Sei sulla pagina 1di 16

NEW MAGAZINE DINFORMAZIONE

Distribuzione gratuita Anno 2 - n.ro II Marzo 2013

Speciale: Elezioni Politiche

Speciale: Elezioni Politiche

Emergenze: lavori in via Fratelli Testa

Ecco i numeri e le statistiche delle elezioni


pag. 3

Il Movimento cinque stelle entra in Parlamento


pag. 4

Quanto durer lattesa per la fine dei lavori?


pag. 6

Quello che si perso...


Articolo di: Vincenzo Lo Votrico del barone Giuseppe Beritelli, continuate e pubblicate nel 1852 da Alessio Narbone. Foto di: Vincenzo Ingrassia

Nicosia, vetusta citt di Sicilia,

edificata dai Greci, abitata dai Romani, distrutta dai Barbari, dagli Erbitesi ristabilita, dai Normanni e Lombardi accresciuta, sorge pressoch al centro della Val Demone. [] Lampiezza del sito, la bellezza degli edifici, la ricchezza degli abitanti, la fertilit del territorio, ne fanno una delle pi ragguardevoli citt del mediterraneo.

i Leonardo Sciascia, in una prefazione su libro di poesie di Francesco La Giglia, utilizzava queste parole per presentare Nicosia al lettore, inquadrando il dialetto della poesia in un contesto che si colloca nella migliori delle tradizione culturale e letteraria della Sicilia. Ma a distanza di quasi mezzo secolo quanto si perso di quel quadro storico utilizzato da Sciascia? Sentendo parlare chi appartiene alle generazioni precedenti e a chi ha vissuto per pi tempo in paese, si sente raccontare che, una volta questo paese era vi-

vace e dinamico, pieno di gente, pieno di eventi, pieno di lire, pieno di feste, pieno di sagre, insomma pieno di vita e con un livello economico medio alto. Anche se il sentimento di considerare il passato sempre meglio del presente intrinseco nellanimo umano, non si pu fare a meno di avvertire, con il freddo sulla pelle, che tutta quella pienezza di cui godevano i nicosiani e Nicosia si persa, come i begli anni delle persone pi anziane. Continua a pag. 2 >

GEODAT

Quello che si perso...


> Continua da pag. 1 Agli anni della miseria post guerra mondiale ne sono seguiti altri di stabilit e altri ancora di sviluppo, anche economico, dovuto soprattutto al boom dalla met degli anni ottanta, delle assunzioni del pubblico, della lievitazione del privato allo sviluppo, non sempre positivo, del settore edile. Ma Nicosia gi tanto tempo fa, anche se nessuno se ne rendeva conto, perdeva parte della sua nobile e antica ricchezza. La progressiva modernizzazione e lignoranza delle giunte democristiane e della popolazione del tempo, priv Nicosia di tesori inestimabili. Si perso il teatro, si persa una chiesa in stile barocco, rimpiazzata da una fredda e quadrata scuola, si persa la pavimentazione maiolitica siciliana dellex convento di Santa Domenica, di cui resta labside, tra i ruderi e le erbacce. Si perso il palazzo Speciale, uno dei pi belli a sentire le testimonianze, smembrato completamente allinterno e ricoperto di cemento allesterno. Negli ultimi anni si assiste ad un progressivo livellamento verso il basso. Nicosia ha ormai perso quel ruolo di punto di riferimento per
Nella foto: Cattedrale di San Nicola ieri e oggi.

Marzo 2013

le citt del nord della provincia. Si persa la nostra economia, anchessa non esente dalla crisi che colpisce tutti i paesi, con moltissime attivit imprenditoriali e commerciali che chiudono ogni giorno, il nostro paese dieci anni fa era nettamente pi ricco. Si persa la vitalit culturale e il dinamismo economico occupazionale. Si persa la propensione, tipica dei paesi pi piccoli, alla vita comunitaria, fatta di compartecipazione agli eventi e di impegno nel proseguimento di fini comuni. Ormai il nicosiano pensa solo a se stesso senza avere riguardo per la comunit in cui vive. Pensiamo alle feste-deserto appena passate, con un Natale tendopoli e un carnevale mai cos assente a Nicosia come questanno, consumato dentro i locali, con poca voglia di fare festa, cosa che non succede negli altri paesi. Si persa la Nicosia piena di carri e di maschere che popolavano tutte le vie della citt. Quelle stesse vie simili alle forme del formaggio Emmental, piene di buche e dislivelli; si sono perse ormai da tempo le strade principali che collegano Nicosia al resto del mondo e il forestiero quando si avventura si domander sempre: ma qui, dove sono finito? Si sono perse le nostre sagre, con i nostri prodotti tipici, di cui non si persa la qualit; si persa la montagna, che ormai serve solo a ripararci dalla neve, di cui terreni contesi come la battaglia per un feudo. Si perde il nostro paesaggio, pieno di pale eoliche, pieno di frane e di zone incenerite dagli incendi estivi, si perde la nostra agricoltura. Si perdono le carrozze del palazzo Salomone con tutti i tesori che contiene, i nostri quartieri storici, con case fatiscenti, che ormai sono quasi tutte disabitate. Si perso il Campanile, ma non limpalcatura che da anni lo riveste, con i cartelli di una Via F.lli Testa che non si vuole far perdere. Si perso ormai da tempo il tetto ligneo, e tutti i finanziamenti che sono arrivati, bello ma intoccabile, presente ma inaccessibile. Si perde il carcere e tra un po il nostro tribunale. Si perde la politica, occupata da anni a fare perdere questa citt, si discute su tutto, si accendono gli

Nella foto: Teatro comunale e convento (ieri) Scuola media Dante Alighieri (oggi).

animi, si riscaldano le poltrone ma poi non funziona niente. Non si mai pensato di fare una politica giovanile, che dovrebbe essere prioritaria tra le politiche sociali, si perso e non c mai stato un lavoro per i giovani, uno spazio a loro riservato. Luoghi dove potersi incontrare facendo quello che si vuole, esprimere le proprie idee in un contesto pi dinamico. Questo paese perde persone, che cercano un lavoro, che cercano di studiare, che cercano un futuro. I giovani hanno perso la voglia di partecipare, di sentirsi parte attiva in una comunit, di leggere anche il giornale, uscire la sera diventa gi un problema. Si sta perdendo la speranza di un miglioramento della qualit della vita qua a Nicosia, tentare di costruirsi un futuro non altrove, evitando di sentirci lontani e di queste montagne stranieri. Attenzione in una Nicosia ridotta cos a perdere siamo tutti, nessuno escluso. La lista delle cose che stiamo perdendo non entrerebbe nelle sedici pagine del giornale di questa amata citt, dove si parla, si parla, si parla, ma non si ci accorge che si sta perdendo la cosa pi importante: la voglia di restare in questo paese.

Marzo 2013

Speciale: Elezioni politiche 24/25 Febbraio

A Nicosia trionfa la coalizione del centro destra


Fonte dati: www.elezioni.interno.it
N.ro votanti: 35.271.540 su 46.906.343 (79,19%) 340 (29,54%) 124 (29,18%) 108 (25,55%) 116 (30,72%) N.ro votanti: 31.751.350 su 42.271.957 (75,11%) 113 (31,63%)

Trionfo M5S, flop PD e rimonta PDL.

Elezioni Politiche 2013

Risultati nazionali
Nei risultati emerge che nessuna delle coalizioni ha potuto ottenere una vittoria netta, risultato senza precedenti nella storia delle elezioni italiane. Alla camera la coalizione di centrosinistra ottiene il premio di maggioranza assegnata grazie ad uno scarto di soli 124.958 voti rispetto al centrodestra. Il partito singolo pi votato risulta il M5S con 8.689.458 voti. Al Senato, invece, nessuno raggiunge la maggioranza assoluta di 158 seggi. Si attendono sviluppi per la formazione del nuovo governo.
N.ro votanti: 2.355.076 su 3.645.541 (64,60%)
663.407 (29,50%) 166.048 (8,66%) 750.689 (33,39%) 614.290 (27,32%)

54 (23,79%)

45 (10,56%)
617 SEGGI 301 SEGGI

18 (9,13%)

Camera dei Deputati


N.ro votanti: 1.227.651 su 1.953.081 (62,85%)
360.182 (30,72%) 404.945 (34,54%) 249.366 (21,27%) 437.672 (32,67%)

Camera del Senato


N.ro votanti: 1.405.186 su 2.123.209 (66,18%)
426.302 (31,82%) 288.727 (21,55%)

98.944 (8,44%)

132.342 (5,88%)

6 11 6
25 SEGGI 43.145 (3,68%)

6 12 7
27 SEGGI

6
42.240 (3,15%)

5 14
25 SEGGI

56.066 (2,49%)

Camera dei Deputati / Circ. Sicilia 1

Camera dei Deputati / Circ. Sicilia 2

Camera del Senato - Sicilia

Risultati regionali e locali


N.ro votanti: 8.026 su 11.609 (69,13%)
1.907 (26,96%) 1.652 (22,75%) 619 (8,52%)

N.ro votanti: 7.162 su 10.479 (68,34%)


2.039 (31,37%) 1.382 (21,26%) 403 (6,20%) 2.530 (38,92%) 93 (1,43%)

2.827 (38,93%) 165 (2,27%)

Camera dei Deputati - Nicosia

Camera del Senato - Nicosia

SICILIA: il partito pi votato il M5S che si riconferma dopo lexploit alle scorse regionali. Al Senato prevale il centrodestra. Vista la collaborazione tra il presidente Crocetta e i deputati del M5S si auspica ad un modello Sicilia per la formazione del governo nazionale. NICOSIA: ottimo risultato, ancora una volta, per il Pdl che ottiene la maggioranza dei voti sia alla Camera che al Senato. Altro buon risultato del M5S, dopo le scorse regionali, che supera i voti di un Pd che risente anche a livello provinciale un calo di preferenze dopo gli episodi annessi allesclusione di Crisafulli. Da sottolineare, alla Camera, i 18 voti della Lega Nord (13 al Senato).

Speciale: Elezioni politiche 24/25 Febbraio

Marzo 2013 regioni e da tutte le fasce det. Nel Movimento cinque stelle confluiscono temi di derivazioni antipartitocratica e ecologista, promuovendo la partecipazione dei cittadini alla cosa pubblica tramite forme di democrazia digitale. Si parla del pi grande successo nella storia della politica online. Rifiuto per progetti inquinanti e costosi, mirando nel complesso a una migliore qualit della vita e a una maggiore giustizia sociale. Oltre ai cavalli di battaglia, sulla riduzione delle indennit e del cambiamento della legge elettorale, il movimento sostiene da anni incandidabilit dei condannati e gli eletti saranno monitorati costantemente dalla rete. Il rispetto del programma punto fermo e unica regola che promuove il movimento. I neo eletti saranno promotori di una informazione diversa dalle solite logiche, ogni parlamentare deve dare conto, agli elettori, di ogni seduta del parlamento, andato immediatamente alla sede del movimento e spiegare sulla rete lattivit che svolge giorno per giorno. Non si aspetta per andare in tv e magari raccontare col politichese la linea del partito che spesso combacia con quella del giornalista/presentatore. Non si vuole prendere posizione, ma giusto chiarire che risulta, molto pi chiara, la spinta dietro questo nuovo movimento, che non quella che da anni spinge i partiti che pare vogliono far vincere il capitale sulla democrazia che sembra essere solo un intralcio. Se proprio vogliamo fare una critica, non quelle che fanno in tv, che si concentrano sulla esuberanza di Grillo e sulla presunta incapacit dei candidati, il tutto riassumibile nellantipolitica, il movimento manca di un collante ideologico e di una salda dottrina politica o strategica. I tradimenti e i volta faccia non mancheranno, si tratta di capire se il movimento riuscir con le capacit e competenze degli eletti a concretizzare i punti del programma e a non tradire la fiducia datagli dal 25% degli italiani, uscire dallantipolitica che generica, bench comprensibile e condivisibile.

Il Movimento cinque stelle entra in Parlamento


Quello che non sentirete mai dire in tv
Articolo di: Vincenzo Lo Votrico Nella foto in basso: Beppe Grillo corre sulla spiaggia di Bibbona, coperto dal suo giubbotto con passamontagna. Il leader del Movimento cinque stelle ha evitato, nel corso della campagna elettorale, di rilasciare interviste ai giornalisti delle maggiori televisioni nazionali.

Il movimento cinque stelle una libera associazione di cittadini. Non un partito politico ne si intende diventarlo in futuro. Non ha ideologie di destra o sinistra, ma idee. Vuole realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalit dei cittadini il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi. Questa la definizione che si data il movimento, che compare dallintroduzione del programma della nuova forza politica italiana. I media non sempre danno uninformazione completa su quello che il movimento realmente intende realizzare o rappresenta. Quello che si trasmette al telespettatore sono gli interventi accesi e molto spesso poco educati di Grillo. Ma il comico genovese non candidato nelle liste del movimento, anche se a lui appartengono la presidenza, la rappresentanza legale nonch la propriet del simbolo del movimento. M5S stato fondato il 4 ottobre 2009 da Gianroberto Casaleggio e da Giuseppe Grillo sulla scia di un precedente movimento attivo dal 2005. Il primo un imprenditore presidente

della Casaleggio s.r.l. una societ informatica ed editoriale che si occupa di strategie di rete. Molti lo definiscono il guru del movimento e una persona dotata di una intelligenza sopra la media. Secondo Casaleggio: Leader per il M5S una parola del passato, una parola sporca, deviata (...) Il sogno che la democrazia diretta si affermi e che il M5S, raggiunti i suoi obiettivi, non abbia pi ragione di essere. Noi non vogliamo sostituirci alle decisioni dei cittadini. Vogliamo che i cittadini decidano. Grillo invece non ha bisogno di presentazioni, di sicuro uno che da sempre si occupato di politica, fece storia la sua battuta sul partito socialista a Fantastico nel 1986, a cui segu prontamente la cacciata dalla Rai e, dopo qualche anno, mani pulite. Ma il comico genovese da allora ha sempre riempito le platee con i suoi spettacoli prima e coi comizi poi. Unica novit nella composizione parlamentare, lesplosione del consenso trasversale, che pesca anche dal bacino elettorale dei partiti maggiori, da tutte le

Marzo 2013

Lintervista

Dallimpegno sociale alla passione per la politica


Articolo di: Vincenzo Lo Votrico

Intervista al consigliere Antonio Mancuso

> Chi Antonio Mancuso e quali sono le sue esperienze in politica? Ho 34 anni, faccio lagronomo come libero professionista. La mia esperienza politica come appartenenza ad un partito molto recente. Svolgo politica attiva da circa sette mesi. Sono sempre stato un simpatizzante dellUdc, condividendo la scelta delle ultime politiche di non schierarsi col Pdl. Ho appoggiato la scelta del mio partito, alle ultime elezioni comunali, sostenendo la coalizione del sindaco Malfitano, in quanto ritenevo fosse la persona nuova per cercare di cambiare le cose. Ho fatto molta esperienza col volontariato nellassociazionismo cattolico dellAgesci. Sono scout da quando avevo sei anni. Lo scautismo tra i suoi principi, prevede anche la scelta e limpegno politico. I ragazzi imparano ad essere buoni cittadini, spendendosi nel sociale. Chiaramente, non ci sono bandiere politiche, ma una formazione ad essere cittadini attivi. Questa stata la molla che mi ha spinto a impegnarmi in politica per cercare di fare del bene nel mio Paese, che secondo me il migliore del mondo, anche se ultimamente non offre molto. > Qual la sua valutazione del lavoro di
questa giunta?

anche perch, hanno proposto di destinare i fondi del parcheggio allassetto viario. Obbiettivamente abbiamo strade pessime, sia nel centro urbano sia nelle periferie. C poi la questione delle disastrate vie di comunicazione statali e provinciali, ma mentre su queste sono competenti altri Enti per le strade interne necessario intervenire. Ho ritenuto lalternativa tutto sommato valida, se si considera che vanno risistemato larredo urbano e riqualificati gli ingressi, oltre tutte le altre emergenze. > Il suo punto di vista sulloperato del consiglio?

perfino una corona mortuaria che evoca i metodi mafiosi. Lei cosa pensa di questa situazione, dellassegnazione dei terreni e delle modalit di gestione dellEnte?

Ritengo che la giunta si stia muovendo abbastanza bene, considerando che questa nuova. Dopo una prima fase di rodaggio, penso si stiano immettendo sul binario giusto, ponendo le basi per azioni ed attivit di rilancio e riordino. I miei rapporti sono ottimi con tutti. Politicamente nato qualche piccolo contrasto, come fisiologico che avvenga, ma non ci sono stati mai strappi o conseguenze. Un punto su cui ero in disaccordo col resto della coalizione era la realizzazione del parcheggio di Santa Maria di Ges. Penso che le infrastrutture in questo paese servano, anche se quello non era il posto migliore per fare un parcheggio. Andava fatto, io ero lunico favorevole, ho accettato la decisione della maggioranza,

Quando si trattano particolari argomenti in consiglio comunale, spesso, si esce dal merito della discussione che diviene pretesto di critiche che accendono gli animi ma non centrano il punto. Questo , a mio avviso, il vero problema. Siamo l per tutelare gli interessi della citt e dei cittadini e, quindi, dovremmo riuscire a trovare pi sintesi. Tante volte i contrasti anche tra la giunta e le opposizioni, sono sorti non sul punto in discussione, ma da temi che esulano anche dallo stesso punto allordine del giorno. Va comunque detto che sono molti i punti votati allunanimit. Nella discussione si ha sempre la voglia di criticare e di contrapporsi. La giunta deve ancora scommettersi su quelle che saranno le proposte vere per il rilancio di Nicosia. Qualcosa stato fatto, si pu essere daccordo o meno. Faccio un esempio su tutti: la riduzione dei dirigenti, che sicuramente stata una cosa importante, che questa amministrazione ha avuto il coraggio di fare portando un risparmio per le casse del Comune, anche se si deve ancora valutare se questa non comporta una riduzione dei servizi ai cittadini. Eventualmente si dovr fare un passo indietro. > In nostro giornale si occupato pi
volte delle questioni riguardanti la Silvopastorale. Sullassegnazione di questi terreni ci sono molte polemiche in corso, e

La Silvopastorale lesempio perfetto di cattiva gestione degli enti nel nostro territorio. Il deficit dellEnte, che sempre stato gravato da contenziosi sfociati in procedimenti giudiziari, dipende in gran parte proprio dalle spese legali e dalle condanne in diversi giudizi. La Silvopastorale non riesce ad operare e avere controllo sul territorio perch materialmente non ha personale. Attualmente lEnte ha una unit assunta come guardia e il direttore tecnico. Oggi, anche volendo, non ci sarebbero le risorse finanziare per fare ci e questo anche a causa di debiti trascinati negli anni. Nonostante ci una fortuna che il Comune abbia questi terreni che fino ad ora sono stati concessi in affitto agli allevatori. Non mai stato fatto un progetto di sviluppo. Ora con la riscoperta della cultura ecologista, bisogna realizzare progetti per creare le infrastrutture e attrarre a Nicosia i turisti. Sotto il profilo dellagricoltura, purtroppo, ci sono problemi con i privati. Alcuni pensano che su una cosa concessa si ha un diritto acquisito da tramandare di generazione in generazione, ma lEnte gestiste i terreni che sono di propriet del Comune. Ritengo che sia necessario dar modo ai giovani imprenditori e alle aziende in difficolt, di usufruire dei terreni demaniali. Purtroppo, quando si parla di ridurre i fondi gi concessi con i beneficiari, si apre lo scontro. Le aziende che da tempo hanno usufruito di questi terreni, a prezzi oltretutto vantaggiosissimi, devono darne una parte per la creazione di nuovi lotti, da assegnare poi con i bandi. Sicuramente ci sar una revisione dei canoni daffitto che sono troppo bassi. Inoltre ritengo che si debba prevedere per le aziende assegnatarie un obbligo di partecipazione in tutte le attivit di fruizione e di sviluppo del territorio che si realizzeranno.

Emergenze

Marzo 2013 sempre quella prevista ma si pensa che possa esserci qualche proroga. Nicosia in Linea continua a dare voce ai commercianti della storica strada, che vedono come un miraggio la fine dei lavori nei tempi previsti: La mia lamentela - dichiara Michele Trovato - riguarda solamente la tempistica dei lavori e limpiego della manodopera. Gli imprevisti esistono sempre e non si mettono in dubbio, ma lavorando solamente con tre o quattro operai impossibile terminare i lavori entro i termini previsti. Tutto ci comporta a noi commercianti della via un enorme disagio, che si aggiunge alla crisi esistente. Spero che si diano una mossa impiegando, magari, un numero maggiore di operai, riuscendo cos a completare i lavori entro e non oltre il mese di maggio. importante che il Sindaco, o chi per lui, rilasci a noi commercianti un certificato di giustificazione che afferma il nostro deficit di vendita, da poter utilizzare a fini fiscali.

Lavori in via Fratelli Testa: finiranno entro il periodo stabilito?


Nella prima parte gi stata realizzata la pavimentazione dei marciapiedi
Articolo di: Dario Scinardi

ono passati ormai pi di tre mesi dallinizio dei lavori, ancora in corso, su via Fratelli Testa. I disagi in questi mesi sono stati molti sia per i commercianti, che lamentano una notevole diminuzione delle vendite, sia per lintera cittadinanza. Non sono mancate infatti le lamentele per i vari sentieri di passaggio improvvisati allinterno del cantiere. Nonostante i problemi, i cittadini sono consapevoli dellimportanza dei lavori che, oltre al rifacimento della pavimentazione e dei marciapiedi, stanno anche provvedendo allammodernamento delle reti idriche, di quella fognaria e di smaltimento delle acque piovane che versavano

in pessime condizioni da anni. Nella prima parte della strada, come evidente - dichiara Michele Campione geometra dellUfficio Tecnico e Rup dei lavori - sono stati realizzati tutti i sottoservizi che sono gi stati ricoperti dallo strato di calcestruzzo e si sta procedendo alla pavimentazione dei marciapiedi. Nella seconda parte invece stiamo realizzando tutti i sottoservizi che comprendono anche limpianto di convogliamento delle acque bianche. Successivamente verr realizzato lo strato di copertura di calcestruzzo, la pavimentazione dei marciapiedi di tutta la carreggiata. La scadenza dei lavori, per adesso,

LO STATO ATTUALE DEI LAVORI I tratto


Copertura della reta idrica e fognaria con strato di calcestruzzo e pavimentazione dei marciapiedi laterali.

II tratto
Posizionamento dei ciglioni laterali con predisposizone passaggio disabili per superamento barriere architettoniche.

III tratto
Realizzazione dei sottoservizi con asportazione dei vecchi impianti e predisposizione dei nuovi.

SI RINGRAZIA:

Marzo 2013
Nella foto: Caserma Silvo Pastorale Lincontro a favore della libert di stampa e della legalit

La Polis: vita in comune


Le delibere della Giunta
Data: 4 Febbraio 2013 Oggetto: Convenzione per la realizzazione e gestione dellattrezzatura pubblica denominata Attrezzatura sportiva campo di calcio a 5 e piscina coperta con annesse strutture sita in c/da Fiumetto del territorio di Nicosia Approvazione Approvata Non approvata

Dibattito sulla necessit di avere una informazione libera da ogni tipo di pressione
Articolo di: Vincenzo Lo Votrico

Data: 22 Febbraio 2013 Oggetto: Gestione dei locali e del museo denominato Centro di esperienza e museo multimediale della montagna siciliana ex caserma San Martino c.da San Martino, monte Campanito di Nicosia finalizzato alla fruizione pubblica della riserva naturale orientata. Approvata Non approvata

Nelle foto da sinistra a destra: Gli interventi, al convegno, del presidente dellOrdine dei Giornalisti di Sicilia

Riccardo Arena e del dirigente scolastico del liceo Testa Jos Chiavetta. Si tenuto nella aula magna del liceo classico Fratelli Testa lincontro su libert di stampa e legalit. Presenti alla manifestazione, il presidente dellOrdine dei Giornalisti di Sicilia Riccardo Arena e il segretario regionale dellAssostampa Alberto Cicero. Il dibattito dal tema Libert di stampa e legalit stato organizzato dalla segreteria provinciale dellAssostampa di Enna e dedicata ai temi dellinformazione e della legalit con lobbiettivo di seguire da vicino gli ultimi sviluppi e aggiornamenti sulle vicende riguardanti la lettera anonima che giorni fa era stata lasciata in alcuni bar del centro. Ribadito il sostegno, come la vicinanza e la solidariet nei confronti della giornalista Cristina Puglisi, vittima del volantino intimidatorio contenente minacce e insulti contro la giornalista e contro il dirigente del commissariato di polizia di Nicosia Daniele Manganaro. Lanonimo Tex Willer, sulla cui identit indaga la Procura nicosiana, ha distribuito in alcuni negozi un foglio in cui accusa, principalmente, il commissario di essere troppo duro nel contrasto allabuso di alcol e droghe e la giornalista di pubblicare le notizie di cronaca che riguardano le operazioni del commissariato. Il dibattito, moderato dal giornalista del Corriere della Sera Felice Cavallaro, si aperto con i saluti del assessore Lociuro, del segretario provinciale ennese dellAssostampa Jos Trovato, del dirigente scolastico del liceo Testa Jos Chiavetta e delle autorit presenti. Il dibattito ha messo in evidenza la difficolt nello svolgimento del proprio lavoro riscontrata dai giornalisti che operano nelle piccole realt, non ricordando casi tristemente noti di giornalisti vittime della mafia. In tutti gli interventi stato posto laccento sulla necessit di avere una informazione libera da ogni tipo di pressione.

Data: 1 Marzo 2013 Oggetto: Costruzione di un parcheggio pubblico per autovetture tra il Viale Vittorio Veneto e la Via Pozzetto. C.U.P. G11I09000030003. Devoluzione mutuo Cassa DD.PP. per la realizzazione di altri interventi prioritari. Approvata Non approvata

Le delibere del Consiglio


Data: 4 Febbraio 2013 Oggetto: Ditta Li Volsi Fabio. Piano di Lottizzazione relativo alle aree ricadenti in zona omogenea denominata D1 del PRG. Approvazione. Approvata Non approvata

Data: 6 Febbraio 2013 Oggetto: Prescrizioni esecutive artigianali e commerciali in contrada Crociate in variante al Piano regolatore Generale. Annullamento in autotutela ai sensi dellart. 21 octies e nonies della L.n.241/1990. Approvata Non approvata

Per maggiori dettagli: www.comune.nicosia.enna.it

i tuoi oggetti nuovi e usati online

Associazionismo

Marzo 2013

Nata da poco ma gi presente e attiva a Sperlinga.


Articolo di: Dario Scinardi

Associazione Don Milani

ontinua il nostro viaggio nel mondo delle Associazioni. In questo numero, lAssociazione Don Milani di Sperlinga. LAssociazione Don Lorenzo Milani nasce a Sperlinga nel novembre 2012, su iniziativa di un gruppo di giovani sperlinghesi tra i diciotto e venticinque anni con il preciso scopo di coinvolgere lintera cittadinanza in attivit sociali e ricreative. stato gi eletto il consiglio direttivo composto dal presidente Giuseppina Manno, dal vicepresidente Angelo Leone, dal segretario Carmelo DAmico e dal tesoriere Ilenia Manno. Tra i soci fondatori della Don Milani ci sono anche Carla Seminara, Francesco Conticello e Giusi Leone. Come previsto dallo statuto nazionale, lassociazione prevede un tesseramento annuale di cui oggi si contano circa sessanta famiglie iscritte. Nonostante il breve tempo di esistenza lassociazione riuscita ad organizzare diversi eventi tra i quali durante le festivit di Natale, la serata di beneficienza Ti dono un Sorriso in collaborazione con loratorio San Giovanni Battista, coordinato da Lucia Seminara. Una commedia comica, diversi sketch ed esibizioni di ballo, hanno animato una serata il cui ricavato stato devoluto interamente allAIRC, lAssociazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. A carnevale stato organizzato un pomeriggio di animazione con premiazione delle migliori maschere singola e di gruppo. La sede dellassociazione, in piazza Francesco Crispi, stata messa a disposizione dal comune di Sperlinga, ed divenuta un importante punto di riferimento per la piccola comunit, dove si svolgono anche attivit ricreative sia per gli adulti sia per i bambini. Nei locali dellassociazione sono stati messi a disposizione giochi da tavolo, videogiochi ed un tavolo da ping-pong, offerto dallassessore Rossella Cucc. Lorganizzazione degli eventi non si ferma qui, infatti sono previsti per lestate prossima diverse attivit che puntano a coinvolgere grandi e piccini e che permettano allintera cittadinanza una crescita culturale essendo un momento di incontro. Il direttivo dellassociazione sottolinea il fondamentale contributo di Giuseppe Marass per la collaborazione e linteressamento e che giornalmente garantisce lapertura e la chiusura della sede e ringrazia lo sponsor Bar Belvedere di Orazio Ciccarello per il contributo fornito.
Nelle foto in alto: Gli eventi e gli spettacoli messi in scena dallAssociazione Don L. Milani di Sperlinga. A sinistra: Le attivit ludico-ricreative svolte allinterno dei locali dellassociazione sperlinghese. Foto di: Associazione Don Milani

Marzo 2013

Rubrica informativa & eventi

I casi pi svariati di danni risarcibili


Sei vittima di un incidente? Il tuo air bag non funziona? Lo studio professionale RC richieder per te il risarcimento danni alla casa costruttrice
Articolo di: Graziella Ridolfo

L
Sopra un palazzo c un cane pazzo
Limperdibile show di Sergio Vespertino al Cannata venerd 15 Marzo alle 21.00
Dopo il grande successo di Facce da ridere di Manlio Dov, la rassegna teatrale Comicando organizzata dalla Ge-o organizzazione, regala a Nicosia un altro grande spettacolo teatrale: Sopra un palazzo c un cane pazzo, lultimo capolavoro del grande Sergio Vespertino. Palermitano doc, Sergio Vespertino rappresenta una delle maschere comiche pi care del pubblico siciliano, che dal lontano 1990 quando inizi la sua carriera come capocomico del fortunato quartetto cabarettistico dei Treeunquarto, lo segue con grande ammirazione. Nel suo curriculum oltre al teatro tante anche le partecipazioni televisive e quelle cinematografiche. Il nome di Sergio Vespertino brilla, infatti, nel cast di Viola di mare di Donatella Maiorca, sceneggiato su Rai de Il commissario Montalbano e nel capolavoro di Giuseppe Tornatore Baaria. Per info e prenotazioni: Ge-o organizzazione 333. 3337393 0935/639496 www.ge-o.it

o Studio Professionale Rc di cui titolare la dott.ssa Graziella Ridolfo, con sede a Nicosia in p.zza Santa Maria di Ges, specializzato in infortunistica stradale e risarcimento danni, crea una breve rubrica informativa allo scopo di portare alla luce i casi pi svariati di danni risarcibili. Un caso pratico, spesso non attenzionato, perch pi semplice il pensiero del professionista volto a richiedere il risarcimento danni al solo veicolo responsabile, il verificarsi di un sinistro con scontro tra veicoli ove a seguito limpatto se pur non violento si sono attivati gli air bag anteriori, sia lato conducente (ovviamente occupato con regolare cintura di sicurezza inserita), sia lato passeggero non occupato e ovviamente senza la cintura di sicurezza inserita. Tale episodio ha causato danni fisici al conducente (consistenti in ustioni), nonch, danni materiali al veicolo, in quanto, lattivazione dellairbag frontale lato passeggero, ha causato la rottura del parabrezza e del rivestimento cruscotto. Nelle condizioni regolari in cui il veicolo stato posto in circolazione gli airbag in questione non si sarebbero dovuti attivare, ovvero, sarebbe stato ammissibile lapertura dellairbag lato guida, ma senza creare le ustioni al fisico del conducente, mentre, da escludere lattivazione dellairbag lato passeggero. Alla luce di quanto sopra, evidente che si trattato di un malfunzionamento degli airbag e da ci ne consegue una chiara responsabilit oggettiva del costruttore; alluopo si vuole sottolineare che, ai sensi dellart. 114 del codice del consumo, il produttore responsabile del danno cagionato da difetti del suo prodotto. Attesa levidente responsabilit per danno da prodotto difettoso, lo Studio Professionale Rc di Graziella Ridolfo intimava al risarcimento dei danni materiali e fisici causati a seguito dellapertura indesiderata dellairbag alla casa costruttrice, questultima dopo aver eseguito laccertamento dei danni sul veicolo e aver riconoscimento la propria responsabilit alla causazione dei danni a seguito dellapertura dellairbag, che nel caso specifico non si sarebbe dovuto aprire, ha liquidato tutti i danni materiali riportati al veicolo e i danni fisici da ustione subiti dal conducente del veicolo. Lo Studio Professionale Rc specializzato nel settore di risarcimento danni in fase stragiudiziale, attua tutte le linee guida necessarie a far ottenere il risarcimento dei danni fisici e materiali di qualsiasi natura e gravit, conseguenti ad ogni evento lesivo: incidente stradale, responsabilit professionale, rivalsa datore di lavoro, responsabilit civili diverse, infortuni scolastici, sportivi, danni contrattuali e quantaltro, nel pi breve tempo possibile e con il miglior risultato senza alcun anticipo spese a carico del danneggiato.

Associazionismo & Facebook News


Festeggiamenti in onore della Santa Pasqua

Marzo 2013

La confraternita di Santa Croce organizzer la festa


La redazione di Nicosia in Linea ringrazia Martino Gentile per laccurata e meticolosa risposta alla domanda del numero precedente. E si scusa per la mancata pubblicazione a causa della notevole dimensione della stessa.

Articolo di: Dario Scinardi

a festivit della Santa Pasqua da sempre una delle feste pi sentite della citt e non solo, avendo da sempre una risonanza in tutto il territorio limitrofo grazie alla partecipazione di tantissimi fedeli. La festa stata da sempre organizzata dalla confraternita di S. Croce, composta da oltre trecento fedeli suddivisi nelle tre storiche confraternite che la compongono ovvero: la Confraternita Santissimo Sacramento (1605), la Confraternita Nostro Signore dei Raccomandati (1631) e la Confraternita Nostro Signore Ges Cristo (nata nel 1551 e rifondata nel 1736). Le tre confraternite in onore della festa, si riuniscono in un unico comitato organizzativo, che gestisce lintera organizzazione di tutti gli eventi e di tutti i famosi giochi popolari, i cui componenti vengono nominati annualmente. Il presidente del comitato 2013 il signor Antonino DAlio e il suo vice-presidente, il signor Felice Lombardo, con il sostegno di tutti gli altri componenti hanno previsto delle novit importanti e divertenti al fine di coinvolgere sempre pi fedeli. Riguardo i principali eventi, la mattina di sabato 30 marzo prevista la seconda passeggiata ciclo-podistica, aperta a chiunque voglia partecipare, con partenza dalla Chiesa di S.Croce verso Sperlinga ed il ritorno in mattinata nello stesso posto di partenza. La sera si proseguir, dopo la messa, con le indulgenze ovvero una degustazione di biscotti e prodotti tipici locali. La domenica di Pasqua, dopo la tradizionale processione con O Scronto in Piazza Garibaldi, si svolgeranno nel pomeriggio, in prossimit della Chiesa di S.Croce, i tipici giochi pasquali della Cuccagna, intervallati da alcune sorprese. In onore dei festeggiamenti, lassociazione ha organizzato una lotteria con otto diversi premi in palio il cui costo del biglietto di due euro. Lestrazione avverr marted 2 aprile nelle varie ruote nazionali.

Commenta su:
- www.facebook.com/pages/ Nicosia-in-Linea/ - www.facebook.com/Partecipare per Cambiare - redazionenicosiainlinea@gmail.com

Per info biglietti: Sign. Antonino DAlio 328.6815126 Sign. Felice Lombardo 333.6035877 Per info passeggiata ciclo-podistica: Sign. Felice Rizzone 333.3539373 Sign. Pino Scellato 335.1720632

Nelle foto: Momenti dei precedenti festeggiamenti in onore della Santa Pasqua. Il tradizionale scontro avviene in una piazza Garibaldi gremita da una folla di fedeli che attendono la benedizione del Vescovo. Foto di: Confraternita Santa Croce

Marzo 2013

Il mondo giovanile

Filippo Fiscella
Cari giovani crediamo nei nostri obiettivi e mettiamoci tanto coraggio
Articolo di: Dario Scinardi

ontinua la serie di interviste che la redazione di Nicosia in Linea dedica ai giovani emergenti nicosiani che con tanto coraggio decidono di intraprendere unattivit lavorativa e di spendersi per il nostro paese. In questo numero abbiamo scelto di intervistare Filippo Fiscella, giovane e talentuoso graphic designer. > Chi Filippo Fiscella, di cosa ti occupi e
perch hai scelto questa attivit?

> Quali sono i tuoi obiettivi futuri e i tuoi


sogni, legati naturalmente alla tua attivit?

ni mediante finanziamenti oppure credi nelle risorse di ogni singolo?

Ho venticinque anni, ho un diploma di geometra ed ho frequentato lAccademia Euromediterranea di Catania dove ho conseguito il diploma biennale di global design con specializzazione grafica e web. Non smetto mai di informarmi e infatti leggo e studio sempre le nuove tecniche e le idee per progetti pubblicitari sempre pi allavanguardia, in linea con i tempi. Ho scelto di intraprendere questa strada perch gi da piccolo ero appassionato di grafica, di fotografia e post-produzione e quindi, ottenendo la specializzazione ho deciso di intraprendere unattivit tutta mia grazie anche allapporto economico, ma soprattutto morale, di mio padre che mi ha permesso di creare questa piccola realt e credere che essa possa crescere giorno per giorno.

Il mio obiettivo principale quello di consolidare sempre di pi la mia attivit, di allargare le mie conoscenze e mettermi sempre davanti a nuove sfide e nuovi progetti che possano dare un contributo, non solo a me stesso, ma anche allintero territorio che ne ha molto bisogno. Unidea che da sempre ho avuto, insieme al mio amico dinfanzia, il fotografo Vincenzo Ingrassia, quella di riunire tutti i giovani sia gi occupati che senza lavoro, ognuno naturalmente nel proprio ambito, per cercare di realizzare una fitta rete di collaborazione e di progetti che portino benefici non solo a noi stessi ma anche al nostro paese. Credo fortemente in quello che dico, altrimenti non avrei mai intrapreso la mia attivit a Nicosia, attivit che comporta un elevato investimento economico ma soprattutto morale. > Come vedi la situazione giovanile in generale e nel nostro paese? Sei convinto che potrebbe esserci bisogno di una mano da parte delle istituzio-

Quello che ho sempre pensato e sempre penser e che lavora solamente chi ha volont e perseveranza. vero che in questo difficile periodo c poco lavoro, ma sta a noi creare qualcosa di nuovo e di diverso. Ho iniziato a lavorare allet di undici anni presso un parrucchiere, totalmente fuori dal mio campo lavorativo, ma cercavo comunque di risparmiare i miei piccoli guadagni per tentare di essere indipendente, per il mio futuro. Sono estremamente convinto che aspettare i signori politici, o chi per loro, non ci porter mai da nessuna parte in quanto la situazione in cui ci troviamo in gran parte deriva dai loro sporchi comportamenti. assurdo che nei vari bandi e concorsi ci sia sempre favoritismo e che non vengano premiate le persone davvero capaci e meritevoli. Dobbiamo arrangiarci da soli e credere in noi stessi. Quindi cari giovani: crediamo nelle nostre idee e obiettivi e mettiamoci tanto coraggio.

FERRAMENTA - COLORI - VERNICI AUTO - UTENSILERIA

DA NOI TROVI
~ VASTA GAMMA DI PITTURA PER ESTERNO ED INTERNO ~ DECORATIVI DELLE MIGLIORI MARCHE ~ MATERIALE PER EDILIZIA LEGGERA ~ CARTONGESSO - GUAINE - COLLA PER MATTONI ~ RIVESTIMENTI A CAPPOTTO CON MATERIALE TEDESCO CAPAROL ~ RISOLVIAMO TUTTI I PROBLEMI DI UMIDIT ~ PERSONALE CON PI DI 40 ANNI DESPERIENZA CHE TI OFFRIR CONSIGLI, SOPRALUOGHI E PREVENTIVI GRATUITI

Via S. Elia, 31 - 94014 Nicosia (En) Tel. e fax 0935.630888 - email: fercolornicosia@hotmail.it
11

Il mondo giovanile: via al cortometraggio Associazionismo

Marzo 2013

Verso la realizzazione del corto, Articolo di: presentato il progetto.


Dario Scinardi

Articolo di: Dario Scinardi

i tenuto al cinema Cannata, un convegno per presentare il corto Un amato funerale ideato dalla giovane produttrice nicosiana Debora Leonardi e scritto dal noto regista Luca Murri che verr girato tra aprile e maggio in citt. Alla presentazione hanno partecipato il sindaco Malfitano, il preside Casalotto, il parroco della Cattedrale di San Nicola Santo Patern, il professore Nino Arrigo e Annalisa Bonomo, presidente della Proloco di Nicosia. Per il cast erano presenti oltre a Debora Leonardi il regista Luca Murri e laiuto regista Miriam Rizzo. Nel film verr girata una scena con la processione del Padre della Provvidenza che rappresenter unoccasione per promuovere la citt e le sue tradizioni pi antiche. Dal 15 al 30 aprile inizier la preparazione dei set. Il 2 maggio arriver lintero cast ed il giorno successivo inizieranno le riprese che dureranno fino al 10 maggio. Il 25 agosto in occasione dellestrazione della lotteria organizzata per finanziare la produzione del cortometraggio, il corto verr proiettato in Piazza Garibaldi. Riguardo i protagonisti confermata la parte di Nonna Italia che sar interpretata da Milena Vukotic mentre Giorgia verr interpretata da Ambra Angiolini, vincitrice del Nastro dArgento e del David di Donatello per linterpretazione con il film Saturno Contro di Ozpetec. Il Capitano verr interpretato da Giorgio Biavati, noto per il suo ruolo sulla soap opera Vivere e per le collaborazioni teatrali con Carmelo Bene e Dario Fo, mentre per il ruolo di Luca si annoverano diversi nomi ma non c ancora nulla di definito. Da sottolineare la presenza di Daniele Cipr, direttore della fotografia, conosciuto al grande pubblico per il suo lavoro in coppia con Maresco nel Cinico Tv trasmesso negli anni scorsi su Rai 3, vincitore del David di Donatello e di altri premi con il film Vincere di Bellocchio che questanno ha realizzato il suo film pi importante stato il figlio con Toni Servillo protagonista. Lo scopo - dichiara Debora Leonardi - quello di sensibilizzare la gente alla partecipazione mediante lacquisto dei biglietti della lotteria. Lobiettivo presentare il film, che annovera un cast deccellenza, a festival di rilievo internazionale e in questo modo far conoscere Nicosia. Nei giorni delle riprese punteremo a coinvolgere pi imprese e gente possibile. Cast e tecnici alloggeranno a Nicosia per un mese e si tratta di circa trenta persone. Inoltre avremo bisogno di diverse comparse.

In alto foto del convegno di: Adriano La Blunda In basso: 1. Giorgio Biavati 2. Milena Vukotic 3. Daniele Cipr 4. Ambra Angiolini 1 2

GRATUITI E SENZA ANTICIPO SPESE

INFORTUNISTICA STRADALE AUTO SOSTITUTIVA RICOSTRUZIONE DINAMICA DEL SINISTRO


Troverai assistenza e consulenza specializzata in grado di risolvere i tuoi problemi ed aver un giusto risarcimento

12

Marzo 2013

Il mondo giovanile: parlano le scuole Liceo Scientifico Ettore Majorana

I.I.S. Alessandro Volta

La scuola del terzo millennio


Articolo di: Renato Calandra

Visita al centro sportivo del Calcio Catania

a crisi americana del 2007, che da crisi finanziaria si trasformata in crisi delleconomia reale, si fatta sentire in Europa con la chiusura di tante piccole e medie imprese e con i bilanci in rosso di alcuni stati come: Grecia, Spagna, Portogallo e Italia. I governi di questi paesi europei, per far diminuire il debito pubblico e far fronte al grave disagio dello stato sociale, hanno cominciato a fare i primi tagli nel settore pubblico ovvero alla sanit, allistruzione, etc. LItalia ha dovuto far fronte tagliando le pensioni, gli stipendi statali, i fondi destinati alle imprese e alla scuola e, soprattutto, aumentando la pressione fiscale con manovre economiche e decreti di stabilit per poter rispettare i parametri europei e ottenere i famosi pareggi di bilancio entro pochi anni. Chi non ha risentito dei suddetti tagli stata la casta politica. Nessuna riduzione per ci che riguarda lindennit parlamentare, il numero di deputati e senatori e sui rimborsi elettorali ai partiti. evidente che i costi della crisi sono stati caricati solamente ai dipendenti pubblici e privati, ai lavoratori autonomi, ai pensionati, agli artigiani, ai commercianti e alla piccola e media industria. Tutto questo appesantirsi della tassazione concentrato nellultimo anno, ha portato il nostro paese alla recessione. innegabile che oggi la nostra scuola stia pagando le conseguenze di questa grave situazione. Nella scuola pubblica, negli ultimi anni, sono state realizzate riforme di riorganizzazione del sistema formativo dalla scuola primaria fino alle universit, che hanno portato pi volte gli studenti e i professori a scendere in piazza. Impossibile non ricordare la riforma dellex ministro Gelmini che tent di introdurre cambiamenti, con il coinvolgimento di privati nel settore della scuola pubblica, che scatenarono numerose proteste da parte di studenti, professori e lavoratori della scuola in genere. Questultimo governo tecnico, che aveva come ministro dellIstruzione Francesco Profumo, ha tentato di riorganizzare il sistema scolastico con interventi mirati a diminuire i costi della stessa. Ma la consistente diminuzione dei finanziamenti destinati ai ricercatori ha portato alla fuga dei nostri migliori cervelli verso i paesi esteri e la nostra ricerca, fino a pochi anni fa una delle migliori al mondo, ridotta al lumicino. Credo che nellattuale momento di crisi finanziaria, sociale e culturale, linvestimento nella scuola ed in particolare nellistruzione secondaria superiore, sia decisivo e che noi studenti dobbiamo essere messi in condizione, una volta terminati gli studi, di poter accedere nel mondo del lavoro o quello universitario con condizioni di formazione di elevati standard adeguati ad affrontare le sfide che ci aspettano. A noi studenti serve una scuola coinvolta con il territorio, con le famiglie, affinch vengano promosse occasioni di innovazione, miglioramento dei servizi ed ogni iniziativa (sfruttando anche i PON, i FESR e i POR) volta a far diventare la scuola parte integrante e volno per la crescita della nostra sofferente societ.

Articolo di: Alessandra Pescetti

Nella foto: Gli studenti del Liceo a Torre del Grifo.

ragazzi del Liceo Scientifico e Linguistico Ettore Majorana di Nicosia, che da sempre si sono distinti in varie attivit sportive, guadagnando innumerevoli coppe e trofei ai G.S.S., nella giornata di gioved 21 Febbraio 2013, hanno visitato il Centro Sportivo Torre del Grifo Village di Mascalucia, nel quale giornalmente si allenano i giocatori di una della squadre di calcio pi importanti della Sicilia: il Catania. Ci stato possibile grazie alladesione da parte dellIstituto al Progetto Scuola RossAzzurra, uniniziativa rivolta alle scuole della regione, che mira ad educare i giovani a sani valori sportivi ed a comprendere quanta fatica e lavoro ci siano dietro il successo dei calciatori. Appena arrivati, i ragazzi hanno incontrato Sergio Muratore, coordinatore del progetto educazione per il calcio Catania spa, il quale prima di guidarli nella visita, ha fatto una breve presentazione del centro, che oltre alla prima squadra, ospita anche gli allenamenti della Primavera - composta dai giocatori under 21 - del Catania. Stupiti gli alunni nello scoprire tutte le funzionalit presenti nel centro: piscine, palestre, sale conferenze, auditorium e perfino un piccolo albergo, nel quale, prima delle partite, allenatore e giocatori si riuniscono per studiare le tattiche di gioco. Durante il giro di visita, i ragazzi hanno potuto accedere anche alla zona offlimits, riservata ai soli giocatori del Catania, dove hanno avuto modo di vedere la palestra privata, gli spogliatoi ed alcuni uffici della dirigenza della squadra. Dopo il pranzo, consumato nella mensa dello stesso centro, i ragazzi hanno assistito a parte dellallenamento dei giocatori della prima squadra ed hanno incontrato il calciatore Doukara, dal quale si sono fatti rilasciare degli autografi, divertendosi a scattare parecchie foto. La visita terminata con un discorso tenuto in auditorium dal direttore tecnico del Catania, Gasparin, seguito dalla consegna al dirigente dellistituto, prof. Francesco Serio, del gagliardetto autografato.

13

Lo sapevate che...

Marzo 2013

La donna di Nicosia
Articolo di: Giacoma Chiella

...esiste unantica leggenda...

Libri pieni di polvere, leggende dimenticate dalla gente, ma delle quali tanto ritroviamo ancora oggi nella realt di tutti i giorni. La leggenda di Giovanni De Natale che proponiamo fu pubblicata negli anni 30 del secolo scorso e fu accolta a suo tempo con grande interesse sia dal pubblico sia dalla critica. Negli ultimi anni della dominazione borbonica in Sicilia, il feroce Maniscalco fu un vero despota e per suo mezzo la polizia imperava ed era arbitra della vita della popolazione. Maniscalco aveva ai suoi ordini unaltra perla di gentiluomo: il famigerato capitano Chinnici. Il nome di questo messere rimase quale simbolo di ferocia , specie nella ridente Nicosia. - Per tutti i diavoli dellinferno, il colpevole, o i colpevoli debbono cadere nelle nostre mani! - Ma come, capitano? - Come? Sei un vero citrullo, non sai fare per nulla il poliziotto, non conosci nemmeno labc del nostro mestiere. Come? presto detto, faremo una retata e vi nascer il morto. - Benissimo, ma non abbiamo elementi sufficienti: da dove cominceremo? - Oh quanto sei buffo! E per fare una retata necessario avere degli elementi? Prenderemo i pi in vista, quelli che ci sembrano i cappeddi e li faremo cantare. - Dunque? - Dunque, prendi quaranta uomini; questa notte mi leverai dai loro nidi i primi che ti capitano nella tua testaccia. - Bene, capitano. - Vai ed esegui a puntino i miei ordini: dai trenta nerbate a ciascuno e buttali, poi, nel dormitorio. Domani, appena sar pronto, verso mezzogiorno, verr per linterrogatorio. - Sissignore! Il graduato dei gendarmi borbonici, dopo lultimo avvertimento del suo capitano, il Chinnici, si piant sullattenti, fece un regolare dietro-front e and via per eseguire gli

ordini ricevuti alla lettera. La notte oscura, il tempo cattivo, piove a dirotto, lontano rumoreggia il tuono, la folgore squarcia le nubi. Il paese di Nicosia dorme da alcune ore. Un orologio pubblico, quello della chiesa madre, batte due tocchi che risultano lugubri nella notte fosca. Ma altri colpi, rimbombano fondendosi col rumore cupo dei tuoni lontani. Nella via principale di Nicosia una torma di gente armata, che ogni tanto lancia qualche sonora e sacrilega bestemmia, si addensa, si allunga, si sparpaglia lungo le due file di case. Sono gendarmi guidati dal graduato, che col calcio dei loro fucili battono le porte delle case. Alcune porte si aprono, altre vengono sfondate, altre abbattute senzaltro. La polizia fa irruzione nelle case, nulla rispettando, n il pudore delle donne, n linnocenza dei fanciulli, n la canizie dei vecchi. La santit della famiglia per quei bruti non esisteva. Sono grida, pianti, voci irose, arrochite, preghiere, bestemmie, urla di bambini spaventati. Pi di trenta uomini: padri, mariti, vengono semi vestiti, ammassati sulla via, dopo essere stati ammanettati. Circondati dalle guardie sono tradotti al commissario di polizia. - Carogne! Vili! Figli di... se non parlate, com vero Dio , vi fracasso la testa! E il capitano Chinnici davanti a quel gruppo di uomini, in maggioranza borghesi, agita ferocemente un poderoso nervo di bue, comincia le interrogazioni e per dare maggiore forza persuasiva alle sue parole minacciose, distribuisce alcune nerbate a quelli che gli sono vicini, cos a casaccio. Qualche viso si arrossa di sangue. Ad uno ad uno, i malcapitati vengono sottoposti allinterrogatorio, ma nessuno sa delluccisione che aveva mandato allaltro mondo il capitano distrettuale Gorgone. Nessuno parla. Le nerbate fioccano, quattro robusti mascalzoni in veste di poliziotti sono gli aiutanti del capitano in funzione di boia. Fatica e ferocia sprecate, tutti tacciono. Allora, il capitano fuori dai gangheri e rosso in viso, come un gambero cotto urla: - Nessuno vuol cantare? Bene, questi due la pagheranno per tutti! - e ai suoi aiutanti accenna due giovani arrestati, che degli altri oppongono una muta resistenza: sfida ai loro aguzzi. Quei due giovani sono Rosario Chimera di Valle dOlmo e certo Pizzolo. I due vengono trattenuti mentre tutti gli altri sono rimandati alle loro piangenti e trepidanti famiglie. Quando fu solo nel suo ufficio il Chinnici

chiam il graduato. - Senti cappella, dobbiamo fare latto di accusa almeno contro uno dei trattenuti per fare istituire il processo criminale. - Ma come si fa? - Tu non sei buono a nulla, ringrazia Dio che io ti proteggo, se no a questora saresti bello e liquidato: sei un mangia pane a ufo. - Io non saprei. - Certo che non sai; senti: arrestami la moglie del Chimera. So che giovane e bella e portala subito qua. Vai! - Capitano - Che vuoi dire? Vuoi stupidamente ragliare che quella donna non ha dei conti da rendere alla giustizia? Quanto sei stupido, qui la legge sono io. - Il paese... - Oh, bella! Il paese? Me ne strainfischio di Nicosia e di tutta la Sicilia! Cos voglio e cos faccio. Ho detto! - Allora? - Dietro-front e march! - inutile che neghiate. Vostro marito ha assassinato il capitano Gorgone. - Ma, signuri capitanu, voscenza sbagghia: me maritu nun capaci di fari mali a na musca iddu nnucenti comu Diu. - Sempre la solita canzone! Smettetela meglio che confessiate se non volete fare i conti con me. Non perdiamo tempo. - Bedda matri santissima! Ma chi haiu a diri? La sira di lammazzamentu di lu capitanu me maritu era dintra, curcatu a lu me latu, lu giuru supra lu vangelu di la missa. - Siete testarda, non volete capire, con voi le buone maniere non bastano, beh! Vediamo, allora, se ora aprite bocca. - Matri! Matri mia! url la donna. Il capitano Chinnici si scagli contro la donna e strettala ferocemente alla vita la butt su un tavolato di legno. Nel cadere la donna batt il capo e svenne. Allora avvenne lo scempio brutale. Per tre giorni rimase in carcere linfelicissima moglie di Chimera, di nulla rea, senza cibo, preda della disfrenata lussuria del numeroso corpo di guardia composto da soldatacci svizzeri e tedeschi. Allo spiare del terzo giorno le forze che lavevano sostenuta eroicamente e stoicamente fino allora, le vennero meno e confess che suo marito aveva assassinato il Gorgone. Quella confessione cost una lunga sequela di martiri al povero Chimera, che si prolungarono nonostante la sentenza del 29 dicembre 1859 della Gran Corte Criminale di Catania, che lo rimetteva in libert avendo saputo come era stata estorta alla povera moglie la pretesa confessionale. Ma in Sicilia imperava il Maniscalco.

14

Marzo 2013

Sport

NAF Club

Conquistata la semifinale regionale Inaugurato venerd 1 marzo,


La naffine raggiungono un traguardo storico in Coppa Trinacria
Articolo di: Giulia Di Maggio

Finalmente si ritorna a giocare


riapre il campetto di calcio Parco Robinson
Articolo di: Dario Scinardi

inalmente un sospiro di sollievo in casa Naf Club. Dopo un controverso inizio di stagione, con lavvicendamento in panchina di due allenatori, prima Franco Corsale e poi Andrea Angilello, le naffine sono finalmente tornate a fare scintille. Il girone di andata si concluso con quattro successi su dieci gare disputate, pi la sorprendente vittoria contro il Volley Club Siracusa, in Coppa Trinacria, che ha regalato prima assoluta per la societ e per una formazione ennese - laccesso alle semifinali regionali. Orgogliose del successo appena raggiunto, sabato 2 marzo, le nostre pallavoliste rosa hanno inaugurato il girone di ritorno con uno schiacciante 3-0 nel derby con il Leonforte Volley. Cos, questo giovane gruppo, pieno di determinazione e voglia di vincere, pronto a mettersi in discussione partita dopo partita, offrendo al contempo alle pi piccole della squadra (95-96) importanti occasioni di crescita sportiva ma anche morale, perch si sa: nella pallavolo, come nella vita, il gioco di squadra quello che conta.

Nella foto: (In piedi da sinistra a destra) Macar, Mannino, Liardi, Romano, DAlfonso, Lo Votrico, Fascetta, DAmico (presidente). (Sedute da sinistra a destra) Ingrassia, Di Pasquale, Marano, Di Maggio, Maiuzzo.

opo quasi sette mesi di chiusura, per le varie vicissitudini che tutti i nicosiani conoscono, riapre finalmente il campetto di calcio Parco Robinson in zona educatorio. Circa un mese fa lOpera Pia Bernardo Di Falco aveva indetto una gara dappalto per la gestione dellimpianto per un periodo di un anno e mezzo. Scaduto tale periodo limpianto verr riconsegnato al Comune che, si spera, provveder al totale rifacimento. Ad aggiudicarsi la gara, al prezzo di circa 1600,00 euro mensili stata lASD Stefano La Motta Nicosia, presieduta dal prof. Filippo Spalletta, gi impegnata da tempo in diverse attivit di promozione sportiva tra cui, negli ultimi due anni, quella di un nuovo sport emergente quale il badminton, ottenendo lusinghieri risultati. Linaugurazione avvenuta venerd 1 marzo ed erano presenti oltre agli aggiudicatari il sindaco Malfitano, lassessore allo sport Lucio Catalano nonch tutto il cda dellIPAB presieduto dallarchitetto Nicola Mazza (nella foto). Da parte nostra - dichiara Spalletta - c il piacere di instaurare una totale sinergia sia con il comune che con lOpera Pia, affinch la struttura sia a disposizione di chiunque ne voglia usufruire, a partire dalle societ sportive ma non dimenticando anche quei gruppi di cittadini amanti dello sport e quei ragazzi che versano in particolari condizioni di disagio, i quali potranno usufruirne gratuitamente.

15

no n s o l o c r e p e s . . .

Via Umberto, 7 Nicosia NUOVA LOCATION

Eventi
Iscritto presso il Tribunale di Nicosia al n.ro 1/12 del registro periodici: Anno 2 - N.ro 2 Marzo 2013 EDITO DA: Associazione Partecipare per Cambiare DIRETTORE RESPONSABILE: Giulia Martorana REDAZIONE: Vincenzo Lo Votrico Dario Scinardi Giacoma Chiella Paolo Lo Votrico Alessandra Pescetti Giulia Di Maggio PROGETTO GRAFICO: Antonio Bonomo FOTOGRAFIE: Vincenzo Ingrassia STAMPA: Kompu Grafica Via Vitt. Emanuele, 100 - Nicosia CONTATTI: Associazione Partecipare per Cambiare P.zza Nicol Speciale, 1 94014 Nicosia (EN) Tel. 0935/638914 redazionenicosiainlinea@gmail.com