Sei sulla pagina 1di 6

RENATO ALTERIO

Erano quattro, erano giovani e forti...e sono .

CE N'E' PER TUTTI

BARBA E CAPELLI

Gli stregoni del villaggio MARCO e TRAVAGLIO Desidero incominciare le mie diatribe occupandomi subito del primo eroe della banda dei quattro ossia di Marco Travaglio. Questo signore , a modo suo, di certo un brillante cantastorie, peccato per che le storie lui se le inventa se le canta e se le balla adattandole alle sue vittime a seconda delle sue convenienze. Infatti fra le tante parti in commedia, di memorabile memoria, che lui recita per abitudine non appena gli capita l'occasione, ne ha recitata una a favore di Di Pietro. Tutto normale dunque? He! No perch, non ci sarebbe nulla da eccepire se non fosse per il fatto che quella scena l'ha recitata proprio lui che di solito fa lo squartatore di cadaveri. Ma come mai? C' da chiedersi! E si perch, Travaglio ha come vizio inguaribile quello di sparare ad alzo zero contro tutto e contro tutti e persino di prendersela con i mulini a vento. Ed allora perch con Di Pietro no? Il perch lui non ce lo dir mai, noi per lo possiamo supporre. Tuttavia per convalidare la nostra supposizione dobbiamo ripartire dal fatto, non da quello quotidiano ma, incredibile ma vero, da quella recita la cui traccia si ritrova in una puntata di Servizio Pubblico, la trasmissione de La7 nella quale di solito, con la sapiente regia del santone Santoro, viene sistematicamente messa in scena la parodia di un tipo di moderna Santa Inquisizione contro le eresie vere o supposte della politica. Ebbene, quella sera, alla trasmissione parteciparono anche il Di Pietro medesimo, 2

insieme all'estemporaneo Giulio Tremonti e naturalmente al sublime Marco Travaglio. Contrariamente al solito, il Travagliato inquisitore universale trad le attese e, anzich sbranarsi Di Pietro separandone la carne dalle ossa, come lui usa fare di solito con i soggetti presi di mira, meraviglia! Prese le difese di Di Pietro in relazione allinchiesta fatta da Report su certi movimenti monetari sospetti dellItalia dei Valori. Ahi, ahi Travaglio! Il fatto ci sembra talmente singolare da poterlo paragonare alla solitudine dei numeri primi! Senonch, scavando, scavando abbiamo appurato in seguito che: ad occuparsi del settore comunicazione dellIDV sino al 2010 stata la Banda Casaleggio! Ossia la Casaleggio Associati proprio quella con la quale Travaglio ha avuto degli interessi comuni. Sar stata una coincidenza? Oppure no? Lui parla male di tutti ma, evidentemente, quando si riferisce ai suoi compari di merende, ne parla bene a prescindere. Il fatto che gli sproloqui del Marco Travaglio nazionale, seppur divertenti, sono un vizio consolidato dell'autore abituato a lanciare le pietre e, se qualche volta ci non accade, non per caso ma presumibilmente per via della collusione del Santo Travaglio con i suoi sodali, collusione che c' eccome perch, diciamolo pure che lui ha scritto diversi libri pubblicati da chi? Ma dalla Casaleggio Associati no? La stessa di cui si era servito Di Pietro. Per di questo editore Marco Travaglio si guarda bene dal parlarne male. Eppure, probabilmente, qualche scheletro nell'armadio ce l'avr pure il caro Casaleggio come ci sembra di capire da certi resoconti della sua vita pubblica. Niente di strano, per carit, farsi pubblicare libri dalla Casaleggio Associati non un reato per, allo stesso tempo, alla luce dei fatti, non poi tanto strano supporre che Travaglio, il Marco Nazionale, si genufletta in adorazione quando elogia il Casaleggio in questione. Ma perch proprio sulla Casaleggio che ci casca l'asino? Ahi! Ahi! Perch i sospetti ci derivano dalla storia del suo poco chiaro passato. Oggi invece tanta la gente che fa la riverenza a questo Casaleggio, super-guru, che cento ne fa e mille ne pensa! Lui, il tenebroso, l'informatico per professione, ha capito che il potere della rete immenso e perci della rete si serve, non solo per comunicare ma soprattutto per scomunicare. Quale opportunit migliore di quella c' per amministrare il proprio business personale? Con la rete ci si possono fare tante cose per esempio manipolare le menti, le opinioni e le 3

scelte della gente. La rete opportunamente gestita suggestiona, convince e fa sentire protagonisti quelli che sono invece dei semplici allocchi. E si perch, in rete, in realt, c sempre un burattinaio come Casaleggio che muove quei fili ai quali sono appesi miseri personaggi di paglia che fanno tutto ci che il burattinaio vuole che facciano. Navigare nel web, cos come fanno oggi certi individui senz'anima e quindi poveri di spirito, significa navigare non nel mondo delle idee ma in un mare di merda calata, nel nostro caso, sul web dal Casaleggio nel nome di Grillo. Ed allora, immaginare che il web sia un faro che ci illumina le mente pura illusione, l'uomo che ha dignit deve invece essere in grado di pensare con la propria testa e decidere in base alle proprie idee. Per giudicare sulla affidabilit delle persone occorre guardarle in faccia e non basta il web a questo scopo. Per, ci premesso, anche giusto ammettere che non bisogna fare di tutta l'erba un fascio perch qualche cosiddetto grillino, (scusatemi la semplificazione) che prova a ragionare c' ed esiste pure ed i suoi dubbi li esprime, senza mezzi termini, proprio nel Blog di propriet di Grillo e Casaleggio. Infatti leggiamo quello che uno di loro vi ha scritto: ...l'avversione (di Grillo) a qualsiasi apertura a Bersani evidente per come riuscir a sopprimere il dissenso interno quando organizzer la marcia su Roma? Io sono dellidea che non sia un bene dare il paese in mano ad un uomo che non si e espresso una sola volta senza urlare. ...Non ho votato per un uomo che si rivolge alla pancia anzich alla testa delle persone e si approfitta della rabbia e della frustrazione delle persone per ottenere un successo elettorale. Anche troppo grande, a quanto pare perch ora che potrebbero far ascoltare le loro proposte, i 5stelle, non vogliono far governare. E rilanciano proponendo di governare loro- che non hanno preso la maggioranza!...... A sfregio di tutte le regole e le prassi. Cominciamo bene. Di uomini urlanti e con la battuta pronta, sbucati fuori dopo momenti di grande crisi e corruzione della politica, in Italia, ne ricordo almeno due. Uno sbucato nel 22, laltro nel 94. Le proposte, i toni, il rifiuto della classe politica esistente i temi sono sempre gli stessi! Ci vogliamo fare cos altri 20anni?! Ma non basta perch un altro grillino dubbioso scrive invece:..Ho votato Grillo perch mi hanno convinto le sue idee ma adesso ho molti dubbi sul suo modo di procedere. Sicuramente ha incarnato la 4

disperazione del nostro paese e ha vestito la parte istintiva e delusa di ognuno di noiha dato voce al nostro istinto con tutti a casa ma il grande dubbio e: se vanno davvero tutti a casa cosa succeder? ....prima si agiva con le televisioni, con Berlusconi e il meno tasse per tutti, ora si va con i vaffa e tutti a casa allo stesso modo? Io credo che il dialogo sia stato sempre il miglior modo per governare e, trovare un compromesso sia il miglior modo per iniziare a governare questo paese devastatol'Italia e stata sempre moderata alla fine.ora mi chiedo cosa accadr? .Dopo di che ancora, un grillino deluso scrive:.ho bazzicato per qualche tempo ( molto tempo prima della nascita del M5S) il blog di Grillo e non mi piaciuto il metodo di discussione (?????) e me ne sono andato; ho conosciuto aderenti al movimento con idee abbastanza concrete per cui mi sono fermato a riflettere cercando di analizzare le cose da un altro punto di vista, ed ho concluso che era meglio votare per qualcun altro. Un quarto dei votanti ha deciso il contrario e cos come non sono stato felice nel 94 non lo sono nemmeno oggi, specialmente quando sento il guru continuare ad alimentare il fuoco dellintolleranza invece di gestire il SUCCESSO per : ridurre il n dei parlamentari, cambiare lodiata legge elettorale, abbattere il finanziamento ai partiti per come congegnato, etc.etc.etcDalle mie parti si usa dire hai voluto la bicicletta?? Ora pedala.. Ma ancora non tutto perch leggo ancora con interesse che: .io voglio capire e soprattutto sapere sempre cosa ci sia dietro ad ogni cosa, fatto, disastro, movimento politico. Col web possiamo avere molte informazioni il problema che nessuno pu assicurarci se ci che leggiamo sia la realt dei fatti oppure qualcosa di confezionato a tavolino per confondere le idee, mettere paura o convincerci di abbracciare una certa posizione. ..sto vivendo questi tempi assurdi, le aziende chiudono non perch non hanno le capacit di produrre ma perch sono colpiti da una tassazione insostenibile e devono chiudere per forza, cio sono spinti a chiudere, falliscono perch sono indotti a farloquindi chiaro che tutto il sistema politico abbia il solo unico scopo di ridurci alla fame. il web rappresenta la libert di informazione ma spesso questa liber si rivolta contro di noi proprio perch qualsiasi cosa possono scriveree questo problema adesso investe pure grillogrillo il salvatore? Oppure fa parte pure lui del sistema? Larticolo che ho letto pare 5

assecondare questa ultima ipotesi e cos ancora altra confusioneio ho creduto e spero di poter continuare a creder nel movimento, se non altro perch la gran parte della gente che lo compone davvero gente comune nel meet up del mio paese ci sono persone per bene che vogliono davvero cambiare le cose perch cos, davvero, non si pu andare avantiper certo se ci sono i dubbi che la Casaleggio sia in combutta con la goldman sachs la cosa mi preoccupa un po,... ma perch nel sito della Caleggio tra i partners non compare Enrico Sassoo? L'hanno rimosso? Scusate ma io non ho grandi mezzi per informarmi seriamente anche perch, ripeto, il web mi sta un po deludendo, non si sa pi cosa sia veramente comprovato e reale e cosa invece sia falsosono davvero preoccupata

DUBITO ERGO SUM Nota: Preoccupato lo sono anch'io. Sui dubbi comunque oso dire la mia, non crocifiggetemi per questo: Chi dubita . Chi non dubita un cretino! E scusatemi per la franchezza! Senza offesa per nessuno. Alterio Renato.