Sei sulla pagina 1di 3

SCHEMA DEGLI STRUMENTI DEL DISCORSO

FUNZIONE ridondanza RIFERIME NTO E OBIETTIVO CATAFORI CI attirare unattenzione supplementare allobiettivo usando un riferimento ridondante luso di un pronome non necessario per riferirsi allobiettivo PRINCIPI DEL DISCORSO marcatezza rompe laspettativa non marcata che i pronomi siano anaforici pi che cataforici spesso lalternativa negativa precede quella positiva (es.: ti dice che cosa non fare prima di dire che cosa fare) ritardo/interruzione nella lettura lelemento negativo posticipa lintroduzione dellelemento positivo alternativo nella lettura lelemento negativo posticipa lintroduzione dellelemento positivo alternativo principalmente nel discorso riportato nelle lettere, raramente nella narrazione DISTRIBUZIONE

CONFIGUR AZIONI CONTRAST IVE

METACOM MENTI

- legare insieme in modo esplicito due cose che diversamente non sarebbero state connesse - attirare sul primo elemento pi attenzione di quella che diversamente avrebbe ricevuto rallentare il flusso del testo per attirare lattenzione sullimportante proposizione che segue

indica sia lelemento positivo sia quello negativo, quando uno solo dei due sarebbe sufficiente

principalmente nel discorso riportato e nelle lettere

il commento non necessario per introdurre la proposizione che segue

interrompe il flusso del discorso fermandosi a commentare ci che sta per esser detto; pu essere usato insieme a elementidi-richiamodellattenzione e lindirizzo tematico per causare ulteriori ritardi discrepanza nellaspetto (aspetto incompiuto per unazione compiuta); nellassociazio ne del tempo (imperfetto associato al passato e il presente con il non-passato)

principalmente nel discorso riportato e nelle lettere

attirare lattenzione sulle delimitazioni del discorso o su un importante evento che segue PRESENTE STORICO

principalmente nella narrazione e nelle narrazioni incorporate nel discorso riportato

CITAZIONI RIDONDAN TI DI CORNICE

- marcare lintroduzione di un nuovo elemento allinterno del discorso riportato - rallentare il discorso immediatamente prima di unaffermazione chiave

pi di un verbum dicendi, spesso come se si rispondesse ad una domanda non posta (es.: in risposta disse)

uso del verbo quando non stata posta nessuna domanda

il verbum dicendi supplementare di ritarda lintroduzione del discorso

solo nella narrazione

COLLEGA MENTO FINEINIZIO

rallentare il flusso del discorso appena prima di qualcosa di sorprendente o di importante

ripete lazione verbale della frase precedente come sfondo di circostanze della frase seguente

linformazione supplementare ritarda lintroduzione della frase principale

narrazione Apocalisse

CORNICI DI RIFERIME NTO

fornire unesplicita cornice di riferimento per lelaborazione della frase che segue, la quale fornisce la base principale per mettere in relazione ci che segue a ci che precede

porre linformazione sicura o incerta in posizione preverbale P1 (gli elementi avverbiali seguono gli schemi tipologici previsti, tuttavia hanno ancora leffetto simile di creare una cornice di riferimento per la frase che segue)t porre linformazione appena asserita in posizione preverbale P2 invece che alla fine della frase come previsto dal flusso naturale dellinformazio ne uso di uninformazion e tematica che al momento pu non essere attiva nella rappresentazion e mentale del lettore ritardare lintroduzione di un informazione riguardo a un elemento separandolo dal riferimento iniziale nella frase principale

narrazione discorso riportato e lettere

attirare unattenzione supplementare a ci che era gi linformazione pi importante della frase ENFASI

narrazione discorso riportato lettere

AGGIUNTA TEMATICA

attirare unattenzione supplementare agli elementi paralleli nel discorso

fornisce pi informazioni di quelle necessarie per sapere chi ha fatto che cosa a chi.

un contenuto supplementare in costruzioni come le frasi relative effettivamente rallenta il ritmo del discorso aggiungendo pi contenuti separare una porzione dellinformazione dal riferimento iniziale ritarda il riferimento completo; questo specialmente il caso in cui il riferimento nella frase principale specificato in modo piuttosto insufficiente per identificare lelemento senza uninformazione dislocata

narrazione discorso riportato lettere

CUMULO DI DETERMIN AZIONI

reiterare uninformazione tematica sullelemento al quale il lettore costretto a pensare a in un modo particolare

narrazione discorso riportato lettere

DISLOCAZI ONE A DESTRA

CAMBIO DI RIFERIME NTO

reiterare uninformazione tematica sullelemento al quale il lettore costretto a pensare a in un modo particolare; usata anche per unintroduzione ritardata costringere il lettore ad aggiornare la sua rappresentazione mentale dellelemento basandosi sulluso di una nuova espressione di riferimento

uso di unespressione di riferimento che differisce dallultima usata per riferirsi al medesimo partecipante non necessario per determinare il destinatario a cui si sta indirizzando lo scrittore la forma di indirizzo differisce da come i partecipanti sono al momento ancorati al discorso (es.: riferirsi ai Farisei come a una razza di vipere) pu spezzare luso previsto di un pronome personale dove usato come sostantivo laggiunta di un indirizzo interrompe il flusso del discorso, particolarmente quando non allinizio della frase (es.: dopo un metacommento o una cornice di riferimento temporale)

narrazione discorso riportato lettere

narrazione discorso riportato lettere

INDIRIZZO TEMATICO

DISTINZIO NE LONTANO/ VICINO

soprannome tematico che costringe il lettore ad aggiornare la sua rappresentazione mentale dellelemento basandosi sulluso di una nuova espressione di riferimento rappresentare una distinzione tematica nel discorso usando un dimostrativo come se fosse spaziale nella natura

non necessario dove il dimostrativo aggiunto come modificatore aggettivale non deittico

narrazione discorso riportato lettere

gli avverbi connettori costringono a connettere ci che segue a un elemento corrispondente nel contesto precedente; rende esplicita una relazione che era gi implicitamente presente

narrazione discorso riportato lettere