Sei sulla pagina 1di 1

BUS I NE S S

& EC ONOMI A
DAL 2 0 1 2
COSA FAI SUL WEB?
DIMMELO IN ITALIANO
di Oscar Giannino
i l l ust razi one di Kei t h Ward
164
N
I
C
O
L
O


M
I
N
E
R
B
I

/

L
U
Z
P
H
O
T
O
Quanto contano davvero la classe media
e internet in Cina? Secondo le statistiche
ufciali la famiglia tipica ha un reddito
annuo di 8500 euro, aumentato di dieci
volte dal 1980. E ben 430 milioni di cinesi
hanno nelle loro case le sei categorie
di prodotti da consumatore tipo: tv,
lavatrice, telefono sso e mobile, stereo
e dvd, aria condizionata e microonde.
Nel 2030 si stima saliranno a un
miliardo, tre volte di pi che negli Usa.
Eppure, aprendo il Congresso del Pcc,
i leader hanno riaffermato che si
guarderanno bene dalladottare i modelli
occidentali. Niente meglio di internet
illustra il paradosso. Secondo il China
Internet Network Information Centre nel
2011 erano online 538 milioni di cinesi:
il 78 per cento della popolazione urbana.
La maggiore comunit nazionale
internettara al mondo. Ma come si
concilia lutente solo davanti al pc con un
modello che scoraggia comportamenti
individuali? Met dei netizen sono sotto
i 25 anni. Internet, dunque, esplosa tra
i gli unici dellera del limite demograco:
i giovani non hanno avuto fratelli e
hanno usato la rete per intrattenersi.
Come si controlla, politicamente, tutto
questo? Il microblogging arrivato in
Cina nel 2009, quando il governo ha
oscurato Twitter, autorizzando Sina
Weibo, che ha 500 milioni di utenti. Ci
nonostante, mezzo milione di cinesi su
Facebook e 300 mila su Twitter. Vietato
illudersi: il controllo del Pcc ancora
molto pesante e la democrazia dal basso
che molti speravano arrivasse attraverso
internet ancora un miraggio.
Quante volte ti capitato di chiedere a un
amico di che cosa si occupa, e te ne sei poi
pentito davanti alle sue descrizioni ricche di
improbabili anglicismi? Giulio Xhaet nel suo
libro Le nuove professioni del web (Hoepli,
19,90 euro) cerca di fare chiarezza, descri-
vendo otto gure chiave, dal community ma-
nager al web analyst, sottolineando per n
dal primo capitolo che le nuove professioni
del web si rivelano strettamente intercon-
nesse le une alle altre. Noi abbiamo provato
a fare un gioco: chiedere ad alcuni smanet-
toni di spiegarci il loro lavoro. Unica regola:
sforzarsi di usare litaliano. cAiA sirruio
PROFESSIONI
Sda ai lavoratori della rete:
raccontarsi senza usare
parole inglesi. Ce la
faranno? Ecco dieci risposte
IL PARADOSSO
DEL NETIZEN
CINESE
Leonora Giovanazzi
Organizza contenuti e
funzionalit di siti, app
e programmi. Progetta
la struttura e le voci
dellalbero di navigazio-
ne, i ussi informativi
e le griglie di pagina
in modo che il tutto sia
usabile, ossia in modo
che lutente capisca
subito cosa fare, dove
cercare e come
ricordare ci che
gli interessa.
Chiara di Piano
la professione di chi
mette in contatto le
aziende e le organizza-
zioni con i consumatori
attraverso internet.
Perch esiste? Perch
le aziende cercano
professionisti per
migliorare la loro
reputazione, diffondere
i loro progetti,
instaurare relazioni
con blogger, celebrit
della rete e utenti.
INFORMATION ARCHITECT
DIGITAL PR