Sei sulla pagina 1di 1

mrnoranze-omo

Elettroshock contro saffo


C' una ragazza che si veste da maschio solo per poter
lavorare e ridiventa femmina per il suo contestato diritto al privato,

ta di essermi innamorata sociali per potermi nantedi una mia compagna, ho nere questo < vizio >> per cercato di libelalrn delle persone ricche... s, perch
sutture che
scfoca,rano

Racconta Eva: < Quando a 16 anni, con molte sofferenze, mi sono accor-

dendo che

fo... e altre cose, concluio non ero nelle condizioni finanziarie e

Dopo varie
fessore cerc

riuscii a trovarla ma

di di impedirmi di
di

in tutti i

peripezie il promo-

la mia immagine contraffatta


,>.

parla-

re con lei. Infine, data Ia mia irremovibilit, prima

questo mio amore dice:-,Comi che gli esseri umani de-

mia mamma diceva che il mio era un vizio per perscne ricche...

coire maschio e femmina, e che pensando alla mia


compagna non facevo riferimento al suo sesso, ma

vono essere considerati persone e non catalogate

uscire dall'ospedale (lo avevo posto come condizione) mi fece parlare con

una confessione, dove la verit tanto lucida da confondersi con il dolore. E mentre leggevo questi

ni per trarne la lorza di

Ho trascritto questi

bra-

Nessun aiuto mi venuto in questo momento

lei. La trovai completamente inebetita e con una

difficile della mia vita da coloro che avrebbero clovuto darlo. Anzi, per l'esattezz^, un aiuto me I'han-

come persona, con pensieri, sentimenti e problemi che ci univano... In seguito mi sono chiesta perch questo mio rapporto platonico non poteva essere anche sessuale,
dato che non amavo un'ombra, ma qualcuno con la mia stessa fragilit... un

a lei

no dato: mi hanno portat^ dallo psichiatra... I{o avuto la ona di allontanarmi da casa, altrimenti a quest'ora sarei finita in
manicomio, inebetita dagli elettroschock come sr;ccesso a una mia amica, Ca-

la mia ignoranza:
troschock!
>

si i motivi al professore. Mi rispose con aria saccente e meravigliata del<<

strana aria assente, ne chie-

fogli, passatimi per caso sul tavolo di un bar, Eva mi guardava immobile e

apparentemente ffanquilla. Una giovane tagazza di appena 2I anni, carina, cor-

L'elet-

di

Mi sentii svenire, uscii


corsa, senza salutarlo...

diale, vestita normalmente, grandi occhi castani aperti alla vita, camicetta e
jeans sgualciti come porta-

avevo voglia
>>.

di

no tante tagazze come lei...

vomita-

re...
<

terina. Infatti quando i suoi genitori si accorsero


sarono fosse ammalata di

essere

di

carne

sangue

che ci volevamo bene, penmente.

E poi? < Ora sono felice con Eva, lei mi ama... Mi rovo senza un posto di la>>

ro i fogli, e le ho

Quando ho restituito loguarda-

come me e cos questa comunicazione avvenuta gradualmente, in modo tenero e dolce, senza traurni...

non andare dallo tra, lei rispose che ci

Io la

scongiurai di
psichiasa-

voro, per poter tirare avanti con una certa tranquillit mi sono dovuta travestire da maschio, facendo

l'umanit cui certamente non sono pi abituate, rni hanno sorriso appena e mi hanno detto: << no, tu non
pr-roi fare niente per noi...

te con amicizia e con quel-

Attualmente vivo con Barbara, una ragazza di 27 anni che sta scrivendo
renderti conto di quanto ha sofferto ti lascio trasrrivere qualche brano del suo libro... >>. << ... quando a casa hanno saputo che ero diuersa (tanto per usare un termine caro ai giornalisti...) sLtccessa una trasedia. Mio padre mi ha trattata come una poco di buono e mi ha sDltato in faccia dicendomi che gli facevo schi-

re'r,be andata una sola vol-

la

sua autobiografia

e per

stata affidata (Catena aveva allora 16 anni!) continu le sue sedute e volle vedere anche me. Dopo averci chiesto in che maniera facevamo I'amote, mi

madre. Ma non fu cos. Il crande nrofessore cui era

ta per

accontentare

sua

questa Ia vera deuianza, non amate una persona dello stesso sesso; la violenza di aver perduto per coazione esterna la mia identit.

violenza alla mia personalit. Ci credono marito e moglie e tutto fila liscio. E'

cambiato... e forse in un domani non tanto lontano, cambier... >>. Eva, in quel piccolo bar alla stazone, si dimostrata un essere umanc

re

il

sistema che deve esse-

conscio

dei suoi doveri

diritti e,

quasi senza vo-

lerlo, poteva sembrare che mi stesse dando una lezione di sociologia, tale era

una clinica
trica

liquid con un bel sortiso oromettendomi che avrebbe messo tutto a posto lui. Come prima cosa ci divise, inoltrando Caterina in
neuropsichia-

di cui mi greto il nome.

tenne

se-

non essere me stessa se non dentro le mura della mia casa. Anormale il vedermi allo specchio e avere voglia di piangere e urlare perch vedo riflessa

sto

Anormale quindi que-

Ia sua

travestimento, quel

conoscenza sulla problematica nella quale si inserisce la sua realt di

doppiamente emarginata
come donna e come lesbica.

I.M.

Potrebbero piacerti anche