Sei sulla pagina 1di 19

No.

55/2005

La fiducia nella gestione di un cambiamento sotto pressione temporale: un caso di temporary management
di Paolo De Angeli
Questa tesi nasce dalla consapevolezza di due aspetti critici per le imprese: da un lato, la maggiore complessit dello scenario competitivo, che richiede continui cambiamenti e repentine soluzioni a stati di crisi; dallaltro, laccresciuta criticit di comportamenti basati sulla fiducia e sulla maggiore responsabilizzazione dei collaboratori. Ci si chiesti come sia possibile pensare di gestire un cambiamento ricorrendo a pratiche di comando e controllo, attendendosi che, dopo la fase di transizione o di crisi, lazienda riprenda la sua normale attivit attraverso una gestione ordinaria guidata dalla fiducia e governata da un clima di collaborazione.

Paolo De Angelis

Introduzione
Lidea di questo lavoro nasce dalla consapevolezza di due aspetti sempre pi centrali per le imprese moderne: da un lato, la maggiore complessit dello scenario competitivo, che richiede continui cambiamenti e repentine soluzioni a stati di crisi; dallaltro, laccresciuta criticit di comportamenti basati sulla fiducia e sulla maggiore responsabilizzazione dei collaboratori nella gestione ordinaria di unimpresa. A partire da queste considerazioni, ci si chiesti come sia possibile pensare di poter gestire un cambiamento ricorrendo a pratiche di comando e controllo, attendendosi che, dopo la fase di transizione o di crisi, lazienda riprenda la sua normale attivit attraverso una gestione ordinaria guidata dalla fiducia e governata da un clima di collaborazione, come i normali contesti competitivi impongono. Attraverso lanalisi di numerosi studi teorici sul tema del change management e sul concetto di fiducia, in contesti ordinari e in situazioni di forte pressione temporale, in cui essa assume i connotati di quella che Meyerson, Weick e Kramer (1996) definiscono swift trust (fiducia veloce), e grazie allo studio di un caso empirico di temporary management, il presente lavoro si posto lobiettivo di dimostrare che possibile ed efficace gestire una fase di cambiamento sotto forte pressione temporale anche attraverso la fiducia e la delega. Lattenzione dello studio stata concentrata, da un lato, sullanalisi delle caratteristiche e delle implicazioni dellattivit di temporary management, destinata, per le peculiarit dello scenario competitivo odierno, che tale attivit sembra cogliere ottimamente, ad avere sempre pi successo in un futuro prossimo. Dallaltro, su un esame delle propriet che la fiducia assume in situazioni in cui richiesta una soluzione repentina ai problemi dellazienda, in contesti, cio, in cui i classici modelli di studio (cfr. Shapiro, Cheppard e Cheraskin, 1992; Lewicky e Bunker, 1996), che presuppongono la necessit di tempo per permettere la nascita di relazioni fiduciarie tra pi parti, non possono essere utilizzati, per le caratteristiche proprie della situazione in cui la relazione tra gli attori sociali nasce e si sviluppa. Il caso di successo di unazienda tessile lombarda, la Leggiuno SpA, infine, ha aiutato a comprendere che gli studi interessati a sottolineare limportanza delle risorse umane come fattore critico di successo hanno, forse, finalmente, trovato, in questi anni di intensa competizione, dei tempi maturi dapplicazione e che i principi di gestione che suggeriscono un ricorso a stili partecipativi fondati sulla fiducia possono davvero portare ad un successo sano e duraturo, se messi in pratica. Anche in casi di crisi.

1 - LANALISI TEORICA
1.1 Le caratteristiche dello scenario competitivo moderno
Lo scenario in cui, oggi, le aziende si trovano a competere richiede interventi estremamente accelerati e di massima flessibilit, che significa saper modificare velocemente le strategie e adattare la struttura organizzativa alle diverse

ticonzero No. 55/2005

circostanze per rispondere tempestivamente e nel modo migliore ai continui e rapidi mutamenti del mercato. Alcune azioni organizzative come la qualit totale, la transizione verso una struttura fondata sui team, la costruzione di partnership con clienti e fornitori, il downsizing, il reeingineering, il benchmarking, laumento delloutsourcing e il maggior impiego di personale interinale si inseriscono in questa prospettiva. Trovandosi ad operare in un contesto di ipercompetizione1, le imprese devono assumere un atteggiamento proattivo, per sperare di sopravvivere. Per cogliere le occasioni offerte dallambiente, , infatti, impossibile pensare di non partecipare ai giochi competitivi in modo attivo, perch se in passato le aziende potevano permettersi ritmi pi rilassati, oggi, perdere, ad esempio, loccasione di entrare in un nuovo mercato (merceologico o geografico che sia) pu costare caro. Queste particolari caratteristiche dellambiente competitivo odierno sono alla base della recente nascita di nuove forme organizzative, quali le imprese a rete e i gruppi temporanei (sistemi di breve durata, flessibili e disegnati ad hoc per fronteggiare specifici problemi, in cui la struttura organizzativa cambia continuamente, le persone si muovono frequentemente tra posizioni diverse e la comunicazione laterale piuttosto che verticale), e hanno avuto anche forti impatti sulla struttura del mercato del lavoro. Oggi, infatti, come dice Innocenti (2001)2, le organizzazioni cercano professionisti sempre pi coinvolti, dotati di spirito di iniziativa e intraprendenza, senza offrire loro quelle sicurezze e garanzie di un tempo che, peraltro, molti individui sono i primi a non trovare pi cos attraenti e importanti. I rapporti tra individui e aziende risultano sempre pi caratterizzati da instabilit, incertezza e da una minore fedelt reciproca. Si riduce, contemporaneamente, il numero di lavoratori assunti a vita, mentre si espande il numero dei lavoratori marginali che prestano la loro opera per lazienda senza esserne realmente parte, anche occupando posizioni manageriali, come nel caso del temporary management, soluzione che permette di prendere in affitto manager dallesterno per gestire unimpresa, una sua parte o un progetto per un periodo di tempo definito, in situazioni in cui richiesta unazione rapida e tempestiva. Questa evoluzione del contesto competitivo, come sostengono sempre pi studiosi, costringe, inoltre, le aziende a ripensare il classico modello dimpresa, incentrato sul controllo. Come dice DEgidio (1997, p.31), occorre far propria la convinzione che le persone tendono a svolgere al meglio il proprio lavoro, applicando al massimo grado la loro competenza, senza aver bisogno di esser strettamente controllate o addirittura sorvegliate da capi. Molti studiosi concordano nel dire che sia, ormai, necessario prendere in seria considerazione un nuovo modello di impresa, che sostituisca quello classico e si fondi sul concetto di fiducia e suggeriscono, quindi, di responsabilizzare maggiormente i collaboratori. Lesperienza delle imprese orientate al cliente, dice Crozier (1989)3, dimostra che, per fronteggiare la complessit, le organizzazioni di successo lasciano pieno potere decisionale a dei gruppi operativi forti e ad individui liberi (di operare). Queste riflessioni sinseriscono bene in un dibattito molto noto e non ancora del tutto terminato sulla convenienza o meno del ricorso alla fiducia in termini di costi

1 2

Cfr. DAveni R., Ipercompetizione, Edizioni Il Sole 24 Ore, 1995, p.13, p.286 Cfr. http://www.nextonline.it/archivio/12/05.htm 3 Cfr. Duluc A., Botteri T., La leadership costruita sulla fiducia, Angeli, Milano, 2003, p.48

Paolo De Angelis

di transazione. La teoria dei costi di transazione sviluppata da Williamson una teoria organizzativa che si basa sullassunto che alle persone che lavorano in azienda non si possa dare fiducia. In altre parole, essa sostiene che per continuare a produrre profitti, lorganizzazione deve difendersi dai comportamenti dettati dallinteresse personale e dalla malafede di coloro che vi lavorano. Le organizzazioni esistono, quindi, per la loro capacit superiore rispetto al mercato di attenuare lopportunismo umano (inteso come il perseguimento dei propri interessi con linganno e attribuito da Williamson esclusivamente alla natura umana e non, ad esempio, al contesto), attraverso lesercizio di un controllo gerarchico (cfr. Ghoshal e Moran, 1996). Questa teoria, nello scorso decennio, diventata unncora sempre pi importante per lanalisi di unampia gamma di problematiche strategiche e organizzative, ma negli ultimi anni, ha subto alcune critiche. Date le sue forti ed estreme assunzioni di base, infatti, la sua utilit molto pi limitata di quanto talvolta si affermi. Essa non solo non risulta applicabile a molte situazioni in cui ci si trova a prendere delle decisioni in contesti aziendali, ma, se applicata alla lettera, pu anche influenzare la performance aziendale. Che cosa succede, ad esempio, se, contrariamente a quanto dice lassunto fondamentale della teoria in questione, le organizzazioni partono dal presupposto che gli individui siano, almeno parzialmente, affidabili? Williamson (1975, 1985)4 sostiene che le difficolt che lorganizzazione inevitabilmente incontra nellidentificare gli individui affidabili, rendono necessaria ladozione di una struttura coerente con lassunto che gli individui, invece, non siano tali. Secondo questa teoria, quindi, le organizzazioni in cui si parte dal presupposto dellaffidabilit dei comportamenti degli individui vengono facilmente invase e sfruttate da persone che non sono affidabili, perdendo la capacit di produrre profitti. Molte teorie, invece, suggeriscono e levidenza empirica dimostra che, almeno in alcuni contesti sociali, le persone sono degne di fiducia (Axelrod, 1984; Cummings e Anton, 1990; Dasgupta, 1988; Frank, 1988; Granovetter, 1985; Witt, 1986). Bromiley e Cummings (1993)5 sostengono, addirittura, che la fiducia riduca i costi di transazione. La tesi di Williamson, secondo cui le organizzazioni dovrebbero agire come se i dipendenti non fossero affidabili, diventa una profezia autoavverantesi: se unorganizzazione agisce come se i dipendenti non fossero affidabili questi lo diventeranno effettivamente. Infatti, i comportamenti opportunistici aumenteranno di pari passo con le sanzioni e gli incentivi progettati per limitarli, creando cos il bisogno per sanzioni ed incentivi pi forti e pi elaborati. Una conseguenza di questa profezia autoavverantesi laumento dei costi di direzione e la progressiva diminuzione del livello di competitivit dellazienda, oltre che laccrescimento di comportamenti avversi al rischio che influenzano la performance di lungo periodo. Dato che i comportamenti opportunistici sono difficili da distinguere ex ante dallimprenditorialit e dalla leadership, sforzandosi di controllare i primi, si finir, infatti, col distruggere i secondi. Oltre a queste considerazioni, possibile aggiungere che un livello elevato di fiducia ha notevoli effetti sulle variabili organizzative. Secondo McEvily, Perrone e Zaheer
4

Cfr. Ghoshal S., Moran P., Bad for practice: A Critique of the Transaction Cost Theory, Academy of Management Review, 1996 5 Cfr. Creed W.E., Miles R.E., A Conceptual Framework linking Organizational Forms, Managerial Philosophies, and the Opportunity Costs of Controls, in Kramer R.M., Tyler T.R., Trust in organizations: Frontiers of Theory and Research, Sage Publications, Thousand Oaks, CA. U.S.A., 1996, p.17

ticonzero No. 55/2005

(2003), la fiducia influenza lorganizzazione attraverso due sentieri causali diversi: la strutturazione della relazione (configurando i modelli dinterazione relativamente stabili e perduranti tra e allinterno delle organizzazioni) e la mobilitazione (motivando gli attori a metter a disposizione, combinare e coordinare le risorse verso sforzi e sfide comuni). Il ricorso alla fiducia piuttosto che al controllo ha rilevanti effetti positivi anche sui costi operativi e su quelli di struttura: una ricerca condotta da Whitney6 ha verificato che i costi di alcune societ i cui manager hanno deciso di approvare automaticamente tutte le note spese dei dipendenti sono scesi, nel giro di breve tempo, anche del 40%. Rinunciare al controllo nella gestione aziendale determina notevoli ripercussioni anche sulla struttura stessa dellorganizzazione: in primo luogo, molte persone, il cui unico ruolo in azienda quello di controllare il comportamento degli altri, diventano superflue e si pu decidere di impiegarle in aree diverse e aumentare la produttivit o di farle uscire generando un notevole risparmio nei costi di struttura; in secondo luogo, in unazienda che incoraggia comportamenti di fiducia, il middle management perde la sua funzione di controllore e acquista un ruolo di supporto. Un altro aspetto verso cui la fiducia assume una valenza fondamentale la creazione di energia: le persone cui si accorda fiducia si sentono pi responsabili, forti, degne del compito loro assegnato ed esprimono una maggiore propensione ad impegnarsi con tutte le loro forze per raggiungere gli obiettivi. Occorre, quindi, avere fiducia nei propri collaboratori e questi, a loro volta, nei capi e nellazienda. Senza la fiducia, come dice Duluc (2003, p.16), non si arriva da nessuna parte: essa oramai una componente indispensabile, poich il lavoro diventato troppo complesso e lambiente incerto e mutevole ad un ritmo sempre pi rapido. Il ricorso alla fiducia come meccanismo di coordinamento e di regolazione sociale, del resto, risulta appropriato laddove i compiti e le mansioni risultino caratterizzati da elevata discrezionalit, perch, in questi casi, risulta difficile controllare che le regole e le prescrizioni vengano applicate alla lettera. Se le organizzazioni nei prossimi decenni diventeranno sempre pi piatte nelle loro strutture e sempre pi incentrate sulle informazioni (Drucker, 1989), la fiducia diverr sempre pi importante nella progettazione e nello sviluppo organizzativi poich facilita il decentramento del processo di decision making e la condivisione di informazioni. Da un lato, quindi, per le caratteristiche competitive del contesto economico globale, le aziende sono costrette a cambiare continuamente; dallaltro, la fiducia assume sempre maggiore criticit. Diventa, allora, importante capire il valore di questultima per competere nei mercati moderni.

1.2 La swift trust nelle swift organizations


Il tema della fiducia (uno stato psicologico che comporta lintenzione di accettare di essere vulnerabili basata su aspettative positive circa le intenzioni e il comportamento di un altro, secondo la definizione di Rousseau, Sitkin, Burt e Camerer, 1998) sta assumendo una posizione di grande rilievo nelle scienze sociali.

cfr. DEgidio F., Molteni G., Treglia G., Vergani A., Manager in affitto per risolvere problemi di cambiamento, crisi, sviluppo e successione, Franco Angeli, Milano, 1997, p.35-36

Paolo De Angelis

Il successo che esso ha riscosso nellultimo decennio dovuto a vari fattori quali: linstabilit delle relazioni tipica della societ moderna; la globalizzazione; processi sempre pi frequenti di ristrutturazione; alcuni cambiamenti delle pratiche manageriali; il maggior ricorso al paradigma dellimpresa-rete; relazioni temporanee pi frequenti etc. McKnight e Chervany (1996, cfr. Perrone, 1998) hanno recensito oltre 60 tra libri ed articoli sulla fiducia e hanno trovato molte definizioni divergenti. Il concetto di fiducia ha, infatti, riscosso interesse in molti campi ed stato trattato, a seconda degli studiosi e delle discipline, sotto punti di vista diversi. Worchel (1979) raggruppa queste diverse prospettive in tre gruppi differenti: 1. Il punto di vista dei teorici della personalit, che si sono focalizzati sulle differenze nella disposizione individuale a fidarsi e sui fattori sociali e contestuali specifici che modellano questa disposizione. La fiducia vista come una convinzione, unaspettativa o un sentimento che profondamente radicato nella personalit e trae le sue origini nel primo sviluppo psicologico dellindividuo; 2. Il punto di vista dei sociologi e degli economisti, che si sono focalizzati sul concetto di fiducia come fenomeno istituzionale. La fiducia, in questa accezione, pu essere intesa come un fenomeno tanto allinterno quanto tra organizzazioni e come la fiducia che gli individui assegnano a tali istituzioni; se da un lato, per, gli economisti lhanno sempre vista come un fenomeno fondato su calcoli razionali, i sociologi, dallaltro, hanno concentrato maggiormente la propria attenzione su valori comuni e orientamenti morali degli individui come meccanismi alla base della sua creazione. 3. Il punto di vista degli psicologi sociali, che si sono focalizzati sulle transazioni interpersonali tra individui che creano e distruggono la fiducia a livello interpersonale e di gruppo. La fiducia pu esser vista, in questo caso, come laspettativa della controparte nella transazione, i rischi associati ad assumere queste aspettative e ad agire di conseguenza, e i rischi contestuali che servono a far crescere o a ridurre lo sviluppo e il mantenimento di quel rapporto di fiducia. Lattenzione maggiore di questo lavoro , per, rivolta allo studio delle caratteristiche che la fiducia assume in contesti in cui forte la pressione temporale. Meyerson, Weick e Kramer (1996), prendendo in esame i meccanismi che consentono linstaurarsi della fiducia in gruppi temporanei, hanno sviluppato il concetto di swift trust (fiducia veloce), che sottolinea la necessit di instaurare in breve tempo un legame tra le parti improntato alla fiducia reciproca. Questo tipo di fiducia, per ora limitato ai gruppi temporanei, destinato ad aver sempre pi importanza nei contesti iperveloci e ipercompetitivi in cui le aziende si troveranno a dover competere in un futuro prossimo. In simili contesti, le considerazioni fatte in merito alla fiducia fin ad oggi rimangono valide, ma assumono caratteristiche particolari ed estreme, perch devono essere applicate ad un gruppo temporaneo, un insieme di persone, cio, con competenze diverse che lavorano insieme ad un obiettivo complesso in un periodo di tempo limitato. In simili casi, non esiste, infatti, il tempo necessario per costruire e creare attivit tese allo sviluppo e al mantenimento di fiducia, come in normali organizzazioni. I gruppi temporanei presuppongono che ci sia fiducia tra i membri del gruppo, ma le classiche fonti di fiducia (come la familiarit tra i componenti del gruppo e la condivisione di norme sociali, alcune esperienze condivise e la possibilit di collaborazioni future, un discreto livello dapertura reciproca, la presenza di minacce e di deterrenti, alcune promesse mantenute, e, ancora, alcune dimostrazioni di non sfruttamento dello

ticonzero No. 55/2005

stato di vulnerabilit altrui) non sono necessariamente riscontrabili in questi sistemi. I gruppi temporanei, in breve, agiscono dando per assunto che la fiducia ci sia, nonostante lassenza di esperienze passate che dovrebbe teoricamente impedirne lo sviluppo. In situazioni in cui relazioni sviluppate di fiducia sono assenti, infatti, la fiducia conferita ex ante. I processi che avvengono nei sistemi temporanei per arrivare allo sviluppo della fiducia sono, quindi, diversi. Innanzitutto, mancando una storia vera e propria, tipico in tali situazioni fare uso di variabili che facciano da sostituti o proxies alla stessa. A tal proposito, si ricorre spesso a giudicare lattore destinatario di fiducia in base allesperienza di questultimo con una terza parte nota; esistono, infatti, degli intermediari della fiducia (Coleman, 1990, cfr. Mutti, 1998) costituiti da persone di cui ci si fida e che si fanno garanti dellaffidabilit di altre persone con cui non si in contatto. Numerosi studi, poi, dimostrano che, in alternativa agli intermediari della fiducia, i componenti del gruppo temporaneo utilizzano il ruolo e le caratteristiche degli altri come variabile sostitutiva dellesperienza passata inesistente, attraverso il fenomeno della categorizzazione e della stereotipizzazione. A causa della pressione temporale che lascia poco tempo alla costruzione di relazioni sociali e ostacola la possibilit dei membri di sviluppare aspettative sugli altri basate su informazioni certe, gli individui si formano attese e sentimenti di fiducia facendo ricorso ad altri contesti con cui hanno maggiore familiarit e costruiscono velocemente impressioni degli altri soggetti. Proprio perch gli individui importano la fiducia piuttosto che svilupparla, essa potrebbe essere presente fin dalle prime interazioni tra individui e toccare il culmine nella fase iniziale del progetto, dato che, in situazioni particolarmente complesse e ad elevata incertezza, la risposta in termini di fiducia non pu che essere immediata. Il paradosso apparente della fiducia iniziale pu essere spiegato presentando una serie di fattori e processi nascosti, che intervengono sugli individui e portano ad alti livelli di fiducia nei primi momenti dellinterazione. Come evidenziato anche da uno studio di McKnight et al. (1998), la fiducia iniziale non sar basata sulla conoscenza o su esperienze dirette con la controparte, ma sulla disposizione a fidarsi degli individui, che indica la tendenza a voler dipendere dagli altri, e da alcuni meccanismi sociali e processi cognitivi e psicologici, quali le illusioni di controllo, linvulnerabilit percepita, il tradizionalismo e lottimismo irrealistico. In pratica, come sostenuto da molti teorici della fiducia e dimostrato da alcuni studi empirici (per tutti, Kramer, 1994, cfr. McKnight et al., 1998), laffermarsi di comportamenti fiduciosi sostenuto fortemente dalle illusioni. Ma se, da un lato, come appena visto, risulta determinante lesistenza di una variet di sottili processi psicologici e meccanismi sociali per creare fiducia in poco tempo allinterno di tali gruppi, altrettanto importante risulta essere, dallaltro, lazione conseguente, che ha il compito di rinforzare e sviluppare la fiducia concessa. Pi forte lazione, maggiore sar la disposizione a fidarsi e pi velocemente si svilupper la fiducia. Quindi, sebbene la tradizionale concezione di fiducia sia basata sulle relazioni interpersonali, il concetto di swift trust de-enfatizza la dimensione interpersonale basandosi inizialmente sullutilizzo di ampie strutture di categorizzazione sociale e dopo sullazione. La fiducia in gruppi temporanei non

Paolo De Angelis

assume tanto la forma interpersonale classica, ma una configurazione pi cognitiva e di azione. Data la velocit tipica di tali contesti, qualsiasi distrazione dal compito centrale sottrarrebbe, infatti, forze alla prestazione del gruppo. Poich i compiti devono esser svolti in breve tempo, gli individui si focalizzeranno, quindi, pi su di essi che non sullo sviluppo di relazioni sociali e daranno maggior peso, nel decidere se affidare o meno fiducia agli altri, alla loro abilit e alla loro integrit percepita, piuttosto che alla loro benevolenza. Quello che potrebbe sembrare un elemento ostacolante, e cio la brevit del tempo a disposizione, gioca un ruolo a favore della fiducia e del buon clima interno al gruppo; i membri devono concentrarsi subito sullobiettivo comune e non hanno tempo a sufficienza per instaurare delle relazioni complesse, che sono spesso alla base, nei gruppi pi durevoli, di fenomeni pericolosi, come conflitti, gelosie e fraintendimenti.

1.3 Fiducia e crisi


Come detto in precedenza, sempre pi studiosi vedono la fiducia al centro della gestione aziendale e sostengono che creare e sviluppare un clima di fiducia allinterno di unazienda sia la via da perseguire per poter competere in modo efficiente ed efficace nei moderni mercati globali. Il modello del consenso7, che si basa sulla costruzione di un clima in cui le parti siano daccordo sullazione, mostra bene alcune implicazioni pratiche di questo mutamento in azienda. Ma se la posizione di tali autori assolutamente condivisibile e, anzi, raccomandabile, opportuno sottolineare che i modelli e le considerazioni presentate finora hanno, per, posto esclusivamente laccento, nella maggior parte dei casi, sulluso della fiducia per la gestione ordinaria dazienda, in situazioni in cui i ritmi dazione a disposizione siano facilmente sostenibili, piuttosto che prevederne lutilizzo anche in casi di gestione straordinaria, come nel caso di una crisi o di un cambiamento. Daltro canto, i modelli tradizionali di gestione del cambiamento suggeriscono di gestire una situazione di crisi, soprattutto se sotto pressione temporale, con laccentramento dei poteri in mano a pochi e non con la delega e la fiducia. Lo scopo di questo lavoro, , invece, quello di dimostrare come, in un caso di riprogettazione e rilancio aziendale, sia possibile far ricorso alla fiducia e ottenere ottimi risultati. Le considerazioni che seguiranno rivestono particolare importanza alla luce della frequenza con cui le aziende oggi si trovano a gestire processi di transizione o crisi e della centralit della modalit di gestione che si decide di perseguire per far fronte a situazioni di gestione straordinaria. Negli ultimi tempi, infatti, le crisi organizzative sono diventate quasi una routine. Nellanalizzare simili situazioni, i ricercatori hanno individuato una serie di comportamenti che prendono forma allinterno delle organizzazioni che si trovano a dover fronteggiare una crisi. Il comune effetto di rigidit, ad esempio, deriva dalla minaccia impellente e si ha sotto le ipotesi che, in risposta ad una crisi, la complessit della comunicazione si riduca, il potere e linfluenza vengano accentrati e lattenzione allefficienza aumenti, portando a preservare le risorse e ad assumere

Cfr. Duluc A., Botteri T., La leadership costruita sulla fiducia, Angeli, Milano, 2003, p.218

ticonzero No. 55/2005

comportamenti di minor elasticit. Pfeffer (1978)8, del resto, sostiene che laccentramento una soluzione verosimile in casi di minacce e di crisi ed anche la maggior parte dei modelli classici di change management afferma che, in casi di cambiamento in tempi brevi e con forti pressioni, la soluzione migliore sia fare gestire la difficile situazione ad una o poche persone. La teoria dice che, se si deve lavorare in un lasso di tempo molto breve e con degli obiettivi precisi, un clima dinfluenza elevata (con un piano, una struttura etc.) e di apertura debole pi efficace del contrario, ossia debole influenza (nessuna struttura) e apertura elevata9. In condizioni di crisi, normalmente, si fa, quindi, ricorso, per la gestione di un gruppo, al paradigma della forza o del compromesso10; la prima, in particolare, consiste nel pensare che le persone siano assunte e pagate per lavorare insieme. In questo contesto i fattori motivanti sono soprattutto la paura di essere puniti e il senso della disciplina. Questa concezione permette, a volte, di raggiungere determinati obiettivi in breve tempo: tuttavia, come sottolineano pi autori (ad es., Duluc e Botteri, 2003), gli svantaggi sono numerosi: in questo clima, infatti, i membri del gruppo tendono a provare una certa ansia, poich temono le critiche degli altri, e fanno in modo di evitare errori. Di conseguenza, il livello propositivo molto basso e la produttivit ne risulta limitata. Ognuno si aggrappa al leader che, a poco a poco, assume uno stile autocratico. Le persone proteggono se stesse, mentre la creativit e liniziativa lasciano il posto al conformismo e alla routine. Questo tipo di funzionamento, corrispondente al clima di lavoro sotto la forza, conduce spesso a dei veri e propri disastri, come nel caso, ad esempio, dellincidente del Challenger11 che nel 1986 esplose dopo quarantasei secondi di volo: il rischio di esplosione era stato chiaramente rilevato, ma la pressione del management era cos forte che non fu possibile affrontare il problema. Oltre allevidenza di questi svantaggi, alcune ricerche hanno poi mostrato che lefficacia di tale forma di gestione non garantita: DAveni (1989)12, per esempio, ha dimostrato che le imprese fallite in seguito ad una crisi soffrivano di un maggior accentramento dellautorit e di una pi rigida adesione alle strategie esistenti, rispetto a quelle che sopravvivevano ad una crisi. Cameron, Kim e Whetten (1987)13 hanno, poi, riscontrato numerosi risultati negativi in imprese in declino o sottoposte a pratiche di downsizing: una diminuzione dei livelli di scorte, di morale, fiducia, comunicazione verso lalto e innovazione e un aumento dei livelli di conflitto e accentramento. In breve, le imprese che accentravano i poteri e non gestivano una crisi con deleghe e fiducia si trovavano, in poco tempo, ad accentrare maggiormente e a subire diminuzioni dei livelli di fiducia, essendo entrate in un circolo vizioso.

Cfr. Mishra A.K., Organizational Responses to Crisis: The Centrality of Trust, in Kramer R.M., Tyler T.R., Trust in organizations: Frontiers of Theory and Research, Sage Publications, Thousand Oaks, CA. U.S.A., 1996, p. 262 9 Cfr., ad es., Duluc A., Botteri T., La leadership costruita sulla fiducia, Angeli, Milano, 2003, p.203 10 Cfr. Duluc A., Botteri T., La leadership costruita sulla fiducia, Angeli, Milano, 2003, p.196-197 11 ibid., p.218 12 Cfr. Mishra A.K., Organizational Responses to Crisis: The Centrality of Trust, in Kramer R.M., Tyler T.R., Trust in organizations: Frontiers of Theory and Research, Sage Publications, Thousand Oaks, CA. U.S.A., 1996, p. 262-263 13 ibid.

Paolo De Angelis

Sebbene gli autori citati abbiano affrontato in parte il tema, gli studi condotti finora sulle imprese in crisi hanno trascurato nelle loro analisi alcuni sistemi di valore profondi, come la cultura organizzativa e la fiducia. Ci risulta, perlomeno, alquanto singolare, dato che la capacit di sviluppare fiducia vista da molti come una caratteristica saliente che un leader deve avere durante un periodo di crisi. Mishra (1996), ad esempio, dopo aver intervistato 33 manager di circa una dozzina di aziende statunitensi e riassumendo le posizioni di numerosi ricercatori e studiosi sul tema, ha sviluppato un modello attraverso cui possibile ipotizzare che, durante una crisi, la fiducia abbia effetti positivi su tre aspetti chiave del comportamento organizzativo, particolarmente rilevanti in simili condizioni: decentramento dei processi decisionali; comunicazione non distorta; e collaborazione. Fiducia e crisi risultano, quindi, strettamente collegate tra loro, perch la crisi fortemente caratterizzata da uno stato di incertezza e dipendenza da altri e diventa un imperativo scegliere le persone giuste cui chiedere aiuto. Le considerazioni appena fatte vanno, quindi, nella stessa direzione di quegli studi, sempre pi comuni, secondo cui i modelli tradizionali di gestione di una crisi o di un cambiamento, basati sui paradigmi della forza e del compromesso, devono lasciare il posto a paradigmi fondati sulla collaborazione sincera tra le parti, attraverso il lavoro di un gruppo i cui membri siano complementari tra di loro e abbiano una relazione aperta e onesta. Anche in un processo di cambiamento, sempre pi manager si sono resi conto che lattenzione alle persone un elemento fondamentale e che gestire una transizione con coloro che per primi ne saranno coinvolti pu aiutare lagente del cambiamento a gestire unoperazione difficile in termini pi efficaci ed efficienti. Da pi parti risulta chiaro che, come dice Marcandalli (2004)14, il fattore critico di ogni cambiamento relativo all'attivit di unimpresa, quello che pu determinare il successo o il fallimento, sta nelle risorse umane. Se le persone sono davvero importanti in un processo di cambiamento, auspicabile, quindi, che esse vengano coinvolte fin dallinizio. Una delle possibili difficolt che un change agent potrebbe trovare in questo stadio quella delle resistenze al cambiamento. Aiutare le persone a cambiare uno dei compiti pi ardui per un manager chiamato a gestire una transizione, ma assolutamente indispensabile, data la velocit di mutamento dellambiente competitivo e le continue trasformazioni che esso richiede. Talvolta, gli individui fanno fatica a cambiare e ad apprendere perch il cambiamento ha impatto sulle persone coinvolte. Molto spesso, per, ci si trova a dover gestire delle resistenze al cambiamento solo perch non si tiene conto a sufficienza del concetto di s dellindividuo che corrisponde, in ultima analisi, alla sua identit personale15. Anche il famoso modello di Lewin, che presuppone le tre fasi di scongelamento, cambiamento e ricongelamento, legato alla percezione di s. La fiducia interviene in modo principale sulla prima fase. In questo stadio, infatti, oltre ai comuni problemi di motivazione che richiedono di individuare tutti i benefici e le valenze legate al cambiamento, esiste il problema della c.d. disconferma: bisogna, cio,

14

Cfr. Marcandalli R., Change Management: limpatto sulle risorse umane, Zero Uno, Gennaio 2004, p.60-63 15 Cfr. Duluc A., Botteri T., La leadership costruita sulla fiducia, Angeli, Milano, 2003, p.168

10

ticonzero No. 55/2005

far capire alle persone coinvolte le ragioni del cambiamento e far comprendere loro che bisogna cambiare, perch il modello di riferimento diventato obsoleto e non funziona pi. Una soluzione pu essere, quindi, dar fiducia alle persone per ottenerne limpegno e la maggiore apertura al cambiamento e per aiutarle a vincere le paure alla base delle resistenze. Per proteggersi da ci che pu minacciare il concetto di s ed indebolire lautostima, infatti, come ricorda Duluc (2003, p.185), lindividuo utilizza dei meccanismi di difesa e di chiusura, che operano in maniera non cosciente e che entrano in gioco ogni volta in cui si trova in una situazione di minaccia della propria identit personale. Ci da cui il soggetto si difende in maniera inconscia sono, in ultima analisi, le sue paure personali profonde, di essere insignificante, di essere incompetente e di non essere amato. Queste considerazioni sono confermate da uno studio di Krackhardt e Stern (1988)16 che ha dimostrato come la fiducia, in periodi caratterizzati dal cambiamento e dallincertezza, influenzi la cooperazione e il raggiungimento di un accordo.

2 - LANALISI EMPIRICA: il caso della Leggiuno SpA


Le riflessioni teoriche fatte circa la reale possibilit di gestire, attraverso uno stile partecipativo e basato sulla fiducia, una situazione che richieda soluzioni entro breve termine costituiscono lelemento centrale dello stile utilizzato da un giovane manager a tempo, Claudio Passera, nella gestione della difficile situazione in cui si trovava unazienda storica del settore tessile, la Leggiuno SpA. Per comprendere meglio le caratteristiche dello scenario entro cui ha avuto luogo lintervento di rilancio, occorre dare qualche informazione aggiuntiva sullattivit di temporary management che, nata a met degli anni 70 in Olanda, si diffusa rapidamente in molti Paesi europei e negli Stati Uniti, per lefficacia con cui essa risolve i problemi tipici delle aziende moderne operanti in contesti ipercompetitivi. Secondo la definizione di diversi autori17, essa unattivit svolta da manager altamente qualificati, esterni allazienda, per gestire unimpresa, una sua parte o un progetto per un periodo di tempo definito, in situazioni in cui richiesta unazione rapida con il compito specifico di garantire la continuit allinterno di unorganizzazione, mantenendola competitiva nel tempo, e di accrescere le capacit del management esistente. Questo non vuol dire che i manager a tempo siano esperti in ogni disciplina; essi sono specializzati nella gestione delle aziende in senso lato, pi che degli esperti di ci che lazienda cliente produce e per le loro competenze possono essere impiegati in modo efficace anche su problemi diversi dalle loro qualifiche e dalla loro preparazione. Chi diventa manager a tempo rappresenta una risorsa umana di grande qualit, spesso iperqualificata rispetto alla mansione per cui viene chiamato, che unisce

Cfr. McGrath C. e Krackhardt D., Network Conditions for Organizational Change, The Journal of Applied Behavioral Science, Vol. 39, No. 3, 2003, p.324-336 17 Cfr. DEgidio F., Molteni G., Treglia G., Vergani A., Manager in affitto per risolvere problemi di cambiamento, crisi, sviluppo e successione, Franco Angeli, Milano, 1997, p.58; Clutterbuck D., Dearlove D., The interim manager, Financial Times Pitman, 1998; Golzen G., Interim management, Sperling & Kupfer, 1994; Quarta M., Temporary management Ascoltiamo lEuropa, Franco Angeli, Milano, 2004, p.15

16

11

Paolo De Angelis

spirito imprenditoriale, competenza ed esperienza (cfr. Golzen, 1994, p.11) e pu entrare in qualsiasi tipo di situazione ed essere quasi immediatamente produttivo. Per la criticit della sua attivit, il manager a tempo di solito un ex dirigente di alto livello, di et compresa tra i 45 e i 55 anni, che, lasciata lazienda di appartenenza, vuole provare le sue capacit imprenditoriali e professionali, mettendosi in discussione, oppure un ex consulente. Oltre alle competenze specifiche, per, sono richieste anche delle caratteristiche psicologiche e personali particolari. Elemento chiave nella figura del manager temporaneo , infatti, la motivazione e la volont di ricercare in ogni incarico una nuova sfida, lavorando unicamente per raggiungere gli obiettivi stabiliti, primo tra tutti il diventare inutile e mai difendere una posizione acquisita. Oggi, come ricordano diversi autori18, le matrici di provenienza dei diversi operatori del temporary management in Italia sono diverse e comprendono, in primis, le societ specializzate di temporary management, che si assumono la responsabilit di risolvere il problema del cliente e operano in supporto diretto del manager a tempo, le societ di executive search, le cooperative di dirigenti, manager free lance, le societ finanziarie e banche daffari, gli studi di commercialisti o avvocati d'affari e, in misura sempre maggiore, le societ di consulenza. Leterogeneit e la molteplicit degli operatori sono il risultato dellaccresciuto successo che questo servizio sta avendo presso le aziende, che riescono a cogliere, sempre pi, i numerosi vantaggi che esso presenta. Tra questi, vi la possibilit per il cliente di inserire in azienda una persona con competenze tali che limpresa cliente non potrebbe permettersi di pagare a tempo pieno e di disporre di capitale intellettuale altrimenti non utilizzabile. Questattivit, come dicono molti autori19, pu anche essere intesa, infatti, come la gestione in outsourcing di progetti a professionisti di significativa esperienza, al fine di aumentarne la velocit di implementazione, senza dover appesantire la struttura dei costi fissi di lungo periodo. Inoltre, la possibilit per unimpresa di far fronte alla scarsit di competenze interne, con lingresso in azienda di un manager a tempo, permette di portare avanti, anche in modo sperimentale, alcune attivit che si ritengono strategiche e potenzialmente valide. Un altro vantaggio significativo, infine, dato dalla possibilit di utilizzare in azienda risorse specialistiche solo per il periodo necessario senza poi doverle tenere in azienda anche se la necessit terminata20; la flessibilit nel personale , infatti, una delle problematiche sicuramente pi importanti per cui pu essere usato il management a tempo, anche se, come ricorda Golzen (1994, p.5), esso stato finora adottato in gran parte come reazione al cambiamento e alla crisi, invece che come modo per anticiparli. importante sottolineare che, per le similitudini che a prima vista le due professioni sembrano avere, si confonde spesso il concetto di management temporaneo con quello di consulenza. Il manager a tempo, per, non un consulente, pur essendo un professionista esterno, e la differenza tra le due attivit professionali sostanziale. Il consulente, infatti, analizzata la situazione dellazienda cliente, ha il Cfr. http://www.ptu.sitech.it/bit/1997/N5/n5_1997_03.htm; DEgidio F., Molteni G., Treglia G., Vergani A., Manager in affitto per risolvere problemi di cambiamento, crisi, sviluppo e successione, Franco Angeli, Milano, 1997, p.58; Quarta M., Temporary management Ascoltiamo lEuropa, Franco Angeli, Milano, 2004, p.82 19 Cfr., per tutti, Clutterbuck D., Dearlove D., The interim manager, Financial Times Pitman, 1998, p.61 20 Cfr. http://www.contractmanager.it/rassegna.asp?funzione=articoli_dal_1987_al_1999&id=13
18

12

ticonzero No. 55/2005

compito di fornire una soluzione, aiutare lazienda nellimplementazione, e, in taluni casi, controllare i risultati dopo lintervento svolto dallazienda cliente. Il manager a tempo, invece, entra in azienda e ne individua i problemi, non limitandosi a suggerire un piano dazione, ma operando in prima persona i cambiamenti necessari, e prendendosi tutte le responsabilit delle sue azioni, che devono portare a dei risultati tangibili entro breve tempo (solitamente dai 6 ai 30 mesi). Un consulente un supporto teorico allazienda, mentre il temporary manager un supporto pratico21. Inoltre, il manager a tempo lavora solo in unazienda e non in due, tre o quattro aziende parallelamente. In pratica, come aggiunge Quarta (2004, p.17), il temporary management rappresenta una terza via (o una via intermedia, come dicono Clutterbuck e Dearlove, 1998, p.3), attraverso la quale unazienda pu procurarsi risorse finalizzate a migliorare sia la propria prestazione sia il livello delle proprie capacit gestionali. bene precisare, da ultimo, che il temporary management non n un lavoro interinale, come specifica Quarta (2004, p.18), n unattivit provvisoria, bens un lavoro full time, in cui il manager a tempo impara ad operare come un vero imprenditore di se stesso, e non un riempitivo tra due lavori, nonostante molti manager, specie se in una situazione lavorativa precaria, vi si avvicinino con questa idea. Ma perch mai un manager con un posto fisso dovrebbe accettare un lavoro temporaneo con tutti i rischi che esso comporta e rinunciare alla sicurezza di un posto sicuro? Come dice Golzen (1994, p.8), una risposta potrebbe essere cercata nella mancanza di sicurezza che caratterizza lera dellincertezza, in cui accadono sempre pi spesso episodi in cui alcune carriere vengono interrotte improvvisamente, a causa di fattori non controllabili da chi ne colpito. In questo contesto dincertezza, come detto in precedenza, le aziende si trovano a dover cambiare sempre pi velocemente. Se la fiducia, come assunto in questo lavoro, tanto importante per gestire unazienda anche in contesti straordinari, quella che il manager a tempo deve creare e sviluppare assume tutti i connotati della swift trust di Meyerson et al. (1996), precedentemente descritta. Il manager a tempo deve prestare molta attenzione al fenomeno della prima impressione, perch, data la brevit del tempo concessa per operare il cambiamento, egli soggetto a categorizzazioni fin dai primi istanti. I comportamenti adottati inizialmente e le priorit scelte dal manager a tempo condizioneranno le percezioni dei collaboratori allinterno del gruppo temporaneo e la sua reale capacit di suscitare fiducia. In un processo che si sviluppa secondo un circolo virtuoso, il manager a tempo si guadagna la fiducia dei collaboratori dando loro fiducia fin dallinizio e gestendo il processo di cambiamento attraverso la fiducia e non accentrando a s tutti i poteri, sebbene per contratto ne abbia anche facolt. Questo punto, tanto centrale in questo lavoro, assume maggiore importanza se si considera un semplice aspetto: limpossibilit di gestire un processo di transizione con pratiche autoritarie, sebbene i modelli tradizionali di gestione del cambiamento in tempi brevi suggeriscano questa via, e attendersi che, una volta terminato il periodo di risanamento e rilancio e conclusosi lintervento del manager a tempo, lazienda riprenda ad operare in condizioni ordinarie con un modello di gestione interna fondato sulla fiducia, come quello tanto raccomandabile per poter competere nei moderni contesti competitivi. Se le persone sono degne di fiducia in

21

Cfr. Clutterbuck D., Dearlove D., The interim manager, Financial Times Pitman, 1998, p.63

13

Paolo De Angelis

condizione di normale operativit, si deve dimostrare loro che esse lo sono anche e soprattutto in condizione di crisi. Il caso empirico della Leggiuno SpA mostra che, gestendo un gruppo con la fiducia, i risultati sono altrettanto buoni, se non migliori per le conseguenze che tale modalit di gestione ha sul clima interno, perch se vero che, da un lato, i tempi per raggiungere un consenso possono risultare pi lunghi, altrettanto vero, dallaltro, che il clima di fiducia reciproca facilita il processo, che la messa in atto delle decisioni veloce e facilitata da tutti, e che questa situazione permette di guadagnare tempo. La Manifattura Leggiuno SpA unimportante azienda tessile lombarda e, producendo da quasi cento anni tessuti in lino e cotone, diventata, ormai, un nome storico della camiceria italiana nel mondo. Tra i primi cinque competitors al mondo nel settore del tessuto per camiceria e tra i primi tre per laspetto creativo della collezione, deve il suo stato attuale di salute allintervento di temporary management che lha interessata dal Marzo del 2000 al Marzo del 2002, grazie al quale il prodotto stato completamente riposizionato, il bacino di distribuzione stato allargato a Paesi stranieri altamente strategici e si dato inizio alla successione generazionale che ha portato gradualmente, negli ultimi anni, la quarta generazione a capo delle aree interne allazienda. Fondata da un sarto a Leggiuno (Va), lazienda affonda solide radici nel passato e produce cotone e lino per tessuti di camiceria dal 1908. Fin dagli inizi, grazie al successo riscosso dai suoi prodotti, la Leggiuno SpA cresce e si sviluppa, rimanendo fedele al suo modello competitivo e integrando completamente tutte le fasi della produzione, nonostante alcuni importanti cambiamenti strutturali del settore, nel corso degli anni. Nel 1996, per, con un intensificarsi della concorrenza e un susseguirsi di periodi di congiuntura sfavorevole, la societ conosce, un momento di crisi, dovuto ad uno stallo del fatturato che perdura ormai da alcuni anni. Solo attraverso lintervento del dott. Passera, che opera nellazienda per due anni come manager a tempo, lazienda riesce a riconquistare la posizione competitiva. La particolarit di questo caso che lintervento di rilancio stato gestito da un manager esterno, chiamato a portare risultati importanti entro breve tempo e che ha deciso di rilanciare lazienda delegando compiti e decisioni al personale interno e ai discendenti della Propriet che laveva chiamato. Dopo aver vinto liniziale perplessit dei proprietari, il dott. Passera ha ottenuto piena fiducia dallazienda e ha ottenuto risultati positivi grazie alla partecipazione di tutti. Nel caso in esame, il manager a tempo riuscito a guadagnare fiducia prima ancora di iniziare ad operare, grazie alla sua esperienza di successo e alla presenza della societ di temporary management che ha svolto un ruolo di intermediario della fiducia, ma, soprattutto, riuscito ad avere successo guadagnandosi fiducia e rispetto da parte di tutti fin dai primi mesi, grazie al raggiungimento di obiettivi parziali immediati e al reale coinvolgimento di tutti alla buona riuscita del progetto. In breve, dando fiducia ai collaboratori e delegando loro compiti e responsabilit, arrivato ad ottenere piccoli traguardi iniziali attraverso un lavoro di gruppo ben costruito e ad ottenere a sua volta fiducia e rispetto, sia per aver mantenuto con i fatti le promesse implicite di ottenere risultati positivi, sia per aver dato importanza a tutte le persone coinvolte nel piano di rilancio. Attraverso una gestione incentrata sullattenzione alle persone e ai risultati, il manager stato in grado di gestire con successo un cambiamento radicale nel posizionamento dellazienda sul mercato, delegando il pi possibile per arrivare, come dice, ad avere la scrivania sempre

14

ticonzero No. 55/2005

pi vuota. Raccontandomi della sua esperienza in azienda, Claudio Passera ha pi volte sottolineato il suo concetto di gestione ottimale di unazienda: prestando attenzione alle persone e dando loro la possibilit di esprimersi al meglio senza vincoli iniziali, se ne ottiene la partecipazione e si riesce a migliorare il clima interno. In pratica, dando fiducia alle persone se ne ottiene fiducia, in un circolo virtuoso. Il grande merito di Claudio Passera, in questa sfida, stato, a mio avviso, quello di delegare a persone di cui si fidato in poco tempo il compito di rilanciare le due aree pi critiche (design e produzione), supportandole e controllandone i risultati, ma evitando di accentrare nelle proprie mani le decisioni relative al futuro di queste aree, come molti modelli teorici e lesperienza della maggior parte dei casi di ristrutturazioni e rilanci sotto pressione temporale suggerirebbero. Delega e supporto sembrano, quindi, essere le vie dazione principali per un intervento di rilancio di successo sotto pressione temporale. Nel raccontarmi la sua esperienza di manager a tempo, infatti, Claudio Passera ha pi volte ribadito limportanza di questi due concetti ed evidenziato quanto sia centrale il concetto di supporto, affinch la delega abbia efficacia. Come nel caso di un direttore dorchestra, anche oggi, il compito principale del dott. Passera (che opera ora internamente allazienda) quello di controllare che non ci siano errori, e nel caso se ne verifichino, di intervenire subito in modo dettagliato per correggerli, ma sempre supportando le persone perch esse riescano a fare le cose al meglio e in modo autonomo. Diventa, allora, cruciale la costruzione di un sistema di controllo perfetto. In questottica, occorre, per, sottolineare, non si tratta tanto di controllare che le persone facciano quanto il manager ha deciso e ordinato di fare, ma controllare esclusivamente i risultati, che devono essere in linea con quelli che il manager ritiene ottimali per il raggiungimento del piano complessivo. Ogni persona libera di operare come preferisce ed ha il completo sostegno del dott. Passera per prendere decisioni. Il compito del manager deve essere, allora, pi vicino a quello di un facilitatore, attento alle esigenze e capace di prevedere la possibilit di errore, per esser pronto ad intervenire con la massima precisione. La particolarit di questesperienza che il protagonista del cambiamento, colui che ha apportato lesperienza e le competenze necessarie per il rilancio, si sempre posto sullo stesso piano dei collaboratori, intuendo che, per ottenere la fiducia e il rispetto necessari per conseguire gli obiettivi sfidanti e di successo che il piano di intervento aveva individuato, avrebbe dovuto dimostrare per primo di avere stima e fiducia nei confronti degli altri e facilitare la condivisione di obiettivi e di idee.

3 - CONCLUSIONI
Lesperienza di Claudio Passera in Leggiuno prova che, anche in condizione di cambiamento sotto pressione temporale, uno stile di management maggiormente incentrato sulla fiducia e sulla delega pu risultare efficace e ottimale, almeno tanto quanto una gestione che presupponga laccentramento dei poteri, la pianificazione dei processi e un controllo attento che le persone preposte a portare a termine compiti operativi eseguano quanto deciso. Un punto di forza aggiuntivo di questa soluzione , per, che oltre ad essere efficace e produrre esperienze di successo, essa contribuisce anche a migliorare il clima interno allorganizzazione, dando attenzione e responsabilit a tutti i

15

Paolo De Angelis

collaboratori in modo indistinto, facendo correre loro rischi calcolati e promuovendo una crescita di tutte le risorse umane. Attraverso questo lavoro, si cercato di dimostrare che solo attraverso delle scelte volte a comunicare rispetto e supporto ai propri collaboratori si riesce in poco tempo ad ottenerne lappoggio e la fiducia, e a creare le condizioni per vincere le resistenze al cambiamento che, sebbene normali e fisiologiche, sono controproducenti perch rallentano il processo di adesione al piano di cambiamento. Queste considerazioni rivestono un ruolo ancora pi particolare, ovviamente, in condizioni in cui il tempo sia gi ridotto al minimo da cause esterne o da errori passati e in cui, prima ancora di illustrare completamente i piani dazione, il manager del cambiamento sia chiamato a produrre risultati. Lo scopo di questo lavoro stato quello di dimostrare, con laiuto di un esempio di successo di un intervento di temporary management, come questo sia possibile anche in casi in cui operare in poco tempo sia un fattore critico, non tanto per il successo dellazienda, quanto pi per la sua sopravvivenza, e di far riflettere sulla reale convenienza a ricorrere a stili partecipativi e responsabilizzanti, anche in situazioni di crisi. In sintesi, sarebbe auspicabile che i manager chiamati a gestire un cambiamento sotto pressione temporale passassero da uno stile direzionale fondato sul comando e controllo ad uno fondato sulla fiducia e controllo, dove il secondo termine assume, per, nel secondo caso, un significato completamente diverso che lascia maggiore spazio a concetti quali supporto e crescita, per permettere alle risorse umane di contribuire in modo attivo allo sviluppo e al successo dellazienda per cui lavorano.

Bibliografia
Libri e articoli:
Ancona D.G., Okhuysen G.A., Perlow L.A., Taking time to integrate temporal research, Academy of Management Review, Ottobre 2001, Vol. 26, Issue 4 Bachmann R., Trust, Power and Control in Trans-Organizational Relations, Paper Presented to the SASE-conference, 8-11 Luglio 1999, in Madison, Wisconsin, U.S.A. Clutterbuck D., Dearlove D., The interim manager, Financial Times Pitman, 1998 Coppola N., Hiltz S. R., Rotter N., Building Trust in Virtual Teams, Proceedings of IEEE Professional Communication Society 2001 International Professional Communication Conference. Santa Fe, New Mexico, Ottobre 2001 Creed W.E., Miles R.E., A Conceptual Framework linking Organizational Forms, Managerial Philosophies, and the Opportunity Costs of Controls, in Kramer R.M., Tyler T.R., Trust in organizations: Frontiers of Theory and Research, Sage Publications, Thousand Oaks, CA. U.S.A., 1996, p. 16-38 DAveni R., Ipercompetizione, Edizioni Il Sole 24 Ore, 1995

16

ticonzero No. 55/2005

DEgidio F., Molteni G., Treglia G., Vergani A., Manager in affitto per risolvere problemi di cambiamento, crisi, sviluppo e successione, Franco Angeli, Milano, 1997 Dasgupta P., Trust as a Commodity: Trust, Credibility, and Commitment, in Gambetta, D., Trust: Making and Breaking Cooperative Relations. Basil Blackwell, Oxford, U.K., 1998 Duluc A., Botteri T., La leadership costruita sulla fiducia, Angeli, Milano, 2003 Engwall M., Svensson C., How Cheetahs Run Cheetah Teams in Product Development Projects The Most Extreme Form of Temporary Organizations? Institute for Management of Innovation and Technology, 17.09.2001 Gambetta D., Can We Trust Trust? tr. Possiamo fidarci della fiducia?, in Gambetta, D., Trust: Making and Breaking Cooperative Relations. Basil Blackwell, Oxford, U.K., 1998 Ghoshal S., Moran P., Bad for practice: A Critique of the Transaction Cost Theory, Academy of Management Review, 1996 Golzen G., Interim management, Sperling & Kupfer, 1994 Grabher G., Cool projects, boring institutions: temporary collaboration in social context, in Grabher G. (Ed) Production in projects: economic geographies of temporary collaboration. Regional Studies Special Issue 36(3), 213-222, 2002 Grandori A., Soda G., Governing with multiple principals in A.Grandori (Ed) Corporate Governance and Firm Organization. (Editor). Oxford University Press, UK, 2004 Harrison R., Dibben M., Mason C., The role of trust in the informal investors investment decision: An exploratory analysis, Entrepreneurship: Theory & Practice, Vol. 2, 1Issue 4, p 63, Estate 1997 Hung Y., Dennis A.R., Robert L., Trust in Virtual Teams: Towards an Integrative Model of Trust Formation, Proceedings of the 37th Hawaii International Conference on System Sciences, 2004 Iacono C. S., Weisband S., Developing Trust in Virtual Teams, Proceedings of the 30th Annual Hawaii International Conference on System Sciences , 1997 Jarvenpaa S.L., Knoll K., Leidner D. E., Is Anybody Out There? Antecedents of Trust in Global Virtual Teams, Journal of Management Information Systems, Vol. 14 No. 4, Primavera 1998, p. 2964 Jarvenpaa, S. L., Leidner, D. E., Communication and trust in global virtual teams, Organization Science: A Journal of the Institute of Management Sciences, 10477039, Vol. 10, Nov-Dic 1999 Kern H., Lack of Trust, Surfeit of Trust: Some Causes of the Innovation Crisis in Germany Industry, in Lane C., Bachmann R., Trust within and between

17

Paolo De Angelis

organizations: Conceptual Issues and Empirical Applications, Oxford University Press, Oxford, U.K.,1998, p.203213 Kramer R.M., Brewer M.B. e Hanna B.A., Collective Trust and Collective Action: The Decision to Trust as a Social Decision in Kramer R.M., Tyler T.R., Trust in organizations: Frontiers of Theory and Research, Sage Publications, Thousand Oaks, CA. U.S.A., 1996, p. 357-389 Lane C., Theories and Issues in the Study of Trust, in Lane C., Bachmann R., Trust within and between organizations: Conceptual Issues and Empirical Applications, Oxford University Press, Oxford, U.K.,1998, p. 1-30 Lindkvist L. Governing project based firms: promoting market-like processes within hierarchies, Journal of Management and Governance 8/1, 2004 Luhmann N., Familiarit, confidare e fiducia: problemi e alternative, in Gambetta, D., Trust: Making and Breaking Cooperative Relations. Basil Blackwell, Oxford, U.K., 1998 Luhmann N., La fiducia, Il Mulino, Bologna, 2002 Marcandalli R., Change Management: limpatto sulle risorse umane, Zero Uno, Gennaio 2004, p.60-63 McEvily B., Perrone V., Zaheer A., Trust as an Organizing Principle, Organization Science, Vol. 14, No. 1, Gennaio-Febbraio 2003, p. 91103 McGrath C. e Krackhardt D., Network Conditions for Organizational Change, The Journal of Applied Behavioral Science, Vol. 39, No. 3, 2003, p.324-336 McKnight, D.H.; Cummings, L.L.; Chervany, N.L.. Initial trust formation in new organizational relationships, Academy of Management Review, Luglio 1998, Vol. 23 Issue 3, p.473 Meyerson D., Weick K.E., e Kramer R.M., Swift Trust and Temporary Groups, in Kramer R.M., Tyler T.R., Trust in organizations: Frontiers of Theory and Research, Sage Publications, Thousand Oaks, CA. U.S.A., 1996, p.166-195 Mishra A.K., Organizational Responses to Crisis: The Centrality of Trust, in Kramer R.M., Tyler T.R., Trust in organizations: Frontiers of Theory and Research, Sage Publications, Thousand Oaks, CA. U.S.A., 1996, p. 261-287 Mutti A., Capitale sociale e sviluppo la fiducia come risorsa, Il Mulino, Bologna, 1998 Perrone V., Le Fabbriche della Fiducia. La fiducia nelle organizzazioni economiche, Universit della Calabria, 29 Giugno 1998 Powell W.W., Trust-Based Forms of Governance, in Kramer R.M., Tyler T.R., Trust in organizations: Frontiers of Theory and Research, Sage Publications, Thousand Oaks, CA. U.S.A., 1996, p. 51-67

18

ticonzero No. 55/2005

Quarta M., Cresce la consapevolezza per il manager a tempo, in LImpresa 2/1995 Quarta M., Temporary management Ascoltiamo lEuropa, Franco Angeli, Milano, 2004 Quarta M., Un nuovo lavoro a 50 anni? Come evitare la sindrome del secondo pensionamento, in LImpresa 1/2004 Russell D., Interim management, Butterworth Heinemann, 1998 Scott, J.E., Kaindl, L., Enhancing functionality in an enterprise software package. Information & Management, Aprile 2000, Vol. 37 Issue 3, p.111-122 Tyler T.R.., Kramer R.M., Whither Trust?, in Kramer R.M., Tyler T.R., Trust in organizations: Frontiers of Theory and Research, Sage Publications, Thousand Oaks, CA. U.S.A., 1996, p.1-15 Valdani E., Competition Based View, Etas Libri, Milano, 2003 Vergani A (a cura di), Contract manager: direttore generale affittasi, Franco Angeli, Milano, 1991 Webb, E.J., Trust and Crisis, in Kramer R.M., Tyler T.R., Trust in organizations: Frontiers of Theory and Research, Sage Publications, Thousand Oaks, CA. U.S.A., 1996, p. 288-301 Weizmann H.G., Weizmann J.K., Gestione delle risorse umane e valore nellimpresa, Franco Angeli, Milano, 2001

Siti Internet:
http://lavoro.provincia.milano.it/CIP/pdf/legali.htm http://www.consell.com/contratto.htm http://www.contractmanager.it/newsletter.asp?funzione=archivio&id=55 http://www.corriere.it/lavoro/consigli/2002/consigli070602.jhtml http://www.daziend.unibo.it/italiano/worg/html/relazioni/decastri.htm http://www.dinicola.it/mdl/interman.htm http://www.fub.it/telema/TELEMA13/Butera13.html http://www.generazionale.it/temporary.htm http://www.knowledgeboard.com/cgi-bin/item.cgi?id=94963 http://www.leggiunospa.it/ http://www.mclink.it/personal/MC7559/orgaz/ http://www.nextonline.it/archivio/12/05.htm http://www.pallme.com/Bacheca/it_T-Manager%20(ItaliaOggi)_03.htm http://www.professionelavoro.net/newsletter/news_2000_07.html http://www.ptu.sitech.it/bit/1997/N5/n5_1997_03.htm http://www.renalgate.it/costruireSulla%20Fiducia.htm http://www.sviluppoimpresa.com/risorse/389/428/649.html http://www.temporary-management.com/tm_breve/progettotm.asp

19