voci dell'HARMONY ed il modo VOCAL GENIUS per adattarlo a diversi stili musicali

Selezionate i vari presets premendo i tasti relativi

Il Vocal Genius

Pag.53

manuale d'istruzioni
VOCAL GENIUS MODE: CHORD-VOCODER-UNISON

genesys xp

Premete F5 CHORD o F6 VOCODER e F7 UNISON per selezionare i vari modi di funzionamento disponibili

F5 CHORD Usate questo modo suonando con gli styles. Le voci dell'Harmony seguono i cambi di accordo e dipendono dalle note che state cantando. F5 VOCODER Nel modo Vocoder, le voci dell'armonia riproducono esattamente le note che state suonando, indipendentemente da quelle cantate. Questo modo estremamente utile nei seguenti casi: 1. Per creare il classico effetto VOCODER 2. Per far cantare alle voci precise progressioni armoniche. F8 LOCK 3. Per controllare le voci tramite una traccia Attivate questa funzione di un midifile

F5 UNISON Tecnicamente, l'unisono non un vero e proprio HARMONY MODE, ma una regolazione particolare usata per arricchire il suono della voce, creando un timbro pi caldo e pastoso. Il modo UNISON genera 4 copie della vostra voce che si uniscono a voi mentre cantate. Poich il modo UNISON non produce alcuna armonizzazione, (ovvero note di altezza diversa dalle originali), esso ignora le note che state suonando. Selezionate il modo UNISON ed ascoltate l'effetto che produce appena iniziate a cantare. Le voci 1,2,3 e 4 sono le copie della vostra voce, ciascuna intonata in modo leggermente diverso dall'originale. E' possibile modificare l'effetto UNISON utilizzando il controllo di volume di ogni voce; miscelate le voci in proporzioni diverse o provate ad usarne solo una o due alla volta.

solo se volete controllare il GENIUS in tempo reale, isolandolo quindi dal NOTA Nel modo VOCODER le voci dell'armonia non ri- controllo di una song o di una memory conoscono lo split di tastiera

ACCORDATURA (Unison voices tune setting) Le differenze di accordatura sono espresse in cents dove un cent equivale ad 1/100 di semitono. Voice 1 +12 cents Voice 2 +7 cents Voice 3 - 7 cents Voice 4 -12 cents

ESEMPI 1

Uso dei MIDIFILES con la traccia HARMONY

Alcuni midifiles o songs in formato Gem possono contenere una traccia MIDI (di solito la n.5), che fornisce alle voci dell'armonia le indicazioni precise sull'esecuzione. Genesys Xp riceve queste istruzioni in modo Vocoder. Suonando un MIDIFILE che contiene una traccia HARMONY, con la sezione SONG PLAYER, necessario configurare manualmente il VOCAL GENIUS. Impostato il VOCAL GENIUS per seguire la traccia HARMONY della song, potete eventualmente bloccarne i parametri in modo che funzionino sempre allo stesso modo. Procedete come segue: 1. Selezionate il modo VOCODER. 2. Controllate che tutte e quattro le voci siano abilitate e che i livelli del volume siano sufficientemente alti. 3. Premete il tasto F3 (EDIT) ed impostate la traccia Vocoder su 5.

NAVIGAZIONE

DATA INPUT

Per bloccare i parametri premete il tasto LOCK F8

Pag.54

Il Vocal Genius

manuale d'istruzioni
2

genesys xp

Classico effetto VOCODER

La parola Vocoder deriva da un sintetizzatore specializzato per processare la voce, molto utilizzato negli anni 70 . Questo particolare effetto stato usato in centinaia di canzoni di successo ed immediatamente riconoscibile. 1 Selezionate il modo VOCODER

Controllate che ogni voce sia abilitata e che il suo volume sia al massimo. Nel modo VOCODER, le voci dell'armonia non riconoscono il punto di split. Di conseguenza, per questo esempio selezionate il key mode FULL .

Per sentire come rispondono le voci dell'armonia, abbassate il volume del suono assegnato alla parte. Premete ESCAPE per tornare alla pagina principale e quindi abbassate il volume UPPER al minimo. A questo punto premete una nota sulla tastiera. Non dovreste sentire alcun suono. Mentre continuate a premere il tasto, cantate nel microfono. Potete cantare qualsiasi nota poich la voce dell'Harmony riproduce solo la nota che state suonando sulla tastiera. Per sentire l'effetto completo, abbassate al minimo il volume MIC ed alzate al massimo il volume del GENIUS Cantando nel microfono la stessa nota e suonando note diverse sulla tastiera, riconoscerete il classico effetto VOCODER. In questo modo, possibile pronunciare solo le parole di una canzone, mentre invece le note appropriate sono suonate sulla tastiera. Fino a questo momento abbiamo ascoltato solo la voce n.1 delle quattro disponibili, suonando due note contemporaneamente, la Voice 1 produce la nota pi bassa mentre la Voice 2 quella la pi alta. Suonando tre note si attiva la Voice 3 e con quattro note si aggiunge la Voice 4. In questo modo, le quattro voci dell'HARMONY permettono di creare interessanti arrangiamenti vocali composti anche da armonie complesse ottenute suonando con entrambe le mani sulla tastiera. Inoltre, provate anche ad aumentare il volume del microfono (MIC) in modo da aggiungere la voce diretta alle voci dell'HARMONY e sperimentate gli interessanti risultati musicali.

Il Vocal Genius

Pag.55

manuale distruzioni

genesys xp

Suonare dal vivo con Genesys xp: le risorse Concetto:


Genesys xp una arranger workstation, un campionatore ed un sintetizzatore molto potente nello stesso tempo. Tutte le funzioni in tempo reale possono essere controllate via MIDI da una master keyboard e sono completamente integrate al SONG PLAYER ed al VOCAL GENIUS. Collegate il MIDI OUT della vostra master controller (master keyboard, digital piano, MIDI accordion, guitar controller ecc.), al connettore MIDI IN di Genesys Xp.

Caratteristiche:
1.024 MEMORIES 128 INTERNAL PRESET 128 USER PRESET 128 INTERNAL STYLES 128 USER STYLES

DEFINIZIONE: PRESET Alaccensione Genesys Xp si predispone in un modalit PRESET. Il PRESET una struttura di memoria ottimizzata che richiama i suoni (il multisample ed i relativi parametri di sintesi), i parametri di controllo ed i parametri degli effetti. E possibile selezionare i PRESET in tempo reale mentre state suonando. DEFINIZIONE: MEMORIES Le memories (o perfomances) permettono di richiamare in tempo reale linsieme di tutti i parametri esecutivi della Genesys xp: PRESETS, STYLES, missaggio, effetti, controlli, impostazioni del VOCAL GENIUS, per passare immediatamente a generi ed atmosfere musicali completamente diverse tra loro.

Selezione di un PRESET
Accendete lo strumento. Dopo pochi secondi apparir nel display la seguente schermata:

Descrizione:
Velocit del metronomo Tipo e modo dellaccordo suonato

Nome e famiglia dello style Contamisure dello style Tipo di KEYBOARD MODE

F1-F2 PARTS
Visualizza le parti dello style

F5-F6 PARTS
Visualizza le parti del preset

F7-F8 PARTS
Visualizza il punto di split Nome del preset corrente

Operazioni:
1 Premete il tasto PRESETS nella zona delle risorse. Il display visualizza i PRESETS selezionabili

Selezionano le PRESET FAMILES I tasti funzione A-H/F1F8 richiamano i presets delle famiglie selezionate

uso in realtime di Genesys xp

Pag.57

manuale distruzioni

genesys xp

I pulsanti Keyboard Mode

Tramite questi tasti possibile gestire in tempo reale la configurazione della tastiera collegata via MIDI, selezionando le diverse modalit: FULL, SPLIT e i diversi tipi di riconoscimento accordi per la sezione ARRANGER.
FULL SPLIT ACCOMP . SPLIT il PRESET selezionato suona su tutta la tastiera la tastiera divisa in due parti, Upper e Lower. Premendo questo tasto, possibile suonare i bassi con la sinistra. Ogni PRESET richiama un suono di basso adeguatamente programmato. Attiva il riconoscimento degli accordi nella parte sinistra della tastiera. In questo modo possibile suonare con gli styles, premendo gli accordi nella parte sinistra della tastiera, mentre la mano destra suona le parti soliste. La modalit PIANO STYLE effettua il riconoscimento degli accordi su tutta la tastiera, permettendo di suonare gli STYLES senza essere vincolati a un preciso punto di SPLIT. La modalit MANUAL BASS rimuove il basso automatico dallo style e attiva un suono di basso sul lato sinistro dello split. In questo modo potete cambiare le voci di accompangamento suonando accordi sul lato destro dello split mentre la sinistra esegue le parti di basso in tempo reale. Questa innovativa caratteristica stata sviluppata appositamente per Genesys xp. Nella modalit PRO SPLIT, il riconoscimento degli accordi diviso in due parti: Bass e Accompaniment. La sezione Bass controllata dal lato sinistro dello split, mentre le parti di accompagnamento vengono controllate dagli accordi suonati alla destra dello split. In questo modo possibile eseguire soluzioni armoniche complesse. Il basso infatti viene generato independentemente dalle parti di accompagnamento degli accordi. Un esempio: Provate a suonare alcuni accordi con la destra mentre tenete premuta la stessa nota di basso con la sinistra: Do basso mentre la destra suona laccordo Do maggiore, Fa maggiore, Sol maggiore, Si bemolle maggiore e Fa maggiore. Questa progressione, tipica per pianisti/vocalisti, non potrebbe essere suonata corettamente da una arranger keyboard senza la funzione PRO SPLIT.

PIANO STYLE MANUAL BASS

PRO SPLIT

Editare i PRESETS: richiamare un sound in una PRESET PART


I parametri dei PRESETS possono essere modificati per adattare Genesys xp alle vostre esigenze. 1 Premete il tasto PRESETS e selezionate un PRESET. In
questo esempio viene richiamato il Rhodes70 premendo il tasto funzione C. Premete il tasto FULL

Questa schermata permette di controllare i suoni del preset selezionato. Assegniamo nellesempio seguente un suono di PAD da usare in layer con il piano elettrico.

Premete ESCAPE per ritornare alla schermata principale

4 Premete il tasto G per selezionare la PART n.7 5 Premete il tasto SOUNDS sul pannello

3 Premete i tasti funzione F5/F6 PARTS

FULL

Pag.58

uso in realtime di Genesys xp

manuale distruzioni

genesys xp 6 Premete 2 per richiamare il sound WARMPAD

Il display visualizza la schermata SOUNDS SELECTION. Supponiamo di aggiungere un suono di PAD al RHODES gi selezionato. 5 Premete il tasto funzione F4 per selezionare SYNPAD FAMILY 7 Premete ESCAPE per tornare sulla pagina Keyboard Parts

8 Premete il tasto funzione G per attivare la part In questo modo, il suono WARM PAD si aggiunto ad RHODES su tutta lestensione della tastiera.

la sezione Edit: EDIT PARTS

La sezione Edit contiene il men per editare tutti i parametri dei PRESET. Iniziamo dal men PRESET: per visualizzare nel display la pagina relativa premete il tasto PRESET sul pannello.

Premete ENTER per entrare nel men edit parts

Il men EDIT PARTS identico a quello descritto a pagina 28 nel capitolo SONG EDIT di questo manuale. Genesys Xp dispone degli stessi parameteri sia per le parti assegnate al PLAYER/SEQUENCER sia a quelle assegnate ad un MIDI Controller in tempo reale.

SELEZIONE INGRESSO MENU uso in realtime di Genesys xp

USCITA MENU

Pag.59

manuale distruzioni

genesys xp

la sezione Edit: PEDALS


Premete ESCAPE dalla pagina precedente, selezionate il men PEDALS con il cursore e premete ENTER.

SELEZIONE INGRESSO MENU

Sul display appare la pagina di programmazione dei pedali, da questo men possibile impostare la loro programmazione sul PRESET corrente.
CONTINUOS SWITCH MULTIPEDAL

F1 PEDAL PROG.
E la pagina corrente dove assegnare le funzioni al pedale

F2 PEDAL ASSIGN
NAVIGATION DATA INPUT

Multiped 1 Multiped 2 Multiped 3

Seleziona la pagina per di assegnazione delle funzioni ai pedali

F3 - F5 MULTIPEDAL
Seleziona la pagina di programmazione dei MULTIPEDAL.

CONTROLLI CONTINUI ASSEGNABILI


Off Pitch Bend Nessun effetto Off Applica il Pitch Bend alle note. Il Pitch Bend va dal massimo valore negativo tal Damper massimo valore positivo. La posizione centrale del pedale continuo corrisponde Sostenuto a 0 pitch. Aumenta il Pitch Diminuisce il Pitch Apre/chiude il parametro di Filter Cutoff Influisce sul parametro di Resonance Genera il messaggio di MODULATION DATA (CC01) Genera il messaggio di Breath controller (CC02) Controlla il volume generale (CC07) Controlla il Pan (CC10) da sinistra a destra Controlla il volume da 0 ai livelli massimi del mixer Soft Start/Stop Synchro Intro Fill < Fill = Fill > Ending Variation 1

CONTROLLI SWITCH ASSEGNABILI


Nessun effetto Applica il sustain alle note rilasciate Sostiene soltanto le note suonate a pedale premuto; le note suonate dopo aver premuto il pedale non vengono sostenute Attenua il suono Simula il tasto Start/Stop. Attiva/disattiva la funzione Synchro Attiva lIntro Attiva la funzione Fill< Attiva la funzione Fill = Attiva la funzione Fill> Attiva la funzione Ending Seleziona Variation 1. Seleziona Variation 2. Seleziona Variation 3 Seleziona Variation 4. Seleziona la Variation successiva Seleziona la Variation precedente Seleziona la Memory successiva Seleziona la Memory precedente Attiva/disattiva la funzione Harmony Attiva/disattiva la funzione Bass inv. Attiva/disattiva lArranger Attiva/disattiva la funzione Fade In/Out Aumenta il Tempo di 1 unit Diminuisce il Tempo di 1 unit Attiva/disattiva la funzione PUNCH recording durante la registrazione Cambia la velocit delleffetto Rotary da Slow (lento) a Fast (veloce) e viceversa Converte laccordo premuto in un accordo minore Converte laccordo premuto in un accordo diminuito Converte laccordo premuto in un accordo di 7a minore Converte laccordo premuto in un accordo di 7a maggiore Attiva/disattiva il vocal processor Questa funzione blocca laccordo corrente (tenuto con in pedale), consentendovi di suonare liberamente su tutta la tastiera senza influenzare il riconoscimento accordi degli styles. La funzione si disattiva rilasciando il pedale.

Pitch + Pitch Filter Resonance Modulation Breath Cnt. Volume Pan Expression Vocal G. Volume

Controlla il volume della traccia VOCAL HARMONY utilizzando il VOCAL Variation 2 GENIUS Variation 3 Variation 4 Var > Var < Memory>

PEDALE TIPO
CONTINUOS CONTROLLER

PEDALE SWITCH

Memory< Harmony Bass Inv. Arrange On/Off Fade In/Out Tempo > Tempo < Punch Rotary s/f Minor Dim Min Maj 7th Voc. Genius on/off Freeze Chord

GENESYS XP MULTIPEDAL

Pag.60

uso in realtime di Genesys xp

manuale distruzioni

genesys xp

F2 PEDAL ASSIGN (ASSEGNAZIONE DEI PEDALI) Da questo men si attivano o si disattivano i pedali per ogni PART selezionata. Ad esempio il controllo del volume tramite pedale pu essere assegnato solo alla PART N.7, In questo modo, suonando il preset REALGRAND lingresso del suono in LAYER SYNORCHESTRA, pu essere controllato con il pedale, mentre il suono di piano non viene influenzato dal cambio di volume.

Multiped 1 Multiped 2 Multiped 3


SELEZIONE DATA INPUT

MODO MULTIPEDAL Il MULTIPEDAL una nuova unit sviluppata appositamente per Genesys xp dotata di 6 pedali tipo SWITCH. Genesys xp permette di collegare fino a tre di queste unit, per un massimo di18 pedali SWITCH programmabili. In questo modo possibile il totale controllo in tempo reale dei principali parametri esecutivi di Genesys xp.

MultipedALS 1 Multiped 1 Multiped 2 Multiped 3

SELEZIONE

DATA INPUT

1 Selezionate la modalit MULTIPEDALS con il DIAL

2 Premete il tasto di funzione F3 MULTIPEDAL 1

MULTIPEDAL PROGRAMMING 4 1 2 5 3
2= FILL<< 4=SYNCRO 6=ENDING

SELEZIONE

DATA INPUT

1=START/STOP 3=FILL>> 5=INTRO

3 Selezionate un pedale (da 1 a 6) con il CURSORE 4 Premete ENTER per confermare

4 Assegnate una funzione al pedale ruotando il DIAL Per vedere quali funzioni possono essere asssegnate a un unico pedale nella modalit MULTIPEDAL, consultate la tabella CONTROLLI SWITCH ASSEGNABILI a pagina 60.

Lo strumento ritorna alla pagina principale di EDIT PEDAL.


USCITA MENU

NOTA:
Per accedere alle funzioni del modo MULTIPEDALS, deve essere collegata a Genesys xp ununit opzionale MULTIPEDAL.

ATTENZIONE!
Nella modalit MULTIPEDAL, il DAMPER, SOFT e SOSTENUTO non possono essere assegnati a un unico pedale switch.

uso in realtime di Genesys xp

Pag.61

manuale distruzioni

genesys xp

Sound Edit Quick


Premete ESCAPE dalla pagina precedente, selezionate il men SOUND EDIT (QUICK) con il cursore, poi premete ENTER.

SELEZIONE

INGRESSO MENU

Questo men permette di personalizzare in modo veloce e semplice il suono assegnato alla PART selezionata. Anche gli utenti non esperti nella programmazione di synth possono modificare i sounds di Genesys xp. Il display visualizza la schermata con 8 parametri principali del suono.

F6 COPY TO
Copia le modifiche (edit) eseguite su una PART, ad unaltra PART

F7 RESTORE
Ripristina il valore dei parametri sulla PART selezionata

SELEZIONE

DATA INPUT

Selezionate un parametro e inserite il valore con il DIAL

F8 RESTORE ALL
Ripristina il valore dei parametri su tutte le PARTS

Come salvare ledit del PRESET: larea USER PRESET


Una volta completate le modifiche sul PRESET potete salvarle nellarea USER.

1 Quando il nuovo PRESET pronto premete STORE

2 Selezionate il campo PRESET con il CURSORE DESTRO

locazione di memoria, poi premete ENTER Pag.62

3 Inserite un nome per il nuovo PRESET e selezionate una 4 Premete il tasto PRESET, poi il tasto NEXT PAGE
uso in realtime di Genesys xp

manuale distruzioni

genesys xp

Sound Edit Pro


Premete due volte ESCAPE dalla pagina precedente, selezionate il men SOUND EDIT (PRO) con il cursore, poi premete ENTER.

SELEZIONE INGRESSO MENU

Questo menu dedicato ad utenti esperti, al suo interno infatti sono disponibili tutti i parametri di sintesi di ciascun suono. In questo modo tutti i suoni interni di Genesys xp possono essere modificati o completamente riprogrammati.
TERMINI TECNICI LAYER Il sound la singola unit sonora

ALGORITHM
lalgoritmo il percorso di elaborazione di un campione

Un LAYER pu essere abilitato (L) o disabilitato (M, mute) con lo stato L e M premendo i rispettivi tasti funzione (A1, B2, C3). Disabilitare il LAYER pu essere utile se volete sentire solo il layer che state editando attualmente senza ascoltare anche gli altri. Per formare un suono possono essere combinati fino a 3 LAYERS. Dato ch la procedura di modifica di ogni singolo LAYER identica questa sezione analizza ledit di un solo LAYER. Creare suoni in MULTILAYER piuttosto semplice, se sapete editare un singolo LAYER.
WAVEFORM

Esistono tipi diversi di LAYER: SINGLE WAVEFORM o DUAL WAVEFORM. Ogni LAYER viene elaborato con un algoritmo associato di sintesi. Un algoritmo il percorso di un campione (waveform) elaborato con serie di funzioni di sintesi quali: filtri, inviluppi, LFO, ecc. E possibile scegliere tra 6 algoritmi diversi per assegnare unampia variet di funzioni di processamento.

Selezionate il men WAVEFORM e premete ENTER.


WAVEFORM la WAVEFORM lunit di base del suono e pu essere selezionata dal database interno, o dalla memoria RAM. In questa area le WAVEFORM possono essere caricate da uno dei media a disposizione nei formati compatibili o acquisite tramite campionamento. TRANPOSE: Traspone la WAVEFORM per semitoni con valori da 64 a +64. A 0 corrisponde al PITCH standard. FINE PITCH Accordatura fine della WAVE per incrementi di 1/64 di semitono. Valori da 64 a +64. A 0 corrisponde il PITCH standard . PITCH TOUCH SENSITIVITY Regola la sensibilit dellaftertouch nel controllo dellintonazione. WAVESTART Regola il punto in cui loscillatore inizia a leggere i valori memorizzati nella WAVETABLE. Questo parametro pu essere usato per modificare il playback della forma donda utilizzata. WV START DYN MODE SCALE MODE Permette di controllare con un Seleziona un temperamento. Valori valore assegnabile, il parametro assegnabili 0-1-2 WAVESTART alla dinamica del tasto. Value 0 Temperamento equabile Value 1 1/4 tono di differenza Disable non connessa alla dinamica tra le note Switch Lintera Wave, o una sua parte di tono di viene letta seguendo il Wave Value 2 1/16 differenza tra le note Start programmato, al di sopra
o di sotto di una determinata impostazione di dinamica. Floating fa fluttuare il Wave Start in base alla dinamica

WAVE VECTOR
Seleziona il modo in cui la wavetable viene letta in memoria Forward legge la WAVE dallinizio alla fine Reverse legge la WAVE dalla fine allinizio Alternate 1 legge la WAVE dallinizio alla fine, ritorna allinizio e ripete il loop in continuazione Alternate 2 variazione di Alternate 1

TUNING MODE Seleziona il modo di esecuzione delle WAVE. Impostando su NORMAL la WAVE viene trasposta normalmente in base alle note suonate. Assegnando invece una nota (da A0 a C8) WAVE suoner la stessa nota su tutta la tastiera.

SELEZIONE INGRESSO MENU

uso in realtime di Genesys xp

Pag.63

manuale distruzioni
VOLUME
AND

genesys xp
BALANCE

Selezionate il men Volume e premete ENTER. La pagina di controllo del volume appare sul display.

I PARAMETRI DI VOLUME F1 VOLUME E un parametro presente su tutti gli algoritmi e regola il volume della waveform 1 o 2. Se lalgoritmo selezionato comprende il BALANCE editor, questo parametro controlla il volume generale del layer, in un ambito di valori da 0-127. Gli algoritmi Dual 1 e Dual 2 dispongono dei controlli Volume 1 e Volume 2, mentre gli algoritmi Dual 3 e Dual 4 dispongono di un unico controllo di VOLUME pi il controllo del BALANCE. DYNAMIC SENSITIVITY Consente il controllo del volume per mezzo della dinamica della tastiera (VELOCITY). Valori assegnabili +/-7. Con valori positivi valori maggiori di VELOCITY aumentano il Volume, mentre valori negativi creano l effetto inverso. 0 = nessuna risposta. BALANCE E un parametro presente solo negli algoritmi Dual 3 e Dual 4. I PARAMETRI DEL BALANCE

F2 VOLUME TRACKING Parametro presente su tutti gli algoritmi. Il TRACKING permette di determinare delle variazioni di VOLUME lungo la tastiera. Con questa funzione possibile simulare le variazioni dellemissione sonora degli strumenti acustici. Per esempio, un pianoforte acustico pu raggiungere un livello sonoro maggiore nella sezione dei bassi, rispetto a quella degli acuti.

BALANCE Bilancia il volume di due oscillatori del layer corrente. Valori: +/127. Valori positivi aumentano lintensit della forma donda, valori negativi aumentano la seconda forma donda. BALANCE DYN. SENSITIVITY Permette di controllare la risposta del BALANCE con la dinamica della tastiera (VELOCITY). Valori: 7/+7. Impostando valori positivi una maggiore VELOCITY incrementa la presenza della prima forma donda, mentre con valori negativi si ottiene linverso. 0 = nessuna risposta dinamica. BALANCE TOUCH SENSITIVITY Permette di controllare la risposta del BALANCE tramite LAFTERTOUCH. Valori: +/-7. Impostando valori positivi una maggiore pressione sullAFTERTOUCH incrementa la presenza della prima forma donda, mentre con valori negativi si ottiene linverso. 0 = nessuna controllo. F2 BALANCE TRACKING La funzione Balance Tracking permette di programmare un BALANCE OFFSET, o una variazione del BALANCE (programmata nella pagina BALANCE) per tutta la tastiera. Le opzioni e i parametri utilizzati per la curva di BALANCE TRACKING (SEGMENT, POINT, KEY e LEVEL) sono identici a quelli descritti nel VOLUME TRACKING.

F6 SEGMENT Questo parametro permette di ottenere una curva di TRACKING pi dettagliata, per mezzo degli ulteriori parametri POINT, KEY e LEVEL. Point 1 Rappresenta la nota pi bassa sulla tastiera. La nota pi alta rappresentata dallultimo POINT e dipende dal numero di segmenti inseriti. Key Definisce la nota in un POINT selezionato. I punti estremi (A#0, C8) non possono essere modificati. Level Il valore di questo parametro un valore relativo che rappresenta il cambio in volume considerando limpostazione attuale del VOLUME. Valori: 0 127. Level=0 corrisponde al massimo del VOLUME, tutti gli altri valori sono negativi. Valore=127 corrisponde a VOLUME=0 sulla nota assegnata al POINT selezionato. Una linea retta che va da un POINT 1 ad un POINT 2 corrisponde alla pi bassa risoluzione possibile per una curva di TRACKING in Genesys xp.

Pag.64

uso in realtime di Genesys xp

manuale distruzioni
FUNZIONI DI UTILITA (UTILITY FUNCTION)

genesys xp

F4 LAYER Funzione per creare importare e cancellare layers F5 LAYER RANGE Imposta i parametri di VELOCITY (dinamica) e KEY RANGE (estensione) per ogni LAYER, permettendovi di creare SPLITS e VELOCITY SWITCHING tra i layers. F8 SAVE Salva il suono modificato sulla RAM.

COMPARE Permette di comparare il suono che state editando con loriginale. Premendo COMPARE si attivano 2 ulteriori istruzioni:

F7 COPY Copia lo stato del parametro richiamato nel Suono in editing, cancellando tutte le altre modifiche eseguite nella pagina corrente di edit ed esce dalla funzione. F8 COMPARE EXIT Esce dalla funzione mantenendo tutte le modifiche eseguite sul suono nella pagina di editing corrente.

F3 SEARCH WAVE Permette la ricerca alfanumerica (nome o numero) di una WAVE nella memoria di Genesys xp (interna o RAM).

...inserire il nome

Premete ENTER per confermare

uso in realtime di Genesys xp

Pag.65

manuale distruzioni

genesys xp

Amplitude & Balance Envelopes (Inviluppi dampiezza e del Balance)


E un parametro presente per tutti gli Algoritmi. Dual 1 e Dual 2 attivano i moduli Amp. Envel. 1 e Amp. Envel. 2; Dual 3 e Dual 4 condividono un modulo Amp. Envelope con il controllo Balance. LAmplitude Envelope (Inviluppo di Ampiezza) definisce la variazione del livello sonoro del Sound nel tempo. Questo modulo permette di programmare il Key On e il Key Off Envelope, e lEnvelope Tracking. In pratica, Key On e Key Off Envelope corrispondono ai classici parametri ADSR (Attack, Decay, Sustain, Release). I PARAMETRI DELLINVILUPPO DAMPIEZZA ENVELOPE FINISH Determina la nota a partire dalla quale il KEY ON ENVELOPE non viene interrotto da un messaggio di KEY OFF (nota rilasciata). Questo parametro si rende utile nella simulazione di strumenti acustici come il pianoforte, in cui, a partire dalla nota A6 gli smorzatori non agiscono pi, ed il suono continua fino allestinzione anche dopo il rilascio dei tasti. Quando questo parametro ha valore diverso da OFF , lultimo segmento del KEY ON ENVELOPE viene portato a 0 per evitare che il suono continui allinfinito. Valori assegnabili: OFF da A0 a C8. SEGMENT 1 RATE DYNAMIC SENSITIVITY Sensibilit alla dinamica del segmento 1 del KEY ON ENVELOPE. Il segmento 1 corrisponde alla fase di Attacco (ATTACK). Questo parametro consente di collegare lATTACK del Sound alla dinamica. Valori positivi rendono pi veloce lAttack con maggiori valori di dinamica, valori negativi rendono pi lento lAttack con maggiori valori di dinamica. Valori assegnabili: 7/0/+7. KEY OFF RATE DYNAMIC SENSITIVITY Definisce la sensibilit del KEY OFF ENVELOPE alla dinamica di rilascio. Il KEY OFF ENVELOPE corrisponde alla fase di rilascio (RELEASE) e consente di collegare il RELEASE del suono alla dinamica di rilascio. Valori positivi rendono pi rapido il completamento del KEY OFF ENVELOPE con maggiori valori di dinamica di rilascio, valori negativi lo rendono pi lento con maggiori valori di dinamica di rilascio. Valori assegnabili: 7/+7. INVILUPPI DAMPIEZZA KEY ON E KEY OFF F7 ZOOM La funzione ZOOM visualizza i dettagli dellinviluppo. possibile ingrandire fino a 4 volte la visualizzazione standard. Premendo in successione il tasto funzione F7 sono selezionate le 4 impostazioni di Zoom in ordine crescente di ingrandimento per poi tornare alla visualizzazione standard (1, 2, 3, 4, 0). Zoom 0 corrisponde alla visualizzazione normale. F2 KEY ON ENVELOPE Il KEY ON ENVELOPE una linea che pu essere composta da un massimo di 10 segmenti, che rappresenta la variazione dellampiezza del suono mentre le note vengono tenute premute. F3 KEY OFF ENVELOPE Il KEY OFF ENVELOPE una linea che pu essere composta da un massimo di 10 segmenti, che rappresenta la variazione dellampiezza del suono dopo il rilascio delle note suonate. F4 TRACKING LENVELOPE TRACKING definisce le variazioni della velocit di completamento dellinviluppo lungo lestensione della tastiera. I parametri usati per modellare la curva di TRACKING sono uguali a quelli del TRACKING del VOLUME (SEGMENT, POINT, KEY, LEVEL). F6 SEGMENT Il parametro SEGMENT comune agli inviluppi KEY ON , KEY OFF e BALANCE, e permette di dividere linviluppo in pi parti, per simulare diversi andamenti di ampiezza nel tempo. E inoltre disponibile la funzione LOOP . Add Segm Del Segm Loop Segm Inserisce un nuovo segmento, posto dopo quello correntemente selezionato, consentito un massimo di 10 segmenti. Cancella il segmento corrente. Attiva il loop sul segmento (impostate il parametro ENVELOPE FINISH su OFF). Il LOOP costringe il KEY ON ENVELOPE a ripetersi ciclicamente, ripartendo dal segmento iniziale del LOOP stesso. Il ciclo si ripete fino al rilascio dei tasti. Il loop indicato nel grafico da una freccia che indica il punto iniziale del LOOP . Per cancellare il LOOP , selezionate SEGMENT quindi DEL SEGM. F5 SUSTAIN Fissa un livello di SUSTAIN indipendente dellinviluppo di rilascio. Lazione di questo parametro dipende dallo stato dellopzione SUSTAIN. Premete F5 per attivare il SUSTAIN (visualizzato in negativo). Premete di nuovo F5 per disattivare la funzione. Valori assegnabili: da 0 a 127.

SELEZIONE

DATA INPUT

SEGMENT-TIME-LEVEL Gli inviluppi (ENVELOPE) KEY ON e KEY OFF possono essere definiti usando i tre parametri qui visualizzati: SEGMENT, TIME, e LEVEL (segmento, tempo e livello). TIME determina la durata del segmento. Il punto iniziale del primo segmento di KEY ON sempre uguale a 0 e non pu essere modificato. Il livello al punto finale dellinviluppo di KEY OFF sempre uguale a 0 e non pu essere modificato.

IMPORTANTE ! Linviluppo KEY ON deve avere almeno un segmento (la fase di attacco) e questo non pu essere cancellato.

Pag.66

uso in realtime di Genesys xp

manuale distruzioni
BALANCE ENVELOPE (Inviluppo del Balance)

genesys xp

Questo parametro presente solo per gli Algoritmi Dual 3 e Dual 4. Il BALANCE ENVELOPE controlla il livello di bilanciamento tra due oscillatori che condividono un singolo inviluppo dampiezza. PARAMETRI DI CONTROLLO BALANCE ENVELOPE BALANCE ENVELOPE Attiva o disattiva (ON/OFF) il BALANCE ENVELOPE, Valori assegnabili (ON/OFF). BALANCE ENV. AM. SENSITIVITY Determina la profondit di intervento dellampiezza (AMPLITUDE) sul bilanciamento (BALANCE). Linviluppo attivato dal parametro successivo. Valori positivi incrementano la profondit dazione, mentre valori negativi producono leffetto inverso.Valori assegnabili: +/-7, 0 = nessuna azione. BALANCE ENV. DYN. SENSITIVITY Collega la risposta del BALANCE ENVELOPE alla dinamica. Con valori positivi, una maggiore dinamica aumenta la risposta dellinviluppo di BALANCE. Valori negativi hanno leffetto inverso. Valori assegnabili: 7/0/+7. KEY OFF BALANCE ENV. RATE DYN. Collega la durata del KEY OFF BALANCE ENVELOPE alla dinamica. Valori positivi aumentano la SENS. velocit di completamento dellinviluppo di BALANCE con una maggiore dinamica; valori negativi provocano leffetto inverso. Valori assegnabili: 7/0/+7. ENVELOPE KEY ON & KEY OFF Gli inviluppi BALANCE KEY ON E KEY OFF, sono delle linee a 10 segmenti (massimo) che permettono di controllare il livello di una Waveform rispetto allaltra nelle fasi di KEY ON E KEY OFF. Il KEY ON ENVELOPE controlla la variazione del suono mentre le note vengono tenute premute. Gli inviluppi BALANCE KEY ON E KEY OFF sono curve rappresentabili con massimo 10 segmenti, che permettono di controllare la presenza di una Wave rispetto ad unaltra nella fase di KEY ON e KEY RELEASE. Linviluppo KEY ON controlla la variazione del bilanciamento per tutta la durata del tempo in cui le note sono tenute premute. Linviluppo KEY OFF invece, controlla la variazione di BALANCE dopo che le note sono state rilasciate. I parametri usati per modellare il BALANCE ENVELOPE (ZOOM, SEGMENT, TIME AND LEVEL) sono gli stessi del AMPLITUDE KEY On/OFF ENVELOPE. BALANCE ENVELOPE TRACKING Il BALANCE TRACKING permette di variare la risposta del BALANCE lungo la tastiera. I parametri usati per modellare la curva del BALANCE ENVELOPE TRACKING, (SEGMENT, POINT, KEY, LEVEL), sono gli stessi gi descritti per il VOLUME TRACKING.

FILTER (FILTRI)
I filtri sono presenti su tutti gli Algoritmi. Per gli algoritmi Dual 1 e Dual 3, i Filtri sono collegati in parallelo (FILTER OS. 1, FILTER OS. 2); per Dual 2 e Dual 4 sono collegati in serie (FILTER 1, FILTER 2). I filtri esaltano o attenuano alcune frequenze della Waveform (o delle Waveform) di base. Il suono viene modificato in maniera diversa a seconda del tipo di filtro che viene scelto con il parametro TYPE. I filtri sono a 2 poli / 12 dB per ottava. Programmati nella stessa maniera diventano un solo filtro a 4 poli / 24dB per ottava. PARAMETRI DI CONTROLLO DEL FILTRO TYPE TYPE: Seleziona il tipo di filtro. OFF indica che il filtro non attivato. Valori assegnabili: Off, Low Pass, High Pass, Band Pass, Parametric Boost, Parametric Cut. CUTOFF FREQUENCY Imposta la frequenza di taglio del filtro, cio frequenza intorno la quale il filtro agisce. La CUTOFF FREQUENCY uguale per tutte le note di un Sound, a meno che non si programmi una curva di Filter Tracking. Valori assegnabili: 0/191.

RESONANCE Risonanza. Enfatizza le frequenze circostanti la CUTOFF FREQUENCY. Una RESONANCE con valore elevato pu mettere in autoscillazione il filtro, producendo un suono sibilante e molto ricco di armonici. Valori assegnabili: 0-127. CUTOFF DYNAMIC SENSITIVITY Regola la sensibilit della CUTOFF FREQUENCY alla dinamica della tastiera (VELOCITY). Impostando valori positivi la frequenza di taglio viene alzata da maggiori valori di dinamica. Valori negativi provocano leffetto inverso. Valori assegnabili: 7/ 0/+7. RESONANCE DYNAMIC SENS Regola la sensibilit della risonanza alla dinamica della tastiera (VELOCITY). Inserendo valori positivi la risonanza viene incrementata da maggiori valori di dinamica, con valori negativi la risonanza viene attenuata da maggiori valori di dinamica. Valori assegnabili: 7/0/+7. CUTOFF TOUCH SENSITIVITY Regola la sensibilit del CUTOFF FREQUENCY allAFTERTOUCH. Con valori positivi una maggiore pressione sullARTERTOUCH innalza la CF, con valori negativi si ottiene leffetto inverso. Valori assegnabili: 7/0/+7. RESONANCE TOUCH SENSITIVITY Regola la sensibilit della Risonanza allAFTERTOUCH. Con valori positivi una maggiore pressione innalza la quantit di risonanza; con valori negativi si ottiene leffetto inverso. Valori assegnabili: 7/0/+7.

FILTER ENVELOPE AMOUNT Attiva linviluppo per il Filtro in edit e imposta la profondit dintervento dellinviluppo stesso. Linviluppo del filtro composto da due parti: FILTER KEY ON ENVELOPE e FILTER KEY OFF ENVELOPE. Valori negativi invertono il FILTER ENVELOPE. Valori assegnabili: 10/+10. FILT. ENV AMOUNT DYN. SENS. Regola la profondit dintervento del FILTER ENVELOPE in base alla dinamica della tastiera (VELOCITY). Inserendo valori positivi, ad una maggiore dinamica corrisponde un aumento della profondit dazione del FILTER ENVELOPE. Valori negativi producono leffetto inverso. Valori assegnabili: 7/0/+7. AMNT. TOUCH. SENS. Assegna la profondit dintervento del FILTER ENVELOPE allAFTERTOUCH. Valori positivi aumentano la profondit dazione del FILTER ENVELOPE con una maggiore pressione sullAT. Valori negativi producono leffetto inverso. Valori assegnabili: 7/0/+7.

NOTA Le curve di TRACKING e gli inviluppi hanno gli stessi parametri e schermate dellinviluppo dampiezza nel capitolo precedente.

uso in realtime di Genesys xp

Pag.67

manuale distruzioni
LFO (Oscillatore A Bassa Frequenza)

genesys xp

E un oscillatore a bassa frequenza con cui possibile modulare PITCH (frequenza) AMPLITUDE (ampiezza) e FILTER (filtro). LLFO indipendente per ogni oscillatore e pu produrre effetti acustici diversi a seconda della sua destinazione, come per esempio il Tremolo (modulazione ciclica dampiezza), il Vibrato (modulazione ciclica di frequenza) o il WAH-WAH (modulazione della frequenza di taglio del filtro). PARAMETRI LFO

WAVE Seleziona la forma donda generata dellLFO. Potete scegliere tra: SINUS, TRIANGLE; SAW, SQUARE, RANDOM, SAMPLE/HOLD. Il parametro RATE: determina la velocit di modulazione dellLFO. Valori compresi tra 1 e 200. DELAY Determina il ritardo prima dellentrata del LFO in modo da rendere pi graduale la modulazione. Valori compresi tra 0 e 64. SYNC Quando ON, lLFO sincronizzato per tutte le note suonate. Quando su MIDI, il LFO legato al MIDI CLOCK. Parametri: OFF, ON, MIDI. PITCH S.O.1 & S.O.2 Questo parametro determina la profondit di modulazione dellLFO sulla frequenza delloscillatore. Valori positivi o negativi del parametro definiscono il senso (ascendente o discendente) della modulazione. Valori compresi tra +/-7. 0 = nessun effetto.

TOUCH PITCH S.O.1 & S.O.2 Permette di controllare la profondit di modulazione del Pitch con lAFTERTOUCH. Applicando lAFTERTOUCH il parametro DELAY viene ignorato e la modulazione inizia immediatamente. Valori positivi e negativi indicano il verso (ascendente o discendente) della modulazione. Valori compresi tra +/-7. 0 = nessun effetto. TOUCH FILT S.O.1 & S.O.2 Permette di controllare la profondit di modulazione del filtro tramite lAFTERTOUCH. Applicando lAFTERTOUCH il parametro DELAY viene ignorato e la modulazione inizia immediatamente. Lassegnazione al parametro di valori positivi o negativi stabilisce il verso (apertura o chiusura) della modulazione. Valori positivi o negativi maggiori incrementano la profondit di modulazione del filtro. Valori compresi tra +/-7. 0 = nessun effetto.

PAN
Questo parametro presente in tutti gli algoritmi. In modo DUAL c un solo inviluppo per il PAN su entrambe gli oscillatori (indipendentemente se i filtri sono in serie o in parallelo). La posizione del suono nel panorama stereo pu essere controllata dinamicamente attraverso il PAN ENVELOPE il quale diviso in due parti: il PAN KEY ON ENVELOPE ed il PAN KEY OFF ENVELOPE. PARAMETRI DI CONTROLLO DEL PAN ENVELOPE

ENVELOPE AMOUNT Attiva e regola la profondit dazione del PAN ENVELOPE. Valori compresi tra 0-7. 0 = no inviluppo ENV AMOUNT DYN SENSITIVITY Permette di controllare la quantit di inviluppo con la dinamica della tastiera (VELOCITY). Lattribuzione al parametro di valori positivi consente lincremento di ENV AMOUNT al crescere della dinamica della tastiera, mentre valori negativi agiscono inversamente. Valori:+/-7. 0 = nessuna risposta. ENV AMOUNT TOUCH SENSITIVITY Permette di controllare lENV AMOUNT tramite lAFTERTOUCH. Linserimento di valori positivi permette di aumentare lENV AMOUNT aumentando la pressione sullAFTERTOUCH, mentre invece valori negativi agiscono allinverso. Valori compresi tra +/-7. 0 = nessuna risposta.

ENV. AMOUNT TOUCH SENS.: PAN DYNAMIC SENSITIVITY Permette di controllare la sensibilit del PAN ENVELOPE con la dinamica della tastiera (VELOCITY). Inserendo sul parametro valori positivi laumento della dinamica sposta il suono verso destra, mentre invece valori negativi agiscono inversamente. Valori compresi tra +/-7. 0 = nessuna risposta. ENV. AMOUNT TOUCH SENS.: PAN DYNAMIC SENSITIVITY Permette di controllare la sensibilit del PAN ENVELOPE con lAFTERTOUCH. Inserendo valori positivi ed incrementando la pressione sullAftertouch il suono si sposter verso destra, mentre valori negativi agiscono inversamente. Valori compresi tra +/-7. 0 = nessuna risposta. NOTA Le curve e gli inviluppi di TRACKING hanno la stessa schermata e gli stessi parametri dellampiezza descritta nel capitolo precedente

Pag.68

uso in realtime di Genesys xp

manuale distruzioni
MEMORIZZARE UN SUONO

genesys xp

Una volta terminata la procedura di edit, un suono pu essere salvato nella memoria interna di Genesys xp. Premere il tasto SAVE (F8) per memorizzare il suono nelle famiglie SOUND GROUP (o BANKS), e selezionate una destinazione per il nuovo suono. Un suono editato non ancora salvato in memoria contrassegnato da un carattere posto nellangolo in alto a destra prima del nome. Se invece decidete di uscire dalledit, premete il tasto EXIT e confermate con ENTER, per tornare al men principale di Edit. Questo elimina tutte le modifiche e riporta il suono allo stato originale.

Premete il tasto funzione F8 per selezionare SAVE dal men principale Edit Sound. Si apre quindi la finestra BANK PROG. CHANGE dove potete selezionare la destinazione del nuovo suono nel database sonoro della Genesys xp. I suoni RAM basati sulle forme donda interne vengono salvati con un asterisco (*) che segue il nome del suono per distinguerlo dalloriginale. Nuovi suoni basati su nuove forme donda caricate da disco o create con il Sample Translator si chiamano RAM Sounds, e sono riconoscibili dal simbolo grafico di una WAVE.

2 3 4

Selezionate BANK e PROGRAM CHANGE con il CURSORE e selezionate con il DIAL un numero corrispondente ad una locazione vuota (visualizzata con il nome No Sound) Premete i tasti funzione F7/F8 per cambiare il nome del suono Premete ENTER per confermare il nome ed ancora ENTER per confermare la locazione E IMPORTANTE RICORDARE QUANDO SI MEMORIZZA UN NUOVO SUONO CHE: 1. I suoni interni non possono essere sovrascritti. Un suono interno modificato genera un RAM Sound che pu essere memorizzato sia in una locazione vuota, sia al posto di un RAM-Sound gi esistente. Se tentate di memorizzare un RAM-Sound al posto di un suono interno, Il display visualizzer un messaggio di errore. Ripetete quindi loperazione e selezionate una locazione vuota. 2. Se salvate il nuovo RAM-Sound al posto di un RAM-Sound esistente, questo verr cancellato irrimediabilmente senza preavviso. Assicuratevi di aver salvato il suono esistente su floppy o nellHard disk prima di confermare la procedura di salvataggio.

INSERIRE I NOMI
Pi volte nel corso di questo capitolo o pi in generale in tutto il presente manuale, abbiamo incontrato condizioni operative di Genesys xp che ci permettono di inserire un nome per distinguere e personalizzare le nostre programmazioni (SOUND, PRESET, MEMORIES, STYLES, SONG ecc.). Vediamo ora brevemente come funziona linserimento dei caratteri utilizzando gli appositi comandi sul pannello. In tutte le condizioni operative in cui Genesys xp richiede linserimento di caratteri per comporre un nome, i tasti RESOURCES del pannello di comando assumono automaticamente le funzioni descritte sotto i tasti stessi. Seleziona caratteri maiuscoli o minuscoli Inserisce uno spazio Cancella il carattere inserito Inserisce un carattere

1 Premendo una volta il tasto BANK- si abilita linserimento delle lettere. Di default il pad inserisce i numeri 2 Premendo la prima volta il tasto inserite il carattere A Premendo una seconda volta il tasto inserite il carattere B Premendo una terza volta il tasto inserite il carattere C

A AB ABC

Per inserire di nuovo i numeri basta ripremere il tasto BANK- (BLC NUM)

In questo modo possibile comporre ed inserire agevolmente i nomi per personalizzare le programmazioni eseguite su Genesys xp.

NOTA Ricordiamo che linserimento di nomi o caratteri pu essere ulteriormente semplificato collegando a Genesys xp una tastiera da PC standard PS2 per mezzo dellapposita presa sul pannello posteriore. La tastiera esterna deve poi essere abilitata sul men SYSTEM, PC/KEYBOARD (ved. a Pag. 107)

uso in realtime di Genesys xp

Pag.69

manuale distruzioni

genesys xp

IL SAMPLE EDITOR
La Genesys xp possiede una memoria RAM di 32 Mbytes per caricare nuovi campioni. Questarea pu essere usata per incrementare il database sonoro interno. i nuovi suoni possono essere caricati a bordo in un formato compatibile (WAVE) o campionati direttamente usando la funzione SAMPLE in REC Studio. La memoria RAM inoltre alimentata non perde cio i dati spegnendo lo strumento (*).

SELEZIONE

INGRESSO MENU

OPZIONI SAMPLE EDITOR

La schermata principale del SAMPLE EDITOR dispone di 16 locazioni, ognuna delle quali pu ospitare un SAMPLE che contribuisce a formare una WAVEFORM. Una WAVEFORM infatti pu essere formata da uno a 16 SAMPLES assegnati alle varie zone della tastiera.

SELEZIONE

F1 LOAD Permette di caricare un SAMPLE nella locazione selezionata, direttamente dalla RAM, dal floppy disk o via MIDI da una sorgente esterna. F2 SAVE Salva un SAMPLE nella WAVE LIBRARY dello strumento. Possono essere salvati solo i SAMPLES ai quali stata assegnata una zona di tastiera. Anche la procedura di salvataggio causa luscita dal SAMPLE EDITOR. DELETE Cancella il SAMPLE selezionato dalla schermata principale. ASSIGN Assegna il SAMPLE selezionato ad una zona di tastiera. Linsieme dei SAMPLES assegnati alla tastiera formano la WAVEFORM. Non sono permesse sovrapposizioni di zone di tastiera.

DEASSIGN Cancella lassegnazione ad una zona di tastiera del SAMPLE selezionato EDIT Apre una pagina con le informazioni sulla WAVEFORM corrente: nome, tipo di SAMPLE, propriet, dimensioni, PITCH (altezza), SAMPLE RATE, LOOP START, LOOP END POINTS e LOOP STATUS. Sono inoltre presenti altre opzioni : TUNING (accordatura), NORMALIZE (normalizzazione), GAIN (livello), CUT (taglio), EXPORT.

SEND SAMPLE Attiva la procedura di DUMP per trasferire (via MIDI) il SAMPLE ad una unit esterna.

NAVIGAZIONE

Caricando un sample in un formato compatibile, le varie opzioni vengono abilitate per editare ed organizzare i samples come desiderate. (*) Questa caratteristica, come tutte le altre legate alla conservazione dei dati in memoria, in stretta relazione allo stato di carica della batteria tampone di Genesys xp. (Ved. a pag. 6) Pag.70 uso in realtime di Genesys xp

manuale distruzioni
ASSEGNAZIONE DI UN SAMPLE (Assign Sample)

genesys xp

Una volta caricato il SAMPLE (o i SAMPLES) di cui avete bisogno, loperazione essenziale da compiere prima di poterlo salvare ASSEGNARE, (ASSIGN) il SAMPLE ad una specifica zona di tastiera. Infatti, solo quelli assegnati diventano parte di una WAVEFORM, ed possibile salvarli nella libreria delle WAVE di Genesys xp. Caricando una nuova WAVEFORM nel SAMPLE TRANSLATOR, i SAMPLES che costituiscono la WAVEFORM sono visualizzati assegnati a specifiche zone di tastiera. In questo caso, sono visualizzati tre parametri: la nota pi bassa, il SAMPLE PITCH (intonazione) e la nota pi alta.

Premete il tasto funzione F4 ASSIGN

Spostatevi su unaltra wave e ripetete loperazione

Low key

Hi key

Impostate la nota pi alta del sample usando il cursore RIGHT per spostarsi ed il DIAL per inserire un valore

ATTENZIONE! Se il KEY RANGE (estensione) di due SAMPLES viene sovrapposto, premendo ENTER appare un messaggio di errore. Premete ESCAPE per Ora il primo SAMPLE TRUMPET1 suona da A0 a C4, il secondo SAMPLE cancellare il messaggio ed assegnate correttamente le zone di tastiera TRUMPET 2 comincia a suonare da C#4 fino a C8. Questo il modo per creare WAVEFORM usando pi campioni (MULTISAMPLE). prima di premere ENTER. F6 SAMPLE EDITING Lopzione EDIT apre una schermata che mostra informazioni (non programmabili) relative al SAMPLE originale e da accesso ad alcuni parametri programmabili che consentono di cambiare alcune caratteristiche di ogni singolo SAMPLE. Le prime quattro righe nel display sono relative alle informazioni sul SAMPLE. SAMPLE INFO
SAMPLE NAME (NOME) Visualizza il nome originale del sample. SAMPLE TYPE PROPERTIES (TIPO) (PROPRIETA) Identifica il formato del sample Indica le caratteristiche tecniche del sample SAMPLE SIZE (DIMENSIONI) Mostra le dimensioni del sample espressa in numero complessivo di campioni

SAMPLE PITCH Indica il PITCH (altezza) relativo alla registrazione originale del sample. Questo parametro definisce inoltre il ROOT KEY NUMBER, ovvero il tasto al quale assegnata la nota originariamente campionata. Se la Genesys xp non riconosce il PITCH di un SAMPLE, potete usare questo parametro per specificare quale tasto suoner il SAMPLE alla sua altezza normale (la nota campionata). Aiutatevi in questa operazione usando la funzione TUNING, disponibile premendo il tasto F1, che suona la nota originale del SAMPLE con una sinusoide, sovrapposta al sample originale. Potete anche usare questo parametro per far suonare il SAMPLE su un tasto diverso da quello assegnato durante la registrazione originale. Questo tuttavia, cambiando la velocit di riproduzione, potrebbe influire negativamente sul timbro.

SAMPLE RATE Questo parametro indica la frequenza alla quale viene letto il SAMPLE (SAMPLE RATE). Modificando la SAMPLE RATE, laltezza del SAMPLE viene proporzionalmente modificata Questa funzione permette laccordatura fine dei vari SAMPLES assegnati alla Waveform.

LOOP START Questo parametro permette di suonare il sample ripetutamente fino a che non rilasciate il tasto o di farlo decadere fino al silenzio. Ogni sample che si ripete riparte dal punto LOOP START e suona fino al punto LOOP END, ritorna quindi al punto LOOP START e cos via. Questo ciclo continua fino a quando viene rilasciato il tasto. Se il LOOP SWITCH su OFF , il SAMPLE si ferma al primo ciclo appena raggiunge il LOOP END. La modifica del punto LOOP START (o del LOOP END) pu influire in modo diverso sul timbro del SAMPLE, in funzione della natura del suono al punto LOOP START. Potreste sentire un CLICK appena il sample ritorna dal LOOP END al SAMPLE START. In questo caso variate il valore LOOP START fino a ridurre il CLICK ad un livello accettabile..

SAMPLE END Questo parametro indica la fine del SAMPLE corrente ed il punto dove il sample, una volta suonato, ritorna ciclicamente al punto LOOP START. Se il LOOP SWITCH su OFF , il parametro LOOP END cambia in SAMPLE END. LOOP SWITCH Questo parametro abilita o disabilita il LOOP (LOOP ON/OFF). Se su ON, il LOOP continua dal LOOP START al LOOP END fino al rilascio del tasto. Se su OFF , il sample suona dal LOOP START al SAMPLE END e quindi si ferma.

uso in realtime di Genesys xp

Pag.71

manuale distruzioni

genesys xp
F1 TUNING Questa funzione permette laccordatura fine del SAMPLE, producendo la nota indicata con una sinusoide, sovrapposta al suono originale. Ci molto utile per verificare laltezza reale del SAMPLE quando si assegna un SAMPLE ad una zona di tastiera. Premete F1 per attivare la funzione e suonate una nota sulla tastiera. Per disattivare premete nuovamente F1. F2 NORMALIZE Questa funzione ottimizza il segnale del SAMPLE corrente, in rapporto alla dinamica, portando il suo livello al massimo possibile. F3 GAIN Modifica il volume di un SAMPLE, lo scopo principale di questa funzione quello di bilanciare il GAIN (livello) dei vari samples assegnati alle varie zone di tastiera.

F5 CUT F7 EXPORT Questa opzione permette di tagliare Usate questa funzione per esportare il SAMPLE ad uno specifico punto di su disco il sample corrente. LOOP END per eliminare lultima parte del Sample.

Memorizzare i Samples
F2 SAVE

Loperazione SAVE (salvataggio) permette di salvare i samples assegnati, nella libreria della Genesys xp. Una volta terminate le operazioni di assegnazione dei vostri samples, premete il tasto SAVE (F2), appare la schermata SAVE SAMPLE.

E possibile inserire un nome per la nuova WAVEFORM (Wave name) ed un nome per il nuovo RAM - SOUND (Sound name) basato sulla Waveform. Il nome dato alla WAVEFORM viene automaticamente assegnato al suono appena selezionate il campo SOUND NAME. E possibile assegnare al Sound un nome diverso. E inoltre visualizzata la prima locazione vuota disponibile in RAM per il nuovo RAM -SOUND, definita dal BANK (banco) e dal numero di PROGRAM. Qualsiasi BANK e PROGRAM selezioniate con il DIAL, essi corrisponderanno sempre ad una locazione vuota della RAM. La Genesys xp non consente di sovrascrivere RAM-SOUNDS o RAM -SOUNDS. Se provate a salvare una WAVEFORM con un nome gi utilizzato, appare un messaggio che informa che il nome della WAVE gi esistente. Premete ENTER o ESCAPE per cancellare il messaggio e tornate alla finestra SAVE SAMPLE e date un nome diverso alla WAVE. Confermate con ENTER per salvare la WAVEFORM nella WAVE LIBRARY di Genesys xp. Il nuovo RAM-SOUND viene simultaneamente salvato nella SOUND LIBRARY nella locazione specificata. Anche premendo ENTER si esce dal SAMPLE TRANSLATOR e si ritorna nellEDIT SOUND dove possibile editare il nuovo RAM-SOUND con la procedura sopra descritta.Troverete il nuovo RAM-SOUND assegnato alla traccia correntemente selezionata, e la nuova WAVEFORM gi selezionata nel WAVEFORM EDITOR.

Pag.72

uso in realtime di Genesys xp

manuale distruzioni

genesys xp

ARCHITETTURA DELLE RISORSE DELLA GENESYS XP

uso in realtime di Genesys xp

Pag.73

manuale distruzioni

genesys xp

KEYBOARD HARMONY
Permette di scegliere da una selezione di diversi tipi di HARMONY. La funzione HARMONY pu essere abilitata o disabilitata premendo il tasto HARMONY sul pannello di controllo. HARMONY una funzione relativa al modo SPLIT della tastiera.

NAVIGAZIONE INGRESSO MENU

NAVIGAZIONE

DATA INPUT

HARMONY TYPE

TRACK

Seleziona i vari tipi di HARMONY (definiti nella tabella che segue). CLOSE: Seleziona la traccia alla quale assegnato il tipo di HARMONY corrente. le note di un accordo suonate a sinistra del punto di split, armonizzano le Opzioni: tracce da 3 ad 8 note della melodia suonate a destra. Laccordo armonizzato in posizione chiusa e le note della mano sinistra vengono copiate sulla mano destra

Open 1 Open 2 Smart Duet Block Octave 1 Octave 2

Accordo aperto (vedi tabella). Simile a Open 1 (vedi tabella). Simile a Close, ma basato su una tabella di armonizzazione. Simile a Smart, ma limitato a due note Basato su tabelle di armonizzazione Doppia le note della mano destra allottava superiore. Non necessario suonare accordi con la sinistra. Doppia le note della mano destra sia unottava sopra, sia un ottava sotto. Non sono richiesti accordi con la mano sinistra. Doppia le note della mano destra con note due ottave sotto. Non sono richiesti accordi con la mano sinistra. Aggiunge due note sotto le note suonate dalla mano destra, ad intervalli di quarta e minore settima. Non sono richiesti accordi con la mano sinistra. Aggiunge un accordo perfetto (triade) sotto la nota suonata dalla mano sinistra. Non sono richiesti accordi con la mano sinistra.

STRUTTURA DEGLI HARMONY TYPE

Peterson Jazz

Rock

Esempi di Harmony. La mano sinistra suona laccordo di DO Magg. Le note nere rappresentano la melodia e quelle bianche le note aggiunte dalla funzione Harmony.

Pag.74

uso in realtime di Genesys xp

manuale duso

genesys xp

Selezionare gli styles di Genesys xp


Iniziamo dalla schermata principale di Genesys xp

Descrizione:
Velocit del Metronomo Tipo di accordo suonato Nome e famiglia dello Style selezionato Posizione temporale (battute e suddivisioni) dello Style

F1-F2 PARTS
Visualizza le parti dello style

F5-F6 PARTS
Keyboard mode selezionato Visualizza le parti del Preset

F7-F8 PARTS
Visualizza il punto di Split Nome del Preset corrente

Operazioni:
1 Premete il pulsante STYLES nellarea RESOURCES. Il display mostra la schermata di selezione degli STYLES

Il pulsante 1- 8 Richiama le STYLES FAMILES

i tasti funzione A-H/F1-F8 richiamano lo Style nella famiglia selezionata

Genesys xp possiede 128 STYLES interni (+128 USER STYLES) divisi in 8 STYLES FAMILIES. Su ogni schermata possono essere richiamati 16 STYLES. Premendo il tasto PAGE PREV/NEXT si accede allarea degli USER STYLES.

Funzioni di controllo degli styles


Gli Styles dispongono sul pannello di una serie di pulsanti dedicati al controllo dellesecuzione in tempo reale. Oltre a questi, altre importanti funzioni sono accessibili per mezzo dei tasti STYLE TOOLS.

il controllo dello STYLE da tastiera in stretta relazione al KEYBOARD MODE richiamato.

Uso di Genesys xp in tempo reale

Pag.75

manuale duso

genesys xp

STYLES TOOLS
SINGLE TOUCH PLAY Questa funzione permette, quando viene abilitata, di associare automaticamente un PRESET allo STYLE selezionato. Premendo il tasto SINGLE TOUCH PLAY si attiva automaticamente lARRANGE (ON), la funzione MEMORY ed il tasto KEY START. Se il SINGLE TOUCH PLAY in OFF la selezione degli style, non influisce sul PRESET corrente. ARRANGE ON/OFF Questo tasto abilita laccompagnamento automatico. Se il tasto su OFF , facendo partire uno style si ascolta la sola traccia di batteria. ARRANGER MEMORY Abilitando la funzione, laccompagnmento continua a suonare anche rilasciando la mano sinistra dalla tastiera. Se la funzione su OFF , sollevando la mano sinistra laccompagnamento si interrrompe. EDIT Attiva il menu di edit dello STYLE TOOLS. FADE I/O Attivando questa funzione durante lesecuzione di uno style, si ottiene il FADE OUT (diminuzione progressiva del volume). Attivando invece la funzione prima dellesecuzione dello STYLE ed iniziando suonare, si otterr il FADE IN (aumento progressivo del volume) di tutte le parti suonate. BASS INV TEMPO LOCK STYLE LOCK Blocca la selezione degli STYLE associati alle MEMORIES. In questo modo selezionando varie MEMORIES sono richiamati solo i PRESETS ad esse associati, mentre i dati relativi allaccompagnamento rimangono invariati. In condizioni di default (BASS INV Permette di bloccare il cambio della OFF) il basso segue sempre la linea velocit del tempo selezionando programmata nello STYLE, in modo STYLES diversi. indipendente dalla posizione in cui gli accordi stessi sono suonati sulla tastiera. Abilitando invece questa funzione il basso si modifica in base alla posizione in cui laccordo viene suonato sulla tastiera. In questo modo si possono realizzare passaggi armonici con diversi tipi di rivolti.

Men di edit : STYLES TOOLS


Premendo il tasto EDIT nella sezione STYLE TOOLS entrate nella relativa pagina di edit.

NORMAL

SELEZIONE

DATA INPUT

Genesys xp riconosce accordi fino a 4 note


EXTENDED

Genesys xp riconosce accordi fino a 6 note MODI DI RICONOSCIMENTO ACCORDI LAUTO CHORD MODE (modo di riconoscimento accordi), genera laccompagnamento automatico in base a quante e quali note sono premute sulla tastiera. I vari Pattern che formano laccompagnamento sono programmati sulle principali famiglie di accordi riconosciuti: maggiori, minori e settime. Questi possono generare figurazioni di accompagnamenti completamente differenti tra loro. I modi di riconoscimento accordi disponibili sono:
ONE FINGER FREE1

Una singola nota suonata sotto il punto di SPLIT viene interpretata come fondamentale di un accordo maggiore. Per avere un accordo minore occorre suonare anche la terza minore (es. DO + Mib). Mentre invece per ottenere un accordo di settima (di dominante), bisogna suonare la fondamentale e la seconda maggiore discendente (es. DO+SIb)
FINGERED 1

Viene riconosciuto un accordo di tre note in ogni zona della tastiera, senza tenere conto del punto di SPLIT. Suonando meno di tre note laccordo non viene riconosciuto. Il modo FREE1 riconosce accordi fino a 4 note.

FREE2

Necessita di almeno tre note per riconoscere un accordo. Come FREE1 ma con il riconoscimento di accordi composti suonando meno di tre note laccordono non viene riconosciuto. fino da 6 note.
FINGERED 2

Per riprodurre il Pattern programmato devono essere suonate almeno tre note. Suonando meno di tre note larranger riconosce laccordo, ma la figurazione dellaccompagnamento viene suonata solo parzialmente.
Pag.76 Uso di Genesys xp in tempo reale

manuale duso

genesys xp

F1-F2 DYNAMIC ARRANGE

F5-F6 MIXER LOCK

Attivando questa funzione, il volume dellaccompagnamento viene controllato dalla dinamica della tastiera. Suonando quindi con maggiore intensit si ottiene un volume maggiore dellaccompagnamento e viceversa. Se la funzione OFF , la dinamica di tastiera non influisce sullaccompagnamento
F3- F4 AUTOBACKING

Questa funzione permette di selezionare styles diversi senza richiamare i volumi degli strumenti memorizzati in ciascun accompagnamento. In questo modo i livelli sono controllati manualmente dagli slider.
F7-F8 KEY MEMORY

Lattivazione dellAUTOBACKING permette il cambio rapido degli accordi senza interruzioni nellaccompagnamento. Ponendo la funzione in OFF il cambio degli accordi non viene aggiornato immediatamente ma attende la nota successiva dellaccompagnamento stesso.

La funzione permette allaccompagnamento di continuare a suonare anche rilasciando la mano sinistra dalla tastiera. Questa funzione particolarmente utile per tenere laccompagnamento senza usare il pedale Damper.

Cambiare il punto di SPLIT

1 Premer il tasto funzione F78 (o F8) SPLIT

Sul display appare la schermata per il cambio del punto di SPLIT


2 Modificate il punto di SPLIT ruotando il DIAL o premendo sulla tastiera MIDI di controllo il tasto da cui volete dividere la tastiera. 3 Premere ENTER per confermare

NOTA:

Il punto di SPLIT un parametro generale, non legato cio ad una memoria particolare. Questo parametro viene mantenuto in memoria anche quando lo strumento viene spento. Eseguendo un RESET ALL o se la batteria tampone non possiede pi energia sufficiente per mantenere i dati di Genesys xp in memoria, viene ripristinato il valore di default (SPLIT=B3).
Uso di Genesys xp in tempo reale Pag.77

manuale duso
LA STRUTTURA DELLO STYLE

genesys xp

Gli styles forniscono laccompagnamento automatico basandosi sul riconoscimento degli accordi. In particolare gli accordi maggiori, minori e le settime. Queste specie di accordi possono generare figurazioni diverse di accompagnamento e per ognuna di esse sono disponibili 4 variazioni, ciascuna con le sezioni di INTRO, FILL ed ENDING. Lelemento musicale di ciascuna componente dello style viene definito RIFF , questo consiste in una breve sequenza musicale, multitimbrica, in grado di ripetersi ciclicamente. Uno style pu contenere fino a 48 RIFF . CHE COS UN RIFF? Il RIFF un particolare motivo musicale dalle caratteristiche cicliche. Suonando con gli styles infatti, avrete notato che ogni patterns formato da una breve sequenza ripetitiva. Lo schema in questa pagina vi mostra come i vari RIFF formano uno style. Il RIFF di base di ogni VARIATION si ripete continuamente finch non viene fermato o momentaneamente interrotto da un FILL da un INTRO o da un ENDING. La lunghezza di un RIFF pu variare da 1 a 16 battute e pu essere composto fino da 8 tracce strumentali: DRUM, BASS, ACC1, ACC2, ACC3, ACC4, ACC5, ACC6.
MAGGIORE INTRO FILL ENDING INTRO VAR 1 INTRO FILL ENDING INTRO VAR 2 INTRO FILL ENDING INTRO VAR 3 INTRO FILL ENDING INTRO VAR 4 MINORE FILL ENDING VAR 1 FILL ENDING VAR 2 FILL ENDING VAR 3 FILL ENDING VAR 4 INTRO INTRO INTRO INTRO SETTIMA FILL ENDING VAR 1 FILL ENDING VAR 2 FILL ENDING VAR 3 FILL ENDING VAR 4

Selezione delle VARIATION

FILL che porta sulla FILL che porta sulla VARIATION precedente VARIATION successiva

Fa partire il RIFF INTRO

Fa partire lo Style

Fa partire il RIFF ENDING

FILL che rimane sulla stessa VARIATION

Fa partire lo style suonando Fa ricominciare forzatamente Ferma lo style per semplicemente un accordo sulla dalla prima battuta lo style in una battuta esecuzione. tastiera

EDITARE IL MIXAGGIO DEGLI STYLES Uno style formato da PARTS (parti), e ad ogni PART assegnato un suono del database di Genesys xp. Come abbiamo gi visto nei capitoli precedenti (SONG, PRESET), ogni parametro della PART e del SOUND pu essere liberamente modificato.

1 Premere il tasti funzione F1 o F2 (PARTS) NOTE: Usando la Genesys xp con gli STYLES, il dsp ha una configurazione fissa, in cui le parti da 8 a 1 sono assegnate al GROUP A e sono richiamate dai PRESET. Le parti da 9 a 16 sono assegnate al GROUP B e sono richiamate dagli STYLES. In questo modo gli STYLES e PRESET hanno un loro set di effetti (Riverbero e modulazioni) indipendente.
1 2 3 4 5 6 7 Part Part Part Part Part Part Part EFFECT 1 EFFECT 2 EFFECT BLOCK A

La schermata delle PARTS dello style appare sul display. La parte selezionata pu essere editata come abbiamo gi visto per le SONG PARTS e per le PRESET PARTS. Tutti i parametri possono essere modificat a vostro piacimento e memorizzati.

8 Part 9 Part 10 Part 11 Part 12 Part 13 Part 14 Part 15 Part 16 Part EFFECT 1 EFFECT 2 EFFECT BLOCK B

Per ulteriori informazioni consultate Pag. 27 SONG EDIT e Pag.58 PRESET EDIT, di questo manuale. Uso di Genesys xp in tempo reale

Pag.78

manuale duso
EDIT del DRUM KIT

genesys xp

In Genesys xp possibile modificare tutti i parametri di programmazione di un DRUMKIT assegnato ad una SONG o ad uno STYLE. Visualizzate la schermata PARTS con i tasti funzione F1/F2 e selezionate la traccia N.10 normalmente assegnata ad un DRUMKIT.

1 Entrare nel menu EDIT PRESET 2 3 Selezionare Sound Edit (Quick) Premere ENTER

EDIT NOTE Seleziona la nota da editare. Valori assegnabili A0-C8, rispettivamente la nota pi grave e pi acuta di una master keyboard ad 88 tasti. SOUND Determina il suono assegnato alla nota. E possibile assegnare qualsiasi suono del database di Genesys VOLUME Regola il volume del suono assegnato alla nota. Pu essere usato per bilanciare la risposta dei suoni allinterno del DRUMKIT. Valori: 0-127 TRANSPOSE Regola la trasposizione del suono assegnato alla nota. Valori: -64/+63 PAN Determina la posizione del suono assegnato alla nota nellarco stereofonico. Nel DRUMKIT questo un parametro molto importante, per per posizionare ad esempio i TOMS da un estremo allaltro del fronte stereo. Valori: -32 (tutto a sinistra), +32 (tutto a destra). TUNING Regolazione fine dellaccordatura, per passi di 1/64 di semitono. Valori: -64/+63. EFF.2 Regola la mandata delleffetto di modulazione, il massimo valore corrisponde al bilanciamento tra il suono originale e quello processato. Valori: 0 -127. EXCLUDE La funzione EXCLUDE permette di creare un gruppo di note la cui esecuzione delluna interrompe laltra. Utile per esempio per simulare lalternanza tra Hi-Hat chiuso ed aperto nel drumkit, assegnando ad entrambe gli strumenti lo stesso valore di EXCLUDE. Valori assegnabili: 0 (=OFF), 1 , 2, 3.

F1 CATCH NOTE Richiama la nota del drumkit da editare, suonandola semplicemente sulla tastiera: 1. Premere F1 2. Premere la nota da editare. La finestra di dialogo si chiude, mentre la nota selezionata e tutti i suoi parametri appaiono sullo schermo. F2 COPY TO LAYER Copia un intero LAYER sullaltro F3 EXPAND Estende ledit dei parametri della nota selezionata, ad una specificabile zona di tastiera. F4 COMPARE Permette la comparazione tra i dati originali e quelli modificati del drumkit.
SELEZIONE PARAMETRI DATA INPUT

F6 RESTORE Questa opzione ripristina i parametri originali del drumkit o le ultime modifiche applicate dopo il salvataggio dei parametri in memoria. F8 STORE Salva le modifiche in una MEMORY/ PRESET, oppure crea un nuovo Drumkit, che pu essere usato in ogni tipo di Performance. Per conservare le modifiche, eseguite lo STORE prima di selezionare una nuova Memory.

FILTER Regola la frequenza di taglio del filtro. Valori -64 (massimo decremento), 0 (invariato), +63 (massimo incremento). EFF.1 REVERB Regola la mandata del riverbero, il massimo valore corrisponde al bilanciamento tra il suono originale e quello processato. Valori: 0 -127. AUDIO OUT Assegna il suono associato alla nota ad una uscita ausiliaria. Valori assegnabili: Main, Left+Right, Out1+ Out2,Out1, Out2. DYNAMIC SWITCH Regola il livello di soglia che divide il LAYER 1 dal LAYER 2. Con valori bassi di dinamica viene suonato il suono assegnato al LAYER1, con valori alti quello assegnato al LAYER 2. Valori assegnabili da 0 a 127.

Uso di Genesys xp in tempo reale

Pag.79

manuale duso

genesys xp

STYLES PRESET Sono PRESET addizionali che possono essere richiamati direttamente dagli STYLES, in questo modo alla STYLE viene associato un PRESET con un suono stilisticamente appropriato. Per esempio, selezionando una BOSSA viene richiamato il PRESET GUITAR oppure lACCORDION con il WALTZ, ecc. Fino ad 8 STYLE PRESET possono essere programmati ( o copiati dai FACTORY PRESETS) e quindi memorizzati in una delle locazioni a disposizione.
Le locazioni da 5 ad 8 sono volutamente lasciate vuote per fare spazio alle vostre programmazioni personali. Tenete comunque presente che tutte ed 8 le locazioni sono liberamente programmabili. E sufficiente premere il tasto STYLE PRESET sul pannello per attivare la schermata per la selezione degli STYLE PRESET

Per richiamare uno STYLE PRESET sufficiente premere il tasto relativo.

MEMORIZZARE UNO STYLE PRESET MODIFICATO Gli STYLE PRESET dispongono degli stessi parametri dei PRESET e possono essere liberamente editati. Una volta terminate le modifiche, premete il tasto STORE sul pannello.

Selezionate STYLE PRESET con il CURSORE DESTRO.

1 2 3 4 5

Modificate il nome del PRESET Selezionate una diversa STYLE FAMILIES destinatione per la memorizzazione. come

Selezionate uno STYLE differente dove memorizzare il PRESET Selezionare una diversa locazione (da 1 ad 8) dove memorizzare lo STYLE PRESET . Premere ENTER per confermare

Lasciando invariati i parametri di cui sopra, il PRESET editato viene sovrascritto a quello corrente.

Pag.80

Uso di Genesys xp in tempo reale

manuale duso

genesys xp

LE MEMORIES Le MEMORIES rappresentano il punto pi alto nella gerarchia della memoria di Genesys Xp. Con le MEMORIES potete richiamare in un istante lintero set up dello strumento: PRESET, STYLES, Effetti ed altri parametri come la velocit del tempo, il VOCAL GENIUS, per passare immediatamente fra generi musicali completamente differenti.

MEMORIZZARE LE MEMORIES Impostate come desiderate tutti i parametri dello strumento quindi premete il tasto STORE sul pannello. Come vi visto in procedure analoghe, appare la schermata di controllo per la memorizzazione. Il primo livello dove memorizzare le impostazioni proprio MEMORIES, inserite un nome adeguato e premete ENTER per confermare. Loperazione pu essere ripetuta tutte le volte che ne avete bisogno.

RICHIAMARE LE MEMORIES Per richiamare le MEMORIES premete il tasto MEMORIES sul pannello. Sul display appare la pagina di selezione.

Nome della memoria

Selezionate i banch di memoria (BANK) con i tasti BANK+/- o con i tasti funzione A-H/F1-F8 I tasti da 1 ad 8 sul pannello richiamano le memorie

Premendo il tasto PAGE PREV/ NEXT sul pannello selezionate i MEMORY BANK posti sulle pagine successive NOTA Se nel vostro set up non avete gi programmato o caricato in memoria delle MEMORIES, la pagina di selezione non viene mostrata

Sono a vostra disposizione 16 BANK X 8 Memory X 8 Pages 1.024 MEMORIES in totale

Uso di Genesys xp in tempo reale

Pag.81

manuale duso
LA MUSIC LIBRARY

genesys xp

La MUSIC LIBRARY consiste in una serie di impostazioni (SET UP) opportunamente programmate, con PRESET, STYLES ecc. che permettono di suonare immediatamente un brano, selezionandolo da una lista di famosi EVERGREEN.
1

SELEZIONARE

LA FUNZIONE

3 2

TASTI FUNZIONE DA

AD

SELEZIONATE UN TITOLO CON I TASTI CURSORE SU/GIU

SELEZIONANO IL GENERE MUSICALE

4 5

PREMERE ENTER

PER RICHIAMARE

INIZIATE

A SUONARE

Pag.82

Uso di Genesys xp in tempo reale

manuale distruzioni

genesys xp

LA SEZIONE RECORDING STUDIO


E questa una sezione realmente innovativa delle strumento. Da questa unica schermata e in modo molto semplice, possibile registrare la vostra performance MIDI o audio. Il primo passo per realizzare il vostro CD musicale.

Premete il tasto RECORD sul pannello per entrare nella pagina RECORDING STUDIO

REGISTRAZIONE AUDIO
Seleziona il men per la registrazione di una Wave Stereo. Seleziona il men per la registrazione di una Wave Mono. Seleziona il men per la registrazione di un Sample Mono.

MIDI RECORDING
Attiva le pagine del sequencer MIDI Attiva la registrazione MIDI in modalit EASY, usando cio gli STYLES Attiva larea del sequencer per editare o programmare gli USER STYLES

MENU PER LA REGISTRAZIONE DI UNA WAVE STEREO


Attiva il menu principale per la registrazione audio sullhard disk di Genesys, in formato standard WAVE. Useremo questo formato pi avanti per la masterizzazione di un CD audio.

Operazioni:
1 Selezionate la sorgente di registrazione: MIDI, MP3, audio CD, microfono + vocal processor 2 Impostate il livello della sorgente 3 Fate partire la registrazione 4 Iniziate Lesecuzione
Premete il tasto funzione C (o D) per entrare nel menu

Premere F1 o F2 per iniziare a registrare

VISUALIZZA

IL TEMPO DI REGISTRAZIONE

INPUT LEVEL VU-METER


Visualizza il livello di allingresso dellhard disk recorder ATTENZIONE! Impostate accuratamente il livello di ciascuna sorgente, dato che una eventuale saturazione pu causare distorsione digitale, che rende inutilizzabile la vostra registrazione

TEMPO DELLA
REGISTRAZIONE CORRENTE

TEMPO

DI REGISTRAZIONE TOTALE

NOTA: Sorgenti che possono simultaneamente:

essere

impiegate

VOLUME SORGENTI
Ogni risorsa musicale di Genesys pu essere selezionata come sorgente: una song MIDI dal Player, la traccia di un CD audio, un brano MP3. Inoltre potete suonare in tempo reale usando i PRESET di Genesys xp e cantare con il VOCAL GENIUS.

Vocal Genius + Arranger Realtime (Presets, styles) Vocal Genius + MIDI Player + Genesys Presets Vocal Genius + MP3 Player + Genesys Presets Vocal Genius + CD audio player+Genesys Preset

La sezione recording studio

Pag.83

manuale distruzioni
SCHERMATA PRINCIPALE DEL REGISTRATORE

genesys xp

....Recording..... STOP Premete F1 o F2 per fermare la registrazione

Una volta terminata la vostra esecuzione premete il tasto STOP , sul display appare la seguente schermata

S.O.S._01

Inserite un nome per la vostra registrazione

Premete ENTER per confermare

Selezionate (o create) una cartella (Folder) di destinazione per il vostro file, quindi premete ENTER.

Premete PLAY per iniziare a suonare il file audio

Pag.84

La sezione recording studio

manuale distruzioni

genesys xp

IL MENU WAVE EDITOR


Questo men dispone di alcune importanti funzioni per intervenire sul segnale registrato. Selezionate un file Wave nel SONG PLAYER e quindi premete il tasto EDIT.

2
SELEZIONE INGRESSO MENU

INSERT SILENCE Permette di inserire una quantit programmabile di silenzio allinizio ed alla fine del file Wave

REMOVE SILENCE Questa funzione rimuove automaticamente il silenzio allinizio ed alla fine del file audio.

DATA INPUT SELEZIONE SELEZIONE INIZIO

DATA INPUT

INIZIO

NORMALIZATION COPY TO FILE Ottimizza il livello di un segnale registrato, incrementandolo Copia una parte definibile di un file audio su unaltra. E una funzione molto utile per unire parti di differenti registrazioni. se troppo basso.
INIZIO

DATA INPUT

SELEZIONE

Segnale non normalizzato

Segnale normalizzato

INIZIO

APPEND EDIT TITLES Aggiunge il file audio corrente ad unaltra WAVE selezionabile Permette di inserire le informazioni sul titolo, copyright, e commenti nel file audio.

SELEZIONE

CONFERMA

FILE

FILE

Risultato

A + B

La sezione recording studio

Pag.85

manuale distruzioni

genesys xp

VOCAL REMOVER Questa funzione (simile a quelle che si trovano sulle KARAOKE MACHINE dedicate), serve a ridurre ed in qualche caso ad eliminare la traccia vocale da un CD audio. Il primo passo per fare questo convertire una traccia audio dal formato CD in WAVE. ACQUISIRE (GRAB) UNA TRACCIA DA UN CD AUDIO

1 3

2
SELEZIONE

1 Inserite un CD audio nel drive. Premete quindi il tasto DISK e selezionate CD nel menu di selezione sul lato sinisto della schermata 2 Selezionate la traccia da acquisire 3 Premete GRAB, quindi ENTER per confermare 4 Selezionate un folder di destinazione per il vostro file quindi premete di nuovo ENTER. 5 E possibile assegnare opportunamente un nome alla traccia da registrare. Una volta terminato premete ENTER. Il brano viene ora acquisito e trasferito nellhard disk di Genesys xp in formato WAVE. ATTIVARE IL VOCAL REMOVER 1 2 3 Premete SELECT sul SONG PLAYER e selezionate lopzione di visualizzazione WAVE sul lato destro dello schermo Premete il tasto EDIT sul SONG PLAYER e selezionate VOCAL REMOVER Premete ENTER due volte. Il processo per essere completato richiede un tempo proporzianale alla lunghezza del file, al termine del quale viene mostrato sul display un messaggio opportuno. Il risultato dellelaborazione pu essere ascoltato premendo PLAY. Il file originale stato rimpiazzato dalla versione elaborata dal VOCAL REMOVER.

NOTA: La traccia del CD audio una registrazione stereo digitale (bicanale: destro-sinistro), non possiede pertanto una traccia indipendente per la parte vocale che possa essere inserita o disinserita a piacere. Il VOCAL REMOVER lavora usando un sistema chiamato CUT CENTER MATERIAL, che consiste nella rimozione o nellattenuazione di tutto il materiale musicale registrato nel centro dellimmagine stereofonica, lasciando il resto intatto per quanto possibile. Da ci si intuisce come lefficacia di questa funzione dipenda strettamente da come il brano sia stato registrato e mixato in studio. Tipicamente lefficacia del VOCAL REMOVER maggiore in tutte quelle registrazioni dove la traccia vocale viene mixata al centro, mentre gli altri strumenti sono spostati leggermente a destra o sinistra, e dove non sono usati effetti ambientali di grande profondit. Una minore efficacia del processing si ha quando oltre alla voce sono mixati al centro con grande evidenza, suoni come il basso o la cassa della batteria, e vengono inoltre usati effetti di reverbero dallampia apertura stereofonica.

MENU PER LA REGISTRAZIONE DI UNA WAVE MONO


Questo menu dispone esattamente delle stesse opzioni del precedente, tranne per la registrazione del formato Wave in mono. Questa funzione pu essere usata per ottenere file di dimensioni minori rispetto alla registrazione stereo.

Pag.86

La sezione recording studio

manuale distruzioni

genesys xp

CAMPIONAMENTO : MONO SAMPLE


Questa opzione permette di eseguire un campionamento mono. Il campione pu essere salvato nellarea RAM per i SAMPLE ed assegnato ai parametri di sintesi (filtri, inviluppi ecc.). Per campionare possono essere utilizzati gli ingressi MIC/LINE oppure direttamente le risorse di Genesys xp come il sequencer, il CD audio, lMP3. Selezionate la finestra NEW MONO SAMPLE premendo i tasti funzione G o H.

Premete F1 REC per iniziare a campionare

Una volta terminato premete STOP . Inserite un nome per il vostro campione e premete ENTER per confermare.

Premete di nuovo ENTER

Genesys xp apre automaticamente la pagina del SAMPLE EDITOR

Come gi detto, il campione pu essere elaborato usando tutte le risorse di sintesi di Genesys xp. Fate riferimento ai capitoli SAMPLE EDITOR a Pag. 70 e SOUND EDIT PRO a Pag.63 del presente manuale.

La sezione recording studio

Pag.87

manuale distruzioni

genesys xp

CD STUDIO
Genesys xp possiede una unit interna slim-line COMBO DVD-CD-RW, abbiamo gi visto le principali funzioni di questa unit come lettore nella precedente sezione del manuale. In questo capitolo tratteremo invece il suo utilizzo nella masterizzazione dei dati. Premete il pulsante MAKE CD sul pannello di Genesys xp per entrare nella schermata principale del CD STUDIO.

CD DATA CD AUDIO

Questa opzione crea un CD ROM, ed particolarmente utile per fare copie di sicurezza (Back up) dei dati memorizzati sullhard disk. Crea un CD audio compatibile con la maggior parte dei lettori CD commerciali.

SELEZIONE

INGRESSO MENU

MASTERIZZARE UN CD ROM
Selezionate CD-DATA e premete ENTER. Sul display appare la pagina per la creazione di un CD ROM

SELEZIONE

Operazioni:
1 Selezionate dallhard disk i file (o i FOLDERS - le cartelle-) da memorizzare sul CD ROM 2 Premete il tasto F1 ADD (aggiungi) per trasferire i dati selezionati nel CD ROM

2 Una volta terminata la lista dei dati premete F4 CREATE CD ed ENTER per iniziare la masterizzazione

CONFERMA

Il CD ROM con i vostri dati sar pronto nel giro di pochi minuti.
Pag.88 La sezione recording studio

manuale distruzioni
MASTERIZZARE UN CD AUDIO

genesys xp

SELEZIONE

INGRESSO MENU

Il menu per la creazione di un CD audio molto simile a quello precedente, la differenza principale risiede nel fatto che sullhard disk avete accesso alla sola cartella WAVE, contenete i file audio in questo formato. Il processo di masterizzazione di un CD audio infatti utilizza esclusivamente il formato WAVE.

SELEZIONE

F6 MOVE UP F7 MOVE DOWN

Questi comandi spostano in avanti (UP) o indietro (DOWN) la posizione di un file nellindice del CD. Usate questi tasti per stabilire la successione dei brani nel vostro CD
F8 REMOVE

Rimuove il file selezionato dallindice del CD.


Una volta completato lindice del vostro CD premete F4 CREATE CD ed ENTER per iniziare la masterizzazione

In Genesys xp possono essere usati i seguenti supporti: DVD ROM Solo in sola lettura (ROM: READ ONLY MEMORY) e con dati compatibili con Genesys xp. CD-R (CD Recordable) CD vergini che possono essere scritti una sola volta. Dopo la loro masterizzazione questi supporti possono essere normalmente usati come CD audio o CD Rom. CD-RW (Re-Writeable CD ) CD vergini il cui contenuto pu essere cancellato e scritto pi di una volta.

La sezione recording studio

Pag.89

manuale distruzioni

genesys xp

IL SEQUENCER
Genesys xp possiede un potente sequencer MIDI con cui arrangiare o comporre la vostra musica. Abbiamo gi visto in questo manuale alcune importanti funzioni di edit del sequencer (Pag. 25- USARE IL SEQUENCER PER EDITARE LE SONG MIDI). Per ulteriori informazioni fate riferimento a questa parte del manuale. Premete i tasti F3 o F4 NEW SONG per entrare nella pagina principale del sequencer.

Genesys xp si predispone per la registrazione e mostra la pagina principale di questa funzione F1 MODE
Seleziona diverse opzioni di registrazione.

Replace

F4 SELECT ALL TRACKS


Seleziona la registrazione su tutte le tracce. Quando viene attivata la funzione cambia nome in DESELECT ALL TRACK, questo resetta tutte le tracce in PLAY o SEQ-PLAY.
Overdub

Le note pi recenti sostituiscono quelle gi registrate. Le note pi recenti si aggiungono a quelle gi presenti.

F5 SOUND VIEW
Richiama la pagina SOUND VIEW, dove visualizzato lo stato della SONG PERFORMANCE corrente.

Punch In/Out Consente di eseguire delle correzioni su vari punti di una traccia, utilizzando un pedale appositamente programmato per lingresso e luscita dalla registrazione.

F6 TIME TEMPO

F7 ERASE

F2 OPTION

Opzioni del metronomo Richiama la pagina TIME/TEMPO Cancellazione delle tracce dove sono impostati i parametri Track Cancella la traccia selezionata principali di registrazione e Song Cancella tutte le tracce dalla song lasciando intatta la selezione dei riproduzione.
suoni ed i suoi parametri (SONG PERFORMANCE). Countdown

F8 METRONOME
Attiva o disattiva il metronomo.

Abilita o disabilita il preconteggio prima della registrazione. Durante Il COUNTDOWN non registrato alcun evento MIDI. Impostazione: ON, OFF .

Metronome Regola il Volume del metronomo. Vol. Valori: OFF , da 10 a127.

F3 CONTROLS REC
Imposta le opzioni di registrazione per il TEMPO, il MASTER VOLUME ed i cambi degli effetti. Questi eventi sono memorizzati nella MASTER TRACK.

Tempo

Registra le variazioni di tempo. Impostazione: ON o OFF.

P . Volume Registra le variazioni di volume generale dello strumento usando un pedale volume appositamente assegnato. Gli eventi sono registrati come CC07 (Volume). Impostazione: ON o OFF. Effect Registra i cambi degli effetti e dei loro livelli. Questi eventi sono memorizzati come: CC16, CC17, CC48, CC49. Impostazione: ON o OFF.

Pag.90

La sezione recording studio

manuale distruzioni
F6: LA PAGINA TIME TEMPO LOCATOR
I SONG LOCATORS indicano la posizione corrente della SONG, espressa in battute (MEASURES), suddivisioni (BEATS) e TICKS (unit di risoluzione interna del sequencer). Il numero della battuta (MEASURES) pu essere modificato con il DIAL. Non possibile selezionare un numero di battuta posto dopo la fine della SONG.

genesys xp

PLAY REC MODE


Le opzioni di registrazione e playback della song
Linear La song viene registrata o suonata una sola volta, dal punto dinizio a quello dove viene premuto STOP . La song viene suonata o registrata dal punto dinizio specificato (START LOCATOR) fino alla locazione finale specificata (END LOCATOR). Permette di registrare o riprodurre il brano in modo ciclico, tra i due punti di START (inizio) ed END (fine).

Forced Stop

Loop

TIME SIGNATURE
Impostare la metrica musicale del brano. Questo parametro deve essere inserito prima di iniziare la registrazione.

START
Indicatore dinizio brano. Se il modo LOOP attivo, questo parametro indica il punto in cui la song si ripete cliclicamente. Il parametro pu essere modificato con il DIAL.

TEMPO
Imposta la velocit iniziale di registrazione o riproduzione. Questo parametro pu essere modificato con il DIAL nelle pagine di: SOUND VIEW, TIME/TEMPO o MASTER TRACK. I cambi di velocit con il DIAL possono essere memorizzati nella MASTER TRACK, durante la registrazione. Per fare ci deve essere attiva lopzione relativa (menu CONTROL REC F3). La MASTER TRACK contiene sempre il valore della velocit metronomica iniziale di un brano, che pu essere modificato ma non cancellato.

QUANTIZE
Imposta un valore musicale di auto correzione durante la registrazione. I valori di selezione sono: NORMALE, TERZINE (TRIPLETS) O SWING.

END
Indicatore di fine brano. Se il modo LOOP attivo questo parametro indica il punto in cui il brano termina prima di ripartire dal punto di START. Se il modo FORCED STOP attivo il parametro indica il punto di STOP automatico. Il parametro pu essere modificato con il DIAL.

INDICATORE MEMORIA
Visualizza la quantit di memoria utilizzata dalla song in registrazione. In modo PLAY questo parametro diventa SONG MEMORY, espresso sotto forma di valore numerico indipendente dalla quantit di memoria RAM residua.

INIZIARE A REGISTRARE

SELEZIONE

Entrando nella pagina, la traccia N.1 viene automaticamente preparata per la registrazione, come mostrato dallicona.

Per registrare su una traccia diversa dalla N.1. Disabilitate la registrazione sulla traccia N.1 premendo il tasto funzione A. Selezionate poi la registrazione su qualsiasi altra traccia premendo il tasto funzione relativo fino a far apparire licona del registratore.

2 3 4 5

Per iniziare a registrare premete PLAY. Se lopzione COUNTDOWN attivata (ON), aspettate che la battuta di preconteggio termini prima di iniziare a suonare. Durante il preconteggio non viene registrato alcun evento. Dopo il conto alla rovescia iniziate a suonare. Gli eventi prodotti sono memorizzati sulla traccia (o sulle tracce) abilitate per la registrazione. Una volta terminato, fermate la registrazione con il tasto STOP . Premendo STOP due volte il brano si posiziona dallinizio. Ripetete la procedura selezionando tracce diverse fino a completare la vostra song.

La sezione recording studio

Pag.91

manuale distruzioni

genesys xp

EDITARE GLI EVENTI DELLA SONG


Una volta completato il brano, potete editare (modificare) gli eventi MIDI registrati in ogni traccia. Premete il tasto EDIT nel SONG/PLAYER RECORDING STUDIO per entrare nel men di edit.

F6 EDIT SCORE
SELEZIONE INGRESSO MENU

Seleziona il menu per modificare o inserire le informazioni multimediali, testo, notazione musicale.

F8 SONG NAME
Permette di inserire le informazioni di nome titolo e copyright in un brano. I tasti funzione da A ad H selezionano le tracce da editare. Usando il tasto PART potete selezionare le diverse schermate, con le tracce da 1 ad 8, da 9 a 16, 17-24 da 25 fino a 32

ERASE (CANCELLAZIONE Cancella gli eventi registrati da una o da tutte le tracce

EVENTI)

TASTI FUNZIONE
Seleziona la traccia da cui cancellare gli eventi. I parametri visualizzati dipendono dal tipo di traccia selezionato.

TRACK F3
Cancella la singola traccia. La Selezione avviene usando i tasti funzione da A ad H.

F4 MASTER TRACK
SELEZIONE INPUT DATI

Cancella gli eventi della MASTER TRACK : TEMPO, TIME SIGNATURE (Metrica), SELECTED PERFORMANCE, SELECTED EFFECTS.

EVENT TYPE
Seleziona il tipo di eventi da cancellare. La selezione pu essere eseguita ruotando il DIAL. La funzione si attiva solo sulle tracce che contengono eventi. DUPLICATE NOTE (note doppie) Elimina, fra due note della stessa altezza e con la stessa posizione temporale, quella con il valore di VELOCITY MIDI pi basso. Opzioni: All (tutti gli eventi) Duplicate Note (note doppie) Note Pitch Bend Mono Touch (after touch monofonico) Poly Touch (after touch polifonico) Velocity OFF Program Change Control Change (00-31) Control Change (64-127)

NOTE RANGE-LOCATOR

F5 CHORD TRACK
Cancella i simboli degli accordi inseriti nella notazione musicale.

F6 MUSIC TRACK
NOTE RANGE Regola lestensione superiore ed inferiore delle note da cancellare. Assegnando per esempio lo stesso valore ad entrambi i parametri FROM e TO possibile cancellare un singolo suono percussivo da una traccia di batteria. Valori assegnabili: C1-G9. FROM LOCATOR - TO LOCATOR Determina i punti iniziale (FROM) e finale (TO) della parte da cancellare. E possibile specificare per entrambi i punti la battuta, la suddivisione ed il TICK (unit di risoluzione). Valori assegnabili: entro il punto iniziale e finale del brano corrente. Cancella tutte le note dalla notazione musicale.

F7 LYRIC TRACK
Cancella i dati presenti nella traccia del testo

F8 ALL TRACK
Cancella tutte le tracce

Pag.92

La sezione recording studio

manuale distruzioni
MOVE (SPOSTARE EVENTI) La funzione MOVE sposta gli eventi da un punto ad unaltro di una traccia selezionata.

genesys xp

INGRESSO MENU SELEZIONE INPUT DATI

Parametri: FROM LOCATOR - TO LOCATOR


Determina il punto dinizio e di fine della parte da spostare. E possibile specificare la battuta, il movimento ed il TICK (unit di risoluzione del sequencer). Valori assegnabili: entro i limiti del brano corrente

START LOCATOR
Determina la nuova posizione della parte. Valori assegnabili: ogni punto allinterno del brano corrente.

COPY (COPIA DI EVENTI) La funzione COPY, copia gli eventi registrati da una singola traccia o da tutte le tracce TASTI FUNZIONE
I tasti funzione F1-F8 selezionano la traccia da cui gli eventi sono copiati. In base al tipo di traccia selezionata possono essere visualizzati i seguenti parametri.
F3 Track Traccia singola, pu essere selezionata con i tasti funzione A-H

COPY MODE
Determina la modalit di copia. Opzioni: Merge Replace MERGE Unisce gli eventi copiati a quelli gi presenti nella traccia di destinazione REPLACE Sostituisce gli eventi copiati a quelli gi presenti nella traccia di destinazione

F4

Master track Su questa traccia speciale sono registrati i controlli generali della song quali il tempo, la metrica, la performance selezionata, gli effetti. Chords track Traccia con le informazioni di visualizzazione degli accordi Music track Lyrics track All tracks Traccia con i dati per la notazione musicale Traccia con i dati del testo. Seleziona tutte le tracce per la copia

FROM-TO-TRACK
Determina la traccia sorgente e di destinazione per la copia. La traccia sorgente (FROM) selezionata con i tasti funzione A-H. La traccia di destinazione (TO TRACK) viene impostata con il DIAL. Valori assegnabili: da 1 a 32.

F5

F6 F7 F8

TO SONG

START LOCATOR

Specifica la song di destinazione della Definisce la nuova posizione della copia. Se sulla locazione specificata parte copiata. Valori assegnabili: ogni non esiste una song questa viene punto tra linzio e la fine del branio creata per effetto del comando di COPY TIMES copia. Valore: da 1 a 64 Specifica il numero delle volte in NOTE RANGE: FROM..TO.. cui viene eseguita la copia. Valori Determina lestensione superiore assegnabili: 1-998 ed inferiore delle note da copiare. In questo modo per esempio, possibile copiare un singolo strumento percussivo da un DRUMKIT assegnando lo stesso valore ai parametri FROM e TO . Valori assegnabili: C1-G9

La sezione recording studio

Pag.93

manuale distruzioni

genesys xp

QUANTIZE Il Quantize (quantizzazione) permette di correggere automaticamente le note suonate leggermente fuori tempo

F1 Note ON Quantize Quantizzatione degli eventi NOTA ON

di

F2 Note OFF Quantize Quantizzazione degli eventi di NOTA OFF . Questo parametro MIDI influisce sulla durata delle note, adattandole alla griglia di quantizzazione.

NOTE RANGE FROM... TO... Determina il limite superiore ed inferiore delle note da quantizzare. In questo modo per esempio possibile quantizzare un singolo strumento di una traccia percussiva, assegnando a questi parametri lo stesso valore. Valori assegnabili: C1-G9. FROM LOCATOR... TO LOCATOR... Determina il punto iniziale e finale delle parti che richiedono la quantizzazione. Valori assegnabili: tutte le battute comprese allinterno della song

INSERT MEASURES (INSERIMENTO BATTUTE) Questa funzione inserisce nel brano corrente un numero definibile di battute. La parte della song dopo il punto di inserimento si sposta in avanti dello stesso numero di battute inserite. Le battute inserite inoltre, possono avere una diversa indicazione metrica rispetto a quelle gi esistenti, consentendo in questo modo la creazione di brani con cambi di tempo al loro interno.
MEASURE TO INSERT Determina il numero di battute da inserire. Valori assegnabili: 1-999 TIME SIGNATURE Determina lindicazione metrica delle battute da inserire. INSERT FROM LOCATOR Speficica il punto nel quale le battute saranno inserite. Valori assegnabili: dalla prima battuta del brano allultima (inserimento in coda).

battute correnti

BATTUTA 1 BATTUTA 2 BATTUTA 3 BATTUTA 4 BATTUTA 5 BATTUTA 6 BATTUTA 7 BATTUTA 8 BATTUTA 1 BATTUTA 2

battute da inserire (measure to insert) Punto di inserimento (insert from locator) Risultato finale

BATTUTA 1 BATTUTA 2 BATTUTA 3 BATTUTA 4 BATTUTA 5 BATTUTA 6 BATTUTA 7 BATTUTA 8 BATTUTA 9 BATTUTA 10

DELETE MEASURES (CANCELLAZIONE BATTUTE) Questa funzione cancella un numero definibile di battute dal brano corrente. Le battute situate dopo il punto di cancellazione si spostano verso linizio del brano e si uniscono a quelle che precedono il punto di cancellazione stesso.
MEASURES TO DELETE Specifica il numero di battute da cancellare. Valori assegnbili: ogni numero compreso fra 1 ed il numero massimo di battute della song. DELETE FROM LOCATOR battute da cancellare (Measure to delete)= 2 Questo parametro indica la posizione del punto di cancellazione delle battute. BATTUTA 1 BATTUTA 2 BATTUTA 3 BATTUTA 4 BATTUTA 5 BATTUTA 6 BATTUTA 7 BATTUTA 8
Punto di cancellazione (Delete from Locator) BATTUTA 1 BATTUTA 2 BATTUTA 3 BATTUTA 4 BATTUTA 6 BATTUTA 6 Risultato finale

Pag.94

La sezione recording studio

manuale distruzioni

genesys xp

VELOCITY Modifica la VELOCITY dei tasti, il cio parametro MIDI assegnato alla velocit di caduta del tasto. Generalmente pi alto il valore di VELOCITY e pi alto il volume della singola nota. Ma questo parametro pu anche essere assegnato ad esempio allapertura di un filtro ed influenzare contemporaneamente anche la brillantezza del suono stesso.
VELOCITY MODE Seleziona due diverse logiche di funzionamento Normal Il valore indicato in CHANGE VELOCITY aggiunto o sottratto ai valori gi esistenti. Fixed I valori di KEY VELOCITY sono tutti fissati sul valore specificato nel parametro CHANGE VELOCITY FROM LOCATOR... TO LOCATOR... Determina il punto dinizio e di fine della parte da modificare. Epossibile specificare BATTUTA, SUDDIVISIONE e TICK. Valori assegnabili: entro i limiti del brano corrente.

TRANPOSE Questa funzione traspone per semitoni una traccia selezionata. Sono anche disponibili le opzioni per trasporre la traccia degli accordi (CHORDS) e quella della notazione musicale (SCORE), per permettere la corretta visualizzazione di queste tracce dopo il transpose.

F6 TRACK Trasposizione per semitoni della traccia di una song F7 CHORDS TRK Trasposizione per semitoni degli accordi (CHORDS) in una traccia di notazione musicale
SELEZIONE DATA INPUT

F8 MUSIC TRK Trasposizione della traccia notazione musicale (SCORE)

di

TRANSPOSE VALUE NOTE RANGE FROM.. TO... FROM LOCATOR TO LOCATOR

Determina il valore della trasposizione (per semitoni) Stabilisce il limite superiore ed inferiore delle note che devono essere trasposte. Come per altre funzioni anche questa pu essere utilizzata per trasporre un solo strumento allinterno di un drumkit. Valori assegnabili: C1-G9 Determina il punto iniziale e finale della parte che deve essere trasposta. E possibile specificare la Battuta, la suddivisione ed il TICK (unit di misura della risoluzione del sequencer). Valori assegnabili: entro i limiti della song

MICROSCOPE La funzione MICROSCOPE permette la modifica di ogni singolo evento registrato in una traccia. La lista degli eventi viene mostrata al centro del display.
ACCESSO ALL EVENT EDIT 1 Selezionate la traccia di cui visualizzare la EVENT LIST (lista eventi) e poi MICROSCOPE (vedi nota). 2 Usate i CURSORI UP/DOWN per scorrere gli eventi. Le note selezionate sono suonate 3 Sezionate il parametro da modificare con i CURSORI SU /GIU 4 Usate il DIAL per modificare il parametro selezionato.

F2 SHOW.
Richiama una finestra di dialogo dove possibile selezionare quali eventi sono visualizzati nella EVENT LIST.

F3 INSERT
Inserisce nella posizione corrente gli eventi selezionati con la funzione INS.TYPE.

F7 CATCH LOCATOR
Consente la selezione levento corrente nel caso in cui la song sia in play.
SELEZIONE DATA INPUT

F8 GO TO LOCATOR

Posiziona il cursore sul primo evento F6 DELETE della locazione specificata (Battuta). Il numero pu essere inserito con il DIAL. Cancella levento selezionato.

Nota: le tracce possono essere selezionate anche direttamente allinterno della pagina MICROSCOPE usando tasti funzione A-H e PART.

La sezione recording studio

Pag.95

manuale distruzioni

genesys xp

MASTER TRACK Il MASTER TRACK editor consente la modifica degli eventi registrati nella MASTER TRACK, e cio i controlli generali della song. Questa traccia registra i cambi di PERFORMANCE, VOLUME GENERALE (PEDAL VOLUME), EFFETTI, TEMPO (VELOCITA e METRICA) e NOTAZIONE. La struttura della pagina analoga a quella del microscope, con gli eventi posizionati al centro della schermata. F1 START PARAMETERS
Seleziona la pagina di edit dei parametri di partenza della song.

F2 SHOW
Richiama una finestra di dialogo dove possibile abilitare o disabilitare (ON-OFF) la gli visualizzazione degli eventi della EVENT LIST.
SELEZIONE DATA INPUT

F1 START PARAMETERS

F6 DELETE

F3 INSERT
Inserisce sulla posizione corrente del cursore il tipo di evento specificato nel menu F4 INSERT TYPE. La posizione dellevento inoltre pu essere ulteriormente modificata intervenendo sui parametri BAR, BEAT, TICK.

PERF Performance iniziale. Imposta i valori di alcuni dei parametri di Cancella levento selezionato. traccia come il PROGRAM CHANGE, il VOLUME, il PAN, gli EFFETTI. F7 CATCH LOCATOR Valori assegnabili: una delle 8 SONG PERFORMANCE disponibili. Seleziona levento correntemente VOLUME controlla il volume generale. Valori inseribili: 0-127 suonato se la song in play o quello immediatamente dopo la KEY Imposta la tonalit del brano per la corretta visualizzazione della posizione corrente. notazione musicale, inserendo i giusti accidenti musicali in chiave. TEMPO imposta la Velocit metronomica. Valori inseribili da 20 a 250 BPM

F8 GO TO LOCATOR
Sposta il cursore sul primo evento della battuta selezionata. Il numero pu essere specificato con il DIAL

F4 INSERT TYPE
Richiama una finestra di dialogo dove selezionare gli eventi da inserire con la funzione F3 INSERT.

STATUS TEMPO

PERFORMANCE VOLUME

VALORE Velocit metronomica. Attivando lopzione TEMPO REC. possibile registrare lungo il brano le variazioni di velocit usando il DIAL. Valori inseribili da 20 a 250 BPM (beat per minute, battute al minuto). Cambio di Performance. Valori inseribili da 1a 8 Variazione del volume generale. Via MIDI registrabile per mezzo del VOLUME PEDAL. Valori 0-127. ATTENZIONE! Le variazioni di volume eseguite con lo slider sul pannello non vengono registrate.

EFF. DEVICE SEL. Selezione di un effetto dal DSP . Corrisponde al CC 18 EFF. TYPE Selezione del tipo di effetto dal DSP . Corrisponde a CC 48 EFF. DEVICE Volume generale delleffetto assegnato al DSP . La VOLUME quantit di effetto applicato (EFFECT SEND) regolato nel MICROSCOPE dai CC 91 e CC 93.

Pag.96

La sezione recording studio

manuale distruzioni

genesys xp

F6 EDIT SCORE Il sequencer di Genesys xp possiede un editor per modificare o inserire in un brano informazioni multimediali quali: testo, notazione musicale, accordi. Per poter sfruttare al meglio questa funzione vi suggeriamo di collegare alla vostra Genesys xp una tastiera da PC standard PS2.

Premete il tasto funzione F6 per entrare nel menu EDIT SCORE.

D NEXT EVENT
Sposta il cursore sullevento successivo (nota o pausa).

F4 GET SCORE
Crea la visualizzazione in notazione musicale da una traccia selezionata.

E PREV EVENT
Sposta il cursore sullevento precedente (nota o pausa).

F5 CHORD
Sposta il cursore sotto la linea degli accordi (sopra la linea di battuta).

G GOTO LOCATOR
Sposta il cursore allinizio della battuta specificata. Premete il tasto G per aprire la finestra di dialogo, impostate la battuta con il DIAL e premete ENTER per confermare.

F6 LYRICS
Sposta il cursore sotto la linea di testo (sotto la linea di battuta)

H <<1/16

F5 CHORD

F8 >>1/16

F END PHRASE
Questo comando inserisce un simbolo di fine frase I alla fine di un periodo di testo. Questo permette nella visualizzazione delle parole, il passaggio del testo alla linea successiva. Vi raccomandiamo di scrivere righe usando pi di 20 caratteri, per evitare lerrata visualizzazione del testo sillabato in modo LIRYCS1 (caratteri grandi). Questo simbolo pu essere cancellato come ogni altro, selezionando la sillaba con il comando D-NEXT EVENT o E-PREVIUOS EVENT, selezionando il simbolo con il DIAL e cancellandolo con il tasto F2 DELETE sulla tastiera di controllo.

Sposta il cursore sul sedicesimo Selezionando CHORD MODE sullo Ogni nota di valore musicale viene precedente. schermo appaiono le opzioni opportune suddivisa idealmente in sedicesimi, questo comando sposta il cursore sul F EXTENSION sedicesimo successivo. Per uscire dalla Questo comando permette di modificare funzione e tornare al modo normale la fondamentale dellaccordo. premete il tasto E - PREVIOUS EVENT, Selezionate un accordo premete F, per uscire e passare alla nota successiva quindi ruotando il DIAL selezionate la premete il tasto D NEXT EVENT. nota necessaria come fondamentale.

F7 ROOT
Questo comando permette di impostare la nota fondamentale di un accordo separatamente dalla sua modalit. Selezionate un accordo, premete F7 ripetutamente per porre la parte in edit, scrivete la nota fondamentale dellaccordo, la sua tipologia, per poi tornare alledit dellintero accordo.

F4 GET SCORE
Premete F4 per aprire la finestra di dialogo: 1 Impostate il numero di traccia con il DIAL 2 Premete ENTER per confermare Se la traccia contiene degli accordi il sistema preleva la nota pi alta, eliminando le note non correlate alla melodia. I migliori risultati di notazione musicale si ottengono da una traccia che contiene una sola linea melodica.

AGGIUNGERE O INSERIRE TESTO (LYRICS)


La prima parola o la prima sillaba del testo, deve essere sincronizzato con la prima nota della melodia. Molti brani hanno unintroduzione che ritarda linizio della loro melodia principale. Usando il comando D-NEXT EVENT potete posizionarvi sulla prima nota della melodia. Tenete premuto il tasto NEXT EVENT fino a che il cursore lampeggiante si posiziona sotto la prima nota della melodia. Inserite ora la prima parola o la prima sillaba. Inserendo una sillaba abbiate cura di inserire sempre un carattere underscore (corrispondente al tasto SI 6 della tastiera MIDI di controllo, se non state usando una tastiera da PC per linserimento del testo), il indica al sistema che la parola non completa. Premete ora NEXT EVENT e tenetelo premuto fino a che il cursore si posiziona sulla nota successiva della melodia. Inserite la parola o la sillaba successiva. Ricordate che potete omettere il carattere underscore solo una volta raggiunta lultima sillaba della parola. Continuate in questo modo per tutto il brano. Potete controllare in ogni punto la visualizzazione del testo inserito premendo ESCAPE ed il tasto LYRICS sul pannello, premendo PLAY per ascoltare il brano e controllare la sincronizzazione del testo. Per rientrare nelledit del testo premete EDIT sul SONG PLAYER e F6 EDIT SCORE. Usate il comando GO TO LOC (vai alla locazione) per posizionarvi rapidamente sullultima battuta dove avete inserito il testo.

INSERIMENTO ACCORDI
Linserimento degli accordi piuttosto simile a quello del testo. DallEDIT SCORE premete F5 CHORDS e posizionatevi con il comando NEXT EVENT sul punto dove inserire il primo accordo, baster suonare laccordo desiderato sul lato sinistro della tastiera per visualizzare il simbolo corrispondente sulla linea melodica.

La sezione recording studio

Pag.97

manuale distruzioni

genesys xp

MODO DI REGISTRAZIONE EASY SONG


La modalit EASY SONG permette di registrare una song utilizzando gli styles di Genesys xp. Questo metodo di registrazione permette la creazione di un brano in modo realmente rapido e facilitato.

1 Premete F5 o F6 per attivare la modalit EASY SONG

Il led di registrazione si accende e la pagina EASY SONG si attiva, visualizzando il display in negativo, Viene inoltre creata automaticamente una nuova SONG PERFORMANCE in base allo STYLE ed al PRESET correntemente selezionati. 1 Selezionate uno Stye, Preset ed impostate i controlli dellaccompagnamento 2 Attivate se necessario il KEY START, lINTRO, i FILL o lEND 3 Premete START/STOP per iniziare a registrare. Se lopzione KEY START attivata la registrazione avr inizio non appena inizate a suonare sulla tastiera 4 Eseguite il brano usando le opzioni offerte dagli styles (FILL, VARIATION, INTRO ecc.) 5 Concludete da Song usando lENDING appropriato 6 Premete STOP , il led del tasto RECORD si spegne. A questo punto possibile modificare il brano registrato in EDIT SONG o aggiungere al brano registrato altre tracce usando il metodo normale di registrazione descritto nella pagine precedenti.

Pag.98

La sezione recording studio

manuale distruzioni

genesys xp

REGISTRARE NUOVI STYLES


Lopzionde NEW STYLE del sequencer permette la creazione di nuovi styles oppure la modifica di quelli interni. Premete il tasto funzione F7 o F8 per entrare nella pagina di programmazione.

SELEZIONE

CONFERMA

1 Selezionate la variazione: VAR.1, VAR.2, VAR.3, VAR.4, la sezione: BASIC, FILL, INTRO, ENDING ed il tipo di accordo:

maggiore (MAJOR), minore (MINOR), settima (7TH), con il cursore e premete ENTER per confermare. Il led del tasto RECORD si illumina e la pagina di registrazione viene visualizzata in negativo.

TRACK SELECT

2 Selezionate la traccia iniziale, solitamente nella programmazione degli STYLES questa la traccia della batteria. Premete

il tasto funzione corrispondente per abilitare la traccia in registrazione.


3 Premete START/STOP per iniziare a registrare. Il sequencer inizia il preconteggio per sincronizzare la vostra esecuzione al

metronono corrente.

Il metronomo pu essere eventualmente disabilitato con il tasto F8 METRONOME.


4 Iniziate a suonare dopo il conteggio iniziale. La registrazione avviene in modo ciclico, una volta cio raggiunta la fine del RIFF,

questo riparte dallinizio. Il numero di battute registrate dipende dallimpostazione MEASURES sulla pagina iniziale REC VIEW.

. La traccia non esce dalla registrazione 5 Una volta registrata la prima traccia, fermate la registrazione con il tasto START/STOP permettendovi di aggiungere eventualmente altri eventi. Il default del modo di registrazione e OVERDUB, i nuovi dati cio si aggiungono a quelli esistenti. E possibile naturalmente selezionare lopzione REPLACE (F1).
6 Per ascoltare la traccia e uscire dalla registrazione, premete il tasto funzione relativo facendo apparire licona SEQUENCER. 7 Selezionate unaltra traccia e ripetete la procedura fino a completare il vostro style. Ricordate di disabilitare sempre la

registrazione su una traccia prima di selezionarne unaltra, per evitare che sulla nuova traccia si sommino nuovamente gli eventi gi registrati. display mostra la finestra con il nuovo style.

8 Una volta terminato premete il tasto RECORD per uscire dalla registrazione. Il led del tasto RECORD di spegne, mentre il

La sezione recording studio

Pag.99

manuale distruzioni

genesys xp F1 MODE
Apre la finestra di dialogo RECORD MODE dove possono essere impostate le opzioni di registrazione (OVERDUB, REPLACE).

F2 REC RIFF
Attiva la finestra SELECT RIFF , per selezionare il RIFF da registrare. Eseguita la selezione premete ENTER per confermare.

F5 SOUND VIEW
Seleziona la pagina SOUND VIEW per visualizzare e modificare i suoni assegnati alla Performance.

TIME SIGNATURE
Imposta la metrica musicale per lintero style. Questo parametro pu essere modificato solo prima di iniziare a registrare.

F6 REC VIEW
Seleziona la pagina di registrazione dove possibile visualizzare ed impostare i parametri di REC e PLAY.

MEASURES
Stabilisce la lunghezza in battute musicali di un RIFF (Max. 16).

F7 ERASE
Cancella una traccia un RIFF o lintero Style.

TEMPO
Imposta la velocit metronomica dello style, valida per lintero style.

F7 ERASE
Attiva o disattiva il metronomo.

KEY NOTE
Questo parametro imposta la tonalit di riferimento per la registrazione di un RIFF. Questo serve al sistema per trasporre opportunamente il RIFF sugli altri accordi. Scale converter: OFF
C# C Accomp. Bass
-2

C Maggiore---> C 7
F# E F G G# A
+1 +1

SCALE CONVERTER
Programmando uno styles basato sulla scala Maggiore, il sistema automaticamente converte opportunamente sugli altri accordi (minori e Settime). Questo metodo consente di ridurre la programmazione dei RIFF necessari al completamento di uno style. Infatti, programmando per esempio un RIFF solo sulla scala maggiore, Genesys xp automaticamente lo adatta anche al modo minore ed alla settima. Attenzione, questo metodo basato sulla semplificazione pu dare adito ad errori nel corretto riconoscimento degli accordi, in presenza di armonie molto complesse. Questo parametro articolato su due campi, corrispondenti agli accordi complementari a quello che sta per essere registrato. Le tabelle di conversione riportate a lato mostrano il modo in cui lo SCALE CONVERTER agisce, sia se impostato su OFF, sia per gli accordi minori e di settima.

D# D

A# B
-1 -1

Scale converter: OFF


C# C Accomp. Bass D D# E
-1 -1

C Maggiore---> C minore
F# F G G# A
+1 +1

A# B

Scale converter: ON
C# C
7th 1 Acc. 7th 1 Bass 7th 2 Acc. 7th 2 Bass 7th 3 Acc. 7th 3 Bass 7th 4 Acc. 7th 4 Bass -2 -2 -2 -2

C Maggiore---> C 7
D# F# E F G G# A A# B

QUANTIZE
Imposta un valore musicale di autocorrezione durante la registrazione.

-1 -1 +1 +1

FREE MEMORY
Indica la quantit di memoria rimanente per registrare un RIFF . Ogni RIFF pu occupare circa 30 Kbytes.

COS UN RIFF? Un RIFF una frase musicale strutturata per ripetersi ciclicamente. La libera concatenazione di pi RIFF costituisce lo STYLE. La Tabella seguente mostra tutti i RIFF che formano uno Style. Il RIFF BASIC la frase principale dello Style, questa viene ripetuta continuamente fino a quando non viene premuto lo STOP , o fino a quando non viene interrotta da un FILL, da un INTRO o un ENDING. La lunghezza di un RIFF pu variare da un minimo di 1 misura, fino ad un massimo di 16 misure. Ogni RIFF pu contenere fino a 8 tracce: Drums, Bass, Acc1, Acc2, Acc3, Acc4, Acc5, Acc6.
Var1 Basic Major Basic Minor Basic 7th Fill Major Fill Minor Fill 7th Fill Intro Major Intro Minor Intro 7th End Major End Minor End 7th Var2 Basic Major Basic Minor Basic 7th Fill Major Fill Minor Fill 7th Fill Intro Major Intro Minor Intro 7th End Major End Minor End 7th Var3 Basic Major Basic Minor Basic 7th Fill Major Fill Minor Fill 7th Fill Intro Major Intro Minor Intro 7th End Major End Minor End 7th Var4 Basic Major Basic Minor Basic 7th Fill Major Fill Minor Fill 7th Fill Intro Major Intro Minor Intro 7th End Major End Minor End 7th

Scale converter: ON
C# C
7th 1 Acc. 7th 1 Bass 7th 2 Acc. 7th 2 Bass 7th 3 Acc. 7th 3 Bass 7th 4 Acc. 7th 4 Bass 7th 5 Acc. 7th 5 Bass 7th 6 Acc. 7th 6 Bass 7th 7 Acc. 7th 7 Bass -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1

C Maggiore---> C minore
D# F# E
-1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 -1 +1 +1 -1 -1 -1 -1 +1 +1 -1 -1

G# G A

A# B

Pag.100

La sezione recording studio

manuale distruzioni

genesys xp

USER STYLE EDIT


Una volta registrato un nuovo style possibile editare tutti i suoi eventi. La maggior parte delle opzioni di questo men sono comuni a quelle del SONG EDIT gi analizzate nella sezione precedente. Due di queste sono invece peculiari, la funzione COPY e la funzione MASK.

LA FUNZIONE COPY
Questa funzione permette di copiare una parte definibile di uno Style su unaltro.

SELEZIONE

DATA INPUT

CONFERMA

PARAMETRI: Copy to Style

From var... to var.

From riff... to riff

Track... to track

From locator... To locator

Start locator

Copy times

Copy mode

Seleziona la locazione di destinazione su cui copiare lo style corrente. Valori assegnabili: ogni USER STYLE Seleziona la VARIATION sorgente e quella di destinazione per la parte copiata. Valori assegnabili: da 1 a 4. Seleziona il RIFF sorgente e di destinazione per la parte da copiare. Per esempio possibile copiare un RIFF BASIC in Maggiore, su un FILL RIFF in minore. Valore assegnabile : ogni RIFF Specifica la traccia sorgente e di destinazione per gli elementi copiati. FROM TRACK mostra la traccia selezionata usando i tasti funzione A-H. la destinazione TO TRACK pu essere inserita con il DIAL. Valori assegnabili: ogni traccia dellaccompagnamento, da 9 a 16. Imposta i punti iniziale e finale della parte da copiare. Possono essere specificate solo le battute. Valori assegnabili: entro i limiti del RIFF corrente. Imposta la nuova posizione della parte copiata. Valori assegnabili: entro i limiti del RIFF di destinazione. Imposta il numero di copie consecutive. Ogni copia inizia esattamente dove finisce la precedente. Valori assegnabili: entro la lunghezza del RIFF . Determina la modalit di copia. MERGE Unisce gli eventi copiati a quelli gi esistenti. REPLACE sostituisce agli eventi gi presenti quelli copiati.

F6 COPY RIFF Potete copiare tutte le tracce di un RIFF PARAMETRI: Gli stessi di COPY TRACK senza per il parametro TRACK TO TRACK. F7 COPY VAR PARAMETRI: COPY - VARIATION - TO VARIATION: definiscono la sorgente e la destinazione delle VARIATION copiate (Opzioni: VAR, ALL RIFF). Valori: da 1 a 4 per le VAR, qualsiasi USER STYLE per la destinazione. F7 COPY STYLE PARAMETRI: Copia lo style corrente su una qualsiasi locazione USER

La sezione recording studio

Pag.101

manuale distruzioni

genesys xp

LA FUNZIONE MASK
Questa funzione permette di ridurre il numero di RIFF necessari alla creazione di uno style. MASK in grado di ricavare un RIFF da una variazione, ponendo in mute alcuni strumenti, in questo modo viene creata una versione semplificata partendo da una variazione pi complessa. La funzione opera solo sui RIFF BASIC di una VARIATION, le altre parti dello style (FILL, INTRO, ENDING) devono comunque essere programmate.

La funzione MASK permette la programmazione di due elementi BASIC di due VARIATIONS (VAR 2 e 4) per ottenere i rimanenti due elementi delle VAR 1 e 3. La BASIC VARIATION 2 genera la BASIC VARIATION 1 e 2, mentre la BASIC VARIATION 4 genera le VARIATION 3 e 4. Per ottenere i risultati migliori programmate la vostra VARIATION usando tutte e sei le tracce di accompagnamento: ACC1,2,3,4,5,6 cos come la traccia DRUM ed il BASS. La funzione riduce in pratica gli strumenti contenuti nello style, consentendo in questo modo di derivare le VARIATION pi semplici (2, 3, 1) programmando solo quella pi complessa. La traccia BASS rimane invariata. INTRO, ENDING e FILL vanno comunque programmati per creare uno style completo. PARAMETRI Attiva la funzione MASK. Quando questo parametro su ON, la VARIATION 2 genera automaticamente la VARIATION 1, mentre la VARIATION 4 genera la VARIATION 3. Opzioni ON-OFF Arranger tracks Attiva o disattiva le tracce individuali dellaccompagnamento di ogni variazione. Mask ESEMPIO
ARRANGER TRACKS TRACK 1 VARIATION 1 VARIATION 2 VARIATION 3 VARIATION 4 ON ON ON ON TRACK 2 ON ON ON ON TRACK 3 OFF ON ON ON TRACK 4 OFF OFF ON ON TRACK 5 OFF OFF OFF ON TRACK 6 OFF OFF OFF ON

F7-F8 DRUM MASK Questa funzione in grado di escludere singoli suoni percussivi dalla traccia DRUM (batteria e percussioni) di ogni VARIATION. Premendo il tasto funzione F7 (o F8) Lappare licona di quattro tastiere (DRUMKIT) in corrispondenza della VARIATION relativa. Selezionate la VARIATION con il CURSORE UP/DOWN e suonate al nota sulla tastiera MIDI di controllo in corrispondenza dello strumento percussivo da escludere. Lesclusione viene evidenziata sul display con un segno posto sul tasto. Loperazione pu essere naturalmente ripetuta pi volte. E sufficiente suonare di nuovo il tasto appartenente una nota esclusa per riabilitarla. Una volta terminato premete ENTER per confermare.

SELEZIONE

CONFERMA

Pag.102

La sezione recording studio

manuale distruzioni

genesys xp

LE LOCAZIONI DEGLI USER STYLES


Lo style creato con il men NEW STYLE viene memorizzato nellarea USER STYLES. Premete il tasto funzione relativo sul pannello ed i tasti da 1 ad 8 per selezionare le varie famiglie USER. Fino a 128 USER STYLES possono essere memorizzati in questarea di memoria.

La sezione recording studio

Pag.103

manuale distruzioni

genesys xp

LA SEZIONE VIDEO KARAOKE


Abbiamo gi visto le funzioni multimediali di Genesys xp in unaltra sezione di questo manuale. I tasti VIDEO e KARAOKE permettono di visualizzare sul display il contenuto multimediale dei file in esecuzione, selezionando tra SCORE (notazione musicale) e LYRICS (testo), se naturalmente questi dati sono contenuti nel file stesso. Il tasto FUNCTION inoltre, attiva un men per il controllo della visualizzazione.

Premete il tasto FUNCTION per attivare il men di controllo video (VIDEO CONTROLS).

SELEZIONE

DATA INPUT

COLOR PRESET
Seleziona un colore di fondo dello schermo per adattarsi alla condizione di illuminazione della stanza. All

SCORE MODE
Il display mostra in una unica schermata testo, accordi e notazione musicale. Chord Sono visualizzati i soli accordi. Double Questa opzione visualizza la notazione musicale della melodia (monofonica) su due righi (chiave di violino e basso)

Y-SHIFT
Sposta in verticale limmagine sulla TV per poterla centrare nello schermo.

ECHO LCD
Abilita la visualizzazione del display di Genesys xp sullo schermo TV esterno. Normalmente sul televisore sono visualizzate solo il testo o lo spartito (ECHO LCD -OFF).

LYRICS MODE
Lyr1 Lyr2 Lyr3 Lyr4 4 linee di testo per schermata 6 linee di testo per schermata 8 linee di testo per schermata 2 linee di testo in basso sullo schermo

NOTE
SCORE e LYRICS nelle Songs. Solo il formato GEM pu contenere e visualizzare testo, spartito ed accordi di un brano. Altri formati come MIDIFILES o MP3 possono contenere solo il testo dei brani e non lo spartito o gli accordi.

CHORD ON LYRICS
Abilitando questa funzione, gli accordi sono visualizzati in un piccolo box sotto il testo del brano.

IL COLLEGAMENTO VIDEO
Genesys xp possiede due diversi tipi di uscite video: TV e S-VIDEO. Queste consentono di collegare lo strumento ad una TV o ad un videoproiettore, per visualizzare i contenuti multimediali dei file. La scelta della connessione dipende dallingresso del dispositivo video esterno. I migliori televisori hanno un ingresso video con connettore RCA (convenzionalmente di colore giallo). Usate in questo caso il cavo video in dotazione allo strumento. Luscita S-VIDEO permette di avere immagini di qualit maggiore, naturalmente il dispositivo video esterno deve possere questo ingresso. Non consigliabile per usare questo tipo di segnale per collegamenti oltre i 30 metri. Se avete lesigenza di collegamenti video che superano questa distranza preferibile usare il collegamento VIDEO standard con la connessione RCA.

Pag.104

La sezione recording studio

manuale distruzioni

genesys xp

IL MIDI
Per accedere ai men per il controllo del MIDI sufficiente premere il tasto MIDI sul pannello di comando.

SELEZIONE

DATA INPUT

F4 GENERAL SET

F1 MIDI CHANNELS F2 CONFIGURATION

Questo men permette di modificare tutte le impostazioni MIDI dello Imposta il canale di trasmissione e ricezione per ciascuna traccia strumento. Definiscono il percorso del segnale MIDI sulla traccia selezionata

MIDI IN Impostando su OFF si disabilita la ricezione dei dati MIDI

INTERNAL SOUNDS Questo parametro abilita o disabilita (OFF) il controllo MIDI di Genesys xp sul generatore sonoro interno. Impostando su OFF per esempio il SONG PLAYER di Genesysy xp pu essere usato per controllare un expander esterno collegato via MIDI.

MIDI OUT Impostando su OFF interrompete la trasmissione di dati MIDI sulla parte selezionata

Midi clock Seleziona il CLOCK Interno o esterno (INTERNAL/EXTERNAL) del sequencer MIDI di Genesys xp Clock send Abilita o disabilita la trasmissione del MIDI CLOCK da parte di Genesys xp Midi merge Consente lelaborazione dei dati MIDI ricevuti, se questo parametro abilitato i dati in ingresso sono processati dal volume, dal transpose ecc. Midi in transpose Abilitando questo parametro i dati MIDI in ingresso sono influenzati dal transpose di Genesys xp Midi in fix velocity Questa funzione incrementa di un valore definibile la velocity MIDI di tutti le note ricevute System Exclusive Abilita o disabilita la trasmissione e la ricezione di dati esclusivi di sistema SysExc Device ID Imposta il DEVICE ID di Genesys xp per poter identificare lo strumento in un network MIDI SMF save format Imposta il formato di salvataggio dei MIDIFILES: 0 o 1 General midi Questo parametro consente ladeguamento di Geneysy xp al formato di programmazione delle basi musicali GENERALMIDI. (ON/OFF) Bank Select Abilita o disabilita la ricezione dei messaggi MIDI di BANK SELECT.

F3 MIDI FILTERS
Ogni parte dispone di 14 filtri MIDI, 7 per il MIDI IN e 7 per il MIDI OUT. Questi filtri permettono di speficare sulla parte selezionata 7 diversi eventi MIDI che non volete ricevere o trasmettere. Selezionate una parte premendo il tasto funzione relativo, quindi impostate il filtro come desiderate, il campo sulla sinistra (IN) definisce i filtri in ingresso, il campo a destra (OUT) i filtri di trasmissione.

Bank Select: NOTA Controllando Genesys xp con una master keyboard professionale o tramite computer potete selezionare i suoni singoli sui banchi dello strumento. Per fare questo Genesys xp ha bisogno di ricevere questi messaggi: Bank Select LSB =0 (CC 32) Bank Select MSB (CC 00) valori da 0 a 15 (seleziona il banco) Program Change valori da 1 a 127 (seleziona il programma su un determinato banco). Per una corretta ricezione il controllo GENERALMIDI deve essere su OFF e BANK SELECT su ON.

La sezione recording studio

Pag.105

manuale distruzioni

genesys xp

SELEZIONE

DATA INPUT

F5 COMMON ARR.
COMMON CHANNEL Questo particolare canale definisce la modalit di controllo di Genesys xp da parte di un MIDI controller esterno ed indipendente dalle altre impostazioni del men MIDI. Il COMMON CHANNEL permette il controllo di tutte le sezioni attive di Genesys xp con un solo canale MIDI; in questo modo anche se la tastiera MIDI di controllo che state usando non dispone della trasmissione MIDI multicanale, grazie al COMMON CHANNEL possibile utilizzare comunque gli SPLIT ed i LAYER impostati su Genesys xp. I messaggi di PROGRAM CHANGE ricevuti sul COMMON CHANNEL selezionano le MEMORIES. Il COMMON CHANNEL pu essere inoltre usato per far trasmettere tutto lo strumento su un solo canale MIDI. COMMON CHANNEL Chord Ch. 1 and 2 Questi sono due canali MIDI particolari che consentono il controllo indipendente da parte di un controller esterno, dei bassi e dellaccompagnamento degli STYLES. Questi parametri sono concepiti principalmente per il corretto interfacciamento di Genesys xp con fisarmoniche MIDI o HOME ORGANS, strumenti dove i bassi e gli accordi possono essere suonati indipendentemente. Impostate questi parametri in base alle caratteristiche MIDI dello strumento di controllo che state utilizzando.

F6 MIDI DUMP

SELEZIONE

INIZIO

Questa funzione consente la trasmissione dellarea di memoria selezionata ad unaltra apparecchiatura MIDI collegata (come unaltra Genesys xp o un PC). Selezionate i dati da trasmettere con il CURSORE UP/DOWN e premete ENTER per dare inizio al processo.

Pag.106

La sezione recording studio

manuale d'istruzioni

genesys xp

IL MENU SYSTEM SETTING


Premendo il tasto tasto SYSTEM sul pannello si accede al menu che configura le impostazioni generali di Genesys xp.

SELEZIONE

INGRESSO MENU

KEYBOARD SENSITIVITY VELOCITY Imposta la risposta globale alla velocit della tastiera MIDI di controllo esterna. Modificate questo parametro se desiderato un tipo di tocco diverso. TOUCH Permette di selezionare la risposta dell'AFTERTOUCH, se presente nello strumento master MIDI che state usando per pilotare Genesys xp. Questo dispositivo assegnabile a vari parametri (Filtri, LFO ecc.) e rende possibile la loro attivazione spingendo ulteriormente un tasto gi premuto sulla tastiera. Se l'aftertouch viene impostato su SOFT, l'effetto viene ottenuto attraverso una leggera pressione aggiuntiva del tasto, mentre HARD richiede uno sforzo maggiore. PEDAL POLARITY Regola la polarit dei pedali singoli di tipo SWITCH connessi agli ingressi PEDAL 1, PEDAL 2, DAMPER. Esistono 2 tipi diversi di polarit dei pedali: NORMALLY OPEN e NORMALLY CLOSED. L'opportuna regolazione di questo parametro permette l'uso su Genesys xp di pedali prodotti da altri marchi.

TUNING & SCALE Reimposta l'accordatura e i temperamenti di Genesys xp. MASTER PITCH Sposta in una gamma da +/-64 l'accordatura globale dello strumento. KEYBOARD SCALE Seleziona uno dei seguenti temperamenti (factory presets): EQUAL, INVERSE, MEANTONE, WERKMEISTER, PERSIAN 1, PERSIAN 2, USER da 1a 8. Selezionate un'accordatura USER per creare un temperamento personalizzato.

PC KEYBOARD/COMPUTER Attiva o disattiva la tastiera da PC, standard PS2 connessa a Genesys xp. COMPUTER Attiva o disattiva la trasmissione tramite seriale di dati MIDI a un PC (PC1-PC2) o un Macinosh. Le caratteristiche e la velocit di trasmissione sono identici a quelli del MIDI. ATTENZIONE l'attivazione della trasmissione seriale esclude quella MIDI.

DATE & TIME Imposta la data e l'orario di sistema.

Il men system setting

Pag.107

manuale d'istruzioni

genesys xp

Chord Language Gli accordi vengono generalmente visualizzati in notazione anglosassone con le sigle "A", "B", "C" ecc. La funzione Chord Language permette di selezionare il sistema latino, basato sulle note "Do", "Re", "Mi" ecc. Display Mode Sceglie l'impostazione del display. Le opzioni sono nero su bianco o bianco su nero. Insieme allo slider di contrasto LCD, questa funzione permette di ottimizzare la visibilit del display anche in situazioni di illuminazione difficili. Last Sel. Memory Quando questa funzione attiva, sufficiente premere un tasto delle PRESET FAMILIES o delle STYLE FAMILIES, per richiamare automaticamente l'ultimo PRESET o STYLE selezionato in precedenza. Per evitare la selezione automatica, p.e. nel caso in cui si cerchi uno style particolare senza voler interrompere lo style attualmente in esecuzione, basta selezionare OFF per disattivare la funzione.

BATTERY & RELEASE Questo menu visualizza la data di rilascio del sistema operativo corrente (vd.a Pag.4 nella prima parte di questo manuale: AGGIORNARE IL SISTEMA OPERATIVO DI GENESYS XP), e lo stato di carica della battiera di back up interna.

Questa informazione di servizio indica le periferiche interne connesse a Genesys XP .

IMPORTANTE!
L'opzione VIDEO TYPE permette di cambiare lo standard video da PAL a NTSC, in base a quello adottato nei vari paesi del mondo.

RESET USER RESOURCES Questa funzione resetta parti differenti dello strumento. L'esecuzione di una di queste funzioni di RESET canceller completamente tutti i dati esistenti del tipo selezionato (styles, sounds, songs, ecc.) dalla memoria interna, mentre lascier intatti i contenuti del disco rigido e di altre unit di memoria. Per resettare tutto lo strumento, utilizzate la funzione RESET ALL in questa schermata.

Pag.108

Il men system setting

manuale d'istruzioni

genesys xp

I PAD PROGRAMMABILI
I 4 pads possono essere programmati o per azionare effetti sonori o per fornire un accesso rapido ai controlli che normalmente si trovano nei sottomenu. Per assegnare le funzioni dei pads premete il tasto EDIT relativo.

SELEZIONE

DATA INPUT

La schermata visualizza l'impostazione corrente di ciascun pad. Per cambiare questa impostazione, basta evidenziarla tramite i tasti cursore. Usate il dial per selezionare una diversa impostazione.
NOTE Assegna al pad una nota con la possibilit di usare ogni sound disponibile. In questo caso, il pad necessita di tre informazioni: quale nota suonare, a che volume e quale suono utilizzare. Appena impostato il pad su NOTE, potete testarlo premendo il pad. Selezionate il NOTE VALUE per aggiustare il livello di volume tramite il dial. Premete il dial pi volte per arrivare al volume desiderato. Selezionate adesso il numero del sound. Qualsiasi sound pu essere selezionato combinando i due primi valori (il terzo valore non viene utilizzato sounds interni). Esempio: per selezionare il suono DROP (123-3), impostate il primo valore a 123 e il secondo a 3. Una volta trovato il sound desiderato, possibile aggiustare il suo livello di volume selezionando DYNAMIC I sounds selezionati possono essere suoni interni o nuovi samples che voi stessi avete creato. Imposta il pad per controllare la velocit dell'effetto rotary (lo stesso del tasto SLOW/FAST nei SOUND CONTROLS) Attiva o disattiva il VOCAL GENIUS Richiama da 1 a 16 VOCAL GENIUS VOICE SET Pone in Mute il Vocal Genius da 1 a 4 voci Il Pad pu essere utilizzato per porre in Mute la voce BASS del VOCAL GENIUS Il Pad pu essere utilizzato per porre in Mute la voce MAIN del VOCAL GENIUS Il Pad imposta il VOCAL GENIUS HARMONY MODE su CHORD. Il Pad imposta il VOCAL GENIUS HARMONY MODE su VOCODER Il Pad imposta il VOCAL GENIUS HARMONY MODE su UNISON Questa funzione speciale permette di creare immagini come quelle usate nel presente manuale direttametne da Genesys XP . Impostate il PAD su HARDCOPY e premetelo quando volete per catturare qualsiasi schermata. Potete salvare questa immagine sul disco come .BMP file. Selezionate la funzione e battete il tempo sul PAD, suonando successivamente uno style, la sua velocit d'esecuzione viene calcolata in base ai battiti che avete impostato con il PAD stesso.

ROTARY S/F VOCAL GENIUS ON/OFF VOCAL GENIUS VOICE SET VOCAL 1-4 MUTE VOCAL B MUTE VOCAL M MUTE VOCAL CHORD VOCAL VOCODER VOCAL UNISON HARDCOPY

TAP TEMPO

SALVARE LE IMPOSTAZIONI DEI PADS Ciascuna impostazione dei PAD programmabili pu essere salvata nei parametri di memoria (MEMORIES) di Genesys xp. E' inoltre disponibile la funzione LOCK (F8) per disattivare il richiamo dei parametri delle MEMORIES.

Il men system setting

Pag.109

manuale d'istruzioni

genesys xp

MP3 LYRICS EDITOR


Selezionate uno degli Mp3 files contenuti nel CD musicale allegato a Genesys xp e premete il tasto LYRICS sul pannello , per visualizzare sul display il testo contenuto nel file (e sullo schermo TV se connesso). L'MP3 Lyrics Sync Editor pu essere utilizzato per editare il testo gi esistente in un MP3 o per crearne uno nuovo su qualsiasi MP3 che ne sia privo. Il testo pu essere naturalmente salvato all'interno dell'MP3 stesso.

Visualizzazione del testo degli MP3


I testi degli MP3 funzionano in modo leggermente diverso rispetto a quelli dei MIDIFILES o del formato GEM, poich viene evidenziata una riga per volta, invece di una parola a volta. Questo facilita notevolmente l'importazione dei testi, infatti questi possono essere creati o modificati su un PC come normali file di testo e poi caricati nell'editor di Genesys xp, dov' possibile aggiungere facilmente i TAGS di sincronizzazione. Consigliamo di inserire i testi delle canzoni come righe singole con un carattere LINEFEED (avanzamento righe tramite il tasto ENTER), inserito tra ogni riga. Salvate il file completato su un floppy disk con l'estensione .TXT e inserite il disk nel Genesys xp.

Scrivere o inserire il testo

SELEZIONE

1 Selezionate un MP3 file con il tasto SONG PLAYER/ SELECT e poi premete EDIT

2 Premete il tasto F3 LOAD TXT. Individuate e selezionate il file con il disk menu che ora viene visualizzato.Premete ENTER per caricare il file.

Per inserire un testo da zero consigliabile usare una tastiera da PC standard PS2. Premete F4 INS. LINE, poi inserite la prima riga di testo e premete ENTER. Premete nuovamente INS. LINE e ripetete la stessa procedura. E' possibile correggere errori selezionando la riga con i tasti selezione UP e DOWN e premendo F2 EDIT. Usate il DIAL per localizzare l'errore e riscrivete la riga. Premete ENTER a correzione eseguita.

Aggiungere i TAGS di sincronizzazione


I cosdetti TAG di sincronizzazione spostano l'evidenziatore sulla riga successiva. I TAGS possono essere aggiunti sia nel testo inserito a mano, sia direttamente nell'editor. Premete il tasto F8 ADD TAG per inserire ciascun TAG nel momento in cui una riga deve essere evidenziata, la riproduzione del brano corrente permette naturalmente l'inserimento sincronizzato dei TAG.

Accertatevi che la prima riga di testo sia stato selezionata con il tasto CURSORE SU, posizionate il vostro dito sul tasto ADD TAG e premete PLAY. Premete ADD TAG nella posizione scelta dall'evidenziatore. Noterete che un TIMING MARKER viene visualizzato all'inizio della prima riga, mentre la seconda riga ora pronta per il TAG successivo. Premete ADD TAG sulla secondo riga e cos via. Continuate in questo modo per tutta la canzone, finch non avete applicato i TAGS su tutte le righe. E' necessario salvare un testo prima di eseguire un controllo. Premete F1 SAVE per salvare i dati relativi. Suonate la canzone e premete il tasto LYRICS per per verificare la visualizzazione del testo sullo schermo e per il controllo di eventuali errori. Per correggere un errore, tornate all'editor premendo EDIT, localizzate la riga errata e premete F3 EDIT. Utilizzate il DIAL per localizzare l'errore e correggetelo. Nel caso di errato posizionamento di un TAG, questo pu essere editato manualmente riscrivendo l'indicazione del tempo all'inizio della riga. Premete F7 CLEAR ALL per cancellare tutti i TAG esistenti. Ricordate: Salvate ogni volta i cambiamenti effettuati F1 SAVE prima di verificarli con il tasto LYRICS.

Pag.110

Il men system setting

Copyright by Generalmusic all right reserved 2004 Release 1.0

STOCK CODE 271408


Specications are subject to change without prior notice.

PRINTED IN CHINA

Generalmusic S.p.A. Via delle Rose, 12 47842 S.Giovanni in Marignano (RN) - Italy Tel. +39 0541 959511Fax +39 0541 957404 www.generalmusic.com