Sei sulla pagina 1di 120

Corpo musicale Giuseppe Verdi - Sovico -

Centanni... suonati

1908-2008 100 Anniversario di fondazione


Emilio Galli Ivano Galbiati

Corpo musicale

GIUSEPPE VERDI
- Sovico 1908-2008 100 Anniversario di fondazione

12

18

21

24

25

29

32

35

38

41

45

5 7

8
10

11 13

14
15

16

23

27 26
28

31

34

37

40 39

42 44

46 43 47

19 17
20 22

30

33

36

Il Corpo bandistico Giuseppe Verdi. Sovico, Piazza della chiesa, 4 novembre 2007.
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 Angelo Arcaini Adler Ambrosi Luigi Galli Federico Guerrera Eleonora Rossetti Luigi Ferrario Chiara Paganelli Antonella Airoldi Alberto Pirola Emilio Galli Luca Morganti Mario Aliprandi Alessandra Paganelli Francesca Recalcati 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 Delia Gatti Elisa Canzi Elena Canzi Marco Rossetti Viviana Marchesi Enrico Pirola Bruno Brambilla Francesco Canzi Antonio Ferrara Mattia Culatti Sofia Paleari Massimo Salezze Sara Motta Eleonora Recalcati 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 Angelo Conte Paola Paleari Sergio Canzi Fabrizio Sala Monica Vigan Marco Valtorta Alfredo Caglio Chiara Colombo Giovanni Valtorta Diego Paleari Anna Colombo Ivano Santamaria Riccardo Terruzzi Silvio Motta 43 Il Sindaco di Sovico Dott. Pierluigi Sala 44 Il Presidente della banda Dott. Marco Gatti 45 Il Maestro della banda Emilio Zerbato 46 Il presidente dellAssociazione
Combattenti e Reduci di Sovico

Giuliano Terruzzi 47 Il Parroco di Sovico Don Carlo Gussoni

INDICE

Presentazioni Introduzione I II III IV V VI VII VIII IX Le origini La nascita e i primi anni La ricostituzione del 1928 e la successiva espansione Il secondo dopoguerra Gli anni Sessanta e Settanta Il rinnovamento degli anni Ottanta Gli anni Novanta: il salto di qualit L'inizio del terzo millennio: affermazione e nuove tendenze 1908-2008: cent'anni suonati

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

4 9 11 15 23 31 41 47 57 75 91 105 112 114

Attivit e statuto Tavole cronologiche Bibliografia

In ogni Comune dItalia le bande musicali hanno adempiuto da tempo ad unalta funzione educativa. Occorre che continuino a svolgerla con il massimo vigore, aiutati da tutti coloro che ne conoscono le tradizioni e ne apprezzino le funzioni. On. Amintore Fanfani

Salvare e potenziare le bande musicali un obbligo culturale. Esse rappresentano, per tante citt del nostro Paese, lunica occasionne di ascoltare musica, spesso gratuitamente Maestro Riccardo Muti

PRESENTAZIONI Cento anni insieme


Raggiungere il centenario di fondazione, una soddisfazione troppo grande per non condividerla. Questo volume vuole essere un mezzo per gioire con voi, che avrete la bont di leggerci, e un ringraziamento per il sostegno che ci avete dato e vorrete continuare a darci. Nel novembre scorso, quando abbiamo scattato la foto ufficiale sul sagrato della chiesa, abbiamo cominciato a realizzare cosa stava accadendo: il traguardo dei cento anni era nostro! Un secolo, cento anni, trascorsi con Sovico nei suoi momenti significativi; agli appuntamenti importanti, nelle giornate tristi e di festa: la storia del Corpo Musicale la storia di Sovico. Accompagnare la vita di una citt esaltante, ci d la possibilit di vivere in prima persona gli accadimenti. Questo privilegio, di cui siamo ben consci e che vogliamo tenerci ben stretto, significa tuttavia responsabilit nei confronti dei cittadini. Mancare un appuntamento, tenere un concerto di scarsa qualit o solo dare l'impressione di essere impreparati nuoce a noi stessi, ma soprattutto all'immagine di Sovico. Essere componente del Corpo Musicale vuole dire far parte di una istituzione che suona buona musica, vuol dire giornate dedicate allo studio e alle prove, vuol dire concerti preparati con impegno e rigore e vuole dire sentirsi fieri di rappresentare con orgoglio la nostra comunit. La nostra scuola, che tanto ci contraddistingue, insegna ad amare la musica, a suonare gli strumenti e a comprendere il valore di fare gruppo per raggiungere un traguardo comune. Genitori assecondate il desiderio dei vostri figli di suonare nella banda! Tutto il nostro impegno per, sarebbe vano se non sentissimo l'affetto dei cittadini, la vicinanza dell'Amministrazione Comunale e della Parrocchia. A loro desideriamo rivolgere un sentito grazie per quanto hanno fatto fino ad ora, chiedendo di seguirci sempre con interesse e generosit, di criticarci se necessario e di spronarci, affinch possiamo raggiungere obiettivi sempre pi ambiziosi.

Gatti dott. Marco Presidente del Corpo Musicale Giuseppe Verdi

Il Corpo Bandistico Giuseppe Verdi: una grande famiglia

E' un piacere poter esprimere un pensiero per il nostro Corpo Musicale, in occasione del centenario dalla fondazione. La Banda riesce a far convivere persone di diverse generazioni: coinvolge nella musica giovani e meno giovani, che si ritrovano con lo scopo di divertirsi e allietare il nostro pubblico; davanti allo spartito tutti sono uguali e ogni nota che esce da ogni singolo strumento indispensabile per ottenere una buona esecuzione. Non dobbiamo dimenticare che le Bande sono nate con lo scopo di portare la musica nelle piazze e nelle vie dei paesi e le inevitabili necessit di innovazione e rinnovamento devono potersi integrare con le tradizioni. Il Corpo Musicale ha dato a molti la possibilit di avvicinarsi alla musica, cercando sempre di sollecitare e stimolare lo sviluppo e la crescita dei singoli componenti. Con soddisfazione si pu sottolineare come diversi componenti, ai quali la nostra Banda ha fornito le prime basi fornendo sia gli strumenti che l'istruzione, hanno poi conseguito buoni traguardi in campo musicale. Il Corpo Musicale una famiglia e come in tutte le famiglie l'unione che fa la forza. Dobbiamo essere riconoscenti verso chi, nel corso di

questi cento anni, si impegnato per questa associazione, consentendole di superare anche momenti difficili ed arrivare fino a noi; abbiamo tutti il dovere di mantenere vivo lo spirito che caratterizza il Corpo Musicale G. Verdi di Sovico e far s che questo importante traguardo diventi il punto di partenza per una nuova e ulteriore crescita. Ringrazio la mia famiglia, le famiglie dei musicisti, le Autorit civili e religiose e il nostro Presidente, che ci sostengono in questa attivit, coloro che mi hanno dato fiducia e mi hanno permesso di vivere questa esperienza di direzione e tutti i componenti che mi sopportano pazientemente, prova dopo prova.

Emilio Zerbato Maestro del Corpo Bandistico Giuseppe Verdi

La Banda compie cento anni!

Consentitemi di chiamarla Banda, perch cos, con questo nome, conosciuta dalla maggioranza dei sovicesi. Coincidenza vuole che il sottoscritto ne abbia gi salutato, proprio nella funzione di Sindaco, il settantacinquesimo compleanno e ora sono oltremodo felice e onorato di fare gli auguri per questo importantissimo anniversario. Fare gli auguri al nostro Corpo Musicale significa fare gli auguri a tutti coloro che in questi cento anni gli hanno consentito di nascere e crescere, soprattutto in qualit. Mi riferisco ai bandisti, ai Maestri, ai Presidenti, ai componenti del Consiglio di Amministrazione e a tutti coloro che hanno in qualche modo collaborato alla sua crescita. Solo gli auguri non sono per sufficienti. Sono necessari anche i complimenti e i ringraziamenti che mi sento di fare a nome di tutta la popolazione per l'impegno svolto a titolo gratuito, perch animato soprattutto dalla passione per la musica e dalla convinzione di svolgere un compito di volontariato a favore del proprio paese e delle sue vicissitudini. Una volta si diceva che un paese, per essere tale doveva avere, oltre agli organi istituzionali civili e religiosi, il campanile e la banda e questo la dice lunga sull'azione insostituibile dei nostri bandisti al seguito delle

manifestazioni civili, religiose e culturali sia nazionali sia internazionali, perch la musica ha un linguaggio comune a tutte le nazioni e a tutti i popoli e sa esprimere, in modo comprensibile per tutti, i sentimenti pi intimi connessi al tipo di evento che viene celebrato. Tanti auguri per questa importantissima tappa di un lungo percorso che auspichiamo senza fine, confortati dall'attuale ottimo stato di salute musicale di un gruppo in cui alla esuberanza dei giovani si accompagna l'esperienza e la saggezza degli anziani.

Sala dott. Pierluigi Sindaco di Sovico

Un secolo di musica bandistica

Un'altra tappa importante di questo gruppo, che anima la nostra comunit da cent'anni. E il pensiero corre subito alla data di fondazione del 1908 e percorre tutti gli anni successivi, rievocando i momenti in cui la nostra banda ha saputo interpretare i sentimenti pi profondi della nostra popolazione, esprimendoli armonicamente come un cammino di insieme. Anch'io, per pi di trent'anni, sono stato testimone di questo tragitto ed ora mi si affacciano alla memoria tanti volti che, ieri e oggi, hanno dato un'anima al corpo bandistico. Certo, conta la musica e in questi anni l'esecuzione dei pezzi musicali si sempre pi affinata sotto la guida di presidenti appassionati, di valenti maestri e di bandisti sempre pi preparati; ma ascoltando il nostro corpo bandistico, sentiamo vibrare dei sentimenti che solo l'entusiasmo, la dedizione e il dono di tante risorse umane sanno trasmettere. Cos, i volti si confondono con le note musicali e ci fanno sentire partecipi di un vissuto che tocca il nostro cuore.

Un grazie vivissimo allora al nostro corpo bandistico e a tutti coloro che lo dirigono e sostengono, perch un grande dono per tutta la nostra comunit. Ai ringraziamenti si unisce un cordialissimo augurio, affinch la banda sia sempre l'anima viva del nostro cammino.

Don Carlo Gussoni Parroco di Sovico

Un esempio per tutta la comunit

In occasione del centenario di fondazione del corpo musicale G. Verdi di Sovico, con grande piacere che, a nome di tutti i soci della cooperativa La Vittoria, esprimo un grande ringraziamento. Grazie per la loro presenza in paese, perch ci fa vivere momenti culturali di grande intensit, coinvolgendo tutta la popolazione in occasione delle varie manifestazioni civili e religiose. La continua partecipazione della gente alle esibizioni, testimonia quanto sia ben voluta e stimata da tutti i sovicesi. Grazie anche per essere presenti nei locali della cooperativa Combattenti, per l'impegno a favore della musica e per i momenti formativi rivolti ai giovani. E' dal 1932 che noi ci onoriamo di questa presenza. Lo spirito con cui il primo Presidente della cooperativa La Vittoria, Conte Rossi Martini, ospit la banda ancora presente e mi auguro possa rimanere sempre. Grazie, infine, perch l'impegno musicale ci invita a lavorare per la promozione della cultura, cosa che caratterizza anche la nostra associazione.

Auguro ai responsabili del corpo musicale G. Verdi, ai bandisti e a tutti coloro che si prodigano di continuare su questa strada. La cooperativa La Vittoria sar sempre vicino alla banda. La loro presenza sia di esempio per far crescere tutta la comunit.

Giulio Terruzzi Presidente della cooperativa La Vittoria di Sovico

INTRODUZIONE La passione per la musica vince contro il tempo


Le bande sono un modo semplice e divertente per entrare nel mondo della musica e permettono a molte persone di accostarsi a questa arte. Infatti, la realt bandistica presente su quasi tutto il territorio italiano con quattromila complessi, comprendenti circa centottantamila musicisti, dilettanti e non. Questi sodalizi compensano lo scarso insegnamento della musica attuato nelle scuole, aiutando a conservare e a diffondere un certo tipo di repertorio, che gode di lunghe tradizioni popolari e culturali. Non meno importante la funzione sociale delle bande: non solo animano le manifestazioni civili e religiose, ma coinvolgono anche ragazzi, giovani, adulti e anziani. Tra le diverse situazioni che dividono la societ, questi gruppi hanno ancora la capacit di unire, trasmettendo valori importanti per la crescita umana, quali la passione, la solidariet, l'impegno costante. E tali valori emergono in modo evidente dalle pagine di questa pubblicazione, realizzata in occasione del centesimo anniversario di fondazione del Corpo Bandistico Giuseppe Verdi di Sovico. Scorrendo i vari capitoli, ordinati cronologicamente e arricchiti da un buon numero di fotografie, si incontrano numerose persone che, in modo umile ma determinato, si sono impegnate gratuitamente per sostenere la banda, anche nei momenti di difficolt, dimostrando una grande forza morale. Alla storia di queste persone si unisce una ricerca storica e archivistica dettagliata, attraverso cui stato possibile ricostruire le tappe fondamentali del sodalizio musicale sovicese nei suoi cento anni di vita. Documenti, appunti, fotografie, testimonianze orali: tutto stato utilizzato in modo armonico per la ricostruzione storica. Per quanto riguarda le testimonianze orali, opportuno ricordare quanto raccontato da alcuni sovicesi, legati in modo particolare alla vita della banda: il loro racconto non solo ha confermato le fonti scritte, ma ha anche contribuito a dare un'anima a tutta la pubblicazione, esprimendo stati d'animo, ricordi, emozioni. Tutto ci ha dato vita a questo volume, che presenta le tappe fondamentali di un'istituzione sempre viva, grazie soprattutto allo spirito di servizio ed alla passione per la musica dei suoi componenti. Questi hanno saputo conservare nel proprio cuore tali sentimenti, veri vincitori nella sfida contro il tempo.

Gli autori

10

Capitolo I

Le origini

11

12

Negli ultimi anni dell'Ottocento, un gruppo di sovicesi appassionati di musica aveva dato vita ad un Circolo Mandolinistico, formato da suonatori di mandolini, chitarre, contrabbasso e da alcuni flauti. La sede era in via Giovanni da Sovico n. 43 (nell'ex colorificio Galli), presso la corte della Zia noiosa, ed occupava i locali in affitto di propriet dei signori Galbiati, detti i Buton. Il titolare si chiamava Ambrogio, detto Busin, anch'egli componente dell'orchestra filarmonica come suonatore di flauto.

Vale la pena ricordare che Ambrogio Galbiati, verso il 1860, in quella corte apr un'industria tessile di tappeti da tavolo, con circa trenta telai. Possiamo dire che fu la prima industria tessile sovicese, un primato che dur un ventennio, fino all'arrivo della Ditta Frette. La nascita del corpo bandistico Giuseppe Verdi di Sovico avvenne mediante il passaggio dagli strumenti a corda con quelli di ottone.

Il Circolo Mandolinistico di Sovico, 1891. Il primo seduto a sinistra Villa Eli, il padre di Filippo, che sarebbe diventato Presidente del corpo musicale dal 1954 al 1967.

13

14

Capitolo II

La nascita e i primi anni

15

16

Angelo Recalcati, organista e titolare della Fabbrica di organi da chiesa, istituita a Sovico verso la met dell'Ottocento, e suo fratello Vittore, suonatore di piano che lavor nella ditta fino al 1923, fondarono il primo gennaio 1908 quello che oggi chiamiamo Corpo Musicale Giuseppe Verdi. Vittore fu anche il primo Maestro della banda, la quale si manteneva quasi esclusivamente grazie all'entusiasmo e alla passione dei suonatori. Questi provvedevano personalmente al finanziamento di tutte le attivit.

Nel 1911, con il ritorno dei soldati sovicesi reduci dal fronte Libico, il corpo musicale esegu un concerto di accoglienza.

A sinistra, Angelo Recalcati (1877-1966) insieme al fratello Vittore (1888-1961), s.d.

Tra le prime manifestazioni pubbliche della banda, si ricorda l'esibizione del 16 maggio 1909, presso la stazione ferroviaria di Macherio - Sovico, in occasione dell'arrivo a Sovico del nuovo Parroco, don Domenico Orlandi Arrigoni, inviato dall'allora Cardinale Andrea Carlo Ferrari. In seguito, don Arrigoni sar tra i principali sostenitori del corpo musicale.

La partitura pi vecchia conservata nell'Archivio della banda, manoscritto con pennino d'oca, 1913.

Durante la Prima guerra mondiale, l'attivit della banda fu sospesa. Nel 1919, per volere dei musicanti e con l'aiuto del parroco don Arrigoni, l'attivit del corpo musicale fu ripresa e la sede si spost nel locale dove

17

ora c' la sala biliardi di via Roma 5. Alla direzione fu chiamato il Maestro Sbarra di Monza. Con la sua professionalit, si valorizz a tal punto l'opera dei suonatori che la banda non solo vide aumentare i componenti, ma miglior anche la sua qualit artistica. Sicuramente, il servizio pi emozionante di quell'anno

fu l'inaugurazione del monumento i caduti, presso il cimitero sovicese: La seconda domenica di novembre [scrive il parroco di Sovico, don Arrigoni, sulle pagine del bollettino parrocchiale L'amico in famiglia, alle ore 16, terminate le funzioni in chiesa, si and al cimitero per l'inaugurazione del monumento ai nostri

Diploma di Primo Premio ottenuto dal Corpo Musicale Giuseppe Verdi di Sovico, in occasione di un raduno di gruppi musicali a Lissone, ottobre 1914.

18

caduti. Sfilarono in lungo corteo un picchetto armato, la banda, i Combattenti, l'Unione Giovani, le famiglie dei caduti, una rappresentanza delle Figlie di Maria con corona, il clero, le autorit, gli invitati con tutto il resto della popolazione. Tolto il drappo che copriva il monumento, il parroco benedisse e la Schola Cantorum esegu un coro d'occasione A causa di impegni personali, nel 1923 il Maestro Sbarra fu costretto ad abbandonare la direzione del sodalizio musicale. Poco dopo, il Partito nazionale fascista fece la promessa di finanziare la banda se i componenti si fossero iscritti allo stesso, ma poich nessuno accett, il gruppo si sciolse e dal Comune venne l'ordine di consegnare tutti gli strumenti musicali. Questi, acquistati dai componenti a proprie spese, furono depositati presso la sede comunale. Successivamente, Don Arrigoni, insieme a Filippo Villa, si preoccup del recupero degli strumenti musicali e mise a disposizione dei musicisti i locali dell'oratorio, dall'entrata di via Lambro. Cos, Filippo Villa, raccont quelle fasi: Un giorno venni chiamato dal rev. parroco, Don Domenico Orlandi Arrigoni, per discutere sul da farsi per la ripresa del corpo musicale e dopo una lunga seduta venne nella determinazione di mettere a disposizione i locali delloratorio dallentrata di via Lambro, affidandomi lincarico di recarmi in Comune a parlare col Podest, lallora Conte Gian Luigi Malliani, per fissare la data del ritiro degli strumenti. Non sto a scrivere lo scalpore che fece non appena gli

accennai la questione, furibondo, borbott frasi che non potei afferrare, battendo contemporaneamente il bastone sul tavolo a viva forza. A questo punto, mi allontanai e tornai dal parroco, un p bianco in viso ( verit), raccontandogli laccaduto. Allora, Don Arrigoni, alzandosi dalla sedia, si cinse la veste e minvit a seguirlo in Comune dal Podest. Giunti sul posto, tutti i presenti si precipitarono a mettergli a disposizione la poltrona, affinch si accomodasse e fu ricevuto come un re. Comera cambiata la scena, e si che io mi recai a nome suo! In quelloccasione venne fissata la data per il ritiro di tutti gli strumenti e la banda ebbe inizio il suo nuovo corso agli ordini del Maestro Carlo Bianchi di Meda. Don Arrigoni descrisse in modo preciso le fasi critiche del corpo bandistico in questo periodo attraverso le pagine del bollettino parrocchiale L'Amico in famiglia. Nell'ottobre 1925, cos scrisse: Dopo alcune peripezie, i soci della banda musicale trovarono di potersi rimettere in cammino, volendo mantenere al paese prestigio e decoro anche da questo lato. Venne perci chiamato il Maestro Carlo Bianchi di Meda il quale, in poche lezioni date finora, ha gi mostrato di sapere il fatto suo. Con lui la banda partecip alla cerimonia della posa della prima pietra della nuova chiesa parrocchiale di Sovico, benedetta dal Card. Eugenio Tosi, in visita pastorale il 28 ottobre 1925. Evidentemente, don Arrigoni aveva ben capito il ruolo fondamentale della banda musicale, sia dal punto di vista culturale che sociale. Per questo motivo, si era mosso personalmente affinch

19

l'attivit del sodalizio musicale sovicese non finisse. A questo scopo furono pertanto emesse azioni da 10 Lire cadauna, gi in gran parte coperte, ma non ancora sufficienti allo scopo. Nel giugno 1926, don Arrigoni inform la comunit

sovicese sulle sorti della banda e sui nuovi obiettivi da raggiungere: Questa compagnia sub varie vicende non sempre favorevoli. L'anno scorso si rivolse di spontanea volont al parroco, perch l'avesse a sostenere e dirigere.

Una foto di gruppo del sodalizio musicale, inizio anni Venti del Novecento.

20

Questi, visto che per il decoro delle processioni ed anche per l'onore del paese era bene mandarla innanzi, assecondando cos l'idea della popolazione, provvide ai bisogni tecnici e finanziari, procurando un maestro e chiedendo l'obolo delle famiglie, cui non manc. Si ebbe qualche buon successo e le speranze di miglior rinascita si accrebbero. Se non che, perseverare non fu di tutti. Occorrendo qualche tempo fa per ragioni d'ordine superiore di dover traslocare ad altra sede. Alcuni soci, per ragioni n sode, n plausibili, si ritirarono dal corpo musicale, trafugando anche qualche istrumento, che a detta degli anziani e dei fondatori della Societ doveva rimanere presso la medesima e rendendo inutili parecchie lezioni del maestro. Ora, per, un bel gruppo di giovinetti attende allo studio della musica, per rimpiazzare i posti vuoti, e se il diavolo non ci metter le corna, e le famiglie daranno ancora il piccolo contributo di 10 Lire annue, si potr riuscire di buon punto. Il corpo musicale conserver il nome di banda del paese e come finora ha prestato servizio nelle varie occasioni d'ordine religioso e civile, cos d'accordo colla direzione, continuer allo stesso modo per l'avvenire se vivr, esclusione fatta soltanto per dimostrazioni antireligiose, antipatriottiche ed immorali, se mai accadessero. L'anno successivo, nel gennaio 1927, don Arrigoni pot finalmente comunicare alla comunit sovicese i progressi della banda: il corpo musicale, nella seconda festa di Pasqua, volle dare un concerto in Piazza Garibaldi, che a giudizio di tutti riusc soddisfacente.

Poco dopo, per il parroco ricord a tutti di adempiere al proprio dovere: Ognuno per sa che la banda costa e quindi bisogner presto venire in aiuto. Nel dicembre dello stesso anno, i sovicesi furono informati che la banda musicale, che sta per riprendere le lezioni sotto la direzione del valentissimo Maestro Sbarra. Appoggiata dalle autorit e dalle persone pi influenti del paese, e proseguir, nella certezza di essere ben vista da tutta la popolazione, con volont tenace e costante di riuscire sempre meglio nel proprio intento. Tutte le autorit sovicesi, civili e religiose, si erano impegnate con vigore nel far crescere l'attivit del corpo bandistico. In primo luogo, era di fondamentale importanza la preparazione dei bandisti, che avrebbero dovuto accompagnare e allietare i diversi momenti della vita sovicese: Col primo luned di gennaio, il signor Giovanni Sbarra, Maestro del Corpo Civico Musicale di Monza, ha incominciato le lezioni alla nostra banda che, dietro indicazione del medesimo, aveva rinnovato tutti gli istrumenti, dando inizio ad un nuovo repertorio di marce, di inni e di quant'altro il sullodato Maestro, nella sua lunga e provata esperienza vorr insegnare. Dell'esito favorevole ne faranno garanzia da un lato la valentia e la disciplina con cui il signor Sbarra tiene la scuola, dall'altro la buona volont e la tenacia dei bandisti nuovi e vecchi, tornati ad occupare il loro posto nei vari reparti del corpo musicale. Non contenti delle lezioni che loro vengono impartite nelle ore della scuola, portano a casa il loro istrumento per

21

usarne nel tempo disponibile con buon risultato, ed al gioved sera tornano alla ripetizione sotto la assistenza e la giuda del Vice Maestro signor Luigi Ferrario. Ci sarebbero voluti ancora tanti sacrifici e diversi richiami di don Arrigoni, affinch la banda migliorasse la propria attivit per il bene di tutta la comunit sovicese.

I componenti della banda al Mirabello, nel parco di Monza, 1924

22

Capitolo III

La ricostituzione del 1928 e la successiva espansione

23

Sopra e nella pagina successiva: dichiarazione di ricostituzione del Corpo Musicale Giuseppe Verdi, 1928.

24

25

Nel 1928, la banda riprese vigore grazie all'intervento del Conte Alberto Rossi Martini, che assunse la carica di Presidente. L'idea di ricomporre la banda venne al Conte Alberto durante una festa al Serafin (l'ex Tessitura Galbiati di via Roma 13a). Nel corso della festa, infatti, sentendo suonare un'orchestrina di tre elementi, composta da Rocca Ermenegildo, Valtorta

Pietro e Chiusi Edoardo, il Conte propose loro di riorganizzare la banda, facendo tornare i vecchi suonatori. Alla direzione del corpo musicale fu richiamato il Maestro Sbarra, che ben volentieri torn a Sovico. Oltre al Maestro, in qualit di Vice Maestro, nel 1928 fu nominato Luigi Ferrario , valente suonatore di clarinetto. Nei primi cinquant'anni, Ferrario fu tutt'uno con la

La banda presso il cortile dell'Ass. Combattenti e Reduci di Sovico. Al centro siede il Conte Alberto Rossi Martini. In piedi a sinistra con il clarinetto, il Vice Maestro Ferrario Luigi (1897-1987), 1936.

26

banda di Sovico e fu presente alla sua fondazione nel 1908. Aveva undici anni e gi amava la musica, spronato dal Maestro fondatore, Vittore Recalcati. Durante il servizio militare, Ferrario fece parte della Banda Militare, in cui raffin la sua predisposizione alla musica. Dopo aver partecipato alla Prima guerra mondiale, torn a Sovico, dedicando parte del suo tempo alla banda locale e insegnando solfeggio ai ragazzi. Negli anni Trenta fu Vice Maestro di Sbarra, negli anni Cinquanta occup la stessa carica con il Maestro Bonardo. Si preoccup anche dell'efficienza degli strumenti musicali, effettuando delicate riparazioni. Nel corso della Seconda guerra mondiale, ebbe il merito di tenere viva e compatta la banda, unendo al gruppo dei pi anziani alcuni giovani, tra cui Enrico Valtorta e Mario Aliprandi. La sede della banda, probabilmente nel 1932, fu definitivamente stabilita presso i locali dell' Associazione Combattenti e Reduci di Sovico. Per il corpo musicale fu una stagione d'oro: infatti, la sua fama cominci a diffondersi in tutta la Brianza. Diversi concerti furono fatti nei paesi limitrofi, in particolare a Carate Brianza, Canonica Lambro, Gerno, Lesmo e Monza. La banda raccolse ovunque ovazioni e incitamenti. Questo grazie anche alle novit del repertorio musicale, che alle solite marce affiancava anche pezzi d'opera. L'introduzione di questi brani fu voluta dal Conte Alberto, grande appassionato di musica lirica e sinfonica e frequentatore del Teatro Alla Scala di Milano.

Inoltre, fu sempre lui a proporre al Maestro Sbarra di aumentare le lezioni settimanali dei musicisti da una a due. Il numero dei componenti sal a cinquanta unit. Il Conte Alberto Rossi Martini non si stanc mai di sostenere il corpo musicale sia dal punto di vista morale che materiale. Infatti, nel 1936, il Conte don le nuove divise. Per questa occasione si tenne un grande concerto presso l'oratorio sovicese, dove suonarono insieme le bande di Sovico e di Monza, raggruppando pi di cento elementi e ottenendo uno strepitoso successo di pubblico.

Il Maestro Sbarra di Monza, persona austera e di poche parole, ma dotato di grande sensibilit d'animo.

27

Dedica dei famigliari del Maestro Sbarra, scritta dopo la sua morte, con parole di elogio al Vice Maestro Ferrario Luigi, per la preziosa collaborazione prestata, 1941.

28

Il Podest del Comune di Sovico concede un contributo al corpo musicale, 1935.

29

Nota delle spese sostenute dal corpo musicale sovicese, 1936.

Una fattura che attesta l'acquisto di alcuni strumenti musicali da parte della banda, 1936.

30

Capitolo IV

Il secondo dopoguerra

31

32

Durante la Seconda guerra mondiale, l'attivit della banda rallent. Il 25 aprile 1945, la banda - riorganizzata per l'occasione dai signori Rocca Ermenegildo e De Capitani Camillo - marci per le vie di Sovico, in testa ad un imponente corteo, suonando inni patriottici. Per quanto riguarda invece le cariche interne, nel 1943 fu chiamato il Maestro Giovanni Bonardo di Milano e la Presidenza pass a Mario Canzi fino al 1954, che dal 1945 era stato nominato anche Presidente dell'associazione sovicese dei Combattenti e Reduci.

Gli anni del secondo dopoguerra, carichi di tensioni sociali e di crescenti innovazioni, non risparmiarono neppure la vita della banda, che sub un certo declino a causa dell'abbandono di molti componenti. Nel 1954 assunse la Presidenza del corpo musicale, ridotto ad una ventina di elementi, il sig. FilippoVilla, gi abile clarinettista, che organizz sia l'attivit che le finanze della banda. Villa fu supportato dalla locale Associazione dei Combattenti e Reduci.

Sovico, 1950 ca. A fianco della banda, senza strumento, Ferrario Luigi, storico Vice Maestro della banda dal 1928 al 1958.

33

In sfilata per le vie di Sovico, 1953.

34

Una gita a Lecco del corpo musicale sovicese, 18 luglio 1954.

35

Elenco dei componenti della banda, 8 marzo 1955.

36

La banda suona durante una manifestazione religiosa a Sovico, 1956.

37

Gita a Toscolano Maderno, sul lago di Garda, 1958 ca.

38

Nel 1958, il Vice Maestro, Luigi Ferrario , abbandon l'attivit e fu degnamente sostituito da Telesforo Pirola, grande attivista del corpo musicale ed ottimo clarinettista. In quell'anno, fu anche celebrato il cinquantesimo anniversario di fondazione, con una manifestazione musicale. Fu anche l'occasione per premiare i componenti della banda con attestati di riconoscenza. Telesforo Pirola, Presidente della locale sezione dei Combattenti e Reduci dal 1960 al 1969, fu per molti anni l'anima del corpo musicale. Si occupava di tutto, dall'organizzazione alla riparazione degli strumenti che, da abile artigiano che fu, provvedeva personalmente. Sempre pronto e sempre entusiasta, faceva qualunque sacrificio pur di essere presente ad un servizio religioso o civile. Proverbiale era il recupero dei bandisti che non si presentavano all'appello prima di uscire per un servizio: Telesforo andava a richiamarli fino alla loro casa. Conosciuto in tutta la Brianza, nel Varesotto e nel Bustese per la sua arte di valente organaro, che aveva appreso alle dipendenze della Ditta Recalcati di Sovico, dotato di un eccellente orecchio musicale, Pirola era chiamato dai parroci a tutte le ore di qualsiasi giorno della settimana, per assicurare il buon funzionamento dell'organo in determinati servizi religiosi. Nel 1960, il Maestro Bonardo lasci il suo incarico e fu sostituito dal Maestro Carlo Andreoni, suo concittadino.

Pirola Telesforo, 1919-1969.

39

Un documento inviato dal Comitato esecutivo della banda al Sindaco del Comune di Sovico, in occasione dei festeggiamenti per il cinquantesimo anniversario di fondazione, 1958.

40

Capitolo V

Gli anni sessanta e settanta

41

42

Tra le manifestazioni significative dell'epoca, a cui partecip la banda, si ricorda la trasferta a Porto Valtravaglia, sul lago Maggiore, avvenuta nel 1963 in occasione della nomina a parroco di don Cherubino Tornaghi, gi Vicario parrocchiale di Sovico, e la visita pastorale a Sovico del Cardinale Giovanni Colombo, il 24 novembre 1968.

Parroco di Sovico di questo periodo fu don Giuseppe Albizzati, amante della musica e della liturgia, tanto che al suono dell'organo, in alcune circostanze, volle si unissero gli ottoni del corpo musicale, per accompagnare alcuni grandiosi canti eseguiti da tutto il popolo. E' il caso della visita nel nostro paese del Cardinale Giovanni Colombo, il 19 marzo 1965, in occasione della benedizione del nuovo oratorio.

In corteo per la celebrazione del 4 novembre, 1965. Sulla destra, il Presidente Filippo Villa marcia orgoglioso a fianco della banda che, per l'occasione, sfoggia la nuova divisa.

43

Nel 1967, Filippo Villa, abbandon il proprio incarico, dopo aver adottato una nuova divisa. Titolare dell'omonima tessitura Villa Filippo, nel 1925, con il parroco di Sovico don Domenico Orlandi Arrigoni, aveva partecipato al recupero degli strumenti musicali, allora giacenti presso il Comune. Gli anni della contestazione, con i suoi cambiamenti culturali e la crisi economica dei primi anni Settanta, incisero negativamente sul corpo musicale G. Verdi, sia per la mancanza di giovani sia per la vacanza della presidenza, fino al 1979. Nel 1970, dopo il Maestro Andreoni, giunse alla guida del sodalizio musicale sovicese il Maestro Giampiero De Carlini, milanese di nascita ma sovicese di adozione.

L'attivit di De Carlini prosegu fino al 1974. A De Carlini subentr il Maestro Melchise Martorella, abruzzese di origine e abitante a Desio. Oltre ad essere un grande interprete dei gusti del pubblico, Martorella port professionalit e seriet al corpo bandistico di Sovico. Per quanto riguarda invece la carica di Vice Maestro, nel 1967 Telesforo Pirola fu costretto ad abbandonare l'incarico per motivi di salute. Affid il suo posto a Roberto Recalcati, buon suonatore di clarinetto piccolo in mi-bemolle che, coadiuvato dal cassiere Mauro Rossi, si prodig per la funzionalit del corpo bandistico con grande generosit.

Rossi Mauro (1938-1987).

44

Il Sig. Filippo Villa (1903-1998), marcia in testa alla sua banda, probabilmente per l'ultima volta, dopo esserne stato Presidente dal 1954 al 1967, 26 giugno 1967.

45

Una foto del corpo bandistico scattata nel salone dell'oratorio di Sovico, 1972. Il primo a sinistra, in piedi in borghese, il Maestro De Carlini Giampiero. Sulla destra, con il cordoncino rosso, il Vice Maestro Recalcati Roberto.

46

Capitolo VI

Il rinnovamento degli anni ottanta

47

Foto ricordo in occasione della manifestazione Sovico in fiore, 1982

48

Nel 1979, assunse la Presidenza il signor Fermo Gatti , titolare dell'industria tessile Standartex s.p.a. di Sovico. Dotato di buon gusto, Gatti contribu al rilancio della banda.

Nel 1982, al fine di ringiovanire l'organico, il Consiglio direttivo del corpo musicale istitu un corso di orientamento musicale.

Carnevale per le vie di Sovico, 1983.

49

Il corpo musicale G. Verdi di Sovico indossa per la prima volta la nuova divisa rosso brillante, inaugurata per il settantacinquesimo anniversario di fondazione e realizzata con il contributo di tutti i sovicesi. In primo piano il compianto Presidente, Gatti Fermo, 19 giugno 1983.

50

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL 75 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO MUSICALE GIUSEPPE VERDI DI SOVICO

Sabato 18 giugno 1983


Ore 20.30 Concerto in piazza Garibaldi a cura del Corpo Musicale

Domenica 19 giugno 1983


Le bande di Verano Brianza, Lazzate Brianza, Cogliate, Mariano Comense, le majorettes di Cant, la Fanfara dei Bersaglieri di Legnano e il Gruppo folkloristico Firlinfeu La Primavera di Sovico, affiancheranno il Corpo Musicale Giuseppe Verdi in un concerto che si terr in piazza Garibaldi. Ore 15.30 Ritrovo Ore 16.00 Inizio manifestazione I gruppi partiranno da cinque punti diversi, all'interno del paese: via Giovanni da Sovico, via Terruzzi, via Cavour, via Stoppani, via De Gasperi (angolo via P. Micca). Si ritroveranno sul piazzale antistante le scuole elementari e sfileranno poi per le vie: Brianza, Giovanni da Sovico, Terruzzi, Cialdini, per concludere la manifestazione con un concerto in piazza Garibaldi.

51

Nel novembre 1985, il Consiglio direttivo della banda decise di istituire un riconoscimento ai musicanti che avevano svolto un significativo periodo di effettivo servizio nel corpo musicale: Riunito il Consiglio, composto dal Presidente Gatti Fermo e dai Consiglieri Aliprandi Mario, Brambilla Bruno, Chiusi Luigi, Recalcati Roberto, Rossi Mauro e Santamaria Ivano si stabilito che, a partire dal 1985, ogni cinque anni, venga rilasciato un riconoscimento ai musicanti che abbiano fatto un certo periodo di effettivo servizio nel Corpo Musicale nella seguente modalit: Medaglia di Bronzo - fino a 15 anni di servizio, Medaglia d'argento - oltre i 15 anni di servizio, Medaglia d'oro - oltre i 30 anni di servizio, assegno di Lire 500.000 (da rivalutare) - oltre i 40 anni di servizio. I premi, al musicante, possono essere assegnati una sola volta. Quanto sopra, approvato dal Sindaco Pierluigi Sala, dal parroco Don Carlo Gussoni e dal Presidente della Combattenti Silva Antonio. In seguito, si prefer far coincidere l'anno dei riconoscimenti con quello quinquennale dell'anniversario di fondazione della banda, per rendere quest'ultimo pi solenne. Ecco perch, nella distribuzione delle medaglie, si salt l'anno 1990, riprendendo dal 1993, anno dell'ottantacianquesimo anniversario del corpo musicale.

52

S. Cecilia - 7 Dicembre 1985 ISTITUZIONE DI UN RICONOSCIEMENTO PER ANZIANITA' DI SERVIZIO


Medaglia d'oro (in quanto non l'hanno mai ricevuta) e assegno di Lire 500.000 con pergamena per i 42 anni di attivit Galli Carlo Valtorta Enrico Medaglia d'oro per oltre 30 anni di attivit Aliprandi Mario Brambilla Bruno Chiusi Luigi Recalcati Roberto Rossi Mauro Medaglia d'argento per oltre 15 anni di attivit Caspani Ambrogio Ferrara Antonio Galbiati Angelo Galli Luigi Meregalli Eugenio Russo Matteo Santamaria Ivano Valtorta Giovanni Medaglia di bronzo fino a 15 anni di attivit Castelletti Massimo Galli Emilio Galli Giovanni Gatti Enzo Malacrida Erminia Mapelli Luigi Meregalli Orietta Piazza Maurizio Rivolta Daniele Rivolta Enrico Rivolta Giorgio Rossetti Marco Serri Carlo Villa Corrado Zerbato Emilio

53

Il Presidente, Gatti Fermo, premia i componenti della banda durante il pranzo di S. Cecilia, 7 dicembre 1985.

In questo periodo, il corpo bandistico partecipa ad alcune importanti manifestazioni. La prima, dal 3 al 5 luglio 1987, in Germania a Dettingen, sul lago di Costanza. Fu questa la prima uscita all'estero del corpo musicale, resa possibile grazie all'aiuto del gruppo firlinfeu La Primavera di Sovico. Nel 1987 e nel 1988, insieme alle majorettes del Buonumore di Biassono, la banda partecip ad alcune manifestazioni organizzate dalla citt di Milano. Dal punto di vista organizzativo e gestionale, nell'ottobre

1987 il Vice Maestro Roberto Recalcati lasci l'incarico e fu eletto il clarinettista Emilio Galli, il quale si applic con costante impegno e lodevole dedizione. Nel corso degli anni Ottanta, il corpo bandistico cominci a rinnovare il repertorio, eseguendo brani pi moderni. Inoltre, nel novembre 1987 si inizi a catalogare tutte le partiture, dando vita ad un archivio pratico e funzionale, indispensabile per affrontare le sfide del futuro. Nel 1998, si cominci a catalogare con il computer i brani formato concerto, che ad oggi sono 440, mentre

54

rimasero nell'archivio cartaceo quelli librettabili, circa 700, per un totale di oltre 1140 brani. Il 12 giugno 1988, in occasione dell'ottantesimo anniversario di fondazione del sodalizio musicale sovicese, vi fu l'inaugurazione di una nuova divisa estiva, con pantaloni bianchi e camicia azzurra a maniche corte. Voluta,

ideata e in parte finanziata dal Presidente, Fermo Gatti, la nuova divisa venne indossata in occasione della penultima edizione di Sovico in fiore, una manifestazione culturale e folkloristica organizzata da tutti i sovicesi. Per festeggiare l'ottantesimo anniversario della banda, venne preparato il seguente programma:

Corpo Musicale Giuseppe Verdi Ottantesimo anniversario 1908-1988


Sabato 25 giugno 1988 si svolger una rassegna bandistica con il seguente programma: Ore 20.30 Con partenza dal passaggio a livello ai confini di Macherio si effettuer una sfilata lungo le vie: Giovanni da Sovico, piazza della chiesa, Umberto1, piazza Garibaldi. Ore 21.00 In piazza Garibaldi esibizione dei complessi bandistici. Ore 22.45 Conclusione della manifestazione con sfilata da piazza Garibaldi all'oratorio. Parteciperanno alla manifestazione: Corpo Musicale G. Donizzetti - Banda d'Affori Corpo Musicale La Brianzola - Cant Corpo Musicale Giuseppe Verdi - Macherio Gruppo Folkloristico Firlinfeu La Primavera - Sovico Le Majorettes del Buonumore - Biassono

55

Purtroppo, a causa di un forte temporale, la rassegna avvenne presso il cinema Nuovo di Sovico. Nel mese di settembre dello stesso anno, si adott un nuovo strumento nella sezione delle percussioni, fon-

damentale per eseguire la musica moderna: la batteria. Si diede inizio anche ad un graduale processo di sostituzione di tutti i vecchi strumenti con altri nuovi, di maggiore prestazione.

La banda del me' Paess


Suna la banda, che festa!!! In d'el coeur se ridesta un sentiment ch'el cascia via la mia rabbia e la malinconia. La banda de Suic, la banda del m paess, la banda che de spess e a puss ripres in tucc i comunn in dove l' s isibida l' semper stada applaudita. L' nassuda settantacinq ann fa, quanta gioia e quanta musica l'ha don l'ha sottoline coi s marci tanti avveniment con i concert l'ha rend tucc pusse content. Dirigg el bravo maester Martorella s'el ghe L la musica l' semper bela col surris semper cordiale e aperto el s vice l' el simpatic Roberto, el diss ai musicant, forza col numer tredess e mi pensi: sperem che sonen minga el sedess, l'ha sona compositor italian e stranier, e i ha interpreta tucc benn a vess sincer. El Verdi, Leoncavall, Rossini, Bizet, Mascagni o Puccini, importa n se quest o quell scoultai de Le l' semper bell. De compless, de bandi ghe n' tanti Carabinier, bersaglier, alpini e fanti ma quella che me d puss allegria l' quella che st visin a casa mia. Insumma per concludd e sar su, v'una l' in del m coeur e la sa moeff p, la banda de Suic ca l'ha ma d tanta allegria quand la passa marciando per la mia via
Eugenio Pozzoli Sovico, S. Cecilia 1983

56

Capitolo VII

Gli anni novanta: il salto di qualit

57

58

L'accoglienza riservata al Cardinale Carlo Maria Martini, Arcivescovo della Diocesi di Milano, durante la sua visita Pastorale a Sovico nell'aprile del 1991 ed il Capodanno del 1992 al Palalido di Milano con Teo Teocoli ed Enrico Beruschi, sembrano aver portato molta fortuna al corpo musicale Giuseppe Verdi. Infatti, negli anni immediatamente successivi, il sodalizio musicale sovicese crebbe di numero, ringiovanendosi e portando la sua qualit artistica ad un livello nettamente superiore rispetto agli anni precedenti. Alla scuola di musica, si aggiunsero nuove classi di strumento, con la partecipazione di insegnanti qualificati. Il repertorio musicale venne notevolmente ampliato, con l'intento di sperimentare sempre nuovi generi e cercando di soddisfare tutti i gusti musicali, variando i brani ad ogni concerto. E' questa una caratteristica che contraddistingue il corpo musicale di Sovico. Il 28 novembre 1993, per l'85 anniversario di fondazione della banda, vennero consegnati i seguenti riconoscimenti:

Targa premio, rilasciata dalla Provincia di Milano, al corpo musicale G. Verdi, in occasione della manifestazione Benvenuto 1992, svoltasi al Palalido di Milano, 1 Gennaio 1992.

59

85 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO MUSICALE GIUSEPPE VERDI

Medaglia d'oro da parte dell'Amministrazione Comunale per 50 anni di attivit Galli Carlo Valtorta Enrico Assegno di Lire 500.000 e pergamena per oltre i 40 anni di attivit Aliprandi Mario Brambilla Bruno Chiusi Luigi Recalcati Roberto (senior) Medaglia d'oro per oltre 30 anni di attivit Caspani Ambrogio Medaglia d'argento per oltre 15 anni di attivit Galli Emilio Rivolta Enrico

Medaglia di bronzo fino a 15 anni di attivit Canzi Sergio Cazzaniga Lorenzo Fossati Angelo Fumagalli Marco Gatti Delia Mapelli Luigi Morganti Luca Motta Giuliano Motta Silvio Recalcati Roberto (junior) Rigamonti Katia Sala Fabrizio Soatto Alberto Zanin Fabio

60

Tra le novit degli anni Novanta, ricordiamo la sostituzione - nel 1993 - di tutti i leggii della sede con altri di tipo professionale, realizzati dall'ingegno del sig. Angelo Fossati. Per l'anno 1994 si ricorda il bellissimo concerto tenutosi alla Fiera di Monza, il 30 di ottobre. Nel gennaio 1995, grazie all'intervento del Presidente dell'Associazione Combattenti e Reduci di Sovico, sig. Fermo Citterio, il corpo musicale trasfer la propria sede nell'aula pi grande presente nell'edificio dei Combattenti.

Nel dicembre dello stesso anno, all'anziano Maestro Melchise Martorella subentr il giovane ventiseienne Emilio Zerbato, neo diplomato in clarinetto presso il Conservatorio A. Boito di Parma. Da subito, Zerbato catalizz l'attenzione di molti giovani di talento, diffondendo la mentalit della preparazione seria e costante, indispensabile per ottenere successo e consenso di pubblico.

Una esibizione a Chiareggio, nel decimo anniversario della gestione del rifugio Del Grande - Camerini da parte del C.A.I. di Sovico, 2 luglio 1995.

61

L'anziano Maestro Melchise Martorella lascia la guida della banda. Gli subentra il giovane Emilio Zerbato. Al centro il Presidente Fermo Gatti, 3 dicembre 1995.

62

Nel 1996, dopo la morte del sig. Fermo Gatti, assunse la Presidenza del corpo bandistico il figlio, dott. Marco, che prosegu egregiamente l'incarico del padre.

Il trentatreenne dott. Marco Gatti assume la carica di Presidente della banda, 27 ottobre 1996.

63

Nel giugno 1997, il corpo musicale Giuseppe Verdi fece un concerto a Casorezzo in onore di don Elio Prada, gi Vicario Parrocchiale di Sovico, appena nominato parroco. A coronamento di tanto lavoro, un riconoscimento ufficiale non poteva mancare. Infatti, nel 1998, la banda ottenne il quarto posto al concorso Bande in pedana di Porlezza, a cui parteciparono sedici corpi bandistici provenienti dalla Lombardia e dal Canton Ticino.

Vale la pena di ricordare il terzo posto ottenuto a Bormio nel marzo 1998 alla manifestazione Bande sulla neve. In questa occasione, i bandisti appartenenti ai diversi corpi musicali si sfidarono in una gara di slalom gigante. Anche se, questa volta, la musica non fu la vera protagonista della manifestazione, si pu comunque dire che gli artisti sovicesi fecero proprio il detto: mente sana in corpo sano. Inoltre, nel giugno 1998 si predispose un nuovo Statuto sociale, fedele alle nuove disposizioni legislative.

Il primo saggio di fine anno degli allievi, futuro del corpo musicale, 25 aprile 1997.

64

Il concerto in piazza Garibaldi a Sovico, in occasione del novantesimo anniversario, 14 giugno 1998.

65

Corpo Musicale Giuseppe Verdi - Sovico Novantesimo Anniversario di Fondazione


organizza

RADUNO BANDISTICO DOMENICA 14 GIUGNO 1998


secondo il seguente programma Ore 15.00 Ritrovo dei gruppi Gruppi partecipanti e luogo di ritrovo: Gruppo Folkloristico La Primavera - Sovico - Viale Brianza Marching Band - Besana - Piazza Turati MDB Happy Hubbub - Verdello (Bg) - Via Fiume ang. Veneto Banda Musicale Uhercanka - Slovacchia -- Centro Sportivo Via Lambro Corpo Musicale Giuseppe Verdi - Sovico - Via Diaz Ore15.10 Afflusso dei gruppi verso piazza Frette Ore 15.30 Sfilata verso piazza Garibaldi Ore 16.00 Esibizione dei gruppi In caso di maltempo la manifestazione si terr presso la palestra di via Baracca CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI SOVICO

66

I componenti del corpo musicale Giuseppe Verdi a Porlezza, sul lago di Lugano, dopo aver ottenuto il quarto posto al concorso Bande in pedana, 21 giugno 1998.

67

In corteo nell'anniversario del IV Novembre, 1998.

68

Il 15 novembre 1998, nella festivit di Santa Cecilia, vennero premiati i seguenti componenti del corpo bandistico:

Oltre i 50 anni di attivit Medaglia d'oro dell'Amministrazione Comunale Aliprandi Mario Recalcati Roberto Oltre i 30 anni di attivit Medaglia d'oro Ferrara Antonio Galli Luigi Russo Matteo Santamaria Ivano Valtorta Giovanni

Fino a 15 anni di attivit Medaglia di bronzo Corbetta Federica Motta Dorangelo Motta Francesca Paganelli Alessandra Paleari Diego Paleari Paola Pertile Fiorenzo Pertile Valentina Pirola Alberto Radici Cristian Recalcati Eleonora Redaelli Barbara Rossetti Eleonora Sala Mariarosa Terruzzi Riccardo Vertemati Federico

Oltre i 15 anni di attivit Medaglia d'argento Galli Giovanni Rossetti Marco Serri Carlo Villa Corrado Zerbato Emilio

69

A partire dal 1998, su iniziativa del Presidente, dott. Marco Gatti, venne istituito il premio Bandista dell'anno, con lo scopo di individuare tra i componenti della banda chi, per impegno, contributo musicale e qualit musicale, si era distinto durante l'anno. Il vincitore scelto da tutta l'Assemblea dei soci. Albo d'oro del premio Bandista dell'anno 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 Sergio Canzi Alessandra Paganelli Roberto Recalcati Eleonora Recalcati e Alberto Pirola Diego Paleari Adler Ambrosi Silvio Motta Paola Paleari Sara Motta Mario Aliprandi

Nel 1999, il numero dei componenti del corpo musicale super le cinquanta unit e, nel settembre dello stesso anno, si compil un regolamento interno, che dettava i canoni di comportamento per tutti gli aderenti.

70

Foto di gruppo, 25 aprile 1999.

71

La banda sfila per il centro storico di Milano in occasione della manifestazione 100 grandi della montagna, 9 ottobre 1999.

72

L'annuale animazione della Santa Messa in Parrocchia, per la ricorrenza di Santa Cecilia, 1999.

73

Emozion
Ierr ho prouv una grossa emozion che la ma svegli el magonn, o sent la banda son e sont rest l fermo, incant. L' semper un meraviglios moment sentila, el coeur el salta istintivament al cervell attent ghe scappa nigott el sente el clarinn, la tromba, e el fagott. I strument mett insema con proporzion insegu dal maester con attenzion ch'El scior finn con tanti cavei bianc, l' un po' d'ann che a la dirigg in sul banc. A pensac ben, l' una istituzion sovicesa tucc insema mandemala n a quel paess e se tucc d'accordo ghe demm n una mann el futur per LE el se scurt di man in man. Una esortazion la mia, tucc con allegria man al borsin, voutemala a cor per la via. Saremm content de v' d un quai palancon a st vegia, ma bela istituzion!!!

Eugenio Pozzoli Sovico, S. Cecilia 1991

74

Capitolo VIII

Linizio del terzo millennio: affermazione e nuove tendenze

75

La banda sfila per le vie di Brescia nella 73a Adunata Nazionale degli Alpini, 14 maggio 2000.

76

Il concerto per la festa patronale con il Coro A.N.A. di Giussano. La manifestazione stata organizzata a favore della Sovico House in Nigeria, ottobre 2001.

77

Nel 2001, il corpo bandistico sovicese raggiunge un record storico: il numero dei bandisti supera le sessanta unit. Per questo motivo, diventa necessario l'adeguamento acustico della sede e nel luglio 2002 il soffitto viene rivestito con dei pannelli fono assorbenti. A partire da questo momento, la banda di Sovico ottiene sempre riconoscimenti e consensi: suona bene, professionale, entusiasma il pubblico e tiene concerti e servizi per tutta la Brianza. E' composta da molti giovani e non si fa mancare tante belle ragazze. Il prestigio raggiunto permette al sodalizio musicale sovicese di esibirsi anche a Mirabilandia di Ravenna, nel 2002 e nel 2004, e a Milano il 23 settembre 2007. Ma la banda non si accontenta di aver raggiunto un buon livello sotto l'aspetto concertistico. Infatti, si impegna anche nella parata. L'occasione offerta nel luglio 2003, in occasione del settimo Campionato Mondiale delle Marching Show Bands, che si svolto a Monza. Vi partecipa, e si classifica al decimo posto sulle quindici bande iscritte nella categoria Stop and Play. Sempre nel 2003, con il patrocinio dell'Amministrazione Comunale e del Sindaco di Sovico, dott. Adriano Motta, il corpo bandistico ha ospitato per una settimana la banda danese Skjern Garden, anch'essa iscritta al Campionato Mondiale monzese. Questo evento, ha generato tra i due gruppi musicali una grande amicizia ed un approfondimento culturale indimenticabile. In quella occasione, venne organizzata un'importante manifestazione:

Venerd 4 luglio 2003


Ore 14.00 Arrivo della Skjern Garden a Sovico. Accoglienza, saluto delle Autorit presso la Sala Civica Ore 20.30 Ritrovo delle Bande in piazza A. Riva e parata fino al Centro Sportivo Ore 21.00 Esibizione sul campo di calcio (in caso di pioggia sui campi da tennis coperti) del Corpo Musicale G. Verdi e della Skjern Garden con la partecipazione straordinaria della Kolbotn Garden dalla Norvegia. Finale a Bande riunite

Domenica 6 luglio 2003


Ore 9.15 Gara di parata per il Corpo Musicale G. Verdi e per gli ospiti della Skjern Garden che si terr sul rettilineo di partenza dell'Autodromo di Monza

Mercoled 9 luglio 2003


Ore 21.00 Concerto in piazza della Chiesa (in caso di pioggia presso la palestra di via Baracca) del Corpo Musicale G. Verdi e della Skjern Garden Gran finale a bande riunite

Venerd 11 luglio 2003


Ore 11.00 Saluti e partenza della Banda danese dall'Italia

78

Una parata per le vie di Sovico con la banda danese Skjern Garden, 4 luglio 2003.

79

Il corpo bandistico G. Verdi al 7 Campionato Mondiale delle Marching Show Bands, Autodromo di Monza, 6 luglio 2003.

80

Il concerto in Piazza della chiesa a Sovico con la banda danese Skjern Garden, 9 luglio 2003.

81

Il dott. Adriano Motta, Sindaco di Sovico (secondo da destra), e il dott. Marco Gatti, Presidente del corpo bandistico G. Verdi (primo a sinistra), tra il Direttore e la Drum-Major del gruppo danese Skjern Garden. 9 luglio 2003.

82

Per il 95 Anniversario di fondazione della banda, il 30 novembre 2003 furono premiati


Targa di riconoscenza speciale da parte dell'Amministrazione Comunale Dott. Gatti Marco, per l'attivit svolta come Presidente Galli Carlo, per 60 anni di attivit Valtorta Enrico, per 60 anni di attivit Aliprandi Mario, per 57 anni di attivit Medaglia d'oro da parte dell'Amministrazione Comunale per 50 anni di attivit Brambilla Bruno Chiusi Luigi Riconoscimento particolare da parte del C. M. G. Verdi a Galli Emilio per la sua infaticabile e generosa dedizione come segretario del Corpo Musicale G. Verdi Medaglia d'argento da parte del C. M. G. Verdi per oltre 15 anni di attivit Gatti Delia Gatti Enzo Medaglia di bronzo da parte del C. M. G. Verdi Fino a 15 anni di attivit Airoldi Antonella Ambrosi Adler Ambrosone Laura Caglio Alfredo Canzi Elena Canzi Michele Cocco Alessandro Colombo Anna Conte Angelo Corbetta Chiara Culatti Mattia Ferrario Beatrice Ferrario Luigi Iennaco Francesca Iennaco Luca Motta Francesca Motta Sara Paganelli Chiara Paleari Sofia Pirola Chicco Recalcati Francesca Salezze Massimo Walzer Silvia

83

Il concerto di Natale per il 95 anniversario di fondazione. L'ecletticit del corpo musicale G. Verdi non smette di sorprendere: in questo caso ha saputo inventare uno spazio per una coppia di ballerini, per danzare sulle note del famoso Libertango, 2003.

84

Dopo che la banda ha eseguito il brano Mary Poppins, lei comparsa davvero, intrattenendo il pubblico con giochi divertenti. Concerto di Natale per il 95 di fondazione del corpo musicale G. Verdi, 2003.

85

Sull'onda elettrizzante dell'anno precedente, nel 2004 il corpo musicale di Sovico vuole ripetere l'esperienza della marcia da parata, partecipando al 1 Campionato Italiano delle Marching Show Bands, presso lo stadio Brianteo di Monza, classificandosi al sesto posto.

L'anno successivo, con un gruppo di venticinque elementi, capitanati dal valido trombettista Roberto Recalcati , la banda partecipa al 2 Campionato Italiano delle Marching Show Bands a Lecco, raggiungendo il quinto posto.

Il corpo bandistico G. Verdi al 1 Campionato Italiano delle Marching Show Bands a Monza, 11 luglio 2004.

86

Al 2 Campionato Italiano delle Marching Show Bands a Lecco, 3 luglio 2005.

87

Nel maggio 2007, il corpo musicale di Sovico vive un'altra importante esperienza, partecipando al quinto Festival Internazionale per bande musicali in Austria. Durante la trasferta non c' riposo: la visita alla citt di Klagenfurt, capitale della Carinzia, e a Wolfsberg, sede della manifestazione, la marcia in sfilata, l'esecuzione di un memorabile concerto e la partecipazione, insieme ad altre bande, ad un rito religioso in montagna. Di questa esperienza, merita di essere ricordato il con-

certo presso l'auditorium del Palazzo della Cultura di Wolfsberg. Concepito secondo le pi moderne norme in materia di acustica, la struttura dotata di un palco in grado di ospitare una grande orchestra sinfonica. In pi, vi sono dei camerini e una sala insonorizzata, in cui si possono riscaldare gli strumenti prima del concerto. Superata l'emozione iniziale, il suono accattivante dei musicisti sovicesi ha conquistato il pubblico, attento e competente, presente in sala.

Foto di gruppo a Wolfsberg (Austria), in occasione del 5 Festival Internazionale per bande musicali, 5 maggio 2007.

88

Per l'anno 2007, si ricorda anche la visita della statua della Madonna Pellegrina di Fatima presso la parrocchia di Sovico. Durante questo importante avvenimento mariano, a cui hanno partecipato oltre 60.000 pelle-

grini, il corpo bandistico G. Verdi ha animato alcuni momenti religiosi, in particolare le processioni che si sono svolte per le vie del paese.

L'arrivo della statua della Madonna Pellegrina di Fatima a Sovico, 1 luglio 2007.

89

Il Bandista dell'anno 2007, Aliprandi Mario, tra le ragazze del corpo musicale G. Verdi, 2007.

Fedeli una vita Fila davanti, da sinistra: Ferrara Antonio, Aliprandi Mario, Chiusi Luigi. Dietro, da sinistra: Valtorta Enrico, Terruzzi Giuliano (Presidente Ass. Combattenti e Reduci di Sovico), Brambilla Bruno, 18 novembre 2007.

90

Capitolo IX

1908 - 2008: centanni... suonati!

91

Il titolo del capitolo lo slogan per l'anno del centenario, coniato dal Presidente del corpo musicale G. Verdi, dott. Marco Gatti, e dal prof. Giuseppe Motta, che si occupa della registrazione dei concerti e del sito Internet. Certo, un secolo di note, uscite dai fiati e dalle percussioni, hanno ravvivato tanti momenti di vita dei sovicesi; come diceva San Giovanni Bosco: Un paese senza banda come un campanile senza campane. Fin dal 2007, l'attuale Consiglio Direttivo ha pensato di celebrare questo importante traguardo, promuovendo nell'arco dell'anno molteplici iniziative: non solo si sono inserite delle novit rispetto agli appuntamenti tradizionali, ma si sono programmati anche degli incontri inediti. Di seguito elencheremo questi eventi, tenendo presente che il libro stato terminato a fine settembre 2008, cos che gli avvenimenti accaduti dopo, anche se previsti, non sono stati documentati come i precedenti. L'anno 2008 inizia bene. Infatti, sabato 5 aprile, quattro strumentisti del corpo musicale hanno ricevuto dall'A.N.B.I.M.A. (Associazione Nazionale Bande Italiane Musicali Autonome) un importante riconoscimento per la loro attivit a servizio della musica. Nel corso di un incontro tenutosi a Garbagnate Milanese, alla presenza di molte Associazioni e di diversi colleghi, A.N.B.I.M.A. ha premiato i bandisti che hanno segnato la maggior presenza all'interno dei propri corpi musicali, con la consegna di una pergamena e di una medaglia d'oro o

d'argento, secondo gli anni maturati. Tra questi c'erano anche alcuni sovicesi: Enrico Valtorta, classe 1928, e Mario Aliprandi, classe 1930, hanno ricevuto la medaglia d'oro per i 65 anni di presenza il primo, per i 62 anni il secondo. Luigi Chiusi, classe 1937 e Bruno Brambilla, classe 1940, hanno ricevuto la medaglia d'argento, per gli oltre 50 anni di partecipazione. Soddisfatti ed emozionati per un tale riconoscimento, i quattro musicisti sono stati festeggiati da tutto il corpo musicale, che ha rivolto loro i propri ringraziamenti per il contributo dato allo sviluppo e alla crescita dell'Associazione nel corso di questi numerosi anni. Sono componenti anziani per et - ha detto il Maestro Emilio Zerbato - ma giovani nello spirito. Non mancano mai alle prove e ai servizi e riescono sempre a dare il massimo in ogni occasione. La passione per la musica la base su cui si fonda e si sviluppa l'impegno di questi quattro musicisti, come hanno sottolineato in un intervista: La banda un po' la nostra casa, la nostra famiglia - ha commentato Enrico Valtorta, che suona il basso tuba - E' una realt forte, che riuscita a stare insieme in tutti questi anni. E continua a farlo con la nuova generazione. Dall'inizio, sono cambiate un po' di cose, ci siamo evoluti, siamo diventati una banda moderna e classica, pur conservando la tradizione. Gli spartiti, oggi, sono un po' difficili, arriviamo a suonare le colonne sonore dei films pi emozionanti. Una volta era impensabile. Abbiamo vissuto tante esperienze insieme - ha ricor-

92

dato Mario Aliprandi, anch'esso basso tuba - tutte cose che conserviamo e che ci hanno dato e ci danno tante soddisfazioni. E poi quanti ricordi! Penso ancora a quando andavamo in giro a suonare, con il tram, a Desio, Lissone e in altri Comuni. La musica era ed il nostro svago, che viviamo con tanta passione. Purtroppo, a causa di un infortunio subito qualche mese fa, Luigi Chiusi, storica tromba del corpo musicale, non era presente al momento dell'intervista e dello scatto fotografico, ma i suoi compagni sono convinti che il suo pensiero sia uguale al loro. Devo dire un'ultima cosa - ha aggiunto Bruno

Brambilla, cornista - Se siamo riusciti a restare cos tanto tempo in questa Associazione, non solo merito nostro o della nostra passione per la musica, ma anche delle nostre famiglie, che hanno sopportato con tanto amore e pazienza le nostre assenze per gli impegni con la banda. La nostra medaglia la condividiamo pienamente con loro. Infine, tutti hanno rivolto un pensiero ai giovani, affinch possano trovare nella banda non solo musica, cultura ed emozione, ma anche una forma di aggregazione per stare insieme ad altri giovani e meno giovani, con cui condividere i momenti della vita.

I bandisti del corpo musicale G. Verdi premiati dall'Anbima. Da sinistra: Enrico Valtorta, Mario Aliprandi e Bruno Brambilla. Luigi Chiusi, il quarto premiato, era assente.

93

Con il grande concerto del 25 aprile, il corpo musicale ha voluto lasciare un'impronta indelebile nella memoria del suo affezionato pubblico: per l'occasione, ha eseguito brani di notevole durata e difficolt tecnica ed interpretativa. La gente ha risposto pienamente a questo messaggio, colmando la sala del Cinema Nuovo di Sovico ed applaudendo con entusiasmo alla bravura dei bandisti. Nel mese successivo, domenica 11 maggio, il sodalizio musicale sovicese ha partecipato all'ottantunesima Adunata Nazionale degli Alpini, a Bassano del Grappa. In corteo c'era anche il Sindaco di Sovico, Pierlugi Sala, il Vice Sindaco, Marco Ciceri, e l'ex Sindaco, Adriano Motta. Per l'occasione, oltre ottantamila alpini si sono dati appuntamento nella localit veneta, che quest'anno celebra il sessantesimo

anniversario della ricostruzione del Ponte Vecchio, ribattezzato Ponte degli Alpini dal Capo di Governo Alcide De Gasperi. E' stato un onore - ha detto il Maestro Emilio Zerbato - Abbiamo dato il massimo, marciando davanti a un pubblico incredibilmente folto e accogliente. Non capita spesso di sfilare per chilometri sempre attorniati da gente festosa. Il gruppo Alpini ha organizzato alla perfezione la trasferta. Soddisfazione stata espressa anche dal Sindaco e dal Vice Sindaco: I ringraziamenti - ha detto Sala - oltre agli Alpini di Sovico, vanno anche alla nostra Banda, che con la sua musica ha fatto fare una grande figura a tutto il paese. La giornata stata un successo su tutta la linea - ha ribadito Ciceri.

Bassano del Grappa, 11 maggio 2008.

94

CENTENARIO DI FONDAZIONE 1908 - 2008


PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

SABATO 21 GIUGNO 2008


AREA SPETTACOLI DI VIA LAMBRO (IN CASO DI MALTEMPO PRESSO IL CINEMA NUOVO) Ore 21.00 CONCERTO DEL CORPO MUSICALE GIUSEPPE VERDI DI SOVICO Ore 21.30 CONCERTO DELL'ORCHESTRA DI FIATI DELLA VALTELLINA

DOMENICA 22 GIUGNO 2008


Ore 10.30 S. Messa in chiesa animata dal Corpo Musicale G. Verdi, con la partecipazione della Corale Parrocchiale di Sovico e della Schola Cantorum di Biassono, dirette per l'occasione dal Maestro Massimo Sanvito. RITROVO DEI GRUPPI MUSICALI NEI PUNTI SOTTO INDICATI: Piazzale delle Scuole Elementari - Gruppo Firlinfeu La Primavera Piazza Garibaldi - Corpo Musicale S. Cecilia di Meda, accompagnato dal gruppo Majorettes del Buonumore di Biassono Via Mons. Terruzzi (edicola) - Corpo Musicale S. Cecilia di Seregno Piazza Frette - Corpo Musicale G. Verdi di Sovico, accompagnato dalle Majorettes Moon Light di Primaluna (Lecco) ARRIVO SFILANDO PER LE VIE DEL PAESE IN PIAZZA A. RIVA INIZIO DELLE ESIBIZIONI PRESSO L'AREA SPETTACOLI DI VIA LAMBRO (IN CASO DI MALTEMPO PRESSO IL CINEMA NUOVO) RINGRAZIAMENTI, PREMIAZIONI E SALUTI GRAN FINALE A BANDE RIUNITE Sabato sera e domenica pomeriggio funzioner il servizio bar e ristoro

Ore 16.00

Ore 16.30 Ore 17.00 Ore 18.30 Ore 18.45

95

Area Spettacoli di Sovico: concerto del corpo musicale G. Verdi, 21 giugno 2008

Il Corpo bandistico sovicese con la Corale Parrocchiale di Sovico e la Schola Cantorum di Biassono, dopo la solenne celebrazione in chiesa, 22 giugno 2008.

96

Piazza Frette, Sovico: il corpo musicale G. Verdi ritratto assieme alle Majorettes Moon light di Primaluna, prima di partire per la sfilata, 22 giugno 2008.

Area spettacoli di Sovico: gran finale a bande riunite, 22 giugno 2008.

97

Un'altra importante iniziativa organizzata per il centenario, stata la partecipazione al decimo Festival Bandistico Internazionale della Giovent d'Europa a Bad Orb, in Germania, dal 12 al 14 Settembre 2008. Vi hanno partecipato ventinove bande, con millecento musicisti, appartenenti a nove nazionalit: Croazia, Germania, Gran Bretagna, Islanda, Italia, Olanda, Russia, Svizzera e Ungheria. L'Italia era rappresentata da quattro gruppi, provenienti da altrettante regioni: Sicilia, Puglia, Liguria e Lombardia, col corpo musicale G. Verdi di Sovico. L'esperienza, intensa e memorabile, ha arricchito la vita di tutti i componenti del sodalizio musicale sovicese. Tutto stato esaltante: dalla siste-

mazione in un accogliente hotel, adiacente ad un curatissimo parco vicino al centro del paese, alla bellissima ed interessante gita a Francoforte. Diverse sono state le esibizioni musicali. Al venerd sera, davanti a circa duemila persone, i sovicesi hanno allietato i presenti e, una volta posati gli strumenti, si sono improvvisati coristi, cantando L'oca e ottenendo un successo strepitoso. Il concerto del sabato pomeriggio, presso la Konzerthalle di Bad Orb, ha visto la presenza di un pubblico attento ed esigente, che ha apprezzato la qualit della musica suonata dal G. Verdi. Il coinvolgente concertino di domenica mezzogiorno, svoltosi all'aperto presso Solplatz, e la succe-

Bad Orb: esibizione sotto il tendone, 12 settembre 2008.

98

siva esibizione eseguita all'unisono con tutte le bande partecipanti, che hanno sfilato per il centro storico, hanno richiamato l'attenzione di molte persone che, ai bordi delle strade, erano sempre pronte ad applaudire. Il ricordo di questa trasferta destinato a durare nel tempo.

Soprattutto i ragazzi del corpo musicale sono stati orgogliosi di aver esportato e fatto conoscere un po' di Sovico all'estero. Per chi fosse interessato a vedere le foto di questi stupendi tre giorni, pu collegarsi al sito internet tedesco: www.musikfestinbadorb.de.

Gita a Francoforte: foto di gruppo, 13 settembre 2008.

99

Bad Orb: concerto nella Konzerthalle, 13 settembre 2008.

Bad Orb: omaggio alla Banda tedesca dopo il concerto nella Konzerthalle. Da sinistra: il Maestro Emilio Zerbato, un'organizzatrice del Festival, Silke Kaiser, Emilio Galli, Eleonora Recalcati, il Presidente della Banda di Bad Orb, Peter Egold. Sullo sfondo, una delle accompagnatrici del gruppo sovicese, Silvana Woll, 13 settembre 2008.

100

ALTRE INIZIATIVE PER IL CENTENARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO MUSICALE G. VERDI


Domenica 5 ottobre 2008, nel pomeriggio a Desio
CONCERTO CON IL CORPO MUSICALE PIO XI DI DESIO

Domenica 26 ottobre 2008, presso il Cinema Nuovo di Sovico


CONCERTO CON IL CORPO MUSICALE PIO XI DI DESIO

Domenica 23 novembre 2008, festa per S. Cecilia


Ore 10.30 - Animazione della S. Messa Ore 12.00 - Pranzo sociale con distribuzione medaglie e riconoscimenti speciali per anzianit di servizio

Assegno di Euro 250 e pergamena per oltre 40 anni di attivit


Caspani Ambrogio Ferrara Antonio Galli Luigi Santamaria Ivano Valtorta Giovanni

Medaglia d'oro per oltre 30 anni di attivit


Galli Emilio

101

Medaglia d'argento per oltre 15 anni di attivit


Canzi Sergio Morganti Luca Motta Silvio Sala Fabrizio

Medaglia di bronzo fino a 15 anni di attivit


Arcaini Angelo Canzi Francesco Canzi Elisa Colombo Chiara Guerrera Federico Marchesi Viviana Vigan Monica

Marted 23 dicembre 2008, presso il Cinema Nuovo di Sovico


Ore 21.00 - CONCERTO DI NATALE A CHIUSURA DEI FESTEGGIAMENTI PER IL CENTENARIO DI FONDAZIONE Esecuzione della favola musicale Pierino e il lupo, di Sergei Prokofieff, con la lettura interpretativa affidata alla compagnia teatrale B. Contardo Ferrini di Sovico, che quest'anno celebra i cento anni di fondazione, in concomitanza col corpo musicale G. Verdi

102

Viva la banda
Viva la banda A la banda del me paes foo taanti auguri cumplimeent quaand la snaa l'ha faa tocc cuntent feen de piscinina seentila suna i gaamb saa muveven vureeven bala. Quest'ann la festeega i cent'ann maa l seemper ringiuanida da taanti bagaj e tusaan cun pasion impegn suneenn taanti strumeent seemper al paas cun bei mtivv d'ogni geneer de musica caanzoon peez d'opera sinfunei ouverturr e prunt a regala indimenticaabil cunceert a delizia d'apaasiuna intenditrr maa graand merit al va a la bravraa del maester che la dirigg cun la fatata bacheeta. Taa veedum la noc de Natal al frecc sta la nev i lampioon a mezanocc sool sagra de la gesa suna i auguri e a toocc regulda la Nascita del Salvatrr. I bi lungh prucesion taanta gent cun fed a prega e la banda suna caant loodi al Signur caal pasa visenn ai noost c. Previ seemper taanta emuzion peel d'oca brividd de frec quaand inseema in corteo sa va al cimiteri prega unura ringrazia i noost sulda per la Patria la Pas la givineeza la vita hann lasa. Taa sfileet al preem d'ogni ann augura a toot ul paes un migliur ann ma naa voulta taant faa un'impruvisaada ai anziana pasa per i vi che mai taa vedeenn e seenten maai ncaa lurr saraan cunteent urgugliuss de partecipa a la vita del paes cun la musica medesima del coeur e taa bataraan foort i man per la bela supresaa de la giurnada. E cun coeur caald auguri sinceer affeziun e tanti cumplimeent per i to Cent'ann purta been.

Maria Rosa Motta Sovico, giugno 2008

103

Ma che musica maester


Cent'ann e senti minga adss al par un paradss ma l' segn de bna salott cun tanti forz impegn giuvanil la tgnen semper algra viva. Studi ul spartit note musical Impar ul sulfegg fa tanti prvv pru tanta emuzin sudisfazin debutt nel prem cuncert ricev tanti battiman cumpliment dal publich e autorit present. I Senior sunen fen de bagj adess in nooni cun nevd insema a sun e al sguit familiar urguliss a incuragii l'amour l'atacament al manca mai. Ul maester tant in gamba prepar al da tantu del so temp cun passin ricerca brani musical de nutevul grand spessur la dirigg cun prufessiunalit e tcc sunen al masim de la perfezin si meriteul de ricunusciment e medi d'orr. La musica l' nel dna de tanti apasiun amla l' nubilt d'anim respir sentiment prufund. In cent'anni quanti sunadr a miglirr vita in pas tanti bom esempi hann las chiss se in ciel s'inn ritru in una quei banda intruful o furmada insema ai Angel e ai Sant cuntinu l'esperienza bela vivida in tra. In parads gh' gioia senza fen la musica la po no manc la festa ralegr e pensi che ul Padreternu al sar cuntent di nost bandisti suvicss.

Maria Rosa Motta Sovico, giugno 2008

104

ATTIVIT E STATUTO
CORPO MUSICALE GIUSEPPE VERDI
Via A. Diaz, 9 - 20050 Sovico (MI) - Tel. 331/5682725 www.bandasovico.com - silviomotta@libero.it codice fiscale: 91004880158

IL CONSIGLIO DIRETTIVO
Ogni tre anni, come previsto dallo Statuto, l'Assemblea Generale dei Soci elegge il Consiglio Direttivo, il quale nomina nel proprio ambito il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario e il Tesoriere. Dalle ultime votazioni, avvenute il 12 giugno 2007 e il 6 maggio 2008, cos risultato: Presidente: Marco dott. Gatti Vice Presidente: Silvio Motta Segretario: Emilio Galli Tesoriere: Emilio Zerbato Consigliere: Fabrizio Sala

105

LORGANICO
La Direzione Musicale affidata al Maestro Emilio Zerbato e l'organico formato ad oggi da quarantacinque elementi, di seguito suddivisi per strumento:

Flauto: Anna Colombo Chiara Colombo Paola Paleari Eleonora Recalcati Monica Vigan Clarinetto: Antonella Airoldi Angelo Arcaini Elena Canzi Elisa Canzi Emilio Galli Delia Gatti Federico Guerrera Viviana Marchesi Luca Morganti Francesca Motta Alessandra Paganelli Chiara Paganelli Francesca Recalcati Eleonora Rossetti

Clarinetto basso: Adler Ambrosi Saxofono alto: Sergio Canzi Antonio Ferrara Sara Motta Saxofono tenore: Silvio Motta Ivano Santamaria Giovanni Valtorta Saxofono baritono: Marco Rossetti Tromba: Luigi Chiusi Angelo Conte Sofia Paleari Fabrizio Sala

Corno: Bruno Brambilla Mattia Culatti Trombone: Alfredo Caglio Diego Paleari Riccardo Terruzzi Euphonium: Luigi Ferrario Luigi Galli Alberto Pirola Tuba: Mario Aliprandi Mirko Cazzaniga Enrico Valtorta Percussioni: Francesco Canzi Enrico Pirola Massimo Salezze

106

FINALITA' Articolo n. 2 del nuovo Statuto

L'Associazione apolitica e non ha scopo di lucro. Essa persegue le seguenti finalit: a) promozione e diffusione della cultura musicale; b) sviluppare l'associazionismo e il volontariato musicale; c) attivit didattica aperta a tutti e particolarmente ai giovani, mediante l'organizzazione di corsi, scuole, seminari, stage di musica; d) presenza musicale a manifestazioni civili, religiose, patriottiche, folkloristiche, sociali, promosse dalla stessa o da enti pubblici o privati, comitati e associazioni che ne richiedano la presenza stessa; e) organizzare e realizzare anche per conto terzi manifestazioni, raduni, rassegne, concorsi sia nazionali che internazionali; f) incentivare scambi culturali, gemellaggi musicali con gruppi italiani e stranieri; g) realizzare iniziative pubblicistiche nei settori della cultura, della didattica e tecnica musicale, l'edizione e la distribuzione di riviste, bollettini, notiziari, usufruendo di mezzi e procedimenti tecnici idonei; h) collaborare con enti pubblici e privati, associazioni culturali, sportive, con consorzi, cooperative che perseguono scopi e finalit affini e aderire ad organismi nazionali ed internazionali che abbiano similari obiettivi; i) promuovere e/o gestire ogni iniziativa ritenuta idonea al raggiungimento degli obiettivi sociali, il tutto nella propria realt e dovunque se ne renda utile e necessaria la presenza.

107

ATTIVITA' Appuntamenti annuali fissi in Sovico

Manifestazioni civili 6 Gennaio 25 Aprile mattina 25 Aprile sera 2 Giugno 4 Novembre Dicembre Auguri di buon anno per le vie del paese Santa Messa e corteo al cimitero per la festa della Liberazione Concerto al cinema Concerto all'aperto per la festa della Repubblica Corteo al cimitero e omaggio ai caduti sovicesi delle guerre Concerto di Natale al cinema

Manifestazioni religiose Gennaio Giugno Festa della famiglia Processione del Corpus Domini

Manifestazioni popolari Febbraio Settembre Ottobre Ottobre Notte vigilia di Natale Sfilata di carnevale Festa di Canz Accoglienza fiaccolata del Velo Club Concerto al cinema per la festa patronale Tradizionale Piva di melodie natalizie per le strade e nelle case di Sovico

108

Appuntamenti annuali variabili


Ai precedenti impegni costanti nel tempo, se ne aggiungono circa una decina tra concerti, raduni, inaugurazioni, avvenimenti sportivi, religiosi, per beneficenza in paese, fuori paese e anche all'estero.

109

SCUOLA DI MUSICA
Il corpo musicale G. Verdi, con l'obiettivo di preparare nuovi musicisti da inserire nel proprio organico, organizza ogni anno corsi di formazione musicale. Le adesioni sono accettate in qualsiasi periodo dell'anno: da Settembre a Giugno, e sono aperte a tutti coloro che abbiano passione e volont di imparare a suonare uno strumento ed entrare a far parte della banda. Il corso organizzato in due parti distinte: Teoria e solfeggio Strumento Flauto Clarinetto Saxofono Ottoni Percussioni La durata media del corso di circa tre anni. Gli allievi, in questo periodo, sono seguiti da insegnanti qualificati, che provvedono alla preparazione degli allievi e alla consegna dello strumento. Apprendendo le prime nozioni musicali da questa scuola di musica, alcuni allievi hanno proseguito gli studi, conseguendo il diploma: Emilio Zerbato, nel 1995, in clarinetto, presso il Conservatorio A. Boito di Parma. (Attuale Maestro del corpo musicale G. Verdi). Giovanni Galli, nel 2005, in tromba, presso il Conservatorio G. Verdi di Como. Eleonora Recalcati, nel 2007, in flauto traverso, presso il Conservatorio G. Verdi di Como. Se vuoi saperne di pi, visita il sito internet della banda: www.bandasovico.com

110

111

TAVOLE CRONOLOGICHE
Presidenti, Maestri e Vice Maestri che hanno guidato e diretto il corpo musicale G. Verdi nel corso degli anni. Anno 1908, fondatori: Angelo e Vittorio Recalcati Anno Presidente Maestro Vittore Recalcati Giovanni Sbarra Carlo Bianchi Giovanni Sbarra Giovanni Bonardo Giovanni Bonardo Giovanni Bonardo Carlo Andreoni Carlo Andreoni Giampiero De Carlini Melchise Martorella Melchise Martorella Melchise Martorella Melchise Martorella Emilio Zerbato Emilio Zerbato Emilio Zerbato Emilio Zerbato Vice Maestro Luigi Ferrario Luigi Ferrario Luigi Ferrario Telesforo Pirola Telesforo Pirola Roberto Recalcati Roberto Recalcati Roberto Recalcati Roberto Recalcati Emilio Galli Emilio Zerbato Emilio Galli Emilio Galli Emilio Galli Emilio Galli Sergio Canzi Emilio Galli Sergio Canzi

1908 Durante la Prima guerra mondiale le attivit furono interrotte 1919 1925 1928 Conte Alberto Carlo Rossi Martini Durante la Seconda guerra mondiale le attivit furono sospese 1943 Mario Canzi 1954 Filippo Villa 1958 Filippo Villa 1960 Filippo Villa 1967 1970 1974 1979 Fermo Gatti 1987 Fermo Gatti 1992 Fermo Gatti 1995 1996 1998 2008 Fermo Gatti Marco Gatti Marco Gatti Marco Gatti

Sedi del corpo bandistico dalle origini ad oggi: Anno 1908 1919 1925 1932 Sede Via Giovanni da Sovico, 43 (ex colorificio Galli) Via Roma, 5 (presso l'attuale sala biliardi Green Paradise Club) Presso l'Oratorio di Sovico (locali vecchia entrata via Lambro) Presso l'Associazione Combattenti e Reduci di Sovico

112

Elenco dei bandisti fedeli per anni di attivit:

Nome Valtorta Enrico Aliprandi Mario Chiusi Luigi Brambilla Bruno Ferrara Antonio Galli Luigi Valtorta Giovanni Santamaria Ivano

Strumento Basso tuba Basso tuba Tromba Corno Sax alto Euphonium Sax tenore Sax tenore

Anni di attivit 65 62 58 55 45 41 41 40

Anno assegnazione Medaglia doro* (Oltre i 50 anni di attivit) 1993 1998 2003 2003 -

* Conferita dall'Amministrazione comunale di Sovico.

Tra quelli usciti negli ultimi 10 anni: Anno assegnazione Medaglia doro* (Oltre i 50 anni di attivit) 1993 1998 Anno cessata attivit 2002 1998 2004 2000

Nome Galli Carlo Recalcati Roberto Caspani Ambrogio Russo Matteo

Strumento Tromba Clar. Picc. in mib. Euphonium/percussioni Clarinetto

Anni di attivit 59 51 45 35

* Conferita dall'Amministrazione comunale di Sovico.

113

BIBLIOGRAFIA

Testi a stampa: Biblioteca Civica di Sovico (a cura di), Corpo Musicale G. Verdi 1908-1983. Settantacinque anni di vita, Sovico, Biblioteca Civica, 1983. Cazzani Eugenio, Storia di Sovico, Saronno, Ed. Lambro, 1974. Galbiati Ivano, Tra il cielo e la terra. La prima guerra mondiale, la nascita della cooperativa La Vittoria, Sovico, Cooperativa La Vittoria, 2007. Pozzoli Eugenio, Poesie, Sovico, Popolari per Sovico, 2005.

Fonti Archivistiche: Archivio Corpo Musicale Giuseppe Verdi, Sovico. Archivio Ferrario Grillo Celestina, Sovico. Archivio Pirola Cesare, Sovico. Archivio Recalcati Cecilia, Sovico. Archivio Recalcati Roberto, Sovico. Archivio Villa Adriano e Renato, Milano. Archivio Villa Maria Cristina, Monza. Archivio Parrocchia Cristo Re, Sovico.

114

Corpo Musicale Giuseppe Verdi Sovico - Riproduzione vietata. Un sentito ringraziamento a tutti i cittadini di Sovico per il loro prezioso contributo. Finito di stampare nel mese di ottobre 2008 - Tipolitografia Graficart snc - Biassono.

Comune di Sovico Provincia di Monza e Brianza

Interessi correlati