Sei sulla pagina 1di 2

I Qui sternit per bella truces fortissimus heros Re Carlo fortissimo eroe che annient in guerra fieri rex

Carlolus, nulli cordis fulgore secundus, nemici, non secondo a nessuno per fulgore danimo, non passus sentes mendarum serpere libros non sopport che errori fitti come spine serpeggiassero nei libri en, bene correxit studio sublimis in omni. cos, egregiamente li corresse essendo sublime in ogni studio. (Poetae latini aevi carolini (MGH, Poetae latini Medi Aevi, I) ed. E. Dmmler, I, Berolini 1871 pp 89-90)

II Illic invenies veterum vestigia Patrum, Quidquid habet pro se Latio Romanus in orbe, Graecia vel quidquid transmisit clara Latinis: Hebraicus vel quod populus bibit imbre superno, Africa lucifluo vel quidquid lumine sparsit. Quod Pater Hieronymus, quod sensit Hilarius, atque Ambrosius, prsesul, simul Augustinus, et ipse Sanctus Athanasius, Quod Orosius edit avitus: Quidquid Gregorius summus docet, et Leo papa; Basilius quidquid, Fulgentius atque coruscant. Cassiodorus item, Chrysostomus atque Joannes. Quidquid et Althelmus docuit, quid Beda magister. Quae Victorinus scripsere, Boetius: atque Historici veteres Pompeius, Plinius, ipse Acer Aristoteles, rhetor quoque Tullius ingens. Quid quoque Sedulius, vel quid canit ipse Juvencus, Alcinius (?) et Clemens, Prosper, Paulinus, Orator, Quid Fortunatus, vel quid Lactantius edunt. Quod Maro Virgilius, Statius Lucanus, et Auctor Artis gramnaticae vel quid scripsere magistri; Quid Probus atque Phocas, Donatus, Priscianusve, Servius, Eutichius, Pompeius, Commenianus. Invenies alios complures, lector, ibidem Egregios studiis, arte et sermone magistros, Plurima qui claro scripsere volumina sensu (Alcuino da York (735-804) Versus de patribus Euboicense Ecclesiae vv 1535-61)

regibus

et

sanctis

L vi troverai le vestigia degli antichi padri, ci che Roma ha creato per s nel mondo latino e ci che la nobile Grecia ha trasmesso ai latini, ci che il popolo Ebraico ha bevuto dalla pioggia celeste e ci che lAfrica ha diffuso con luce abbagliante. Vi troverai ci che ha pensato Girolamo, nostro padre, Ilario, il vescovo Ambrogio, e cos Agostino e lo stesso Attanasio e le opere dellantico Orosio. Quello che insegnano il sommo Gregorio e Papa Leone, Basilio, Fulgezio, cos anche Cassiodoro, Giovanni Crisostomo. Quanto insegn Aldelmo (?), il maestro Beda, quello che scrissero Vittorino, Boezio e gli antichi storici: Pompeo Trogo, Plinio, lacuto Aristotele e il grande retore Marco Tullio Cicerone. Troverai ci che hanno cantato Sedulio, Giovenco, Alcimo, Clemente, Prospero, Paolino e Aratore. Troverai le opere di Fortunato e di Lattanzio. Ci sono le opere di Virgilio, Stazio e Lucano, troverai

gli autori di grammatica: Foca, Donato e Pisciano, Servio,Eutiche, Pompeo, Comminiano. Troverai l, o lettore, altri maestri illustri negli studi, nellarte e nello stile, che scrissero moltissimi libri di chiaro significato.