Sei sulla pagina 1di 15

LA PRIMA RIVISTA DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE

anno 2_numero 5

Inno alla

lotta

Palestra di lotta Borgo Prati 1899


a pagina 4

Lintervista Marco Pietrogiacomi


pagina 17

Dieci anni di Mondofitness


a pagina 19

Personal Trainer Estraplus


a pagina 22

anno 2_numero 5
Editore Riccardo Marzi Direttore Editoriale Riccardo Marzi Direttore Responsabile Daniele Petraroli Sede della redazione via Cavour, 58 00184 Roma tel. 06.47543025 fax 06.4747940 www.iofacciosport.it redazione@iofacciosport.it Segreteria di redazione Elisabetta Fusco Responsabile marketing Gruppo Guardiano info@gruppoguardiano.it Redazione Riccardo Marzi, ValentinaSegre, Giovanna Terranova, Cristiana Marzi, Riccardo Ricciardi, Niso Bartolucci Progetto grafico Silvia Terranova Ufficio Stampa Fabio Frizzi redazione@iofacciosport.it Hanno collaborato a questo numero: Luigi Tonnicchia, Andrea Magni, Filippo Gargaglia, Michele Tonnicchia, Niso Bartolucci, Dott. Marco Pietrogiacomi, Augusto Papacci, Giuseppe Giunta, Andrea Minguzzi, Dott. Federico Quaranta Ra aella Salemi, i lottatori della palestra Borgo Prati 1899, Pierluca Sylos Labini, Estraplus, Laura Pasqualini, Ennio Fracassi, Fabio Mastrangelo, Luciano Alberti Contributi Speciali IMS di Villa Stuart, Assistenza Impianti di Simone Porcelli Stampa: Stamperia Lampo via Adda, 129/a 00198 Roma
Testata registrata presso il Tribunale Civile di Roma n 404 del18/09/2007. Tutte le collaborazioni non sono remunerate, tranne alcuni casi con accordi speci ci. vietata la riproduzione totale o parziale dei materiali pubblicati su qualsiasi supporto. Il materiale inviato non verr restituito.

L A P R I M A R I V I S T A D E L L E A S S O C I A Z I O N I S P O R TIVE

4 12

Sommario
Editoriale
a pagina 3

Io faccio sport La lotta


a pagina 4

Lo sport va a scuola Liniziativa della Borgo Prati 1899


a pagina 7

Qui si fa sport Borgo Prati 1899


a pagina 8

Medicina e sport I.M.S. Sport Clinic di Villa Stuart


a pagina 12

Running Marco Pietrogiacomi


a pagina 17

22 24

Come, dove e quando Mondofitness


a pagina 20

Preparazione atletica Estraplus


a pagina 22

Libreria dello sport


a pagina 24

La foto del mese


a pagina 24

Riccardo Marzi Direttore editoriale

Editoriale
Probabilmente, quando sfoglierete questo nuovo numero del giornale, vi troverete a vivere con noi la vigilia della prima manifestazione sportiva organizzata e promossa da Io Faccio Sport; il Trofeo Ludus Magnus, gara internazionale di lotta libera e grecoromana che si svolger il quattordici giugno prossimo presso il Palazzetto dello Sport di Viale Tiziano a Roma. inutile dire come in redazione abbiamo vissuto lavvicinarsi di questo appuntamento che consentir a tutti di poter vedere da vicino uno sport particolare e affascinante come la lotta. I nostri ringraziamenti pi sinceri vanno alla sezione della lotta dellA.S.D. Borgo Prati 1899 che si messa a disposizione dei nostri organizzatori per poter rendere questo evento professionale pi appetibile per coloro che per la prima volta vedranno dal vivo gli incontri di questa disciplina. Inoltre, per mantenere fede alla nostra filosofia di supporto e promozione dello sport, i pi piccoli potranno usufruire dellesperienza dei maestri di lotta il tredici giugno, giorno precedente la manifestazione, sempre al PalaTiziano, dove potranno sperimentare i rudimenti della lotta giocando insieme ad altri bambini. Non ci rimane che augurare a tutti voi buon divertimento e continuate a visitare il nostro sito, perch per settembre sono previste molte sorprese.

sport

Io faccio

La lotta
Intervista a Luigi Tonnicchia
Lotta: il nome di questo sport accompagnato da unaura di mistero. Cosa vuol dire lottare? Vuol dire tutto e niente, risponde Luigi Tonnicchia, ex lottatore e allenatore della squadra degli agonisti della Borgo Prati 1899. Come? Si spieghi meglio. Prima della gara occorre seguire degli allenamenti molto duri, avere costanza e non abbattersi mai. Dopo aver seguito un programma di allenamento, essere scesi di peso, aver sacrificato il proprio tempo, aver rinunciato anche ai momenti di svago, si pronti per salire sul tappeto ad affrontare un avversario, anchegli con la sua storia e i suoi sacrifici, di fronte al quale si soli, senza compagni, senza alibi, e con limpatto emotivo che ne consegue. N la gloria di una vittoria, n lamarezza della sconfitta sono condivisibili con altri. Provate ad immaginareSe non centri il tuo obbiettivo, quello che insegui da tempo, tutto pu improvvisamente essere rimesso in discussione, riparti da zero. Se vinci, la motivazione sale alle stelle. facile demoralizzarsi in questo sport? Diciamo che questo uno sport di situazione con una componente tecnica molto elevata, molto difficile da apprendere e da insegnare, che richiede un lungo e paziente lavoro. Trova quindi pi che mai nelle motivazioni la sua spinta pi importante. Se latleta non metabolizza questo aspetto potrebbe non avere la pazienza di aspettare. Presso la Borgo Prati 1899 si insegna la lotta libera e greco romana. Quali sono le differenze? La lotta stile libero consente lesecuzione di tecniche che coinvolgono gli arti inferiori (vale a dire che ne prevedono luso attivo). La greco romana quindi, non consentendo luso attivo delle gambe, prevede lesecuzione
3 5

Contatti
Maggiori informazioni sulle lezioni di lotta? Se desiderate avere maggiori informazioni sullla lotta, potete farlo visitando il sito www.borgoprati.it. Siete interessati ad una lezione di prova gratuita o volete assistere ad una sessione di allenamento, potete farlo i giorni dispari dalle 19.30 alle 21 in Via Tommaso Campanella , 7 Se volete rivolgere domande a Luigi Tonnicchia potete farlo scrivendo una email allindirizzo: info@borgoprati.it

di tecniche con prese sul tronco e sugli arti superiori. A che et si pu iniziare a mandare i bambini in palestra? Vista la notevole componente coordinativa tipica della lotta di cui abbiamo parlato, direi che let doro per lapprendimento di quel bagaglio motorio assai utile per costruire un lottatore con notevoli ambizioni coincide con il periodo dello sviluppo del sistema nervoso centrale, vale a dire let compresa fra i 6 e i 12 anni. E evidente che, come in tutte le altre discipline, anche linsegnante di lotta d prevalenza a tutte quelle esercitazioni di carattere generale e ludico che contribuiscono alla crescita armonica e serena dei giovani senza arrogarsi il diritto di decidere che essi possano gi definirsi lottatori. Dobbiamo fare in modo che possano definirsi semplicemente giovani atleti ben avviati allo sport e pronti a cimentarsi magari anche in unaltra disciplina, non relegati alla sola gestualit di una. Andando avanti con let aumentano gradualmente i volumi di lavoro specifico che nella lotta rimane comunque molto ampio e completo. Il primo approccio con le gare unattivit molto divertente e motivante per i pi giovani, inventata e praticata qui in Italia, che consente un leggero e graduale impatto emotivo e fisico con la lotta. E caratterizzata da semplici spinte e sbilanciamenti su un tappeto morbido delimitato da un cerchio. Dopo aver superato le fasi da principiante, cosa accade? La lotta fa la sua selezione.

Come scusi? La lotta seleziona? Latleta dovr essere consapevole del fatto che il raggiungimento di determinati obbiettivi potr solo essere il frutto di grandi sacrifici. E finita lera ludica. Il divertimento deve scaturire dalla consapevolezza di ci che si sta facendo e non da una legittima esigenza infantile. Tutti possono praticare questo sport, certo, ma non tutti possono sostenere lattivit agonistica. Il carico come parametro dellallenamento sportivo e limpatto emotivo con la gara sono elementi, tipici di questo sport, che gli atleti vivono nei modi pi svariati. Sono essi stessi che decidono se continuare e come continuare. Ci sono ragazzi che praticano la lotta solo in palestra, vanno benissimo e sono soddisfatti loro e gli allenatori; altri che affrontano la gara a qualsiasi costo accontentandosi di tre allenamenti settimanali e quindi del risultato che ne consegue. Come si articola un incontro di lotta? Un incontro prevede tre tempi da un minuto e mezzo di lotta in piedi e trenta secondi di lotta a terra alternati tra gli avversari. Si vince o al meglio dei tre periodi o per schienamento dellavversario. Larbitro assegna da 1 a 5 punti ad ogni tecnica. Il combattimento si svolge su un tappeto da gara di dodici metri per dodici. A chi volesse iniziare a praticare la lotta cosa si sente di dire? Di venire subito alla Borgo Prati e iniziare a fare ginnastica insieme agli altri ragazzi che formano un splendido gruppo che si diverte e si frequenta anche fuori dalla palestra. Per lottare c tempo. R. Ricciardi

Lo sport va a scuola

La lotta alla Bramante


Filippo Gargaglia un laureando IUSM in possesso dellattestato di aspirante allenatore di lotta e al momento sta concludendo il terzo ciclo di avviamento allo sport per questa disciplina presso la scuola Bramante di Roma. Come giudichi questi tre anni di attivit presso la Bramante? Sicuramente in modo positivo. Ho potuto constatare che la lotta piace pi di quello che sembra e credo che il trucco si nasconda nel fatto che per i piccoli lallenamento studiato come gioco. In questo modo anche i pi timorosi riescono a giocare con i propri compagni. A quali classi rivolto il progetto? Al trienno delle scuole medie. Ho la fortuna di aver seguito in questo primo ciclo i ragazzi dalla condizione iniziale di principianti fino ad arrivare ad un livello che ha consentito loro di sostenere brevi sessioni di lotta vera e propria. Sulla base di questa esperienza continueremo anche il prossimo anno visto il gradimento ottenuto da parte dei genitori. Alcuni di questi ragazzi hanno continuato la loro esperienza venendo alla Borgo Prati? Al momento non ancora. Debbo dire per che oggi gli sport che necessitano dellausilio di una struttura specifica stanno lentamente mutando. I ritmi lavorativi ai quali la vita oggi ci ha abituato non lascia molto margine ai genitori per poter accompagnare i figli in palestra. La possibilit per i ragazzi di praticare lattivit fisica subito dopo le ore scolastiche e nella stessa scuola stata di grandissimo aiuto favorendo le adesioni al progetto da parte di genitori. La presidenza della scuola soddisfatta dei risultati raggiunti? Certamente. Tengo a precisare che non solo la scuola e i genitori sono rimasti soddisfatti, ma anche la Federazione di riferimento. Dico questo perch il Comitato Regionale della lotta si interessato alliniziativa collaborando con noi e dando un valido sostegno allattivit. Mi fa piacere ricordare anche il Prof. Bincoletto, grazie al quale tutto iniziato qui alla Bramante. Cosa previsto per la fine del corso? Una serie di gare tra i ragazzi al termine delle quali rilasceremmo un attestato di partecipazione e dei trofei ricordo. Porteremo inoltre i giovani alla manifestazione del 14 giugno a Roma presso il Palatiziano per far vedere loro da vicino quello che hanno imparato durante lanno. Niso Bartolucci

A sinistra Lattimo che anticipa il colpo decisivo durante un combattimento. Al termine di una fase di studio e di tentativi di schienare lavversario, uno dei due contentendi verr nominato vincitore dellincontro.

A sinistra Un giovane lottatore nel momento di massimo sforzo mentre attende il conteggio dellarbitro che lo nominer vincitore dellincontro

sport

qui si fa

Il Ricreatorio
(Parte prima 1899 - 1920)
In un arco di tempo compreso tra il 1885 e il 1925, in Italia fiorirono numerosi ricreatori e a Roma in particolare se ne contavano moltissimi: il Ricreatorio Luigi Pianciani in via degli Ausoni con fanfara, il ricreatorio popolare di Trastevere diretto dal Caramiti, il ricreatorio popolare Umberto I in via della Mercede, il ricreatorio Tiburtino diretto da Tiraboschi, il ricreatorio Prospero Colonna diretto da Graziani, il ricreatorio Natale Del Grande con Andreoli, il ricreatorio Adelaide Cairoli con Tifi, leducatorio Ruggero Bonghi, leducatorio Principessa di Napoli, la Societ Pro Infantia che teneva corsi per lo sviluppo fisico, la Societ Ginnastica Roma, e tanti altri. Scopo del ricreatorio era quello di accogliere i ragazzi dai 10 ai 18 anni per curarne lo sviluppo fisico e morale, ispirare nei loro cuori laffetto per la famiglia e lamore per la patria; veicoli di questa educazione erano conferenze, esercizi ginnico sportivi e la musica. Questo tipo di istituto mancava nel vecchio rione Borgo e nel nuovo rione Prati e se ne sentiva lesigenza e la necessit. Era il tempo in cui il maestro elementare viveva la sua attivit anche come missione e Aristide De Rossi ne era un sicuro esempio. Da lui prese forma lidea della costituzione di un
8

Borgo Prati 1899


ricreatorio popolare nei due rioni e a lui si affianc un gruppo di insegnanti delle scuole elementari che promossero una giunta esecutiva, mentre il Comune di Roma concedeva i locali e i sussidi, con il plauso incondizionato della popolazione. Nellanno 1900 a Roma esistevano 20 ricreatori. Nei primi anni dellistituzione lattivit era poliedrica, senza distinzione tra allievo e socio. I ricreatori erano fucine di sportivi eclettici che passavano dalla ginnastica alla marcia, dal tiro a segno al ciclismo, dal nuoto alla scherma. Questa novit legava a s due rioni Borgo e Prati: il rione Borgo, popolare e rinascimentale, il rione Prati, borghese e neomonarchico. Nello stesso anno il ricreatorio istituiva una fanfara ed una sezione di tamburini che lanno dopo si trasformava in banda musicale. Le esecuzioni erano gratuite e tenute anche a scopo di beneficenza. Furono in breve tempo apprezzate e richieste da divenire poco dopo manifestazioni sportive. Caratteristica dellistituzione erano il valore, la disciplina e la volont . Nel marzo 1900 in una gara podistica (km 20) a squadre, il ricreatorio vinse una grande medaglia dargento, in agosto una medaglia doro ed infine in ottobre la medaglia doro che lo incoronava vincitore su tutti i ricreatori romani. Unaltra medaglia dargento fu conquistata dalla squadra di ginnastica al concorso ginnico di Rieti nel 1901. La legge del 1911 segn la data del riconoscimento ufficiale dei ricreatori tanto che furono istituiti presso scuole elementari e popolari. I direttori dei ricreatori erano maestri elementari o maestri di ginnastica, e in questo senso lesperienza del ricreatorio Borgo-Prati costitu senza dubbio una guida. Nella sua prima organizzazione, il ricreatorio Borgo-Prati contava 975 iscritti con una scuola di musica: 97 alunni, di cui 50 formavano il concerto, 35 la fanfara e 12 i tamburi. Lobiettivo dei ricreatori era quello di far entrare lo sport nella scuola, in quanto per loro la scuola doveva essere anche sinonimo di educazione sportiva. Nel 1915, con lentrata in guerra dellItalia, lattivit sportiva diminu fortemente e listituzione si trasform in assistenza civile. I locali di via Boezio furono occupati dallesercito e la sede, per linteressamento dellassessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Roma e del prof. Gennaro Mondaini, fu trasferita in via Giordano Bruno (scuola elementare Adelaide Cairoli). Sia soci che allievi si presentarono alle armi e la Borgo-Prati mantenne sempre corrispondenza
9

con loro. Venne anche curata ledizione di una cartolina quale ricordo per i soldati. La cartolina misura cm 10 x14 e contiene lantica squadra decorata da un ramo di alloro mentre sullo sfondo si vedono il monumento a Garibaldi del Gianicolo e Castel SantAngelo; la cartolina contiene, oltre allo stemma di Roma, i simboli della scuola e della musica. Terminata la guerra, lattivit fu ripresa nel 1920 e a ricordo dei caduti fu posta una lapide marmorea, ancora oggi visibile in via Giordano Bruno. Il ricreatorio Borgo-Prati stato la base dellassociazione sportiva che oggi conosciamo e che ancora porta alto il proprio nome.

I contatti del Club


A.S.D. Borgo Prati Via Tommaso Campanella, 7 00195 Roma tel. 06.39738319 info@borgoprati.it www.borgoprati.it

11

Medicina e sport

ESTATE SENZA RISCHI:


PER CHI AMA LE VACANZE ALLINSEGNA DELLO SPORT, PRIMA DI PARTIRE SEMPRE CONSIGLIABILE UNA VISITA DI CONTROLLO PRESSO LISTITUTO DI MEDICINA DELLO SPORT DI ROMA

A sinistra Una delle attivit pi praticate durante il periodo estivo. Non dimentichiamo mai di avvicinarci a questi sport stagionali con la certezza e la tranquillit di essersi sottoposti alle visite mediche.

A cura dellI.M.S. Sport Clinic di Villa Stuart


Intervista al Dott. Federico Quaranta

Scomparso il brutto tempo e lasciati da parte gli impegni lavorativi, giunto il momento agognato da tutti: arrivata lestate. Molti vivono le vacanze come veri e propri momenti di distrazione dalle attivit svolte durante lanno;soprattutto per chi vive una vita prettamente sedentaria il desiderio di villeggiatura coincide con quello di movimento. E allora spazio ad unofferta che non vuole scontentare nessuno: nuoto e acqua gym per chi ama il mare, trekking e passeggiate in mountain bike per gli appassionati della montagna, oltre alle innumerevoli proposte dei villaggi vacanze e dei circoli sportivi.

Chiediamo al Dott. Federico Quaranta, medico dello sport presso lIstituto di Medicina dello Sport di Roma IMS Villa Stuart Sport Clinic, quali sono gli accorgimenti da adottare perch tanta, e spesso improvvisa, attivit fisica non diventi dannosa per il nostro organismo. Dott. Quaranta, qual il punto di partenza per una vacanza sportiva senza intoppi? Per quanto possa sembrare innocente e senza conseguenze prendere parte ad una partita di calcetto organizzata sulla spiaggia, o ad una partita di tennis

o beach volley con gli amici, non dobbiamo sottovalutare lo stato del nostro fisico. Attivit intense ed improvvise mettono a repentaglio un fisico non allenato e pronto. Consiglio sempre, prima di intraprendere un qualsiasi tipo di attivit sportiva, di sottoporsi a dei controlli mirati. Tutti oggi vogliono fare sport, soprattutto destate per rimanere o acquisire un corretto peso forma. Quello che spesso dimentichiamo che svolgiamo una vita sedentaria, siamo impreparati e spesso le attivit che scegliamo per il nostro svago sono di tipo aerobico. Equi che diventa fondamentale una visita medico sportiva, per poter avere quegli accertamenti diagnostici che permettono di evitare patologie, o prevenirle. Per la natura degli sport un controllo sullefficienza cardiaca, respiratoria, muscolo-tendinea ed articolare dobbligo per prevenire infortuni e patologie a volte molto seri. E tutte le strutture in cui recarsi per le visite sono idonee? Senza dubbio lIstituto di Medicina dello Sport rappresenta una garanzia, poich dotato di unequipe medico specialistica e delle strumentazioni necessarie per eseguire tutti gli esami previsti per il caso. Siamo in grado di seguire lo sportivo dalla visita medica per lattivit agonistica e non, fino alla riabilitazione e preparazione atletica, passando per il servizio di diagnostica e, qualora necessario, dal reparto di ortopedia diretto dal Prof. Mariani. E stato inoltre allestito un ambulatorio
13

completamente attrezzato per le visite e le relative idoneit per atleti diversamente abili. Infine, per tutti gli sportivi, una sorpresa gradita: saranno dotati di una Personal Card per usufruire 24 ore su 24 del Servizio dUrgenza, Diagnostica, Ortopedia e Traumatologia delle Sport Clinic Villa Stuart e Quisisana, servizi che rappresentano la prima realt in Italia che si prende cura a 360 gradi di tutti coloro che praticano attivit sportiva. Con queste premesse non mi resta che augurare a tutti bune vacanze e raccomando tutti a pensare bene allo sforzo fisico che si sta per intraprendere nel momento in cui si decide di preticare uno sport stagionale. La prudenza non mai troppa e non chiedete al vostro fisico di superare i propri limiti.

La clinica Villa Stuart


LIstituto di Medicina dello Sport di Roma occupa dal 2006 la sede di Via Trionfale 5952. una struttura scientifico sanitaria attraverso la quale la FMSI (Federazione Medico Sportiva Italiana) con apposite convenzioni attua compiti istituzionali: la promozione e lincentivazione di studi e ricerche scientifiche di medicina applicata allesercizio fisico ed agli sport, la tutela sanitaria di chi pratica attivit sportiva anche
12

Contatti
Istituto di Medicina Sportiva di Villa Stuart Via Trionfale, 5952 tel. 06.35528393 fax. 06.35528387 luned / venerd 8.30 - 20.30 sabato 8.30 - 14.30 www.imsdiroma.it

nellambito delle leggi nazionali e regionali, lesercizio delle funzioni di prevenzione, di consulenza, di controllo medico, nonch di valutazione funzionale per gli atleti delle Federazioni Sportive Nazionali. La dottoressa Maria Teresa Pereira medico chirurgo ed specializzata in medicina fisica e riabilitazione.

degli annunci
Anche tu puoi far conoscere le attivit della tua associazione sportiva, le promozioni ed iniziative che offri nel tuo centro. Puoi farlo registrandoti sul sito www.iofacciosport.it ed inserendo le promozioni offerte.Le vedrai pubblicate sul primo numero utile in uscita e sul sito stesso. Il servizio gratuito. Se invece desideri pubblicare una locandina di un evento da te organizzato, contattaci allindirizzo: annunci@iofacciosport.it

La bacheca

Associazioni sportive dilettantistiche


Max Universe Eccezionale promozione per i mesi di giugno, luglio e settembre (valida per i non soci) presso la palestra Golden Gym del campione di body building Massimo Monaco sita in via Mercalli 58 a Roma. Quota annuale 100,00 via Mercalli 58 tel. 06.270365 www.massimomonaco.com maxuniverse@virgilio.it ................................................................. Arcieri del Mincio Corso di tiro istintivo con larco tradizionale a Mantova Per uno sport anti stress da praticare allaria aperta a contatto con la natura. www.arcierimincio.it info@arcierimincio.it ................................................................. Feng Shui Academy Corso di Danza Ritmo Respiro presso la Feng Shui Academy Via del Forte Tiburtino 98 edificio 17 Roma Verderocca. Una danza per tutti e per tutte le et che aiuta corpo e mente a trovare un equilibrio di salute e serenit. via del Forte Tiburtino 98 ed. 17 tel. 06.40501260 accademiafengshui@gmail.com

Krav Maga Italy Krav Maga Tss il sistema di Self Defence pi efficace, esplosivo, istintivo, per difendersi da tutti gli attacchi e le aggressioni semplici con armi. Teoria e tattica del combattimento,gestione dellemotivit in situazioni che minacciano la propria incolumit, studio dellambiente, difesa di terze perzone, sono la cornice ideale della preparazione impartita e trasmessa a quanti studiano tale disciplina. www.kravmagaitaly.com postmaster@kravmagaitaly.com ................................................................. Feng Shui Academy Tutti i giorni presso la Feng Shui Academy - via del Forte Tiburtino 98 -edificio 17 corso preparto kung fu adulti e bambini tai chi chuan difesa personale e yun chun lingua cinese adulti e bambini mtc - tuina drenaggio linfatico manuale vodder via del Forte Tiburtino 98 ed. 17 tel. 06.40501260 accademiafengshui@gmail.com ................................................................ Pianeta Psiche Centro dedicato di pratica yoga e discipline olistiche invita tutti al nuovo corso di yoga in cinque incontri seminariali
14

Il Respiro nel Corpo ogni gioved a partire dal 2 aprile 2009 in orario serale 20:15/21:30 al Circolo Sportivo Villa De Sanctis in Via Dei Gordiani 5 00177 Roma. Il corso aperto a tutti anche a chi un principiante assoluto, si consiglia di adottare un abbilgiamento comodo e non costrittivo, di portare con se un telo e calzini. I cinque incontri saranno guidati da una coppia di insegnanti altamente qualificate con esperienza pluriennale in materia. La quota di adesione di 70,00 per lintero corso. Vi apettiamo numerosi Ricordiamo a tutti che siamo sempre a completa disposizione per informazioni ed ulteriori chiarimenti.corsi di Postura e Coscienza, Posturale Pilates, Hatha Yoga Iyengar, Hatha Raja Yoga. tel. 339.7957393 www.pianetapsiche.it p.psiche@alice Special Combat Solution Corso difesa personale krav maga Universal Gym via isole figi 29 - Ostia Lido Luned/Mercoled/Venerd 19.00/20.20. info@specialcombat.org
15

Curiosit
Due domande allAssessore
Abbiamo chiesto Allassessore del Municipio XX Stefano Erbaggi di essere ricevuti presso il suo ufficio perch il territorio dove opera non ci sembra valorizzato nel giusto modo Ravvisiamo la necessit di unimpiantistica da destinare alle manifestazioni delle Associazioni dilettantistice sia culturali che sportive. Sentiamo quali sono i programmi dellAssessore. Assessore Erbaggi, quali sono le iniziative che il Municipio XX sta programmando, in accordo con il Comune, riguardo agli impianti sportivi? Grazie allattenzione della giunta Alemanno il Municipio XX, che era da sempre relegato ad un ruolo di secondo piano, sta ricevendo lattenzione che merita. Entro giugno apriranno i cantieri del palazzetto dello sport a Cesano, che potr ospitare 3.000 spettatori e sar assegnato alle associazioni del territorio, con degli spazi riservati alle scuole del Municipio. Sto predisponendo unapposita convenzione con il Punto Verde Qualit Olgiata (che aprir a settembre 2010) al fine di concedere lutilizzo gratuito degli impianti sportivi alle scuole del territorio nellorario scolastico. Stanno partendo i lavori di realizzazione di due tensostrutture per i plessi scolastici della Maldi in via Gallina e della Tomassetti a via Cassia 1690, anche qui per lutilizzo da parte delle scuole in orario scolastico e per le associazioni sportive del territorio in orario pomeridiano/serale. Sto prevedendo un piano di ristrutturazione delle palestre delle scuole non idonee allo stato attuale, come la scuola di via Nitti. Inoltre sono in corso contatti con lIstituto di cerealicoltura e con il Parco di Vejo al fine di predisporre degli appositi percorsi salute sui terreni di rispettiva competenza, per consentire lo svolgimento di unattivit sportiva ai cittadini delle zone limitrofe. A Roma manca una struttura che possa ospitare a prezzi popolari eventi, stage e convention indette da Associazioni Sportive Dilettantistiche. Ha mai pensato che in un territorio tanto esteso quanto quello del municipio dove opera si potrebbe edificare una costruzione, anche una tensostruttura, da destinare a queste finalit? E unottima idea. Parlando di strutture gi esistenti, si potrebbe valutare la possibilit di trasformare in una sorta di centro polifunzionale sportivo lattuale sede del centro anziani di Via Cassia presso la zona Tomba di Nerone, quando si trasferir nella nuova sede. In alternativa, sar mia cura segnalare la necessit agli organi comunali preposti in modo che nelle convenzioni urbanistiche che si andranno a realizzare con i costruttori romani venga inserita fra le opere a scomputo (e quindi di beneficio pubblico) anche una sede adatta a centro polifunzionale sportivo. Di tali strutture ha necessit il territorio romano e in particolar modo il nostro Municipio XX, che con il complesso del Foro Italico e lo stadio Olimpico rappresenta lo sport a Roma.
16

Running
Nuovo look per il Paolo Rosi
Intervista a Marco Pietrogiacomi Presidente FIDAL Lazio Quali sono gli interventi di ristrutturazione per lo stadio Paolo Rosi? Il Consiglio del Comitato Regionale Fidal Lazio, sin dal momento del suo insediamento alla guida dellatletica regionale, ha posto come priorit la necessit di porre migliorie agli impianti regionali che da tempo richiedono interventi importanti per renderli pi funzionali alle attivit e per rispondere al meglio alle esigenze di societ sportive non solo di atletica leggera ed atleti. A questo proposito, e nel quadro della trasparenza amministrativa che ha contraddistinto la nuova gestione del CR Lazio, si vuole rendere noto che i contributi , per la manutenzione degli stadi Paolo Rosi e Pasquale Giannatasio, in base allaccordo CONI-FIDAL-FIDAL Comitato Regionale Lazio verranno quasi interamente destinati al restauro dellimpiantistica. Il primo intervento, che segue quello gi in corso per la manutenzione del verde per entrambi gli stadi , sar quello del rifacimento degli spogliatoi del Paolo Rosi che da troppo tempo versavano in condizioni assolutamente inadeguate recando notevoli disagi agli atleti che abitualmente si allenano nella struttura. Linvestimento previsto di circa 120.000/130.000. Laltro stanziamento importante sar destinato al Pasquale Giannattasio di Ostia che da tempo necessitava di un impianto di illuminazione. Il CR Lazio destiner circa 50.000/60.000 per intervenire sulla ristrutturazione delle torri faro gi esistenti per consentire lo svolgimento dellattivit serale. Oltre agli interventi diretti, il CR Fidal Lazio, si
17

fatto in questi mesi promotore di unopera di sensibilizzazione delle autorit comunali di Roma, trovando concrete risposte da parte del Delegato allo Sport Alessandro Cochi e dellintera Giunta Comunale che hanno destinato risorse importanti per ulteriori opere di miglioria. Un investimento importante che doter finalmente Roma di importanti strutture in grado di soddisfare gli atleti e permetter alle societ di operare al meglio , consentendo loro di incrementare il numero di praticanti e di far allenare al massimo delle possibilit tutti i tesserati. Ritengo che, il nostro dovere nei confronti dellintero movimento dellatletica sia quello di dare risorse concrete ai problemi legati al degrado degli impianti sportivi che ci sono stati dati in gestione. Credo inoltre che quanto stiamo facendo porter nei prossimi mesi al miglioramento tangibile delle nostre strutture, fulcro vitale delle attivit. Ringrazio pubblicamente il Comune di Roma per essersi impegnato al nostro fianco, accogliendo subito quelli che erano i problemi da risolvere. Come primo passo metteremo in pratica i progetti che da empo attendevano di essere realizzati mentre, di concerto con lAssessorato allo Sport, studieremo quelli che sono gli interventi pi urgenti per limpiantistica. Colgo loccasione per ricordare alle societ che sono a disposizione di tutti per i suggerimenti necessari, da girare alle autorit competenti, affinch le risorse siano utilizzate nel modo pi consono alle esigenze di tutti. Fabio Frizzi Responsabile Ufficio Stampa di Io Faccio Sport

Intervista

Mondofitness
Decima edizione a Tor di Quinto

Memorial Luciano Onofri


Cosa il Torneo della Speranza? Il torneo nasce nel 1999 dietro la spinta della rabbia e dellimpotenza per non aver potuto dare una mano ad un Amico vittima, come migliaia di persone, di un male incurabile. Luciano era per molti di noi non solo un collega ma anche un amico fraterno con il quale abbiamo, come bello fare tra amici veri, litigato, riso, discusso, giocato, condiviso molte delle nostre giornate. Poi un giorno andato via stato allora che ci siamo accorti quanto era stato importante per noi e che doveva essere ricordato nel modo che a lui sarebbe piaciuto di pi. Nacque cos il Memorial Luciano Onofri con lobiettivo di aiutare, attraverso varie associazioni, chi ha pi bisogno di aiuto di noi e in modo particolare i bambini. Al primo Torneo hanno partecipato 4 squadre e siamo riusciti a fare 3 adozioni scolastiche di bambini brasiliani della Escola Irma Galli. Questa prima bellissima esperienza nel campo del sociale ci ha dato la forza di proseguire e cercare di migliorarci. Anno dopo anno il Memorial cresciuto sempre di pi sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista delle adesioni. Dal 2006, a causa di una nuova prematura dipartita di una cara amica di uno degli organizzatori, il torneo divenuto Torneo della Speranza Memorial Luciano Onofri e Roberta Liberti. Il piacere di ricordare con un Memorial due cari amici rende ancora pi bello e piacevole devolvere il ricavato alle varie realt che operano nel sociale.
18

dal 16 giugno al 7 settembre


Un bilancio senza alcun dubbio positivo quello registrato nei primi dieci anni di Mondofitness. La manifestazione sportiva pi attesa da tutti gli amanti del fitness inteso come benessere e qualit di vita. Trecentomila presenze, tra visitatori e sportivi, ottantaquattro giorni di programmazione, milleduecento ore di attivit, venti aree dedicate, tra le quali il Panatta Fitness Village attrezzato con macchinari di ultima generazione e che ha registrato quasi diecimila presenze. Numeri importanti che testimoniano la bont e la qualit delliniziativa. Levento di grande richiamo, dedicato al mondo del Fitness e del Wellness rappresenta un momento di grande aggregazione per il folto numero di sportivi e visitatori che affollano il villaggio durante tutto il periodo estivo. La X edizione, i cui varchi rimarranno aperti fino al 7 settembre, non sar da meno alla precedente. Per questa edizione il plus della Kermesse nella tre giorni dedicata alla Fiera del Fitness dove, oltre alle varie discipline, ci si potr dedicare ad una passeggiata tra gli stand degli operatori di settore per conoscere le ultimissime su moda, tendenze, attivit, attrezzi e nuovissime tecniche e prodotti per il benessere del corpo. Uno spazio che si aggiunge alla planimetria del Villaggio che si ulteriormente ampliato ospitando, oltre al palco centrale per gli spettacoli, uno spazio destinato alla Stuntmania, unarea Roller, una piscina e unarea relax per aperitivi tra amici e personaggi dello sport. Punti ristoro, spogliatoi e docce per un servizio a quattro stelle. Relax, Sport e benessere si alternano allinterno delle attrezzatissime sale Fitness dove istruttori professionisti animano i gruppi con ritmi coinvolgenti. Dallo spinning allo striding, al rowing, al tapis roulant, alla lotta greco-romana, ci si sposta in pista dove il ritmo cambia, danze caraibiche si alternano a quelle latine, e la passione si scatena al ritmo del salsa, macumba, tango e flamenco. Sport di squadra ed individuali trovano collocazione nelle aree basket e beach, dove si disputeranno numerosi tornei. Per gli amanti dellacqua c invece la piscina che, oltre ad ospitare le consuete attivit acquatiche - aquagym, aquafitness, aquaspinning -, sar campo di gara per alcune manche dei mondiali di nuoto. Dallacqua ai Percorsi di Guerra per chi ama confrontarsi con gli sport estremi e prendere parte, allinterno di un area appositamente attrezzata, a corsi di stuntman, vivendo ladrenalina dello Stunt per un giorno. Ma questo non il punto di arrivo delledizione 2009, Mondofitness va oltre! Dalla terra ferma ci alziamo in volo con le tecniche dei volteggi aerei appesi a lembi di tessuto. Le discipline aeree rappresentano, infatti, insieme al wrestling, in Italia da pochissimo, e alla lotta libera e greco romana, unaltra delle novit 2009, e cos quello che solitamente lascia senza fiato, creando suspance.
19

In che periodo si svolge il Torneo della Speranza e come sta andando la nuova edizione? Benissimo. Il cuore della gente molto pi grande di quello che sembra. Questanno varchiamo la soglia della decima edizione. Abbiamo 14 squadre iscritte e saimo in dirittura darrivo con la finalissima che si terr presso il Siesta 2000 sulla Via Pontina a pochi chilometri fuori Roma. Il torneo inizia sempre intorno ad aprile e termina entro giugno. Dopo tanto tempo la Regione Lazio ha riconosciuto il nostro impegno, contribuendo alla riuscita del Memorial e consentendoci di aiutare sempre pi associazioni. Questanno devolveremo il ricavato del torneo a venti associazioni impegnate nel sociale e al reparto di oncologia del Bambin Ges. Per chi volesse venirvi a vedere? Tutti sono invitati e benvenuti. La data della finale l11 giugno e al termine della partita ci sposteremo di pochi metri al locale accanto allimpianto sportivo, il Mambo King. Qui ci sar una cena a buffet con una quota di parecipazione di 10,00 a persona. Per coloro che volessero partecipare con la propria squadra? Le informazioni a possono essere reperite sul sito del Memorial www.torneodellasperanza.it

Se soffrite di vertigini, meglio restate a guardare. Nel presentare i voli pindarici e acrobazie aeree dove il campo dazione il vuoto, si ritorna sul palco centrale dove protagonista una pertica intorno alla quale performer professioniste sveleranno il fascino atletico della PoleDance, meglio conosciuta come Lap Dance, che si basa, non tanto sulla sensualit, ma sulla perfetta sinergia tra equilibrio e forza fisica. Ad attivit di grande impegno fisico si contrappone la concentrazione olistica che si richiede per discipline come il Golf e il Tiro con lArco che in questa X edizione trovano una propria collocazione. A Mondofitness il benessere non solo fisico ma anche psico-fisico, come spiegato con dal Fitness della mente. La disciplina spiega che lallenamento del corpo va supportato con quello della mente, creando in tal modo una sinergia che conduce al benessere a 360. Queste solo alcune delle novit sportive che animeranno gli ottantaquattro giorni della Kermesse, affollando un calendario ricco di appuntamenti come quello con gli special day capitanati dai big del Fitness. Non mancher, a fare gli onori del ring, Alice Caligiuri, Campione dItalia 2004 e 2007 di Pugilato FPI, Cristian Cacace che firma il Miss Safe, le tecniche antiaggressione. Ed proprio nel parlare di aggressione che Mondo Fitness questanno si fa promotrice di attivit allinsegna della donna. In calendario eventi di grande spessore sociale, oltre che sportivo, che fanno della donna la protagonista di questa edizione. In programmazione un Pink Day, giornata in rosa, dove le atlete di Mondofitness saliranno sul ring insieme alle medaglie rosa raccontando, in azione e parole, le tendenze e i cambiamenti nella scelta di alcune delle discipline sportive. A chiudere la singolare iniziativa, lo spettacolo Donne in Gabbia ideato e curato da Ilaria Chinello per sostenere la campagna contro la violenza sulle donne. Sostenere ed ospitare tale iniziativa per Mondofitness significa non solo esserci per lo sport, ma con lo sport sostenere una causa: il benessere della citt.
20

Cos, per lanniversario dei suoi 10 anni, la kermesse donna, ed il testimone da Salvamamme, passa a Salvadonna combatti la violenza! Progetto che vedr il coinvolgimento, oltre che delle istituzioni, anche di personaggi illustri del mondo dello spettacolo. Il villaggio, dove in campo scendono Sport, Energia e Vitalit, non poteva guardare con indifferenza alle cause di morte negli incidenti stradali del sabato sera, e cos gli organizzatori hanno sposato la causa portando sul palco della manifestazione LifeVite Spezzate, lo spettacolo ideato e diretto dal maestro Gino Labate a sostegno di tale campagna. Nel parlare di donne e di mamme, non si potevano dimenticare le mascotte di questa Edizione, ai quali stata dedicata liniziativa Dimensione Bimbi realizzata in sinergia con la 1000 Eventi. Tutti i ragazzi, di et compresa tra i 4 e i 13 anni, saranno accolti da professionisti sportivi-pedagogici che li approcceranno al mondo dello sport attraverso il divertimento. I bambini saranno impegnati in attivit ludico-sportive dalle 9 alle 17. Durante questi incontri prepareranno uno spettacolo che li render stelline per una notte nella giornata di chiusura del progetto. Insomma mentre le mamme si allenano, piccoli sportivi sbocciano.

MONDOFITNESS ...
Di seguito sono riportate solo alcune delle tante attivit proposte dallappuntamento pi atteso dellanno. Maggiori informazioni sul programma completo della decima edizione sono reperibili sul sito della manifestazione www.mondofitness.com

Life.. Vite Spezzate: 6 luglio Labat Dance Company coreografo Gino Labate e Emanuela Campiciano. La danza intesa come espressione di sentimenti, di emozioni, traccia attraverso la fluidit dei gesti collegati in un continuum infinito. Donne in Gabbia: 11 luglio Campagna spettacolo contro la violenza alle donne, lo spettacolo sar preceduto da un dibattito nel corso del quale interverranno rappresentanti delle istituzioni e specialisti, chiuder il dibattito la testimonianza di una vittima 1 ROWING GRAN PRIX dal 4 al 19 luglio La manifestazione vedr la presenza dei big della disciplina e rappresenter la prima assoluta nella sua specie, regalando una full-immersion a tutti gli appassionati di questa attivit. ONE EVENT STRIKE ZONE: 11 luglio S.P.Q.R.- 200 bike: 26-luglio STUNTMAN: finale 7 settembre STUNTMAN: Dalla collaborazione tra Mondofitness e la CineStunt di Franco Maria Salamon & Co. nasce Stunt per un giorno. Allinterno di un area appositamente attrezzata sar possibile prendere parte a corsi di stuntman. Dopo unintroduzione in cui verranno dati dei cenni storici e tecnici,si passer ad un addestramento intensivo, con delle prove e dei test attitudinali. Tutti i partecipanti potranno accedere alla gara finale che si terr il 7 settembre a Mondofitness, ed i migliori verranno selezionati per partecipare ai corsi della CineStuntAcademy. MONDOBEACH Lasciati insabbiare liniziativa dedicata agli sport da spiaggia. Larea appositamente allestita composta da quattro campi polifunzionali in sabbia finissima per ospitare le pi diverse discipline sportive estive quali: beach volley beach tennis beach rugby foot volley beach soccer. V EDIZIONE DEL TROFEO GLADIATORS DI KICK BOXING Evento di eccellenza a carattere nazionale che vedr impegnati un centinaio di atleti tra dilettanti e professionisti organizzato con il patrocinio dello CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale), ente di promozione sportiva riconosciuto dal CONI. Le Finali del Trofeo Gladiators Challange nelle discipline: Boxe Competition e Kick Boxing Light , in simpatiche competizioni dove il combattimento sinonimo di divertimento. Madrina della serata Alice Caligiuri, Campione dItalia 2004 e 2007 di Pugilato FPI, Campione dItalia 2006 e 2007 di Kick Boxing FIKB e Campione Intercontinentale 2008 di Kick Boxing Wako Pro.
21

Intervista

Estraplus: la preparazione fisica vincente


Gi da anni la preparazione fisica entrata a far parte del mondo sportivo, sempre in maniera pi consistente ed efficace. In tutti gli sport la tecnica e la tattica, pur mantenendo un ruolo fondamentale nelle vittorie e nei processi di sviluppo degli atleti, stanno lasciando sempre pi spazio (anche il 5060% del tempo viene dedicato alla preparazione) allatletismo. Quando diciamo tutti gli sport, intendiamo davvero tutti; ad esempio guidare un auto di formula uno comporta uno stress muscolare e nervoso che interessa tutto il corpo, che a sua volta soggetto a forze centrifughe di entit impensabile. LEstraplus con i suoi innumerevoli tecnici, esperienze, studi e macchinari di controllo, si propone proprio questo. Fornire una preparazione a 360 gradi, intesa sia a livello dei molteplici sport, sia a livello delle moltitudini di aspetti che condizionano la performance. Una delle caratteristiche operative della nostra organizzazione (che ha trovato applicazione anche oltre i confini italiani, ad esempio Raul Lopez campione nazionale spagnolo di tiro con larco, il Panathinaikos in Grecia, il Tomis Costanza in Romania e la Nazionale Finlandese nel volley europeo) quella di sviluppare un allenamento funzionale studiato su misura sia per lo sport che per il soggetto analizzato. Per quanto riguarda la specifica disciplina si parte da uno studio accurato del modello prestativo e si arriva allo sviluppo e ad una impostazione di lavoro che
22

sia il pi vicino alle tematiche dello sport in questione. Chiariamo meglio che cosa vuol dire studiare la prestazione. Tempi di gioco e pause In qualsiasi competizione,ad esempio il calcio, della durata di 90 minuti (esclusi tempi di recupero) esistono diverse fasi attive di gioco e innumerevoli tempi di pause passive. Questa situazione si verifica non solo quando la palla esce dal campo, ma pensate anche ad unazione d attacco dove uno dei due portieri fa solo da spettatore. Bisogna quindi saper organizzare esercitazioni a tempo che rispettino pi o meno queste tempistiche perch se un centrocampista ricopre circa 12-15 km durante una gara, dobbiamo sapere che non bisogna allenarlo per una mezza maratona a velocit costante. Un altro esempio si pu ravvisare ai top level maschili di pallavolo, dove la fase attiva dura circa 5 mentre la passiva circa 15. Si evince quindi quanto in questultima fase sia indispensabile poter recuperare le forze e le energie per lazione successiva. Numero di salti o accelerazioni In sport antigravitari come ad esempio la pallavolo, dobbiamo sapere il quantitativo di salti (o scatti per il calcio a 5 o altri sport similari) che un giocatore fa durante un match e differenziarlo anche per tipologia di ruolo. Nello stesso esempio del giocatore di volley se un particolare atleta nella gara pi lunga esegue circa 100 salti, sar inutile allenarlo

durante la settimana a farne 200, perch oltre ad essere superfluo, si potrebbero creare traumi difficili da riassorbire a livello muscolare e soprattutto articolare. Consumo dossigeno: mediante apparecchiature sofisticate come il k4, siamo in grado di valutare il VO2max di ogni atleta e sapere se incrementare il lavoro in questa direzione per avvicinarci ai parametri dello sport stesso. Frequeza cardiaca: utilizziamo dei cardiofrequenzimetri in telemetria, capaci di verificare se latleta sta lavorando a frequenze cardiache consone, capire lesatto recupero ottimale individualizzato, (anche qui con differenze per ruolo), momenti di forma, periodi particolari e la tecnica del gesto stesso che va a modificare tale parametro in maniera diversa da persona a persona. Acido lattico: tramite prelievi ematici rapidi e indolore, possiamo determinare se il lavoro tecnico e fisico si sta muovendo con dei tempi e carichi corretti oppure no (questo controllo soprattutto utilizzato nelle discipline di media e lunga durata e meno indispensabile negli sport di squadra). Questo modello prestativo noto,studiato, controllato e analizzato anche nelle diverse categorie di squadre o atleti che chiedono il nostro intervento, ci porta a creare il nostro allenamento funzionale. Un allenamento simile deve rispettare tre importantissime caratteristiche fondamentali oltre ai succitati parametri: Multiparticolarit: si devono proporre esercitazioni particolarmente con sovraccarichi che devono utilizzare pi articolazioni. Un esempio pratico lo squat (piegamenti sulle gambe da fermi), riconosciuto come il re degli esercizi, che interessa pi articolazioni, tibio-tarsica, ginocchio, anca e ad essere precisi anche altre ma in maniera minore. Pi piani di lavoro: esercizi particolari che usano pi piani di lavoro. Nella fattispecie lo squat, in questo caso, non rientra in questa famiglia di esercitazioni, ma un affondo sagittale con un sollevamento di un braccio con un peso invece si. Propriocettivit: tutto ci che sviluppa lequilibrio.

Una volta chiariti i punti iniziali e gli obiettivi del nostro lavoro si passa ad allenare la forza intesa come unica espressione di sviluppo di performance, prevenzione di infortuni e controllo della qualit muscolare dellatleta. Nei testi esistono varie espressioni di forza, per noi indispensabile concentrarci e focalizzarci, per quanto riguarda i giochi sportivi, su: forza massima,dinamica massima, esplosiva e reattiva. Utilizzando le tipologie di esercizi sopra detti e utilizzando particolari periodizzazioni, proviamo a incrementare i valori di queste forze, con lobiettivo di aumentare la potenza.Anche durante le esercitazioni in sala pesi, monitoriamo gli atleti con strumenti che vanno a misurare velocit esecutive e angoli di lavoro, cos da decidere lesatto numero di ripetizioni, il recupero e lindividuazione della tipologia di forza che stiamo allenando. Occorre poi intervenire anche sul campo stesso, con alcune esercitazioni specifiche e siamo convinti che lo sviluppo della prestazione debba passare per allenamenti che usano lo sturmento della palla. Tramite la giusta collaborazione con lo staff tecnico per lo sviluppo e con lo staff medico per il recupero e la prevenzione. Il preparatore ed in particolare lESTRAPLUS si colloca tra ambedue gli staff per remare nella stessa direzione e quindi la crescita e la performance del giocatore.

Contatti Contatti
Maggiori informazioni sulla Estraplus? Se volete avere informazioni pi dettagliate sui servizi offerti, potete farlo chiamando Pierluca Sylos Labini al 339 1193637, Visitate il sito della Estraplus allindirizzo www.estraplus.com Scrivete una email agli operatori allindirizzo: info@estraplus.com

23

Libreria
dello sport
Un bellissimo libro, frutto di unaccurata ricerca iconograca da parte un consulente storico e artistico della FIJLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali) sul tema della lotta, uno sport che si pu dire sia nato insieme alluomo. Nessuno pu aermare con certezza quando e dove la lotta abbi assunto forma sportiva. Le prime testimonianze si hanno tuttavia in Mesopotamia, dov stata ritrovata una statuetta sumera di 5000 anni fa che ragura appunto due lottatori. Questo il punto di partenza del libro davvero unico di Livio Toschi che traccia, attraverso le immagini e le fonti letterarie, la storia dello sport

L Arte della lotta, la lotta nellarte L. Toschi 128 pagine ed. Mediterranee, 2008. 35,00 euro

pi antico del mondo nei momenti del suo massimo sviluppo, partendo ovviamente dalla Grecia per arrivare allantica Roma, e approfondendo in apposite schede, quando necessario, i celeberrimi miti dellantichit (Ercole e Anteo, Atalanta e Peleo, Milone di Crotone ecc.) che hanno celebrato il pi complesso e armonioso degli esercizi. Potete ordinare il volume via internet collegandovi al nostro sito: www.iofacciosport.it. Per mezzo della convenzione stipulata con la Libreria dello Sport potrete richiedere il codice cliente ed usufruire del trattamento personalizzato.

Sotto La festa dei componenti la squadra del Salaria Nuoto Sport Village neo promossa in serie A

La foto del mese