Sei sulla pagina 1di 2

PER UNA NUOVA ITALIA L'insediamento del governo Monti ha rappresentato il punto pi basso della nostra democrazia di questi

ultimi anni che stata piegata alla volont della oligarchia economica. In nome dei diktat della troika europea il popolo italiano stato spogliato della sua sovranit. Oramai la democrazia italiana non esprime pi la volont popolare ma piegata alla volont di poteri stranieri che la stanno annichilendo. In barba alla nostra costituzione si sono messi in atto dei processi estranei allo spirito e alla lettera del nostro testo costituzionale. La classe politica italiana ha barattato la nostra indipendenza nazionale con il mantenimento dei suoi privilegi di casta. Tutti ricordano la nostra entrata in questo monstrum chiamato UE e allora non vi fu dibattito pubblico sull'argomento n si interpell la volont popolare mediante un referendum. Oggi constatiamo amaramente: la nostra entrata in una Europa nella quale a dettare legge oltre alla Germania vi sono le oligarchie bancarie e finanziarie. Tutte le belle parole che furono spese allora per magnificare quella nuova Europa, oggi sanno di beffa giacch l'Europa dell'Euro non ha prodotto solidariet ma guerra economica fra paesi forti e paesi deboli. Nel 2011 la Germania allo scopo di dirottare gli investitori verso i propri titoli, fregandosene della solidariet, vendette in modo massiccio i nostri titoli pubblici determinando un'impennata dello spread aggravando in tal modo il nostro debito pubblico. Bisogna gridare forte fortissimo che la nostra classe politica a perpetrato ai danni dei cittadini un vero e proprio tradimento nel momento in cui ha aderito ai trattati internazionali che ci hanno legato al carro di questa Unione europea. Si ceduta la nostra sovranit nazionale a paesi e ad oligarchie economiche che ci stanno dissanguando violando palesamene l'articolo 11 della Costituzione. La nostra gravissima crisi economica il frutto amaro delle strategie finanziarie messe in atto dalla BCE che hanno aumentata la pressione fiscale in modo insostenibile. Lo stesso Euro cos magnificato da politici ignoranti o in cattiva fede ha causato

conflittualit ed ha incrementato i conflitti economici fra le diversi stati europei. Le ricette neo liberiste proprie di questa Europa germano-centrica sono fondate su una concezione dell'economia che dovremo chiamare pi correttamente crematistica ossia una pseudo economia che si fonda sulla ricerca illimitata di ricchezza da parte di ristrette oligarchie a scapito del popolo lavoratore. E' bene dire che nel corso degli anni si fatto strame della nostra costituzioni in nome dell'Europa di Maastricht. Oggi i cittadini a causa di questi stravolgimenti della carta costituzionale hanno meno tutele nel campo lavorativo, sanitario, previdenziale e pensionistico. Da tutto ci emerge imperioso il bisogno d'una rivoluzione che chieda a gran voce l'attuazione della Costituzione in tutte quelle parti disattese o tradite. Oggi si consapevoli che per smuovere le acque mefitiche dell'attuale stratificazione sociale che vede il dominio assoluto di una oligarchia economica parassitaria necessaria una lotta di classe che veda i lavoratori all'offensiva per riconquistate e ampliare i diritti sociali e del lavoro.