Sei sulla pagina 1di 74

itascabili per la didattica

Educate every child,


in the family, in the community, in the world
Educare il bambino,
in famiglia, in comunit, nel mondo

itascabili per la didattica

Educate every child,


in the family, in the community, in the world
Educare il bambino,
in famiglia, in comunit, nel mondo

Edited by AVSI www.avsi.org Cover: Rosetta Brambilla in Brasil

Editorial coordination: Giovanna Rossi, Professor at the Milan Catholic University, and her Assistant Roberta Oldini Methodological support: Lucia Castelli, Giuseppe Meroni and Lia Sanicola Project and experiences: F. Argelli, G. Bigi, S. Carobene, E. Castelli, F. Ciantia, M.T. Gatti, C. Mezzalira, S. Montaccini, O. Olivo, G.P. Silvestri, D. Tondini, L. Valla Translation: Luisa Chiodaroli

Graphic design: Accent on Design, Milan Printing: Pirovano srl Milan, october 2008 - second edition

ISBN 978-88-903534-4-4

Financial support

AVSI - Italia
20158 Milano - Via Legnone, 4 Tel. +39.02.67.49.881 - milano@avsi.org 47023 Cesena (FC) - Viale Carducci 85 Tel. +39.0547.360.811 - cesena@avsi.org

AVSI USA
Headquarters: 125 Maiden Lane 15th floor - New York, NY 10038 DC Office: 529 14th Street NW - Suite 994 - Washington, DC 20045 Ph/Fax: +1.212.490.8043 - infoavsi-usa@avsi.org - www.avsi-usa.org

.The fundamental idea in the education of the young is the fact that it is through the younger generations that society successively rebuilds itself; therefore the primary concern of society is to teach the young. Our main theme is how to educate ourselves, what education consists of, and how it takes place. We mean a true education, one that matches human reality. The first concern of a genuine and apprpriate educational method is the education of the heart of man, just as God made it Luigi Giussani, The Risk of Education

.Lidea fondamentale di una educazione rivolta ai giovani il fatto che attraverso di essi si ricostruisce una societ; perci il grande problema della societ innanzitutto educare i giovani. Il tema principale in che cosa consiste e come si svolge leducazione, uneducazione che sia vera, cio corrispondente allumano. La prima preoccupazione di una educazione vera e adeguata quella di educare il cuore delluomo cos come Dio lha fatto. Luigi Giussani, Il Rischio Educativo

list of contents / indice

AVSI: promoting the dignity of every human person since 1972 Method and experiences Foreword The fundamental principles orienting AVSIs educational activities The key role of adults as teachers Methodological aspects: from the welfare state approach to a caring society AVSI and the Children in difficult circumstances Projects and experiences Children in armed conflicts Health care and nutrition Primary Education Care and fostering Vocational Training AVSI and the children - 2001 projects in progress

5 6 9 9 10 11

13 13 16 20 26 30 36

AVSI: dal 1972 in cammino per la dignit della persona Metodo ed esperienze Premessa Le linee di fondo che orientano l'azione educativa del bambino La decisivit della figura dell'adulto in quanto educatore Importanti note metodologiche: il superamento di una prospettiva assistenzialistica nella direzione di una caring society AVSI e i bambini in condizioni di disagio Esperienze e progetti I bambini e la guerra Cura, salute, nutrizione Educazione primaria Accoglienza Formazione professsionale AVSI e i bambini. Progetti in corso nel 2001

37 38 39 41 41 43 45 45 45 49 53 59 63 69

itascabili
4

AVSI - www.avsi.org

AVSI: promoting the dignity of every human person since 1972

he AVSI Foundation is a not-for-profit, non-governmental organization, founded in T Italy in 1972 and presently active in 39 countries worldwide, with over 100 development cooperation projects. At present AVSI is operating in Africa, Latin America, Eastern Europe, the Middle East and Asia with long-term projects in the areas of health, sanitation, care of children in difficult conditions, education, vocational training, upgrading of informal urban areas, agriculture, environment, promotion of small businesses, food security, ICT, and emergency relief. AVSIs mission is to support human development in developing countries with special attention to education and the promotion of the dignity of every human person, according to Catholic social teaching. AVSI is a member of Compagnia delle Opere Impresa Sociale , an Italian body associating over 1.000 not-for-profit entities which enables to take advantage of and exchange the existing know-hows, to the benefit of international projects and partners. Funds for project implementation are mainly contributed by the European Union, UN Agencies, the Italian Department of Foreign Affairs and other Italian Government bodies, as well as by local administrations, businesses and private individuals. AVSI has been recognized as an NGO for international cooperation by the Italian Government in 1973; it is registered as a private and voluntary organization (PVO) with USAID; it holds General Consultative status with the UN Economic and Social Council (ECOSOC) in New York since 1996, the UN Industrial Development Organization (UNIDO) in Vienna and the UN Fund for Children (UNICEF) in New York, and is recognized on the NGOs Special List of the International Labor Organization (ILO) in Geneva, it is registered as a not-for-profit organization with the Italian Revenue Office to benefit of the five per thousand grant. AVSI is also recognized by the Italian Government as an approved body to deal with international adoptions in Italy and abroad.

itascabili
5

AVSI - www.avsi.org

The five basic points of AVSIs method


1. Centrality of the person

The person is the centre of any development program, the purpose of every project. This means first of all sharing needs with the individual to share the very meaning of life and to be moved by his/her destiny. Failing this, the answer to needs becomes only a self-rewarding good action or a political strategy. The person is seen as a unique, unrepeatable being, who cannot be defined by a social category.
2. Starting from the positive

Every person, every community represents a potential resource, no matter how vulnerable they are. This means valuing all that has been made by people, including their history, their existing relationships, and the experiences making up their heritage. This basic operational principle originates from a positive approach to reality and helps persons recognize their own value and dignity and take up their own responsibilities.
3. Doing with

A top-down project is either violent, since not shared, or ineffective and unsustainable, since assistance-oriented. AVSI's approach to project planning and implementation consists in doing with people; that is, starting from the relationship with the people to whom the project is targeted and building with them.
4. Development of intermediate bodies and subsidiarity

A society is born out of the free commitment of persons and families joining together. A development project means to enhance the capacity of people to associate, hereby recognizing and supporting the creation of intermediate bodies and of a responsible and integrated social context. The right of every person to freely associate and to take actions or start-up business activities becomes a powerful drive towards better civic and democratic life.

itascabili
6

5. Partnership

Development projects are based on real partnerships among all entities active in the particular field, including institutions that are public and private, local and international, thereby avoiding duplications and promoting synergies to optimize available resources.

educate every child, in the family, in the community, in the world

Educate every child, in the family, in the community, in the world


Education is a human right and a key factor to reducing poverty and child labour and promoting democracy, peace, tolerance and development. (Paragraph 36 of the Draft outcome document as of June 29th 2001- A World Fit For Children) As agreed at the World Education Forum in Dakar we will accord high priority to ensuring by 2015 that all children have access to and complete primary education that is free, compulsory and of good quality. We will also aim at the progressive provision of secondary education. (Paragraph 37 of the Draft outcome document as of June 29th 2001- A World Fit For Children) We must ensure free and basic education to all children: this is the challenge of AVSIs activities and educational projects.

itascabili
7

itascabili
8
Uganda, Meeting Point local Ngo associated to AVSI network caring for AIDS infected people and AIDS orphans

method

Educate every child, in the family, in the community, in the world


Method and experiences
Foreword The purpose of this paper is to present AVSIs educational activities in favor of children living their childhood and adolescence in armed conflicts, neglect and exclusion, persistent poverty and suffering from disease. Such activities represent the cultural and operational realization of the statements of UNICEF document A world fit for children, sanctioning the inalienable rights of access to basic education for every child. Paragraph 7 of the outcome document states the commitment of the world leaders to education: We hereby call on members of society to join us in a global movement that will help build a world fit for children through upholding our commitments to the following principles and objectives: (omissis) Educate every child. Every girl and boy must have access to and complete primary education that is free, compulsory and of good quality as a cornerstone of an inclusive basic education. Gender disparities in primary education and secondary education must be eliminated. (omissis) As documented by this paper, the AVSIs commitment in favor of children living in armed conflicts or in most deprived conditions, lays in the spirit of these fundamental declaration. Specifically we are going to outline the fundamental principles orienting our educational process, the resulting methodological implications, as well as the operational implementation of our interventions.

The Fundamental principles orienting AVSIs educational activities


The starting point of any activity in favor of children is the acknowledgement of their being persons. This definition recalls immediately the issue of identity and of building such identity within unfavorable or extremely difficult environments, such as it may be experienced in countries in conflict. The personal identity is defined as being in relation with somebody else. This enables the person to structure and at the same time, to consolidate his/her uniqueness. In fact, the identity concept implies equality, equity, likeness (i.e. identification with) as well as uniqueness, specificity and diversity (and consequently building of the I). Therefore through and by means of relationship, the child is able to grow. The growth process implies both: the positive identification of the childs person (who is not completely defined by exclusion or deviance, often leading to violent behavior) and the possibility to become an active adult able to take over responsibilities versus both other

itascabili
9

method

people and his/her own environment. The personal identity is therefore the outcome of an educational process which finds its realization within a concrete belonging and can be experienced through interpersonal relationship. Thus education is based on a mutual belonging, where the adult and the child find a symbolic and objective place to communicate themselves, looking with affection for the answer of the other. The child starts to be happy when he/she begins to perceive he/she belongs to, is of somebody. To grow - and growth should not be considered simply in its biological aspects - every human being needs to experience a significant relationship, able to transmit the meaning of what one is and does. The parents are the adults to whom the child, in his/her quality of son/daughter, asks for education. Hence education represents a strategic process by which the child may become an adult able to take over responsibilities and to face the great challenges of daily life even in a difficult environment. Such relationship can be established within a certain time and in a given space, in a home, through care, nurturing, play and company. While stating the right of the child to education, it is therefore necessary to affirm the right of the parents to educate, to communicate a positive hypothesis of life. Such rights of both children and parents are acknowledged and clearly confirmed by the outcome document in paragraph 31. Parents, families, legal guardians and other caregivers have the primary role and responsibility for the well-being of children, and must be supported in the performance of their child rearing responsibility. All our policies and programmes should promote shared responsibility of parents, families, legal guardians and other caregivers, and society as a whole in this regard

The key role of adults as teachers


As so far pointed out, the balanced and stable growth of the child needs the presence of adults, the parents first of all, able to set the basis of and to orient the educational process. The family is the primary point of reference for education. Such primacy is clearly underlined by the Draft outcome document, paragraph 6. We recognize and support parents and families or as the case may be legal guardians as the primary caretakers of children, and we will strengthen their capacity to provide the optimum care, nurturing and protection. The family when present, must be supported to carry out its specific educational task at best, in order to favor building the childrens basic personality. In fact the personality building process is possible when the child, through family relationship, experiences basic confidence. This is much more relevant in armed conflicts and in situations of neglect and exclusion. In these contexts it is very difficult to help children, because they are often wary of people holding any authoritative role, even a professional one, and fear relationships as soon as they get close. By reaction, children learn very soon to defend themselves, creating a barrier of wariness and cynicism and through improper behaviors. On the contrary, when the adult is able to assure an effective caring behavior, the child answers with confidence. This is the basis of any growth. Confidence is the answer developed by the child if the parent or caretaker is trustworthy; and such a confidence is generated in a relationship context made of real actions. The outcome is a relationship context able to really take care of the growing subject and to start up a dynamic educational process addressed to the whole community. Besides parents, other adults have a key role in childrens education: particularly in conflict situations, where they may be the only points of reference in the educational process. The specific role and task of the adult in the

10

itascabili

method

education process consist of facilitating and promoting the recovery of the childs potential. In other words, childrens growth and consciousness take place in a comparison, in a continuous relationship between the adult and the child. The following three factors may well describe the teachers position: The consciousness of the whole reality enables the teacher to develop a complete educational project, sensitive to the daily challenges of the different environments. When comparing with the teacher, and his/her continuous valorizing capacity, the child grows, controls his/her own potential and learns how to read critically the situation where he/she lives. To reach this target, the first educational step is the attention to the life experience and values borne by the history from which the child originates (consciousness of tradition). The teacher is such when he/she does not separate himself/herself from his/her own function. The teacher is aware that true education comes from the communication of his/her person and that hence the first task is a personal and sincere commitment. The adults freedom is always involved, in the absolute respect of the childs freedom. This approach affects any methodology or tools employed in the educational path. The community dimension is at the origin of any educational activity and expresses daily and continuously in a network of capillary relationships within the reference community. Based on the above considerations, one may well understand how the development of a person is never involving only the child, but rather a common path of the child and of the caretaker. Such common growth marks the activity of AVSIs operators even in environments characterized by serious relational failures (absence of family, extreme poverty, weakening and destruction of the community safety networks able to substitute primary relationships). Moreover it represents a constant challenge and commitment of the whole person with relational resources, knowledge, affection, professional skill, time and life choices. It is therefore evident that any educational task is not, and cannot be an individual undertaking, but rather the result of a common project. A project shared by the adults, who take freely the responsibility to implement it and which becomes immediately visible and recognizable in the social context. This visibility may set the conditions to favor the community participation to the educational undertaking. In this perspective, education develops on a path leading from dependence to inter-dependence, where the former is meant as a condition of need, or lack of skill and autonomy, and the latter as the operational expression of adults taking over their own responsibilities.

Authority and tradition

Self-consciousness

Consciousness of the community dimension.

Methodological aspects: from the welfare state approach to a caring society


In the most vulnerable countries marked by poverty, exclusion, conflicts, poor health, the risk of approaching children in terms of mere assistance is very high, due to the urgency, seriousness and magnitude of needs. The educational path so far pictured

11

itascabili

method

is based on a unique method, characterized by the capacity to take care of the person, in this case of the child, in all his/her dimensions. Only as a consequence all needs, hindering the child growth, obvious and hidden, material as well as spiritual, are dealt with. In this sense, there are aspects of reality, such as innocent suffering, disease and mourning that need to be shared inside a daily company which, while relieving pains, favors the recognition of the value of the person and, where possible, becomes able to identify answers to the needs. The answer to the needs goes along with the consideration of the person as a whole, in other words it is global. Such an approach makes the action carried out both in favor of the individual child and of his/her living environment more incisive and effective. As already stated above, this method supports the individual child in building a positive personality; on the other side, as to the living environment, AVSIs method is particularly effective in reconstructing social links broken by conflicts and violence, in promoting the development of local communities, in generating or regenerating human social relations. Specifically, the method featuring AVSIs activities may be summarized as follows: Designing a project aimed at meeting a particular need (disease, violence, conflict, exclusion), the person object of the help is set at the center of the activity with all his/her needs, his/her resources and taking into account the network of relationships where he/she lives. This approach increases project effectiveness and, generally speaking, enables to reach more children in need and to assure the project sustainability in the run of time. The activation of the available resources and persons in the community means to work starting from what is present rather than from what is missing. The first resources are the children and adolescents present in the environment: the promotion of the positive aspects of the persons constitutes the positive factor in order to build or rebuild their individual identity. These positive factors are also looked for within the family and the community, both considered by experience as a preferential ground. Depending upon the specificity of each project, Institutions and Employers are involved in the educational, training and organizational processes, allowing the expansion and replicability of the original intervention. AVSIs method promotes subsidiarity, a form of partnerships that, starting from an existing subject in the community, involves in the activities local administrations, other stakeholders, international institutions, all cooperating to the response of the needs they are faced with, according to their respective role, Many AVSIs projects are also aimed at decreasing vulnerability in high risk environments. This is achieved increasing the social and cultural resources of children and adolescents (improving primary relationships, training methodologies and social services delivery).

An holistic approach

A positive partnership

itascabili

Investing in the social and cultural patrimony of children and communities.

12

projects and experiences

AVSI and the children in difficult circumstances


Projects and experiences

Children in armed conflicts


Uganda. Psycho-social reintegration of child-soldiers In the past 14 years, some areas of Uganda have been devastated by violent and brutal conflicts. In particular, the northern districts have been subject to continuous and violent attacks by the LRA guerrillas, resulting in a huge number of victims and widespread material damage. These attacks delay an adequate and complete development of the economic and social life. Incursions, assaults and fires in the villages, food raids, killings, mutilations, and kidnappings of adults and children are common. Youth are kidnapped from their homes, villages, camps, and schools and are enslaved, tortured, manipulated, and forced to torture and kill. They become child soldiers who are forced to serve the rebels in various ways (the little girls become their wives). Between 1996 and 1999, UNICEF estimated that more than 10,000 children, aged between 7 and 14, were kidnapped. Almost half of them were able to escape and go back to their districts, after more or less long periods of captivity, with the need of physical and/or psychological care and reintegration into their communities of origin, at that point very often hostile to their presence. In Kitgum district, AVSI, together with the districts social service, first identified local human resources able to contribute to the reintegration of kidnapped children: volunteers in the community who, by charisma, social position, or desire, have the role of helping others; old people who have at heart the traditional values; associations and local groups that had been trying to support a dialogue of peace and reconciliation; and teachers who already work with children in schools. AVSI then promoted dialogue and collaboration among these resources to create a network and strengthened their ability to identify needs and answer them. This support network did not attempt to substitute itself for the community, but served to sustain it and make it more aware and responsible in finding answers and formulating plans of action. These formative interventions represent some of AVSIs main activities of the Kitgum psycho-social project and include training, sensitization, and follow up of training. Their main objective is to make the person aware of his/her needs and to strengthen the individual and collective resources, thus enabling the person to take his/her own decisions. The relationship with the other - child or adult as he/she may be, with his/her desire for meaning in all the suffering lived, provokes the freedom of the educator, who is required to

13

itascabili

projects and experiences

share his life and to find answers that would give meaning to the persons past experiences. Sharing the situation that the other lives and the common search for an answer foster change in both parties. It also helps to recover confidence between the child and the world of the adult, a relationship that had been lost due to traumatic events. We focus on personal attitudes (confidence, self-consciousness, self-awareness), on relating to others (cooperation, friendship), and on the network of social relationships (family, friends and acquaintances, organizations, and local authorities). We promote different interventions that allow the children to express feelings and emotions connected to the painful events and at the same time help them to rebuild continuity (between past, present, and future), which had been interrupted by the trauma. Expression and of communication of the personal experience takes different forms, depending upn the culture and local tradition. The book Where is My Homeco-sponsored by UNICEF and edited in collaboration with AVSI, Save the Children, and World Visionis a collection of drawings from the kidnapped children, evacuated and sheltered in North Uganda. These drawings were made during their recovery and reintegration and drawn with local cooperation (in centers by educators, in schools by teachers, in the community by families and volunteers). Rwanda. Children in a land of violence AVSI has been present in Rwanda since 1994. Rwanda still suffers heavily from the effects of the war of that year, which radically altered the demographic composition of the country, so much that still today 70% of the population is made up of womenhalf of whom are widows or have been abandoned by their husbandsand by neglected minors. In recent years, even though the political situation of the country seems stable, many problems remain (especially for children), as a consequence of the war, even worsened by a serious economic crisis. In the area of Kigali and other urban centers, the number of children living in the streets has increased. In the countryside, many familial nuclei are supported by head of family children forced to work to provide food for the numerous young siblings with whom they live. Since the beginning of its presence in August 1994, AVSI has developed projects in favor of vulnerable children and their families, in collaboration with the government and local communities. Its continuous presence and the good relations developed through the years with the governmental institutions and the population enabled AVSI to remain up-to-date on local needs so that the proposal of new projects is informed and current. AVSIs intervention in Rwanda has always been characterized by the support of the family and community, which have always carried out a leading role in the life and tradition of the Rwandan people. The well-being of children and families is promoted through projects that highlight the reintegration of children (school support and sponsoring of cultural and sport activities), the rehabilitation of the environment and house restoration, and the economic development of families (support for income-generating activities). AVSIs projects are implemented with local personnel, present in every commune of intervention. In particular, AVSI supports the head of family children and the local associations of widows, providing solidarity for those more vulnerable.

14

itascabili

projects and experiences

Kosovo. Living together in peace During the years of exclusion and indifference in which the country lived before the conflict and consequently after the war, the children in Kosovo have experienced great suffering and mourning, lacking the normal experiences of learning and socialization. Such needs are more acute in rural areas, which have very few services and where children live isolated from those of their own age. Moreover, the majority of families live in a state of extreme poverty, which prevents them from providing for the most elementary needs of the children. Since 1999, AVSI has been present throughout Kosovo, carrying out projects in different sectors, such as in the educational and social fields, in rebuilding destroyed areas, and in emergency food distribution followed by support in the agricultural sector as well. The Houses for Refugees project has reconstructed 400 houses and restored others for a total of 2,800 families in the municipalities of Peja, Istog, and Shtimlje. Other funds have allowed for the reconstruction of schools in the villages. In cases of emergency and of unreliable food supply, the Bread for Refugees project, through the distribution of food and first aid supplies, has carried out intervention in centers scattered all over the region, which have then ensured the capillary distribution throughout the whole territory. Vocational training courses for technicians and for the development of new skills and technologies in the agro-food sector have been established, including internships in Italy. The Program for Infancy and Youth in Kosovo project, which AVSI started in 1999 and carried out together with UNICEF, supports meeting points for the youth and cultural interchange among the different ethnic groups, providing an adequate environment in which young people can freely express themselves. This projectin cooperation with schools, local NGOs, and young people of the areahas tried, concretely, to answer to the social-expressive needs of about 400 children. The Recreational Activities in Schools project of the year 2000 has a twofold purpose. First, it offers 30 young people theoretical and practical training in group leadership. Second, the leaders actually gain experience in using the knowledge and resources they receive during training. This happens through planning, organization, and supervision of recreational activities for children and infants in the schools of the villages and in other selected centers. AVSIs interventions involve different disciplinary areas, including pedagogical, psychosocial, methodological, and practical. The totality and unity of ones personal components is completely enhanced, with a focus on the individuals attitudes (confidence, self-consciousness, self-awareness) and on his/her network of social relationships (families, communities, associations, organizations, and local authorities). For the success of such interventions a decisive role has been played by the concrete and continuous involvement of the young people, their families, the communities and villages they belong to, the institutional entities, and the civil society of the territory. Thus self-organization, human resources, and the already-existing structures in the area (places and events where the different social realities meet) are stimulated and supported.

15

itascabili

Health care and nutrition

16

itascabili
Brazil, CREN - Nutritional recovery center

projects and experiences

Sao Paulo, Brazil. The CREN experience: Education and nutritional recovery center The 2020 Global Food Outlook of the International Policy Research Institute, issued in August 2001, states that in 2020 famine will strike one billion and three hundred millions people, and that one child out of four, in the age range between zero and six, will be undernourished. From the social point of view, undernourishment is not only a question of famine and children, but it implies consequences on the health, learning capacity and development of the person, lasting all his/her lifetime. The most dramatic situations continue to be those of the sub-Saharan region of Africa and Asia, where 40% of children is undernourished. However, in Brazil undernourishment remains one of the side effects of poverty, both in the marginal urban areas and in rural regions. In the favelas or slums of the big Brazilian cities, 40% of children is undernourished, mainly as a consequence of energetic and protein failures. In face of such scenario, the consciousness remains that famine is not an abstract question that may be solved only with structural interventions on the economy of the country, but is a matter concerning people that can be faced starting from people themselves. The Cren (Nutritional recovery and educational Center) experience originates from this consciousness. It was established in Sao Paolo, Brazil in 1993 from sharing with the families of the favelas the need of care and support for undernourished children. At that time it was immediately clear that undernourishment is not merely due to low income, but to a series of difficult circumstances (unemployment, division of the family, violence, etc.) reflecting on poor education and care of the person and particularly of the child. Cren, in partnership with the Federal University of Sao Paulo - Escola Paolista de Medicina - Salus, an NGO involved in health programs, and AVSI, started an activity aimed not only at caring undernourishment, but also at education and prevention in order to avoid hospitalization and to bring help directly in the community, taking into the Cren only the most serious cases. During 2000, Cren made over 1300 home calls and successfully cared some 2000 cases of light or medium undernourishment., Evidently, to face child undernourishment it is not sufficient to distribute food supplements or meal substitutes. Such an approach of mere assistance may give results immediately, but does not influence the concepts of children care and family education. When the emergency intervention is over, the situation starts to worsen again. Food education and education to the care of the child and person invest the whole person. The mother is made responsible, educated to use food to care her family, to recover an adequate diet, close to the traditions of her community. The task of parents is enhanced to give soundness to the family and to the adult person. Today, the activities carried out by CREN are: outpatients department (evaluation of the nutritional level and identification of a suitable diet) day hospital for undernourished children (evaluation of the nutritional level, treatment diet, child stimulation) care of families (social activity to reduce distress situations, psychological treatment, food education, test labs, education on health and sanitation issues, sensitization of parents) activities favoring prevention and awareness in the community (sensitization meetings on health and sanitation issues, measurement of the level of nourishment in the community, food education). In addition, CREN has activated a process of dissemination of its

17

itascabili

projects and experiences

method, setting up a master in nourishment and pediatrics. In collaboration with the Federal University of Sao Paolo, it has started training courses for the staff of educational centers, including popularization and preventive actions within the communities. In collaboration with the Banco Nacional de Desenvolvimento Economico e Social (BNDES), the Cren is also developing handbooks for the medical staff and nurses, educators, the public institutions charged with the care and growth of the child, as well as a special web site on the issue of undernourishment. Lagos Nigeria. The St. Kizito Clinic experience Nigeria, the giant of Africa with a population of over 120 million, oil producer, presents a precarious health situation that has been deteriorating in recent years: instability of health services, due to strikes of operators who do not get their salaries, unavailability of vaccines and AIDS spreading without any control. AVSI has been active in Nigeria, in the suburbs of Lagos (10 millions inhabitants), since 1998 with a social, health and educational project. The primary care center of Llasan, a suburb of Lagos, offers its services to some 200 patients a day, with particular attention to pregnant women and children aged under 5, representing a vulnerable part of the population. Specifically AVSI established a nutritional center to assure food support to children and families, taking care of some 100 children. Purpose of the center is to educate mothers and to provide health and food support to mothers and children, with food prepared and distributed at the center and food to be taken home. In recent years the center started taking care of some HIV infected children by vertical transmission. A home treatment relation has been started with them, extended to the mothers who are also HIV infected. The problems linked to family are very complex : unemployment and no income, repeated diseases that prevent to carry out even the small trade activities for daily survival. The center has become a point of reference also for grown up children, from 3 to 10, with afternoon recreational activities to foster health recovery also through play and friendship. The main problem is to be accepted as persons. In this sense the staff of the St. Kizito Clinic, through the unity they live at work, create the conditions to welcome people - and particularly those infected by AIDS - who often experience margination. Uganda. AIDS and children Recent reports1 have indicated that the main diseases that cause and perpetuate poverty, especially harming children and women, can be successfully controlled. Countries like Senegal and Uganda indicate that it is possible to reduce HIV infection rates and there are ways to effectively mitigate the effects of the pandemia. The declines are increasingly attributed to changes in sexual behaviour, particularly a delay in sexual debut among the youth and a decrease in number of sexual partners among sexually active adults, thanks also to a multisectoral, democratic participatory strategy adopted by the Uganda Government since mid 80s! Since mid 1980s AVSI is involved in the fight against AIDS in the context of the National Programmes of the Government of Uganda, in partnership with the AIDS National Commission. The main areas of operations in the Health Sector, in collaboration with Ministry of Health, focus on strengthening Health Service Delivery Systems in the districts of Kitgum, Pader and Gulu (Northern Region), Hoima (Western Region) and Kampala City (Central Region). With the help of various donors, AVSI supports the

18

itascabili

projects and experiences

Ministry of Health in one district hospital, in one regional hospital and in three PNFP2 hospitals. In the same districts AVSI works in partnership with local NGOs and CBOs3, such as Meeting Point, Kyamusa Obwongo and Companionship of Works Association, in providing integrated home care services to PLWHAs4 and their families. The strategies are human and responsible way and by implementing MTCT5 prevention in Antenatal Clinics; Care and treatment of those already infected; Protection of those, whom HIV/AIDS has left most vulnerable, starting with children it has orphaned. Prevention is the mainstay of our response, investing in education most of the available resources. Through a nation-wide Distant Support for Orphaned Children Programme more than 3,000 children are in schools. Teachers are trained in identification and dealing with vulnerable persons in the context of a Psychosocial Support Programme in Kitgum District. The empowerment of women, through the support of women groups and adult literacy projects, contributes to the reduction of vulnerability and poverty in the slums of Kampala and in rural remote areas in Northern Uganda. In Uganda it is estimated that every year about 40,000 HIV infected children are born6. Mother to Child (HIV) Transmission (MTCT) Prevention interventions need to be implemented, being also a powerful entry point to other mother and child health services provision, including immunisation, Integrated Management of the Childhood Illnesses (IMCI), Prevention and Care of Disabilities and Psychosocial Support. Both prevention and treatment cannot simply be made up of techniques, tools or availability of funds; rather they should always rely on the human factor and be situated within a vision of the human person as a whole. Programmes cannot be limited to child care and protection. The well being of children depends upon those around them: their parents, families, communities, teachers, religious and political leaders. So while remaining focused on the child, our work aims to strengthen the entire community. This is of fundamental importance in Africa, where emergencies are chronic and complex. Therefore, an emergency should never be allowed to deflect the humanitarian organisations, donors and NGOs from addressing the larger issues of development and sustainability. Long term development must be the goal, but an emergency situation can be the trigger for that development. Local populations should be always seen not as mere beneficiaries, but as responsible partners.

Prevention of new infections, above all teaching young people how to avoid it in a

Health a key to prosperity. Success stories in Developing Countries Communicable Diseases/World Health Organisation, 2000. Private Non For Profit 3 Community Based Organisations 4 Persons Living With HIV/AIDS 5 Mother To Child Transmission 6 Prevention of Mother to Child Transmission of HIV - Implementation Manual, - Ministry of Health of Uganda January 2001.
1 2

19

itascabili

projects and experiences

Primary education

20

itascabili
Albania, Day school

projects and experiences

2. Enhancement and involvement of family: the child is never an isolated individual. He is always integrated into a family context, which although disrupted in 80% of cases, is however rich of significant presence. Often unexpectedly, the educa-

21

itascabili

Brazil. A network of education centers Since the beginning of the eighties, AVSI has been supporting in Brazil a number of educational activities aimed at caring children and adolescents living in marginal urban areas. In the run of time, these simple charitable actions have turned into real educational centers with a civil and social dignity recognized both by local communities and by public institutions. There are 20 centers in the cities of Belo Horizonte, Rio de Janeiro, Salvador Bahia, Sao Paulo, Brasilia, attended by some 3000 children and adolescents aged between zero and 14. Approaching the educational aspects of children in high risk and vulnerability situations, they provide an educational function also for the adults of the community. From the nursery school for babies to after-school support for children of the primary schools, to recreational activities for adolescents up to the age they may go to work, the care of children has some distinctive methodological aspects: 1. Attention to the person as a whole and enhancement of his/her talents and bents: the child is cared for what he/she is. Teachers take care of him/her from the point of view of his/her identity, health, family relations, violence and distress conditions, translating the principle of the centrality of the person into concrete actions. The child shower, for instance, is not only an act of hygienic care, but also of exclusive love, though which the child becomes conscious. often for the first time, of his/her own person and body. Breakfast and lunch do not only represent the childs unique significant meals, but also the idea of order and of rules of life. The after-school support work, which was started to limit retirement from school often generating return illiteracy, has a constructive effect since it opens the doors on a world whose access is denied to the children living in the favelas. This activity implies a strict collaboration with the school attended by the child, in order to make a complementary work. Recreational activities (theatre, dance, movie) are structured in order to introduce children to the sense of beauty and infinite, fully unknown to a child grown up in distress conditions. The care of the person from the health, hygienic and nutritional points of view is faced in a systematic way, through the work of pediatricians and nutrition specialists. In the most serious cases, (violence, exclusion, serious diseases and undernourishment), the child is accompanied by activating a solidarity network and - where necessary the social services. Prevention of childrens work is not so much the result of a control activity, but rather the outcome of strengthening the personality of the child and of the search of a deep meaning for his/her life, leading him/her to refuse easy money and violent exploitation.

projects and experiences

tional work with the child acts indirectly also on his/her mother and family, who feel the influence of the experience of order, beauty and love made by the child at the educational center. Along with this effect, the work with the family develops through calls, listening and talking to the mother, thus creating a relation strengthening the environment where the child grows and re-.awakening in the mother and adults the sense of the dignity of the person. 3. Development of a solidarity network: the educational work tends to strengthen around the family a network of relations with persons and institutions reducing its vulnerability. When adults and other subjects present become aware of their responsibilities, the process of free undertaking accelerates, thus fostering development in the community. 4. The Center as a point of reference for the community : in this educational work directed to the families, centers have become an active subject of the community, where they carry out also activities for prevention and human development. The educational center becomes therefore a sort of access channel of the community to the services of the formal town. In order to enhance these educational experiences, AVSI is implementing projects fostering capacity building and qualification of these centers. The aim is to share their expertise and give then higher visibility also at international level.

22

itascabili

projects and experiences

Albania. Day schools The economic, but mainly cultural and moral dimensions of poverty make life of children in Albania very difficult. They are living in the streets where violence wins (robberies and vandalism). Many of them handle weapons and had a loss in the family due to revenge actions, disrupting families and the social context. Many families are split as a consequence of more or less regular expatriations. Health and sanitation represent a critical issue: diarrhoea and intestinal infections caused by food gone bad, or by undernourishment or incorrect diet are very frequent, along with skin infections due to poor sanitation. Very few houses have water supply and toilet. Electric power is often failing; heating is missing and in many areas of Albania temperature in winter may go well below 0C. In general, families have many children, at least 4 or 5. Basic school has 8 years duration (from 7 to 14) but is often not attended by children living in the farthest villages. Teachers are often not prepared and not motivated and children cannot learn. It seems that teachers have a particular attention only for the respect of discipline: wooden sticks and expulsion from the classroom are still used. Some classes have no more male students, all of them having been expelled. Girls aged between 12 and 14 are often molested - and sometimes raped - in the school environment, also because they are coming from villages other than the place where they attend the school. The need for education is therefore emerging, not only meant as the capacity to respect the rules and values of civil society, but also as recovery of traditions and therefore discovery of ones identity as person belonging to a people. There is very little room for freedom and proposal, where a young person may get emancipated and gain his/her own freedom: the only viable perspective seems to be that of leaving Albania. AVSI has been working in Albania since 1997 and, since the very start, developed projects in favor of children in difficult circumstances, with educational and training activities. In particular, in addition to the reconstruction of five primary and nursery schools, AVSI has been supporting the establishment of 20 educational centers, on the whole Albanian territory, including day centers and nursery schools. The general objective of AVSIs projects is to improve the quality of life of children, through the services offered and through teaching and recreational activities, in order to prevent exclusion from the original family and limit irregular expatriations, deviance and psycho-social distress. Training received a particular care. since education is only possible with an adult subject, directly and personally implied in a relationship: the child may live, grow and learn only if there is an adult introducing him/her to the reality. Training activities enabled to qualify operators, providing them with the skills and tools necessary to promote and try new educational paths, to get hold of their own identity, to design and imagine a possible future for their children, linked to their own history and belonging. No intervention has been an attempt to substitute the Albanian people, no project has been building its own center or school; on the contrary AVSI rallied to develop and equip to the best existing structures, either public or private, in order to meet the needs of the local reality. In fact the priority has been on having local counterparts acquire the managerial skills useful and required to reach an independent design and financial capacity.

23

itascabili

projects and experiences

24

itascabili

Lagos, Nigeria. Nurseries and primary schools Nigeria, the giant of Africa, with its population of more than 120 million people, oil producer, after a long period of military government that generated economical and political corruption, has changed in a democratic government. This event opened new perspectives in international relationships and in the management of the country, but has brought out a very poor situation in the last years both in health and educational fields. This situation is evident in Lagos, the most big metropolis in Nigeria, with 10 millions people living in different social and economic positions: a part of few and very rich people and a wide part of people that lives of rubbish or in a room without light and water. The school facilities, from nursery to secondary, are insufficient: classrooms are crowded, stationery is very expensive and teachers are not trained adequately while their salary is low. The main consequences are teacher absenteeism and, often, strikes that affect the academic level of the students. Teaching methods dont follow the new reality of the society, for example the corporal punishment is included in all the school rules, from nursery to secondary school. AVSI has been active in Nigeria since 1988 with main projects in the health sector, starting from concrete needs encountered. In recent years it also developed educational projects. Particularly, in the suburban area of Lagos, AVSI has started a nursery and primary school to support the education of the fishermen children in a village on the Lagoon. Fishermen come from the Benin Republic, they speak only their traditional language: Egun. Actually, 400 children are registered in the school; the children are both from the fishermen village and neighbouring villages. Education is focused on the person in his/her totality; thus great emphasis is put on learning English, that is the key to introduce the child to social life. At the same time, through other curricular and extracurricular activities (drama, art, sport) we try to build a complete personality. We try to involve the parents in the educational process of their children through a daily relationship with teachers, health education courses and organising parties and feasts. The children, coming from different backgrounds, live in a context of violent tribal fights. To improve their living together, we try to promote social and cultural activities inside and outside the school, enhancing the value of traditional songs and dances and attending to many events out of the village. Looking at the person as one, we realised that one of the main needs is the health care. Hence we have started a health care program in the school, in co-operation with St. Kizito clinic (AVSI project): check of the health of children, distribution of drugs, treatment of undernourished children, health care courses for parents and AIDS prevention. Teachers are constantly trained working as a team, giving their contribution in the management and attending to refresh courses. We organise refresh courses in cooperation with the educational authorities (Local Government) and many teachers of the government school attend our courses. When children complete their primary education, the relationship and educational care continue: we try to have stability in it. In recent years we have started the activities of a Remedial School, in the same suburban area, for an educational and

projects and experiences

academic support to the students of the secondary school. The Remedial School offers: lessons in many subjects in the evening, a good equipped laboratory for scientific subjects; a library for the students that cannot afford the expensive cost of the textbooks; a reading room for the students (and they are many) who dont have at home a place where to study; sport and extracurricular activities (excursion, choir, magazine, film) to assure a global growing up of the personality and to develop friendship and respect among different ethnic and religious backgrounds and tribes . All the children that complete their primary education can attend to the activities of the Remedial School, finding continuity with the educational proposal received.

25

itascabili

projects and experiences

Care and fostering

26

itascabili
Romania, Foster house

projects and experiences

Novosibirsk, Russia. Caring and fostering early motherhood Novosibisk is a large city of the Russian Federation, located in the middle of the Siberian region; it is one of the most important industrial poles and still remains one of the few scientific and cultural centers. In recent years, economic and political instability

27

itascabili

Bucharest, Romania. Fostering and supporting HIV/AIDS infected children; the Emilia House case At the start of the nineties, in Rumania the tragedy of negleted children living in institutes (over 100,000) and infected by AIDS was discovered. Based on the figures issued by the Ministry of Health in December 2000, 5.629 clear cases of pediatric AIDS have been recorded (excluding HIV infection cases); 3.445 children are still living. These figure show that Rumania has approx. 60% of children with HIV infections on the whole Europe. The infection developed the most in the years between 1988 and 1991; its transmission has been mainly horizontal (i.e. transfusions with infected blood, improper care): Children affected by the disease are now aged between 10 and 13. Almost half of them live in orphanages or similar institutes. They are therefore children who have been negleted by their families, who never experienced the warmth of home, the love of parents, brothers and sisters, and who are also faced with the distress of the disease. AVSI has been active in Rumania since 1994, when it carried out the rehabilitation of the pediatric department of Victor Babes Hospital in Bucharest. The department was (and still is) caring HIV infected children neglected by their families. Since then AVSI has been developing a number of projects in favor of HIV infected children, in collaboration with various local organizations, operating mainly in two institutes: Victo Babes Hospital and the hospital-orphanage of Vidra. At the beginning projects were mainly focused on health and training activities, but soon it was realized that what children needed the most were not only better treatments, finer hospitals and orphanages, but their first need was to be loved by somebody. The need to belong, in a relationship with an adult, is essential to build a balanced personality. Since then, the main efforts and the biggest investments have been routed in the direction of finding family solutions for children. The areas of search have been many: from tracing the family of origin of the child to check the possibility of a return or at least of resuming the relation with the parents, to the search of alternative families (foster families), and the establishment of fostering houses structured as families. In 2000 AVSI built the first family house for HIV infected abandoned children. The house, which is organized as a true family, is located at Chiajna, a village approx. 6 km far from Bucharest, and gives hospitality to 8 children coming from the hospital-orphanage of Vidra. There is a mother, a father and a brother sharing life with the other 8 children. The house is very nice, in order to give these children, who have not been wanted by anybody, and who lived for years in inadequate and overcrowded institutes, without any significant relation, the possibility to experience beauty. The house is very large, so that each child may have adequate room, and his/her own bed, closet and desk. They go to school, do their homework and play like all other children. Children have their papa and mama as all children should have. A second family house has been purchased and rehabilitated in the area of Pipera, in Bucharest: it will take care of another 5 children. Soon they will also have the possibility to be welcomed by somebody who loves them and who calls them with their name.

projects and experiences

of the whole Federation caused a serious social crisis, worsened by failure of the welfare policy. In Novosibirsk the percentage of low income, unemployable people has been increasing year after year and now, over 256.000 persons out of a 1.485.000 inhabitants, need to be supported by social services. This adds to the crisis of families with consequent increased number of neglected children. Many women and children live in a particularly difficult situation: many unmarried girls with a baby are unable to grow their child. Early motherhood represents a category which is not recognized: only very few girls are registered at the police headquarters and receive an allowance to care for their own baby, while the actual percentage of mothers needing to be supported is much higher. Moreover dormitories for homeless people are not allowed to take in women with babies. The missing answer to this need leads many women to have an abortion even after the legally allowed period, or to leave the newborn at the hospital. It must be noted that in Russia hundreds of thousands children are left in orphanages. These are mainly state-owned institutes, while religious or lay institutions, which only in recent years started proposing other forms of hospitality, are very few, also due to inadequate laws and to excessive bureaucratization of the Russian Federation. AVSI has been active in the area of Novosibirsk since 1995, starting with health and training projects. In 1998 it started supporting a fostering house for early motherhood, run by Caritas. Such support has been consolidating in the run of time and in 2001 AVSI has set up a new house for early motherhood. Here 5 girls live with their babies: the ten guests are first of all helped in their primary needs: house and food. True care is however that of giving the mother the possibility to live with her own baby, without being compelled to leave him/her by the difficult circumstances she is experiencing; at the same time we give the child the possibility to grow with his/her mother in a significant relationship able to accompany his/her development up to the discovery of his/her identity. Hospitality is temporary, until the baby is one year old; then the girl is supported in the search of a job and of a house, where she can live independently with her own baby. However mother and child are not left alone in the subsequent years, but the support continues both in respect of some primary needs, and mainly to continue the educational relationship with the operators who cared for them. While this social structure does not meet the entire need of the Siberian Region, it certainly represents an innovative example of social action: a real social alternative able to enhance the positive experience of the mother-child relationship. Asuncin, Paraguay. Caring and fostering youth with jail experience: the Casa dos memores Virgen de Caacupcase In recent years, the attention of the public opinion in Paraguay has been drawn on the issue of children and street children. In particular it has been acknowledged how the situation of these minors worsens when the already difficult living conditions add to law violation, with the consequent punishment. Once he gets free, the minor experiencing in jail subhuman conditions, often has no alternative other than returning to the street and resuming the same style of life that previously led him to delinquency, thus originating a vicious circle. In 1994 the volunteers of the Centro de Solaridad San Roque Gonzales started visiting weekly the minors of the only juvenile prison of Asuncin, called Panchito Lopez. The initiative, which is still going on, was aimed at

28

itascabili

projects and experiences

offering the minors - through dialogue, cultural, training and recreational activities moments of sharing, where their dignity of human beings is enhanced, even in the dramatic experience of jail. The positive results of this charitable effort, led to the idea of offering this youth a real alternative to street life, once they are leaving the prison. The project of social reintegration for the adolescents of the Asuncin juvenile prison was thus started. It is focused on a fostering house, a place where minors may stay and grow in an environment stimulating their complete education as persons and fostering the redemption of their dignity, in view of their full social reintegration. The Casa dos menores Virgen de Caacup is located at Itaugu, 35 km far from Asuncin, and has been built with the contribution of AVSI and of the Spanish Cooperation. It is a unique structure of this kind on the whole territory of Paraguay and has a maximum capacity of 24 minors. At present it has 16 guests. Admittance is allowed to minors aged between 13 and 19, living in poverty, who did not commit extremely serious crimes. They should have regained their freedom or be on probation and should decide to enter the house spontaneously. Stay in the house is free, there are no guards and doors are always open. Here, under the guide of educational operators and other qualified staff, minors have the possibility to experience an orderly way of living together in a community, through education to the respect of themselves, of their own basic freedoms as well as of other peoples, and to recover the sense of their own dignity and responsibility. Moreover, adolescents may complete their school education and follow vocational training courses for an effective reintegration into society, also through a dignified job. A special session of primary school has been opened in the house, with the support of the local Ministry of Education. Adolescents may thus attend the school in the morning and complete the compulsory cycle by attending adults alphabetization courses. Moreover, those who want to continue their studies, have the possibility to attend superior school at the Technical National Institute of Itaugu, collaborating with the house through an agreement for the evening classes. Using the natural resources of the property - land, lagoon and wood - a technical training has been started in the areas of vegetable and flower growing, bee-keeping, bird-rearing and fish-breeding. Theoretical and practical training courses have been implemented by engineers and agronomists made available by the Ministry of Agriculture. Each of the young people, based on his own skills and choices, has attended actively to some of these activities, acquiring the theoretical and practical skills required to find a job, at the end of the program. Finally, the House always fosters the approach of the adolescents to their original families, in order to check the possibility of a reintegration when this is considered as positive. Local institutions consider the House as an excellent place as to effectiveness and achievement of the targets proposed. Thus more and more frequently the Court is soliciting direct entry to the House as an alternative to jail. In one year of activity, 16 adolescents entered the House and enthusiastically joined the educational path. One of them has already completed the program with secondary education and has been reintegrated into the original family. The tailor made educational method, peculiar of the House, leads adolescents to a radical change of position towards themselves (increased self-esteem and certainty of their human talents) and the outside environment (increased opening and positive consideration of reality).

29

itascabili

projects and experiences

Vocational training

30

itascabili
Brazil, School of agriculture Rainha dos apolostolos

projects and experiences

Nairobi, Kenya. St Kizito Vocational Training Institute The St. Kizito Vocational Training Institute, located in the suburbs of Nairobi, has been set up by AVSI and the Dioceses of Nairobi with the financial support of the Italian Cooperation, and is run by AVSI. The Institute offers vocational training courses, normally of two years duration. Examinations are made by governmental or international institutions. When it was started, in 1993, it offered three vocational training courses and 63 were the students attending lessons. In 2001, it offers 8 courses (car mechanics and car electricians, electricians, electronic engineering, joiners, tailors, plumbers and metal working, secretarial work and computerized data processing) to some 400 students. As a whole, over 1300 students attended the school up to the year 2000. The school staff is composed of 29 people, out of which 21 teachers. 95% of students pass their examinations, which is a really significant percentage. The basic point of the work is the educational proposal to the young person as introduction to reality. This generates an attention to the all the needs of the youth attending the school and particularly to the educational need, consequently the vocational training offered has a high quality. The answer to the educational need lays in the common work of teachers, that enhancing the consciousness of their educational function, enables to offer to the students a friendship exceeding the borders of school life. Thus the school becomes an environment where young people experience the positive aspects of reality and may recover confidence and hope for themselves. Such position led the school to experience a real opening toward the social reality, in particular the business world, to which the school proposes the possibility of a common work, in order to make training really effective from the point of view of the requirements of the job market. Many managers and businessmen have entered a consolidated relationship with the school: for instance Pirelli, Toyota, and General Motors are available for training teachers, offer apprenticeship opportunities to the students, and equipment for the laboratories. A partnership has also been entered among AVSI, the St. Kizito VTI and the not for profit association COWA (Companionship of Works Association) to help youth enter the job market. The collaboration provides help to unemployed or underemployed former students and to the youth of the Nairobi suburbs looking for job opportunities and starting small entrepreneurial activities. This activity is implemented through two specific services: the first one fosters communication between the young person looking for a job and the company, meeting the basic requirements of people (how to prepare a CV, how to face an interview, how to identify companies eventually interested to hire people, etc.) and offering the companies a point of reference able to prepare the candidate and to make a first selection. This is particularly important for companies looking for reliable staff. Over 400 people called on this service in 2001. The second one fosters a realistic and responsible approach to the opportunity of starting an entrepreneurial activity, through training and consulting services. A program has been identified to accompany young people in the different steps of an entrepreneurial activity (from the idea, to the feasibility study, start up, etc.), enhancing the personal responsibility and supplying the proper professional tools. The basic point of these two activities is also educational. An help to enhance the value of oneself and to take consciousness of reality and the proposal of a place alternative to solitude, also and particularly from the professional point of view. Some 110

31

itascabili

projects and experiences

people have attended the training courses since March 2001, promoting the start-up of 23 micro-businesses, also through limited loans to make the start-up of the activity possible. Kampala, Uganda. COWA Vocational Training Center and Centenary Vocational Training School AVSI is directly involved in the support and in the daily running of two vocational training schools of Kampala. The two schools are private and managed by the local NGO COWA (Companionship Of Works Association) that is part to the AVSI networks. The private vocational training sector is the only one partially effective in Uganda, because the government has not enough resources to cover all the country with proper infrastructures. Recently a big international project for upgrading vocational training in Uganda, with international donors and the approval of the government, has targeted 20 private institutions all over Uganda and among them there are the two schools of COWA. Cowa Vocational Training Centre The Centre is located in the suburb of Kampala, in an area of recent industrialization, and is offering courses of carpentry, metal work and masonry (in the near future courses of electrical installation and computer practice are to be started). The school has enrolled at the moment 37 students and has so far graduated 101 boys, 90% of them have managed to be permanently settled in a working situation. Born in 1995 the school started as a consequence of another activity: some AVSI volunteers started to be present in the juvenile prison of Kampala (with an annual turnover of about 500 young people) where the children were detained for problem more related to the poverty and the abandonment of the family than criminality. Because a lot of them were showing a desire to change and restart a new life, this centre was created as an experience of training on the job around some expert artisans. Even now the majority of the students are coming from the juvenile prison of Kampala, were the social workers of COWA continue a daily educative presence. Linked to the vocational centre there are also the fostering houses for the students that are without a home or are abandoned by the family (often the link with the family restarts after years, when the boys get qualified and enter into employment). The school has grown in all aspects: it is not any more an experience of training on the job but a real vocational training institution to whom the minister of Education has requested a collaboration for the preparation of the curriculum for similar vocational schools of the Uganda government. The centre has developed a collaboration with some successful Uganda companies where the students are sent for stages of field training and from where the school get a judgment on the degree of preparation achieved by the students in order to improve continuosly the curriculum and methodology of the centre. Centenary Vocational Training school This school has been started by an Irish missionary in 1992 in order to take care of the girls who were orphaned because of AIDS and that he was meeting in Kampala. The most important need was to welcome and give courage again to girls who had lost both

32

itascabili

projects and experiences

parents, had been abandoned by relatives, stigmatised by society because they were victims of AIDS and treated as slave, in somebody elses house. This experience had a fast growth and later trusted by the founder to COWA. Now the school, attended by 77 girls all-coming from very difficult urban and social situations, offers training in tailoring, catering and craft activities. Some criteria of method for the two schools: 1) Particular care for education that is not only instruction: Some meaningful adults have been asked to meet the students on a regular basis; Politicians and various personalities have been invited to give visibility to the school and also to make the students aware that their effort is a beautiful adventure and has a lot of dignity; 2) AVSI has striven a lot with the management of the schools to try making the institutions sound even from an administrative and managerial point of view. One of the objectives is to make the school successful even as a business venture. For this reason we are working on a twofold scenario: on one side we are looking for international support (especially distant support for every child in the school), on the other side every school has created a production section in order to generate profit to support the global non profit activity. Manaus, Brazil. The School of Agriculture Rainha dos Apostolos The inhabitants of the Amazonian region have been living for centuries of the products offered by the forest, which today record a remarkable decrease. It is therefore necessary to learn how to cultivate the forest, respecting it, and at the same time to increase productivity. However, it is not possible to leave the digging out stage and enter the production phase, failing the technical and cultural tools necessary to make a qualitative leap in the approach to environment. The school of agriculture Rainha dos Apolostolos, located at 30 km from Manaus, in the heart of the Amazonian forest, is an attempt to meet this requirement. Every year the school welcomes some 300 indios, sons of small agricultural producers of the internal regions, to offer them a human and vocational training. Teaching includes production and breeding techniques and methods that may be reproduced in the places of origin, to contribute to the improvement of the living conditions of the local communities and at the same time to safeguard and maintain the Amazonian ecosystem, today seriously threatened. The school represents a unique reality of this kind : in the Amazonian region there are very few public or private institutes training technicians for the agricultural world, but all of them are more oriented toward work in large farming activities, rather than in the small internal realities which represent the majority. The school has been established in 1974 by the missionary fathers of PIME and since 1990 is run by a social not for profit cooperative called Sao Jos, which has been established by local people. AVSI has been collaborating with the school also since 1990, through the presence of its volunteers, technicians and trainers, and with modernization and development projects funded, among others, by the Italian Cooperation and by the European Union.

33

itascabili

projects and experiences

itascabili

The school offers a complete educational path, from pre-school up to the technical high-school certificate, which is recognized by the government authority. However, due to its specific aims, efforts are focused on the last five years of school, which are attended in internship. Since indios are very poor, they pay only a symbolic entrance fee. School provides for food and stationary and, in some cases even for clothing. The schools educational approach is to safeguard and enhance the local culture, without any attempt to replace it with western values and ways of life. In fact many teachers are of local origin - generally they have been former students of the school. The schools educational proposal enables different tribal identities to leave together in peace and fosters the establishment of unity and collaboration links, extremely useful for the development of the person and of the populations living in the internal Amazonian regions. The school includes a farm with a surface of 200 ha, most of them covered by tropical forest. Only 50 ha have been used for cultivation. The main purpose of the farm is to enable students to experience in practice what they are learning in the classroom, during the five years internship. Theoretical lessons alternate to practical agricultural training work in the areas of animal breeding, agronomy and agriculture. Here they acquire the grafting techniques; they learn how to cultivate not for an intensive exploitation, but to improve the land; they are taught techniques for the selection and genetic improvement of the breeds and the preservation of some products. In the farm they breed cattle, pigs, goats, rabbits, stock ducks and bees. Some dying out species of fishes and turtles are reared, in order to restock the surrounding forest. Cultivation cover the typical products of the tropical forest: maracuj (passion fruit), orange, papaya, lemon, mango, coconut, pupunha. In addition to the production of vegetables and legumes, a gardening activity has been started for the production of ornamental plants. Students also learn the techniques to transform the typical fruits of the region, such as the mandioca, getting flour and other derivatives for the production of liquors, jams and sweets, as well as the various processes for the production of cheese. In second instance, the aim of the farm is to support the school through its products, thus reducing the need to purchase outside the food for students. In fact, direct production covers 80% of the school needs. During these years the school has become a very significant point of reference for local populations and the whole Amazonian region. Most of the students trained there are now working in their communities of origin, acting as a driving force and promoting agriculture, while many small agricultural producers find in the school an effective testing and spreading pole for advanced techniques. This leads to an improved standard of living of local village communities and contributes to protect the whole Amazonian ecosystem. Tunis, Tunisia. Training of trainers The schools founded and managed by the Catholic Church in Tunisia benefit from a long and respected tradition: the oldest foundations go back to mid-19th century and the youngest to the to the mid-20th century. After the country proclaimed its independence in 1956 the Church was allowed to continue on with its educational work directed towards Tunisian youth, through self-financed nursery, primary and professional schools. Prelature schools, whose teaching programs have been adapted to national

34

projects and experiences

directives, totally respect Tunisian cultural tradition and at the same time promote universal human values. They have nearly 5,400 students from all social classes; most of the staff (more than 400 women and men) are locally-recruited. Schools are greatly esteemed by local people, because of the quality of teaching and care given to education. Never the less, the socio-economics evolution of the country demand Prelature to reconsider the educational system and the organisation of its schools. A renewal of structures and equipment, in line with present standards, is needed; in addition, environment contributes to the educational process. The staff training is equally necessary, to maintain standards in a changing environment. The AVSI project, inserted in EC-approved Block Grant, concerns the whole staff of the primary schools: head-teachers, teachers, auxiliary, administrative and ancillary staff (in fact, all adults in school, though having different functions and tasks, form the educative community and have a responsibility to the children). The purpose is to increase professional competence et educational unity in schools, to develop the exchange of experiences and collaboration among different schools, to promote contacts with other educational organisations. The aim is for head-teachers (all expatriates from varying backgrounds) to acquire up to-date knowledge of Tunisian school and society, and to learn about pedagogical and didactic methodologies, thereby ensuring a global quality service. For teachers, the object is to develop a personal attention and approach, as well as methodologies and techniques to better understand, support and form children (including children with problems). Auxiliary and administrative staff will enhance their computing and professional skills, while ancillary staff will develop an increased awareness of health and safety. Specific and multidisciplinary training sessions are foreseen. Hitherto, the following activities have been realized: a head-teachers training-session in Morocco, to learn from the experience of the ECAM (Enseignement Catholique au Maroc) schools, where a common educational project has been shaped and Documentation Centre Library, based on project pedagogy, successfully introduced in the recent years; a computer training-session for auxiliary staff. Both activities have attracted much interest.

35

itascabili

projects

AVSI and children in difficult circumstances


2001 Projects in progress
Children in armed conflicts Country Angola Burundi Kosovo Rwanda Sierra Leone Uganda Total Number of children involved 500 200 1750 1200 1250 2000 6900 Primary education, care and fostering Care centers, educational centers, school support Country Albania Brazil Colombia Haiti Kenya Lebanon Lithuania Mexico Mozambique Nigeria Palestine Poland Romania Russia Tunisia Venezuela Total Number of children involved 3100 1750 450 600 700 1350 150 300 200 700 200 180 850 50 250 170 11000

Health care Care and recovery of undernourished children; nutritional education Country Brazil Mexico Nigeria Total Number of children involved 1500 500 100 2100

Healthcare and social support for AIDS patients Country Nigeria Romania Uganda Total Number of children involved 100 530 2200 2830

Recovery and social reintegration of minors experiencing jail Country Paraguay Uganda Total Number of children involved 100 200 300

Other healthcare programs for children Country Brazil Kazakhstan Total Number of children involved 1000 100 1100

Training of trainers for educational and care centers Country Albania Brazil Kenya Total Number of children involved 1200 3000 17000 21200

itascabili

Vocational training and employment Country Brazil Kenya Morocco Mexico Total Number of children involved 3100 200 120 100 3520

36

Total

48950

AVSI - www.avsi.org

AVSI: dal 1972 in cammino per la dignit della persona


La Fondazione AVSI una organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 39 paesi del mondo. Oggi AVSI presente in Africa, America Latina, Est Europa, Medio Oriente, Asia e opera nei settori della sanit, igiene, cura dell'infanzia in condizioni di disagio, educazione, formazione professionale, recupero delle aree marginali urbane, agricoltura, ambiente, microimprenditorialit, sicurezza alimentare, ICT ed emergenza umanitaria. La sua missione promuovere la dignit della persona attraverso attivit di cooperazione allo sviluppo con particolare attenzione alleducazione, nel solco dellinsegnamento della Dottrina Sociale Cattolica. AVSI associata alla Compagnia delle Opere Impresa Sociale, che con le sue oltre 1.000 realt non profit in tutta Italia, offre ad AVSI una grande possibilit di attingere know how per i progetti e i partner nei paesi in cui opera. I suoi maggiori finanziatori sono Unione Europea, Agenzie delle Nazioni Unite, Ministero degli Esteri Italiano e istituzioni governative italiane, enti locali, aziende private e singoli cittadini. AVSI riconosciuta dal 1973 dal Ministero degli Esteri italiano come organizzazione non governativa di cooperazione internazionale (ONG); registrata come Organizzazione Internazionale presso lAgenzia per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti (Usaid); accreditata dal 1996 presso il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite di New York (Ecosoc); accreditata con Status consultivo presso lOrganizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo dellIndustria di Vienna (Unido) e presso il Fondo delle Nazioni Unite per lInfanzia di New York (Unicef); inserita nella Special List delle organizzazioni non governative dellOrganizzazione Internazionale dellOnu per il Lavoro di Ginevra (Ilo); iscritta nella lista dellAgenzia delle Entrate come organizzazione non lucrativa, per il 5 per mille. AVSI anche un Ente autorizzato dalla Commissione del governo italiano per le Adozioni internazionali a curare le procedure di adozione internazionale.

37

itascabili

AVSI - www.avsi.org

I cinque punti del metodo AVSI


1. Centralit della persona

Realizzare progetti di sviluppo avendo come punto centrale la persona significa condividerne i bisogni, il senso della vita e commuoversi per il suo destino: senza di ci la risposta al bisogno un gesto di bont autogratificante o una strategia politica. La persona vista come essere unico nelle sue relazioni fondamentali, famiglia e societ, irripetibile ed irriducibile a qualsiasi categoria sociologica o a un limite che contingentemente vive (povert, malattia, handicap, guerra).
2. Partire dal positivo

Ogni persona, ogni comunit, per quanto carente, rappresenta una ricchezza. Ci significa valorizzare ci che le persone hanno costruito, cio quel tessuto umano e quellinsieme di esperienze che costituiscono il loro patrimonio di vita. un punto operativo fondamentale, che nasce da un approccio positivo alla realt e aiuta la persona a prendere coscienza del proprio valore e della propria dignit e nel contempo la sostiene nella sua responsabilit.
3. Fare con

Un progetto di sviluppo calato dallalto violento perch non partecipato oppure inefficace e senza futuro in quanto solo assistenziale. La modalit con cui la Fondazione AVSI si coinvolge in un progetto e lo attua quella di fare assieme alle persone, cio partire dal rapporto con le persone cui il progetto rivolto e costruire sulla base dei passi che maturano con loro e tra loro.
4. Sviluppo dei corpi intermedi e sussidiariet

La societ nasce dalla libera aggregazione delle persone e delle famiglie: fare progetti di sviluppo significa favorire la capacit associativa, riconoscere e valorizzare il costituirsi dei corpi intermedi e di un tessuto sociale ricco di partecipazione e di corresponsabilit. Il diritto, riconosciuto e favorito, di ogni persona alla libert di intrapresa si rivela, nei fatti, una forza potente di sviluppo e di arricchimento della convivenza civile e democratica.

38

itascabili

5. Partnership

Nei progetti di sviluppo fondamentale concretizzare una reale partnership tra tutte le entit presenti in quel luogo e in quel settore, siano esse pubbliche o private, locali ed internazionali, evitando sovrapposizioni, favorendo sinergie ed ottimizzando luso delle gi scarse risorse a disposizione.

metodo

Educare il bambino, in famiglia, nella comunit, nel mondo


Metodo ed esperienze

Premessa Il presente documento ha lobiettivo di illustrare lazione educativa intrapresa da AVSI in alcuni paesi in via di sviluppo nei confronti dei bambini che vivono uninfanzia e una adolescenza in condizioni di guerra, abbandono, povert e malattia. Tale azione esplicita e realizza, a livello culturale e a livello operativo, quanto indicato nel documento Unicef A world fit for children. In esso, infatti, viene sancito il diritto inalienabile di ogni bambino ad accedere alla basic education. Recita in proposito il punto 7 del documento menzionato: We hereby call on members of society to join us in a global movement that will help build a world fit for children through upholding our commitments to the following principles and objectives: (omissis) Educate every child. Every girl and boy must have access to and complete primary education that is free, compulsory and of good quality as a cornerstone of an inclusive basic education. Gender disparities in primary education and secondary education must be eliminated. (omissis) Nello spirito di queste fondamentali dichiarazioni si pone limpegno di AVSI a favore dei bambini che vivono allinterno dei contesti in conflitto o ampiamente deprivati, come le note che seguono consentiranno di documentare. Esse, in particolare, presenteranno le linee di fondo che orientano il processo educativo, le implicazioni di metodo che da esse derivano, la realizzazione operativa degli interventi.

39

itascabili

Brazil, Salvador Bahia, Life in the favela of Novos Alagados

40

itascabili

metodo

Le linee di fondo che orientano lazione educativa promossa da AVSI


Il punto di partenza di ogni intervento nei confronti dei bambini costituito dal riconoscimento del suo essere persona. Subito questo termine richiama il tema dellidentit e della costruzione di tale identit allinterno di contesti non facilitanti o decisamente difficili quali quelli dei paesi in via i sviluppo. Lidentit personale si definisce come essere in relazione , come rapporto con un altro diverso da s che consente alla persona di strutturarsi e di consolidare, al tempo stesso, la sua unicit. Il concetto di identit , infatti, significa sia uguaglianza, parit, somiglianza (quindi identificazione con) che unicit, specificit, differenza (quindi costruzione dellio). Attraverso la relazione e mediante essa possibile, per il bambino, crescere. Il processo di crescita implica sia lidentificazione positiva della propria persona (non appiattendola quindi sulle oggettive difficolt create dal contesto di marginalit o devianza che lo indurrebbero ad assumere comportamenti violenti) sia la possibilit di divenire un adulto responsabile e generativo nei confronti di altri e dellambiente. Lidentit personale perci lesito di un processo educativo che si realizza entro unappartenenza concreta, tangibile nella relazione interpersonale. Leducazione si fonda su una reciproca appartenenza nella quale ladulto e il bambino abbiano un luogo simbolico e oggettivo nel quale comunicare s scrutando con affezione la risposta dellaltro. La felicit del bambino inizia, infatti, quando comincia a percepire di appartenere, di essere di qualcuno. In altri termini, ogni essere umano ha bisogno, per crescere e la crescita non va riduttivamente intesa solo in senso meramente biologico di vivere lesperienza di una relazione significativa capace di trasmettere il senso di ci che si e di ci che si fa. Il padre e la madre sono gli adulti a cui il bambino, in quanto figlio, chiede educazione. Leducazione rappresenta quindi un processo strategico mediante il quale il bambino pu divenire un adulto capace di responsabilit e in grado di fare fronte alle sfide impegnative che richiede la vita quotidiana nei contesti a rischio. Questo rapporto avviene in un tempo e in uno spazio, in una casa, con laccudimento, il nutrimento, il gioco, la compagnia Perci specularmente al diritto del bambino alleducazione, necessario affermare il diritto del genitore a potere educare, a potere comunicare unipotesi positiva di vita. Tali diritti dei bambini e dei genitori sono riconosciuti e ribaditi in modo inequivocabile nel documento UNICEF . Recita, infatti il punto 66 del documento A World fit for chidren: Parents and families are childrens first teachers and play a key role in their learning. Basic education strategies must, however, include the mobilisation of all actors across society, from families to finance ministers, from communities to central governments

Come abbiamo fin qui affermato, per crescere armonicamente il bambino ha bisogno della presenza di adulti, in primis i genitori, in grado di porre le basi e di orientare il processo di educazione. La famiglia protagonista e referente primario delleducazione. Tale primato sottolineato chiaramente nel documento Unicef al punto 6We recognize and support parents and families or as the case may be legal guardians as the primary caretakers of children, and we will strengthen their capacity to provide the optimum care, nurturing and protection..

41

itascabili

La decisivit della figura delladulto in quanto educatore

metodo

Quando essa presente va sostenuta, affinch possa svolgere al meglio il suo compito educativo specifico di costruzione della personalit di base. Tale personalit pu essere costruita se il bambino, attraverso le relazioni familiari, fa esperienza della fiducia di base. Si tratta di un elemento molto importante allinterno di contesti caratterizzati dal conflitto, dallabbandono e dalla trascuratezza: in essi particolarmente difficile aiutare i bambini che sono spesso diventati diffidenti verso tutte le persone che, a qualsiasi titolo, rivestono un ruolo di autorit, anche professionale, e temono le relazioni appena divengono vicine. Essi imparano ben presto, per reazione, ad esibire una corazza di diffidenza e di cinismo e ad assumere comportamenti inadeguati. Al contrario, quando ladulto pu garantire un efficace comportamento di cura, il bambino risponde con un atteggiamento di fiducia che alla base di ogni processo di crescita. La fiducia la risposta che il bambino sviluppa se il genitore o ladulto a lui pi vicino degno di fiducia; essa nasce in un contesto relazionale, intessuto di azioni concrete. Si genera, in tal modo, un ambito relazionale capace di prendersi concretamente cura del soggetto in crescita e di avviare un processo educativo dinamico rivolto a tutta la comunit di riferimento. Accanto ai genitori, altri adulti svolgono un ruolo fondamentale nelleducazione dei bambini: essi in particolare nelle situazioni di grave emarginazione possono essere i soli punti di riferimento nel processo educativo dei bambini. Come si dettaglia, nello specifico il compito educativo degli adulti? Mettendo in moto una dinamica di risveglio delle potenzialit del bambino. In altri termini, nel paragone, nella relazione continua tra adulto e bambino, avviene la crescita e lassunzione di consapevolezza da parte dei minori. Tre elementi caratterizzano la figura delleducatore: La coscienza della realt nella sua interezza rende possibile da parte delleducatore sviluppare unazione educativa non frammentata e sensibile alle sfide che i vari contesti societari impongono quotidianamente. Nel confronto continuo con la persona delleducatore, che lo valorizza costantemente, il bambino cresce, verifica le sue potenzialit e impara a leggere criticamente la situazione in cui vive. Per raggiungere questo scopo il primo passo educativo unattenzione al bagaglio di vita, di valori e di esperienze che la storia da cui il bambino originato porta con s (consapevolezza della tradizione). Leducatore tale se non separa s dalla propria funzione. Leducatore consapevole che la vera educazione scaturisce da una comunicazione di s e che perci il primo strumento il coinvolgimento sincero di s. sempre in gioco tutta la libert delladulto nellassoluto rispetto della libert del bambino. Questa impostazione indica un metodo che permea anche le tecniche impiegate. Il fattore comunitario dimensione costitutiva di ogni azione educativa che si realizza continuamente e quotidianamente in una trama di rapporti capillari allinterno della comunit di riferimento. Si capisce, stante queste considerazioni, come lo sviluppo di una persona non sia questione che riguardi solo il bambino, ma piuttosto unimpresa

Autorevolezza

Autocoscienza

itascabili

Consapevolezza della dimensione comunitaria.

42

metodo

evolutiva congiunta del soggetto in crescita e di chi si prende cura di lui e cresce con lui. Questa impresa evolutiva contraddistingue lazione degli operatori AVSI anche in contesti caratterizzati da gravi carenze relazionali (venir meno della famiglia, situazioni di grave povert, caduta di legami comunitari in grado di surrogare i rapporti primari) e rappresenta per loro una sfida costante rispetto alla quale impegnare risorse relazionali, cognitive, affettive, competenze professionali, tempo e scelte esistenziali, in una parola, tutta la loro persona. Il compito educativo, cos definito, non , e non pu essere, unimpresa individuale ma lesito di un progetto comune, condiviso dagli adulti che si assumono liberamente la responsabilit di condurlo e che, immediatamente, ha una visibilit e una riconoscibilit nel contesto sociale. La visibilit, in particolare, pu creare le condizioni per favorire una partecipazione allargata (cio di altri adulti presenti in loco) allimpresa educativa. Leducazione, in questa prospettiva, si sviluppa secondo un itinerario che conduce dalla dipendenza alla interdipendenza, intendendo la prima come condizione di bisogno o di assenza di abilit e di autonomia e la seconda come esplicitazione operativa dellassunzione di responsabilit da parte di personalit adulte.

Importanti note metodologiche: il superamento di una prospettiva assistenzialistica nella direzione di una caring society
Nei paesi pi vulnerabili a causa della povert, dellabbandono, del conflitto, delle malattie facile cadere nel rischio dellassistenzialismo nei confronti dei bambini, sia per lurgenza dei bisogni che per la loro gravit e lampiezza. Litinerario educativo fin qui illustrato ha una implicazione metodologica distintiva che si evidenzia nella capacit di prendersi cura della persona, nel nostro caso del bambino, secondo tutte le sue dimensioni e, conseguentemente, dei bisogni manifesti e latenti, materiali e spirituali che condizionano il suo crescere. In questo senso, aspetti della realt umanamente inspiegabili quali il dolore innocente, la malattia e il lutto richiedono una condivisione allinterno di una compagnia quotidiana che, alleviando la sofferenza, faccia emergere il valore della persona e, laddove possibile, diventi capace di identificare risposte ai bisogni. In altri termini, la risposta al bisogno non mai avulsa dalla considerazione della persona nella sua interezza, ma globale: tale approccio rende pi incisiva ed efficace lazione condotta sia nei confronti del singolo bambino sia nei riguardi del suo contesto di vita. Per quanto riguarda il primo (il singolo bambino) questo metodo consente, come gi sopra affermato, la costruzione di una personalit positiva; per quanto riguarda il secondo (il contesto di vita), il metodo di AVSI risulta particolarmente efficace nel ricreare legami sociali interrotti dal conflitto e dalla violenza, nel perseguire una emancipazione promozionale della comunit locale, in sintesi nel generare o ri-generare una socialit a misura duomo. Nello specifico, le linee metodologiche lungo le quali si snoda lazione di AVSI sono cos sintetizzabili: Nel disegnare un progetto che abbia lobiettivo di rispondere a un bisogno particolare (malattia, conflitto, violenza, abbandono..) la persona oggetto dellaiuto viene posta al centro dellazione con tutte le sue esigenze, le sue risorse e tenendo conto del-

considerazione della globalit dei bisogni

43

itascabili

metodo

linsieme delle relazioni in cui e coinvolta. Questo modo di trattare il problema, oltre che accrescere lefficacia del progetto, in generale consente di raggiungere un maggior numero di bambini e di assicurare una sostenibilita dellazione nel tempo. Lavorare a partire dalle risorse piuttosto che dalle mancanze. Le prime risorse sono quelle presenti in bambini e ragazzi: il potenziamento delle parti sane costituisce un fattore positivo di costruzione o ricostruzione dellidentit della persona. Queste parti sane vengono ricercate anche nella famiglia e nel contesto sociale, entrambi vissuti come terreno privilegiato dalla esperienza. Anche lambito istituzionale e il mondo del lavoro, a seconda della peculiarit dei progetti, sono coinvolti in un processo educativo, formativo, organizzativo che, sia pur in diverse misure, contribuisce ed espandere la rete e il raggio dazione originario. Partire da un soggetto esistente, che coinvolge nellazione le amministrazioni locali, le forze sociali, le istituzioni internazionali, nel cooperare, secondo i rispettivi ruoli, a rispondere al bisogno con cui ci si confronta e una modalita di partnership che si esprime nel concetto di sussidiarieta promosso dal metodo di AVSI.

attivazione delle risorse e dei soggetti presenti

investimento su azioni che aumentino il patrimonio socioculturale dei ragazzi e delle ragazze Molti progetti AVSI aventi come scopo la diminuzione della vulnerabilit in contesti particolarmente rischiosi raggiungono lobiettivo di aumentare il patrimonio socioculturale dei giovani che vivono in tali situazioni (miglioramento delle relazioni primarie, dellofferta formativa, delle condizioni di salute).

44

itascabili

progetti ed esperienze

AVSI e i bambini in condizioni di disagio


Esperienze e progetti

I bambini e la guerra
Uganda. Reintegrazione di bambini soldato LUganda negli ultimi 14 anni un paese devastato da violenti e brutali conflitti causati da gruppi di ribelli. I distretti situati nel Nord sono soggetti a numerosi, continui e violenti attacchi di guerriglia che causano un grande numero di vittime e molti danni materiali, non permettendo uno sviluppo adeguato e pieno della vita economica e sociale. I ribelli attuano incursioni, assalti e incendi nei villaggi, razzie di cibo, uccisione, mutilazioni e rapimenti di adulti e bambini. I bambini vengono rapiti dalle loro case, dai villaggi, dai campi e dalle scuole e resi schiavi, torturati, manipolati e forzati a loro volta a torturare e uccidere, divenendo bambini soldato, obbligati a servire i ribelli in vari modi (le bambine diventando loro mogli). Tra il 1996 e il 1999 lUnicef ha stimato che sono stati rapiti pi di 10.000 bambini, tra i 7 e i 14 anni. Quasi la met di essi riuscita a scappare e a tornare nei distretti di appartenenza, dopo periodi di prigionia pi o meno lunghi, con il bisogno di essere curati, fisicamente e psicologicamente, e reintegrati nella comunit di origine, spesso ormai ostile alla loro presenza. Nel distretto di Kitgum AVSI, insieme al servizio sociale del distretto, ha identificato le risorse presenti che potessero contribuire al processo di reintegrazione dei bambini rapiti (persone volontarie nella comunit che hanno per carisma, posizione sociale, desiderio, il ruolo di aiuto per gli altri, anziani che hanno a cuore i valori tradizionali, associazioni e gruppi locali gi esistenti che cercano di promuovere un discorso di pace e riconciliazione, insegnanti che gi lavorano con i bambini nelle scuole). AVSI ha sviluppato la possibilit di un dialogo e una collaborazione tra queste componenti della societ promuovendo una rete, ha fornito formazione e potenziato cos le loro capacit di identificare i bisogni e rispondervi, non sostituendosi alla comunit, ma supportandola e rendendola pi consapevole e capace di rispondere ai suoi stessi bisogni, aiutandola ad essere responsabile del desiderio che manifesta, di una risposta, di un piano dazione. Gli interventi formativi che sono tra le attivit principali del progetto psico-sociale in atto a Kitgum da parte di AVSI (corsi di fromazione, sensibilizzazioni, follow up dei corsi) hanno lobiettivo principale di rendere la persona consapevole dei suoi bisogni e di rinforzarne le risorse individuali e collettive rendendo cos lindividuo capace di fare

45

itascabili

progetti ed esperienze

delle scelte. Nel rapporto con laltra persona (bambino e/o adulto), con la sua domanda di significato, anche in situazioni di sofferenza, il compito educativo valorizzare il positivo cogliendo le potenzialit di ognuno. Questo provoca la libert delleducatore a cui e richiesto di condividere il suo vissuto e di partecipare alla ricerca di risposte che diano un senso alle esperienze fatte dalla persona stessa. La condivisione della situazione che laltro vive e la ricerca comune di una risposta permettono il cambiamento di s e dellaltro e aiutano il recupero di un rapporto di fiducia tra il bambino e ladulto. Il bambino ha infatti bisogno di un rapporto adulto sufficientemente buono per costruire la propria identit e personalit; laddove questo si perde, come in situazioni di conflitto, fondamentale recuperarle lavorando sulle attitudini delle persone (fiducia, autocoscienza, autoconsapevolezza), sulle relazioni (cooperazione, amicizia) e sulla rete di rapporti sociali (famiglie, associazioni, organizzazioni, autorit locali). Si promuovono diversi interventi che permettano al bambino di esprimere i sentimenti e le emozioni collegate agli eventi dolorosi e nello stesso tempo lo aiutino a ricostruire una continuit tra passato/presente e futuro, interrotta dallevento traumatico. Le modalit di espressione e di comunicazione dei vissuti possono essere tra le pi varie, nel rispetto della cultura e della tradizione locale. Il libro Where is my home, prodotto con Unicef, in collaborazione con gli altri organismi che lavorano con i bambini nel Nord Uganda (Save the Children, World Vision) raccoglie i disegni dei bambini rapiti, sfollati e rifugiati del Nord Uganda, disegni fatti da loro durante il processo di recupero e reintegrazione svolto in collaborazione con le comunit locali ( nei centri dagli educatori, nelle scuole dagli insegnanti, nella comunit dalle famiglie e dai volontari). Il libro si rivelato anche un valido strumento di advocacy che ha portato il problema ugandese alla luce e allattenzione della comunit internazionale. Rwanda. Bambini in una terra violenta AVSI presente in Rwanda dal 1994, un mese dopo la fine della guerra e del genocidio. Almeno un milione di morti e, in percentuale, il numero pi alto in Africa di bambini lasciati orfani. Negli ultimi anni, sebbene la situazione politica del paese si sia un po stabilizzata, permangono ancora molti problemi aperti, in particolare per la popolazione infantile, causati soprattutto dallinstabilit economica e da ferite sociali aperte col genocidio. Nellarea urbana di Kigali e di altri citt principali del Paese sono aumentati i bambini di strada che oggi si portano dietro anche il fratello o la sorella e sovente pure il genitore che non trova altra fonte di sostentamento se non lelemosina. Nelle campagne e nei villaggi molti nuclei famigliari sono guidati da bambini capofamiglia costretti a lavorare per procurare cibo ai numerosi piccoli parenti con cui vivono. Le prigioni sono ancora affollate di uomini e donne in attesa di essere giudicati per il genocidio di 7 anni fa e tra loro pure dei ragazzi e delle ragazze in giovane et. Per queste brevi ragioni e per tante altre il fenomeno dei bambini in circostanze difficili tra i principali problemi di carattere sociale che anche il Rwanda, un po come tutti i paesi che escono da eventi bellici, debbono affrontare. Dallagosto 1994, AVSI ha caratterizzato la sua attivit intervenendo in sostegno ai bambini in condizioni difficili, alle loro famiglie e alla comunit, elementi sociali che hanno sempre giocato un ruolo centrale nella vita e nella tradizione del popolo ruandese. La promozione del benessere dei bambini e delle loro famiglie passa attraverso pro-

46

itascabili

progetti ed esperienze

getti che promuovono la reintegrazione sociale dei bambini (sostegno alle scuole, supporto di attivit culturali ed educative), la ricostruzione dellambiente (ricostruzione di case e di infrastrutture come ospedali, servizi) e lo sviluppo economico delle famiglie (sostegno di attivit generatirci di guadagno). Nei suoi interventi AVSI lavora in stretta collaborazione con il personale locale, promuove lo sviluppo di associazioni locali di vedove e bambini capofamiglia, in particoalre di quelle capaci di raggiungere e reintegrare altri membri vulnerabili della societ. Si sono implementati progetti di riabilitazione del reparto maternit dellospedale di Nyanza e di riabilitazione dei servizi fisioterapici in 4 ospedali del paese contribuendo cos allo sviluppo di servizi sanitari per la popolazione pi debole, bambini compresi, cos come progetti di sostegno psicosociale e materiale durgenza per donne e bambini vittime di violenza in numerose aree del paese; Kigali Ville, Nyanza, Gatagara, Muhura. Oramai da tre anni un partenariato tandem continuo AVSI/UNICEF assicura interventi specifici alla situazione del bambino e alla presa in carico dei suoi bisogni vecchi o di quelli nuovi che si presentano allorizzonte dovuti alle nuove povert, alle malattie che non regrediscono, ai deficit del sistema sociale ruandese in particolare nel mondo educativo (carenze di strutture scolastiche, carenze di formazione degli insegnanti) e nel mondo del lavoro saturo e senza sviluppi e aperture per i giovani. Kosovo. Dallaccoglienza alla convivenza Durante gli anni di abbandono e trascuratezza in cui il Paese ha vissuto prima del conflitto e successivamente a causa della guerra, i bambini kosovari hanno affrontato sofferenze e lutti, senza la possibilit di fare normali esperienze di apprendimento e socializzazione, esperienze necessarie a sviluppare la loro personalit. Tali necessit sono rese pi acute nelle aree rurali, fornite di pochi servizi, dove i bambini vivono isolati dai loro coetanei. Inoltre la maggior parte delle famiglie vive in uno stato di povert tale che non permette di soddisfare anche le esigenze pi elementari dei bambini. Il ruolo esercitato dalla Chiesa durante il periodo della guerra stato decisivo per sostenere e alleviare le sofferenze fisiche e spirituali dei profughi. In questi anni la Chiesa ha sostenuto i bambini e i giovani organizzando attivit di animazione che hanno visto la partecipazione di ragazzi di diverse etnie, promovendo cos la solidariet e la pace. Dal 1999 AVSI presente in diverse localit del Kosovo, realizzando progetti in diversi settori dintervento, come nel campo della ricostruzione, della distribuzione di cibo in situazione di emergenza e insicurezza alimentare, nel campo dellagricoltura e in campi educativi e sociali. Il Progetto Case per profughi ha interessato la ricostruzione di 400 abitazioni, per un totale di 2800 famiglie, nelle municipalit di Peja, Istog, e Shtimlje. Altri fondi sono stati assegnati per la ricostruzione delle scuole nei villaggi. In casi di emergenza e di insicurezza alimentare il Progetto Pane per i profughi, attraverso la distribuzione di generi alimentari e beni di prima necessit ha attuato il suo intervento nelle parrocchie cattoliche sparse per tutta la regione, che poi hanno provveduto alla distribuzione capillare in tutto il territorio. Sono stati attuati Corsi di formazione per operatori tecnici e per lo sviluppo di nuove capacit e tecnologie per lampliamento del settore agroalimentare, prevedendo anche stage in Italia, attraverso il confinanziamento della Regione Lombardia. Gli interventi sociali ed educativi, ampiamente sviluppati nellultimo periodo,

47

itascabili

progetti ed esperienze

hanno lobiettivo di realizzare attivit ricreative per i bambini dei villaggi e di attuare corsi di formazione di operatori dediti ad attivit ricreative. Il progetto Programma per la prima infanzia e la giovent in Kosovo che AVSI ha iniziato nel 1999 e che stato realizzato in accordo con UNICEF e in cooperazione con scuole, con ong locali e giovani del luogo ha cercato di rispondere concretamente ai bisogni socio-espressivi dei bambini e preadolescenti dei villaggi, formando educatori preparati per organizzare e svolgere attivit ricreative per circa 400 bambini. Il progetto ha lo scopo nella sua prima fase di fornire un training teorico e pratico per lo svolgimento di attivit di animazione a trenta giovani; nella seconda fase, tale gruppo di animatori ha sperimentato in condizioni di autonomia le conoscenze e le risorse acquisite durante il corso attraverso la pianificazione, lorganizzazione e la supervisione del servizio di attivit ricreative per bambini e preadolescenti nelle scuole dei tre villaggi. Il programma coinvolge diverse aree disciplinari, come quella pedagogica, psicosociale, metodologica e pratica. Anche in questo caso, come in Uganda, viene valorizzata appieno la globalit e lunit dellindividuo, lavorando sulle attitudini delle persone (fiducia, autocoscienza, autoconsapevolezza) e sulla rete di rapporti sociali (famiglie, comunit, associazioni, organizzazioni, autorit locali). Decisivo per la reale riuscita di tali interventi il concreto e continuo coinvolgimento dei giovani, delle loro famiglie, in generale delle comunit e dei villaggi a cui appartengono, dei soggetti istituzionali e della societ civile del territorio. In tal modo sono stimolate e valorizzate lauto-organizzazione, le risorse umane e le strutture gi presenti sul territorio, occasioni di incontro delle diverse realt sociali. Leducazione e la formazione si configurano, quindi, allinterno di una tale prospettiva, come lavoro di rete, in cui i valori della solidariet e della reciprocit costituiscono le linee guida per unazione realmente educativa e sussidiaria.

48

itascabili

progetti ed esperienze

Cura, salute e nutrizione

San Paolo, Brasile. Il CREN - Centro di Recupero ed Educazione Nutrizionale Dal rapporto 2020 Global Food Outlook del International Food Policy Research Institute pubblicato nellagosto 2001, risulta che nel 2020 la fame colpir un miliardo e 300 milioni di persone, un bambino su 4 tra zero e sei anni sar denutrito. Occorre sottolineare che, dal punto di vista sociale, la denutrizione non solo una questione di fame e di infanzia, ma comporta conseguenze sulla salute, sulle capacit di apprendimento e sullo sviluppo che la persona porta con s tutta la vita. Anche se le situazioni pi gravi continuano ad essere quelle dellAfrica sub-sahariana e dellAsia (dove il 40% dei bambini denutrito), in Brasile la denutrizione permane come uno degli effetti collaterali della povert, sia in aree urbane marginali che in aree rurali. In favela il 40% dei bambini sottonutrito, e presenta soprattutto una denutrizione energetico-proteica. Tuttavia, di fronte a questo scenario, resta la consapevolezza che la fame non una questione astratta che si possa risolvere solo con interventi strutturali sulleconomia di un paese, ma un problema che riguarda persone e che pu essere affrontato a partire dalle persone stesse. Di qui nasce lesperienza del Cren, centro di recupero ed educazione nutrizionale, sorto a San Paolo del Brasile nel 93 dalla condivisione con le famiglie della favela dei bisogni di attenzione e sostegno dei bambini denutriti. subito risultato evidente che la carenza nutrizionale non causata semplicemente da un basso reddito, ma da un insieme di situazioni di disagio (disoccupazione, disgregazione familiare, violenza ecc.), che si riflette sulla scarsa educazione alla cura della persona e in particolare del bambino. Il Cren, in partnership con la Universit Federale di San Paolo- Escola Paolista de Medicina, la ONG Salus-Associazione per la salute, e AVSI, ha avviato unattivit non solo di cura della denutrizione, ma anche di educazione e prevenzione, orientata a evitare lospedalizzazione e a portare lassistenza direttamente in comunit, con linternamento dei soli casi pi gravi. Nel corso del 2000, il CREN ha svolto pi di 1.300 visite domiciliari e seguito con successo circa 200 casi di denutrizione lieve e media. evidente che per combattere la denutrizione infantile non sufficiente la distri-

49

itascabili

progetti ed esperienze

buzione di integratori alimentari o di sostituti dei pasti. Questo approccio assistenzialistico, che pu dare risultati sullimmediato, non incide sul concetto di cura del bambino e di educazione della famiglia nel suo complesso. Terminato lintervento di emergenza, la situazione ritorna a degenerare. L educazione alimentare e leducazione alla cura del bambino e della persona investono invece la persona nel suo complesso. La mamma viene responsabilizzata, viene educata a usare il cibo per curare la famiglia, a recuperare uno stile alimentare adeguato e vicino alle tradizioni della sua comunit. Il compito dei genitori viene rilanciato per restituire solidit al nucleo famigliare e alla figura adulta. Le attivit di cura che svolge il CREN oggi sono: ambulatorio (valutazione del livello nutrizionale e definizione di una dieta alimentare) day hospital per i bambini denutriti (valutazione del livello nutrizionale, cura alimentare, stimolazione del bambino) cura delle famiglie (accompagnamento sociale per ridurre le situazioni di disagio, cura psicologica, educazione alimentare, laboratori di pratica, educazione igienico-sanitaria, sensibilizzazione dei genitori) attivit preventiva e divulgativa nella comunit (incontri di sensibilizzazione alle problematiche igienico-sanitarie, attivit di misurazione del livello di denutrizione presso la comunit, educazione alimentare). Inoltre, il CREN ha attivato un processo di disseminazione della metodologia con un master in nutrizione e pediatria, in collaborazione con la Universit Federale di San Paolo, corsi di formazione per il personale dei centri educativi, azioni divulgative e preventive presso le comunit. In collaborazione con il Banco Nacional de Desenvolvimento Econmico e Social (BNDES), sta sviluppando manuali per personale medico e paramedico, per educatori, per gli organismi pubblici preposti alla cura e alla crescita del bambino, e un sito web specializzato sul tema della denutrizione. Lagos, Nigeria. La clinica St. Kizito La Nigeria, il gigante dellAfrica per la sua popolazione di pi di 120 milioni di abitanti, produttore di petrolio, ha tuttavia, nelle zone suburbane della metropoli di Lagos (10 milioni di abitanti) dove AVSI presente dal 1988 con un progetto socio-sanitario ed educativo, una situazione sanitaria precaria che deteriorata ulteriormente negli ultimi anni, instabilita dellassistenza sanitaria, per scioperi degli operatori non pagati, carenza di vaccini, AIDS che sta diffondendosi senza controllo. AVSI nel centro di cure primarie ad Ilasan, periferia di Lagos offre il suo servizio a circa 200 pazienti al giorno e particolare interesse dato alle donne in gravidanza ed ai bambini sotto i 5 anni, fasce vulnerabili della popolazione. In particolare ha creato un centro nutrizionale per assicurare un apporto nutrizionale ai bambini, ed alla famiglia, e segue un centinaio di bambini. Scopo del centro quello di educare le mamme e di garantire assistenza alla salute ed alimentare ai bambini ed alle madri con cibo preparato e distribuito al centro e cibo da portare a casa. Negli ultimi anni abbiamo iniziato a seguire alcuni piccoli sieropositivi per trasmissione verticale. Con loro si iniziato anche un rapporto di cure domiciliari ed assistenza alle mamme pure sieropositive. La problematica familiare

50

itascabili

progetti ed esperienze

sempre complessa, mancanza di lavoro e di sostentamento economico, ripetuta malattia che rende difficili anche il piccolo commercio di sussistenza giornaliera. Il centro diventato un punto di riferimento, che continua per i bambini piu grandi, dai 3 ai 10 anni, con attivit ricreative pomeridiane che una volontaria fisioterapista ha seguito (Joy boat) per favorire, dentro una amicizia ed il gioco una ripresa dello stato di salute e benessere. Il problema principale quello di essere accolti come persone e per questo tutto il team del centro di St. Kizito Clinic, nellunita del loro lavoro crea laccoglienza e la non emarginazione, che spesso altrove, specie i malati di AIDS sperimentano. Uganda. Interventi a favore di bambini colpiti da AIDS Recenti studi1 dimostrano che le principali malattie, che causano e perpetuano la povert, specialmente in donne e bambini, possono essere controllate con esito favorevole. Paesi come il Senegal a lUganda dimostrano che possibile ridurre il tasso dinfezione da HIV e che ci sono soluzioni che possono effettivamente mitigare gli effetti dellepidemia. La diminuzione dei tassi di infezione della malattia viene attribuita soprattutto ai cambiamenti nel conportamento sessuale della popolazione e in particolar modo al ritardo nel debutto delle pratiche sessuali tra i giovani e alla diminuzione del numero dei partners sessuali tra adulti sessualmente attivi. Che cosa ha condotto a questi decisivi cambiamenti di comportamento in Uganda? Il Governo ugandese non ha temuto di esercitare franchezza e coraggio! Gli effetti dellAIDS vanno oltre la malattia dellindividuo. Quindi stata adottata fin dalla met degli anni 80 una strategia multisettoriale di partecipazione democratica. Mentre le misure di controllo sono state focalizzate nel settore sanitario, ampi programmi di controllo sono stati promossi in tutti i settori chiave: comunicazioni, educazione, servizi comunitari, difesa e pianificazione economica. La commissione interministeriale per lAIDS ha guidato la battaglia, garantendo un reale e libero ambito di espressione per tutte le forze sociali. Lenfasi sulleducazione sanitaria, il counselling e il cambiamento delle abitudini sessuali, ha guidato la mobilitazione nazionale contro la malattia, nel convincimento che linfezione da HIV, diversamente dalla maggioranza delle altre malattie infettive, dipende quasi completamente da comportamenti volontariamente controllabili. Infatti alcuni studi suggeriscono che insieme alla prevenzione e ad interventi comunemente promossi dai programmi di controllo nazionale dellAIDS ovunque nel continente, esistono in Uganda elementi positivi di coesione sociale e comunicazione. Questi elementi operano da catalizzatori nel delicato passaggio dalla conoscenza sulle modalit di trasmissione dellAIDS al reale cambiamento dei comportamenti sessuali. fondamentale pertanto mantenere il vasto programma di educazione e di strategie preventive per lAIDS, che, come si dimostrato in Senegal e in Uganda effettivo e rispettoso del contesto culturale della popolazione beneficiaria. Inoltre necessario che il costo dei medicinali e di altre misure preventive non escluda la maggioranza della popolazione colpita, ovvero coloro che vivono nellAfrica Sub-Sahariana. AVSI coinvolta nella lotta allAIDS dalla met degli anni 80, nel contesto del Programma Nazionale del Governo Ugandese, in partenariato con la Commissione Nazionale dellAIDS. Le principali attivit svolte nel settore sanitario, in collaborazione col Ministero dalla Sanit, si focalizzano nel rafforzamento dei sistemi di erogazione dei servizi sanitari nei distretti di Kitgum, Pader e Gulu (Regione del nord), Hoima (Regione dellovest) e nella citt di Kampala (Regione centrale). Con laiuto di

51

itascabili

progetti ed esperienze

vari donatori, AVSI collabora con il Ministero della Sanit in un ospedale distrettuale, in un ospedale regionale e in tre ospedali diocesani. Negli stessi distretti AVSI lavora in partenariato con ONG e ed organizzazioni di base, quali il Meeting Point, Kyamusa Obwongo e la Companionship of Works Association, collaborando alla erogazione di servizi di assistenza sanitaria a domicilio a persone malate e alle loro famiglie. Le strategie sono: La prevenzione di nuove infezioni, tramite linsegnamento, soprattutto ai piu giovani, ad evitare linfezione con modalit responsabili e umane e promovendo la prevenzione della trasmissione del virus HIV dalla madre al figlio nei servizi per lassistenza prenatale. La presa in carico e la cura del malato. La protezione e cura di coloro che lHIV/AIDS ha lasciato piu vulnerabili, cominciando dagli orfani. La prevenzione la principale caratteristica della nostra risposta, investendo nelleducazione la maggioranza delle risorse disponibili. Attraverso il programma di Sostegno a Distanza per bambini orfani, pi di 3.000 orfani possono andare a scuola. Insegnanti vengono preparati allidentificazione e al dialogo con persone vulnerabili nel contesto del programma di supporto psicosociale del distretto di Kitgum. Il miglioramento delle condizioni di vita delle donne attraverso la promozioni di gruppi femminili e lalfabetizzazione degli adulti, contribuisce alla riduzione della vulnerabilit e povert negli slums di Kampala e nelle aree rurali piu remote del nord Uganda. Viene stimato che in Uganda ogni anno nascano circa 40.000 bambini infetti da HIV2. necessario promuovere interventi per la prevenzione della trasmissione dalla madre al bambino del virus, che possono essere unopportunit anche per migliorare i servizi sanitari ad altre madri e bambini, come limmunizzazione, la gestione integrata delle malattie dellinfanzia, la prevenzione e la cura delle disabilit e il supporto psicosociale. Trattamento e la prevenzione non possono semplicemente essere basati su tecniche, strumenti o disponibilit di risorse finanziarie; piuttosto dovrebbero sempre contare sul fattore umano ed essere collocati in una visione rispettosa della persona umana in quanto tale. I programmi non possono comunque limitarsi alla cura dei bambini e alla loro protezione. Il benessere dei bambini dipende soprattutto da chi li circonda: i loro genitori, le famiglie, la comunit, gli insegnanti, le autorita politiche e religiose. Cos pur rimanendo focalizzati sui bambini, il nostro lavoro punta al rafforzamento dellintera comunit. Ci di importanza fondamentale in Africa, dove le emergenze sono croniche e complesse. Pertanto qualsiasi emergenza non dovrebbe mai distogliere le organizzazioni umanitarie, I donatori e le ONG dallaffrontare il pi ampio e complesso problema dello sviluppo sotenibile. Uno sviluppo stabile nel tempo deve essere lobbiettivo finale, ed unemergenza pu essere lopportunita per tale sviluppo. Le popolazioni inoltre dovrebbero essere sempre viste non solo come semplici beneficiari, ma come responsabili.

itascabili

52

Health a key to prosperity. Success stories in Developing Countries - Organizzazione Mondiale della Sanita, 2000. 2 Prevention of Mother to Child Transmission of HIV - Implementation Manual, - Ministry of Health of Uganda January 2001.
1

progetti ed esperienze

Educazione primaria

Brasile. Rete di centri educativi Fin dai primi anni 80 AVSI sostiene in Brasile una serie di opere educative nate per accogliere i bambini e i ragazzi di aree urbane marginali. Nel corso degli anni, da semplici iniziative caritative, questi centri sono diventati veri e propri centri educativi con una dignit civile e sociale riconosciuta sia dalle comunit che dalle istituzioni pubbliche locali. Si tratta di circa 20 centri, in Belo Horizonte, Rio de Janeiro, Salvador Bahia, San Paolo, Brasilia, che accolgono circa 3.000 bambini e ragazzi da zero a 14 anni e che affrontando gli aspetti educativi dei bambini in situazione di rischio e vulnerabilit, hanno raggiunto una funzione educativa anche per gli adulti delle comunit. Dalla scuola materna per i pi piccoli al reforo escolar o appoggio scolastico per i bambini in et scolare, alle attivit ricreative per i ragazzi fino allet lavorativa, laccoglienza dei ragazzi ha alcuni tratti metodologici particolari. 1. Attenzione integrale alla persona e valorizzazione delle sue attitudini: il bambino viene accolto nella integralit della sua persona. Gli educatori si prendono cura di lui dal punto di vista della sua identit, ma anche della salute, dei rapporti famigliari, delle condizioni di violenza e disagio, traducendo il principio della centralit della persona in gesti concreti. Il bagno del bambino, ad esempio, un gesto di cura non solo igienica ma anche di affetto esclusivo, attraverso cui il bambino prende coscienza di s e del proprio corpo spesso per la prima volta. La prima colazione e il pranzo rappresentano non solo lunico nutrimento significativo, ma anche lidea dellordine e delle regole di vita. Il lavoro di affiancamento scolastico, nato per arginare labbandono scolastico che spesso genera un analfabetismo di ritorno, ha anche un effetto costruttivo, spalancando le porte su un mondo cui il bambino chiuso nella favela non ha accesso. Questa attivit comporta una collaborazione stretta con la scuola che il ragazzo frequenta, in modo da

53

itascabili

progetti ed esperienze

realizzare un lavoro complementare. Le attivit ricreative (teatro, danza, cinema) sono strutturate per introdurre i ragazzi al senso del bello e dellinfinito, del tutto sconosciuti al bambino cresciuto in condizioni di disagio. La cura della persona dal punto di vista igienico-sanitario e nutrizionale viene affrontata in modo sistematico, attraverso interventi di pediatri e di specialisti della nutrizione. Nei casi pi gravi (violenza, abbandono, malattia e denutrizione gravi ecc.) il bambino viene accompagnato attivando una rete di solidariet e quando necessario di servizi sociali. La prevenzione del lavoro infantile risulta non tanto da una azione teorica di controllo, quanto di rafforzamento della personalit del ragazzo e della sua ricerca di un significato profondo alla sua vita, che lo spinge a rifiutare i ricatti di ricchezze facili e di uno sfruttamento violento. 2. Valorizzazione e coinvolgimento della famiglia: il bambino non mai un essere isolato, sempre inserito in un contesto famigliare, destrutturato nell80% dei casi, ma comunque ricco di presenze significative. Spesso inaspettatamente, il lavoro educativo con il bambino agisce indirettamente anche sulla mamma e sulla famiglia, che risentono dellesperienza di ordine, bellezza, affetto vissute dal bambino al centro educativo. Accanto a questo effetto, il lavoro con la famiglia si sviluppa attraverso visite famigliari, attivit di ascolto e dialogo con la mamma, creando un rapporto che rafforza il contesto in cui cresce il bambino e restituisce alla madre e agli adulti il senso della dignit della persona. 3. Sviluppo di una rete di solidariet: intorno alla famiglia, il lavoro educativo tende a rafforzare una rete di rapporti con persone e istituzioni che ne riducano la vulnerabilit. La responsabilizzazione degli adulti e dei soggetti presenti accelera un processo di libera assunzione di iniziative che a sua volta genera sviluppo nella comunit. 4. Centro educativo come riferimento per la comunit: in questa azione educativa diretta alle famiglie, i centri si sono trasformati in un soggetto attivo nella comunit, in cui svolgono anche prevenzione e sviluppo umano. Il centro educativo diventa una sorta canale di accesso della comunit ai servizi della citt formale. Per valorizzare queste esperienze educative, AVSI sta realizzando anche progetti di rafforzamento della capacit e delle professionalit di questi centri, con lobiettivo di mettere in comune lexpertise e di darne maggiore visibilit anche a livello istituzionale. Albania. Centri diurni La vita dei bambini albanesi difficile a causa della povert economica, ma soprattutto culturale e morale. La loro vita si svolge in strada dove vige la legge del pi forte (ruberie e vandalismo). Molti di loro maneggiano armi ed hanno subito lutti recenti in famiglia, a causa di vendette o rivalse che disgregano i nuclei familiari ed il tessuto sociale. Molte fami-

54

itascabili

progetti ed esperienze

glie sono divise per i numerosi espatri, pi o meno regolari. Il problema sanitario ed igienico grave: diarree ed infezioni intestinali, causate da cibo avariato, oppure dal tipo di alimentazione non completa e da abitudini alimentari non corrette. Sono presenti spesso anche infezioni cutanee, causate dalla scarsa igiene. Pochissime famiglie dispongono dellacqua in casa e dei servizi igienici. Manca spesso la corrente elettrica; non c riscaldamento ed in inverno in molte zone dellAlbania la temperatura scende sotto i zero gradi. Nelle famiglie sono presenti molti figli, 4 o 5 o pi, per nucleo familiare. Let media albanese di 23 anni: un popolo di bambini e giovani. Esistono poche scuole materne per lo pi gestite da congregazioni religiose. La scuola di base, spesso non frequentata dai bambini che abitano nei villaggi lontani, dura 8 anni, dai 7 ai 14 anni. Molti bambini non imparano a causa di maestri non preparati e/o non motivati. Sembra che lunica attenzione sia portata al rispetto della disciplina comportamentale: si usa ancora la bacchetta di legno e lespulsione dallaula. Alcune classi sono ormai prive di alunni maschi, tutti espulsi. Le ragazzine (12-14 anni) vengono sistematicamente molestate (a volte anche violentate), soprattutto in ambiente scolastico causa la loro provenienza dai villaggi diversi dal luogo dove frequentano la scuola. Emerge dunque il bisogno di educazione, intesa non solo come capacit di rispetto delle regole e dei valori propri di una convivenza civile, ma anche come recupero della tradizione e quindi riscoperta della propria identit come persona appartenente ad un popolo. Pochi sono gli spazi di libert e di proposta, in cui un giovane possa maturare capacit progettuali di auto emancipazione: lunica prospettiva sembra essere quella di lasciare lAlbania. AVSI presente in Albania dal 1997 e fin dallinizio ha sviluppato progetti a favore dellinfanzia in difficolt, con interventi educativi e formativi. In particolare, oltre ad aver ricostruito cinque scuole elementari e materne, ha sostenuto in tutto il territorio albanese la creazione di 20 centri educativi, sia centri diurni sia scuole materne. Obiettivo generale degli interventi stato quello di migliorare la qualit della vita dei minori, in modo da prevenire labbandono da parte delle famiglie dorigine e contenere fenomeni di espatrio irregolare, devianza e disagio psico-sociale, attraverso i servizi offerti e le attivit didattiche e ludico-ricreative. Particolare cura stata data alla formazione perch senza un soggetto adulto, coinvolto direttamente e personalmente in un rapporto, non possibile leducazione: il bambino pu esistere, pu crescere, pu imparare solo se c un adulto che lo introduce alla realt. I training svolti hanno permesso un aggiornamento e una qualificazione degli operatori come operatori della mediazione, li hanno dotati di competenze e strumenti che li hanno resi capaci di promuovere e sperimentare nuovi percorsi educativi, per riappropriarsi dalla propria identit, per progettare e immaginare un futuro possibile per i propri ragazzi, legato alla propria storia e appartenenza. Nessun intervento stato una sostituzione del popolo albanese, nessun intervento ha costruito un proprio centro o una propria scuola, ma ci si mobilitati affinch strutture esistenti, statali e non statali, venissero potenziate e attrezzate al meglio per rispondere ai bisogni della realt albanese. Infatti prioritaria stata lattenzione a far

55

itascabili

progetti ed esperienze

acquisire alle controparti locali capacit gestionali, utili e necessarie al raggiungimento di unautonoma capacit progettuale, gestionale e finanziaria. Lagos, Nigeria. Scuole materne ed elementari In Nigeria, la transizione verso la democrazia e lapertura di nuove prospettive nei rapporti internazionali e nella gestione del paese ha anche fatto emergere una situazione precaria e deteriorata negli ultimi anni sia in campo sanitario sia educativo. Questa situazione evidente in Lagos, la pi grande metropoli della Nigeria con 10 milioni di abitanti che vivono in condizioni diverse, caratterizzate da un accentuato dislivello sociale: dalla fascia ristretta dei ricchissimi alla fascia molto ampia di chi vive di rifiuti o vive in una stanza senza luce ed acqua. Le strutture scolastiche, dalla scuola materna a quella secondaria, sono insufficienti, con classi sovraffollate, il materiale scolastico costosissimo e gli insegnanti non hanno una formazione adeguata, cosi come inadeguata la loro retribuzione, con conseguente assenteismo e scioperi frequenti a scapito degli alunni. I metodi e i sistemi educativi non rispondono alle esigenze del nuovo assetto sociale, per esempio i regolamenti scolastici prevedono ancora la punizione corporale sia nella scuola materna sia nella primaria e secondaria. AVSI ha sviluppato in questi ultimi anni anche un intervento nel campo educativo, partendo da esigenze concrete verificate nel corso delle proprie attivit. In particolare, nella periferia di Lagos, ha realizzato una scuola materna ed elementare per garantire leducazione ai bambini di un villaggio di pescatori sulla Laguna. I pescatori provengono dalla vicina Repubblica del Benin, parlano solo la lingua Egun. Attualmente, frequentano la scuola 400 bambini, provenienti da questo e da villaggi vicini. Le linee di fondo che orientano la nostra azione educativa hanno come punto centrale la totalit della persona; perci si d molta importanza allapprendimento della lingua inglese, che la chiave per linserimento dei bambini nella societ, ma, attraverso le altre attivit curricolari ed extracurricolari (drammatizzazione, attivit artistiche e sport), si favorisce lo strutturarsi di una persona completa. Si cerca di coinvolgere il pi possibile i genitori a partecipare al processo formativo dei bambini, in un quotidiano contatto tra le maestre e le famiglie, con corsi di educazione sanitaria per gli adulti e organizzando momenti ricreativi e di festa. Data la diversa provenienza dei bambini, in un contesto dove i conflitti tribali sono ancora molto frequenti e violenti, si cerca di favorire attivit socioculturali allinterno e allesterno della comunit, valorizzando le danze e i canti tradizionali delle diverse etnie e partecipando a varie celebrazioni allesterno del villaggio. Poich la persona di cui ci prendiamo cura una e uno dei bisogni maggiori quello della cura della salute, la scuola, in collaborazione con la clinica St.Kizito, di AVSI, ha cominciato un programma di medicina scolastica che consente il controllo della salute, la distribuzione di medicine e lintervento in caso di bambini malnutriti, corsi di igiene e prevenzione delle malattie con i genitori, campagne di vaccinazione e lotta allAIDS. La formazione degli insegnanti avviene attraverso il lavoro in team, la partecipazione attiva ai momenti decisionali dellorganizzazione e corsi di aggiornamento, promossi in collaborazione con le autorit scolastiche governative e aperte anche ai docenti delle scuole governative della zona. La continuit e la stabilit di rapporti instauratasi nella scuola non cessa con la fine

56

itascabili

progetti ed esperienze

della scuola primaria. In questi anni nata anche liniziativa di un Remedial School, sempre nella zona periferica di Lagos, per dare un sostegno accademico ed educativo ai ragazzi della scuola secondaria. Il Remedial School offre lezioni pomeridiane su tutte le materie, un laboratorio scientifico adeguatamente attrezzato, una biblioteca per i ragazzi che non hanno la possibilit economica per lacquisto dei libri, una sala di lettura per chi non ha, a casa, un posto per studiare, attivit sportive ed extracurricolari (escursioni, coro, giornalino, film) che favoriscono la crescita globale della personalit del ragazzo e generano rapporti amicali e di reciproca stima fra diverse provenienze ed etnie. I ragazzi che concludono la scuola primaria, hanno quindi la possibilit di continuare anche negli anni successivi il cammino formativo iniziato.

57

itascabili

Romania, Bucharest Victor Babes Hospital

progetti ed esperienze

Accoglienza

Bucarest, Romania. La Casa Emilia Agli inizi degli anni 90 si scoperto in Romania il dramma dei bambini abbandonati in istituto (oltre 100.000) e di quelli malati di AIDS. Secondo i dati del dicembre 2000 del Ministero della Sanit, il numero totale di casi di AIDS conclamato (esclusi i casi di sieropositivit), di 5.629 bambini, di cui 3.445 in vita, questi dati evidenziano che nel paese si contano circa il 60% dei casi di seropositivit pediatrica di tutta lEuropa. Il periodo in cui si sviluppata maggiormente linfezione, la cui trasmissione stata prevalentemente orizzontale (trasfusioni con sangue infetto, manovre nosocomiali inadeguate), sono gli anni compresi tra il 1988 ed il 1991; i bambini pi colpiti hanno quindi attualmente unet compresa tra i 10 e i 13 anni. Tra questi circa la met sono bambini che vivono in orfanotrofi o in istituti similari. Si tratta quindi di bambini abbandonati dalle proprie famiglie, che non hanno mai avuto il calore di una casa, non hanno mai avuto laffetto di genitori e di fratelli, che si trovano ad affrontare ora anche la difficolt della malattia. AVSI opera in Romania dal 1994 anno in cui ristuttur il padiglione pediatrico dellospedale V. Babes di Bucarest, padiglione che ospitava (ed ospita tuttora) bambini sieropositivi abbandonati. Da allora, in collaborazione con diverse organizzazioni locali, AVSI svilupp diversi progetti a favore dei bambini sieropositivi, privilegiando due istituti: lospedale V. Babes e lospedale-orfanotrofio di Vidra. I progetti inizialmente ebbero carattere sanitario e formativo, ma ben presto ci si rese conto che ci di cui avevano maggiormente bisogno i bambini non erano soltanto cure migliori, ospedali e orfanotrofi pi belli, ma il primo bisogno era quello di sentirsi voluti bene da qualcuno. Il bisogno di appartenenza, un rapporto con un adulto che abbia cura di te, essenziale alla costituzione di un io equilibrato. Da allora i principali sforzi progettuali e i maggiori investimenti sono andati nella

59

itascabili

progetti ed esperienze

direzione di trovare soluzioni famigliari per i piccoli. Le direzioni sono state diverse, dalla ricerca della famiglia di origine del bambino per verificare la possibilit di un ritorno del bambino o almeno la possibilit di riallacciare i rapporti con la propria mamma e con il proprio pap, alla ricerca di famiglie alternative (affidatarie o adottive), alla costruzione di case di accoglienza di tipo famigliare. Nel 2000 cos stata costruita la prima casa famiglia per bambini sieropositivi abbandonati. La casa, situata nel villaggio Chiajna a circa 6 km da Bucarest, che accoglie 8 bambini provenienti dallospedale-orfanotrofio di Vidra, una vera e propria casa famiglia. Ci sono una mamma, un pap e un fratello che condividono la vita con altri otto bambini. La casa molto bella, perch questi bambini che non sono stati voluti e che hanno vissuto per anni in strutture inadeguate, sovraffollate, senza rapporti significativi, abbiano la possibilit di vivere il bello. La casa molto grande perch i bambini possano avere uno spazio adeguato per loro, possano avere ognuno il proprio letto, il proprio armadio, la propria scrivania. I bambini vanno a scuola come tutti gli altri bambini, fanno i compiti come tutti i bambini, giocano come tutti gli altri bambini. I bambini hanno ora una mamma e un pap come dovrebbero avere tutti i bambini. Nel 2001, nel quartiere Pipera di Bucarest AVSI ha avviato il progetto di una seconda casa famiglia che accoglier altri 5 bambini. Anche ciascuno di loro, presto, avr la possibilit di essere accolto da qualcuno che gli vuole bene e che lo chiama per nome. Novosibirsk, Russia. Accoglienza di ragazze madri Novosibirsk una grande citt della Federazione Russa, situata al centro della regione siberiana; uno dei pi grandi centri industriali ed rimasta uno dei pochi centri scientifici e culturali. Linstabilit economica e politica degli ultimi anni in tutta la Federazione ha provocato una seria crisi sociale, acutizzatasi per i mancati cambiamenti delle strutture assistenziali e di intervento sociale. Ogni anno aumenta a Novosibirsk la percentuale degli abitanti con basso reddito e di inabili al lavoro, col risultato che su 1.485.000 abitanti ben 256.000 necessitano di essere sostenuti dai servizi sociali. A ci si aggiunge la crisi della famiglie e laumento dei bambini abbandonati o trascurati. Molte le donne e i bambini che vivono in particolare situazione di disagio, numerose sono le ragazze madri che sono prive di mezzi per allevare il proprio figlio. Quella delle ragazze madri tra laltro non una categoria riconosciuta: solo una piccola parte di queste donne ufficialmente registrata in questura e riceve sussidi per la cura del bambino, ma la percentuale reale di madri bisognose decisamente pi alta. Si rileva anche che i dormitori per i senza tetto non sono abilitati ad accogliere donne con bambini in tenera et. La mancanza di risposta a questa situazione di bisogno costringe molte donne ad abortire anche oltre i termini di legge, oppure ad abbandonare il neonato in ospedale. Ricordiamo che in Russia sono centinaia di migliaia i bambini abbandonati in orfanotrofi. Gli istituti sono prevalentemente statali, poche sono le organizzazioni religiose o laiche che solo negli ultimi anni hanno iniziato a proporre forme di accoglienza diverse, questo anche a causa delle leggi inadeguate e della eccessiva burocratizzazione della Federazione Russa. AVSI che opera nella regione di Novosibirsk dal 1995, inizialmente con progetti

60

itascabili

progetti ed esperienze

di tipo sanitario e di formazione, dal 1998 ha iniziato un sostegno ad una casa di accoglienza per ragazze madri gestita dalla Caritas. Questo sostegno nel tempo si consolidato fino a permettere nellanno 2001 lacquisto di una casa per laccoglienza di ragazze madri. In questa casa vengono accolte 5 ragazze con i loro bambini, i dieci ospiti vengono aiutati innanzi tutto nei bisogni primari: un tetto e il cibo. La vera accoglienza per quella che permette alla mamma di vivere con il proprio figlio senza essere costretta dalle circostanze difficili in cui vive ad abbandonarlo, e al bambino di poter crescere con la propria madre, con un rapporto significativo che solo pu accompagnarlo alla crescita e alla scoperta della propria identit. Laccoglienza temporanea, fino a quando il bambino compie un anno di et, dopodich la mamma viene accompagnata alla ricerca di un lavoro e di una casa dove possa vivere autonomamente con il proprio figlio. La mamma e il bambino non vengono abbandonati, ma anche negli anni successivi allaccoglienza sono sostenuti sia rispetto ad alcuni bisogni specifici primari, sia soprattutto perch non viene meno un rapporto educativo con gli educatori che li avevano accolti. Fermo restando che la creazione di una struttura sociale di accoglienza per ragazze-madri non soddisfa lintero bisogno della Regione Siberiana, va comunque sottolineato che si tratta di un esempio innovativo nellambito dellintervento sociale: unalternativa sociale reale capace di valorizzare le esperienze positive del rapporto madre-bambino. Asuncion, Paraguay. Casa dos menores Virgen de Caacup Negli ultimi anni in Paraguay stata portata allattenzione dellopinione pubblica la problematica riguardante i bambini e i ragazzi di strada. In particolare si constatato che la situazione di questi minori peggiora quando alle loro gi precarie condizioni di vita si aggiunge linfrazione della legge, con le pene che essa comporta. Il minore che si trova a vivere in carcere, in condizioni subumane, una volta uscito spesso non ha altra scelta che quella di tornare in strada e riprendere lo stesso stile di vita che gi in precedenza laveva condotto a delinquere, creando cos un circolo vizioso. Fin dal 1994 i volontari del Centro de Solidaridad San Roque Gonzalez iniziarono a visitare settimanalmente gli adolescenti internati nellunico riformatorio minorile di Asuncin Panchito Lopez. Liniziativa, che prosegue tuttora, si propose, attraverso momenti di dialogo, attivit culturali, formative e ricreative, di offrire ai minori momenti di condivisione nei quali essi si sentissero valorizzati nella loro dignit di esseri umani, pur nella drammatica esperienza della reclusione. I risultati positivi di questopera di caritativa diedero quindi impulso allidea di offire ai minori anche unalternativa concreta al ritorno alla vita di strada, una volta usciti dal riformatorio. Di qui nato il Programma di reinserimento sociale per adolescenti del Riformatorio minorile unico di Asuncin, il cui perno il funzionamento di una Casa di accoglienza, un luogo cio in cui i minori possono essere accolti e crescere in un ambiente che ne stimola la formazione completa come persone e ne promuove il riscatto della dignit, con lobiettivo del pieno reinserimento sociale. La Casa dos menores Virgen de Caacup, ubicata in Itaugu a 35 Km dalla capitale Asuncin, unica nel suo genere in tutto il territorio paraguayano, ospita attualmente

61

itascabili

progetti ed esperienze

62

itascabili

16 ragazzi. Vi vengono ammessi minori, dai 13 ai 19 anni, in condizioni di povert e che non abbiano compiuto reati estremamente gravi, in libert piena o condizionata, che scelgono volontariamente di entrare in casa. La permanenza nella casa libera, non ci sono guardie di sicurezza e le porte sono sempre aperte. Nella casa i minori, sotto la guida di educatori ed altro personale qualificato, possono compiere unesperienza di vita comunitaria, assimilare forme e modi di convivenza ordinata, attraverso leducazione al rispetto di se stessi, delle libert fondamentali proprie e altrui e alla conquista del senso della propria dignit e responsabilit. I ragazzi possono inoltre completare la loro formazione scolastica e acquisire una preparazione professionale che possa consentire loro un efficace reinserimento nella societ anche attraverso un impiego dignitoso. Con lappoggio del Ministero dellEducazione stata aperta nella stessa Casa una sezione speciale di scuola elementare. I ragazzi possono cos frequentare la scuola al mattino e terminare il ciclo obbligatorio partecipando a corsi per lalfabetizzazione degli adulti. Coloro che desiderano poi continuare gli studi, hanno la possibilit di frequentare corsi superiori tecnici in un Istituto nazionale di Itaugu, con il quale la casa convenzionata, nel turno serale. Utilizzando le risorse naturali esistenti allinterno della propriet della Casa - terreno, laguna e bosco - stato anche avviato un lavoro di formazione tecnica nelle aree di orticoltura e floricoltura, apicoltura, piscicoltura e avicoltura. Sono stati effettuati corsi di formazione teorico-pratici con tecnici e ingegneri agronomi messi a disposizione dal Ministero dellAgricoltura. Ognuno dei giovani, secondo le sue capacit e scelte, ha partecipato attivamente ad alcune di queste attivit, acquisendo man mano le conoscenze teorico-pratiche di un mestiere che, alla conclusione del programma, possa consentirgli un impiego. La Casa favorisce infine il riavvicinamento con le famiglie di origine dei ragazzi, onde verificare la possibilit di un reinserimento familiare, sempre e quando ci venga ritenuto positivo. La casa riconosciuta dalle istituzioni locali come luogo deccellenza in quanto ad efficacia rispetto agli obiettivi proposti. Di conseguenza, sempre con maggiore frequenza, le autorit giudiziarie sollecitano lingresso diretto di giovani alla Casa come alternativa al carcere. In oltre un anno di attivit sono entrati nella Casa 16 ragazzi che si sono inseriti nella traiettoria educativa con molto entusiasmo. Uno di essi ha gi completato il programma con studi secondari terminati e si reinserito nella famiglia paterna. Leducazione personalizzata, caratteristica della Casa, presenta come esito nei ragazzi un cambiamento radicale di posizione verso se stessi (aumentano lautostima e la sicurezza nelle proprie doti umane) e verso lambiente esterno (maggior apertura e sguardo positivo alla realt).

progetti ed esperienze

Formazione professionale

Nairobi, Kenya. St. Kizito Vocational Training Institute Il St. Kizito Vocational Training Institute, localizzato alla periferia di Nairobi, stato realizzato da AVSI e dalla Arcidiocesi di Nairobi,con fondi del Governo Italiano, Ministero Affari Esteri - Cooperazione allo Sviluppo, e` ora gestito su incarico della stessa Arcidiocesi. un Istituto che offre corsi di formazione professionale generalmente di due anni, con esami effettuati da Istituzioni governative e organismi internazionali. Avviato nel 1994 con tre corsi di formazione e 63 studenti, nellanno 2001 lIstituto offre 8 corsi (meccanici auto ed elettrauti, elettricisti, elettronici, falegnami, sarte, idraulici e lavorazione metalli, segretarie azienda, computer) ospitando circa 400 studenti.In totale fino allanno 2000 pi di 1.300 giovani hanno frequentato l`Istituto. I dipendenti della scuola sono 29 e tra questi 21 insegnanti. Particolarmente significativa e la percentuale di alunni che superano gli esami, pari circa al 95%. Il punto fondamentale di lavoro la proposta educativa alla persona del giovane come introduzione alla realta`. Da qui nasce una posizione attenta a tutti i bisogni implicati nella presenza del giovane nella scuola e in particolare al bisogno educativo che chiede anche una particolare cura della qualit della formazione professionale offerta. Il bisogno educativo viene affrontato attraverso un comune lavoro degli insegnanti nellapprofondimento della consapevolezza della loro funzione di educatori e attraverso la proposta ai ragazzi di un rapporto di amicizia che varchi anche i confini della vita a scuola. Un ambito dove il giovane possa fare esperienza della positivit della realt e riconquistare una sguardo pieno di speranza su se stesso. Una tale posizione ha portato la scuola a vivere un apertura alla realta` sociale, specialmente quella imprenditoriale, alla quale viene proposta una possibilit di lavoro comune al fine di offrire una formazione realmente efficace dal punto di vista dei bisogni del mondo del lavoro. Diversi sono gli esempi di imprenditori e manager aziendali, tra i quali per es

63

itascabili

progetti ed esperienze

quelli della PIRELLI, TOYOTA e GENERAL MOTORS, che hanno avviato un ormai consolidato rapporto con la nostra scuola (si rendono disponibili per corsi di aggiornamento degli insegnanti, opportunit di apprendistato per studenti, donazione di attrezzature per i laboratori ecc.) Per rispondere al bisogno degli studenti del St Kizito di inserirsi nel mondo del lavoro stata realizzata una partnership tra AVSI, St. Kizito VTI e lAssociazione no profit COWA (Companionship of Works Association). La collaborazione prevede un programma di intervento per assistere ex studenti e giovani disoccupati o sottocupati della periferia di Nairobi nella ricerca di opportunita` di lavoro e nell` avvio di piccole attivita` in proprio. L`attivita` e` svolta attraverso due servizi: il primo favorisce la comunicazione tra il giovane che cerca lavoro e l`azienda, rispondendo agli elementari bisogni delle persone (preparare un curriculum vitae, affrontare un colloqui di lavoro, individuare ditte dove inviare domande di assunzione, ecc) e offrendo alle aziende un punto di riferimento capace di preparare il candidato e offrire una prima selezione degli stessi. (fatto molto importante per le aziende sempre alla ricerca di personale affidabile. Pi di 400 persone hanno trovato lavoro. Il secondo, attraverso formazione e consulenza, favorisce un realistico e responsabile approccio alla opportunita` di avviare una attivita` in proprio. stato individuato un programma che possa accompagnare il giovane attraverso le diverse fasi imprenditoriali ( dalla generazione di idee, al studio di fattibilita`, allo start up ecc), accentuando la responsabilita` personale e fornendo adeguati e indispensabili strumenti professionali. Anche in queste due attivita` il punto fondamentale educativo. Un aiuto ad una valorizzazione di se` e di coscienza della realta` e la proposta di un luogo che l`alternativa alla solitudine, anche e in particolare dal punto di vista professionale. Dal marzo 2001 circa 110 persone hanno partecipato a corsi di formazione, favorendo lavvio di 23 micro aziende, anche attraverso piccoli prestiti finalizzati a rendere possibile linizio dellattivit. Kampala, Uganda. COWA Vocational Training Centre e CENTENARY Vocational Training School AVSI direttamente coinvolta nel sostegno e nellattivit quotidiana di due scuole professionali di Kampala. Le scuole sono private e gestite da una organizzazione non governativa locale (il COWA) che parte del netwok AVSI. La formazione professionale non-governativa la sola parzialmente efficace in Uganda, poiche` il governo al momento non ha risorse necessarie per un piano che copra tutto il paese con strutture adeguate. Recentemente un grosso progetto per la rivitalizzazione della formazione professionale in Uganda, con finanziatori internazionali e l`avvallo del governo, ha indirizzato i suoi sforzi a 20 scuole di formazione professionale private per tutto il paese e tra queste sono comprese le due scuole del COWA sorte e funzionanti con la collaborazione di AVSI. Il COWA Vocational Training Centre La scuola situata nella periferia di Kampala in una zona che si sta trasformando da

64

itascabili

progetti ed esperienze

rurale ad industriale ed offre corsi di falegnameria, carpenteria metallica e muratura (e` previsto un ulteriore sviluppo nel prossimo futuro con corsi di impianti elettrici ed informatica). La scuola e` attualmente frequentata da 30 studenti ed ha diplomato, nel corso di questi anni, 101 ragazzi, di cui circa il 90% e` riuscito ad inserirsi nel mondo del lavoro. Sorta nel 1995, la scuola nata come conseguenza di una altra attivita`: alcuni operatori AVSI avevano iniziato una presenza costante all`interno del riformatorio giovanile di Kampala (turnover annuale di circa 500 adolescenti) con ragazzi che erano stati incarcerati a seguito di problemi legati alla poverta` e all`abbandono. Poiche` molti avevano manifestato il desiderio di cambiare e ricominciare, e` stato creato questo centro come una esperienza di bottega (scuola lavoro). Tuttora la maggior parte degli studenti viene dal riformatorio dove il COWA continua una presenza educativa quotidiana. Collegate alla scuola ci sono anche case di accoglienza per quegli studenti che sono senza casa o sono stati abbandonati dalla famiglia (in genere il legame con i genitori si ricrea dopo alcuni anni, quando i ragazzi riescono a diplomarsi e a trovare un lavoro). La scuola e` cresciuta anche come impostazione: non e` piu` una bottega artigiana con alcuni apprendisti ma e` una vera scuola professionale a cui il Ministero dell`Educazione ha chiesto un contributo culturale per la preparazione dei propri programmi di settore. Si sviluppata anche una collaborazione con alcune industrie locali, a cui vengono chiesti stages per gli studenti e valutazioni sul grado di preparazione raggiunto dai ragazzi. Il Centenary Vocational Training School Questa scuola stata iniziata da un missionario irlandese nel 1992 per accogliere le ragazze orfane a motivo dell` AIDS che cominciava a diffondersi a Kampala. Il bisogno primario era accogliere e ridare coraggio a chi, avendo perduto entrambi i genitori, era abbandonato dai parenti, messo ai margini della societ perche vittima dell`AIDS e trattato come servo in casa altrui. L`esperienza cresciuta rapidamente ed stata affidata al COWA dal fondatore stesso. Ora la scuola, frequentata da 65 ragazze che vengono tutte da situazioni di disagio sociale urbano, offre corsi di sartoria, cucina e attivita` creative artigianali. Alcuni criteri di metodo delle due scuole: 1. Particolare cura a non offrire solo istruzione, ma anche educazione. - Si fatta richiesta ad adulti significativiperche` si mettessero a disposizione per incontri regolari con gli studenti. - Si sono invitati politici e personalita`, sia per dare visibilit alla scuola, sia per rendere certi gli studenti del fatto che il loro tentativo e` una bella avventura ed ha una grande dignit; 2. Lavoro di AVSI con il management delle scuole per cercare di rendere solida la struttura anche dal punto di vista amministrativo e gestionale. Uno degli obiettivi e` quello di creare scuole che funzionino anche come avventura imprenditoriale. Per questo si sono cercati finanziatori internazionali per i singoli ragazzi e si sono creati settori di produzione interni alle scuole che producono reddito.

65

itascabili

progetti ed esperienze

66

itascabili

Manaus, Brasile. La scuola agricola Rainha dos Apstolos Per secoli luomo dellAmazzonia ha vissuto di quello che la foresta gli offriva, mentre oggi si registra una diminuzione di ci che la foresta pu offrire alluomo. Occorre pertanto imparare a coltivare la foresta rispettandola e nel contempo incrementarne la produttivit. Uscire dallestrattivismo ed entrare nella fase della produzione non per possibile senza che alluomo siano dati i mezzi tecnici e culturali necessari per fare un salto qualitativo nel modo di rapportarsi con lambiente. La scuola agricola Rainha dos Apstolos, ubicata a 30 Km da Manaus, nel cuore della foresta amazzonica, tenta di rispondere a questa esigenza. Essa accoglie ogni anno circa 300 giovani indios, figli dei piccoli produttori agricoli dellinterno dellAmazzonia, per offrire loro una formazione umana e professionale, insegnando tecniche e metodologie di produzione e di allevamento che possano essere in seguito riprodotte nei luoghi di origine, per contribuire al miglioramento della qualit di vita delle comunit indigene e al tempo stesso concorrere al mantenimento e alla salvaguardia dellecosistema amazzonico, oggi seriamente in pericolo. Essa una realt unica nel suo genere perch poche sono le strutture, sia pubbliche che private, in Amazzonia, che preparano tecnici per il mondo agricolo, e quelle che esistono orientano piuttosto alle grandi aziende agricole che alle piccole realt allinterno, che sono la maggioranza. Fondata nel 1974 ad opera dei Padri Missionari del PIME, dal 1990 gestita dalla Cooperativa So Jos, unopera sociale senza fini di lucro costituita da persone di Manaus. Dallo stesso anno AVSI collabora con la scuola attraverso linvio di volontari, tecnici e formatori e con progetti di ammodernamento e sviluppo finanziati fra gli altri dalla Cooperazione italiana e dalla UE. La scuola offre un percorso formativo completo dallasilo fino al diploma professionale, riconosciuto dallo Stato. Essa per per le specifiche finalit concentra i suoi sforzi negli ultimi cinque anni che vengono svolti in regime di internato. Dato che i giovani indios non posseggono mezzi economici, gli alunni pagano solo una tassa simbolica discrizione. La scuola provvede pertanto allalimentazione, al materiale didattico e, in alcuni casi, anche al vestiario. Limpostazione pedagogica della Scuola improntata sulla difesa e valorizzazione della cultura indigena, non sulla sua sostituzione con schemi e valori della cultura occidentale: non a caso, molti dei docenti sono di origine e provenienza indigena (generalmente ex studenti della Scuola stessa). La proposta di formazione avanzata dalla scuola, suscitando lammirazione e lo stupore di tutti, non solo riesce a permettere una convivenza pacifica tra le diverse identit tribali, ma favorisce il costituirsi di vincoli di unit e collaborazione estremamente utili e proficui per lo sviluppo della persone e del popolo che vive allinterno dellAmazzonia. Annessa alla scuola c unazienda agricola che ha una superficie di circa 200 ettari, la maggior parte dei quali sono rimasti a foresta tropicale. Solo una cinquantina di essi oggetto di coltivazione. La funzione principale dellazienda quella di consentire agli alunni una sperimentazione pratica durante i cinque anni di internato di tutto quanto si apprende in aula. Gli alunni alternano momenti di lezioni teoriche al lavoro pratico di formazione agricola nei settori della zootecnia, dellagronomia e delle industrie agrarie. Qui acquisiscono la tecnica degli innesti; imparano a coltivare secondo principi che non siano di sfruttamento intensivo bens migliorativi del terreno su cui lavorano; vengono loro inse-

progetti ed esperienze

gnate tecniche razionali per la selezione e il miglioramento genetico delle razze di allevamento e la conservazione di alcuni prodotti. Nellazienda si allevano bovini, suini, caprini, conigli, anitre selvatiche e api. Alcune specie di pesci e tartarughe in pericolo di estinzione sono allevate con lo scopo di ripopolare la foresta circostante. Le coltivazioni sono quelle tipiche della foresta tropicale: maracuj (frutto della passione), arancio, papaya, limone, mango, cocco, pupunha. Oltre alla produzione di verdure e legumi stata avviata anche unattivit di giardinaggio finalizzata alla produzione di piante ornamentali. Ai giovani vengono insegnate anche tecniche per la trasformazione dei frutti tipici della regione, come ad esempio la mandioca, dalla cui lavorazione si ottengono farina e altri derivati per la produzione di liquori, dolci e marmellate, oltre che imparare le varie fasi per la produzione di formaggi. La seconda funzione dellazienda di sostenere la scuola attraverso le proprie produzioni, riducendo la necessit di acquistare i cibi per lalimentazione degli alunni. In effetti la produzione diretta arriva a coprire l80% dei fabbisogni della scuola. La scuola nel corso di questi anni si affermata come una realt assai significativa per la vita degli indios e di tutta la regione amazzonica. Gran parte degli alunni formatisi alla scuola stanno ora lavorando nelle loro comunit di origine, svolgendovi una funzione di traino e incentivo per lagricoltura e numerosi piccoli produttori agricoli della regione trovano nella scuola un efficace polo di sperimentazione e divulgazione di tecniche innovative. Tutto ci produce un miglioramento del tenore di vita degli indios nelle comunit di villaggio e contribuisce a salvaguardare lintero ecosistema amazzonico. Tunisi, Tunisia. Formazione di formatori Le scuole fondate e gestite dalla Chiesa cattolica in Tunisia godono di una lunga e stimata tradizione: le fondazioni pi antiche risalgono alla met del XIX secolo e le pi recenti agli anni cinquanta. Dopo la proclamazione di indipendenza del Paese, nel 1956, la Chiesa ha ottenuto di proseguire, autofinanziandosi ed adeguando i programmi di insegnamento a quelli stabiliti dallo stato, la sua opera educativa rivolta alla giovent tunisina, con scuole materne, elementari e professionali. Le scuole della Prelatura, in cui c pieno rispetto per la tradizione culturale tunisina ed insieme lattenzione a promuovere i valori umani universali, sono frequentate da quasi 5.400 bambini e ragazzi delle diverse fasce sociali ; la quasi totalit del personale (oltre 400 operatori) locale. La popolazione dimostra una grande fiducia ed un grande apprezzamento nei confronti di queste scuole, per la qualit dellinsegnamento e la cura per la formazione umana che hanno sempre assicurato. Limportante evoluzione in atto nel Paese, con i suoi risvolti positivi (maggiore respiro culturale, pi contatti con realt esterne, pi risorse a disposizione) e negativi (diffondersi di situazioni familiari instabili e disordinate, perdita di riferimenti significativi, proliferare di bisogni indotti e conseguente disagio giovanile) sollecita tuttavia la Prelatura a dedicare unulteriore attenzione alle scuole, sul piano educativo e didattico come sul piano organizzativo e strutturale. Un adeguamento delle strutture e delle attrezzature scolastiche (piuttosto obsolete) necessario per rispondere alle esigenze attuali ed in considerazione del fatto che anche lambiente fisico ha una valenza educativa. Non meno necessaria la formazione-aggiornamento del personale, perch sia in

67

itascabili

progetti ed esperienze

grado di svolgere efficacemente e consapevolmente il proprio compito in una realt che evolve. A questo livello interviene il progetto formativo di AVSI, con contributi dellUnione Europea, per il personale delle scuole di base della Prelatura di Tunisi (direttori, insegnanti, sorveglianti, amministrativi, ausiliari). Il presupposto che, nella diversit di ruoli e di mansioni, tutti gli adulti che operano nella scuola formano la comunit educante ed hanno una responsabilit nella crescita dei bambini; la finalit incrementare le professionalit e la condivisione educativa allinterno di ciascuna scuola, sviluppare lo scambio di esperienze e la collaborazione tra le diverse scuole, permettere contatti con altre realt educative. Pi nello specifico: lobiettivo per i direttori e responsabili (persone non tunisine, con formazione ed esperienze diverse) laggiornamento sui cambiamenti in atto nel sistema scolastico e sociale tunisino, su orientamenti e metodologie pedagogico-didattiche, sui fattori che favoriscono la qualit globale del servizio; per gli insegnanti, lassunzione e/o lincremento di sensibilit, approcci, metodologie e tecniche che permettano loro di conoscere, valorizzare e aiutare a crescere lalunno (anche quello in situazione di disagio) nella sua globalit ; per i sorveglianti (personale con compiti sia educativi sia segretariali) e per gli amministrativi, lacquisizione di competenze operative aggiornate (come limpiego dellinformatica) e lo sviluppo di competenze comunicative; per il personale di servizio, ladeguamento delle tecniche di lavoro per migliorare il livello di igiene e sicurezza. Sono previsti sia interventi specifici per ciascuna categoria professionale e per le singole scuole, sia interventi trasversali. Tra le azioni finora attuate, particolare interesse ha avuto uno stage formativo in Marocco per i responsabili scolastici, che ha permesso loro di incontrare, raccogliendo utilissimi suggerimenti, lesperienza dellECAM (Enseignement Catholique au Maroc), nelle cui scuole sono stati introdotti il progetto formativo, la pedagogia del progetto, la Biblioteca Centro di Documentazione.

68

itascabili

progetti

AVSI e i bambini in condizioni di disagio


Progetti in corso nel 2001 e numero di bambini coinvolti
I bambini e la guerra Paese Angola Burundi Kosovo Rwanda Sierra Leone Uganda Totale Numero di bambini 500 200 1750 1200 1250 2000 6900 Educazione primaria e accoglienza Centri di accoglienza, centri educativi, sostegno scolastico a bambini con difficolt economiche e familiari residenti in quartieri marginali di grandi metropoli o in aree svantaggiate Paese Albania Brasile Colombia Haiti Kenya Libano Lituania Messico Mozambico Nigeria Palestina Polonia Romania Russia Tunisia Venezuela Totale Numero di bambini 3100 1750 450 600 700 1350 150 300 200 700 200 180 850 50 250 170 11000

Cura, salute e nutrizione Cura e recupero di bambini denutriti e malnutriti; educazione nutrizionale Paese Brasile Messico Nigeria Totale Numero di bambini 1500 500 100 2100

Programmi sanitari e sociali di cura e sostegno ai malati di AIDS Paese Nigeria Romania Uganda Totale Numero di bambini 100 530 2200 2830

Recupero e reinserimento di minori in carcere Paese Paraguay Uganda Totale Numero di bambini 100 200 300

Altri programmi sanitari a favore dei bambini Paese Brasile Kazakhstan Totale Numero di bambini 1000 100 1100 Formazione di operatori di centri di accoglienza e centri educativi Paese Albania Brasile Kenya Totale Numero di bambini 1200 3000 17000 21200

Paese Brasile Kenya Marocco Messico Totale

Numero di bambini 3100 200 120 100 3520

Totale

48950

69

itascabili

Formazione professionale e avvio al lavoro di giovani

AVSI - www.avsi.org

Della stessa collana


itascabili1 Il bambino in situazioni di conflitto.
Inglese/Italiano/Francese

itascabili2 Educare il bambino, in famiglia, in comunit, nel mondo.


Inglese/Italiano

itascabili3 The challenge of HIV/AIDS: Twenty Years of Struggle. Knowledge and Commitment for Action.
Inglese

itascabili4 Educazione e lavoro nello sviluppo rurale. Esperienze da sei Paesi.


Inglese/Italiano/Spagnolo

itascabili5 Unamicizia dellaltro mondo. Dieci anni di sostegno a distanza.


Italiano

itascabili6 Africa - Conflitti dimenticati e costruttori di pace.


Italiano

itascabili7 Argentina - Valorizzazione della filiera della carne argentina


Italiano/Spagnolo

itascabili8 Capitale umano, risorsa per lo sviluppo Lesperienza nel mondo di tre ONG italiane: AVSI, ICU, Monserrate

70

itascabili

Inglese/Italiano/Spagnolo

www.avsi.org

AVSI - Italia 20158 Milano, Via Legnone, 4 tel. +39 02.6749881 - milano@avsi.org 47023 Cesena (FC), Viale Carducci, 85 tel. +39 0547.360811 - cesena@avsi.org AVSI USA Headquarters: 125 Maiden Lane 15th floor - New York, NY 10038 DC Office: 529 14th Street NW - Suite 994 - Washington, DC 20045 phl/fax: +1.212.490.8043 - infoavsi-usa@avsi.org - www.avsi-usa.org

ISBN 978-88-903534-4-4