Sei sulla pagina 1di 1

pressunE

l'Unit Romag na
Direttore Responsabile: Claudio Sardo

17/03/2013
Periodicit: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

Nozze di gruppo al Cassero: 78 coppie hanno detto s


Festa dell'Arcigay con tanto di bouquet, foto ricordo e testimoni per rivendicare il diritto alle nozze per le persone dello stesso sesso
BO LOG N A
FEDERICO MASCAGNI

mascagnitede~gmailcorn Lo Stato pi piccolo del mondo non il Vaticano, ma il Cassero di Bologna. Non iconosciuto, ma questo non ha importanza. repubblicano, democratico e tiene molto ai diritti civili. Lo ha dimostrato due sere fa con un rito collettivo che ha unito in matrimonio 78 coppie omosessuali ed eterosessuali. Non sono matrimoni validi per legge, e questo purtroppo rilevante. Perch di l dalla battaglia per il riconoscimento dei pieni diritti alle coppie omosessuali, esiste anche una parte umana che rimane ferita da questa privazione: la sfera affettiva delle coppie omosessuali. Ci che ho provato nello sposarmi stata una grandissima commozione. Parola di Giulia,

che ha conosciuto Federica a Bologna e convivono assieme da. tempo. Eppure, nonostante sia una coppia consolidata, poter condividere un rito, con l'importanza che ci rappresenta dal punto di vista simbolico ed emotivo, stata una esperienza profondissima.
FIORI E TESTIMONI

Tanti i bouquel le fedi, molti avevano chiamato i testimoni, alcuni addirittura convocato le famiglie. C' chi ha organizzato addii al nsibilato e al celibato la sera prima. Noi abbiamo deciso che ci scambieremo pi avanti le fedi, in una cerimonia privata a casa nostra con gli amici pi Giulia contenta, e si sente. Perch potersi dire una persona e una cittadina con pieni diritti una cosa bella e importante. Nonostante lei e Federica non si fossero organizzate al meglio, sono rimaste entusiaste nel ve-

dere tanti amici e amiche che erano presenti tutti per lo stesso motivo: Volti magari che non incrociavamo pi da tempo e che adesso erano vicini a noi a partecipare di una gioia comune. Prima del rito, l'officia ' me-presidente del Cassero, Vincenzo Brana, ha letto un messaggio. Ha, parlato di un sogno, inserendosi di diritto nella tradizione dei discorsi storici. La libert contenuta nel sogno passava attraverso le memorie del primo amore desiderato ma impossibile, che si trasformava nello sposo in una incantevole cerimonia nuziale. Il

kulVel'kgneilb)
,..,,

dosso lo sguardo d chi c

divertimento il modo in cui ci scrolliamo di dosso lo sguardo e i pensieri di chi ci reputa cittadini e cittadine di serie b, spiega Bran. un linguaggio che connota da sempre il movimento Lgbt. e ha uno spessore che va molto al di l della risata che genera e non corrompe in nessun modo la natura o l'intensit dei nostri desideri, E sotto quei desideri ci sono diritti e bisogni, non solo sinceri ma urgenti, quotidiani. Con un brusco passaggio, Bran ha ricordato che esistono altre persone discriminate, da chi rinchiuso in carcere, dove spesso si muore, a chi vorrebbe fare la fecondazione eterologa ma non pu, passando per il mancato diritto all'eutanasia e alla cittadinanza dei "nuovi italiani", i figli di stranieri nati nel nostro Paese. E nel 'frattempo Bologna manda in Senato il combattivo Sergio Lo Giudice, gi presidente del Casseroche ha richiesto la copertura sanitaria del compagno sposato in Norvegia. Certo, nella giusta direzione - commenta Bran - e merita tutto sostegno. Ma temo sia in linea con la politica dei piccoli passi del Pd. Una politica che ormai fuori tempo massimo. Li giorno in cui i parlamentari gay si vedranno riconosciuta la copertura sanitaria del partner avremo ribadito un principio che ormai lapalissiano in Italia, dove la maggioranza a favore del matiinortio omosessuale_ Ora Serve una legge, anzi servono molte leggi: sono un' urgenza.

Pagina 1 Emilia Romagna Lsau,


'" \Nyt..2
Autisti Tper. 4,.ceo come ridurre

Poaex Jnoppo Igumo

Ca,C)1,

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015