Sei sulla pagina 1di 70

IL PIACERE DI STUDIARE

Tecniche pratiche e semplici per apprendere in modo rapido

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Il piacere di studiare
Tecniche pratiche e semplici per apprendere in modo rapido di Chiara Giovannini pp.70

Prefazione a cura di Andrea Fiorenza.4

Introduzione6

1. C qualcosa che devi sapere 1.1 1.2 1.3 Gli autosabotatori, questi sconosciuti9 Le soluzioni che peggiorano..12 Cambiare il modo di vedere le cose18

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

2. La partenza 2.1 2.2 2.3 Gli obiettivi..19 Il tempo.23 L'ambiente27

3. Il percorso 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 Cosa si deve fare e cosa non si deve fare.29 Errori da evitare quando si legge.30 Prendere appunti in modo efficace..33 Saper organizzare i contenuti con le mappe mentali38 Memorizzare senza sforzo e a lungo..57 Saper ripassare per migliorare il ricordo.60

Conclusioni.62 Bibliografia dellebook68 La proposta dello Studio Fiorenza69

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Prefazione a cura di Andrea Fiorenza In una storia si racconta che un viaggiatore arrivato nei pressi di una cava vide diversi uomini che, sudati e sporchi, imprecavano con le mani al cielo. Luomo si avvicin e chiese: Cosa fate?A cosa serve il vostro lavoro? Si sent rispondere: Non lo vede? Spacchiamo pietre. E senza pi interessarsi del viaggiatore gli uomini ripresero il loro lavoro e le imprecazioni. Il viaggiatore ripart e, dopo qualche ora di cammino, si ritrov nei pressi di unaltra cava. Altri uomini lavoravano come quelli precedentemente incontrati ma, a differenza dei primi, non erano molto affaticati, nonostante lavorassero sodo. Anche in questo caso il viaggiatore chiese loro a cosa stessero lavorando e a cosa servisse il loro lavoro. E dove i primi uomini avevano risposto Spacchiamo pietre, qui si sent rispondere: Costruiamo splendide cattedrali. A volte le azioni che facciamo, i compiti a cui ci dedichiamo possono apparirci duri e faticosi o, in altri casi, piacevoli e gratificanti. Tutto dipende dagli obiettivi e dagli scopi e dai metodi utilizzati per raggiungere tali scopi e obiettivi. E un grande piacere per me presentare questo ebook della Dott.ssa Chiara Giovannini. E uno strumento pratico e utile in grado di aiutare chiunque desideri passare da un approccio allo studio inteso come spaccare pietre ad uno dove si costruiscono cattedrali. Il linguaggio che Chiara Giovannini utilizza semplice e scorrevole, attivit non sempre facile, e il testo ricco di indicazioni concrete. 4

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Il lettore viene invitato a mettere in pratica nuovi modi per apprendere, sospendendo temporaneamente il proprio modello, per sperimentare come, grazie a indicazioni che sono sorrette da ricerche e sperimentazioni, si possa migliorare ulteriormente il modo di studiare. Ho letto con interesse il testo e in alcuni passaggi ho riconosciuto alcune tecniche che inconsapevolmente metto in pratica, in altri passaggi alcuni errori che mi porto dietro da molti anni. E naturalmente mi sono ripromesso di porvi rimedio. Oggi, a quasi cinquantanni, posso dire di essere un p pi consapevole dell approccio che utilizzo per apprendere, so cosa devo fare e come devo fare per risparmiare energie senza che questo vada a influire negativamente sullapprendimento. E questo mi rende felice. Ma se solo qualcuno me le lo avesse fatto notare prima

Andrea Fiorenza Bologna, Ottobre 2009

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Introduzione Era il Super Bowl Sunday, quel giorno inviolabile in cui la maggior parte degli uomini americani si piazza davanti al televisore a guardare il pi importante incontro di football dell'anno. La partenza del volo New YorkDetroit era stata ritardata di due ore e fra i passeggeri- quasi tutti uomini di affari- la tensione era palpabile. Quando finalmente arrivarono a Detroit, un misterioso problema tecnico con la scaletta fece fermare l'aereo a circa trenta metri dal cancello. Sull'aereoplano i passeggeri isterici per il ritardo, saltarono comunque in piedi. Una delle assistenti di volo and al microfono. Come poteva fare per ottenere che tutti obbedissero al regolamento restando seduti finch l'aereo non avesse portato a termine l'avvicinamento al cancello? La donna evit di annunciare con tono rigido: "Il regolamento federale prevede che tutti i passeggeri riprendano posto a sedere prima che l'aereo cominci la manovra di avvicinamento al cancello". Invece, cantilenando come se stesse ammonendo scherzosamente un bambino adorabile appena colto a fare una birichinata tutto sommato perdonabile, se ne usc con un: "Vi siete alzaaaati?!?" Al che tutti scoppiarono a ridere e si rimisero a sedere finch l'aereo non ebbe terminato la sua manovra. Date le circostanze i passeggeri scesero dall'aereo con un sorprendene buon umore.

(Goleman, 1998)

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Quella che abbiamo appena letto la simpatica dimostrazione di come una comunicazione emotiva raggiunga obiettivi insperati, in modo efficace e diretto. La sfera emotiva complementare a quella razionale, pure necessaria. Vedremo che anche nellapprendimento la cos detta intelligenza emotiva, cos cara a Goleman, ricopre un ruolo determinante per la memorizzazione dei concetti. Non dimenticare che si impara solo ci che piace e solo ci che diverte! Questo e-book ha l'obiettivo di fornire strumenti utili per migliorare la qualit del tuo apprendimento e, di conseguenza, la qualit della tua vita. Ecco che cosa ti permetter di fare questa guida: - saper gestire in modo ottimale il tuo tempo di studio (progettare un piano di studio individuale, giornaliero, settimanale, mensile); - riconoscere le strategie migliori per prendere appunti; - gestire la tua memoria (e non essere gestito da lei!) e orientarla ai contenuti che ti occorre memorizzare, senza alcun limite - rielaborare in modo creativo ed emozionale le informazioni in mappe cognitive (ricorda: pi le informazioni vengono manipolate e rielaborate pi le imparerai senza dimenticarle); - elaborare strategie di recupero delle informazioni senza fatica e senza sforzo utilizzando tutti i cinque sensi disponibili; 7

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

- strategie per leggere velocemente; - imparare a sottolineare il testo, prendere appunti, schematizzare e archiviare le informazioni in memoria. Ricorda che: lo Lo studio studio senza senza metodo disordinato noioso e e

improduttivo. insopportabile. (Polito, 2002)

motivazione

Qual la differenza tra un corridore che arriva prima ad una gara podistica rispetto a un altro concorrente che taglia il traguardo quattro o cinque posizioni dopo di lui? La velocit sostenuta durante la gara? O forse la respirazione ritmica e ben equilibrata? Magari potrebbe aver giocato un ruolo decisivo il terreno sul quale la corsa ha avuto luogo.... Tutto questo sicuramente gioca un ruolo fondamentale, ma non dobbiamo dimenticarci di tutto ci che avvenuto prima di quella corsa...e cio l'allenamento di quel corridore: i giorni, le settimane e i mesi prima della gara. La preparazione. E allora vediamola pi da vicino.

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

1. C'E' QUALCOSA CHE DEVI SAPERE 1.1 Gli autosabotatori, questi sconosciuti E' noto che l'apprendimento nello sport richiede molta concentrazione, capacit di automonitoraggio, di autovalutazione e di autorinforzo e, soprattutto, molta pratica. Lo sport richiede un atteggiamento mentale positivo e di fiducia in s stessi, per incoraggiarsi quando si di fronte a una difficolt e di tecnica per conservare alto il livello della propria motivazione. Si deve organizzare un piano di allenamento e integrare lo sforzo con il rilassamento (Polito,2002). Dunque come avr fatto il nostro corridore ad assicurarsi una

performance vincente e arrivare primo? Prima di ogni altra cosa avr neutralizzato i nemici pi pericolosi e infimi...gli autosabotatori! Naturalmente non stiamo parlando di marziani millebraccia scesi improvvisamente sulla terra ma pensieri ricorrenti a cui tutti noi siamo abituati senza rendercene neppure conto. Gli autosabotatori sono pensieri disfunzionali, costruzioni negative e subdole che ci facciamo di noi stessi e che inquinano le nostre performance e ci impediscono di essere vincenti. Un'ottima tecnica, cos come un'ottima preparazione non bastano senza lo spirito giusto e senza aver messo un freno a quelle convinzioni limitanti, blocchi del potenziale apprendimento. Le convinzioni, sia positive che negative, si formano in seguito ad esperienze importanti. Dopo essere state create, per, esse sembrano sganciarsi dalla nostra mente e non appartenerci pi: smettiamo di metterle in discussione, 9

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

esse si cristallizzano e dunque restano ferme l dove le abbiamo create per molto tempo. Forse hai gi sentito parlare dell'effetto placebo, un meccanismo che libera attraverso le nostre idee e le nostre convinzioni una serie di energie e capacit che non sapevamo neppure di possedere. Ingerire una pillola credendo fermamente che questa sia lottima risoluzione al nostro malanno ignorando il fatto, in realt, che quella stessa pillola contiene solo ed esclusivamente zucchero, produce effetti tangibili e risolutivi. La nostra mente, spinta dalla nostra convinzione, ha giocato un ruolo decisivo credendo che sia stata la pillola miracolosa a farlo. Questo forse basta per farci immaginare i danni che provocano alcuni dei nostri pensieri limitanti come: "Non ci riuscir mai"; "Non ho mai avuto memoria"; "Non sono mai stato in grado di...", eccetera. E' bene precisare per che esistono autosabotatori assolutamente funzionali. Sono quei pensieri che servono a tutelare la nostra autostima e l'immagine che abbiamo di noi stessi e a proteggerla da eventuali fallimenti. Esempi di autosabotaggio sono il continuo procrastinare gli impegni, stabilire obiettivi irraggiungibili o troppo facili, il ritiro dall' impegno, la rinuncia a fare delle scelte, insomma tutte quelle scuse che compromettono la nostra performance intellettiva ma che allo stesso tempo forniscono un alibi in caso di insuccesso. Come far dunque il nostro corridore a neutralizzare questi pensieri? Certamente non far finta di niente, non cercher di ignorarli ma cercher di porsi delle domande in merito per poterli affrontare con 10

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

lucidit e coraggio. Vediamo alcune domande utili per sconfiggerli: - Fino ad ora in quale percentuale (da 0 a 100) sento di aver sfruttato le mie potenzialit? - Cosa mi aiuterebbe per arrivare al 100%? - Ci sono decisioni o obiettivi in merito che sto procrastinando? - Cosa mi sta frenando? - Che rischi correrei se arrivassi fino in fondo? - Nella peggiore delle eventualit che cosa accadrebbe? (Mattoni, 2008) Avere coscienza di tutto o quasi tutto ci che ci limita un passo importante e di crescita per chiunque intenda sviluppare al meglio le sue capacit. Anche se esserne a conoscenza non basta per neutralizzare questi pensieri, occorre accompagnare questa consapevolezza con un allenamento mentale, un addestramento a cui sottoporre l' abitudine naturale e fisiologica di ogni essere umano di valutare se stesso. Molto spesso una performance negativa rischia di diventare una valutazione negativa sull'intera persona provocando sconforto e arrendevolezza.

11

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

1.2 Le soluzioni che peggiorano Per uno studente o chiunque si approcci a un testo o si cimenti nello studio verr assolutamente naturale tentare di mettere in atto soluzioni apparentemente funzionali alle difficolt che gli si presentano lungo la strada. Solitamente davanti a uno studio insoddisfacente si tende ad aumentare le ore trascorse sui libri, a saltare i pasti e buona parte della notte con la convinzione che pi una soluzione prodotta in quantit pi sia di qualit. Molti altri studenti tenderanno a ripetere con insistenza e

sistematicamente la lezione appresa, la parte di testo magari non sinceramente compresa fino alla fine credendo che pi qualche cosa viene ripetuto in un numero consistente di volte pi l'apprendimento sia quanto meno assicurato. Nella mia esperienza universitaria molto spesso mi capitato di chiedere in prestito libri o manuali a qualche mia collega. Rimanevo sempre piuttosto stupita nell'incontrare su quei testi moltissime pagine ripetutamente sottolineate, una volta a matita, una seconda volta, solo in alcuni tratti sottolineata con la biro blu, poi in altre zone rimaste precedentemente bianche evidenziata con gialli e arancioni intensi. La sensazione che provavo, oltre a quella di un devastante disordine mentale che influiva anche sul mio apprendimento, era quella di un martello pneumatico che passava e ripassava sulla medesima riga cercando di fare solchi, avanti e indietro, avanti e indietro con la paura e l'incertezza di non aver scavato accuratamente ogni angolo della riga. Converrete con me che questo c'entra davvero poco con un testo ben appreso, con contenuti masticati e manipolati in modo critico e 12

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

intelligente. Insomma quel caos mi trasmetteva tutto tranne che la certezza di possedere quello che realmente mi interessava: il concetto portante che dovevo studiare. Che cosa sono le tentate soluzioni allora? Sono quelle soluzioni che apparentemente sembrano funzionare ma in realt non cambiano affatto la situazione e, anzi perpetuano il ripresentarsi del problema. Questa guida in grado di seguirti nell'inventare in maniera creativa e funzionale nuove soluzioni, quelle che provocano il cambiamento vero, reale in grado di fornirti strumenti di immediata e facile applicazione producendo e energetiche. in modo naturale la neutralizzazione dei soliti comportamenti, poco efficaci e dispendiosi in termini di risorse temporali

Il tuo tempo prezioso non sprecarlo alla ricerca di elaborate strategie per imparare. In questa guida troverai tutto ci di cui hai bisogno con il vantaggio di: - imparare tecniche semplici in modo permanente e duraturo che possono essere affrontare; - un metodo assolutamente divertente e creativo, immediato ma sopratutto ti da garanzie di risultato in tempi brevi - un metodo che pu essere insegnato a chiunque, bambini, adolescenti, studenti universitari, manager. Insomma non ci sono limiti di et n effetti collaterali! applicate a qualunque tipo di materiale sia da

13

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Ma c' una cosa che devi fare... Da questo momento in poi ti chiedo di abbandonare mentalmente il tuo attuale metodo di studio. Probabilmente se stai leggendo questa guida perch qualcosa non ti soddisfa, non hai raggiunto i risultati che speravi, o forse sei in un momento della tua vita dove hai bisogno di concretizzare e raggiungere in modo veloce e pratico risultati e obiettivi. Per fare questo opportuno che tu sospenda il giudizio su ci che stai per leggere, che tu faccia un tentativo, che lo sperimenti, che ci entri con tutto te stesso, il cambiamento per avvenire ha bisogno di attenzione e concentrazione. Leggi questa guida fino alla fine, senza pregiudizi, non ti coster nulla, in qualunque momento potrai tornare al tuo solito modo di studiare, ma prima importante che abbandoni le tue resistenze e i tuoi dubbi, sperimenta, prova, solo cos sarai in grado di fare una valutazione matura e consapevole. Scegliere in fondo questo: - ascoltare ci che ti verr detto a breve; - sperimentare in modo individuale le istruzioni e indicazioni che ti dar; - valutare attraverso i risultati che otterrai se questo strumento ti interessa o meno. Capisco che tu possa avere delle resistenze. Probabilmente le stesse che ebbi io allepoca

14

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

La mia storia... Quando mi iscrissi al week end intensivo per imparare il metodo Eureka, cos si chiamava, ero in un periodo di vita personale particolarmente caotico. Mi mancavano ancora molti esami per laurearmi in Psicologia, non potevo frequentare le lezioni, non conoscevo praticamente nessuno dei colleghi studenti, nessuno che mi desse informazioni su un pesante esame che dovevo sostenere a breve, non avevo nessun appunto suggeritomi per alleggerire la mole di lavoro e snellire un carico che mi pareva impossibile. Manuali su manuali coprivano la mia scrivania. Lavoravo dalle 8 alle 12 ore al giorno, facevo turni massacranti in una comunit per minori di cui presto volevano farmi coordinatrice. Il posto di lavoro era piuttosto allettante e la mia performance anche in quell'ambito, non poteva tradirmi. Di l a qualche mese un importante studio di psicoterapia mi aveva accettato come collaboratrice e anche quella mi sembrava un'opportunit da non perdere. Insomma le ore di studio diminuivano vertiginosamente, fino a ridursi alle notti in cui in comunit, ad ore improbabili, mi ritrovavo china sui libri. Questa fu la motivazione che mi spinse a iscrivermi. Il corso costava parecchi soldi e fui costretta a pagare a rate, e anche questo non ve lo nascondo, increment in me la sensazione di dover sfruttare al meglio ci che stavo per imparare. Il week end trascorse in fretta, fu ricco di contenuti, e alcuni esperienziali pratici. Uscimmo tutti molto motivati ma dopo una settimana, molti di quei corsisti si ritrovarono a riutilizzare il loro vecchio sistema di studio, adducendo la classica scusa: "E' molto valido! Ho tenuto solo quello che ritenevo fosse utile a me!" All'inizio fu molto impegnativo applicare il metodo. La tentazione di ritornare al mio vecchio metodo di studio (sottolineatura classica, lettura lenta, ripetizione infinita) era molta, la paura di fallire l'esame e la titubanza verso l'ignoto mi creavano ansia e 15

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

angoscia, ma ho tenuto duro cercando altri testi che approfondissero i contenuti che avevo ascoltato al corso. Comprai moltissimi manuali di quegli autori citati, abbozzati velocemente e scopr che dietro a quel corso si nascondeva un mondo affascinante e sopratutto un ponte da costruire individualmente, strategie e stratagemmi per arrivare ad utilizzare al meglio le nostre capacit. Forse non scontato dirvi come finita la mia storia. Attualmente sono laureata in Psicologia, ho terminato gli ultimi esami con una buona media, lo studio di psicoterapia per il quale allora ero una semplice collaboratrice part time quello per il quale, in questo momento, sto scrivendo questo e-book. Qualche volta cambiare l'unica alternativa che abbiamo. Il cambiamento, spesso, inevitabile e costante, troppi cambiamenti potrebbero essere dannosi certo, ma anche troppo pochi, importante essere pronti a cambiare, a rimettere in discussione tutto in modo onesto e sincero. Leggete questa storia...

Un uomo che cercava disperatamente di smettere di fumare lesse una pubblicit sul giornale che diceva cos: VOLETE CAMBIARE IN MEGLIO LA VOSTRA VITA? MANDATE CINQUE STERLINE PER AVERE UNA CURA IMMEDIATA E GARANTITA PER SMETTERE DI FUMARE.

16

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Incuriosito e pensando che, dopo aver provato tutto, non aveva niente da perdere, sped il denaro e aspett che la cura miracolosa si materializzasse davanti alla porta di casa. E infatti, pochi giorni dopo, arriv una piccola busta. L' uomo fu deluso dalle dimensioni ma l'apr con grandi aspettative. Dentro c'era solo un biglietto con queste parole: CURA ISTANTANEA E GARANTITA PER SMETTERE DI FUMARE: NON COMPRARE SIGARETTE NON SCROCCARLE AGLI AMICI. (Parkin, 2004).

17

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

1.3 Cambiare il modo di vedere le cose Il metodo che stai per conoscere vuole essere una alternativa per farti sperimentare nuove tecniche e verificarle concretamente in base ai risultati che otterrai sul campo di tuo interesse. Il segreto cambiare il modo di vedere i problemi che hai incontrato nello studio fino ad ora, smontarli, analizzarli e reinquadrarli nell'ottica giusta, propositiva e sostituirli con uno studio attivo, una maggiore autoconsapevolezza sul proprio modo di studiare, e un addestramento sempre maggiore sull'utilizzo della creativit e del gioco anche nello studio. Cambiare il modo di vedre una situazione apparentemente immutabile nello studio significa, riprovare in modo diverso, cambiare la cornice di lettura, mettere in discussione alcuni paradigmi o credenze che davamo per scontati. "Uscire dagli schemi" significa cercare di non dare nulla per scontato, significa mettere in discussione il senso comune che si da alla realt. E' quello che ti sto chiedendo di fare in questo momento. Sospendere le tentate soluzioni, senza giudicarle o metterle in crisi, ma semplicemente abbandonarti alle pagine seguenti che ti forniranno una nuova cornice di interpretazione del metodo di studio classico. Ma prima di iniziare ti fornisco alcune domande che potranno facilitarti l'individuazione della tua cornice di lettura rispetto a quello che attualmente ti impedisce uno studio efficiente:

18

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

- Qual' il risultato specifico che vorrei ottenere? - Come potrei leggere in modo nuovo questa situazione? - C' qualche altra persona che conosco che affronta la mia stessa situazione in modo soddisfacente? - Se s: cosa gli permette di farlo? Se potessi vedere il mondo con i suoi occhi cosa vedrei di diverso? (Mattoni, 2008)

2. LA PARTENZA Il nostro corridore dunque si sta preparando ad affrontare la sua gara, esattamente come tu forse dovrai preparare un esame, un compito, una interrogazione o una lezione da esporre davanti a una platea di persone. Hai forse una data precisa del giorno in cui dovrai verificare se il tuo studio stato o meno soddisfacente. Hai del tempo davanti a te e quel tempo va utilizzato in modo ottimale, senza sprecarlo inutilmente. 2.1 Gli obiettivi Iniziamo il nostro percorso da un punto importante: un desiderio non un obiettivo. Desiderare di passare l'esame, desiderare di essere promossi a fine anno o di superare un'interrogazione non un obiettivo. Un desiderio diventa un obiettivo quando si precisano i gradini da percorrere per raggiungere lo scopo e quando si mobilita la propria energia per conseguirlo.

19

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Gli obiettivi devono avere delle caratteristiche precise, devono essere: - chiari - concreti - delimitati - idonei/pertinenti - misurabili - sequenziali - raggiungibili - verificabili. Secondo Covey (2005), uno dei sette principi fondamentali per essere autoefficaci e avere successo nella vita : "comincia pensando alla fine". Cosa significa? In tutte le cose che realizziamo c' sempre una prima creazione, quella "mentale", e una seconda creazione, quella "fisica". Non si pu realizzare qualcosa efficacemente se non si ha prima chiaro in mente cosa si vuole realizzare. Stabilendo obiettivi chiari avrai la possibilit di stabilire il progetto per costruire la tua casa, il tuo percorso, Effettuando una pianificazione di questi obiettivi, avrai la possibilit di questo progetto in un piano di costruzione concreto. Un vecchio carpentiere era sul punto di ritirarsi in pensione. Condivise con il suo datore di lavoro i suoi piani per lasciare la sua attivit di costruttore di case e vivere una vita pi piacevole godendosi di pi sua moglie e la sua famiglia estesa. Avrebbe sentito la mancanza dello stipendio a fine mese, ma aveva veramente bisogno di ritirarsi a vita pi tranquilla. Il datore di lavoro fu dispiaciuto di vedere uno dei suoi migliori uomini andarsene e gli chiese se avesse potuto costruire un'ultima casa come favore personale. Il carpentiere acconsent, ma con 20 tradurre

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

il tempo fu facile accorgersi che non metteva pi il suo cuore in quello che faceva. Smise di mettere la sua solita maestria nelle lavorazioni e utilizz materiali di qualit scadente. Fu un modo spiacevole per terminare una carriera tanto dedicata. Quando il carpentiere ebbe finito la casa, il suo datore di lavoro venne ad ispezionare il progetto completato. Diede la chiave della porta principale al carpentiere. "Questa la tua casa" disse "il mio regalo per il tuo pensionamento". Il carpentiere era scioccato. Che peccato! Se solo avesse saputo che stava costruendo la sua casa, avrebbe fatto tutto in modo differente. La stessa cosa accade a noi. Siamo noi a costruire il nostro modo di studiare, molto spesso lo facciamo in modo approssimativo, superficiale. Un metodo che poi si scontra con performance che non ci soddisfano affatto e che, alla resa dei conti, ci deprimono. A quel punto ci difficile tornare indietro, ed per questo che importante costruire il nostro percorso nel miglior modo possibile, senza ingombranti zavorre e strumenti inefficaci. Per questo importante legare a tutto ci che facciamo, studio incluso, obiettivi di performance a breve e a lungo tempo. Ad esempio che tipo di valutazione voglio ottenere dal mio esame/compito in classe/verifica? Quale obiettivo mi permetter di raggiungere questo? La laurea, la promozione di fine anno, superare una selezione? Non secondario avere le idee chiare su cosa si vuole raggiungere, al contrario significa aver percorso praticamente la met della strada. Inoltre focalizzarsi sugli obiettivi in modo pratico e concreto rende p selettivo il nostro cervello. E' una sorta di preparazione interna che mi aiuter a focalizzarmi meglio su ci che sto per andare a studiare.

21

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Per aiutarti a fare chiarezza circa i tuoi obiettivi nel tuo percorso di apprendimento potrai utilizzare queste domande guida: - obiettivi di risultato: cosa voglio realizzare attraverso questo apprendimento? Ad esempio superare un esame. - obiettivi di processo: sono obiettivi per cos dire interni legati allo sviluppo del processo la di apprendimento, per x ore ad al esempio giorno, riuscire a mantenere concentrazione eliminare

progressivamente tutti i tempi morti della giornata che interrompo il rapido fluire del mio studio. - obiettivi di padronanza: sono obiettivi che riguardano la crescita delle proprie personali capacit e conoscenze, per esempio imparare nuove abilit, acquisire una nuova competenza, approfondire un dato argomento. Sfatiamo un mito! L'apprendimento non incomincia buttandosi a pagina 1 del libro, una settimana prima dell'esame o della verifica. Il nostro cervello non un secchio all'interno del quale ad un certo punto, quando ci fa comodo buttiamo dentro milioni di informazioni con la pretesa di ricordarle e avere una buona performance al bisogno. Tutto questo pura fantascienza. Il nostro cervello lavora logicamente, ha bisogno di sapere che cosa sta facendo, perch lo sta facendo e che tipo di lavoro dovr fare. Queste sono tutte informazioni che dovrai dargli tu, sono istruzioni-base per un corretto apprendimento, per far s che tu abbia davvero la padronanza 22

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

completa di questa macchina affascinante e complicata. Piuttosto che un secchio da riempire immagina il tuo cervello come una biblioteca piena di libri da catalogare. Una informazione dopo l'altra dovranno essere messe nel corretto ordine, catalogate nel migliore dei modi per andarle a recuperare a tempo debito. Informazioni buttate a caso, senza la minima idea di dove debbano essere sistemate saranno perdute per sempre. Per questo occorre avere cura della preparazione, l'allenamento del nostro atleta, fatto di piccoli passi, semplici e veloci ma indispensabili. Vediamone altri.

2.2 Il tempo Sfatiamo qualche altro mito. Non esiste un'ora assoluta uguale per tutti in cui studiare, non c' dunque un momento pi idoneo di un altro in cui apprendere maggiormente. Esistono ritmi biologici individuali. Ognuno di noi ha un suo stile di vita, un suo particolare ritmo di lavoro, abitudini di apprendimento che non si pu avere la pretesa di modificare da un giorno all'altro. Per questo occorre orientare il proprio sguardo verso s stessi, le proprie abitudini di studio "classiche". Ci sorprender forse scoprire che siamo particolarmente produttivi in quelle ore del giorno che invece impegniamo a fare altro, oppure che dedichiamo spazio allo studio esattamente in quei periodi della giornata in cui la nostra concentrazione scarsa e di pessima qualit. Per imparare a monitorarsi e quindi stabilire in modo preciso e puntuale 23

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

in quali orari della giornata conviene studiare, ti consiglio di compilare la tabella di auto monitoraggio che segue. E' un ottimo strumento per effettuare una pianificazione e un monitoraggio del tempo nella propria giornata. Inoltre esso ti permetter di individuare ed eliminare i tempi morti. Io l'ho fatta, e non sono state poche le sorprese che ho incontrato! Un consiglio... Di seguito troverai due tabelle: una in cui stabilire e preventivare quali ore della giornata dedicare allo studio, quali ore dedicare all'apprendimento (cosa diversa dallo studio, come ad esempio seguire corsi, studiare una seconda lingua, uno strumento musicale, eccetera), quali ore dedicare allo svago, ai rapporti sociali, e quali e quante ore dedicare alle attivit routinarie della giornata: doccia, fila alla posta, dormire, cucinare, eccetera. Colora con un colore differente a seconda delle attivit che svolgi la tabella.

10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

24

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

La seconda tabella potresti colorarla in base a che tipo di attivit, realmente, hai dedicato alle diverse ore della giornata, inserendo anche la voce "tempi morti" ad esempio con il colore rosso o nero. Questo ti aiuter a capire che tipo di distribuzione assegni alle diverse ore del giorno.

10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

Ecco un buon metodo per aggiustare il tiro nelle giornate seguenti, ripartendo meglio il tempo e le diverse attivit. Perch studiare sodo non coincide con porre fine a tutto il resto dei nostri interessi e dei nostri obiettivi! A questo punto sei pronto a pianificare giornalmente, settimanalmente e quotidianamente il tuo progetto di studio. Partendo dall'obiettivo finale che vuoi raggiungere, la pianificazione ti permetter di tradurlo in obiettivi intermedi di medio e breve termine. MENSILI SETTIMANALI GIORNALIERI

25

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Per realizzare il mio obiettivo Ordinali raggiungere?

secondo

un

ordine Quando/Entro quando

quali obiettivi intermedi devo cronologico e di priorit

Mensili 1. 2. 3. Dalal Dalal Dalal

Settimanali 1. 2. 3. Dalal Dalal Dalal

Giornalieri 1. 2. 3. Dalal Dalal Dalal

(Mattone, 2008)

26

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

2.3 L'ambiente Naturalmente l'ambiente migliore per studiare uno spazio tranquillo, rilassato, con una giusta illuminazione, una sedia comoda su cui sedersi, e un tavolo su cui appoggiarsi. Io personalmente in moltissime occasioni utilizzo il leggo, quello strumento che permette al libro di stare inclinato senza sforzarmi la vista. In alternativa bene avere un tavolo libero su cui poggiare il libro di modo che questo risulti in evidenza sullo sfondo libero del piano di lavoro. L'illuminazione da preferire, per non stancare gli occhi dovrebbe provenire alle spalle dalla parte sinistra della persona o da destra nel caso dei mancini. Non sottovalutare l'ambiente in cui lavorare, perfetto sarebbe lavorare sempre nello stesso posto. Ma anche qui sei naturalmente libero di sceglierlo in base alle tue esigenze. C' chi preferisce avere un tavolo di lavoro in un cantuccio, chiuso in un angolino raccolto e sicuro, c' invece chi preferisce uno spazio aperto, un tavolo che si affaccia sulla stanza, e che permette una visuale di pi ampio respiro. Ascoltatevi, anche qui tutta una questione di personalit soggettiva dunque. Sebbene sia ancora piuttosto giovane posso vantare innumerevoli traslochi. 27

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

In ognuna delle case dove andavo il primo luogo che individuavo era quello che avrei adibito al mio angolo di studio.

L'ultima casa che affittai era particolarmente scomoda sotto molti punti di vista. Persino la proprietaria dell'agenzia era poco convinta. Si trattava di una mansardina molto calda d'estate, dispendiosa in termini di riscaldamento in inverno, con un sottotetto talmente basso da assomigliare alla casa di topolino! In bagno era praticamente impossibile farsi la doccia stando in piedi...ma quella che sarebbe divenuta la mia stanzetta era proprio il prototipo del mio angolino studio: raccolto, ben illuminato da una finestrella a vetri sul soffitto, un largo tavolone di legno era sistemato proprio l sotto a prendere luce. Insomma, prima ancora della scomodit della doccia, del dispendio economico previsto per il riscaldamento dell'intera casa, decisi di affittare la casa, e fui ben contenta della decisione! Prima di studiare prepariamo il nostro tavolo procurandoci tutto l'occorrente per lavorare. Computer, matite, pennarelli, evidenziatori, fogli di brutta copia, blocchi per appunti eccetera. Eviteremo di alzarci in continuazione e di interrompere quello che stiamo facendo.

28

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

3. IL PERCORSO 3.1 Cosa si deve fare e cosa non si deve fare La prima cosa che ti chiedo di fare davanti al testo quella di toccarlo, esplorarlo, senza addentrarti nella lettura vera e propria. Apri il tuo manuale, libro, sussidiario, quello che devi studiare, ispeziona attentamente l'indice, l'ordine con il quale vengono presentati gli argomenti nel sommario. Se hai voglia potrai fare una velocissima rappresentazione grafica, magari a margine del testo, dove organizzare i titoli e i sottotitoli con i quali il testo si presenta. Da che cosa parte l'autore? Qual' l'argomento successivo. Ricorda che ogni testo, modo universitario, saggio o quant'altro sviluppa l'argomento in

organico e seguendo una logica. Se riuscirai a rintracciare la logica utilizzata dall'autore per costruirlo sarai in grado di comprendere a fondo l'intera impalcatura del testo. Del resto che cos un manuale se non un insieme strutturato di concetti in una rete di sottoconcetti volti a dimostrare una tesi specifica? Se l'autore non vi giunge nuovo fate mente locale su di lui. Dove lo avete sentito nominare? E' attualmente vivente, lavora in qualche importante istituto di ricerca, un professore? Che altro ha scritto? Cercate informazioni su di lui, naturalmente in modo rapido e veloce, senza perdere troppo tempo. Questo vi aiuter a familiarizzare maggiormente non solo con la materia ma con i punti forti dell'autore. Spesso chi scrive saggi sono specialisti estremamente focalizzati su alcuni aspetti della materia di cui scrivono e anche loro possono avere punti su cui insistono maggiormente e altri aspetti del tema che non vengono presi in considerazione. 29

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Fatti trasportare da chi scrive, come se fosse l a raccontarvi una storia importante. Solo in questo modo entrerete davvero in contatto pieno con quello che dovrete sapere. Collegare i nuovi apprendimenti con ci che si conosce gi, e cio ai nostri prerequisiti una delle basi fondanti un corretto metodo di studio. Ci permette di chiudere un cerchio, di catalogare l'informazione in maniera coerente e logica. Non abbiamo detto che il nostro cervello ha bisogno di logicit e chiarezza? Bene, in questo modo avr un codice di catalogazione, per continuare nella metafora della biblioteca, da poter utilizzare e ripescare, al momento appropriato tutte le informazioni. Bene, ora sei pronto per il passo successivo...vediamolo insieme...

3.2 Errori da evitare quando si legge Ebbene s, ecco un altro mito da sfatare: non c' un solo modo per leggere. Ve ne sono moltissimi e, s, possibile allenare la lettura e ingegnarsi per aumentarne la velocit senza che questa vada a discapito dell'apprendimento. Hai mai notato che mentre leggi ripeti interiormente ci che stai scorrendo con lo sguardo? Moltissimi programmi di lettura veloce si focalizzano sull'abbattere questa vocina interiore, credendo che sia quest'ultima la causa di un ritmo lento e noioso. Qualcuno in passato, per, non fu molto d'accordo su questo... 30

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Un giorno un corsista disse a Richard Bandler, esponente della Programmazione Neuro Linguistica: "Ho un problema, il dialogo interiore mi tormenta, mi demotiva, mi fa sentire un incapace. La prego, mi aiuti ad eliminarlo!". Bandler, per tutta risposta, disse: "Bene, ora ti sparo, vedrai che il dialogo interiore non ti tormenter pi!". Certo i modi non furono dei pi cordiali, ma in questo modo Bandler espresse un concetto importante: non si pu eliminare il dialogo interiore nella lettura. E sarebbe un errore farlo. Esso va usato a proprio vantaggio per migliorare la comprensione del testo. La prima cosa da fare scorrere velocemente la pagina che ci interessa senza soffermarsi ancora ma fidandosi del nostro inconscio per capire di che cosa sta parlando il testo. Leggere troppo lentamente lascia spazio al dialogo interiore che rallenta moltissimo. Intanto il tuo cervello che ha gi fotografato la pagina intera si annoia e ti porta alla distrazione, divagando, pensando ad altro. Una delle conseguenze peggiori di questo meccanismo (il cervello annoiato) quello di ritornare a leggere la medesima riga con la sensazione di avere perso una parte importante del discorso senza la quale l'intera comprensione del testo fallisce. Sbagliato! Non si deve tornare indietro. Quando leggi velocemente ti approssimi alla velocit del tuo cervello che resta concentrato su ci che stai facendo. Non distrarlo inutilmente tornando indietro! 31

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Pu essere di aiuto seguire la riga del testo con un dito, proprio come facevamo alle elementari. Dai tu il ritmo e la velocit al tuo cervello, non il contrario! Lui esegue esclusivamente ci che tu gli comandi! Tenere il tempo con il dito significa trovare sintonia tra il dialogo interiore e la velocit del dito. Utilizzare il dito come strumento scorrevole permette di evitare quelli che sono gli scatti di fissit dati dalla lettura tradizionale canonica. Imposto la velocit in questo modo. Immagina di vedere nell'aria un cerchio di circa 1 metro di diametro. Guardalo e segui l'intera circonferenza con il tuo sguardo. Noterai che nel farlo i tuoi occhi procedono a scatti. Le vecchie metodologie di lettura veloce si basavano su questo principio: far contenere il maggior numero di parole in uno scatto di fissit. Niente di pi noioso a mio avviso. Ora alza la mano e immagina di disegnare nell'aria il medesimo cerchio di prima con l'indice. Fai s che il tuo occhio segua il dito indice: ti puoi rendere conto che stavolta non va a scatti, anzi molto pi fluido. Incomincia lentamente poi progressivamente aumenta la velocit. Ti renderai conto che in soli 15 minuti sarai in grado di cogliere la maggior parte dei concetti. Non preoccuparti se la tua prima sensazione sar quella di perdere alcuni concetti, alla fine ti renderai conto che la ua performance sar stata migliore di quella che pensi!

Ricordati sempre del Pincipio di Pareto: nel 20% del contenuto che racchiuso l' 80% del significato, il resto contorno. Se, leggendo, perderai qualcosa del testo non decisivo tornare indietro.

32

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

3.3 Prendere appunti in modo efficace Gli appunti sono delle annotazioni rapide, sommarie ed essenziali di impressioni, pensieri ed informazioni. Sono una specie di promemoria breve e schematico. Anche in questo caso sfatiamo qualche mito. Gli appunti non sono la fedele stesura di ci che viene detto a lezione, o durante un convegno o quant'altro; gli appunti sono una rielaborazione e, anche in questo caso, la quantit non affatto sinonimo di qualit! Nel momento in cui si ascolta una lezione o ci si avvicina a un testo quello che viene ascoltato deve essere velocemente capito, digerito e "masticato" per poter essere tradotto in appunti. Pi si ansiosi e pi la mole di appunti sar ingente, chi ha poca fiducia nelle sue capacit cognitive rischia di accumulare appunti troppo prolissi trascurando il vero obiettivo: la riduzione sintetica ma chiara delle informazioni. Ecco alcune linee guida utili: - le informazioni devono essere ridotte al 10-20%; - bisogna cogliere l'essenza di un testo o di un autore; - occorre annotare il massimo dei concetti nel minor numero di parole. Evita di prendere appunti parola per parola: questo metodo annulla qualsiasi tipo di rielaborazione personale, oltre naturalmente farvi 33

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

perdere buona parte del discorso o del contenuto; - utilizza solo parole chiave e annotazioni brevi (es., ecc, - (meno), +, > (maggiore), < (minore), segni grafici che vi possono far risparmiare tempo e aumentare di efficacia; - evita di trascrivere una mole impossibile di appunti: non attraggono certo e non favoriscono l'apprendimento, mentre appunti sintetici abbozzati ma esaurienti, segnalati sul foglio in maniera chiara e ordinata favoriscono l'apprendimento, oltre che alleggerirlo; - vietato utilizzare gli appunti degli altri! Niente di pi sbagliato! Gli appunti per quanto sintetici e sommari devono adattarsi al nostro stile cognitivo (chi utilizza maggiormente disegni e illustrazioni, chi categorizza l'informazione gi direttamente utilizzando schemi e mappe cognitive, chi preferisce la stesura scritta) insomma ognuno ha la sua precisa modalit di lavoro che non sempre si sposa con quella di qualcun altro. Il fatto di aver ascoltato la medesima lezione non coincide con l'aver appreso le medesime informazioni con la medesima qualit; utilizza la tecnica degli schemi anticipatori che consiste

nell'elaborare anticipatamente una serie di concetti schematici connessi a ci che si dovr studiare in seguito. Una impalcatura all'interno della quale sar possibile inserire gli elementi uno dopo l'altro. Per esempio se si sta per affrontare un argomento come il Buddismo scrivete anticipatamente che cos' una religione, cosa si intende per Dio, per preghiera, per ascesi, Testo Sacro, attingendo alle preconoscenze circa l'argomento anche se queste dovessero essere poche. Piano piano inserite a capo di ciascuno di questi concetti le informazioni corrispondenti rispetto all'argomento che state affrontando; 34

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

- un altra tecnica quella dello schema di tipo argomentativo, utile per testi ricchi di informazioni e nozioni come i saggi. In questo caso bene predisporre uno schema a punti: tema, antitesi, argomentazioni pro e contro, dimostrazioni a favore della tesi, prove, sintesi, conclusioni; impara a dare una struttura spaziale alla pagina mentre sintetizzate. Ad esempio dividete il foglio in tre parti. Nella parte A inserite le parole chiave, nel riquadro B le idee portanti all'intera struttura del testo o della lezione che state ascoltando, infine nel riquadro C i dettagli, concetti minori che potrete approfondire in seguito ma che sono di secondaria importanza;

35

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Esempio di schema di testo argomentativo - spesso l'insegnante o il testo utilizzano segnalazioni che indicano l'importanza delle cose che sta dicendo. Ascoltatele con attenzione! Quelle sono linee guida importanti che vi orienteranno verso ci che davvero merita di essere segnalato sul foglio diversamente da ci che invece non merita attenzione. Per esempio pu dire: "Fate attenzione al concetto che sto per segnalarvi..."; "Ora ripeter nuovamente i punti forti di ci che ho detto fino a qua...". Parimenti, nel testo, noterete che spesso, all'inizio del paragrafo, viene enunciato il nocciolo del discorso che verr poi smontato, dimostrato e ricucito insieme in una conclusione. Fare attenzione a come l'autore ha costruito gli enunciati, un buon metodo per non farsi scappare assolutamente nulla di importante! Non spaventarti se hai la sensazione di dover tenere sotto controllo molti aspetti e se tutto quello che stato detto fino a qua sembra 36

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

complicarti la vita aggiungendo piuttosto che alleggerendo il tuo studio. Una buona raccolta di appunti, un ascolto critico e attento fatto di rielaborazione personale gi il 50% di uno studio di ottima qualit! Curare anche questi aspetti ti aiuter moltissimo ad alleggerire quella parte che a molti sembra monotona e pesante: quella della memorizzazione, e della ripetizione a voce alta. Quando mi confrontai con quelle persone che, come me, avevano frequentato il corso sull'apprendimento e a cui queste cose non erano state spiegate, la loro sensazione era quella di aggiungere e aggiungere ancora cose da fare mentre loro avevano come unico obiettivo quello di frequentare quel corso per snellire il loro metodo di studio, e in un certo senso, di facilitarlo facendo di meno. E' importante che tu sappia che personalmente non approvo affatto l'idea di una didattica del "so far tutto in poco tempo e senza fatica". Ci che io ti propongo non nulla di pi di quanto tu non riesca a fare, ma non ho alcuna intenzione di propinarti soluzioni magiche, dove si fa poco e si ottiene molto. Lo studio resta sempre un'attivit mentale e intellettuale dove l'impegno deve essere assicurato, la motivazione mantenuta alta, l'autostima coltivata e accompagnato da buone e selezionatissime tecniche per non perdere tempo e studiare in modo mirato e critico. Quello che io propongo un metodo di studio in grado di farti divertire, ma un metodo che va allenato, che probabilmente all'inizio vi dar qualche frustrazione, ma passata quella scoprirai che apprendere pu diventare appagante. qualcosa di davvero creativo, giocoso e culturalmente

37

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Ho letto molti testi sull'apprendimento. Li ho trovati tutti parecchio validi anche se alcuni astratti e poco applicabili. Molti di essi dedicavano buona parte del testo a spiegare le differenze tra i due emisferi cerebrali, destro, sinistro, il cervello limbico, la corteccia somatosensoriale, e via dicendo. Per quanto io ritenga le neuroscienze utilissime per spiegare i

meccanismi implicati nel processo dell'apprendimento, sapere quel genere di cose non mi ha mai aiutato a superare gli esami! Per chi volesse approfondire anche quegli aspetti della metacognizione (e cio del conoscere come si conosce) rimando il lettore alla bibliografia conclusiva, ma in questa sede non mi dilungher su quel genere di concetti. E ora di proseguire...Non siamo neppure a met del nostro cammino...

3.4 Saper organizzare i contenuti con le mappe mentali Una sera, a cena a casa di una coppia di amici, la figlia piccola di 14 anni mi mostr come la maestra le aveva insegnato a fare gli schemi mentre studiava storia. La madre era davvero soddisfatta di questo metodo alternativo che finalmente evitava alla figlioletta di stare china sui libri fino alle otto di sera. Guardai il quadernone della ragazzina e vidi qualcosa che lontanamente dovevano essere schemi, il testo era racchiuso in figure rettangolari ma poco altro mi faceva ricordare una schematizzazione efficace e incisiva. Dentro a questi rettangoloni tracciati tutti dello stesso medesimo colore (il grigio stentato della matita) c'erano una decina di righe di testo, 38

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

copiato direttamente dal libro senza alcuna riformulazione, senza alcuna sottolineatura, n parole chiave. Il voto che la maestra aveva dato al lavoro era ottimo pi. Semplicemente erano state tracciate delle linee di confine che spezzettavano qua e l (mi era poco chiaro il criterio concettuale con il quale la "schematizzazione" era stata fatta) le righe del manuale. "Ah!", esclamai per non mostrare la mia titubanza, "e dimmi, ti trovi bene con questo metodo?" La ragazzina mi guard un p sorpresa come se fosse assolutamente scontata la risposta: "Boh, s, mi trovo bene..." disse poco convinta. "Quindi studi su questi schemi prima dell'interrogazione?" "No!Ma sei impazzita!?Non li guardo neanche!" "E allora, scusa, a cosa ti servono?" "Ah, boh! La maestra dice che li dobbiamo fare!"

Ricordi quando ho detto che al nostro cervello occorrono istruzioni logiche, direttive e sopratutto sensate? Bene, nel caso di prima non mi sembrava proprio rispettato questo principio! E quindi come si fa? Come si fa a schematizzare? Come si fa a manipolare l'informazione? viene Ripeto e ancora una volta che pi verr l'informazione trattata, rielaborata, maggiormente

ricordata con facilit... Che cos' uno schema? E' una rappresentazione semplificata delle parti essenziali di un evento, di un fenomeno. L'aggettivo schematico sinonimo di essenziale, sintetico. Ma l'eccesso di schematicit significa 39

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

eccessiva

generalizzazione,

mentalit

fissa,

rigida,

visione

ipersemplificata e ristretta. Quella che stai per leggere una delle parti pi importanti del metodo di studio che ti sto proponendo. Attraverso queste indicazioni avrai modo di: - allenarti a sintetizzare per schematizzare al meglio i contenuti; - organizzare in modo logico le informazioni; - abituarti ad una organizzazione spaziale diversa dal tradizionale metodo di studio; - organizzare lo studio mediante il principio della visualizzazione figurativa. Gli schemi sono utilissimi prima, durante e dopo il processo di studio: - all'inizio organizzano i concetti di base che si possiedono circa l'argomento, le conoscenze gi a disposizione; - durante lo studio organizzano le informazioni in entrata; dopo aver studiato contribuiscono a fissare ulteriormente le conoscenze e a ripassare in modo costruttivo. Di seguito troverai una serie di modalit di schematizzazione tratte dal libro di Mario Polito citato in bibliografia. Sono tutte molto valide, a patto che seguano precisi criteri di costruzione. Schematizzare, infatti, non vuole dire, inserire pezzi di testo in modo acritico, in una struttura geometrica, anonima e incomprensibile. La schematizzazione un esempio di riorganizzazione del materiale, un modo per dire al nostro cervello: "Ecco questo ci che dovrai ricordare, ma ha un senso non preoccuparti! E il senso che io gli ho dato questo!Se utilizzerai anche tu questa mia mappa semantica riuscirai a farmi ricordare ogni cosa!" 40

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

41

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Tre tipologie di strutture ad albero.

Esempio di una schematizzazione di tipo logico.

42

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Lo schema a blocchi.

Lo schema per paragrafi. PARTE 1 CAPITOLO 1 PARAGRAFO 1.1 SOTTOPARAGRAFO 1.1.1 SOTTOPARAGRAFO 1.1.2 SOTTOPARAGRAFO 1.1.3 PARAGRAFO 1.2 SOTTOPARAGRAFO 1.2.1 SOTTOPARAGRAFO 1.2.2 SOTTOPARAGRAFO 1.2.3 eccetera... 43

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

44

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Sopra trovate alcuni simboli utili per prendere appunti o schematizzare. Ma forse tutto questo lo sapevi gi, vero? Moltissimi di noi utilizzano schemi, grafici ad albero, modalit geometriche per strutturare in modo nuovo il materiale e i concetti. Ma voglio farti fare un passo pi avanti. Voglio farti andare oltre. Anche in questo caso per vi chiedo di mettervi in gioco, sospendere per un attimo le vostre solite modalit di lavoro, e vi chiedo di mettervi in ascolto, per farvi un'idea di quello che ha rivoluzionato in assoluto il modo di studiare: il metodo delle mappe mentali di Tony Buzan. Al corso che ho frequentato il metodo delle mappe mentali era presentato con un entusiasmo contagioso, allegria, semplicit e chiarezza. Tutti noi partecipanti siamo usciti dall'aula con la sensazione di avere finalmente trovato la soluzione, la chiave a tutti i nostri problemi di studio! Non vedevamo l'ora di tornare a casa per buttarci a capofitto sulla nostra prossima mappa, custodi di un segreto che gli altri comuni mortali non avrebbero forse raggiunto mai! Insomma un buon motivo per giustificare tutti i soldi del corso! Ma qualcosa non and per il verso giusto. Il corso si concluse una domenica sera, eravamo tutti piuttosto stanchi. Avevo fatto amicizia con alcuni dei formatori che avevano tenuto il corso e quando mi invitarono, a fine lezione, a bere un aperitivo con loro, andai con molto piacere. Sedemmo al tavolo di un bar vicino alla scuola e ne approfittai per fare domande. "Che belle soddisfazioni dovrete ottenere da questo metodo! Sarete 45

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

plurilaureati e iscritti ai guinnes dei primati della memoria!Leggerete milioni libri con le tecniche di lettura veloce! Fantastico", mi rivolsi a loro scherzando. "Mah, s ogni tanto...", mi rispose uno di loro piuttosto concentrato sulla sua birra. "Come ogni tanto?Ma dovrebbe essere un automatismo per voi..." Insomma...scoprii che quelle stesse persone che vendevano uno strumento cos efficiente e davvero rivoluzionario in realt erano tutti miei coetanei che avevano abbandonato gli studi, lasciato a met l'Universit e in cerca di un lavoro facile, pochi di loro amava leggere (eppure possedevano tecniche davvero efficaci di lettura rapida), pochi di loro amava conoscere e imparare anche per amor proprio, apprendere per loro era sinonimo di fatica, e troppo impegno. Rimasi delusa e cap una lezione banale ma senz'altro importante soprattutto per chi si avvicina a questo metodo. Sapere le cose in teoria non equivale affatto a metterle in pratica. A proposito di questo mi ricordai di un aneddoto che lessi su un simpaticissimo libro di Margaret Parkin, "Racconti per il cambiamento. 50 storie per far crescere persone e organizzazioni" di cui troverete altri assaggi leggendo questo e-book. Scrive l'autrice: "Poco tempo fa, stavo lavorando con i top manager di un'organizzazione finanziaria. Uno di loro (un gran chiacchierone) mi stava convincendo di quanto fosse qualificato: aveva una lunghissima lista di MBA, PhD e via di seguito. Feci tutti i mormorii di ammirazione del caso, mentre lo ascoltavo, e poi gli chiesi candidamente: "E come usate tutto questo sapere?". Per un momento mi guard come se avessi suggerito qualcosa di indelicato, poi con un sorriso piuttosto confuso, disse: "B, non lo uso..." La storia seguente ci aiuta a ricordare che 46

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

bisogna mettere la teoria in pratica". C'era una volta un uomo dedito alla meditazione che, dopo molti anni di studio in un certo monastero, decise che era pronto a condividere la sua sapienza e abilit e ad andare per il mondo a insegnarle. Anche se era certo di non avere pi molto da imparare, si incurios quando sent parlare di un eremita famoso che viveva l vicino, e pens fosse giusto andare a presentarsi a lui. Il vecchio eremita viveva su un'isola solitaria in mezzo a un grande lago, cos l'esperto di meditazione, ansioso di mettere in mostra il suo sapere e la sua abilit, chiese all'eremita quale fosse la pratica spirituale a cui si atteneva. "Non seguo una pratica spirituale particolare", rispose l'eremita. "Dico solo questo mantra che mi hanno insegnato." L'uomo recit la frase a voce alta. L'esperto di meditazione fu gratificato dal fatto che l'eremita usasse lo stesso mantra che usava lui, ma quando il vecchio lo recit la sua pronuncia gli fece rizzare i capelli, e disse con un certo imbarazzo: "Non so come dirlo, ma il mantra...temo che non sia la pronuncia giusta; lei ha sbagliato." "Oh!" Fece l'eremita, "e dopo tutti questi anni! Ti prego dimmi: come dovrei dirlo?" L'esperto di meditazione gli diede quella che secondo lui era la versione corretta, e il vecchio eremita gliene fu estremamente grato. Sulla via del ritorno, raccont l'aneddoto al barcaiolo. "Ma pensi" disse, "tutti quegli anni di meditazione sprecati! Che fortuna per il vecchio di avermi conosciuto proprio adesso. Almeno avr un p di tempo per correggere l'errore prima di morire." A met del suo racconto, l'esperto di meditazione cap che il barcaiolo non lo stava pi a sentire; sembrava come stregato da qualcosa sul 47

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

lago, dietro di loro. Volgendosi per vedere cosa fosse, sent un tocco leggero sulla spalla e con immenso stupore, vide l'eremita che se ne stava in piedi sull'acqua, accanto alla barca. Il vecchio eremita sorrise all'esperto di meditazione. "Perdonami ti prego, ma temo di aver gi dimenticato quella pronuncia! Potresti ripetermela?"

La crescita personale e il sapere vengono solo se si mette la teoria in pratica. Conoscere queste tecniche non esclude il metterle un in pratica di ripetutamente accettando, sopratutto all'inizio, minimo

frustrazione. Non sto proponendo il metodo miracoloso del "Anche se non starai un secondo sui libri prenderai il miglior voto della classe!", oppure "Vuoi studiare in una settimana quello che gli altri preparano in tre mesi?Bene sei nel posto giusto!". Nulla di questo e non mi stancher di ripeterlo. Con me questo metodo non ha fatto miracoli. Io ho fatto miracoli. Con pazienza, costanza, volont e con un metodo che mi ha alleggerito e facilitato, e di conseguenza mi ha fatto risparmiare tempo e fatica. Ma non stato un processo all'incontrario. Approcciarsi a un metodo di studio pretendendo che questo risolva in un baleno tutti i nostri problemi di studio una perdita di tempo. Il metodo che stai per affrontare potr garantirti ottimi risultati se tu garantirai a lui una presenza attenta e di qualit, attenzione e buona volont.

48

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Sei pronto allora? Bene! Allora incominciamo con qualche regoletta base. Le prime forme di mappe mentali sono state create circa trentanni fa da Joseph Novak che le chiamava mappe concettuali. Questi strumenti hanno preso piede fino a diventare oggetto di interesse nella Prima Conferenza Internazionale sulle Mappe Concettuali nel 2004, a Pamplona in Spagna, un evento organizzato dall Universidad Publica de Navarra e dall Institute for Human and Machine Cognition. Lidea di mappa concettuale deriva dalla psicologia cognitiva secondo la quale i concetti sono incamerati nella memoria e collegati uno con laltro a seconda della loro distanza di significato. In altre parole vuole dire che concetti che hanno significato simile o che rientrano allinterno di un sistema di significati condiviso sono collegati e quindi il ritrovamento in memoria delluno comporta anche necessariamente il ricordo del suo correlato. Ecco perch la ripetizione sistematica e continua aumenta la dimensione dei collegamenti tra i concetti. Tony Buzan, "l'uomo con il quoziente di creativit pi alto del mondo", ha senza dubbio attinto a queste idee presistenti per la creazione delle ormai famosissime mappe mentali. Nel suo libro Mappe mentali. Come utilizzare il pi potente strumento di accesso alle straordinarie capacit del cervello per pensare, creare, studiare, organizzare parla delle tre A del mind mapping: - Accettare: devi cercare di mettere da parte qualsiasi preconcetto sulle tue limitazioni mentali seguendo esattamente le regole per la creazione di mappe mentali; - Applicare: bisognerebbe creare un minimo di 100 mappe mentali per allenarsi veramente sullo strumento; in ogni occasione, lezione, la presa di decisione di cui valutare vantaggi e svantaggi, schematizzare un 49

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

testo, scrivere un libro, un saggio, una tesi, preparare una lezione, eccetera... -Adattare: importante utilizzare al massimo le proprie capacit e svilupparne di nuove da applicare alle vostre mappe mentali. Certo occorre seguire alla lettera le indicazioni che a breve ti dar su come si costruisce una mappa mentale, ma bene rielaborarla con i propri strumenti, le proprie strategie, utilizzando quello che ti serve maggiormente e scartando le indicazioni che non si allineano con il tuo stile di apprendimento. Per iniziare ti mostro alcuni esempi di mappe mentali tratte dal libro L'eccezionale tecnica degli schemi mentali di Eric De La Parra Paz e Maria del Carmen Madero Vega. Per chiunque voglia approfondire i contenuti dell'ebook consiglio il libro di Eric De La Parra Paz, un testo graficamente allettante e divertente per imparare, senza errori, questa straordinaria tecnica.

50

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Esempio di mappa mentale 1.

51

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Esempio di mappa mentale 2.

52

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Esempio di mappa mentale 3.

53

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Ed ecco le linee guida per costruirle: Immagine centrale: il titolo della mappa, l'argomento su cui si concentrer lo svolgersi dell'intera mappa. Puoi utilizzare un immagine che la rappresenti. Se vuoi invece inserire una parola come titolo utilizza diverse dimensioni, rendi quella parola colorata e stilizzata in modo che venga associata a qualcosa di gi conosciuto e di facile memorizzazione, utilizza colori e forme diverse. Immagini, simboli, disegni: lo so che magari non ti senti

particolarmente dotato come artista o pittore ma questo punto fondamentale. Inserisci immagini, figure, simboli di tua conoscenza ovunque puoi, meglio abbondare. L'immagine crea un'associazione immediata e rapida. Se hai voglia puoi anche utilizzare immagini prese dai giornali, ritaglia e incolla sulla tua mappa tutte le figure piccole e grandi che ti servono a orientarti nello studio e a ricordarti quello che ti serve. Gerarchia: non importante, se si sta mappando un testo, seguire l'ordine cronologico dato dall'autore. E' pi importante rispettare la gerarchia che viene data agli argomenti in termini di importanza. Questo un modo per destrutturare il testo e creare una nuova struttura secondo la tua comprensione. Passo importante al fine della memorizzazione. Colori: evitano al cervello di annoiarsi e di distogliere l'attenzione. Rendono pi attraenti le immagini, pi appetibili i concetti.

54

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Sinestesia: mescola i sensi e utilizzali tutti! Udito, olfatto, gusto, tatto, cinestesia. Associa a ogni parola o concetto che devi memorizzare un gusto, un odore, un movimento. Ricorderai pi efficacemente. Dimensioni diverse: scrivi utilizzando stili diversi, grandezze diverse, vivacizza la tua mappa evitando la monotonia dell' inchiostro monocromatico e monodimensionale. Spazio: non confondiamo ordine e struttura con rigidit e caos. La mappa mentale per quanto presenti zone di colore diverso, calligrafie diversificate in forma e dimensione, deve assicurarsi un certo spazio attorno a ogni concetto. Parole chiave: forse non sai che sottolineare mentre si legge l'attivit pi inutile del mondo. Gi, perch non si fa altro che ripetere una linea orizzontale sotto alla riga, anch'essa linea orizzontale, e questo non contribuisce affatto a segnalare davvero il concetto, a interrompere la linea l dove emerge l'elemento importante del testo. Molto pi efficace cerchiare la parola che ci sembra importante, la parola chiave dell'intero paragrafo o della riga o di pi righe. Per riconoscere la parola chiave basta chiedersi: "Senza questa parola si capirebbe ugualmente il senso?". La parola chiave pu anche non essere presa dal testo, ma essere un termine rielaborato da te che racchiude il nocciolo dell'argomento. Potresti scriverlo a margine del testo, con un colore che la evidenzi. Se davvero una parola chiave una volta ricordata, ti aprir il "file" dell'intero contenuto che essa racchiude. Proprio come uno scrigno si apre una volta indovinata la chiave giusta per aprirlo!

55

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Stampatello: evita il corsivo. Stampatello si legger meglio e dar un senso di ordine all'intera struttura. Linee lunghe e connesse: i rami devono essere lunghi quanto le parole che andranno scritte sopra. Inoltre ogni ramo deve essere connesso all'idea centrale o agli altri rami se a questi si riferiscono. E' importante che il cervello non fotografi buchi nel foglio, quegli stessi buchi verranno ricordati come mancanza di collegamenti e idee slegate che andranno facilmente perdute! Linee spesse se sono importanti: potrai dare un diverso spessore alle linee se queste contengono effettivamente argomenti di importanza diversa. Per esempio dai un maggiore spessore alle linee centrali sulle quali viene scritto il concetto chiave, mentre riserva un tratto sottile a quelle linee di minore importanza. Foglio orizzontale: il formato orizzontale da pi spazio alla vista, ed molto pi facile da leggere. Puoi usare anche un foglio A3 o un foglio da disegno. Studio attivo: mentre fai la tua mappa mentale fatti delle domande, provocati dei dubbi a cui devi dare risposta, aggungi linee vuote se sei davanti a dei blocchi momentanei. La linea bianca spinge il cervello a trovare una soluzione per riempirla, stimola la creativit e lo spirito critico, oltre che una maggior padronanza dell'argomento. No alle frasi! Soprattutto all'inizio, si corre il rischio di credere che una parola non basti per racchiudere tutto quello che il testo vuole dirci. Falso! E' la tua insicurezza che viene fuori! Non darle retta! Ti sta imbrogliando! Inserire frasi, magari copiate direttamente dal testo, 56

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

annoia, un lavoro inutile, privo di rielaborazione, privo di creativit e iniziativa. Insomma niente che contribuisca allo sviluppo dello studio attivo! Mappe mentali brutte sono inefficaci? Falso! La mappa mentale deve essere utile, non bella! Evita di giudicarla dal punto di vista estetico e decorativo. Ho visto mappe mentali con colori meravigliosi e immagini degni di un artista, ma assolutamente inutili e sopratutto fallimentari dal punto di vista dell obiettivo finale. Ne ho viste altre davvero...pittoresche! Ma efficaci, immediate, utili e divertenti! Modelli di mappe mentali: pu essere utile crearsi modelli di mappe mentali, utilizzando quelle che riteniamo ci abbiano aiutato maggiormente nello studio. Ma non abusatene! E' sempre importante crearne di nuove, altrimenti diventa un lavoro di riempimento di spazi grafici e poco altro. La mappa mentale ha un senso se prima vi , come ti ho gi detto, uno studio attivo e un pensiero critico rispetto a ci che si fa. 3.5 Memorizzare senza sforzo e a lungo Al corso ci insegnarono alcune tecniche di memorizzazione. Allinizio del week end intensivo ci promisero che lultimo giorno del week end ognuno di noi, nessuno escluso sarebbe stato in grado di ricordarsi a memoria una lista di 30 parole, utilizzando, naturalmente, i loro preziosi consigli. Mentre ero china sulla mia lista mi guardai attorno e vidi alcuni dei partecipanti, con lo sguardo smarrito e perso, esattamente il mio. Mi sforzai ripetutamente di utilizzare quelle miracolose tecniche maahim senza praticamente nessun risultato. Ci fu una cosa comica che per mi 57

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

fece sorridere. Accanto a me, una signora veniva interrogata da alcuni dei formatori. Allorami dica la parola in posizione 7 Uva?, rispondeva timidamente la signora. MmmmCi pensi bene. Gatto? Cera quasi, sa?Lei veramente in gamba! Che memoria!Riprovi! Ma guardi proprio non ricordo!, insisteva sconsolata la povera signora. Ma su che ce la fa! Gatto no, uva nocosa potrebbe essere quella cosa con le ali e le piume? Mah, vediamoun volatile! Ma s dai, gliela diamo buona, la parola oca, per va bene anche volatile! Cercai di trattenere una sonora risata, quel metodo non mi sembrava poi cos efficace e immediato. Consisteva nell imparare a memoria alcune associazioni sillabe-numero in grado di rievocare parole e immagini. Probabilmente conoscerai quel metodo e lo avrai gi sperimentato, io credo che per utilizzarlo al meglio occorra un allenamento duro e un tempo ch,e molto spesso, chi studia non ha. Per questi motivi non ho intenzione di approfondirlo in questa sede ma ti propongo qualcosa di alternativo, altrettanto valido che certo non ti far confondere oca con volatile! Il fulcro di tutto l associazione. Sembra banale, ma non lo . E importante soprattutto quando ci si trova davanti a una serie di termini nuovi e particolarmente impegnativi per ricorrere alla sola memoria a lungo termine, importante scomporre, dove serve, la parola, associare mediante le sue sillabe iniziali o linizio della parola stessa a qualcosa di assurdo, di emozionante e comico se possibile. 58

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Utilizza lenfasi, lesagerazione, lassurdo, e abbi cura di sfruttare tutti i sensi. Immagina una storia umoristica, divertente, fuori dal comune, che unisca i termini che ti interessano, fai fare delle cose alle immagini che hai creato, falle muovere, e falle parlare, dire cose stupide o assurde. Proprio come un film immagina una storia che le lega insieme. Ecco le caratteristiche che le immagini, create per associazione dalle tue parole, devono possedere: stravagante concreta animata in movimento colorata coinvolgente per tutti i sensi gigantesca esagerata divertente sensuale

E importante che la tua associazione crei una emozione, essa condiziona la conservazione delle immagini e determina la forza delle impressioni. Linformazione che ti perviene mediante pi di un senso, lo abbiamo gi detto, viene ricordata pi facilmente di quella percepita con un senso solo. Inoltre, fondamentale che il cervello capisca perfettamente ci che gli vuoi far ricordare. Il peggior nemico della memoria lincomprensione!Usa il paradosso: deforma, esagera, rendi assurdo e inimmaginabile. Bisogna creare immagini che suscitino il pi possibile emozioni forti, comiche, horror, cartoni animati! E importante l azione, lo abbiamo detto, il collante indispensabile per ricordare le immagini. Bisogna fare un lavoro attivo: ruotarle, spostarle, lanciarle, tirarle, eccetera. 59

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Il tutto deve essere il pi vivido possibile: crea immagini ricche di particolari, definite e percepite con tutti i sensi. Ognuno di noi ha un canale preferenziale: qualcuno pi sensibile ai suoni (UDITIVO), qualcuno alle sensazioni (CINESTESICO), altri a colori, forme (VISIVI). E bene quindi che tu capisca qual il tuo canale preferito e che lo usi nel creare immagini. Sar tutto molto pi semplice e veloce!

3.6 Saper ripassare per migliorare il ricordo Lentamente stiamo giungendo al termine del nostro percorso. Manca lultimo tassello, quello che chiude il cerchio e che ha il compito di fissare in maniera stabile e produttiva il contenuto che abbiamo appreso: il ripasso. Il ripasso corrisponde alla ripetizione sistematica e frequente della mappa mentale costruita, della serie di associazionistorielle inventate sui termini da imparare a memoria. Anche per la ripetizione occorre sfatare qualche mito. Molti studenti asseriscono di non aver bisogno di ripetere ad alta voce, ma di aver gi compreso tutto quello che hanno studiato dopo una prima lettura. S, ripetere ad alta voce faticoso, e noioso ma un buon strumento per fissare in memoria ci che dobbiamo ricordare. Ripetere ad alta voce importante. Un consiglio: ripetere ad alta voce le mappe mentali che hai creato senzaltro utile ma non dimenticare il libro di testo. Una ripetizione accurata anche di quello contribuisce a creare una maggior visione di insieme, e ad aggiungere particolari che nella mappa mentale hai omesso. Inoltre, nella schematizzazione potresti aver commesso errori, fraintendimenti, che possiamo correggere attraverso il materiale primo di studio. Evita di ripassare esclusivamente sulle mappe. Pu accadere che la 60

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

stesura della schematizzazione sia avvenuta in un primo momento in cui non avevi ancora ben chiaro lintero procedere della tesi dellautore e che quindi siano state omesse delle informazioni importanti.

Segui questo schema per ripassare: RIPASSO 1 RIPASSO 2 RIPASSO 3 RIPASSO 4 RIPASSO 5 RIPASSO 6 Dopo 10/30 minuti Dopo 24 ore Dopo 7 giorni Dopo 30 giorni Dopo 3 mesi Dopo 6 mesi

Solo chi apprender larte del ripasso pu diventare un vero atleta dello studio! Un atleta sportivo non si sognerebbe mai di partecipare alle olimpiadi senza un allenamento costante e sistematico! Il ripasso pu anche essere effettuato in base alla difficolt del paragrafo. Prima di incominciare segnate a margine del testo i livelli di difficolt, ad esempio: D= difficile D+= molto difficile D++= difficilissimo F=facile F+=molto facile F++=facilissimo In base a questo criterio (tu naturalmente potrai costruirne altri) metti 61

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

una crocetta ogni volta che avrai ripetuto quel paragrafo, ti terrai monitorato.

Il ripasso segue sempre la comprensione. Il ripasso precedente alla comprensione assolutamente inutile! A cosa serve ripetere qualcosa che ancora fumoso, e poco chiaro?

Conclusioni. Questo e-book non aveva la pretesa di essere esaustivo sullargomento, ma voleva tracciare alcune delle linee guida, a mio avviso, pi utili e immediate, su come impostare lo studio. Penso che questo settore della psicologia, e, pi in generale, della crescita personale, abbia una grande opportunit: quella di fornire contributi per incrementare il benessere e la performance dellindividuo in moltissimi campi: lavoro, studio. Non so se sia della scuola quella parte del lavoro sullinsegnamento del metodo di studio, semplicemente ritengo che dove non insegnano gli altri abbiamo, ora, molteplici strumenti per cercare ci di cui abbiamo bisogno. E o non lera digitale? Lera di internet, della rete, dellessere on line? Internet una miniera di informazioni, dati, che, certamente bisogna saper trovare e vagliare con spirito critico, ma pur sempre un pozzo cui attingere, almeno per rendersi conto di cosa il mercato (spesso gratuito) ci offre. Io credo che sia cambiato il sapere con lera digitale. Ho limpressione che si vada sempre pi veloci, sulla rete si clicca un informazione e in 62

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

pochi secondi si gi atterrati (linkati) in quella dopo. Internet funziona esattamente come funziona il nostro cervello. Per associazioni, per corrispondenze. Se abbiamo le idee confuse su ci che ci serve non avremo modo di trovare le informazioni che ci servono ma se digitiamo le parole chiave con precisione e coerenza di significato ecco apparire davanti a noi proprio il sito che cercavamo! Il pensiero si sta abituando a ragionare per associazioni e connessioni proprio come il radiant thinking di cui abbiamo parlato, come i link nel world wide web. Attenzione per a non credere in strumenti miracolosi, in click che cambiano la vita. Internet non deve essere scambiato per la pozione miracolosa dove vengono proposti mezzi e strumenti che in poca fatica cambiano lesistenza e, in questo caso, il tuo modo di studiare. Se avete trovato interessante questo ebook e vuoi approfondire leggi la bibliografia, cerca sui testi le cose che ti ho proposto fino a qua e incomincia a metterle in pratica in modo critico e intelligente. Sperimenta! Questo il miglior consiglio che qualcuno pu darvi! Sperimenta! Applica il metodo scientifico al tuo cervello! Per concludere, troverai alcune schede di automonitoraggio a mio avviso molto utili, soprattutto per chi incomincia ad utilizzare questo metodo, per autovalutarti e darti un feedback sul metodo di studio che utilizzavi prima di questo ebook e quello che hai adottato dopo la lettura. Utilizzale per incominciare, ti daranno delle coordinate utili su come proseguire e sui punti in cui ti senti pi carente.

63

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Buon lavoro a tutti!

Di seguito troverai due questionari che ti saranno utile per riflettere sullefficacia di ci che fai abitualmente, e su ci che potresti fare di diverso o in pi, al fine di espandere il tuo raggio di azione. COSA FAI ABITUALMENTE?
Quanto secondo me questa strategia 0 nulla 1 un p 2 abb. 3 molto 4 moltissimo

potrebbe contribuire allefficacia del mio per apprendimento? Definire gli obiettivi da perseguire nella mia giornata di studio Di fronte ad un compito chiedersi che tipo di attivit mentale richiesta (memorizzazione, comprensione, capacit di usare concetti) Fare previsioni circa le difficolt che si incontreranno Progettare in anticipo le azioni da compiere (leggere, sottolineare, riassumere) Pianificare i tempi Leggere lentamente Fare una prima lettura veloce Sottolineare i concetti principali Chiarire e ripetere le informazioni date Distinguere le info importanti e trascurare quelle meno importanti Scrivere riassunti Scrivere parole chiave a margine del testo Fare schemi o usare grafici Confrontare e collegare le diverse informazioni

Farsi domande sulle cose che si leggono

64

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Ripetere a voce alta Individuare possibili domande Sintetizzare o riassumere Applicare quanto si appreso a casi concreti

Concentrarsi sui dettagli Concentrarsi sul quadro globale Rivedere subito quanto si appreso Scegliere momenti opportuni della giornata in cui studiare Confrontarsi con altri studenti Isolarsi da ogni possibile fonte di distrazione durante lo studio

Domandarsi quali siano le cause degli errori commessi e cercare possibili soluzioni

Inserisci qui altri comportamenti o strategie che utilizzi e che reputi utili al tuo apprendimento.

(Mattoni, 2008)

65

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Nel questionario seguente potrai fare una valutazione su quanto tu metta in atto le strategie considerate poco sopra. Confrontando le due tabelle potrai notare due tipi diversi di discrepanze: strategie che reputi importanti ed efficaci per il tuo apprendimento, ma che non utilizzi; strategie che metti in atto pur non reputandole importanti ed efficaci per il tuo apprendimento. (Mattoni, 2008) COSA POTRESTI FARE DI DIVERSO?
Quanto secondo me questa strategia 0 nulla 1 un p 2 abb. 3 molto 4 moltissimo

potrebbe contribuire allefficacia del mio per apprendimento? Definire gli obiettivi da perseguire nella mia giornata di studio Di fronte ad un compito chiedersi che tipo di attivit mentale richiesta (memorizzazione, comprensione, capacit di usare concetti) Fare previsioni circa le difficolt che si incontreranno Progettare in anticipo le azioni da compiere (leggere, sottolineare, riassumere) Pianificare i tempi Leggere lentamente Fare una prima lettura veloce Sottolineare i concetti principali Chiarire e ripetere le informazioni date Distinguere le informazioni importanti e

trascurare quelle meno importanti Scrivere riassunti Scrivere parole chiave a margine del testo

66

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Fare schemi o usare grafici Confrontare e collegare le diverse informazioni Farsi domande sulle cose che si leggono Ripetere a voce alta Individuare possibili domande Sintetizzare o riassumere

Applicare quanto si appreso a casi concreti

Concentrarsi sui dettagli

Concentrarsi sul quadro globale

Rivedere subito quanto si appreso

Scegliere momenti opportuni della giornata in cui studiare Confrontarsi con altri studenti

Isolarsi da ogni possibile fonte di distrazione durante lo studio

Domandarsi quali siano le cause degli errori commessi e cercare possibili soluzioni

Inserisci qui altri comportamenti o strategie che utilizzi e che reputi utili al tuo apprendimento.

67

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Bibliografia dellebook Buzan T & B., Mappe mentali, come utilizzare il pi potente strumento di accesso alle straordinarie capacit del cervello per pensare, creare, studiare, organizzareNLP Italy, Roma 2000. Chevalier B., Preparare un esame. Organizzazione mentale e acquisizione dei metodi di lavoro, Armando Editore, Torino 1999. Covey S.R., Le 7 regole per avere successo, Franco Angeli, Milano 2005. De La Parra Paz E., del Carmen Madero Vega M., Leccezionale tecnica degli schemi mentali, Edizioni Essere Felici c/o Macro Edizioni, Cesena 2003. Mattoni D., Gli 8 passi per apprendere ad apprendere, Franco Angeli, Milano 2008. Parkin M., Racconti per la formazione. 50 storie per facilitare lapprendimento, Etas, Milano 1998. Parkin M., Racconti per il cambiamento. 50 storie per far crescere persone e organizzazioni, Etas, Milano 1994. Polito M., Guida allo studio. Il metodo. Editori Riuniti, 2002. Simonet R., Simonet S., Scrivere per ricordare, come prendere appunti in modi intelligente, Franco Angeli, Milano 1990.

68

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

La proposta dello Studio Fiorenza. Lo Studio Fiorenza organizza a partire da Ottobre 2009 programmi individuali o di gruppo (massimo 4 persone) per conoscere nei dettagli il metodo proposto. Sar possibile essere seguiti passo dopo passo, a partire dallindividuazione del proprio metodo di studio (punti forti e punti deboli) e seguiti nella costruzione di una nuova metodologia di lavoro mediante lutilizzo di mappe mentali e strategie di lettura veloce. Il pacchetto si compone di: 1. valutazione del proprio metodo di studio con lindividuazione di criticit e punti forti da potenziare; 2. indicazioni sulla stesura di un planning mensile, settimanale e giornaliero per insegnare ad organizzare il proprio tempo: individuazione dei tempi morti, tempi da potenziare, stesura realistica e obiettiva della suddivisione degli impegni nel corso della giornata; 3. abituare e motivare la persona a ragionare per obiettivi chiari, precisi, e verificabili circa il proprio studio; 4. indicazioni su come costruire mappe mentali, con esempi concreti e pratici. Un passaggio importante questo, dove sar possibile venire a contatto con molteplici prototipi di mappe mentali, vederle, costruirle in base al materiale da studiare, analizzare gli errori, non confondere schemi con mappe mentali; 5. memorizzazione guidata dei contenuti da imparare.

69

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version

Il pacchetto comprende anche un budget di 10 ore da utilizzare al bisogno, distribuendole in base alle esigenze della persona (su appuntamento) di monitoraggio e, dove necessario, chiarimento e potenziamento di punti oscuri e difficolt incontrate. Lebook stato strutturato orientandosi ad uno studio di tipo superioreuniversitario. In realt questo metodo non ha limiti di et o materie di studio. Per questo motivo il percorso individuale e di gruppo pu essere frequentato anche da studenti di scuola media. In questo caso si consiglia vivamente la frequenza individuale. Per avere maggiori informazioni o appuntamento si prega di contattare la segreteria dello Studio Fiorenza al numero 051. 34 25 69 e chiedere della Dott.ssa Chiara Giovannini.

70

Create PDF with PDF4U. If you wish to remove this line, please click here to purchase the full version