Sei sulla pagina 1di 52

SEGNI GRAFICI

Ing. Domenico Bufalino


TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G.GALILEI

Segno grafico (symbol)


Segno grafico: figura, contrassegno o carattere, utilizzati convenzionalmente su uno schema o su un altro documento, per rappresentare un oggetto o un concetto (CEI 3-25) E una figura visivamente percettibile usata per trasmettere informazioni indipendentemente dalle lingue. Esso pu essere realizzato tramite disegno, stampa o altri mezzi.

Elemento di segno grafico


Figura semplice con un significato definitivo destinata a combinarsi con altre figure per formare un segno grafico completo di un dispositivo o di un concetto.
Per esempio, il segno grafico di un tubo elettronico composto da elementi di segni grafici rappresentanti: il filamento riscaldatore, la griglia, lanodo, linvolucro, ecc. Quando elementi di segni grafici sono combinati in questo modo, la loro disposizione non necessariamente riferita alla struttura fisica del dispositivo rappresentato. Si pu usare un elemento contenuto nel segno grafico con un significato specifico per esprimere un concetto comune nella composizione di una famiglia di segni. Si possono usare lettere, numeri, segni di punteggiatura e segni matematici come elementi contenuti nel segno grafico.

Definizioni
Segno grafico generale: segno grafico, generalmente semplice, comune a una intera famiglia di oggetti e caratteristico di questa famiglia. Segno grafico distintivo: segno grafico aggiunto ad un altro per fornire ulteriori informazioni.
I segni grafici distintivi generalmente non si usano da soli, mentre un segno grafico generale pu essere usato come segno grafico distintivo. Ad esempio, il segno grafico generale di un condensatore si pu aggiungere a quello di un microfono per costruire il segno grafico di un microfono a condensatore.

Microfono: segno generale

Segno grafico di funzione: segno grafico semplice rappresentante un assieme di oggetti, inteso ad indicare la funzione dellassieme, ma senza fornire dettagli sugli oggetti stessi n considerare tutte le connessioni.

Microfono a condensatore

Esempi di segni grafici di funzione

Segno grafico composto


Esempio di costruzione di un segno grafico composto (rel di sovracorrente)

Segno grafico composto


Esempio di costruzione di un segno grafico composto (generatore laser a rubino)

Varie forme di un segno grafico


Segno grafico in forma semplice, completa e dettagliata (trasformatore trifase con 4 prese)

Oggetto (object)

Involucro (envelope o enclosure)

Separazione (boundary)

Schermo (screen o shield)

Natura della corrente o della tensione


Direct current

Alternating current

Esempi

Differenti bande di frequenza

Variabilit (variability)
La variabilit estrinseca quando il valore della grandezza variabile regolato da un dispositivo esterno, per es. quando il valore di una resistenza controllato da un regolatore. La variabilit intrinseca quando il valore della grandezza variabile dipende dalle propriet dello stesso dispositivo, per es. quando il valore di una resistenza varia in funzione della tensione o in funzione della temperatura.
I segni di regolabilit e variabilit devono essere disegnati sul segno grafico dellelemento con un angolo di 45 circa in rapporto allasse principale di questultimo.

Regolabilit (adjustability)
La regolabilit un tipo di variabilit estrinseca che permette di compiere una regolazione, vale a dire di fissare la grandezza variabile al valore opportuno.

Regolazione prefissata

Azione a gradini

Variabilit continua

Controllo automatico

Funzionamento dipendente da una grandezza caratteristica

Effetto o dipendenza

Comandi meccanici

Movimento ritardato

Attuatori
I segni della presente sezione rappresentano attuatori azionati da forze esterne di tipo diverso.

Attuatori

Messa a terra e a massa

Elementi ideali di circuito

Connessioni

Connessioni
Esempio di giunzione doppia in uno schema che utilizza normalmente giunzioni a T

Resistore (resistor)

Non pi usato

Condensatore (capacitor)

Induttore (inductor)

Organi di comando

Contatti ritardati e fine - corsa

Bobine di rel

Segni grafici di funzione per dispositivi di comando

Segni grafici di funzione per dispositivi di comando

Segni grafici di funzione per dispositivi di comando

Esempi

Segni grafici da usare per schemi topografici

Segni grafici da usare per schemi topografici

Segni grafici da usare per schemi topografici

Dimensioni dei segni grafici


Utilizzo di dimensioni diverse del segno grafico (il generatore trifase principale pi grosso delleccitatrice

Dimensioni dei segni grafici


Utilizzo di dimensioni diverse per lo stesso segno grafico (porta AND con uscita negata, senza e con informazioni aggiuntive)

Direzioni dei segnali


Adattamento dei segni grafici a direzioni di segnali differenti

Posizione delle connessioni


Esempi di segni grafici dove sono permesse diverse posizioni delle connessioni

Posizione delle connessioni


Esempio di segni grafici dove lo spostamento delle connessioni ne cambia il significato

Spessori delle linee


Esempio di impiego di linee pi grosse per indicare i circuiti di potenza

Indicazione dei dati tecnici


Regole per il posizionamento dei dati tecnici dei componenti

Test di riepilogo
Riportare nella tabella il significato di ciascun segno grafico