Sei sulla pagina 1di 73

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI

Federico II
Facolt ` a di Ingegneria
Complementi di
Analisi Matematica
Luigi Greco
Anno Accademico 2009-2010
DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E APPLICAZIONI
R. Caccioppoli
PIAZZALE TECCHIO - 80125 NAPOLI
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Indice
Capitolo I. Le funzioni euleriane 2
1. La funzione gamma 2
2. La funzione beta 7
Capitolo II. Problemi ai limiti 10
1. Introduzione 10
2. Equazioni autoaggiunte 14
3. La funzione di Green. Il teorema dellalternativa 15
4. Il problema di Sturm-Liouville 21
5. Formulazione mediante equazione integrale 25
Capitolo III. Le funzioni di Bessel 27
1. Cenni sulle equazioni dierenziali in campo complesso 27
2. Lequazione di Bessel 28
3. Propriet`a delle funzioni di Bessel 31
3.1. Funzione generatrice delle funzioni di Bessel 32
3.2. Zeri delle funzioni di Bessel 36
Capitolo IV. Equazioni dierenziali alle derivate parziali 38
1. Generalit`a 38
2. Equazioni di Laplace e Poisson 39
2.1. Funzioni armoniche 40
2.2. Esistenza per il problema di Dirichlet per lequazione di Laplace
in un cerchio 46
2.3. Esistenza per il problema di Neumann per lequazione di Laplace
in un cerchio 53
2.4. Il problema di Dirichlet per lequazione di Poisson 54
3. Lequazione del calore 58
3.1. Problema misto nella semistriscia 59
3.2. Il problema di Cauchy nel semipiano 64
4. Lequazione delle onde 66
4.1. Il problema di Cauchy nel semipiano 67
4.2. Problema misto nella semistriscia 69
1
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
CAPITOLO I
Le funzioni euleriane
1. La funzione gamma
La funzione gamma `e denita mediante lintegrale euleriano di seconda
specie
(1.1) (z) =
_
+
0
e
t
t
z1
dt ,
dove z `e un numero complesso.
`
E opportuno richiamare la denizione di esponenziale e potenza nel campo complesso.
Scritto = x + jy C in forma algebrica, risulta
(1.2) e

= exp() = exp(x + jy)


def
= e
x
(cos y + j sin y) ,
dove e
x
`e un esponenziale reale. In altri termini, Re e

= e
x
cos y e Im e

= e
x
sin y.
Inoltre | e

| = e
x
= e
Re
, in particolare e

= 0, C. La potenza nel campo complesso


`e una funzione ad innite determinazioni; se non specicato diversamente considereremo la
cosiddetta determinazione principale
(1.3) t

def
== exp( Log t) .
(Log `e il logaritmo principale nel campo complesso, che per i numeri positivi si riduce al
logaritmo aritmetico.) Pertanto, per t > 0,
(1.4) |t

| = | exp( Log t)| = exp(Re Log t) = t


Re
.
La sommabilit`a della funzione integranda t e
t
t
z1
per z = x+jy s-
sato dipende da Re z. Lintegrando `e continuo, quindi localmente sommabile,
in ]0, +[, mentre per alcuni valori di z non risulta continuo in 0, dunque
la sommabilit`a va studiata intorno a 0 e a +. Intorno a 0 il fattore e
t
`e ininuente, essendo continuo e positivo; in altri termini, lintegrando ha
le stesse propriet`a di sommabilit`a della potenza t
Re z1
= t
x1
ed `e dunque
sommabile se e solo se x > 0. Intorno a +, per la presenza dellesponenziale
lintegrando `e sommabile per ogni x = Re z. In denitiva, la (1.1) consente di
denire (z) nel semipiano Re z > 0.
Re z > 0
2
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
1. LA FUNZIONE GAMMA 3
Si mostra che `e olomorfa in tale semipiano.
TEOREMA 1.1. La funzione `e olomorfa nel semipiano Re z > 0 e si
pu`o derivare indenitamente sotto il segno di integrale:
(1.5)
(k)
(z) =
_
+
0
e
t
t
z1
(log t)
k
dt , k N.
`
E evidente lanalogia tra lintegrale (1.1) e quello che denisce la trasfor-
mata unilatera di Laplace
L[f(t)] =
_
+
0
e
st
f(t) dt .
Invero, per Re z > 0 e Re s > 0 risulta
(1.6) L[t
z1
] =
(z)
s
z
.
Per ricavare (1.6), essendo per z ssato ambo i membri funzioni olomorfe
della variabile complessa s, `e suciente considerare il caso s reale positivo,
s > 0, lestensione al caso generale potendosi ottenere mediante il II principio
di identit`a. Per tali valori di s luguaglianza segue semplicemente eettuando
un cambio di variabile nellintegrale
L[t
z1
] =
_
+
0
e
st
t
z1
dt =
1
s
_
+
0
e

s
_
z1
d =
(z)
s
z
.
Calcoliamo qualche valore della funzione . Evidentemente (1) = 1.
`
E facile mostrare una fondamentale relazione per la , detta relazione di
ricorrenza:
(1.7) (z + 1) = z (z) , Re z > 0 .
Basta infatti supporre inizialmente z > 0 ed integrare per parti. Ne segue,
k N,
(1.8) (z +k + 1) = (z +k) (z +k 1) z (z) .
In particolare,
(n + 1) = n! , n N
0
.
In questo senso, generalizza il fattoriale. Un altro valore notevole `e

_
1
2
_
=
_
+
0
e
t
t

1
2
dt = 2
_
+
0
e

2
d =

.
Usando la (1.8), troviamo

_
3
2
_
=
_
1
2
+ 1
_
=
1
2

_
1
2
_
=

2
,
_
5
2
_
=
3
2
1
2

_
1
2
_
=
3
4

Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria


Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
4 I. LE FUNZIONI EULERIANE
e in generale
(1.9)
_
k + 1 +
1
2
_
=
_
k +
1
2
_ _
k
1
2
_

1
2

.
ESERCIZIO 1.2. Vericare, k N
0
, luguaglianza
(1.10) 2
2k+1
k!
_
k + 1 +
1
2
_
= (2k + 1)!

.
Mediante la relazione di ricorrenza `e possibile prolungare la funzione .
In eetti, scritta la relazione di ricorrenza nel modo seguente
(1.11) (z) =
(z + 1)
z
,
osserviamo che il secondo membro ha signicato per Re(z +1) > 0, vale a dire
Re z > 1, e z ,= 0. Dunque luguaglianza (1.11) consente di denite (z) per
tali valori. Geometricamente, al semipiano Re z > 0 viene aggiunta la striscia
1 < Re z 0, privata del punto 0.
0 1
A questo punto, il secondo membro della (1.11) ha signicato per z ,= 0
vericante Re(z + 1) > 1, cio`e Re z > 2, e z + 1 ,= 0, cio`e z ,= 1; geome-
tricamente, allinsieme cui eravamo arrivati al passo precedente aggiungiamo
la striscia 2 < Re z 1 privata del punto 1.
0 1 2
`
E chiaro ora che iterando il procedimento si estende a C0, 1, 2, . . ..
`
E chiaro pure che il prolungamento risulta olomorfo in tale insieme, quindi
gli interi non-positivi sono singolarit`a isolate della funzione . Essi risultano
poli semplici; ad esempio, risulta
lim
z0
z (z) = lim
z0
(z + 1) = (1) = 1 .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
1. LA FUNZIONE GAMMA 5
0 1 2 3
Nella gura seguente `e tracciato il diagramma della funzione y = (x), restri-
zione di allasse reale (privato dei punti 0, 1, 2, . . .).
20
20
1 2 3
y = (x)
`
E interessante mostrare un altro modo di studiare la e giungere al suo
prolungamento. Per Re z > 0, decomponiamo lintegrale (1.1) che denisce
(z) nella somma di due termini, uno cattivo ed uno buono:
(1.12) (z) =
_
1
0
e
t
t
z1
dt +
_
+
1
e
t
t
z1
dt = P(z) +Q(z) .
Lintegrale
(1.13) Q(z) =
_
+
1
e
t
t
z1
dt
`e assolutamente convergente, senza alcuna limitazione su z, per la presen-
za dellesponenziale nellintegrando.
`
E possibile mostrare che Q `e olomorfa,
quindi `e una funzione intera.
Per P(z), come detto, la sommabilit`a dellintegrando va studiata intorno
a 0 e sussiste per Re z > 0; P risulta olomorfa in questo semipiano. Ne segue
lolomora della . Essendo Q intera, la regolarit`a di dipende da quella di
P: esaminiamola in maggiore dettaglio. Usando lo sviluppo di Mac Laurin,
scriviamo
e
t
=
+

n=0
(t)
n
n!
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
6 I. LE FUNZIONI EULERIANE
e quindi
e
t
t
z1
= t
z1
+
+

n=1
(1)
n
n!
t
z+n1
.
La serie nellultimo membro, per z ssato con Re z > 0, `e totalmente conver-
gente per t [0, 1]. In eetti,
[t
z+n1
[ = t
Re z+n1
1 ,
in quanto Re z +n 1 > 0, quindi la serie `e maggiorata dalla serie numerica
convergente

+
1
1
n!
.
`
E dunque possibile integrare termine a termine (cio`e
lintegrale della somma `e la somma degli integrali):
P(z) =
_
1
0
e
t
t
z1
dt =
_
1
0
+

n=0
(1)
n
n!
t
z+n1
dt =
+

n=0
(1)
n
n!
_
1
0
t
z+n1
dt ,
ovvero
P(z) =
+

n=0
(1)
n
(z +n) n!
.
Pertanto, per Re z > 0,
(1.14) (z) =
+

n=0
(1)
n
(z +n) n!
+Q(z) .
Il secondo membro di tale uguaglianza ha signicato anche per z fuori dal
semipiano Re z > 0. Lespressione
(1)
n
(z +n) n!
,
che al variare di n costituisce il termine generale della serie, `e olomorfa in
Cn e in n ha un polo semplice. La serie converge (totalmente in ogni
E C che ha distanza positiva da 0, 1, 2, . . ., cio`e per il quale esista
> 0 tale che risulti [z +n[ , z E, n N
0
) e la somma `e olomorfa in
C 0, 1, 2, . . .. Calcoliamo il residuo di in n, n N
0
:
R

[n] = lim
zn
(z +n) (z) =
(1)
n
n!
.
Si prova che `e priva di zeri, quindi il reciproco
1

`e una funzione intera,


presentando nei punti 0, 1, 2, . . . singolarit`a eliminabili, che risultano zeri
semplici per il prolungamento.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. LA FUNZIONE BETA 7
2. La funzione beta
`
E denita mediante lintegrale euleriano di I specie
(2.1) B(, ) =
_
1
0
t
1
(1 t)
1
dt
per , C tali che Re > 0 e Re > 0; noi ci limiteremo a considerare
valori reali delle variabili.
`
E evidente la propriet`a di simmetria, cio`e
B(, ) = B(, ) ,
che si ottiene semplicemente con la sostituzione = 1 t nellintegrale (2.1).
Sussiste un notevole legame con la :
(2.2) B(, ) =
() ()
( +)
.
Per mostrare la (2.2), consideriamo le funzioni
t
1
+
=
_
t
1
, per t > 0
0 , per t 0
e t
1
+
, denita analogamente, e calcoliamone il prodotto di convoluzione;
evidentemente risulta t
1
+
t
1
+
= 0 in ] , 0], mentre su ]0, +[ abbiamo
t
1
+
t
1
+
=
_
t
0

1
(t )
1
d = t
+2
_
t
0
_

t
_
1
_
1

t
_
1
d
= t
+1
_
1
0

1
(1 )
1
d = B(, ) t
+1
e dunque
t
1
+
t
1
+
= B(, ) t
+1
+
.
Applichiamo ad ambo i membri la L-trasformazione, ricordando la (1.6) e che
la trasformata della convoluzione `e il prodotto delle trasformate; per s C
con Re s > 0, abbiamo
()
s

()
s

= B(, )
( +)
s
+
,
da cui la (2.2) segue subito.
ESERCIZIO 2.1. Vericare luguaglianza (n N
0
)
_
1
1
(1 t
2
)
n
dt = B(1/2, n + 1)
e dedurne
_
1
1
(1 t
2
)
n
dt = 2
(2n)!!
(2n + 1)!!
.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
8 I. LE FUNZIONI EULERIANE
Usando la (2.2) per 0 < < 1 e = 1 , poiche (1) = 1, troviamo
() (1 ) = B(, 1 ) =
_
1
0
t
1
(1 t)
11
dt =
_
1
0
_
t
1 t
_

dt
t
ed eettuando la sostituzione =
t
1t
nellultimo integrale, con semplici
passaggi otteniamo
(2.3) () (1 ) =
_
+
0

1
1 +
d .
Lintegrale a secondo membro si valuta mediante la teoria dei residui.
Ci limitiamo a segnalare un caso in cui il calcolo `e molto semplice: supponiamo =
1/n, con n N, n 2. Ponendo =

, lintegrale si riscrive
Z
+
0

1
1 +
d = n
Z
+
0
d
1 +
n
.
Lultimo integrale vale
/n
sin /n
. In generale,
Z
+
0

1
1 +
d =

sin
.
Perveniamo cos` alluguaglianza
(2.4) (z) (1 z) =

sinz
che si dice relazione dei complementi ; essa `e stata ricavata per z = reale
tra 0 e 1, ma si estende ad ogni z C non intero, mediante il principio di
identit`a. Riscritta la (2.4) come segue
(z) =

sinz
1
(1 z)
,
essa permette di ricavare i valori di nella striscia 0 < Re z <
1
2
, se sono noti
quelli nella striscia
1
2
< Re z < 1, e viceversa. Unaltra semplice osservazione
si ottiene ponendo z =
1
2
nella (2.4):

_
1
2
_
2
=

sin

2
= ,
da cui ritroviamo (
1
2
) =

.
ESERCIZIO 2.2. Per z > 0, vericare luguaglianza
(2.5) B(1/2, z) = 2
2z1
B(z, z) .
(Suggerimento:
B(1/2, z) = 2
_
1
0
(1 t
2
)
z1
dt , B(z, z) =
_
1
0
(t t
2
)
z1
dt;
eettuare nellultimo integrale la sostituzione s = 1 2t.)
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. LA FUNZIONE BETA 9
Usando il legame tra e B, per z > 0 abbiamo
B(z, z) =
(z)
2
(2z)
, B(1/2, z) =
(1/2) (z)
(z + 1/2)
e quindi
(1/2) B(z, z) (2z) = B(1/2, z) (z) (z + 1/2) ,
il valore comune dei due membri essendo (1/2) (z)
2
. Unendo alla (2.5),
otteniamo
(2.6)

(2z) = 2
2z1
(z) (z + 1/2) .
La (2.6), ricavata per z > 0, si estende a C privato degli z tali che 2z sia intero
non-positivo; luguaglianza `e nota come formula di duplicazione di Legendre.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
CAPITOLO II
Problemi ai limiti
1. Introduzione
Consideriamo lequazione dierenziale ordinaria lineare del secondo ordine
(1.1) y

+a
1
(x) y

+a
2
(x) y = f(x) ,
dove i coecienti a
1
e a
2
e il termine noto f sono funzioni reali continue
nellintervallo [a, b].
`
E noto che tale equazione ammette innite soluzioni. In
particolare, linsieme delle soluzioni dellequazione omogenea associata
y

+a
1
(x) y

+a
2
(x) y = 0
`e un sottospazio vettoriale di dimensione 2 di C
2
[a, b]; se y
1
e y
2
sono integrali
indipendenti, lintegrale generale si scrive y = c
1
y
1
+c
2
y
2
, con c
1
e c
2
costanti
arbitrarie. Lintegrale generale dellequazione completa (1.1) si scrive
(1.2) y = c
1
y
1
+c
2
y
2
+z ,
essendo z una soluzione di (1.1).
Ricordiamo che il problema di Cauchy relativo allequazione (1.1) consiste
nellassegnare i valori di y e di y

in uno stesso punto dellintervallo [a, b].


Vale il seguente risultato di esistenza e unicit`a: per ogni x
0
[a, b] e per
ogni y
0
, y

0
R, esiste ununica y C
2
[a, b] che soddisfa (1.1) in tutti i punti
dellintervallo [a, b] e verica le condizioni iniziali y(x
0
) = y
0
, y

(x
0
) = y

0
.
In questo capitolo esamineremo un problema diverso relativo allequazio-
ne (1.1), consistente nel ricercare soluzioni dellequazione soddisfacenti una
condizione in a e una in b. Un problema di questo tipo, essendo le condizioni
aggiuntive assegnate negli estremi dellintervallo, si dice problema ai limiti.
Ad esempio, costituisce un problema ai limiti la ricerca di integrali y di (1.1)
con valori assegnati y(a) e y(b) negli estremi. Gli esempi seguenti mostrano
che per i problemi ai limiti la situazione `e notevolmente diversa rispetto al
problema di Cauchy.
ESEMPIO 1.1. Consideriamo il problema
(1.3)
_
y

+y = 0 in [0, ]
y(0) = , y() = ,
10
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
1. INTRODUZIONE 11
essendo e costanti assegnate. Lintegrale generale dellequazione `e
y = c
1
cos x +c
2
sinx,
con c
1
e c
2
costanti arbitrarie. Evidentemente, per ogni scelta delle costanti,
risulta y(0) = y(), quindi se il problema (1.3) ha soluzione, risulta necessa-
riamente = .
`
E chiaro inoltre che, se tale condizione `e soddisfatta, sono
soluzioni del problema tutte e sole le funzioni
y = cos x +c
2
sinx,
con c
2
costante arbitraria; in particolare, il problema ha innite soluzioni.
ESEMPIO 1.2.
`
E subito visto che il problema
(1.4)
_
y

+y = 0 in [0, /2]
y(0) = , y(/2) = ,
ammette, per ogni e costanti assegnate, lunica soluzione
y = cos x + sinx.
Pi` u in generale, invece di assegnare i valori y(a) e y(b) per un integrale
dellequazione (1.1), si assegnano i valori delle espressioni

1
y(a) +
1
y

(a) ,
2
y(b) +
2
y

(b) ,
essendo (
1
,
1
) ,= (0, 0) e (
2
,
2
) ,= (0, 0) coppie assegnate. Dati due numeri
reali
1
e
2
, consideriamo dunque il seguente problema
(1.5)
_
y

+a
1
(x) y

+a
2
(x) y = f(x) in [a, b]

1
y(a) +
1
y

(a) =
1
,
2
y(b) +
2
y

(b) =
2
.
La soluzione generale dellequazione si scrive come in (1.2); il problema si
traduce in questo modo nella questione puramente algebrica di ricercare le
costanti c
1
e c
2
in modo che siano soddisfatte le condizioni ai limiti, le quali
si riscrivono
(1.6)
_
c
1
[
1
y
1
(a) +
1
y

1
(a)] +c
2
[
1
y
2
(a) +
1
y

2
(a)] =
1

1
z(a)
1
z

(a)
c
1
[
2
y
1
(b) +
2
y

1
(b)] +c
2
[
2
y
2
(b) +
2
y

2
(b)] =
2

2
z(b)
2
z

(b)
e possono essere interpretate come un sistema lineare di due equazioni nelle
due incognite c
1
e c
2
. Per studiare questo sistema, consideriamo la matrice
dei coecienti
(1.7) A =
_

1
y
1
(a) +
1
y

1
(a)
1
y
2
(a) +
1
y

2
(a)

2
y
1
(b) +
2
y

1
(b)
2
y
2
(b) +
2
y

2
(b)
_
e la matrice dei coecienti e dei termini noti
(1.8)
B =
_

1
y
1
(a) +
1
y

1
(a)
1
y
2
(a) +
1
y

2
(a)
1

1
z(a)
1
z

(a)

2
y
1
(b) +
2
y

1
(b)
2
y
2
(b) +
2
y

2
(b)
2

2
z(b)
2
z

(b)
_
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
12 II. PROBLEMI AI LIMITI
`
E facile rendersi conto che si possono presentare le due seguenti eventualit`a
alternative.
1) Risulta det A ,= 0. In tal caso, per ogni
1
e
2
, il sistema (1.6) ammette
ununica soluzione e il problema ai limiti (1.5) ha pertanto ununica soluzione.
2) Risulta det A = 0. In tal caso, la matrice A ha rango 1 e il sistema
(1.6) ha soluzione se e solo se
1
e
2
sono tali che anche la matrice B abbia
rango 1; se questo accade, il sistema ha innite soluzioni. Dunque, per ogni
scelta dei valori
1
e
2
, o il problema (1.5) `e privo di soluzioni (se B ha rango
2), o ha innite soluzioni.
Osservazione 1.3. Quale tra le circostanze prospettate si verichi non
dipende da y
1
, y
2
, z. Precisamente, se (
1
,
2
) `e unaltra coppia di integrali
indipendenti dellequazione omogenea associata, indicata con

A la matrice
analoga alla A denita a partire da
1
e
2
, risulta
det A = 0 det

A = 0 ;
inoltre, nel caso det A = 0, il rango di B non cambia, se si sostituisce z con
unaltro integrale dellequazione completa.
Invero, si passa da (
1
,
2
) a (y
1
, y
2
) mediante una matrice D (costante) quadrata di
ordine 2 non singolare: (y
1
, y
2
) = (
1
,
2
) D. Inoltre osserviamo che la prima riga di A si
scrive
(a
1,1
, a
1,2
) = (
1
,
1
) W(a) ,
essendo
W(x) =

y
1
(x) y
2
(x)
y

1
(x) y

2
(x)

la matrice wronskiana di y
1
e y
2
, mentre la seconda riga di A si scrive
(a
2,1
, a
2,2
) = (
2
,
2
) W(b) .
Analogmente, posto
f
W(x) =

1
(x)
2
(x)

1
(x)

2
(x)

le righe di
e
A si scrivono
( a
1,1
, a
1,2
) = (
1
,
1
)
f
W(a) , ( a
2,1
, a
2,2
) = (
2
,
2
)
f
W(b) .
Daltra parte, per ogni t [a, b] risulta W(x) =
f
W(x) D e quindi A =
e
AD. Pertanto A `e
singolare se e solo se tale `e
e
A.
La matrice B si scrive
B =

a
1,1
a
1,2

1

1
z(a)
1
z

(a)
a
2,1
a
2,2

2

2
z(b)
2
z

(b)

Sia w unaltra soluzione dellequazione completa; dunque w = z + d


1
y
1
+ d
2
y
2
, per op-
portune costanti d
1
e d
2
. La matrice
e
B, analoga di B, ma costruita a partire da w,
`e
e
B =

a
1,1
a
1,2

1

1
z(a)
1
z

(a) d
1
a
1,1
d
2
a
1,2
a
2,1
a
2,2

2

2
z(b)
2
z

(b) d
1
a
2,1
d
2
a
2,2

quindi si ottiene da B aggiungendo alla terza colonna una combinazione lineare delle prime
due. Se det A = 0, le colonne di A, cio`e le prime due di B, sono linearmente dipendenti ed
`e chiaro che in tal caso B e
e
B hanno lo stesso rango.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
1. INTRODUZIONE 13
ESERCIZIO 1.4. Perche la matrice A non pu`o avere rango 0?
Osservazione 1.5.
`
E suciente considerare i problemi con valori asse-
gnati negli estremi nulli. Invero, se w C
2
[a, b] soddisfa le condizioni

1
w(a) +
1
w

(a) =
1
,
2
w(b) +
2
w

(b) =
2
,
e y
0
C
2
[a, b] risolve
_
y

0
+a
1
(x) y
0
+a
2
(x) y
0
= f(x) [w

+a
1
(x) w +a
2
(x) w]

1
y
0
(a) +
1
y

0
(a) = 0 ,
2
y
0
(b) +
2
y

0
(b) = 0 ,
la somma y = y
0
+w risolve il problema
_
y

+a
1
(x) y +a
2
(x) y = f(x)

1
y(a) +
1
y

(a) =
1
,
2
y(b) +
2
y

(b) =
2
,
ESERCIZIO 1.6. Mostrare che, comunque assegnati w(a), w

(a), w(b),
w

(b), `e possibile trovare w polinomio di grado non superiore a 3. (Sugge-


rimento: w(x) = w(a) + w

(a) (x a) + h(x a)
2
+ k (x a)
3
verica le
condizioni in a, per ogni h e k; mostrare che esistono h e k (univocamente
determinati) tali che w verichi anche le condizioni in b.)
Un risultato che useremo spesso `e il seguente.
LEMMA 1.7. Se y
1
e y
2
sono derivabili e vericano le condizioni
(1.9)
_

1
y
1
(a) +
1
y

1
(a) = 0

1
y
2
(a) +
1
y

2
(a) = 0
con (
1
,
1
) ,= (0, 0), il loro wronskiano si annulla in a:
W(a) =

y
1
(a) y
2
(a)
y

1
(a) y

2
(a)

= 0 .
Dim. Le (1.9) costituiscono un sistema lineare onogeneo, il cui determinante dei coecienti
`e il wronskiano di y
1
e y
2
, calcolato in a. Poiche il sistema ammette una soluzione (
1
,
1
) =
(0, 0), risulta W(a) = 0.
Osservazione 1.8. Consideriamo il problema
(1.10)
_
y

+a
1
(x) y

+a
2
(x) y = 0 in [a, b]

1
y(a) +
1
y

(a) = 0 ,
2
y(b) +
2
y

(b) = 0 ,
relativo allequazione omogenea, con valori assegnati negli estremi nulli. Lin-
sieme delle soluzioni di (1.10) `e uno spazio vettoriale; se non `e banale, ha
dimensione 1. Invero, siano y
1
e y
2
soluzioni del problema
(1.11)
_
y

+a
1
(x) y

+a
2
(x) y = 0 in [a, b]

1
y(a) +
1
y

(a) = 0 ,
ottenuto considerando solo la condizione in a. (Alle stesse conclusioni arrivia-
mo considerando solo la condizione in b.) Per il lemma 1.7, risulta W(a) = 0,
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
14 II. PROBLEMI AI LIMITI
quindi y
1
e y
2
, essendo integrali di una stessa equazione dierenziale, sono
linearmente dipendenti. La soluzione del problema di Cauchy
(1.12)
_
y

+a
1
(x) y

+a
2
(x) y = 0 in [a, b]
y(a) =
1
, y

(a) =
1
,
`e non banale e verica la condizione in a. Pertanto, linsieme delle soluzioni
di (1.11) `e uno spazio di dimensione 1. Il problema (1.10) ha solo la soluzione
nulla, se le soluzioni non banali di (1.11) non vericano la condizione in b,
altrimenti tutte le soluzioni di (1.11) risolvono (1.10).
Osservazione 1.9. Se y
1
e y
2
sono soluzioni di (1.5), la dierenza y
0
=
y
1
y
2
risolve (1.10). Viceversa, se y risolve (1.5) e y
0
risolve (1.10), la
funzione y = y
1
+ y
0
risolve (1.5). Pertanto, la soluzione generale di (1.5) si
scrive
y = y
1
+c y
0
,
dove y
1
risolve (1.5), y
0
risolve (1.10) e c `e una costante arbitraria.
2. Equazioni autoaggiunte
La funzione
p(x) = e
R
x
a
a1() d
appartiene a C
1
[a, b] ed `e positiva in ogni punto, quindi lequazione (1.1) `e
equivalente alla seguente
(2.1) p(x) y

p(x) a
1
(x) y

p(x) a
2
(x) y = p(x) f(x) ,
ottenuta moltiplicando ambo i membri per p(x). Osservando che p

= p a
1
e ponendo q = p a
2
, F = p f, la (2.1) si riscrive
(2.2) (p(x) y

+q(x) y = F(x) .
La (2.2) si chiama equazione in forma autoaggiunta. Nel seguito considerere-
mo sempre equazioni in forma autoaggiunta. Introdotto loperatore dieren-
ziale lineare (in forma autoaggiunta)
(2.3) L: y C
2
[a, b] (p(x) y

+q(x) y C[a, b] ,
lequazione si scrive semplicemente
Ly = F .
Loperatore L verica la seguente identit`a di Lagrange, per ogni y, z C
2
[a, b]:
(2.4) z Ly y Lz = (p (yz

z))

.
La (2.4) `e di facile verica diretta. Daltra parte, si riscrive
(2.5)

Ly Lz
y z

=
d
dx
_
p

y z
y

_
= (p W)

,
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. LA FUNZIONE DI GREEN. IL TEOREMA DELLALTERNATIVA 15
essendo W il wronskiano di y e z. Usando le propriet`a dei determinanti, la
verica `e molto semplice:

Ly Lz
y z

(py

+qy (pz

+qz
y z

(py

(pz

y z

y z
(py

(pz

y z
(py

(pz

py

pz

=
d
dx

y z
py

pz

Mettiamo in luce una propriet`a delloperatore L che giustica lappellativo


autoaggiunto. Consideriamo il sottospazio dello spazio reale L
2
(a, b)
(2.6) X = y C
2
[a, b] :
1
y(a) +
1
y

(a) =
2
y(b) +
2
y

(b) = 0 .
LEMMA 2.1. Per ogni y, z X, risulta
(2.7) (Ly, z) = (y, Lz) .
Dim. Per il lemma 1.7, il wronskiano di y e z si annulla in a e b, W(a) = W(b) = 0, quindi,
per lidentit`a di Lagrange (nella forma (2.5)),
(Ly, z) (y, Lz) =
Z
b
a
(zLy yLz) dt = [p W]
b
a
= 0 .
3. La funzione di Green. Il teorema dellalternativa
Osserviamo che lintroduzione dello spazio in (2.6) consente di scrivere
sinteticamente le condizioni ai limiti: y X.
Consideriamo il problema ai limiti
(3.1)
_
Ly = f in [a, b]
y X ,
e il corrispondente problema relativo allequazione omogenea associata
(3.2)
_
Ly = 0 in [a, b]
y X ,
dove p C
1
[a, b], p > 0, q, f C[a, b].
PROPOSIZIONE 3.1. Se il problema (3.2) ammette solo la soluzione
banale, il problema (3.1) ammette, per ogni f C[a, b], ununica soluzione.
Lunicit`a `e chiara. Per costruire una soluzione del problema (3.1), consi-
deriamo soluzioni non-nulle y
1
e y
2
dellequazione omogenea associata Ly = 0,
vericanti rispettivamente le condizioni
(3.3)
1
y
1
(a) +
1
y

1
(a) = 0 ,
2
y
2
(b) +
2
y

2
(b) = 0 .
Come detto nellosservazione 1.8, possiamo determinare y
1
risolvendo il pro-
blema di Cauchy
_
Ly = 0
y(a) =
1
, y

(a) =
1
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
16 II. PROBLEMI AI LIMITI
e similmente y
2
risolvendo il problema di Cauchy
_
Ly = 0
y(b) =
2
, y

(b) =
2
`
E chiaro che risulta
(3.4)
2
y
1
(b) +
2
y

1
(b) ,= 0 ,
1
y
2
(a) +
1
y

2
(a) ,= 0 .
Ad esempio, se fosse
2
y
1
(b) +
2
y

1
(b) = 0, la funzione y
1
sarebbe soluzione
di (3.2) e quindi, per lipotesi, sarebbe la soluzione banale, che `e falso. Analo-
gamente, si verica la seconda condizione di (3.4). Le (3.4) implicano che y
1
e
y
2
sono indipendenti: se fossero dipendenti, sarebbero proporzionali e quindi
le (3.4) sarebbero in contrasto con le (3.3).
Determiniamo la soluzione di (3.1) mediante il metodo di Lagrange della
variazione delle costanti, che consiste nel cercare y sotto la forma
(3.5) y(x) = c
1
(x) y
1
(x) +c
2
(x) y
2
(x) ,
con c
1
e c
2
funzioni da determinare. Lequazione Ly = f `e una condizione da
soddisfare, mentre abbiamo due funzioni da determinare: possiamo pensare
di imporre una condizione aggiuntiva su c
1
e c
2
. Essendo
Ly = L[c
1
y
1
+c
2
y
2
] =
_
p (c
1
y
1
+c
2
y
2
)

+q (c
1
y
1
+c
2
y
2
) ,
dobbiamo calcolare y

= (c
1
y
1
+c
2
y
2
)

; imponiamo la condizione
c

1
y
1
+c

2
y
2
= 0 ,
che garantisce che la derivata di y si calcoli come se c
1
e c
2
fossero costanti:
(3.6) (c
1
y
1
+c
2
y
2
)

= c
1
y

1
+c
2
y

2
.
A questo punto

_
p (c
1
y
1
+c
2
y
2
)

=
_
(p y

1
) c
1
_

_
(p y

2
) c
2
_

= (p y

1
)

c
1
p y

1
c

1
(p y

2
)

c
2
p y

2
c

2
e
L[c
1
y
1
+c
2
y
2
] = c
1
L[y
1
] +c
2
L[y
2
] p (y

1
c

1
+y

2
c

2
) = p (y

1
c

1
+y

2
c

2
) .
Pertanto la condizione Ly = f si scrive y

1
c

1
+ y

2
c

2
= f/p e giungiamo al
sistema
_
c

1
y
1
+c

2
y
2
= 0
c

1
y

1
+c

2
y

2
= f/p
nelle incognite c

1
e c

2
. Il determinante dei coecienti `e il wronskiano W che
risulta diverso da zero in ogni punto, essendo y
1
e y
2
indipendenti. Ricaviamo
pertanto
c

1
=
1
W

0 y
2
f/p y

=
fy
2
pW
, c

2
=
1
W

y
1
0
y

1
f/p

=
fy
1
pW
.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. LA FUNZIONE DI GREEN. IL TEOREMA DELLALTERNATIVA 17
Osserviamo che la funzione p W `e costante in [a, b], poiche per lidentit`a
di Lagrange
(p W)

= y
2
Ly
1
y
1
Ly
2
= 0 ,
essendo Ly
1
= Ly
2
= 0.
Ricordando che y

si calcola come se c
1
e c
2
fossero costanti, la condizione

1
y(a) +
1
y

(a) = 0 diviene
0 = c
1
(a) (
1
y
1
(a) +
1
y

1
(a)) +c
2
(a) (
1
y
2
(a) +
1
y

2
(a)) ,
e quindi, per (3.3) e (3.4) equivale a c
2
(a) = 0. Analogamente, la condizione
y(b) = 0 signica c
1
(b) = 0. Pertanto
c
2
(x) =
1
pW
_
x
a
f() y
1
() d , c
1
(x) =
1
pW
_
b
x
f() y
2
() d
ed in denitiva
(3.7) y(x) =
1
pW
_
y
2
(x)
_
x
a
f() y
1
() d +y
1
(x)
_
b
x
f() y
2
() d
_
.
Se poniamo
(3.8) G(x, )
def
=
_

y
1
(x) y
2
()
pW
, a x b

y
1
() y
2
(x)
pW
, a x b
possiamo riscrivere (3.7) come segue
(3.9) y(x) =
_
b
a
G(x, ) f() d .
La funzione G = G(x, ) si dice funzione di Green relativa al problema (3.1).
Essa `e reale, continua in [a, b]
2
e simmetrica, cio`e verica G(x, ) = G(, x).
x
a
b

a
b
G(x, ) =
y
1
() y
2
(x)
pW
G(x, ) =
y
1
(x) y
2
()
pW
x
=

ESEMPIO 3.2. Troviamo la funzione di Green relativa al problema


_
y

= f in [0, 1]
y(0) = y(1) = 0
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
18 II. PROBLEMI AI LIMITI
Lequazione omogenea associata `e y

= 0, il cui integrale generale `e y =


c
0
+c
1
x, con c
0
e c
1
costanti arbitrarie; possiamo scegliere y
1
(x) = x e y
2
(x) =
1 x. Il wronsikiano `e
W =

x 1 x
1 1

= x 1 +x = 1
e poiche p 1, risulta pW = 1. Pertanto
G(x, ) =
_

_
x(1 ) , 0 x 1
(1 x) , 0 x 1
ESEMPIO 3.3. Troviamo la funzione di Green relativa al problema
_
y

y = f in [0, /2]
y(0) = y(/2) = 0
Lequazione omogenea associata `e y

+y = 0 e possiamo scegliere y
1
(x) = sinx
e y
2
(x) = cos x. Il wronsikiano `e
W =

sinx cos x
cos x sinx

= 1
e risulta pW = 1. Pertanto
G(x, ) =
_

_
sinxcos , 0 t

2
sin cos x, 0 t

2
Elenchiamo ulteriori propriet`a della funzione di Green. Per ogni ]a, b[
ssato, risulta:
G(, ) C[a, b] C
2
([a, b] ), con discontinuit`a di I specie per
le derivate G
x
(, ) e G
xx
(, );
risulta LG(, ) = 0 in [a, b] e valgono le condizioni ai limiti

1
G(a, ) +
1
G
x
(a, ) = 0 ,
2
G(b, ) +
2
G
x
(b, ) = 0 ;
p() G
x
(, ) ha in x = il salto di discontinuit`a pari a 1.
Le prime due si vericano immediatamente, osservando che su [a, [ la funzione
G(, ) `e proporzionale a y
1
, mentre su ], b] `e proporzionale a y
2
. Calcoliamo
il salto di discontinuit`a. La derivata `e
(3.10) G
x
(x, ) =
_

1
(x) y
2
()
pW
, a x < b

y
1
() y

2
(x)
pW
, a < x b
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. LA FUNZIONE DI GREEN. IL TEOREMA DELLALTERNATIVA 19
e quindi
p()[G
x
(+, ) G
x
(, )] =
1
W()
[y
1
() y

2
() y

1
() y
2
()] = 1 .
Usando le propriet`a di G, `e possibile anche vericare a posteriori che, per
ogni f C[a, b], la funzione y data dalla (3.9) `e di classe C
2
[a, b] e risolve il
problema (3.1). Infatti, scrivendo
y(x) =
_
x
a
G(x, ) f() d +
_
b
x
G(x, ) f() d ,
le derivate si calcolano facilmente:
y

(x) = G(x, x) f(x) +


_
x
a
G
x
(x, ) f() d
G(x, x) f(x) +
_
b
x
G
x
(x, ) f() d
=
_
x
a
G
x
(x, ) f() d +
_
b
x
G
x
(x, ) f() d .
Analogamente
y

(x) = G
x
(x, x) f(x) +
_
x
a
G
xx
(x, ) f() d
G
x
(x, x+) f(x) +
_
b
x
G
xx
(x, ) f() d .
Per la simmetria G
x
(x, x) = G
x
(x+, x) e G
x
(x, x+) = G
x
(x, x). Dunque
y

(x) =
_
b
a
G
x
(x, ) f() d , y

(x) =
_
b
a
G
xx
(x, ) f() d
f(x)
p(x)
.
Pertanto
(3.11) Ly(x) =
_
b
a
LG(x, ) f() d +f(x) = f(x) .
Le propriet`a evidenziate caratterizzano la funzione di Green. Infatti, se G
0
ha le stesse priopriet`a, per ogni f C[a, b] la funzione
y
0
(x) =
_
b
a
G
0
(x, ) f() d ,
risolve il problema (3.1), quindi coincide con y. In denitiva, risulta
_
b
a
[G(x, ) G
0
(x, )] f() d = 0 , t [a, b] ,
per ogni f; pertanto G
0
= G.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
20 II. PROBLEMI AI LIMITI
Osservazione 3.4. Nelluguaglianza (3.11) lespressione LG(x, ) `e intesa
in senso puntuale, per x ,= . In eetti, per ogni ]a, b[ ssato, la funzione
G(, ) soddisfa lequazione
(3.12) LG(, ) = ( )
nel senso delle distribuzioni. Per questo motivo, G(, ) si dice soluzione
fondamentale delloperatore problema (3.1).
Per la verica, osserviamo che la derivata distribuzionale di G(, ) coin-
cide con quella ordinaria, che `e data dalla (3.10). La derivata distribuzionale
di p G
x
(, ) risulta somma della derivata ordinaria (che esiste in [a, b] )
ed un impulso concentrato in , di area pari al salto di discontinuit`a in tale
punto, che come osservato vale 1.
Vediamo ora un complemento alla proposizione 3.1.
TEOREMA 3.5. Si verica una delle due eventualit`a:
(1) il problema (3.2) ha solo la soluzione banale e, per ogni f C[a, b],
il problema (3.1) ha ununica soluzione;
(2) il problema (3.2) ammette soluzioni non banali e il problema (3.1)
ha soluzione se e solo se f `e ortogonale a tutte le soluzioni di (3.2).
In altri termini, unicit`a e risolubilit`a per ogni f o valgono entrambe o
falliscono entrambe.
Dim. Se (3.2) ha solo la soluzione banale, esistenza e unicit` a di soluzione per (3.1) sono
provate nella proposizione 3.1, quindi vale leventualit`a (1) del teorema.
Supponiamo ora che (3.2) ammetta soluzioni non banali. Mostriamo innanzitutto che,
se (3.1) ha soluzione, f `e ortogonale ad ogni soluzione di (3.2). Se y
0
`e soluzione di (3.2)
e y di (3.1), essendo entrambe elementi dello spazio X denito in (2.6), per il lemma 2.1
abbiamo
(y
0
, f) = (y
0
, Ly) = (Ly
0
, y) = 0 .
Supponiamo adesso che f sia ortogonale ad ogni soluzione di (3.2) e verichiamo che
(3.1) ammette soluzione. Scegliamo y
1
soluzione di (3.2) e y
2
integrale dellequazione omo-
genea associata Ly = 0, che siano linearmente indipendenti. (
`
E chiaro che la scelta `e
possibile, poiche (3.2) ha per ipotesi soluzioni non banali e linsieme delle soluzioni dello-
mogenea associata `e uno spazio di dimensione 2.) Una soluzione dellequazione completa
Ly = f si pu`o allora costruire mediante il metodo di Lagrange, come nel paragrafo 3: y
si trova espressa dalla (3.7). Si vericano anche facilmente le condizioni ai limiti. Infatti,
risulta
(3.13) y

(x) =
1
pW

2
(x)
Z
x
a
f() y
1
() d + y

1
(x)
Z
b
x
f() y
2
() d

e quindi

1
y(a) +
1
y

(a) =

1
y
1
(a) +
1
y

1
(a)
p W
Z
b
a
f() y
2
() d = 0 ,
essendo
1
y
1
(a) +
1
y

1
(a) = 0. Inoltre

2
y(b) +
2
y

(b) =

2
y
2
(b) +
2
y

2
(b)
p W
Z
b
a
f() y
1
() d = 0 ,
per lipotesi di ortogonalit` a. Questo conclude la verica delleventualit`a (2).
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
4. IL PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE 21
Osservazione 3.6. Non `e stata usata esplicitamente la condizione nel-
lestremo b per y
1
, vale a dire
2
y
1
(b) +
2
y

1
(b) = 0. Daltra parte, come
notato nellosservazione 1.8, la condizione in b segue da quella in a (e vice-
versa) per ogni integrale dellequazione omogenea, nellipotesi che il problema
(3.2) ammetta soluzioni non banali.
4. Il problema di Sturm-Liouville
Assegnate le funzioni continue p, q, r sullintervallo [a, b], con p derivabile
e p

continua, consideriamo lequazione omogenea


(4.1)
_
p(x) y

+q(x) y = r(x) y ,
dove `e un parametro numerico. Dati (
1
,
1
) ,= (0, 0) e (
2
,
2
) ,= (0, 0),
consideriamo il problema di SturmLiouville
(4.2)
_

_
p(x) y

+q(x) y = r(x) y

1
y(a) +
1
y

(a) = 0 ,
2
y(b) +
2
y

(b) = 0
consistente nella ricerca di integrali dellequazione vericanti le condizioni
negli estremi. Occasionalmente considereremo altre condizioni ai limiti. La
funzione identicamente nulla banalmente risolve (4.2), per ogni valore del
parametro . Un valore di per cui esistono soluzioni non banali si dice
autovalore del problema; ogni soluzione non banale corrispondente si dice
autofunzione, o autosoluzione, associata allautovalore . Per lomogeneit`a
del problema, le autofunzioni relative ad un ssato autovalore, (aggiungendo
la soluzione banale) formano uno spazio vettoriale, che si dice autospazio. Un
autovalore si dice semplice se il relativo autospazio ha dimensione 1.
Come osservato, le condizioni ai limiti si esprimono mediante la relazione
y X, essendo X denito in (2.6), e il problema (4.2) si riscrive
(4.3)
_
Ly = r(x) y
y X
ESEMPIO 4.1. Consideriamo il problema di SturmLiouville
(4.4)
_
y

+y = 0 in [0, ]
y(0) = y() = 0
Per = 0 il problema ha solo la soluzione banale. Infatti, lequazione diviene
y

= 0, il cui integrale generale `e y(x) = c


0
+ c
1
x, con c
0
e c
1
costanti
arbitrarie. Imponendo le condizioni ai limiti, troviamo y 0.
Anche per < 0 c`e solo la soluzione banale. In eetti, lintegrale gene-
rale dellequazione dierenziale `e y(x) = c
1
e

x
+ c
2
e

x
, con c
1
e c
2
arbitrarie. Imponendo le condizioni ai limiti, perveniamo al sistema
_
y(0) = c
1
+c
2
= 0
y() = c
1
e

+c
2
e

= 0
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
22 II. PROBLEMI AI LIMITI
nelle incognite c
1
e c
2
. Essendo il determinante dei coecienti

1 1
e

= e

,= 0 ,
deve essere c
1
= c
2
= 0, cio`e come detto y 0.
Consideriamo il caso > 0. Lintegrale generale dellequazione si scrive
y(x) = c
1
cos

x + c
2
sin

x, con c
1
e c
2
arbitrarie. Esaminiamo le condi-
zioni ai limiti. Chiaramente y(0) = c
1
= 0. Inoltre y() = c
2
sin

= 0
e poiche stiamo cercando di soddisfare tale condizione con c
2
,= 0, dobbiamo
avere sin

= 0, vale a dire

= k , k N.
Pertanto il problema ammette soluzioni non banali in corrispondenza dei valori

k
= k
2
, k N.
Questi sono dunque gli autovalori del problema e, per ogni k N ssato, le
autofunzioni associate a
k
sono y(x) = c sinkx, al variare di c ,= 0.
Facciamo qualche altra osservazione relativa al caso < 0. Nella teoria
delle equazioni dierenziali `e una situazione particolare quella in cui lequa-
zione considerata sia integrabile esplicitamente, come accade per quella del
problema (4.4); molto pi` u spesso, ci si limita a ricavare dallequazione (e dalle
altre condizioni del problema) informazioni sulle soluzioni. Vogliamo discutere
ora un approccio in questo ordine di idee, per mostrare limplicazione
_
y

+y = 0 in [0, ] , con < 0


y(0) = y() = 0
y 0 .
Ogni soluzione y `e continua sullintervallo compatto [0, ], quindi dotata di
minimo e massimo. Mostriamo che risulta miny = max y = 0.
`
E chiaro che
max y = 0, se `e assunto in 0 e in . Supponiamo allora max y assunto in un
punto interno x
0
]0, [. Dunque, come `e noto, y

(x
0
) = 0 e y

(x
0
) 0 (il
diagramma volge in P = (x
0
, y(x
0
)) la concavit`a verso il basso). Pertanto
0 y

(x
0
) = y(x
0
) ed essendo < 0 risulta y(x
0
) = max y 0. (Daltra
parte `e max y y(0) = 0.) Analogamente si mostra miny 0 e quindi
lasserto.
Il ragionamento esposto si generalizza al caso di unequazione
y

+ (x) y = 0 ,
con < 0 funzione. Inoltre permette di trattare disequazioni dierenziali y

+ y 0 o
y

+ y 0, separando il caso del massimo da quello del minimo. Ad esempio,

+ y 0 in [0, ] , con < 0


y(0) = y() = 0
max y = 0 .
Nellesempio discusso il problema ammette una successione di autovalori:
questo, come vedremo, accade in generale. Unaltra propriet`a che si riscontra
nellesempio e che vale in generale `e lortogonalit`a di autosoluzioni corrispon-
denti ad autovalori distinti. In eetti, troviamo le autosoluzioni sinkx, che
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
4. IL PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE 23
sono a due a due ortogonali: se k ,= h, risulta
_

0
sinkxsinhxdx =
1
2
_

sinkxsinhxdx = 0 .
Precisamente, vale il seguente risultato
PROPOSIZIONE 4.2. Supponiamo p, p

, q, r funzioni reali continue


in [a, b]. Se y
m
e y
n
sono autofunzioni del problema (4.2) associate agli
autovalori
m
e
n
distinti, esse sono ortogonali rispetto al peso r, cio`e risulta
(4.5)
_
b
a
y
m
(x) y
n
(x) r(x) dx = 0 .
Dim. La propriet` a di ortogonalit`a segue subito dal fatto che L `e autoaggiunto. Invero,
risultando ym, yn X, abbiamo
m (r ym, yn) = (Lym, yn) = (ym, Lyn) = n (ym, r yn)
e quindi la tesi, essendo m = n.
Osservazione 4.3. In casi particolari, possiamo concludere con lortogo-
nalit`a anche indebolendo o modicando le condizioni ai limiti. Ripercorrendo
la dimostrazione del lemma 2.1, vediamo quanto segue:
se p(a) = 0, possiamo rinunciare alla condizione nellestremo a;
se p(b) = 0, possiamo rinunciare alla condizione in b;
se p(a) = p(b), lortogonalit`a vale se W(a) = W(b), che certamente
`e soddisfatta nel caso delle condizioni y(a) = y(b) e y

(a) = y

(b).
ESEMPIO 4.4. Ricordiamo che, a meno di una costante moltiplicativa,
i polinomi di Legendre sono
p
n
(x) =
d
n
dx
n
(x
2
1)
n
.
Per ogni n N, inoltre, p
n
`e un polinomio di grado n ortogonale in L
2
(1, 1)
ai polinomi di grado minore di n. Esso verica lequazione di Legendre
(4.6)
_
(1 x
2
) y

+y = 0 in [1, 1]
con =
n
= n(n +1). Notiamo che, per n e m in N
0
, risulta
n
=
m

n = m.
Con le notazioni usate, abbiamo p(x) = 1x
2
, q 0 e r(x) = 1. Essendo
inoltre p(1) = p(1) = 0, non abbiamo bisogno delle condizioni ai limiti e
ritroviamo che i p
n
sono a due a due ortogonali:
_
1
1
p
m
(x) p
n
(x) dx = 0 , se m ,= n.
(Questo `e chiaro in base a quanto ricordato, poiche, se ad esempio m < n, il
polinomio p
m
ha grado minore di n.)
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
24 II. PROBLEMI AI LIMITI
ESEMPIO 4.5. Consideriamo il problema
(4.7)
_
y

+y = 0 in [, ]
y() = y() , y

() = y

()
Le condizioni ai limiti non sono del tipo del problema (4.2), ma, poiche con le
notazioni solite risulta p() = p(), possiamo concludere che autofunzioni
relative ad autovalori distinti sono ortogonali.
ESERCIZIO 4.6. Vericare che gli autovalori del problema (4.7) sono i
quadrati degli interi non negativi e sono autofunzioni gli elementi del sistema
trigonometrico.
Consideriamo adesso lesistenza di autovalori. Consideriamo il particolare
problema di SturmLiouville
(4.8)
_
(p y

+q y = r y
y(a) = y(b) = 0
che si chiama problema di Picard.
TEOREMA 4.7. Se p > 0, r > 0 e q 0, il problema (4.8) ammette una
successione di autovalori, che sono positivi e semplici; possono essere ordinati
in una successione crescente
0 <
1
<
2
< <
n
<
e risulta lim
n

n
= +. Le relative autofunzioni y
n
, n N, formano un
sistema ortonormale completo. Inoltre, per ogni n > 1, la autofunzione y
n
ha
esattamente n 1 zeri in ]a, b[.
Dim. Ci limitiamo a vericare alcune delle aermazioni contenute nellenunciato.
Gli autovalori sono positivi. Se `e un autovalore e y una autofunzione associata, mol-
tiplicando scalarmente ambo i membri dellequazione per y, troviamo (Ly, y) = (r y, y).
Inoltre
(Ly, y) =
Z
b
a
[(py

+ qy]y dx = [py

y]
b
a
+
Z
b
a
[p(y

)
2
+ qy
2
] dx
=
Z
b
a
[p(y

)
2
+ qy
2
] dx > 0
e
(r y, y) =
Z
b
a
r|y|
2
dx > 0 ,
dunque > 0.
Gli autovalori sono semplici. Siano y
1
e y
2
autovettori relativi ad uno stesso auto-
valore ; dunque essi sono soluzioni di una medesima equazione omogenea. Il wronskiano
W(x) =

y
1
(x) y
2
(x)
y

1
(x) y

2
(x)

si annulla in a e in b, quindi, come `e noto, `e identicamente nullo sullintervallo, W 0, e i


due integrali sono linearmente dipendenti.
Il teorema 4.7 si applica al problema (4.4). Risulta
n
= n, n N, e
y
n
(x) = sinnx; in particolare, `e facile vericare che y
n
ha n 1 zeri in ]0, [.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
5. FORMULAZIONE MEDIANTE EQUAZIONE INTEGRALE 25
Osservazione 4.8. La tesi del teorema 4.7 non vale per il problema (4.7),
in quanto (cfr. esercizio 4.6) esso ammette lautovalore = 0 e gli autovalori
positivi sono doppi (cio`e gli autospazi hanno dimensione 2).
ESEMPIO 4.9. Il problema di Sturm-Liouville
_
y

+y = 0 in [0, T]
y(0) +y

(0) = 0 , y(T) = 0
ha per T > 1 un autovalore negativo. (Non `e un problema di Picard.) Invero,
se < 0, lintegrale generale dellequazione `e
y = a e

x
+b e

x
,
con a e b costanti arbitrarie. Le condizioni ai limiti divengono
(4.9)
_
y(0) +y

(0) = a(1 +

) +b(1

) = 0
y(T) = a e

T
+b e

T
= 0 .
Se verica
(4.10)

1 +

T
e

= 0
il sistema (4.9) ha una soluzione (a, b) non banale. Posto =

, la (4.10)
diviene
(4.11)
1 +
1
= e
2 T
.
Per T > 1, tale equazione ha una soluzione in ]0, 1[. Infatti, la funzione
f() =
1 +
1
e
2 T
verica
f(0) = 0 , f

(0) = 2 2T < 0 , lim


1
f() = +.
Da (4.11) si ricava facilmente T > 1 in funzione dellautovalore ] 1, 0[:
T =
1
2

log
1 +

.
5. Formulazione mediante equazione integrale
Come visto nella dimostrazione del teorema 4.7, se p > 0, q 0 e y , 0,
risulta (Ly, y) > 0. Pertanto, il problema
(5.1)
_
(p y

+q y = 0
y(a) = y(b) = 0
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
26 II. PROBLEMI AI LIMITI
ha solo la soluzione banale e siamo nelle ipotesi della proposizione 3.1 (relati-
vamente al problema di Picard). Introducendo la funzione di Green come nel
paragrafo 3, riformuliamo il problema (4.8) mediante una equazione integrale
(5.2) y(x) =
_
b
a
G(x, ) r() y() d .
Una soluzione di tale equazione `e una funzione y continua in [a, b] che soddisfa
lequazione in ogni punto. Se y risolve il problema (4.8), essa `e ovviamente
una soluzione dellequazione integrale. Dalla verica a posteriori svolta nel
paragrafo 3, segue chiaramente il viceversa: se y `e soluzione di (5.2), essa in
realt`a `e una funzione di classe C
2
[a, b] e risolve (4.8).
Essendo r > 0, posto
v(x) =
_
r(x) y(x) , K(x, ) =
_
r(x) G(x, )
_
r() ,
possiamo riscrivere la (5.2) come segue
(5.3) v(x) =
_
b
a
K(x, ) v() d .
Notiamo che il nucleo K = K(x, ) `e reale, continuo, simmetrico su [a, b]
2
.
`
E facile vericare che, se v L
2
(a, b) soddisfa (5.3) per q.o. x (a, b), essa
coincide q.o. con una funzione continua (il secondo membro di (5.3) dipende
con continuit`a da x) in [a, b], quindi y = v/

r `e soluzione di (5.2), ovvero di


(4.8). Lavorare in L
2
(a, b) permette di usare la teoria degli spazi di Hilbert.
Tutti i risultati esposti per i problemi ai limiti possono essere ottenuti e
notevolmente generalizzati applicando la teoria delle equazioni integrali alla
(5.2).
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
CAPITOLO III
Le funzioni di Bessel
1. Cenni sulle equazioni dierenziali in campo complesso
Consideriamo il problema di Cauchy
(1.1)
_
y

= f(x, y)
y(x
0
) = y
0
dove f = f(x, y) `e una funzione complessa di due variabili complesse, olomorfa
in ciascuna delle variabili in un intorno I
x0
J
y0
di (x
0
, y
0
). Si prova che esiste
un unico integrale dellequazione, olomorfo in un intorno di x
0
, che verica la
condizione iniziale, cio`e vale un risultato di esistenza e unicit`a locale.
Osservazione 1.1. In generale, non vale un risultato globale, come mo-
stra lesempio
_
y

= y
2
y(1) = 1
Rinunciando a dimostrare il risultato precedente, ci limitiamo ad illustrare
brevemente come si determina la soluzione del problema, costruendone lo
sviluppo di Taylor intorno a x
0
:
(1.2) y(x) =
+

k=0
y
(k)
(x
0
)
k!
(x x
0
)
k
.
La condizione iniziale chiaramente fornisce il termine costante y(x
0
) = y
0
.
Usando lequazione, si trovano ricorsivamente gli altri coecienti dello svilup-
po. Infatti y

(x
0
) = f(x
0
, y
0
). Inoltre, derivando lidentit`a y

(x) = f(x, y(x))


abbiamo
y

= f
x
(x, y(x)) +f
y
(x, y(x)) y

(x)
da cui ricaviamo y

(x
0
) in funzione dei coecienti gi`a trovati
y

(x
0
) = f
x
(x
0
, y
0
) +f
y
(x
0
, y
0
) y

(x
0
) .
A questo punto, `e facile convincersi che si possono determinare tutti i coe-
cienti. Rimane poi il problema di vericare che la serie ottenuta ha raggio di
convergenza positivo e che la somma risolve il problema (1.1).
27
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
28 III. LE FUNZIONI DI BESSEL
Il procedimento risolutivo indicato si chiama di integrazione per serie e si
estende alle equazioni di ordine superiore, ad esempio lineari
y

+a
1
(x) y

+a
2
(x) y = f(x) ,
con a
1
, a
2
, f olomorfe in un cerchio del piano complesso; ogni integrale `e
olomorfo in tale cerchio. In alcuni casi, si pu`o usare il metodo di integrazione
per serie anche intorno ad una singolarit`a isolata dei coecienti, come ad
esempio per lequazione di Eulero
y
(n)
+
a
1
x
y
(n1)
+
a
2
x
2
y
(n2)
+ +
a
n1
x
n1
y

+
a
n
x
n
y = 0 ,
con a
1
, . . . , a
n
costanti.
2. Lequazione di Bessel
Un altro esempio fondamentale di equazione, con coecienti che presen-
tano singolarit`a isolate, che si integra per serie `e lequazione di Bessel
(2.1) y

+
1
x
y

+
_
1

2
x
2
_
y = 0 ,
dove `e un parametro, in generale complesso. I coecienti sono singolari in
0; a
1
(x) = 1/x ha un polo semplice, a
2
(x) = 1
2
/x
2
ha un polo doppio
(se ,= 0). Gli integrali di (2.1) si dicono funzioni di Bessel di parametro (o
ordine) .
`
E possibile trovare un integrale del tipo
(2.2) y(x) = x

k=0
a
k
x
2k
=
+

k=0
a
k
x
2k+
.
Non ci soermiamo sulla eettiva esistenza di una soluzione di questo ti-
po; piuttosto, calcoliamo i coecienti. Derivando termine a termine la serie,
troviamo
y

=
+

k=0
(2k +) a
k
x
2k+1
y

=
+

k=0
(2k +) (2k + 1) a
k
x
2k+2
e quindi, sostituendo nel primo membro dellequazione (2.1)
+

k=0
a
k
_
(2k +) (2k + 1) + (2k +)
2

x
2k+2
+
+

k=0
a
k
x
2k+
=
+

k=0
a
k
_
(2k +)
2

x
2k+2
+
+

k=0
a
k
x
2k+
= 4
+

k=1
a
k
k (k +) x
2k+2
+
+

k=1
a
k1
x
2k+2
.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. LEQUAZIONE DI BESSEL 29
Riscriviamo dunque lequazione (2.1)
(2.3)
+

k=1
_
4 a
k
k (k +) +a
k1

x
2k+2
= 0 .
Uguagliando a zero i coecienti della serie a primo membro, otteniamo le
equazioni 4 a
k
k (k +) +a
k1
= 0, vale a dire (se k + ,= 0)
(2.4) a
k
=
1
4 k (k +)
a
k1
, k N,
e quindi, ragionando per ricorrenza,
(2.5)
a
k
=
1
4 k (k +)
1
4 (k 1) (k 1 +)
a
k2
=
=
(1)
k
a
0
4
k
k(k 1) 1 (k +)(k 1 +) (1 +)
=
(1)
k
a
0
2
2k
k! (k +)(k 1 +) (1 +)
.
Ricordando le propriet`a della funzione di Eulero, cfr. (I.1.8), possiamo
scrivere
(k + 1 +) = (k +) (k 1 +) (1 +) (1 +) ,
dunque
(k +)(k 1 +) (1 +) =
(k + 1 +)
(1 +)
.
Usando questa uguaglianza in (2.5), abbiamo
(2.6) a
k
=
(1)
k
(1 +)
2
2k
k! (k + 1 +)
a
0
.
Il coeciente a
0
`e arbitrario; scegliendo
a
0
=
1
2

(1 +)
,
abbiamo inne
(2.7) a
k
=
(1)
k
k! (k + 1 +)
1
2
2k+
.
Da (2.2) troviamo allora lintegrale
(2.8) J

(x) =
+

k=0
(1)
k
k! (k + 1 +)
_
x
2
_
2k+
,
che si chiama funzione di Bessel di prima specie. La serie converge per ogni
x e denisce J

(x) come prodotto di x

per una funzione trascendente intera.


Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
30 III. LE FUNZIONI DI BESSEL
Abbiamo ricavato (2.4) supponendo k + = 0; daltra parte, le (2.7) hanno signicato
senza alcuna restrizione, essendo 1/ funzione intera, e rendono nulli tutti i coecienti
della serie a primo membro della (2.3). Pertanto J `e denita dalla (2.8), , e risolve
lequazione.
Per scrivere lintegrale generale, abbiamo bisogno di due integrali linear-
mente indipendenti. Osserviamo che lequazione (2.1) non cambia mutando
in e quindi sar`a integrale anche J

:
(2.9) J

(x) =
+

k=0
(1)
k
k! (k + 1 )
_
x
2
_
2k
.
Come detto `e in generale complesso; noi ci limiteremo a reale, 0. Se
non `e intero, J

e J

sono linearmente indipendenti; ad esempio (per > 0),


risulta
lim
x0
J

(x) = 0 , lim
x0
[J

(x)[ = +.
ESEMPIO 2.1. In base alla denizione
J
0
(x) =
+

k=0
(1)
k
(k!)
2
_
x
2
_
2k
= 1
x
2
4
+
x
4
64

x
6
2304
+
J
1
(x) =
+

k=0
(1)
k
k! (k + 1)!
_
x
2
_
2k+1
=
x
2
_
1
x
2
8
+
x
4
192

x
6
9216
+
_
.
Calcoliamo J1
2
e J

1
2
. Immediatamente dalla denizione abbiamo
J1
2
(x) =
_
x
2
_

1
2
+

k=0
(1)
k
2
2k+1
k! (k + 1 + 1/2)
x
2k+1
.
Pertanto, ricordando (I.1.10),
J1
2
(x) =
_
2
x
1

k=0
(1)
k
(2k + 1)!
x
2k+1
=
_
2
x
sinx.
Analogamente
J

1
2
(x) =
_
2
x
+

k=0
(1)
k
2
2k
k! (k + 1/2)
x
2k
=
_
2
x
+

k=0
(1)
k
(2k)!
x
2k
=
_
2
x
cos x.
ESERCIZIO 2.2. Sia =
1
2
. Vericare che eettuando il cambiamento
di funzione incognita
y =
u

x
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. PROPRIET
`
A DELLE FUNZIONI DI BESSEL 31
nella (2.1), si trova per u lequazione
u

+u = 0 .
Quindi lintegrale generale della (2.1) si scrive
y = c
1
cos x

x
+c
2
sinx

x
,
in accordo con quanto visto nellesempio 2.1.
Nel caso che sia intero, i due integrali deniti da (2.8) e (2.9) risultano
linearmente dipendenti. Sia = n N
0
; essendo (k + 1 + n) = (k + n)!, la
(2.8) diviene
(2.10) J
n
(x) =
+

k=0
(1)
k
k! (k +n)!
_
x
2
_
2k+n
.
Nella (2.9) che denisce J
n
, troviamo
1
(k + 1 n)
= 0
per k + 1 n 0, cio`e per k n 1, quindi
(2.11) J
n
(x) =
+

k=n
(1)
k
k! (k n)!
_
x
2
_
2kn
.
Ponendo h = k n nella sommatoria, la (2.11) si riscrive
(2.12) J
n
(x) =
+

h=0
(1)
h+n
(h +n)! h!
_
x
2
_
2h+n
= (1)
n
J
n
(x) .
3. Propriet`a delle funzioni di Bessel
Mettiamo in luce ulteriori propriet`a delle funzioni di Bessel.
Derivando termine a termine in (2.8), otteniamo
(3.1)
xJ

(x) =
+

k=0
(1)
k
(2k +)
k! (k + 1 +)
_
x
2
_
2k+
= J

(x) +x
+

k=1
(1)
k
(k 1)! (k + 1 +)
_
x
2
_
2k+1
.
Col cambiamento di indice h = k 1, lultimo termine nella (3.1) si riscrive
x
+

h=0
(1)
h+1
h!
_
h + 1 + ( + 1)
_
_
x
2
_
2h++1
= xJ
+1
(x) .
In denitiva, abbiamo
(3.2) xJ

(x) = J

(x) xJ
+1
(x) .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
32 III. LE FUNZIONI DI BESSEL
Similmente troviamo
(3.3)
xJ

(x) =
+

k=0
(1)
k
[2(k +) ]
k! (k + 1 +)
_
x
2
_
2k+
= J

(x) +x
+

k=0
(1)
k
(k +)
k! (k + 1 +)
_
x
2
_
2k+1
.
Essendo (k + 1 +) = (k +) (k +), lultimo termine nella (3.3) diviene
x
+

k=0
(1)
k
k! (k +)
_
x
2
_
2k+1
= xJ
1
(x)
e giungiamo alluguaglianza
(3.4) xJ

(x) = J

(x) +xJ
1
(x) .
Le (3.2) e (3.4) si chiamano relazioni di ricorrenza.
ESERCIZIO 3.1. Mostrare che le relazioni di ricorrenza si possono ri-
scrivere come segue:
(x

(x))

= x

J
+1
(x) , (x

(x))

= x

J
1
(x) .
Sottraendo membro a membro (3.2) da (3.4), troviamo
(3.5) xJ
1
(x) +xJ
+1
(x) = 2 J

(x) .
3.1. Funzione generatrice delle funzioni di Bessel. Facciamo qual-
che premessa relativa alle serie bilatere di potenze.
Se
(3.6)
+

k=
a
k
z
k
,
+

k=
b
k
z
k
,
convergono in una stessa corona circolare di centro 0, dette f(z) e g(z) le
rispettive somme, per il prodotto f(z) g(z) vale lo sviluppo (di Laurent)
(3.7) f(z) g(z) =
+

k=
c
k
z
k
,
dove k Z
(3.8) c
k
=
+

n=
a
n
b
kn
.
Questo risultato pu`o essere enunciato con varie terminologie. La serie a secondo mem-
bro di (3.7), nella quale i coecienti sono dati dalle (3.8), si dice prodotto secondo Cauchy
delle due serie (3.6).
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. PROPRIET
`
A DELLE FUNZIONI DI BESSEL 33
Nella teoria della Z-trasformazione, la successione (c
k
)
kZ
si dice convoluzione delle
successioni (a
k
)
kZ
e (b
k
)
kZ
e si indica con (a
k
b
k
)
kZ
: loperazione `e analoga a quella
di convoluzione tra due segnali
x y(t) =
Z
+

x() y(t ) d ;
inoltre (cambiando leggermente notazioni, mutiamo k in k, a
k
in a
k
. . .) f = Z[a
k
],
g = Z[b
k
], mentre la serie in (3.7) d` a Z[a
k
b
k
], e vale la formula
Z[a
k
b
k
] = Z[a
k
] Z[b
k
] .
Se le serie di partenza sono unilatere (serie di Taylor), cio`e a
k
= b
k
= 0
per k < 0, la (3.8) fornisce c
k
= 0 per k < 0 e
c
k
=
k

n=0
a
n
b
kn
,
per k 0.
Il caso che ci interessa qui `e quello in cui a
k
= 0 per k < 0 e b
k
= 0 per
k > 0. La (3.8) fornisce, k Z,
(3.9) c
k
=
+

n=0
a
n
b
kn
.
Nel caso k > 0, procediamo ulteriormente; se kn > 0, cio`e n < k, `e b
kn
= 0
e quindi risulta
(3.10) c
k
=
+

n=k
a
n
b
kn
=
+

h=0
a
h+k
b
h
.
La situazione descritta si presenta per le funzioni
f(z) = e
x
2
z
=
+

k=0
_
x
2
z
_
k!
, g(z) = e

x
2z
=
+

k=0
_

x
2z
_
k!
dove x R `e un parametro ssato e z varia in C 0. Con le notazioni
precedenti, possiamo scrivere
a
k
=
_
_
_
_
x
2
_
k
1
k!
, k 0
0 , k < 0
b
k
=
_
_
_
_

x
2
_
k
1
k!
, k 0
0 , k < 0
e le serie convergono z C 0. Quindi per k 0
c
k
=
+

h=0
_
x
2
_
h+k
1
(h +k)!
_
x
2
_
h
(1)
h
h!
=
+

h=0
(1)
h
h! (h +k)!
_
x
2
_
2h+k
= J
k
(x)
I coecienti c
k
con k < 0 si calcolano in maniera analoga. Alternativamente,
osserviamo che il prodotto
F(z) = F(z; x) = e
x
2
(z
1
z
)
= f(z) g(z)
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
34 III. LE FUNZIONI DI BESSEL
non cambia mutando z in 1/z: F(1/z) = F(z). Passando agli sviluppi di
Laurent, abbiamo

k
c
k
_

1
z
_
k
= F
_

1
z
_
= F(z) =

k
c
k
z
k
,
ovvero

k
c
k
(1)
k
z
k
=

k
c
k
z
k
.
Tale uguaglianza sussiste se e solo se valgono le relazioni
c
k
(1)
k
= c
k
, k Z,
che, unite a quanto visto, forniscono per k < 0
c
k
= (1)
k
c
k
= (1)
k
J
k
(x) = J
k
(x) .
In denitiva, c
k
= J
k
(x), k Z, cio`e J
k
(x) sono i coecienti di Laurent di
F:
(3.11) F(z) = e
x
2
(z
1
z
)
=
+

k=
J
k
(x) z
k
.
In virt` u di tale uguaglianza, F si dice funzione generatrice delle funzioni di
Bessel.
Mostriamo ulteriori identit`a riguardanti le funzioni di Bessel; in particola-
re, una formula di rappresentazione integrale. A tale scopo, riscriviamo (3.11)
nel modo seguente:
e
x
2
(z
1
z
)
= J
0
(x) +
+

k=1
J
k
(x)
_
z
k
+ (1)
k
z
k

e poniamo z = e
j
, R. Essendo
z
k
+ (1)
k
z
k
=
_

_
e
2jn
+ e
2jn
= 2 cos 2n,
per k = 2n pari,
e
j(2n1)
e
j(2n1)
= 2j sin(2n 1),
per k = 2n 1 dispari,
dove n N, troviamo
(3.12) e
jx sin
= J
0
(x) +2
+

n=1
J
2n
(x) cos 2n +2j
+

n=1
J
2n1
(x) sin(2n 1)
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. PROPRIET
`
A DELLE FUNZIONI DI BESSEL 35
Separando il reale dallimmaginario in questa uguaglianza (J
k
(x) `e reale, x
R, k Z), otteniamo
(3.13)
cos(xsin) = J
0
(x) + 2
+

n=1
J
2n
(x) cos 2n,
sin(xsin) = 2
+

n=1
J
2n1
(x) sin(2n 1).
In particolare, per =

2
, abbiamo
cos x = J
0
(x) + 2
+

n=1
(1)
n
J
2n
(x) ,
sinx = 2
+

n=1
(1)
n1
J
2n1
(x) .
Luguaglianza (3.11) si riscrive
(3.14) e
j x sin
=
+

k=
J
k
(x) e
j k
e consiste nello sviluppo in serie esponenziale di Fourier della funzione
e
j x sin
, periodica di periodo 2, i cui coecienti sono
(3.15) J
k
(x) =
1
2
_

e
j x sin
e
j k
d =
1
2
_

e
j (x sin k )
d
Inoltre
e
j (x sin k )
= cos(xsin k ) +j sin(xsin k ) ;
a secondo membro, il primo addendo `e una funzione pari di , mentre il
secondo `e dispari. Pertanto arriviamo alla formula di rappresentazione
(3.16) J
k
(x) =
1

_

0
cos(xsin k ) d.
Alternativamente, essendo come osservato i J
k
(x) i coecienti dello sviluppo di Laurent di
F, si calcolano mediante le formule
J
k
(x) =
1
2j
Z
|z|=1
e
x
2
(z
1
z
)
z
k+1
dz
e, con facili calcoli mediante la sostituzione z = e
j
, ritroviamo la (3.16).
Luguaglianza di Parseval fornisce
(3.17)
+

k=
[J
k
(x)[
2
=
1
2
_

[ e
j x sin
[
2
d = 1 .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
36 III. LE FUNZIONI DI BESSEL
Questa uguaglianza segue pure eettuando il prodotto
F(z) F(1/z) =

X
k
J
k
(x) z
k
!
X
k
J
k
(x) z
k
!
=

X
k
J
k
(x) z
k
!
X
k
J
k
(x) z
k
!
tra le due serie di Laurent usando la (3.8).
Notiamo che le (3.13) sono gli sviluppi in serie trigonometrica di Fourier
delle funzioni a primo membro, quindi abbiamo
(3.18)
J
2n
(x) =
1
2
_

cos(xsin) cos 2nd,


J
2n1
(x) =
1
2
_

sin(xsin) sin(2n 1)d.


Le (3.18) si ricavano facilmente da (3.16) poiche
cos(xsin k ) = cos(xsin ) cos k sin(xsin ) sin k
e
(3.19)
Z

0
sin(xsin ) sin 2nd = 0 =
Z

0
cos(xsin ) cos(2n 1)d.
Le (3.19) si vericano eettuando il cambiamento di variabile = t, essendo i diagrammi
delle funzioni integrande simmetrici rispetto al punto (

2
, 0); ad esempio:
sin(xsin ) sin 2n = sin(xsin t) sin(2n 2nt) = sin(xsin t) sin 2nt
La funzione generatrice F(z; x) = e
x
2
(z
1
z
)
verica luguaglianza
F(z; a +b) = F(z; a) F(z; b)
e quindi da (3.11), eettuando il prodotto tra serie bilatere come visto, otte-
niamo la formula di addizione
(3.20) J
k
(a +b) =
+

n=
J
n
(a) J
kn
(b) .
3.2. Zeri delle funzioni di Bessel. Supporremo in questo paragrafo
reale e > 1. La funzione J

ha in ]0, +[ una successione di zeri

,1
<
,2
< <
,k
<
Le funzioni
(3.21) x [0, 1] J

(
,k
x) , k = 1, 2, . . .
posseggono una propriet`a di ortogonalit`a che `e contenuta nelluguaglianza
(3.22)
_
1
0
xJ

(
,h
x) J

(
,k
x) dx =
_
_
_
0 , se h ,= k
1
2
_
J

(
,h
)

2
, se h = k
Tale propriet`a si pu`o ricondurre al risultato di ortogonalit`a tra autofunzioni
di problemi ai limiti, relativi ad autovalori distinti. Diamo una dimostrazione
diretta.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. PROPRIET
`
A DELLE FUNZIONI DI BESSEL 37
Per ogni > 0, la funzione y(x) = J

( x) risolve la seguente equazione


(3.23) y

+
1
x
y

+
_


2
x
2
_
y = 0 .
Invero y

(x) = J

( x) , y

(x) = J

( x)
2
e quindi, essendo J

soluzione
dellequazione di Bessel (2.1), riscritta con x in luogo di x,
1

2
y

(x) +
1
x
1

(x) +
_
1

2
(x)
2
_
y(x) = 0
da cui (3.23) segue subito. Essendo zero di J

, y soddisfa anche la condizione


y(1) = 0.
Fissati
1
,
2
> 0, consideriamo y
1
(x) = J

(
1
x) e y
2
(x) = J

(
2
x), che,
come visto, vericano le equazioni
y

1
+
1
x
y

1
+
_

2
1


2
x
2
_
y
1
= 0 , y

2
+
1
x
y

2
+
_

2
2


2
x
2
_
y
2
= 0 .
Moltiplichiamo la prima per xy
2
, la seconda per xy
1
e sottraiamo
(3.24) x(y
2
y

1
y
1
y

2
) +y
2
y

1
y
1
y

2
= (
2
2

2
1
)xy
1
y
2
.
Il primo membro `e
y
2
y

1
y
1
y

2
+x(y

2
y

1
+y
2
y

1
y

2
y

1
y
1
y

2
) =
_
x(y
2
y

1
y
1
y

2
)
_

.
Essendo > 1, lespressione x(y
2
y

1
y
1
y

2
) `e innitesima per x 0 e i
due membri di (3.24) sono sommabili su [0, 1]. Pertanto, integrando ambo i
membri otteniamo
(3.25)

y
2
(1) y
1
(1)
y

2
(1) y

1
(1)

= (
2
2

2
1
)
_
1
0
xy
1
(x) y
2
(x) dx
ed essendo il primo membro nullo, poiche y
2
(1) = 0 = y
1
(1), se
1
e
2
sono
zeri distinti, troviamo
_
1
0
xy
1
(x) y
2
(x) dx = 0 ,
cio`e la prima delle (3.22).
Mostriamo la seconda delle (3.22). Sia
1
uno zero di J

e
2
= ,=
1
;
riscriviamo la (3.25) in termini di J

:
(3.26)
_
1
0
xJ

(
1
x) J

(x) dx =
y
2
(1) y

1
(1)

2
1
=
J

() J

(
1
)
1

2
1
=
J

() J

(
1
)

1

(
1
)
1
+
1
Passiamo al limite nella (3.26) per
1
. Essendo lecito il passaggio al limite
sotto il segno di integrale nel primo membro, si ottiene la tesi.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
CAPITOLO IV
Equazioni dierenziali alle derivate parziali
1. Generalit`a
Unequazione dierenziale alle derivate parziali `e unequazione del tipo
(1.1) F
_
x
1
, . . . , x
n
, u,
u
x
1
, . . . ,
u
x
n
, . . . ,

m
u
x
m
1
, . . . ,

m
u
x
m
n
_
= 0 ,
che esprime un legame (mediante la funzione F) tra la funzione di pi` u varia-
bili u, le variabili indipendenti x
1
, . . . , x
n
, ed alcune derivate di u. Lordine
massimo m di derivazione che compare nella (1.1) si chiama ordine dellequa-
zione. Una soluzione classica dellequazione `e una funzione u di classe C
m
in
un aperto di R
n
che verichi lequazione in ogni punto.
Lequazione (1.1) si dice semilineare se F dipende linarmente dalle deri-
vate di u di ordine massimo. Ad esempio, unequazione semilineare del primo
ordine in n variabili indipendenti si scrive
(1.2) f
1
u
x
1
+ +f
n
u
x
n
+f
n+1
= 0 ,
con f
k
= f
k
(x
1
, . . . , x
n
, u), k = 1, . . . , n + 1.
Lequazione si dice lineare se F dipende linearmente da u e da tutte le
sue derivate. Unequazione lineare del secondo ordine in due variabili si scrive
(1.3) a
11

2
u
x
2
+2 a
12

2
u
xy
+a
22

2
u
y
2
+b
1
u
x
+b
2
u
y
+c u = f ,
con i coecienti a
ij
, b
i
, c e il termine noto f funzioni di x e y. Pi` u in generale,
lequazione in n variabili si scrive
(1.4)
n

i,j=1
a
ij

2
u
x
i
x
j
+
n

i=1
b
i
u
x
i
+c u = f .
Supposti i coecienti e il termine noto deniti e continui in un aperto
R
n
, una soluzione classica della (1.4) `e dunque una u C
2
() che rende
lequazione unidentit`a in . Notiamo che le derivate miste di u non dipendono
dallordine di derivazione; pertanto possiamo supporre che la matrice (a
ij
) dei
coecienti sia simmetrica, a
ij
= a
ji
.
38
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. EQUAZIONI DI LAPLACE E POISSON 39
Le pi` u importanti equazioni a derivate parziali della sica matematica
sono di questo tipo. Pertanto `e su di queste che ci concentreremo. Prevalen-
temente, considereremo equazioni in due variabili (1.3).
ESEMPIO 1.1. Le equazioni di Laplace e di Poisson sono
(1.5) u = 0 , u = f ,
dove
=

2
x
2
1
+ +

2
x
2
n
`e loperatore Laplaciano, spesso indicato anche con
2
.
Lequazione delle onde (in due variabili) `e
(1.6)

2
u
x
2


2
u
y
2
= 0 .
Lequazione del calore (in una variabile spaziale) `e
(1.7)

2
u
x
2

u
t
= 0 .
Nelle applicazioni, una questione fondamentale consiste nel ricercare una
soluzione di unequazione dierenziale in un dominio D, soddisfacente ulte-
riori condizioni sulla frontiera di D. Tale questione si chiama problema al
contorno per unequazione alle derivate parziali ed `e di essa che ci occupe-
remo prevalentemente, per lequazione (1.3). Il tipo di condizioni aggiuntive
dipende dal segno del determinante
(1.8) A =

a
11
a
12
a
12
a
22

Su di esso si basa la classicazione delle equazioni dierenziali del tipo (1.3).


A > 0 in D: lequazione si dice ellittica;
A < 0 in D: lequazione si dice iperbolica;
A = 0 in D: lequazione si dice parabolica;
Lequazione si dice di tipo misto se in D si vericano almento due delle con-
dizioni precedenti. Lequazione di Laplace `e ellittica; lequazione delle onde `e
iperbolica; lequazione del calore `e parabolica.
2. Equazioni di Laplace e Poisson
Sia un aperto di R
n
; le soluzioni dellequazione di Laplace
u =

2
u
x
2
1
+ +

2
u
x
2
n
= 0 in
si dicono funzioni armoniche in . Pi` u generale `e lequazione di Poisson
u = f in ,
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
40 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
essendo f continua in . Per tale equazione consideriamo due problemi al
contorno. Sia D un dominio regolare connesso.
Problema di Dirichlet. Cerchiamo u C
2
(

D) C
0
(D) tale che
(2.1)
_
u = f in

D
u = g su FD
dove f continua in

D e g continua su FD sono funzioni assegnate.
Problema di Neumann. Cerchiamo u C
2
(

D) C
1
(D) tale che
(2.2)
_
u = f in

D
u

= g su FD
dove f continua in

D e g continua su FD sono funzioni assegnate. `e il
versore normale a FD orientato verso lesterno e
u

`e la derivata normale.
Le questioni che aronteremo sono: esistenza e unicit`a di soluzioni, di-
pendenza della soluzione dai dati f e g. Fondamentali per arontare questi
problemi `e lo studio delle propriet`a delle funzioni armoniche.
2.1. Funzioni armoniche. Sia un aperto di R
n
. Una funzione u
C
2
() si dice armonica in se il suo laplaciano `e identicamente nullo nella-
perto, u 0.
`
E chiaro che sono funzioni armoniche i polinomi di grado non
superiore ad uno. In seguito daremo altri esempi.
Elenchiamo alcune propriet`a fondamentali delle funzioni armoniche, delle
quali ci occuperemo.
TEOREMA 2.1 (Indenita derivabilit`a). Ogni funzione armonica in
`e di classe C

().
TEOREMA 2.2 (Propriet`a di media). Sia u armonica in . Per ogni
sfera chiusa B = B(P
0
, r) contenuta in , risulta
(2.3) u(P
0
) =
1
mis FB
_
FB
u(P) d .
Ad esempio, in due variabili B `e il cerchio di raggio r e centro P
0
=
(x
0
, y
0
), = FD `e la circonferenza che lo delimita, di lunghezza 2r; lugua-
glianza (2.3) diventa
(2.4) u(x
0
, y
0
) =
1
2r
_

u(x, y) ds .
Osservazione 2.3. (a) La propriet`a di media sulle superci sferiche
espressa dalla (2.3) `e equivalente alla versione sulle sfere piene
(2.5) u(P
0
) =
1
mis B
_
B
u(P) dP .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. EQUAZIONI DI LAPLACE E POISSON 41
In eetti, la (2.5) segue dalla (2.3) integrando in coordinate sferiche; la (2.5)
implica la (2.3) derivando rispetto al raggio r di B.
(b) La propriet`a di media caratterizza le funzioni armoniche, nel senso che,
se u C
0
() verica la (2.3) per ogni sfera chiusa B , essa `e armonica in
, cio`e u C
2
() e u 0.
TEOREMA 2.4 (Principio del massimo). (a) Ogni funzione non costante
armonica in un aperto connesso `e priva di estremi relativi. (b) Sia D un
dominio limitato; una funzione u C
2
(

D) C
0
(D) armonica in

D assume
massimo e minimo sulla frontiera:
min
FD
u u(P) max
FD
u, P D.
Dimostreremo queste propriet`a in dimensione 2, poiche esse si ricavano
da noti risultati per le funzioni olomorfe, in virt` u del seguente fondamentale
legame con le funzioni armoniche:
PROPOSIZIONE 2.5. Parte reale e coeciente dellimmaginario di una
funzione olomorfa sono armoniche; ogni funzione armonica `e localmente la
parte reale di una funzione olomorfa.
Vale a dire, se f = u + jv `e olomorfa in , u = Re f e v = Imf sono
armoniche in . Se u `e armonica in e `e semplicemente connesso, esiste v,
anchessa armonica in , tale che f = u+jv sia olomorfa nellaperto; v `e detta
una funzione armonica coniugata a u. Se non `e semplicemente connesso, si
pu`o ragionare localmente, sui cerchi in esso contenuti: questo sar`a comunque
suciente per ricavare le propriet`a in questione.
ESEMPIO 2.6. Considerando la funzione intera
f(z) = exp(z) = e
x
(cos y +j siny) ,
troviamo le funzioni armoniche in R
2
u(x, y) = e
x
cos y e v(x, y) = e
x
siny .
Analogamente, considerando f(z) = z
2
, z C, troviamo
u(x, y) = x
2
y
2
e v(x, y) = 2xy .
Pi` u in generale, possiamo considerare f(z) = z
m
, m N.
La funzione log
_
x
2
+y
2
`e la parte reale di log z ed `e armonica in R
2

(0, 0).
ESEMPIO 2.7. Facciamo un esempio di funzione armonica in n variabili;
cerchiamo i numeri R per i quali la funzione
u(P) = OP

Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria


Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
42 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
risulta armonica in R
n
0. Dunque, posto = OP =
_
x
2
1
+ +x
2
n
,
abbiamo u =

. Osserviamo che per, k = 1, . . . , n, risulta

x
k
=
x
k

e quindi

x
k

=
2
x
k
,

2
x
2
k

= ( 2)
4
x
2
k
+
2
.
Pertanto
(2.6)

=
_
( 2)
4
n

k=1
x
2
k
+n
2
_
= ( +n 2)
2
.
Dunque u =

`e armonica per = 0 (banalmente, poiche in questo caso u `e


costante) e, se n 3, per = 2 n, cio`e abbiamo la funzione
(2.7) u(P) = OP
2n
.
A questa, in dimensione n = 2 aggiungiamo (come funzione di OP) la funzione
(2.8) u(P) = log OP ,
indicata nellesempio 2.6. Le funzioni in (2.7) e (2.8) saranno importanti nel
seguito.
ESERCIZIO 2.8. Mostrare che, se g C
2
(]0, +[) e u(P) = g(),
risulta
u =
_
g

()

+n
g

()

e quindi (essenzialmente) le (2.7) e (2.8) sono le uniche funzioni armoniche


radiali.
Lindenita derivabilit`a `e immediata, poiche com`e noto (teorema di Gour-
sat) ogni funzione olomorfa `e di classe C

.
ESERCIZIO 2.9. Mostrare che tutte le derivate di una funzione armo-
nica sono armoniche.
Ricordiamo la propriet`a di media per le funzioni olomorfe. Sia f olomorfa
in ; per ogni cerchio chiuso B(z
0
, r) , detta (r) la frontiera, risulta
f(z
0
) =
1
2r
_
(r)
f(z) ds .
Scrivendo f = u +j v in forma algebrica, otteniamo
u(x
0
, y
0
) +j v(x
0
, y
0
) =
1
2r
_
(r)
[u(x, y) +j v(x, y)] ds
e la (2.4) si ottiene separando reale dallimmaginario. La propriet`a di media
si mostra (con metodi di analisi reale) provando che la funzione r r
1n
R
FB
u(P) d
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. EQUAZIONI DI LAPLACE E POISSON 43
`e costante (mis FB `e proporzionale a r
n1
); la (2.3) segue quindi passando al limite per
r 0, per la continuit`a di u.
Anche per questa verica, ci limitiamo a n = 2:
r
1
Z
FB
u(P) ds =
Z
2
0
u(r cos , r sin ) d
e quindi, derivando sotto il segno di inegrale e usando il teorema della divergenza
d
dr

r
1
Z
FB
u(P) ds

=
Z
2
0
(ux cos + uy sin ) d
= r
1
Z
FB
u

ds = r
1
Z
B
udP = 0 .
ESERCIZIO 2.10. Posto z = x + jy = e
j
, considerare per < 1 la
funzione armonica
u(x, y) = log [1 z[ = log(1 2 cos +
2
) = Re[log(1 z)] .
Osservare che u(0, 0) = u(O) = 0. Dedurre dalla propriet`a di media (2.4)
luguaglianza
(2.9)
_
2
0
log(1 2 cos +
2
) d = 0 , ]0, 1[ .
Osservazione 2.11. Come complemento alla (2.9), notiamo che risulta
Z
2
0
log(1 2 cos +
2
) d = 4 log , 1 .
Invero, il caso > 1 si riconduce al precedente:
log(1 2 cos +
2
) = 2 log + log(1 2
1
cos +
2
) .
Il caso = 1 si deduce da (2.9) passando al limite per 1, mediante il teorema di
Lebesgue della convergenza dominata, poiche
(2.10) | log(1 2 cos +
2
)| log 2 +| log(1 | cos |)| ,
[0, 2], ]0, 1[, e la funzione a secondo membro `e sommabile. La (2.10) si pu`o
ricavare osservando che risulta
1 | cos |
2
1 cos
2
1 2 cos +
2
2 + 2| cos |
2
1 | cos |
.
Mediante la propriet`a di media, si dimostra il seguente
TEOREMA 2.12 (di Liouville). Una funzione armonica in tutto lo spazio
R
n
, che sia limitata superiormente o inferiormante, `e costante.
Dim. Ad esempio, supponiamo u 0 armonica in R
n
e mostriamo che u `e costante. Scelto
P
0
R
n
arbitrariamente, per la propriet`a di media abbiamo, r > 0, (per comodit`a di
notazioni, cosideriamo il caso n = 2)
u(P
0
) =
1
r
2
Z
P
0
Pr
u(P) dP
1
r
2
Z
OPr+OP
0
u(P) dP =
(r + OP
0
)
2
r
2
u(O) .
Passando al limite per r +, troviamo u(P
0
) u(O). Scambiando il ruolo di P
0
e O,
otteniamo laltra disuguaglianza u(O) u(P
0
) e quindi u(P
0
) = u(O). La tesi segue per
larbitrariet`a di P
0
.
ESERCIZIO 2.13. Sia u armonica in R
2
. Il teorema di Liouville assicura
che valga limplicazione u L

(R
2
) u costante. Mostrare limplicazione
u L
1
(R
2
) u 0 .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
44 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
Pi` u in generale, usando la disuguaglianza (di Jensen)

1
mis B
_
B
udP

1
mis B
_
B
[u[
p
dP ,
mostrare limplicazione, per 1 p < ,
u L
p
(R
2
) u 0 .
Il principio del massimo segue dalla propriet`a di media. Ci limitiamo per
semplicit`a ai punti di estremo assoluto: supponiamo P
0
punto di massimo
assoluto di u in e mostriamo che la funzione `e costante. Cominciamo mo-
strando che u `e costante su un qualsiasi cerchio chiuso B = B(P
0
, r) contenuto
in . Per la propriet`a di media (2.5), abbiamo
u(P
0
) =
1
r
2
_
B
u(P) dP
e quindi
_
B
[u(P
0
) u(P)] dP = 0 .
Lintegrando `e non-negativo, quindi esso `e identicamente nullo, cio`e u u(P
0
)
su B. Il ragionamento precedente mostra che linsieme
E = P : u(P) = max u
`e aperto. Per la continuit`a di u, `e aperto anche il complementare E e
quindi, essendo connesso e E ,= poiche P
0
E, risulta E = , cio`e u `e
costante in . Nel caso di un punto di minimo, si ragiona allo stesso modo.
Laltro enunciato segue poi da questo. Notiamo che per il teorema di
Weierstrass, u `e dotata di minimo e di massimo in D. Se uno di essi fosse
assunto in un punto interno, u sarebbe costante (almeno se

D `e connesso)
e il risultato sarebbe banale. Si mostra che lipotesi di connessione non `e
necessaria.
Osservazione 2.14. Lipotesi di limitatezza di D `e essenziale. Ad esem-
pio, la funzione u(x, y) = e
x
siny `e armonica nella striscia D = R [0, 2],
identicamente nulla sulla frontiera, ma
inf
D
u = , sup
D
u = +.
Dal principio del massimo, segue subito un risultato di unicit`a per il
problema (2.1) di Dirichlet relativo allequazione di Poisson.
COROLLARIO 2.15. Il problema di Dirichlet per lequazione di Poisson
ha al pi` u una soluzione.
Dim. Se u
1
e u
2
sono soluzioni, la dierenza u = u
1
u
2
verica u = 0, cio`e `e armonica,
in

D e u 0 su FD. Pertanto u 0 in D, cio`e u
1
u
2
.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. EQUAZIONI DI LAPLACE E POISSON 45
Dellesistenza ci occuperemo in seguito.
Veniamo al problema di Neumann. Ricaviamo alcune identit`a integra-
li che vanno sotto il nome di formule di Green. Cominciamo con alcune
uguaglianze ovvie; se u C
2
(D) e v C
1
(D), risulta
u = div u, div(v u) = u v +v u.
Applichiamo il teorema della divergenza al campo vettoriale v u:
(2.11)
_
D
(u v +v u) dP =
_
FD
v
u

d .
Questa `e la prima formula di Green. Invertendo il ruolo di u e v (supposta
anchessa di classe C
2
(D)), abbiamo pure
_
D
(u v +uv) dP =
_
FD
u
v

d
e sottraendo
(2.12)
_
D
(v u uv) dP =
_
FD
_
v
u

u
v

_
d .
Questa `e la seconda formula di Green. Consideriamo alcuni casi particolari
delle formule precedenti. Poniamo v 1 in (2.11):
(2.13)
_
D
udP =
_
FD
u

d .
Questa uguaglianza implica immediatamente la seguente condizione di com-
patibilit`a per il problema di Neumann:
COROLLARIO 2.16. Siano f C(D) e g C(FD). Se il problema
(2.2) ammette soluzione, vale luguaglianza
(2.14)
_
D
f dP =
_
FD
g d .
ESERCIZIO 2.17. Vericare che u(x, y) =
1
2
(x
2
+y
2
) risolve nel cerchio
D di centro O e raggio 1 il problema di Neumann
_
u = 2 in

D
u

= 1 su FD
Osservare che vale la condizione di compatibilit`a (2.14).
Prendiamo ora v = u armonica in (2.11):
(2.15)
_
D
[u[
2
dP =
_
FD
u
u

d .
Se inoltre
u

= 0 su FD, risulta
_
D
[u[
2
dP = 0
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
46 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
e quindi u 0 in D.
`
E chiaro che, se u `e soluzione del problema di Neumann
(2.2), lo `e pure u + c per ogni costante c, essendo le condizioni del problema
imposte sulle derivate, dunque non c`e unicit`a di soluzione. Le considerazioni
precedenti forniscono subito un risultato di unicit`a a meno di una costante:
COROLLARIO 2.18. Due soluzioni del problema di Neumann (2.2)
dieriscono per una costante.
Dim. Ricordiamo che D `e connesso. Se u
1
e u
2
risolvono entrambe il problema (2.2), la
dierenza u = u
1
u
2
`e armonica in

D e soddisfa
u

= 0 su FD. Pertanto `e costante.


2.2. Esistenza per il problema di Dirichlet per lequazione di
Laplace in un cerchio. Sia D il cerchio di centro lorigine O e raggio R.
Consideriamo il problema di Dirichlet su D relativo allequazione di Laplace:
(2.16)
_
u = 0 in

D
u = g su (R) = FD
dove g continua su (R) = FD `e una funzione assegnata. Costruiremo la
soluzione mediante il metodo di separazione delle variabili. Adoperiamo le
coordinate polari
x = cos , y = sin
e deniamo
U(, ) = u( cos , sin) .
Con abuso di notazioni, confonderemo u e U, cio`e considereremo u funzione
di e . Vogliamo riscrivere il laplaciano u = u
xx
+ u
yy
in termini delle
derivate di u rispetto a e ; evidentemente
x

= cos , y

= sin, x

= sin, y

= cos .
Ne ricaviamo
u

= u
x
x

+u
y
y

= u
x
cos +u
y
sin,
u

= (u
xx
cos +u
xy
sin) cos + (u
yx
cos +u
yy
sin) sin
= u
xx
cos
2
+ 2 u
xy
sincos +u
yy
sin
2
,
u

= u
x
sin +u
y
cos ,
u

= [u
xx
sin +u
xy
cos ] sin u
x
cos
+ [u
yx
sin +u
yy
cos ] cos u
y
sin
= u
xx

2
sin
2
2u
xy

2
cos sin +u
yy

2
cos
2

u
x
cos u
y
sin.
Pertanto
(2.17)
1

2
u

+u

+
1

= u
xx
+u
yy
.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. EQUAZIONI DI LAPLACE E POISSON 47
Osservazione 2.19. Nei casi u =

e pi` u in generale u = g(), conside-


rati nellesempio 2.7 e nellesercizio 2.8, ritroviamo (in dimensione n = 2) per
il laplaciano le espressioni indicate.
Lequazione di Laplace si riscrive dunque come segue
(2.18) u

+
1

+
1

2
u

= 0 , < R, 0 2 .
Cerchiamo soluzioni del tipo
(2.19) u(, ) = v() w() .
Una soluzione di questo tipo sar`a detta soluzione elementare. Lequazione
diviene
v

() w() +
1

() w() +
1

2
v() w

() = 0 ,
ovvero
(2.20)

2
v

() + v

()
v()
=
w

()
w()
.
In questa uguaglianza, il primo membro dipende esclusivamente da , il se-
condo membro dipende da . Luguaglianza `e possibile solo se i due membri
sono uguali ad una stessa costante, che indichiamo con . Pertanto
(2.21)
_

()
w()
=

2
v

() + v

()
v()
=
La prima equazione si riscrive w

+ w = 0. Cerchiamo soluzioni non iden-


ticamente nulle periodiche di periodo 2 (cfr. esercizio II.4.6). Per < 0 le-
quazione non ne possiede. Per = 0, le soluzioni periodiche sono le costanti.
Per > 0, lintegrale generale `e
w = a cos

+b sin

ed `e periodico di periodo 2 se e solo se



`e intero. Dunque = n
2
, con
n N
0
. In corrispondenza di tali valori di , troviamo le soluzioni
w = a cos n +b sinn.
Consideriamo ora la seconda equazione del sistema (2.21) per i valori di
trovati:
(2.22)
2
v

+ v

n
2
v = 0 .
Si tratta di unequazione di Eulero. Per n = 0, lintegrale generale `e
v = a +b log .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
48 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
Per n > 0, ponendo v =

nellequazione, scriviamo lequazione caratteristica


( 1) + n
2
= 0 ,
che ha le soluzioni = n. Pertanto lintegrale generale `e
v = a
n
+b
n
.
Dunque, v `e continua in 0 se e solo se b = 0. In denitiva, troviamo le soluzioni
elementari
(2.23) u
n
(, ) =
n
(a
n
cos n +b
n
sinn) .
Notiamo che

n
cos n = Re z
n
= Re(x +jy)
n
,
n
sinn = Imz
n
= Im(x +jy)
n
.
Dobbiamo soddisfare la condizione al contorno, che si riscrive
u(R, ) = g() , 0 2 .
(Con abuso di notazioni, consideriamo g dipendente da .) La condizione al
contorno `e vericata da una soluzione elementare solo per dati g particolari.
Per g continua generica, possiamo pensare di soddisfarla con una somma nita
o una serie di soluzioni elementari
(2.24) u(, ) =
+

n=0

n
(a
n
cos n +b
n
sinn) .
Se la serie converge in maniera opportuna, si pu`o dimostrare che la somma `e
armonica per < R e continua per R. La condizione al contorno diventa
(2.25) g() =
+

n=0
R
n
(a
n
cos n +b
n
sinn) .
Tale uguaglianza `e possibile se e solo se la serie a secondo membro `e la serie
di Fourier di g, cio`e
(2.26)
a
0
=
1
2
_
2
0
g(t) dt ,
R
n
a
n
=
1

_
2
0
g(t) cos nt dt , R
n
b
n
=
1

_
2
0
g(t) sinnt dt ,
per ogni n N. Sotto lipotesi che g sia continua, `e possibile giusticare
il procedimento esposto e mostrare che esso fornisce la soluzione (unica) del
problema. Notiamo che, inserendo nella (2.24) i coecienti dati dalle (2.26),
essendo
cos nt cos n + sinnt sinn = cos n( t) ,
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. EQUAZIONI DI LAPLACE E POISSON 49
troviamo
(2.27) u(, ) = a
0
+
1

n=1
_

R
_
n
_
2
0
g(t) cos n( t) dt .
`
E possibile invertire sommatoria e integrale e scrivere
(2.28) u(, ) =
1
2
_
2
0
g(t)
_
1 + 2
+

n=1
_

R
_
n
cos n( t)
_
dt .
In eetti, la serie in (2.28) `e totalmente convergente al variare di t [0, 2],
, < R ssato, e quindi pu`o essere integrata ternine a termine.
Calcoliamo la somma della serie nellintegrando in (2.28). A tal ne,
osserviamo che il termine generale `e la parte reale di
_
(/R) e
j(t)
_
n
. La
somma cercata `e dunque la parte reale della somma della serie geometrica di
ragione (/R) e
j(t)
, privata del primo termine:
(2.29)
+

n=1
_

R
e
j(t)
_
n
=
R
R e
j(t)
1 =
e
j(t)
R e
j(t)
=
e
j(t)
_
R e
j(t)

[R e
j(t)
[
2
=
R e
j(t)

2
[R cos( t)]
2
+
2
sin
2
( t)
Uguagliando la parte reale di primo e secondo membro, abbiamo
(2.30)
+

n=1
_

R
_
n
cos n( t) =
R cos( t)
2
R
2
2 R cos( t) +
2
,
quindi, da (2.28) ricaviamo
(2.31) u(, ) =
1
2
_
2
0
g(t)
R
2

2
R
2
2 R cos( t) +
2
dt
Lintegrale a secondo membro della (2.31) si chiama integrale di Poisson.
Detti P

D il punto di coordinate polari (, ) e Q (R) = FD il punto
di coordinate polari (R, t), risulta OQ
2
= R
2
, OP
2
=
2
,
PQ
2
= [Re
jt
e
j
[
2
= [R e
j(t)
[
2
= R
2
2 R cos( t) +
2
,
quindi la (2.31) si riscrive
(2.32) u(P) =
1
2R
_
(R)
R
2
OP
2
PQ
2
g(Q) ds(Q) .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
50 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
La funzione
(2.33) u(P) =
_

_
R
2
OP
2
2R
_

g(Q)
PQ
2
ds(Q) , P

D
g(P) , P = FD
verica u C
2
(

D) C
0
(D) e u 0 in

D, cio`e `e soluzione del problema.
La funzione
(2.34) K(P, Q) =
1
2R
R
2
OP
2
PQ
2
, P

D, Q FD,
si chiama nucleo di Poisson.
Osservazione 2.20. Ponendo P = O nella (2.32), troviamo
u(O) =
1
2R
_
(R)
u(Q) ds ,
che `e la propriet`a di media.
Per quanto visto, vale esistenza e unicit`a per il problema di Dirichlet
relativo allequazione di Laplace su un cerchio, con dato al bordo continuo.
Questo consente di mostrare la (b) dellosservazione 2.3. Sia u C
0
() una
funzione con la propriet`a di media. Scelto un cerchio B tale che B , sia v
la soluzione del problema
_
v = 0 in

B
v = u su FB
Dunque uv ha la propriet`a di media, quindi verica il principio del massimo
e pertanto u v 0 in B. In denitiva, u = v `e armonica in B; data
larbitrariet`a di questo, u `e armonica in .
Si pu`o allora dimostrare il seguente
TEOREMA 2.21. Se la successione (un)n di funzioni armoniche in un aperto
converge uniformemente sui compatti, il limite `e anchesso armonico.
In eetti, valendo la propriet`a di media per tutte le un, che sono armoniche, tale
propriet`a vale anche per il limite (per la convergenza uniforme, si pu`o passare al limite
sotto il segno di integrale), che quindi `e una funzione armonica.
Il principio del massimo implica anche la dipendenza continua della soluzione dal dato
al bordo.
COROLLARIO 2.22. Siano un C
2
(

D) C
0
(D), n N, armoniche in

D. Se (un)
converge uniformemente su FD, la successione converge uniformemente in D e il limite `e
armonico in

D.
Osservazione 2.23. Possiamo usare il metodo di separazione delle va-
riabili anche per risolvere lequazione
(2.35) u +k
2
u = 0 , k > 0 ,
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. EQUAZIONI DI LAPLACE E POISSON 51
in un cerchio. In tal modo, in luogo della equazione (2.22), giungiamo alle-
quazione di Bessel. Notiamo per`o che per il problema di Dirichlet relativo alla
(2.35) non c`e unicit`a di soluzione, poiche non vale il principio del massimo.
ESERCIZIO 2.24. Vericare quanto segue. Per ogni n Z, le funzioni
cos nJ
n
(k) , sinnJ
n
(k) ,
( e sono come al solito le coordinate polari, J
n
sono le funzioni di Bessel,
k > 0) si scrivono come
Re[(x +jy)
|n|
] f(x
2
+y
2
) , Im[(x +jy)
|n|
] f(x
2
+y
2
) ,
con f funzione intera, quindi sono di classe C

(R
2
). Inoltre esse soddisfano
lequazione (2.35). Se k `e uno zero di J
n
, le due funzioni sono identicamente
nulle sulla circonferenza = 1, quindi (escluso il caso n = 0 per la seconda)
sono soluzioni non banali sul cerchio unitario D = (x, y) : x
2
+ y
2
1 del
problema
_
u +k
2
u = 0 in

D
u = 0 su FD
ESERCIZIO 2.25. Sia D il cerchio chiuso di centro O e raggio 1. Risol-
vere il problema di Dirichlet
_
u = 0 in

D
u(x, y) = x
2
su FD
La possibilit`a di risolvere il problema di Dirichlet per lequazione di La-
place nei cerchi permette di dimostrare il seguente principio di riessione di
Schwarz, che enunciamo in un caso particolare. Siano
D = (x, y) R
2
: x
2
+y
2
r
2

il cerchio di centro O e raggio r, D


+
il semicerchio formato dai punti di ascissa
x 0 e il diametro formato dai punti di ascissa x = 0.
PROPOSIZIONE 2.26. Sia u continua su D
+
, armonica nei punti in-
terni e nulla su . La funzione U ottenuta prolungando u a D per riessione
attraverso , cio`e ponendo
(2.36) U(x, y) =
_
u(x, y) , se x 0 ,
u(x, y) , se x < 0 ,
`e continua in D e armonica nei punti interni.
Dim. Consideriamo la seguente funzione su FD
g(x, y) =
(
u(x, y) , se x 0 ,
u(x, y) , se x < 0 ,
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
52 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
Evidentemente g risulta continua, quindi possiamo risolvere il problema di Dirichlet relativo
allequazione di Laplace su D con dato al bordo g; detta U la soluzione, `e subito visto che
pure U

(x, y) = U(x, y) risolve lo stesso problema, quindi per lunicit`a risulta


U(x, y) = U(x, y) .
In particolare, U `e nulla su . Pertanto u e U risolvono lo stesso problema di Dirichlet
su D
+
e, usando nuovamente lunicit`a, esse coincidono. Ne segue chiaramente che U `e
esattamente la funzione denita in (2.36), la quale ha dunque le propriet`a richieste.
ESERCIZIO 2.27. Il prolungamento eettuato in (2.36) `e dispari rispet-
to a x. Non `e armonico, in generale, il prolungamento pari
(2.37) U(x, y) = u([x[, y) .
Ad esempio, [x[ non `e armonica, pur essendolo la restrizione a x 0. Dove la
dimostrazione della proposizione 2.26 fallisce con (2.37) invece di (2.36)?
Il risultato della proposizione 2.26 vale in maggiore generalit`a. Ad esem-
pio, mandando il raggio del cerchio a +, otteniamo una versione del principio
di riessione per funzioni denite in un semipiano.
COROLLARIO 2.28. Sia u = u(x, y) continua nel semipiano x 0,
armonica per x > 0 e nulla per x = 0. In tali ipotesi, la funzione
U(x, y) =
_
u(x, y) , se x 0 ,
u(x, y) , se x < 0 ,
`e armonica in tutto il piano.
Possiamo ottenere la seguente generalizzazione del teorema di Liouville.
COROLLARIO 2.29. Sia u = u(x, y) continua nel semipiano x 0,
armonica per x > 0 e nulla per x = 0. Se u `e limitata, essa `e identicamente
nulla.
Dim. Detta U la funzione del corollario 2.28, essa `e armonica nellintero piano e limitata,
quindi `e nulla per il teorema 2.12.
Lipotesi di limitatezza di u `e essenziale: ad esempio, la funzione u(x, y) =
x verica tutte le ipotesi del corollario 2.29 tranne questa, essendo solo limitata
inferiormente.
`
E possibile ottenere un risultato di unicit`a per il problema di Dirichlet
relativo allequazione di Poisson in un semipiano (che `e non limitato, cfr.
corollario 2.15).
COROLLARIO 2.30. Siano u e v sono funzioni limitate, continue nel
semipiano x 0, di classe C
2
e vericanti u = v per x > 0. Se esse
coincidono per x = 0, cio`e risulta u(0, y) = v(0, y), y R, esse coincidono
in tutto il semipiano.
Dim.
`
E suciente allora applicare il corollario 2.29 alla dierenza u v.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. EQUAZIONI DI LAPLACE E POISSON 53
2.3. Esistenza per il problema di Neumann per lequazione di
Laplace in un cerchio. Sia D il cerchio di centro lorigine O e raggio R.
Consideriamo il problema di Neumann su D relativo allequazione di Laplace:
(2.38)
_
u = 0 in

D
u

= g su (R) = FD
dove g continua su (R) = FD `e una funzione assegnata, vericante la
condizione di compatibilit`a
_
(R)
g ds = 0 .
Procedendo come prima per risolvere lequazione di Laplace, giungiamo alla
(2.24). Cerchiamo di soddisfare la condizione al contorno:
(2.39) g() =
u

= u

=
+

n=1
nR
n1
(a
n
cos n +b
n
sinn) ,
quindi la serie rappresenta lo sviluppo trigonometrico di Fourier di g (notiamo
che il termine costante `e nullo, in accordo con la condizione di compatibilit`a),
vale a dire, n N, risulta
(2.40)
nR
n1
a
n
=
1

_
2
0
g(t) cos nt dt , nR
n1
b
n
=
1

_
2
0
g(t) sinnt dt .
Inserendo nella (2.24), troviamo
(2.41) u(, ) = a
0
+
R

_
2
0
g(t)
_
+

n=1
1
n
_

R
_
n
cos n( t)
_
dt ,
dove a
0
`e una costante arbitraria. Calcoliamo la somma della serie nellinte-
grando. Il termine generale `e la parte reale di z
n
/n, dove
z =

R
e
j(t)
,
quindi
(2.42)
+

n=1
1
n
_

R
_
n
cos n( t) = Re
+

n=1
z
n
n
.
Essendo per [z[ < 1
1
1 z
=
+

n=1
z
n1
,
integrando otteniamo
Log(1 z) =
+

n=1
z
n
n
.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
54 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
Dunque
(2.43)
+

n=1
1
n
_

R
_
n
cos n( t) = log [1 z[
=
1
2
log
_
1 2

R
cos( t) +

2
R
2
_
=
1
2
log
_
R
2
2 R cos( t) +
2

+ log R.
Pertanto, denendo come prima P

D e Q (R) = FD, risulta
(2.44) u(P) = costante
1

_
(R)
g(Q) log PQ ds(Q) .
La (2.44) prende il nome di formula del Dini.
2.4. Il problema di Dirichlet per lequazione di Poisson. Consi-
deriamo il problema di Dirichlet in un dominio regolare D
(2.45)
_
u = f in

D
u = g su FD
dove f continua in D e g continua su FD sono funzioni assegnate. Supponiamo
che il problema di Dirichlet su D relativo allequazione di Laplace sia risolubile
per ogni dato al bordo continuo.
`
E allora suciente risolvere il problema per
lequazione di Poisson con dato nullo al bordo:
(2.46)
_
v = f in

D
v = 0 su FD
In eetti, se w risolve
(2.47)
_
w = 0 in

D
w = g su FD
la funzione u = v +w `e soluzione di (2.45).
Ricaviamo una identit`a integrale che va sotto il nome di formula di rap-
presentazione di Green. La formula `e analoga alla formula di Cauchy per le
funzioni analitiche. Fissiamo Q

D e consideriamo la funzione
H(P, Q) =
1
2
log PQ.
Ricordiamo che P H(P, Q) `e armonica in R
2
Q, cfr. (2.8). Non pos-
siamo usare la seconda formula di Green (2.12) con v(P) = H(P, Q) per la
singolarit`a P = Q. Per superare lostacolo, scegliamo > 0 piccolo in modo
che il cerchio chiuso di centro Q e raggio sia interno a D e poniamo
D

= P D : PQ .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. EQUAZIONI DI LAPLACE E POISSON 55
Su D

possiamo usare la formula di Green. Essendo FD

= FD

, dove

`e la circonferenza di centro Q e raggio , otteniamo


(2.48)
_
D
HudP =
_
FD
_
H
u

u
H

_
ds +
_

_
H
u

u
H

_
ds .
Vogliamo passare al limite per 0 nella (2.48).
`
E chiaro che
(2.49)
_
D
HudP
0

_
D
HudP ,
poiche lintegrando `e sommabile.
Su

`e H(P, Q) =
1
2
log , quindi
(2.50)

H
u

ds


1
2
[ log [ sup
B
R
[u[ 2
0
0 .
(R `e un qualsiasi numero ssato tale che il cerchio chiuso B
R
= B(Q, R) sia
contenuto internamente a D.) Inoltre
(2.51)
H

=
H

=
1
2
.
(Il segno dipende dal fatto che `e il versore normale esterno a D

e quindi
interno al cerchio B(Q, ).) Pertanto
(2.52)
_

u
H

ds =
1
2
_

uds
0
u(Q)
per la continuit`a di u.
Mettendo insieme (2.48), (2.49), (2.50) e (2.52), abbiamo dunque la for-
mula di rappresentazione
(2.53) u(Q) =
_
FD
_
u
H

H
u

_
ds +
_
D
HudP , Q

D,
che lega i valori di u assunti in punti interni a D a u su D e u e
u

su FD.
Ad esempio, se u C
2
0
(R
2
) ha supporto compatto possiamo applicare la
formula di rappresentazione con D cerchio di raggio abbastanza grande da
contenere internamente suppu, quindi
_
FD
_
u
H

H
u

_
ds = 0
e dunque
(2.54) u(Q) =
_
R
2
HudP .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
56 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
La funzione H(P, Q) =
1
2
log PQ si dice soluzione fondamentale delle-
quazione di Laplace, poiche risolve
H(P, Q) = (P Q) in D

(R
2
) .
Infatti, se u D(R
2
) `e una funzione test, il laplaciano si scarica su di
essa:
H, u) = H, u) =
_
R
2
HudP = u(Q) = (P Q), u(P))
per la (2.54).
Per f L
1
(D), lespressione
(2.55) w(Q) = ^f =
_
D
H(P, Q) f(P) dP = f H(, O)
(dove nellultimo membro f si intende prolungata a 0 fuori di D) si chiama
potenziale newtoniano in R
2
(si generalizza a pi` u dimensioni) o potenziale
logaritmico con densit`a f.
Nella formula di rappresentazione (2.53) sono richiesti troppi dati sulla u.
Ad esempio, se u `e armonica, cio`e u = 0, la formula si riduce a
(2.56) u(Q) =
_
FD
_
u
H

H
u

_
ds ,
che rappresenta u mediante u[
FD
e
u

su FD. Daltra parte, `e noto che


basta ssare u[
FD
per determinare univocamente la funzione armonica u in
D (principio del massimo). Vogliamo liberarci del termine contenente
u

.
Immaginiamo di poter trovare h C
2
(D) armonica in

D, h 0. Per la
seconda formula di Green (2.12)
_
D
hudP =
_
FD
_
h
u

u
h

_
ds
ovvero
(2.57) 0 =
_
FD
_
u
h

h
u

_
ds +
_
D
hudP .
Sottraendo dalla (2.53) membro a membro e ponendo G(P, Q) = H(P, Q)
h(P), otteniamo
(2.58) u(Q) =
_
FD
_
u
G

G
u

_
ds +
_
D
GudP , Q

D,
che `e una formula di rappresentazione pi` u generale della (2.53). Se possiamo
fare in modo che G(P, Q) = 0 per P FD, cio`e h(P) = H(P, Q) con P FD,
vale a dire che h risolve il problema di Dirichlet
(2.59)
_
h = 0 in

D
h(P) = H(P, Q) per P FD
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
2. EQUAZIONI DI LAPLACE E POISSON 57
la formula di rappresentazione si riduce a
(2.60) u(Q) =
_
FD
u
G

ds +
_
D
GudP , Q

D.
In particolare, se u `e armonica,
(2.61) u(Q) =
_
FD
u
G

ds , Q

D,
oppure, se u[
FD
0,
(2.62) u(Q) =
_
D
GudP , Q

D.
G(P, Q) si dice funzione di Green per il problema di Dirichlet relativo allo-
peratore di Laplace.
Osservazione 2.31. Sia u una funzione armonica in un aperto . Sce-
gliamo come dominio D nella (2.61) un cerchio chiuso contenuto in , D =
B(P
0
, R) ; scegliamo Q = P
0
:
H(P, Q) = H(P, P
0
) =
1
2
log PP
0
=
1
2
log
e su FD
H =
1
2
log R costante.
Abbiamo quindi h =
1
2
log R e
G(P, P
0
) = H(P, P
0
) h =
1
2
log

R
.
Pertanto
u(P
0
) =
_
(R)
u(P)
G

ds .
Inoltre su (R) (cio`e = R)
G

1
2
log =
1
2
=
1
2R
.
Pertanto
u(P
0
) =
1
2R
_
(R)
u(P) ds
e ritroviamo la propriet`a di media delle funzioni armoniche.
Consideriamo dunque il problema di Dirichlet con dato nullo al bordo
(2.63)
_
u = f in

D
u = 0 su FD
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
58 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
Se u `e soluzione, conoscendo la funzione di Green, possiamo rappresentare u
mediante la formula (2.62)
(2.64) u(Q) =
_
D
G(P, Q) f(P) dP , Q

D.
Tale formula `e stata ricavata supponendo che u sia soluzione, mentre vo-
gliamo arontare il problema dellesistenza della soluzione; non `e chiaro se
la formula permette di trovare eettivamente una soluzione. Per risolvere
il problema di Dirichlet, possiamo pensare di procedere mediante luso del
potenziale newtoniano, per trovare w = ^f C
0
(D) C
2
(

D) vericante
w = f. Successivamente, troviamo v C
0
(D) C
2
(

D) tale che
(2.65)
_
v = 0 in

D
v = w su FD
(ricordiamo che per ipotesi possiamo risolvere il problema di Dirichlet relativo
allequazione di Laplace, per ogni dato al bordo continuo). Allora u = wv `e
soluzione del problema iniziale (2.63). In generale, per`o, f continua in D non
`e suciente per assicurare ^f C
2
(

D). Mettiamo in luce alcune propriet`a


del potenziale.
PROPOSIZIONE 2.32.
Se f `e limitata in D, risulta ^f C
1
(R
2
).
Se f `e limitata e localmente holderiana in

D, risulta w = ^f
C
2
(

D) e w = f in

D.
Una funzione f `e localmente holderiana in un aperto , e si scrive f
C
0,
(), se esiste ]0, 1] con la seguente propriet`a: per ogni K compatto
contenuto in , esiste C = C(K) > 0 costante tale che
[f(P) f(Q)[ C PQ

, P , Q K .
Per = 1 la funzione `e lipschitziana.
`
E chiaro che, se 0 < < 1, risulta
C
0,
() C
0,
() e C
0,1
() C
1
().
3. Lequazione del calore
Lequazione del calore `e
(3.1)
u
t
= C
_

2
u
x
2
+

2
u
y
2
+

2
u
z
2
_
.
Si tratta di unequazione di tipo parabolico. Essa regge il fenomeno della
conduzione del calore attraverso un mezzo isotropo omogeneo, in assenza di
sorgente; il punto (x, y, z) varia in un dominio dello spazio R
3
, mentre t 0 `e
una variabile temporale. La funzione incognita u = u(x, y, z, t) rappresenta la
temperatura nel punto (x, y, z) allistante t. C > 0 `e una costante che dipende
dal mezzo.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. LEQUAZIONE DEL CALORE 59
3.1. Problema misto nella semistriscia. Noi considereremo una sem-
plicazione unidimensionale della (3.1) di un lo sottile disposto lungo lasse
x. Le altre due dimensioni si immaginano trascurabili. Lequazione diviene
u
t
= C

2
u
x
2
.
Per semplicit`a, supponiamo che il lo occupi il segmento [0, ] e sia C = 1. Il
caso generale si tratta analogamente, o si riconduce al caso in esame con un
cambiamento di variabili. Dunque lequazione `e
(3.2)
u
t
=

2
u
x
2
.
ESERCIZIO 3.1. Mostrare che, se u = u(x, t) verica (3.2), la funzione
v(x, t) = u(x, Ct) verica
v
t
= C

2
v
x
2
.
Dal punto di vista sico, il problema `e quello di studiare levoluzione della
temperatura. La temperatura degli estremi `e tenuta costante, pari a 0; questo
signica aggiungere alla (3.2) le condizioni al contorno
u(0, t) = u(, t) = 0 , t 0 .
`
E pure assegnata la temperatura iniziale (allistante t = 0):
u(x, 0) = u
0
(x) , x [0, ] .
Dunque, studiamo il seguente problema misto di Cauchy-Dirichlet
(3.3)
_

_
u
t
=

2
u
x
2
u(0, t) = u(, t) = 0 , t 0
u(x, 0) = u
0
(x) , 0 x
nella semistriscia [0, ] [0, +[.

u = u
0
u = 0 u = 0
t
x
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
60 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
Occupiamoci dellunicit`a della soluzione. Se u
1
e u
2
sono soluzioni di
(3.3), la dierenza u = u
1
u
2
soddisfa
(3.4)
_

_
u
t
= u
xx
u(0, t) = u(, t) = 0 , t 0
u(x, 0) = 0 , 0 x
Moltiplichiamo ambo i membri dellequazione per u e integriamo su [0, ]
rispetto a x; poiche
_

0
uu
xx
dx =
_
uu
x

x=
x=0

_

0
(u
x
)
2
dx =
_

0
(u
x
)
2
dx
e
_

0
uu
t
dx =
1
2
d
dt
_

0
u
2
dx,
otteniamo
(3.5)
d
dt
_

0
u
2
dx = 2
_

0
(u
x
)
2
dx 0 .
La funzione
v(t) =
_

0
u(x, t)
2
dx, t 0 ,
verica dunque v 0, v

0,
v(0) =
_

0
u(x, 0)
2
dx = 0
e quindi v 0, vale a dire, u(x, t) = 0, x, t, ovvero u
1
u
2
.
Per mostrare lesistenza della soluzione, usiamo il metodo di separazione
delle variabili, che consiste nel cercare u prodotto di funzioni di una variabile:
u(x, t) = X(x) T(t) .
Lequazione si scrive
X(x) T

(t) = X

(x) T(t)
e quindi, separando le variabili
(3.6)
X

(x)
X(x)
=
T

(t)
T(t)
.
Poiche il primo membro della (3.6) dipende solo da x, mentre il secondo
dipende solo da t, luguaglianza sussiste solo se entrambi i membri sono uguali
ad una stessa costante di separazione, che indichiamo con . Arriviamo cos`
al sistema
(3.7)
_

_
X

(x)
X(x)
=
T

(t)
T(t)
=
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. LEQUAZIONE DEL CALORE 61
Le condizioni al contorno u(0, t) = u(, t) = 0, t 0, divengono X(0) =
X() = 0 e quindi X risolve il seguente problema di Sturm-Liouville
(3.8)
_
X

X = 0
X(0) = X() = 0
considerato nellesempio II.4.1.
`
E noto che gli autovalori sono negativi del
tipo = n
2
, n N, cui corrispondono le autofunzioni
X
n
(x) = b sinnx,
con b costante arbitraria.
Per = n
2
, la seconda equazione di (3.7) diviene
T

= n
2
T ,
il cui integrale generale `e
T
n
(t) = c e
n
2
t
.
Dunque troviamo le soluzioni elementari (n N)
(3.9) u
n
(x, t) = b e
n
2
t
sinnx.
Resta da soddisfare la condizione iniziale
u(x, 0) = u
0
(x) , x [0, ] .
Con una soluzione elementare, questo sar`a possibile solo in casi particolari.
Procediamo per sovrapposizione delle soluzioni elementari, cio`e cerchiamo u
del tipo
(3.10) u(x, t) =
+

n=1
b
n
e
n
2
t
sinnx.
(Supponendo che la serie converga e che sia possibile derivarla termine a termi-
ne due volte rispetto a x e una rispetto a t, u `e ancora soluzione dellequazione
in (3.3).) La condizione iniziale diviene
(3.11) u
0
(x) =
+

n=1
b
n
sinnx,
quindi a secondo membro compare uno sviluppo in serie trigonometrica di u
0
.
Possiamo prolungare u
0
a [, ] come funzione dispari e, successivamente, a
R come funzione periodica di periodo 2. In questo caso, la serie di Fourier
di u
0
`e formata da soli seni. Dunque, vale la (3.11) con
(3.12) b
n
=
1

u
0
(x) sinnxdx =
2

_

0
u
0
(x) sinnxdx.
Poiche (b
n
) `e limitata, la serie pu`o essere derivata termine a termine rispetto
a t in ]0, +[, per x [0, ] ssato, e rispetto a x [0, ], per t > 0 ssato.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
62 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
ESEMPIO 3.2. Consideriamo il problema (3.4) con u
0
(x) = x x
2
.
Risulta
(3.13) b
n
=
_

_
8
n
3
, per n dispari
0 , per n pari
Scrivendo n N dispari come n = 2k 1, con k N, la (3.10) fornisce la
soluzione
u(x, t) =
8

k=1
1
(2k 1)
3
e
(2k1)
2
t
sin(2k 1)x.
Osservazione 3.3.
`
E facile ricondurre al problema (3.3) altri pi` u generali
con un cambiamento di funzione incognita. Ad esempio, v soddisfa il problema
(3.14)
_

_
v
t
= v
xx
v(0, t) = , v(, t) = , t 0
v(x, 0) = v
0
(x) , 0 x
dove , R, se e solo se
u(x, t) = v(x, t)
_
+

x
_
soddisfa (3.3), con u
0
= v
0
[ + ( ) x/].
Ancora, w soddisfa
(3.15)
_

_
w
t
= w
xx
+w
w(0, t) = w(, t) = 0 , t 0
w(x, 0) = u
0
(x) , 0 x
se e solo se
u(x, t) = e
t
w(x, t)
soddisfa (3.3).
3.1.1. Lequazione non omogenea. Studiamo il seguente problema misto
di Cauchy-Dirichlet nella semistriscia, relativo allequazione non omogenea
(3.16)
_

_
u
t
=

2
u
x
2
+f
u(0, t) = u(, t) = 0 , t 0
u(x, 0) = u
0
(x) , 0 x
dove f = f(x, t) `e una funzione assegnata. Modichiamo il ragionamento
precedente. Sviluppiamo in serie di seni oltre al dato iniziale u
0
come in
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. LEQUAZIONE DEL CALORE 63
(3.11)-(3.12), anche il termine noto f:
(3.17) f(x, t) =
+

n=1
f
n
(t) sinnx,
con
(3.18) f
n
(t) =
2

_

0
f(x, t) sinnxdx,
e consideriamo, n N, i problemi
(3.19)
_

_
u
n
t
=

2
u
n
x
2
+f
n
(t) sinnx
u
n
(0, t) = u
n
(, t) = 0 , t 0
u
n
(x, 0) = b
n
sinnx, 0 x
La funzione
(3.20) u
n
(x, t) = T
n
(t) sinnx
risolve (3.19) se e solo se T
n
soddisfa
(3.21)
_
T

n
(t) = n
2
T
n
(t) +f
n
(t)
T
n
(0) = b
n
Dunque
T
n
(t) = b
n
e
n
2
t
+
_
t
0
e
n
2
(t)
f
n
() d
e troviamo le soluzioni elementari
u
n
(x, t) = b
n
e
n
2
t
sinnx + sinnx
_
t
0
e
n
2
(t)
f
n
() d .
La soluzione del problema (3.16) si ottiene allora mediante sovrapposizione
delle soluzioni elementari:
(3.22)
u(x, t) =
+

n=1
u
n
(x, t) =
+

n=1
b
n
e
n
2
t
sinnx
+
+

n=1
_
sinnx
_
t
0
e
n
2
(t)
f
n
() d
_
.
ESEMPIO 3.4. Risolviamo il problema
(3.23)
_

_
u
t
=

2
u
x
2
+sin3x
u(0, t) = u(, t) = 0 , t 0
u(x, 0) = sinx, 0 x
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
64 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
`
E chiaro che b
1
= 1, b
n
= 0 per n ,= 1, f
3
= 1 e f
n
= 0 per n ,= 3, quindi
T
1
(t) = e
t
, T
3
(t) =
1
9
(1 e
9t
)
e
u(x, t) = e
t
sinx +
1
9
(1 e
9t
) sin3x.
3.2. Il problema di Cauchy nel semipiano. Immaginiamo una sbar-
ra illimitata, che occupa interamente lasse x, e descriviamo come evolve la
temperatura quando `e assegnata in ogni punto allistante iniziale. Dunque
consideriamo il seguente problema di Cauchy
(3.24)
_
_
_
u
t
=

2
u
x
2
, x R, t 0
u(x, 0) = u
0
(x) , x R
nel semipiano R [0, +[.
u = u
0
t
x
Supponiamo u(, t), u
x
(, t) e u
xx
(, t) sommabili su R, t 0. Inoltre,
per ogni T > 0, esista f = f
T
(x) sommabile su R tale che
[u
t
(x, t)[ f(x) , x R, t [0, T] .
Questultima ipotesi permetter`a di derivare sotto il segno di integrale la fun-
zione
t
_
+

u(x, t) dx
e altre espressioni simili.
Lunicit`a pu`o essere mostrata in modo analogo al caso della semistriscia,
nel paragrafo 3.1. Invero, basta mostrare che, se u risolve il problema (3.24)
con u
0
0, risulta u 0. A tale scopo, notiamo che risulta
(3.25) lim
x
u(, t) = 0 = lim
x
u
x
(, t) ,
quindi u(, t) `e limitata, con
sup
xR
[u(x, t)[
_
+

[u
x
(, t)[ d .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
3. LEQUAZIONE DEL CALORE 65
Ne segue che u(, t) L
2
(R) e possiamo considerare la funzione
v(t) =
_
+

u(x, t)
2
dx, t 0 .
Tale funzione `e derivabile e la derivazione pu`o essere eettuata sotto il segno
di integrale; usando anche lequazione in (3.24), abbiamo
v

(t) = 2
_
+

u(x, t) u
t
(x, t) dx = 2
_
+

u(x, t) u
xx
(x, t) dx.
Nellultimo termine integriamo per parti, usando (3.25):
v

(t) = 2
_
+

u
x
(x, t)
2
dx
e concludiamo come prima.
Per risolvere il problema (3.24), usiamo la trasformazione di Fourier ri-
spetto alla variabile x:
F[f] =
_
+

e
jx
f(x) dx, R.
Applicando la trasformazione ad ambo i membri dellequazione u
xx
= u
t
,
otteniamo
F[u
xx
] = F[u
t
] .
Indichiamo con u = u(, t) la trasformata di u(, t). Notiamo che
F[u
t
] =
_
+

e
jx
u
t
(x, t) dx =
d
dt
_
+

e
jx
u(x, t) dx
per lipotesi fatta. Consideriamo la variabile come parametro. Per la
seconda formula fondamentale, arriviamo alluguaglianza
d
dt
u(, t) =
2
u(, t)
e quindi
u(, t) = c() e

2
t
.
La condizione iniziale implica u(, 0) = u
0
(), dunque
(3.26) u(, t) = u
0
() e

2
t
.
Per ricavare u, dobbiamo antitrasformare. Tenendo presente che
(3.27) e

2
t
= F
_
1
2

t
e

x
2
4t
_
e ricordando che la trasformata della convoluzione `e il prodotto delle trasfor-
mate, riconosciamo nel secondo membro della (3.26) la trasformata di
(3.28) u(x, t) =
1
2

t
_
e

x
2
4t
u
0
(x)

,
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
66 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
che fornisce la soluzione del problema.
La funzione
(3.29) K(x, t) =
1
2

t
e

x
2
4t
si chiama soluzione fondamentale dellequazione del calore. La soluzione data
dalla (3.28) si scrive
(3.30) u(x, t) = K(x, t) u
0
(x) .
Osservazione 3.5. Risulta
(3.31)
_
+

K(x, t) dx = 1 , t > 0 .
Questa uguaglianza `e il caso = 0 di (3.27). Inoltre
K(x, t) =
1

t
K
_
x

t
, 1
_
.
Ne segue, per il teorema sulle -successioni
lim
t0+
K(x, t) = (x)
e ancora
lim
t0+
u(x, t) = lim
t0+
K(x, t) u
0
(x) = (x) u
0
(x) = u
0
(x) .
4. Lequazione delle onde
Lequazione delle onde in tre variabili spaziali `e
(4.1)

2
u
t
2
C
_

2
u
x
2
+

2
u
y
2
+

2
u
z
2
_
= 0 ,
dove C > 0 `e una costante.
ESERCIZIO 4.1. Vericare che la funzione (J
0
`e la funzione di Bessel,
cfr. capitolo III)
u(t, x, y) = J
0
(
_
x
2
+y
2
) cos t
soddisfa lequazione delle onde in 2 variabili spaziali
u
tt
(u
xx
+u
yy
) = 0 .
Per semplicit`a, nel seguito ci limiteremo allequazione delle onde in una
variabile spaziale
(4.2) u
tt
u
xx
= 0 .
Si tratta di unequazione iperbolica. Loperatore dierenziale lineare che a
primo membro della (4.3) `e applicato a u si chiama operatore delle onde, o
dAlembertiano, e si denota con . Notiamo per esso la fattorizzazione
(4.3) =

2
t
2


2
x
2
=
_

t
+

x
__

t


x
_
.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
4. LEQUAZIONE DELLE ONDE 67
In eetti, per u C
2
, risulta
(u
t
u
x
)
t
+ (u
t
u
x
)
x
= u
tt
u
xx
.
Con il cambiamento di variabili
(4.4) = x +t , = x t ,
abbiamo
x =
+
2
, t =

2
,
quindi

=
1
2
_

x
+

t
_
,

=
1
2
_

x


t
_
,
e (4.3) fornisce

2
x
2


2
t
2
= 4

2

.
4.1. Il problema di Cauchy nel semipiano. Consideriamo il seguente
problema
(4.5)
_

2
u
t
2
=

2
u
x
2
, x R, t 0
u(x, 0) = f(x) , x R
u
t
(x, 0) = g(x) , x R
nel semipiano
(4.6) (x, t) : x R, t 0 .
u = f, u
t
= g
t
x
Le funzioni f e g denite in R sono assegnate. Esso si dice problema di Cauchy,
poiche sono imposte le due condizioni iniziali. Usando il cambiamento di
variabili (4.4), lequazione si riscrive
(4.7)

2
u

=

u = 0 .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
68 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
(Con abuso di notazioni, consideriamo u funzione di e .) Notiamo che il
semipiano (4.6) si trasforma nel semipiano del piano ,
(, ) R
2
: .
Dalla (4.7) segue che

u `e costante rispetto a ,

u = h() per unoppor-


tuna funzione h. Integrando rispetto a , otteniamo che u si esprime come
somma di una funzione di e una di :
u(, ) = () + () .
Tornando alle variabili x e t,
(4.8) u(x, t) = (x +t) + (x t) .
Questa `e la soluzione generale dellequazione in (4.5). Le condizioni iniziali
divengono allora
(4.9) u(x, 0) = (x) + (x) = f(x) , u
t
(x, 0) =

(x)

(x) = g(x) .
Ricaviamo e in termini di f e g da queste uguaglianze. Sia (x
0
, t
0
) un
punto del semipiano (4.6), cio`e t
0
0. Dalla seconda uguaglianza, integrando
abbiamo
_
x0+t0
x0t0
g(x) dx = (x
0
+t
0
) (x
0
+t
0
) (x
0
t
0
) + (x
0
t
0
) ,
mentre dalla prima otteniamo
f(x
0
+t
0
) +f(x
0
t
0
) = (x
0
+t
0
) +(x
0
+t
0
) +(x
0
t
0
) +(x
0
t
0
) ,
quindi, sommando e dividendo per 2, ricaviamo
(4.10)
u(x
0
, t
0
) = (x
0
+t
0
) + (x
0
t
0
)
=
1
2
_
f(x
0
+t
0
) +f(x
0
t
0
)

+
1
2
_
x0+t0
x0t0
g(x) dx.
Da questa formula si evince che u(x
0
, t
0
) dipende solo da f e g sullintervallo
[x
0
t
0
, x
0
+t
0
] (non su tutto R).
x
0 x
0
t
0
x
0
+ t
0
t
0
(x
0
, t
0
)
Mostriamo un altro modo di arrivare alla soluzione (4.10). Sia T il trian-
golo di vertici P = (x
0
, t
0
), A = (x
0
t
0
, 0), B = (x
0
+ t
0
, 0), isoscele sulla
base AB che appartiene allasse x.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
4. LEQUAZIONE DELLE ONDE 69
x
0
A B
t
0
x t = x
0
t
0
x + t = x
0
+ t
0
T
P
Mediante le formule di Gauss, se u soddisfa lequazione u
xx
u
tt
= 0, possiamo
scrivere
(4.11) 0 =
__
T
(u
xx
u
tt
) dxdt =
_
+FT
u
x
dt +u
t
dx.
Usando la condizione iniziale u
t
(x, 0) = g(x), chiaramente abbiamo
(4.12)
_
B
A
u
x
dt +u
t
dx =
_
B
A
u
t
dx =
_
x0+t0
x0t0
g(x) dx.
Sul lato BP, scegliendo t come parametro, abbiamo x = x
0
+t
0
t, 0 t t
0
,
e quindi, tenendo conto anche dellaltra condizione iniziale u(x, 0) = f(x)
(4.13)
_
P
B
u
x
dt +u
t
dx =
_
t0
0
[u
x
(x
0
+t
0
t, t) u
t
(x
0
+t
0
t, t)] dt
=
_
t0
0
_
d
dt
u(x
0
+t
0
t, t)
_
dt
= u(x
0
, t
0
) +f(x
0
+t
0
) .
Similmente calcoliamo lintegrale sul lato PA, trovando
(4.14)
_
P
B
u
x
dt +u
t
dx =
_
0
t0
[u
x
(x
0
t
0
+t, t) +u
t
(x
0
t
0
+t, t)] dt
= f(x
0
t
0
) u(x
0
, t
0
) .
Usando (4.12), (4.13) e (4.14) in (4.11), ritroviamo (4.10).
4.2. Problema misto nella semistriscia. Consideriamo il problema
(4.15)
_

2
u
x
2


2
u
t
2
= 0 , 0 x , t 0
u(0, t) = u(, t) = 0 , t 0
u(x, 0) = f(x) , 0 x
u
t
(x, 0) = g(x) , 0 x
Le ultime due condizioni al contorno si interpretano come condizioni iniziali
(allistante t = 0), quindi (4.15) si dice problema misto di CauchyDirichlet.
La soluzione u `e denita nella semistriscia
S = (x, t) R
2
: 0 x , t 0 .
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
70 IV. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI

u = f, u
t
= g
u = 0 u = 0
t
x
Moltiplichiamo per u
t
ambo i membri dellequazione:
(4.16) 0 = u
xx
u
t
+u
tt
u
t
=
1
2

t
(u
t
)
2
+
1
2

t
(u
x
)
2


x
(u
x
u
t
) .
Integriamo sul rettangolo [0, ] [0, T], per un certo T > 0:
(4.17)
0 =
1
2
_

0
dx
_
T
0

t
_
u
2
t
+u
2
x
_
dt
_
T
0
dt
_

0

x
(u
x
u
t
) dx
=
1
2
_

0
_
[u(x, T)[
2
[u(x, 0)[
2

dx

_
T
0
_
u
x
(, t) u
t
(, t) u
x
(0, t) u
t
(0, t)

dt ,
dove u = (u
x
, u
t
) `e il gradiente. Dalle condizioni al contorno u(0, t) =
u(, t) = 0, t 0 derivando rispetto a t, abbiamo u
t
(0, t) = u
t
(, t) = 0,
t 0, quindi lultimo integrale in (4.17) `e nullo. Inoltre, tenendo presenti le
condizioni iniziali, abbiamo u
t
(x, 0) = g(x), u
x
(x, 0) = f

(x), e riscriviamo la
(4.17) come segue:
(4.18)
_

0
_
[u
x
(x, T)[
2
+[u
t
(x, T)[
2

dx =
_

0
_
[f

(x)[
2
+[g(x)[
2

dx.
Questa `e detta equazione dellenergia e, data larbitrariet`a di T, mostra che
la quantit`a a primo membro `e costante.
La (4.18) permette di mostrare lunicita della soluzione. In eetti, se u
1
e u
2
risolvono (4.15), la dierenza u = u
1
u
2
soddisfa un problema analogo,
con dati iniziali nulli; in tal caso, il secondo membro in (4.18) `e nullo, cio`e
(4.19)
_

0
_
[u
x
(x, T)[
2
+[u
t
(x, T)[
2

dx = 0 .
Per larbitrariet`a di T > 0, (4.19) implica che u ha le derivate nulle nella
semistriscia ed quindi `e costante; annullandosi nei punti (0, t) e (, t), t > 0,
essa `e identicamente nulla.
Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico
2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di
Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco
Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli
Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a
degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica
e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico
II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato
Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-
2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria
Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di
Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli
Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Renato Caccioppoli Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno
Accademico 2009-2010 Luigi Greco Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli
Facolt`a di Ingegneria Universit`a degli Studi di Napoli Federico II Anno Accademico 2009-2010 Luigi
4. LEQUAZIONE DELLE ONDE 71
Per risolvere il problema (4.15), usiamo la trasformazione (unilatera) di
Laplace rispetto alla variabile t; poniamo
(4.20) (x, s) = L[u(x, )] =
_
+
0
e
st
u(x, t) dt
(supponendo la trasformabilit`a), dove s `e complesso. Supponendo di poter
derivare sotto il segno di integrale, abbiamo L[u
xx
] =
xx
e per la seconda
formula fondamentale,
L[u
tt
] = s
2
s u(x, 0) u
t
(x, 0) = s
2
s f(x) g(x) .
Pertanto, trasformando ambo i membri dellequazione in (4.15), arriviamo
allequazione dierenziale ordinaria per :

xx
= s
2
s f(x) g(x) .
Daltra parte, dalle condizioni al contorno deduciamo
(0, s) = (, s) = 0 .
Pertanto risolve il seguente problema ai limiti
(4.21)
_

xx
+s
2
= s f(x) +g(x)
(0, s) = (, s) = 0
Tale problema `e risolubile per ogni f e g se e solo se il problema relativo
allequazione omogenea associata
(4.22)
_

xx
+s
2
= 0
(0, s) = (, s) = 0
ha solo la soluzione banale, cio`e s ,= jn, per un numero n Z 0. Una
volta risolto (4.21), per ricavare u bisogna antitrasformare, u = L
1
[].
ESERCIZIO 4.2. Vericare che, nel caso f(x) = sinx e g(x) = 0, x
[0, ], il procedimento esposto fornisce la soluzione
u(x, t) = sinxcos t =
1
2
[sin(x +t) + sin(x t)] .