Sei sulla pagina 1di 120

Ministero dellInterno Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

GPL

Servizio Tecnico Centrale ISPETTORATO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSI MULTIMEDIALI

INDICE

G.P.L.

1. IDROCARBURI.......................................................................................................7 1.1. CARBONIO .............................................................................................................7 1.2. LA FAMIGLIA DI IDROCARBURI DEL METANO (ALCANI).................................................9 1.3. PRODUZIONE DI IDROCARBURI ...............................................................................12 1.4. PROPANO ............................................................................................................14 1.5. BUTANO ...............................................................................................................16 1.6. GPL ....................................................................................................................17 2. ELEMENTI DI FISICA DEI FLUIDI .......................................................................19 2.1. DIAGRAMMI DI STATO ............................................................................................19 2.2. TENSIONE DI VAPORE ............................................................................................21 2.3. LIQUEFAZIONE DEI GAS .........................................................................................23 2.4. LEGGI DEI GAS PERFETTI .......................................................................................25 2.5. STATICA DEI FLUIDI ...............................................................................................28 2.6. CENNI SULLA DINAMICA DEI FLUIDI .........................................................................31 3. IL GPL IN ITALIA..................................................................................................33 3.1. INTRODUZIONE......................................................................................................33 3.2. LA PREPARAZIONE DEL GPL PER LA DISTRIBUZIONE ...............................................36 3.3. ELEMENTI DI UN GRANDE DEPOSITO........................................................................38 3.4. IMPIANTI PER IL TRAVASO STANDARD DI GPL ..........................................................39 3.4.1. Generalit........................................................................................................39 3.4.2. Trasferimento tra serbatoi fissi e mobili di grande capacit.............................40 3.4.3. Autobotti e piccoli serbatoi...............................................................................42 3.4.4. Imbottigliamento ..............................................................................................43 3.4.5. Stazioni di distribuzione di GPL per autotrazione ............................................45 3.4.6. Il riempimento a tappo...................................................................................46 4. SERBATOI E ACCESSORI ..................................................................................49 4.1. INTRODUZIONE......................................................................................................49 4.2. GRANDI SERBATOI ................................................................................................50 4.3. PICCOLI SERBATOI ................................................................................................55 4.4. BOMBOLE ............................................................................................................57 3

GPL

4.5. ALTRI DISPOSITIVI PER LUTILIZZAZIONE DEL GPL................................................... 58 4.5.1. Riduttori di pressione e vaporizzatori .............................................................. 58 4.5.2. Limpianto per il GPL nelle auto ...................................................................... 61 5. RILASCIO DI GAS INFIAMMABILI: FENOMENI FISICI...................................... 65 5.1. COMBUSTIONE E LIMITI DI INFIAMMABILIT .............................................................. 65 5.2. DEFLAGRAZIONE ED ESPLOSIONE DI UN GAS........................................................... 67 5.3. FUORIUSCITA DI GPL DA UN SERBATOIO ................................................................ 68 5.4. BLEVE ................................................................................................................. 70 5.5. SFERA DI FUOCO (FIREBALL) ................................................................................. 73 5.6. ESPLOSIONE DI NUBE DI VAPORE NON CONFINATA (UVCE) ..................................... 75 6. STATISTICA, TIPOLOGIA E MISURE DI PREVENZIONE DI INCIDENTI IN ITALIA ...................................................................................................................... 77 6.1. INTRODUZIONE ..................................................................................................... 77 6.2. EVENTI ANOMALI IN IMPIANTI DI STOCCAGGIO ......................................................... 79 6.3. PICCOLI SERBATOI ............................................................................................... 81 6.4. DEPOSITO DI GAS GPL PER USO DOMESTICO (BOMBOLE)........................................ 82 6.5. SEGNALATORI E RILEVATORI DI GAS....................................................................... 83 6.6. AUTOVETTURE CON IMPIANTO DI ALIMENTAZIONE A GAS GPL COINVOLTE IN UN INCENDIO .................................................................................................................... 85 6.7. UN ESEMPIO SIGNIFICATIVO DI INCIDENTE: BLEVE AUTOCISTERNA, SICILIA 1996. ...... 86 7. INTERVENTI DEL C.N.VV. F. SU RILASCI DI GPL INCENDIATI E ALTRE EMERGENZE ........................................................................................................... 89 7.1. GETTI INFIAMMABILI DI GPL IN FASE LIQUIDA ......................................................... 89 7.2. INTERVENTI SU GRANDI FIAMME DI GPL ................................................................. 91 7.3. SERBATOIO ESPOSTO A INCENDIO.......................................................................... 94 7.3.1. Serbatoi fissi ................................................................................................... 94 7.3.2. Serbatoi di autovetture alimentate a GPL ....................................................... 96 7.3.3. Bidoni.............................................................................................................. 98 7.4. TRAVASI DI GPL IN EMERGENZA ........................................................................... 99 7.4.1. Il clarinetto .................................................................................................. 100 7.4.2. Travasi di emergenza tra serbatoi mobili ...................................................... 101 7.4.3. Travaso di emergenza di un serbatoio fisso ................................................. 103 8. ANALISI DEI RISCHI E PIANI DI EMERGENZA ESTERNI AI GRANDI IMPIANTI DI GPL.................................................................................................................... 105 8.1. CENNI SULLA VULNERABILIT DELLUOMO ALLA RADIAZIONE TERMICA ................... 105 8.2. EFFETTI DELLA RADIAZIONE SUI MATERIALI .......................................................... 107 8.3. METODOLOGIE PER LANALISI DEL RISCHIO .......................................................... 108 4

INDICE

8.3.1. Lo studio sul campo ......................................................................................109 8.3.2. La simulazione ..............................................................................................111 8.4. SOSTANZE PERICOLOSE ED EFFETTO DOMINO .......................................................113 8.5. ELEMENTI DI UN PIANO DI EMERGENZA ESTERNA AD UN DEPOSITO DI GPL...............115 8.6. IL COMPUTER PER LEMERGENZA E IL C.N.VV.F. (PROGETTO SIGEM-SIMMA) .........117

IDROCARBURI

1. IDROCARBURI

1.1. Carbonio
Latomo di carbonio, il sesto elemento della tavola periodica, costituito da sei elettroni, sei protoni e sei neutroni (si veda fig. 1), la sua massa esattamente pari a dodici unit elementari1.

Figura 1

Esso costituisce il riferimento attualmente adottato per lunit di massa atomica (un dodicesimo di quella del carbonio) e per lunit di misura della quantit di sostanza2. Aggregati di soli atomi di carbonio, a seconda della disposizione spaziale degli atomi, possono portare a sostanze assai diverse: la grafite (fig. 2), il diamante (fig. 3) e un materiale realizzato da Fuller nel 1985 e per questo chiamato fullerene (fig. 4).

Figura 2
1

Figura 3

Figura 4

La massa in unit atomiche di un elemento, in prima approssimazione, pari alla somma del numero di protoni e neutroni. Queste particelle costituenti il nucleo atomico hanno masse, ad esempio espresse in kilogrammi, con valori molto vicini ed estremamente pi grandi di quella dellelettrone. Storicamente il riferimento dellunit elementare di massa stato dapprima lidrogeno (elemento con un solo protone) posto uguale ad uno. Oggi il valore accettato per lidrogeno 1,008. 2 La mole nel Sistema Internazionale viene definita come la quantit di sostanza di un sistema che contiene tante entit elementari quanti sono gli atomi in 0,012 kilogrammi di carbonio 12. Ovvero una mole di carbonio corrisponde ad una massa di 12 grammi di questo elemento.

GPL

Limportanza di questo elemento innanzitutto nel ruolo che svolge nei cicli vitali; grassi, proteine, zuccheri contengono elevate percentuali di carbonio e lalimentazione pu spesso essere schematizzata con una reazione chimica in cui un atomo di carbonio si lega ad una molecola di ossigeno per dar luogo ad un gas (diossido di carbonio, spesso indicato come anidride carbonica) pi una certa quantit di energia che viene utilizzata nei modi pi disparati. Lalterazione del ciclo dellanidride carbonica1 (rappresentato schematicamente nella figura 5) dovuto a un surplus di utilizzo di combustibili contenenti carbonio per il riscaldamento, la produzione di energia elettrica e il trasporto su strada; combustione che pu essere schematizzata sempre secondo la reazione: C + O2 CO2 + energia

Figura 5

Dei milioni di composti del carbonio, molti, come facile capire dalle considerazioni precedenti, sono prodotti di piante ed animali; cos fino agli inizi del 1800 si pensava che essi fossero la conseguenza di una forza vitale, da cui il nome di chimica organica che ancor oggi viene attribuito allo studio dei composti del carbonio.

Il problema principale di un eccesso di anidride carbonica in atmosfera su scala globale la sua capacit a trattenere la radiazione infrarossa (il calore riemesso dalla terra) che contribuisce al lento riscaldamento complessivo della terra: effetto serra.

IDROCARBURI

1.2. La famiglia di idrocarburi del metano (alcani)


In una sostanza, il singolo atomo di carbonio ha spesso quattro legami semplici con altri atomi, come nellesempio del diamante (vedi fig. 3). Il pi semplice composto di idrogeno (elemento caratterizzato da un solo legame) e carbonio allora una molecola costituita da un atomo di carbonio e quattro atomi di idrogeno in una struttura che assume una forma spaziale che ricorda un tetraedro (fig. 6).

Figura 6

Tale composto il metano CH4. La reazione di combustione del metano con lossigeno risulta: CH4 + 2O2 CO2 +2H2O + energia (con i numeri davanti ai simboli chimici dei composti, chiamati coefficienti stechiometrici, indicanti il numero di molecole che si combinano nella reazione1). Ossigeno (aria) pi metano in determinate condizioni, fiamma libera o scintilla2, possono quindi dare origine ad anidride carbonica, vapor acqueo ed unenergia che pu essere misurata dal cosiddetto potere calorifico o calore di combustione della sostanza3.

Nellesempio una molecola di metano si combina con due di ossigeno per dar luogo a una molecola di anidride carbonica e due di acqua. 2 Facendo fuoriuscire gas a bassa pressione e utilizzando una scintilla o un fiammifero si riesce ad ottenere la combustione. Operazione familiare a tutti visto lutilizzo del metano nella maggioranza delle cucine italiane. 3 Il potere calorifico misura lenergia prodotta nella combustione di ununit di massa del combustibile. Normalmente si parla di potere calorifico inferiore quando tutta lacqua che si forma nella combustione si libera sotto forma di vapore acqueo.

GPL

Il metano costituisce il capostipite di una famiglia chimica, i cui componenti sono detti alcani, di idrocarburi (idrogeno + carbonio) caratterizzati da legami semplici tra gli atomi che compongono lidrocarburo stesso. La molecola del successivo elemento della famiglia (letano) rappresentata tridimensionalmente in figura 7.

Figura 7

Come chiaro, per ottenere letano C2H6 come se avessimo aggiunto alla molecola del metano (CH4) (fig. 8) un gruppo composto da un atomo di carbonio e due di idrogeno (CH2). Il risultato riportato nella figura 9.

Figura 8

Figura 9

10

IDROCARBURI

Si pu iterare (ripetere) il procedimento ottenendo il propano (C3H8), il butano (C4H10), il pentano (C5H12), lesano (C6H14). Nelle figure 10 e 11 sono rappresentate le molecole di questi ultimi due idrocarburi.

Figura 10

Figura 11

APPROFONDIMENTO Si possono generalizzare le considerazioni precedenti, riportando in una tabella il numero di atomi di carbonio e di idrogeno degli idrocarburi della famiglia degli alcani. Atomi di carbonio 1 2 3 4 5 6 Atomi di idrogeno 4 6 8 10 12 14 Idrocarburo metano etano propano butano pentano esano

E facile capire confrontando i diversi numeri che lennesimo componente della famiglia si ottiene a partire dalla formula: CnH2n+2. Per n=1 si ha il metano e cos via per gli altri valori di n. Gli alcani a temperatura ambiente si possono presentare nella forma solida, liquida e gassosa a seconda del numero di atomi che lo compongono. Essi in genere non vengono commercializzati allo stato puro; inoltre costituiscono i componenti principali della benzina, del gasolio, del gas naturale e della paraffina.

11

GPL

1.3. Produzione di idrocarburi


LItalia pur non avendo giacimenti particolarmente ricchi di idrocarburi ha oggi una certa produzione nazionale. In tabella vengono riportati i valori relativi agli ultimi anni. Produzione nazionale di idrocarburi liquidi e gassosi Gas naturale (t) 1996 1997 1998 20.218.302 19.461.505 19.164.173 Olio grezzo (t) 5.429.849 5.936.297 5.600.278 Gasolina naturale (t) 21.778 21.517 22.471 Metri complessivi perforati (m) 210.427 157.549 159.116

Nel caso del petrolio, il prodotto grezzo, il greggio, un liquido marrone verdastro, molto viscoso, viene lavorato per separarne le diverse componenti (ad esempio idrocarburi con diversi punti di ebollizione). Nelle raffinerie le componenti del petrolio, riscaldate a 400C, divengono vapore; successivamente, allinterno di torri di distillazione (si veda fig. 12) i vapori condensano a diverse altezze (la torre allinterno ha dei piatti con temperature crescenti dallalto verso il basso).

Figura 12

Le diverse frazioni si raccolgono sui piani della torre. Gli oli pesanti vengono poi sottoposti ad un ulteriore processo di distillazione che, ora , avviene sotto vuoto.

12

IDROCARBURI

La benzina ricavata nel processo di distillazione non ancora adatta ad un impiego immediato e viene sottoposta ad un processo chiamato cracking (fig. 13) per aumentarne la percentuale di idrocarburi leggeri, consistente in un riscaldamento e riaggregazione di componenti su particolari catalizzatori.

Figura 13

13

GPL

1.4. Propano
Se si riscalda ad esempio dellolio di paraffina su alcuni granuli di sostanze che favoriscono la reazione chimica (catalizzatori) e si raffredda il gas risultante si ottengono benzina e gas di cracking (si veda fig. 14).

Figura 14

Questi ultimi contengono alte percentuali di propano, il terzo elemento degli alcani (per la struttura chimica si rimanda alla figura 15)1 .

Figura 15

Il propano la base per la formazione di diversi prodotti chimici (tra gli altri: etilene, formaldeide, acetone), ma soprattutto pu essere liquefatto facilmente alle temperature ordinarie; in tal modo si riesce a concentrare una grande quantit di energia in un piccolo volume.
1

Anche a partire dai giacimenti di metano possibile ottenere idrocarburi leggeri.

14

IDROCARBURI

Si consideri ad esempio una bombola per cannelli di taglio o saldatura con allinterno del propano liquido (fig. 16): se si apre la valvola fuoriesce propano gassoso, mentre allinterno della bombola (fig. 17) il propano allo stato liquido evapora.

Figura 16

Figura 17

Dopo la chiusura della valvola si riforma lequilibrio tra propano liquido e aeriforme, con valori della pressione non molto distanti da quelli iniziali. A temperature ordinarie risultano pressioni prossime a 10 bar (dieci volte, circa la pressione atmosferica1). In questo modo, vista la notevole differenza tra la densit del liquido e del gas, possibile ottenere per ogni litro di propano liquido circa 270 litri di vapore. Tutto ci ha un prezzo: lelevata pressione che deve sopportare il recipiente, unita allalta infiammabilit del propano, pongono problemi di pericoli potenziali e di sicurezza.

Le unit di misura della pressione saranno trattate in dettaglio nel prossimo capitolo. Lunit del Sistema Internazionale per la pressione il pascal (simbolo Pa); la pressione atmosferica equivale a 101.325 Pa, mentre unaltra unit molto utilizzata, il bar, uguale a 100.000 Pa.

15

GPL

1.5. Butano
Accendini, bombolette da campeggio (fig. 18) contengono, generalmente butano. Il gas liquefatto commercializzato con questo nome non in realt la semplice sostanza di cui abbiamo parlato la cui struttura chimica rappresentata in figura 19, ma una miscela complessa composta da butano e isobutano, butene e isobutene1, idrocarburi aventi propriet fisiche diverse.

Figura 18

Figura 19

Per rendere liquido il butano alla temperatura ambiente (20C) sufficiente sottoporlo ad una pressione di circa 3 bar, notevolmente inferiore a quella del propano. Ne consegue il maggiore impiego del butano rispetto al propano in quelle situazioni in cui non sono necessari grandi quantitativi di combustibile e si impiegano contenitori (serbatoi) con pareti non particolarmente spesse. La mancanza di azioni corrosive sui metalli, la sua non tossicit2, il suo alto potere calorifico depongono in favore del suo utilizzo come combustibile; daltro canto nei mesi invernali non sarebbe possibile utilizzare in maniera adeguata vapori di butano per la pressione troppo bassa, tale da non garantire un flusso sufficiente agli impianti.

Lisobutano ha la stessa formula chimica del butano, ma la disposizione spaziale dei suoi atomi pi ramificata rispetto a quella del butano. Il butene presenta, a differenza degli idrocarburi tipo metano, dei doppi legami tra gli atomi di idrogeno e carbonio. 2 In forti concentrazioni (oltre il 20%) il butano pu avere effetti narcotici. La concentrazione massima ammissibile raccomandata per i lavoratori esposti (8 ore per 5 giorni alla settimana) di 800 parti per milione di volume in aria.

16

IDROCARBURI

1.6. GPL
Per ovviare agli inconvenienti del propano (alta pressione di esercizio) e a quelli del butano (opposti al precedente) i due idrocarburi vengono utilizzati come miscela. Il cosiddetto gas di petrolio liquefatto (GPL) composto per circa il 30% da propano commerciale e per il 70% da butano commerciale. Tenendo presente che questi valori non sono determinati per legge, che i diversi produttori utilizzano percentuali leggermente diverse, che la dizione commerciale sottende a sua volta la composizione della sostanza come miscela di idrocarburi, si capisce che lunica definizione possibile per il GPL fissa solo valori limite per la pressione di esercizio e la densit del combustibile ad una temperatura di riferimento, accennando al tempo stesso alla composizione chimica. Secondo le indicazioni ministeriali1, il GPL un gas liquefattibile a temperatura ambiente, avente tensione di vapore massima di 18 bar a 50C e densit non inferiore a 440 kg al metro cubo a 50C, costituito prevalentemente da idrocarburi paraffinici e olefinici2 a tre e quattro atomi di carbonio.

1 2

Decreto del Ministero dellInterno 13 ottobre 1994. Sinonimo di alcheni, cio della famiglia del metano.

17

GPL

APPROFONDIMENTO Reazioni chimiche di combustione In condizioni normali, per la combustione di 1 metro cubo di propano sono necessari allincirca 24 metri cubi di aria, mentre il butano necessita di circa 30 metri cubi di aria. Per spiegare tali valori basta sapere la percentuale di ossigeno in aria (21%) e avere conoscenze chimiche tali da risolvere il problema del bilanciamento di una reazione. Iniziamo con lesempio del propano C3H8. In analogia alle reazioni di combustione gi trattate in precedenza facile ottenere (scegliendo i numeri davanti ai simboli delle molecole in modo da avere lo stesso numero di atomi a destra e a sinistra della freccia): C3H8 + 5 O2 3CO2 +4 H2O Quindi una molecola di propano si combina con 5 molecole di ossigeno; poich si tratta di gas ununit di volume di propano si combina con cinque unit di volume di ossigeno. Un metro cubo di propano reagisce con 5 metri cubi di ossigeno. Il volume di aria corrispondente sar quasi cinque volte maggiore perch lossigeno il 21% dellaria1. E facile ripetere il calcolo per il butano partendo dalla reazione bilanciata: 2C4H10 +13 O2 8CO2 + 10H2O

Per ottenere il valore di 24 metri cubi, basta dividere 5/0,21.

18

ELEMENTI DI FISICA DEI FLUIDI

2. ELEMENTI DI FISICA DEI FLUIDI

2.1. Diagrammi di stato


Per definire e confrontare le propriet fisiche e chimiche delle sostanze spesso sono state scelte come riferimento le caratteristiche dellacqua. Essa viene utilizzata e trasformata nei suoi diversi stati di aggregazione: solido, liquido, gassoso. Fissato un certo volume ci si potrebbe chiedere a quale pressione e temperatura lacqua si trovi allo stato liquido, allo stato solido e in quello gassoso. Ovviamente in condizioni di pressione normale (quella atmosferica) al di sopra dei 100C lacqua sar nello stato aeriforme, al di sotto di questa temperatura e al di sopra di 0C si trover nello stato liquido e infine al di sotto di 0C sar solida. Ripetendo la stessa operazione a pressioni diverse si possono ottenere diagrammi (temperatura, pressione) in cui in ogni punto viene specificato lo stato di aggregazione della sostanza, i cosiddetti diagrammi di stato. Ben presto ci accorgeremmo delle difficolt di classificare alcuni punti del piano in cui coesistono liquido e vapore (100C nellesempio precedente) o liquido e solido (0C alla pressione normale). Punti che di fatto permettono la costruzione dei termometri, nel piano temperatura-pressione, uniti tra di loro, formano una curva che separa due zone aventi diversi stati di aggregazione. Con riferimento alla figura 20, appena al di sotto della curva la sostanza vapore, mentre al di sopra la sostanza liquida.

Figura 20

19

GPL

Limitandoci per ora a queste due fasi (considerando anche il solido esistono anche i punti tripli in cui coesistono tutte e tre le fasi) analizziamo i diagrammi di stato relativi al propano (C3H8), al butano (C4H10) e ai loro relativi prodotti commerciali, rappresentati in figura 21.

Figura 21

A pressione normale (101.325 pascal, 1,013 bar) il propano bolle a 42C, mentre il butano ha una temperatura di ebollizione di -0,5C. Se si innalza la pressione anche la temperatura di ebollizione aumenta e si ottiene un equilibrio liquido-vapore a temperature pi elevate. Per questa stessa ragione, in una pentola a pressione la temperatura di ebollizione dellacqua maggiore di 100C e i cibi si cuociono pi rapidamente, mentre in montagna, con pressioni pi basse di quelle a livello del mare, la temperatura di ebollizione di conseguenza minore1, porta a una cottura pi lenta e, in alcuni casi, peggiore rispetto alle condizioni normali. Vediamo, sempre con riferimento la figura 2, che il butano commerciale a 0C ha un valore della pressione di 2 bar2 e il propano raggiunge 6 bar, mentre a 50C il valore della pressione di equilibrio del butano 8 bar, quella del propano 20 bar.

Un classico esperimento di laboratorio di fisica mostra la possibilit di far bollire lacqua a 20C semplicemente inserendo un recipiente contenente acqua al di sotto di una campana di vetro collegata ad una pompa a vuoto. Un termometro allinterno dellacqua permette il controllo della temperatura. Togliendo aria al di sopra del recipiente, riducendo la pressione, incominciano a formarsi piccole bolle che via via divengono pi grandi fino allebollizione completa dellintero liquido. 2 Ritorneremo pi volte sulle unit di misura della pressione, qui basti ricordare che in prima approssimazione la pressione normale 1 bar.

20

ELEMENTI DI FISICA DEI FLUIDI

Considerando che il GPL una miscela di butano e propano commerciali si capisce come negli intervalli di temperature ordinarie serbatoi come in figura 22 debbano sopportare pressioni di esercizio dellordine di 10-14 bar1.

Figura 22

2.2. Tensione di vapore


Il contenitore, in genere di forma cilindrica orizzontale o verticale (fig. 23), riempito per circa l80% di GPL nella fase liquida, mentre nel restante 20% di volume vi sono i vapori di GPL.

Figura 23

In realt il recipiente pensato per resistere a pressioni pi elevate. Nel capitolo dedicato ai serbatoi ne vengono date le caratteristiche tecniche.

21

GPL

Lequilibrio tra le due fasi dinamico, nel senso che alla pressione di equilibrio (detta anche tensione di vapore saturo) la massa del liquido e del vapore non cambiano (fig. 24) anche se continuamente molecole del liquido si trasformano in vapore (vaporizzazione) e molecole del vapore si trasformano in liquido (liquefazione).

Figura 24

Il termine tensione di vapore saturo sta ad indicare che nemmeno una goccia di liquido, a quella temperatura, pu aggiungersi al vapore e viceversa. Per rompere lequilibrio bisogna togliere del vapore. Ad esempio, mentre si utilizza il GPL, si sottrae vapore e questo viene prodotto a scapito della massa di liquido che, quindi, durante lutilizzazione evaporer. Ovviamente un altro modo di modificare lequilibrio dinamico variare la temperatura esterna: in questo caso, come abbiamo gi detto, varier la tensione di vapore e di conseguenza lo stress al quale sottoposto il recipiente metallico.

22

ELEMENTI DI FISICA DEI FLUIDI

2.3. Liquefazione dei gas


A pressione atmosferica abbastanza semplice liquefare il butano: basta far passare in un recipiente immerso in una soluzione a bassa temperatura del butano gassoso (fig. 25).

Figura 25

Un metodo alternativo per raggiungere lo stesso scopo, potrebbe essere quello di provare a sottoporre il gas, a temperatura ambiente, a pressioni crescenti (fig. 26).

Figura 26

Lo studio di un gas reale (mantenuto a temperatura costante in un termostato) in un recipiente a volume variabile porta a scoprire che in realt solo al di sotto di una data temperatura possibile liquefare la sostanza aeriforme per sola compressione.

23

GPL

Al di sopra di tale temperatura aumentando la pressione si riduce il volume del gas seguendo approssimativamente una legge che porta il nome di Robert Boyle (fig. 27): a temperatura costante, pressione e volume del gas sono grandezze inversamente proporzionali ovvero, in simboli: PV = costante1

Figura 27

Il grafico risultante nel piano volume-pressione uniperbole. Abbassando la temperatura del termostato e ripetendo lesperimento, la curva risultante si allontana sempre pi dalla regolarit di uniperbole fino a raggiungere una temperatura critica (Tc) al di sotto della quale vi unampia zona in cui coesistono liquido e vapore. Le curve risultanti sono riportate nella figura 28.

Figura 28

Raddoppiando la pressione si dimezza il volume, triplicando P il volume V si riduce a 1/3, ecc.

24

ELEMENTI DI FISICA DEI FLUIDI

Nella tabella che segue vengono indicati i valori approssimati delle pressioni critiche e delle temperature critiche del propano, butano e GPL. Sostanza propano butano GPL1 Temperatura critica (C) 97 152 136 Pressione critica (bar) 42 38 39

Come si vede alla temperature ordinarie il GPL e i suoi componenti possono essere sempre liquefatti esercitando la pressione opportuna.

2.4. Leggi dei gas perfetti


E possibile cercare di generalizzare la legge di Boyle, ottenendo unequazione che descriva le curve sperimentali di figura 28. Le curve teoriche (fig.29) ottenute da Van der Waals approssimano in modo sufficientemente preciso landamento di molti gas reali.

Figura 29

Tuttavia, data la relativa complessit delle equazioni corrispondenti, ha avuto molto pi successo una legge approssimata descrivente non il gas reale, ma un suo modello ideale, chiamata per questo legge dei gas ideali. Essa permette di effettuare rapidi calcoli e di raggiungere in fretta a conclusioni sufficientemente approssimate rispetto a molte situazioni reali. Poich un gas pu essere caratterizzato da una certa pressione, da una temperatura e dal volume (del recipiente che lo contiene), lo studio dei gas, per semplicit, viene realizzato mantenendo costante una grandezza e variando le altre due.

Si tenga presente che i valori del propano e del butano si riferiscono alle sostanze pure, mentre il GPL una miscela, con percentuali non fissate a priori di butano e propano commerciali.

25

GPL

Abbiamo gi trattato il caso in cui la temperatura costante. Vediamo ora la legge approssimata relativa alle trasformazioni a volume costante, associata in genere al nome di Gay Lussac (fig. 30) e quella relativa alle trasformazioni con pressione costante studiata dallo scienziato Charles (fig.31).

Figura 30

Figura 31

Ancora oggi, facile ottenere dei valori sperimentali utilizzando solo un recipiente rigido (volume costante) contenente aria (una miscela di gas) e misurando la pressione al variare della temperatura. Riportando i valori della temperatura e della pressione su un grafico si ottengono dei punti allineati; il grafico risultante una retta che non passa per lorigine (fig. 32).

Figura 32

26

ELEMENTI DI FISICA DEI FLUIDI

Prolungando questa retta dalla parte delle temperature Celsius negative si ricava che lintersezione con lasse orizzontale (pressione con valore nullo) vale 273C (vedi fig. 33).

Figura 33

Dunque avvicinandosi teoricamente1 alla pressione nulla la temperatura dei gas2 tende a 273C. Appare allora naturale passare dalla scala Celsius della temperatura ad unaltra scala traslata (spostata) di 273 gradi in modo da ottenere una retta passante per lorigine (vedi fig. 34).

Figura 34

Lunit di misura della temperatura termodinamica oggi il kelvin (simbolo K3) che si ottiene dal grado Celsius aumentandolo di un valore pari a 273,154. Con questa unit per i gas ideali, pressione e temperatura a volume costante sono grandezze direttamente proporzionali; ovvero, in simboli, la legge di Gay-Lussac diviene: P/T = costante5.
Se i valori sperimentali fossero presi su un ampio intervallo di temperature questi non sarebbero pi allineati. 2 In realt i gas a bassa temperatura liquefa, quindi il discorso puramente teorico. 3 In passato si utilizzava la notazione gradi kelvin, oggi abolita dal Sistema Internazionale. Ancora in molti vecchi testi e nei libri americani (che non adottano il SI) possibile trovare K. 4 Lintervallo (le variazioni di temperatura) di un grado Celsius corrisponde comunque a 1 kelvin. Ovvero dire che la temperatura aumentata di un kelvin o di 1C equivalente. Spieghiamolo con un esempio: una sostanza passa da 20C a 21C, quindi la sua temperatura iniziale di 293 K raggiunge 294 K. 5 Raddoppiando la pressione si raddoppia il valore della temperatura (espressa in kelvin), ecc.
1

27

GPL

Cos infine possibile arrivare a dimostrare che anche volume e temperatura (a pressione costante) sono grandezze direttamente proporzionali; in simboli la legge di Charles si esprime nella forma: V/T = costante. Raddoppiando la temperatura (kelvin) di un gas in un recipiente che pu variare il suo volume, questo a sua volta diviene due volte il valore di partenza1.

APPROFONDIMENTO Equazione di stato dei gas Le tre leggi dei gas (Boyle, Charles e Gay Lussac) possono essere riassunte in ununica equazione che prende il nome di equazione di stato dei gas ideali. In simboli: PV=nRT con P = pressione misurata in pascal2; V = volume espresso in metri cubi; T = temperatura misurata in kelvin; n = quantit della sostanza misurata in moli3, R = costante dei gas che vale nel Sistema Internazionale 8,3154.

2.5. Statica dei fluidi


Se la temperatura e la sua unit di misura rappresentano argomenti importanti dei precedenti paragrafi, qui parleremo di altre grandezze: la densit, chiamata oggi massa volumica per indicare che si ottiene dal rapporto tra massa e volume, e, ancora, la pressione. Per ricavare la massa volumica dellaria sufficiente misurare le masse di un recipiente pieno daria e quella dello stesso recipiente svuotato dallaria (ad esempio tramite una pompa). Si trova cos che un contenitore capace di trattenere un metro cubo daria ha una differenza delle masse pari a circa 1,27 kg. Il rapporto massa volume dellaria a pressione ordinaria quindi 1,27 kg/m3.

Un esempio numerico pu chiarire meglio questa legge. Un gas a 300 K (circa 27C) e volume 1 (lunit inessenziale) raggiunge 330 K (mantenendo la pressione costante). Il volume finale si ottiene semplicemente come rapporto tra le due temperature 330/300=1,1. Quindi percentualmente il volume iniziale del gas variato del 10%. 2 Come stato gi ricordato la pressione convenzionale di riferimento 101.325 Pa, pari a 1,013 bar. 3 Si ricorda che una mole di idrogeno corrisponde a due grammi, ovvero una quantit di sostanza misurata in grammi equivalente alle unit elementari atomiche (numero di protoni e neutroni che compongono la sostanza). 4 Le costanti in fisica hanno generalmente ununit di misura, lunit di R si pu ricavare dallequazione di stato: pascal x metro cubo/mol x kelvin.

28

ELEMENTI DI FISICA DEI FLUIDI

In genere non ci si rende conto che in una stanza vi sono decine di kilogrammi di aria perch il valore di riferimento della densit nelle esperienze comuni quello dellacqua, pari a 1000 kilogrammi/metro cubo1. Ovviamente le densit vanno misurate secondo una temperatura di riferimento, poich il volume, specie dei gas, dipende fortemente dalla temperatura. Nella tabella che segue sono riportati i valori delle masse volumiche di alcuni combustibili gassosi con indicate la pressione e la temperatura di riferimento. Sostanza Isobutano Propano Metano Massa volumica (kg/m3) alla temperatura di 0C e alla pressione normale (101.325 Pa) 2,67 2,02 0,72

Come chiaro il propano e il butano (e quindi il GPL) hanno una densit notevolmente superiore a quella dellaria. Cos in caso di fuga delle tubazioni o dei contenitori di GPL, le miscele gassose di propano e butano, in mancanza di ventilazione, ristagnano vicino ai luoghi dove si verificata la perdita con conseguenti pericoli. Viceversa il metano, in spazi aperti, avendo una densit minore dellaria si pu disperdere pi facilmente. Da ci deriva inoltre la ragione per cui i rivelatori di gas in ambienti chiusi vengano posizionati in basso nel caso del GPL e in alto nel caso di metano2. Unaltra grandezza caratteristica dei combustibili gassosi, essenziale per la sicurezza, la tensione di vapore, ovvero la pressione nei serbatoi. Il controllo di tale grandezze viene affidata a strumenti chiamati manometri. Nella loro forma pi semplice, adatta solo per gas con pressioni prossime a quelle dellatmosfera terrestre, sufficiente utilizzare un manometro costituito da un tubo a forma di U riempito di mercurio e misurare il dislivello del mercurio stesso (fig. 35).

Figura 35

1 2

Una piscina di dimensioni 25 m, 10 m, 3 m, riempita contiene allora 750.000 kg di acqua. Ritorneremo in seguito sulle caratteristiche dei rivelatori di gas.

29

GPL

Infatti la differenza tra la pressione del gas e quella dellaria risulter proporzionale al dislivello h misurato in mm di mercurio1. Nel caso di pressioni molto pi elevate, come per i vapori nei serbatoi di GPL, bisogna utilizzare manometri diversi in cui il rivelatore di pressione, ad esempio, costituito da un piccolo tubo flessibile di acciaio a sezione ellittica, chiuso ad unestremit, la cui forma ricorda la lettera C. Sotto lazione del fluido che penetra allinterno del tubo, gli estremi della C tendono a divaricarsi e la deformazione segnalata da un indice mobile (fig. 36) collegato ad un insieme di leve (manometro tipo Bourdon fig. 37-).

Figura 36

Figura 37

APPROFONDIMENTO Nel Sistema Internazionale la pressione si misura in pascal (simbolo Pa). Lunit equivale allintensit di una forza di 1 newton (simbolo N) che agisce perpendicolarmente ad una superficie pari a 1 metro quadrato. Se si considera laria che si trova intorno alla terra (latmosfera), essa esercita in una qualsiasi direzione, su una superficie di 1 metro quadro posta al livello del mare, una forza di 101.325 Pa. Al valore di 100.000 Pa invece associato il nome di bar di modo che la pressione normale risulta 1,013 bar o 1013 mbar (millibar). Infine a questo valore corrisponde un dislivello di 760 mm di mercurio in un barometro. La pressione ha moltissime altre unit di misura, tra le altre ricordiamo, anche se in disuso, i kilogrammi forza/centimetri quadrati. Poich un kg corrisponde a 9,81 N e 1 metro quadro uguale a 10.000 centimetri quadrati si ottiene che 1kg/cm2 = 98.100 Pa, ancora un valore molto prossimo a quello normale.

La differenza di pressione di 1 atmosfera (101.325 Pa, 1,013 bar) corrisponde a 760 mm di mercurio.

30

ELEMENTI DI FISICA DEI FLUIDI

2.6. Cenni sulla dinamica dei fluidi


In una piscina o al mare la pressione aumenta man mano che si scende in profondit1, cos misurando la pressione 1 metro sottacqua si ottiene un valore di circa 1,1 volte la pressione atmosferica; a 2 metri, 1,2 la pressione atmosferica, ecc.2.Nella statica dei liquidi la (variazione di) pressione pu essere sostituita dallaltezza. Nei liquidi in movimento la situazione pi complessa, tuttavia le prime misure dinamiche della pressione di un fluido sono state ottenute valutando le diverse altezze che raggiunge il liquido3 in tubicini aperti posti in posizione perpendicolare rispetto alla conduttura principale. Se il tubo dove scorre il fluido ha sezione variabile (come nel caso di fig.38, in cui rappresentato un tubo di Venturi utilizzato nella ricerca), per brevi tratti si pu considerare la portata del fluido costante.

Figura 38

Figura 39

Prendendo come riferimento lo schema di fig. 39, la quantit di materia che attraversa la superficie A1 uguale a quella che attraversa la superficie A2, da ci si ricava che la velocit aumenta nella strozzatura (si pensi allacqua in un fiume con un improvviso restringimento). Nella parte centrale del tubo la pressione p2 diviene minore rispetto alla pressione p1.Questo conviene perch deve valere il principio di conservazione dellenergia in modo che lenergia cinetica che aumenta a causa della maggiore velocit venga compensata dalla diminuzione di energia connessa alla pressione del fluido e viceversa. Affermare che la portata costante e che lenergia del fluido costante significa trascurare gli attriti interni al fluido (viscosit) e gli attriti dovuti al contatto del fluido con le pareti.

In un gas racchiuso in un recipiente le differenze di pressione al variare dellaltezza si possono in genere trascurare. 2 Nei liquidi la pressione allinterno del liquido aumenta proporzionalmente alla profondit, indicando questa con h, con d la densit del liquido e p la pressione si ha: p-patm = dgh, patm la pressione normale, g laccelerazione di gravit che ha un valore numerico nel SI di 9,81. Valore gi incontrato in precedenza. Il prodotto densit per accelerazione uguale al peso specifico della sostanza (il rapporto peso volume). 3 La misura della pressione sanguigna a cui siamo abituati dovuta allingegno di un medico italiano Scipione Riva Rocci alla fine dellottocento. Le prime misure mediche della pressione sono dovute a Daniel Bernoulli che nel settecento propose luso di tubicini in vetro appuntiti che venivano conficcati in unarteria del paziente.

31

GPL

Normalmente si cerca di ridurre il pi possibile le perdite di energia, esistono comunque dispositivi basati sullesatto opposto: lesaltazione degli attriti. Cos nel caso della regolazione della pressione di uscita del GPL di una bombola impiegata in una cucina, il valore della pressione del vapore, attraversando un regolatore-riduttore di pressione (fig. 40), raggiunge il valore di pochi centesimi di atmosfera a causa di un brusco restringimento che provoca lo strozzamento del fluido.

Figura 40

Nel caso precedente del tubo di Venturi la pressione diminuisce e la velocit aumenta nella parte centrale per poi tornare quasi al valore iniziale, quando il restringimento termina. Se invece il restringimento brusco (a causa di una valvola, un diaframma, un piccolo foro) la velocit del gas o del vapore, attraversato il foro, ritorna a valori prossimi a quelli iniziali, ma non cos la pressione. La turbolenza (lattrito) che si verifica nel passaggio dissipa gran parte dellenergia del fluido (fig. 41).

Figura 41

I dispositivi che portano alla diminuzione del valore della pressione, detti per ci riduttori, possono essere regolati con unapposita vite e portano ad esempio la pressione del GPL da valori di 5 bar a valori tra 0,02 bar e 0,13 bar. 32

IL GPL IN ITALIA

3. IL GPL IN ITALIA

3.1. Introduzione
Gli obblighi di informazione delle imprese, per ragioni fiscali, consentono di conoscere in modo dettagliato i consumi petroliferi nazionali. La direzione generale dellenergia e delle risorse minerarie aggiorna periodicamente le tabelle dei consumi e le diffonde con grande celerit1. Nella tabella seguente vengono riportati come esempio i consumi di GPL (espressi in migliaia di tonnellate) relativi al mese di luglio del 2000 con il consuntivo gennaio-luglio. prodotto Luglio 2000 249 Luglio 1999 250 114 Variazione GennGennVariazione % luglio 2000 luglio 1999 % -0,4 2246 2266 -0,9 0,9 799 791 1

G.P.L. complessivo G.P.L. 115 autotrazione

I consumi di GPL per autotrazione sono pressoch costanti (sia nel 1999 che nel 2000) e valutabili nellordine delle 114.000 tonnellate al mese. A questi si aggiunge una quota mensile leggermente superiore di circa 135.000 tonnellate di consumi vari (agricoltura, industria, ristorazione, petrolchimico, privato).

Figura 42

Al proposito si rimanda alla pagina internet: mica-dgfe.casaccia.enea.it/consumi/consumi.htm.

33

GPL

La quota di riscaldamento nei mesi invernali valutabile invece nellordine delle 180.000 tonnellate al mese1, con una prevalenza di utilizzo di piccoli serbatoi, i cosiddetti bomboloni, e delle bombole di piccola capacit2 (fig. 43)

Figura 43

Se la quota per il riscaldamento mensile fosse movimentata solo con bombole di 25 kg si avrebbe un parco bombole valutabile nellordine di 70 milioni di pezzi. Il consumo pro capite mensile risulta di 6,26 kilogrammi a persona che equivalgono a circa 3130 metri cubi di gas al mese3. Complessivamente in Italia si consumano in un anno 4 milioni di tonnellate di GPL liquido, met delle quali prodotte nel nostro territorio in raffinerie e laltra met importato. Dei circa due milioni di tonnellate estere, un milione arriva ai depositi costieri di Livorno, Napoli e Brindisi, grazie a grandi navi gasiere (fig. 44).

Figura 44

Il solo porto di Livorno in un anno movimenta seicentoquarantamila tonnellate di GPL che vengono stoccate in caverne sotterranee poste a cento metri di profondit e aventi una capacit di ventimila tonnellate.
Elaborazione a partire dai dati del periodo gennaio-maggio (1753000 tonnellate complessive di cui 562000 di autotrazione). Consumi maggio: 244000 tonnellate di cui 115000 di autotrazione. 2 Le bombole oggi disponibili sul mercato hanno generalmente una massa di 10 kg, 15, 20, 25, 50 kg e meno diffuse 100 kg. Poich la densit del GPL liquido circa la met dellacqua, ai valori precedenti corrispondono volumi di GPL variabili tra 20 litri e 200 l, si tenga inoltre presente che la bombola occupata per non pi dell80% del suo volume geometrico del GPL liquido. 3 Per trasformare la massa in volume si tenuto conto che 1 metro cubo di GPL liquido allincirca 500 kg e che un metro cubo di GPL liquido si trasforma in circa 250 metri cubi di vapore.
1

34

IL GPL IN ITALIA

Laltro milione di tonnellate proveniente dai depositi stranieri trasportato lungo strada con grandi autocisterne (fig. 45) o per ferrovia1 con ferro cisterne (fig. 46).

Figura 45

Figura 46

Per una serie di ragioni, molto valide, in Italia non stata sviluppata una canalizzazione diffusa di GPL, un sistema di condutture occupante una parte rilevante del territorio (dette comunemente pipeline fig. 47-) come ad esempio avvenuto negli Stati Uniti o in India.

Figura 46

Un limitato numero di aziende (Liquigas, Agip Petroli, Ultragas, ) con depositi, terminali ferroviari, impianti di imbottigliamento (fig. 48), autobotti per il rifornimento di serbatoi (fig. 49) dotate anche di sofisticati controlli (fig. 50), sono i principali distributori di GPL sul territorio nazionale; a queste si affiancano centinaia di aziende minori che provvedono alla diffusione capillare sul territorio, alla realizzazione degli impianti, ai depositi di GPL per uso domestico.

Figura 48

Figura 49

Figura 50

Facciamo alcuni esempi: per movimentare in un anno centosettantamila tonnellate di GPL in un nodo ferroviario utilizzando treni blocco da 12-14 ferro cisterne si devono effettuare oltre 400 viaggi; mentre un quantitativo di GPL pari a trentamila tonnellate trasportato con autocisterne di capacit 20 tonnellate, comporta, come facile calcolare, 1500 viaggi.

35

GPL

3.2. La preparazione del GPL per la distribuzione


Come abbiamo gi ricordato in una raffineria (fig. 51), attraverso vari processi, tra i prodotti finali della lavorazione del petrolio si ottiene il gas di petrolio liquefatto.

Figura 51

Il GPL viene stoccato in grossi serbatoi sferici (fig. 52) con capacit di 5000 metri cubi, 10000 metri cubi e oltre; in contenitori cilindrici esterni di capacit notevolmente inferiori a quelli sferici (fig. 53) o in serbatoi interrati o ricoperti (cosiddetti tumulati) (fig.54).

Figura 52

Figura 53

Figura 54

Il parco serbatoi e linsieme di apparecchiature (sistemi di controllo, valvole e tubazioni) ad essi attinenti occupa larea di stoccaggio. Dallo stoccaggio, prima di trasferire il GPL alle ferro cisterne o alle autocisterne per il trasporto e passare quindi alla distribuzione vera e propria, il combustibile subisce un ultimo trattamento: lodorizzazione. Cos come avviene per il metano, vista lincapacit dei nostri sensi di avvertire una fuga di combustibile gassoso dal contenitore in atmosfera, il GPL viene miscelato con una sostanza alla quale il nostro olfatto sensibile. Per non pregiudicare lutilizzo del GPL, le propriet chimico-fisiche di questa sostanza, devono essere: facilmente infiammabile, non reagente con i metalli dei serbatoi, non tossica o irritante. Inoltre la sua reazione di combustione con lossigeno non deve portare a prodotti nocivi per la salute o a scorie. Oggi per lodorizzazione del GPL si impiega per lo pi etile mercaptanico, dallodore lontanamente simile allaglio, chiamato anche etantiolo o GPL etile, avente formula chimica CH5SH.1
1

Il composto indicato anche come CH6S. Il nome deriva dal gruppo CH5 (etile) e dal gruppo SH (mercaptanico ovvero che reagisce col mercurio). Il composto zolfo idrogeno oltre che mercaptanico viene detto tiolico oppure solfidrilico. La sostanza in questione a livello commerciale e scientifico viene chiamata in molti altri modi rispetto a quelli gi indicati. Per darne solo alcuni altri esempi: etile tiolico,

36

IL GPL IN ITALIA

Le percentuali della miscela richiedono un grammo di etile in oltre 83 litri di GPL liquido. In genere per i nuovi serbatoi e tubazioni, la quantit precedente sale a 1,5 grammi. Un sistema per lodorizzazione schematizzato in fig. 55.

Figura 55

Limpianto di odorizzazione parte di un sistema di trasferimento del gas di petrolio liquefatto dai serbatoi fissi alle cisterne di trasporto. Unimmagine complessiva delle apparecchiature riportata nella foto di fig. 56; mentre nella fig. 57 vi lo schema generale dellinsieme delle componenti: a) valvole di emergenza; b) prefiltro; c) degasatore a condensazione; d) contatore volumetrico di flusso; e) valvole per la calibrazione del flusso; f) valvole di controllo; g) bracci di carico; h) sistema di miscelazione etile mercaptanico; i) controlli elettronici; l) sistema antincendio.

Figura 56

Figura 57

Al termine del processo, le grandi cisterne con GPL odoroso sono pronte per alimentare i depositi di GPL e iniziare la commercializzazione vera e propria del prodotto. Le migliaia di tonnellate dei serbatoi principali saranno cos diffuse in milioni di bombole e in migliaia di piccoli e medi serbatoi, sparsi su tutto il nostro territorio.

etile solfidrilico, tioetanolo. Altre sue propriet fisiche sono le seguenti: temperatura di ebollizione 35C e temperatura di solidificazione 147,9C, alla pressione atmosferica.

37

GPL

3.3. Elementi di un grande deposito


I treni con le ferro cisterne o le autocisterne alimentano in genere i grandi depositi dei principali distributori di GPL. Escludendo le caverne, i depositi criogenici o refrigerati, il decreto del Ministero dellAmbiente 15 maggio 19961 stabilisce i criteri di analisi relativi alla sicurezza dei depositi di gas di petrolio liquefatto. Senza entrare nei dettagli, in questa sede interessa dare una descrizione sommaria degli elementi che compongono un grande deposito ed alcune caratteristiche generali di sicurezza degli impianti stessi, utilizzando il concetto di unit logiche distinte, proprio del decreto ed esemplificate dalla figura 582.

Figura 58

Un terminale ferroviario porta le ferro cisterne allunit di travaso dingresso. Qui dei bracci di carico, simili a quelli delle figure precedenti, sono collegati alle condotte di trasferimento, tramite valvole di intercettazione rapida comandate a distanza3. Le condotte, capaci di sopportare pressioni fino a 40 bar, non possono presentare saldature longitudinali, mentre le saldature lungo la circonferenza della sezione debbono essere ridotte al minimo4. Eventuali protezioni aggiuntive dellunit di travaso sono: un secondo sistema di blocco che comanda le valvole di intercettazione sui bracci ed i sistemi di pompaggio in caso di movimento accidentale del veicolo; la presenza di pareti di separazione dalle altre unit in grado di resistere al fuoco ed anche alle esplosioni.
1 2

Supplemento alla Gazzetta Ufficiale n. 159 del 9 luglio 1996. Elaborazione dalla figura II/2 del decreto in questione. 3 Il controllo pu avvenire con spie di massimo riempimento, sistemi di pesatura e arresto automatico. 4 Le saldature sono controllate con radiografie o provate con liquidi penetranti.

38

IL GPL IN ITALIA

Sono previsti impianti di irrorazione a pioggia con portata minima di dieci litri al minuto per ogni metro quadro da proteggere. Rilevatori di incendio sono installati nelle zone critiche dellimpianto. Per lesercizio in condizioni di sicurezza deve esistere un manuale operativo riguardante lavviamento, il funzionamento, larresto e la messa in sicurezza dellimpianto. Le unit di stoccaggio fuori terra (in genere serbatoi cilindrici) oltre ad elevate pressioni devono essere garantite per temperature minime di progetto di almeno 10C; la distanza di sicurezza tra due serbatoi devessere almeno di 15 metri. E conveniente predisporre una vasca di raccolta per gli eventuali rilasci di GPL lavorando opportunamente la superficie sottostante i serbatoi per convogliare leventuale fuoriuscita lontano dai serbatoi stessi. Lunit di imbottigliamento permette il riempimento con GPL delle bombole, immagazzinate temporaneamente nellarea di stoccaggio bombole. I trasferimenti di GPL tra le diverse unit avvengono grazie ad un sistema di pompe e di compressori. Lunit di travaso esterna permette infine il caricamento di autobotti per il rifornimento, al di fuori dellimpianto, dei serbatoi di GPL. Allarmi per eventuali fughe di gas sono in genere previsti nei punti critici del deposito. Vediamo ora in dettaglio loperazione pi diffusa e pericolosa dellintero ciclo: il travaso di GPL.

3.4. Impianti per il travaso standard di GPL


3.4.1. Generalit
Nella distribuzione capillare del GPL sul territorio, molte sono le operazioni di travaso del combustibile. Per citarne alcune: il rifornimento con GPL dei serbatoi di stoccaggio dei depositi maggiori tramite autocisterne di capacit media di venti tonnellate con lausilio di compressori (fig. 59); la movimentazione di GPL liquido nelle condutture con pompe (fig. 60); limbottigliamento di piccoli recipienti (bombole di capacit normalmente inferiore ai cento kilogrammi); il riempimento di piccoli serbatoi individuali (fig. 61) tramite autobotti; il rifornimento delle auto nelle stazioni di servizio alimentate con GPL.

Figura 59

Figura 60

Figura 61

39

GPL

Le operazioni di travaso descritte implicano notevoli rischi a causa delle caratteristiche del combustibile: alta infiammabilit, media pressione, fase gassosa con densit superiore a quella dellaria. Per tali ragioni il trasferimento del GPL tra serbatoi deve seguire regole assai rigide che vedremo in dettaglio nei diversi casi. Unultima osservazione generale: mentre i recipienti pi piccoli (bombole) hanno solo un punto di aggancio con lesterno per il trasferimento-utilizzo del GPL, i serbatoi hanno due entrate-uscite, una per la fase liquida e una per quella gassosa. Per rimanere nella metafora delle bottiglie, le bombole hanno un solo collo, i serbatoi due.

3.4.2. Trasferimento tra serbatoi fissi e mobili di grande capacit


Per ridurre al minimo le possibilit di dispersione di GPL nellatmosfera, il travaso da autocisterne o ferro cisterne a serbatoi fissi (o viceversa) deve essere eseguito mediante due linee, di cui una per la fase liquida ed una per la fase gassosa, con lausilio di una pompa o di un compressore1. Vanno impiegati entrambi gli attacchi del recipiente, per la fase liquida e per quella gassosa, come mostrato nello schema di fig. 62 relativo allutilizzo di un compressore per il travaso tra due serbatoi.

Figura 62

Tale indicazione contenuta esplicitamente nella normativa relativa al GPL. Si veda Decreto del Ministero dellInterno 13 ottobre 1994, Supplemento oridinario alla Gazzetta Ufficiale n.265 del 12 novembre 1994, punto 6.1.1, relativo ai depositi di GPL con capacit complessiva > 5m3.

40

IL GPL IN ITALIA

Laccoppiamento tra attrezzature fisse e quelle mobili (tutte messe a terra tramite una pinza secondo una dettagliata procedura1) viene realizzato generalmente mediante appositi bracci metallici2 e un solo attacco rapido oppure con lausilio di un tronchetto flangiato (si veda fig. 63).

Figura 63

Il terminale libero per la fase gassosa deve essere dotato di valvole di intercettazione. Le estremit dellimpianto fisso, cui sono collegati i bracci metallici, devono essere provviste di valvole comandate a distanza e valvole di intercettazione manuale a monte delle stesse3. Al termine di ogni ciclo di travaso, prima che sia scollegato il braccio, il tronchetto di collegamento tra ferro cisterna e valvola terminale del braccio di carico deve essere svuotato, in area sicura, dalleventuale liquido residuo, tramite un particolare dispositivo. I punti di travaso debbono inoltre essere ubicati in zone aperte e ventilate, essere disposti in modo da evitare interferenza di traffico tra autocisterne e permettere leventuale entrata di mezzi di emergenza provenienti dallesterno.
Il collegamento di terra per lequipotenzialit elettrica fra limpianto fisso e i mezzi mobili e le manovre di attacco e stacco dei bracci di carico o manichette flessibili devono avvenire secondo la seguente sequenza: a) collegamento meccanico della pinza; b) chiusura del collegamento elettrico a terra; c) attacco dei bracci e travaso; d) stacco dei bracci; e) apertura del collegamento elettrico a terra; f) scollegamento meccanico della pinza. Decreto del Ministero dellInterno 13 ottobre 1994, punto 13.5.5. 2 Salvo il caso delle autocisterne munite di pompe di scarico che hanno in dotazione manichette flessibili resistenti internamente al GPL ed esternamente allinvecchiamento e alle abrasioni. La pressione di scoppio delle manichette, con raccordi montati, deve essere di almeno 80 bar. 3 Quando il movimento di GPL avviene nel solo senso da autobotte o ferro cisterna a serbatoi fissi sufficiente una valvola di non ritorno e una valvola di intercettazione manuale.
1

41

GPL

Nello stesso deposito sono ammessi pi punti di travaso disposti a pettine ad una distanza di otto metri nel caso in cui prevista linterposizione di muri di schermo; un adeguato impianto di raffreddamento costituisce lulteriore misura di sicurezza (fig. 64).

Figura 64

3.4.3. Autobotti e piccoli serbatoi


Anche nel caso dei piccoli serbatoi lautobotte (o autocisterna) devessere collegata al serbatoio tramite un cavo elettrico corredato di pinza con interruttore del tipo antideflagrante per realizzare lequipotenzialit tra i recipienti metallici interessati al travaso ed evitare cos la possibilit di scintille. Di nuovo il trasferimento di GPL pu avvenire per mezzo di pompa e/o compressore. Le tubazioni flessibili dellautobotte per il travaso sono corredate alle due estremit di valvole, di eccesso di flusso o di ritegno, aventi lo scopo di intercettare, nel caso di rottura, fuoriuscite di GPL; lestremit di attacco al serbatoio munita di una valvola di intercettazione manuale a chiusura rapida avente la funzione di sopperire alla rottura o allinceppamento della valvola di riempimento posta sul serbatoio; unulteriore valvola di sicurezza, posta dal lato autocisterna, serve per evitare sovrappressioni. Infine possibile, anche per i serbatoi con capacit inferiore ai cinque metri cubi, creare una serie di tubazioni che permettono di allontanare il punto di riempimento dal serbatoio di stoccaggio.

42

IL GPL IN ITALIA

Nella figura 65 vi una rappresentazione schematica di una simile eventualit.

Figura 65

3.4.4. Imbottigliamento
Se si potesse considerare un qualsiasi recipiente fisso o mobile adibito al deposito o al trasporto di GPL una bottiglia, ogni operazione di travaso sarebbe definita imbottigliamento. Daltra parte nei depositi gli impianti di imbottigliamento sono considerati strettamente quelli nei quali il GPL viene immesso in un circuito automatico, detto giostra o carosello, capace di caricare le bombole. Nella figura 66 rappresentata una giostra con bilance per il controllo del peso, elemento essenziale di sicurezza poich il liquido in pressione allinterno dei contenitori non deve raggiungere l80% del volume disponibile. Mentre in fig. 67 riportata una singola bilancia con evidenziato lattacco per il riempimento della bombola che termina con una pinza di carico di sicurezza.

Figura 66

Figura 67

43

GPL

La pinza non consente lafflusso di GPL quando non collegata al recipiente da riempire; inoltre dotata di un comando di apertura (ad esempio un pulsante) che funziona, ripetiamolo, solo in caso di collegamento ed sensibile ad eventuali disfunzioni del fluido operatore (ad esempio aria compressa). Sulla linea di adduzione del GPL liquido alle apparecchiature di imbottigliamento disposta una valvola comandata a distanza, cos come sulla linea di ritorno ai serbatoi. A valle delle apparecchiature di imbottigliamento devono essere disponibili sistemi per la prova di tenuta delle valvole e dei rubinetti dei recipienti. Nel caso di controlli con macchine automatiche, la prova di tenuta accerta perdite maggiori o uguali a 5 grammi in unora. Ci equivale a 10 centimetri cubi di liquido e a circa due litri e mezzo di volume equivalente di gas. Inoltre va di nuovo controllato scrupolosamente il grado di riempimento dei recipienti stessi. Le bombole, con capacit generalmente di 10, 15, 20, 25, 50 e 100 kg, vengono riempite con il prodotto liquido, immagazzinate temporaneamente e successivamente caricate su camion per la distribuzione.

44

IL GPL IN ITALIA

3.4.5. Stazioni di distribuzione di GPL per autotrazione


Come stato gi detto nei travasi di GPL di sicurezza i serbatoi sono collegati sia alla linea relativa alla fase liquida che a quella relativa alla fase gassosa. Anche in un impianto per autotrazione lalimentazione (ad esempio la tubazione sistemata nella parte inferiore del serbatoio) del GPL liquido che raggiunge il distributore seguita da un ritorno di GPL gassoso secondo la tubazione connessa alla parte superiore del serbatoio, cos come raffigurato nello schema che segue (fig. 68) in cui sono evidenziate le componenti essenziali di una stazione di distribuzione di GPL per autotrazione.

Figura 68

E ovvio che non si possa utilizzare un simile impianto, per ragioni di sicurezza e non solo fiscali, per riempire bombole di uso domestico, anche se nella cronaca recente vi sono esempi di tentativi in tal senso che pongono problemi quali la commercializzazione di bombole prive di un controllo di riempimento e il rischio di dispersione di GPL nellatmosfera. Negli attuali impianti, che prevedono esclusivamente serbatoi interrati, la pompa di comando di solito sistemata in unapposita camera detta di pompaggio posta attiguamente al cassone di contenimento in cemento armato del serbatoio. Tuttavia, poich detta tipologia di installazione del sistema di pompaggio ha dato luogo nel passato ad alcuni incidenti, anche mortali, stato autorizzato lutilizzo di pompe sommerse sistemate allinterno del serbatoio insieme con il gruppo motore. Infine la nuova bozza di normativa di prossima emanazione, non consente la realizzazione di nuovi impianti con le pompe in apposito pozzetto, prevedendo esclusivamente pompe sommerse o pompe esterne di serbatoio.

45

GPL

Nella figura 69 vi la rappresentazione schematica e in sezione di un serbatoio con allinterno una pompa sommersa e nella figura 70 il disegno delle componenti della pompa.

Figura 69

Figura 70

3.4.6. Il riempimento a tappo


Il quantitativo massimo di GPL liquido allinterno di un serbatoio fuori terra deve essere inferiore all80% mentre per serbatoi interrati il livello di riempimento del liquido non deve raggiungere l85%1. La spiegazione di questa misura di sicurezza viene spesso affidata nei testi di divulgazione sul gas di petrolio liquefatto a frasi del tipo: Il GPL non ha volume specifico costante, ma esso aumenta con laumentare della temperatura (si calcolano aumenti di volume del 10% per aumenti di temperatura di 30C). Per permettere questa espansione di GPL allaumentare della temperatura, il riempimento del serbatoio va limitato.

Per i piccoli serbatoi la normativa prevede esplicitamente tali valori, mentre per i grandi serbatoi i valori fissati si riferiscono al peso massimo ammissibile di propano, propilene, butano e miscele in un serbatoio di riferimento di un metro cubo.

46

IL GPL IN ITALIA

La casistica conta numerosi esempi di rottura a scoppio di recipienti fissi o mobili riempiti a tappo, per semplice espansione della fase liquida legata alla sola escursione di temperatura tra la notte e il giorno. Ci pu generare confusione, fissiamo alcuni punti. Aumentando la temperatura, nel serbatoio coesistono necessariamente le due fasi: liquida e gassosa. Il liquido ha una limitata capacit di espansione, mentre la stessa sostanza nello stato gassoso ha propriet di espansione notevolmente maggiori. Anche in esempi comuni relativi alla espansione dei liquidi (latte che bolle o brodo) sono i gas intrappolati allinterno del liquido (a causa del sottile strato di grasso superficiale) a causare il repentino aumento di volume. Il fenomeno relativo alla situazione critica di GPL sar affrontato in dettaglio nel seguito. Qui basti dire che il fenomeno va interpretato attraverso nuovi concetti rispetto a quelli introdotti nei primi due capitoli. Le leggi dei gas potrebbero essere applicate solo nel caso in cui nel recipiente fosse presente solo la fase gassosa del GPL. I diagrammi di stato della sostanza permettono di capire come lequilibrio liquido-vapore nel caso di aumento di temperatura implichi un aumento della tensione di vapore (della pressione). Inoltre ben chiaro, attingendo allesperienza comune, che tanto pi facile riscaldare (aumentare la temperatura) una sostanza quanto pi piccola la sua massa1. Cos se il vapore racchiuso nel recipiente occupa un piccolo volume gli scambi termici con lesterno potranno provocare rapide variazioni di temperatura. Come queste si riflettano nellequilibrio con il liquido relativamente complesso, ma soprattutto per arrivare ad uno stato critico, che porti alla rottura definitiva del serbatoio, necessaria una brusca trasformazione di una parte consistente del liquido in vapore.

In termini matematici a parit di calore fornito a due masse diverse della stessa sostanza, le variazioni di temperatura risultano inversamente proporzionali alle masse, nel caso in cui non vi siano passaggi di stato.

47

GPL

48

SERBATOI E ACCESSORI

4. SERBATOI E ACCESSORI

4.1. Introduzione
Come stato gi evidenziato nei capitoli precedenti, per concentrare un grande quantitativo di energia in uno spazio limitato il GPL viene commercializzato in recipienti contenenti, per circa l80% del loro volume geometrico, combustibile allo stato liquido (il valore deve essere inferiore all80%) e per circa il 20% combustibile nello stato gassoso, con pressioni di esercizio che, a seconda della temperatura esterna e della miscela di idrocarburi, vanno da valori molto vicini alla pressione atmosferica fino a 10-15 volte la pressione esterna esercitata dallaria, con tutti i problemi di sicurezza che ne derivano. Gli accessori di cui sono dotati i serbatoi (strumentazione, allarmi, valvole di sicurezza e di intercettazione, tubazioni..) debbono allora garantire innanzitutto la sicurezza degli stessi. Inoltre poich il GPL per il suo impiego deve essere nello stato gassoso con pressione spesso dellordine di pochi centesimi della pressione atmosferica, il passaggio dal contenimento allutilizzazione implica una seconda esigenza soddisfatta da una serie di apparecchiature quali i riduttori di pressione (fig. 71), i vaporizzatori (fig. 72), i riduttori-vaporizzatori; dispositivi che, accanto ai serbatoi e ai loro accessori, saranno trattati nel seguito di questo capitolo.

Figura 71

Figura 72

49

GPL

4.2. Grandi serbatoi


La normativa italiana distingue i depositi di gas di petrolio liquefatto in base alla loro capacit1. Un primo insieme quello che raggruppa i serbatoi fissi di volume superiore ai cinque metri cubi e quelli mobili aventi capacit superiore ai cinquemila kilogrammi2. Indicheremo per semplicit tali serbatoi con laggettivo grandi3. Tra questi, i serbatoi fissi possono essere installati fuori terra se coibentati oppure come riconosciuto solo di recente4 - protetti con un sistema interno costituito da strutture cellulari di alluminio in grado di trasferire rapidamente e continuamente il calore dalle pareti al liquido evitando cos riscaldamenti locali allinterno del liquido in caso di incidente (fig. 73).

Figura 73

La capacit complessiva di un deposito data dalla somma della capacit geometrica di singolo serbatoio. 2 Supplemento ordinario alla Gazzetta ufficiale numero 265 del 12 novembre 1994. Decreto Ministeriale 13 ottobre 1994 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione, linstallazione e lesercizio dei depositi di G. P. L. in serbatoi fissi di capacit complessiva superiore a 5 metri cubi e/o in recipienti mobili di capacit complessiva superiore ai 5000 kg. 3 Il termine spesso diffuso nella pratica, ma non deriva dalla normativa. Ovviamente chiameremo gli altri depositi, fino ai cinque metri cubi, piccoli serbatoi. 4 Gazzetta Ufficiale n. 265 dell11 novembre 1999 Decreto ministeriale 29 ottobre 1999 Modificazioni al decreto ministeriale 13 ottobre 1999.

50

SERBATOI E ACCESSORI

La protezione dei serbatoi fissi avviene anche tramite interramento o ricoprimento (fig. 74).

Figura 74

La coibentazione (il controllo dello scambio termico con lesterno per ridurre le variazioni di temperatura e di pressione del combustibile) rappresenta dunque una delle principali misure adottate (specie nel passato) per la sicurezza passiva dei depositi di GPL. Ci non toglie che la temperatura del gas liquefatto allinterno del serbatoio debba essere monitorata con appositi termometri (fig. 75) e la pressione con manometri (fig. 76), dotati di flangia per leventuale taratura-controllo tramite uno strumento campione.

Figura 75

Figura 76

51

GPL

Il livello del liquido, altro parametro essenziale per la sicurezza, va misurato con specifici indicatori di livello, come ad esempio quelli a trasmissione magnetica con scala espressa in percentuale, in genere disposti verticalmente rispetto alla superficie del liquido (esistono anche dei modelli orizzontali, a proposito si veda la fig. 77). La disposizione dei due tipi di indicatori di livello con i rispettivi galleggianti allinterno di un serbatoio rappresentata nella fig. 78.

Figura 77

Figura 78

Se i parametri fisici pi importanti del GPL contenuto nel serbatoio (livello del liquido, pressione) raggiungono soglie di sicurezza, entrano in funzione rispettivamente un segnalatore di allarme per il massimo livello e un segnalatore di allarme per alte pressioni (schema fig. 79).

Figura 79

52

SERBATOI E ACCESSORI

Al tempo stesso il contenitore deve essere dotato di una valvola di sicurezza (un esempio rappresentato dalla fig. 80a, lo spaccato della stessa valvola riportato nella figura 80b) e di uno scarico diretto verso lalto avente la funzione di ridurre la pressione facendo fuoriuscire il gas sovrastante il liquido (fig. 81).

Figura 80a

Figura 80b

Figura 81

53

GPL

Gli attacchi di prelievo del serbatoio devono essere provvisti di valvola di intercettazione manuale (si veda lesempio di fig. 82) e di una valvola di eccesso di flusso oppure di una valvola con comando a distanza (di cui un esempio rappresentato in fig. 83).

Figura 82

Figura83

Negli attacchi per limmissione nel serbatoio una valvola di non ritorno sostituisce la valvola di eccesso di flusso. Completano il sistema di valvole e tubazioni quelle relative allo spurgo o al prelievo di campioni. Un esempio di serbatoio per lo stoccaggio di GPL predisposto per linstallazione tumulata, di forma cilindrica orizzontale, riportato nella figura 84. Esso collaudato con prove idrauliche che raggiungono pressioni di 23 bar, mentre la pressione di progetto ed esercizio prevista 18 bar (circa diciotto volte quella atmosferica). Lintervallo di temperature per cui progettato va da 10C fino a 50C.

Figura 84

54

SERBATOI E ACCESSORI

4.3. Piccoli serbatoi


Le norme per la progettazione, la costruzione, linstallazione e lesercizio dei depositi di GPL con capacit complessiva non superiore a 5 metri cubi sono contenute principalmente nel Decreto ministeriale del 31 marzo 19841; la legislazione relativa ai piccoli depositi precede quindi di oltre dieci anni quella specifica dei grandi depositi2. Anche lesercizio dei serbatoi fissi di GPL di piccole dimensioni vincolato a numerosi controlli3: una omologazione di primo o nuovo impianto4, una verifica desercizio annuale e una verifica decennale. Gli elementi di sicurezza dei serbatoi partono dalla loro ubicazione e dal rispetto di precise distanze di sicurezza da elementi esterni al deposito che potrebbero essere particolarmente affollati (scuole, uffici, chiese,) o essere a loro volta fonte di pericoli in caso di incidente (depositi infiammabili, elettrodotti, ferrovia,..). Le distanze dipendono dal tipo di serbatoio (interrato o fuori terra) e dalla sua capacit. Nella figura 85 sono rappresentate quelle relative ai depositi fuori terra con capacit fino a 3 metri cubi.

Figura 85

Supplemento ordinario n. 22 alla Gazzetta Ufficiale n. 122 del 4 maggio 1984.Modifiche ed integrazioni al Decreto in questione sono avvenute con i Decreti: 15 ottobre 1992, Gazzetta Ufficiale n. 262 del 6 novembre 1992; 20 luglio 1993, Gazzetta Ufficiale n. 204 del 31 agosto 1993 nonch con le lettere circolari nn. P 2168/4106 sott.40 del 27/09/94; P 2004/4106 sott.40 del 27/10/95; P 2005/4106 sott.40 del 27/10/95. 2 Il termine grande e piccolo, come gi detto non utilizzato nella normativa. 3 Da parte dellISPELS e dellASL. 4 In genere realizzata dallISPELS presso la Ditta fornitrice.

55

GPL

Sono previste inoltre misure di sicurezza volte ad impedire laccesso agli estranei e leventuale propagazione di un incendio (rete di recinzione per gli elementi pericolosi del deposito, muretto per la base metallica della rete, area sgombra intorno ai serbatoi fuori terra, cartelli di segnalazione, cartello indicante le norme di comportamento). Ma la principale sicurezza risiede ancora una volta nel serbatoio e nei suoi accessori. Questi non si discostano molto da quelli descritti nel paragrafo precedente se si esclude la mancanza di segnalatori di allarme e del termometro. Inoltre una parte di accessori pu essere raggruppata in ununica valvola (da cui il nome multivalvola) che comprende: a) il controllo del livello massimo ammissibile del liquido; b) lorgano di prelievo della fase gassosa con valvola di intercettazione manuale e di eccesso di flusso; c) la valvola di equilibrio GPL fase gas (facoltativa) corredata con valvola di eccesso di flusso; d) il manometro. Il gruppo multivalvola in genere accessibile al di sotto di un apposito coperchio di protezione (fig.86).

Figura 86

La superficie esterna dei serbatoi deve essere opportunamente protetta. Se i serbatoi sono esterni la protezione riguarda i soli agenti atmosferici; se sono interrati (fig. 87) la superficie deve essere trattata in modo da garantire lisolamento dalle correnti del terreno circostante (ad esempio con uno strato di vernice di spessore maggiore di 0,8 mm).

Figura 87

56

SERBATOI E ACCESSORI

Gli sviluppi tecnici degli ultimi anni hanno permesso di evitare per i serbatoi interrati la costruzione di una cassa di contenimento in conglomerato cementizio con base di appoggio e riporto di sabbia. Un esempio il serbatoio della figura 88, protetto da un guscio di polietilene termosaldato a tenuta stagna con selle di sostegno.

Figura 88

Analogamente consentita linstallazione di serbatoi interrati senza cassa di contenimento in cemento armato, purch protetti da un rivestimento in resine epossidiche associato ad un sistema di protezione catodica.

4.4. Bombole
Pur se possibile trovare in Italia esempi di riscaldamento centralizzato di palazzine a partire da serbatoi fissi di GPL (fig. 89) o di fornitura di GPL per usi domestici o riscaldamento ad un intero paese (fig. 90) grazie ad una rete canalizzata (fig. 91), lutilizzo individuale del GPL si realizza spesso attraverso limpiego di bombole dal peso di poche decine di kilogrammi.

Figura 89

Figura 90

Figura 91

57

GPL

Alle classiche bombole nere e verdi del passato che continuano ad essere diffusissime, si sono oggi affiancati contenitori dalle forme e dai colori pi moderni (si veda la fig. 92).1

Figura 92

Tutte le bombole continuano ad avere le stesse caratteristiche: rubinetto-valvola di sicurezza; sigilli in plastica di sicurezza attestanti il primo utilizzo del recipiente mobile; cartellino indicante la ditta riempitrice, lattestazione della prova di tenuta dopo il riempimento e la data della prova stessa. Linstallazione delle bombole di GPL nelle cucine a gas o per lalimentazione di impianti di riscaldamento individuali molto spesso realizzata, per la relativa semplicit delloperazione, da persone non specializzate, ossia gli stessi utilizzatori. E tuttavia indispensabile, per prevenire incidenti, osservare scrupolosamente tutte le precauzioni illustrate nella norma UNI 7131.

4.5. Altri dispositivi per lutilizzazione del GPL


4.5.1. Riduttori di pressione e vaporizzatori
Il sistema di regolazione della pressione e del flusso di gas combustibile ai diversi dispositivi che lo impiegano (cucine, caldaie, forni, motori,..) il cuore dellinstallazione di un impianto di GPL. Esso deve compensare le grandi variazioni di pressione nel serbatoio e fornire un flusso costante e di adeguata portata (anche per utilizzi discontinui nel tempo) di gas con pressione, spesso, dellordine di pochi centesimi al di sopra della pressione atmosferica.
Si tenga presente che il Decreto Ministeriale del 7 gennaio 1999 Codificazione dei colori per bombole per gas trasportabili ha esonerato le bombole di GPL e gli estintori da adottare un sistema di codici di colore con lo scopo di identificare in maniera immediata il contenuto delle bombole stesse. La colorazione distintiva nelle altre bombole per gas compressi, liquefatti o disciolti sotto pressione viene applicata sullogiva della bombola stessa, mentre il corpo cilindrico non interessato alla codifica e pu essere colorato per altri scopi.
1

58

SERBATOI E ACCESSORI

Sebbene un riduttore semplice (fig. 93) sia in molti casi sufficiente a tale scopo, come nel caso delle bombole, luso di un sistema a due stadi offre una regolazione migliore e pi affidabile.

Figura 93

I piccoli serbatoi vengono cos collegati allutenza tramite due riduttori; il primo, capace di sopportare a monte la pressione del gas presente allinterno del serbatoio (5 15 bar) e in grado di avere una pressione di uscita di 1 2 bar; il secondo dimensionato in modo da portare la pressione del gas ai valori di utilizzo (ad esempio 0,03 bar). Se i due riduttori sono dislocati uno in prossimit dellaltro (esistono anche doppi riduttori che formano un unico corpo), si ha una distribuzione del GPL a bassa pressione (si veda lo schema di fig. 94); invece nel caso in cui il secondo riduttore venga collocato in prossimit dellutenza si parla di distribuzione a media pressione (schema fig. 95).

Figura 94

Figura 95

In questi esempi il prelievo dal serbatoio avviene direttamente nella fase gassosa e le variazioni della pressione di esercizio del GPL contenuto nel serbatoio (dovute alle diverse temperature annuali) non comportano particolari problemi. Esistono comunque impianti dove la necessit di un elevato flusso di combustibile (ad esempio forni utilizzati nellindustria) obbliga lutente, specie nei mesi invernali quando la pressione nei contenitori pi bassa, a servirsi della linea di prelievo della fase liquida. Limpianto deve allora contenere un dispositivo per trasformare il GPL liquido in gas: un vaporizzatore.

59

GPL

Lo schema di un impianto a vaporizzazione forzata rappresentato nella figura 96, mentre uno schema di funzionamento di un vaporizzatore che impiega acqua per riscaldare il GPL liquido rappresentato nella figura 97.

Figura 96

Figura 97

Esistono vari tipi di vaporizzatore, un esempio di vaporizzatore elettrico riportato nella figura 98.

Figura 98

60

SERBATOI E ACCESSORI

4.5.2. Limpianto per il GPL nelle auto


Anche nel caso delle auto alimentate con il GPL il prelievo del combustibile avviene nella fase liquida. Il serbatoio collaudato per pressioni di 45 bar1, in genere di forma cilindrica posto nel bagagliaio, solidamente fissato; oppure, di forma toroidale (a ciambella, fig. 99), ancorato nel vano della ruota di scorta.

Figura 99

La sua lamiera di acciaio di spessore compreso tra tre e quattro millimetri trattata termicamente in modo da evitare la creazione di fessurazioni in caso di incidente. Probabilmente il serbatoio omologato costituisce oggi nelle auto, se confrontato con le altre parti dellimpianto, lelemento pi sicuro dato il sovradimensionamento relativo alle pressioni di esercizio e la tenuta relativa agli urti. Gli accessori del serbatoio sono raggruppati in una multivalvola (la figura 100 ne riporta alcuni tipi adatti per serbatoi cilindrici).

Figura 100

Attraverso la multivalvola fluisce il GPL che riempie il serbatoio. Essa assolve un insieme di funzioni: misura, tramite un galleggiante, il livello del liquido allinterno del serbatoio; blocca lafflusso al raggiungimento del massimo livello consentito (poco al di sotto dell80% del volume complessivo); consente il prelievo del GPL liquido tramite un tubo che pesca nel fondo del recipiente; controlla un eventuale eccesso di flusso. Inoltre dotata di valvole-rubinetti di intercettazione dei tubi di rifornimento e di prelievo.
1

Un campione di ogni serbatoio viene inoltre sottoposto ad una prova di scoppio con pressioni prossime a 100 bar.

61

GPL

La multivalvola racchiusa in un contenitore, una sorta di camera stagna di plastica e/o alluminio (fig. 101), che ha il compito di convogliare eventuali fughe di gas verso lesterno dellautovettura; il materiale del coperchio del contenitore deve permettere la visione della multivalvola.

Figura 101

Le tubazioni che portano il GPL dal serbatoio al vano motore sono in rame e devono resistere ad alte pressioni. La trasformazione della fase liquida in vapore a pressione prossima a quella atmosferica avviene nel riduttore-vaporizzatore, allinterno del quale circola una parte del liquido di raffreddamento del motore. Il dispositivo in questione, particolarmente complesso, regola lafflusso del combustibile nei condotti di aspirazione del motore. Il miscelatore prepara infine la giusta combinazione di combustibile e comburente (ossigeno). Linsieme dellimpianto rappresentato schematicamente nella figura 102. Eventuali valvole e commutatori permettono di passare dallalimentazione del motore da GPL a benzina. Sonde lambda e centraline di controllo per le auto pi recenti controllano lintero processo.

Figura 102

62

SERBATOI E ACCESSORI

La sicurezza dei veicoli alimentati a GPL si basava fino al 1999 sulle disposizioni per lomologazione dei componenti previste dal regolamento ECE/ONU n.67 risalente al 1967. Recentemente lentrata in vigore dellemendamento 01 al suddetto Regolamento ha imposto da un lato test molto pi severi che in passato, per lomologazione dei componenti dellimpianto (cicli di temperatura, prove di durata, prove di vibrazione, prove di fuoco, ecc.), e dallaltro ha introdotto una serie di dispositivi atti ad accrescere il livello di sicurezza degli autoveicoli in tutte le possibili situazioni. I nuovi dispositivi, importanti tra laltro per la tutela della sicurezza delle squadre di soccorso in caso di incendio di veicoli alimentati a GPL, sono essenzialmente tre: 1. un elettrovalvola posta sul serbatoio, al fine di confinare il GPL allinterno del serbatoio a motore spento; 2. una valvola di sovrapressione che garantisce, anche in caso di sovrariempimento, valori di pressione allinterno del serbatoio compatibili con la resistenza del materiale; 3. una valvola termofusibile, o altro dispositivo analogo, allo scopo di far fuoriuscire il GPL in caso di incendio, svuotando il serbatoio ed evitandone lo scoppio. Nella tabella che segue sono elencate le prove richieste per lomologazione di un componente GPL. Nella colonna di sinistra sono riportate le prove richieste in passato, in quella di destra, quelle previste ai sensi del nuovo Regolamento ECE/ONU 67/01 in vigore da novembre 1999

Prove sui componenti dellimpianto GPL


Regolamento ECE/ONU 67 Compatibilit al GPL Prova di pressione/perdite Prova di durata (20 cicli) Misura isolamento circuito Regolamento ECE/ONU 67/01 Compatibilit al GPL Prova di pressione/perdite Prova di durata (6.000 cicli) Misura isolamento circuito Prova alta temperatura (120C) Prova bassa temperatura (-20C) Prova vibrazioni Resistenza alla corrosione (nebbia salina 144 ore) Prova calore secco Prova invecchiamento ozono Prova cicli di temperatura.

Per la sola centralina elettronica: Prova compatibilit elettromagnetica

63

GPL

64

RILASCIO DI GAS INFIAMMABILI: FENOMENI FISICI

5. RILASCIO DI GAS INFIAMMABILI: FENOMENI FISICI

5.1. Combustione e limiti di infiammabilit


In una miscela di combustibile e comburente in determinate condizioni di concentrazione, temperatura e pressione pu essere innescata una reazione di ossidazione. Ad esempio, con aria in condizioni standard: 25C e pressione atmosferica (1,013 bar) la percentuale in concentrazione in volume di GPL necessarie per dar luogo alla reazione compresa tra il 2% e il 9% del volume totale della miscela. Questi valori vengono chiamati limiti di infiammabilit (rispettivamente, inferiore e superiore) del combustibile. Confrontando il campo di infiammabilit, in condizioni standard, del GPL con quello di altri combustibili (fig. 103) si nota lestensione relativamente ridotta del suo intervallo di infiammabilit.

Figura 103

65

GPL

Nella tabella che segue sono riportati i valori dei limiti di infiammabilit di alcuni idrocarburi che entrano nella composizione del GPL. Sostanza Limite di infiammabilit inferiore (LII) Limite di infiammabilit superiore (LSI) 9,50% 8,44% 8,41% Propano 2,27% Isobutano 1,80% 1,56% N butano

I valori di questi limiti dipendono dai valori di pressione e di temperatura e dellaria tendono ad allontanarsi (lintervallo diventa pi ampio) allaumentare della temperatura, come evidenziato nella rappresentazione schematica della figura 104.

Figura 104

Con riferimento alla stessa figura, oltre una certa temperatura si ha innesco immediato della reazione.

66

RILASCIO DI GAS INFIAMMABILI: FENOMENI FISICI

5.2. Deflagrazione ed esplosione di un gas


Se la miscela di gas composta da comburente e combustibile entro i limiti di infiammabilit, pu essere sufficiente linnalzamento di temperatura o la scintilla in un suo punto qualsiasi, perch la reazione si estenda a tutta la miscela. Attorno alla zona di innesco si viene a creare gas che ha esaurito la combustione mentre nel resto della miscela incombusta avanza il fronte di fiamma (fig. 105), la cui rapidit di propagazione dipende dalla velocit di trasmissione del calore di reazione al gas incombusto.

Figura 105

La trasmissione di questa energia pu avvenire essenzialmente in due modi: a) combustione lenta o deflagrazione, quando il fronte di fiamma avanza con velocit relativamente piccole (prossime ad 1 metro al secondo); b) onde di detonazione o esplosione, quando la velocit di propagazione del fenomeno raggiunge elevati valori (migliaia di metri al secondo) superando di alcune volte la velocit del suono nellaria. Nel primo caso le variazioni di pressione rispetto alla situazione normale sono piccole, mentre nel secondo lenergia viene trasferita alla miscela dallonda durto. Lo stato di transizione (miscela incombusta-gas che ha esaurito la combustione) e londa durto non detto che rappresentino ununica superficie fisica, anche se in alcuni casi ci pu avvenire.

67

GPL

Lesplosione di una miscela comburente-combustibile (fig. 106) dunque un processo nel quale la combustione genera un rapido aumento di pressione.

Figura 106

Le potenti azioni dinamiche dovute allonda durto, non sono quindi lontanamente paragonabili a quelle dovute ai normali processi di combustione.

5.3. Fuoriuscita di GPL da un serbatoio


Una procedura sbagliata, un incidente, la perdita di una valvola, ecc. possono portare al rilascio di gas combustibile o di liquido (che nelle normali condizioni tende ad evaporare con relativa facilit) nelle immediate vicinanze del serbatoio di GPL. Il rilascio nellaria se in bassissime concentrazioni e in mancanza di altre condizioni di infiammabilit non da luogo a gravi conseguenze. Daltra parte, in condizioni opposte, possibile linnesco immediato di una pozza di GPL liquido (si parler allora con termine inglese di pool fire) o la formazione di un dardo di fuoco (jet fire), per il GPL che ad esempio pu fuoriuscire da un serbatoio danneggiato.

68

RILASCIO DI GAS INFIAMMABILI: FENOMENI FISICI

La situazione intermedia porta alla formazione di una nube libera di combustibile e aria, il cui innesco pu portare, come gi accennato, ad una deflagrazione1 (una combustione lenta) oppure ad unesplosione indicata con la sigla tecnica UVCE (unconfined vapour cloud explosion, esplosione di nuvola di vapore non confinata). Il tutto come schematizzato nella figura 107.

Figura 107

Lincendio potr infine essere controllato o degenerare portando, ad esempio, allesplosione del serbatoio e alla successiva formazione di una palla di fuoco (fireball), a causa di un rapidissimo passaggio dello stato fisico che coinvolge il GPL allinterno del serbatoio, indicato normalmente come bleve (dalle iniziali delle parole inglesi: boiling liquid expanding vapour explosion).

La combustione di vapori infiammabili, anche a grande distanza dal serbatoio, senza esplosione viene indicata col termine inglese flash fire per la rapidit relativa con cui si esaurisce il fenomeno se confrontata con la durata del fireball (fenomeno che analizzeremo in seguito). Ci pu portare a confusione visto che la propagazione lenta nel caso della deflagrazione e veloce nel caso della combustione. La spiegazione di questo apparente paradosso risiede nel fatto che le masse della nube relative al flash fire sono in genere di gran lunga inferiori rispetto a quelle della nube che esplode.

69

GPL

5.4. Bleve
Prendiamo in considerazione la figura 108, nella quale rappresentato un serbatoio che ha subito un danno e da cui fuoriesce un getto di GPL che si infiammato (jet fire).

Figura 108

Nelle vicinanze dello stesso si trova un secondo serbatoio che esposto allirraggiamento termico del primo. In generale un incendio nelle vicinanze di un serbatoio pu portare a considerevoli aumenti della pressione (tensione di vapore) del GPL allinterno del recipiente coinvolto anche con scambi termici non elevatissimi. Nellipotesi che il serbatoio sia costruito a regola darte1, possibile prevedere il fenomeno con una certa precisione. Lo stress termico e meccanico2 del serbatoio, la temperatura raggiunta dal mantello del contenitore e quella dei diversi strati di GPL, la quantit di energia accumulata (il grado di riempimento del serbatoio), gli scambi termici, sono alcuni dei fattori che influenzano levento. Certo che per il verificarsi dellesplosione del serbatoio si devono realizzare alcune condizioni preliminari. Esse sono: a) labbassamento delle pressione b) il surriscaldamento del liquido c) la nucleazione spontanea. Leffetto dipende in modo cruciale da un cambiamento dello stato fisico, da liquido a vapore, conseguente ad una perdita di tenuta del serbatoio.

Corrosioni della superficie di protezione, danneggiamenti per urti, mancanze del costruttore, possono rendere il susseguirsi degli eventi imprevedibili. 2 Gli acciai dei serbatoi di GPL possono cedere a pressioni comprese tra 15 e 20 bar se le pareti sono portate a temperature prossime a 700C.

70

RILASCIO DI GAS INFIAMMABILI: FENOMENI FISICI

Questo ci che accade nel fenomeno chiamato bleve1. Un recipiente che sopporta alte pressioni contenente GPL subisce a causa dello stress termico e meccanico una piccola perdita2, facendo fuoriuscire del vapore allesterno e provocando cos un repentino abbassamento di pressione. Il GPL liquido viene a trovarsi ad una temperatura pi alta rispetto alla situazione normale di equilibrio per quella determinata pressione (a quella temperatura e pressione il GPL dovrebbe essere vapore3); surriscaldando la massa liquida che si trova allinterno del serbatoio che cosi pronta a trasformarsi rapidamente in vapore intorno a certi germi4 o nuclei di ebollizione. Basta che una piccola percentuale del GPL liquido si trasformi in un tempo molto breve in vapore, per provocare effetti catastrofici. Il tempo in cui avviene il bleve (boiling liquid expanding vapour5 explosion) pu essere estremamente rapido (da pochi millisecondi a un decimo di secondo) oppure pi lento (qualche secondo). La rapida espansione del GPL liquido trasformatosi in vapore, produce la distruzione del serbatoio e la conseguente nuvola di combustibile e aria che si infiamma immediatamente. La combustione produce una grande quantit di vapore acqueo che appare come una nube biancastra a causa della rapida condensazione che trasforma il vapore in minuscole goccioline6 (figura 109).

Figura 109

Il fenomeno fisico del bleve pu riguardare genericamente un liquido qualsiasi (ad esempio acqua surriscaldata in un contenitore); non legato quindi unicamente ad una particolare reazione chimica di liquidi infiammabili. 2 La valvola di sicurezza, se mal progettata, aprendosi pu provocare lo stesso rapido calo di pressione. 3 Si ricorda che la pressione atmosferica il propano bolle a 42C. 4 Unesperienza comune nella scuola secondaria la seguente. Un sale (iposolfito di sodio) viene fuso, riscaldandolo in una provetta. Poi lo si lascia raffreddare lentamente. Passata la sua temperatura di solidificazione, il sale continua a rimanere nella forma liquida. In tali condizioni basta introdurre un piccolo cristallo di sale (germe) nella provetta e agitare per ottenere la repentina cristallizzazione di tutto il liquido. 5 Il termine inglese vapour, viene indicato normalmente dagli americani come vapor. 6 Il vapor acqueo condensa per effetto del raffreddamento causato dal calore sottratto dal GPL per la sua evaporazione. I vapori di GPL non sono assolutamente visibili e solo se essi condensano a loro volta si pu avere un effetto nebbiolina. In effetti la condensazione dei vapori di GPL contribuisce in piccola parte alla formazione della nube biancastra di cui dicevamo.

71

GPL

Affinch si verifichi la rottura, vale la pena di ricordare inoltre che la temperatura del GPL allinterno del serbatoio debba essere superiore a 53C (con pressioni maggiori di 16,5 bar1); valore che rappresenta il limite della temperatura di surriscaldamento del propano liquido alla pressione atmosferica. Al fine di prevenire il BLEVE occorre allora: Evacuazione liquido; Limitare la pressione Valvole di sicurezza;

Prevenzione incendio; Limitare la temperatura Raffreddamento con impianti fissi, schiuma, barriere di acqua; Coibentazione dei serbatoi;

Uso di acciai duttili ed elastici; Prevenire gli schocks del serbatoio Inserimento allinterno del serbatoio di struttura alveolare in lega di alluminio; Uso di additivi che abbassano la probabilit che si verifichi la nucleazione spontanea.

Da cui la pratica di tarare le valvole di sicurezza a16 bar, una pressione minore del valore che pu condurre al bleve.

72

RILASCIO DI GAS INFIAMMABILI: FENOMENI FISICI

5.5. Sfera di fuoco (fireball)


La forma e linnalzamento della palla di fuoco risultante dal bleve, dipendono fortemente dalle grandezze termiche del liquido e dal modo in cui il serbatoio collassato. Se il recipiente cede rapidamente, la forma del fireball sar quella classica di una sfera, al cui interno la concentrazione del combustibile superiore al limite di infiammabilit. Il fronte di fiamma il bordo esterno che si propaga sia dallesterno verso linterno, che nella direzione della nube di GPL e aria. Ovvero nella miscela combustibile comburente (la cui concentrazione nei limiti di infiammabilit) che si forma progressivamente. Nella tabella che segue sono riportati alcuni valori del raggio di estensione dei possibili danni causati dalla combustione di quantit variabili di combustibile a causa del fireball secondo uno dei modelli proposti in letteratura1 Quantit combustibile (tonnellate) 2 20 200 20000 29 60 120 520 Raggio fireball (metri) 4,2 6,4 9,8 22,5 Durata (secondi)

Un valore medio tra diversi modelli parte dalle seguenti formule: diametro fireball: D = 6,48 W0,325 durata fireball: t = 0,582 W0,26 W = quantit di materiale infiammabile nel fireball (kg)

73

GPL

Se il cedimento del contenitore lento, allora il rilascio del GPL dal serbatoio pu portare la palla di fuoco in alto (fig. 110).

Figura 110

Anche il fireball ascendente in genere preceduto da uno a livello del suolo. Nel caso di grandi quantitativi di GPL, spesso le dimensioni del fireball a livello del suolo, a causa della massa liquida interessata alla combustione, supera le dimensioni di quello ascendente. E altamente improbabile che una persona sopravviva se si trova ad una distanza dallincidente pari a quella del raggio del fireball, inoltre i frammenti del recipiente possono raggiungere distanze anche cinque-dieci volte maggiori (in molti casi le distanze sono tre-quattro volte maggiori) del raggio della palla di fuoco. I frammenti possono rappresentare quindi dei potenziali proiettili, estremamente pericolosi poich il 60% circa dellenergia di espansione del vapore si trasforma in energia cinetica di queste parti metalliche lanciate lontano dal luogo dellincidente. Daltra parte la frammentazione di un serbatoio in un numero molto grande di parti (specie per i grandi serbatoi) estremamente improbabile. La distanza di sicurezza consigliata alle squadre di soccorso per lemergenza allora dellordine di quattro volte il raggio del fireball previsto.

74

RILASCIO DI GAS INFIAMMABILI: FENOMENI FISICI

Nella figura 111 sono riportate le distanze suggerite dai serbatoi di propano e i relativi raggi di fireball.

Figura 111

5.6. Esplosione di nube di vapore non confinata (UVCE)


Il fenomeno del bleve di un serbatoio di GPL, come detto nei paragrafi precedenti, produce una nuvola di gas e aria che si innesca dando luogo alla conseguente sfera di fuoco. Daltra parte le esplosioni di nubi di gas e aria fuoriuscite da tubazioni, serbatoi, cisterne, ecc. non sono necessariamente associate al fenomeno del bleve e possono avvenire anche lontano dalle sorgenti delle emissioni (ad esempio nel caso di dispersione in fognature o ancora, per la presenza di vento che allontana il gas, ecc.). Per ogni metro cubo di propano liquido (circa 500 kilogrammi) racchiusi in un contenitore, si possono ottenere per evaporazione in atmosfera 270 metri cubi di gas. Se nella miscela che si viene a creare con laria, il combustibile supera il 2% in volume di concentrazione (LFL, lower fiammability limit), la nube pu incendiarsi. Affinch avvenga lesplosione della nube di vapore non confinata (UVCE, unconfined vapor cloud explosion) la quantit di GPL rilasciata nellatmosfera deve per essere notevole.

75

GPL

Se il quantitativo minore di una tonnellata (due metri cubi di GPL liquido) la probabilit che si verifichi lesplosione bassa (un caso su cento, 1%); con quantitativi di 10 tonnellate (20 metri cubi di liquido evaporato) la probabilit sale al 10% (10 casi su cento). Infine si ha la certezza del disastro con unevaporazione di 1000 tonnellate (2000 metri cubi) come riassunto nella tabella che segue. Quantit di GPL < 1 tonnellate 10 tonnellate 1000 tonnellate Probabilit di UVCE 0.01 0.1 1

La combustione risultante (fig. 112) si propaga allintera nube grazie alle onde di detonazione che producono una sovrappressione i cui valori decrescono a partire dalla sorgente dellesplosione (fig. 113).

Figura 112

Figura 113

La zona con elevata probabilit di letalit si estende allora fino a che i picchi di sovrappressione raggiungono i valori di 0,6 bar in spazio aperto e addirittura 0,3 bar in presenza di strutture ed edifici. Inoltre si avranno danni gravi alla popolazione fino a distanze corrispondenti a picchi di 0,07 bar e la rottura di vetri fino a distanze con sovrappressioni di 0,03 bar. Nellultimo capitolo ritorneremo su questi valori per descrivere i piani di emergenza esterni a grandi impianti di GPL.

76

STATISTICA, TIPOLOGIA E MISURE DI PREVENZIONE DI INCIDENTI IN ITALIA

6. STATISTICA, TIPOLOGIA E MISURE DI PREVENZIONE DI INCIDENTI IN ITALIA

6.1. Introduzione
Villanova, paura per lautocisterna carica di GPL: si ribaltata e ha perso liquido, evacuati gli abitanti; Crolla una palazzina per il gas, strage a Foggia; Svuotata una cisterna di GPL sullautostrada, nessun pericolo; Incendio in un deposito clandestino di GPL a Chiaiano; Riempimento abusivo di bombole di gas da cucina a Collesalvetti; Saltano le tubature, tre morti allasilo di Cicciano. Questi sono titoli di giornali degli ultimi anni in cui vengono riportate le conseguenze di incidenti coinvolgenti il gas di petrolio liquefatto o alcune delle situazioni che sono fonte di pericoli. Una rassegna completa relativa a incidenti mortali causati da gas GPL estremamente complessa, perch ad esempio in molte situazioni le indagini non riescono a stabilire il gas che ha causato lesplosione. I dati e le tabelle che seguono prendono in considerazione il periodo 1988-1995 e sono state elaborati da un gruppo di lavoro1 sulla base di dati reperibili dalla stampa e dagli archivi delle aziende distributrici. Nel periodo considerato il numero medio di incidenti da gas GPL (incendi, esplosioni, intossicazioni ed asfissie2) di circa 490 eventi/anno. I decessi si avvicinano a sessanta persone allanno. Lultimo dato un numero in s non grandissimo, ma che si avvicina al numero di decessi conseguenti allutilizzo del metano (80 morti in media allanno), gas molto pi diffuso del GPL. I dettagli, anno per anno, del totale degli incidenti sono riportati nel grafico di figura 114; i decessi nel grafico di figura 115.

Figura 114

Figura 115

Gruppo creato dal CIG e formato dalle Associazioni delle Aziende del Gas, dai costruttori di apparecchi e dispositivi, dallIstituto del Marchio di Qualit e dalla SNAM. 2 Una delle cause delle asfissie pu essere la combustione che avviene in un ambiente non sufficientemente areato. La combustione povera di ossigeno produce monossido di carbonio (CO), gas letale a particolari concentrazioni perch accumulandosi nel sangue impedisce allemoglobina di trasportare lossigeno ai tessuti.

77

GPL

Anche tralasciando le situazioni di pericolo derivanti da comportamenti illegali (rischi di riempimento a tappo di bombole ancora segnalati nel giugno del 20001, depositi clandestini in cui non vengono osservate le pi elementari misure di sicurezza relative al travaso tra serbatoi) i rischi per limpiego del GPL sono abbastanza elevati. La specificit italiana dei trasporti che ha sempre privilegiato il trasporto su ruote, rende difficile assistere in Italia a situazione quali quella rappresentata in figura 116, dove un treno composto da ferro cisterne di GPL deragliato (Svezia aprile 2000).

Figura 116

Numerosi sono invece gli episodi di autocisterne coinvolte in incidenti con ribaltamento delle stesse (si veda ad esempio la figura 117 relativa ad un incidente accaduto sullautostrada Bologna Firenze nellaprile 1999).

Figura 117

Chi viene sorpreso a riempire abusivamente le bombole punito con larresto da due mesi a due anni e con lammenda da 100.000 a 1.000.000.

78

STATISTICA, TIPOLOGIA E MISURE DI PREVENZIONE DI INCIDENTI IN ITALIA

Un elenco molto parziale di gravi episodi coinvolgenti autocisterne pu essere il seguente: incendio di autovetture con successivo bleve della motrice (autostrada Firenze mare, dicembre 1988); perdita di GPL durante il travaso con esplosione dei vapori (Casalguidi (Pistoia), febbraio 1985); perdita di GPL e UVCE (Cassino impianto di imbottigliamento, luglio 1977); bleve in un tunnel (autostrada PalermoPunta Raisi, marzo 1996 fig. 118-).

Figura 118

Solo dellultimo caso daremo in seguito una descrizione dettagliata. Si deve comunque tenere presente che non solo grandi quantitativi di GPL producono situazioni di rischio ma anche gli impianti domestici, se non sufficientemente controllati (a tal proposito potrebbe avere una funzione importante la diffusione dei rilevatori di gas), possono essere la causa di tragedie. Incendi in prossimit di piccoli serbatoi (usati ad esempio per il riscaldamento) o coinvolgenti autovetture alimentate a GPL rappresentano altri esempi frequenti dei pericoli del GPL. Tutte queste tipologie di incidente saranno trattate in dettaglio in questo capitolo, insieme ad ulteriori indicazioni sulle misure di sicurezza da adottare nelle diverse situazioni.

6.2. Eventi anomali in impianti di stoccaggio


Per le situazioni di emergenza nei grandi depositi di GPL, deve esistere almeno una strada per laccesso a ciascun serbatoio e punto pericoloso del deposito stesso, inoltre prevista la possibilit di aggredire un incendio, con mezzi fissi o mobili, da almeno due lati. Limpianto viene realizzato in modo da favorire la ventilazione e la diluizione di eventuali fuoriuscite di GPL.

79

GPL

La progettazione deve prevedere la concentrazione delle pi probabili fonti di perdita (connessioni flangiate, valvole, zona collettore e pompe fig. 119-) in una o pi aree di facile accessibilit, separate dalla zona serbatoio con muri di calcestruzzo, capaci di ridurre limpatto di eventuali incendi sui serbatoi stessi.

Figura 119

Deve altres essere possibile pompare acqua, attraverso la tubazione di prelievo o carico del GPL in fase liquida, allinterno dei serbatoi. Essi debbono inoltre essere collegati in modo da permettere di dislocare il contenuto dalluno allaltro. Anche il travaso tra serbatoi mobili ammesso in casi di emergenza1. Nonostante le numerose e dettagliate misure di sicurezza gli impianti di stoccaggio continuano a dar luogo ad eventi pericolosi. Nella tabella che segue, tratta da un precedente corso sul GPL, curato dagli ingegneri Salvatore Buffo e Natale Inzaghi, sono riportati le frequenze di avvenimento dei diversi eventi anomali relative ad un anno di funzionamento degli impianti. Evento anomalo Rottura catastrofica serbatoio Rottura parziale serbatoio Perdite flange valvole Perdite tenuta pompa Operazioni di drenaggio Piccole fessurazioni linee Traboccamento liquido da valvole di sicurezza Perdita da bracci di carico per collisione con autocisterna Perdita da bracci di carico per mancato sganciamento del braccio Perdita da bracci di carico per difettoso agganciamento o mancata tenuta Frequenza di accadimento tre casi su un milione sette casi su un milione tre casi su diecimila cinque su mille una su mille sei su mille uno su diecimila otto su un milione uno su diecimila uno su cento

Confrontando le diverse frequenze si deduce la relativa facilit di piccole perdite di GPL, specie nelle manovre di travaso, e lalta sicurezza raggiunta in genere dai serbatoi.

Decreto ministeriale 13 ottobre 1994.

80

STATISTICA, TIPOLOGIA E MISURE DI PREVENZIONE DI INCIDENTI IN ITALIA

6.3. Piccoli serbatoi


Il propano, secondo la classificazione delle sostanze pericolose1, un gas liquefatto facilmente infiammabile (caratteristica rappresentata con lideogramma di figura 120) ed i recipienti mobili o fissi di contenimento che lo contengono in fase liquida, vanno tenuti in luoghi ben ventilati, lontano da fiamme e scintille. Inoltre va evitato accuratamente laccumulo di cariche elettrostatiche sulle superfici metalliche di oggetti (utensili, serbatoi, bracci di carico) che potrebbero venire a contatto, in caso di incidente, con propano liquido o gassoso.

Figura 120

Per limitare le possibili perdite e prevenire situazioni demergenza, i piccoli serbatoi (fig. 121) dovrebbero avere: un numero limitato di attacchi (uno per il prelievo e il ritorno della fase gassosa, laltro per la fase liquida); flange, valvole e dispositivi di drenaggio posti lontano dal serbatoio stesso, strumentazione di controllo unita in un gruppo multivalvola, valvola di sicurezza (fig. 122) regolata, per quanto detto nel precedente capitolo in relazione al bleve, ad una pressione di circa 16 bar; ulteriori valvole di sicurezza nel tratto di tubazione utilizzata ove scorre GPL liquido e posta tra valvole di intercettazione.

Figura 121
1

Figura 122

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 116 del 20 maggio 1993, decreto ministeriale 16 febbraio 1993 Modificazioni ed integrazioni ai decreti ministeriali 3 dicembre 1985 e 20 dicembre 1989 sulla classificazione e la disciplina dellimballaggio e delletichettatura delle sostanze pericolose, in attuazione delle direttive emanate dal Consiglio e dalla Commissione delle Comunit europee.

81

GPL

A ci si potrebbe aggiungere un sistema di protezione passiva di sostanze additive che aggiunte al combustibile rendono estremamente improbabile il verificarsi del bleve, riducendo sensibilmente i possibili nuclei di ebollizione. La tipologia classica di incidente per i piccoli serbatoi rappresentata da una perdita di GPL liquido o gassoso (ad esempio durante un travaso) e dal successivo incendio che provoca il riscaldamento del recipiente stesso. Se la temperatura esterna porta la tensione di vapore ad un valore superiore a quello della pressione di taratura della valvola di sicurezza, questa tende ad aprirsi per espellere parte del GPL gassoso. Il gas potrebbe a sua volta incendiarsi formando una fiamma al di sopra della valvola. I pericoli di un bleve non sono da escludersi e la procedura operativa da adottare dalla squadra dei vigili del fuoco impegnata sar esaminata nel prossimo capitolo.

6.4. Deposito di gas GPL per uso domestico (bombole)


La norma UNI 7131 del gennaio 1999 regola linstallazione e lutilizzo di un deposito individuale alimentato da bombole di GPL, ovvero un insieme costituito da un serbatoio o bidone1 (nella figura 123 sono rappresentate bombole con diversa capacit), un gruppo di regolazione della pressione (riduttore) ed altri dispositivi (eventuali valvole di intercettazione).

Figura 123

Linsieme dei suddetti elementi ha la funzione di immagazzinare GPL liquido ed immettere GPL gassoso, a pressione determinata, in uno o pi impianti per uso domestico (ad esempio una cucina a gas) senza rete di distribuzione intermedia. La singola bombola pu essere installata allinterno di un locale2, invece se pi bombole sono unite tra di loro queste devono essere necessariamente collocate allesterno. La temperatura della bombola, del regolatore di pressione e del tubo flessibile di alimentazione dellimpianto, a causa dellirraggiamento solare o per la presenza di possibili fonti di calore (quali ad esempio un forno da cucina), non devono mai superare i quaranta gradi.
1 2

La norma definisce bidone un recipiente mobile di capacit geometrica non maggiore di 150 litri. Oppure allaperto o in apposito alloggiamento esterno areato.

82

STATISTICA, TIPOLOGIA E MISURE DI PREVENZIONE DI INCIDENTI IN ITALIA

Naturalmente le bombole vanno sistemate in posizione verticale (con la valvola in alto); lontane da materiale combustibile e impianti elettrici. Non deve esistere la possibilit che eventuali perdite possano convogliarsi in locali sottostanti a quello dove ubicata la bombola stessa. E esplicitamente vietato, inoltre tenere in deposito bombole piene o vuote non utilizzate o comunque non collegate allimpianto. Il pericolo maggiore nel caso di piccoli recipienti mobili la fuoriuscita della fase liquida dovuta ad una non corretta tenuta e ad una posizione sbagliata del recipiente (bombole in posizione orizzontale). Lincidente classico la fuga di gas con susseguente incendio della sostanza. Anche in questo caso vedremo nel prossimo capitolo i possibili interventi di una squadra di vigili.

6.5. Segnalatori e rilevatori di gas


Un esplosimetro oggi uno strumento elettronico, spesso di ridotte dimensioni (al proposito si veda ad esempio la figura 124), collegato ad un particolare sensore sensibile ad uno o pi gas esplosivi; ossia gas capaci di provocare una rapida combustione in aria.

Figura 124

La misura effettuata dellesplosimetro espressa in percentuale rispetto al limite inferiore della concentrazione necessaria per provocare la combustione (nel caso del GPL una concentrazione del 2%). Per il controllo delle fughe di gas, invece di effettuare la misura della concentrazione, si ricorre talvolta nell'uso domestico ad una semplice segnalazione di allarme, legata al superamento di un certo valore di soglia, con laggiunta di un eventuale dispositivo automatico per lattivazione del blocco, tramite elettrovalvola di intercettazione, dellafflusso di gas allimpianto. La figura 125 mostra lo schema di un rivelatore, mentre la figura 126 rappresenta un modello per uso domestico.

83

GPL

Figura 125

Figura 126

Le sue caratteristiche sono conformi alla norma UNI 70028. I sistemi adatti per il GPL sono posizionati in modo da trovarsi vicino ai possibili punti di rilascio, in basso, tenendo conto, come stato pi volte ripetuto, che la densit dei gas in questione maggiore di quella dellaria. Negli impianti di stoccaggio i rivelatori sono installati nei punti critici del deposito. Nel caso si ritenga opportuno installare un rilevatore in una abitazione, esso dovrebbe essere posto ad esempio nel locale cucina, su una parete liscia ad unaltezza di trenta centimetri da terra e a non pi di quattro metri dallapparecchiatura che pu dar luogo al rilascio (come rappresentato in figura 127).

Figura 127

In tal caso le norme individuali di comportamento consigliate in caso di allarme sono sempre le stesse: spegnere le fiamme libere; chiudere il rubinetto principale del gas o della bombola di GPL; non accendere o spegnere luci; non azionare apparecchi o dispositivi azionati elettricamente; aprire porte e finestre per aumentare la ventilazione; allontanarsi dal luogo di pericolo (se lallarme non cessa) ed avvisare i servizi di emergenza. Il Corpo dei vigili del fuoco ha in dotazione appositi esplosimetri per il monitoraggio di zone a rischio.

84

STATISTICA, TIPOLOGIA E MISURE DI PREVENZIONE DI INCIDENTI IN ITALIA

6.6. Autovetture con impianto di alimentazione a gas GPL coinvolte in un incendio


Nel corso degli anni novanta non sono mancati incidenti gravi relativi ad autovetture alimentate a GPL (fig. 128) che hanno coinvolto in modo drammatico il personale dei vigili del fuoco.

Figura 128

Come detto nel quarto capitolo, i serbatoi finora installati sulle autovetture sono realizzati e omologati per resitere a pressioni prossime a 100 bar e le tubazioni ad alta pressione in cui scorre il liquido sono capaci di sopportare 45 bar. Dalle caratteristiche indicate facile dedurre che levenienza dello scoppio del serbatoio (avente ad esempio capacit geometrica di sessanta litri) anche sottoposto ad un forte riscaldamento esterno per il coinvolgimento dellauto in un incendio, sia uneventualit rara. Risultati di sperimentazioni di prove distruttive con simulazione di incendio doloso della sola autovettura hanno mostrato linsufficienza di tale energia per raggiungere il bleve. Lincendio iniziale provoca in questi casi generalmente la sola formazione di un dardo di fuoco (jet fire) di colore giallo vivo, dovuto al GPL che fuoriesce ad esempio dalla valvola del serbatoio. Solo fornendo ulteriore alimentazione alle fiamme si arriva allevento critico. Se una simile eventualit si realizza, il bleve risultante da 25 kilogrammi di GPL e linnesco della nube combustibile-aria, portano alla formazione di una palla di fuoco di raggio prossimo a dieci metri con valori di sovrappressioni non significativi ed una durata di pochi secondi. Frammenti metallici possono essere lanciati anche a distanze di 50-100 metri. Una semplice barriera protettiva permette comunque di avvicinarsi con relativa sicurezza ad una distanza di 10-20 metri dallauto. 85

GPL

Esperti del settore ritengono la distanza prossima a 10 metri sufficientemente sicura per le squadre di intervento che operano con lequipaggiamento individuale al completo e barriere di protezione. In ogni caso per evitare il cedimento del serbatoio anche qualora il veicolo si trovi coinvolto in un incendio (ad esempio a seguito di un incidente), sono stati previsti a livello europeo ulteriori dispositivi di sicurezza, obbligatori per gli impianti realizzati a partire dal 2001, che consentendo la fuoriuscita del GPL limitano la pressione allinterno del serbatoio a valori compatibili con la resistenza meccanica dello stesso. In tali impianti il serbatoio ha una pressione di esercizio di 30 bar mentre la pressione di rottura deve essere superiore a 67,5 bar.

6.7. Un esempio significativo di incidente: bleve autocisterna, Sicilia 1996.


Il 18 marzo 1996 in un tunnel (fig. 129) di 148 metri, tra Punta Raisi e Palermo, a seguito di un bleve occorso ad unautocisterna con 2500 litri di GPL, muoiono cinque persone e altre venti rimangono ustionate1.

Figura 129

Il luogo dellincidente (tunnel senza segnali di attenzione con strada leggermente inclinata al fine di convogliare lacqua piovana), il mancato rispetto dei limiti di velocit, il traffico intenso (con punte di diecimila auto allora in quel tratto), sono alcuni degli elementi che concorrono nella dinamica dellincidente. Allinterno del tunnel, nel primo pomeriggio, unauto sbanda, urta contro il guard rail e si ribalta, bloccando la corsia. Rapidamente lintero tunnel interrotto da un ingorgo di sedici auto sopraggiungenti. Lautocisterna, sempre allinterno del tunnel, si ferma e lautista segnala con le luci di pericolo. Un pullman, con quattordici persone a bordo, non riesce invece ad interrompere la sua corsa e urta violentemente contro la parte posteriore dellautocisterna; seguono una serie di tamponamenti che coinvolgono altri quattro veicoli. Limpatto violento tra pullman e autocisterna provoca un danno
I dati e le immagini di questo paragrafo sono tratte dallarticolo Fire disaster in a motorway tunnel in Annals of Burns and Fire Disasters volume X 44, dicembre 1997. Gli autori dellarticolo sono unequipe di medici della Divisione Chirurgia Plastica e Terapia delle Ustioni dellOspedale Civico di Palermo.
1

86

STATISTICA, TIPOLOGIA E MISURE DI PREVENZIONE DI INCIDENTI IN ITALIA

alla parte superiore del serbatoio e la dispersione di GPL (testimoni oculari ricordano un pennacchio di vapori bianchi al di sopra del serbatoio1). Dopo alcuni secondi si verifica una prima esplosione dovuta probabilmente allinnesco della miscela ariaGPL. Unonda di calore, senza causare danni gravi alle automobili, investe alcuni passeggeri. Le fiamme coinvolgono la parte anteriore del pullman che a sua volta si incendia, alimentando il riscaldamento del GPL liquido nellautocisterna. Lautista del pullman e una parte dei passeggeri, trovata bloccata la porta di apertura, escono dal mezzo rompendo il vetro posteriore. Il tunnel buio e pieno di fumo. Cinque persone rimangono bloccate nel pullman. Il fuoco alimenta il riscaldamento del combustibile liquido. Dopo sei-sette minuti, c una tremenda esplosione con fiamme violente (un fireball della durata di 5-6 secondi) e londa durto fuoriesce dai due tunnel collegati ( per la configurazione interna del tunnel si veda lo schema di figura 130).

Figura 130

La frammentazione del serbatoio (recuperati e fotografati come rappresentato nelle figure 131 e 132) confermano lipotesi di un caso di bleve.

Figura 131

Figura 132

Il GPL nella fase gassosa, come detto, non visibile. Solo una sua condensazione pu portare alla formazione di minuscole goccioline, ossia alla nebbiolina visibile.

87

GPL

Il tunnel subisce danni impressionanti (fig. 133) e le fiamme sono estinte solo due ore dopo lintervento della squadra dei vigili del fuoco.

Figura 133

88

INTERVENTI DEL C.N.VV. F. SU RILASCI DI GPL INCENDIATI E ALTRE EMERGENZE

7. INTERVENTI DEL C.N.VV. F. SU RILASCI DI GPL INCENDIATI E ALTRE EMERGENZE

7.1. Getti infiammabili di GPL in fase liquida


E relativamente frequente la situazione di formazione di piccole pozze di GPL liquido durante le operazioni di travaso del gas liquefatto. In passato, le norme di sicurezza, sicuramente meno restrittive delle attuali, hanno almeno in parte portato alla sottovalutazione del pericolo inerente ai piccoli rilasci. Cos ad esempio utilizzando una manichetta di vapore per accelerare le operazioni di dispersione del combustibile (il GPL comunque tende alla temperatura ambiente ad evaporare) con attacchi metallici senza messa a terra, vi il rischio della produzione di scintille che possono causare un incendio. Anche lacqua nebulizzata, indirizzata verso liquidi o nubi di vapore infiammabili nel tentativo di disperderli, pu portare alla concentrazione di cariche elettrostatiche e ad un possibile innesco della miscela. I getti di vapore stessi diretti sul GPL possono dar luogo a situazioni di pericolo. Per prevenire un incendio in occasione di versamenti di liquidi infiammabili, normalmente si usa una coltre di schiuma che contrasta lemissione dei vapori. Nel caso del GPL, lapplicazione di un simile metodo ritarda solo levaporazione. Inoltre pozze di GPL incendiate solo in linea teorica potrebbero essere spente da schiume ad alta espansione. Consideriamo una situazione pi grave: una tubazione fessurata da dove fuoriesce un getto liquido compatto di GPL. Allesterno del getto, vi unimmediata evaporazione che forma con laria la miscela infiammabile. Nellipotesi di innesco, la generazione dellincendio della miscela riscalda il liquido producendo grandi quantitativi di vapore che in breve tempo, possono estendersi a grandi distanze dal punto di fuoriuscita del liquido.

89

GPL

Gli operatori della squadra dei vigili del fuoco, protetti dalla tenuta completa di intervento1 (giaccone, pantaloni, elmetto con visiera, guanti, fig. 134), devono innanzi tutto capire come sia possibile intercettare il flusso del liquido che alimenta il fuoco.

Figura 134

Lintercettazione comporta lindividuazione di valvole o saracinesche che potrebbero essere a loro volta molto prossime a getti di fiamma. Lavvicinamento va effettuato con molta cautela e ripetiamolo, lobiettivo iniziale non laggressione delle fiamme con sistemi antincendio, ma intercettare la fuga di combustibile dalle tubazioni, ossia loperazione di spegnimento deve essere effettuata dopo aver eliminato ogni possibilit di ulteriore rilascio di gas e vapori infiammabili, regola di comportamento fondamentale che vale per tutti gli incendi di classe c coinvolgenti gas2.

Si vedranno tra breve immagini relative ad alcuni interventi specifici (raffreddamento, spegnimento bombola, auto in fiamme,) Le immagini sono tratte principalmente dalle fototeche dei Comandi provinciali dei vigili dl fuoco di Bologna e Novara. 2 Ricordiamo schematicamente la classificazione degli incendi. Negli incendi della classe a) rientrano tutti i materiali solidi a base cellulosica; lagente estinguente lacqua. Classe b), resine, solventi, benzina, catrami, oli vernici, alcoli,; agenti estinguenti schiume. Classe c), gas; agenti estinguenti, polveri, CO2, alogeni. Classe d), sostanze reattive con laria e lacqua quali i metalli (sodio, potassio,); si impiegano polveri speciali e tecniche operative particolari. Classe e, apparecchiature elettriche sotto tensione, pericolo elettrocuzione.

90

INTERVENTI DEL C.N.VV. F. SU RILASCI DI GPL INCENDIATI E ALTRE EMERGENZE

I getti delle lance (fig. 135) nebulizzatrici, dovranno schermare loperatore che tenter di chiudere le valvole a monte della perdita dallirradiazione termica.

Figura 135

7.2. Interventi su grandi fiamme di GPL


Loperazione di avvicinamento della squadra di intervento dei vigili del fuoco a grandi fiamme provocate da una miscela aria-GPL va effettuata ricorrendo ad adeguata attrezzatura di supporto. La protezione deve essere realizzata creando uno schermo dacqua impenetrabile alla fiamma, composto da due lance (45 70 mm) che diano origine a due getti dacqua nebulizzata proveniente da automezzi (APS) (fig. 136-137) o risorse idriche diverse.

Figura 136

Figura 137

Alle due sorgenti dovrebbe essere aggiunta una terza fonte avente la funzione di protezione supplementare e di sostituzione di una delle due principali, nel malaugurato caso di malfunzionamento.

91

GPL

I getti di protezione di forma conica, devono sovrapporsi per creare uno schermo impenetrabile alle fiamme e tale da non poter essere aggirato dalle stesse. Le fasi dellavvicinamento devono tenere conto della direzione del vento e della pendenza del terreno. Non si deve mai operare sotto vento, poich una parte di miscela ancora nel campo di infiammabilit (miscela che non visibile) spostata lontana dallincendio pu rapidamente iniziare la combustione anche a decine di metri dal luogo dove avvenuto lincidente. Ovviamente, nella zona di pericolo non vanno utilizzate apparecchiature elettriche capaci di produrre scintille ed innescare quindi lincendio. Si tenga presente inoltre, per rimanere allesempio del paragrafo precedente, che la distanza di danno per un individuo non protetto da appositi indumenti valutata per il solo incendio di getti di vapore (jet fire) emessi dalla linea di trasferimento del GPL, pu estendersi a 19 metri nel caso di rilascio del diametro di 3. Il valore che si assume per definire questa distanza legato allenergia su unit di tempo (potenza) che si sviluppa a causa dellincendio su una superficie di un metro quadrato. Una potenza di 3000 watt (3 kW) su un metro quadrato, viene considerata il limite della distanza in cui si possono subire possibili danni. Se tale valore raddoppia si hanno danni gravi, mentre per una radiazione stazionaria che produce unintensit di 12,5 kW/m2 si ha unelevata probabilit di letalit. Le considerazioni precedenti sono riassunte nella tabella che segue. Effetti incendi radiazione Elevata probabilit Danni gravi stazionaria morte Tipo di zona ZONA 1 ZONA 2 Distanza corrispondente ad una radiazione di 5 kW/m2 potenza su unita di 12,5 kW/m2 superficie pari a: Possibili danni ZONA 3 2,5 kW/m2

Il tessuto speciale del giaccone dei vigili testato per resistere a temperature dellordine di 150C - 200C; mentre tute speciali sono impiegate in situazioni eccezionali.

92

INTERVENTI DEL C.N.VV. F. SU RILASCI DI GPL INCENDIATI E ALTRE EMERGENZE

Nella figura 138 sono rappresentati due vigili durante lintervento in un incendio in una raffineria. Nella figura 139 riportata la foto di una tuta in fibra di vetro alluminizzata, con fodera di cotone trattato ignifugo, capace di sopportare temperature prossime a 600C.

Figura 138

Figura 139

93

GPL

7.3. Serbatoio esposto a incendio


I pi grandi tra i serbatoi fissi per piccole utenze (serbatoi di volume minore di 5m3) riempiti all80% possono contenere fino ad un valore prossimo a 2.000 kg di GPL liquido, un serbatoio di unauto alimentata con lo stesso combustibile pu contenere invece una quantit spesso inferiore ai 30 kilogrammi mentre un bidone per impianti domestici (una bombola) fino a 50 kg. La combustione, in condizioni normali, di un solo kilogrammo di GPL produce 45,6 MJ (megajoule, milioni di joule1) di energia. Il pericolo nei diversi casi, legato direttamente alla quantit di combustibile accumulata nei diversi tipi di serbatoi e al rischio dellesplosione degli stessi con conseguente formazione di una sfera di fuoco e proiezione di frammenti metallici. A dispetto delle relativamente piccole quantit di energia in gioco, lincendio di una bombola o di un serbatoio di unauto pi frequente di un piccolo serbatoio fisso per riscaldamento e non va sottovalutato. Le modalit operative degli interventi di una squadra di vigili nei diversi casi, saranno trattate nei paragrafi che seguono.

7.3.1. Serbatoi fissi


Levento incidentale iniziale che pu dar luogo al fenomeno del bleve, linnesco di una perdita di GPL in fase liquida o gassosa in prossimit del serbatoio stesso. Laumento di temperatura delle pareti metalliche (mantello), se non contrastato efficacemente, pu portare a sovrappressioni della tensione di vapore del GPL contenuto allinterno del recipiente. Al di sopra del valore di taratura (in genere compreso tra 16 e 18 bar), la valvola di sicurezza inizia ad aprirsi per ridurre la pressione interna. Il gas che fuoriesce pu a sua volta incendiarsi dando origine ad una fiamma sulla sommit del serbatoio. Laccelerazione del processo di evaporazione, crea allinterno del liquido un forte gradiente di temperatura. Con termine meno tecnico, si viene a formare un liquido a strati con temperature decrescenti che pu terminare addirittura con una parte del liquido al di sotto di 0C, in corrispondenza del fondo del serbatoio. Labbassamento di temperatura dovuto alla rapida sottrazione di calore necessaria per il passaggio di stato fisico2.
1 2

Per trasformare questo valore in kilocalorie, basta tener presente che 1 kcal = 4,186 J. Esistono molti prodotti in commercio che sfruttano questo principio. Ad esempio spray che spruzzati sulla pelle provocano una rapida diminuzione della temperatura locale a causa del calore che fornisce la parte interessata del corpo allevaporazione del liquido nebulizzato. Anche del semplice alcol, produce sulla pelle un effetto simile.

94

INTERVENTI DEL C.N.VV. F. SU RILASCI DI GPL INCENDIATI E ALTRE EMERGENZE

Esternamente, la condensazione del vapor acqueo a contatto con la parte fredda del serbatoio, crea uno strato di brina o di ghiaccio, mentre altre particelle di acqua formate durante la combustione (e in piccola parte GPL liquido condensato), sono visibili come vapore bianco nelle vicinanze dellincendio (fig. 140).

Figura 140

La miscela combustibile, invece invisibile allocchio umano e pu essere individuata solo grazie a particolari strumenti (gli esplosimetri). Se lesposizione alla fiamma del serbatoio particolarmente concentrata, la sua resistenza meccanica si riduce e il pericolo del bleve aumenta. Gli operatori intervenuti per intercettare eventuali perdite di gas che alimentano lincendio iniziale, agendo sotto vento, debbono avvicinandosi in direzione ortogonale al deposito, poich un eventuale esplosione del recipiente cilindrico lancerebbe i fondi lungo la linea dellasse del serbatoio.

95

GPL

Se la perdita non intercettabile, lunica azione possibile raffreddare con getti di acqua il serbatoio (nella figura 141 rappresentata lazione di raffreddamento di un impianto industriale), fino alla completa combustione del GPL, per far si che non avvenga lesplosione, monitorando levoluzione della situazione servendosi ad esempio del manometro e dellindicatore di livello del recipiente.

Figura 141

Nel caso di aumento di pressione, con lavvicinarsi alla situazione critica, va predisposto lallontanamento e levacuazione rapida della zona in base al raggio del fireball previsto. Le fiamme (o il dardo di fuoco) devono essere spente solo allapprossimarsi dellesaurimento del GPL. Infine va controllata larea a rischio per individuare eventuali residui di miscele infiammabili e va bonificato il contenitore danneggiato con acqua o gas inerti.

7.3.2. Serbatoi di autovetture alimentate a GPL


Si sono gi discussi i pericoli di unesplosione di serbatoi di GPL di auto. Linnesco di un incendio nel vano motore o nellabitacolo dellauto nelle ore diurne difficilmente pu portare al verificarsi dellevento critico.

96

INTERVENTI DEL C.N.VV. F. SU RILASCI DI GPL INCENDIATI E ALTRE EMERGENZE

Una reazione immediata con estintore o il pronto intervento dei vigili porteranno la situazione rapidamente sotto controllo, come riportato nella sequenza di immagini (figure 142, 143 e 144).

Figura 142

Figura 143

Figura 144

Molto pi pericoloso invece il caso di un eventuale incendio doloso che si sviluppa nelle ore notturne con materiale infiammabile coinvolgente lauto alimentata a gas ed altre autovetture. Lintervento dei vigili sar effettuato sia con polveri indirizzate al focolaio dellincendio che espone alle fiamme il contenitore di GPL, sia con lacqua sul serbatoio per abbassarne la temperatura e ridurre i rischi del bleve. Giaccone, pantaloni, stivali, guanti, casco con visiera, sottocasco, costituiscono la protezione individuale adottata dal vigile nellintervento. Lautomezzo impiegato dovr avere una capacit di almeno quattromila litri di acqua. Il mezzo di soccorso si deve fermare ad una distanza di circa 20 metri dallauto in fiamme (tenendo conto che il deposito di GPL si trova nel vano bagagliaio dellautovettura). La squadra dintervento composta da due gruppi operativi nei quali due operatori si occupano del naspo con acqua frazionata e altri due della manichetta con lancia da 45 millimetri. Lavvicinamento avviene cercando di tenersi pi bassi della sagoma dellauto. A spegnimento avvenuto si opera una sorta di bonifica aprendo il portabagagli ed agendo con acqua frazionata facendo disperdere eventuali accumuli di gas e chiudendo la valvola del serbatoio di GPL. Lautovettura viene infine portata in un luogo sicuro tenendo presente il pericolo potenziale rappresentato dal GPL liquido ancora contenuto allinterno del veicolo.

97

GPL

7.3.3. Bidoni
Levento incidentale per antonomasia con il GPL la fuga di gas o liquido da una bombola e lincendio della miscela formatasi. Una non corretta posizione (orizzontale o addirittura verticale con valvola in basso) la causa pi comune della perdita. In presenza di fiamme il contenitore pu pericolosamente riscaldarsi facendo prospettare nuovamente il rischio del fenomeno del bleve. Lintervento principale di vigili in queste situazioni viene affidato normalmente ad un operatore diretto oltre ad uno di appoggio (si veda fig. 145).

Figura 145

A questi si pu aggiungere un operatore di collegamento tra i due. Loperatore diretto ha il compito di ripristinare la posizione corretta della bombola e dopo aver raddrizzato il recipiente, di chiudere il dispositivo di intercettazione del gas. Nella manovra va posta molta attenzione alla direzione delle fiamme. Ad esempio loperatore deve cercare di evitare di dirigere il dardo infuocato verso loperatore di appoggio. Luso dellestintore o della lancia antincendio va subordinato allintercettazione e pu essere impiegato per raffreddare altri eventuali bidoni nelle vicinanze. A spegnimento avvenuto si provvede alla bonifica di luoghi chiusi quali scantinati coinvolti nellincendio, utilizzando schiume ad alta espansione su eventuali residui di GPL e estrattori di fumo1 per eliminare residui tossici.

Lestrattore non va impiegato nella fase di aspirazione ma solo in quella di compressione (a spingere) per evitare che eventuali miscele infiammabili trovino una causa di innesco.

98

INTERVENTI DEL C.N.VV. F. SU RILASCI DI GPL INCENDIATI E ALTRE EMERGENZE

7.4. Travasi di GPL in emergenza


Sulle strade italiane un evento relativamente frequente il ribaltamento di unautocisterna contenente liquidi infiammabili (al proposito si veda fig. 146).

Figura 146

Nel caso si tratti di GPL i pericoli sono notevoli. Lintervento in tal caso, non pu essere preliminarmente rivolto al riposizionamento con gru dellautomezzo, ma deve essere mirato al trasferimento del GPL liquido dal mezzo a rischio ad una o pi autobotti. Solo dopo il travaso di emergenza loperazione di sgombro della strada potr essere realizzata (nella figura 147 rappresentata unautocisterna di GPL ribaltata nel 1999 sullautostrada Bologna-Firenze).

Figura 147

Altri possibili situazioni che determinano travasi di emergenza, riguardano serbatoi fissi a rischio o autobotti che seppur non rovesciate, sono incidentate in posizione di marcia. I diversi tipi di intervento saranno largomento dei prossimi paragrafi, ma questi saranno preceduti dalla descrizione di un gruppo collettore per il travaso, detto clarinetto che viene impiegato in alcune di queste operazioni.

99

GPL

7.4.1. Il clarinetto
La funzione del clarinetto quella di permettere di pompare gradualmente gas inerte e o acqua allinterno del serbatoio da svuotare ad una pressione superiore (allincirca 2 bar) della tensione di vapore del GPL. Loperazione va svolta lentamente altrimenti le valvole di accesso di flusso, per prevenire una situazione di pericolo, si possono bloccare. Le componenti del gruppo speciale per travaso di GPL, sono rappresentate schematicamente nella figura 148.

Figura 148

Il gruppo ha due attacchi dingresso: uno, per lacqua proveniente da una motopompa, ad esempio quella dellAPS dintervento (fig. 149); laltro, per le bombole di gas inerte (azoto).

Figura 149

Il flusso dellacqua monitorato da un contatore. Una valvola di non ritorno garantisce lunidirezionalit del flusso verso la cisterna. Due manometri con scala graduata a 40 bar, garantiscono il controllo della pressione nei diversi tratti della tubazione. Valvole di intercettazione prevengono eventuali malfunzionamenti. Un attacco flangiato finale permette il collegamento con lautobotte.

100

INTERVENTI DEL C.N.VV. F. SU RILASCI DI GPL INCENDIATI E ALTRE EMERGENZE

7.4.2. Travasi di emergenza tra serbatoi mobili


Per trasferire il GPL tra le due autobotti, nel caso in cui lautobotte incidentata non ribaltata, si utilizza lazoto. La situazione come quella prospettata in figura 150.

Figura 150

Lattacco della fase gassosa della cisterna incidentata viene collegato tramite il gruppo collettore alle bombole di gas inerte munite di un riduttore e allacqua dellautopompa. Gli attacchi della fase liquida delle due cisterne sono uniti tra di loro. Per controllare il flusso di GPL, viene inserito un ulteriore tronchetto flangiato con una derivazione di spurgo (una valvolina). Essa termina sufficientemente lontano dalle operazioni e permette di esaminare il tipo di fluido che si sta travasando in quel momento. Lattacco della fase gassosa della cisterna inizialmente vuota va infine collegato con lesterno mediante il passaggio in un recipiente pieno dacqua a pelo libero che ha la funzione di impedire qualsiasi ritorno daria nei serbatoi. La spinta del gas inerte al di sopra della fase liquida del GPL produce lo spostamento del combustibile liquido verso la cisterna vuota. Nel caso di cisterna ribaltata il metodo precedente non pu essere impiegato perch una parte del GPL nella fase liquida tenderebbe, a causa della diversa posizione del serbatoio, a rimanere allinterno della cisterna del mezzo incidentato. Viene quindi impiegata acqua per comprimere il GPL liquido. Un grande quantitativo di acqua, valutabile nellordine di almeno mezzo metro cubo (cinquecento litri) per ogni metro cubo del volume del serbatoio di GPL da trasferire1. Per tale motivo pi APS devono raggiungere rapidamente il luogo dellintervento. Va previsto un collegamento principale e uno di riserva, con lausilio, se possibile, di una sorgente idrica reperibile nelle vicinanze dellincidente.

Per unautocisterna avente capacit di 50 metri cubi sono necessari 25-28 metri cubi di acqua.

101

GPL

Lo schema dei collegamenti da realizzare riportato nella figura 151.

Figura 151

Il fluido in pressione che agisce dallesterno (ora lacqua) viene immesso nel serbatoio da svuotare sempre dallattacco della fase gassosa del GPL. Sotto lazione dellacqua, il combustibile liquido fuoriesce attraverso lattacco della fase liquida collegato alla seconda cisterna. Nel serbatoio da svuotare lacqua prende gradualmente il posto del GPL liquido. Quando il livello raggiunto dal nuovo liquido confrontabile con la bocchetta dellattacco della fase liquida del GPL la prima fase delloperazione viene interrotta. Per completare il travaso si utilizza ora lazoto che gorgogliando raggiunge la parte superiore del serbatoio, comprime i due liquidi e fa proseguire il travaso del GPL. Infine per bonificare completamente il serbatoio da residui di GPL nella fase gassosa, vengono immessi sia acqua che gas inerte in pressione, controllando tramite lo spurgo a distanza, il tipo di fluido che attraversa la manichetta di collegamento della fase liquida delle due autobotti. Acqua e azoto in trascinamento saranno il segno inequivocabile dellavvenuto completamento del travaso. Probabilmente, se le dimensioni della cisterna da svuotare sono notevoli, una singola autobotte non sar sufficiente per terminare il trasferimento. Si rende cos necessario lo scollegamento della manichetta e il successivo aggancio ad un secondo mezzo. Lo svuotamento e la bonifica del serbatoio incidentato completano le operazioni di travaso.

102

INTERVENTI DEL C.N.VV. F. SU RILASCI DI GPL INCENDIATI E ALTRE EMERGENZE

7.4.3. Travaso di emergenza di un serbatoio fisso


E stato gi detto che in grandi impianti deve essere previsto per le emergenze un collegamento per trasferire il contenuto di GPL liquido da un serbatoio ad un altro, utilizzando i mezzi dellimpianto. Anche per piccoli serbatoi in situazione di rischio possibile portare a termine una simile operazione impiegando un compressore portatile, collegato in aspirazione nel serbatoio da riempire e in mandata nel serbatoio da svuotare. E comunque pi comune tra gli interventi dei vigili del fuoco dover travasare il GPL liquido del serbatoio fisso incidentato nel serbatoio mobile di unautobotte. In questa eventualit il compressore collocato nel mezzo stesso e lo schema di collegamento rappresentato nella figura 152.

Figura 152

Ancora la compressione subita dal GPL liquido lo spinge, attraverso lattacco della fase liquida, nellautocisterna da riempire.

103

ANALISI DEI RISCHI E PIANI DI EMERGENZA ESTERNI AI GRANDI IMPIANTI DI GPL

8. ANALISI DEI RISCHI E PIANI DI EMERGENZA ESTERNI AI GRANDI IMPIANTI DI GPL


8.1. Cenni sulla vulnerabilit delluomo alla radiazione termica
Negli ultimi quindici anni in Italia, la normativa ha introdotto vari metodi per la valutazione del rischio nel caso di incidenti rilevanti. Tra questi, spicca il metodo speditivo, per la determinazione delle aree esterne agli impianti soggette a pericolo1in caso di incidente. In esso si distinguono tre zone: quella di sicuro impatto, la zona di danno e, infine, quella di attenzione, legata alle singole realt territoriali. Nel caso di avvenimenti legati allutilizzo di GPL si possono verificare una serie di fenomeni (bleve, fireball, UVCE, ) che permettono di definire le diverse zone a seconda della tipologia del fenomeno stesso e di alcuni parametri caratteristici della radiazione, come indicato nella tabella seguente. Fenomeno fisico Zona 1 Elevata probabilit di letalit Zona 2 DANNI GRAVI A POPOLAZIONE SANA 0,07 bar

Esplosioni UVCE Valori di sovrapressione di picco Esplosioni UVCE in presenza di strutture o edifici vulnerabili Valori di sovrapressione di picco Bleve/sfera di fuoco (radiazione termica variabile) Raggio sfera Dose termica

0,6 bar

0,3 bar

0,03 bar (rottura di vetri e proiezione di frammenti)

Raggio fireball

200 kJ/m2 (unit kilojoule su metro quadrato)

Incendi (radiazione termica stazionaria) Irraggiamento 12,5 kW/m2 (kilowatt su metro quadrato) Nubi vapori infiammabili (flash fire) Parametro fisico Limite inferiore di infiammabilit (LFL)
1

5 kW/m2 (kilowatt su metro quadrato) Met del limite inferiore di infiammabilit (0,5 LFL)

Linee guida per la pianificazione di emergenza esterna per impianti industriali a rischio di incidente rilevante, Protezione civile, gennaio 1994.

105

GPL

I valori di soglia indicati tengono conto, a seconda dei casi, degli effetti dellonda di pressione sullorganismo umano oppure dellenergia termica assorbita da persone non dotate di specifica protezione individuale. Ovviamente la dose1 termica assorbita dipende sia dalla potenza incidente della radiazione (unit watt su metro quadrato) sia dalla durata dellesposizione (unit secondo). Nel caso di incidenti stazionari (flusso termico costante nel tempo), i valori riportati prevedono la possibilit che lindividuo possa sottrarsi in un tempo ragionevolmente breve (dellordine dei dieci secondi) allirraggiamento. Mentre nellevenienza dellincendio di nubi infiammabili, data lestrema brevit del fenomeno, si assume che effetti letali possano presentarsi solo nellarea in cui si sviluppa fisicamente la fiamma. I fenomeni variabili nel tempo sono pi difficili da trattare e il valore riportato per indicare la seconda zona solo indicativo. Per concludere, nella tabella che segue sono riportati alcuni valori dellintensit della radiazione incidente (energia su unit di superficie e tempo) e il tipo di danno che si produce nellorganismo in caso di esposizione stazionaria. Radiazione termica incidente (kW/m2) 0,7 4 9,5 12,5 Tipo di danno Equivalente allesposizione solare Possibili ustioni di primo grado per unesposizione di dieci secondi Soglia del dolore 8 secondi, ustioni di secondo grado in 20 secondi Ustioni di terzo grado in un tempo confrontabile coi precedenti

Il termine dose universalmente impiegato oggi soprattutto in radioprotezione, ossia per le radiazioni ionizzanti. Anche per la radiazione termica diversi autori, in analogia, parlano di dose e, talvolta, dosaggio.

106

ANALISI DEI RISCHI E PIANI DI EMERGENZA ESTERNI AI GRANDI IMPIANTI DI GPL

8.2. Effetti della radiazione sui materiali


Valori di irraggiamento termico a 12,5 kW/m2 sono sufficienti per fondere la plastica e per innescare la combustione del legno. E possibile studiare il comportamento di piccoli campioni di sostanze irradiandole con una sorgente termica di potenza nota (figura 153).

Figura 153

Unaltra prova a cui sono sottoposti i materiali da costruzione quella di un riscaldamento in condizioni controllate in un forno (fig. 154) al fine di verificarne la stabilit, la tenuta e lisolamento termico del materiale1.

Figura 154

Secondo le definizione che compaiono nella normativa, la stabilit lattitudine di un elemento da costruzione a conservare la resistenza meccanica sotto lazione del fuoco; la tenuta lattitudine a non lasciare passare n a produrre fiamme, vapori o gas caldi nel lato non esposto; lisolamento, lattitudine a ridurre la trasmissione del calore.

107

GPL

Alcuni valori soglia di resistenza allirraggiamento degli elementi di una costruzione sono riportati nella tabella seguente. Materiale Legno Plastica Acciaio Cemento armato precompresso Calcestruzzo Cemento armato Vetro Mattoni argilla Radiazione termica incidente (kW/m2) 10 12,5 40 40 60 200 300 400

Lazione sui materiali di un incendio molteplice. Diamone solo alcuni esempi. Il legno brucia ad una temperatura superiore a 300C. I laterizi formati da mattoni pieni invece costituiscono una buona barriera infatti la loro superficie fonde e vetrifica a 1100C resistendo alla radiazione almeno quattro ore. I mattoni forati irradiati si fratturano a causa degli sforzi di taglio indotti dai gradienti termici. Le malte di cemento e il gesso liberano acqua e si degradano. La calce produce anidride carbonica e si degrada. Il calcestruzzo diminuisce la sua elasticit e la sua capacit a resistere a compressione; quello non rinforzato cede a circa 575C. Le strutture in acciaio perdono la loro stabilit tra 250 e 300C. Le costruzioni in vetro decadono se sottoposte a temperature prossime a 1000C. La ghisa resiste per unora a 1000C. Il cemento armato precompresso cede se sottoposto, sempre per unora, ad un riscaldamento di 900C. Passare poi da questi valori alla reale capacit di un edificio o di un impianto a resistere ad un incendio estremamente complesso, qui non discuteremo largomento.

8.3. Metodologie per lanalisi del rischio


In qualsiasi campo relativo alla sicurezza (dalla radioattivit al GPL, dalluso di sostanze potenzialmente nocive ai possibili disastri naturali) le valutazioni si affidano al concetto di rischio accettabile. In radioprotezione ad esempio, si fissano per la popolazione e per il personale, dosi massime di radiazioni ionizzanti annuali che non garantiscono linnocuit degli effetti, ma prevedono un numero esiguo di casi anche gravi di tumore (considerando linsieme degli individui interessati allesposizione).

108

ANALISI DEI RISCHI E PIANI DI EMERGENZA ESTERNI AI GRANDI IMPIANTI DI GPL

La valutazione della sicurezza dei grandi impianti di GPL, dal punto di vista normativo, come detto, affidata principalmente alle Linee guida per la pianificazione demergenza esterna per impianti industriali a rischio di incidente rilevante1 del gennaio 1994 e ai Criteri di analisi e valutazione dei rapporti di sicurezza relativi ai depositi di gas e petrolio liquefatto, decreto del 1996 che presenta un metodo a indici2. Lobiettivo di questa seconda norma riuscire a definire con semplici strumenti il grado di sicurezza del deposito. Lo scopo delle linee guida invece quello di permettere di calcolare rapidamente (per mezzo di esempi, tabelle e grafici) le distanze, da indicare nei piani di emergenza esterni agli impianti, relative alla zona di sicuro impatto e alla zona di danno in caso di incidente rilevante. Cos per un grave incidente coinvolgente un deposito di 300.000 Kg. di GPL si considera come area di impatto un cerchio con centro nel punto origine del pericolo (il serbatoio) ed una superficie di ottanta ettari. La figura 155 evidenzia lo scenario incidentale per una zona a rischio.

Figura 155

Anche il programma di simulazione Sigem-Simma, in dotazione al Corpo nazionale dei vigili del fuoco, ha come obiettivo la rapida previsione di scenari di emergenza a partire da un numero minimo di dati sulle sostanze pericolose coinvolte nellincidente, le condizioni atmosferiche, ecc. In genere i modelli di simulazione possono prevedere avvenimenti complessi a scapito di una loro rapidit duso. Infine lo studio della dinamica di un incidente, a partire da casi realmente accaduti o da prove di bleve di serbatoi, affianca i programmi di simulazione.

8.3.1. Lo studio sul campo


Negli ultimi anni alcuni ingegneri hanno realizzato ricerche sul fenomeno del bleve di serbatoi contenenti propano (o altre miscele di GPL) esposti ad incendio. Le esperienze controllate hanno permesso di classificare le diverse tipologie del fenomeno, di esaminare la velocit del processo di cedimento della struttura, di studiare il fireball risultante e il lancio di frammenti metallici.
Decreto legge n.13 del 10 gennaio 1994 (modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 17 maggio 1988 n.175).
2 1

Decreto del Ministero dellAmbiente 15 maggio 1996. Supplemento ordinario n.113 alla Gazzetta Ufficiale n.159 del 9 luglio 1996.

109

GPL

La sequenza delle figure 156, 157 e 158, tratte appunto da una di queste ricerche1, mostra un esempio di immagini di un bleve lento che avviene in due fasi.

Figura 156

Figura 157

Figura 158

Telecamere e termometri a termocoppia, adatti per le alte temperature raggiunte, sono gli strumenti classici per tali esperienze. E possibile, usando sensori allinfrarosso o modelli di trasporto di calore, visualizzare gli stress termici ai quali sottoposto il serbatoio. Nella figura 159 riportato un esempio di immagine di una superficie del mantello ricavata al computer in prossimit del suo cedimento con indicate le diverse temperature raggiunte.

Figura 159

A. M. Birk, Queens University Kingston, Ontario Canada.

110

ANALISI DEI RISCHI E PIANI DI EMERGENZA ESTERNI AI GRANDI IMPIANTI DI GPL

Altri studi sono quelli relativi allisolamento termico dei serbatoi (si veda al proposito la figura 160).

Figura 160

In tutti i test citati, il fenomeno riprodotto cercando di ridurre il numero di variabili da esaminare. Viceversa un incidente reale, specie se coinvolgente grandi quantitativi di GPL, presenta una complessit notevole. Da qui la necessit di utilizzare programmi che permettono di simulare lavvenimento.

8.3.2. La simulazione
Lapplicazione di modelli, relativi ad una fuoriuscita (in fase liquida o gassosa) di GPL da un serbatoio o da una conduttura, prevede la determinazione di un numero elevato di parametri. La temperatura e la pressione del fluido, le dimensioni del contenitore, il diametro del foro, la sua posizione e la rugosit della conduttura, le condizioni atmosferiche: umidit, velocit del vento, pressione e temperatura dellaria; la durata del rilascio prima delleventuale intervento di sistemi di blocco comandati da rilevatori di gas. Alla stima della quantit del rilascio, si affianca la valutazione degli effetti fisici del flusso di GPL allesterno del contenitore: formazione di pozza, dispersione di gas, spargimento di liquido. Nel caso di innesco i modelli dovranno prevedere la formazione di fiamme o di esplosioni. Le caratteristiche dellincendio (estensione della fiamma, diametro della pozza, temperatura) permetteranno quindi di stimare limpatto sulle risorse vulnerabili: persone, strutture fisiche, ecosistemi. Schematicamente le categorie da analizzare sono suddivise nei seguenti blocchi: modelli di rilascio effetti fisici impatto.

111

GPL

Nella figura 161 rappresentata lipotesi di sequenza di un incidente realmente accaduto durante lo scarico di unautocisterna da 52 m3 di GPL che ha provocato il bleve di una seconda autocisterna dopo quasi unora di rilascio.

Figura 161

Analizzando un simile caso con diversi modelli di simulazione si pu predire, tra laltro, lintensit dellirraggiamento dellincendio e il raggio della sfera di fuoco. I risultati che si hanno con diversi programmi non sempre sono omogenei. La tabella seguente riporta i valori ottenuti da alcuni ricercatori italiani1 per il bleve dellautocisterna con il programma Sigem-Simma e con altri software di simulazione (Archie e Star). ARCHIE SIGEM -SIMMA STAR Raggio fireball 29 m 21 m 25,5 m Dose (350 kJ/m2) 29 m <10 m 10 m Dose (125 kJ/m2) 67 m 40 m 70 m

Senza entrare nei dettagli, diversi autori ritengono le previsioni delle simulazioni assai cautelativi per piccoli rilasci e poco confrontabili tra loro; mentre per fenomeni rilevanti i valori sono meno differenti e si avvicinano abbastanza alleffettivo avvenimento.

F. Dattilo, E. Andriotto, C. Cusin del Comando dei vigili del fuoco di Rovigo; L. Rosa, A. Tiberio dellUniversit di Padova; F. Antonello ARTES Mirano (VE).

112

ANALISI DEI RISCHI E PIANI DI EMERGENZA ESTERNI AI GRANDI IMPIANTI DI GPL

8.4. Sostanze pericolose ed effetto domino


Per evitare piccole o grandi emergenze la Comunit Europea aggiorna con cadenza pressoch annuale1 lelenco delle sostanze pericolose, le classifica, disciplina il loro imballaggio e la loro etichettatura. Daltra parte si preoccupa di dare indicazioni per il controllo dei pericoli di gravissimi incidenti legati a stabilimenti che producono prodotti chimici, fissandone i valori di soglia. La normativa italiana del settore segue, con una certa latenza, le direttive europee. Cos, da un lato, si assiste alla produzione di volumi sempre pi estesi riguardanti classificazione, imballaggio ed etichettatura di sostanze pericolose: dalla legge del 29 maggio 1974 al Decreto del Ministro della Sanit del 10 aprile 2000 Recepimento delle direttive 98/73/CE e 99/98/CE2. Dallaltro, con il Decreto legislativo del 17 agosto 19993, si danno disposizioni finalizzate a prevenire incidenti rilevanti. I volumi relativi alle sostanze pericolose assomigliano sempre pi a tomi enciclopedici, basti pensare alle oltre mille e cento pagine di un Decreto del 19934 o alle tremila e cinquecento, raccolte in quattro libri, di un Decreto del 19975. Ci pu dare unidea della diffusione delle sostanze pericolose. Del resto le etichette dei prodotti chimici di uso comune testimoniano i loro pericoli potenziali. Sul territorio allora possibile trovare in una stessa area o in aree vicine stabilimenti per la produzione, la trasformazione o il trattamento di sostanze chimiche e, ad esempio, impianti di GPL; mezzi che trasportano sostanze tossiche e serbatoi di sostanze infiammabili; ecc. Da qui la necessit di chiarire tramite etichettature convenzionali i pericoli del trasporto.

La prima direttiva CEE del 1967 (67/548/CEE). Lultima, del 1999 (99/98/CE), rappresenta il venticinquesimo adeguamento della norma del 1967. 2 Supplemento ordinario n. 164 della Gazzetta Ufficiale 205 del 2/9/2000. 3 Decreto legislativo n. 334, Supplemento Ordinario n. 177L alla Gazzetta Ufficiale 228 del 28/9/1999. 4 Decreto ministeriale 16 febbraio 1993, Modificazione ed integrazione ai decreti ministeriali 3 dicembre 1985 e 20 dicembre 1989 sulla classificazione e la disciplina dellimballaggio e delletichettatura delle sostanze pericolose in attuazione delle direttive emanate dal Consiglio e dalla Commissione delle Comunit europee Supplemento ordinario n. 50 G. U. 116 del 20/5/1993. 5 Supplemento ordinario n. 164 G. U. 209 del 19/8/1997.

113

GPL

Ci avviene sia con ideogrammi e colori convenzionali (fig. 162) che con una classificazione numerica (nella figura 163 riportato un esempio di numero kemler1).

Figura 162

Figura 163

Daltra parte, per scongiurare lo svilupparsi di incidenti catastrofici susseguenti luno allaltro a causa di pi sostanze pericolose presenti in unarea (effetto domino), la normativa prevede nelle zone ad elevata concentrazione di stabilimenti che fra i gestori degli stessi vi sia uno scambio di informazioni per consentire di valutare lentit globale del pericolo che non pu essere semplicemente ridotta alla somma dei singoli rischi. Nellipotesi di possibilit di effetto domino i rispettivi sistemi di gestione della sicurezza ed i piani di emergenza interni (nonch le informazioni alla popolazione) vanno riesaminati ed eventualmente modificati.

Secondo un accordo europeo relativo al trasporto internazionale di merci pericolose su strada, Il pannello suddiviso orizzontalmente in due spazi: su quello superiore viene riportato il "numero di identificazione di pericolo" o numero kemler su quello inferiore viene riportato il numero di identificazione della materia o numero ONU che serve a riconoscere esattamente la sostanza, composto da 4 cifre (es. 1088). La prima cifra del numero di identificazione del pericolo indica il pericolo principale : 2 Gas, 3 Liquido infiammabile, 4 Solido infiammabile, 5 Materia comburente, 6 Materia tossica,7 Radioattivit, 8 Corrosivo La seconda e la terza cifra indicano i pericoli secondari (i rischi): 0 Nessun significato, 1 Esplosione, 2 Emissione di gas, 3 Infiammabilit 5 Propriet comburenti, 6 Tossicit, 8 Corrosivit, 9 Pericolo di violenta reazione dovuta a decomposizione spontanea polimerizzante. Se le prime due cifre sono uguali, indicano un rafforzamento del pericolo principale. Quando ad essere uguali sono la seconda e la terza cifra, si ha un rafforzamento del pericolo secondario. Se il pericolo di un materiale unico esso viene indicato da una sola cifra accompagnata da uno zero: ad esempio, 80 indica una sostanza corrosiva. Se le prime due cifre sono 22, si tratta di un gas fortemente refrigerato. Con 44 invece, avremo un solido infiammabile, allo stato fuso ed a una temperatura elevata. 42 designa un solido che pu emettere gas se posto a contatto con l'acqua. A sua volta, 333 indica un liquido spontaneamente infiammabile. La lettera X posta in precedenza del numero di identificazione avvisa che assolutamente vietato porre la sostanza a contatto con l'acqua.

114

ANALISI DEI RISCHI E PIANI DI EMERGENZA ESTERNI AI GRANDI IMPIANTI DI GPL

Il gestore degli stabilimenti industriali, in cui sono presenti sostanze pericolose in quantit superiore ai valori soglia fissati per legge, deve presentare una relazione alla regione competente, contenente le informazioni relative al processo produttivo, alle sostanze pericolose presenti, alla valutazione e i rischi di incidente rilevante, alladozione di misure adeguate, allinformazione, formazione, addestramento ed equipaggiamento di coloro che lavorano in situ1. Inoltre deve predisporre il piano di emergenza interno. Se possibile il verificarsi di un effetto sinergico di incidenti, i gestori debbono trasmettere al Prefetto e alla Provincia le informazioni necessarie. Sulla scorta dei dati forniti, al fine di limitare gli effetti dannosi alla popolazione, il Prefetto, dintesa con le Regione e gli Enti locali interessati, predispone il piano di emergenza esterno. Tema che sar trattato nel prossimo paragrafo prendendo come esempio un deposito di GPL.

8.5. Elementi di un piano di emergenza esterna ad un deposito di GPL


Un piano demergenza esterna finalizzato a ridurre limpatto sulla popolazione dalle conseguenze di un incidente rilevante verificatosi in un impianto industriale. Linformazione alla popolazione a rischio presente nel piano, deve comprendere, tra laltro, la localizzazione ed identificazione del deposito, lattivit svolta nellimpianto che pu rappresentare la fonte dei pericoli e le caratteristiche delle sostanze pericolose utilizzate. Si devono altres presentare nel documento, gli scenari relativi ai possibili incidenti (nel caso di depositi di GPL, i fenomeni del bleve, fireball, UVCE, jet fire) con la determinazione dettagliata nel caso degli incidenti pi gravi, delle zone a rischio, allegando una mappa nella quale sono riportate in evidenza le tre aree di cui abbiamo parlato in precedenza: 1) zona di sicuro impatto con elevata probabilit di letalit; 2) zona di danno per persone sane che non eseguono correttamente le misure di autoprotezione; 3) zona di attenzione caratterizzata dalla possibilit di danni non gravi e reversibili.

Come previsto dal D. M.Interno 16 marzo 1998

115

GPL

Un esempio legato allesplosione di una nube di gas di GPL proveniente da un deposito di capacit complessiva di 59 m3 riportato schematicamente in figura 164 dove la prima zona un cerchio di raggio di cento metri con centro nel deposito; la seconda, una corona circolare compresa tra le circonferenze di raggi rispettivamente di 100 e 240 metri; la terza, una corona con circonferenza finale di raggio 570 metri.

Figura 164

Per gestire lemergenza e per contenere le conseguenze dellincendio sulle risorse vulnerabili (persone, strutture, ambiente) le autorit competenti debbono adottare un insieme di misure. In particolare previsto, in via prioritaria, per la popolazione il rifugio in luoghi chiusi e solo in particolari circostanze, lallontanamento dal deposito. Nellipotesi di piccole perdite di GPL (trafilamento da flange o da valvole secondarie) il personale del deposito, avvisato tramite allarme interno, allontana dalla zona i non addetti ai lavori e seguendo il piano di emergenza interna, aziona le valvole pneumatiche di blocco, attiva i sistemi di irrorazione a pioggia (impianti di raffreddamento) nei punti critici, elimina qualunque fiamma libera, esclude lenergia elettrica nelle unit critiche. Nel caso invece di rilasci significativi di sostanze infiammabili o esplosive (per la perdita di integrit o della capacit di contenimento delle linee, dei serbatoi o delle apparecchiature) tali da creare una situazione di pericolo non pi controllabile allinterno del deposito, va assicurato lallertamento della popolazione. Si possono distinguere due situazioni di allarme esterno, unipotesi incidentale del tipo bleve che prevede linnesco repentino di una grande quantit di GPL contenuta in una ferro cisterna o in unautobotte seguita dal collasso di uno o pi serbatoi; un evento tipo UVCE con rischio di innesco di una nube non confinata di vapori infiammabili a grandi distanze dal deposito stesso. Nel primo caso lallarme pu essere segnalato con una sirena che emette un suono prolungato per una durata di circa tre minuti. Nel secondo caso lallarme pu essere dato con un segnale acustico emesso da apposite sirene (ad esempio suono interrotto ad intervalli di due secondi per la durata di tre minuti) oppure diffuso dagli altoparlanti delle Forze di Polizia. In questa situazione va predisposta levacuazione della popolazione residente nelle prime due zone. 116

ANALISI DEI RISCHI E PIANI DI EMERGENZA ESTERNI AI GRANDI IMPIANTI DI GPL

Mentre la popolazione della terza zona si deve mettere al riparo in luoghi chiusi lontano da finestre, le autorit avranno cura di prestare attenzione a soggetti particolarmente vulnerabili concentrati in edifici pubblici (scuole, ospizi, ospedali,..). Lallontanamento delle due zone maggiormente a rischio deve essere effettuato secondo percorsi prestabiliti e terminare in centri di raccolta temporanei sufficientemente sicuri. Le misure di autoprotezione (riparo al chiuso) che la popolazione pu mettere in atto in caso di allarme sono molto elementari: allontanarsi, se possibile, dal deposito; ripararsi nella propria abitazione o in edifici vicini; chiudere ogni uscita e gli avvolgibili, stare lontani da infissi in vetro per evitare eventualmente gli effetti dellonda durto; abbandonare gli scantinati nel caso di rischio di ristagno di gas GPL; disattivare i sistemi di ricambio daria con lesterno; disattivare gli impianti elettrici e il riscaldamento; non usare il telefono; prestare attenzione a eventuali messaggi diramati tramite altoparlanti o radio. Nel caso di allarme corrispondente allevacuazione, con valutazione dei tempi per labbandono delle case sufficientemente lunghi prima del raggiungimento dellevento critico, la popolazione delle prime due zone deve: abbandonare le abitazioni e dirigersi a piedi verso le zone di raccolta temporanee; evitare la formazione di fuoco o scintille; usare lautomobile esclusivamente per il trasporto dei bambini, anziani, disabili o malati; sospendere levacuazione solo a seguito del segnale di cessato allarme. Va inoltre pianificata listituzione di presidi di pronto soccorso nellipotesi di ferimento di persone e di eventuali centri di raccolta definitivi (scuole, alberghi, campeggi, ecc.) qualora lo sviluppo degli eventi porti al danneggiamento delle abitazioni che impediscano il rientro degli abitanti al cessato allarme.

8.6. Il computer per lemergenza e il C.N.VV.F. (Progetto Sigem-Simma)


Negli anni ottanta si sviluppa allinterno del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco lutilizzo del sistema informativo Sigem per la gestione delle piccole e grandi emergenze. In assenza di modelli semplificativi per il calcolo delle zone a rischio corrispondenti ad incendi, esplosioni o rilascio di sostanze tossiche, messi a punto, come detto, solo negli anni novanta1, il sistema Sigem rappresenta uno strumento capace di dare una stima di prima approssimazione di incidenti rilevanti. Esso viene cos impiegato per la formulazione del rapporto di sicurezza2.

Si pensi al metodo speditivo. Circolare Ministro dellInterno n. 16 del 20 giugno 1986; Circolare Ministro dellInterno n. 6 86(3) del 10 marzo 1986.
2

117

GPL

Sempre a met degli anni ottanta si affianca al sistema informativo Sigem un secondo progetto denominato Simma. Il progetto iniziale prevede linstallazione sugli automezzi di soccorso di un sistema in grado di elaborare rapidamente informazioni introdotte dalloperatore al fine di pianificare le strategie per fronteggiare le diverse emergenze. Oggi il software per la gestione informatizzata della sala operativa del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco comprende un modulo per la gestione del territorio (si veda al proposito la figura 165) e un modulo per la gestione dei dati, al cui interno presente il software Sigem-Simma, per lanalisi di situazioni a rischio coinvolgenti sostanze pericolose, sviluppato dalla societ TEMA, programma di cui abbiamo gi accennato in precedenza nel paragrafo dedicato alla simulazione.

Figura 165

Nella figura 166 rappresentato un grafico, relativo alle dosi termiche e alle distanze corrispondenti, ottenuto con tale programma, in unipotesi di bleve di un serbatoio di GPL e formazione di sfera di fuoco.

Figura 166

118

ANALISI DEI RISCHI E PIANI DI EMERGENZA ESTERNI AI GRANDI IMPIANTI DI GPL

Larchitettura informatica della sala operativa di un Comando Provinciale schematizzata nella figura 167.

Figura 167

Essa insieme al software in dotazione permette di fornire agli operatori nelle fasi di allertamento e di gestione delle emergenze un valido supporto.

119

GPL

Tramite i programmi in dotazione le sale operative dei comandi provinciali VV.F. hanno, tra laltro, limmediato controllo di tutti i mezzi in servizio (fig. 168), la tipologia e la localizzazione dellintervento (fig. 169), le richieste dintervento, la verifica di interventi vicini (raggio 200 metri), la ricerca del percorso ottimale cartografico, lassegnazione delle squadre, la loro localizzazione mediante segnali GPS, limpiego di procedure di supporto (come ad esempio quelle relative agli incidenti coinvolgenti sostanze pericolose come il GPL).

Figura 168

Figura 169

120