Sei sulla pagina 1di 3

Niccol Machiavelli

Niccol Machiavelli nasce a Firenze il 3 maggio 1469 e muore 21 giugno 1527 , stato il pi attento studioso del passato. Dopo un periodo di intensi studi, nel 1498 entr nella vita politica come segretario della repubblica. autore del celebre trattato Il Principe.
Durante gli anni della sua attivit politica (1498 1512) ebbe modo di conoscere ambasciatori, politici, principi e di studiare a fondo il succedersi degli eventi. Insieme a Leonardo da Vinci, Machiavelli considerato l'esempio tipico dell'uomo rinascimentale. Questa definizione caratterizza in maniera pi compiuta sia l'uomo che il letterato che non il termine machiavellismo, entrato peraltro nel linguaggio corrente per indicare una intelligenza ed una sottigliezza di pensiero quanto mai acute e sottili. Machiavelli svolse importanti incarichi diplomatici sia in Francia che in Italia. Due ambascerie presso Cesare Borgia, gli fecero conoscere l'energia e l'astuzia di quel principe e la sua mancanza di scrupoli nel perseguire i propri scopi. Le ambascerie alla corte papale gli consentirono di vedere pi addentro la vita temporale della Chiesa, dove si confondevano ideali religiosi e politici. Rientrati i Medici a Firenze, nel 1512, Machiavelli fu dapprima privato del suo ufficio , dopo accusato di essere implicato in una congiura contro i Medici ed imprigionato. Rimesso in libert si ritir in una sua casa a Sant'Andrea in Percussina presso San Casciano in Val di Pesa, dove si dedic a riordinare la propria opera. Frutto di tale impegno furono le sue pi importanti opere politiche: Il Principe . Il desiderio di mettere in pratica le proprie teorie lo spinse ad una riconciliazione con i Medici, che per riusc solo in parte, infatti gli furono affidati solo incarichi di scarsa importanza. Nel 1527, cacciati nuovamente i Medici, fu restaurata la repubblica e Machiavelli fu allontanato dalla vita politica. Mor a Firenze in quello stesso anno. Forte della sua lunga esperienza politica alla cancelleria di stato fiorentina, Machiavelli s'inserisce nel Rinascimento per la sua concezione dell'uomo come artefice della storia. Come umanista, si dedic allo studio dei fatti del passato e delle vicende umane per trarne conclusioni di valore universale, per individuarne le reali cause e per poi applicare le proprie conclusioni al presente, nel tentativo di elaborare una scienza dello Stato. Con il termine machiavellico si inteso dire un atteggiamento spregiudicato nell'uso del potere politico, di amicizie di comodo: un buon principe statista deve essere astuto, mentitore, abile manovratore negli interessi propri e del suo popolo. Emerge il conflitto fra libert di coscienza e ragion di Stato che impone dei sacrifici personali in nome di un superiore interesse di un popolo. Proprio per questo suo atteggiamento distaccato di studioso Machiavelli si consider al disopra degli eventi e delle vicende politiche. La sua visione della realt , certamente, pessimistica, per non esclude la volont di azione n la speranza mentre l'elemento religioso considerato solo in funzione delle sue implicazioni politiche e sociali. In conclusione, il pensiero di Machiavelli tende ad uno Stato che sia riorganizzato e reso saldo dalla capacit (virt nel senso latino di virtus = coraggio, abilit) del Principe, uno Stato forte per armi proprie e saldo per fermezza di propositi, con volont d'azione e sagacia nel governo di chi lo regge. Tali caratteristiche , sottolinea Machiavelli nella sua opera , consentirebbero al Principe di imporre la propria supremazia agli altri governanti italiani, riportando nella Penisola pace ed unit di intenti, s da scoraggiare ogni minaccia straniera

IL PRINCIPE Il Principe un trattato di dottrina politica scritto da Niccol Machiavelli nel 1513, nel quale espone le
caratteristiche dei principati e dei metodi per mantenerli e conquistarli. Si tratta senza dubbio della sua opera pi rinomata, quella dalle cui massime sono nati il sostantivo "machiavellismo" e l'aggettivo "machiavellico". L'opera non ascrivibile ad alcun genere letterario particolare, in quanto non ha le caratteristiche di un vero e proprio trattato , se ne ipotizzata la natura di libriccino a carattere divulgativo. Il Principe si compone di una dedica e ventisei capitoli di varia lunghezza , l'ultimo capitolo consiste nell'appello ai de' Medici ad accettare le tesi espresse nel testo.

Le caratteristiche del principe ideale Le qualit che, secondo Machiavelli, deve possedere un "principe" ideale , sono: la disponibilit ad imitare il comportamento di grandi uomini a lui contemporanei o del passato, es. quelli dell'Antica Roma; la capacit di mostrare la necessit di un governo per il benessere del popolo, es. illustrando le conseguenze di un'oclocrazia; il comando sull'arte della guerra - per la sopravvivenza dello stato; la capacit di comprendere che la forza e la violenza possono essere essenziali per mantenere stabilit e potere; la prudenza; la saggezza di cercare consigli soltanto quando necessario; la capacit di essere "simulatore e gran dissimulatore"; il totale controllo della fortuna attraverso la virt (la metafora utilizzata accosta la fortuna ad un fiume, che deve essere contenuto dagli argini della virt); la capacit di essere leone, volpe e centauro (leone forza - volpe astuzia - centauro come capacit di usare la forza come gli animali e la ragione come l'uomo)

Stile e lessico
Lo stile quello tipico di Machiavelli, cio molto concreto in quanto deve essere in grado di fornire un modello immediatamente applicabile, piuttosto fa massiccio uso di paragoni e similitudini e metafore tutte basate sulla concretezza . Il lessico non aulico , tutto il testo caratterizzato da un lessico connotativo e una forte espressivit. La sintassi molto articolata , la subordinazione presente soprattutto nel processo dilemmatico , Machiavelli presenta due situazioni: la prima viene svolta rapidamente per poi discutere ampiamente la seconda, questa tecnica fornisce un carattere di scientificit all'opera e suggerisce l'ipotesi giusta secondo l'autore . I titoli dei capitoli sono tutti in Latino , perch nell'ambiente umanista-rinascimentale si usava scrivere o almeno titolare le opere in Latino in quanto conferiscono dignit e prestigio al testo.

Machiavellismo Il machiavellismo un progetto etico e politico ispirato all'idea espressa da Niccol Machiavelli ne Il Principe, intesa come precetti dell'arte di governare, in base alla quale il governante pur di raggiungere il proprio fine si serve di ogni singolo espediente, anche il pi subdolo o spietato, indipendentemente da ogni considerazione di carattere morale.

Il rapporto tra Virt e Fortuna e la loro nuova concezione Il termine virt in Machiavelli cambia significato: la virt l'insieme di competenze che servono al principe per relazionarsi con la fortuna, cio gli eventi esterni. La virt quindi un insieme di energia e intelligenza, il principe deve essere intelligente ma anche efficace ed energico. La virt del singolo e la fortuna si implicano a vicenda.