Sei sulla pagina 1di 4

La riforma bozza del 04/03/2013: Ai titoli sono attribuiti fino a un massimo di 15 punti, di cui 12 punti per il voto di laurea

e 3 punti per il curriculum degli studi universitari. La valutazione del curriculum e del voto di laurea avviene in conformit ai seguenti criteri: a) voto di laurea massimo 12 punti I Punti sono attribuiti valutando la posizione del voto di laurea rispetto alla distribuzione dei voti relativi al corso e allateneo di provenienza secondo la seguente scala valutativa: Voto di Laurea > 95 percentile =12 punti 90 percentile <Voto di Laurea 95 percentile = 10 punti 85 percentile <Voto d Laurea 90 percentile = 8 punti 80 percentile <Voto di Laurea 85 percentile =6 punti 75 percentile <Voto di Laurea 80 percentile =4 punti 70 percentile <Voto di Laurea 75 percentile =2 punti

I percentili sono determinati rispetto alla distribuzione dei voti di laurea dellanno accademico precedente rispetto a quello dellanno di ammissione alla Scuola (cio lanno in cui ci si laureati), assegnando alla votazione di 110 e lode ai fini della determinazione dei relativi percentili il punteggio di 113. A fronte di votazioni inferiori a 100 non si procede in ogni caso allattribuzione di alcun punteggio. b) Curriculum massimo 3 punti per la laurea conseguita con una media voti pari almeno a 29/30: 3 punti per la laurea conseguita entro con una media voti pari almeno a 28/30 e inferiore a 29/30: 2 punti per la laurea conseguita con una media voti pari almeno a 27/30 e inferiore a 28/30 : 1 punto

I parametri che sono presi in considerazione non sono valutati in modo adeguato: infatti con queste modalit verrebbe premiato il 30% di studenti con il voto di laurea pi alto, che in linea teorica giusto.

Ma vediamo un po di dati: Ancona - Universit Politecnica delle Marche 68,70% Bari - Universit degli studi 55,02% Bologna - Universit degli studi 55,45% Brescia - Universit degli studi 29,86% Cagliari - Universit degli studi 80,79% Catania - Universit degli studi 65,13% Catanzaro - Universit degli studi "Magna Grecia" 56,47% Ferrara - Universit degli studi 40,57% Firenze - Universit degli studi 65,26% Genova - Universit degli studi 42,60% L'Aquila - Universit degli studi 57,97% Messina - Universit degli studi 37,82% Milano - Universit Cattolica del "Sacro Cuore" 75,12% Milano - Universit degli studi 18,00% Milano - Universit Vita-Salute San Raffaele 82,80% Milano-Bicocca - Universit degli studi 54,12% Modena e Reggio Emilia - Universit degli studi 25,41% Napoli - Seconda Universit degli studi 60,00% Napoli - Universit degli studi "Federico II" 76,9% Padova - Universit degli studi 32,00% Palermo - Universit degli studi 75,00%

Palermo - Universit degli studi 27,89% Parma - Universit degli studi 33,09% Pavia - Universit degli studi 58,29% Pisa - Universit degli studi 34,02% Roma - Universit degli studi "La Sapienza" 57,87% Roma - Universit degli studi di "Tor Vergata" 31,88% Sassari - Universit degli studi 50,00% Siena - Universit degli studi 49,55% Torino - Universit degli studi 45,76% Torino statale - Universit degli studi 33,33% Trieste - Universit degli studi 48,35% Udine - Universit degli studi 33,33% Varese - Universit dell' Insubria 30,93% Vercelli - Universit degli studi del Piemonte orientale "A. Avogadro" 33,33% Verona - Universit degli studi 30,79% Dati del 2011 scaricabili dal sito del MIUR: http://statistica.miur.it/scripts/IU/vIU4.asp (le percentuali sono state derivate con un semplice foglio di calcolo)

Quindi prendiamo per esempio le statistiche di Verona, dove il 30% degli studenti si laurea con il 110 e lode, in questo caso un 110L equivarrebbe circa al 82 percentile, quindi prenderebbe 6 punti.

con 1 = percentuale studenti con voto di laurea <100, 2= percentuale studenti con voto di laurea da 105-101, 3= percentuale studenti con voto di laurea da 110-106, 4= percentuale di studenti con 110 e lode A Verona chi prende anche solo 110, rientrerebbe nel 70% meno bravo e avrebbe dunque 0 punti, con una differenza tra chi prende 110 e lode e 110 di 6 punti, quindi prendere 110 senza lode o 90 si equivarrebbe. Senza considerare che Verona, nei dati del MIUR, tra gli atenei con la percentuale minore di 110 e lode, infatti ci sono atenei in cui anche il 60% ottiene il 110L, facendo si che anche un 110L otterrebbe 0 punti per quegli atenei che hanno pi del 55% degli studenti che prende il massimo dei voti. Per cui questo farebbe si che ci sarebbero atenei con un numero molto ridotto di studenti in grado di competere con studenti provenienti da altri atenei per una differenza di partenza pari al 10% del punteggio globale che su un test che si basa solo su 100 domande a crocette una differenza notevole.
Ripasso di statistica: il rango (R) la posizione di un dato nella graduatoria, esempio: A arriva primo, quindi il suo rango 1, B arriva secondo quindi il suo rango 2; se due dati sono a pari merito il rango la media dei due, esempio: B e C arrivano entrambi secondi, quindi il loro rango sar 2 (rango di B) + 3 (rango di C) / 2 = 2,5 il rango percentile (Rp) relaziona il rango al numero di soggetti presi in considerazione e si calcola Rp= R*100 / (n+1) con n il numero di soggetti presi in considerazione.