Sei sulla pagina 1di 11

LA DESTRA STORICA

I PROBLEMI E LE DIFFICOLTA DEL NUOVO STATO UNITARIO Nel 1861 l'Italia, nonostante il Veneto sia ancora territorio austriaco e Roma resti dominio papale, ha raggiunto, sostanzialmente, la sua unit nazionale. Ha una popolazione, prevalentemente rurale, di circa 22 milioni di abitanti che arrivano a 26 milioni se si contano anche le persone che vivono in Veneto e nel Lazio, ha un tasso di analfabetismo altissimo (tra 1'80 e il 90%) fa un larghissimo uso del dialetto (quasi nessuno, se si eccettua la gente di Toscana, parla abitualmente italiano). La legge elettorale concede il diritto di voto soltanto ai cittadini che abbiano compiuto i 25 anni di et, sappiano leggere e scrivere e paghino almeno 40 lire di imposte all'anno; nelle prime elezioni dell'Italia unita gli elettori sono 400 000, meno del 2% della popolazione totale. I problemi che si presentano sono di enorme portata. Si devono unificare i codici, i bilanci, le forze armate, creando un apparato burocratico e un'organizzazione militare omogenei; un compit immane, difficilissimo in un paese, come l'Italia, diviso da secoli. necessario elaborare una linea di sviluppo economico; anche questo un impegno improbo, proprio perch le varie regioni d'Italia hanno avuto, nel corso della loro storia millenaria, uno sviluppo ineguale, per nulla omogeneo. Bisogna dare una salda direzione politica a un paese soggetto alle pi forti tensioni politiche e sociali; si pensi, solo ad esempio, alla questione del rapporto fra Nord e Sud, alla questione del rapporto fra liberali e cattolici, e a quella, infine, della grande miseria delle masse sia urbane sia contadine. Si deve trovare una soluzione per i rapporti con la Chiesa: Roma non fa ancora parte dello Stato italiano, e a Roma vi il pontefice. Infine, bisogna lottare contro l'Austria per strapparle il Veneto. L'Italia si presenta sulla scena europea come uno Stato politicamente giovane, ma socialmente arretrato e in seria difficolt nella sua opera di modernizzazione: ultima delle maggiori potenze del continente, prima di quelle di second'ordine. LA DIFFICILE EREDITA DI CAVOUR Cavour, l'impareggiabile capo del Partito liberaI-moderato negli anni decisivi del Risorgimento, muore a Torino il 6 giugno 1861, lasciando una pesante eredit. Nessuno, anche tra le personalit pi eminenti che lo circondano, possiede le sue doti, le sue abilit, la sua intelligenza politica. Gli eredi di Cavour sono coloro che formano la Destra, in seguito definita storica, dello schieramento parlamentare. Ne fanno parte uomini che provengono da un gruppo sociale abbastanza omogeneo, nati da famiglie di proprietari terrieri per lo pi del Nord e del Centro, spesso di origine aristocratica, conservatori che intendono la difesa dell'unit nazionale e la formazione del nuovo Stato come una missione storica, da realizzare difendendo con intransigenza gli interessi delle classi alte. LE SCELTE DELLA DESTRA: UNIFICARE LITALIA PIEMONTIZZANDOLA Nel giugno del 1861, poche settimane dopo la proclamazione del Regno dItalia, Cavour mor a soli 51 anni. A guidare il nuovo governo furono i suoi collaboratori pi stretti: Urbano Rattazzi, Alfonso La Marmora, Bettino Ricasoli, Quintino Sella, Marco Minghetti e Luigi Carlo Farini. Questi uomini erano convinti che gli italiani non fossero ancora pronti per governarsi da soli e che quindi la guida della nazione dovesse spettare ad una ristretta cerchia di persone colte e illuminate. Essi ritenevano inoltre che, essendo un paese frammentario e disomogeneo, lItalia dovesse essere governata dal centro (cio dalla capitale Torino), attraverso un forte apparato amministrativo. Il territorio italiano venne cos suddiviso in 59 province, in ciascuna delle quali fu insediato un prefetto, cio un rappresentante del governo (che nei primi anni del regno fu quasi sempre piemontese). A tutto il paese fu poi estesa la legislazione del Regno di Sardegna, e lo Statuto albertino divenne la nuova Costituzione dello Stato italiano. LITALIA SI AVVIA A DIVENTARE UN UNICO GRANDE MERCATO Sul piano economico, la destra mantenne il principio del libero scambio e gli accordi commerciali con Francia e Gran Bretagna voluti da Cavour. Allinterno del territorio nazionale furono abolite le barriere doganali, e ci consent la formazione di un mercato unico che comprendeva tutte le regioni 1

dItalia. Questa scelta favor il decollo industriale delle regioni settentrionali, ma non fece che indebolire la gi arretrata economia del sud: la concorrenza dellindustria del Nord, pi moderna e sviluppata (quindi in grado di fornire i prodotti migliori e pi convenienti), fece infatti crollare le deboli manifatture meridionali, che negli anni precedenti erano riuscite a sopravvivere proprio grazie allassenza di scambi commerciali con le altre regioni. La creazione di un mercato nazionale ebbe quindi leffetto di acuire le differenze fra Nord e Sud. Per agevolare lunificazione territoriale dellItalia, il governo decise poi massicci investimenti nel campo delle comunicazioni stradali e dei trasporti su rotaia. In questultimo settore i risultati conseguiti furono brillanti: in soli ventanni lestensione della rete ferroviaria italiana si quadruplic. Cifre considerevoli, inoltre, furono spese nella riorganizzazione dellesercito e della marina, anche in vista di una ripresa della guerra contro lAustria (che controllava ancora il Veneto). Minore fu invece limpegno nel settore della scuola: sebbene, gi nel 1859, nel Regno di Sardegna si fosse stabilita lobbligatoriet e la gratuit dellistruzione primaria, la gestione delle scuole elementari fu lasciata ai comuni, che spesso, a causa degli scarsi mezzi finanziari, nono riuscirono a farsene carico. TASSE IMPOPOLARI PER FINANZIARE UN NUOVO STATO La creazione della Stato italiano ebbe un costo enorme, sia a causa della spese di guerra sia a causa dei massicci investimenti nel campo dei trasporti, dellesercito, delle strutture burocratiche. Allindomani dellunit, il governo si trov quindi ad affrontare un grave problema finanziario, poich il denaro speso superava di gran lunga quello che entrava nella casse dello Stato. Per risolvere la crisi, il ministro Quintino Sella cerc di ridurre le spese (abbassando per esempio gli stipendi dei dipendenti pubblici), ma soprattutto si adoper per aumentare le entrate attraverso un inasprimento del prelievo fiscale. Furono cos introdotte nuove tasse come unimposta sulla ricchezza mobile, che colpiva anche i piccoli risparmi depositati nella banche, e una tassa sul macinato, cio sulla farina: unimposta indiretta che gravava fortemente sui consumi dei ceti pi poveri (la cui scarsa alimentazione aveva come ingrediente fondamentale il pane). Lintroduzione della tassa sul macinato provoc protesta e sollevazioni in tutto il Paese e fu una delle cause che, nel 1876, determinarono la fine della stagione politica della Destra. Attraverso gli enormi sacrifici dei cittadini, il governo era comunque riuscito a raggiungere il pareggio del bilancio (cio lequilibrio fra le entrate e le uscite): un risultato che aveva fatto crescere il credito internazionale nei confronti del nuovo Stato italiano. IL COMPIMENTO DELLUNITA: LA TERZA GUERRA DINDIPENDENZA Per quanto riguarda l apolitica estera, fra i tanti problemi che si ponevano al governo del nuovo Stato italiano vi era quello di completare lunificazione territoriale del Paese. Perch lItalia fosse davvero indipendente e unita, infatti, restavano ancora da conquistare il Veneto, che era in mano agli austriaci, e il Lazio, che era rimasto al papa. Loccasione per proceder allannessione del veneto fu offerta dal contrasto fra Austria e Prussia che si veniva delineando nel corso degli anni sessanta. Dopo il 1848 la Prussia si era posta a capo del processo di unificazione tedesca e i suoi interessi era entrati in conflitto con quelli dellAustria. La Prussia, decisa a battere limpero asburgico con le armi, chiese allora lalleanza dellItalia, in modo da riuscire ad attaccare lAustria su due fronti. Si giunse cos a quella che stata definita la terza guerra dindipendenza. I combattimenti videro subito in difficolt lesercito italiano, che fu sconfitto dagli austriaci. Ma, grazie alla vittoria prussiano di Sadowa, la guerra si concluse rapidamente a favore dellalleanza italo-tedesca, e il governo italiano pot ottenere lannessione del Veneto. LA QUESTIONE ROMANA E IL CONFLITTO FRA I LIBERALI E LA CHIESA Conquistato il Veneto, restava da risolvere la cosiddetta questione romana, cio lannessione dei territori pontifici. Ma qui i problemi erano maggiori e pi complessi. Anzitutto Napoleone III si opponeva strenuamente allannessione e garantiva al papa la protezione dellesercito francese, presente nello Stato pontificio con presidi permanenti. La questione romana andava poi a toccare nodi politici e culturali molto delicati, poich imponeva una ridefinizione del rapporto tra Stato e 2

Chiesa, fra politica e religione. Seguaci del pensiero cavouriano (compendiato nella formula libera Chiesa in libero Stato), i governanti italiani sostenevano che il papa dovesse rinunciare ai propri possedimenti territoriali, continuando a svolgere liberamente la sua funzione di guida spirituale del mondo cattolico. Per Pio IX, al contrario, la pretesa dello Stato italiano di eliminare il potere temporale della Chiesa e la volont di portare a Roma la capitale del regno, rappresentavano una minaccia per lo stesso cattolicesimo. Dopo lemanazione da parte del papa del Sillabo (documento in cui condannava tutte le idee prodotte dalla societ moderna e giudicava un errore la concessione delle libert individuali ai popoli) nel 1864, il governo incamera i beni di vescovadi e di ordini religiosi e rafforza i provvedimenti volti a sottrarre leducazione e lassistenza agli ecclesiastici. Ma tutto questo non risolveva la questione centrale, cio la liberazione di Roma. Nel 1864 il governo dovette accettare un accordo con Napoleone III, il quale si impegnava a ritirare le sue truppe entro due anni in cambio della promessa da parte dello Stato italiano di non invadere i territori pontifici. Per offrire maggiori garanzie allimperatore di Francia in quelloccasione il governo aveva portato la capitale italiana a Firenze. LA BRECCIA DI PORTA PIA Tra il 1862 e il 1867, Garibaldi tent pi volte di impossessarsi dello Stato pontificio per cederlo al re, ma venne sempre fermato o dallesercito italiano o da Napoleone III. Solo nel 1870 si crearono le condizioni favorevoli alla liberazione di Roma. In quellanno, infatti, Napoleone III fu destituito dalla carica di imperatore, e in Francia torn la Repubblica. Questo fatto impresse una svolta alla questione romana. Immediatamente il governo italiano invi un contingente militare nello Stato pontificio, e il 20 settembre 1870, dopo essersi aperti un varco a Porta Pia, i bersaglieri poterono entrare vittoriosi in Roma. Con un plebiscito Roma divenne capitale dItalia.

LA SINISTRA STORICA
I CARATTERI DELLA SINISTRA Alla Destra si contrappone la Sinistra, erede della democrazia risorgimentale, divisa fra repubblicani di fede mazziniana come Francesco Crispi e Agostino Bertani, ex garibaldini o ex democratici come Domenico Guerrazzi e, infine, uomini pi moderati della Sinistra costituzionale come Angelo Brofferio e Agostino Depretis. La Sinistra continua a dichiararsi repubblicana; ma, di fatto, lascia cadere questa rivendicazione; essa, piuttosto, vuole un allargamento del diritto di voto, vuole il suffragio universale. Anche socialmente Destra e Sinistra si differenziano: la prima legata all'aristocrazia e alla grande borghesia; la seconda ha una base in larga misura formata da piccolo-borghesi, intellettuali, professionisti. Dal punto di vista della loro organizzazione interna, le due formazioni non rappresentano certo partiti di tipo moderno: sono pi che altro schieramenti di opinione, i cui esponenti si legano con gli elettori attraverso le proprie clientele e, in occasione del rinnovo del Parlamento, con i propri comitati elettorali. LA SINISTRA AL POTERE Dopo quindici anni di governo (1861-1876), la Destra aveva portato a termine lunificazione territoriale ma, a causa dei grandi investimenti nel campo delle infrastrutture e per la guerra, aveva dovuto sottoporre i cittadini a nuove tasse. Queste tasse avevano provocato un malcontento popolare che port la Sinistra al potere. La presidenza del consiglio fu assunta da Agostino Depretis che adott immediatamente una serie di riforme politico-sociali: venne introdotta listruzione elementare obbligatoria, venne abolita la tassa sul macinato e venne modificata la legge elettorale. Questa legge abbassava la soglia di censo e di et richiesti per poter votare cosicch poterono andare alle urne pi di due milioni di cittadini maschi contro i 400 000 del periodo precedente. La piccola borghesia e una moderata quota di operai istruiti potevano partecipare alla vita politica del Paese. Il governo di Depretis si espresse a favore del decentramento amministrativo; var una prima 3

legislazione sociale (limitando il lavoro infantile e femminile e tutelando gli infortuni); e adott infine una serie di provvedimenti per promuovere lo sviluppo dellistruzione superiore. PROTEZIONISMO ED ESPANSIONE COLONIALE Fino al 1876, lo Stato aveva favorito lo sviluppo del libero mercato. A partire da quella data, per, i governi. Accogliendo le richieste degli imprenditori, adottarono misure protezionistiche e cercarono di promuovere la crescita dellindustria nazionale. La Sinistra, se da una parte prende provvedimenti a favore delle classi pi umili, dallaltra, riportando in vigore dazi e dogane contro i prodotti stranieri, si assicurava il favore dellalta borghesia industriale. Allaffermazione economico-politica della nuova potenza italiana mancava solo lespansione coloniale. Dopo avere investito molti milioni per rafforzare lesercito, Depretis decise infatti di prendere parte alla grande spartizione del continente africano. Con questo tentativo di colonizzazione, lItalia entr in conflitto con la Francia che stava cercando di costruire il proprio impero in quella zona. Nel 1882, allora. La Sinistra stipul il trattato della Triplice Alleanza con Germania e Austria. Forte di questo patto, il governo diede avvio alla campagna di espansione che si concentr nellAbissinia (lattuale Etiopia) e nel 1887 a Dogali si concluse con un vero e proprio massacro delle nostre truppe. Poco tempo dopo questo disastro moriva Agostino Depretis e saliva al governo un uomo deciso a imprimere la svolta alla politica nazionale: Francesco Crispi. IL TRASFORMISMO E IL GOVERNO DI CRISPI Durante il suo governo, la Sinistra aveva perso i suoi originari connotati riformistici e ci aveva convinto molti deputati della Destra a confluire nelle file del partito di Depretis. In questo modo il primo ministro aveva potuto godere di una larghissima maggioranza parlamentare, che gli aveva consentito di compiere anche scelte impopolari come quella della Triplice Alleanza. Nellultima fase del governo Depretis, non vi erano pi distinzioni tra Destra e Sinistra; i partiti si erano trasformati, erano esplosi in mille pezzi i cui frantumi erano tenuti insieme dalla presidente del Consiglio e soprattutto dagli interessi economici comuni: si ere aperta la fase del cosiddetto trasformismo. Francesco Crispi era un ex garibaldino ed ex mazziniano convertitosi alla monarchia. Opt per un apolitica autoritaria e riusc ad accentrare nelle proprie mani le principali cariche di governo, conquistando un enorme potere. LA POLITICA INTERNA DI CRISPI: DALLE RIFORME ALLA REPRESSIONE Crispi prese subito una serie di provvedimenti finalizzati a rafforzare i poteri dello Stato e laccentramento amministrativo: accentu il controllo del governo sui prefetti; potenzi le prerogative dellesecutivo rispetto a quelle del Parlamento; assegn ampi poteri alla polizia. Nella sua opera di riforma dello Stato, il primo ministro adott anche provvedimenti liberali come labolizione della pena di morte, la riorganizzazione della sanit, lallargamento della base elettorale in campo amministrativo. A partire dal 1891, in coincidenza con una fase di crisi economica e sociale, Crispi accentu il carattere repressivo della sua politica: inaspr la legislazione contro lattivit delle organizzazioni operaie e soffoc nel sangue grandi movimenti popolari come i Fasci dei lavoratori siciliani. In Sicilia, nel 1893, dichiar lo stato di assedio, mentre nel resto dItalia polizia e prefetti usavano il pugno di ferro contro scioperi e manifestazioni di piazza. IL NUOVO FALLIMENTO COLONIALE PORTA ALLE DIMISSIONI DI CRISPI Riprendendo il progetto di Depretis, il primi ministro invi un contingente militare in Abissinia per tentare di allargare i territori che gi si trovavano sotto linfluenza italiana. Ma anche questa volta i risultati furono disastrosi: nel 1895 lItalia riport due sconfitte, prima ad Amba Alagi, poi a Macall; infine, nel marzo 1896, le truppe italiane vennero letteralmente massacrate dallesercito abissino ad Adua. Dopo questa ennesima sconfitta, Crispi si ritirava dalla scena politica dimettendosi dalla carica di presidente del Consiglio.

IL PARTITO LIBERALE
Dalle dimissioni di Crispi allelezioni politiche del giugno 1900, lItalia era pervasa da violenti scontri interni, scioperi e malcontento popolare. Nel luglio dello stesso anno, il re Umberto I venne ucciso e sal al trono il suo erede Vittorio Emanuele III, pi aperto alle posizioni liberali. Luomo che realizz la svolta liberale fu il piemontese Giovanni Giolitti, che govern quasi ininterrottamente dal 1903 al 1914. Giolitti cerc subito un accordo con il movimento operaio e con lala pi moderata del partito socialista, poich riteneva che fosse impossibile governare nelle condizioni sopra elencate. Giolitti attu inoltre una serie di riforme sociali a favore dei lavoratori, come le leggi a tutela del lavoro minorile e femminile e lintroduzione di assicurazioni e pensioni di anzianit. UNA LEGISLAZIONE CHE FAVORISCE LE GRANDI INDUSTRIE Giolitti si preoccup anche di favorire la crescita dellindustria: grazie alla nazionalizzazione delle ferrovie e alle protezioni doganali, lindustria conobbe un vero e proprio decollo. Il primo ministro cerc anche di migliorare la legislazione delle citt; ma di fatto tutto ci avvenne solo nel nord dellItalia, dove un ricco tessuto industriale e una fitta rete urbana costituivano gi una realt ben radicata. Nulla fecero i governi giolittiani per agevolare la crescita economica del sud, le cui manifatture non potevano competere con le grandi industrie del nord: il mezzogiorno restava cos una regione prevalentemente agricola. IL COMPROMESSO GIOLITTIANO La svolta liberale attuata da Giolitti non fu affatto priva di ombre. Per garantirsi la maggioranza parlamentare, lo statista dovette infatti assecondare diversi interessi e cedere a pi di un compromesso. Soddisfare le esigenze dei ricchi deputati settentrionali signific, di fatto, favorire lo sviluppo dellindustria, ma per ottenere i voti dei deputati meridionali, spesso rappresentanti della propriet terriera, Giolitti dovette garantire la conservazione degli antichi assetti di potere, la repressione sanguinosa delle agitazioni contadine, latteggiamento ostile verso i partiti democraticosocialisti del sud. In questo modo le differenze tra le due Italie, anzich ridursi, divennero pi profonde. LA POLITICA ESTERA Per quanto riguarda la politica estera, Giolitti, cerc di conquistare nuovi territori in Africa. Per una serie di circostanze, si apr la possibilit di conquistare la Libia. Giolitti decise di avviare questa nuova impresa soprattutto per assecondare le richieste degli ambienti pi conservatori, dalle banche allindustria bellica che dalla nuova conquista speravano di trarre nuovi vantaggi economici. Nel 1911, dopo aver ottenuto il consenso di Francia e Inghilterra, la flotta italiana punt quindi su Tripoli, dove sbarc un primo contingente di truppe. Entro lanno successivo, loccupazione del territorio libico fu completata e limpero turco fu costretto alla resa: la Libia era diventata colonia italiana. Dopo questa vittoria in Italia comincia a svilupparsi il movimento nazionalista, che affermava che lItalia dovesse prendere parte alla corsa per conquistare nuove colonie e divenire importante nel mondo. LE PRIME ELEZIONI ASUFFRAGIO UNIVERSALE MASCHILE Se con limpresa di Libia Giolitti aveva guadagnato il consenso dei gruppi pi conservatori e reazionari, con unimportantissima riforma elettorale volle assicurarsi lapprovazione delle forze democratiche e socialiste. Nel 1912, su proposta del governo, il parlamento introdusse il suffragio universale maschile: dora in poi tutti i cittadini maschi di et superiore ai 21 anni, in grado di leggere e scrivere, avevano il diritto di andare a votare. La nuova legge elettorale, che rappresentava un enorme conquista democratica, portava alle urne pi di 8 milioni di persone, e apriva le porte al successo delle forze popolari. Consapevole di ci, per evitare che i socialisti sconfiggessero i candidati liberali, alla vigilia delle elezioni del 1913, Giolitti si assicur lappoggio dei cattolici con il cosiddetto patto Gentiloni, con il quale gli elettori cattolici si impegnavano a votare i candidati 5

liberali che dessero garanzie di rispetto per i valori religiosi. Grazie a questo accordo, i liberali riuscirono ad ottenere la maggioranza. Nel 1914 il primo ministro decise di dimettersi.

IL PARTITO NAZIONALE FASCISTA (P.N.F.)


Nel 1922 Benito Mussolini sfruttando lappoggio dei liberali, riesce ad ottenere 35 deputati al parlamento e fonda il Partito Nazionale Fascista. Grazie allaiuto delle squadre dazione (veri e propri gruppi armati), inizia a terrorizzare le aree socialiste italiane. Sempre nel 1922 Mussolini convoca tutti i suoi uomini e marcia su Roma. Vittorio Emanuele III invece di impedire a Mussolini di entrare in citt, gli consegna la guida del governo poich sperava che un governo guidato da un uomo forte avrebbe fatto uscire lItalia dalla crisi sociale e politica che stava attraversando. Nel 1923 Mussolini fonda il Gran Consiglio del fascismo, una sorta di governo parallelo a quello ufficiale nel quale si ritrovavano tutti i capi del Partito Fascista, e la Milizia Volontari per la Sicurezza Nazionale, nella quale confluirono le squadre delle Camicie Nere, trasformate in quel momento in una polizia di partito riconosciuta e stipendiata dallo Stato. LA POLITICA INTERNA Nel 1924 modific la legge elettorale, in vista delle elezioni politiche, grazie alla quale era sicuro di ottenere la maggioranza in parlamento Stabil infatti che la lista che avesse ottenuto pi del 25% dei voti, sarebbe stata premiata con i due terzi dei seggi alla Camera. Allindomani delle elezioni un deputato socialista riformista, Giacomo Matteotti, denunci il clima intollerabile in cui si erano svolte le votazioni e ne accus il capo del governo. Poco dopo (il 10 giugno 1924) egli fu rapito e ucciso da esponenti del Partito Fascista. Nel 1925 si present alle camere pronunciando un discorso in cui si assumeva la responsabilit dellassassinio di Matteotti. Mussolini da primo ministro era diventato dittatore. Nei successivi anni di governo diminuirono progressivamente, fino a scomparire, la libert di stampa, di associazione e di riunione; ripristin la pena di morte per i reati politici pi gravi; nel 1926 dichiar illegali tutti i partiti al di fuori di quello Fascista e istitu un Tribunale speciale per la difesa dello Stato che perseguiva chi cercava di diffondere idee antifasciste. Nel 1929 Mussolini si alle ufficialmente col papa grazie ai Patti lateranensi (una serie di accordi con i quali, dopo un lungo periodo di dissidi, lo Stato si riconciliava con la Chiesa): veniva riconosciuta la piena sovranit al papa sulla Citt del Vaticano; si stabiliva lindennit da pagare alla Chiesa come risarcimento dei beni espropriati con la presa di Roma; confermava il Cattolicesimo quale religione di Stato. IL FUORIUSCITISMO Nel 1929, accanto alle formazioni comuniste, fece la sua comparsa il gruppo di Giustizia e Libert (GL), fondato dagli antifascisti Piero Gobetti, Carlo e Nello Rosselli ed Emilio Lussu. Esso raccolse intorno a s repubblicani, socialisti e democratici che non aderivano a nessun partito e che combatterono per ristabilire in Italia le libert politiche e la giustizia sociale. Anch'essi furono vittime della repressione fascista; quando l'Ovra (polizia politica incaricata di scovare e reprimere gli oppositori) non riusciva a catturarli in Italia li faceva assassinare all'estero, come avvenne per Carlo Rosselli e suo fratello Nello nel 1937. Tutti gli altri presero la via dell'esilio verso la Francia, la Svizzera, il Belgio, la Gran Bretagna e persino gli Stati Uniti dando luogo al fenomeno del fuoriuscitismo, cio dell'emigrazione politica. La maggior parte di essi scelse come quartier generale Parigi dove, fin dal 1925, si trovavano molti altri antifascisti come Filippo Turati, Carlo Treves, Pietro Nenni, Gaetano Salvemini. Nella capitale francese, sempre pronta a offrire asilo politico a chiunque fosse perseguitato, essi si preoccuparono soprattutto di sensibilizzare l'opinione pubblica straniera sulla situazione politica italiana e tennero stretti contatti con gli Italiani emigrati per ragioni di lavoro. TUTTO IL POTERE NELLE MANI DEL DUCE Mussolini cerc di accentare le prerogative del governo a discapito di quelle del parlamento: a partire dal 1926, le Camere si ridussero di fatto ad unassemblea di amici del presidente del 6

Consiglio e persero ogni autorit legislativa. Il governo cominci a legiferare per mezzo di decreti mentre il duce divenne titolare di diversi ministeri, tra cui quelli dellInterno e degli Esteri. Il capo del governo apport alcune modifiche fondamentali allo Statuto albertino: i sindaci vennero sostituiti coi podest nominati dal governo e il voto non era pi n libero n segreto. Un altro elemento caratteristico del regime fascista era la ricerca del consenso popolare: sfrutt a proprio vantaggio la radio, il cinema, la scuola e le manifestazioni collettive per condizionare le masse e per convincerle che la dittatura fascista rappresentava un bene per lintero Paese. LA POLITICA ECONOMICA Dopo una prima fase di liberismo economico, finalizzata ad agevolare la produzione industriale e gli investimenti, il regime fascista tende ad accentuare sempre di pi lintervento dello Stato nelleconomia e nei rapporti di lavoro fra imprenditori e operai. Mussolini opta per una politica dirigistica intervenendo anche sui salari dei lavoratori stabilendo la necessit di ridurli per favorire il decollo industriale del Paese. Cos mentre lalta borghesia si arricchiva grazie ad una politica economica favorevole allo sviluppo industriale, i lavoratori si impoverivano sempre di pi. Per impedire le proteste dei ceti operai, nel 1926 Mussolini aveva proibito agli scioperi e aveva reso illegali tutte le associazioni sindacali sostituendole con la Confederazione dei sindacati fascisti (un organismo di Stato al quale spettava il compito di trovare un accordo sulle principali questioni del lavoro in nome dellinteresse nazionale). Nel campo dellassistenza sociale furono compiuti grandi passi avanti grazie allistituzione di enti pensionistici e mutualistici come lIstituto Nazionale per la Previdenza Sociale e lIstituto Nazionale per lAssicurazione contro le Malattie (Inps, Inam). Questa politica sociale garant al duce lappoggio di ampie fasce della piccola borghesia e anche di molti proletari. POLITICA ESTERA Per i primi anni del suo governo, Mussolini rimase legato alle potenze vincitrici della prima guerra mondiale. Ma a partire dagli anni trenta la sua politica mut radicalmente: egli si avvicin alla Germania di Hitler e riprese il progetto di espansione coloniale. Prendendo come pretesto alcuni incidenti avvenuti al confine tra Somalia ed Eritrea, nel 1935 le truppe del duce invasero lEtiopia che in pochi mesi capitol. Nel maggio 1936 Mussolini dichiar la nascita dellimpero dellAfrica orientale italiana, di cui facevano parte lEritrea, la Somalia e lEtiopia.

IL PARTITO SOCIALISTA ITALIANO (P.S.I.)


Fondato a Genova, nell'agosto 1892, come Partito dei lavoratori italiani, assunse il nome di Partito socialista nel 1893. Punto d'arrivo di un travaglio teorico e politico avviato fin dall'unificazione italiana, nel movimento socialista, guidato da Filippo Turati e dal gruppo dirigente riformista di vaga ispirazione marxista, confluivano varie tradizioni: dall'associazionismo mazziniano, all'operaismo lombardo, al rivoluzionarismo di Andrea Costa. Il PSI si svilupp rapidamente: all'inizio del secolo poteva contare gi su vasti consensi elettorali nel settentrione e nel centro del paese, su leghe e cooperative, al punto da divenire, nel 1902-1904, un credibile interlocutore del governo liberale di Giolitti. I riformisti, artefici dell'espansione del movimento e della creazione delle Camere del lavoro e della CGIL, si trovarono in minoranza fra il 1904 e il 1908. Nel 1921 una scissione dava vita al Partito comunista; l'anno successivo la vittoria dei massimalisti spingeva Turati ad uscire dal PSI. IL DECLINO Alla ricerca di una politica di movimento, voluta da Nenni, una volta affermata la linea "autonomista" (congresso di Milano, 1961) e avviata la politica di centrosinistra che gli permise di accedere all'area governativa (1963), il PSI, che tuttavia non abbandon mai l'unit sindacale con il PCI nella CGIL, dovette subire un'altra scissione da sinistra che diede vita, a opera dei massimalisti pi irriducibili, a un nuovo PSIUP (1964). Nel 1966 PSI e PSDI si fusero nel PSU (Partito Socialista Unificato), ma riacquistarono nel 1969, in piena crisi economica e politica, la rispettiva 7

autonomia. Sotto la segreteria di Francesco De Martino ripresero i rapporti col PCI, che tuttavia condussero a una progressiva subalternit del PSI al pi forte interlocutore. Le elezioni politiche del 1976 segnarono il culmine di un tracollo elettorale ritenuto inarrestabile cui venne posto fine con la segreteria Craxi (1976). IL CRAXISMO I riformisti riconquistarono le posizioni perdute, rafforzando il ruolo del PSI nel governo tramite l'alleanza spregiudicata e conflittuale con la DC: scelta, questa, che da un lato consent al partito di recuperare voti e consensi, ma dall'altro ridusse gli spazi per la realizzazione di un energico programma riformatore. Da allora il PSI fu il perno di tutte le alleanze di governo: a livello nazionale, con le coalizioni di pentapartito (DC, PSI, PSDI, PRI, PLI), a livello locale in qualsiasi tipo di alleanza. Nell'uno e nell'altro caso si giov del cosiddetto "potere di coalizione" derivantegli dal fatto che, pur non essendo mai cresciuto il suo seguito elettorale complessivo oltre il 12%, i suoi eletti fossero sempre determinanti per la formazione della maggioranza in qualsiasi consesso. Ci consent ai suoi esponenti di detenere quote di potere (sindaci, assessorati, ministeri, presidenze di istituti ed enti economici di nomina politica) molto superiori al suo reale peso elettorale, con il conseguente corrompimento del costume morale di molti suoi esponenti. Assurto a pilastro della partitocrazia, all'inizio degli anni novanta divenne, soprattutto nella persona di Bettino Craxi (che aveva accentrato ogni aspetto della direzione del partito, riuscendo a soffocare la dialettica interna), il principale bersaglio sia della rivolta morale diffusa tra i cittadini sia dell'iniziativa giudiziaria detta "Mani pulite" (1992), avviata a Milano, feudo elettorale e politico di Craxi, il quale fu costretto alle dimissioni. Sprofondato in una crisi senza precedenti, il partito fu sciolto nel 1994.

IL PARTITO COMUNISTA ITALIANO (P.C.I.)


Il Partito Comunista d'Italia (PCd'I) viene fondato il 21 gennaio 1921 con una scissione al congresso socialista di Livorno, per iniziativa di alcune correnti di sinistra del PSI, essenzialmente quella napoletana di Amadeo Bordiga e quella torinese dell'"Ordine nuovo" di Antonio Gramsci. Dopo i primi anni della segreteria Bordiga, il nuovo gruppo dirigente raccolto attorno a Gramsci deline (Tesi di Lione, 1925) i tratti distintivi del partito. L'avvento del regime fascista costrinse il PCd'I a una lunga clandestinit e ne colp duramente dirigenti e militanti. Nonostante la repressione riusc a sopravvivere e, assunto il nome di Partito Comunista Italiano in seguito allo scioglimento del Comintern (1943), a diventare il nerbo centrale della Resistenza, attuando un'unit d'azione con le forze socialiste e cattoliche nel comune fronte antifascista. Grazie a ci il PCI divenne il pi forte partito della sinistra con quasi due milioni d'iscritti. Nel dopoguerra approfond il suo radicamento tra i settori operai e popolari come principale forza d'opposizione politica e sociale, in particolare influenzando le scelte della CGIL. Contemporaneamente il gruppo dirigente, guidato da Palmiro Togliatti, svilupp una nuova strategia, che sintonizzava l'attivit del partito con le caratteristiche delle democrazie occidentali: le riforme politiche e sociali diventavano l'asse portante della via italiana al socialismo. Questa strategia, proseguita dalle segreterie di Luigi Longo, Enrico Berlinguer e Alessandro Natta, allent i legami tra il PCI e il PCUS, contribuendo ad allargare l'influenza elettorale del partito (nel 1976 culminata nel 34,4% dei voti). Negli anni sessanta nel partito si svilupp una nuova dialettica politica che rompeva il monolitismo di stampo staliniano. In particolare, da un lato si aggregava una corrente "riformista" attorno a Giorgio Amendola; dall'altro Pietro Ingrao catalizzava la "sinistra comunista", al cui interno nacque il gruppo dissidente della rivista "il manifesto" che nel 1969 fu espulso dal partito. Negli anni settanta, sotto la guida di Enrico Berlinguer, il PCI si propose come forza di governo: prima perseguendo un'alleanza con la DC, poi con l'appoggio esterno a governi di "unit nazionale". Il fallimento di questi tentativi, ancor prima del crollo dei regimi comunisti, determin negli anni ottanta una profonda messa in discussione dell'identit del partito, allora guidato da Alessandro Natta. Con Achille Occhetto come segretario il PCI tenne il suo ultimo congresso (1990) decidendo di dar vita a una nuova formazione politica (Partito democratico della sinistra che in seguito, nel 1998, si sarebbe sciolto all'interno di una nuova formazione politica progressista, i Democratici di Sinistra) nella quale confluirono la 8

maggioranza dei dirigenti e militanti, mentre una minoranza, detta della Rifondazione comunista, tent di far sopravvivere un partito comunista.

IL PARTITO POPOLARE CRISTIANO (P.P.C.)


La sera del 18 gennaio 1919 nasce il Partito popolare italiano. Con esso, i cattolici italiani, che per alcuni decenni erano rimasti ai margini della politica italiana a causa del dissidio fra la Chiesa e lo Stato sulla "questione romana", rientrano a pieno titolo nella vita politica, non pi a sostegno di altre forze (come ai tempi di Giolitti e del patto Gentiloni), ma con un' autonoma fisionomia politica. La nascita del Partito popolare ha questo duplice significato: un momento forte della presenza dei cattolici nella vita politica italiana con la fine di ogni subalternit e, al tempo stesso, uno dei punti pi alti di una bene intesa laicit della politica. L'appello, ha scritto Gabriele De Rosa, il massimo studioso di Sturzo e del Partito popolare uno dei documenti pi elevati e di maggiore impegno civile della nostra letteratura politica, una carta di identit perfettamente laica. E infatti anche i temi tradizionali, che avevano formato oggetto delle rivendicazioni dei cattolici, come la libert della Chiesa, la famiglia, ecc, non sono pi, nel programma del Partito, rivendicazioni corporative, ma prendono posto in un contesto politico. Il programma del Partito popolare implica una visione nuova del rapporto fra la societ e lo Stato: quest'ultimo non pi unica espressione, come in certe correnti del liberalismo, della societ civile; tutte le associazioni, tutti i corpi sociali, siano essi intermedi fra lo Stato e l'individuo (come il Comune) o diversi dallo Stato (come la Chiesa) devono avere una loro libera espressione che lo Stato deve rispettare e garantire il programma popolare un grande programma individuale e istituzionale di libert; l'affermazione pi coerente di pluralismo, come oggi si dice, nella nostra esperienza politica. Dunque si tratta di una proposta che ha un contenuto schiettamente politico. Alla presenza cattolica, che ha un'importanza decisiva nella vita del Paese, il Partito vuole dare un'espressione politica corretta, non confessionale, non pi difensiva, ma positiva e democratica. L'azione del Partito non impegna la Chiesa: Non possiamo trasformarci da Partito politico in ordinamento di Chiesa, dice Sturzo al primo congresso, n abbiamo diritto di parlare in nome della Chiesa, n possiamo essere emanazione e dipendenza di organismi ecclesiastici, n possiamo avvalorare della forza della Chiesa la nostra azione politica. Ma, alla base, gli stessi individui sono nella Chiesa e nel Partito, la cui nascita non sarebbe stata possibile senza un consenso, almeno tacito, delle gerarchie ecclesiastiche. Senza Luigi Sturzo quel Partito non sarebbe nato o sarebbe stato diverso. La stessa rapidit con cui Sturzo, alla fine della guerra, lo costruisce il segno di un disegno sicuro e a lungo maturato nella sua mente attraverso una ricca e generosa esperienza. Sacerdote di fede solida e di indiscussa obbedienza alla Chiesa, aveva combattuto il clientelismo meridionale che non di rado coinvolgeva anche preti e vescovi; alla base della sua esperienza vi la forte esigenza di una Chiesa fedele al suo mandato, coerente ai suoi valori. Organizzando leghe contadine e partecipando attivamente all'esperienza amministrativa del suo Comune, Sturzo aveva elaborato una visione critica della politica italiana nel periodo giolittiano. L'equilibrio sul quale lo statista piemontese fondava il suo potere e il suo ruolo di grande mediatore era fondato su una sorta di implicita alleanza fra industria del Nord, classe operaia pi progredita e governo centrale; il Mezzogiorno pi povero ed arretrato restava emarginato da questo equilibrio e attraverso il gioco delle clientele, utilizzato con molta spregiudicatezza da Giolitti, veniva a costituire una riserva di voti e di deputati fedeli allo statista piemontese. Lo statista siciliano tent con il nuovo partito di creare le premesse di un equilibrio alternativo che immettesse nella vita politica in posizione non clientelare e non subalterna le grandi masse contadine del Sud e il ceto medio della citt. Soltanto in parte la proposta sturziana potr attuarsi: il consenso stesso vaticano verr meno, mentre i ceti medi si volgeranno in larga parte verso il fascismo.

LA DEMOCRAZIA CRISTIANA (D.C.)


Partito politico italiano di matrice cattolica che dal 1946 agli anni novanta ha raccolto il consenso di larghissima parte dei cattolici italiani, conquistando fino al 1992 la maggioranza relativa dei voti. 9

Sorto nel 1943 in clandestinit, riprese il nome del movimento guidato all'inizio del secolo dal sacerdote Romolo Murri; parte del suo gruppo dirigente iniziale aveva gi militato nel Partito popolare italiano. A differenza di quest'ultimo, la DC non tenne una posizione aconfessionale: l'appoggio della Chiesa cattolica, lanciata alla riconquista della societ dopo i Patti lateranensi e la crisi per il consenso al fascismo nel corso della guerra, fu decisivo per assicurarle una larghissima base di massa. Questo si vide in particolare nelle elezioni del 1948, quando il partito ottenne il 48,5% dei voti grazie a una campagna elettorale gestita in prima persona dai Comitati civici di Luigi Gedda su una linea di vigoroso anticomunismo. La guida di De Gasperi bilanci solo in parte il clericalismo diffuso ai vertici e alla base, anche perch lo statista trentino scelse di concentrare la sua azione sul governo e sullo stato, delegando ad altri organismi (religiosi ed economici, in primo luogo) il rapporto con la societ. Questa impostazione venne corretta dal 1954 con la segreteria di Amintore Fanfani (gi appartenente alla minoranza di sinistra di Giuseppe Dossetti), che assegn direttamente al partito il compito di organizzare il consenso grazie all'occupazione dello stato e alla gestione spregiudicata delle risorse pubbliche. La crisi del centrismo (la formula politica degasperiana che aveva governato il paese dopo il 1948) condusse la DC a sperimentare, verso la fine degli anni cinquanta e l'inizio dei sessanta, nuove strategie di alleanze, oscillando verso destra con il governo Zoli (1959) e quello Tambroni (1960), sorretto dai voti missini, e poi verso sinistra, con l'apertura al Psi (1962). La formula di centro-sinistra, vivamente osteggiata anche all'interno del partito, venne sostenuta da Aldo Moro, leader dei dorotei, la corrente divenuta maggioritaria nel 1959 dopo la sconfitta di Fanfani. Gli anni settanta furono anni difficili per la DC, privata del sostegno del tradizionale collateralismo delle organizzazioni cattoliche, incalzata da un forte movimento di opposizione e minacciata dalla crescita elettorale del PCI: ma nel 1976 essa mantenne la maggioranza relativa aprendosi, con Moro, ai comunisti in nome della "solidariet nazionale" contro il terrorismo. L'assassinio di Moro da parte delle Brigate rosse nel 1978 priv la DC del suo leader pi rappresentativo: alla prevalenza della sinistra interna, capeggiata da De Mita nei primi anni ottanta, subentr uno schieramento di centro, con Forlani alla segreteria e Andreotti alla testa del governo. Alla "meridionalizzazione" del partito corrispose una crisi radicale della centralit della DC, gi scossa dall'iniziativa di Craxi, connessa a quella del sistema politico dopo la fine del comunismo (1989), alla quale segu la tempesta di Tangentopoli, con l'elezione alla segreteria di un uomo relativamente nuovo, Mino Martinazzoli. Fu sotto la direzione di quest'ultimo che la DC riassunse la storica denominazione di Partito popolare italiano, mentre la componente di destra conflu in una nuova aggregazione politica, il Centro Cristiano Democratico (CCD).

IL MOVIMENTO SOCIALE ITALIANO (M.S.I.)


Il Movimento Sociale Italiano nasce nel 1946 da un gruppo di reduci della Repubblica sociale italiana. Raccolse dapprima le ambizioni revansciste dei pi nostalgici cultori del fascismo, conquistando nel 1948 sei deputati e un senatore. In seguito, dilaniato tra i duri seguaci di Giorgio Almirante e i pi morbidi accoliti di Arturo Michelini, segretario dal 1954 alla morte (1969), dopo aver contribuito con un relativo successo alla sconfitta del centrismo nel 1953, offr il proprio sostegno ai governi democristiani Pella, Zoli e Segni. Quando per divenne determinante per il governo Tambroni (1960), il soprassalto antifascista del paese fu tale da costringere la DC a prendere le distanze. Da allora fu sempre pi relegato a una funzione di protesta, soprattutto nell'Italia meridionale, e, con la segreteria Almirante, fu sospettato di essere coinvolto nelle "trame nere" che costellarono di stragi gli anni settanta. Nel 1972 assorb il Partito di unit monarchica ed ebbe ancora un successo elettorale in Sicilia e nel sud, in gran parte per reazione alla ventata "rossa" del 1968-1969, sviluppatasi soprattutto al nord; ma ormai il sistema di potere democristiano aveva riassorbito le esigenze di ordine e di stabilit dei ceti privilegiati, una volta incanalate verso metodi autoritari. Nella crisi dei primi anni novanta, (Tangentopoli), sotto la guida di Gianfranco Fini, il MSI, legittimato anche dalle iniziative del presidente della repubblica Francesco Cossiga, cerc di proporsi come moralizzatore attaccando i partiti che erano riusciti a isolarlo nella coscienza del paese. Nel 1994 al congresso di Fiuggi, in vista delle elezioni politiche, fu decisa la costituzione di una nuova formazione politica, Alleanza nazionale, che rinunci alla rivendicazione di una 10

continuit con la Repubblica sociale italiana e nella quale il movimento conflu nel 1995. Dopo la vittoria alle elezioni del marzo 1994, in cui Alleanza Nazionale si present coalizzata con il movimento Forza Italia, suoi esponenti occuparono cariche importanti all'interno del governo guidato da Silvio Berlusconi. BIBLIOGRAFIA: www.pbmstoria.it www.cronologia.it Aurelio Lepre, Storia della prima repubblica: lItalia dal 1942 al 1994, Il Mulino, Bologna 1995; Giorgio Galli, Storia della Democrazia Cristiana, Editori Laterza, Bari 1978; Giuseppe Tamburrano, PCI e PSI nel sistema democristiano, Editori Laterza, Bari 1978; Elena Aga Rossi, Dal Partito Popolare alla Democrazia Cristiana, Cappelli, Forl 1969; Pierre Milza, Serge Berstein, Storia universale: il Fascismo, Corriere della Sera, Milano 2004; Alba Rosa Leone, Orientarsi nella nuova storia, Sansoni per la scuola, Milano 2000; Carlo Cartiglia, Storia e ricerca: dal 1650 alla fine dellOttocento, Loescher, Torino 2002; Carlo Cartiglia, Storia e ricerca: il Novecento, Loescher, Torino 2002; Roberto Balzani, Corso di storia: le origini del Novecento, Archimede Edizioni, Torino 2000; Roberto Balzani, Corso di storia: democrazie e dittature, Archimede Edizioni, Torino 2000.

11