Sei sulla pagina 1di 181

ReportCalc o2013

ReportCalc o2013

indice

executive summary 1 il censimento del calcio italiano 2 il profilo delle rappresentative nazionali 3 il calcio dilettantistico 4 il calcio professionistico: profilo economico finanziario 5 il contributo fiscale e previdenziale del calcio professionistico 6 il benchmarking internazionale 7 stadi, spettatori e sicurezza 8 i modelli di governance del calcio professionistico

11 27 43 61 69 121 135 153 167

Nota Tutte le tabelle e i grafici potrebbero contenere scostamenti di un valore massimo dell1% dovuti ad arrotondamenti.

prefazione

di Enrico Letta Segretario generale dellArel

ReportCalcio diventato ormai una consuetudine. Una felice consuetudine, verrebbe da dire, visto il successo delle prime edizioni e i dibattiti positivi che ne sono scaturiti. Si tratta di uno strumento decisamente innovativo per leconomia del calcio in Italia. Ne hanno potuto usufruire operatori, analisti, osservatori che si sono trovati a disposizione i principali dati, scomposti e aggregati, sul mondo del pallone. Percentuali, cifre, statistiche, osservazione dei trend pi significativi, ma anche analisi dei contributi fiscali e previdenziali del calcio professionistico, tutti elementi indispensabili per chi si occupa dellindustria calcio in Italia. Leffetto dellutilizzo di questi dati stato a nostro avviso positivo e fruttuoso, consentendo di affrontare le sfide sempre pi ardue che da una parte la crisi economica e dallaltra le nuove regole europee e nazionali stanno portando alla gestione dei bilanci delle societ calcistiche. stata anche importante, come bilancio di questo triennio di lavoro, la collaborazione sempre pi stretta che si creata tra soggetti diversi che condividono la medesima finalit: rendere pi trasparente ed efficiente il sistema Calcio. Per questo il nostro ringraziamento va alla Federazione Italiana Giuoco

Calcio e a PricewaterhouseCoopers per il prezioso rapporto di fiducia da tempo instaurato e ormai collaudato. Un ringraziamento particolare ad Andrea Castrignan, Niccol Donna, Jacopo Drudi, Emanuele Grasso, Marta Tamburrelli, Fabrizio Tanzilli, Gianfranco Teotino e Michele Uva. ReportCalcio 2013 si trova ad avere oggi un significato particolare perch esce in contemporanea con lapertura di una nuova legislatura del Parlamento italiano. Negli anni scorsi si sono ricercate riforme necessarie per modernizzare lintero mondo dello sport e in particolare alcuni aspetti importanti legati al mondo del calcio. La maggior parte di queste riforme ha occupato una larga parte della legislatura appena terminata senza per arrivare a risultati concreti particolarmente rilevanti. Leffetto di queste riforme mancate stato negativo per il mondo del calcio del nostro Paese, che si trovato indietro su indispensabili forme di modernizzazione. Oggi lapertura della nuova legislatura rappresenta una grande opportunit per riuscire a rimettere sui binari giusti le riforme necessarie. C da sperare che lanalisi dei contenuti di ReportCalcio 2013 aiuti a individuare le soluzioni giuste per riuscire finalmente a rinnovare il sistema.

prefazione

di Giancarlo Abete Presidente FIGC

ReportCalcio giunto alla sua terza edizione consecutiva. diventato nel corso degli anni il rapporto di riferimento per tutti coloro che desiderano studiare, analizzare e approfondire le tematiche economiche e sociali del giuoco del calcio. In Italia sono 1.360.000 i tesserati della Federazione che quotidianamente dedicano la propria passione per far crescere questo sport. Certo la crisi economica a livello mondiale e nazionale ha determinato un leggero impatto sui numeri macro del sistema. Si evidenzia una diminuzione seppur limitata di societ e una conseguente contrazione delle squadre. Ma la crescita della base di questa importante piramide, ben visibile dai numeri dellattivit giovanile, e il sempre pi importante ruolo del calcio e della Federazione nella politica di integrazione delle seconde generazioni rappresentano motivi di orgoglio e soddisfazione. Proseguendo nel percorso intrapreso, questa edizione di ReportCalcio ci racconta lo stato del calcio italiano al 30 giugno 2012, fornendo dati certificati e trend che si sono costituiti in questi anni di raccolta dati e di analisi. Numeri sui quali il nostro giovane Centro Studi lavora quotidianamente per fornire un quadro circostanziato di informazioni capaci di rappresentare una base solida nei processi decisionali e di sviluppo. In questo lavoro, come per gli scorsi anni, la Federazione ha potuto avvalersi della collaborazione di due importanti partner, come lAREL, Agenzia di Ricerca e Legislazione, e la PricewaterhouseCoopers, importante societ dal profilo internazionale. La struttura del ReportCalcio ricalca il modello adottato lo scorso anno, con lintroduzione allinterno delle diverse sezioni di nuovi temi e dimensioni di analisi. In particolare, la sezione sul censimento del calcio italiano stata

arricchita con lintegrazione dei trend pi significativi dellultimo triennio (a livello di societ, squadre, tesserati, gare disputate, campi da gioco, Rappresentative Nazionali e tanti altri indicatori). Il tema dellimpatto fiscale e previdenziale del calcio professionistico stato ulteriormente approfondito, con la presentazione di informazioni con un orizzonte quinquennale che evidenziano una tendenza in crescita, ormai decisamente superiore al miliardo di euro. Lanalisi relativa agli stadi comprende per la prima volta una completa panoramica sulle caratteristiche infrastrutturali e sul livello di servizi degli impianti del calcio di vertice, con lelaborazione dei dati provenienti dal progetto federale Stadia Database. Anche la sezione specifica sul benchmarking internazionale stata ulteriormente ampliata, con lintegrazione del censimento demografico dei principali campionati europei e vari altri approfondimenti sui temi dellaffluenza agli stadi (comprensivo anche di un confronto a livello mondiale) e della contribuzione fiscale e previdenziale del calcio professionistico nelle principali nazioni. Infine, in una prospettiva di valorizzazione del prodotto su scala internazionale, si provveduto a redigere e pubblicare una versione in lingua inglese, in modo simile a quanto gi fatto dalla Federazione per il proprio Bilancio Sociale. Abbiamo sempre pensato che la conoscenza approfondita del sistema ci possa consentire di comprendere i punti di forza e quelli di debolezza, le opportunit e le criticit, il tutto per poter lavorare in una prospettiva di sviluppo delle credenziali sociali e sportive del calcio, in un Paese dove questo sport si confronta quotidianamente da una dimensione capillare e locale sino ad un contesto di competitivit internazionale. Il calcio un volano di crescita sociale ed economico dellintero sistema Paese e tale ruolo intende continuare a esercitare insieme a tutti gli altri sport.

prefazione

di Emanuele Grasso Partner PricewaterhouseCoopers

Dopo una prima edizione che ci ha permesso con sorpresa ed entusiasmo di prendere coscienza di quali fossero le linee guida economico finanziarie del calcio professionistico italiano ed una seconda pubblicazione che ha prospettato uninversione di tendenza dei fondamentali sottostanti il modello di business, ReportCalcio 2013 conferma che la transizione del sistema professionistico italiano in atto e si sta sempre pi consolidando. Per la prima volta laffidabilit delle analisi e delle informazioni finanziarie presentate da ReportCalcio 2013 garantita, oltre che dal consueto e prezioso contributo dei nostri partner AREL e FIGC, da una serie di informazioni storiche che si sviluppano su un periodo temporale di 5 anni, mettendo a confronto i principali dati economico finanziari del calcio professionistico italiano con riferimento alle 5 stagioni intercorse dal 2007-2008 al 2011-2012. I 5 periodi di analisi mostrano che la transizione iniziata con la crisi dei mercati finanziari e con lapprovazione da parte della UEFA dei principi sottostanti il Financial Fair Play. La stagione sportiva 2009-2010, che si colloca al centro dei 5 esercizi analizzati, il punto di svolta. Qui ha inizio il calo dei Ricavi da ingresso da stadio (-17% dal 2007 al 2012) controbilanciato da una politica di contenimento del costo del lavoro dei calciatori che, sebbene segni una crescita media nel quinquennio di circa il 4,7%, nelle due stagioni successive al 2009 cresce annualmente solo dello 0,1% contro il 9,3% che aveva caratterizzato le precedenti stagioni dal 2007 al 2009. I ricavi aggregati sui 5 anni analizzati, escludendo le plusvalenze sulle cessioni, non evidenziano elementi innovativi crescendo solo dell1,7%. Il maggiore

contributo a tale crescita lo apportano i ricavi da sponsor ed attivit commerciali (+31,5% nel quinquennio), sebbene tale fonte di ricavo a fine stagione 20112012 rappresenti solo il 15% dei ricavi di vendita, ben sotto la media europea delle principali league (tra il 24% e il 39%). Non abbiamo evidenza di quanto le plusvalenze sulle cessioni (+20,9% nella stagione 2011-2012 e +13,5% nel quinquennio) siano ancora frutto di speculazioni di mercato o siano gi lauspicato risultato di politiche di investimento su giovani talenti. La crisi di liquidit che caratterizza i mercati finanziari ci dimostrer se il valore attribuito a tali cessioni congruo, e dunque sostenibile dai club che sono stati compratori, e se lammortamento del costo di acquisizione dei giocatori sar compatibile con lequilibrio delle voci di conto economico richiesto dal Fair Play. Lo scopriremo nelle prossime edizioni. La combinazione dei suddetti fattori ci mostra inequivocabilmente che in corso una trasformazione del modello di business nonostante la perdita netta aggregata, in diminuzione, sia ancora significativa. Si passati dai 430 milioni nella stagione 2010-2011 ai 388 milioni nella stagione 2011-2012 (-9,8%), segno di un ridimensionamento del sistema e di un nuovo ciclo che ha gi iniziato a consolidarsi. Prima di lasciarvi alla lettura di questa edizione, un ringraziamento alla FIGC che ha saputo portare la nostra Nazionale alla finale del campionato Europeo Euro 2012 (Kiev, 1 Luglio 2012). Una performance non correlata ai fondamentali economico finanziari sottostanti il modello attuale e che, pertanto, acquista ancor pi valore se analizzata tenendo in considerazione il trend di mercato descritto da ReportCalcio 2013.

executive summary
11

ReportCalcio 2013

IL CENSIMENTO DEL CALCIO ITALIANO

34.267 (2%)

IL CENSIMENTO DEL CALCIO ITALIANO TESSERATI FIGC 2011-2012

22.057 (2%)

185.396 (14%) Calciatori

1.359.167
1.117.447 (82%)

Tecnici Arbitri Dirigenti

Il calcio con i 1.360.000 tesserati alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, rappresenta lo sport pi importante e praticato in Italia. Nella stagione 20112012 il numero complessivo delle societ stato di 14.451, di cui 119 professionistiche, 11.260 dilettantistiche e 3.072 di Puro Settore Giovanile e Scolastico. Analizzando i dati si riscontra un dato stabile su base triennale, ma rispetto allanno precedente la contrazione del 1,4 %. Il trend sulle squadre consequenziale con un rafforzamento della tendenza riscontrata dovuta a un minor numero di squadre per societ effetto del mutato quadro economico del Paese. Nel 2011-2012 sono state 70.329 le squadre che hanno disputato le oltre 570 mila partite ufficiali con arbitro federale, alle quali vanno aggiunte le oltre 140mila gare amichevoli. Sono 72.885 i tecnici, preparatori atletici, medici e operatori sanitari abilitati dalla FIGC, dato in forte crescita sia su base decennale (+ 38,4%) che su base media annua (cagr +3,8%). Di questi, limitatamente allultimo anno, si registra un calo dei tecnici tesserati, ovvia conseguenza della diminuzione del numero di squadre.

La forza arbitrale conta di 34.267 tesserati di cui il 40% ha meno di 25 anni e annovera 1.764 donne, record assoluto in Europa. In costante crescita risultano essere i calciatori tesserati stranieri: 50.204 di cui 786 professionisti, 513 giovani di serie, 14.096 dilettanti e 34.809 di Puro Settore Giovanile e Scolastico. Nel 2011-2012 hanno subito un forte incremento il numero dei minori stranieri al primo tesseramento: 9.434 provenienti da 121 diversi Paesi. Albania, Marocco e Romania i primi tre Paesi di provenienza e un aumento considerevole (+40%) dei ragazzi africani tesserati. Segnali del forte ruolo di integrazione e inclusione che il calcio italiano svolge trasversalmente in tutto il territorio. Per quanto riguarda lattivit giovanile in Italia il numero complessivo dei calciatori tesserati ammonta a 838.259, che equivale al 9,8% della popolazione tra i 5 e i 19 anni. Significativo il dato relativo ai tesserati del Settore Giovanile e Scolastico rispetto alla popolazione nelle varie fasce det: tra gli 5 e i 16 anni il 20% della popolazione maschile risulta tesserato per una societ di calcio. Percentuale che cresce prendendo in considerazione i giovani tra gli 11 e i 12 anni, che equivale a oltre 1 ragazzo su 4.

IL CENSIMENTO DEL CALCIO ITALIANO SOCIET 2011-2012

3.072 (21%) 119 (1%)

Dilettantistiche

14.451
11.260 (78%)

Professionistiche Settore Giovanile e Scolastico

455 (1%)

IL CENSIMENTO DEL CALCIO ITALIANO SQUADRE 2011-2012


53.304 (76%)

16.570 (23%)

Dilettantistiche Professionistiche Settore Giovanile e Scolastico

70.329

12

176

LE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI

LE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI GARE UFFICIALI 2010-2011 e 2011-2012

150 56 49 26 75 2010-2011 Vittorie Pareggi 32 88 2011-2012 Sconfitte

executive summary

Nella stagione 2011-2012 sono diventate 15 le Rappresentative Nazionali a seguito dellistituzione della Rappresentativa Under 15 maschile e della Under 20 femminile. Di conseguenza aumentato il numero delle gare disputate, 176 fra ufficiali e amichevoli (quasi una ogni due giorni), con 88 vittorie, 32 pareggi e 56 sconfitte. Rispetto al 20102011 le partite disputate hanno avuto un incremento del 16,6%. Tra le nazionali azzurre, quella ad aver conseguito pi vittorie la Nazionale A Femminile, con 12 successi su 16 incontri disputati. Per quanto riguarda la Nazionale A maschile, vice campione dEuropa, con le 15 gare disputate nel 20112012 ha toccato quota 731 partite ufficiali, con 393 vittorie, 191 pareggi e 147 sconfitte. Nella classifica di presenze nella Nazionale A di tutti i tempi, Buffon ha superato Zoff e ora con 120 presenze insegue il secondo posto assoluto detenuto da Maldini (126) e il primo di Fabio Cannavaro che ha disputato 136 gare con la maglia Azzurra. Parlando di convocazioni, il CT Prandelli che nella scorsa stagione 2010-2011 aveva convocato 51 calciatori, nellanno di Euro

2012 in Polonia e Ucraina ha ridotto la rosa a 37 convocati. Analogo trend vale per lUnder 21 passata da 62 a 40 e per lUnder 20 maschile da 67 a 44 convocati, mentre nelle altre Rappresentative aumentato il numero di atleti che hanno vestito la maglia Azzurra. Il numero complessivo di spettatori che ha assistito dal vivo alle 14 partite disputate dalla Nazionale A nellanno solare 2012 pari a 479.515, di cui il 62% (297.809) relativo alle sei partite disputate a Euro 2012 (per unaffluenza media pari a 49.635 spettatori). Nel 2012 le partite della Nazionale A hanno registrato uno share televisivo medio del 44,9%, con un ascolto medio pari ad oltre 11 milioni di telespettatori. In termini di audience cumulata, cio somma dei telespettatori che nel 2012 hanno assistito ad ogni singolo programma contenente immagini e contenuti relativi alla Nazionale A (highlight, partite in diretta e in differita, news) il dato cresce fino a raggiungere i 2,5 miliardi di spettatori, +35,1% rispetto al 2008, anno della precedente edizione del Campionato Europeo. La durata complessiva delle trasmissioni nellanno 2012 stata pari a oltre 687 ore di programmazione. LE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI CONVOCATI NAZIONALE A 2011-2012
Juventus Milan Fiorentina, Roma Napoli, Inter, Palermo, PSG Altri 10 club
0 1 10 2 3 4 9

Milioni di telespettatori

20

partite NAZIONALE A AUDIENCE MEDIO E SHARE MEDIO 2012

65,47%

100%

26,44% 6,39

31,65% 8,05

16,59

Amichevoli

Qual. Mondiali 2014


Share medio

Euro 2012

0%

Audience medio

Share 13

ReportCalcio 2013

LA LEGA NAZIONALE DILETTANTI

IL CALCIO DILETTANTISTICO SOCIET 2011-2012

14.558 2.916

14.526 3.057

14.332 3.072 Societ SGS

11.642

11.469

11.260

Societ LND

2009/2010

2010/2011

2011/2012

La Lega Nazionale Dilettanti si suddivide in 18 Comitati Regionali, 2 Comitati Provinciali Autonomi (Trento e Bolzano) con compiti equiparati a quelli dei Comitati Regionali, e 137 Delegazioni, di cui 109 Provinciali, 19 Distrettuali e 9 Zonali. La LND inquadra, inoltre, la Divisione Calcio a Cinque e racchiude il Dipartimento Interregionale, il Dipartimento Beach Soccer e il Dipartimento Calcio Femminile. Il calcio dilettantistico rappresentato da 11.260 societ e associazioni sportive, alle quali vanno aggiunte le 3.072 societ di Puro Settore Giovanile e Scolastico, la cui attivit, che coinvolge i giovani dai 5 ai 16 anni, assegnata ai Comitati e alle Delegazioni Provinciali e Distrettuali della Lega Nazionale Dilettanti per un totale pari a 14.332 societ. Nella stagione 2011-2012 le 69.874 squadre della LND hanno tesserato

complessivamente 1.103.553 calciatori e calciatrici non professionisti, suddivisi in 444.653 dilettanti, 39.556 per il calcio a 5, 12.236 per il calcio femminile, 1.896 per il calcio a 5 femminile e 658.900 di Puro Settore Giovanile e Scolastico. Rispetto alla stagione sportiva precedente, a livello di numero di squadre, si verificato un lieve decremento pari al 2,9%. Il numero delle gare ufficiali a livello dilettantistico ammonta a 567.544 che, sommando gli incontri non ufficiali relativi a tornei, amichevoli, allattivit amatoriale, ricreativa e propagandistica, a carattere nazionale, regionale e provinciale, si attestato sulle circa 700.000. In merito ai campi da gioco omologati, sui quali si svolgono anche le attivit dilettantistiche, il numero pari a 17.321, di cui 8.907 in erba naturale, 1.600 in erba artificiale, 2.698 in terra battuta, 2.322 di calcio a 5 e 1.794 di calcio a 5 indoor. IL CALCIO DILETTANTISTICO SQUADRE 2011-2012

67.875

71.219

69.874

50.475

54.199

53.304

Squadre attivit SGS Squadre LND

17.400

17.020

16.570

2009/2010

2010/2011

2011/2012

1.093.999

1.136.960

1.103.553

IL CALCIO DILETTANTISTICO calciatori TESSERATI 2011-2012

619.510

670.589

658.900

Tesserati SGS Tesserati LND

474.489

466.371

444.653

2009/2010

2010/2011

2011/2012

14

(430)

milioni

2.838 2.656 2.496 2.311 2.350 2.506

Valore, Costo della Produzione e risultato netto 2007-2012 I dati economici aggregati del calcio professionistico italiano sono cresciuti costantemente durante le 5 stagioni sportive analizzate dal 2007 al 2012. In particolare, il valore della produzione aggregato ha avuto nei 5 anni di analisi una crescita media del 3,6%, attestandosi a 2.660 milioni nella stagione 2011-2012, mentre il costo della produzione, cresciuto in media del 4,9%, ammonta alla stessa data a 3.018 milioni. Anche le perdite nette aggregate del quinquennio analizzato da questa edizione di ReportCalcio sono cresciute, passando da 261 milioni (20072008) a 388 milioni della stagione 20112012, sebbene questultimo periodo abbia evidenziato un miglioramento sulla perdita netta del 9,8% (430 milioni nel 20102011) ed una minore incidenza della stessa sul valore della produzione (14,6% nel 20112012 contro 17,3% nel 2010-2011). Eppure qualcosa sta cambiando. in atto una prima inversione di tendenza nei conti del calcio professionistico italiano. Gli indicatori economici segnalano nella stagione 20112012 una pi accorta gestione economica e finanziaria delle societ. I risultati economici registrati dai club di Serie A, Serie B e Lega Pro Prima e Seconda Divisione indicano che per la prima volta la crescita del valore della produzione supera la crescita dei costi di produzione. Nelle ultime quattro stagioni non era mai successo. Il valore della produzione, che nella stagione 2010-2011 aveva fattore registrare un lieve calo nei valori aggregati del calcio professionistico italiano rispetto alla stagione precedente (-0,8%), nel 2011-2012 risalito in misura importante del 7,0% trainato anche dallaumento delle plusvalenze sulle cessioni dei calciatori (pari al 20% del valore della produzione). I costi invece sono cresciuti in misura inferiore (+4,4%), a dimostrazione di una maggiore attenzione e un maggiore controllo, imposti sia dagli attuali scenari macroeconomici che da un ridimensionamento dei piani strategici in un ottica di Financial Fair Play. Nonostante il quadro economico del nostro Paese continui a presentarsi assai complicato, il calcio italiano ha mantenuto un trend di crescita dei ricavi anche nei periodi 2008 e 2009, quando lItalia ha registrato una riduzione reale del PIL pari, rispettivamente, all1,2% e al 5,5%. La crescita riscontrata non stata per sufficiente per permettere al calcio professionistico italiano di portare il proprio risultato netto in positivo, ma ha consentito di invertire la tendenza che al termine delle quattro stagioni precedenti aveva condotto la perdita a superare i 430 milioni. Le minori perdite aggregate registrate nella stagione 2011-2012 hanno inoltre contribuito con le ricapitalizzazioni effettuate allaumento del patrimonio netto da 202 a 287 milioni (+43%), a conferma di un rafforzamento della solidit patrimoniale complessiva sebbene la stessa sia stata quasi dimezzata nel corso del quinquennio analizzato (460 milioni nella stagione 2007-2008).

2.660 2.486

2.100 0708

0809

0910

1011

1112

Valore della produzione Risultato netto

Costo della produzione

12,0%

11,7%

italia
%

Indicatori macroeconomici 2007-2011

1,7%

2,8%

1,8%

2,9% 0,4%

0,0%
-1,2% -5,5% -1,5%

-6,0% -5,5% 07

08

09

10

11

Crescita/decrescita reale del PIL

Crescita/decrescita indebitamento pubblico

550

patrimonio netto 2007-2012

milioni

Calcio professionistico italiano

460

465 406

287 202

150

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

15

milioni

profilo economico del calcio professionistico

Calcio professionistico italiano

3.100
(261)

(340)

(347) 2.892

(388) 3.018

executive summary

ReportCalcio 2013

profilo economico del calcio professionistico

Calcio professionistico italiano Ripartizione del valore e costo della produzione per lega

Valore
3% 1% 15%

costo
4% 1%

16%

81%

79%

Se nelle ultime cinque stagioni analizzate il valore della produzione del calcio italiano ha mantenuto un tasso di crescita annua pari a circa il 3,6%, il balzo in avanti della stagione 2011-2012 stato reso possibile in gran parte grazie allimpatto dei ricavi derivanti dalle plusvalenze saliti di 93 milioni a quota 537 milioni (+20,9%). Sono ancora naturalmente i ricavi da diritti televisivi la principale fonte di ricavo dellindustria calcio italiana (990,7 milioni nel 2011-2012): rappresentano infatti circa il 37% del totale del valore della produzione. Il raggiungimento dellobiettivo del miliardo di euro di ricavi dipender dalla performance delle squadre italiane nelle competizioni europee e dalla crescita del business nel contesto internazionale. Nel corso dei 5 anni di analisi, la migliore performance media stata raggiunta dai ricavi relativi a sponsor ed attivit commerciali, passati da 305,4 milioni nel 2007-2008 a 401,9 milioni nellultima stagione analizzata (cagr 7,1%). Tale fonte di ricavo dovr necessariamente crescere nel corso dei prossimi esercizi in quanto rappresenta solo il 15% del totale del valore della produzione. In Germania la stessa rappresenta circa il 39% dei ricavi. La principale nota negativa arriva dai ricavi da ingresso stadio, diminuiti dal 2007 di circa il 4,4% (da 275 milioni a 230 milioni del

2011-2012). Un trend negativo che senza gli stadi di nuova generazione sar difficilmente invertibile. Per ottenere nellimmediato futuro un modello di business maggiormente sostenibile, il controllo delle spese per il personale continua a essere la sfida pi grande e, nello stesso tempo, quella maggiormente perseguibile in tempi brevi. Dopo il lieve calo registrato nella stagione 2010-2011, nel 2011-2012 il costo del lavoro tornato a salire, sia pure in misura ridotta (+3,4%), portando il totale a 1.505 milioni, e cio al 50% del totale dei costi della produzione. I risultati ottenuti dal calcio professionistico italiano sono principalmente riconducibili al campionato di Serie A che nella stagione 2011-2012 ha raggiunto il picco di 2.146 milioni di valore della produzione (+6%), risultando il quarto campionato europeo in termini di ricavi e concorrendo per l81% al totale del valore e per il 79% al totale del costo della produzione del sistema calcio professionistico in Italia. Come nelle stagioni scorse, i restanti campionati valgono circa il 20% dellindustria del calcio professionistico italiano, con la Serie B che concorre per il 15% del valore e il 16% del costo e le due divisioni di Lega Pro che pesano per il 4% del valore e il 5% del costo.

2007-2012
Serie A Serie B Lega Pro 1a Div. Lega Pro 2a Div.

Calcio professionistico italiano Ripartizione delle fonti di ricavo 2007-2012

100%

4% 12% 14%

4% 12% 13% 13% 16% 43%

4% 11% 11% 15% 18% 41%

4% 10% 13% 16% 18% 39%

4% 9% 15% 15% 20% 37%

Contributi in conto esercizio Ricavi da ingresso stadio Altri ricavi e proventi diversi Ricavi da sponsor e attivit commerciali Plusvalenze per cessione giocatori Ricavi da diritti televisivi e radio

% 20% 100%

13% 14% 43%

07-08 08-09 09-10 10-11 11-12

Calcio professionistico italiano Ripartizione delle voci di costo 2007-2012

3% 14% 15%

3% 14% 16% 15%

3% 13% 18% 14% 51%

4% 15% 20% 12% 50%

4% 15% 20% 11% 50%

Costo godimento beni di terzi Costi per servizi Ammortamenti e svalutazioni Altri oneri diversi di gestione Costo del lavoro

18%

50%

51%

20%

07-08 08-09 09-10 10-11 11-12

16

executive summary

RISULTATI DELLA SERIE A

Serie A valore e costo della produzione 2007-2012

2.600 milioni
2.269 2.097 2.306 2.031 2.376 2.146

1.895 1.817

2.063 1.874

1.200 0708

0809

0910

1011

1112

milioni

Dopo il lieve calo registrato nella stagione 2010-2011, causato principalmente da una diminuzione dei ricavi televisivi quale conseguenza dalleffetto derivante dalla retrocessione in Serie B di due squadre che redigono il bilancio al 31 dicembre, la Serie A italiana ha ripreso la propria crescita registrando nel quinquennio un incremento medio dei ricavi del 4% (da 1.817 milioni del 2007-2008 a 2.146 milioni del 20112012). Il clima austero che ha contraddistinto lo scenario economico nazionale e internazionale dellultimo biennio ha aumentato lattenzione delle societ al controllo dei costi. La crescita impetuosa degli anni precedenti si arrestata. Rispetto alla stagione precedente laumento del costo della produzione si limitato al 3%, da 2.306 a 2.376 milioni nel 2011-2012. Minore perci rispetto alla crescita dei ricavi. Nella stagione 2011-2012 il valore della produzione medio delle venti societ partecipanti al campionato maggiore si

attestato alla quota record di 107,3 milioni, in crescita del 5,6% rispetto alla stagione precedente. Il costo della produzione medio ha toccato invece quota 118,8 milioni, facendo registrare una crescita pi contenuta. Oltre a questi piccoli progressi registrati nei conti economici della Serie A, la stagione 2011-2012 si soprattutto contraddistinta per linversione di tendenza riscontrata in termini di stabilit finanziaria: dopo quattro anni di erosioni continue, il patrimonio netto aggregato delle societ sensibilmente migliorato, per una quota del 39%, riportandosi a un livello di 208 milioni di euro, tuttavia ancora ben lontano rispetto ai 402,9 milioni della stagione 2007-2008. A conferma del leggero miglioramento della situazione patrimoniale delle societ calcistiche principali, va rilevato che nellultima stagione analizzata la posizione finanziaria netta, e cio lindicatore dellindebitamento finanziario, risultata in calo di circa il 7% da 885 a 826 milioni. Serie A patrimonio netto 2007-2012
milioni 0

Valore della produzione

Costo della produzione

Serie A risultato Netto 2007-2012

(150) (230)

(196) (300) (281)

-350 0708

0809

0910

1011

1112

Risultato netto

500
403 385

354

208 150

150

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

17

ReportCalcio 2013 1% 8% 12% 12% 1% 7% 12% 15% 14% 1% 7% 11% 18% 15% 48% 1% 9% 10% 18% 16% 46% 1% 12% 9% 20% 16% 43%

RISULTATI DELLA SERIE A

Serie A Ripartizione delle fonti di ricavo 2007-2012

100%

Contributi in conto esercizio Altri ricavi e proventi diversi Ricavi da ingresso stadio Plusvalenze per cessione Ricavi da sponsor e attivit commerciali Ricavi da diritti televisivi e radio

15%

53%

52%

20%

07-08 08-09 09-10 10-11 11-12

Nonostante linversione di tendenza riscontrata a livello di calcio professionistico italiano in generale, e che riguarda quindi anche la Serie A, il risultato netto registrato per la stagione 2011-2012 ancora negativo. Ma la perdita in calo di circa 20 milioni, dai 300 milioni del 2010-2011 si passati ai 281 dellultima stagione analizzata. La perdita media si attesta perci sui 14 milioni circa a club (era intorno ai 15 nel 2010-2011). I diritti televisivi continuano a rappresentare la principale fonte di ricavo della Serie A, ma il loro peso specifico scende dal 46% al 43%. Va sottolineato come il nuovo meccanismo di ripartizione, introdotto nella stagione 20102011, abbia consentito una distribuzione pi equilibrata delle risorse generate: il rapporto fra top club e bottom club si fortemente ridotto da 19,2/1 nel 2007-2008 a 7,2/1 nella stagione 2011-2012. Pur restando ancora distante da quello dei competitor europei, inferiore ovunque a eccezione della Spagna (in Premier League il rapporto 1,5/1). La seconda principale fonte di ricavo costituita dalle plusvalenze che nella stagione 2011-2012 hanno raggiunto la quota del 20%. Il maggior impegno dei club di Serie A in politiche tese al perseguimento di questo obiettivo ha portato a un aumento del 20% rispetto alla stagione precedente (da 357 a 428 milioni).

Cresce anche la voce denominata altri ricavi e proventi diversi, salita nel 20112012 a quota 252,2 milioni, pari al 12% del totale. Si tratta sostanzialmente di entrate generate da attivit di gestione calciatori, compartecipazioni e prestiti, e da capitalizzazioni dei costi sostenuti per i settori giovanili. Non si arresta invece la flessione progressiva dei ricavi da stadio, scesi ancora a 186,4 milioni. Ormai essi rappresentano soltanto il 9% del totale. Il costo del lavoro resta al 50%, voce dominante fra i costi della produzione. Per la quasi totalit (94%) rappresentato dai costi per il personale tesserato (giocatori e tecnici). Naturale contraltare dei ricavi da plusvalenze, il 22% delle spese costituito da ammortamenti e svalutazioni, risultato anche delle politiche di investimento delle stagioni precedenti. Nel quinquennio 2007-2012 la crescita del rapporto tra plusvalenze relative alle cessioni ed ammortamenti costante. Come indicato nel grafico qui a lato, i due parametri sono strettamente correlati tra di loro, a dimostrazione che il plusvalore generato dalle cessioni rimane in gran parte allinterno del sistema calcio italiano. Serie A Ripartizione delle voci di costo 2007-2012

100%

4% 14% 16%

4% 13% 15% 18%

3% 12% 14% 19%

4% 14% 11% 21%

4% 14% 10% 22%

Costo godimento beni di terzi Costi per servizi Altri oneri diversi di gestione Ammortamenti e svalutazioni Costo del lavoro

16%

50%

51%

51%

50%

50%

20%

07-08 08-09 09-10 10-11 11-12

427,9

400

391,9 383,3

405,4

427,8

Serie A Plusvalenze e Ammortamenti 2007-2012


200 milioni
279,6 214,5 218,0 272,0

356,9

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

Plusvalenze

Ammortamenti dei giocatori

18

executive summary

RISULTATI DELLA SERIE B

Serie B valore e costo della produzione 2007-2012

500 milioni
463

370 335

382 344 300 286

408 335 384

200 0708

0809

0910

1011

1112

Dopo linversione di tendenza verificatasi nella stagione 2010-2011, con il ritorno alla crescita dopo anni di calo, il valore della produzione della Serie B conferma il suo trend positivo raggiungendo nel 2011-2012 quota 384,9 milioni, in aumento del 14,7% sullanno precedente. Il motivo di maggiore soddisfazione per la Lega di Serie B costituito dal rilevante aumento (+50,3%) dei ricavi da stadio, che negli ultimi anni, dopo il passaggio della Juventus nel campionato cadetto (2006-2007), erano sempre stati in diminuzione. Dopo due anni di calo riprendono quota le plusvalenze realizzate sulla cessione dei calciatori, che salgono da 87,5 a 109,3 milioni (+25%). Decrescono invece i contributi in conto esercizio, scesi dai 61 milioni del 2010-2011 ai 48,4 del 2011-2012.

I costi aumentano (+13,7%) in misura leggermente inferiore rispetto alla crescita del valore della produzione. Quelli imputabili al personale tesserato (costo del lavoro pi ammortamenti dei diritti sui calciatori) rappresentano il 71% del totale. Anche la Serie B presenta un miglioramento della situazione patrimoniale delle societ: il patrimonio netto medio risale da 2,3 a 3 milioni, con una crescita tendenziale nel quinquennio del 4,6%. Lindebitamento totale medio sale del 4% a quota 20,2 milioni. Le iniziative intraprese dalla Lega di Serie B e da diversi club hanno portato ad una importante riduzione della perdita netta nella stagione 2011-2012. Tale valore passato da 72,5 milioni della stagione 2010-2011 a 56,1 milioni dellultimo periodo analizzato.
0 milioni

Valore della produzione

Costo della produzione

Serie B risultato Netto 2007-2012

(37,6)

(41,4) (56,1) (72,5) (82,6)

(90) 0708

0809

0910

1011

1112

Risultato netto

4.0

patrimonio netto medio per club 2007-2012

milioni

Serie B

3.5 3.0 2.5 2.5 2.3

1.0

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

19

ReportCalcio 2013 3.363

2.724

migliaia

Valore della produzione medio per societ 2007-2012

2.541

RISULTATI DELLA LEGA PRO

2.849

2.925

Lega Pro

4.000

1.550

1.398

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

07-08

08-09

09-10

10-11 10-11 10-11


(385) 1.579

Il profilo economico-finanziario della Lega Pro risulta condizionato dal numero dei bilanci presentati e perci analizzati. Va ricordato che le societ che retrocedono o che perdono laffiliazione per fallimento o altre ragioni non sono tenute a presentare i bilanci. Ragionando in termini assoluti si pu tuttavia constatare come il valore della produzione, dopo un triennio di accentuate sofferenze, sia tornato sostanzialmente ai livelli di inizio quinquennio. Per la precisione il tasso di crescita del periodo 2007-2012 dello 0,7% sia in Prima sia in Seconda Divisione. I costi della produzione invece testimoniano un andamento differente: nel quinquennio sono saliti dell1,4% in Prima Divisione e sono scesi del 3,8% in Seconda Divisione. Da segnalare che lincidenza del costo del lavoro sul valore della produzione in Prima Divisione addirittura pari all83%. Anche ma non soltanto per questo dato, i dati analizzati evidenziano una situazione di sofferenza del sistema Prima Divisione:

a fronte di ricavi medi pari a 2,9 milioni, si registrano costi per 4,3 milioni e cio superiori del 48,3% rispetto alle entrate. Il risultato netto medio si mantiene perci negativo per 1,4 milioni, in lievissimo calo rispetto alla stagione precedente (-1,4 milioni). Migliora invece il saldo negativo della Seconda Divisione in decrescita continua e passato da 747 a 324 migliaia in cinque anni. Ma questo calcolo naturalmente non comprende le societ che, per diverse ragioni, hanno dovuto abbandonare il calcio professionistico. Fra le societ analizzate migliora comunque la consistenza patrimoniale. Il patrimonio netto medio dei club di Seconda Divisione, negativo nella stagione 2010-2011, risalito nel 2011-2012 a 39 migliaia. Mentre ancora migliori sono i dati relativi alle societ di Prima Divisione, il cui patrimonio netto medio balzato dalle 95 migliaia del 2010-2011 alle 403 migliaia del 2011-2012, con un tasso tendenziale di crescita nel quinquennio del 25,2%.

Lega Pro 1a Divisione

Lega Pro 2a Divisione

4.111

4.429

Lega Pro Costo della produzione medio per societ 2007-2012


migliaia

4.194

4.340

6.000

5.041

2.236

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

07-08

08-09

09-10

Lega Pro 1a Divisione

Lega Pro 2a Divisione

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

07-08

08-09

09-10

0 migliaia

(461)

(1.242)

Risultato netto medio per societ 2007-2012

(1.471)

Lega Pro 1a Divisione

(1.816)

(2.000)

(1.521)

(1.471)

Lega Pro 2a Divisione

20

(747)

(519)

(324)

Lega Pro

11-12

11-12

1.828

1.814

1.912

11-12

1.305

1.261

1.593

milioni

IL CONTRIBUTO FISCALE E PREVIDENZIALE DEL CALCIO PROFESSIONISTICO

CALCIO PROFESSIONISTICO ITALIANO CONTRIBUZIONE FISCALE E PREVIDENZIALE PER TIPOLOGIA 2006-2010

1.200
865 172 74 399 35 1 183 926

1.034 177 142 84 448 44 12 197 92

1.029 155 89

1.070 166 92 Scommesse Enpals Ritenute

executive summary

505 44 7 208

524 44 8 208

554 40 11 206

Irap Ires Iva

Il totale del gettito fiscale generato dal calcio professionistico italiano di 1.069,8 milioni di euro. Il contributo fiscale e previdenziale aggregato ha raggiunto nel 2010 i 903,7 milioni di euro, evidenziando una crescita continua nellultimo quinquennio e un incremento del 30% rispetto al 2006 (anno nel quale la contribuzione complessiva non superava i 693 milioni di euro). A questo va aggiunto il gettito indiretto prodotto attraverso le scommesse effettuate sul calcio per un valore di 166,1 milioni di euro. Osservando la composizione del gettito totale, emerge come nel 2010 oltre la met del dato complessivo derivi dalle ritenute su lavoro dipendente e autonomo (per un ammontare pari a 553,9 milioni di euro). Le ritenute risultano in crescita di quasi 50 milioni tra il 2008 e il 2010 e di pi di 150 milioni rispetto al 2006. Circa il 19% del gettito deriva dallIva, la quale dopo essere cresciuta da 183,4 a 207,8 milioni tra il 2006 e il 2008 si invece negli anni successivi sostanzialmente stabilizzata (206,3 milioni nel 2010). Il 9% del gettito deriva dai contributi Enpals (92,5 milioni), mentre quote pi limitate sono rappresentate dallIrap e dellIres, il cui peso rispettivo stabilmente del 4% e dell1%. Infine, il gettito erariale derivante dalle scommesse sul calcio si posiziona intorno al 16% (166,1 milioni nel 2010).

Segmentando gli stessi dati attraverso lapporto delle singole serie professionistiche, si pu notare la grande prevalenza del contributo fornito dalla Serie A; nel solo 2010 la massima serie ha apportato una contribuzione complessiva di circa 714,5 milioni di euro, cio il 79% del totale del calcio professionistico. La Serie B (141,1 milioni) contribuisce per quasi il 16%, mentre il dato aggregato delle due divisioni di Lega Pro ammonta a 48,1 milioni, pari al 5% del totale. Nel 2010, i lavoratori dipendenti delle societ di calcio professionistiche sono in tutto 10.226, per un ammontare complessivo del reddito da lavoro dipendente pari a 1.359 milioni di euro. Il numero medio di contribuenti per societ di 180 per la Serie A, 110 per la Serie B, mentre per la Prima e la Seconda Divisione della Lega Pro si scende rispettivamente a 63 e 39. Segmentando i contribuenti per fasce di reddito, sono 7.497 i contribuenti (il 73% del totale) che hanno un reddito annuale inferiore a 35.000 euro e altri 1.267 (circa il 12%) un reddito compreso tra 35.000 e 100.000 euro. I contribuenti che percepiscono un reddito compreso tra 100 e 200.000 euro sono in tutto 496, mentre altri 966 detengono un reddito superiore a 200.000 euro.

2006 2007 2008 2009 2010

CALCIO PROFESSIONISTICO ITALIANO CONTRIBUZIONE FISCALE E PREVIDENZIALE PER SERIE 2006-2010

1.000
784 693 15 35 178 21 47 116

857 19 49 117

874 18 45 119

904 14 34 141 Lega Pro 2a Divisione

milioni

465

600

673

692

714

Lega Pro 1a Divisione Serie B Serie A

2006 2007 2008 2009 2010

CALCIO PROFESSIONISTICO ITALIANO NUMERO DI CONTRIBUENTI MEDIO PER SOCIET 2010

Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione


39 63 110

180

21

ReportCalcio 2013 10,6 11,4 11,7 12,8 2,5 2,6 3,2 4,5 13,2 2,5 2,5 3,3 4,8

miliardi

IL BENCHMARKING INTERNAZIONALE

53 TOP DIVISION EUROPEE CONFRONTO RICAVI AGGREGATI 2007-2011

14
1,9 2,5 2,7 3,5 2,0 2,5 2,8 4,0 2,1 2,5 3,0 4,2

2007
Ricavi commerciali e altri ricavi

2008

2009

2010

2011

Il fatturato aggregato dei 734 club partecipanti alle 53 top division europee ha raggiunto nel 2011 i 13,2 miliardi di euro. Oltre a confermarsi un settore economico di grande rilevanza, va sottolineato come il calcio professionistico di vertice stia vivendo negli ultimi anni una fase di persistente crescita economica. In base ai dati pubblicati dalla UEFA nel Benchmarking Report 2011, nel periodo 2007-2011 nel quale leconomia europea ha vissuto una fase di sostanziale ristagno (crescita media annua dello 0,5%), il fatturato delle top division europee ha realizzato una crescita media annua del 5,6%. Rispetto al fatturato totale complessivo quasi il 68% rappresentato dai ricavi dalle 5 top league (Inghilterra, Germania, Spagna, Italia e Francia), che sono seguite a notevole distanza da Russia, Turchia e Olanda. Nonostante la crescita dei ricavi, il sistema calcistico ha visto ulteriormente deteriorarsi il suo equilibrio economico. La perdita annuale si quasi triplicata, passando da 0,6 miliardi di euro del 2007 a 1,7 del 2011. la conseguenza del peso ulteriormente accresciuto del costo per il personale (in primis dei calciatori), arrivato a incidere per

il 65% del fatturato complessivo nel 2011, sei punti in pi rispetto al 2007. Confrontando tra loro le maggiori top division europee, si evidenzia come nel 2011 lunica che si caratterizza per un risultato economico positivo la Germania (37,6 milioni di euro di utile aggregato), dove il costo del personale raggiunge soltanto il 52% del fatturato. Tutti gli altri principali campionati hanno invece prodotto delle perdite: in Inghilterra il risultato netto risulta negativo per 430,6 milioni di euro, in Italia per 319,4 milioni, mentre Spagna e Francia evidenziano un livello di perdite pi contenuto (rispettivamente 147,2 e 53,7 milioni di euro). Sotto il profilo patrimoniale, il 2011 segna una leggera positiva inversione di tendenza, con un incremento del patrimonio netto complessivo delle societ (da 1,9 a 3,3 miliardi di euro) e la diminuzione dellindebitamento bancario e commerciale (da 5,5 a 5,1 miliardi). Rimane peraltro un profilo di eccessivo indebitamento (il patrimonio netto copre solo il 15% dellattivo totale), e 255 club (il 38% di quelli analizzati) presentano un patrimonio netto negativo.

Ricavi da gare Diritti media

Sponsor e advertising

11,2

12,0

12,9

14,4

14,8

miliardi

53 TOP DIVISION EUROPEE CONFRONTO COSTI AGGREGATI 2007-2011

16
5,0 0,5 7,5 5,3 0,9 8,2 5,5 0,8 8,6

4,5 0,4 6,2

4,6 0,3 7,1

2007

2008

2009

2010

2011
Altri costi

Costi per il personale

Costi netti da trasferimenti

-0,6

-0,6 -1,2 -1,6 -1,7

Nota: I dati UEFA differiscono in alcuni casi da quelli della Serie A riportati da ReportCalcio 2013 per la diversa riclassificazione dei bilanci di alcune societ che chiudono il bilancio al 31/12. I grafici riportati potrebbero contenere scostamenti di un valore massimo dell1% dovuti ad arrotondamenti

CONFRONTO RISULTATO NETTO AGGREGATO 2007-2011

-5,8%

-5,6% -9,9%

-1,8
Risultato netto

-12,8% -12,7%

-14%

Rapporto risultato netto / fatturato

22

Incidenza sul fatturato

53 TOP DIVISION EUROPEE

0,0 miliardi

2007

2008

2009

2010

2011

0%

45.116

50.000 Spettatori per partita

executive summary

13.865

12.903

12.253
SVI

2011-2012 Nel 2011-2012 laffluenza agli stadi nei campionati europei di prima divisione ha superato i 103 milioni di spettatori, a cui vanno aggiunti altri 13,4 milioni relativi alle competizioni europee (Champions League ed Europa League) e 1,4 milioni che hanno assistito alle 31 partite disputate ai Campionati Europei 2012 in Polonia e Ucraina. In Europa le 10 top division pi rilevanti assorbono quasi il 70% dellaffluenza totale (71,8 milioni di spettatori sui 103,2 totali), con un dato medio per partita di 23.053. Emergono altres rilevanti differenze tra i diversi principali Paesi: laffluenza media passa da oltre 45.000 spettatori in Germania ai 34.600 dellInghilterra, ai 28.796 della Spagna e ai 22.005 dellItalia. Nessun altro Paese supera i 20.000 spettatori medi, cifra a cui si avvicinano soltanto Olanda e Francia. Allargando lorizzonte al di fuori dellEuropa, numerosi Paesi denotano valori rilevanti e crescenti: in primis il Messico (26.547 spettatori medi per partita), per passare poi ad Argentina (18.165), Stati Uniti (18.033), Cina (17.947), Giappone (15.797) e Brasile (14.976). Confrontando il prezzo medio del titolo di accesso agli stadi con il salario medio giornaliero nei pi importanti Paesi europei (Indexuva), si pu osservare come le nazioni dove il rapporto risulta pi alto sono Paesi in forte crisi economica, ed in particolare la Grecia (dove lindice cresciuto dal 70,2% del 2009 al 95,3% del 2011) e la Spagna (dal 86% del 2009 al 92,1% del 2011). LItalia nel 2011 si colloca ad un livello intermedio (intorno al 41,3%), mentre le nazioni con lindice pi basso sono Francia (29,8%), Polonia (26%) e Olanda (22,2%). Come conseguenza della persistente crescita della sua dimensione economica, il settore del calcio professionistico si conferma un forte generatore di gettito fiscale e previdenziale. Nel solo 2010, limporto complessivo della contribuzione fiscale e previdenziale diretta del calcio professionistico ammontata a 1,3 miliardi di euro per lInghilterra, 904 milioni per lItalia, 719 milioni per la Germania e 622 milioni per la Francia.

0
GER ING SPA ITA OLA FRA SCO RUS UCR

95,3%

59,3%

48,4%

45,3%

41,3%

TOP DIVISION EUROPEE INDEXUVA* 2011


GRE SPA

92,1%

35,6%

29,8%

26,0%
POL

ING POR GER

ITA

SVI

FRA

OLA

*Incidenza prezzo medio del titolo di accesso allo stadio sullo stipendio medio giornaliero

CONTRIBUZIONE FISCALE E PREVIDENZIALE 2010

milioni

BENCHMARKing CALCIO PROFESSIONISTICO

1.400

1.318 904 719 622

0 Italia Inghilterra Germania Francia

22,2% 23

11.309

10 TOP CAMPIONATI PER AFFLUENZA MEDIA

28.796

22.005

19.466

IL BENCHMARKING INTERNAZIONALE

34.600

TOP DIVISION EUROPEE

18.870

ReportCalcio 2013 14.132 14.076 13.382 13.165

STADI, SPETTATORI E SICUREZZA

SPETTATORI AGGREGATI SERIE A, B, LEGA PRO 2007-2012

Migliaia di spettatori

14.024

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

Nel 2011-2012, sono 13.164.671 gli spettatori che hanno assistito a incontri del calcio professionistico italiano, con un decremento dell 1,6% rispetto alla stagione precedente, pari ad una perdita in termini assoluti di oltre 200.000 spettatori. La percentuale di riempimento degli stadi stata pari al 39%. Considerando un arco temporale di cinque stagioni, solo nel 20082009 si registrata una crescita degli spettatori rispetto alla stagione precedente, negli anni successivi non mai pi successo. Il Cagr dal 2007-2008 pari a -1,57%. Il 63,5% degli spettatori totali delle serie professionistiche sono attribuibili alla Serie A, i cui spettatori sono diminuiti rispetto alla stagione 2010-2011 (-6,5%). La percentuale di riempimento degli impianti si abbassata al 55% (59% nella stagione 2010-2011). Anche in Serie A, dal 20092010, ogni stagione ha registrato un decremento in termini di spettatori totali rispetto alla precedente. Il Cagr dal 20072008 pari a -1,20%. La Serie B in controtendenza rispetto alle osservazioni fatte precedentemente. La serie cadetta lunica a registrare un aumento di spettatori nella stagione 2011-2012 nel confronto con la precedente (+22,8%), innalzando la percentuale di riempimento degli impianti dal 30% del 2010-2011 al 32% della stagione 2011-2012.

La Lega Pro ha registrato un decremento del 8,8% nel numero degli spettatori rispetto alla stagione 2010-2011, dato attribuibile anche alla diminuzione del numero delle squadre di Seconda Divisione. Parte del decremento degli spettatori imputabile allinadeguatezza degli impianti italiani. Analizzando i 36 stadi che nella stagione 2011-2012 hanno ospitato partite di Serie A e Serie B, si registra unet media di 57 anni, una copertura degli spalti pari solo al 56% del totale dei posti e la presenza di una pista di atletica nel 47% dei casi. Considerando la Classificazione UEFA degli stadi si evince che solo 3 impianti possono ambire alla categoria pi alta e sono in grado di ospitare partite internazionali delle principali competizioni; ben 15 stadi su 36 non hanno i requisiti minimi per accedere alla pi bassa delle categorie UEFA. Segnali confortanti arrivano dai dati relativi alla sicurezza durante le gare disputate. La stagione 2011-2012 presenta un decremento del 7,7% nel numero delle partite in cui si sono verificati incidenti e una forte diminuzione del numero di persone denunciate ed arrestate (rispettivamente -21,6% e -44%).

Categoria 4

3 9 2 7 15

GLI STADI ITALIANI SERIE A, SERIE B CLASSIFICAZIONE UEFA

Categoria 3 Categoria 2 Categoria 1 Nessuna categoria

209

SICUREZZA INCIDENTI ALLO STADIO 2004-2012

Partite con incidenti

148 101 90 81

74

65

60

04-05

05-06

06-07

07-08

08-09

09-10

10-11

24

11-12

1 4 (3%) (1%)

executive summary

I MODELLI DI GOVERNANCE DEL CALCIO PROFESSIONISTICO

CALCIO PROFESSIONISTICO ITALIANO PERSONE FISICHE E GIURIDICHE 2011-2012 118 societ


51 (43%)

Persona fisica Persona giuridica italiana Persona giuridica estera Non disponibile

62 (53%)

Lassetto proprietario delle societ del calcio professionistico italiano in generale fortemente concentrato: 62 societ (il 53% di quelle analizzate) sono controllate da una persona giuridica italiana e altre 51 (il 43%) da una persona fisica, mentre le societ controllate da persone giuridiche estere sono in tutto 4 (il 3% del totale). Scendendo dalla Serie A alla Lega Pro si nota un aumento della quota di societ controllate da una persona fisica (1 sola societ in Serie A, 6 in Serie B, 44 in Lega Pro), mentre al contrario si riduce lincidenza delle societ controllate da persone giuridiche italiane (18 su 20 in Serie A, 15 su 22 in Serie B e soltanto 29 su 76 in Lega Pro). In 89 societ (il 75% di quelle analizzate) un singolo socio detiene almeno il 50% del capitale; questo vale per tutte le 20 societ di Serie A, per 18 societ su 22 in Serie B e per 51 societ su 76 di Lega Pro. In 53 societ professionistiche (13 in Serie A, 12 in Serie B e 28 in Lega Pro) un unico socio detiene il 90% o pi del capitale.

Per quanto concerne la struttura organizzativa della governance, la quasi totalit utilizza un sistema di amministrazione e controllo di tipo tradizionale. Esistono solo una eccezione in Serie A (sistema dualistico) e una in Serie B (sistema monistico). Il controllo contabile in Serie A affidato in prevalenza (16 societ su 20) ad un revisore legale o ad una societ di revisione, mentre in Serie B (14 casi su 22) e soprattutto in Lega Pro (74 su 76) il controllo affidato invece ad un collegio sindacale (o ad un sindaco unico). Infine, la presenza del comitato esecutivo rappresenta leccezione alla regola: si ritrova infatti in appena 4 societ di Serie A e in una di Serie B. Negli organi di governo e di controllo (consiglio di amministrazione e collegio sindacale) la presenza femminile rappresenta una limitatissima minoranza, tanto che solo 25 amministratori su un totale di 515 (il 5%) e 37 sindaci su 343 (l11%) sono donne. CALCIO PROFESSIONISTICO ITALIANO SEGMENTAZIONE PER GENERE DEGLI AMMINISTRATORI 2011-2012
45 Numero di societ

CALCIO PROFESSIONISTICO ITALIANO TIPOLOGIA DI CONTROLLO 2011-2012

1 2 5 1 1 2 28 20 18

6 4 7 Non disponibile 5 o pi soci > 50% 3 o 4 soci > 50% 23 2 soci > 50% 1 socio > 50%

Serie A

Serie B

Lega Pro Lega Pro 1a Divisione 2a Divisione

160 Numero amministratori

149 9 105 4 140 101 132 6 129 6 Donne 126 123 Uomini

Serie A

Serie B

Lega Pro Lega Pro 1a Divisione 2a Divisione


25

1
il censimento del calcio italiano
a cura del Centro Studi FIGC
27

ReportCalcio 2013

la federazione italiana giuoco calcio

La Federazione Italiana Giuoco Calcio viene fondata nel 1898 e riconosciuta dalla FIFA nel 1905. Nel 1954 tra i membri fondatori della UEFA. Pu vantare, quattro titoli mondiali, vinti nel 1934 in Italia, nel 1938 in Francia, nel 1982 in Spagna e nel 2006 in Germania, un oro olimpico nel 1936 ai giochi di Berlino, un campionato europeo nel 1968. Nel palmares delle quindici Rappresentative azzurre spiccano inoltre dodici campionati europei: cinque conquistati dalla Nazionale Under 21, due dallUnder 19, uno rispettivamente dallUnder 17, dallUnder 16, dallUnder 19 Femminile, dalla Nazionale di Calcio a 5 e dalla Nazionale di Beach Soccer. La FIGC ha lo scopo di promuovere e disciplinare lattivit del giuoco del calcio e degli aspetti ad esso connessi, conciliando la dimensione professionistica con quella dilettantistica attraverso una struttura centrale. Fanno parte della Federazione le leghe a cui demandata lorganizzazione dei campionati professionistici (Lega Serie A, Lega Serie B e Lega Pro) e dilettantistici (Lega Nazionale Dilettanti), lAssociazione Italiana Arbitri (AIA), la quale designa gli arbitri e gli assistenti arbitrali per le gare di competenza della Figc, e le Componenti Tecniche (lAssociazione Italiana Calciatori e lAssociazione Italiana Allenatori Calcio), il Settore Tecnico, il Settore Giovanile e Scolastico. Sul territorio, a livello periferico, lattivit federale affidata a 20 Comitati Regionali e alle Delegazioni Provinciali della LND.

Societ Professionistiche Dilettantistiche Settore Giovanile e Scolastico Squadre Professionistiche Dilettantistiche Settore Giovanile e Scolastico Calciatori Attivit professionistica Professionisti Giovani di serie Attivit dilettantistica Dilettanti Giovani dilettanti Under 18 Settore Giovanile e Scolastico Tecnici tesserati Allenatori Preparatori atletici Medici Operatori sanitari Arbitri Organi Tecnici Nazionali Organi Tecnici Regionali Dirigenti

14.451 119 11.260 3.072 70.329 455 16.570 53.304 1.117.447 13.894 3.240 10.654 444.653 335.963 108.690 658.900 22.057 20.445 289 573 750 34.267 1.918 32.349 185.396

Fonte: Dati FIGC al 30 giugno 2012

28

societ e squadre

1 il censimento del calcio italiano

societ 20112012
Professionistiche Dilettantistiche 11.260 (78%) 119 (1%) 3.072 (21%) Settore Giovanile e Scolastico

confronto societ
14.000
11.642 11.469 11.260 20092010 Totale: 14.690 20102011 Totale: 14.653 20112012 Totale: 14.451

14.451

Societ

2.916 132 127 119

3.057

3.072

Professionistiche

Dilettantistiche

Settore Giovanile e Scolastico

SQUADRE 2011-2012
455 Professionistiche 16.570 Dilettantistiche Settore Giovanile e Scolastico

CONFRONTO SQUADRE
60.000
50.475 54.199 53.304 20092010 Totale: 68.359 20102011 Totale: 71.689

70.329
53.304

Squadre

20112012 Totale: 70.329

17.400

17.020

484

470

455

Professionistiche

Dilettantistiche

Settore Giovanile e Scolastico

29

Fonte: FIGC - LND

16.570

ReportCalcio 2013

calciatori tesserati

calciatori tesserati 20112012


13.894 (1%) Professionisti Dilettanti

confronto tesserati
800.000
619.510 474.489 466.371 670.589 658.900 20092010 Totale: 1.108.475 20102011 Totale: 1.151.437 444.653 20112012 Totale: 1.117.447

1.117.447
658.900 (59%)

444.653 (40%)

Tesserati

Settore Giovanile e Scolastico

14.476

14.477

13.894

Professionisti

Dilettanti

Settore Giovanile e Scolastico

professionisti per serie 2011-2012


Lega Pro II Divisione Lega Pro I Divisione
762 3.227 3.989 Professionisti Giovani di Serie

DILETTANTI 2011-2012
Calcio a 11 Maschile
390.965

753

3.094

3.847

Calcio a 5 Maschile

39.556

Serie B

646

2.192

2.838

Calcio a 11 Femminile

12.236
Fonte: FIGC - LND

Serie A 0
30

1.079

2.141

3.220

Calcio a 5 Femminile 5.000 0

1.896

500.000

GARE E CAMPI DA GIOCO

1 il censimento del calcio italiano

GARE UFFICIALI DISPUTATE 2011-2012


4.313 Professionistiche Dilettantistiche

CONFRONTO GARE UFFICIALI DISPUTATE


595.000
Professionistiche 571.857 4.313 Dilettantistiche

590.707 4.632

591.496 4.511

571.857

Gare

586.075

586.985 567.544

567.544

300.000

2009-2010

2010-2011

2011-2012

campi da gioco 2011-2012


Erba naturale 1.794 (10%) 2.322 (13%) Erba artificiale

CONFRONTO CAMPI DA GIOCO


17.500 Campi da gioco

Terra battuta c/5 normali

17.321
2.698 (16%) 1.600 (9%)

8.907 (52%)

c/5 indoor

17.321
Fonte: FIGC - LND

15.880

16.060

15.000

2009-2010

2010-2011

2011-2012

31

ReportCalcio 2013

allenatori e altri tecnici

TECNICI ABILITATI FIGC 2011-2012


Abilitati Allenatore Allenatore I categoria - UEFA Pro Allenatore II categoria - UEFA A Allenatore III categoria Direttore Tecnico All. Calcio a 5 Istruttore Giovanili Allenatore di Base - UEFA B All. Calcio a 5 - 1 livello Allenatore Portieri Allenatore Giovani Calciatori Medico Operatore Sanitario Preparatore Atletico Totali 65.902 % 90,42%

TECNICI TESSERATI FIGC 2011-2012


Tesserati Allenatore Allenatore I categoria - UEFA Pro Allenatore II categoria - UEFA A Allenatore III categoria Direttore Tecnico All. Calcio a 5 Istruttore Giovanili Allenatore di Base - UEFA B All. Calcio a 5 - 1 livello Allenatore Portieri Allenatore Giovani Calciatori Medico Operatore Sanitario Preparatore Atletico Totali 20.445 304 648 2.990 3 867 1.031 14.230 142 163 67 573 750 289 22.057 % 92,69% 1,38% 2,94% 13,56% 0,01% 3,93% 4,67% 64,51% 0,64% 0,74% 0,30% 2,60% 3,40% 1,31%

679 0,93% 1.584 2,17% 15.338 21,04% 40 0,05% 3.942 5,41% 8.460 11,61% 35.168 48,25% 264 0,36% 345 0,47% 82 0,11% 3.028 2.983 972 72.885 4,15% 4,09% 1,33%

tecnici abilitati figc

tecnici tesserati figc

72.885

22.057

confronto tecnici
80.000
Tesserati 23.407 23.857 24.060 22.057 Non tesserati

+38,4%

LAUMENTO DEL NUMERO DEI TECNICI abilitati nellultimo decennio

Tecnici

21.757

21.929

21.946

22.570

22.888

23.933

+1,4%
33.852 36.141 37.512 37.345 40.092 41.970 44.658 50.828

30.875

32.588

Laumento DEL NUMERO DEI TECNICI TESSERATI degli ultimi dieci anni
Fonte: FIGC Settore Tecnico

0203

0304

0405

0506

0607

0708

0809

0910

1011

1112

32

associazione italiana arbitri

1 il censimento del calcio italiano

tesserati aia 20112012


O.T.P. e O.T.S. 23.120 (67%) O.T.R. O.T.N.

tesserati aia O.t.n. 20112012


C.A.I. 349 (18%) 272 (14%) C.A.N. 5 C.A.N. A C.A.N. B

34.267

1.918 (6%) 718 (38%)

1.918

407 (21%)

C.A.N. D C.A.N. PRO

9.229 (27%)

O.T.N.: Organo Tecnico Nazionale O.T.R.: Organo Tecnico Regionale

O.T.P.: Organo Tecnico Provinciale O.T.S.: Organo Tecnico Sezionale

84 (4%)

88 (5%)

CONFRONTO TESSERATI AIA


35.000

FORZA ARBITRALE 2011-2012


Associati Arbitri effettivi 34.267 25.816 649 5.707 2.095

Tesserati

Assistenti arbitrali
34.728 34.267

Arbitri fuori quadro Arbitri benemeriti

33.040

2009-2010

2010-2011

2011-2012

Fonte: FIGC - AIA

33

ReportCalcio 2013

associazione italiana arbitri

TESSERATI AIA PER FASCE DET


10.000
8.096

TESSERATI AIA PER SESSO E ORGANO TECNICO 2011-2012


25.000
23.120 1.452 Femmine Totale: 1.764 Maschi Totale: 32.503 9.229 253 8.976 21.668 1.918 59 1.859

Tesserati

5.807

5.114 3.738 3.398 2.269

5.845

Tesserati 0

15-20

20-25

25-30

30-35

35-40

40-45

>45

O.T.P.

O.T.R. e O.T.S.

O.T.N.

CONFRONTO ARBITRI INTERNAZIONALI IN ATTIVIT


AE MAN Italia Francia Germania Portogallo Grecia Inghilterra Belgio Spagna Austria 10 9 10 9 7 8 7 8 7 1 AE W 3 4 4 3 4 3 3 AA 10 10 10 10 10 10 10 10 10 4 4 4 2 AA W 4 4 4 AE C5 4 3 2 4 2 2 4 4 2 3 2 AE C5 W 2 BEACH SOCCER 3 3 Totale 36 33 30 28 27 27 26 25 24
Fonte: FIGC - AIA

AE MAN = Arbitri Effettivi (uomini) AE W = Arbitri Effettivi (donne) AA = Assistente Arbitro (uomini) AA W = Assistente Arbitro (donne) AE C5 = Arbitri Effettivi Calcio a 5 (uomini) AE C5 W = Arbitri Effettivi Calcio a 5 (donne)

34

calciatori tesserati stranieri

1 il censimento del calcio italiano

+6,4%

tesserati stranieri in italia per categoria 2011-2012


Dilettanti Giovani di Serie

LAUMENTO DEL NUMERO DEI TESSERATI STRANIERI IN ITALIA


14.096 (28%)

Professionisti Settore Giovanile e Scolastico

+23,2%

LAUMENTO DEI MINORI STRANIERI AL PRIMO TESSERAMENTO


34.809 (69%)

50.204
513 (1%) 786 (2%)

34.868

I TESSERATI STRANIERI DEL SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO

confronto tesserati stranieri


40.000
31.540 32.905 34.809 20092010 Totale: 44.294 20102011 Totale: 47.202 20112012 Totale: 50.204 11.652 13.145 14.096

121

Tesserati stranieri

IL NUMERO DEI PAESI DI PROVENIENZA DEI MINORI STRANIERI AL PRIMO TESSERAMENTO

607

622

786

495

530

513

Professionisti

Dilettanti

Settore Giovanile e Scolastico

Giovani di Serie

35

Fonte: FIGC

ReportCalcio 2013

PRIMO TESSERAMENTO MINORI STRANIERI 2011-2012

MAPPA CON DENSIT PER CONTINENTE

primi dieci paesi di provenienza


1.800
1.685 1.555 1.460

Tesserati

327

308

276

268

243

232

213

0 Marocco Romania Senegal Ecuador Albania Macedonia Per Tunisia


42

TESSERATI STRANIERI MINORENNI PER AREA DI ORIGINE


6.000
4.805

Moldavia

TOTALE

9.434
3.097

Da 1 a 100 tesserati Da 101 a 1000 tesserati Pi di 1000 tesserati

Tesserati

798

589 101 2
Fonte: FIGC

0 Europa Africa Sud America Asia

Centro America

Nord America

Oceania

36

Ghana

attivit settore giovanile e scolastico

1 il censimento del calcio italiano

SQUADRE SGS 2011-2012


Piccoli amici (5-8 anni) 5.443 (10%) 7.214 (14%) 5.922 (11%) Pulcini (8-10 anni) Esordienti (10-12 anni)

SCUOLE CALCIO E CENTRI DI BASE 2011-2012


232 (3%) 1.692 (24%) Scuole Calcio Qualificate Scuole Calcio Centri di Base

53.304
13.604 (25%) 21.121 (40%)

Giovanissimi (12-14 anni) Allievi (14-16 anni) 5.265 (73%)

7.189

tesserati sgs per categoria 20112012


250.000

totale tesserati SGS

658.900

tesserati calcio a 5 per categoria 2011-2012


9.000

totale tesserati calcio a 5

30.957

Tesserati Calcio a 5

Tesserati SGS

203.776 152.986 99.174 129.095 73.869

8.547 5.981 3.154 4.238 4.111 4.926


Fonte: FIGC - SGS

Piccoli amici

Pulcini

Esordienti

Giovanissimi

Allievi

Piccoli amici

Pulcini

Esordienti Giovanissimi

Allievi

Juniores

37

ReportCalcio 2013

TESSERATI SGS RIPARTIZIONE REGIONALE

GIOVANI 5-12 ANNI MASCHI


Tesserati 5-7 anni 8-10 anni 11-12 anni Totale 98.331 201.223 150.706 450.260 Popolazione 881.375 875.206 579.678 2.336.259 Densit 11,16% 22,99% 26,00% 19,27%

GIOVANI 13-16 ANNI MASCHI


Tesserati 13-14 anni 15-16 anni Totale 135.032 113.429 248.461 Popolazione 578.960 583.606 1.162.566 Densit 23,32% 19,44% 21,37%

GIOVANI 5-16 ANNI FEMMINE


Tesserati 5-7 anni 8-10 anni 11-12 anni 13-14 anni 15-16 anni Totale 843 2.553 2.280 2.085 2.118 9.879 Popolazione 831.589 827.457 547.211 545.300 549.064 3.300.621 Densit 0,10% 0,31% 0,42% 0,38% 0,39% 0,30%

Nota: Il dato calcolato rappresenta il rapporto tra il numero dei tesserati e la popolazione nelle varie fasce det. Il totale dei tesserati risulta superiore a quello riportato nella pagina precedente (658.900) perch in questa analisi sono stati inclusi anche i tesserati come giovani dilettanti e giovani di serie

giovani calciatori categoria di base 5-12 anni densit per regione 2011-2012

giovani calciatori categorie giovanili 13-16 anni densit per regione 2011-2012

Densit >14% Densit 10%<x<13,9% Densit 6%<x<9,9%

Densit >14% Densit 10%<x<13,9% Densit 6%<x<9,9%


Fonte: FIGC SGS - ISTAT

38

attivit giovanile in italia

1 il censimento del calcio italiano

TESSERATI PER CATEGORIA 2011-2012


Piccoli amici (5-8 anni) Pulcini (8-10 anni) 203.776 (24%) Esordienti (10-12 anni) Giovanissimi (12-14 anni) Allievi (14-16 anni) Juniores/Primavera/Berretti (16-19 anni)

CONFRONTO TESSERATI
870.000
860.239

129.659 (16%)

99.174 (12%)

838.259

Tesserati

115.547 (14%)

838.259 827.869

137.117 (16%)

152.986 (18%)

810.000

0910

1011

1112

9,8%

COnfronto TESSERATI PER CATEGORIA


202.175 203.776

154.238

148.363

152.986

137.117

139.913

132.816

136.685

136.801

LA PERCENTUALE DI TESSERATI TRA I 5 E I 19 ANNI RISPETTO ALLA POPOLAZIONE NELLA STESSA FASCIA DET

250.000

211.704

20112012 Totale: 838.259 20102011 Totale: 860.239 20092010 Totale: 827.869

116.215

Tesserati

104.595

26%

Piccoli amici

Pulcini

Esordienti

Giovanissimi

Allievi

Juniores/Primavera/ Berretti

39

Fonte: FIGC - SGS

LA PERCENTUALE DEI GIOVANI MASCHI TRA GLI 11 E I 12 ANNI TESSERATI RISPETTO ALLA POPOLAZIONE

89.344

99.174

115.258

115.547

129.659

ReportCalcio 2013

VINCITORI COMPETIZIONI NAZIONALI 2011-2012

Serie A Serie B Coppa Italia Supercoppa Italiana Lega Pro Prima Divisione Girone A Lega Pro Prima Divisione Girone B Lega Pro Seconda Divisione Girone A Lega Pro Seconda Divisione Girone B Coppa Italia Lega Pro Supercoppa di Lega di Prima Divisione Supercoppa di Lega di Seconda Divisione Primavera Scudetto Coppa Italia Primavera Supercoppa Primavera Dante Berretti Scudetto Dante Berretti Serie A-B Scudetto Allievi Nazionali Scudetto A-B Allievi Nazionali Scudetto Lega Pro Giovanissimi Nazionali Scudetto

Juventus FC Delfino Pescara SSC Napoli AC Milan Ternana Calcio Spezia Calcio Treviso Calcio AC Perugia Spezia Calcio Spezia Calcio AC Perugia FC Internazionale Milano AS Roma AS Roma Frosinone Calcio FC Internazionale Milano UC Sampdoria Frosinone Calcio FC Internazionale Milano

Supercoppa Allievi Professionisti Serie D Scudetto Coppa Italia Serie D Juniores Nazionali Scudetto Juniores Regionali Scudetto Allievi Regionali Scudetto Giovanissimi Regionali Scudetto Calcio a 5 Scudetto Calcio a 5 Coppa Italia Calcio a 5 Supercoppa Calcio a 5 Under 21 Calcio Femminile Scudetto Calcio Femminile Coppa Italia Calcio Femminile Supercoppa Calcio Femminile Primavera Beach Soccer Scudetto Beach Soccer Coppa Italia Beach Soccer Supercoppa Italia

Frosinone Calcio Unione Venezia SantAntonio Abate Citt di Marino Vigor Perconti Tau Calcio Altopascio Calcio Montebelluna Alter Ego Luparense Asti Marca Futsal Pesaro Fano ASD S.E.F. Torres 1903 Brescia ASD S.E.F. Torres 1903 Torino FC 1906 Terranova Terracina Viareggio Terranova Terracina

Fonte: FIGC Ufficio Stampa - LND

40

MUSEI DEL CALCIO IN ITALIA

1 il censimento del calcio italiano

FONDAZIONE MUSEO DEL CALCIO Via Aldo Palazzeschi, 20 50135 Firenze Tel. 055 60 06 26 info@museodelcalcio.it www.museodelcalcio.it MUSEO DELLA STORIA DEL GENOA Via Roma, 4/3 16121 Genova Tel. 010 55 36 711 info@fondazionegenoa.com www.fondazionegenoa.com SAN SIRO MUSEUM Piazzale Angelo Moratti 20151 Milano Tel. 02 48 79 82 02 www.sansiro.net CALCIO PADOVA MUSEUM Viale Nereo Rocco, 60 35135 Padova Tel. 049 87 23 555 mktsociale@padovacalcio.it www.padovacalcio.it
Fonte: Dati pubblici

JUVENTUS MUSEUM Via Druento 153/42 10151 Torino Tel. 899 999 897 juventus.museum@juventus.com www.juventus.it MUSEO DEL GRANDE TORINO E DELLA LEGGENDA GRANATA Villa Claretta Assandri Via Salli, 87 10095 Grugliasco (TO) www.museodeltoro.it MUSEO FIORENTINA Via Leonardo Ximenes, 55B 50125 Firenze Tel. 055 39 85 601 info@museofiorentina.it www.museofiorentina.it FEDERAZIONE DEI MUSEO DEL CALCIO Via Aldo Palazzeschi, 20 50135 Firenze Tel. 055 60 06 26 www.museIdelcalcio.it

41

2
IL PROFILO DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI
a cura del Centro Studi FIGC
43

ReportCalcio 2013

GARE DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI 2011-2012

PARTITE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI 2011-2012


18
17 16 15 14 16 15 3 1 10 9 4 1 5 3 1 12 2 7 2 6 5 6 3 3 2 5 7 4 6 4 2 1 8 2 3 1 8 2 2 10 6 Vittorie Pareggi Sconfitte 9 3 14 1 4 4 10 12 8 6

TOTALE GARE DISPUTATE

176

Gare

9 4 3

9 2 2

U. 21

U. 20

U. 19

U. 18

U. 17

U. 16

U. 15

A Fem.

U. 20 Fem.

U. 19 Fem.

U. 17 Fem.

Calcio a5

U. 21 Beach Calcio a 5 Soccer

Nota: Dati al 1 luglio 2012

15

IL NUMERO DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI MASCHILI, FEMMINILI, DI CALCIO A 5 E BEACH SOCCER


Fonte: FIGC Club Italia

176

LE GARE DELLE NAZIONALI AZZURRE CON 88 VITTORIE 32 PAREGGI E 56 SCONFITTE

731

LE GARE DISPUTATE nella storia DALLA NAZIONALE A, CON 393 VITTORIE, 191 PAREGGI E 147 SCONFITTE

12

I SUCCESSI DELLA NAZIONALE FEMMINILE MAGGIORE SU 16 GARE DISPUTATE

44

LA NAZIONALE A

2 IL PROFILO DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI

CONVOCATI PER RUOLO STAGIONE 2011-2012


Portieri Difensori Centrocampisti Attaccanti 11 (30%) 4 (11%)

convocati per serie e societ 2011-2012


Juventus
9

Milan

37

11 (29%)

Fiorentina, Roma Napoli, Inter, Palermo Paris Saint Germain

11 (30%)

nazionale a 2011-2012
Calciatori con pi presenze Pirlo De Rossi Buffon Migliori realizzatori Balotelli Cassano Presenze 16 16 15 Goal 4 4 Minuti 1.404 1.259 1.321

Atalanta, Cagliari, Parma, Bologna, Udinese Sampdoria, Torino Zenit San Pietroburgo, Manchester City, Villareal

Serie A

Serie B

Estero

Fonte: FIGC Club Italia

45

ReportCalcio 2013

UNDER 21

CONVOCATI PER RUOLO STAGIONE 2011-2012


Portieri 4 (10%) 11 (28%) Difensori Centrocampisti

CONVOCATI PER SERIE 2011-2012


Serie A 2 (5%) 14 (35%) Serie B Lega Pro Estero

40

12 (30%)

Attaccanti

40
24 (60%)

13 (32%)

PRESENZE CONVOCATI PER CAMPIONATO DI APPARTENENZA 2011-2012


70

MINUTAGGIO CONVOCATI PER CAMPIONATO DI APPARTENENZA 2011-2012


5.000

Presenze

65

Minuti

62

3.859

4.391

Serie A

Serie B

Estero

493

Serie A

Serie B

Estero

Fonte: FIGC Club Italia

46

NAZIONALI A 11 MASCHILI

2 IL PROFILO DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI

UNDER 20 MASCHILE
1 12 14

UNDER 19 MASCHILE
2 8 2

UNDER 18 MASCHILE

84

11

le gare disputate dalle nazionali giovanili maschili, con 35 vittorie, 17 pareggi e 32 sconfitte

44

51
39 17

33
22

il numero di vittorie conseguite dalla rappresentativa under 15 su 9 incontri disputati

41
UNDER 17 MASCHILE
2 7 9

UNDER 16 MASCHILE
1

UNDER 15 MASCHILE

le partite giocate dalle rappresentative femminili, con 26 vittorie, 6 pareggi e 10 sconfitte

50
41

52
42

29
21

Serie A

Serie B

Lega Pro

Estero
Fonte: FIGC Club Italia

47

ReportCalcio 2013

NAZIONALI FEMMINILI, CALCIO A 5, BEACH SOCCER

A FEMMINILE

UNDER 20 FEMMINILE

UNDER 19 FEMMINILE

UNDER 17 FEMMINILE

1 7 7 1

32
24

25
17 10

29

15 17

48

22

Serie A

Serie A2

Serie B

Serie C

Estero

calcio a 5
1

Under 21 calcio a 5

BEACH SOCCER

9 7 14

28
20 16

39

23

Serie A

Serie A2

Serie B

Estero

Fonte: FIGC Club Italia

48

RAPPRESENTATIVe NAZIONALI DI CALCIO E PALMARES DELLE NAZIONALI

2 IL PROFILO DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI

Le Nazionali maschili Nazionale A

Palmares 4 Mondiali 1 Europeo 1 Torneo Olimpico

Tecnico in carica Cesare Prandelli

Nazionale Under 21 Nazionale Under 20 Nazionale Under 19 Nazionale Under 18 Nazionale Under 17 Nazionale Under 16 Nazionale Under 15 Nazionale Calcio a 5 Nazionale Calcio a 5 U.21 Nazionale Beach Soccer

5 Europei 3 Tornei Mediterranei ... 2 Europei ... 1 Europeo 1 Europeo ... 1 Europeo ... 1 Europeo

Ciro Ferrara (fino al 04-06-12) Devis Mangia (dal 17-07-12) Luigi Di Biagio Alberigo Evani Alberigo Evani Daniele Zoratto Daniele Zoratto Antonio Rocca Roberto Menichelli Raoul Albani Massimiliano Esposito

i campionati del mondo conquistati dalla nazionale azzurra: in italia nel 1934, in francia nel 1938, in spagna nel 1982 e in germania nel 2006

13

i campionati europei vinti dalle nazionali italiane, dei quali 1 dalla nazionale a, 5 dallu-21, 2 dallu-19 e 1 dallu-17, dallu-16, dallu-19 femminile, dalla nazionale a di calcio a 5 e dalla nazionale di beach soccer

Le Nazionali femminili Nazionale A Nazionale Under 19 Nazionale Under 17

Palmares ... 1 Europeo ...

Tecnico in carica Antonio Cabrini Corrado Corradini Enrico Sbardella

loro olimpico conquistato dagli azzurri durante i giochi di berlino nel 1936

Fonte: FIGC - Club Italia

49

ReportCalcio 2013

Commissari Tecnici

NOMI COMMISSIONE TECNICA FIGC - U. MEAZZA VITTORIO POZZO COMMISSIONE TECNICA FIGC - U. MEAZZA COMMISSIONE TECNICA FIGC - N. RESEGOTTI COMMISSIONE TECNICA FIGC - G. MILANO COMMISSIONE TECNICA FIGC COMMISSIONE TECNICA FIGC - A. CEVENINI COMMISSIONE TECNICA FIGC VITTORIO POZZO COMMISSIONE TECNICA (MISTA LEGA NORD LEGA SUD) AUGUSTO RANGONE CARLO CARCANO VITTORIO POZZO COMMISSIONE TECNICA FIGC - E. NOVO COMMISSIONE TECNICA FIGC - C. BERETTA, A. BUSINI, G.P. COMBI C. BERETTA E G. MEAZZA COMMISSIONE TECNICA FIGC - L. CZEIZLER, A. SCHIAVIO, E S. PIOLA COMMISSIONE TECNICA FIGC - A. FONI COMMISSIONE TECNICA FIGC - G. VIANI COMMISSIONE TECNICA FIGC - G. FERRARI GIUSEPPE VIANI GIUSEPPE FERRARI COMMISSIONE TECNICA - P. MAZZA, G. FERRARI EDMONDO FABBRI COMMISSIONE TECNICA - H. HERRERA, F. VALCAREGGI FERRUCCIO VALCAREGGI FULVIO BERNARDINI F. BERNARDINI E E. BEARZOT ENZO BEARZOT AZEGLIO VICINI ARRIGO SACCHI CESARE MALDINI DINO ZOFF GIOVANNI TRAPATTONI MARCELLO LIPPI ROBERTO DONADONI MARCELLO LIPPI CESARE PRANDELLI
Dati al 1 luglio 2012

PERIODO 15-05-1910 29-06-1912 22-12-1912 31-01-1915 28-03-1920 20-02-1921 06-11-1921 15-01-1922 09-03-1924 16-11-1924 04-11-1925 14-10-1928 01-12-1929 27-02-1949 08-04-1951 24-02-1952 13-11-1953 05-12-1954 09-11-1958 13-12-1958 06-01-1960 10-12-1960 05-05-1962 11-11-1962 01-11-1966 25-06-1967 28-09-1974 27-09-1975 08-10-1977 08-10-1986 13-11-1991 22-01-1997 05-09-1998 03-09-2000 18-08-2004 16-08-2006 20-08-2008 01-07-2010

GARE TOTALI 6 3 9 2 6 4 1 9 5 6 24 6 87 9 5 8 7 19 1 5 2 6 5 29 4 54 6 16 88 54 53 20 23 44 29 23 27 26

VITTORIE 1 1 3 2 2 3 1 2 2 2 12 3 60 5 2 2 5 9 1 4 3 18 3 28 1 11 40 33 34 10 11 25 18 13 13 13

SCONFITTE 3 2 4 3 2 2 3 5 2 11 3 4 2 8 1 1 1 2 1 5 6 3 3 22 7 8 2 5 7 2 5 3 6

PAREGGI 2 2 1 1 5 1 1 7 1 16 1 3 2 2 4 1 6 1 20 2 2 26 14 11 8 7 12 9 5 11 7
Fonte: FIGC Club Italia

50

MARCATORI E PRESENZE NAZIONALE A

2 IL PROFILO DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI

TOP 15 CALCIATORI PER PRESENZE IN AZZURRO


Cannavaro F. Maldini P. Buffon G. Zoff D. Zambrotta G. Facchetti G. Del Piero A. Pirlo A. Baresi F. Bergomi G. Tardelli M. Albertini D. De Rossi D. Nesta A. Scirea G. 0
Dati al 1 luglio 2012

TOP 15 marcatori IN AZZURRO


Riva L. Meazza G. Piola S. Baggio R. Del Piero A. Baloncieri A. Inzaghi F. Altobelli A. Vieri C. Graziani F. Mazzola A. Rossi P. Bettega R. Gilardino A. Vialli G., Toni L. 160 0
15 17 20 19 23 23 22 25 25 25 27 27 30 33 35

136 126 120 112 98 94 91 89 82 81 81 79 79 78 78

40
Fonte: FIGC Club Italia

51

ReportCalcio 2013

PRESENZe ALLO STADIO PER La NAZIONALe ITALIANa

479.515

Totale spettatori per le partite della Nazionale nel 2012

Competizione AMICHEVOLE AMICHEVOLE CAMPIONATO EUROPEO CAMPIONATO EUROPEO CAMPIONATO EUROPEO CAMPIONATO EUROPEO CAMPIONATO EUROPEO CAMPIONATO EUROPEO AMICHEVOLE QUALIFICAZIONI COPPA DEL MONDO QUALIFICAZIONI COPPA DEL MONDO QUALIFICAZIONI COPPA DEL MONDO QUALIFICAZIONI COPPA DEL MONDO AMICHEVOLE

data 29/02/12 01/06/12 10/06/12 14/06/12 18/06/12 24/06/12 28/06/12 01/07/12 15/08/12 07/09/12 11/09/12 12/10/12 16/10/12 14/11/12

Partita ITALIA-USA RUSSIA-ITALIA SPAGNA-ITALIA ITALIA-CROAZIA ITALIA-EIRE INGHILTERRA-ITALIA GERMANIA-ITALIA SPAGNA-ITALIA INGHILTERRA-ITALIA BULGARIA-ITALIA ITALIA-MALTA ARMENIA-ITALIA ITALIA-DANIMARCA ITALIA-FRANCIA

sede Genova Zurigo Danzica Poznan Poznan Kiev Varsavia Kiev Berna Sofia Modena Yerevan Milano Parma

Stadio Stadio Luigi Ferraris Letzigrund Stadion PGE Arena Gdansk Municipal Stadium Municipal Stadium Olympic Stadium National Stadium Olympic Stadium Stade de Suisse Stadio Vasil Levski Stadio Alberto Braglia Hrazdan Stadium Stadio Giuseppe Meazza Stadio Ennio Tardini Totale spettatori Media spettatori

Spettatori 15.343 19.032 38.869 37.096 38.794 64.340 55.540 63.170 15.000 20.000 19.749 32.000 39.008 21.574 479.515 34.251

34.251

Media spettatori per le partite della Nazionale nel 2012

297.809

Totale spettatori per le partite della Nazionale ad Euro 2012

98,9%

Riempimento medio degli stadi per le partite della Nazionale ad Euro 2012

Fonte: FIGC Club Italia, UEFA, transfermarkt.it

52

interesse per la nazionale

2 IL PROFILO DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI

I dati riportati provengono da unindagine condotta sul profilo dimmagine della Nazionale italiana. In ognuna delle nazioni considerate, la ricerca stata effettuata richiedendo, ad un campione rappresentativo di cittadini interessati al calcio ed et compresa tra 16 e 69 anni, di assegnare un punteggio da 1 (per nulla appropriato) a 5 (assolutamente appropriato) agli aggettivi Fama Mondiale, Appassionante, Attraente, Stimolante, Dinamico, Giovanile/Trendy in riferimento alla Nazionale italiana di calcio. Laggettivo pi rappresentativo rispetto alla Nazionale Fama Mondiale Nel confronto con i valori registrati lo scorso anno, si registra una crescita globale dellinteresse per la Nazionale, principalmente rispetto agli aggettivi Attraente, Stimolante, Dinamico e Giovanile/Trendy da rilevare come linteresse per la Nazionale sia pi elevato nei Paesi extraeuropei considerati dalla ricerca (Cina e Brasile).
Fonte: FIGC Ufficio Marketing e RCS su dati Sport+Markt

ITALIA
Dinamico Giovanile Trendy
60 54 66

CINA
Dinamico Stimolante Giovanile Trendy
54 52 56

BRASILE
Dinamico Stimolante Giovanile Trendy
37

47 54

Stimolante

Fama 82 Mondiale
71

72

Attraente

Fama 66 Mondiale

54 49

Attraente

Fama Mondiale

60 49

44

Attraente

Appassionante

Appassionante

Appassionante

GERMANIA
Dinamico Giovanile Trendy
28

SPAGNA
Dinamico Stimolante Giovanile Trendy Stimolante Giovanile Trendy
33 28 30

REGNO UNITO
Dinamico Stimolante
32 26 34 31 35

41 40 31 35

30 23

Fama Mondiale

56

Attraente

Fama Mondiale

59

Attraente

Fama Mondiale

54

Attraente

Appassionante

Appassionante

Appassionante

53

ReportCalcio 2013

AUDIENCE CUMULATA DI NAZIONALE A E UNDER 21

2.528,33 milioni di spettatori

2008 Canale Durata trasmissioni (hh:mm:ss) 43:43:38 14:29:50 20:30:31 04:58:38 09:50:14 00:49:49 05:40:06 20:25:34 Audience cumulata (milioni) 962,11 207,66 193,17 256,18 172,61 23,49 38,56 2,71

2012 Durata trasmissioni (hh:mm:ss) 54:06:38 21:43:58 15:19:46 12:14:00 11:02:34 03:47:01 08:06:09 253:22:50 63:31:29 Audience cumulata (milioni) 1.011,78 205,90 228,85 493,28 258,50 57,31 101,16 67,54 0,59 2,15 0,14 85,18 3,40 0,42

Variazione 2008 - 2012


Durata Audience trasmissioni cumulata +23,7% +49,9% -25,3% +145,8% +12,3% +355,7% +42,9% +1140,5% +5,2% -0,8% +18,5% +92,6% +49,8% +144,0% +162,3% +2391,4%

Audience cumulata totale nel 2012

+35,1%

Rai Uno Rai Due Rai Tre Canale 5 Italia 1 Rete 4 La 7 Rai Sport 1

Variazione dellaudience cumulata 2008-2012 (anni di svolgimento del Campionato Europeo)

Audience cumulata 2012 Ripartizione


Rai Uno Rai Due Rai Tre Canale 5 Italia 1 Altri
259 330 206 229 493 1.012

Rai Sport 2 Sky Sport 1 Sky Sport 3 Sky Sport 24 SkySuperCalcio Eurosport Italia Eurosport 2 17:30:52 06:44:01 11:37:23 0,35 0,60 1,17 31:19:41 00:37:07 10:09:25 11,40 0,02 1,78

09:48:24 02:02:27 176:47:04 06:47:27 23:53:13

-68,7% +229,9% +1640,5%

-81,2% +801,3% +4696,4%

+36,4%

+19,0%

Nota: Laudience cumulata la somma dei telespettatori che hanno assistito a programmi contenenti immagini e commenti relativi a Nazionale A e Under 21

Sport Italia Sport Italia 2 Totale

24:29:38 00:26:58

11,79 0,35 2.528,33

+110,7%

+910,2%

198:26:49

1.871,81

687:29:36

+ 246,4%

+ 35,1%

Fonte: FIGC Ufficio Marketing e RCS su dati Sport+Markt

54

VISIONE COMPLESSIVA PER GENERE

2 IL PROFILO DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI

687:29:36

Durata trasmissioni (hh:mm:ss)


Magazine
00:31:42

Audience cumulata (milioni)


Magazine
23,30

Durata totale delle trasmissioni

+246,4%

Variazione della durata delle trasmissioni 20082012 (anni di svolgimento del campionato Europeo)

News

41:27:46

News

1.647,34

Diretta

63:05:10

Diretta

248,04

Differita

130:52:36

Differita

7,24

63:05:10

Durata delle dirette nel 2012 (9,2% del totale trasmissioni)

Trasmissioni sportive

451:32:23

Trasmissioni sportive

602,42

Visione complessiva per genere 2012 Nazionale A e Under 21


Genere Trasmissioni sportive Differita Diretta News Magazine Totale
Fonte: FIGC Ufficio Marketing e RCS su dati Sport+Markt

Durata trasmissioni (hh:mm:ss) 451:32:23 130:52:36 63:05:10 41:27:46 00:31:42 687:29:36

Tempo di gioco (hh:mm:ss) 58:50:49 112:43:54 45:37:27 07:59:31 00:07:53 225:19:35

Audience cumulata (milioni) 602,42 7,24 248,04 1.647,34 23,30 2.528,33

55

ReportCalcio 2013

VISIONE COMPLESSIVA PER TEAM E COMPETIZIONE

2008 TEAM COMPETIZIONE Durata trasmissioni (hh:mm:ss) 72:31:01 41:23:04 37:28:33 Audience cumulata (milioni) 1.030,47 446,85 522,31

2012 Durata trasmissioni (hh:mm:ss) 376:06:20 156:40:07 94:13:27 00:28:19 00:00:24 627:28:37 28:57:14 31:03:23 00:00:22 60:00:59 687:29:36 Audience cumulata (milioni) 1.430,58 1.222,63 450,36 7,29 0,05 2.486,53 66,58 78,73 0,13 134,2 2.528,33

Variazione 2008 - 2012 Durata trasmissioni Audience cumulata +38,8% +173,6% -13,8%

Nazionale A

UEFA Euro 2008-2012 Amichevoli Qualificazione Mondiale Qualificazione Europei FIFA 2010 World Cup South Africa Totale

+418,6% +278,6% +151,4%

151:22:38 08:31:34 18:15:30 20:17:07 47:04:11 198:26:49

1.999,64 37,93 81,39 2,19 121,51 2.121,15

+314,5% +239,6% +70,1% -100,0% +27,5% +246,4%

+24,3% +75,5% -3,3% -94,1% +10,4% +19,2%

Nazionale Under 21

Amichevoli Qualificazioni Europei Torneo di Tolone 2008-2011 Totale

Totale

Durata trasmissioni, audience, tempo di gioco per Nazionale 2012


9% 5% 21% Nazionale A

Durata trasmissioni, audience, tempo di gioco per competizione 2012


4% 4% 11% 14% Nazionale Under 21 55% 23% 9% 15% 14% 51% 38% 2% 2% 14% 44% Campionato Europeo Naz. A Amichevole Naz. A Qualificazione Mondiale Naz. A Qualificazione Europei Naz. A FIFA 2010 World Cup South Africa Amichevoli Naz. U21 Qualificazione Europei Naz. U21 Torneo Tolone 2008 - 2011

91%

79%

95%

Durata trasmissioni

Tempo di gioco

Audience

Durata trasmissioni

Tempo di gioco

Audience

Fonte: FIGC Ufficio Marketing e RCS su dati Sport+Markt

56

ESPOSIZIONE DEGLI SPONSOR

2 IL PROFILO DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI

785:36:45

Visibilit complessiva degli sponsor nel 2012

Esposizione televisiva Prospetto per competizioni 2012


COMPETIZIONE UEFA Euro 2012 Amichevoli - Nazionale A Qualificazione Mondiale - Nazionale A Qualificazione Europei - Nazionale A Amichevoli - Nazionale Under 21 Qualificazioni Europei - Nazionale Under 21 Totale VISIBILIT (hh:mm:ss) 224:34:56 402:07:50 129:34:50 00:00:09 19:29:41 09:49:19 785:36:45 QUOTA SULLA VISIBILIT 29% 51% 16% 0% 2% 1% 100% QUOTA VISIBILIT SULLA DURATA TRASMISSIONI 33% 58% 19% 0% 3% 1% 114%

224:34:56

Visibilit degli sponsor durante Euro 2012

114%

Visibilit degli sponsor per ora di trasmissione

Prospetto sponsor 2012


RISULTATI DI STAMPA Immagini Articoli Numero citazioni Diffusione totale 4.214 2.323 4.225 1.182.906.815 RISULTATI INTERNET 6.225 2.989 6.341 1.480.666.184

Fonte: FIGC Ufficio Marketing e RCS su dati Sport+Markt

57

ReportCalcio 2013

AUDIENCE DELLE PARTITE UFFICIALI NEL 2012

44,9%

Dati ascolto medio e share medio 2012 Nazionale A


tipologia
AMICHEVOLE AMICHEVOLE CAMPIONATO EUROPEO CAMPIONATO EUROPEO CAMPIONATO EUROPEO CAMPIONATO EUROPEO CAMPIONATO EUROPEO CAMPIONATO EUROPEO AMICHEVOLE QUALIF. COPPA DEL MONDO QUALIF. COPPA DEL MONDO QUALIF. COPPA DEL MONDO QUALIF. COPPA DEL MONDO AMICHEVOLE

Share medio della Nazionale A

DATA
29/02/12 01/06/12 10/06/12 14/06/12 18/06/12 24/06/12 28/06/12 01/07/12 15/08/12 07/09/12 11/09/12 12/10/12 16/10/12 14/11/12

RETE
Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1 Rai 1

GARA
ITALIA-USA RUSSIA-ITALIA SPAGNA-ITALIA ITALIA-CROZIA ITALIA-EIRE INGHILTERRA-ITALIA GERMANIA-ITALIA SPAGNA-ITALIA INGHILTERRA-ITALIA BULGARIA-ITALIA ITALIA-MALTA ARMENIA-ITALIA ITALIA-DANIMARCA ITALIA-FRANCIA

SEDE
Genova Zurigo Cracovia Poznan Poznan Kiev Varsavia Kiev Berna Sofia Modena Yerevan Milano Parma

ORA
20:46:51 20:46:28 18:00:35 18:00:24 20:46:55 20:44:58 20:47:30 20:47:28 20:57:39 20:45:41 20:45:46 19:00:21 20:46:30 20:51:19

ASCOLTO
7.290.769 6.833.694 12.712.078 13.101.127 17.473.506 17.343.995 20.000.931 18.910.071 3.767.058 7.048.067 7.157.818 7.516.344 10.494.155 7.650.689

SHARE
25,09% 28,48% 62,68% 66,69% 59,73% 66,40% 68,42% 68,72% 26,33% 30,70% 26,83% 33,23% 35,53% 26,16%

PICCO DI PICCO DI ASCOLTO SHARE


8.302.481 7.708.240 15.141.703 16.004.578 18.543.781 19.438.587 21.784.843 19.788.523 4.077.655 7.688.743 8.185.013 10.301.906 11.354.904 8.498.142 27,73% 31,52% 65,56% 68,26% 62,42% 76,01% 73,01% 70,01% 27,94% 36,34% 29,99% 36,98% 37,34% 28,27%

11,2 milioni

Ascolto medio della Nazionale A

7%

SHARE MEDIO DELLA NAZIONALE UNDER 21

1,2 milioni

Ascolto medio della Nazionale Under 21

Dati ascolto medio e share medio 2012 Nazionale Under 21


tipologia
AMICHEVOLE QUALIF. CAMP. EUROPEO AMICHEVOLE QUALIF. CAMP. EUROPEO QUALIF. CAMP. EUROPEO QUALIF. CAMP. EUROPEO QUALIF. CAMP. EUROPEO AMICHEVOLE
Fonte: FIGC - Ufficio Diritti Televisivi e New Media

DATA
28/02/12 04/06/12 15/08/12 06/09/12 10/09/12 12/10/12 16/10/12 13/11/12

RETE
Rai Sport 1 Rai 3 Rai 2 Rai 3 Rai 2 Rai 3 Rai 2 Rai 2

GARA
FRANCIA-ITALIA IRLANDA-ITALIA OLANDA-ITALIA ITALIA-LIECHTENSTEIN ITALIA-IRLANDA ITALIA-SVEZIA SVEZIA-ITALIA ITALIA-SPAGNA

SEDE
Cannes Sligo Leeuwarden Casarano Casarano Pescara Kalmar Siena

ORA
20:49:33 16:01:19 17:32:32 17:00:41 18:29:14 20:59:01 18:01:38 18:29:17

ASCOLTO
549.314 643.100 842.600 601.573 833.046 2.294.652 2.403.286 1.238.551

SHARE
1,83% 6,54% 10,55% 7,19% 5,89% 8,33% 15,26% 6,01%

PICCO DI ASCOLTO
817.535 1.049.153 905.696 1.288.451 2.847.242 3.985.029 1.788.804

PICCO DI SHARE
7,55% 12,29% 8,43% 7,95% 10,04% 16,68% 8,10%

58

RICAVI DA DIRITTI TELEVISIVI NEL 2012

2 IL PROFILO DELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI

23,7 milioni

RIPARTIZIONE DEI RICAVI DA DIRITTI TV 2012


335

Totale ricavi da diritti televisivi per il 2012


837 447

317

19,2 milioni

2.550

Ricavi relativi alla Nazionale A (81% del totale)


migliaia

23.685 19.200

Nel computo dei ricavi da diritti televisivi non sono conteggiati i dati relativi alle gare del Campionato Europeo 2012 non essendo fonte di introito dato che la titolarit dei diritti TV appartiene alla UEFA I ricavi delle Nazionali giovanili, i diritti internet e mobile e i minispot sono cifre fisse per ogni annualit Il contratto con Rai prevede una compensazione fissa per i diritti in pay-tv ceduti alla stessa Rai e leventualit di un revenue-sharing percentuale nel caso in cui la Rai conceda il diritto pay-tv in sub licenza ad altre emittenti

Nazionale A

Nazionale Under 21

Nazionale giovanissimi e femminili

Diritti Internet e Mobile

Minispot

Pay-TV

Totale

Fonte: FIGC - Ufficio Diritti Televisivi e New Media

59

3
IL CALCIO DILETTANTISTICO
a cura del Centro Studi FIGC
61

ReportCalcio 2013

LEGA NAZIONALE DILETTANTI

Il calcio dilettantistico italiano ha una forte incidenza e un tangibile impatto sul tessuto socio-economico dellItalia. Le Societ e Associazioni Sportive Dilettantistiche sono regolamentate, dal punto di vista del regime fiscale, dei profili civilistici e delle forme giuridiche assumibili, dallart. 90, della Legge n. 289/2002, modificato con D.L. n. 72 del 22/3/2004, convertito nella Legge n. 128 del 21/5/2004. Le agevolazioni fiscali di cui al predetto art. 90, in base a quanto successivamente stabilito con Legge n. 186 del 27/7/2004, si applicano solo alle Societ e Associazioni Sportive Dilettantistiche che abbiano ottenuto il riconoscimento del CONI, quale garante dellunicit dellordinamento sportivo nazionale. Le Societ e Associazioni Sportive Dilettantistiche costituiscono un ampio raccoglitore di differenti interessi ed estrazioni territoriali. Lattivit del mondo dilettantistico, fondata essenzialmente sul volontariato, ha come encomiabile finalit anche quella di formare e indirizzare i

giovani calciatori non solo attraverso limpegno agonistico, ma realizzando condizioni di crescita culturale e di appartenenza civile e sociale. In questo senso, le Associazioni Sportive Dilettantistiche sono il vero motore su cui poggia il calcio italiano. A dare una idea delle dimensioni di tale movimento sono le 11.260 Societ e Associazioni Sportive dilettantistiche aderenti, alla data del 30 giugno 2012, alla Lega Nazionale Dilettanti, cui demandata la sovrintendenza organizzativa dellattivit agonistica e amatoriale del calcio non professionistico a tutti i livelli, associando in forma privatistica, senza fine di lucro, le Societ affiliate alla FIGC partecipanti ai Campionati nazionali, regionali e provinciali. Sul territorio, insistono inoltre n. 3.072 Societ di puro Settore Giovanile e Scolastico, la cui attivit (5-16 anni) assegnata ai Comitati e alle Delegazioni Provinciali e Distrettuali della Lega Nazionale Dilettanti. Il dato delle squadre pari a 69.874 unit, di

cui 53.304 comprese nellattivit del Settore Giovanile e Scolastico. Anche larticolazione della Lega Nazionale Dilettanti oggetto di specifiche previsioni: ai fini del decentramento delle funzioni, sia a livello centrale che periferico, ferme le attivit amministrative e gestionali esercitate su delega della LND, la Lega si suddivide in 18 Comitati Regionali, 2 Comitati Provinciali Autonomi (Trento e Bolzano) con compiti equiparati a quelli dei Comitati Regionali, e 137 Delegazioni, di cui 109 Provinciali, 19 Distrettuali e 9 Zonali. La LND inquadra, inoltre, la Divisione Calcio a Cinque e racchiude il Dipartimento Interregionale, il Dipartimento Beach Soccer e il Dipartimento Calcio Femminile, questultimo istituito dalla FIGC, con provvedimento del 10 gennaio 2013, in luogo della Divisione Calcio Femminile. Sono pari a 1.103.553 i calciatori e le calciatrici non professionisti

che praticano attivit sportiva, cui si aggiungono migliaia fra tecnici, dirigenti e collaboratori della gestione sportiva, per un volume di oltre 700.000 gare a stagione, di cui 567.544 a carattere ufficiale disputate nella Stagione Sportiva 2011-2012. Il settore dilettantistico, in forma diretta e attraverso il suo indotto, produce quindi un significativo movimento di commercio e di impresa su tutto il territorio nazionale e, pertanto, pu essere considerato una delle pi importanti aziende del Paese, con forti ricadute di ordine finanziario e di visibilit mediatica. Lattivit dilettantistica, pur avvertendo i riflessi dati dalla crisi economica, dalla carenza di sponsorizzazioni e da unimpiantistica sportiva distribuita in Italia in modo eterogeneo (oltre 16.000 impianti da gioco omologati, di cui circa 1.600 in erba artificiale), ha manifestato al 30 giugno 2012 una sostanziale tenuta nel numero delle Associate rispetto alla Stagione Sportiva 2010-2011.

62

Lattivit della Lega Nazionale Dilettanti

3 IL CALCIO DILETTANTISTICO

La Lega Nazionale Dilettanti si caratterizzata per autonomia funzionale, incremento della patrimonializzazione immobiliare e concreta auto-consistenza dei progetti e degli obiettivi. Lattivit economica e finanziaria stata svolta con autonomia gestionale e di bilancio, sotto il controllo del Collegio dei Revisori dei Conti, nonch della FIGC, nei limiti di quanto previsto dallo Statuto Federale. Si evidenzia, in particolare, lelemento rappresentato dallaccordo generale per quanto riguarda gli introiti rivenienti dai diritti televisivi per il periodo 20092012, unitamente alle provvidenze erogate dalla FIGC, e la conseguente

mutualit di competenza della LND, segnatamente: Accordo con le Leghe: 8.936.130 Provvidenze da FIGC (2010-2011): 4.450.000 Provvidenze da FIGC (2011-2012): 4.450.000 Totale: 17.836.130 Lambito di azione si , pertanto, sviluppato attraverso processi di profonda e significativa evoluzione: assunzione di 119 dipendenti, di cui 40 formalizzati entro febbraio 2013, assegnati alle Delegazioni Provinciali

e Distrettuali della LND, con un valore economico e di incremento occupazionale legato alla fascia giovanile. Considerando il numero dei dipendenti gi in forza alla LND e alla LND Servizi Srl alla data del 30 giugno 2012 (n. 200, di cui n. 47 presso la Lega e n. 153 presso i Comitati, le Divisioni e i Dipartimenti), si ha la stima della variazione netta, in crescita, del personale dipendente, in linea con la politica di sviluppo occupazionale per la creazione di nuovi posti di lavoro. costruzione di n. 20 Centri Federali sul territorio nazionale: assegnazione

ad ogni Comitato di un importo di 500.000 per la costruzione di un campo in erba artificiale, amministrato e gestito dagli stessi Comitati, dove far svolgere attivit di promozione del calcio, anche a carattere formativo. progetti con finalit sportive e sociali, anche legati al finanziamento per eventi agonistici nazionali e internazionali, organizzati dalla LND e/o dai Comitati nellambito della Stagione Sportiva 2011-2012. erogazione di contributi per la promozione del Calcio Femminile e del Calcio a Cinque.

63

ReportCalcio 2013

NUMERI DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI

confronto SOCIET
16.000
14.558 2.916 14.526 3.057 14.332 3.072

confronto SQUADRE
80.000
67.875 71.219 69.874

Squadre

Societ

50.475

54.199

53.304

11.642

11.469

11.260

17.400

17.020

16.570

0
Societ LND

09-10
Societ SGS

10-11

11-12

09-10

10-11
Squadre attivit SGS

11-12

Squadre dilettantistiche

confronto CALCIATORI TESSERATI


1.200.000
1.093.999 1.136.960 1.103.553

confronto GARE UFFICIALI DISPUTATE


600.000

Tesserati

619.510

670.589

658.900

Gare

586.075

586.985

567.544

474.489

466.371

444.653

09-10
Attivit SGS

10-11

11-12

09-10

10-11

11-12

Attivit LND

64

Fonte: LND

ATTIVIT DILETTAnTISTICA e giovanile

3 IL CALCIO DILETTANTISTICO

Dipartimento Interregionale della LND Campionato Nazionale Serie D Campionato Nazionale Juniores Coppa Italia Divisione Calcio a Cinque Campionato Nazionale Serie A Campionato Nazionale Serie A2 Campionato Nazionale Serie B Campionato Nazionale Serie Under 21 Campionato Nazionale Femminile Coppa Italia Supercoppa Dipartimento Calcio Femminile (fino al 10.1.2013: Divisione Calcio Femminile) Campionato Nazionale Serie A Campionato Nazionale Serie A2 Campionato Nazionale Primavera Coppa Italia Supercoppa Dipartimento Beach Soccer Campionato Nazionale Serie A Coppa Italia Supercoppa di Lega
Fonte: LND

Attivit nazionale organizzata centralmente dalla LND Coppa Italia (fase nazionale) Spareggi fra le seconde classificate di Eccellenza (per la promozione in Serie D) Campionato Juniores (fase nazionale) Attivit nazionale e internazionale della Rappresentativa Dilettanti Under 18 e della Rappresentativa Serie D Torneo delle Regioni per Rappresentative regionali, riservato alle categorie: Juniores, Calcio Femminile, Calcio a Cinque maschile e femminile, Allievi e Giovanissimi. Attivit regionali (dilettantistiche e giovanili) Campionato di Eccellenza Campionato di Promozione Campionato di 1a Categoria Campionato di 2a Categoria Campionato Regionale Juniores Campionato Regionale Allievi Campionato Regionale Giovanissimi Coppa Italia (fase regionale) Coppa Regione Coppa Provincia

Attivit provinciali (dilettantistiche e giovanili) Campionato di 3a Categoria Campionato di 3a Categoria Under 21 Campionato di 3a Categoria Under 18 Campionato di 3a Categoria Over 30 (dalla S.S. 2012-2013) Campionato di 3a Categoria Over 35 (dalla S.S. 2012-2013) Campionato Provinciale Juniores Campionato Provinciale Allievi Campionato Provinciale Giovanissimi Attivit Giovanile (Torneo Esordienti, Pulcini, Piccoli Amici) Attivit regionali e provinciali Calcio a Cinque e Calcio Femminile Calcio a Cinque Campionato Serie C (C1 e C2) Campionato Serie C Femminile Campionato Under 21 (Maschile e Femminile) Campionato Juniores Under 18 (Maschile e Femminile) Attivit Allievi (Maschile e Femminile) Attivit Giovanissimi (Maschile e Femminile) CALCIO FEMMINILE Campionato Serie C Campionato Serie D Attivit Giovanile Juniores Attivit Giovanile Allieve

65

Tesserati 200.000 1.800 0 0

Societ

DISTRIBUZIONE DELLE SOCIET

DISTRIBUZIONE DEI CALCIATORI TESSERATI

66 557 31.762

ReportCalcio 2013

Abruzzo
277 11.660

Abruzzo Basilicata
650

Basilicata
34.609

Calabria
1.542

Calabria Campania
967

Campania Emilia Romagna


302 28.224

80.099 81.558

Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio


321

Friuli Venezia Giulia


92.823

1.148

Lazio
28.836

Liguria
177.807

Liguria Lombardia

1.611

Lombardia
45.463

672

Marche
10.126 74.198 50.720 38.925 59.416 79.471 25.798 23.592 108.636 11.128 5.866 2.836 Attivit LND

Marche
214

Molise Piemonte V.A. Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Veneto Dipartimento Interregionale Divisione Calcio a 5 Divisione Calcio Femminile

Molise Piemonte V.A. Puglia

787 712

559

Sardegna Sicilia

1.033

843

Toscana
325

Trentino Alto Adige Umbria Veneto


168 123 61

375 1.085

Dipartimento Interregionale Divisione Calcio a 5 Divisione Calcio Femminile

SOCIET DILETTANTISTICHE E CALCIATORI TESSERATI RIPARTIZIONE REGIONALE

Attivit LND

TOTALE SOCIET

14.332

TOTALE CALCIATORI TESSERATI

1.103.553
Fonte: LND

Attivit SGS

Attivit SGS

67

4
il calcio professionistico: profilo economico finanziario
a cura di PricewaterhouseCoopers
69

4.1 I risultati economici e finanziari aggregati

71

ReportCalcio 2013

Caratteristiche del campione analizzato Quinquennio 2007-2012

NOTA MEDOTOLOGICA
I dati economici e finanziari di ReportCalcio 2013 sono stati determinati utilizzando 547 bilanci di societ calcistiche che hanno partecipato ai campionati professionistici italiani negli esercizi 2007-2012. Le analisi sono state condotte sul 100% dei bilanci presentati; i 95 bilanci di esercizio (15%) che non sono stati analizzati si riferiscono a societ che per differenti ragioni (non iscrizione e/o non ammissione) non erano tenute a presentare la documentazione contabile per le stagioni sportive di riferimento. Alcune informazioni del campione a lato rappresentato (quali ad esempio i ricavi da diritti radiotelevisivi) potrebbero non coincidere con i volumi di business effettivi delle stagioni sportive oggetto di analisi poich 19 societ del campione analizzato per la stagione sportiva 2011-2012 redigono il fascicolo di bilancio dellesercizio al 31 dicembre; tali fascicoli non erano stati ancora approvati dallassemblea degli azionisti alla data di redazione del presente rapporto.
Fonte: Elaborazioni PwC

642

Serie A, Serie B e Lega Pro 2007-2012


700
642

Societ partecipanti ai 4 campionati professionistici dal 2007 al 2012

547 su 642 (85%)

Bilanci analizzati come campione delle analisi

547

95 su 642 (15%)

390

Bilanci non analizzati a seguito di mancata iscrizione / non ammissione


210

352

642 547

100% 95% 79%

204

i bilanci analizzati della Serie A

100 180 100 100 110 104 148

252 195

per la Serie B e
0

per la Lega Pro

Serie A

Serie B

Lega Pro 1a Divisione

Lega Pro 2a Divisione

Totale

Societ partecipanti

Bilanci analizzati

Societ partecipanti

Bilanci analizzati

72

Caratteristiche del campione analizzato 2011-2012

4.1 I risultati economici e finanziari aggregati

Serie A, Serie B e Lega Pro 2011-2012


45

119

Societ partecipanti ai 4 campionati professionistici 2011-2012

42 su 42 (100%)
bilanci serie a e b analizzati

100 su 119 (84%)


Bilanci analizzati
41 36 28 22 16 15 8 22 17 13 8 16 9 2 4 30 23

52 su 100 (52%)

Societ con valore Ebitda positivo

20

20

15

72 su 100 (72%)

Societ con rapporto costo del lavoro su valore della produzione inferiore a 70%

Serie A

Serie B

Lega Pro 1a Divisione

Lega Pro 2a Divisione


Societ con Ebitda positivo Societ con risultato netto positivo

Societ partecipanti
Fonte: Elaborazioni PwC

Bilanci analizzati

Societ con rapporto costo del lavoro su valore della produzione inferiore a 70%

73

3.000

Fonte: Elaborazioni PwC

Nelle pagine seguenti della sezione, la percentuale inserita tra le parentesi nei box di commento indica la variazione percentuale riferita alla stagione precedente, salvo dove diversamente specificato

74

milioni 0
276 305 989 741 (428) (1.253) (367) (448)

ReportCalcio 2013

(500)

conto economico aggregato 2007-2012

Risultati aggregati quinquennio 2007-2012 Serie A, B e Lega Pro

388 milioni (-9,9%)


2007-2008
Ingressi stadio Commerciali TV Altri Servizi e godimento Personale Ammortamenti Altri costi Proventi, oneri, imposte (76) Risultato netto (261)
272 317 999 761 (460) (1.367) (432) (397)

Perdita netta aggregata del sistema calcio professionistico 2011-2012


2008-2009
Ingressi stadio Commerciali TV Altri Servizi e godimento Personale Ammortamenti Altri costi Proventi, oneri, imposte (34) Risultato netto (340)

2.660 milioni (+7,0%)


275 369 (509) (394)

Valore della produzione aggregato del sistema calcio professionistico 2011-2012


Ingressi stadio Commerciali TV Altri Servizi e godimento Personale Ammortamenti Altri costi Proventi, oneri, imposte (15) Risultato netto (347)

1.033 828 (475) (1.460)

2009-2010

537 milioni (+20,9%) 230 milioni (-9,6%)


Ricavi da stadio in calo rispetto alla stagione 2010-2011

255 387 971 873 (530) (1.456) (569) (337)

Plusvalenze aggregate in crescita rispetto alla stagione 2010-2011

2010-2011

Ingressi stadio Commerciali TV Altri Servizi e godimento Personale Ammortamenti Altri costi Proventi, oneri, imposte (24) Risultato netto (430)

230 402 991 1.038 (570) (1.505) (611) (332)

2011-2012

Ingressi stadio Commerciali TV Altri Servizi e godimento Personale Ammortamenti Altri costi Proventi, oneri, imposte (30) Risultato netto (388)

Risultati aggregati quinquennio 2007-2012 Serie A, B e Lega Pro

4.1 I risultati economici e finanziari aggregati

+3,6%

dati economico-patrimoniali aggregati di sintesi 2007-2012


3.018 2.838 2.656 2.496 2.506 2.311 2.350 2.486 2.660 2.892

Cagr 2007-2012 valore della produzione


3.000

+4,9%

Cagr 2007-2012 costo della produzione

+8,6%

Cagr 2007-2012 Ebitda

+10,4%

-11,1%

Cagr 2007-2012 patrimonio netto


460 465 406 202 Costo della produzione Valore della produzione Patrimonio netto Ebitda Risultato netto 287 253

milioni

Cagr 2007-2012 perdita netta

182 (261)

125 (340)

176

162

(347)

(430)

(388)

(500)

0708

0809

0910

1011

1112

75

Fonte: Elaborazioni PwC

ReportCalcio 2013

Valore della produzione

2.123 milioni (+4,0%)


Ricavi di vendita

SERIE A, B e LEGA PRO


VALORE DELLA PRODUZIONE
Ricavi da ingresso stadio Variazione annua percentuale Ricavi da sponsor e attivit commerciali Variazione annua percentuale Ricavi da diritti televisivi e radio Variazione annua percentuale Contributi in conto esercizio Variazione annua percentuale Altri ricavi e proventi diversi Variazione annua percentuale Ricavi di vendita Variazione annua percentuale Plusvalenze per cessione giocatori Variazione annua percentuale Valore della produzione Variazione annua percentuale 275,7m 305,4m 989,1m 101,7m 316,1m 1.988,0m 323,4m 2.311,4m

07-08
12% 13% 43% 4% 14% 86% 14% 100% 272,1m -1,3% 317,0m 3,8% 999,4m 1,0% 83,0m -18,4% 304,2m -3,7% 1.975,7m -0,6% 373,9m 15,6% 2.349,6m 1,7%

08-09
12% 13% 43% 4% 13% 84% 16% 100% 275,5m 1,3% 369,5m 16,6% 1.033,4m 3,4% 93,6m 12,7% 277,3m -8,9% 2.049,2m 3,7% 456,7m 22,1% 2.505,9m 6,7%

09-10
11% 15% 41% 4% 11% 82% 18% 100% 254,6m -7,6% 386,9m 4,7% 971,3m -6,0% 103,0m 10,0% 325,5m 17,4% 2.041,3m -0,4% 444,4m -2,7% 2.485,7m -0,8%

10-11
10% 16% 39% 4% 13% 82% 18% 100% 230,2m -9,6% 401,9m 3,9% 990,7m 2,0% 93,3m -9,3% 407,2m 25,1% 2.123,3m 4,0% 537,1m 20,9% 2.660,4m 7,0%

11-12
9% 15% 37% 4% 15% 80% 20% 100%

991 milioni (+2,0%)


Diritti TV

537 milioni (+20,9%)

Plusvalenze per cessione giocatori

2.660 milioni (+7,0%)

Valore della produzione


Il valore della produzione il cosiddetto prodotto di esercizio, cio l`ammontare globale della ricchezza creata dall`impresa nel corso dell`esercizio amministrativo considerato, al lordo dei fattori che hanno concorso alla sua realizzazione (costi della produzione)

Valore della produzione aggregato 2007-2012


3.000
2.311,4m 2.349,6m 2.505,9m 2.485,7m 2.660,4m 47,8 81,9 45,7 45,4 76,3 73,7 67,1 384,9 71,3 107,6 286,6 88,3 335,4 300,7 335,1 1.816,7 1.874,2 2.097,3 2.031,2 2.145,9

Ricavi di vendita e plusvalenze 2007-2012


3.500
15,9% 18,2% 456,7 17,9% 444,4 20,2% 537,1

25,0%

milioni

milioni

323,4 14,0% 1.988,0

373,9

1.975,7

2.049,2

2.041,3

2.123,3

1.500
Fonte: Elaborazioni PwC

0708

0809
Serie B

0910
Lega Pro 1a Div.

1011

1112

0708

0809

0910

1011

1112

0,0%

Serie A

Lega Pro 2a Div.

Ricavi di vendita

Plusvalenze per cessione giocatori

Plusvalenze / Valore della produzione

76

Costo della produzione

4.1 I risultati economici e finanziari aggregati

SERIE A, B e LEGA PRO


Costo della produzione aggregato
Costi per servizi Variazione annua percentuale Costo godimento beni di terzi Variazione annua percentuale Costo del lavoro Variazione annua percentuale Altri oneri diversi di gestione Variazione annua percentuale Ammortamenti e svalutazioni Variazione annua percentuale Costo della produzione Variazione annua percentuale 343,1m 84,6m 1.253,3m 448,3m 366,7m 2.496,0m

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

3.018 milioni (+4,4%)

Costo della produzione

14% 3% 50% 18% 15% 100%

371,1m 8,2% 88,9m 5,1% 1.367,3m 9,1% 397,0m -11,4% 431,9m 17,8% 2.656,2m 6,4%

14% 3% 51% 15% 16% 100%

381,0m 2,7% 94,4m 6,2% 1.460,4m 6,8% 393,9m -0,8% 508,6m 17,8% 2.838,3m 6,9%

13% 3% 51% 14% 18% 100%

420,2m 10,3% 110,3m 16,8% 1.455,6m -0,3% 337,3m -14,4% 569,0m 11,9% 2.892,4m 1,9%

15% 4% 50% 12% 20% 100%

448,0m 6,6% 122,2m 10,9% 1.504,7m 3,4% 332,2m -1,5% 611,2m 7,4% 3.018,2m 4,4%

15% 4% 50% 11% 20% 100%

1.505 milioni (+3,4%)

Costo del lavoro

611 milioni (+7,4%)

Ammortamenti e svalutazioni

Costo della produzione aggregato 2007-2012


3.000 milioni
2.496,0m 2.656,2m 2.838,3m 2.892,4m 3.018,2m 34,6 56,8 121,5 63,5 121,6 124,0 87,8 463,3 407,7 161,3 102,9 382,0 127,4 344,4 370,5 2.376,0 2.306,3 2.268,8 2.062,7 1.895,2

902,4 milioni (+40%)


ripartizione dei costi aggregati
3.500 milioni
857,0 431,9 1.367,3 869,3 508,6 1.460,4 867,8 569,0 1.455,6 902,4 611,2 1.504,7

altri costi

876,0 366,7 1.253,3

Il costo della produzione rappresenta i fattori necessari allimpresa per lottenimento del prodotto di esercizio

1.500

0708

0809
Serie B

0910
Lega Pro 1a Div.

1011

1112

20

0708

0809

0910

1011
Altri costi

1112
Fonte: Elaborazioni PwC

Serie A

Lega Pro 2a Div.

Costo del lavoro

Ammortamenti e svalutazioni

77

ReportCalcio 2013

Ebitda e risultato netto desercizio

migliaia

1.556 1.045 182.092

1.517 253.378

Ebitda medio per societ Il risultato netto rappresenta lutile/ perdita desercizio realizzata dalla societ, ossia la differenza tra la totalit dei componenti positivi e negativi di reddito.

176.182 125.364

162.315

-3,9 milioni (-9,9%)

0
Ebitda

Perdita media per societ

0708

0809

0910

1011

1112

Ebitda medio per societ

Il Cagr (Compound Annual Growth Rate) il tasso di crescita annua composto e misura lincremento o il decremento di un valore nellarco di un periodo di pi anni.

Cagr 07-12 perdita netta serie a, b e lega pro

+10,4%

Risultato netto 2007-2012


0 0

(260.781)

migliaia

(430.407) (2.229) (2.837) (3.371)

(500.000)
Fonte: Elaborazioni PwC

(4.022)

(3.878)

0708

0809

0910

1011

1112

(4.500)

Risultato netto

Risultato netto medio per societ

78

migliaia

(340.393)

(347.252)

(387.811)

migliaia

LEbitda o Margine Operativo lordo un indicatore economico che evidenzia il reddito economico basato solo sulla sua gestione caratteristica, al lordo, quindi, di interessi (gestione finanziaria), tasse (gestione fiscale), deprezzamento di beni e ammortamenti.

+8,6%

Ebitda 2007-2012
300.000
2.534

Cagr 07-12 Ebitda Serie A, B e Lega Pro

3.000

2,5 milioni (+67,0%)

1.711

Evoluzione patrimonio netto

4.1 I risultati economici e finanziari aggregati

SERIE A, B e LEGA PRO


07-08 Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione Totale Patrimonio Netto (PN) Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione Totale Attivit (TA) Equity ratio (PN/TA) 402,9m 50,6m 5,1m 1,8m 460,5m 2.549,4m 441,8m 97,1m 51,5m 3.139,8m 14,7% 08-09 385,2m 69,5m 10,4m 0,0m 465,2m 2.751,1m 456,7m 121,9m 52,3m 3.382,0m 13,8% 09-10 354,1m 49,3m 1,5m 1,5m 406,4m 3.035,7m 454,8m 80,7m 36,0m 3.607,2m 11,3% 10-11 150,3m 49,7m 2,7m (1,0m) 201,7m 3.088,0m 526,9m 73,2m 38,9m 3.727,1m 5,4% 11-12 208,5m 66,5m 11,3m 1,2m 287,4m 3.470,7m 560,5m 79,3m 35,5m 4.146,0m 6,9%

287 milioni (+42,5%)

Patrimonio netto calcio professionistico

6,9% (+150 bps)

Equity Ratio

-11,1%

Cagr 07-12 Patrimonio netto

Patrimonio netto aggregato 2007-2012


500
460,5 465,2 406,4

Equity ratio aggregato 2007-2012


16%
14,7% 13,8% 11,3%

4.146 milioni (+11,2%)


TOTALE ATTIVIT

milioni

287,4 6,9% 5,4%

201,7

20

0708

0809

0910

1011

1112

20

Il patrimonio netto esprime la consistenza del patrimonio di propriet dellimpresa. Esso rappresenta, infatti, le cosiddette fonti di finanziamento interne dellimpresa, ossia quelle fonti provenienti direttamente o indirettamente dal soggetto o dai soggetti che costituiscono e promuovono lazienda Lequity ratio rappresenta invece il rapporto fra patrimonio netto e totale attivit

0708

0809

0910

1011

1112

Fonte: Elaborazioni PwC

79

ReportCalcio 2013

Risultati di sintesi 2011-2012 Serie A, B e Lega Pro

SERIE A
Campione analizzato: 20 su 20 Dati chiave/Indici Valore della produzione Costi operativi Ebitda Ammortamenti e svalutazioni Ebit Proventi (oneri) straordinari e finanziari Ebt Imposte Risultato netto Costo del lavoro p. tesserato/ricavi di vendita Patrimonio netto/Totale attivit Debiti finanziari/Totale debiti
Dati in milioni

SERIE B
11-12 2.146 (1.853) 293 (523) (230) (40) (270) (12) (282) 65% 6% 32% Campione analizzato: 22 su 22 Dati chiave/Indici 11-12 Valore della produzione Costi operativi Ebitda Ammortamenti e svalutazioni Ebit Proventi (oneri) straordinari e finanziari Ebt Imposte Risultato netto Costo del lavoro p. tesserato/ricavi di vendita Patrimonio netto/Totale attivit Debiti finanziari/Totale debiti 385 (388) (3) (75) (78) 6 (72) 16 (56) 76% 12% 20%

lega pro 1a divisione


Campione analizzato: 28 su 36 Dati chiave/Indici 11-12 Valore della produzione Costi operativi Ebitda Ammortamenti e svalutazioni Ebit Proventi (oneri) straordinari e finanziari Ebt Imposte Risultato netto Costo del lavoro p. tesserato/ricavi di vendita Patrimonio netto/Totale attivit Debiti finanziari/Totale debiti 82 (112) (30) (10) (40) 0 (40) (1) (41) 83% 14% n/a

lega pro 2a divisione


Campione analizzato: 30 su 41 Dati chiave/Indici 11-12 Valore della produzione Costi operativi Ebitda Ammortamenti e svalutazioni Ebit Proventi (oneri) straordinari e finanziari Ebt Imposte Risultato netto Costo del lavoro p. tesserato/ricavi di vendita Patrimonio netto/Totale attivit Debiti finanziari/Totale debiti 48 (53) (5) (4) (9) 1 (8) (1) (9) 63% 3% n/a

2.660 milioni

Valore della produzione aggregato


Fonte: Elaborazioni PwC

3.018 milioni

Costo della produzione aggregato

-388 milioni
Risultato netto aggregato

287 milioni

Patrimonio netto aggregato

80

Societ non iscritte e licenze UEFA

4.1 I risultati economici e finanziari aggregati

Numero Licenze UEFA

confronto SOCIET NON AMMESSE AI CAMPIONATI PROFESSIONISTICI


anno
1986-87 1987-88 1988-89 1989-90 1990-91 1991-92 1992-93 1993-94 1994-95 1995-96 1996-97 1997-98 1998-99 1999-00 2000-01 2001-02 2002-03 2003-04 2004-05 2005-06 2006-07 2007-08 2008-09 2009-10 2010-11 2011-12 2012-13 Totale

confronto LICENZE UEFA


30
23 18 8 10 13 15 14 15 14 13 10 22 7 21 7 20 5 21 7 11 24 22 10

serie a
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 0 1

serie b
0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 0 1 0 2 2 0 0 1 0 1 0 0 8

lega pro 1a divisione


1 0 0 0 0 0 0 7 4 3 0 0 1 0 0 2 1 1 1 5 3 0 3 4 7 5 4 52

lega pro 2a divisione


0 1 3 3 5 3 0 2 6 2 1 2 2 0 2 2 2 5 7 5 5 1 5 4 13 9 4 94

totale societ
1 1 3 3 5 3 0 9 11 5 1 2 3 0 2 4 4 6 10 13 8 1 9 8 21 14 8 155

12

0506

0607

0708

0809

0910

1011

1112

1213

Licenze non concesse

Licenze concesse

155

Il numero complessivo di societ calcistiche che non si sono iscritte o non sono state ammesse ai campionati professionistici italiani dal 1986-1987 al 2012-2013, di cui il 94% partecipanti alla Lega Pro

2010-2011

La stagione sportiva che evidenzia il maggior numero di societ non iscritte o non ammesse, con un totale di 21 club (di cui 1 di Serie B, 7 di Prima Divisione e 13 di Seconda Divisione)

12

La societ italiane che nel 2012-2013 hanno ottenuto la concessione della Licenza UEFA, dato pari al 54% del totale delle societ richiedenti (22)
81

Fonte: FIGC Ufficio Licenze UEFA e CO.VI.SO.C.

4.2 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe A

83

ReportCalcio 2013

Risultati di sintesi 2007-2012 Serie A

SERIE A
Campione analizzato: Dati chiave/Indici Valore della produzione Costi operativi Ebitda Ammortamenti e svalutazioni Ebit Proventi (oneri) straordinari e finanziari Ebt Imposte Risultato netto Costo del lavoro p. tesserato/ricavi di vendita Patrimonio netto/Totale attivit Debiti finanziari/Totale debiti
Dati in milioni

20 su 20 07-08 1.817 (1.588) 229 (307) (78) 7 (71) (79) (150) 56% 16% 22%

20 su 20 08-09 1.874 (1.699) 175 (364) (189) (15) (204) (26) (230) 63% 14% 23%

20 su 20 09-10 2.097 (1.833) 264 (436) (172) 16 (156) (40) (196) 64% 12% 27%

20 su 20 10-11 2.031 (1.823) 208 (483) (275) (6) (281) (19) (300) 65% 5% 35%

20 su 20 11-12 2.146 (1.853) 293 (523) (230) (40) (270) (12) (282) 65% 6% 32%
Fonte: Elaborazioni PwC

84

Valore della produzione

4.2 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe A

VALORE DELLA PRODUZIONE Ricavi da ingresso stadio Variazione annua percentuale Ricavi da sponsor e attivit commerciali Variazione annua percentuale Ricavi da diritti televisivi e radio Variazione annua percentuale Contributi in conto esercizio Variazione annua percentuale Altri ricavi e proventi diversi Variazione annua percentuale Ricavi di vendita Variazione annua percentuale Plusvalenze per cessione giocatori Variazione annua percentuale Valore della produzione Variazione annua percentuale 213,2m 264,8m 962,1m 18,6m 139,9m 1.598,7m 218,0m 1.816,7m

07-08 12% 15% 53% 1% 8% 88% 12% 100% 219,3m 2,8% 262,8m -0,8% 975,8m 1,4% 13,7m -26,4% 130,6m -6,6% 1.602,2m 0,2% 272,0m 24,8% 1.874,2m 3,2%

08-09 12% 14% 52% 1% 7% 85% 15% 100% 226,7m 3,4% 310,4m 18,1% 999,4m 2,4% 29,5m 115,2% 148,0m 13,3% 1.714,0m 7,0% 383,3m 40,9% 2.097,3m 11,9%

09-10 11% 15% 48% 1% 7% 82% 18% 100% 208,3m -8,1% 318,4m 2,6% 931,0m -6,9% 23,7m -19,7% 192,8m 30,3% 1.674,3m -2,3% 356,9m -6,9% 2.031,2m -3,2%

10-11 10% 16% 46% 1% 9% 82% 18% 100%

11-12 186,4m 9% -10,5% 343,9m 16% 8,0% 913,0m 43% -1,9% 22,6m 1% -4,8% 252,2m 12% 30,8% 1.718,1m 80% 2,6% 427,8m 20% 19,9% 2.145,9m 100% 5,6%

valore della produzione 2007-2012


4.000 milioni
1.874,2 1.816,7 90,8 93,7 104,9 2.097,3 107,3 101,6 2.031,2 +5,6% 2.145,9

valore della produzione medio per cluster 2007-2012


250
172,0 202,8 135,0 59,1 95,0 64,8 43,2 216,8 190,8 139,7 68,0 56,3 203,2 162,6

110 milioni

milioni

140,3 67,8 43,9

CAG R 07-12: 4,3%

0708

0809

0910

1011

1112

80

43,6

40,4

0708
UCL* UEL*

0809
8-17

0910
Retrocessione

1011

1112

Valore della produzione

Valore della produzione medio

* UCL Uefa Champions League / UEL Uefa Europa League

85

Fonte: Elaborazioni PwC

76,5

ReportCalcio 2013

Ricavi da stadio

ripartizione ricavi da stadio 2007-2012


CAG R 0 7-1

prezzo medio del titolo di accesso al campionato 2007-2012


-10,5%

250.000
213,2m 219,3m

2: -3,3%
208,3m

186 milioni (-10,5%)

226,7m 186,4m 75.404 68.114

20
19,4 18,9 18,8 +11,2% 18,8

Ricavi da ingresso stadio

86.976

84.421

83.914

migliaia

118 milioni (-11,0%)

32.774

30.214

34.800

16.100 16,9

28.750

CAGR 07-12: -0,1%

Ricavi da biglietti nazionali e internazionali

93.454

104.615

113.998

98.129

102.170

68 milioni (-9,7%)
0 07-08 08-09 09-10 10-11 11-12

07-08

08-09

09-10
Competizioni internazionali

10-11

11-12

RICAVI DA ABBONAMENTI

Competizioni nazionali, amichevoli e giovanili

Abbonamenti

Ricavi da stadio per tipologia 1997-2012


160.000
118.999 118.270

18,8 (+11,2%)

Prezzo medio del titolo di accesso al campionato

migliaia

99.360 68.114 Ricavi da biglietti


Fonte: Elaborazioni PwC

9798

1112

Abbonamenti

86

Ricavi da sponsorizzazioni e altre attivit commerciali

4.2 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe A

344 milioni (+8,0%)

ricavi da sponsor e da altre attivit commerciali 20072012


400.000
+8,0%

ripartizione ricavi da sponsor 20112012


Sponsor ufficiale 15%

ricavi da sponsor e da altre attivit commerciali

migliaia

219 milioni (+14,8%)

Sponsor tecnico

2: CAG R 07-1
264.831 262.772 310.375

6,8%
318.435 343.913 25%

219,1m

ricavi da sponsor

60%

Altre sponsorizzazioni

125 milioni (-11,4%)

0708

0809

0910

1011

1112

ricavi da altre attivit commerciali

ripartizione ricavi da sponsor e altre attivit commerciali 1997-2012


250.000
219.138

132 milioni (+23,1%)

migliaia

ricavi da sponsor ufficiale


I ricavi da sponsorizzazione e altre attivit commerciali si riferiscono ai ricavi derivanti da: sponsor ufficiale, sponsor tecnico, altri sponsor, attivit di merchandising, royalties e pubblicit
I dati relativi alla stagione sportiva 2010-2011 sono stati riclassificati al fine di consentire una migliore comparazione con la stagione sportiva 2011-2012

70.606

124.775

29.410

9798
Altre attivit commerciali

1112

Ricavi da sponsor

87

Fonte: Elaborazioni PwC

ReportCalcio 2013

Ricavi da diritti radiotelevisivi

ripartizione ricavi da diritti radiotelevisivi 2007-2012


1.100.000

ricavi da diritti radiotelevisivi per cluster 2007-2012


-1,9%

913 milioni (-1,9%)


57,7

CAG R 07 -12
962,1m 975,8m 95.599 999,4m

: -1,3%

1.000
58,9 296,6

62,2 302,7

61,3 88,7 307,5 297,5 298,3

Ricavi da diritti radiotelevisivi

116.853

931,0m 82.376

migliaia

milioni

108.836

913,0m 98.657 209,2 136,9 239,6

+10,0%

110.902

110.890

117.327

11.380

217,8 474,1

Cagr 1997-2012 ricavi da diritti radiotelevisivi


316,6

837.205 742.362 769.332 765.258

814.335

397,4

391,0

327,0

240,3

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

0
UCL

99 milioni (+19,8%)

07-08
UEL

08-09
8-17

09-10

10-11

11-12

Proventi televisivi

Proventi televisivi da societ ospitanti

Proventi televisivi da gare UEFA

Proventi televisivi da gare UEFA

Retrocessione

ricavi da diritti radiotelevisivi 1997-2012


1.200.000
7-1 CAG R 9 2: 10,0%
912.992

9:1

Rapporto tra top e bottom club in termini di ricavi da diritti tv


Nella stagione sportiva 2011-2012 i ricavi complessivi da diritti radiotelevisivi in Serie A sono stati pari a 913 milioni. Tale dato potrebbe non coincidere con i volumi di business effettivi in quanto 5 societ del campione analizzato chiudono il bilancio al 31 dicembre, anzich al 30 giugno

migliaia

241.303

9798

1112

Fonte: Elaborazioni PwC

88

376 milioni (+35,0%)


milioni 0

428 milioni (+19,9%)

21,4 milioni

28,3 milioni

600

milioni
218 11 31 (24) (16) (14) 207

Risultato netto da compravendita

Ricavi da plusvalenze

Ricavi medi da plusvalenze cluster UEFA Champions League

Ricavi medi da plusvalenze

Ricavi da plusvalenze

450

0 0708

218,0

2007-2008

Plusvalenze Ricavi da prestiti Proventi da compartecipazione Minusvalenze Costi da prestiti Oneri da compartecipazione Risultato netto 0809

272,0

CAG

-12 R 07

272 9 20 (28) (12) (12) 250

383,3

0910

: 18,4 %
356,9

2008-2009

1011

Plusvalenze Ricavi da prestiti Proventi da compartecipazione Minusvalenze Costi da prestiti Oneri da compartecipazione Risultato netto

ricavi da plusvalenze 2007-2012

427,8

+19,9%

1112

383 15 14 (27) (16) (21) 348

milioni 0

30

2009-2010

Plusvalenze Ricavi da prestiti Proventi da compartecipazione Minusvalenze Costi da prestiti Oneri da compartecipazione Risultato netto

28,3

UCL

357 28 47 (49) (43) (62) 279

19,5

UEL

Risultato netto da compravendita giocatori 2007-2012


2010-2011

Plusvalenze Ricavi da prestiti Proventi da compartecipazione Minusvalenze Costi da prestiti Oneri da compartecipazione Risultato netto

23,7

8-16

428 23 76 (53) (48) (50) 376 89


Fonte: Elaborazioni PwC

ricavi medi da plusvalenze per cluster 2011-2012

2011-2012

9,4

Plusvalenze Ricavi da prestiti Proventi da compartecipazione Minusvalenze Costi da prestiti Oneri da compartecipazione Risultato netto

4.2 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe A

Retrocessione

Media Serie A: 21,4m

ReportCalcio 2013

Costo della produzione

costo DELLA PRODUZIONE Costi per servizi Variazione annua percentuale Costo godimento beni di terzi Variazione annua percentuale Costo del lavoro Variazione annua percentuale Altri oneri diversi di gestione Variazione annua percentuale Ammortamenti e svalutazioni Variazione annua percentuale Costo della produzione Variazione annua percentuale 266,2m 70,6m 949,9m 301,7m 306,9m 1.895,2m

07-08 14% 4% 50% 16% 16% 100% 267,0m 0,3% 73,2m 3,8% 1.053,7m 10,9% 304,9m 1,1% 363,8m 18,6% 2.062,7m 8,8%

08-09 13% 4% 51% 15% 18% 100% 265,6m -0,5% 76,7m 4,8% 1.165,7m 10,6% 324,9m 6,6% 435,8m 19,8% 2.268,8m 10,0%

09-10 12% 3% 51% 14% 19% 100% 316,5m 19,2% 93,7m 22,2% 1.158,9m -0,6% 253,7m -21,9% 483,4m 10,9% 2.306,3m 1,7%

10-11 14% 4% 50% 11% 21% 100% 337,7m 6,7% 99,4m 6,1% 1.182,0m 2,0% 234,2m -7,7% 522,6m 8,1%

11-12 14% 4% 50% 10% 22%

2.376,0m 100% 3,0%

costo della produzione 2007-2012


4.000
94,8 103,1 113,4 115,3 118,8 +3,0%

costo della produzione medio per cluster 2007-2012


140 300
205,2 259,6 246,3

225,6 169,6

234,0 183,7

milioni

milioni

1.895,2

2.062,7

2.268,8

milioni

2.306,3

2.376,0

139,5 94,6 53,5 40,2 59,2 49,6

143,4 81,7
Fonte: Elaborazioni PwC

2: CAG R 07-1

5,8%

71,0 47,3

70,6 63,1

41,7

0708

0809

0910

1011

1112

0708
UCL UEL

0809
8-17

0910
Retrocessione

1011

1112

Costo della produzione

Costo della produzione medio

90

Costo del lavoro e del personale tesserato

4.2 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe A

1.182 milioni (+2,0%)

serie a: costi relativi al personale tesserato e valore della produzione


07-08 Costo del lavoro di cui: Personale tesserato Altri dipendenti Costo imputabile al personale tesserato di cui: Personale tesserato Ammortamento diritti calciatori Totale valore della produzione (v.pdz) Totale ricavi di vendita (ricavi) Personale tesserato/v.pdz Costo imputabile al personale tesserato/v.pdz Personale tesserato/ricavi Costo imputabile al personale tesserato/ricavi 949,9m 893,8m 56,1m 1.108,3m 893,8m 214,5m 1.816,7m 1.598,7m 49% 61% 56% 69% 08-09 1.053,7m 1.003,7m 50,0m 1.283,3m 1.003,7m 279,6m 1.874,2m 1.602,2m 54% 68% 63% 80% 09-10 1.165,7m 1.101,4m 64,3m 1.493,3m 1.101,4m 391,9m 2.097,3m 1.714,0m 53% 71% 64% 87% 10-11 1.158,9m 1.096,7m 62,2m 1.502,0m 1.096,7m 405,4m 2.031,2m 1.674,3m 54% 74% 65% 90% 11-12 1.182,0m 1.109,5m 72,5m 1.537,4m 1.109,5m 427,9m 2.145,9m 1.718,1m 52% 72% 65% 89%

Costo del lavoro

1.537 milioni (+2,4%)

Costo imputabile al personale tesserato

72%

Costo imputabile al personale tesserato su valore della produzione

65%

Costo personale tesserato su ricavi di vendita

costo del lavoro e costo del personale tesserato su ricavi di vendita 2007-2012
69%
68% 66% 64% 65% 65% 69% 69% Costo del lavoro su ricavi di vendita Personale tesserato su ricavi di vendita

costo del personale tesserato su ricavi di vendita per cluster 2011-2012


70%
Media Serie A: 65% 64% 63% 62% 59%
Fonte: Elaborazioni PwC

59% 56%

63%

55%

0708

0809

0910

1011

1112

% 0%

UCL

UEL

8-17

Retrocessione

91

ReportCalcio 2013

Ebitda e Risultato Netto

ebitda 2007-2012
350.000
14.624

risultato netto 2007-2012


20.000 (50.000)
(150.287)

(2.000)

292 milioni (+40,4%)


Ebitda

13.220

migliaia

migliaia

(280.846) (9.783) (299.943) (14.042) (14.997)

8.770 228.337 175.395

10.417 264.407 208.335

292.487

migliaia

11.417

migliaia

(7.514) (229.776)

(195.655)

-281 milioni (-6,4%)


Risultato netto

(11.489)

0
Ebitda

0708

0809

0910

1011

1112

(350.000)

0708

0809

0910

1011

1112

(20.000)

15,5 milioni

Ebitda cluster UCL

Ebitda medio per societ

Risultato netto

Risultato netto medio per societ

-35,7 milioni
ebitda medio per cluster 2011-2012
20.000

risultato netto medio per cluster 2011-2012


0
-4.518 -2.497

Risultato netto medio per cluster UCL

migliaia

migliaia

-35.735

-30.242

15.504

16.810

15.620 7.511

UCL

UEL

8-17

Retrocessione

(40.000)

UCL

UEL

8-17

Retrocessione
Fonte: Elaborazioni PwC

92

Evoluzione della struttura patrimoniale

4.2 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe A

ripartizione totale attivit 2011-2012


1%

3.471 milioni (+12,4%)


Totale attivit
07-08 754,1 605,1 968,8 221,4 2.549,4 08-09 1.003,2 552,5 1.034,1 161,3 2.751,1 09-10 1.062,5 681,8 1.103,5 187,9 3.035,7 10-11 1.023,2 907,9 1.121,5 35,5 3.088,8 11-12 1.198,6 930,0 1.305,9 36,1 3.470,7

milioni
38% 34%

27%

Diritti pluriennali prestazioni calciatori Altre immobilizzazioni Attivo circolante Altre attivit Totale Attivit

1.199 milioni (+17,1%)

Diritti pluriennali prestazioni dei calciatori

209 milioni (+38,7%)

Patrimonio netto

ripartizione totale passivit 2011-2012

2.892 milioni (+8,8%)


Debiti
07-08 402,9 133,1 1.892,6 120,8 2.549,4 08-09 385,2 129,1 2.110,6 126,2 2.751,1 09-10 354,1 134,0 2.332,0 215,5 3.035,7 10-11 150,3 120,1 2.658,7 158,9 3.088,0 11-12 208,5 122,0 2.892,3 248,0 3.470,7
I diritti relativi alle prestazioni del personale tesserato costituiscono una posta patrimoniale attiva di natura immateriale a carattere pluriennale, poich il relativo valore corrisponde ad un asset per la societ che detiene il diritto alla prestazione sportiva del tesserato

7%

6%

4%

milioni Patrimonio netto Fondi rischi e TFR Debiti Altre passivit Totale Passivit

83%
Fonte: Elaborazioni PwC

93

ReportCalcio 2013

Composizione ed evoluzione dei debiti

2.892 milioni (+8,8%)


Totale debiti

933,2 milioni (32,0%)

Ripartizione debiti 2007-2012


3.000
2.658,7 2.110,6 631,0 159,2 303,1 247,1 277,1 493,2 2.332,0 687,7 158,7 291,4 232,2 343,1 619,1 480,0 41,2 561,3 224,4 423,7 2.892,3 533,1 98,3 676,8 242,7 408,1 Altri debiti Debiti verso societ del gruppo/correlate Debiti verso enti settore specifico Debiti tributari/previdenziali Debiti commerciali 928,1 933,3 Debiti finanziari

milioni

Lincidenza dei debiti finanziari sul totale debiti

1.892,5 389,3 152,5 421,6 258,0 249,0

676,7 milioni (+20,6%)

Debiti verso enti settore specifico

408,1 milioni (-3,7%)

Debiti commerciali
0

422,1

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

migliaia Debiti finanziari Debiti commerciali Debiti tributari/previdenziali Debiti verso enti settore specifico Debiti verso societ del gruppo/correlate Altri debiti Totale

07-08 422.098 249.001 258.030 421.588 152.510 389.343 1.892.571

% 22% 13% 14% 22% 8% 21% 100%

08-09 493.173 277.066 247.137 303.060 159.189 630.979 2.110.604

% 23% 13% 12% 14% 8% 30% 100%

09-10 619.058 343.070 232.170 291.352 158.702 687.678 2.332.031

% 27% 15% 10% 12% 7% 29% 100%

10-11 928.115 423.707 224.352 561.342 41.217 479.989 2.658.722

% 35% 16% 8% 21% 2% 18% 100%

11-12 933.285 408.100 242.707 676.759 98.340 533.138 2.892.328

% 32% 14% 8% 23% 3% 18% 100%

Var %* 1% -4% 8% 21% >100% 11% 9%

*Variazione percentuale calcolata rispetto alla stagione sportiva 2010-2011

Fonte: Elaborazioni PwC

94

Evoluzione patrimonio netto e posizione finanziaria netta

4.2 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe A

209 milioni (+38,7%)

patrimonio netto 2007-2012


450
402,9 385,2 354,1 +38,7%

patrimonio netto medio per cluster 2007-2012


50
40,1 45,9

Patrimonio netto

milioni

milioni

6,0% (+110 bps)

18,8 15,3 3,0

Equity Ratio

208,5

22,8 21,7 17,6 5,9

26,9 20,1 8,4 8,3 (9,3) (19,3) (12,8) 18,0 12,3 (0,9) (1,5)

CAG R 0 7-1

0
2: 15,2% 150,3

(10) (20) 0708


UCL

12,3 milioni

Patrimonio netto medio cluster UEFA Champions League

0809
UEL

0910
8-16

1011

1112

0708

0809

0910

1011

1112

Retrocessione

826 milioni (-6,7%)

equity ratio 2007-2012


18%
15,8% 14,0% 11,7% 110bps

posizione finanziaria netta 2007-2012


1.000
885,2 825,6 -6,7% 506,8 380,6 293,4
Fonte: Elaborazioni PwC

Posizione Finanziaria Netta


Equity ratio: indicatore patrimoniale rappresentativo del rapporto tra patrimonio netto e totale attivit Posizione finanziaria netta (PFN): ammontare dei debiti finanziari al netto delle disponibilit liquide

CAG R 0 7-1

2: 21,5%

4,9%

6,0%

milioni

2 CAG R 07-1
0

: 29,5%

0%

0708

0809

0910

1011

1112

0708

0809

0910

1011

1112

95

ReportCalcio 2013

Indici di liquidit e indebitamento

Lindice di liquidit il rapporto tra la somma dei crediti verso clienti e delle disponibilit liquide della societ e il totale delle attivit. Il livello di indebitamento esprime il grado di indebitamento dellimpresa, ovvero la misura in cui essa ricorre al capitale di terzi per finanziarsi. Il quoziente dindebitamento la proporzione esistente tra risorse proprie e risorse di terzi utilizzate per finanziare gli impieghi. Tale proporzione esprime la partecipazione del capitale proprio ai rischi dimpresa.

16,1% (+70 bps)

indice di liquidit 2007-2012


16,5%
15,8% 15,4% +70bps 16,1%

Indice di liquidit

94,0% (-110 bps)

14,5% 13,9%

Livello di indebitamento
-12 CAG R 07 : 2,7%

15,6 (-3,9)

12,5%

Quoziente di indebitamento

0708

0809

0910

1011

1112

livello e quoziente di indebitamento 2007-2012


95%
19,5

25

15,6 95,1% 5,3 84,2% 6,1 86,0% 7,6 88,3%


Fonte: Elaborazioni PwC

94,0%

78%

0708

0809

0910

1011

1112

Livello di indebitamento

Quoziente di indebitamento

96

4.3 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe b

97

ReportCalcio 2013

Risultati di sintesi 2007-2012 Serie B

SERIE B
Campione analizzato: Dati chiave/Indici Valore della produzione Costi operativi Ebitda Ammortamenti e svalutazioni Ebit Proventi (oneri) straordinari e finanziari Ebt Imposte Risultato netto Costo del lavoro p. tesserato/ricavi di vendita Patrimonio netto/Totale attivit Debiti finanziari/Totale debiti
Dati in milioni

20 su 22 07-08 335 (314) 21 (56) (35) (3) (38) 0 (38) 78% 11% 29%

20 su 22 08-09 301 (294) 7 (50) (43) 4 (39) (2) (41) 85% 15% 25%

20 su 22 09-10 287 (321) (34) (61) (95) 6 (89) 6 (83) 84% 11% 28%

22 su 22 10-11 335 (336) (1) (71) (72) (8) (80) 8 (72) 77% 9% 19%

22 su 22 11-12 385 (388) 3 (75) (78) 6 (72) 16 (56) 76% 12% 20%
Fonte: Elaborazioni PwC

98

Valore della produzione

4.3 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe b

VALORE DELLA PRODUZIONE Ricavi da ingresso stadio Variazione annua percentuale Ricavi da sponsor e attivit commerciali Variazione annua percentuale Ricavi da diritti televisivi e radio Variazione annua percentuale Contributi in conto esercizio Variazione annua percentuale Altri ricavi e proventi diversi Variazione annua percentuale Ricavi di vendita Variazione annua percentuale Plusvalenze per cessione giocatori Variazione annua percentuale Valore della produzione Variazione annua percentuale 27,3m 40,5m 27,0m 71,4m 63,4m 229,7m 105,4m 335,1m

07-08 8% 12% 8% 21% 19% 69% 31% 100% 24,1m -11,6% 54,2m -0,8% 54,2m 1,4% 55,8m -26,4% 41,1m -35,2% 198,8m -13,5% 101,9m -13,5% 300,7m -10,3%

08-09 8% 18% 8% 19% 14% 66% 34% 100% 22,4m -7,1% 59,1m 18,1% 34,0m 2,4% 52,5m 115,2% 45,3m 10,3% 213,3m 7,3% 73,4m -28,0% 286,6m -4,7%

09-10 8% 21% 12% 18% 16% 74% 26% 100% 18,1m -19,2% 68,5m 2,6% 40,3m -6,9% 61,0m -19,7% 60,0m 32,4% 247,9m 16,3% 87,5m 19,3% 335,4m -17,0%

10-11 5% 20% 12% 18% 18% 74% 26% 100%

11-12 27,2m 7% +50,3% 58,0m 15% -15,3% 77,7m 20% -1,9% 48,4m 13% -4,8% 64,2m 17% 7,1% 275,5m 72% 11,1% 109,3m 28% 25,0% 384,9m 100% 14,7%

valore della produzione 2007-2012


450 milioni
16,8 +14,7% 17,5 15,0 14,3 15,2

valore della produzione medio per cluster 2007-2012


30 milioni
28,3 23,2 22,0 15,3 12,7 9,2 18,4 11,4 10,0 9,1 18,6 12,9 11,7 9,4
Fonte: Elaborazioni PwC

19,0 milioni

18,9 15,5 11,0

19,3 13,4 9,9

335,1

300,7

286,6

335,4

384,9

+3,5% CAG R 07-12:

0708

0809

0910

1011

1112

5,0

0708
Promozione diretta

0809
Playoff

0910
7-17 posto

1011
Playout e retrocessione

1112

Valore della produzione

Valore della produzione medio

99

ReportCalcio 2013

Ricavi da stadio

ripartizione ricavi medi da stadio 2007-2012


1.600
1,4m 1,2m 504 1,2m 1,1m 453 0,8m 354 862 684 669 727 470 511

prezzo medio del titolo di accesso al campionato 2007-2012


12
9,9 9,3 8,1 7,0 9,4

1,2 milioni (+50,2%)

CAGR 07-12: -2,4%

+50,2%

Ricavi da ingresso stadio

migliaia

523

0,7 milioni (+54,6%)

Ricavi medi da biglietti

0,5 milioni (+44,3%)


0 07-08 08-09 09-10 10-11 11-12

07-08

08-09

09-10
Abbonamenti

10-11

11-12

Ricavi medi da abbonamenti

Competizioni nazionali, amichevoli e giovanili

ricavi medi per tipologia 1997-2012


1.800
1.200

9,4 (+33,6%)

Prezzo medio del titolo di accesso al campionato

migliaia

511

Ricavi da biglietti Abbonamenti

9798

1112

100

Fonte: Elaborazioni PwC

799

727

Ricavi da sponsorizzazioni e altre attivit commerciali

4.3 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe b

2,6 milioni (-15,4%)

ricavi da sponsor e da altre attivit commerciali 20072012


3.500
2.710 2.955 3.114 2.634 -15,4%

ripartizione ricavi da sponsor 20112012


Sponsor ufficiale 14% 6% Sponsor tecnico Altre sponsorizzazioni

Ricavi medi da sponsor e da altre attivit commerciali

1,9 milioni (-11,2%)

migliaia

2.026

-1 CAG R 07

2: +6,8%

41,9m
80%

ricavi medi da sponsor

0,7 milioni (-24,7%)

0708

0809

0910

1011

1112

ricavi medi da altre attivit commerciali

ripartizione ricavi da sponsor e altre attivit commerciali 1997-2012


3.000

ricavi medi da sponsor ufficiale


I ricavi da sponsorizzazione e altre attivit commerciali si riferiscono ai ricavi derivanti da: sponsor ufficiale, sponsor tecnico, altri sponsor, attivit di merchandising, royalties e pubblicit

migliaia

1,5 milioni (-4,6%)

1.904

449 267

9798
Altre attivit commerciali

1112

Ricavi medi da sponsor

101

Fonte: Elaborazioni PwC

730

ReportCalcio 2013

Ricavi da diritti radiotelevisivi

ricavi medi da diritti radiotelevisivi


4.000
+92,8% 3.534

ricavi da diritti radiotelevisivi


90.000
+92,8% 77,7

3,5 milioni (+92,8%)

Ricavi medi da diritti radiotelevisivi

migliaia

1,5%
1.698 1.352 1.180 1.833

milioni

40,3 27,0 34,0 23,6

Cagr 1997-2012 ricavi da diritti radiotelevisivi

2: CAG R 07-1
0

+27,2%

2: CAG R 07-1
11-12 0 07-08 08-09 09-10

+30,2%

77,7 milioni (+92,8%)


11-12

07-08

08-09

09-10

10-11

10-11

Ricavi medi da diritti radiotelevisivi

ricavi medi da diritti radiotelevisivi 1997-2012


12.000
CAG R 97-12: 1,5%

+92,8%

+30,2%

Cagr 2007-2012 ricavi da diritti radiotelevisivi


Il dato sui diritti radiotelevisivi potrebbe non coincidere con i valori di business effettivi in quanto 7 societ del campione chiudono il bilancio al 31 dicembre anzich al 30 giugno. La variazione della stagione 2011-2012 beneficia della retrocessione delle societ Sampdoria e Bari che redigono il bilancio alla data sopra indicata

migliaia

2.858

3.534

9798

1112

Fonte: Elaborazioni PwC

102

Costo della produzione

4.3 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe b

costo DELLA PRODUZIONE Costi per servizi Variazione annua percentuale Costo godimento beni di terzi Variazione annua percentuale Costo del lavoro Variazione annua percentuale Altri oneri diversi di gestione Variazione annua percentuale Ammortamenti e svalutazioni Variazione annua percentuale Costo della produzione Variazione annua percentuale 63,1m 12,7m 188,8m 50,0m 56,0m 370,5m

07-08 17% 3% 51% 13% 15% 100% 56,4m -10,6% 11,5m 3,8% 180,2m -4,5% 45,8m 1,1% 50,4m -9,9% 344,4m -9,9%

08-09 16% 3% 52% 13% 15% 100% 72,7m 28,9% 12,4m 4,8% 190,6m 5,8% 44,9m 6,6% 61,5m 21,9% 382,0m 10,9%

09-10 19% 3% 50% 12% 16% 100% 62,3m -14,3% 11,8m -4,6% 203,1m 6,6% 59,6m -21,9% 70,8m 15,2% 407,7m 6,7%

10-11 15% 3% 50% 15% 17% 100% 67,9m 9,1% 18,4m 55,9% 224,9m 10,7% 77,2m -7,7% 74,9m 5,8%

11-12 15% 4% 49% 17% 16%

463,3m 100% 13,7%

costo della produzione 2007-2012


+13,7%

costo della produzione medio per cluster 2007-2012


40 35
29,3 33,3 29,1 30,9 29,9 19,3 17,8 18,8 14,7 13,8 19,1 14,1
Fonte: Elaborazioni PwC

500
370,5

2: +5,8% CAG R 07-1


344,4 382,0 407,7

39,4

463,3

milioni

18,5

17,2

19,1

18,5

milioni

21,1

milioni

22,2 16,2 14,5

17,4 17,3 13,6

0708

0809

0910

1011

1112

13,0

0708
Promozione diretta

0809
Playoff

0910
7-17 posto

1011
Playout e retrocessione

1112

Costo della produzione

Costo della produzione medio

103

ReportCalcio 2013

Costo del lavoro e del personale tesserato

10,2 milioni (+10,7%) 12,4 milioni (+11,5%)

serie b: costi medi relativi al personale tesserato e valore della produzione


07-08 Costo medio del lavoro di cui: Personale tesserato Altri dipendenti Costo medio imputabile al personale tesserato di cui: Personale tesserato Ammortamento diritti calciatori Totale valore della produzione medio (v.pdz) Totale ricavi di vendita medi (ricavi) Personale tesserato/v.pdz Costo imputabile al personale tesserato/v.pdz Personale tesserato/ricavi Costo imputabile al personale tesserato/ricavi 9,5m 9,0m 0,5m 10,9m 9,0m 1,9m 16,8m 11,5m 53% 65% 78% 95% 08-09 9,0m 8,4m 0,6m 10,4m 8,4m 2,0m 15,0m 9,9m 56% 69% 85% 105% 09-10 9,6m 9,0m 0,6m 11,4m 9,0m 2,4m 14,3m 10,7m 63% 80% 84% 107% 10-11 9,2m 8,7m 0,5m 11,1m 8,7m 2,4m 15,2m 11,3m 57% 73% 77% 99% 11-12 10,3m 9,6m 0,7m 12,5m 9,6m 2,9m 17,5m 12,5m 55% 71% 76% 99%

Costo medio del lavoro

Costo medio imputabile al personale tesserato

71%

Costo imputabile al personale tesserato su valore della produzione

76%

Costo personale tesserato su ricavi di vendita

costo del lavoro e costo del personale tesserato su ricavi di vendita 2007-2012
95%
82% 91% 89% 82% 85% 78% 84% 77% 82% 76% Costo del lavoro su ricavi di vendita Personale tesserato su ricavi di vendita

costo del personale tesserato su ricavi di vendita per cluster 2011-2012


140%
Fonte: Elaborazioni PwC

Media Serie B: 76%

120% 68% 75% 57%

Promozione Playoff 7-17 Playout e diretta posto retrocessione Per misurare il costo del personale tesserato possono essere utilizzate due grandezze: il solo costo del personale tesserato oppure anche gli ammortamenti sostenuti annualmente dai club per usufruire dei diritti alle prestazioni dei giocatori
104

65%

0708

0809

0910

1011

1112

0%

Ebitda e Risultato Netto

4.3 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe b

ebitda 2007-2012
30.000
1.031 20.624 336

risultato netto 2007-2012


1.500 (10.000)
(37.612) (41.429) (2.071) (1.881) (82.597) (72.498) (2.549) (3.295)

-3,5 milioni (+141%)


Ebitda

migliaia

migliaia

(1.451) (3.514) (33.929)

migliaia

6.715

(66)

(160)

migliaia

(56.073)

-56 milioni (-22,7%)

Risultato netto

(40.000) 0708
Ebitda

(1.696)

0809

0910

1011

1112

(2.000)

(90.000)

(4.130)

0708

0809

0910

1011

1112

(4.500)

-6,1 milioni

Ebitda medio per societ

Risultato netto

Risultato netto medio per societ

Ebitda cluster squadre promosse

ebitda medio per cluster 2011-2012


2.000 migliaia

risultato netto medio per cluster 2011-2012


0
-1.739 -1.968

-7,4 milioni

Risultato netto cluster squadre promosse

migliaia

1.212 -1.599 -6.177

380

-3.093 -7.367

(7.000)

Promozione diretta

Playoff

7-17 posto

Playout e retrocessione

(8.000)

Promozione diretta

Playoff

7-17 posto

Playout e retrocessione

105

Fonte: Elaborazioni PwC

ReportCalcio 2013

Evoluzione della struttura patrimoniale

ripartizione media per societ attivit 2011-2012

25,5 milioni (+6,4%)


08-09 5,6 4,9 11,6 0,7 22,8 09-10 5,3 5,1 11,7 0,7 22,6 10-11 6,3 5,1 11,5 1,0 23,9 11-12 5,6 6,0 13,0 1,0 25,6

Totale attivit medie


4% 22%

milioni Diritti pluriennali prestazioni calciatori Altre immobilizzazioni Attivo circolante Altre attivit Totale Attivit medie

07-08 5,3 4,2 11,7 0,9 22,1

5,6 milioni (-12,5%)

51%

Diritti pluriennali medi prestazioni dei calciatori

23%

3,0 milioni (+33,8%)

Patrimonio netto medio

ripartizione media per societ passivit 2011-2012

20,3 milioni (+4,0%)


Debiti medi
09-10 2,5 1,4 17,9 0,9 22,7 10-11 2,3 1,4 19,5 0,8 24,0 11-12 3,0 1,3 20,3 0,9 25,5

3%

12% 5%

milioni Patrimonio netto Fondi rischi e TFR Debiti Altre passivit Totale Passivit medie

07-08 2,5 0,7 18,4 0,5 22,1

08-09 3,5 0,9 17,8 0,7 22,9

I diritti relativi alle prestazioni del personale tesserato costituiscono una posta patrimoniale attiva di natura immateriale a carattere pluriennale, poich il relativo valore corrisponde ad un asset per la societ che detiene il diritto alla prestazione sportiva del tesserato

80%
Fonte: Elaborazioni PwC

106

Composizione ed evoluzione dei debiti

4.3 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe b

446,1 milioni
Totale debiti

20,3 milioni (+4%)

Ripartizione media dei debiti per societ 2007-2012


25
Altri debiti 3,2 0,4 5,4 3,2 3,6 3,6 Debiti verso societ del gruppo/correlate Debiti verso enti settore specifico Debiti tributari/previdenziali Debiti commerciali Debiti finanziari

Totale debiti medi per societ


milioni

4,1 milioni (+14%)

Debiti medi finanziari

1,7 milioni (-69%)

3,1 0,4 4,0 2,2 3,2 5,3

3,3 1,5 4,5 1,7 2,2 4,5

3,2 0,1 3,3 2,4 3,8 5,1

6,5 0,7 1,7 3,3 4,0 4,1

Debiti medi verso enti settore specifico


0

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

debiti medi per societ 2007-2012


migliaia 07-08 % 08-09 % 09-10 % 10-11 % 11-12 % Var %* debiti Aggregati 11-12 91.069 86.990 72.207 37.075 14.805 143.933 446.079 %

Debiti finanziari Debiti commerciali Debiti tributari/previdenziali Debiti verso enti settore specifico Debiti verso societ del gruppo/correlate Altri debiti Totale

5.344 3.221 2.228 4.042 376 3.141 18.353

29% 18% 12% 22% 2% 17% 100%

4.516 2.213 1.740 4.491 1.494

25% 12% 10% 25% 8%

5.094 3.820 2.442 3.256 82 3.226 17.921

28% 21% 14% 18% 0% 18% 100%

3.646 3.608 3.176 5.449 407

19% 19% 16% 28% 2%

4.140 3.954 3.282 1.685 673 6.542 20.276

20% 20% 16% 8% 3% 32% 4%

14% 10% 3% -69% 65% 104% 4%

20% 20% 16% 8% 3% 32% 100%

3.304 19% 17.759 100%

3.206 16% 19.492 100%

*Variazione percentuale calcolata rispetto alla stagione sportiva 2011-2012 Fonte: Elaborazioni PwC

107

ReportCalcio 2013

Evoluzione patrimonio netto e posizione finanziaria netta

3,0 milioni (+33,8%)

patrimonio netto medio 2007-2012


4,0
2,5 3,5 2,5 +33,8% 3,0

patrimonio netto medio per cluster 2007-2012


9
5,7 8,3 7,4 3,7 2,5 1,5 1,6 1,3 1,6 1,3 0,3 2,5 2,3 0,8

Patrimonio netto medio

milioni

2,3

milioni

11,9% (+250 bps)

5,3 4,4 3,7 2,5 2,7

Equity Ratio

CAGR 07-12: +4,6%

4,9

3,6 milioni (+14,6%)


PFN media

0708

0809

0910

1011

1112

0708
Promozione diretta

0809
Playoff

0910

1011

1112
Playout e retrocessione

7-17 posto

Equity ratio: indicatore patrimoniale rappresentativo del rapporto tra patrimonio netto e totale attivit Posizione finanziaria netta (PFN): ammontare dei debiti finanziari al netto delle disponibilit liquide

equity ratio 2007-2012


16%
11,5% 15,2% 10,8% 9,4% +25,8% 11,9%

posizione finanziaria netta media 2007-2012


6
+14,6% 5,1 4,1 4,8 3,6

milioni

3,1

CAGR 07-12: +0,9%

CAG R 07 -1

2: -8,5%
Fonte: Elaborazioni PwC

0%

0 0708 0809 0910 1011 1112

0708

0809

0910

1011

1112

108

Indici di liquidit e indebitamento

4.3 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SERIe b

Lindice di liquidit il rapporto tra la somma dei crediti verso clienti e delle disponibilit liquide della societ e il totale delle attivit. Il quoziente dindebitamento la proporzione esistente tra risorse proprie e risorse di terzi utilizzate per finanziare gli impieghi. Tale proporzione esprime la partecipazione del capitale proprio ai rischi dimpresa. Il livello di indebitamento esprime il grado di indebitamento dellimpresa, ovvero la misura in cui essa ricorre al capitale di terzi per finanziarsi.

21,6% (+60 bps)

indice di liquidit 2007-2012


27,0%

CAGR 07-12: +3,9%


24,6%

+2,9%

Indice di liquidit

88,1% (-250 bps)

Livello di indebitamento
18,6%

21,0%

21,6%

7,4 (-2,2)

17,9%

15,0%

Quoziente di indebitamento

0708

0809

0910

1011

1112

livello e quoziente di indebitamento 2007-2012


91%
9,6 7,7 8,2 7,4 88,5% 5,6 84,8% 89,2% 90,6% 88,1%
Fonte: Elaborazioni PwC

12
-2,7%

CAGR 07-12: -0,1%

81%

0708

0809

0910

1011

1112

Livello di indebitamento

Quoziente di indebitamento

109

4.4 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA LEGA PRO

111

ReportCalcio 2013

Risultati di sintesi 2007-2012 Lega Pro 1a e 2a Divisione

lega pro 1a divisione


Campione analizzato: Dati chiave/Indici
Valore della produzione Costi operativi Ebitda Ammortamenti e svalutazioni Ebit Proventi (oneri) straordinari e finanziari Ebt Imposte Risultato netto Costo del lavoro p. tesserato/ricavi di vendita Patrimonio netto/Totale attivit Debiti finanziari/Totale debiti

31 su 36 07-08
88 (124) (36) (3) (39) 2 (37) (2) (39) 78% 5% n/a

32 su 36 08-09
108 (146) (38) (13) (51) 0 (51) 4 (47) 82% 9% n/a

28 su 36 09-10
76 (116) (40) (8) (48) (4) (52) 1 (51) 92% 2% n/a

29 su 36 10-11
74 (110) (36) (11) (47) 3 (44) 0 (44) 87% 4% n/a

28 su 36 11-12
82 (112) (30) (10) (40) 0 (40) (1) (41) 83% 14% n/a

lega pro 2a divisione


Campione analizzato: Dati chiave/Indici
Valore della produzione Costi operativi Ebitda Ammortamenti e svalutazioni Ebit Proventi (oneri) straordinari e finanziari Ebt Imposte Risultato netto Costo del lavoro p. tesserato/ricavi di vendita Patrimonio netto/Totale attivit Debiti finanziari/Totale debiti

46 su 54 07-08
71 (103) (32) (2) (34) 0 (34) 0 (34) 65% 4% n/a

48 su 54 08-09
67 (86) (19) (3) (22) 0 (22) 0 (22) 67% 0% n/a

35 su 54 09-10
46 (60) (14) (4) (18) 0 (18) 0 (18) 75% 4% n/a

36 su 54 10-11
45 (53) (8) (4) (12) (1) (13) (1) (14) 64% -3% n/a

30 su 54 11-12
48 (53) (5) (4) (9) 1 (8) (1) (9) 63% 3% n/a
Dati in milioni

112

Fonte: Elaborazioni PwC

Valore della produzione

4.4 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA LEGA PRO

Valore della produzione 2007-2012


200.000
160m 175m 67.091 122m 45.662 88.319 107.624 119m 45.397 130m 47.793

130 milioni (+8,9%)

migliaia

71.306

Valore della produzione della Lega Pro

81,9 milioni (+11,4%)

Valore della produzione Lega Pro 1a Divisione

76.281

73.698

81.890

2,9 milioni (+15,1%)

20.000

0708

0809

0910

1011

1112

Valore della produzione medio Lega Pro 1a Divisione

1,6 milioni (+26,3%)

Valore della produzione medio Lega Pro 2a Divisione

Lega Pro 1a Divisione

Lega Pro 2a Divisione

Valore della produzione medio 2007-2012 Lega Pro 1a Divisione


4.000

Valore della produzione medio 2007-2012 Lega Pro 2a Divisione


1.800

CAGR 07-12: 0,7%

CAGR 07-12: 0,7%

migliaia

migliaia

2.849

3.363 2.724 2.541

1.550

2.925

1.398

1.593 1.305 1.261

0708

0809

0910

1011

1112

0708

0809

0910

1011

1112

Fonte: Elaborazioni PwC

113

ReportCalcio 2013

Costo della produzione

Costo della produzione medio 2007-2012


6.000
5.041 4.111 4.429 4.194 +3,5% 4.340

179 milioni (+0,2%)

83%

Costo della produzione della Lega Pro


+21,1% 2.236

migliaia

Incidenza del costo del lavoro medio su valore della produzione medio Lega Pro 1a Divisione

7-12: 1 CAG R 0

,4%

1.828

1.814

1.579

1.912

CAG R 0 7-1

2: -3,8%

4,3 milioni (+3,5%)

Costo della produzione medio Lega Pro 1a Divisione

1,9 milioni (+21,1%)

Costo della produzione medio Lega Pro 2a Divisione

07-08 08-09 09-10 10-11 11-12

07-08 08-09 09-10 10-11 11-12

Costo della produzione medio per societ e incidenza del costo del lavoro sul valore della produzione: Lega Pro 1a Div. 2007-2012
4.000
92% 87%

Costo della produzione medio per societ e incidenza del costo del lavoro sul valore della produzione: Lega Pro 2a Div. 2007-2012
95% 1.800
75%

80%

migliaia

migliaia

82% 3.363 2.849 78% 2.724 2.541

83%

67% 1.550 65% 1.398 1.593 63%

2.925

1.305

1.261

0708
Costo della produzione

0809

0910

1011

1112

70%

0708
Costo della produzione

0809

0910

1011

1112

55%

Costo del lavoro/Valore della produzione

Costo del lavoro/Valore della produzione

Fonte: Elaborazioni PwC

114

64%

Evoluzione della struttura patrimoniale

4.4 IL PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA LEGA PRO

Patrimonio netto medio per societ: Lega Pro 1a Divisione 2007-2012


450

Patrimonio netto medio per societ: Lega Pro 2a Divisione 2007-2012


CAGR 07-12: -1,0%
50

2: CAG R 07-1

25,2%

migliaia

migliaia

40

42 1 -29

39

403 326 164

55

95

0708

0809

0910

1011

1112

(40)

0708

0809

0910

1011

1112

situazione patrimoniale media per societ: Lega Pro 1a Divisione 2007-2012


4.000
92%

situazione patrimoniale media per societ: Lega Pro 2a Divisione 2007-2012


95% 1.200
92% 97%

100%

migliaia

86% 3.809

migliaia

87%

87%

93% 1.184 1.090 1.029 1.082

3.133

81% 2.882 2.523 2.833

1.119

0708

0809

0910

1011

1112

75%

950

0708

0809

0910

1011

1112

75%

Situazione patrimoniale media


Fonte: Elaborazioni PwC

Debiti su totale attivit

Situazione patrimoniale media

Debiti su totale attivit

%
115

85%

90%

IMPATTO ECONOMICO DELLE PROMOZIONI E DELLE RETROCESSIONI

117

ReportCalcio 2013

Impatto economico delle promozioni e delle retrocessioni

INCREMENTO/DECREMENTO MEDIO DELLE PRINCIPALI VOCI DI CONTO ECONOMICO A SEGUITO DELLA PROMOZIONE IN SERIE A E RETROCESSIONE IN SERIE B NEL QUINQUENNIO 2007-2012

A B

- 2,6m

- 16,8m

+ 1,3m

- 17,8m

- 6,6m

- 12,8m

- 5,6m

- 4,8m

B A

Ingressi Stadio

Diritti TV

Contributi solidali

Valore produzione

Costo lavoro

Costo produzione

EBITDA

Risultato netto

+ 2,3m

+ 19,0m

- 1,6m

+ 21,2m

+ 10,9m

+ 20,9m

+ 2,8m

+ 1,3m

Fonte: Elaborazioni PwC

118

Impatto economico delle promozioni e delle retrocessioni

IMPATTO ECONOMICO DELLE PROMOZIONI E DELLE RETROCESSIONI

IMPATTO ECONOMICO DELLA PROMOZIONE / RETROCESSIONE DELLE CATEGORIE SERIE B, LEGA PRO PRIMA DIVISIONE E SECONDA DIVISIONE NEL QUINQUENNIO 2007-2012
Ingressi Stadio lega pro Diritti TV Contributi solidali Valore produzione Costo lavoro Costo produzione EBITDA Risultato netto

+ 0,2m
Valore produzione

+ 1,0m
Costo produzione

+ 1,4m
EBITDA

+ 4,5m
Risultato netto

+ 2,2m

+ 4,6m

+ 0,1m

+ 0,5m

B a 1 a 2
lega pro lega pro

- 3,0m

- 2,6m

- 0,3m

- 1,0m

- 0,8m

- 0,6m

+ 0,1M

- 0,1M

+ 0,7m

+ 0,9m

- 0,1m

- 0,2m

1 a 2 a 1
a
lega pro lega pro

lega pro

Nellesaminare i risultati presentati, deve essere tenuto in considerazione che nel periodo di analisi diverse societ, a seguito della retrocessione dalla Serie B alla Prima Divisione (10 societ) o dalla Prima Divisione alla Seconda (10 societ), sono fallite e/o ripartite da campionati della Lega Nazionale Dilettanti

Fonte: Elaborazioni PwC

119

5
il contributo fiscale e previdenziale del calcio professionistico
a cura del Centro Studi FIGC
121

ReportCalcio 2013

introduzione

Proseguendo con il percorso intrapreso con ReportCalcio 2012, in questa sezione si presentano i principali dati relativi alla contribuzione fiscale e previdenziale del calcio professionistico italiano. Lanalisi, rispetto alla precedente edizione, viene ulteriormente ampliata con la presentazione di informazioni relative ad un orizzonte quinquennale (dal 2006 al 2010). Lo studio stato strutturato in base ai dati forniti alla FIGC dal Dipartimento delle Finanze del Ministero dellEconomia e delle Finanze, dallInps (gestione ex Enpals) e dallAmministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (Aams). Dallanalisi emerge come il calcio professionistico, in conseguenza della straordinaria dimensione economica raggiunta nel corso degli ultimi anni, risulti un

comparto capace di generare entrate erariali e previdenziali assolutamente ragguardevoli. Sommando infatti tra loro i dati relativi alla contribuzione fiscale diretta (Iva, Ires, Irap e ritenute su lavoro dipendente ed autonomo), quella indotta attraverso il gettito derivante dalle scommesse sul calcio e quella previdenziale nel solo 2010 lapporto complessivo generato dal calcio professionistico risultato pari a 1.069,8 milioni di euro. Ai fini di determinare il gettito erariale sono state prodotte varie tavole statistiche, distinte per tipologia dimposta (Iva, Ires e Irap) e relative alle basi imponibili ed imposte dichiarate dalle societ calcistiche professionistiche per gli anni dimposta dal 2006 al 2010. Vengono

inoltre fornite altre utili informazioni, con la distinzione tra le retribuzioni corrisposte a lavoratori dipendenti (con le relative ritenute trattenute), i compensi corrisposti a lavoratori autonomi, le provvigioni corrisposte e infine il gettito erariale derivante dalle scommesse sul calcio. In una specifica sezione stato inoltre inserito il contributo previdenziale. Come per la precedente edizione, si rende necessario fornire alcune precisazioni sulle informazioni esposte. Nei dati Iva non sono presenti le informazioni dichiarative di alcune societ di Prima e Seconda Divisione (7 societ nel 2010), in quanto la dichiarazione stata presentata oltre i termini di scadenza previsti, oppure

si tratta di societ in fallimento. Si sottolinea inoltre che il 4,7% (6 societ nel 2010) delle societ calcistiche esaminate partecipa alla procedura di liquidazione dellIva di gruppo. Per quanto riguarda i dati Ires occorre evidenziare che per gli anni 2006 e 2007 laliquota era pari al 33%, mentre a partire dal 2008 scende al 27,5%. Inoltre nel confronto temporale occorre tener presente che nel 2008 sono state introdotte importanti variazioni normative che hanno comportato da un lato la finalit di ampliamento della base imponibile (ad esempio parziale indeducibilit degli interessi passivi e abolizione degli ammortamenti anticipati) e dallaltro variazioni di segno opposto (ad esempio aumento della percentuale

122

5 il contributo fiscale e previdenziale del calcio professionistico

di esenzione delle plusvalenze su partecipazioni e deducibilit Irap). Per le societ che liquidano ordinariamente limposta (94 societ nel 2010) si riscontrato che solo l8,5% ha un reddito imponibile nel 2010, e la percentuale scende al 5% nel 2006; tale fenomeno influenzato dallutilizzo delle perdite pregresse generate negli esercizi precedenti. Nel confronto con lanno 2007 occorre tener presente le diverse modalit di compilazione del quadro RN riferibile al reddito imponibile1. Le societ che aderiscono al regime del consolidato fiscale sono pari al 17% (21 nel 2010) con un trend in crescita negli anni in esame. Per queste societ, che trasferiscono il loro reddito o perdita in capo alla consolidante per la determinazione di una base imponibile

consolidata, si calcolata unimposta teorica sullimponibile prodotto dalla singola societ tenendo conto della variazione delle aliquote intervenute negli anni dimposta in esame (33% nel 2006 e 2007 e 27,5% nel 2010). Per quanto riguarda i dati Irap occorre evidenziare che laliquota era pari al 4,25% nel 2006 e 2007 mentre a partire dal 2008 scende al 3,9%. Nella confrontabilit temporale occorre tener presente che nel 2007 sono state introdotte nuove deduzioni2 per il costo del personale dipendente al fine di ridurre il cuneo fiscale. Inoltre a partire dallanno dimposta 2008 sono stati radicalmente cambiati i criteri di determinazione della base imponibile Irap che seguono il principio di derivazione contabile3.

La percentuale dei soggetti con base imponibile4 risulta pari a circa l83% nel 2006 e 2007 e scende al 79% nel 2010. Si rileva un forte incremento dellammontare della base imponibile dal 2006 al 2007 attribuibile prevalentemente ad alcune societ calcistiche che nel 2006 hanno una rilevante incidenza di ammortamenti per immobilizzazioni immateriali. Per quanto riguarda infine i dati del mod. 770 relativi alle certificazioni di lavoro dipendente, si segnala che limporto delle ritenute quello riferito alle operazioni di conguaglio effettuate dal sostituto dimposta e quindi sono al netto delle detrazioni e del credito dimposta eventualmente riconosciuto per le imposte pagate allestero a titolo definitivo. Quanto

sopra esposto giustificherebbe in parte lo scostamento tra le frequenze delle retribuzioni5 e le frequenze delle ritenute effettuate. Per quanto concerne infine la contribuzione previdenziale, si sottolinea che i dati sono riferiti ai contributi effettivamente versati dalle societ oggetto di rilevamento. La realizzazione stata resa possibile dal lavoro e dai dati forniti da: Dipartimento delle Finanze del Ministero dellEconomia e delle Finanze Inps gestione ex Enpals Aams

Nel quadro RN del 2006 il rigo riferibile al reddito imponibile comprende sia valori positivi che negativi, mentre nel 2007 comprende solo valori positivi. Nel 2007 sono state introdotte nuove deduzioni: la deduzione forfetaria di 5.000 euro per ogni lavoratore dipendente impiegato a tempo indeterminato; limporto elevato a 10.000 euro se il dipendente impiegato in alcune Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia; deduzione per i contributi assistenziali e previdenziali. 3 In linea generale i componenti positivi e negativi rilevano ai fini Irap in base alle regole stabilite dai principi contabili. 4 La base imponibile costituita prevalentemente dalle retribuzioni che non costituiscono un costo deducibile. 5 Nelle statistiche fornite sui dati 770, per reddito da lavoro dipendente si preso in considerazione il campo 1 del mod. 770 redditi per i quali possibile usufruire della detrazione di cui art. 13 commi 1, 2,3,4 del Tuir e pertanto eventuali scostamenti tra numero contribuenti e frequenza reddito lavoro dipendente pu essere attribuito alla presenza di altri redditi assimilati al lavoro dipendente indicati nel campo 2 del mod. 770.
1 2

123

ReportCalcio 2013

CONTRIBUTO FISCALE E PREVIDENZIALE AGGREGATO

1.069,8 milioni

contribuzione fiscale e previdenziale aggregata calcio professionistico 2010

CONFRONTO PER TIPOLOGIA CALCIO PROFESSIONISTICO


2006 Iva Ires Irap Ritenute Enpals Totale Scommesse Totale 183.384.101 1.492.599 34.664.426 399.136.527 74.195.779 692.873.432 171.664.767 864.538.199 2007 196.814.523 11.525.944 43.919.930 447.571.551 84.421.864 784.253.812 141.580.856 925.834.666 2008 207.776.374 7.422.423 43.859.629 505.425.472 92.360.517 856.844.415 176.683.476 1.033.527.891 2009 208.285.508 8.495.824 43.732.026 524.318.578 89.470.737 874.302.674 155.080.592 1.029.383.266 2010 206.293.833 11.252.599 39.738.046 553.879.364 92.499.798 903.663.641 166.103.679 1.069.767.320
Dati in euro

+23,7%

incremento del livello aggregato di contribuzione tra il 2006 e il 2010

714,5 milioni

contribuzione fiscale e previdenziale aggregata delle Serie A nel 2010 (+54% rispetto al 2006)

CONFRONTO PER SERIE CALCIO PROFESSIONISTICO


1.000.000
692.873 20.871 34.701 178.249 599.878 672.918 691.933 714.470 116.318 15.165 784.254 47.187 856.844 18.608 116.526 48.792 18.356 874.303 118.807 45.206 13.890 903.664 141.111

34.192

migliaia

464.759

0 2006
Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione

2007
Lega Pro 2a Divisione

2008

2009

2010

Fonte: Elaborazione del Centro Studi della FIGC su dati MEF Dipartimento delle Finanze, Inps gestione ex Enpals ed Aams

124

CONTRIBUTO FISCALE: IVA

5 il contributo fiscale e previdenziale del calcio professionistico

DISTRIBUZIONE DELLIMPONIBILE E DELLIMPOSTA IVA DELLE SOCIET CALCISTICHE PROFESSIONISTICHE ANNO DI IMPOSTA 2010
SERIE DI APPARTENENZA Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione Totale Numero soggetti 20 22 36 48 126 Numero soggetti con Iva di gruppo 6 0 0 0 6 Volume daffari Frequenza 20 21 34 44 119 Ammontare 1.588.702.022 276.539.540 72.348.753 39.144.698 1.976.735.013 Base imponibile Frequenza 20 21 34 44 119 Ammontare 826.590.593 166.878.257 25.114.341 21.047.601 1.039.630.792 Iva di competenza Frequenza 20 21 34 44 119 Ammontare 163.477.656 33.342.474 5.019.356 4.454.347 206.293.833

Nota: Importi espressi in euro. Per frequenza si intende il campione dei soggetti presi a riferimento nel calcolo della base imponibile e della conseguente imposta di competenza

confronto CONTRIBUTO IVA PER SERIE


183.384 196.815 6.164 10.371 30.011

RIPARTIZIONE IVA DI COMPETENZA PER SERIE ANNO DIMPOSTA 2010


206.294 4.454 5.019 33.342 16% 3% 2% Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione

210.000

44.607

127.694

150.268

167.643

166.392

163.478

206,3 milioni
79%

Lega Pro 2a Divisione

0 2006
Serie A Serie B

2007

2008

2009
Lega Pro 2a Divisione

2010

Lega Pro 1a Divisione

125

Fonte: Dati MEF - Dipartimento delle Finanze

4.387 6.696

207.776 5.004 10.040 25.090

208.286 5.007 8.807 28.080

migliaia

ReportCalcio 2013

CONTRIBUTO FISCALE: IRES

DISTRIBUZIONE DELLIMPONIBILE E DELLIMPOSTA Ires DELLE SOCIET CALCISTICHE PROFESSIONISTICHE ANNO DI IMPOSTA 2010
SOCIET IN REGIME DI LIQUIDAZIONE ORDINARIA
SERIE DI APPARTENENZA Numero soggetti Numero soggetti in regime di liquidazione ordinaria 9 15 29 41 94 Reddito Perdita Reddito imponibile Freq. 2 1 1 4 8 Ammontare 1.131.978 2.413.729 108.012 227.601 3.881.320 Freq. 1 1 1 4 7 Imposta dovuta Ammontare 257.713 661.909 24.587 56.662 1.000.871 20 22 36 48 126 Numero soggetti

SOCIET IN REGIME DI CONSOLIDATO


Numero soggetti in regime di consolidato 11 7 2 1 21 Reddito Perdita Reddito imponibile Freq. 3 1 0 0 4 Ammontare 36.194.715 1.084.297 0 0 37.279.012 Freq. 3 1 0 0 4 Imposta dovuta* Ammontare 9.953.547 298.182 0 0 10.251.728 10.211.260 960.091 24.587 56.662 TOTALE IRES

Freq. 6 7 7 9 29

Ammontare 16.083.039 13.318.460 1.903.571 588.215 31.893.285

Freq. 3 8 22 32 65

Ammontare 100.806.289 24.220.155 37.006.976 9.563.750 171.597.170

Freq. 3 1 0 0 4

Ammontare 36.194.715 1.084.297 0 0 37.279.012

Freq. 8 6 2 1 17

Ammontare 206.942.480 57.821.334 3.219.585 536.226 268.519.625

Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione Totale

20 22 36 48 126

11.252.599

Nota: Importi espressi in euro. Per frequenza si intende il campione dei soggetti presi a riferimento nel calcolo della base imponibile e della conseguente imposta di competenza *Limposta dovuta calcolata come imposta teorica pari al 27,5% dellimponibile

confronto CONTRIBUTO IRES PER SERIE


2006* Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione Totale
Nota: Importi espressi in euro * Nel confronto con lanno 2006 occorre tener presente le diverse modalit di compilazione del quadro RN riferibile al reddito imponibile. Nel quadro RN del 2006 infatti il dato riferibile al reddito imponibile comprende sia valori positivi che negativi, mentre dal 2007 comprende solo valori positivi

RIPARTIZIONE DEL CONTRIBUTO IRES PER SERIE ANNO DIMPOSTA 2010


2008 2009 8.143.852 246.120 22.469 83.383 8.495.824 2010 10.211.260 960.091 24.587 56.662 11.252.599
0,22% 0,50% Serie A 8,53% Serie B Lega Pro 1a Divisione
Fonte: Dati MEF - Dipartimento delle Finanze

2007 11.042.366 0 394.670 88.908 11.525.944

3.494 1.403.518 20.712 64.875 1.492.599

6.897.381 402.043 59.963 63.036 7.422.423

11,3 milioni
90,75%

Lega Pro 2a Divisione

126

CONTRIBUTO FISCALE: IRAP

5 il contributo fiscale e previdenziale del calcio professionistico

DISTRIBUZIONE DELLIMPONIBILE E DELLIMPOSTA IRAP DELLE SOCIET CALCISTICHE PROFESSIONISTICHE ANNO DI IMPOSTA 2010
SERIE DI APPARTENENZA Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione Totale Numero soggetti 20 22 36 48 126 Base imponibile Frequenza 20 20 24 35 99 Ammontare 778.512.454 123.807.806 28.318.277 19.693.664 950.332.201 Imposta dovuta Frequenza 20 20 24 35 99 Ammontare

RIPARTIZIONE DEL CONTRIBUTO IRAP PER SERIE ANNO DIMPOSTA 2010


3% 2% Serie A Serie B 13% Lega Pro 1a Divisione

32.689.931 5.032.950 1.190.184 824.981 39.738.046

39,7 milioni
82%

Lega Pro 2a Divisione

Nota: Importi espressi in euro. Per frequenza si intende il campione dei soggetti presi a riferimento nel calcolo della base imponibile e della conseguente imposta di competenza

confronto CONTRIBUTO IRAP PER SERIE


43.920 34.664 1.018 1.236 4.426 1.258 9.063 36.661 23.325 36.239 37.719 32.690 1.597 963 4.944 43.860 1.713 844 3.984 43.732 1.184 39.738 825 5.033 1.190 Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione
Fonte: Dati MEF - Dipartimento delle Finanze

45.000

migliaia

0 2006 2007 2008 2009 2010

127

ReportCalcio 2013

CONTRIBUTO FISCALE: 770

DISTRIBUZIONE DELLE CERTIFICAZIONI DI LAVORO DIPENDENTE E AUTONOMO DELLE SOCIET CALCISTICHE PROFESSIONISTICHE ANNO DI IMPOSTA 2010
COMUNICAZIONI DATI CERTIFICAZIONI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI
SERIE DI APPARTENENZA CUD emessi Reddito da lavoro Frequenza Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione Totale 3.830 2.615 2.476 2.035 10.956 3.815 2.610 2.475 2.035 10.935 Ammontare 1.099.516.131 192.709.438 48.501.235 18.362.831 1.359.089.635 Ritenute Frequenza 3.428 2.236 2.070 1.779 9.513 Ammontare 456.254.603 72.616.707 13.446.102 3.047.400 545.364.812 2.967 852 531 805 5.155

COMUNICAZIONI DI LAVORO AUTONOMO, PROVVIGIONI E REDDITI DIVERSI


Modelli emessi Imponibile Frequenza 2.796 801 510 529 4.636 Ammontare 33.225.400 6.806.977 2.507.438 1.014.825 43.554.640 Ritenute dacconto Frequenza 2.783 801 489 397 4.470 Ammontare 6.515.975 1.365.487 477.698 155.392 8.514.552 462.770.578 73.982.194 13.923.800 3.202.792 553.879.364

TOTALE RITENUTE

Nota: Importi espressi in euro. Per frequenza si intende il campione dei soggetti presi a riferimento nel calcolo della base imponibile e della conseguente imposta di competenza

confronto RITENUTE COMPLESSIVE PER SERIE


550.000
399.137 4.131 5.224 13.004 101.995 415.468 435.101 462.771 61.419 3.203 20.526 73.982
Fonte: Dati MEF - Dipartimento delle Finanze

505.425 447.572 17.034 4.603 64.462 20.892

524.319 5.258 63.434

553.879 13.924 Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione

migliaia

280.007

363.895

0 2006 2007 2008 2009 2010

128

REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE: IRPEF

5 il contributo fiscale e previdenziale del calcio professionistico

1.359 milioni

Lammontare complessivo del reddito da lavoro dipendente nel 2010 (+5,3% rispetto al 2009)

81%

Lincidenza del reddito da lavoro dipendente della Serie A sul dato complessivo del calcio professionistico

DATI AGGREGATI PER IL CALCIO PROFESSIONISTICO ITALIANO ANNO DI IMPOSTA 2010


CLASSI DI REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE (in euro) Fino a 5.000 Da 5.000 a 15.000 Da 15.000 a 35.000 Da 35.000 a 60.000 Da 60.000 a 100.000 Da 100.000 a 200.000 Oltre 200.000 Totale Numero contribuenti Contribuenti medi per societ Reddito da lavoro dipendente

Frequenza 2.547 2.909 2.041 751 516 496 966 10.226 20 23 16 6 4 4 8 81 2.526 2.909 2.041 751 516 496 966 10.205

Ammontare 4.730.532 25.766.702 45.786.557 34.341.113 39.850.900 69.132.849 1.139.480.982 1.359.089.635

Media 1.873 8.858 22.433 45.727 77.230 139.381 1.179.587 133.179

-9%

Il decremento tra il 2009 e il 2010 del numero complessivo di contribuenti (da 11.245 a 10.226)

966

Il numero di contribuenti con un reddito da lavoro dipendente superiore a 200.000

Nota: I dati su ammontare e media sono espressi in euro. Per frequenza si intende il campione dei soggetti presi a riferimento nel calcolo della base imponibile e della conseguente imposta di competenza

NUMERO DI CONTRIBUENTI MEDIO PER SOCIET ANNO DI IMPOSTA 2010


Serie A
180

NUMERO DI CONTRIBUENTI PER FASCE DI REDDITO ANNO DI IMPOSTA 2010


3.500
2.909 2.547 2.041
Fonte: Dati MEF - Dipartimento delle Finanze

Serie B

110

Numero di contribuenti

751

966 516 496

Lega Pro 1a Divisione

63

Fino a 5.000

Da 5.000 a 15.000

Da 15.000 a 35.000

Da 35.000 a 60.000

Da 60.000 a 100.000

Da 100.000 a 200.000

Oltre 200.000

Lega Pro 2 Divisione


a

39

129

ReportCalcio 2013

REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE: IRPEF

DATI PER SERIE ANNO DI IMPOSTA 2010


CLASSI DI REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE (in euro)

Serie A
Numero contribuenti 771 644 759 333 208 221 663 3.599 Contribuenti medi per societ 39 32 38 17 10 11 33 180 Reddito da lavoro dipendente Frequenza 756 644 759 333 208 221 663 3.584 Ammontare 1.568.364 6.121.925 17.587.815 15.219.252 16.009.394 31.086.982 1.011.922.399 1.099.516.131 Media 2.075 9.506 23.172 45.703 76.968 140.665 1.526.278 306.785 652 432 421 229 193 213 286 2.426 Numero contribuenti

Serie b
Contribuenti medi per societ 30 20 19 10 9 10 13 110 Reddito da lavoro dipendente Frequenza 647 432 421 229 193 213 286 2.421 Ammontare 1.265.769 3.995.088 9.592.270 10.579.007 15.038.391 29.775.626 122.463.287 192.709.438 Media 1.956 9.248 22.784 46.197 77.919 139.792 428.193 79.599

Fino a 5.000 Da 5.000 a 15.000 Da 15.000 a 35.000 Da 35.000 a 60.000 Da 60.000 a 100.000 Da 100.000 a 200.000 Oltre 200.000 TOTALE CLASSI DI REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE (in euro)

Lega Pro 1a Divisione


Numero contribuenti 654 744 547 153 109 61 17 2.285 Contribuenti medi per societ 18 21 15 4 3 2 0 63 Reddito da lavoro dipendente Frequenza 653 744 547 153 109 61 17 2.284 Ammontare 863.572 6.742.445 12.358.096 6.989.665 8.344.084 8.108.077 5.095.296 48.501.235 Media 1.322 9.062 22.592 45.684 76.551 132.919 299.723 21.235 470 1.089 314 36 6 1 0 1.916 Numero contribuenti

Lega Pro 2a Divisione


Contribuenti medi per societ 10 22 6 1 0 0 0 39 Reddito da lavoro dipendente Frequenza 470 1.089 314 36 6 1 0 1.916 Ammontare 1.032.827 8.907.244 6.248.376 1.553.189 459.031 162.164 0 18.362.831 Media 2.198 8.179 19.899 43.144 76.505 162.164 0 9.584

Fino a 5.000 Da 5.000 a 15.000 Da 15.000 a 35.000 Da 35.000 a 60.000 Da 60.000 a 100.000 Da 100.000 a 200.000 Oltre 200.000 TOTALE

Nota: I dati su ammontare e media sono espressi in euro. Per frequenza si intende il campione dei soggetti presi a riferimento nel calcolo della base imponibile e della conseguente imposta di competenza

Fonte: Dati MEF - Dipartimento delle Finanze

130

REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE: IRPEF

5 il contributo fiscale e previdenziale del calcio professionistico

CONFRONTO NUMERO DI CONTRIBUENTI PER CLASSI DI REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE


CLASSI DI REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE (in euro) fino a 5.000 da 5.000 a 15.000 da 15.000 a 35.000 da 35.000 a 60.000 da 60.000 a 100.000 da 100.000 a 200.000 oltre 200.000 TOTALE 2006 1.968 2.608 1.980 671 413 397 850 8.887 2007 2.022 2.910 2.006 658 439 435 899 9.369 2008 2.245 2.876 1.992 705 492 513 940 9.763 2009 2.783 3.380 2.183 825 574 530 970 11.245 2010 2.547 2.909 2.041 751 516 496 966 10.226

CONFRONTO NUMERO DI CONTRIBUENTI PER CLASSI DI REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE


3.380

4.000 Numero di contribuenti


2.783 2.910 2.547 2.608 2.876

2.909

2.245

2.022

2.006

2.183

1.968

1.980

1.992

2.041

940

970

825

671

658

705

751

574

530

439

492

516

435

413

0 fino a 5.000 da 5.000 a 15.000 da 15.000 a 35.000 da 35.000 a 60.000


2006 2007 2008 2009 2010

da 60.000 a 100.000

da 100.000 a 200.000

397

513

496

Fonte: Dati MEF - Dipartimento delle Finanze

850

oltre 200.000

899

966 131

ReportCalcio 2013

CONTRIBUTO PREVIDENZIALE: ENPALS

CONFRONTO RIPARTIZIONE CONTRIBUTO ENPALS PER SERIE


2006 Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione Totale 33.728.710 21.180.741 13.722.281 5.564.047 74.195.779 2007 38.011.506 20.461.604 17.791.435 8.157.319 84.421.864 2008 46.670.313 21.627.906 16.087.372 7.974.926 92.360.517 2009 44.576.835 23.063.204 14.666.820 7.163.878 89.470.737 2010 45.320.572 27.793.545 14.034.016 5.351.666 92.499.798 2011 47.575.013 22.901.773 14.586.753 7.306.188 92.369.728
Importi espressi in euro

RIPARTIZIONE CONTRIBUTO ENPALS PER SERIE ANNO DIMPOSTA 2011


Serie A 8% 16% Serie B Lega Pro 1a Divisione

92,4 milioni
25%

Lega Pro 2a Divisione 51%

CONFRONTO RIPARTIZIONE CONTRIBUTO ENPALS PER SERIE


100.000
74.196 5.564 13.722 21.181 92.361 84.422 8.157 7.975 16.087 21.628 20.462 46.670 44.577 45.321 47.575 89.471 7.164 14.667 23.063 92.500 5.352 14.034 27.794 92.370 7.306 14.587 22.902

migliaia

17.791

33.729

38.012

0 2006
Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione

2007
Lega Pro 2a Divisione

2008

2009

2010

2011

Fonte: Dati Inps gestione ex Enpals

132

CONTRIBUTO FISCALE DERIVANTE DALLE SCOMMESSE SUL CALCIO

5 il contributo fiscale e previdenziale del calcio professionistico

confronto GETTITO ERARIALE DERIVANTE DALLE SCOMMESSE SUL CALCIO

RACCOLTA E GETTITO ERARIALE PER CATEGORIA 2012


RACCOLTA
Campionato Serie A Campionato Serie B Champions League Premier League Campionati Europei Europa League Liga Campionato Francese Lega Pro 1a Divisione Bundesliga Coppa Italia 2a Divisione Francese Lega Pro 2a Divisione Championship Qualificazioni Mondiali Altri Totale 807.119.766 316.730.589 241.861.922 174.127.923 154.682.706 149.592.528 148.316.920 105.504.075 83.620.622 80.674.607 51.458.783 48.254.818 46.060.021 43.967.970 43.905.520 939.830.564 3.435.709.336

INCIDENZA SUL TOTALE


23,49% 9,22% 7,04% 5,07% 4,50% 4,35% 4,32% 3,07% 2,43% 2,35% 1,50% 1,40% 1,34% 1,28% 1,28% 27,35% 100,00%

GETTITO ERARIALE
32.502.138,94 12.754.515,57 9.739.607,59 7.012.007,63 6.228.962,56 6.023.984,71 5.972.616,88 4.248.574,08 3.367.342,96 3.248.709,03 2.072.208,61 1.943.187,20 1.854.804,30 1.770.558,90 1.768.044,06 37.846.308,36 138.353.571,36

155.080.592

166.103.679

142.108.217

138.353.571

2009
Dati in euro

2010

2011

2012

confronto incidenza del calcio sulle SCOMMESSE SPORTIVE


4.026 365 9,1% 4.396 364 8,3% 3.849 417 10,8% 3.941 505 12,8%

I 10 EVENTI CON IL MAGGIOR LIVELLO DI RACCOLTA NEL QUADRIENNIO 2009-2012


Ranking
1 2 3

Disciplina
Calcio Calcio Calcio Calcio Calcio Calcio Calcio Calcio Calcio Calcio

Manifestazione
Champions League Mondiali Campionati Europei Mondiali Mondiali Mondiali Campionati Europei Mondiali Mondiali Champions League

Avvenimento
Bayern Monaco - Inter Olanda - Spagna Spagna - Italia Germania - Spagna Vincente Mondiali Calcio Paraguay - Spagna Germania - Italia Argentina Germania Italia - Paraguay Barcellona Manchester Utd

Data e ora avvenimento


22/05/2010 20.45 11/07/2010 20.30 01/07/2012 20.45 07/07/2010 20.30 11/07/2010 20.30 03/07/2010 20.30 28/06/2012 20.45 03/07/2010 16.00 14/06/2010 20.30 27/05/2009 20.45

Movimento netto ()
14.385.426,28 14.375.170,35 12.629.940,50 10.870.904,89 9.655.394,15 9.115.418,90 8.978.298,98 Fonte: Dati Aams 8.693.615,20 8.420.283,85 8.417.547,51

3.662

90,9%

4.032

91,7%

3.432

89,2%

3.436

87,2%

4 5 6

2009
Raccolta derivante dalle scommesse sul calcio
Dati in milioni di euro

2010

2011
Raccolta derivante dalle scommesse su altri eventi

2012

7 8 9 10

133

Dati in euro

6
il bEnchmarking internazionale
a cura del Centro Studi FIGC
135

ReportCalcio 2013

introduzione

ReportCalcio 2013 prosegue come ledizione precedente, grazie al supporto della UEFA, con unampia disamina del profilo del calcio europeo. Data la dimensione globale del fenomeno calcistico, per ogni Federazione diventa sempre pi importante poter disporre di dati di confronto rispetto alle altre realt nazionali, e per questo si inteso ampliare significativamente lo spazio e i contenuti del benchmarking internazionale. In particolare, i temi che trovano sviluppo sono i seguenti: per quanto riguarda il profilo economico-finanziario, vengono presentati per ogni Federazione i conti economici aggregati dei club di prima divisione, la dimensione e la struttura dei ricavi e dei costi, i risultati economici e la struttura patrimoniale

il trend storico relativo alla concessione delle Licenze UEFA i dati sullaffluenza agli stadi, sezione notevolmente arricchita rispetto alledizione precedente, con linserimento oltre ai dati sulle top division anche di quelli relativi alle coppe europee (Champions League ed Europa League) e ai principali campionati degli altri continenti un esame storico dellandamento del costo medio del titolo di accesso agli impianti, messo in rapporto al salario medio giornaliero (Indexuva) le caratteristiche demografiche delle squadre di prima divisione in Europa, con lanalisi dellet media, della percentuale di calciatori stranieri e del numero di giocatori cresciuti nei settori giovanili dei diversi club

un raffronto tra i modelli di governance e la propriet degli impianti delle societ partecipanti alle coppe europee nel 2012-2013 un inedito confronto tra levoluzione della contribuzione fiscale e previdenziale del calcio professionistico in Italia, Germania, Inghilterra e Francia Come per la scorsa edizione, lo sviluppo di questa parte si basa sulla grande disponibilit di informazioni contenute nel rapporto annuale sul calcio europeo della UEFA (The European Club Licensing Benchmarking Report Financial Year 2011). Per lo svolgimento delle nuove sezioni, inoltre, sono state utilizzate le informazioni raccolte nel Demographic Study 2012, elaborato dal Cies (Centre International dEtude du Sport), insieme allelaborazione

dei dati contenuti nella sezione sulla contribuzione fiscale e previdenziale del calcio professionistico italiano. Oltre alle note metodologiche inserite nelle varie pagine di questa sezione, opportuno anche sottolineare come i dati economico-finanziari presentati in questa parte per la Serie A italiana differiscono rispetto a quelli presenti nella parte Il calcio professionistico, a causa delle diverse modalit di riclassificazione adottate dalla UEFA, di una leggera difformit nel campione di bilanci analizzato e dei campioni delle societ che chiudono il bilancio al 31 dicembre. La realizzazione di questa parte stata resa possibile grazie al contributo della UEFA, e in particolare di Andrea Traverso, Responsabile delle Licenze UEFA e del Financial Fair Play, e di Sefton Perry, Benchmarking Manager.

136

CONTO ECONOMICO DEI CLUB DI PRIMA DIVISIONE

6 il bEnchmarking internazionale

CONTO ECONOMICO AGGREGATO


2007 Diritti media Sponsor e advertising Ricavi da gare Ricavi commerciali e altri ricavi Fatturato totale* Costi per il personale Costi netti da trasferimenti** Altri costi*** Costi totali Risultato netto 3,5 2,7 2,5 1,9 10,6 6,2 0,4 4,5 11,2 -0,6 2008 4,0 2,8 2,5 2,0 11,4 7,1 0,3 4,6 12,0 -0,6 2009 4,2 3,0 2,5 2,1 11,7 7,5 0,5 5,0 12,9 -1,2 2010 4,5 3,2 2,6 2,5 12,8 8,2 0,9 5,3 14,4 -1,6 2011 4,8 3,3 2,5 2,5 13,2 8,6 0,8 5,5 14,8 -1,7 cagr 2007-2011 +8,2% +5,2% +0,7% +7,2% +5,6% +8,5% +17,0% +4,7% +7,4% +29,3%

13,2 miliardi

Il fatturato aggregato dei 734 club partecipanti alle 53 top division europee nel 2011

+5,6%

Cagr 2007-2011 del fatturato totale, rispetto al +0,5% delleconomia europea nel medesimo periodo

65%

*al netto delle plusvalenze derivanti dalla cessione dei calciatori e comprensivi delle poste straordinarie **comprendono gli ammortamenti e le svalutazioni dei diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori meno il saldo tra plusvalenze e minusvalenze derivanti dalla cessione dei giocatori ***comprendono gli altri costi operativi e i costi non operativi (oneri finanziari netti, tasse e il saldo netto derivante dalla cessione di asset diversi dai calciatori)
Dati in miliardi Nota: I dati vengono aggiornati anno per anno in relazione alla variazione dei tassi di cambio delle valute nazionali. In ognuno degli esercizi considerati, lanalisi stata effettuata su un campione rappresentativo di bilanci disponibili e sulla stima dei dati dei rimanenti club Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su dati UEFA

Incidenza dei costi per il personale sul fatturato nel 2011, dato in continua crescita nellultimo quinquennio (nel 2007 non superava il 59%)

-1,7 miliardi

La perdita netta aggregata nel 2011, rispetto ai circa 0,6 miliardi di risultato netto negativo rilevati nel 2007 e nel 2008

137

ReportCalcio 2013

RICAVI A CONFRONTO

confronto RICAVI AGGREGATI CLUB DI PRIMA DIVISIONE


10,6 11,4 11,7 12,8 2,5 2,6 3,2 4,5 13,2 2,5 2,5 3,3 4,8

CAGR

confronto RICAVI MEDI PER SOCIET 10 TOP LEAGUE


160,0
134,1 134,0 91,3 100,6

+5,6% +7,2%

14 milioni
1,9 2,5 2,7 3,5 2,0 2,5 2,8 4,0 2,1 2,5 3,0 4,2 +0,7% +5,2% +8,2%

82,0 84,7

miliardi

78,8 81,5 53,7 56,5

38,4 39,7

28,6 24,7

23,3 23,9

17,1 18,6

2007

2008
Ricavi da gare

2009

2010

2011
Diritti media

0 ING GER* SPA ITA FRA RUS TUR OLA POR** SCO
Ricavi medi per societ 2010 Ricavi medi per societ 2011

Ricavi commerciali e altri ricavi

Sponsor e advertising

RICAVI MEDI PER SOCIET E TOTALI - 10 TOP LEAGUE 2011


Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su dati UEFA

numero di societ

ricavi media medi per societ

ricavi da gare medi per societ

ricavi da sponsorship, advertising e commerciali medi per societ migliaia 31.633 39.616 20.671 16.078 14.429 16.484 8.353 12.853 10.375 6.180 % sul totale 24% 39% 24% 20% 26% 41% 34% 54% 56% 39%

altri ricavi medi per societ

totale ricavi medi per societ migliaia 134.046 100.634 84.660 81.459 56.542 39.737 24.652 23.946 18.620 15.784

fatturato totale

migliaia ING GER SPA ITA FRA RUS TUR OLA POR SCO 20 18 20 20 20 16 18 18 16 12 68.784 29.276 31.938 46.275 30.390 4.866 10.850 4.351 2.588 1.869

% sul totale 51% 29% 38% 57% 54% 12% 44% 18% 14% 12%

migliaia 30.525 21.380 27.015 9.163 6.567 1.632 3.298 5.426 3.029 6.816

% sul totale 23% 21% 32% 11% 12% 4% 13% 23% 16% 43%

migliaia 3.104 10.361 5.036 9.944 5.155 16.755 2.151 1.316 2.628 919

% sul totale 2% 10% 6% 12% 9% 42% 9% 5% 14% 6%

migliaia 2.680.919 1.811.412 1.693.209 1.629.183 1.130.836 635.786 443.743 431.025 297.925 189.404

Nota: Il fatturato totale viene considerato al netto delle plusvalenze derivate dalla cessione dei calciatori. Gli altri ricavi comprendono: donazioni, sovvenzioni, contributi di solidariet, e altri ricavi straordinari * Il significativo incremento del fatturato medio dei club tedeschi deriva in parte dallestensione del perimetro societario di analisi di alcuni club tra il 2010 e il 2011 (con linclusione cio dei dati del bilancio consolidato rispetto a quelli specifici del bilancio di esercizio) ** I dati economico-finanziari relativi al campionato portoghese si riferiscono allanalisi dei bilanci di 7 club nel 2010 e di 6 club nel 2011, ovvero delle societ che hanno fatto richiesta per le Licenze UEFA, e a delle stime effettuate per gli altri club

138

17,4 15,8

costi A CONFRONTO

6 il bEnchmarking internazionale

confronto COSTI AGGREGATI DEI CLUB DI PRIMA DIVISIONE


11,2 12,0 12,9 14,4 14,8

CAGR

confronto costi medi per societ 10 top league


180,0
159,6 155,6

+7,4%

16 miliardi
5,0 0,5 7,5 5,3 0,9 8,2 5,5 0,8 8,6 +4,7% +17,0% +8,5%

32,3 26,9

27,3 27,2

0,4 6,2

0,3 7,1

43,5 55,1

4,5

59,1 59,2

4,6

milioni

86,8 92,0

91,0 97,4

95,7 98,5

19,1 21,8

2007

2008

2009

2010
Altri costi

2011

0 ING GER* SPA ITA FRA RUS TUR OLA POR** SCO
Costi medi per societ 2010 Costi medi per societ 2011

Costi per il personale

Costi netti da trasferimenti

COSTI MEDI PER SOCIET E TOTALI - 10 TOP LEAGUE 2011


Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su dati UEFA

numero di societ

stipendi per il personale medi per societ migliaia Incidenza sul fatturato 68% 52% 61% 71% 70% 75% 72% 64% 58% 62%

costi operativi medi per societ migliaia 39.465 41.915 24.844 31.438 20.118 14.041 6.574 10.837 8.382 6.139 Incidenza sul fatturato 29% 42% 29% 39% 36% 35% 27% 45% 45% 39%

costi netti non operativi medi per societ migliaia 5.716 3.865 4.903 1.913 -322 353 3.193 515 2.863 28 Incidenza sul fatturato 4% 4% 6% 2% -1% 1% 13% 2% 15% 0%

costi netti da trasferimenti medi per societ migliaia 18.613 709 10.526 6.277 -21 10.831 -464 446 -271 31 Incidenza sul fatturato 14% 1% 12% 8% 0% 27% -2% 2% -1% 0%

totale costi medi per societ migliaia 155.578 98.547 92.016 97.428 59.225 55.115 26.949 27.204 21.788 16.056 Incidenza sul fatturato 116% 98% 109% 120% 105% 139% 109% 114% 117% 102%

costi totali migliaia 3.111.551 1.773.845 1.840.318 1.948.562 1.184.497 881.842 485.086 489.673 348.615 192.675

ING GER SPA ITA FRA RUS TUR OLA POR SCO

20 18 20 20 20 16 18 18 16 12

91.785 52.058 51.742 57.800 39.449 29.891 17.647 15.406 10.814 9.858

Nota: I costi netti non operativi comprendono gli oneri finanziari netti, le tasse e il saldo netto derivante dalla cessione di asset diversi dai calciatori * Il trend dei costi medi dei club tedeschi risente in parte dellestensione del perimetro societario di analisi di alcuni club tra il 2010 e il 2011 (con linclusione cio dei dati del bilancio consolidato rispetto a quelli specifici del bilancio di esercizio) ** I dati economico-finanziari relativi al campionato portoghese si riferiscono allanalisi dei bilanci di 7 club nel 2010 e di 6 club nel 2011, ovvero delle societ che hanno fatto richiesta per le Licenze UEFA, e a delle stime effettuate per gli altri club

17,4 16,1 139

ReportCalcio 2013

RISULTATO NETTO DEI CLUB DI PRIMA DIVISIONE

55%

0,0 miliardi

0%

-0,6

-0,6 -1,2 -1,6 -1,7

-856 milioni

Risultato netto aggregato dei 10 club con le pi elevate perdite nel 2011 (il 51% della perdita aggregata)

37,6 milioni

Risultato netto aggregato del campionato tedesco, lunico tra le 10 top division a riportare un utile nel 2011

-5,8%

-5,6% -9,9%

-1,8
Risultato netto Rapporto risultato netto / fatturato

-12,8%

-12,7%

-14%

confronto RISULTATO NETTO MEDIO PER SOCIET 10 TOP LEAGUE


2,1

RISULTATO NETTO MEDIO PER SOCIET E TOTALE 10 TOP LEAGUE 2011


0,0 -0,3

5,0

numero di societ di prima divisione ING GER SPA ITA FRA RUS TUR OLA POR* SCO 20 18 20 20 20 16 18 18 16 12

risultato netto medio per club -21.532 2.087 -7.362 -15.969 -2.683 -15.378 -2.297 -3.258 -3.168 -273

risultato netto totale -430.632 37.567 -147.249 -319.379 -53.661 -246.056 -41.343 -58.648 -50.690 -3.271
Dati in migliaia

-5,4 -2,7

-3,7 -2,3

-4,3

-4,8 -7,4

milioni

-12,2 -16,0

-30,0

-25,5 -21,5

ING

GER

SPA

ITA

FRA

RUS

-15,4

-5,1

TUR

OLA

-4,0 -3,3

POR*

-2,0 -3,2

SCO

Risultato netto medio per societ 2010

Risultato netto medio per societ 2011

* I dati economico-finanziari relativi al campionato portoghese si riferiscono allanalisi dei bilanci di 7 club nel 2010 e di 6 club nel 2011, ovvero delle societ che hanno fatto richiesta per le Licenze UEFA, e a delle stime effettuate per gli altri club Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su dati UEFA

140

Incidenza sul fatturato

Percentuale dei club europei di prima divisione in perdita nel 2011

-12,7%

Rapporto tra risultato netto e fatturato nel 2011, rispetto al -5,8% del 2007

confronto RISULTATO NETTO AGGREGATO DEI CLUB DI PRIMA DIVISIONE


2007 2008 2009 2010 2011

STATO PATRIMONIALE DEI CLUB DI PRIMA DIVISIONE

6 il bEnchmarking internazionale

EVOLUZIONE DELL ATTIVO


2010 Immobilizzazioni materiali Diritti plur. alle prestazioni dei calciatori Altre immobilizzazioni Cassa Crediti per trasferimenti Altre attivit correnti Attivit stimate (club esclusi dal sample) Totale attivo 5,9 5,2 3,2 1,5 1,5 3,3 0,4 21,0 2011 6,6 5,0 3,0 1,8 1,7 3,6 0,1 21,8
Dati in miliardi

EVOLUZIONE DEL PASSIVO


2010 Patrimonio netto Debiti bancari e commerciali Debiti verso gruppi e parti correlate Altre passivit a lungo termine Debiti fiscali e da oneri sociali Debiti per trasferimenti Debiti verso dipendenti Altre passivit a breve termine Passivit stimate (club esclusi dal sample) Totale passivo 1,9 5,5 2,9 2,3 1,2 2,3 0,6 3,9 0,4 21,0 2011 3,3 5,1 2,6 2,1 1,4 2,3 0,7 4,1 0,2 21,8
Dati in miliardi

+12%

Incremento delle immobilizzazioni materiali tra il 2010 (5,9 miliardi) e il 2011 (6,6 miliardi)

5,1 miliardi

Debiti bancari e commerciali nel 2011 (-7% rispetto al 2010)

LA COMPOSIZIONE DELLATTIVO NEL 2011


0,5% Immobilizzazioni materiali Diritti plur. alle prestazioni dei calciatori 30,3% 7,8% 8,3% 13,8% 22,9% Altre immobilizzazioni Cassa Crediti per trasferimenti Altre attivit correnti Attivit stimate (club esclusi dal sample)

LA COMPOSIZIONE DEL PASSIVO NEL 2011


0,9%

Patrimonio netto Debiti bancari e commerciali Debiti verso gruppi e parti correlate

15%

Equity ratio nel 2011 Dato in aumento rispetto al 9% del 2010

16,5%

18,8% 3,2% 10,6% 6,4% 9,6%

15,1%

Altre passivit a lungo termine Debiti fiscali e da oneri sociali 23,4% Debiti per trasferimenti Debiti verso dipendenti

255

11,9%

Altre passivit a breve termine Passivit stimate (club esclusi dal sample)

Il numero di club con Patrimonio Netto negativo nel 2011 (il 38% di quelli analizzati, rispetto al 36% del 2010)

Nota: In ognuno degli esercizi considerati, lanalisi stata effettuata su un sample rappresentativo di bilanci disponibili e sulla stima dei dati dei rimanenti club. Nel 2011, in particolare, il dato relativo ad unanalisi effettuata sui bilanci di 679 societ, vale a dire il 92,5% dei club partecipanti alle prime divisioni dei campionati delle 53 Federazioni Nazionali appartenenti alla UEFA. Nel rimanente 7,5% dei casi stata effettuata una stima, riportata nella specifica categoria attivit-passivit stimate dei club non presenti nel sample

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su dati UEFA

141

ReportCalcio 2013

LICENZE UEFA

A partire dalla stagione 2004-2005, le Licenze UEFA rappresentano insieme al merito sportivo il titolo di ammissione alle competizioni europee. In base alla regolamentazione della UEFA, sono infatti ammesse a partecipare alle competizioni calcistiche europee solo le societ che, oltre ad avere conseguito il titolo sportivo, abbiano ottenuto anche la Licenza UEFA. Le societ che richiedono la Licenza UEFA sono tenute a rispettare una serie di requisiti e criteri, a livello sportivo, infrastrutturale, organizzativo, legale ed economico-finanziario.

LA CONCESSIONE DELLE LICENZE UEFA - I CLUB DELLE TOP DIVISION


800
106 99 114 101 126 110 123 101 84

Numero societ

478

500

531

554

503

498

488

490

497

123

108

73

74

104

122

122

139

153

04-05
Licenze non richieste

05-06

06-07

07-08
Licenze non concesse

08-09

09-10

10-11

11-12

12-13

497

Licenze concesse

Numero di licenze UEFA concesse nel 2012-2013

I CLUB NON AMMESSI ALLE COMPETIZIONI EUROPEE


7
FC Lokomotiv (KAZ) Neath FC (WAL) Cork City FC (IRL) FK Vetra (LTU) FC Mallorca (ESP) Portsmouth FC (ENG) FC Lokomotiv (KAZ) Sp. Fingal FC (IRL) FK Zalgiris (LTU) FC Lokomotiv (KAZ) FC Timisoara (ROU) AEK FC (GRE) Gyri ETO (HUN) Besiktas A.. (TUR) Derry City FC (IRL) Rangers FC (SCO)

14%

FC Olimpija (SVN) FC Koper (SVN) FC Tobol (KAZ) FC Ekibastuzets (KAZ) FC Irtysh (KAZ) FK Zeljeznicar (BIH) FK Sarajevo (BIH) FC Taraz (KAZ) FC Irtysh (KAZ) PAOK (GRE) FC Astana (KAZ) FK Vozdovoc (SRB) Shelbourne FC (IRL) FK Zemun (SRB) Coleraine FC (NIR) CSKA Sofia (BUL)

FC Daugava (LVA) FC Ararat (ARM) FC Kaisar (KAZ) FK Sloboda (BIH) Beitar Jerusalem (ISR)

34

Il numero di club che tra il 2004-2005 e il 2012-2013 non hanno potuto partecipare alle competizioni europee per la mancata concessione della Licenza UEFA
142

04-05

05-06

06-07

07-08

08-09

09-10

10-11

11-12

12-13

Non ammissione alla Champions League

Non ammissione allEuropa League/Coppa UEFA

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su dati UEFA

Numero societ

La percentuale di club richiedenti che non hanno ottenuto la concessione della Licenza UEFA nel 2012-2013 (84 sui 581 club richiedenti)

AFFLUENZA ALLO STADIO IN EUROPA

6 il bEnchmarking internazionale

AFFLUENZA TOTALE E MEDIA NEI CAMPIONATI EUROPEI DI PRIMA DIVISIONE 2011-2012


affluenza totale 2011-2012 GER ING SPA ITA OLA FRA SCO RUS SVI UCR TOTALE TOP 10 TOTALE ALTRI CAMPIONATI TOTALE CAMPIONATI EUROPEI 13.805.462 13.148.133 10.942.404 8.362.025 5.956.562 7.170.505 3.161.219 4.541.790 1.985.065 2.714.190 71.787.355 31.395.216 103.182.571 numero partite 306 380 380 380 306 380 228 352 162 240 3.114 affluenza media 2011-2012 45.116 34.600 28.796 22.005 19.466 18.870 13.865 12.903 12.253 11.309 23.053 affluenza media 2010-2011 42.665 35.294 28.221 23.541 19.296 19.742 13.670 12.250 11.365 9.225 23.132 Variazione % affluenza media dal 2010-2011 +5,7% -2,0% +2,0% -6,5% +0,9% -4,4% +1,4% +5,3% +7,8% +22,6% -0,3% club con maggiore affluenza media Borussia Dortmund Manchester United Barcellona Milan Ajax Paris Saint-Germain Celtic FK Kuban Krasnodar Basilea Shakhtar Donetsk affluenza media top club 80.521 75.387 75.844 48.487 50.147 42.892 50.904 20.786 29.775 36.983 Rapporto medio rapporto affluenza top club - affluenza media generale 1,8 2,2 2,6 2,2 2,6 2,3 3,7 1,6 2,4 3,3 2,5

AFFLUENZA MEDIA TOP LEAGUE 2011-2012


50.000
45.116

AFFLUENZA TOTALE E MEDIA NELLE COPPE EUROPEE 2011-2012


fase della competizione numero di partite 213 125 96 29 480 205 144 61 693 330 240 90 affluenza totale 6.457.932 5.259.399 3.699.187 1.560.212 6.971.532 4.317.490 2.439.354 1.878.136 13.429.464 9.576.889 6.138.541 3.438.348 affluenza media per partita 30.319 42.075 38.533 53.800 14.524 21.061 16.940 30.789 19.379 29.021 25.577 38.204

Spettatori per partita

34.600 28.796 22.005 19.466 18.870 13.865 12.903 12.253 11.309 UEFA Europa League 2011/12 UEFA Club competitions Dati aggregati 2011/12 UEFA Champions League 2011/12

Q&GS&KO GS&KO GS KO Q&GS&KO GS&KO GS KO Q&GS&KO GS&KO GS KO

0 GER ING SPA ITA OLA FRA SCO RUS SVI UCR
Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su dati UEFA

Legenda: KO (Knock-Out Phase) - Fase a eliminazione diretta; GS (Group Stage) - Fase a gruppi; Q (Qualification) - Turni di qualificazione

143

ReportCalcio 2013

AFFLUENZA E RIEMPIMENTO DEGLI STADI

societ di top division 2011-2012


Numero societ Numero partite di campionato Affluenza media campionato Affluenza totale campionato Capienza media campionato Riempimento % capienza Affluenza potenziale totale Gap di affluenza Numero partite coppe nazionali Affluenza media coppe nazionali Affluenza totale coppe nazionali Riempimento % capienza Affluenza potenziale totale Gap di affluenza Numero partite coppe europee Affluenza media coppe europee Affluenza totale coppe europee Riempimento % capienza Affluenza potenziale totale Gap di affluenza Numero partite totali Affluenza totale effettiva Affluenza media Riempimento % capienza Affluenza potenziale totale Posti invenduti 18 307 45.191 13.873.503 48.796 93% 14.980.286 1.106.783 15 42.390 635.846 75% 850.883 215.037 30 50.675 1.520.246 88% 1.723.520 203.274 352 16.029.595 45.539 91% 17.554.689 1.525.094 20 380 34.600 13.148.133 37.525 92% 14.259.500 1.111.367 55 28.994 1.594.677 74% 2.165.575 570.898 38 38.562 1.465.361 88% 1.661.325 195.964 473 16.208.171 34.267 90% 18.086.400 1.878.229 20 380 28.796 10.942.404 37.845 76% 14.381.043 3.438.639 43 28.460 1.223.772 65% 1.874.123 650.351 41 43.180 1.770.395 74% 2.401.483 631.088 464 13.936.571 30.036 75% 18.656.649 4.720.078 20 380 22.005 8.362.025 40.165 55% 15.262.871 6.900.846 37 12.822 474.423 31% 1.523.099 1.048.676 26 38.692 1.006.001 62% 1.616.209 610.208 443 9.842.449 22.218 53% 18.402.179 8.559.730 20 380 18.870 7.170.505 26.834 70% 10.196.920 3.026.415 33 11.900 392.692 39% 997.659 604.967 23 25.708 591.285 65% 915.577 324.292 436 8.154.482 18.703 67% 12.110.156 3.955.674

totale
98 1.827 29.281 53.496.570 37.811 77% 69.080.620 15.584.050 183 23.614 4.321.410 58% 7.411.339 3.089.929 158 40.211 6.352.288 76% 8.318.114 1.964.826 2.168 64.171.268 29.599 76% 84.810.073 20.638.805

77%

Percentuale media di riempimento degli impianti nelle partite di campionato, rispetto al 58% delle coppe nazionali, all83% della Champions League e al 68% dellEuropa League

91%

Percentuale media di riempimento degli impianti tedeschi, per unaffluenza complessiva di circa 16 milioni di spettatori

9,8 milioni

Il numero complessivo di spettatori presenti nelle partite disputate negli stadi italiani (-6% rispetto al 2010-2011)

Lanalisi si riferisce alle 2.168 partite ufficiali disputate negli stadi utilizzati nel 2011-2012 da societ partecipanti alle 5 top league europee: Bundesliga (Germania), Premier League (Inghilterra), Liga (Spagna), Serie A (Italia) e Ligue 1 (Francia). Lelaborazione comprende le gare giocate a livello di campionato (comprensivo in Germania del playout), coppe nazionali e coppe europee. I dati relativi alle coppe europee comprendono Champions League ed Europa League, mentre con riferimento ai dati riferiti alle coppe nazionali si segnala che in Francia e in Inghilterra si disputano due coppe: Coupe de France e Coupe de Ligue (Francia), FA Cup e Football League Cup (Inghilterra)

8,6 milioni

Il numero complessivo di posti rimasti invenduti negli stadi italiani (quasi 439.00 in pi rispetto al 2010-2011)

Fonte: Elaborazione Centro Studi FIGC su dati UEFA, Lega Serie A, transfermarkt.it, europeanfootballstatistics.co.uk

144

AFFLUENZA E RIEMPIMENTO DEGLI STADI

6 il bEnchmarking internazionale

confronto AFFLUENZA MEDIA CAMPIONATO


50.000
42.702 45.191 35.294 34.600 28.221 28.796 23.541 22.005 19.742 18.870

confronto AFFLUENZA MEDIA COPPE NAZIONALI


45.000 Spettatori per partita
35.635 27.471 28.994 22.307 12.299 12.822 28.460 42.390

Spettatori per partita

10.317

11.900

0 Germania
2010-2011

0 Inghilterra Spagna Italia Francia


2010-2011

Germania

Inghilterra

Spagna

Italia

Francia

2011-2012

2011-2012

confronto AFFLUENZA MEDIA COPPE EUROPEE


Germania Champions League 2010-2011 Champions League 2011-2012 Variazione % Europa League 2010-2011 Europa League 2011-2012 Variazione % 49.463 55.692 +13% 23.606 45.658 +93% inghilterra 51.830 51.946 +0% 34.007 27.728 -18% spagna 62.001 55.554 -10% 19.721 32.494 +65% italia 51.790 54.308 +5% 22.998 20.475 -11% francia 35.896 28.463 -21% 16.894 22.126 +31%

confronto AFFLUENZA MEDIA GENERALE


50.000
41.855 45.539 34.921 34.267 28.525 30.036 23.475 22.218 19.313 18.703

Spettatori per partita

0 Germania
2010-2011

Inghilterra

Spagna

Italia

Francia

Fonte: Elaborazione Centro Studi FIGC su dati UEFA, Lega Serie A, transfermarkt.it, europeanfootballstatistics.co.uk

2011-2012

145

ReportCalcio 2013

AFFLUENZA E RIEMPIMENTO DEGLI STADI

confronto RIEMPIMENTO MEDIO CAPIENZA IN CAMPIONATO


100% Riempimento % capienza
91% 93% 92% 92% 75% 76% 59% 55%

confronto RIEMPIMENTO MEDIO CAPIENZA NELLE COPPE NAZIONALI


80% Riempimento % capienza
71% 75% 70% 74% 65% 51% 39% 39% 26% 31%

70%70%

0% Germania
2010-2011

0% Inghilterra Spagna Italia Francia


2010-2011

Germania

Inghilterra

Spagna

Italia

Francia

2011-2012

2011-2012

confronto RIEMPIMENTO MEDIO CAPIENZA NELLE COPPE EUROPEE


Germania Champions League 2010-2011 Champions League 2011-2012 Europa League 2010-2011 Europa League 2011-2012 94% 91% inghilterra 97% 96% spagna 80% 79% italia 67% 77% francia 86% 66%

confronto RIEMPIMENTO MEDIO CAPIENZA GENERALE


100% Riempimento % capienza
88% 91% 88% 90% 72% 75% 68% 67% 56% 53%

49% 85%

74% 79%

62% 67%

56% 39%

51% 63%

0% Germania
2010-2011

Inghilterra

Spagna

Italia

Francia

Fonte: Elaborazione Centro Studi FIGC su dati UEFA, Lega Serie A, transfermarkt.it, europeanfootballstatistics.co.uk

2011-2012

146

AFFLUENZA ALLO STADIO: CONFRONTO MONDIALE

6 il bEnchmarking internazionale

affluenza media per partita 2011-2012

18.033 15.797 17.947


Cina Giappone

USA

34.600 13.865
Scozia

Inghilterra

Olanda

19.466
Germania

26.547

Messico

45.116
Svizzera

12.903
South Korea

Russia

7.376

Colombia

14.976
Argentina

Brasile

11.634

28.796
Francia

Spagna

12.253
Ucraina

11.309 18.870

Emirati Arabi Uniti

3.164 10.819
Australia

18.165

22.005

Italia

Repubblica del Sudafrica

7.007

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su dati UEFA

147

ReportCalcio 2013

PREZZO DEL TITOLO DI ACCESSO E INCIDENZA SUGLI STIPENDI

INCIDENZA PREZZO MEDIO DEL TITOLO DI ACCESSO SU STIPENDIO MEDIO GIORNALIERO 2011
Incidenza (Indexuva 2011) ING GER SPA ITA FRA GRE OLA SVI POR POL 59,3% 45,3% 92,1% 41,3% 29.8% 95.3% 22,2% 35,6% 48,4% 26,0% Ricavi da gare totali ( migliaia) 610.507 384.843 540.296 183.250 131.340 51.303 97.666 62.301 48.469 16.222 Affluenza totale Affluenza media Prezzo medio del titolo di accesso 45,5 29,5 50,4 20,5 17,5 33,3 16,5 30,5 20,0 8,0 Salario medio giornaliero 2011 76,8 65,1 54,7 49,6 58,7 34,9 74,6 85,5 41,4 30,6

AFFLUENZA MEDIA E PREZZO DEL TITOLO DI ACCESSO NEI PRINCIPALI CAMPIONATI EUROPEI 2011
60 Prezzo del titolo di accesso () 50 40 30 20 10 0 0 5.000
GRE SVI POR FRA OLA ITA GER SPA ING

13.411.720 13.055.592 10.723.790 8.945.763 7.501.998 1.541.865 5.904.695 2.045.772 2.419.095 2.039.070

35.294 42.665 28.221 23.541 19.742 6.424 19.296 11.365 10.080 8.496

POL

10.000 15.000 20.000 25.000 30.000 35.000 40.000 45.000 Affluenza media
Prezzo medio= 27,2

Aflluenza media= 22.292

confronto Indexuva
95,3% 85,2% 86,0% 90,3% 92,1%

120,0%
70,2%

26,0%

23,6%

15,0%

22,2%

2009 2010 2011

0,0%

GRE

SPA

ING

POR

GER

ITA

SVI

FRA

POL

OLA

Nota: I dati sui salari si riferiscono allo stipendio netto medio giornaliero di un impiegato single senza figli a parit di potere di acquisto. Limporto relativo allo stipendio medio in Inghilterra in realt comprensivo per tutto il Regno Unito

148

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su dati UEFA, Lega Serie A e OECD

63,4%

58,7%

59,3%

50,6%

47,1%

48,4%

51,2%

42,1%

44,8%

45,3%

40,4%

41,3%

44,4%

35,6%

34,0%

36,6%

31,4%

29,8%

33,6%

28,1%

Percentuale di calciatori stranieri 29 0 80,0%

Et media (anni)

ET MEDIA TOP DIVISION 2011-2012

PERCENTUALE DI CALCIATORI STRANIERI TOP DIVISION 2011-2012

CENSIMENTO DEMOGRAFICO

0,0%
CYP POR ENG GRE BEL SCO ITA TUR RUS GER SPA SUI NED UKR HUN POL ROM NOR SVK SWE FRA AUT DEN FIN BLR ISR BUL CZE IRL SRB CRO ISL SVN

70,3% 55,1% 54,6% 49,1% 49,1% 49,0% 48,7% 48,0% 46,8% 44,8% 37,7% 37,5% 35,2% 34,8% 34,4% 34,4% 29,7% 28,6% 28,2% 27,6% 27,2% 25,8% 25,5% 22,7% 21,8% 20,4% 19,5% 18,8% 17,8% 17,2% 15,5% 13,9% 13,8%

CYP ITA GRE ENG ROM POL TUR SPA RUS BUL HUN POR SWE UKR FRA BLR CZE SCO GER SVK AUT BEL DEN SUI ISL ISR NOR FIN SRB NED CRO IRL SVN

28,23 27,54 27,44 26,75 26,73 26,57 26,56 26,51 26,34 26,15 26,12 26,01 25,9 25,89 25,84 25,81 25,72 25,66 25,66 25,62 25,39 25,33 25,22 25,14 25,08 25,02 24,86 24,85 24,39 24,35 24,24 23,96 23,65

Percentuale di calciatori provenienti dalle giovanili 50,0% 0,0%

22,2%

25,82 anni

Et media top division europee 2011-2012

PERCENTUALE DI CALCIATORI PROVENIENTI DALLE GIOVANILI* TOP DIVISION 2011-2012

Fonte: Cies (Centre International dEtude du Sport).

Percentuale calciatori provenienti dalle giovanili 2011-2012

-0,5%

34,9%

Nota: I dati si riferiscono al censimento di 33 top division europee sulle 53 complessive

Decremento et media top division europee tra il 2009-2010 e il 2011-2012

* Il Cies in questa analisi considera come prodotto del vivaio un calciatore della prima squadra che tra i 15 e i 21 anni sia stato tesserato per almeno tre stagioni nelle giovanili del proprio club di appartenenza

Percentuale calciatori stranieri nelle top division europee nel 2011-2012

ISL SVN CRO SVK FIN ISR CZE SWE NOR BLR DEN SCO NED SUI SRB AUT SPA HUN FRA UKR ROM IRL ENG GER POL CYP GRE BUL BEL RUS POR TUR ITA

43,4% 39,0% 38,0% 37,7% 33,7% 33,6% 32,8% 31,8% 31,7% 30,5% 30,2% 28,3% 26,3% 25,4% 25,3% 25,0% 24,7% 24,5% 22,9% 18,8% 17,3% 16,6% 16,2% 16,0% 15,5% 15,0% 14,3% 14,1% 12,5% 12,2% 8,3% 7,9% 7,4% 149

6 il bEnchmarking internazionale

ReportCalcio 2013

GOVERNANCE E PROPRIET DEGLI IMPIANTI

LA FORMA LEGALE
No-profit 8% 28% 32% Associazioni Enti statali Societ quotate Societ sportive Altre entit societarie 22%

IL NUMERO DI DIPENDENTI A TEMPO PIENO


Pi di 200 8% 19% 22% Tra 100 e 200 Tra 50 e 100 Tra 20 e 50 Meno di 20 21%

8% 2%

30%

LA PROPRIET DEGLI STADI


Propriet dei club Propriet dellautorit municipale o statale Propriet di terzi

LA PROPRIET DEGLI IMPIANTI DI ALLENAMENTO


Propriet dei club 17% 33% Propriet dellautorit municipale o statale Propriet di terzi

23%

24%

50% 53%

Nota: lanalisi si riferisce ai club partecipanti alle competizioni internazionali UEFA nel 2012-2013 (per un totale di 237 societ). Il campione nelle singole categorie di informazioni fornite stato leggermente ridotto a causa della mancanza di dati disponibili (per la forma legale il campione si riferisce a 235 club, per la propriet di stadi e strutture di allenamento 232 club e per il numero di dipendenti a tempo pieno 173 club)

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su dati UEFA

150

CONTRIBUZIONE FISCALE E PREVIDENZIALE

6 il bEnchmarking internazionale

CONTRIBUZIONE FISCALE E PREVIDENZIALE CALCIO PROFESSIONISTICO 2010*


1.400 milioni

1.318 milioni

1.318 904 719 622

la contribuzione fiscale e previdenziale del calcio professionistico inglese nel 2010-2011, il dato pi rilevante rispetto al benchmarking effettuato

0 Italia Inghilterra Germania Francia


* I dati si riferiscono allanno dimposta 2010 per lItalia e alla stagione sportiva 2010-2011 per Inghilterra, Germania e Francia

+211 milioni

CONFRONTO CONTRIBUZIONE FISCALE E PREVIDENZIALE CALCIO PROFESSIONISTICO


1.400
1.124 1.186 1.318

incremento in termini assoluti del livello aggregato di contribuzione del calcio professionistico italiano tra il 2006 e il 2010

+30,7%

1.055

1.086

milioni

784 693 550 505 570 666

857 684

874 700

904 719

la crescita del contributo fiscale e previdenziale del calcio professionistico tedesco tra il 2006-2007 e il 2010-2011

570

601

622

Italia Inghilterra

Germania Francia

0 2006

2006-2007

2007

2007-2008

2008

2008-2009

2009

2009-2010

2010

2010-2011

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC su fonti varie

151

7
stadi, spettatori e sicurezza
a cura del Centro Studi FIGC
153

ReportCalcio 2013

GLI STADI ITALIANI SERIE A STAGIONE 2011-2012

36.156

Capienza media degli impianti di Serie A

citt Bergamo Bologna Cagliari Catania Cesena

stadio Stadio Atleti Azzurri dItalia Stadio Renato DallAra Stadio SantElia Stadio Angelo Massimino Stadio Dino Manuzzi Stadio Artemio Franchi Stadio Luigi Ferraris Stadio Via del Mare Stadio Giuseppe Meazza Stadio San Paolo Stadio Silvio Piola Stadio Renzo Barbera Stadio Ennio Tardini Stadio Olimpico Stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena Juventus Stadium Stadio Friuli Stadio Marcantonio Bentegodi

squadra Atalanta Bergamasca Calcio Bologna FC 1909 Cagliari Calcio Calcio Catania AC Cesena ACF Fiorentina Genoa CFC US Lecce FC Internazionale - AC Milan SSC Napoli Novara Calcio US Citt di Palermo Parma FC SS Lazio - AS Roma AC Siena Juventus FC Udinese Calcio AC Chievo Verona

capienza 24.726 36.532 21.530 19.966 23.970 45.809 36.348 33.876 80.018 60.240 17.875 36.349 22.885 72.481 15.373 41.147 30.642 31.043

anno inaug. 1928 1927 1970 1937 1957 1931 1911 1966 1925 1959 1976 1932 1923 1953 1938 2011 1976 1963

63

Et media degli impianti di Serie A

juventus stadium

Firenze Genova Lecce Milano Napoli Novara Palermo Parma Roma Siena

unico impianto di propriet di un club

Nota: Il Cagliari Calcio ha giocato parte delle partite casalinghe allo stadio Nereo Rocco di Trieste

Torino Udine Verona

Fonte: FIGC Stadia Database e dati pubblici

154

GLI STADI ITALIANI SERIE B STAGIONE 2011-2012

7 stadi, spettatori e sicurezza

19.318

Capienza media degli impianti di Serie b

citt Ascoli Piceno Bari Bergamo Brescia Castellammare di Stabia Cittadella Crotone Empoli Genova Grosseto Gubbio Livorno Modena Nocera Inferiore Padova Pescara Reggio Calabria Torino Varese Verona Vicenza

stadio Stadio Cino e Lillo Del Duca Stadio San Nicola Stadio Atleti Azzurri dItalia Stadio Mario Rigamonti Stadio Romeo Menti Stadio Piercesare Tombolato Stadio Ezio Scida Stadio Carlo Castellani Stadio Luigi Ferraris Stadio Carlo Zecchini Stadio Pietro Barbetti Stadio Armando Picchi Stadio Alberto Braglia Stadio San Francesco dAssisi Stadio Euganeo Stadio Adriatico - Giovanni Cornacchia Stadio Oreste Granillo Stadio Olimpico Stadio Franco Ossola Stadio Marcantonio Bentegodi Stadio Romeo Menti

squadra Ascoli Calcio 1898 AS Bari UC Albinoleffe Brescia Calcio SS Juve Stabia AS Cittadella FC Crotone Empoli FC UC Sampdoria US Grosseto 1912 AS Gubbio 1910 AS Livorno Calcio Modena FC 1912 - US Sassuolo Calcio ASG Nocerina Calcio Padova 1910 Delfino Pescara 1936 Reggina Calcio Torino FC 1906 AS Varese 1910 Hellas Verona FC Vicenza Calcio

capienza 20.853 58.270 24.726 16.184 7.100 7.623 9.547 16.365 36.348 9.779 4.939 19.238 21.151 9.068 19.736 20.681 25.314 27.994 8.146 31.043 11.574

anno inaug. 1962 1990 1928 1959 1985 1981 1939 1965 1911 1960 1977 1935 1936 1973 1994 1955 1932 2005 1925 1963 1935

54

Et media degli impianti di Serie b

100%

Impianti di propriet comunale

Fonte: FIGC Stadia Database e dati pubblici

155

ReportCalcio 2013

GLI STADI ITALIANI - SERIE A, SERIE B STAGIONE 2011-2012

CLASSIFICAZIONE UEFA*
Categoria 4 Categoria 3 Categoria 2 Categoria 1 Nessuna categoria 0
2 7 15 3 9

ANNO DI INAUGURAZIONE
Prima del 1920 1920-29 1930-39 1940-49 1950-59 1960-69 1970-79 1980-89 1990-99 Dal 2000 ad oggi 16 0
1 5 9 0 5 5 5 2 2 2

Et media

57

10

* La classificazione UEFA suddivide gli impianti in quattro categorie (dalla 1 alla 4 in ordine crescente di importanza) in base alla qualit delle caratteristiche infrastrutturali degli stessi. In relazione alla categoria ottenuta vengono definite quali tipologie di partite possono essere disputate nellimpianto. Il testo di riferimento UEFA Stadium Infrastructure Regulations, Edition 2010

PROPRIET DELLIMPIANTO
1 1 (3%) (3%) Comune Societ CONI

UTILIZZI ALTERNATIVI DELLIMPIANTO OLTRE LE PARTITE DI CALCIO

3 (8%)

s NO n/d

14 (39%)

19 (53%)

34 (94%)

Fonte: FIGC Stadia Database, dati sui 36 impianti di Serie A e Serie B

156

GLI STADI ITALIANI - SERIE A, SERIE B STAGIONE 2011-2012

7 stadi, spettatori e sicurezza

CAPIENZA
>80.000 70-80.000 60-70.000 50-60.000 Posti 40-50.000 30-40.000 20-30.000 10-20.000 <10.000 0
7 8 1 1 1 1 2 6 9

COPERTURA DEGLI SPALTI

26.788
Capienza media

100% 75 - 99% 50 - 74% 15 - 49% 1-24% 0% n/d


0 1 1 3

Copertura media

56%

10 14

10

16

PROGETTI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI


1 (3%) s NO 8 (22%) n/d

PRESENZA DI IMPIANTI CHE SFRUTTANO FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA

2 (5%)

s 5 (14%) NO n/d

27 (75%)

29 (81%)

Fonte: FIGC Stadia Database, dati sui 36 impianti di Serie A e Serie B

157

ReportCalcio 2013

GLI STADI ITALIANI - SERIE A, SERIE B STAGIONE 2011-2012

PRESENZA DELLA PISTA DI ATLETICA


1 (3%) s NO n/d

VISIBILIT OTTIMALE ANCHE NELLE PRIME FILE


s 4 (11%) 5 (14%) NO n/d

18 (50%)

17 (47%) 27 (75%)

TIPOLOGIA DI MANTO ERBOSO


Naturale 3 (8%) Artificiale

PRESENZA DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DEL PRATO


s 6 (17%) Analogo al sistema di protezione del gelo NO n/d 10 (28%)

9 (25%)

33 (92%)

11 (30%)
Fonte: FIGC Stadia Database, dati sui 36 impianti di Serie A e Serie B

158

GLI STADI ITALIANI - SERIE A, SERIE B STAGIONE 2011-2012

7 stadi, spettatori e sicurezza

PRESENZA DI AREE RISTORO E COMMERCIALI NELLAREA HOSPITALITY


Solo aree di ristoro 6 (17%) Entrambe n/d

PRESENZA DI SKYBOX
s 7 (19%) NO 11 (31%) n/d

10 (28%)

20 (55%)

18 (50%)

PRESENZA DI UN PUNTO VENDITA PER CIBI E BEVANDE IN OGNI SETTORE DELLO STADIO
1 1 (3%) (3%) s NO n/d

PRESENZA DI PUNTI VENDITA PER ATTIVIT COMMERCIALI


s 5 (14%) NO 9 (25%) n/d

34 (94%)

22 (61%)

Fonte: FIGC Stadia Database, dati sui 36 impianti di Serie A e Serie B

159

ReportCalcio 2013

GLI STADI ITALIANI PRIMA DIVISIONE STAGIONE 2011-2012

7.704

citt
Andria Avellino Barletta Bassano del Grappa Benevento Bolzano Carrara Como Crema Cremona Ferrara Foggia Foligno Frosinone La Spezia Lanciano Latina Lumezzane Monza Pavia Piacenza Pisa Portogruaro Prato Reggio Emilia Sal Siracusa Sorrento Taranto Terni Trapani Trieste Vercelli Viareggio

stadio
Stadio Degli Ulivi Stadio Partenio-Adriano Lombardi Stadio Cosimo Puttilli Stadio Rino Mercante Stadio Ciro Vigorito Stadio Druso Stadio dei Marmi Stadio Giuseppe Sinigaglia Stadio Giuseppe Voltini Stadio Giovanni Zini Stadio Paolo Mazza Stadio Pino Zaccheria Stadio Enzo Blasone Stadio Comunale Matusa Stadio Alberto Picco Stadio Guido Biondi Stadio Domenico Francioni Nuovo Stadio Comunale Stadio Brianteo Stadio Pietro Fortunati Stadio Leonardo Garilli Stadio Romeo Anconetani Stadio Piergiovanni Mecchia Stadio Lungobisenzio Stadio Giglio Stadio Lino Turina Stadio Nicola De Simone Stadio Italia Stadio Erasmo Iacovone Stadio Libero Liberati Stadio Polisportivo Provinciale Stadio Nereo Rocco Stadio Silvio Piola Stadio Torquato Bresciani

squadra
AS Andria BAT AS Avellino SS Barletta Calcio Bassano Virtus 55 Soccer Team Benevento Calcio FC Sudtirol-Alto Adige Carrarese Calcio 1908 Calcio Como 1907 US Pergocrema 1932 US Cremonese 1903 SPAL 1907 US Foggia Foligno Calcio 1928 Frosinone Calcio Spezia Calcio SS Virtus Lanciano 1924 US Latina Calcio AC Lumezzane AC Monza Brianza 1912 - Tritium Calcio 1908 AC Pavia 1911 Piacenza FC AC Pisa 1909 Calcio Portogruaro - Summaga AC Prato 1908 AC Reggiana 1919 - Carpi FC 1909 AC FeralpiSal US Siracusa Sorrento Calcio AS Taranto Calcio Ternana Calcio 1925 Trapani Calcio US Triestina Calcio FC Pro Vercelli 1892 FC Esperia Viareggio

capienza
9.140 4.990 3.998 2.970 12.847 3.000 3.913 7.341 4.097 7.490 7.000 7.500 4.650 9.680 10.336 4.678 6.850 3.140 7.440 3.718 17.821 10.000 4.021 6.191 20.084 2.364 6.870 3.600 10.762 11.625 6.766 28.565 4.215 4.265

anno inaug.
1949 1977 1970 1946 1979 1936 1955 1927 1932 1929 1929 1925 1983 1932 1919 1961 1935 1989 1988 1936 1969 1929 1947 1941 1995 2003 1932 1950 1965 1969 1960 1992 1932 1959

Capienza media degli impianti di Prima Divisione

58

Et media degli impianti di Prima Divisione

97%

Impianti di propriet comunale

Fonte: FIGC Stadia Database e dati pubblici

160

GLI STADI ITALIANI SECONDA DIVISIONE STAGIONE 2011-2012

7 stadi, spettatori e sicurezza

4.929

citt
Alessandria Aprilia Aversa Bellaria - Igea Marina Buggiano Busto Arsizio Campobasso Casale Monferrato Catanzaro Celano Chiavari Chieti Cuneo Eboli Fano Fondi Frattamaggiore Gavorrano Giulianova Isola del Liri Lamezia Terme LAquila Lecco Mantova Meda Melfi Milazzo Montichiari Mugnano di Napoli Pagani Perugia Poggibonsi Portomaggiore Rimini San Bonifacio Santarcangelo di Romagna Savona Serravalle (RSM) Treviso Valenza Vibo Valentia

stadio
Stadio Giuseppe Moccagatta Stadio Quinto Ricci Stadio Augusto Bisceglia Stadio Enrico Nanni Stadio Alberto Benedetti Stadio Carlo Speroni Stadio Nuovo Romagnoli Stadio Natale Palli Stadio Nicola Ceravolo Stadio Fabio Piccone Stadio Comunale Stadio Guido Angelini Stadio Fratelli Paschiero Stadio Jos Guimares Dirceu Stadio Raffaele Mancini Stadio Domenico Purificato Stadio Pasquale Ianniello Stadio Romeo Malservisi - Mario Matteini Stadio Rubens Fadini Stadio Nazareth Stadio Guido DIppolito Stadio Tommaso Fattori Stadio Rigamonti-Ceppi Stadio Danilo Martelli Stadio Citt di Meda Stadio Arturo Valerio Stadio Grotta di Polifemo Stadio Romeo Menti Stadio Alberto Vallefuoco Stadio Marcello Torre Stadio Renato Curi Stadio Stefano Lotti Stadio Savino Bellini Stadio Romeo Neri Stadio Renzo Tizian Stadio Valentino Mazzola Stadio Valerio Bacigalupo Stadio Olimpico Stadio Omobono Tenni Stadio Comunale Stadio Luigi Razza

squadra
US Alessandria Calcio 1912 FC Aprilia Calcio SF Aversa Normanna - US Arzanese AC Bellaria Igea Marina US Borgo a Buggiano 1920 Aurora Pro Patria 1919 SS Campobasso Calcio AS Casale Calcio Catanzaro Calcio 2011 Celano FC Marsica Virtus Entella SS Chieti Calcio AS Cuneo Calcio 1905 SS Ebolitana 1925 Alma Juventus Fano 1906 FC Fondi 1922 - FC Aprilia Calcio US Arzanese - FC Neapolis Mugnano US Gavorrano Giulianova Calcio AC Isola Liri Vigor Lamezia Calcio LAquila Calcio 1927 Calcio Lecco 1912 Mantova FC AC Renate 1947 AS Melfi SS Milazzo AC Montichiari FC Neapolis Mugnano Paganese Calcio 1926 AC Perugia Calcio US Poggibonsi AC Giacomense AC Rimini 1912 AC Sambonifacese Santarcangelo Calcio Savona 1907 FBC San Marino Calcio FC Treviso Valenzana Calcio US Vibonense Calcio

capienza
5.827 1.500 2.565 2.501 1.650 4.627 4.000 4.000 7.499 3.200 2.521 12.750 4.060 15.000 8.800 3.000 5.000 2.000 4.347 3.008 3.878 3.990 4.997 7.400 2.500 4.100 2.500 2.500 2.500 5.093 28.000 2.513 2.454 7.442 1.274 1.671 3.999 5.000 7.469 2.200 2.750

anno inaug.
1929 n/d 1960 n/d n/d 1927 1985 1919 1919 1987 1933 1970 1935 2001 1930 n/d 1940 1967 1924 1990 n/d 1933 1922 1949 n/d 1982 n/d n/d n/d 1975 1975 1925 1992 1934 n/d n/d 1959 2001 1933 1906 1950

Capienza media degli impianti di Seconda Divisione

60

Et media degli impianti di Seconda divisione

100%

Impianti di propriet comunale

Fonte: FIGC Stadia Database e dati pubblici

161

ReportCalcio 2013

SPETTATORI

spettatori per competizione 2011-2012


competizione Nazionale A Nazionale Under 21 Serie A Champions League Europa League Supercoppa Serie B Coppa Italia Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione Totale n partite 4 4 380 14 12 1 470 79 632 818 2.414 tot. spettatori 95.674 24.516 8.362.025 760.307 245.694 75.000 2.940.861 587.021 1.288.933 572.852 14.952.883 media spettatori 23.919 6.129 22.005 54.308 20.475 75.000 6.257 7.431 2.039 700 6.194

SERIE A, B, LEGA PRO - confronto SPETTATORI AGGREGATI


CAG R: -1 ,5 7%

Spettatori

14.023.777

14.131.648

14.075.926

13.382.257 13.164.671

0708

0809

0910

1011

1112

SERIE A - confronto SPETTATORI


CAGR: -1,20%

SERIE B - confronto SPETTATORI


1,7 CAG R: +
2.743.504 81.759 2.584.169 76.990 2.557.596 105.389 2.395.542 98.696 2.507.179 2.452.207 2.296.846 2.831.218

5%

2.940.861 109.643

Spettatori

9.392.600 8.775.883

9.167.870

Spettatori

8.945.763 8.362.025

2.661.745

0708

0809

0910

1011

1112
Playoff

0708
Campionato

0809

0910

1011

1112

Fonte: Elaborazione Centro Studi FIGC su dati Lega Serie A, Lega Serie B, Lega Pro e dati pubblici

162

SPETTATORI

7 stadi, spettatori e sicurezza

SERIE A, B - confronto SPETTATORI


8.776 9.393 2.654 9.168 2.910 8.946 3.511 8.362 2.968

SERIE A, B - confronto MEDIA SPETTATORI PER SINGOLA PARTITA


23.094 24.717 24.126 23.541 22.005

Migliaia di Spettatori

2.401

6.375

2.661 995 1.666

6.739

2.507 878 1.629

6.258

2.452 843 1.609

5.435

2.297 792 1.505

5.394

2.831 1.091 1.741

Spettatori

5.862

5.498

5.442

5.097

6.257

0708
Abbonamenti Serie A Abbonamenti Serie B

0809

0910

1011

1112

0708
Serie A Serie B

0809

0910

1011

1112

Biglietti singoli Serie A Biglietti singoli Serie B

Nota: I dati della Serie B sono relativi esclusivamente a partite di regular season

LEGA PRO - confronto SPETTATORI


2.504.390

LEGA PRO - confronto MEDIA SPETTATORI PER SINGOLA PARTITA


2.742 2.894 2.320 2.363 2.039

CAG R: -7,1 4%
2.154.879 779.122 2.350.460 547.485 671.925 2.040.952 1.861.785 572.852

Spettatori

1.719.219

1.375.757

1.678.535

1.493.467

1.288.933

Spettatori

785.171

768

865

885

709

700

0708
Prima Divisione

0809
Seconda Divisione

0910

1011

1112

0708
Prima Divisione

0809
Seconda Divisione

0910

1011

1112

Nota: Le societ di Seconda Divisione sono diminuite passando da 54 (2009-10) a 49 (2010-11) sino alle 41 della stagione 2011-2012

Fonte: Elaborazione Centro Studi FIGC su dati Lega Serie A, Lega Serie B, Lega Pro e dati pubblici

163

ReportCalcio 2013

SICUREZZA

confronto INCIDENTI ALLO STADIO


209

confronto FORZE DELLORDINE IMPIEGATE


271.054 243.315 225.729 208.602 175.267 167.554 157.883 143.188

Partite con incidenti

148 101 90

74

81

65

60

0405

0506

0607

0708

0809

0910

1011

1112

Numero agenti

0405

0506

0607

0708

0809

0910

1011

1112

confronto PERSONE DENUNCIATE ED ARRESTATE


1.138 848 716 1.064

confronto STEWARD IMPIEGATI

774 643 545 504

Numero Steward

Numero Persone

273

259

246

160.795 48.235

187.999

211.486

206.530

214

137

147

134

75

0405

0506

0607

0708

0809

0910

1011

1112

0708

0809

0910

1011

1112

Persone denunciate
Fonte: Ministero degli Interni

Persone arrestate

164

165

8
i modelli di governance del calcio professionistico
a cura del Centro Studi FIGC
167

ReportCalcio 2013

INTRODUZIONE

Come in tutti i settori economici anche nel calcio professionistico i meccanismi di governance, intesi come le disposizioni che regolano lamministrazione e il controllo delle aziende, rappresentano una condizione di fondamentale importanza per lo sviluppo di modelli di business sostenibili a lungo termine. Per questo motivo, va crescendo linteresse e la ricerca sui modelli di governance che caratterizzano il mondo calcistico a livello italiano e internazionale. Gi nel ReportCalcio 2012 il tema era stato sviluppato tracciando un quadro approfondito della situazione del calcio professionistico italiano. Rispetto a quello studio, in questa

edizione vengono aggiunte una serie di dimensioni di analisi tali da ampliarne notevolmente la prospettiva, soprattutto in chiave internazionale. Pi in particolare, nelle pagine che seguono vengono presentati ed analizzati i dati (a livello aggregato e per singola serie) relativi ai seguenti argomenti: gli assetti proprietari la catena di controllo la struttura organizzativa e i modelli di amministrazione e controllo, con nuovi approfondimenti relativi in particolare a: -- presenza dei comitati esecutivi

-- distribuzione per genere dei componenti dei consigli di amministrazione e dei collegi sindacali un inedito confronto relativo ai modelli di governance tra le principali societ italiane e quelle degli altri Paesi pi rilevanti (Inghilterra, Germania, Spagna e Francia). Lanalisi stata condotta su tutte le societ che hanno partecipato ai campionati professionistici italiani nel 2011-2012 (Serie A, Serie B, Lega Pro), ad esclusione del San Marino Calcio per il quale non stato possibile recuperare la relativa documentazione.

I dati sono stati tratti dai database AIDA e ORBIS (Bureau Van Dijk) e dalle visure risultanti al Registro delle imprese, e sono aggiornati al 30 giugno 2012. Lo studio stato predisposto dal Centro Studi della FIGC e da un gruppo di lavoro dedicato composto da: Ennio Lugli, Ricercatore in Economia Aziendale presso il Dipartimento di Economia Marco Biagi dellUniversit degli Studi di Modena e Reggio Emilia Pier Luigi Marchini, Ricercatore in Economia Aziendale presso il Dipartimento di Economia dellUniversit degli Studi di Parma.

168

ASSETTI PROPRIETArI - DATI AGGREGATI

8 i modelli di governance del calcio professionistico

51

Le societ controllate da persone fisiche, di cui una in Serie A, 6 in Serie B e 44 in Lega Pro

18

PERSONE FISICHE E GIURIDICHE


4 (3%) 1 (1%) Persona fisica Persona giuridica italiana Persona giuridica estera

Le societ in cui prevista la figura del socio unico, di cui 4 in Serie A, 2 in Serie B e 12 in Lega Pro

75%

Percentuale di societ in cui un unico socio detiene il 50% o pi del capitale (89 sulle 118 analizzate)

53

Numero di societ in cui un unico socio detiene il 90% o pi del capitale (13 in Serie A, 12 in Serie B e 28 in Lega Pro)

118 societ
62 (53%)

51 (43%)

Non disponibile

NUMEROSIT SOCI
1 (1%) Societ con socio unico Societ con pluralit di soci Non disponibile

TIPOLOGIA DI CONTROLLO
6 (5%) 8 (7%) 1 (1%) 1 socio >50%
Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC

18 (15%)

2 soci >50% 14 (12%) 3 o 4 soci >50%

118 societ
99 (84%)

118 societ
89 (75%)

5 o pi soci >50% Non disponibile

Dati aggiornati al 30 giugno 2012

169

ReportCalcio 2013

ASSETTI PROPRIETArI - DATI PER SERIE

PERSONE FISICHE E GIURIDICHE


1 (5%) 1 (5%) 1 (5%) 2 (6%) 1 (3%) Persona fisica Persona giuridica italiana 6 (27%) 12 (30%) 17 (47%) Persona giuridica estera

20 societ

22 societ
15 (68%)

17 (47%)

36 societ

40 societ

Non disponibile 27 (67%)

18 (90%)

Serie A

Serie B

Lega Pro 1a Divisione

Lega Pro 2a Divisione

NUMEROSIT SOCI
Lega Pro 2a Divisione Lega Pro 1a Divisione Serie B 2 Serie A 0
Dati aggiornati al 30 giugno 2012

TIPOLOGIA DI CONTROLLO
45
34 Societ con socio unico 1 socio >50%

Numero di societ

30

Societ con pluralit di soci Non disponibile

4 7

3 o 4 soci >50% 5 o pi soci >50%

19

1 1 2 28 20 18

Non disponibile 23

16

Numero di societ

50

0 Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione

170

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC

1 2 5

2 soci >50%

CATENA DI CONTROLLO

8 i modelli di governance del calcio professionistico

LIVELLO DI CONTROLLO DATI AGGREGATI


60 Numero di societ

societ

118

51 29 21

17

0 Controllo diretto da parte di persona fisica di riferimento La persona fisica di riferimento controlla la societ controllante La persona fisica di riferimento si trova oltre la controllante della societ controllante Dato non disponibile

1 1 (5%) (5%) 6 (27%) 7 (32%) 5 (14%)

2 (6%)

8 (20%)

Controllo diretto da parte di persona fisica di riferimento La persona fisica di riferimento controlla la societ controllante 26 (65%) La persona fisica di riferimento si trova oltre la controllante della societ controllante Dato non disponibile

12 (60%)

4 (18%)

5 (23%)

12 (33%)

Livello di controllo Serie A

Livello di controllo Serie B

Livello di controllo Lega Pro 1a Divisione

Livello di controllo Lega Pro 2a Divisione

Nota: In questa sezione le societ vengono divise in relazione alla lunghezza della loro catena di controllo, cio del numero di livelli societari che intercorrono tra il club calcistico e la persona fisica che di fatto ne ha il controllo. Dati aggiornati al 30 giugno 2012

171

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC

20 societ

6 (30%)

22 societ

36 societ

17 (47%)

6 (15%)

40 societ

ReportCalcio 2013

struttura ORGANIZZATIVA - DATI AGGREGATI

NUMERO AMMINISTRATORI
Oltre 10 amministratori Da 8 a 10 amministratori Da 5 a 7 amministratori Da 2 a 4 amministratori Amministratore unico 0
7 14 23 38 36

ET MEDIA AMMINISTRATORI
Oltre 71 anni Da 61 a 70 anni Da 51 a 60 anni Da 41 a 50 anni Meno di 40 anni 40 0
6 40 6 13 53

Numero di societ

Numero di societ

60

SISTEMA DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO


1 1 (1%) (1%) Tradizionale Monistico Dualistico

SOGGETTO CHE SVOLGE IL CONTROLLO CONTABILE


Collegio sindacale (o sindaco unico) Revisore legale o societ di revisione 92 (78%)

PRESENZA DI UN COMITATO ESECUTIVO


5 (4%) Presente Non presente

116 (98%)

113 (96%)

Dati aggiornati al 30 giugno 2012

172

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC

26 (22%)

societ

118

struttura ORGANIZZATIVA - DATI PER SERIE

8 i modelli di governance del calcio professionistico

struttura ORGANIZZATIVA PER SERIE


Serie A Sistema di amministrazione e controllo Tradizionale Monistico Dualistico Totale societ Numero amministratori Amministratore unico Da 2 a 4 amministratori Da 5 a 7 amministratori Da 8 a 10 amministratori Oltre 10 amministratori Totale societ Et media amministratori Meno di 40 anni Da 41 a 50 anni Da 51 a 60 anni Da 61 a 70 anni Oltre 71 anni Totale societ Soggetto che svolge il controllo contabile Collegio sindacale (o sindaco unico) Revisore legale o societ di revisione Totale societ Presenza del comitato esecutivo S No Totale societ N.societ 19 0 1 20 N.societ 0 4 5 8 3 20 N.societ 0 5 15 0 0 20 N.societ 4 16 20 N.societ 4 16 20 % 95% 0% 5% 100% % 0% 20% 25% 40% 15% 100% % 0% 25% 75% 0% 0% 100% % 20% 80% 100% % 20% 80% 100% N.societ 21 1 0 22 N.societ 5 8 7 1 1 22 N.societ 1 4 11 3 3 22 N.societ 14 8 22 N.societ 1 21 22 Serie B % 95% 5% 0% 100% % 23% 36% 32% 5% 5% 100% % 5% 18% 50% 14% 14% 100% % 64% 36% 100% % 5% 95% 100% Lega Pro 1a Divisione N.societ 36 0 0 36 N.societ 14 14 3 2 3 36 N.societ 2 18 12 2 2 36 N.societ 34 2 36 N.societ 0 36 36 % 100% 0% 0% 100% % 39% 39% 8% 6% 8% 100% % 6% 50% 33% 6% 6% 100% % 94% 6% 100% % 0% 100% 100% Lega Pro 2a Divisione N.societ 40 0 0 40 N.societ 17 12 8 3 0 40 N.societ 3 13 15 8 1 40 N.societ 40 0 40 N.societ 0 40 40 % 100% 0% 0% 100% % 43% 30% 20% 8% 0% 100% % 8% 33% 38% 20% 3% 100% % 100% 0% 100% % 0% 100% 100%

Dati aggiornati al 30 giugno 2012

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC

173

ReportCalcio 2013

struttura ORGANIZZATIVA SEGMENTAZIONE PER GENERE

AMMINISTRATORI DATI PER SERIE


160 Numero amministratori
149 9 105 4 132 6 129 6 Uomini Donne

AMMINISTRATORI DATI AGGREGATI


25 (5%) Uomini Donne

140 101

126

123

515 amministratori
490 (95%)

0 Serie A Serie B Lega Pro 1a Divisione Lega Pro 2a Divisione

COMPONENTI DEL COLLEGIO SINDACALE DATI PER SERIE


140
108 115 14 Uomini Donne

COMPONENTI DEL COLLEGIO SINDACALE DATI AGGREGATI


Uomini Donne
Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC

Numero componenti del collegio sindacale

13

37 (11%)

57 6

63 4 95 101 306 (89%)

51

59

343 sindaci

0 Serie A
Dati aggiornati al 30 giugno 2012

Serie B

Lega Pro 1a Divisione

Lega Pro 2a Divisione

174

BENCHMARKing INTERNAZIONALE

8 i modelli di governance del calcio professionistico

PERSONE FISICHE E GIURIDICHE - DATI PER NAZIONE


6 Numero di societ
1 1 1 1 2

PERSONE FISICHE E GIURIDICHE - DATI AGGREGATI


3 (12%) 3 (12%) 1 (4%) Persona fisica Persona giuridica nazionale Persona giuridica estera

2 1

25 societ
18 (72%)

Non disponibile

0 Italia
Non disponibile

Inghilterra
Persona giuridica estera

Francia

Spagna

Germania
Persona fisica

Persona giuridica nazionale

NUMERO AMMINISTRATORI - DATI PER NAZIONE E AGGREGATI


Amminist. unico Italia Inghilterra Francia Spagna Germania Totale Societ 0 0 0 1 0 1 Da 2 a 4 Amminist. 1 3 1 2 2 9 Da 5 a 7 Amminist. 2 1 2 1 2 8 Da 8 a 10 Amminist. 2 1 2 0 0 5 Oltre 10 Amminist. 0 0 0 0 1 1 Non disponibile 0 0 0 1 0 1

LIVELLO DI CONTROLLO - DATI PER NAZIONE E AGGREGATI


italia Controllo diretto da parte di persona fisica di riferimento La persona fisica di riferimento controlla la societ controllante La persona fisica di riferimento si trova oltre la controllante della societ controllante Dato non disponibile Totale Societ 0 0 4 inghilterra 0 2 3 francia 0 1 3 spagna 1 2 0 Germania 0 3 1

1 5

0 5

1 5

2 5

1 5

Nota: Il campione di societ analizzato si riferisce ai club classificatisi nei primi 5 posti in classifica nella stagione sportiva 2011-2012 nelle top division in Italia, Inghilterra, Francia, Spagna e Germania. I dati sono aggiornati al 30 giugno 2012

Fonte: Elaborazioni del Centro Studi della FIGC

175

REDAZIONE REPORT CALCIO 2013

Responsabili del progetto: Michele Uva - Centro Studi FIGC e PwC per gli aspetti finanziari Coordinamento e redazione FIGC: Michele Uva, Andrea Castrignan, Niccol Donna, Fabrizio Tanzilli Coordinamento e redazione PwC: Jacopo Drudi, Marco Muraro, Giampaolo Panetta, Nedko Krastev Supervisione testi: Gianfranco Teotino Revisione testi: Marta Tamburrelli Assistenza grafica: blossoming.it Alla stesura del documento hanno partecipato i seguenti Uffici della Federazione Italiana Giuoco Calcio: Club Italia, Co.Vi.So.C., Coordinamento Nazionale Delegati alla Sicurezza, Diritti Televisivi e New Media, Licenze UEFA, Marketing, Segreteria Federale, Sistemi Informativi, Stampa e Relazioni Esterne, Tesseramento Si ringraziano per il contributo: la Lega Serie A la Lega Serie B la Lega Italiana Calcio Professionistico la Lega Nazionale Dilettanti lAssociazione Italiana Arbitri lAssociazione Italiana Calciatori lAssociazione Italiana Allenatori Calcio il Settore Tecnico il Settore Giovanile e Scolastico Si ringraziano inoltre: la UEFA il CIES il Ministero dellInterno il Ministero dellEconomia e delle Finanze lOsservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive lInps (gestione ex Enpals) lAmministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato RCS Sport Sport + Markt il Professor Ennio Lugli il Dottor Pier Luigi Marchini

177

Layout design by blossoming.it