Sei sulla pagina 1di 5

Francesco Iori

Il signore degli anelli La compagnia dellanello

2^E

Il signore degli anelli


Libro primo La compagnia dellanello
J.R.R. Tolkien La storia comincia nella Contea, la regione dove abitano gli hobbit, un popolo sedentario, dove Bilbo Baggins in vista del suo 111 compleanno decide di dare una festa alla quale inviter tutta Hobbiville, la citt dove vive. Bilbo riceveva spesso le visite di Gandalf, un grande stregone, in cui la maggior parte degli hobbit vedeva solo un bravo artificiere. Bilbo durante la festa in occasione di un brindisi si mette lanello magico al dito e scompare, partendo poi per abbandonare la Contea. L'anello passa cos a Frodo , il nipote di Bilbo, e insieme allanello anche la casa e le propriet di Bilbo . Dopo qualche ann o Gandalf ritorna e gettando l'anello nel fuoco del camino ha la prova di quanto sospettava da tempo : l'anello preso da Bilbo e ora in possesso di Frodo l'anello di Sauron , signore del male; Bilbo lo aveva trovato anni prima sottraendolo a Gollum, un hob bit che corrotto dalla potenza stessa dellanello era diventato malvagio ed era stato cacciato dal suo popolo, andando a vivere dentro un montagna. Lanello era stato forgiato anni addietro da Sauron, che aveva ingannato tre fabbri elfici che forgiarono gli altri anelli, per dominare tutti i popoli attraverso i loro anelli; in seguito era stato soggetto a varie vicende ed infine era stato ripescato dal fiume Anduin. Gandalf rivela a Frodo che l'anello pu essere distrutto in un solo modo: lanciandolo nella voragine di Monte Fato , un vulcano dove si trovavano le fucine in cui l'anello fu creato. Ma Monte Fato vicinissimo alla Torre Oscura, la f ortezza in cui vive Sauron, che vuole assolutamente rimpadronirsi dellanello da lui stesso forgiato. Il S ignore degli anelli, Sauron, inoltre ha riacquistato la sua antica forza e si prepara a lanciare una guerra per asservire i popoli liberi. Gandalf consiglia a Frodo di partire portando con se amici fidati e di recarsi a Gran Burrone la casa di Elrond, uno dei signori degli Elfi che li potr consigliare sul da farsi. Gandalf partir anchesso e li ritrover lungo il cammino , sebbene li avesse promesso di tornare prima della partenza di Frodo . Frodo quindi parte e viene accompagnato da Sam, il suo giardiniere, che av eva sentito la conversazione tra lui e Gandalf,da Pipino e da Merry . Frodo si allontana da casa appena in tempo. Infatti i nove servitori dellanello, nove cavalieri neri, sono gi sulle loro tracce. Sauron infatti era riuscito a catturare Gollum da cui ha saputo che l'anello era entrato in possesso del signor Baggins. Comincia cos un avventuroso inseguimento , che li conduce fino a Brea passando per boschi e campagne della Contea . Per sviare il nemico che sulle loro tracce, i quattro hobbit devieranno dentro una la Vecchia Foresta, una foresta n cui gli alberi stessi sembrano ostili . Vengono infatti imprigionati dagli alberi della foresta ma Tom Bombadil, un misterioso personaggio su cui lanello non ha effetti li sal va e li conduce a casa sua nella foresta. In seguito ripartiranno ma attraversando le Tumulilande, colline con resti di antiche tombe in cui ancora risiedono spettri, verra nno catturati da uno di questi, ma anche qua interverr Tom

Francesco Iori

Il signore degli anelli La compagnia dellanello

2^E

Bombadil, che il signo re di quei luoghi ed immune alle loro malvagit. Faticosamente gli hobbit giungono a Brea dove, alla locanda del Puledro Impennato , incontrano Grampasso, un Ramingo del Nord amico di Gandalf. Egli in verit per Aragorn, il discendente di Isildur, l'erede al trono di Gondor, regno ora governato dai Sovrintendenti, pronto a riprendersi il regno una volta sconfitto Sauron. Aragorn attendeva gli hobbit su richiesta di Gandalf e riesce a convincerli a viaggiare insieme a lui. Gli hobbit per non incontrano Gandalf, ritardato da un imprevisto. Lo stregone era stato chiamato a Isengard con linganno, da Saruman il pi potente degli appartenenti al suo ordine. Saruman vuole infatti convincere Gandalf ad aiuta rlo ad impossessarsi dell'anello, perch stato te ntato dalla potenza dellanello, e vuole una volta che Sauron avrebbe vinto, ucciderlo e impadronirsi di tutto il potere . Ma Gandalf rifiuta e Saruman lo imprigiona in una torre della sua fortezza. Riuscir a scappare solo grazie all'aiuto di Gwahir , un'a quila gigantesca che lo prelever dalla torre. Intanto gli hobbit accompagnati da Aragorn sono sempre inseguiti dai cavalieri neri , che li raggiungono a Colle Vento, dove i cinque stavano passando la notte . Nello scontro Frodo si infila lanello al dito, r iuscendo cos a vedere le vere sembianze dei servitori dellanello: il loro viso era bianco sotto il mantello nero , sotto le cappe portavano un abito lungo e grigio, e sui capelli grigi, un elmo dargento. Frodo viene quindi ferito da una pugnalata e cade a terra. I cavalieri neri vengono messi in fuga da Aragorn che incita gli hobbit a riprendere la corsa. Frodo peggiora: una scheggia della lama con cui stato colpito si fa strada verso il cuore e scoprono che il pugnale con cui stato colpito malvagio ed le sue ferite sono difficili da curare . Dopo 15 giorni arrivano al guado del Bruinen e incontrano di nu8ovo i cavalieri neri e sono soccorsi da un signore degli elfi chiamato Glorfindel . Frodo riesce ad attraversare il guado sul cavallo di Glorfindel, molto veloce e ben addestrato : i cavalieri neri vengono investiti da un'inondazione scatenata da Gandalf, mentre si trovavano nel fiume per inseguire Frodo . Giungono infine senza ulteriori complicazioni a Gran Burrone. Qua verr guarito dalla sua ferita che aveva effetti debilitanti. A casa di Elrond i giorni degli hobbit trascorrono molto felici e Frodo rincontra Bilbo che si recato da Elrond per scrivere la storia della sua vita e delle vicende legate agli hobbit e che gli dona un pugnale forgiato in mod o che se presente il male nelle vicinanze brilla e una cotta di maglia fatta in mithril . Viene poi tenuto un consiglio tra le diverse persone giunte da ogni parte dalla terra di mezzo, per decidere cosa sarebbe dovuto accadere allanello . Alla fine si decide di creare una compagnia di nove persone guidata d a Gandalf : oltre ai 4 hobbit e ad Aragorn ne fanno parte anche Legolas , un elfo, Gimli , un nano, e Boromir il figlio di Denethor il Sovrintendente di Gondor giunto da Elrond per chiedere aiuto poich gli eserciti di Sauron sono pronti a scagliarsi contro la sua citt e i loro confini non possono resistere a lungo . Il compito della compagnia accompagnare il portatore dell'anello Frodo fino al Monte Fato dove l'anello deve esser e gettato per essere distrutto. La compagnia dellanello quindi parte. Durante un tentativo di valicare il Caradhras sono costretti per da una tempesta di

Francesco Iori

Il signore degli anelli La compagnia dellanello

2^E

neve, causata forse dal Caradhras stesso per impedirgli di passare (non per niente Il Caradhras - disse Gimli - era chiamato il Crudele, e godeva di una cattiva nomea anni e anni addietro, quando di Sauron nessun rumore era ancora giunto in questa contrade) a dover abbandonare la strada prescelta ed avventurarsi nelle pericolose miniere di Moria , miniere scavate dai nani p er trovare il mithril, un argento di qualit eccezionali, dove per ora risiedeva il male . Qui in agguato li attendono centinaia di orchetti e un pericolo ancora pi grande: un Barlog un demone utilizzato anticamente dallo spirito del Male, Melkor (di cui Sauron un semplice emissario) per torturare i prigionieri. Lo scontro feroce e la compagnia riesce a sfuggire agli orchetti, sebbene Frodo rischi di rimanere ucciso ed salvo solo grazie alla cotta di maglia di mithril donatagli da Bilbo per cui una l ancia che lo avrebbe dovuto trafiggere li lascia solo un grosso livido, ma allarrivo del Barlog, Gandalf si scontrer con esso, facendogli crollare il ponte sotto i piedi e venendo per lui stesso avvinghiato dalla frusta del demone. Gli otto superstiti proseguono il cammino fino ad arrivare a Lotlhorien, un magico reame creato dagli elfi nella foresta. A seguirli per c' una nuova minaccia: si tratta di Gollum , la creatura che ha scoperto decenni prima l'anello nel fiume An duin; inoltre li segue una pat tuglia di orchetti che per verr sviata e uccisa dagli elfi. La compagnia si ferma per qualche giorno a Lothlorien dove la regina degli elfi Galadriel fa loro alcuni doni e mostra a Frodo alcune potenziali scene del futuro che lo attende grazie allo spec chio di Galadriel . La compagnia riprende il viaggio via fiume grazie a delle barche avute in dono dagli elfi. Dopo qualche tempo vengono attaccati dagli orchi ma riescono a fuggire . Inseguito giungeranno ad un bivio al quale devono per forza scegliere tr a due strade diverse e Frodo sale su un colle per riflettere e l viene raggiunto da Boromir che tenta di impadronirsi dell'anello , perch stato anche lui in parte corrotto . Frodo quindi si mette lanello e scappa e fermatosi decide di partire verso Mord or, la terra di Sauron, dove era il monte Fato, da solo, senza avvertire gli altri, perch non avrebbe saputo come spiegarglielo; viene per scoperto presso le barche da Sam che, anche lui senza avvertire gli altri che cercano Frodo, parte con lui. Osservazioni Il punto di vista adottato nel romanzo esterno, ed onnisciente, perch presenta i pensieri dei personaggi, la loro storia, e conosce i fatti accaduti. Nella narrazione la fabula non coincide con lintreccio, a causa delle molte analessi presenti, che raccontano spesso frammenti di storia dellanello; inoltre, per esempio, il consiglio tenuto a Gran Burrone interamente un racconto in analessi svolto da varie persone. I personaggi vengono presentati in modo molto esauriente sebbene non siano presentazioni lunge e complesse, ma spesso articolate e il personaggio si scopre mano a mano che la narrazione procede. Sono presenti comunque descrizioni fisiche, che rendono i personaggi reali.

Francesco Iori

Il signore degli anelli La compagnia dellanello

2^E

Personaggi principali Frodo Baggins Sam Gamgee Aragorn (Grampass o) Gimli Legolas Meriadoc Brandibuck (Merry) Peregrino Tuc (Pipino) Gandalf Boromir Cavalieri Neri

Gandalf Gandalf il Grigio un personaggio molto evidente per la sua integrit morale; egli infatti non si lascia mai tentare dallanello e cerca sempre di contrastarlo; guida le vicende dell anello (o ne a conoscenza) per un lungo periodo e non si sottrarr mai alla sua causa. Molto saggio inoltre, il suo consiglio molto apprezzato e lui conosciuto in tantissime parti del Terra di Mezzo, con vari nomi che cambiano a seconda del popolo; esperto viaggiatore e stregone molto sapiente il suo aiuto molto prezioso alla compagnia per uscire da Moria. Nel testo sono presenti tantissimi temi, tra cui per hanno particolare importanza: Il viaggio (tutto il libro narra di un viaggio, nelle sue avversit e nelle sue benemerenze) La corruzione del bene (molti personaggi positivi sono corrotti dallanello, che simboleggia il male) La speranza (infatti nonostante tutto c sempre qualcuno in cui sperare (es. Tom Bombadil, che aiuta i quattro hobbit quando tutto sembrava perduto e rimane immune allanello, baluarrdo del bene che si oppone alla malvagit) e che spera, la speranza porta avanti la compagnia oltre tutte le brutte esperienze e gli episodi che li avrebbero potuti scoraggiare) La responsabilit (tema molto forte, specialmente nella relazione tra lanello e Frodo, ma anche tra i vari membri della compagnia)

Ambientazione La narrazione ambientata nella Terra di Mezzo, nella terza era di questa di terra; i l luoghi del racconto sono quasi esclusivamente allaperto, eccetto le pause durante il viaggio. Il tempo della narrazione copre qualche mese, eccetto la prima parte in cui trascorrono circa una quindicina danni. Il ritmo narrativo vario e

Francesco Iori

Il signore degli anelli La compagnia dellanello

2^E

coinvolgente e presenta variazione molto forti, a seconda di ci che accade. Giudizio Il romanzo mi piaciuto e mi ha preso molto, lo stile e il linguaggio usati sono entrambi facili e prendono molto il lettore. Lintero universo del romanzo costruito molto precisam ente, tanto da sembrare quasi vero, e presenta addirittura anche le sue canzoni, le sue storie e le sue leggende. Ogni luogo poi caratteristico e sono tutti fantastici e spettacolari, dalle miniere di Moria ai boschi di Lothlorien, costruiti con cura met icolosa tale da sembrare reali. La narrazione molto scorrevole e precisa al tempo stesso; il libro mi ha preso molto e sono stato immerso nel suo universo e nelle vicende che vi accadevano ed stata unesperienza fantastica.