Sei sulla pagina 1di 3

Approfondimento

Launeddas e northern triplepipe

La ricerca storica e la passione musicale dello scozzese Barnaby Brown fanno riscoprire (e riascoltare) il northern triplepipe, un antico strumento musicale ricostruito a partire dalle launeddas sarde.
Musicista, cantante, musicologo Barnaby Brown un musicista, cantante e musicologo di Glasgow, in Scozia, che ha un rapporto speciale con la Sardegna e in particolare con le launeddas. Suona diversi tipi di strumenti a fiato, uno specialista di pibroch (in gaelico: cel mr), lars maior nella musica tradizionale della Scozia, ed un brillante esecutore del canntaireachd gaelico, una plurisecolare arte del cantare su sillabe nonsense che secondo alcuni imitano il suono delle cornamuse. In questo senso, il suo principale campo di interesse la riscoperta degli strumenti e delle antiche musiche della Scozia. A questo tema di ricerca, su cui si impegna da anni, sta dedicando ora una ricerca di dottorato presso lUniversit di Cambridge. Scozia e Sardegna Il legame di Brown con la Sardegna nasce una dozzina di anni fa. La scintilla fu lincontro nel 1999 con il musicologo scozzese John Purser, il quale gli mostr le immagini di strumenti musicali a fiato tricalami, privi della sacca delle moderne cornamuse scozzesi, rappresentate in alcuni antichi monumenti della Scozia, e gli fece ascoltare una registrazione delle launeddas di Efisio Melis. Da l, e dalla lettura dellopera delletnomusicologo danese Andreas Bentzon The launeddas (1969), nacque un interesse che lo ha portato a vivere in Sardegna per alcuni anni, a frequentare musicisti, costruttori di strumenti ed esperti del mondo delle launeddas (tra i quali Luigi Lai, Pitano Perra, Luciano Montisci, Dante Olianas) e a condividere unimportante esperienza musicale in duo con il chitarrista Gianluca Dess. Filologia e ricostruzione Per Brown, il northern triplepipe raffigurato negli antichi monumenti il predecessore, da tempo abbandonato nella pratica musicale, del bagpipe, la moderna cornamusa scozzese conosciuta in tutto il mondo. Sulla base dei suoi studi sui reperti e sui documenti storici che si riferiscono

79

sopra Barnaby Brown durante un concerto e, sotto, strumento tricalamo raffigurato in un bestiario inglese del XII sec.

Approfondimento
all'antica pratica musicale in Scozia, Brown ricostruisce strumenti antichi (in particolare, con la collaborazione del costruttore di cornamuse Julian Goodacre), applica strutture intervallari che riproducono quelle degli strumenti del passato e propone una musica che rivolta verso la riscoperta di un mondo musicale oggi scomparso. Come afferma nelle pagine del suo sito personale, sulla northern triplepipe, non posso affermare che ci che suono sia medievale. Tuttavia, tutta la mia ricerca fino ad oggi informa la mia creativit nel progettare strumenti rivitalizzati e nel comporre musica per essi(http://barnabybrown.info/research/). Il modello delle launeddas Lesperienza delle launeddas ha un rilievo centrale in questa opera di ricostruzione di unesperienza musicale che appartiene ad un passato acusticamente perduto. Il northern triplepipe suonato da Brown stato realizzato da Luciano Montisci, uno dei pi noti costruttori di launeddas della Sardegna, e rappresenta una variante rispetto alle launeddas tradizionali, in particolare per quanto riguarda la disposizione dei fori (e dunque i rapporti intervallari fra le note) e la lunghezza del tumbu, la canna di bordone. Anche la tecnica esecutiva ripresa dalle launeddas: la disposizione delle dita sui fori e soprattutto luso della respirazione circolare fanno parte dei gesti musicali tipici della pratica strumentale sarda.

nella pagina Barnaby Brown con


il suo strumento accanto alla croce di pietra del monastero di Clonmacnoise e altre antiche raffigurazioni di strumenti tricalami inglesi.

Respirazione circolare e sacca A proposito dellemissione circolare nellantico triplepipe e del passaggio al moderna bagpipe scozzese, Barnaby Brown osserva che lascesa della bagpipe ha probabilmente determinato un rapido declino delle triplepipes che di fatto sostanzialmente una bagpipe senza la sacca. I suonatori di triplepipes probabilmente usavano la loro bocca come sacca, ossia come riserva daria, e per tenere il suono continuo usavano la

Approfondimento
respirazione continua o circolare come fanno sia i suonatori di launeddas che gli aborigeni australiano con il didgeridoo. Lintroduzione della sacca permise ai suonatori di respirare normalmente e di conseguenza di suonare strumenti pi forti per periodi pi lunghi. Se non fosse per questo, i due strumenti e la musica che possono produrre sarebbero identici (in Launeddas e triplepipes. Uno strumento che attraversa i secoli e le civilt, 2006).
Incontri La ricerca sugli strumenti e le musiche del passato ha condotto Brown anche in terre e tempi pi lontani, e cio verso lesplorazione musicale dei silver pipes, uno strumento bicalamo di et sumerica i cui reperti sono oggi conservati presso il Museo di Archeologia e Antropologia dellUniversit della Pennsylvania. Una ricerca a raggio ampio e senza confini, dunque, quella musicale e storica di Barnaby Brown, che apre scenari complessi e che solleva inevitabili interrogativi. Di certo, per, i suoi concerti, in cui il dialogo senza inibizioni fra tradizioni musicali diverse ha un posto centrale, suggeriscono un modo per collegare e rileggere passato e presente e mostrano una possibilit di dialogo fra mondi, almeno in apparenza, lontani fra loro. (P.B.)

nella pagina Suonatori di strumento a tre canne nel manoscritto medioevale Prudentius's Psychomachia; sotto, in due croci di pietra dell'VIII-IX sec. e, a desta, nel transetto nord dell'Abazia di Westminister (XIII sec).

81

Per saperne di pi:


The Ian Dall chanter: material evidence for intonation and pitch in Gaelic Scotland, 1650-1800, in The Highland Bagpipe: Music, History, Tradition, a cura di Joshua Dickson, Ashgate 2009. Launeddas e triplepipes. Uno strumento che attraversa i secoli e le civilt, in Quaderni dellAssociazione culturale Italia-

Inghilterra, vol. 2006: pgg. 43-54.