Sei sulla pagina 1di 4

206

Giovedì
12 marzo 2009
scenari
Legge sul fine vita,
non si escludano i medici
2 La bioetica «occupa» l’attualità
Ma l’ideologia espugna i media
Dopo il caso di Eluana, subito il dibattito attor-
no alla legge sul fine vita, e intanto ecco riaccen-
dersi il fronte delle cellule staminali con la discu-
ricerca tibile decisione del presidente Obama di finanziare
con denaro pubblico ricerche che implicano la di-

Quante alternative 3 struzione di embrioni umani. Il confronto sui gran-


di nodi della bioetica conosce in queste settima-
ne continue scosse telluriche, che nascono dai fat-
alle cellule embrionali ti e si propagano nell’opinione pubblica filtrate da
mezzi di comunicazione che in questo periodo non
stanno dando purtroppo una brillante prova di o-
l’aria che tira nestà informativa. Ecco il punto: la vita umana
– è di questo che si parla – merita più equilibrio

Il tormentone della 4 e meno ideologia. È chiedere troppo?

«libertà di fare tutto»

www.avvenireonline.it\vita

Tutti i buoni motivi per non toccare la legge 40 di Ilaria Nava

box box
L
a legge 40 è da buttare? Il rischio che quanto comunemente affermano i
ciò si verifichi almeno in parte non è detrattori della legge. Al contrario, l’entrata
remoto, dal momento che la norma Francia: un coro di no in vigore della legge 40 ne ha determinato «Utero in affitto», la Spagna
che dal 19 febbraio 2004 disciplina alla maternità «surrogata» una netta diminuzione, come afferma la apre ai bambini nati all’estero
il territorio prima senza regole della relazione al Parlamento presentata l’anno

L’ U
fecondazione assistita sarà all’esame Accademia francese di medicina si è pronunciata scorso dall’allora ministro Livia Turco, in n’altra frontiera abbattuta nella Spagna di
della Corte Costituzionale il 31 marzo. Gli martedì contro la cosiddetta «maternità cui si attesta un «crollo delle complicanze Zapatero. Una coppia di omosessuali ha ottenuto
articoli di cui si giudicherà la compatibilità surrogata», o utero in affitto, con 43 voti su 82. per iperstimolazione ovarica (Ohss)», dalla Direzione generale dello stato civile di
con la nostra Carta sono il 6 e il 14, che L’ex ministro della Sanità, Jean-François Mattéi, aveva passate dai «670 casi del 2005 ai 161 casi Madrid ciò che dalla legge è (ancora) vietato: il
prevedono l’impossibilità per la coppia di chiesto alla prestigioso consesso di pronunciarsi in del 2006, corrispondenti allo 0,44% dei riconoscimento di due figli nati da una "madre in
revocare il consenso alla procreazione modo inequivocabilmente sfavorevole nei riguardi di cicli iniziati». affitto" negli Stati Uniti. In un primo tempo la
assistita dopo la fecondazione degli ovuli, il una pratica che – ove introdotta per legge, come è registrazione, accettata negli Usa, era stata negata dal

I
limite massimo di tre embrioni che stato proposto – porterebbe a una parti trigemellari incidono ancora in consolato spagnolo di Los Angeles, in base alla legge
possono essere creati per ogni ciclo e «disumanizzazione della maternità». «Sono misura piuttosto elevata, pari al 2,8 % dei del 2006 sulle tecniche di riproduzione assistita che
l’obbligo di impianto di tutti gli embrioni veramente preoccupato come pediatra – ha aggiunto nati con la Pma, ma va detto che si vieta «la gestazione in sostituzione», a pagamento o
creati. Paletti che, se abbattuti, renderanno – che un bambino possa essere fatto oggetto di un registra una situazione a macchia di meno. I due bambini sono nati un anno fa a San
necessariamente leciti anche contratto. Si arriva a legittimare l’abbandono leopardo dovuta in parte all’imperizia di Diego, in California, da una donna che aveva accettato
crioconservazione e distruzione di dell’infanzia. E che dire dei legami intessuti tra taluni operatori in un certo numero di di prestare il proprio utero ai due omosessuali
embrioni. Sovvertendo il risultato del madre e figlio durante la gravidanza?». Anche Claude centri, che determina l’innalzamento medio spagnoli. Secondo la Direzione dello stato civile di
referendum del giugno 2005. Sureau, presidente onorario dell’Accademia e del dato: nei centri migliori (ad esempio Madrid la legislazione spagnola non si applica in
membro del Comité consultatif national d’éthique Bologna Sant’Orsola) queste percentuali questo caso, in quanto si tratta di ratificare un atto

A
sollevare la questione davanti alla (Ccne) s’è espresso nello stesso senso. Parallelamente crollano infatti al di sotto dell’1%. Dunque straniero, cioè quello emesso negli Usa. Inoltre, non
Consulta fu dapprima il Tar del Lazio sono state ascoltate anche le associazioni che occorre intervenire sulla qualità dei centri, riconoscere la paternità dei due omosessuali sarebbe
con la sentenza 398 del 29 gennaio difendono le "madri in affitto", il tutto in quel non sulla legge. «una discriminazione basata sul sesso, che è
2008, a cui si sono ispirati anche due processo di audizioni previe alla revisione della legge categoricamente proibita dalla Costituzione spagnola».

I
instancabili giudici di Firenze che hanno sulla bioetica in calendario quest’anno. l divieto di diagnosi pre-impianto Insomma, in Spagna non c’è legge che tenga.
emesso altrettante ordinanze di rimessione rispetta la ratio dell’intera disciplina
alla Corte l’11 luglio e il 26 agosto dello Questo è l’argomento dominante nel
stesso anno. La Consulta, che avrebbe dibattito sulla legge 40, soprattutto in
dovuto pronunciarsi il 4 novembre, ha poi A fine mese di sanità sull’applicazione delle tecniche di prossimità del giudizio della Corte non dà comunque un sufficiente grado di
rinviato l’esame dei ricorsi a fine marzo. Ma la Corte fecondazione assistita del 2003, in cui Costituzionale che esaminerà proprio attendibilità riguardo alle patologie che il
– accantonando per un momento l’esito del «l’adesione all’indagine è stata del 58,3% questo aspetto. Al di là del problema bambino potrà avere, attestandosi gli errori
referendum – esistono validi motivi per Costituzionale dei centri»). morale che si pone relativamente alla diagnostici in una percentuale non inferiore
mettere mano a una legge che mostra di è chiamata selezione degli embrioni sani e alla al 15%, sia di falsi negativi sia di falsi

L
funzionare, come hanno confermato anche a pronunciarsi a legge tutela la salute della donna. La distruzione di quelli che risultano affetti da positivi. La sua introduzione, inoltre, si
i primi dati della relazione al Parlamento scelta del ricorso graduale alle tecniche qualche malattia, la diagnosi pre-impianto porrebbe in contasto con il resto della legge,
anticipati nei giorni scorsi? O non è forse su alcuni punti «consentito qualora non che tutela il concepito come soggetto di
vero che prevalgono le ragioni a favore del chiave della vi siano altri metodi diritto.
mantenimento della legge così com’è? terapeutici efficaci per INSINTESI
normativa che
L
Vediamole. rimuovere le cause di a tutela del concepito prevista dalla
regolamenta

A
umentano le nascite. Gli "assaggi"
finora resi pubblici della terza relazione
al Parlamento sulla legge 40 rivelano un
sempre crescente numero di cicli effettuati,
di gravidanze e di nascite, queste ultime
la fecondazione
assistita
I fatti dicono
che nei cinque
sterilità o infertilità», come
recita l’articolo 1 della
legge, incentiva i centri a
ricercare soluzioni meno
invasive rispetto alla
Procreazione medicalmente
1
Conto alla rovescia
per la sentenza con
legge ha fondamento nella
Costituzione. È proprio la Corte
Costituzionale, che sarà chiamata a decidere
sul divieto di diagnosi pre impianto, che ha
sancito il fondamento costituzionale della
tutela del concepito. Ad esempio, con la
aumentate non solo in termini di assistita (Pma). Ma anche la quale la Consulta sentenza 35 del 1997, con cui dichiarò
percentuale ma anche come numero anni dalla sua quando è necessaria la si pronuncerà sulla l’inammissibilità del referendum finalizzato
assoluto. Più numerose anche le coppie che approvazione fecondazione in vitro non è costituzionalità ad ampliare le maglie della legge
accedono alle tecniche, passate da 43 mila a corretto affermare che i della legge 40. sull’aborto, la Consulta sottolineò che «ha
55.400. Inoltre, è necessario ricordare che la legge ha dato paletti che la legge italiana fondamento costituzionale la tutela del
quella che verrà resa pubblica entro giugno buona prova prevede tutelano i diritti concepito, la cui situazione giuridica si
è solo la terza relazione al Parlamento, e
che solamente da due anni c’è una
copertura quasi completa di raccolta dei
dati, visto che prima dell’entrata in vigore
della legge i centri censiti erano circa la
metà e la raccolta dati era solo su base
di sé, grazie
a un impianto
giuridico
equilibrato
Che non va
dell’embrione a scapito di
quelli della donna. Il limite
massimo della creazione di
tre embrioni per ciclo, oggi
sotto accusa, non aumenta
il rischio di complicanze
2 Diritto, scienza,
risultati clinici:
ecco le ragioni per
colloca, sia pure con le particolari
caratteristiche sue proprie, tra i diritti
inviolabili dell’uomo riconosciuti e
garantiti dall’articolo 2 della Costituzione»
denominandosi «tale diritto alla vita,
oggetto di specifica salvaguardia
volontaria (come documentato, ad legate al prelievo degli lasciare la legge costituzionale».
esempio, nel rapporto dell’Istituto superiore manomesso ovuli, al contrario di così com’è. E allora, è giusto manomettere la legge 40?

stamy di Graz diagnosi pre-impianto di Luisella Giovanna Daziano

Caccia aperta all’embrione «doc»


Un’équipe belga annuncia di poter

I
l tempo della naturale at- Hospital di Lovanio. Utilizzando una tecnica di
tesa sembra essere tra- individuare i cambiamenti genetici "ibridizzazione fluorescente in situ" (Fish), adat-
montato. Le normali an- ta a scoprire perdite di piccole porzioni o di inte-
sie da gravidanza, e le e- che predispongono ad alcuni tumori ri cromosomi in una singola cellula dell’embrio-
mozioni di quei nove par- Risultato: selezione sempre più spietata ne, i ricercatori sono riusciti a selezionare soltan-
ticolarissimi mesi sem- to gli embrioni che non presentavano una micro-
brano materiale da archivio. Il cancellazione, che causa la predisposizione a for-
dono del concepimento e del- ancora: un paio di mesi fa è arrivato il test prena- me tumorali.
l’arrivo di un bambino rischiano di ridursi a una tale sull’autismo: se i neo-genitori vengono infor-

L
prassi da laboratorio, a un puzzle genetico, con fe- mati dalla diagnosi pre-impianto che il loro figlio a predisposizione a livello embrionale, ricor-
condazione assistita e diagnosi prenatale sempre potrebbe nascere geniale ma un po’ asociale, co- diamolo, non equivale a certezza. Tutti noi ab-
più selettive. Le notizie che ci arrivano si stanno pe- me alcuni bambini autistici, potranno scartare biamo nel codice genetico predisposizioni che
ricolosamente sommando in una lista di possibi- quell’embrione e selezionarne uno "più valido". non si traducono necessariamente in una malat-
lità (selezioni?) che la genetica (eugenetica?) sta tia durante la vita. «Con la Fish non soltanto ab-

I
prospettando ai neo-genitori. l passo è sempre più breve: «Siamo ormai in gra- biamo individuato le micro-cancellazioni negli
do d’individuare, negli embrioni, i cambiamen- embrioni ottenuti con fecondazione assistita, ma

S
e i medici possono comunicare ai genitori, me- ti genetici che possono predisporre il bambino siamo anche riusciti a correggerle», dicono i gene-
diante test genetici pre-impianto qual è l’em- da esso nato a sviluppare alcune forme tumorali». tisti, precisando che «dopo aver prelevato due cel-
brione geneticamente più valido sarà estrema- Lo scrivono ora i ricercatori belgi nello studio pub- lule da ogni embrione sono stati trapiantati nel-
mente probabile che la coppia scelga "il migliore", blicato ieri sulla versione online di Human Repro- l’utero della futura madre soltanto gli embrioni
a discapito degli altri. Così è accaduto per la bam- duction. «Fino a oggi, negli embrioni potevano es- che la Fish aveva identificato come sani». Lo stu-
bina "geneticamente selezionata" che è nata sol- sere rilevate soltanto mutazioni di piccole parti di dio è stato condotto su due malattie, la neurofi-
tanto perché non aveva il gene che la predispone- Dna. Oggi, invece, possiamo riconoscere delle can- bromatosi (che porta allo sviluppo di tumori al si-
va a un possibile cancro al seno, ma per la quale cellazioni che comprendono interi geni o lunghi stema nervoso) e la sindrome di Von Hippel-Lin-
sono stati sacrificati gli altri embrioni, possibili fra- tratti», spiega il team diretto da Joris Vermeesch dau (che colpisce sistema nervoso centrale, reni,
tellini, soltanto perché possedevano quel gene. E del Center for Human Genetics dello University pancreas). E l’eugenetica avanza.
2 Avvenire Giovedì, 12 marzo 2009

www.avvenireonline.it\vita

Fine vita, c’è in gioco l’essenza della democrazia


scenari

N
el dibattito sul fine vita, il frutto Calabrò vigente). Tantomeno il conflitto consumo è tollerato dall’ordinamento,

eugenismi
più evidente della può ridursi tra paladini del diritto alla non così però lo spaccio di stupefacenti.
semplificazione mediatica cui vita "a tutti i costi" e promotori È il caso del suicidio: privarsi della
siamo quotidianamente dell’autodeterminazione "in tutti i casi". propria vita non è accettato dai
sottoposti si concretizza nel È dunque solo una vulgata mediatica consociati, ma il tentativo di suicidio è
conflitto tra due posizioni quella che caricaturizza il paziente immune da sanzione, non così per
antitetiche, l’una promotrice
dell’autodeterminazione del singolo e
attaccato forzosamente al sondino. l’assistenza al suicidio che è un reato.
Sulla stessa linea, è possibile rifiutare L’insopportabile
«empietà»
C
l’altra dell’inviolabilità della vita hi critica il ddl, in apparenza una cura pur quando ne va della propria
umana. Così è gioco facile sentenziare reclamando la libera salute, ma non esiste un correlativo
Il ddl Calabrò valorizza
l’alleanza terapeutica
che il ddl Calabrò è "incostituzionale"
in quanto, conculcando la libertà di
determinazione del paziente nei
confronti del medico curante, mira
diritto a coinvolgere il medico per porre
fine alla propria esistenza.
del Cottolengo
rifiuto della cura, finirebbe per imporre all’obiettivo, ben più dirompente, del
escludendo che il medico
Q
l’alimentazione forzata a chi non la ribaltamento dei valori di fondo del uesta è l’essenza della nostra

I
l partigiano
si renda compartecipe vuole. nostro sistema giuridico-costituzionale democrazia, che si fonda su valori e Bocca alla guer-
di una scelta vietata La realtà che emerge dal testo di legge è che distingue con saggezza ed equilibrio giudizi morali espressione di una ra di Eluana.
assai diversa e riguarda solo tra scelte del singolo e scelte comunità. Ritenere invece che il Nel giro di po-
dal suo codice indirettamente la libertà di rinunzia ai dell’ordinamento. Il delicato giudizio sulle scelte del fine vita sia che ore Giorgio
deontologico trattamenti medici. La legge si occupa bilanciamento tra libertà dell’individuo interamente individuale anche quando Bocca, l’ormai
piuttosto della fase relativa e libertà di scelta dell’ordinamento si è, coinvolge comportamenti di chi, come ottuagenario giornalista che abbia-
Ritenere invece che all’attuazione delle cure da parte del infatti, sin qui realizzato lasciando al il medico, è vocato alla cura del mo visto fustigare per decenni l’Ita-
il giudizio sulle scelte del medico, sul presupposto dunque che si primo i più ampi spazi purché la sua paziente, significa sradicare dalle lia consumista e del malaffare, ha sca-
di Alberto Gambino

fine vita sia interamente sia attivata una specifica e peculiare azione sia accettata dai consociati. Ove democrazie la coscienza sociale di un gliato due bordate senza precedenti
relazione – la cosiddetta "alleanza" – tra invece operi un giudizio di disvalore, popolo. È un paradigma inaccettabile e contro quello che lui chiama, con u-
individuale significa medico e paziente. Nel percorso l’azione del singolo rimane circoscritta foriero di nefaste conseguenze perché na vena neppure malcelata di di-
sradicare la coscienza decisionale che può portare una in un ambito personale ed esercitata l’anarchia dei valori storicamente ha sprezzo, il «partito della vita». Due
sociale di un popolo persona a rifiutare una cura, invece, attraverso atti personalissimi e non sempre finito per rendere i deboli articoli violentissimi, apparsi rispet-
rilevano solitamente più momenti di delegabili. È il caso dell’uso di ancora più indifesi e i malati ancora più tivamente sul Venerdì di Repubblica e
«È un paradigma confronto: con se stessi, con i propri stupefacenti: drogarsi fa male, ma il fragili. sull’Espresso, dai titoli che sono tutto
inaccettabile e foriero familiari, con la cerchia di persone più un programma: «Partito della vita o
intime, persino amici e conoscenti, e, dei finti misericordiosi?» e «I faziosi
di nefaste conseguenze» infine, con il medico curante. Il ddl di Eluana».

cure palliative
affronta esclusivamente quest’ultimo «L’antitaliano», dal titolo della sua
rapporto e lo fa escludendo che il rubrica più famosa, fa ricorso a tutto

in agenda
medico si renda compartecipe di una di Francesca Lozito l’armamentario laicista disponibile
scelta del paziente che contrasti con il sulla piazza mediatica e che ha pro-
suo codice deontologico. Il quale già, prio nei giornali del Gruppo Espres-
ovviamente, vieta i comportamenti so il suo megafono magniloquente.

A Roma la forza
indicati nel testo Calabrò, secondo il
principio cardine che «il medico, anche Persone fino alla fine: la legge ora lo sa Eccolo attaccare quanti, a vario tito-
lo, hanno riconosciuto in quella di E-
su richiesta del malato, non deve luana una vita nel momento della
della fragilità effettuare né favorire trattamenti diretti

E’
in discussio- zione della consulenza ospedaliera in cure sua massima fragilità.
a provocarne la morte» (attuale art. 36 ne in questi palliative: è importante riconoscerla, perché

B
del Codice di deontologia medica). giorni alla vuol dire che l’applicazione delle cure pal- occa non si fa mancare niente,

«Q
uando sono debole, è allora Dunque il medico non può staccare il Commissio- liative comincia a uscire dal recinto e diffon- denunciando palesemente le sue
che sono forte. Comunicare ventilatore salvavita o interrompere ne affari so- dersi in maniera generalizzata come ap- «fonti» d’informazione e mo-
il Vangelo nel mondo della l’idratazione del paziente; cioè, per ciali della Ca- proccio globale nella medicina». strando un assoluto disprezzo per le
fragilità e della salute» è il titolo del essere chiari, il medico non può fare ciò mera, il ddl sulle cure Quali sono invece gli aspetti da per- ricostruzioni di cronaca offerte da al-
convegno per l’Anno Paolino pro- che alcuni orientamenti palliative. Ne parliamo con Marco Malto- fezionare? tri organi, così come da quegli osser-
mosso dall’Ufficio nazionale per le giurisprudenziali hanno legittimato nei ni, direttore dell’Unità operativa di cure pal- «Il riconoscimento accademico della spe- vatori più indipendenti, che nei gior-
comunicazioni sociali, dall’Ufficio casi Welby ed Englaro. liative dell’Ospedale Pierantoni di Forlì. cializzazione in cure palliative, che ancora, ni più dolorosi hanno saputo con ra-
nazionale per la pastorale della sa- La «legge Scapagnini» (dal nome del nonostante le promesse fatte dai diversi Go- gionevolezza indicare le presunzioni

M
nità e dal Servizio nazionale per il a allora dove sta l’incostituzionalità relatore) si avvia verso l’approvazione. verni che si sono succeduti in questi anni, ideologiche che agitavano il campo
progetto culturale, in collaborazione di un testo che si limita a Qual è il suo giudizio? tarda ad arrivare. Mi chiedo – è una do- dei sostenitori della libertà assoluta
con l’Istituto "Camillianum", che si confermare ciò che è già previsto «È un segno importante che il Parlamento manda condivisa da molti dei miei colle- svincolata dalla relazione. Si dirà che
terrà il 19 e 20 marzo 2009 a Roma nelle norme di deontologia, abbia voluto portare avanti, parallelamen- ghi – quanto dovremo aspettare per arrivare questa osservazione è mossa dal pre-
presso il Centro Congressi di Via Au- ampiamente e diffusamente condivise te alla elaborazione di un disegno di legge ad avere una cattedra di cure palliative in giudizio, ma è sotto gli occhi di tut-
relia 796. Tra i relatori, Francesco da medici e pazienti? Se la legge sulle direttive anticipate, un testo per rico- ogni facoltà di medicina, come succede nel- ti che la campagna per la morte di E-
D’Agostino, padre Luciano Sandrin, Calabrò fosse contraria alla noscere l’importanza della cura di chi si tro- la stragrande maggioranza dei paesi euro- luana altro non è stata che lo stru-
padre Giuseppe Cinà, oltre a intel- Costituzione, a ben vedere lo sarebbero va in fase di malattia e garantire a lui e ai pei oggi». mento posto nelle mani del «partito
lettuali, critici e giornalisti. Il 19 po- anche codice e comportamenti di suoi familiari che non verrà abbandonato. Perché questo è un obiettivo così dell’eutanasia» per poter realizzare in
meriggio sarà presentato un filmato migliaia di medici che sino ad oggi lo L’importanza data alla persona fino alla fi- difficile oggi e perché lo ritenete Italia quella nuova breccia di Porta
di Saverio Simonelli di Sat 2000. Ve- hanno osservato. ne, la garanzia che ci sia sempre qualcuno molto importante? Pia invocata da Maurizio Mori e che
nerdì 20 marzo don Antonio Pitta È chiaro a questo punto che la posta in accanto a lui e che non soffrirà è un prin- «Perché far entrare la medicina palliativa punta a «porre fine alla concezione
interverrà sul tema "Quando sono gioco è un’altra: che il medico si renda cipio importante da far passare nell’opi- dalla porta principale delle università si- sacrale della vita».
debole, è allora che sono forte". Se- compartecipe della decisione del nione pubblica, soprattutto in questi ulti- gnifica dare una legittima "cittadinanza" Senza voler andare troppo oltre, e
guirà l’intervento di Adriana Turri- paziente anche quando questa vada mi tempi. Penso che nel ddl ci siano dei ad un approccio terapeutico che segue i cri- quindi non volendo fare un proces-
ziani, primario dell’Hospice Villa contro la sua deontologia, così a buoni passaggi, a cui i palliativisti non pos- teri di appropriatezza e proporzionalità: so alle intenzioni di Bocca, potremo
Speranza. Padre Eugenio Sapori, do- consacrare per legge gli esiti delle sono che guardare con interesse». non sono propri soltanto di chi come noi almeno osservare che questo giorna-
cente all’Istituto Camillianum, pre- vicende giudiziarie Welby ed Eluana. Quali per esempio? ha a che fare quotidianamente con i mala- lista, come tanti altri opinionisti, ha
senterà le «esperienze di comunica- Ciò che allora è in discussione non è la «Il riconoscimento per la prima volta del- ti terminali, ma possono essere applicati a ormai sviluppato una personale in-
zione nella pastorale della salute». libertà di rifiutare le cure, già la "rete" costituita dagli hospice quanto dal- tutti i pazienti. Non è un aspetto seconda- capacità a riconoscere la vita nelle sue
Concluderà don Andrea Manto, di- ampiamente garantita come spazio di le cure domiciliari, a livello legislativo. Que- rio nella formazione dei medici di doma- forme più nascoste. Non è vita l’em-
rettore dell’Ufficio nazionale per la libertà potendo in qualsiasi momento il sto è un passo importante, perché fino ad ni. Ci piacerebbe che la politica e il mon- brione, non è vita quella della per-
pastorale della sanità della Cei. paziente o chi per lui rinunciare al oggi per legge si era parlato soltanto di strut- do accademico ne tenessero sufficiente- sona in stato vegetativo persistente. E
ricovero (e così sarà anche a legge ture residenziali. C’è poi la felice introdu- mente conto». domani chissà a chi toccherà. Ma
Bocca già lo sa e ce lo dice senza re-
more. Ecco le parole con le quali con-

argomenti
clude la sua tirata sull’Espresso: «...lo
stesso culto della vita a ogni costo che
di Andrea Rossi lascia perplessi i visitatori della Pic-
cola casa della Divina Provvidenza,
la pia istituzione del Cottolengo, do-
ve tengono in vita esseri mostruosi e

Le domande del cuore e i dogmi laicisti deformi. Gli eccessi della carità fan-
no il paio con quelli dell’ideologia. I
cultori della vita a ogni costo in ob-
bedienza a Dio non si accorgono di
volersi sostituire a Dio, massima em-
Davanti alla vicenda di Eluana

«A
vevo fame staccato un sondino, ma un nuovo aborto assediata da tanti e profondi dubbi; pietà». E pensare che tutti noi abbia-
e mi avete c’è chi ostenta solo certezze è stato procurato; quella creatura tolta da perché si è scelto di agire dentro questa mo sempre considerato ogni carezza
dato da quel nuovo grembo materno che la incertezza? Dove è andato a finire il a un povero o a un malato di Giu-
mangiare, e chi invece non può nascondere viziava di attenzioni, è stata sradicata principio di precauzione? Quanta seppe Cottolengo o di Madre Teresa,
avevo sete domande che bruciano come dalla calda e irrorata e nutritiva placenta, precisione in quel protocollo, astraendolo grandi santi sociali, come le carezze
e mi avete ferite, che il tragico epilogo per essere posta in una anonima e asettica da un contesto di relazione umana che di Dio. Potrà Bocca scusarci questa
dato da bere». stanza della morte. È morta da sola, ci avrebbe potuto indurre a un certo «bestemmia» contro la laicità?
«Chiunque avrà fatto una di queste cose a non ha potuto spegnere dicono, in onore alla dignità del malato. tentennamento! Meglio il distacco,
E la sbrigatività di certe tesi apre
C
uno dei miei fratelli più piccoli lo ha fatto meglio la lontananza, anche fisica, tanto erto, dopo aver letto gli articoli

Q
a me»: la seconda frase del Vangelo uanti interrogativi in questi giorni, Eluana è morta 17 anni fa! Quante del partigiano Bocca non riu-
riguarda i credenti in Cristo, ma la prima più di un dubbio sulle intenzioni ma un unico punto esclamativo: certezze e tutte orientate verso un unico sciamo più a cogliere la distanza
riguarda tutti. L’umanità intera vi può Eluana è morta! Questa è l’unica fine: la fine di una vita. Eppoi alla Chiesa che c’è tra le sue posizioni e quelle di
ritrovare un ethos condiviso. Quanti laici una vittima, o meglio, quel che rimaneva certezza che abbiamo. Rimangono aperti si rimprovera il dogmatismo. Si è invocata chi mandava a morte ebrei, omoses-
– o meglio, laicisti, o meglio ancora di un corpo debilitato ma ancora capace tutti gli altri interrogativi: che cosa una sentenza, assunta a rivelazione celeste suali e rom. Anche quelli erano «ma-
anticlericali (anzi, oggi si dice "credenti in di vibrare emozioni, di rispondere a gesti provano queste persone? Che significa alla quale inginocchiarsi. Mi sorge un lati» non degni di vivere. Che tristez-
altro") – hanno sbandierato frasi del d’amore; segni decifrabili solo da un stato vegetativo permanente? Ma si dubbio: chi ha voluto utilizzare il corpo za! È proprio vero che le ideologie o-
Vangelo a supporto di missioni verso i codice appreso con la vicinanza rendono conto queste persone di ciò che di Eluana? Chi ha voluto utilizzare il scurano la vista e ottenebrano le co-
poveri nei Paesi sottosviluppati? Quante instancabile e amorevole di chi sa le accade intorno? Ma soffrono? Ma dolore di una famiglia? scienze. Chissà cosa ne pensano i pie-
volte alla Chiesa è stato rimproverato «lo scorgere la vita dentro un corpo, che altri l’alimentazione seppur attraverso sondino montesi che con Cottolengo e Bocca

N
sfarzo che grida vendetta» nei confronti hanno già definito morto. è una cura oppure ciò che deve essere asce spontanea una conclusione: condividono la terra d’origine. Sino
dei poveri? Quante "pance gonfie" di Forse mai come in questo caso il vedere è garantito comunque a tutti? Altri coloro che approfittano dello stato di a ieri la Piccola casa della Divina Prov-
bambini senza cibo ci hanno mostrato il riflesso di ciò che si vede di sé stessi: chi interrogativi di carattere legale ci hanno, debolezza, utilizzando un pietismo videnza era il fiore all’occhiello del-
per sbattere in faccia alla Chiesa vede la morte è già morto dentro. Chi sa in questi giorni, invaso: ma quel decreto opportunista, continuano a essere i soliti la carità operosa e silenziosa dei pie-
l’ennesima responsabilità? vedere la vita è portatore di vita. Perché era costituzionale? Ma perché non si è avvoltoi, mistificatori della realtà, maestri montesi. E oggi: il luogo in cui «ten-
questa volta non ci hanno mostrato fatta prima quella legge? Ma le di sofismi legali e lessicali, filosofi del gono in vita esseri mostruosi e defor-

A
ncora una volta abbiamo visto questi nessuna pancia, nessun corpo? Avremmo prerogative costituzionali consentivano o nulla e sbandieratori di cifre che alla fine mi». Possiamo dichiarare il nostro di-
difensori dell’umanità venire da visto troppa vita in quel corpo? Per il no la firma di un decreto che avrebbe nessuno è in grado di controllare. La loro sgusto per tanta disumanità senza es-
lontano come avvoltoi che si rispetto e la dignità del malato? Per salvato la vita ad Eluana? Perché solo verità si trasforma in dogma laicista sulla sere denunciati all’autorità giudizia-
avvicinano a corpi quasi inermi. Ma diciassette anni quella creatura è stata all’ultimo momento si è pensato di libertà; ma in realtà tentano di imporre il ria per accanimento alla vita?
questa volta gli avvoltoi hanno avuto assistita, curata, accudita: insomma, preparare questo decreto? Ancora tanti loro credo. Ancora una volta però, un Domenico Delle Foglie
degni "compari": alcune iene che amata, custodita da un grembo che interrogativi. corpo morto recherà loro un fastidio
avvicinatesi hanno fiutato il sangue di continuava a tenerla in vita. Non è stato L’unica certezza – Eluana è morta! – ingombrante più di una persona viva.
Giovedì, 12 marzo 2009 Avvenire 3
www.avvenireonline.it\vita

Quante alternative alle cellule embrionali di Viviana Daloiso

È stato il primo a scoprire

L
unedì 9 «Finora, sotto la direzione del- ro che ci sia un posizione precisa, su
◆ Fisichella: una sconfitta dell’etica

scenari
marzo, cellule pluripotenti nel la professoressa Cavazzana Cal- cui non voglio discutere – sono un
prima «Credo che sia stata una vittoria della po- vo, abbiamo condotto test in vi- uomo di scienza – e però proprio in
che il pre- liquido amniotico. Ora ha litica sull’etica». Così monsignor Rino Fi- tro e sui topolini, utilizzando campo scientifico era ed è indiscuti-
sdiente individuato (e provato) la sichella, presidente della Pontifica Acca- anche cellule umane. Ora ve- bile il valore epocale della scoperta
Usa Ba- demia Pro Vita ha commentato la deci- dremo negli animali più gran- dello scienziato giapponese. Così si
Paolo De Coppi
rack Obama uffi-
cializzasse la de-
loro capacità di dare origine
alle cellule del sangue. E,
sione di Obama sull’uso di fondi pub-
blici per la ricerca sugli embrioni. «Se la
di e nei modelli che in qualche
modo mimano la malattia u-
fa anche per la ricerca sulle embrio-
nali».
Il business
cisione di eroga-
re fondi federali alla ricerca sugli em-
presto, di poter guarire i feti scienza e gli scienziati dicono che questa
al momento non è la via percorribile – ha
mana».
Abbiamo parlato di risultati
Qualcosa, cioè, non viene detto?
«Direi piuttosto che si distorce la
di cellule?
brioni, le agenzie di stampa avevano dalle malattie genetiche
come la beta-talassemia
aggiunto il presule – perchè intestardirsi concreti. Gli stessi di cui si è realtà. Scientificamente parlando, le Senza freni
battuto la notizia di una nuova, cla- per volerla seguire? Forse ci sono altri». sentito parlare molto in que- embrionali hanno una caratteristica u-
morosa scoperta nel campo delle sta- sti ultimi giorni, dopo l’an- nica, che le staminali adulte o quelle

M
quando sono ancora in ateria privile-
minali: quella compiuta dall’équipe ◆ Brescia, convegno staminali nuncio di Obama di ripristi- da liquido amniotico non hanno: per- giata dalla ri-
di Paolo De Coppi, in collaborazio- grembo. Paolo De Coppi Domani e sabato, a partire dalle ore 9:00, nare i fondi federali per la ri- mettono di studiare l’origine del- cerca medica,
ne con il gruppo coordinato da Ma- non ha mai usato embrioni si terrà a Brescia il secondo convegno in- cerca su embrioni. Il presi- l’embrione umano, quindi anche l’o- ma anche
rina Cavazzana Calvo dell’Ospedale per la sua ricerca. E spiega ternazionale dedicato allo studio delle dente Usa, e molti media no- rigine delle malattie. Ecco perché il merce di un
Necker di Parigi, sulle cellule del li- cellule staminali ottenute dai tessuti pla- strani, hanno posto l’accento mondo della ricerca le considera co- business che
quido amniotico, capaci di generare perché ad oggi la loro utilità centari. Organizzato dal Centro di Ricer- sulla possibilità concreta che sì importanti. Dal punto di vista te- non conosce frontiere, le
cellule staminali del sangue. Uno o terapeutica sia tutto fuorché ca E. Menni (Crem) presso la sala conve- le staminali embrionali pos- rapeutico, tuttavia, non si conoscono cellule umane si scam-
due lanci di agenzia, poche mancia- gni della Fondazione Poliambulanza. sano presto salvare vite e cu- ancora i meccanismi di controllo di biano sul mercato inter-
te di righe in tutto, riprese da qualche dimostrata rare malattie finora inguaribi- queste cellule. Ma c’è ancora un pun- nazionale sostenendo
quotidiano locale il giorno seguente. li, come il Parkinson o la Sla. to». speranze, generando pro-
Eppure la scoperta è di quelle che ri- tiche, che sarebbero capaci di crea- fuori del feto – e iniettarle nuova- È vero? Quale? fitti e sollevando sempre
voluzioneranno (concretamente) le re cellule del sangue. In termini con- mente nel feto ripopolando il suo «Premetto di essere fermamente con- «È curioso che si siano criticate tanto nuovi interrogativi. Del-
terapie fetali nei prossimi anni, come creti che cosa significa? sangue con cellule sane. Il che evite- vinto che gli scienziati che lavorano le cellule riprogrammate argomen- lo scambio transfronta-
spiega ad Avvenire il giovane ricerca- «Si tratta di un’opzione terapeutica rebbe ogni forma di rigetto e per- con le cellule embrionali credano nel- tando il loro problema di "tumoro- liero di cellule e tessuti si
tore. Stupito di come i giornali, so- molto importante, che ci potrebbe metterebbe di curare le malattie del le loro potenzialità come altri credo- genesi". Se lo facciamo, allora non è discusso ieri a Roma nel
prattutto italiani, distorcano la realtà permettere di agire sulle malattie ge- feto stesso prima della nascita». no in fonti alternative: non vi sono po- possiamo non argomentarlo anche corso della tavola roton-
circa la ricerca sulle staminali em- netiche che si diagnosticano prena- A quali malattie si riferisce? sizioni di conflitto in questo senso. per le embrionali. La realtà è che gli da organizzata dall’Ecsel,
brionali. Tacendo i successi di tutte le talmente nel feto. Se avremo confer- «Penso a malattie di tipo ematologi- Ma sono sempre rimasto colpito, per scienziati non sanno ancora come il Centro europeo per l’e-
altre. ma di quanto provato fin qui, pos- co, quali ad esempio la beta-talasse- esempio, dal fatto che delle cellule ri- controllarle. Ed è una realtà scientifi- tica e il diritto delle scien-
Professore, la rivista «Blood» ha ap- siamo pensare di prelevare delle cel- mia, o immunodeficienze». programmate (Ips) scoperte da Ya- ca, questa, che non c’entra niente con ze della vita e delle nuo-
pena pubblicato gli esiti della sua ul- lule dal feto stesso, ingegnerizzarle – Questa scoperta potrà trasformar- manaka si sia parlato pochissimo, so- le ideologie o le convinzioni etiche. ve tecnologie. «Difficile
tima ricerca sulle staminali amnio- cioè correggere il gene malato al di si in terapie funzionanti? prattutto sui giornali italiani. È chia- La scienza non sta da una parte o dal- negare che il diritto co-
l’altra». munitario non abbia
Come spiega il grande interesse di creato un mercato co-

spilli
molti scienziati americani per le cel- mune della cellula», ha
in filigrana

L’ostinazione
Dai radicali idee con l’eco lule riprogrammate, e per esempio
quello dello stesso Thompson che
pure ha concorso alla scoperta del-
le Ips, ma che per anni aveva lavo-
rato con le embrionali?
sostenuto Luca Marini,
vice presidente del Co-
mitato nazionale per la
bioetica, ricordando la
direttiva del 2004 che di-
contro i fatti

P
Crederemmo alle inten- er comprendere quale sia Cattaneo, direttrice del Centro di ricerca sulle Cellule «Ho due risposte. Una è di ordine sciplina i criteri comuni
zioni umanitarie di opinio- l’idea che ha animato il staminali all’Università di Milano, che, intervistata scientifico: le staminali embrionali per l’approvvigionamen-
nisti, scienziati e cronisti «Congresso mondiale per dal Manifesto, ha denunciato penalizzazioni per i hanno un corredo genomico diverso to, lo stoccaggio e la di-
che si sono affannati a ma- la libertà di ricerca nostri ricercatori mettendo nel mirino la legge 40 e il dall’individuo. Usarle è come fare un stribuzione di questi de-
gnificare la firma di Oba- scientifica», tenutosi dal 5 divieto di produrre embrioni destinati alla ricerca. trapianto: c’è il problema del rigetto. licati campioni e che
ma al decreto che riapre al 7 marzo a Bruxelles e Bisogna dunque ricorrere alla clona- «parla di donazione re-
il finanziamento federale

A
organizzato dall’Associazione Luca Coscioni insieme l coro di elogi per Obama ha partecipato anche la zione terapeutica, altrettanto difficile tribuita, o meglio inden-
alle ricerche sugli embrio- al Partito Radicale, può essere sufficiente leggere la Consulta di bioetica (quella che ha supportato da percorrere. A dimostrazione che ci nizzata», aprendo uno
ni se sugli stessi media
che li hanno ospitati a- dichiarazione finale sottoscritta dai partecipanti. Tra l’intera vicenda Englaro), che in un comunicato si sono vie molto attraenti dal punto di scenario di mercificazio-
vessimo visto con eguale gli obiettivi indicati, spiccano il «rafforzamento delle è scagliata contro gli «pseudo-ricercatori nostrani» rei vista scientifico, ma che questo non ne.
risalto due notizie passa- politiche a difesa del diritto alla libertà di ricerca, in di dubitare dell’effettiva utilità delle cellule staminali significa siano applicabili nella tera-

S
te invece quasi sotto si- particolare sulle cellule staminali attraverso il embrionali. Proprio il presidente della Consulta, pia clinica. Il secondo motivo, di or- ono stati 18mila i
lenzio Nel giro di una set- superamento dei divieti posti Maurizio Mori, dalle pagine di dine pratico: la ricerca sulle embrio- campioni biologici
timana, è stata annuncia-
ta dapprima la modifica-
dall’Unione europea alla Il congresso organizzato Liberazione ha esultato per la nali non aveva fondi, era bloccata, scambiati l’anno
finanziabilità della ricerca ottenuta a Bruxelles sulla libertà rivoluzione culturale in àmbito quindi Thompson è stato per così di- scorso tra i paesi Ocse, ha
zione di cellule epidermi-
con la tecnica del trasferimento del bioetico operata dal presidente Usa. re "stimolato" a ricerche alternative». spiegato Giuseppe No-
che di malati di Parkin-
sons in staminali multipo- nucleo cellulare», e «l’affermazione di ricerca da organismi L’auspicio del leader della Consulta è Quello che è successo a lei... velli, preside della Facoltà
tenti, ovvero pronte all’u- del diritto all’autodeterminazione in vicini alla Rosa nel per una ricerca «a tutto campo». Sulla «Non ho mai nascosto le mie con- di Medicina dell’Univer-
so per curare lo stesso pa- materia di cure, incluso il diritto alla Pugno spara a zero su stessa linea, a chiudere la vinzioni di uomo, che hanno sempre sità di Tor Vergata: «Uno
ziente, e poi – lunedì – l’ot- sospensione di terapie anche quando triangolazione Radicali-Coscioni- determinato il mio lavoro di scien- scambio essenziale per i
tenimento di staminali del tale sospensione potrebbe portare legge 40 e fine vita, con Consulta, ecco il giudice Amedeo ziato. Io ho deciso di non utilizzare test genetici e anche per
sangue dal liquido amnio- alla morte». Se per il primo obiettivo tesi che finiscono dritte Santosuosso, tra i fondatori della le staminali embrionali, e questo ha sviluppare farmaci, ma
tico per la cura di malat- è evidente l’orientamento verso una Consulta medesima, che al congresso costituito una risorsa per il mio lavo- che deve essere regola-
tie genetiche dei bambini.
tecnica – la cosiddetta «clonazione sui nostri mass media ha partecipato in veste di magistrato ro. Sono convinto che alcune cellule mentato. Una cosa è
Ci sembrano entrambe
straordinarie, abbattono il terapeutica» – che suscita più di qualche perplessità presso la Corte d’Appello di Milano (la stessa, come abbiano la possibilità di essere utiliz- quando si scambiano
rischio del rigetto e del ge- per le implicazioni etiche e per la sua reale efficacia, si ricorderà, del fatale decreto che autorizzò il zate prima e in modo più efficace, e cellule per fare ricerca, al-
nerarsi di tumori – insito quanto al secondo non si può fare a meno di notare distacco del sondino di Eluana). Nella sua relazione, mi sforzo su questo cercando di ap- tra cosa quando questa
di Lorenzo Schoepflin

nelle embrionali –, ma vuoi la scarsa pertinenza col tema della libertà di ricerca e Santosuosso ha detto che «se noi diamo la profondire lo studio sulle cellule sta- attività è mediata da ban-
mettere Obama? E allora la forzatura non casuale in tempi di discussione sul prevalenza alla dignità umana rispetto alla libertà di minali amniotiche». che private, magari non
fanfare per il presidente- testamento biologico. ricerca scientifica, diamo a chi si prende il potere di Difficile, con tutta questa attenzio- autorizzate, di cui non
Superman e sordina alla
ricerca che scopre davve- definire la dignità umana il potere di limitare o ne – anche di fondi – sulle staminali conosciamo la prove-

A
ro. E poi c’è chi – vedi u- caratterizzare l’incontro, il plauso che i annullare la libertà individuale [...]. Sono le embrionali... nienza, le qualità etiche,
na firma de «Il Sole», sem- partecipanti hanno voluto tributare al presidente limitazioni alla libertà che devono essere giustificate «Al contrario, è facile. Per me il cen- giuridiche e morali: in al-
pre quella – se la prende Obama per la sua scelta di ripristinare l’accesso al e non la libertà stessa». Un triangolo, dunque il cui tro di tutto è il paziente. È per il pa- cuni Paesi dell’Est fanno
ostinatamente con la finanziamento pubblico per la ricerca sulle cellule baricentro è l’idea di una libertà indiscriminata, ziente che si fa ricerca, che si studia- traffico di cellule e tessu-
Chiesa perché alimente- embrionali. Un plauso riecheggiato pari pari in molti intesa come fine ultimo per ottenere il quale ogni no soluzioni percorribili ed efficaci. ti in maniera impropria».
rebbe il miracolismo sulle mass media italiani, grazie anche a chi del Congresso scelta è lecita. Non vi sembra di averlo già letto da Questo fa la scienza medica: cerca ri- Banche come quella del
staminali adulte... Basta di Bruxelles è stato una delle anime. Come Elena qualche parte, in questi giorni? sposte concrete, efficaci e rapide per cordone ombelicale che
far parlare i fatti, se an-
cora interessano. (F.O.) il paziente». le madri possono oggi
conservare per il proprio
figlio: un’idiozia secon-
contromano

E la scienza andò alla fiera della retorica do Carlo Alberto Redi, di-
rettore scientifico del-
l’Irccs Politecnico San
Matteo di Pavia, per cui
si spendono migliaia di
Le vere cellule «staminali»? Sono quelle adulte

A
giudicare dalle dichiarazio- tilizzarli e trasformarli in materiale da esperimento o peg- euro in strutture private
ni lette sui giornali dopo che Gli esiti delle terapie con le embrionali? Tutti gio ancora da mercato (dopo la firma di Obama le azio- anche «se qualora si do-
Obama ha dato il via alle ri- ni biotech sono volate). Un tempo i ricercatori parlavano vesse reimpiegare, questo
cerche con le cellule em- fallimentari. Il prezzo di una cura per le nostre poco di etica ma la praticavano. Adesso quasi tutti parla- cordone sarebbe pratica-
brionali sembra che la crisi malattie? Il sacrificio di vite altrui. Uno scienziato no di bioetica, ci sono anche i comitati nazionali, ma il mente inutilizzabile. L’I-
economica sia finita e si pos- legge (con sdegno) i giornali su Obama dramma è che senza radici ontologiche l’etica diventa in- talia deve preoccuparsi di
sa tutti fare festa. Eppure, il 17 feb- comprensibile, oppure manipolabile in base ad interessi un programma serio di
braio scorso (lo stesso giorno in cui ideologici o economici. conservazione arrivando
Obama firmava "The American Re- a dire al singolo cittadi-

P
covery and Reinvestment Act of 2009" che contiene il de- tare il comportamento del bimbo, o impedire che gocce erché mai un embrione umano dovrebbe essere ri- no che non gli è permes-
creto del via libera), la prestigiosa rivista PLOS-Medicine d’acqua scorrano lungo le sue guance. No! La ragione che spettato se la scienza o lo Stato decide il contrario in so conservarlo personal-
confermava la drammatica evidenza della tumorigenicità mi muove è un’altra, indimostrabile, indeducibile, ma u- nome del progresso? Finalmente possiamo sperare nel mente, ma che lo deve
delle cosiddette "cellule staminali embrionali". Che pro- mana». È questa la vera ragione che ci deve muovere, an- progresso senza essere preoccupati del più drammatico a- porre in una banca, a di-
ducessero tumori lo si era già ampiamente dimostrato ne- che se non significa che gli aspetti scientifici non siano da spetto di tutta la storia: quello del bene e del male. Non è sposizione di tutti». Solo
gli animali, ma questa volta l’esperimento è stato fatto su considerare. Anzi, mi sembra che proprio il venir meno più il bene o il male a definire se il passo che si compie è così, secondo Redi, le cel-
un ragazzo russo di 13 anni che ha sviluppato due tumo- della ragione "umana" può condurre a non comprendere realmente un progresso per l’uomo. Al contrario, è il pro- lule del cordone potran-
ri al cervello a seguito del trattamento con cellule ottenu- quella scientifica e in particolare cosa c’è in gioco dal pun- gresso a stabilire cosa sia bene e cosa sia male per l’uomo. no essere utilizzate: se
te da embrioni umani. to di vista biologico. Anche la terminologia sembra fatta ad arte per confonde- condivise in una struttu-
re. Per esempio il termine "staminale" applicato alle cel- ra che assicuri l’imme-

E A
ppure, questa non è una ragione sufficiente per alzare chi considera "umanamente" il nascere non sfugge, lule dell’embrione (soprattutto ai primissimi stadi) non è diata manipolazione del-
la voce contro il loro utilizzo in terapia. Anche qualo- infatti, che la vita individuale inizia con il concepi- corretto ed è quantomeno improprio e fuorviante. Le cel- le cellule. Al contrario di
di Augusto Pessina *

ra le cellule embrionali funzionassero meglio delle "ve- mento e che dalla fecondazione alla nascita il proces- lule staminali, per fisiologia e ruolo, sono proprie di un quanto previsto dal de-
re" cellule staminali (cosiddette adulte), da uomini e da so rappresenta un "continuum biologico". Questa è una organismo adulto nel quale garantiscono l’omeostasi e la creto "mille proroghe"
ricercatori non potremmo tacere di fronte alla scelta a- ragione scientifica sufficiente per affermare il diritto alla rigenerazione dei vari tessuti. Lo zigote non è una parti- che disegna, invece, una
berrante di sacrificare vite umane al loro stadio iniziale per vita di questo "unicum" (biologicamente rappresentato colare "cellula staminale totipotente" e l’embrione che ne rete di banche pubbliche
curare le nostre malattie. C’è infatti una ragione, forse dif- dal suo patrimonio genetico) che è la persona umana. Per deriva non è un "pool di cellule staminali totipotenti e plu- e private dove conserva-
ficile da dimostrare o dedurre scientificamente, per op- secoli si è confusamente parlato di stadi vegetativi e ani- ripotenti". E non si tratta di un gioco di parole ma di un re il cordone ombelicale
porsi alla distruzione di embrioni umani. Ci aiuta a com- mali nel tentativo di capire qualcosa della genesi biologi- uso corretto del linguaggio che deve descrivere la realtà sen- destinato al trapianto au-
prenderla Karl Popper quando scrive: «Se io voglio con- ca. Proprio ora che la scienza moderna ha iniziato ad in- za introdurvi elementi di pregiudizio o di stortura pre- tologo.
solare un bambino che sta piangendo, non intendo por dagare le (ancora misteriose) leggi dell’embriogenesi, es- concetta. Questo in biologia è fondamentale. Elena L. Pasquini
fine alle sue percezioni spiacevoli; e nemmeno intendo mu- sa non si pone scrupoli nell’originare esseri umani per u- * presidente Associazione italiana colture cellulari
4 Avvenire Giovedì, 12 marzo 2009

www.avvenireonline.it\vita

Il tormentone della libertà «di fare tutto» sul campo


Grosseto riparte
l’aria che tira

Cure mediche,
box
L
a libertà è la
dalle battaglie In Campania i malati di Sla
S
procreazione massima i invoca
artificiale,
aspirazione avranno il «puntatore oculare» esasperatamente la

ricerca sui temi di fine vita degli uomini


del nostro
libertà di ricerca
scientifica. Ma quando mai

A
tempo. Fatto nche in Campania le persone affette dalla Sclerosi si è interrotta la ricerca

R
scientifica: icominciare da
indubbiamente laterale amitrofica (Sla), o da altre sindromi che scientifica? Semmai esiste Eluana.
si vorrebbe positivo, ma con alcuni elementi di comportano l’impossibilità di muovere i quattro arti, la questione di indirizzare Ricominciare
che tutto ombra che hanno bisogno di essere potranno comunicare grazie ai cosiddetti "puntatori la ricerca in base a princìpi ricordando una
precisati. L’àmbito sociale in cui la libertà oculari". La Giunta regionale, su proposta dell’assessore morali. È quello che ragazza come
soggiacesse dell’uomo trova possibilità di esercizio è alla Sanità Angelo Montemarano, ha approvato nei giorni avviene già per motivi tutte le altre, che
al principio principalmente quello riguardante la scorsi il provvedimento con cui si finanzia l’acquisto delle scientifici ed economici: non avrebbe voluto
di auto- bioetica, e si presenta come libertà di cura, speciali apparecchiature. Gli "eye tracker", tarati sul infatti non si ricerca su diventare "un caso". Scienza & Vita di
libertà di procreare artificialmente, libertà singolo paziente, consentono a chi è in grado di muovere tutto, ma avendo un’idea Grosseto lunedì ha ripreso le sue
determinazione della ricerca scientifica, ecc. In tutti questi solo gli occhi di comunicare con il mondo esterno scientifica da verificare e/o attività dopo il rinnovo delle cariche
non soggetto àmbiti si vorrebbe esprimere la libertà per fissando lo sguardo su di un monitor. In Campania i obiettivi economici da associative e lo ha fatto proprio con un
ad alcun mezzo del principio di pazienti affetti da Sla sono circa 300, tutti seguiti dalle perseguire. Si potrebbe segno di attenzione verso Eluana
autodeterminazione, che spesso è équipe mediche del Secondo Policlinico dell’Università chiedere ai ricercatori se Englaro.
vincolo. Ma concepito nella maniera più estremistica Federico II. Le richieste pervenute per ricevere i possono fare ciò che L’avvocato Gianfranco Amato, nuovo
ancora prima
di Michele Aramini

per cui sembra naturale dire «io posso fare "comunicatori" sono al momento 58. Il cammino per vogliono nei laboratori o se presidente dell’associazione grossetana,
ciò che voglio». La prima osservazione è offrire la possibilità di elevare la qualità della vita a questi devono attenersi ai progetti tiene a sgombrare il campo dalle
ci deve essere che questo modo di concepire la libertà particolari malati è stato lungo e complesso. aziendali... La risposta è accuse di "strumentalizzazioni":
il rispetto non ha e non dovrebbe avere diritto di ovvia. In realtà le esigenze «Abbiamo deciso di iniziare

O
delle persone cittadinanza all’interno di una società ltre un anno e mezzo fa l’associazione nazionale di etiche non fermano affatto l’assemblea di Scienza & Vita con la
solidale, nella quale le relazioni siano settore Aisla fece richiesta all’assessorato regionale alla la ricerca scientifica, ma la celebrazione di una Messa di suffragio
e l’equilibrio improntate al rispetto delle persone e al Sanità di un tavolo tecnico per predisporre le linee orientano al rispetto delle per Eluana Englaro, nel trigesimo della
tra diritti corretto equilibrio dei diritti e dei doveri. guida e le procedure di assegnazione dei "comunicatori". persone e della loro vita. morte, proprio perché il serrato
e doveri Solo in un ambiente violento si può fare Tra incontri e rinvii si è finalmente giunti a un tavolo Per esempio, la dibattito, a volte davvero ideologico,
ciò che si vuole, in ogni altro luogo tecnico permanente regionale di osservazione sulla Sla e sperimentazione dei che si è svolto attorno al corpo di
umano la libertà personale si deve all’avvio delle visite domiciliari per decidere il genere di farmaci deve essere fatta quella giovane non deve farci
misurare con i diritti degli altri e il rispetto "comunicatore" più adatto al paziente. Gli "eye tracker" con garanzie molto severe dimenticare l’esigenza di uno sguardo
che si deve alla loro persona. Per stare ai variano infatti per tipo e per prezzo – si va dai 2 mila euro per la vita e la salute di chi misericordioso di fronte al mistero del

rotocalchi temi bioetici, la libertà di procreare degli


adulti deve confrontarsi con la vita e i
diritti dei figli che nasceranno.
per quelli a scansione, per chi ancora ha mantenuto
capacità manuali, ai 20 mila euro per quelli ottici. È di
circa un milione di euro il finanziamento previsto per
entra nella
sperimentazione.
dolore. Non ne facciamo una
questione "clericale", ma
antropologica».

C
l’acquisto di questa sofisticata tecnologia, che permette a hi si azzarderebbe a
Domande
L L’
a libertà vera degli adulti non sarà pazienti altrimenti condannati a un terribile e lucido chiedere di eliminare associazione Scienza & Vita di
maggiore se si toglieranno le regole isolamento il recupero di una vita di relazione. queste regole etiche per Grosseto si rinnova quindi
& risposte, difensive dei diritti dei nascituri, ma
solo se gli adulti sceglieranno
Valeria Chianese rendere più spedita o più
economica la ricerca? Che
partendo dall’esperienza fatta
propria in questi ultimi tre anni e
par condicio consapevolmente il bene, cioè il loro
diritto alla vita e alla famiglia. Tra libertà
cosa pensiamo delle
aziende che spostano la sperimentazione
avvalendosi di personalità di primo
piano, sia per la composizione del

U
no "speciale" sulla e scelta del bene c’è un nesso vorrebbe essere curata adeguatamente? È nei Paesi poveri, per spendere meno e consiglio esecutivo, ricco di
vita: da far tremare i inscindibile: la libertà è tanto maggiore una cosa così ovvia, e risponde a un avere minori controlli delle autorità? In professionisti impegnati nel mondo
polsi, anche solo a quanto più sceglie il bene morale. nostro bisogno fondamentale. Eppure realtà anche da noi la ricerca sui farmaci associativo di ispirazione cristiana, sia
pensarlo, a chiunque. Quindi non è l’autodeterminazione oggi sembra che la nostra non si ferma e si svolge con tutta una serie per il collegio dei probiviri, che si
Non a Focus, che ha arbitraria che fa crescere la libertà; al autodeterminazione sia vera solo nel di garanzie necessarie alla protezione della avvale della competenza e del prestigio
messo in piedi un contrario essa cresce quando scegliamo il senso di rifiutare le cure, dimenticando vita e della salute dei volontari. Ma perché di tre "ex" di lusso: Salvatore Cinà,
numero bene e combattiamo così il nostro che esiste un bene medico che si può si chiede di sperimentare sugli embrioni, Antonino Franco e Pasquale Sposato,
monografico di egoismo, vero nemico della nostra conoscere solo nel dialogo tra medico e pur avendo delle alternative? Non sarà, rispettivamente ex provveditore agli
primavera su vita e libertà. La libertà di cura così tanto paziente. Quanto alla libertà di ricerca forse, perché sono incapaci di difendersi? studi, ex direttore provinciale del
dintorni. E, invocata è diventata un tormentone scientifica, la vicenda delle cellule La distruzione inutile di vite nascenti è servizio postale ed ex questore di
incredibile ma assurdo. Chi è quella persona che non staminali è esemplare per diversi aspetti. ancora libertà o arbitrio inaccettabile? Grosseto.
vero, non ha

L
scantonato sui e battaglie non mancano e già
temi "caldi" del l’associazione si è fatta notare per

frasi sfatte
fine vita resistendo però alcuni importanti interventi. Basti
alla tentazione di tirare in Cordone ombelicale, ricordare quando, nel settembre scorso,
ballo Eluana. «C’è convegno sulla donazione si è battuta, a fianco
qualcuno lassù?», «La dell’organizzazione pro-life britannica
risposta di Dio», «A cosa «Il sangue del cordone ombelicale: «The Christian Institute», addirittura
serve la morte?» sono
alcuni dei capitoli della
una risorsa sociale e una realtà te-
rapeutica» è il tema del convegno
Figli da catalogo. Ma con un tocco umano contro Google, controversia conclusasi
con un’importante transazione

L
rivista. Un elogio va al organizzato dall’Adisco (Associa- «"Biondo e full a clinica del Giornale è la stessa del personaggio. Sul Corriere, stragiudiziale grazie alla quale d’ora in
rigore con cui viene zione donatrici italiane sangue cor- optional": di Los Angeles ricordata dal invece, Luigi Offeddu cita due poi verranno autorizzati sul motore di
affrontato in particolare il done ombelicale) e che si tiene og- il bebè si ordina Messaggero ("Frasi sfatte" di banche del seme danesi, European ricerca messaggi e comunicati di gruppi
capitolo «Le mani sulla gi alle ore 12,00 a Roma, presso la su misura» giovedì scorso). A Stenio Solinas, Sperm Bank e Cryos (ne parlò è religiosi aventi per oggetto il tema
vita», cioè clonazione, Camera dei deputati in Via del Poz- Titolo, che la racconta, la vicenda non vita quattro anni fa...). Basta dell’aborto, in precedenza "censurati".
cellule staminali, suicidio zetto153. Interverrà il sottosegre- «Il Giornale», sembra piacere. Non gli piace la navigare fino ai loro siti Internet, Oggi Scienza & Vita di Grosseto è
assistito... Le diverse tario alla Salute Eugenia Roccella. 4 marzo dittatura dei desideri e dei diritti, ordinare il seme a misura del impegnata a difendere il vescovo
posizioni scientifiche ed «"Razza per cui vorremmo essere esentati, proprio desiderio e farselo spedire diocesano, monsignor Franco
etiche vengono proposte ◆ Bioetica a San Marino caucasica, alto, ad esempio, «dall’accettare e in un contenitore a idrogeno. Agostinelli, suo convinto sostenitore,
con uguale spazio, in una «La medicina nel rispetto della di- abbronzato". Figli amare un figlio per quello che è». Cryos, ad esempio, mette a persuaso dell’importanza rivestita
par condicio che fa onore gnità della persona umana» è il cor- su misura on line» Ma nella stessa pagina Severino disposizione 250 donatori di 60 dall’associazione nel dibattito
al giornale. Non si so d’aggiornamento che ha da po- Titolo, Antinori in versione coreana Paesi. «Il nostro è un approccio culturale, che è stato chiamato
comprende appieno, co preso il via nella Repubblica di «Corriere annuncia: «Nel 2000 ho clonato 3 scientifico con un tocco umano», pretestuosamente in giudizio
allora, il breve editoriale San Marino e che vede coinvolti, della sera», bimbi, vivono nell’Est Europa». assicurano i venditori. La "merce" dall’Unione atei (Uaar) che ne ha
del direttore. Sandro tra gli altri, la Fondazione Interna- 10 marzo Che l’abbia annunciato non su viene spedita a un medico di contestato la visita nelle scuole
Boeri premette che il zionale Giovanni Paolo II e la Se- Science, non ad un simposio fiducia o alla clinica dove verrà pubbliche cittadine.
giornale ha deciso di non greteria di Stato alla Sanità di San scientifico, non producendo compiuta la fecondazione Più che ripartire, dunque, l’impegno
schierarsi, però poi si Marino. esaustiva documentazione ma in artificiale. Molto scientifico e nel sociale non si è mai fermato.
domanda «che diritto un’intervista su Oggi, beh, fa parte molto umano, oh yes. (T.G.) Emanuela Vinai
abbiano i partiti di
imporre a persone come

matita blu
Eluana Englaro, di cui la
giustizia aveva accertato
una precisa volontà di di Tommaso Gomez
rifiutare la vita vegetativa,
di continuare a vivere?».
Ma è proprio sulla
«precisa volontà» di
Eluana che varrebbe la
pena farsi qualche
domanda in più.
Di passaggio, verso l’eutanasia
F
ilippo Facci è un coppia nella clinica dell’eutanasia. La scelta del Maurizio Mori, Mario Riccio, Carlo Flamigni,

I
ntanto su Oggi continua giornalista che nella miliardario Duff e della moglie. Suicidio Carlo Augusto Viano e Sergio Bartolommei.
il botta-e-risposta tra il biro non ha assistito nella struttura svizzera "Dignitas"». L’Unità riassume così il loro appello: «Sì a una
direttore Andrea Monti inchiostro ma Tnt e Peter e Penelope Duff, 80 e 70 anni, erano buona legge sul testamento biologico e allo
e il professor Severino sul computer ha il entrambi malati di cancro. Per la verità, sia pure sviluppo delle cure palliative, "passaggi
Antinori sul tema della tasto ctrl+spingarda. su un solo cauto colonnino, lo stesso giorno la essenziali per raggiungere l’obiettivo della
clonazione. Monti non è Sul Giornale del 7 marzo se notizia è data anche dal Corriere della Sera. buona morte"». Chiaro? La legge sul fine-vita è L’appuntamento
tenero con il medico che la prende pure con noi e i un semplice «passaggio». Lo scrivono loro, non con le pagine
I
ha annunciato di aver nostri timori di una deriva pro-eutanasia: «C’è l 4 marzo, invece, il Foglio racconta i guai ce lo inventiamo noi.
messo al mondo tre qualcuno che la chiede?». Lo spazio è limitato giudiziari di «Final Exit», che negli Usa «non di Avvenire
sui temi
M
bambini clonati, nove ma desideriamo ugualmente segnalare a Facci i esegue iniezioni letali» ma «dispensa consigli a se a Facci non basta, può fare due
anni fa: «La fantasia principali reperti delle ultime ore. Sullo stesso pratici e spirituali, spedisce libretti ausiliari, chiacchiere con il sociologo Marzio della bioetica
spinge alcuni scienziati Giornale, il 10 marzo, sembra replicargli «sostiene moralmente», sfrutta il fatto che Barbagli. Anche il Venerdì di Repubblica
ad accomunarsi al Michele Brambilla (titolo: «Una fine «"non è reato trovarsi nel luogo di un presenta, in ben tre pagine, il suo libro e della famiglia
Creatore», scrive, e poi meravigliosa. Gli spot giulivi pro eutanasia»). suicidio"». Facci potrebbe fare una chiacchierata Congedarsi dal mondo. Il suicidio in Occidente e in è per giovedì
chiede di chiudere «il Brambilla cita un servizio di Times con Jerry Dincin (che il correttore di Word, Oriente. Paola Zanuttini ricorda i sondaggi: 62
vaso di Pandora che lei sull’associazione inglese «Amici alla fine», che provocatoriamente, si ostina a voler scrivere italiani su cento sono contrari all’eutanasia in 19 marzo
(Antinori, ndr) sta «dispensa consigli pratici a coloro che vogliono Cincin...), vicepresidente di «Final Exit», ogni caso. Domanda: «Ancora l’influenza della
cercando di aprire senza farla finita restando a casa propria» e presenta secondo il quale «il diritto di morire diventerà il Chiesa?». Risposta: «Evidentemente». Ah, questi Per inviare notizie,
il consenso della legge e testimonianze entusiaste: «È in atto una diritto umano del XXI secolo». Oppure con il italiani che «si suicidano molto meno che segnalazioni, proposte,
della maggioranza di campagna, e marketing e pubblicità hanno le fondatore, Derek Humphrey: «Stiamo cercando altrove: 6,1 casi per centomila abitanti, contro lettere e interventi alla
noi». I tempi cambiano e loro esigenze di comunicazione: quando si di rovesciare duemila anni di tradizione un tasso del 17,3 in Francia, del 16,9 in Austria redazione di “è vita”:
Antinori, a quanto pare, deve vendere un prodotto, bisogna farlo cristiana». e del 26 in Ungheria». Colpa, «evidentemente»,
non è più l’idolo delle desiderare». Sono americani? Ecco gli italiani. Unità di ieri, della Chiesa e della sua indebita ingerenza. E
riviste. Brambilla cita l’ampio servizio apparso il 7 11 marzo. Titolo: «L’appello: ora si discuta di chi lo dice a Filippo Facci, senza beccarsi una email: vita@avvenire.it
Antonella Mariani marzo su Repubblica, dal titolo: «Morire in eutanasia e suicidio assistito». Tra i firmatari: bordata di crtl+spngrd? fax: 02.6780483

Interessi correlati