Sei sulla pagina 1di 2

http://www.newliferadio.

it/essere-e-benessere/303-il-predatorepsichico-parte-3-ripristinare-l-istinto-imparare-a-fiutare

Il Predatore psichico-Parte 3-Ripristinare listinto: imparare a fiutare


Nellarticolo precedente Il Predatore psichico, Barbabl e il riscatto delintelligenza.Parte 2, abbiamo accennato al pericolo della trappola emotiva che spesso porta la donna ad essere depredata in molti modi. Lingenuit di cui parlavamo quella della mancata metabolizzazione del proprio io: la donna non riconosce se stessa, non presente e consapevole. Non riconosce, cio, la sua identit di persona e delega ad altri, o alle circostanze, il potere gestionale della propria esistenza. Nella vita della donna pu essere un compagno vero e proprio a denigrare e distruggere la sua vita ma, in realt, il predatore presente nella sua stessa psiche, che d il via a questa devastazione. Il compagno solo lesecutore materiale di un disagio che gi presente in lei e che dovr elaborare nel profondo per uscirne vincente. Per venirne fuori occorre una chiave di lettura, per se stessa e per gli eventi che attira nella sua vita ( il matrimonio con Barbabl). Vediamo, prima di tutto, i vari tipi di predazione: Predazione psicologica- viene minata lautostima della donna, screditata la sua capacit logica e i processi logici che adotta , viene instillato il dubbio (forse sono pazza) Predazione energetica vengono razziate tutte le energie disponibili occupando la donna su pi fronti cos che non abbia pi forze per se stessa e per le proprie passioni che sono viste, dal predatore, come un pericolo. Predazione materiale si esclude la donna dai contatti con lesterno, viene obbligata a ruoli secondari, se ne impedisce la crescita, lespansione e il confronto con gli altri, le si impedisce il lavoro per privarla delle risorse economiche e quindi della libert dazione e del potere personale.

Esaminiamo, adesso, lo strumento del risveglio: la chiave. Nella favola, Barbabl porta avanti il suo piano distruttivo, istruendo la giovane moglie a compromettere il suo risveglio psichico: fa tutto quello che vuoi, le dice, ma le proibisce di utilizzare la chiave per aprire quella tale porta. Spinge in un certo qual modo la donna, a sperimentare un senso di libert che in realt non esiste; la donna non libera perch le vietato di apprendere la conoscenza pericolosa di ci che il predatore sta facendo, sebbene lei ne abbia la sensazione nel profondo. In questo clima alterato, nebuloso, la donna facilmente circuita da promesse di benessere, di divertimento che possono essere sia di un migliore status sociale (prestigio), sia di maggiore sicurezza, di amore eterno. Barbabl impedisce alla giovane sposa di usare la c hiave per aprire gli occhi e acquisire consapevolezza, senza questarma infatti, la donna priva di protezione. Ma la giovane sposa, se decide di obbedire a questordine sceglie la morte per il suo spirito, al contrario, aprendo coraggiosamente la porta sceglie la vita. Non appena la chiave apre la porta segreta, comincia a sanguinare senza fermarsi pi. La porta, nel racconto come una barriera per la sua psiche che il predatore alza per impedirle di diventare cosciente della trappola che sta tramando. Che cosa rappresenta questa chiave? Rappresenta la domanda giusta che aiuta la consapevolezza ad emergere. Porsi la domanda giusta, nelle circostanze difficili lazione cardine sulla quale poggia la trasformazione. Quando la donna comincia a farsi le domande giuste, la chiave, simbolo della vita inconscia comincer a sanguinare senza smettere, a segnalare che c pericolo, che qualcosa non va. Le donne potrebbero cercare di rinnegare o rifiutare o nascondere la distruzione della propria esistenza, ma il sanguinamento, la

perdita dellenergia vitale, continuer fino a quando lei stessa non riconoscer lazione del predatore e ne prender il controllo.

Non appena le donne aprono la porta della loro esistenza e vedono chiaramente la sterminio che loro stesse hanno permesso, si rendono conto di aver autorizzato leccidio dei loro sogni, dei propri obiettivi e delle aspirazioni pi importanti. Si tratta di un processo archetipico della coscienza molto potente in cui la donna riesce a vedere la realt delle cose nellinsieme. in questo preciso istante, di illuminante consapevolezza, che la donna decide di agire. Vedremo, nel prossimo articolo, come la donna imparer a stare di fronte alla carneficina del suo mondo interiore e come riuscir ad elaborarne la sofferenza per sfuggire al predatore.

Vitiana Paola Montana www.progettoevolutivo.it