Sei sulla pagina 1di 48

: riferito a persona tarchiata, tozza, grossa e robusta.

Immaginate un grasso nanerottolo, ma non chiamatelo cos perch anche muscoloso e potrebbe vendicarsi.
ATTICCIATO

: spaventato a morte, terrorizzato. Tipo persona che si vede una pistola puntata in faccia o che ha appena visto un fantasma.
ATTERRITO

: affermarsi, radicarsi, mettere radici. Propriamente si usa per le piante, per dire che una pianta ha messo le radici - ha attecchito -, ma nel senso figurato spesso riferito ad unidea, una corrente di pensiero che ha preso campo.
ATTECCHIRE AITANTE: atletico,

prestante. Uno che ha il fisico allenato, ginnico, sciolto, agile forte e scattante. Uno tipo me specie quando sogno la notte.
AMENO: che

ispira gioia, gradevole e attraente e/o divertente. Immaginate il parco di Gardaland o (per par condicio) di Mirabilandia; sono luoghi ameni. Posti che fanno stare bene; oppure una collinetta piena di fiori, piante profumate, il mare di sera, un campo di grano ognuno prosegua con la sua fantasia. : irrigidito, paralizzato, intorpidito. Oppure tardo di prontezza, torpido. Vuol dire rattrappito, quando hai fatto cinquanta chilometri in bicicletta, scendi e trovi che la met bassa del tuo corpo anchilosata. Se non avete capito provate a fare cinquanta chilometri in bicicletta, subito dopo cercate di correre a piedi In senso figurato indica invece una persona un po rinco.
ANCHILOSATO AFFETTATO: Artificioso,

innaturale. Non stiamo parlando di lonze. prosciutti o mortadelle, quelle credo non siano parole difficili. Atteggiamento affettato quello di chi non si sente a proprio agio, si sforza di apparire in un certo modo ma non naturale. Tipo uno che in vita sua ha sempre portato tute e pantaloni corti e una sera si ritrova in smoking, uno che per concludere un affare si sforza di sorridere mentre in realt teso e ha il cardiopalmo (o cardiopalma) che vuol sempre dire palpitazione cardiaca. : rivolgersi a qualcuno animatamente, con tono aspro di rimprovero o sdegno. Insultare qualcuno (nelluso riflessivo reciproco apostrofarsi a vicenda). Immaginate un tipo che, con lindice puntato su un altro inizia a dirgli Sei un idiota, non capisci niente ecc gli sta semplicemente rivolgendo unamichevolissima apostrofe.
APOSTROFARE

: colui che vive in modo scomodo facendo continue penitenze per elevarsi spiritualmente. Se avete letto Siddharda proprio lui da giovane. Se non lavete letto, pensate a uno che (normalmente isolato dal mondo) si fustiga, non mangia, non beve, ma prega, legge e si
ASCETA

eleva spiritualmente. Oggio giorno ce ne vorrebbe un po di ascetismo per rimetterci a posto. : Ignobile, spregevole, vile. uno che merita il massimo disprezzo, una persona capace delle azioni pi basse, cattive e schifose. Ad esempio il pedofilo la persona pi abietta che esista.
ABIETTO

: Tolto via, staccato. In senso figurato: lontano, che non ha niente a vedere. Si dice di una cosa, persona o pensiero che proprio non centra niente, ma proprio niente in un complesso o contesto. Una saponetta al centro di un campo da golf avulsa. Un tifoso del Milan nella curva della Juve avulso, e se la passer anche male. Oppure una persona pu essere avulsa da un argomento, quando non sa niente o non ama quellargomento. Ad esempio io sono avulso dal Grande Fratello.
AVULSO ATAVICO: Tradizionale,

che procede dagli avi, dagli antenati. In dipendenza o relazione con la cultura dei progenitori, degli antichi. Fare il vino con luva un qualcosa di atavico perch lo facevano millenni fa. Le domande chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo, sono domende ataviche. = avverbio Con inganno, con astuzia, in modo artificioso. Quando qualcuno vuole farci fessi, ma in modo molto subdolo, furbissimo. Un rappresentante che vuole vendervi proprio quel prodotto, che proprio il migliore che c sul mercato, che se non acquisti in quel preciso momento perdi loccasione sta vendendo qualcosa artatamente.
ARTATAMENTE

: o nome Chi in un certo luogo, per caso o per un qualche motivo. Gli astanti possono essere tutti i tifosi di una partita, tutti quelli che il venerd sera affollano il supermercato e fanno la fila alla cassa, ma anche due vecchietti sotto una pensilina che aspettano la corriera, possono chiamarsi gli astanti che aspettavano la corriera. Vale a dire, quelli che in questo momento sono qui, o l, o l; quelli che ci sono. Basta.
ASTANTE

: Desiderare intensamente, ansiosamente qualcosa, ambire, anelare. Vuol dire che una cosa la vuoi, ma la vuoi proprio, che se avessi quella cosa saresti felice, ma felice che non desidereresti altro; che fino a che non hai quella cosa non dormi la notte. Poi ovvio che quando ce lhai ne inizi a desiderare unaltra, ma questo non centra; in quel caso vorr dire che agognerai qualcosaltro.
AGOGNARE

: Rendere malsano, infetto. Appestare, infettare. Immaginate una persona che non si lava da un mese, bene, quella persona, con la sua puzza, ammorber qualunque ambiente in cui si trovi nellarco di cento metri.
AMMORBARE

: Ridurre al niente, annientare, polverizzare, disintegrare. Anche umiliare, costringendo al silenzio, allimmobilit. Quel tipo era cos rozzo, maleducato e prepotente che annichiliva chiunque incontrasse. Un professore a scuola quando ti interroga e non sai niente, e ti urla che sei un somaro,
ANNICHILIRE

che ti boccia, ti lascia annichilito. Si pu usare anche al riflessivo per dire che rimani zitto e impotente di fronte a qualcosa o qualcuno. Se vedi un incidente stradale rimani annichilito dalla paura e dallo sgomento.
APOLOGIA: Difesa,

scritta o orale. Esaltazione di un personaggio, di unideologia o di una

dottrina. Se uno appassionatissimo di Vasco Rossi e inizia a dire: perch Vasco un mito, perch un grande, la sua musica ha fatto la storia, ecc.. quel tipo sta facendo lapologia di Vasco.
ADEPTO: Nuovo

seguace, iscritto a una setta, societ segreta o religiosa. Se uno decide di diventare Testimone di Geova diviene un adepto di quella religione. Ma si pu usare anche in senso scherzoso per dire che un tipo inizia a far parte di un gruppo di amici, che inizia a frequentare un locale fisso, ecc
AVVENIRISTICO: Che

anticipa il futuro. Quando una cosa , per cos dire, futuristica, come unautomobile ad energia solare, un motorino a idrogeno, stiamo parlando di cose avveniristiche.
ASETTICO: Privo

di contaminazione microbica e perci di infezioni. Privo di passione. In senso proprio, dunque, pu essere asettica una sala operatoria prima di un intervento, disinfettata allinverosimile. Ma in senso figurato, asettica una persona o un ambiente/situazione in cui non si riscontri nessun tipo di vitalit, di emozione o di passione per qualcosa. Colui che annuisce sempre passivamente, con un soffio di voce, alle vostre proposte di vacanze, damore, o di vita in genere, un tipo asettico.
ABBACINARE: Privare

momentaneamente della vista per troppa luce. Ingannare. Quando tentate di guardare il sole, o quando, di notte, unauto vi punta i fari addosso, i vostro occhi si chiudono per il dolore e, per qualche istante restano ciechi anche dopo averli riaperti. I vostri occhi sono stati abbacinati dalla luce. Anche una bellezza fuori dalla norma, un paesaggio, una donna, pu abbacinarvi, nel senso che vi confonde le idee, vi inganna.
ARDESIA: Roccia

argillosa grigia/verdastra. Colore grigio/bluiastro.

Chiaro.
ALVEO: Solco

del terreno ove scorre, normalmente, un fiume o torrente. Una specie di fosso, pi o meno grande.
AFFRANCARE: Liberare,

rendere liberi, liberarsi. Oltre che nel senso postale, questo verbo ha il pi nobile significato di liberare dalla schiavit, o da incombenze, o da sofferenze. Le energie alternative rinnovabili potranno affrancarci dalla crisi energetica e dallinquinamento (sempre se ci sbrighiamo a metterle in funzione).

ADDIACCIO: Recinto

allaperto per far riposare il bestiame di notte. Stazionamento di truppe militari allaperto. In generale allaperto. Dormire alladdiaccio significa dunque dormire allaperto, con un sacco a pelo o anche senza niente. Attenti ai reumatismi.
AFONO: Che

ha perso la voce per infiammazione, paralisi, o altro. Quelli che parlano in quel modo debole e sofferto, con la voce chiusa come se avessero unostruzione, quelli che hanno il mal di gola, per intenderci, sono afoni.
ATONO: Senza

accento. Da non confondersi con Afono, indica uno che parla regolarmente, senza impedimenti, ma con una voce piatta. Tipo il professore che fa lappello in classe, atono nel fare la lista dei nomi, in quando non esclama, non esulta, non ha inflessioni particolari.
ACQUIESCIENTE: Che

si quieta facilmente, docile, debole, arrendevole, accontentabile. Un tipo buono buono, che basta che gli dici una parola e si calma, fa quello che gli dici senza arrabbiarsi o darti contro. Il bambino che non fa mai capricci, che tutti vorrebbero avere, insomma.
AGONE: Gara,

lotta per conquistare qualcosa, combattimento. Luogo dove si svolgono le gare. una voce letteraria. Ti sfido! Scenderemo nellagone e poi vedremo, tra me e te, chi pi bravo a giocare alla play-station!
ANNOSO: Vecchio,

che ha molti anni, antico. Si usa molto spesso per indicare un problema annoso, vale a dire un problema che da anni e anni seguita a esistere e non stato mai risolto.
ABERRANTE: Che

si allontana dal giusto, che devia rispetto a una consuetudine, dalla verit

o dal giusto. aberrante ci che si discosta dallabitudine, o dalla norma. Il brutto anatroccolo era aberrante rispetto agli altri in quanto strano, abnorme. Pu essere aberrante unidea quando diversa da quelle comuni, o un comportamento, se un tipo vuole andare contro le mode e le regole, magari vestendosi in modo strano.
ALTERCO: Violento

scambio di parole, ingiurie. Litigio. Due che si mettono a urlare in mezzo alla strada e si insultano fin quasi a venire alle mani per un tamponamento, stanno avendo un alterco.
AZZIMATO: Vestito

con molta ricercatezza. Guardate, guardate quel tipo, con le scarpe lucide, la cinta firmata, la camicia celestina e il completo in tinta, con quei capelli precisi precisi, la cravatta tutta stirata, com azzimato! : Afferrare, stringere con forza. Appigliarsi con forza. Al supermercato, quel bambino che voleva a tutti i costi una macchinina, rimasto
ABBRANCARE

piagnucolante abbrancato alla gamba della mamma fino a che lei non ha ceduto e glielha comprata.
ARRIVISTA: Che

ha smania di raggiungere unelevata condizione sociale o lavorativa a tutti i costi. Quanti ne avrete visti di colleghi arrivisti, disposti a tutto pur di far presto carriera: quello che arrivano per primi e vanno via per ultimi, che non perdono occasione di mettere gli altri in cattiva luce, che cercano di farsi belli agli occhi del capo non vedendo lora di prendere il grado superiore. Si sarebbero divertiti di pi andandosi a fare qualche giro in bicicletta.
APPANNAGGIO: Prerogativa.

La violenza fisica appannaggio delle persone grette poich non vogliono ragionare a parole.
ALTERIGIA: Presunzione

di s, orgogliosamente ostentata. Quelle signore tutte imbellettate che guardano tutti dallalto in basso perch sono ricche e belle, mentre gli altri sono pezzenti. Il direttore che si crede un dio solo perch ha delle persone sotto di lui, o chi non ha ne arte n parte ma si sente comunque il migliore, allora soffre di alterigia. Chi ha troppa alterigia diviene antipatico, non una bella cosa.
ANTRO: Abitazione

misera e tetra. Cavit profonda e oscura nel fianco dun monte o duna roccia; grotta, caverna. Una caverna vera e propria un antro. Ma anche la casa di un poveretto, un monolocale con le pareti ingiallite, pochi finestre, un fornello da campo per cucina e un salotto che fa anche da letto.
AVVITICCHIARE: Cingere

intorno con movimento avvolgente. Due innamorati se ne stanno sempre avviticchiati luno con laltro.
Torna all'indice

B
: Di persona che respira a fatica, affannosamente, di aspetto fiacco e malato. Un malaticcio che tossicchia, reggendosi precariamente sui gomiti, uno raffreddato che si soffia il naso di continuo; insomma uno messo non proprio bene, meglio non stargli troppo vicino.
BOLSO BIVACCO: Sosta

allaperto o in ripari imrovvisati. Che bello, starsene tutti su un prato, o anche in spiaggia, a fare un bel pic nic, con tovaglie, coperte Che bello bivaccare!
BIECO: Storto,

obliquo per odio o rabbia. Minaccioso, sinistro. In dialetto dalle mie parti dicono guardare brutto o guardare storto; in realt di

potrebbe dire guardare bieco. Uno che vi guarda bieco, vi fa capire che ce lha con voi, ma non si capisce bene il motivo, non fa prevedere niente di buono, meglio se non approfondite e gli state alla larga. o BRACO: Malta, melma, fanghiglia sporca. Se vi capita di finire in un brago, peggio per voi, vi occorrer una bella ripulita.
BRAGO

: Iracondo, irascibile, stizzoso, collerico. uno col fegato pieno di bile, che basta che lo saluti e lui inizia a urlare e a mandarti al diavolo.
BILIOSO BORIOSO: Spocchioso,

vanaglorioso, millantatore. Un vanitoso che ostenta s e i propri

meriti. Un borioso uno che bravo solo lui, bello solo lui, perch lui l, lui l Che si vanta che ha comprato la macchina grossa, che lui cha i soldi, che lui ha la casa pi bella di tutti. : Di tono o ambiente campagnolo o boschereccio. Idillico. Tipo una poesia o un ambiente incantato cos bello, intimo, che ispira serenit, cordialit. Che fa stare bene. Pu essere bucolico un boschetto di campagna con un lago, gli uccellini che bello! Ma anche un testo letterario ispirato a una vita equilibrata, tranquilla, cordiale. Pi o meno tutto ci che non potr mai divenire realt, purtroppo.
BUCOLICO BEGA: Litigio

per motivi futili. Oppure questione intricata fastidiosa e difficile a risolversi. come il termine briga. Attaccar bega, attaccar lite. Si pu anche prendere una brutta bega nel senso che ci si presi un brutto impiccio.
BALUGINARE: Apparire

e sparire rapidamente di cosa o persona. Presentarsi alla mente in modo rapido e confuso. Come una fiammella che si vede e non si vede, un faro lontano, che si accende e si spegne, beh quella una luce che balugina. Oppure un pensiero che vi torna in mente ma non chiaro, tutto mescolato ad altre immagini, suoni; si tratta di un pensiero che vi baluginato in mente.
BELLUINO: Perinente

alla belva. Feroce, selvaggio, brutale. Vuol dire bestiale, animalesco. : Scuro, offuscato, per via della foschia o nebbia. La mattina presto, quando tutto bianco di nebbia e non si vede bene, il paesaggio brumoso.
BRUMOSO

o BATTIMA : Parte della spiaggia battuta dalle onde. come dire, un po impropriamente, bagnasciuga.
BATTIGIA

BAGORDO: Stravizio,

baldoria. Ci si d ai bagordi quando si mangia, si beve fino a ubriacarsi, ci si diverte senza regole e senza limiti. Si fa bordello.
BERCIARE: Gridare

in modo sguaiato. Uno che urla come un pazzo, che sbraita, strepita senza ritegno. : Mitezza danimo, semplicit, bonariet, a volte eccessiva. Quanta bonomia c in quella vecchina che sorride sempre, non alza mai la voce, si scusa di continuo per ogni cosa che fa
BONOMIA BENGODI: Nome

immaginario di delizia e abbondanza. Immaginate la Bengodi come il paese dei balocchi, dove tutto va bene, non si lavora, dagli alberi nascono soldi e dalle fontane sgorga champagne.
BLANDIRE: Lusingare,

allettare con parole dolci, assecondare un sentimento. Mitigare,

alleviare,lenire. un po come dire carezzare, nelle sue varie forme Si pu blandire il nostro capo per ruffianarci, oppure blandire le sofferenze di una persona per farla stere meglio. Ad esempio la ragazzina che va dal padre e gli dice paparino, come ti voglio bene, come sei caro ti dispiacerebbe se questa sera andassi a ballare con la mia amica Laura? quella ragazza sta blandendo il padre.
Torna all'indice

C
COOPTARE: Aggregare

qualcuno ad un gruppo o organizzazione. Se avete bisogno che il vostro gruppo di amici diventi pi forte e vi manca qualcuno che sia grosso, in grado di mettere paura a tutti gli avversari, fate una riunione e decidete di andare da Giannone a chiedergli se vuole essere dei vostri. Dovete cooptare Giannone. : Caratterizzato da agitazione, nervosismo, turbamento pi o meno visibile. Impetuoso, incalzante. Uno che segue una partita alla TV in modo concitato direbbe: Eccolo, segna, segna! Sta per segnare! Ma dai, ha fatto palo!.
CONCITATO CONGETTURA: Ipotesi,

supposizione, non supportata sufficientemente da prove. Se trovate la ma cchina rigata e, in cuor vostro, date la colpa al vicino di casa, state facendo una congettura, perch non detto che sia stato lui, magari la colpa di un teppista di passaggio.
CONGESTIONE: Intasamento,

moviumento enomrme di veicoli. Quando lautostrada bloccata per il ponte delle vacanze, il traffico congestionato.
COMPASSATO: Molto

misurato nei movimenti, Equilibrato nelle manifestazioni. Il tipo che non si scompone, che cammina con le spalle tese, tipo un robot; il lord

inglese preciso, con i capelli imbrilantinati che fa linchino con la schiena rigida come una tavola. Sono due tipi compassati. : o aggettivo Frase o comportamento adeguato alla situazione, appropriato alla circostanza. Quando andate a trovare i parenti e, prima di tutto, date la mano, il bacetto, il saluto, come state?, tutto bene? state scambiando i convenevoli.
CONVENEVOLE CONNIVENTE: Colui

che, tacitamente, consente allo svolgersi di una brutta azione, di un delitto o una frode. Se ad esempio nel vostro comune stanno costruendo una discarica abusiva, la ditta sta compiendo un reato, il direttore dei lavori pure, lufficio tecnico appoggia, ecc Il sindaco, che sotto sotto sapeva tutto, connivente.
CRINALE: La

linea superiore di una o pi montagne. Questa credo si capisca da s. : Gravemente limitativo dellaltrui volont o possibilit di azione. Se qualcuno ci obbliga di fare qualcosa, magari sotto minaccia, sta compiendo unazione coercitiva. Se il nostro capo ci dice o fai due ore di straordianrio al giorno o ti licenzio sta facendo coercizione nei nostri confronti.
COERCITIVO

: Pianta da cui si ricava lomonimo veleno. Socrate, il famoso filosofo greco, ha reso famosa questa pianta (o questo veleno) perch, bevendola spontaneamente, accett la condanna a morte inflittagli dal processo, rifiutandosi peraltro di approfittare della possibilit di evadere.
CICUTA

: Insidioso, falso, che pu trarre in inganno. Si dice di un ragionamento fatto da qualcuno che, con frasi azzeccate e ragionate, vuole convincervi che ha ragione lui. Ma sar vero che ha proprio ragione? Forse uno che vuole farvi fessi, state attenti e ragionate con la vostra testa. Il classico politico che fa il suo bel discorso per farsi votare (di norma) capzioso.
CAPZIOSO CONTRITO

: Pentito profondamente di una colpa commessa.Facile.

: Logoro, liso, consumato. Se hai gli stessi jeans da tre anni, se li hai portati tutti i giorni, magari sedendoti spesso sulle gradinate di cemento, saranno certamente diventati consunti.
CONSUNTO CONATO: Tentativo,

impulso. Se siete deboli di stomaco e vedete un film horror, magari sentite quelle strette improvvise non scendo in dettagli. Sono conati.
CALDEGGIARE: Raccomandare

con calore una proposta, appoggiare sostenere. Mettiamo caso che alcuni vostri amici vogliono andare a ballare al Cocoric, mentre Simone alla Baia Imperiale. Se anche voi preferite la Baia Imperiale iniziate subito ad

appoggiare il vosro amico Ma s, s, meglio la Baia, Simone ha ragione! State caldeggiando la proposta di Simone.
COMMIATO: Permesso

di allontanarsi, partenza, separazione, congedo. Quando vostro padre vi sta rimproverando, avete un enorme desiderio di prendere commiato da lui per andarvene in camera vostra. Chiaro?
CATERVA: Moltitudine

di persone, animali o cose. Quantit disordinata di cose. Quando di cose se ne ammucchiano un sacco, cos tante che non riesci pi a fare il conto, di queste cose ce n una caterva. Al concerto di Ligabue cera una caterva di gente. : Grossa corda per animali. Cordone dei frati. Immaginate un toro feroce il quale comunque sotto il vostro controllo perch ha un cordone legato al collo, un capestro per lappunto. In senso figurato il capestro indice di sottomissione, per cui chi al potere mette il capestro a chi lo subisce. Molti mariti debbono sottostare al capestro della moglie, quando questa troppo dispotica (il che accade spesso).
CAPESTRO CALEIDOSCOPIO: Apposito

apparecchio fatto con due o pi specchietti disposti ad angolo entro a un tubo, dove si trovano alla rinfusa piccoli oggetti colorati: le riflessioni multiple formano immagini spesso simmetriche che mutano in modo imprevedibile e variabilissimo a ogni movimento. Successione o spettacolare susseguirsi di luci, colori, immagini, figure. Immaginate un tubo in cui potete guardare allinterno per vedere uno spettacolo di immagini colorate che cambiano di continuo. In senso figurato si pu parlare di un paesaggio caleidoscopico, quando mostra una seria variegata di scorci, una festa in maschera con innumerevoli costumi variopinti. Le luci della discoteca sono caleidoscopiche.
CAPITOLARE: Arrendersi

al nemico secondo condizioni. Arrendersi, cedere. Prima che sia troppo tardi meglio capitolare, altrimenti il nostro nemico finir con lo sconfiggerci senza darci modo di contrattare niente. Significa dunque venire a patti col nemico, patteggiare la sconfitta. Oppure, semplicemente arrendersi, darsi per vinti.
CLOACA: Grande

fogna per raccogliere le acque di tutta la citt. Luogo dove regna la corruzione e il vizio. La cloaca un cesso infinitamente grande, un bacino ricolmo di insomma di cose disgustose. Non auguro a nessuno di finire in una cloaca, sarebbe davvero riprovevole per chiunque. Ma talvolta, negli ambienti pi puliti, dove si muovono signori distinti, in giacca e cravatta, pu nascondere imondizia assai pi schifosa, come quella delle tangenti, degli accordi sottobanco, delle ingiustizie ai danni di ignari poveracci, insomma una cloaca peggiore di quella descritta prima.
CARACOLLARE: Volteggiare

col cavallo a destra e sinistra. Trotterellare. Quei fantini, agili e flessuosi caracollano con il loro destriero per tutta la pista. Il mio

amico, dopo aver ricevuto lsms in cui lo hanno informato che stato promosso, nonostante quel quattro in matematica, si messo a caracollare per la piazzetta dalla contentezza.
COMPULSARE: Leggere,

consultare libri, documenti, a scopo di studio. Avete presente Gandalf il grigio quando, nel primo episodio del Signore degli Anelli, si recato in quella vecchia bibblioteca per ricercare la storia dimenticata dellanello? Gandalf, mentre sfogliava tutte quelle vecchie pergamene, voltava libri su libri, stava compulsando tutto quel materiale.
CORAMELLA: Striscia

di cuoio usata dai barbieri per affilare i rasoi. Me lo raccontava mio padre di questa striscia di cuoio, ma stiamo parlando di quando i rasoi avevano una lama fissa, roba daltri tempi.
CORIACEO: Che

ha natura, aspetto o consistenza del cuoio. Persona priva di sensibilit. I cattivi nelle storie, quelli che non piangono mai, che non si commuovono di fronte a niente, sono proprio dei tipi coriacei.
CLAQUE: Gruppo

di persone appositamente reclutate per applaudire (o fischiare) in teatro. Gruppo di seguaci che segue un politico nel corso delle sue apparizioni pubbliche. Si pronuncia klak e significa dunque un insieme di tipi che applaudono perch sono stati pagati per questo o perch hanno interesse nel sostenere a tutti i costi una certo personaggio. In ogni caso i loro applausi sono falsi.
CHIOSARE: Commentare,

spiegare. Interpretare o esporre un testo con chiose. Postillare. La chiosa una sorta di nota, annotazione, che pu essere aggiunta in un testo o in un discorso; una sorta di parentesi in cui viene fatto il punto (o spiegato) su un dato argomento. Colui che chiosa dunque colui che, nel corso di un ragionamento, si sofferma a dare questo chiarimento, pi o meno richiesto. Ebbene, se mi consentito apporre una breve chiosa, vi spiegher come mai
CONCIONARE: Tenere

un concione (discorso solenne). Fare discorsi ampollosi e retorici. Talvolta alcuni politici, o magistrati, amano tenere dei gran concioni, vale a dire che si mettono a dissertare, a discutere si un qualcosa, ma lo fanno dilungandosi, facendo citazioni coltissime, con giri di parole e lunghe parentesi. Sono persone che amano concionare.
CINCISCHIARE: Perdere

tempo senza concludere nulla. Quando non hai voglia di fare i compiti, ti metti a cincischiare, e quindi apri il quaderno, lo richiudi, fai uno scarabocchio sul diario, prendi il libro ma non lo apri. Invece di cincischiare inutilmente, sarebbe meglio fare subito i compiti e liberarsi dallimpegno una volta per tutte.
CARIATIDE: Statua

di donna usata come elemento architettonico portante per sostenere mensole e balconi. Persona che sta immobile e in silenzio. Persona vecchia e brutta. Vi sono molti palazzi antichi i quali, sotto i balconi, hanno delle belle cariatidi. Ma una

cariatide pu anche essere un tipo completamente estraniato dalla realt, insensito come dicono dalle mie parti, che gli passi le dita della mano davanti agli occhi e lui non reagisce. Infine quando una persona cos vecchia (magari anche in termini di idee o di simbolo che rappresenta) da essere da tempo superata una cariatide, come anche un matusalemme vecchissimo e bruttissimo.
CONTRISTARE: Rendere

triste. Affliggere. Andrea, portando a casa il diario contenente una brutta nota della maestra, stato in grado di contristare la sua povera mamma.
COMBUTTA: Gruppo

di persone avente gli stessi scopi, specie equivoci e illeciti. Moreno, Marco e Giacomo, tre hacker molto in gamba, si sono messi in combutta nel tentativo di andare a modificare i propri voti sul sito internet della scuola.
CEREO: Di

cera. Pallido come la cera. La mamma di Giovannino si accorse che era malato dal suo viso cereo.
CERULEO: Di

colore azzurro chiaro, celeste. Da non confondersi con CEREO, vuol dire appunto azzurro chiaro. Luisa bella perch ha due splendidi occhi cerulei.
CURIALESCO: Cavilloso,

pedante. Riferito in genere a un modo di scrivere o di parlare, indica uno stile molto elevato, con parole complicate, termini specifici, tipo quello degli avvocati. Gli avocati, i notai o i magistrati hanno sempre il lavoro assicurato poich, con quello stile cos curialesco con cui compongono le loro lettere, possono capirsi solo tra di loro e tu, che vorresti fare da solo, sei comunque costretto a rivolgerti a un professionista per non rimanere fregato.
CLANGORE: Strepido,

suono squillante. Immaginate mezzogiorno, quando suonano le campane del duomo, in piazza, quando clangore fanno! Abbassa lo stereo, tutto quel clangore mi infastidisce!
CAMUSO: Di

naso schiacciato, o persona che ha il naso schiacciato. Se dunque Roberto ha un naso molto schiacciato, si pu dire in due modi: Roberto ha un naso camuso, oppure Roberto un tipo camuso.
CAMPEGGIARE: Risaltare

su uno sfondo. Spiccare. Di notte, lungo le strade di periferia, le insegne accese dei distributori di benzina, campeggiano nel buio.
CONGESTO: Affollato,

ammucchiato, carico. Rossore caratterizzato da una congestione. Le strade del centro, nellora di punta, sono congeste (o anche congestionate), nel senso che le macchine non riescono a passare per quando sono fitte. In medicina, quando un organo, o il viso stesso, risulta arrossato per via di un grande afflusso di sangue, allora si pu dire che quella parte congesta.

COSTRUTTO: Risultato

positivo, effetto utile, vantaggio utile. Lespressione pi usata senza costrutto. Ad esempio, se un gruppo di persone si riunisce per prendere una decisione, parlano per ore e alla fine non riescono a mettersi daccordo, hanno parlato senza costrutto. Se Luigino ha studiato con la TV accesa e poi allinterrogazione non ha saputo rispondere a una sola domanda, ha studiato senza costrutto.
COSTIPARE: Compattare,

addensare, ammassare. Quando si eseguono degli scavi con la ruspa, di solito, dopo aver riempito nuovamente la buca, si fa una costipazione, cio la terra che viene riportata, si pressa in modo che poi non si affondi. Ma anche una stanza pu essere costipata di persone, se stracolma di gente.
CONURBAZIONE: Processo

di formazione di una citt per collegamento di centri urbani minori attorno ad un nucleo maggiore che funge da polo. Immaginate Milano, o Roma. Ormai quelli che una volta erano delle piccole frazioni a s stanti, sono divenute a tutti gli effetti parte della citt.
COMMISTIONE: Mescolanza,

miscela, miscuglio. Ibrido. Aggiunta di un ingrediente

allimpasto. Se mettiamo insieme una classe dove, oltre ai classici italiani, ci sono marocchini, albanesi, tunisini e vietnamiti, come spesso accade oggigiorno, la classe una commistione di razze diverse. Se la mamma aggiunge una fialetta di aroma alla vaniglia mentre prepara limpasto del dolce, allora fa una commisione.
CHINCAGLIA: Ninnolo,

oggetto dornamento, per lo pi di qualit scadente, o scarso valore. Quante volte in casa, sulle mensole o sui mobili, vi ritrovate pupazzetti, bomboniere, vasetti e soprammobili presi a buon mercato? Sono tutte chincaglie.
CONIGLIERE: Complesso

di gabbie disposte in uno o pi piani per allevare conigli. Non credo che i poveri conigli si sentano proprio a loro agio in una conigliera; lo spazio stretto e affollato.
CATARSI: Rito

di purificazione per mondare corpo e anima. Redenzione, purificazione. In psicoanalisi, processo di liberazione della mente da traumi o angosce del subconscio. Mi vengono in mente quei santoni con le candele, che recitano strane preghiere con le mani giunte che si muovono dallalto in basso. Compiono un rito di catarsi. Chi va dallo psicologo o dallo psichiatra, paga dei gran soldi con la speranza di una bella catarsi. : Di persona o cosa miserevolmente deperita o degradata. La cachessia un estremo deperimento organico dovuto a gravi malattie, per cui una persona estremamente emaciata, pallida, smunta, rinsecchita, pu essere definita cachettica. In senso figurato, anche unabitazione che cade a pezzi, un parco con lerba bruciata, con grandi buche e i giochi divelti possono anchessi essere definiti cachettici.
CACHETTICO

CONGERIE: Ammasso

confuso, accozzaglia, farragine. Ogni volta che vedete un insieme di cose ammassate, disordinatamente, in gran confusione, vi trovate di fronte a una congerie di roba. Si pu parlare di congerie di idee, quando una persona ha la mente ingarbugliate da tanti pensie diriversi.
CIARPAME: Congerie

di roba vecchia e di nessun pregio. Il rigattiere colui che svuota le vecchie case, le soffitte per rivendere gli oggetti che hanno ancora del valore; tutto il resto solo ciarpame da buttar via.
COFFA: Piattaforma

solidale al colombiere degli alberi nei velieri a vele quadre. Sulle moderne navi militari, analoga piattaforma, destinata alle vedette e alla direzione del tiro. Se avete visto almeno un film di pirati (o simile) in cui la vedetta si mette a urlare terra in vista, sappiate che la vedetta sta in piedi sulla coffa.
CIVETTUOLO: Accattivante,

piacevole, provocante. La ragazza procace che vi si avvicina, vi strizza locchio, mettendo in mostra le sue belle forme, magari per vendervi qualcosa, ha un atteggiamento civettuolo.
Torna all'indice

D
DISSERTARE: Portare

avanti un discorso o ragionamento con attenzione e competenza. La vostra amica, esperta di gossip, inizia a dissertare: Perch lanno scorso il Grande Fratello lha vinto Roberto, sapete, quel ragazzo moro, bello alto. Allinizio dicevano che sarebbe staato sfavorito per via di quel neo che ha sulla guancia, ma alla fine gli ha portato fortuna.
DISSIMULARE: Nascondere,

far apparire diverso da quello che . Se la vostra ragazza per regalo di San Valentino vi ha regalato un gingillo allultima moda che vi fa veramente ma veramente schifo, voi (se siete educati) cercherete di dissimulare la vostra rabbia e la vostra delusione.
DILAZIONE: Rinvio,

proroga. Se la vostra insegnante chiede vi sono volontari? poi guarda te in particolare e ti dice Robertino, vuoi venire tu?. Allora, siccome non hai studiato niente, preferiresti una dilazione, magari di una settimana.
DEFILARE: Nascondersi

o appartarsi per sfuggire a una situazione imbarazzante; sottrarsi a

un impegno gravoso. Linsegnante alla fine ha deciso di interrogare Paolo e lui, defilando, ha chiesto di poter prima andare un attimo al bagno. Paolo non torn pi a scuola.
DINOCCOLATO: Di

persona dallandatura cascante nei movimenti sciolti, slegati. Anche pigro, lento e fannullone.

Immaginate uno che cammina come se fosse tutto molleggiato, con le ginocchia di gomma e la testa e la schiena che oscillano da una parte allaltra. Vi sembra uno che abbia una gran voglia di lavorare? Che tipo dinoccolato!
DEFENESTRARE: Deporre,

destituire, allontanare bruscamente qualcuno da una posto di comando o responsabilit. Letteralmente buttare gi dalla finestra. Sappiate che a Praga lo hanno fatto: sono saliti fin dentro il palazzo, hanno preso due governanti imperiali e li hanno buttati dalla finestra, forse non erano proprio amati dalla gente. Chiss se anche in Italia c qualcuno da defenestrare (solo in senso teorico, ovviamente, o no?).
DELATORE: Spia,

qualcuno che per servilismo, vendetta o dietro compenso economico, denuncia qualcun alro allautorit. Il delatore il vicino di casa che va al Comune a dire che avete costruito un pollaio abusivo. Che bastardo!
DIPANARE: Chiarire,

districare, svolgere una matassa. Se il gatto ha giocato con il gomitolo della nonna e lha intrecciato a dovere, finendo egli stesso intrappolato tra i fili, allora sar un bel lavoro dipanare il tutto. Se invece c un problema difficilissimo da risolvere, occorre un esperto in grado di venirne a capo, uno che sappia dipanare la matassa.
DOVIZIA: Grande

abbondanza, ricchezza. Il compagno di classe che sa sempre tutto, il secchione, possiede una dovizia di informazioni da passarvi durante il compito in classe. Comunque imparate a studiare da soli che assai meglio.
DERRATA: Prodotto

della terra, specie per uso alimentare. Merce, mercanzia, genere di

consumo. Mele, patate, ortaggi, sono tutte derrate. La merce di consumo che viene trasportata su camion, treni, navi costituisce linsieme delle derrate alimentari.
DILAVATO: Smorto,

sbiadito, scialbo, inespressivo, senza colore. Se vedete un amico dopo un mese e vi accorgete che pallido come un morto, come se la sua faccia fosse stata lavata con la candeggina, allora potrete dirgli: che aspetto dilavato che hai!. Se i vostri jeans da blu sono diventati celestino chiaro a forza di lavarli, sono dilavati.
DETRATTORE: Chi

calunnia, chi diffama qualcun altro parlandone male. Quando la vostra amica vipera che ha sempre da parlar male delle assenti dice: Ma lo sapete che Marina non vero che stata lei a scaricare Roberto? lui che lha lasciata perch andava pure con Alessio.. Vi state trovando di fronte alla detrattrice di Marina. Dritto dtritto, velocemente e per la via pi breve. Se siete a spasso per il corso e improvvisamente vi ricordate di aver lasciato la
DIFILATO:

connessione internet (a consumo) attiva, correte difilato a casa per staccare il modem, se invece paga ancora quel poveretto di vostro padre, immagino che ve la prendiate con pi calma. : Strappare con forza, estirpare, staccare. Asportare, scardinare. Se un bullo teppista si mette a rovesciare le panchine del parco, sradicandole per mettele sotto sopra, sta svolgendo lazione di divellere le panchine. Alla fine le panchine restano divelte.
DIVELLERE DEFERENTE: Che

si conforma allaltrui volont, per ossequio, rispetto, stima o riguardo. Il ragionier Ugo Fantozzi lesempio vivente della deferenza. Inizia a essere vecchio come esempio?
DEPRECARE: Pregare

contro un male. Disapprovare, biasimare, condannare. Tutti noi deprechiamo la crisi e la disoccupazione, nel senso che preghiamo e speriamo che tali disgrazie non accadano o finiscano al pi presto. Oppure, se ascoltare il radiogiornale e sentite donna violentata nel parco vi arrabbiate e dite quei farabutti! In galera! In galera! perch (giustamente) deprecate la violenza sulle donne.
DISCENTE: Colui

che impara. Discepolo, scolaro. il contrario di docente. Quando ascoltare il professore che spiega, siete suoi discenti. Ma ascoltatelo, non fate finta! : Discutere, trattare a lungo su un argomento. Oggi giorno molti esperti e studiosi discettano sulla reale esistenza degli alieni e sulla fine del mondo del 2012. Nel senso che discutono di continuo, fanno trasmissioni e speciali
DISCETTARE DISDEGNO: Sdegno,

disprezzo, riprovazione. Atteggiamento di ostile noncuranza. Quando una cosa proprio non la mandate gi, allora provate disdegno. Oppure, quando volete essere superiori a qualcuno o qualcosa lo trattate con disdegno, gli passate vicino arricciando il naso e non lo guardate neanche. : , nome Di chi ha scarsa intelligenza, scarso valore. Poco di buono. Di persone dappoco, oggi giorno ce ne sono sempre pi, basti pensare ai partecipanti di molti reality show, o talk show, sono tutte persone dappoco, sono caratterizzati da dappocaggine. Infatti, non hanno nessuna qualit intellettiva, sono rozzi, non hanno cultura, non valgono un ben niente, sono gente dappoco.
DAPPOCO, DAPPOCAGGINE DARDEGGIARE: Colpire

con dardi. Lanciare dardi. Lanciare occhiate intense. Bench dardeggiare significhi lanciare frecce (chiamate appunto dardi), da cui Robin Hood dardeggia con il suo arco, luso pi comune quello di lanciare sguardi, occhiate intense. Uno che vi fulmina con lo sguardo, che sembra che voglia bruciarvi con raggi laser, vi sta dardeggiando.

DESTITUIRE: Rimuovere

da un ufficio. Privare. Se il sindaco si accorge che un consigliere comunale ruba i soldi, decide di destituirlo, cio lo rimuove dallincarico. Oppure, in senso poetico, privare di qualcosa. Sono stato destituito del tuo amore.
DIGRADARE: Scendere

a poco a poco, di un grado superiore a uno inferiore. Essere in declivio. Diminuire di intensit, di importanza. Quando viene la sera, la luce digrada a poco a poco fino a spegnersi. Se una strada ha una certa pendenza, magari non troppo ripida, scende dolcemente, quindi digrada. Oppure pu digradare unemozione, quando in noi si spegne poco alla volta.
DISCINTO: Vestito

in modo succinto e scomposto. Quando un uomo ha i vestiti tutti scomposti, con la camicia sbottonata fuori dai pantaloni, le scarpe sciolte, la zip e il bottone aperti, possiamo dire, senza paura di essere contraddetti, che quel tipo assai discinto.
DEDALO: Labirinto,

intrico di vie e passaggi. Se vi capita di andare in una grande citt, come Roma, con la macchina, tentando di raggiungere il centro storico, vi accorgerete di che dedalo si tratti. Prendete la metro.
DELIQUIO: Svenimento.

Una donna che sviene per la grande emozione cade in deliquio.


DICOTOMIA: Divisione

in due parti. Dividere un concetto in due concetti contrari tra loro. La dicotomia pu essere vista come una scissione, biforcazione. Sia in senso pratico, ovvero prendo una mela, la divido in due met esatte, ho realizzato la dicotomia della mela, oppure in senso astratto. Se faccio un discorso, posso trovare un ragionamento in grado di dividere in due concetti contrari quello che voglio dimostrare, faccio dunque una biforcazione.
DIVISARE: Proporsi,

stabilire, decidere. Quando si prende una decisione, o ci si pone un proposito, si divisa. Stamattina divisai di venire a scuola a piedi.
DISTICO: Nel

linguaggio giornalistico, breve presentazione di un autore o di un articolo, posta allinizio del brano con carattere di corpo pi piccolo e con giustezza minore. Immaginate uno di quegli articoletti di pochissime righe che fanno da premessa o da spiegazione a un articolo di un giornale o di una rivista. un distico.
DEDIZIONE: Totale

e costante offerta di s per un fine. Chi ha dedizione per la musica dedica tutta la sua vita, le sue forze e il suo tempo per imparare a suonare, per esercitarsi e per tentare di fare della musica il proprio mestiere. difficile avere dedizione.
DOZZINA: Alloggio

e vitto pattuito a pagamento presso una famiglia privata. Se non avete intenzione di alloggiare in un costoso albergo, e una pensione vi sembra

poco elegante, potete decidere di alloggiare a dozzina presso una famiglia a cui avanza una stanza.
DEGNAZIONE: Atteggiamento

o comportamento di condiscendenza o di benevolenza (spontanea o ostentata) nei confronti di inferiori. Quella faccina tristemente sorridente che il vostro capo vi porge mentre voi state l a soffrire, adducendo le vostre giustificazioni ma sa, non stata colpa mia, non lho fatto a posta; il capo vi guarda con quella falsa benevolenza,e poi, dopo un po vi lascia andar via, con la raccomandazione di non farlo mai pi.
DIRIMERE: Risolvere,

troncare, per lo pi con decisione autorevole. Se i fratellini non riescono a mettersi daccordo riguardo a chi deve spettare il possesso del gioco, dopo vari piagnistei, arriva il padre e dirime la questione stabilendo che il gioco debba andare per dieci minuti a un figlio e dieci allaltro.
DRACONIANO: Detto

di ordine o provvedimento rigorosissimo e intransigente. Se in Parlamento decidono che da domani lIVA sar aumentata al 50% sar certo una decisione draconiana. Ma anche se la mamma dice al figlio oggi pomeriggio non esci perch non hai fatto i compiti, zitto e basta un provvedimento draconiano.
DEPAUPERARE: Rendere

povero, impoverire. Indebolire, svigorire, debilitare. Se tutti sprecano lacqua in maniera incontrollata, le risorse idriche verranno inesorabilmente depauperate col rischio di risultare insufficienti in futuro. Tutti questi allenamenti intensivi in palestra mi stanno depauperando.
Torna all'indice

E
EDONISMO: Concezione

secondo cui il piacere lunico bene pi alto da raggiungere nella

vita. Chi pensa solo al piacere, al godimento esercita ledonismo. Poi ognuno ha una sua concezione di godimento e piacere. Se per molti un piacere farsi martellare gli orecchi con rumori pi forti di quelli delle officine meccaniche fino alle cinque di mattina facciano pure. Il mio sogno edonistico sarebbe quello di poter dormire tutte le notti. Punti di vista.
ESOSO: Eccessivo,

fuori misura. Odioso per leccessivit della richiesta. La benzina ha un prezzo esoso, ma con chi mi posso lamentare?
ENERGUMENO: Persona

in preda allira, incontrollabile, irascibile forte e violento. Vi auguro di non trovarvi mai di fronte a un vero energumeno. Immaginate lincredibile Hulc senza la pelle verde, con meno muscoli ma comunque pericoloso, anche perch un energumeno non ragiona pi.

EFELIDE: Macchia

della pelle, lentiggini. Vanessa Encontrada ricca di efelidi, ma proprio l la sia bellezza.
ESECRARE: Odiare,

avere in orrore qualcuno, maledire, allontanare con ripugnanza. Chi di voi non esecra la guerra? Nessuno, mi auguro.
ESPERANTO: Lingua

universale artificiale molto semplice. Dunque una lingua studiata a tavolino dal medico polacco Zamenhof, una grande trovata. Qualcuno di voi saparlare in esperanto? Io no.
ETEREO: Che

delletere, che si trova nelletere. Celestiale, puro. Pu essere eterea una bellezza, per dire che divina. Unacqua per dire che pura e limpida. Un concetto astratto che sfugge dalle cose terrene. : Tristemente malinconico. Delicatamente triste. Relativo allelegia. Al di l delle forme e dei canoni poetici dellelegia, si indica comunque un componimento triste, una confessione. Una che appena stato scaricato dalla ragazza, pu scegliere di scrivere una mail piena di insulti e frasi senza senso, oppure rifugiarsi nel conforto della poesia e comporre un moderato sfogo elegiaco.
ELEGIACO EPOPEA: Ampia

narrazione poetica di gesta e imprese eroiche di un personaggio o relative alla storia e tradizione di un popolo. Serie di imprese straordinarie degli di essere riporatte in un poema. Tra qualche anno scriveranno lepopea del popolo cinese, il quale, zitto zitto, sta riuscendo a conquistare tuttto il mondo. Si pu parlare di epopea di grandi personaggi, come la storia di Ulisse, per esempio. Voi potreste scrivere lepopea di quel vostro leggendario compagno di classe che, dopo tre anni, riesce ancora a non venire bocciato, pur senza aver mai studiato una sola pagina. Comunque quel vostro compagno non far molta strada, non imitatelo. : Spietato, crudele, malvagio. Che offende il sentimento religioso. Solo una persona empia poteva accettare la proposta di mettere una bomba sullautobus.
EMPIO ESTEMPORANEO: Improvviso,

pensato e fatto al momento. Quelli che improvvisano, gli attori di teatro, i jazzisti che suonano senza spartito, producendo le note che gli saltano in mente. Stanno compiendo gesti estemporanei.
EMPIRICO: Ci

che si riferisce allesperienza e non alla razionalit. Pratico e non

scentifico. Immaginate il contadino che ha sempre fatto le cose in un certo modo per esperienza, lui segue metodi empirici. Il giovane che si appena laureato in scienze agrarie seguir invece modelli sistematici, le leggi e iprincipi che ha studiato a scuola. Il pi delle volte, un metodo empirico considerato un po grossolano, per cos dire fare le cose a braccio.

ESPUNGERE: Togliere

parole e frasi da un testo, di un manoscritto, per migliorarlo. Se vi capita di scrivere qualcosa, quando andare a rileggerlo e dite questa parola la tolgo, questa frase non ci sta, la cancello state espungendo quelle parole e quelle frasi.
EMACIATO: Molto

magro, smunto, scarno, sbiadito. Uno che diventato pelle e ossa, pallido, rinsecchito. Magari a seguito di una malattia o di particolari sofferenze. Povero lui
ESTRINSECARE: Manifestare,

estendere, esternare. Se vince la vostra squadra del cuore e vi mettere a urlare e correre per il corso con la bandiera, state estrinsecando la vostra gioia. Ma non fate danni nellestrinsecare!
EDULCORARE: Attenuare,

rendere meno sgradevole, mitigare gli aspetti crudi o polemici di

una notizia. Come dire, uno che la verit ve la dice ma non ve la dice tutta. Uno che vuole rendere il fatto meno grave di quello che , magari alcuni particolari non li dice, cos in fondo vi sembra un fatto quasi normale. Ci saranno casi di edulcorazione nella nostra informazione? Mah.
EPITETO: Titolo

ingiurioso. Sostantivo, aggettivo o locuzione, che come apposizione o attributo determinano un nome, pi a scopo esornativo che di effettiva definizione. Lepiteto pu essere unoffesa, uninsulto, e qui ogni parolaccia buona. Ma pu anche essere una parola o modo di dire, che si associa al nome di qualcuno per definirlo. Ad esempio, se il vostro amico Luigi un mago per truccare i motorini, potreste chiamarlo Luigi il mago. Se un altro fortissimo a braccio di ferro diventer Roberto bracciobionico. Lepiteto dunque un qualcosa che abbellisce o esalta il nome di qualcuno, a volte pi a volte meno utile.
Torna all'indice

F
: Di colore fra il biondo e il rosso. Riferito per lo pi a peli o capelli, indica un colore pi o meno arancione.
FULVO FATUO: Di

poca consistenza, frivolo, superficiale. Molti programmi televisivi, in particolare i reality-show sono fatui, nel senso che non dicono niente di importante.
FERVIDO: Molto

produttivo, vivace, estroso, dotato di slancio e creativit. Luso pi frequente in riferimento ad una mente fervida. Chi ha la mente fervida in grado di inventare cose nuove, storie, canzoni, ecc Gli inventori o i ricercatori scientifici hanno una mente fervida, come anche gli scrittori, i cantautori : Che arreca gravi danni materiali o meno. Doloroso. Di cattivo augurio. Luragano che devasta tutto funesto, ha una forza funesta. Il terremoto funesto.
FUNESTO

Anche una notizia pu essere funesta quando triste, perch annuncia una grave disgrazia. Speriamo di no. Se uno vuole gufarvi, cio vuole portarvi sfiga, potrebbe rivolgervi una frase funesta.
FORRA: Gola

stretta e rocciosa prodotta fra due pendii dallerosione dellacqua. Una sorta di corridoio tra due rocce, magari lasciato da un torrente che vi scorreva un tempo. : Che si flette facilmente, pieghevole, docile. Delineato secondo un agile alternarsi di mobili curve. Possono essere flessuosi i movimenti di alcuni tipi di danze, come la baciata, che va molto di moda. Oppure un classico esempio il corpo flessuoso di una bella ragazza. Complimenti.
FLESSUOSO

: Attinente allattivit giudiziaria. Tutto ci che riguarda il mondo della legge, in particolare nella sua applicazione, come i processi, le arringhe degli avvocati. Ad esempio un giudice parla in stile forense.
FORENSE

: Piacevole, arguto, scherzoso. Di solito faceto qualcosa di divertente, una frase, una battuta. Ma non vuol dire che fa sbellicare dal ridere, ci che faceto fa sorridere e si fa apprezzare, il pi delle volte perch stato esposto con intelligenza. Talvolta sono facete alcune battute dei comici: quelle sottili, ben studiate e non volgari.
FACETO FILANTROPIA: Amore

per gli altri e interesse perch si realizzi la loro felicit. I filantropi sono quelli che si dedicano ad attivit umanitarie, come i medici senza frontiere o le attivit senza scopo di lucro, davvero delle gran brave persone. Ai filantropi va tutta la mia ammirazione e rispetto. Da non confondere con misantropia, vedi alla M. : Disordinato, prolisso e confuso. Quando un ragionamento diviene cos complicato da farvi perdere il filo, quando una legge ha cos tanti commi, controcommi, articoli che si contrddicono tra loro e va a incasinare ulteriormente il sistema, siamo di fronte a cose farraginose. Metodi o sistemi farraginosi sono tutti quelli che, per la loro complessit, non sono facili da applicare o da fruire. A volte leccessiva burocrazia, che per farti prendere dieci euro dallo Stato, te ne fa spendere tre in marche da bollo, quattro in fotocopie, undici in consulenze esterne, di per s farraginosa.
FARRAGINOSO

: Elegante, curato. Netto, pulito. Luso pi frequente di questo termine di certo la locuzione parlare formito. Chi parla in modo forbito uno che lo fa in modo curato, elegante, usando sempre i termini giusti, evitando sgrdevoli cadenze dialettali o sgrammaticature. un tipo che parla proprio preciso preciso, piacevole da ascoltare.
FORBITO

: Di fiera. Selvaggio, crudele. lo stesso che belluino (vedi sopra). Comunque vuol dire sempre bestiale, animalesco. Aaahhhrrrrrr!!!!!
FERINO FALCIDIA: Strage,

sterminio. Tara, detrazione, notevole riduzione. Questa proprio una brutta parola. Indica che un sacco di gente viene ammazzata. Ma per fortuna pu anche indicare che da un totale (tipo le tasse che uno deve pagare sul 730) vengono detratte (e dunque tolte) alcune spese, tipo quelle mediche. La detrazione dimposta una una falcidia. Se invece un manager aziendale decide che ora di tagliare il personale del 30% compier anchegli una grossa falcidia licenziando i dipendenti. Ma non pensate che questa parola derivi dalla falce che taglia lerba, tutaltro, deriva dal nome di un tale tributo romano Publio Falcidio che aprov una legge dellepoca. basta.
FLATULENZA: Eccessiva

produzione di gas nello stomaco o intestino, con emissione per le

vie naturali. Nella mia rubrica ho anche appuntato un altro sinonimo, ma giudicandolo poco cortese, ho deciso di tralasciarlo. Ognuno faccia le proprie considerazioni. E comunque, chi nella vita non si mai macchiato, almeno una volta, del reato di flatulenza? Dunque non giudicate.
FRUSTO: Liso,

consumato, consunto, logoro. Logorato dalluso e non dallorigine. Non fatemi riscrivere tutto, andatevi a vedere consunto che vuol dire la stessa cosa. : Fiducioso, speranzoso, sorretto dalla fede. Non uno che ha o aveva parenti a Cuba. un ottimista, uno che ha fiducia in qualcuno, qualcosa o, semplicemente, in un futuro migliore.
FIDENTE

= Derivazione, provenienza. Rapporto giuridico genitore - figlio. Il cosiddetto rapporto filiare appunto la relazione che lega padre e figlio, come dire che il figlio ha appunto un rapporto filiare con il padre. Ma pu anche essere riferito a derivazioni tra un avvenimento e laltro nella storia, correnti di pensiero o affini. Anche le cosiddette filiari di una grande azienza si rifanno a questo termine.
FILIAZIONE

: Modulato come fa il flauto. Si dice in particolare di una voce, voce flautata, il pi delle volte femminile. Una ragazza che ha una voce dolce, armoniosa, che a sentirla ti incanta, ha appunto una voce flautata. Per i ragazzi: potete usare questo termine per far colpo su colei che vi piace, ditele che bella voce flautata che hai. Poi si pu anche dire di una nota, di un suono, ma meno frequente.
FLAUTATO

: Che porta morte. Luttuoso. Di sinistro augurio. Vedi funesto che vuol dire la stessa cosa.
FERARE FORIERO: o

nome Che precede o annuncia qualcosa o qualcuno. Precorritore, messaggero. Se vedete delle nuvole nere, capite che sta per arrivare un temporale. Dunque le nuvole

nere sono foriere di temporali. Oppure il foriero pu essere una persona che anticipa, non so, un esercito, e anuncia agli altri che sta arrrivando la guerra; un vero e proprio messaggero in carne ed ossa. Ma oggi con i mezzi di comunicazione che ci sono, non credo vengano pi mandati forieri, pi veloce unemail.
Torna all'indice

G
: o aggettivo Chiunque faccia parte di un gruppo organizzato, societ, partito senza avere compiti di responsabilit o incombenze decisionali. Il gregario un po come una pedina degli scacchi, il soldato semplice, quello che sta sotto ai capi. Ma non necessariamente sottomesso e schiavizzato, pi che altro si vuole sottolineare che non ha potere nel prendere decisioni. uno che alza le mani e dice che volete da me? io sono solo un povero gregario, prendetevela con i miei capi. E dunque il gregario uno, o una figura, che non ha autonomia o iniziative. Solo un esecutore di ordini. Punto.
GREGARIO GANGLIO: Centro

di importanza vitale per un sistema, o unorganizzazione. Pu essere un nodo stradale senza il quale non sarebbe possibile la comunicazione tra vie importanti. Il Grande Raccordo Anulare il ganglio di Roma. Oppure la base di Houston il ganglio della NASA per le operazioni spaziali poich l che viene monitorato tutto.
GUISA: Maniera,

modo, usanza. Se vi capita di leggere a guisa di significa nel modo di o come. Se dicessi. Il mio amico ha iniziato a ballare come un idiota. Potrei anche dire, ha iniziao a ballare a guisa di idiota.
GIOCOFORZA: Nella

locuzione essere giocoforza, essere invevitabile. Esempio. Se tocco il sedere a una ragazza giocoforza che mi rifili una sberla. Ma oggi giorno funziona ancora cos? Lo spero. : Simile al gesso. Di gesso. Ricco di gesso. Ci che fatto di gesso o assomiglia al gesso pu essere chiamato gessoso. Se un anziano di novananni ha una faccia bianca bianca, rugosa, o non so che, potrebbe anchessa esssere descritta come gessosa.
GESSOSO

: Sorvolare su un argomento. Ci stai ancora con Marco? chiede lamica che si impiccia sempre. Tu, che ti sei appena lasciata, rispondi: Meglio glissare su questo argomento.
GLISSARE

: Liscio, senza peluria. Glabro vuol dire pelato se ci si riferisce a uno che non ha i capelli. Oppure, se ci si riferisce alla faccia di un ragazzino di dodici-tredici anni, vuol dire che non gli sono ancora cresciuti barba o baffi. Dunque, in generale, senza peli di sorta.
GLABRO

: Afferrare con gli artigli. Prendere allimprovviso, con violenza. Ottenere con forza e inganno. Immaginate un falco che si aggrappa a un coniglio e se lo porta via, il falco ghermisce il coniglio. Il ladro gherm i gioielli e scapp, vuol dire che se li fregati, e anche di corsa.
GHERMIRE

: Accettare per vero. Far passare per vero. Se trovate al mare un venditore ambulante che vuole darvi un rolex da due soldi, voi rispondete: questa sla non la gabello. Anche una qualunque falsit, inganno, o presa in giro pu essere gabellata (da altri) oppure non gabellata (da voi). Nel senso: chi vi sta fregando vuole gabellare qualcosa; chi non vuole essere fregato non la gabella. Non avete ancora capito? Beh arrangiatevi.
GABELLARE GAZZARRA :

Baccano di gente allegra. Fare gazzarra = fare casino, fare bordello, fare chiasso. Quindi non fate gazzarra!
GUITTO :

Che vive in modo misero e sudicio. Meschino. Un uomo guitto una sorta di pezzente, ma in senso spregiativo, cio nel senso che per sopravvivere disposto a qualunque bassezza. uno senza dignit, lercio dentro e fuori. Che schifo duomo!
GLAUCO :

Di colore azzurro chiaro, tra il verde e celeste. Se vedete qualcosa di quel colore, quella cosa glauca. : Faccenda intricata, di difficile soluzione. Mettiamo caso che ti metti con una, lei rimane in cinta, i genitori di lei non sanno niente, tu non sai che fare, i tuoi genitori sono fuori per tre giorni e al telefono non il caso che li chiami senn tua madre sviene a distanza, il tuo migliore amico si appena messo con la tua ex e non pi il tuo migliore amico. Devi decidere tutto da solo In quel caso ti sei cacciato in un bel gineprraio. Ovviamente non vorrei essere al tuo posto, questo inutile che te lo dico, dovevi pensarci prima.
GINEPRAIO GAGLIOFFO :

e nome Buono a nulla, sciocco, ignorante e goffo. Dalle mie parti, uno che cos lo chiamano ciambotto, vuoi potete chiamarlo bamboccio, comunque in realt un gaglioffo e basta.
GOTTO :

Grande bicchiere di vetro o contenuto del bicchiere. Immaginate un gran bel boccale per la birra, proprio lui. Ma temo che se al pub chiedete un gotto di birra non vi capiscono.
Torna all'indice

H
: Albergo. Ah la sapevate gia? che per ora con lacca non ho trovato nientaltro, pazienza.
HOTEL

Torna all'indice

I
: Che irrita o delude per eccessiva stupidit o banalit. Lisola dei famosi , a mio avviso, una trasmissione insulsa, ma potrei elencarne anche altre.
INSULSO

: Ingannare, imbrogliare, sedurre. Laura, la pi bella della classe, viene da te che sei il pi secchione (bravo!) e inizia a farti gli occhi dolci, dicendo: <<Di Nico, te che sei tanto bravo, te che sei carino, me lo fai copiare il compito?>> Tu non ci caisci pi niente, le di il foglio, lei copia, non ti ringrazia e a fine lezione scappa via con Luca sullo scooter. Laura ti ha irretito. Non ci cascare pi, dille di chiedere i compiti a Luca (se li sa fare).
IRRETIRE

: Che non si stanca, assiduo. Simone, che quando si mette a giocare alla playstation ci sta cinque ore di fila, un giocatore indefesso. Per, Simone, esci un po di pi che troppi videogiochi fanno male al cervello. Il pi delle volte comunque questo termine indica chi ligio e determinato in qualcosa di importante, di positivo.
INDEFESSO

: Che sta cominciando, che comincia a manifestarsi. quando ancora non stai proprio male, ma inizi a sentire un fastidio alla pancia. Mal di pancia incipiente. Quando non ti fa pproprio male la testa ma senti che qualcosa non va. Mal di testa incipiente. Pu essere applicato allinfinito per tutti i mali che stanno per comunciare. Vuol dire che inizia e non inizia, sta per esplodere qualcosa e senti i primi sintomi.
INCIPIENTE

: Conclusione, talora arbitraria, dedotta da una o pi premesse. come congettura (vedi sopra) .
ILLAZIONE

: Insolito, che non rientra nelluso comune, fuori dal normale. Si usa per lo pi per esprimere qualcosa di insolito, ma nel senso buono. Oggi giorno ci sono in giro molti maleducati che appena il semaforo diventa verde ti iniziano a suonare dietro, che ti dnno le gomitate per arrivare prima alla cassa. Se trovate uno bravo, buono, gentile, che vi dice prego, cera prima lei, vada pure avete trovato un tipo dallinusitata gentilezza.
INUSITATO

: Improntato a un senso grave e solenne di sacralit o devozione. Un uomo rispettabile, con la faccia seria, gli occhi socchiusi, tipo un preside di quelli proprio tutti dun pezzo, che a vederlo ti mette soggezione, ha un aspetto ieratico. Oppure un giudice che inizia a dire solenne: la corte qui riunita, in relazione a quanto disposto avr di certo un tono ieratico.
IERATICO

: Ingiusto. Volto deliberatamente al male. Quando si parla di cosa iniqua o iniquit, si parla di una grave ingiustizia. iniquo
INIQUO

che oggi giorno ci sia ancora gente che muore di fame con tutto quello che si spreca nel mondo. Oppure una persona cattiva, cattivissima, bastarda, una persona iniqua. Non siate dunque mai iniqui.
INVETERATO: Che

divenuto cos abituale da essere difficilmente correggibile. Se ormai hai iniziato a fumare, e non smetti pi, vuol dire che quel tuo vizio di fumare inveterato. Prova lo stesso a smettere per. : Erronea convinzione di essere malato senza riscontri. Eccessiva apprensione per la propria salute. Grave malinconia. <<No, quello no che mi fa male. Se respiro laria mi avvelena e non esco, se vaso al mare mi prensono i reumatismi. Devo mangiare solo verdura senn mi viene il mal di fegato.>> Chi sta parlando affetto da ipocondria, cercate di parlarci voi, ditegli che non sono vere tutte quelle preoccupazioni. Lipocondriaco uno che crede sempre di stare male oppure ha paura di ammalasri, comunque proprio bene non sta.
IPOCONDRIA

: Che evita ogni fatica. Poltrone, pigro. Un grande sfataticato, che proprio non ha voglia di fare niente, nemmeno di alzare un braccio. Vedete che gli occhi si chiudono e non si chiudono? Ma ditegli di darsi una mossa!
INFINGARDO

: Che non merita rimrovero o biasimo. Vuol dire che una persona talmente seria, brava, precisa e onesta, che anche se vai a cercargli il pelo nelluovo pur di trovare qualcosa da rimproverargli, non ce la fai. troppo irreprensibile!
IRREPRENSIBILE

: Che ha peli folti e ispidi. Ispido, irto. Se uno non si rade per venti giorni, gli viene una barba irsuta.
IRSUTO

: Difficolt che non permette soluzioni o vie duscita. Quando finite in unimpasse, vuol dire che vi siete cacciati in una situazione del cavolo, nella quale non vorreste proprio essere. Tipo una figuraccia terribile, quando tirate fuori la frase sbagliata al momento sbagliato di fronte alla persona sbagliata. Quando dite in questo momento mi vorrei sotterrare, o semplicemente quando vi trovate in una qualsiasi difficolt.
IMPASSE

: Coprirsi pesantemente con un cappotto o altro. Imbacuccarsi, infagottarsi. Se vedete un vecchietto che, ai primi freddi, si mette subito un mega cappotto, si fa tre giri di sciarpa ecc si sta semplicemente intabarrando.
INTABARRARSI INELUTTABILE :

Contro cui non si pu lottare, gi deciso in modo assoluto dalla sorte o da altre persone. Inesorabile, inevitabile. Che volete farci? Se Giannetto non ha studiato per tutto lanno, non ha saputo copiare la sua bocciatura ineluttabile.

INENARRABILE

: Che non pu essere narrato, per eccessiva tragicit, crudelt, lunghezza,

ecc Guarda, un film cos sconcio, certe scene cos raccapriccianti che meglio se non te le racconto. Proprio un film inenarrabile. : Ornare con raffigurazioni di storia, leggende. Le caverne degli uomini primitivi erano istoriate con scene di caccia. Nel senso che cerano un sacco di disegni che mostravano e raccontavano come allora si andava a caccia. In senso ironico, il sedile di un autobus pu essere istoriato di scritte e disegnacci, ma a me farebbe schifo, quindi lasciate gli autobus puliti.
ISTORIARE

: Libro cui non sono state anora tagliate le pagine. Indica che un libro, o una rivista, o un giornale, nuovo nuovo nuovo, proprio appena uscito dalla tipografia. Quel libro che profuma di nuovo e se ci passi un dito senti che liscio licio, mai aperto, bianchissimo. Anche i libri di Giannetto a maggio erano ancora intonsi, per gli serviranno ancora per ripetere lanno. Rovinate, sottolineate, scarabocchiate e consumate tutti i libri purch quello che c scritto vi rimanga un po in testa, non lasciateli sempre intonsi!
INTONSO

: Che manca di attivit, di energia. Inattivo, inoperoso. Si pu dire di uno che non reagisce, che guarda linfinito. Che gli parli e non ti risponde. Che in coma perch ha bevuto tre litri di birra. Che quatttro ore che sta davanti all TV e si sta mummificando. Forza! Sveglia! Non restare inerte!
INERTE

: Che senza armi a difesa. Inerme pu essere una persona pacifica, buona buona, che non farebbe male a una mosca. Inerme proprio di carattere, disposto a porgese sempre laltra guancia. Oppure uno pu essere inerme per forza di cose, perch troppo piccolo o debole da potersi difendere. Se quattro bulli prendono a botte un ragazzzino, normale che quello inerme, non riesce a difendersi, vorrei ben vedere! Ma vi sembra giusto?
INERME Torna all'indice

L
: Chi porta qualcosa, un pacco o una lettera. Chi si assume lincarico di un recapito. Il postino , di fatto, il latore della posta. Se invece Alberto vuole chiedere a Giulia di mettersi con lui, ma si vergogna, le scrive un bigliettino e lo d a Mario affinch glielo consegni. Mario sar il latore del bigliettino di Alberto.
LATORE

: Forma riflessiva di lambiccare. Meditare insistentemente su qualcosa per trovare una soluzione. Spremersi il cervello, rompersi la testa su un problema. Se non sai come fare una versione di latino, non lambiccarti inutilmente la testa, trovati uno di quei libretti in cui sono gi fatte e copia. Considera per che la met dei tuoi
LAMBICCARSI

compagni copia gi da l; mi sa che la prof. se ne accorger. Allora continua a lambiccarti il cervello che meglio, magari ce la fai da solo. : Abbondante bevuta, specie di vino o di birra. Le libagioni erano delle antiche cerimonie religiose in cui si offrivano sacrifici agli dei. Oggi immagino che nessuno lo faccia pi, e il termine usato in modo scherzoso, per dire che uno ha bevuto un sacco. Alla festa di Claudio abbiamo fatto una bella libagione!
LIBAGIONE

: Di aspetto tipugnante per sudiciume o deformit. Pi usato per indicare qualcosa o qualcuno esageratamente immorale, osceno. Puoi dire che una persona laida perch magari non si lava, va in giro tutta strappata e puzza da morire, in altre parole vi fa fisicamente schifo. Oppure uno pu essere ben vestito e profumato ma allo stesso tempo laido perch un mafioso che fa ammazzare la gente che ostacola i suoi interessi di potere. Laido no?
LAIDO

: Di colore bluastro, cianotico. Oppure pallidissimo, freddo, per rabbia o paura. Se vedete un morto il suo volto sar sicuramente livido. Si pu parlare di livido in senso di pallido, oppure in senso che hai la faccia blu perch non respiri. In ogni caso non hai una buona cera se sei livido.
LIVIDO

: Calendario, almanacco dei mesi. Lespressione sbarcare il lunario, vuol dire tirare avanti a stento, svalicare a fatica la fine del mese (in senso economico). Perdere il lunario vuol dire invece andare via di testa, impazzire.
LUNARIO

: Figura retorica che consiste nellattenuare formalmente lespressione negando lidea contraria. Se di una persona si vuole dire che stupida, ma in modo molto soft, potete usare una litote e dire quel tipo non un genio.
LITOTE

: Pubblicazione diffamatoria, spesso anonima. Chi ha scritto sul muro del bagno Massimo un lecchino? Se trovo chi stato a comporre questo libello gli spacco la faccia!
LIBELLO

: Facolt, modo di parlare. Loquacit, parlantina. Purtroppo un muto una persona che ha perso (o non ha mai avuto) la loquela, nel senso che non proprio in grado di comunicare a parole. Qualcuno pu perdere la loquela solo per qualche momento, magari a seguito di uno spavento. Ma di Margherita, lamica di Luana, si pu dire che ha proprio una gran loquela, nel senso che non riesce a stare zitta una minuto. E st zitta un attimo!
LOQUELA

: Favoreggiatore o sfrutatore della prostituzione. Il magnaccia che prende giovani ragazze straniere e le costringe a prostituirsi e un brutto lenone.
LENONE

: Qualit di ci che lieve. Leggerezza, per lo pi in senso di delicatezza, di grazia. Guarda come bella Laura mentre fa ginnastica, ammira la levit dei suoi movimenti, Com bella Laura
LEVIT

: Di fatto talmente ovvio ed evidente che inutile la spiegazione o lannunciazione. lapalissiano che lacqua bagnata, serve che ve lo spiego?
LAPALISSIANO Torna all'indice

M
: Di persona tarda, ciocca, incapace di capire, goffa e lenta nei movimenti. dieci volte che te lo spiego e ancora non hai capito? Ma sei proprio melenso!
MELENSO MESTO

: Triste.

Stop. : Distribuzione di bevande in bicchieri per la consumazione. Il contenuto del bicchiere sul tavolo. Il locale che vende bevande. Se vai al pub a bere birra, sappi che quel locale , in realt, una mescita. Se arriva loste, a fine pranzo, e ti porta la bottiglia di amaro e te lo verse nel bicchiere, sta facendo la mescita.
MESCITA

: Torre che viene costruita vicino alla moschea. Avete mai visto qualche film ambientato in un paese musulmano? Avete presente quel tipo che, con le mani vicino alla bocca, inizia a gridare da lass che lora della preghiera? Allora, la torre si chiama minareto, mentre il tipo (per la cronaca), si chiama muezzin.
MINARETO

: Che versa miele, d dolcezza. Affettatamente dolce per ingannare. Se non sapete che vuol dire affettatamente, lho scritto alla lettera A, quindi andatevelo a cercare. Mellifluo uno che mentre vi parla tiene la testa bassa, si accarezza le mani, vi dice certo signore, lei sempre il migliore, lo sa, avrei quel piccolo affare da proporle, non so se si ricorda, ma s, lei cos intelligente signore, ne avevamo parlato per telefono Non vi sembra eccessivamente gentile? Io non mi fiderei di uno cos mellifluo.
MELLIFLUO

: Poco socievole, non amante della compagnia. Incapace di inserirsi nei rapporti sociali. Quando si dice quelluomo un orso, non si riesce a parlarci per quant scorbutico potrebbe trattarsi di un misantropo. Misantropo quel tipo che nessuno vorrebbe avere come amico, quello che, in pratica, sta bene solo con se stesso. Parola da non confondersi con filantropo che vuol dire (leggitelo sopra).
MISANTROPO

MILLANTATORE MUTRIA

= Vedi Borioso.

: Viso accigliato e improntato a sdegno o a superbia. Quelle persone che sembrano sempre incazzate, antipatiche, che guardano sempre storto a tutti. Hanno una bella mutria! : Piccolo gruppo di persone che lottano per una stessa idea. Pu essere un manipolo di soldati, di manifestanti; un manipolo di no-global. Tutti gruppi di persone che si sono messi insieme per lottare uniti. MEGERA : Donna di carattere litigioso e violento, di solito associato a un aspetto di bruttezza e vecchiaia repellenti. Una donna alla quale vorreste gridare brutta vecchiaccia brutta e melefica!!!! Ma se non volete sprecare troppo fiato o troppe parole, ditele gentilmente; signora lei proprio una megera, mi dispiace per lei.
MANIPOLO

: Dire motti di spirito, scherzare. Pungere con motti maliziosi. Il motto non per forza un modo di dire proverbiale. Per motto si intende anche una battuta, uno scherzo. Quindi se fate gli splendidi e vi mettete a scherzate, a fare battute e dire barzellette, state motteggiando. Oppure mottegiate qualcono quando vi mettete a prenderlo in giro. Se fate gli spiritosi con una ragazza e la punzecchiate con quelle frasette allusive, lei vi risponde e fatevela finita! per si vede che ride sotto sotto, state motteggiando quella ragazza. Non esagerate per!
MOTTEGGIARE MITRIDATISMO

: Immunizzazione da una sostanza tossica o velenosa mediante assunzione a

piccole dosi. Come fece un certo Mitridate In sostanza se ingerite un veleno morite. Se per ogni giorno prendete una goccetta di veleno, poi due, poi tre, piano piano il vostro corpo di abitua e quel veleno non vi ammazza pi. Questo si chiama mitridatismo. Io comunque non voglio rischiare, se poi sbaglio la dose
MURMURE MORDACE

= Mormoro.

= aggetivo Che morde facilmente, che pronto a mordere. Aspro, caustico, pungente. Se uno ha scelto di prendersi un pit-bull come cane, state attenti perch un animale assai mordace. Mordace pu per anche essere una persona, un modo di fare; ad esempio un critico di quelli che non hanno mai mezzi termini. Non ditemi che Vittorio Sgarbi non mordace!!! : Mirabile, degno di grande ammirazione. Avete mai visto com straordinario il duomo di Milano? Spettacolare, proprio un duomo mirifico!
MIRIFICO

: Impiego illegittimo o illecito di denaro o beni da parte di amministratore pubblico o funzionario. Stiamo parlando di frode. Se ad esempio un sindaco utilizza i soldi delle tasse dellICI
MALVERSAZIONE

per fare i suoi traffici, sta svolgendo una malversazione bella e buona. Se un impiegato bancario preleva un centesimo da ogni conto corrente, voi non vi accorgete di niente ma lui diventa milionario e scappa alle isole Caiman. Che grave malversazione!
Torna all'indice

N
: Che porta o pu portare danni o rischi gravissimi. Avvenimento o azione poco onorevole. Infausto, funesto. Per indicare che una persona non si comportata sempre bene nella vita, ma ha degli scheletri nbellarmadio, si pu dire che ha alle spalle anche giorni nefasti. Per il resto vedi funesto.
NEFASTO

: Esitare di fronte a qualcosa o qualcuno. Tentennare, tergiversare, titubare. Se una decisione proprio non riuscite a prenderla, e iniziate a dire chiss forse melio di s, non sono sicuro, meglio che ci ripenso, facciamo no, anzi, facciamo s in una parola, state nicchiando.
NICCHIARE

: Trasandato, sciatto. Trascurato, ignorato. Pu dunque indicare una persona che non cura per niente il suo aspetto fisico, si veste male, strappato e sporco, ma anche una persona dimenticata da tutti. Un giardino incolto negletto. Uno scrittore che non se lo fila nessuno, n i lettori, n la critica negletto. Non sar un pochino negletto anchio?
NEGLETTO

: Evento negativo che si presume debba seguire periodi necessariamente fortunati per giustizia. Giustizia. Se un popolo attraversato da carestie, pestilenze, guerre, persecuzioni e terremoti, si aspetta che la nemesi (la giustizia personificata) compia uninversione di marcia della storia portando pace e benessere. Perch quel popolo, avendo sofferto troppo, la merita. La nemesi quellentit in grado di punire i cattivi e lenire le pene deie buoni.
NEMESI

: Nube bassa e oscura. Grossa schiera di persone. Denso sciame di insetti. Il nembo dunque, di fatto, una nube scura, ma oltre che nel senso meteorologico, pu essere intesa come un qualunque assembramento di cose in movimento (animali o persone). Se arrivano i tifosi della Lazio tutti insieme, compatti e minacciosi, posso dire che sta avanzando un nembo di tifosi.
NEMBO

: Trastullo, balocco. Fronzolo, gingillo. Cosa di poca o nessuna importanza, bagatella. Il ninnolo dunque una sciocchezza, sia fisica che materiale. Se ci guardiamo intorno siamo pieni di ninnoli, in casa, in auto, come i pupazzetti che si attaccano ai cellulari, le fatine alate sulle mensole, i videogiochi da scaricare sul cellulare.
NINNOLO

= avverbio Durante la notte. Talvolta con senso di futilit o leggerezza. Quindi, se vi capita, non scrivete notte spazio tempo, si scrive tutto attaccato.
NOTTETEMPO

Torna all'indice

O
: Abbondanza di mezzi, benessere, ricchezza, fastosit. Lantica Roma, con il Colosseo tutto piastrellato di marmo, i palazzi imperiali, ecc era una citt piena di opulenza. La villa di Berlusconi opulenta. Talvolta questo termine si pu usare in senso scherzoso per indicare, ad esempio, una donna molto grassa, una donna opulenta.
OPULENZA

: Insieme di applausi e grida prolungate. Avete presente la standing ovation, standing ovation per te? Quella cantata da Vasco? Sarebbe lovazione, cio tutto il pubblico in piedi che batte le mani e ti acclama. bello ricevere ovazioni.
OVAZIONE

: Procedimento retorico che consiste nel mettere insieme due termini contraddittori. Esempi di ossimoro possono essere: silenzio eloquente, corri piano!, ghiaccio bollente. Insomma, tutte le volte che mettere insieme due termini che proprio non ci azzeccano per niente ma che possono rendere lidea di quello che volete dire, state componendo un ossimoro.
OSSIMORO

: Coprire di tenebre. Offuscare, oscurare. Quando arrivano le nuvole, il sole viene ottenebrato e non si vede pi. Alcuni generi musicali, ossessivi, ripetitivi, sparati ad alto volume per lungo tempo, possono ottenebrare la nostra mente rendendoci scemi.
OTTENEBRARE OBNUBILARE OTTUNDERE

= un sinonimo di ottenebrare.

: Snmussare, togliere lacutezza, spuntare una lama. Offuscare, far perdere

vivacit. In senso pratico vuol dire appunto togliere gli spigoli, rendere pi liscio. Si pu ottundere un sasso, lo spigolo di un muro o di un mobile su cui un bambino rischierebbe di sbattere. In senso fugurato, assomiglia invece a obnubilare, ottenebrare, per lo pi riferito alla mente o ai nostri sensi. Troppo vino ottunde la mente. : Che vaga sulla superficie del mare. Vago, impreciso, equivoco. Metto un biglietto dentro una bottiglia e lo lascio vagare, ondivago, per il mondo. Oppure se una persona ha un modo di fare che non si capisce come la pensa, non chiaro quello che fa, ha un modo di fare ondivago, ma questa forma poco usata.
ONDIVAGO

: Che desta orrore e ribrezzo, che fa rizzare i capelli, raccapriciante. Un film horror pu essere davvero orripilante.
ORRIPILANTE

: Esclusione di qualcosa o qualcuno da un certo ambiente. Mettere al bando. Se nel vostro gruppo c Nicola che antipatico, vuole capire tutto lui e vi frega le
OSTRACISMO

ragazze,voi per vendetta iniziate a non parlargli, lo cancellate dai vostri amici su facebook, non gli fate sapete quando organizzare una festa, insomma lo emarginate. Fate ostracismo verso Nicola. Oppure si pu fare ostracismo in maniera pubblica, mettendo al bando un personaggio pericoloso o un maniaco, ecc : Di sogno, simile al sogno. Una visione onirica lavete quando vedete passare una bellissima ragazza che vi sorride, vi fa una carezza sulla guancia, sembra che stia per baciarvi e subito vi date uno schiaffo per vedere se sognate oppure vi trovate nella realt. Peccato per voi, stavolta era un sogno.
ONIRICO

: Che pura apparenza, esteriorit, lustro, finzione. Se si vuole mostrare qualcosa che in realt non , si crea o usa un orpello. Una falsa modestia, un falso buonismo, sono solo orpelli.
ORPELLO

: Tramonto. Fine, declino. Se volete scaricare una ragazza usando una frase a effetto, da intellettuale, potete dirle: mia cara, sono profondamente spiacente, ma la nostra relazione giunta ormai alloccaso. Comunque lo schiaffo ve lo prendete lo stesso.
OCCASO

: Divano rettangolare di dimensioni analoghe a quelle di un letto. Niente da aggiungere.


OTTOMANA

: Sovraccarico di doveri o incombenze. Immaginate un mercoled di novembre, quando a scuola tutte le materie sono gi a regime e voi, a casa, vi trovate a dover fare: venti espressioni di matematica, due versioni di greco, cinque pagine di storia, due poesie di italiano pi biografia dellautore, inglese e fisica in quel giorno sarete oberati di compiti! Non vorrei proprio essere al vostro posto.
OBERATO

: Ostacolare, contrastare. Se il vostro amico si mette a fare la corte a quella ragazza che vi piace, e su cui avevate gi fatto un pensierino, farete di tutto per osteggiarlo.
OSTEGGIARE

: Che ha colore simile o paragonabile a quello dellopale: giallo azzurrino, lattiginoso, grigio perla. Un esempio di oggetto opalino pu essere linterno di unostrica, quella superficie che sembra fatta di perla, opaca e lucida allo stesso tempo.
OPALINO Torna all'indice

P
: Che caratteristico di una certa persona o cosa. Proprio. Speciale. Il naso rosso di plastica una caratteristica peculiare dei pagliacci del circo.
PECULIARE

: Che ha a che fare con i soldi. Non confondetelo con peculiare! La multa che vi fa il vigile, a seguito della quale dovrete sborsare quattrini, una pena pecuniaria.
PECUNIARIO

: Stimolare, sollecitare. Esortare con energia, incitare, spronare. Se uno vi inizia a dire: E dai! E muoviti! E sbrigati! E datti una mossa! E svegliati! voi, con tono pacato, rispondete educatamente: La prego signore, la smetta di pungolarmi in questo modo.
PUNGOLARE

: Che sa capire, discernere in modo opportuno, intuitivo, fine. Un tipo perspicace , semplicemente, un tipo molto sveglio.
PERSPICACE

: Caparbio, molto ostinato. Tenace, irremovibile. Da non confondere con perspicace. uno che, in quello che fa o in un un ideale che ha, talmente convinto e duro che non lo smuovi neanche con le cannonate; lui deve fare o pensare quella cosa a tutti i costi.
PERVICACE

: Che non accetta discussioni o dilazioni, che esige obbedienza. Quando il prof. di italiano si arrabbia in modo esagerato, e grida Antonelli fuori dalla porta! non vuole proprio saperne di essere contraddetto. In quel momento il prof. perentorio.
PERENTORIO

: Dominato da una violenta esasperazione. Critico, culminante. Quando di un qualcosa ne avete fin sopra la testa, che non volete sentirla neanche nominare per quanto vi ha rotto, siete giunti allo stato parossistico.
PAROSSISTICO

: Animale di grosse dimensioni. Anche in senso figurato. Lelefante il pachiderma per eccellenza. Ma un pachiderma pu anche essere un uomo di quarantanni che pesa centotrenta chili.
PACHIDERMA

: Che guarda, che si affaccia, che d su un luogo. sempre riferito a cose. Una finestra prospiciente il mare vuol dire che da quella finestra si vede il mare, ovvero che quella finestra si affaccia sul mare. Il lato di una casa pu essere prospiciente la via Appia, vuol dire che rivolto verso la via Appia.
PROSPICIENTE

: Chi ligio, pignolo, chi si attiene con eccessiva meticolosit alle regole e alle teorie varie. Normalmente inteso in senso spregiativo. Per dire che una persona talmente scrupolosa nellapplicare una regola, una formula, o un modo di fare, che alla fine risulta poco efficacie e poco intelligente. Non siate troppo pedanti in quello che fate, ma usate il cervello in modo costruttivo.
PEDANTE

: Scarsit di cose necessarie, ristrettezza. Se andate a leggere le regole del Monopoli, c una voce che si intitola Penuria di case, sta appunto ad indicare la situazione in cui rimangono poche casette verdi di legno per giocare.
PENURIA

: Fatto o serie di fatti che precedono lazione vera e propria di unopera, un racconto. Preambolo. una sorta di introduzione, premessa, che viene fatta prima di una storia. In molti libri, prima del capitolo iniziale, presente il prologo, di solito una breve scena tra i personaggi principali, oppure un narratore che spiega come tutto ebbe inizio.
PROLOGO

: Meschinit di mente, di sentimenti, associata per lo pi a pedanteria, superstizione, grettezza. Azione meschina, gretta. Se vi capitato di parlare con qualcuno di quei bulli, che si sentono i padroni del mondo perch vanno in palestra, ma non hanno mai avuto altre vedute, incorrerete spesso in loro piccinerie. Del tipo che inizia a provocarvi e voi, anzich rispondere male, gli fate qualche domanda e lui vi risponde che vi mena perch lui il capo, se cercate di farlo ragionare inizia a menarvi sul serio, perch non ha argomenti per gestire la conversazione. una persona gretta e meschina, quello che dice o fa, sono per lo pi piccinerie, quindi sentitevi superiori a lui anche se vi lascia un occhio tumefatto.
PICCINERIA

: Sovrabbondanza di cose o persone, esagerazione. Oggi giorno, in alcuni settori, c una pletora di laureati in relazione alle esigenze del mondo del lavoro. AllIstituto Tecnico che frequentai cera una pletora di maschi rispetto alle poche ragazze, anche se oggi mi dicono che le miss sono aumentate sensibilmente. PRECIPUO : Principale, molto importante, essenziale, peculiare. Vedi peculiare.
PLETORA PARADIGMA

: Coniugazione o modificazione di una parola in grammatica.Modello,

esempio. Quando si studiano i verbi, per csapire, ad esempio, come va coniugato un verbo, si va a leggere una tabella in cui sono espresse tutte le forme di quel verbo in tutte le persone, e/o in tutti i tempi: Io andai / Tu andasti / Egli and quello un paradigma. Infatti un modello che pu valere anche per altri verbi della stessa coniugazione. In generale il paradogma un qualcosa o qualcuno che viene usato o potrebbe essere usato come modello o esempio per gli altri. : Superbia eccessiva, cocciuta. Superbia sfacciata che disprezza gli altri. Arroganza, presunzione. Se uno ha una buona opinione di se stesso va bene, se uno dice che io sono il pi bello, il pi bravo, il pi forte, mentre gli altri sono dei deficienti, smidollati, che non meritano neanche che rivolga loro la parola credo che sia stato preso da troppa protervia.
PROTERVIA

= avverbio Per niente. Se dico: Il flim di ieri non mi piaciuto punto vuol dire che non mi piaciuto per niente.
PUNTO

: Volgare, grossolano. Evidente, fatto quasi con ostentazione. Un errore plateale un errore grossolano, frutto di evidente sbadataggine. Se scrivete
PLATEALE

un tema e non mettete lacca su ho incontrato Pino fate un errore plateale e prendete quattro. : Donna che ha appena partorito. Se una donna ancora grassoccia, ha i seni grandissimi, e tiene in braccio un bambino di quattro giorni, una puerpera. Auguri!
PUERPERA Torna all'indice

Q
: Lamentoso, piagnucolso. Il classico esempio di tono querulo, quello del bambino al supermercato che dice: E dai mamma, mi compri lovetto Kinder? Per favore, e dai, lo voglio dai mamma. Me lo compri, me lo compri e intanto gli iniziano a scendere due lacrime.
QUERULO

: Richiesta e raccolta di elemosina o di offerte. Il poveretto che si mette sui gradini della chiesa con un cappello in mano sta facendo la questua. Cos come il giocoliere o il pittore di strada che, alla fine della sua esibizione, passa con un bicchiere di plastica per unofferta, sta facendo la questua.
QUESTUA Torna all'indice

R
: Di persona che, per timidezzaa, debolezza, mancanza di forza, volont, o altro motivo, accetti supinamente le idee e le volont degli altri. Quel vostro amiche che, quando proponete di andare in un certo posto, fare una certa cosa, lui risponde sempre Va bene, andiamo dove vi pare. Non si oppone mai perch molto remissivo e gli va bene quello che scegliete voi, anche se in fondo non detto che lui avrebbe scelto la stessa cosa.
REMISSIVO

: Rimprovero severo. La mamma d un bel rabbuffo al figlio che, con i vestiti puliti, si andato a buttare in mezzo allerba.
RABBUFFO

: Rimprovero, biasimo. Atto di rimproverare chi sbaglia. Rispetto a rabbuffo pi serio. Mentre il rabbuffo visto come qualcosa di breve e domestico/amichevole, la riprensione pi un rimprovero formale, dove ci si mette a tavolino e, per venti minuti, chi ci rimprovera dice: Ma ti rendi conto di quello che poteva succedere per colpa della tua distrazione? un fatto gravi, anzi, che dico grave, gravissimo.
RIPRENSIONE

: Mostra, documentario, discussione che guarda o permette di guardare indietro, generalmente ripercorrendo il passato. Un documentario storico sulla seconda guerra mondiale , di fatto, una retrospettiva
RETROSPETTIVA

sulla guerra. La retrospettiva di un pittore una mostra in cui, tramite levoluzione delle opere, viene mostrato come si sviluppato il senso artiatico del pittore. : Ragionamento, argomentazione. Capacit di far uso della ragione, riflettere con buon senso. Prima di fare sciocchezze, udsate il vostro raziocinio e non ve ne pentirete. So che ne avete, anche se, quando siete in gruppo, non ne date gran prova.
RAZIOCINIO

: Figura retorica dove si interrompe il discorso ma si lascia intendere ci che si vuole dire. Un compagno vi minaccia: Guarda che se non mi fai copiare i compiti Non completa la frase ma, con quella reticenza, capite subito che in fondo meglio se glie li lasciate copiare.
RETICENZA

: Eredit. Patrimonio culturale o spirituale lasciato dalle popolazioni o societ precedenti. La legge sulluso capione, dove una persona diviene proprietaria di un terreno se lo ha utilizzato per ventanni senza che il proprietario abbia mosso controindicazioni, un retaggio dellimpero romano, in quanto una legge di allora ancora in vigore.
RETAGGIO

o ROBOANTE : Fortemente risonante, rimbombante. Per lo pi riferito a voce che risuona in un ambiente. Anche se accendete il motore di una motocicletta in un garage di lamiera otterrete un effetto assai reboante.
REBOANTE

: Mandare via qualcuno costringendolo a vivere in una sede lontana e sgradita. Metterein disparte, confinare. come dire esiliare, ma in senso meno stretto. Napoleone fu relegato a S. Elena. La maestra pu relegare lalunno indisciplinato in un angolo dellaula.
RELEGARE

o RICALCITRARE : Impuntarsi, tirare calci. Opporsi, fare resistenza. Quando andavo a scuola non mi piaceva fare ginnastica; talvolta non volevo nemmeno cambiarmi gli abiti, recalcitravo sempre. Strano ma vero.
RECALCITRARE

: Errore di stampa. Se, leggendo un libro, vedete che una parola stata scritta male, magari manca una lettera, si tratta di un refuso. Quando arriva lerrata corrige di un libro, dove sono riportate tutte le modifiche da fare a penna tipo a pagina 37 decima riga scrivere 138 anzich 120, serve per correggere tutti i refusi.
REFUSO

: Rimproverare rinfacciando le cose. Le donne, pi degli uomini, sono portate a rimbrottare: Sei sempre il solito scemo. Lanno scorso ti sei scordato che era il mio compleanno, a San Valentino non mi hai portato a cena fuori, per Natale mi hai fatto un regalo che faceva schifo. Non ti sopporto proprio!
RIMBROTTARE

: Accomodare, abbellire alla meglio una cosa mal fatta, mal riuscita. Abborracciare. Se vi piombano in casa quatto amici, per farvi una sorpresa, e voi, da bravi padroni di casa, li invitate a restare per la cena, sarete costretti a raffazzonare qualcosa visto che il frigo vuoto. Anche un discorso pu essere raffazzonato alla meglio, se chi parla non sa cosa deve dire, appiccica venti parole e tenta di dire qualcosa.
RAFFAZZONARE RABBERCIARE RICUSARE

= come raffazzonare.

: Non volere, non accettare. Rifiutarsi, non acconsentire. Antonia, la pi brutta della classe, vi invita per una pizzetta molto intima. molto probabile che voi desideriate ricusare linvito. Per vi consiglio di non fermarvi al solo aspetto fisico prima di ricusare. : Di aspetto ancora fresco e florido, di colorito sano. Il contesto pi usato per questo aggettivo quando si parla degli anziani. Un vecchietto rubizzo un anziano ancora in forma, arzillo, di aspetto sano.
RUBIZZO

: e nome Che respinto dalla giustizia di Dio. Malvagio, ribelle, con unidea di condanna definitiva. Le anime dellinferno sono reprobe. Ma anche un delinquente, un sicario, o qualunque persona svolga una vita molto malvagia, pu essere considerato un reprobo.
REPROBO

: Luogo in cui contenuto qualcosa. Luogo di raccolta, ricetto, rifugio. Se ben noto che in una certa citt ci sono molti malviventi, molti ladro, si pu dire che quella citt il ricettacolo dei ladri. Indica che tutti o molti ladri vanno a rifugiarsi l, quindi essa ne piena.
RICETTACOLO

= nome Chi oppone forte resistenza. Chi chiamato alla leva e non si presenta. Se leggete la definizione del verbo recalcitrate, considerate che un renitente come un recalcitrante.
RENITENTE

: Occuparsi inopportunamente delle vicende altrui, del presente e del passato, che possono rilevare aspetti sgradevoli. Frugare, rovistare, mettendo in disordine. Quelle persone che si vanno ad impicciare del passato degli altri, delle vicende personali: Ma tu, una volta, non avevi ammesso di aver fatto parte delle brigate rosse?. Se uno arriva a casa e trova tutto a soqquadro, i cassetti rovesciati e tutto loro di casa rubato, sono stati i ladri a rimestare tuttto.
RIMESTARE

: Rifugio appartato e segreto, adatto al riposo e alla solitudine. Quando non avete voglia di parlare con nessuno, volete stare un po soli, allora andate in campagna, in quel posto che conoscete solo voi, dove siete certi che nessuno verr a disturbarvi, quel luogo il vostro recesso. Oppure i vostri segreti pi nascosti, quelli da non rivelare mai a nessuno, sono rcchiusi nei recessi della vostra anima.
RECESSO

: Di quanto susciti un riso schietto e rumoroso. Naturalmente portato a una cordiale, talvolta grossolana giovialit. Possono essere ridanciane alcune barzellette, di quelle che appena le senti ti scompisci dalle risate. Oppure una persona bonaria, semlice, con il sorriso sempre in bocca e la battuta pronta, un tipo ridanciano.
RIDANCIANO

: Notevole aggravamento, ripresa preoccupante di un male fisico, morale o sociale, susseguente una fase di stasi o attenuazione. Avete presente quando un ragazzino ha liunfluenza e non va a scuola per qualche giorno. Non appena si sente meglio prova ad andare a scuola e TAC gli prende una ricaduta che lo fa restare di nuovo a casa per unaltra settimana. avvenuta una recrudescenza dellinfluenza. Spesso si usa per grandi eventi. Se c la guerra, e sembra che a un tratto ci sia un momento di pace, di rilassamento, ecco che avviene un repentino inferocimento dei combattimenti e delle violenze. Altro esempio di recrudescenza.
RECRUDESCENZA Torna all'indice

S
: Trascurato, trasandato. Pu essere riferoto a una persona che non ha cura di s, del proprio aspetto e del proprio corpo. Ma anche di un oggetto. Se un appartamento tutto sporco, con le tende macchiate, il pavimento impolverato, quellappartamento sciatto.
SCIATTO

: Ottenere. Se andate male di matematica e vostra made spende centinaia e centinaia di euro per mandarvi a ripetizione, ma nonstante ci seguitate ad andare male, potete dire che le lezioni di ripetizione non hanno sortito lelleffo voluto.
SORTIRE

: Indebolito, infiacchito, che ha perso vigore. Quando proprio non vi va, non vi sentite in forma per niente, avete le gambe flosce e la testa pesante. Come siete spossati
SPOSSATO

= avverbio Con gio occhi socchiusi, per unosservazione cauta e furtiva. In tralice. Di nascosto, di soppiatto. Se uno vi guarda con sospetto, o se egli stesso titubante nei vostri confronti, comunque vi guarda in quel modo strano, con il viso basso e gli occhi acuminati, che sembra dire: adesso vediamo cosa combini. Quel tipo vi sta guardando di sottecchi. Oppure se vi aggirate di nascosto nella cucina, per non farvi sentire, mentre aprite il frigorifero e vi fregate met vaschetta di gelato, vi state muovendo sottecchi.
SOTTECCHI

: Sigillare. Confermare fisicamente, definitivamente, per sempre. La nonna chiude i contenitori di pomodori stringendo forte il tappo, li suggella. Due amanti possono suggellare la loro relazione amorosa con un bacio.
SUGGELLARE

: Accorto, perspicace, acuto nellintendere e nel valutare una situazione. Anche qui, come nel caso di perspicace, stiamo parlando di una persona molto acuta, sveglia e pronta di riflessi. Avete presente quelle signore senza peli sulla lingua, che hanno sempre la rispostina pronta ad ammutolire linterlocutore in qualunque momento, quelle donne sono sagaci, oppure dnno risposte sagaci.
SAGACE

: Senza sapore. Sciocco. Si pu dire di un alimento. Una minestra con poco sale scipita. Una persona sciocca, senza il cosiddetto sale in zucca, scipita.
SCIPITO

: Sovversivo, ribelle, rivoltoso, in senso spregiatovo. I dirigenti delle fabbriche e delle aziende non hanno in simpatia i lavoratori sediziosi, quelli che stanno nel sindacato che organizzano lotte e convegni per rivendicare i propri diritti. Se c un regime totalitario i sediziosi sono quelli che tentano di opporsi al regime stesso, e cos via. I sediziosi ono dunque i carbonari, i cospiratori della situazione.
SEDIZIOSO

: Detto di voce tonante, potente. Il prete che parla dal pulpito rivolgendo lomelia (o la predica) ha un tono stentoreo. Come anche il politico che parla alla folla. Immaginate Mussolini durante i suoi discorsi allItalia, aveva sempre un tono stenotoreo.
STENTOREO

: Detta di persona lunga e magra, ma in senso di robustezza e sanit fisica, non di debolezza. Ci sono molti ragazzi che sono magri, ma dnno unimmagine forte e sana. I tipi segaligni non sono molto musolosi, ma comunque agili e vigorosi.
SEGALIGNO

: Tranquillo e sereno, pacifico. Quale immagine pi serafica di un gatto persiano sdraiato sul divano? proprio il simbolo della tranquillit, il gatto pi serafico che c.
SERAFICO

: Che adempie alle proprie mansioni con cura e diligenza estrema. Alacre e coscenzioso. Un tipo solerte uno che lavora sodo, esegue i suoi doveri in modo rapito, energico e preciso. Non necessariamente riferito a lavori manuali, anche un giudice, un progettista possono essere solerti. Chiunque svolga unoperazione con attenzione e diligenza solerte.
SOLERTE

: Esporre con ostentazione, mettere in mosrta. Mettere in pubblico, raccontare apertamente i fatti. Di solito si dice quanto qualcuno inizia a racontare qualcosa per mettere in mostra quello che sa. Un grande acculturato ama sciorinare le sue conoscenze agli altri. Un appassionato di calcio, al bar, si mette a sciorinare tutti i risultati della sua squadra negli ultimi dieci anni. La donnina di periferia si mette a parlare con le vicine di casa, sciorinando tutti i pettegolezzi di cui venuta a conoscenza.
SCIORINARE

: Che presume di sapere ma in realt non sa. Dalle mie parti i saccenti li chiamano capiscioni, quelli che si credono di sapere tutto. I pi giovani sono quasi sempre saccenti, anche se poi non sanno granch. Rifiutano i consigli dei genitori perch, come si sa i genitori non capiscono niente, sono vecchi e non al passo con i tempi e poi, questi ragazzi saccenti si prendo delle gran cantonate.
SACCENTE

: Acquietare, calmare, lenire, mitigare. Il troppo caldo sopisce la voglia di lavorare. Le carezze di una donna sopiscono la rabbia e le frustrazioni del giorno.
SOPIRE

: Stupido, stolto. Se non siete stolidi avrete ormai capito cosa significa questa parola.
STOLIDO

: Smanceria, effusione esagerata, fastidiosa, moina. Quando il playboy della situazione si mette a dar fastidio a una ragazza, le fa il baciamano, la riempie di falsi complimenti, di parole allusive, solo per raggiungere i suoi scopi, lei non ne pu proprio pi di tutti quei suoi sdilinquimenti.
SDILINQUIMENTO

: Camminare a salti come la cavalletta. Quando ero piccolo, specie alla scuola materna, mi divertivo molto a correre a saltelli anzich a passi normali, mi divertivo a saltabeccare.
SALTABECCARE STILETTATA

: Colpo dato con uno stiletto. Sensazione dolorosa, dolore improvviso,

pungente. Lo stiletto una sorta di piccolo pugnale. Quindi per stilettata si intende un colpo inferto con questarma, ma spesso non viene inteso come una vera e propria ferita mortale. In senso figurato, quando vi prendono quei salti al cuore, quegli istanti in cui vi torna in mente un fatto gravissimo che vi addolora, avvertite quella stilettata al cuore che vi fa star male. : Dolore fisico atroce. Dolore gravissimo dellanimo. Si pu parlare di spasimo fisico vero e proprio, vale a dire, se Gianni vi racconta una di quelle barzellette a bruciapelo, di quelle che sa raccontare solo lui, iniziate a ridere e ridere fino a che non vi fanno male i muscoli della pancia; ridete fino allo spasimo. In senso pi figurato si possono provare spasimi nellattesa dellamante che non arriva, al pensiero di un compito in classe difficile, comunque lo spasimo, che sia dovuto a cose belle o brutte, uno stato di sofferenza e dolore.
SPASIMO

: Freccia, dardo. un termine arcaico e indica la freccia scagliata da un arcere. Larcere tese larco e lanci lo strale dritto al centro del bersaglio. In senso astratto e letterario, si pu dire che la bellezza di quella ragazza colpirono il mio cuore come uno strale infuocato.
STRALE Torna all'indice

T
: Temporeggiare, indugiare. Tenere a bada qualcuno tergiversando. Mettiamo caso che voi avete prestato al vostro amico Mario lultimo CD di Eminem, nuovo nuovo, che s e no avete avuto il tempo di ascoltare due volte. Ecco che, dopo un paio di settimane, iniziate a telefonare a Mario, chiedendogli quanto tempo ha ancora prima di restituirvelo, poi gli mandate sms, email, e lo bombardate di messaggi su facebook. Lui risponde sempre cos: guarda, ho quasi finito, per domani te lo faccio trovare nella buchetta della posta, te lo prometto. Come? Il CD, s, non mi serve pi, te lo riporto subito, aspetta solo mezza giornata. E intanto il Cd non si vede. Mario vi sta traccheggiando. Andate a casa sua di persona a riprendervi il CD o non lo rivedrete mai pi. Molto spesso anchei lavori pubblici traccheggiano, nel senso che vedete la prima ruspa che inizia i lavori, poi passa un anno, arriva un altra ruspa che distrugge quello che stato fatto lanno prima, poi un altro ricomincia, ecc insomma questi lavori non vanno avanti, traccheggiano.
TRACCHEGIARE

: Traccheggiare. Cercare di sfuggire a una domanda, eludere una questione con sotterfugi e diversivi. simile a traccheggiare, ma si usa pi strettamente nellambito di discussioni verbali. Mentre il traccheggiare si pu facilmente riferire ad azioni che durano nel tempo, a comportamenti, a modi di fare, colui che tergiversa, di solito, lo fa nel preciso istante in cui gli si rivolge una domanda e lui, volendo sorvolare sullargomento, inizia a menare il can per laia e alla fine, tra un giro di parole, una pausa e un sorrisetto, non vi risponde su quello che volevate sapere.
TERGIVERSARE

: Detto di veste lunga fino ai talloni. Riferito ad abito di preti cattolici. Questo aggettivo si riferisce ad un abito, labito talare appunto. labito che indossano i preti, quindi la classica tonaca lunga. A volte lespressione abito talare pu anche riferirsi allessere prete; se uno dedice di indossare la veste talare vuol dire che decide di farsi prete.
TALARE

: Bieco, losco. Riferito a sguardo che esprime livore, odio. Uno che vi guarda torvo vuol dire che vi guarda male, vi guarda brutto. Vedi bieco che un sinonimo.
TORVO

: Elevarsi, dominare come una torre, dominare su tutti. Sovrastare, erigersi. Colui che torreggia colui che domina, spicca su un gruppo. Il centravanti che mantiene la palla e avanza incontrastato, torreggia larea di rigore. Il vostro compagno di classe che alto un metro e novanta, nella foto di gruppo torreggia su tutti voi. Vuol dire duinque spiccare rispetto a un gruppo, o per altezza, o per capacit.
TORREGGIARE

: Disavventura, disgrazia, contrariet. Le traversie della vita sono le cosiddette sfighe, ma non nel senso di sfortune vaghe, nel senso pratico di disavventure, sciagure, difficolt da superare. Se vi alzate la mattina e vi morto il gatto, a scuola vi attende il compito in classe di matematica, nel viaggio di
TRAVERSIA

ritorno verso casa lautobus buca e vi fa aspettare due ore, potrete dire di aver passato abbastanza traversie per quel giorno. : Insolente, pieno di presunzione. Arrogante. Il bulletto di quartiere un tipo assai tracotante, con i suoi modi di fare da capo, che prende in giro tutti e si sente imbattibile. Ci vorrebbe uno pi grosso di lui in grado di abbassare quella sua tracotanza.
TRACOTANTE TIMORATO

: Scruopoloso, onesto, che segue la coscienza. Si dice spesso, timorato di Dio. Uno che teme Dio e le sue leggi rispetta gli altri e si comporta sempre bene. Purtroppo oggi giorno i timorati sono sempre pi in calo, ci vorrebbe proprio uninversioen di marcia per rimettere a posto questa societ allo sbando. Siamo tutti un po pi timorati! : Fermo, forte, saldo, resistente. Detto di persona. Un uomo tetragono uno che, se si prefissato un certo proposito, non lo smuove niente, n difficolt, n aversit; uno quadrato, una roccia irremovibile; puoi cercsare di convincerlo della tua idea, ma fatica sprecata perch tetragono sul serio.
TETRAGONO

: Affannato, ansante e stanco. Se avete fatto duecentometri di corsa per acchiappare lautobus delle sette e mezzo, quando salirete le scalette avrete il fiatone, sarete sfiniti, come aver gi lavorato mezza giornata, sarete trafelati.
TRAFELATO

: Persona rozza, villana, goffa e rustica. Anche Renzo, quello dei Promessi Sposi, venne apostrofato un paio di volte con questo termine. Il tanghero un grezzo, un contadinotto dai modi rozzi, il contrario di raffinato. Se qualcuno vi d dunque del tanghero, non vuole certo farvi un complimento.
TANGHERO

: Truce, torvo, terribile. Che vuole apparire terrificante, violento, ma cos falso da farsi scoprire. Un uomo truculento, uno che fa paura a vedersi, appare minaccioso, come se volesse farvi del male da un momento allaltro. Un tipo feroce e crudele, pronto a compiere ogni sorta di violenza. Oppure, in senso quasi derisorio, un film o un racconto truculento vuol dire che quel film vorrebbe far paura, ma la narrazione fatta in modo ingenuo e poco credibile, quindi alla fine neanche riesce pi a spaventare.
TRUCULENTO

: Solo nella dizione in tralice, di traverso, obliquamente. Guardare di sottecchi. Uno che vi guarda in tralice vi guarda di sottecchi. Vedi sottecchi.
TRALICE

: Incolpare, imputare. Se in classe sparisce la merenda di Luisa e voi, che state di banco vicino a lei, venite automaticamente accusati di averla rubata, vuol dire che siete stati tacciati di furto, o tacciati di aver rubato la merenda. Il pi delle volte la persona che lamenta di essere stata tacciata di qualcosa quando viene ingiustamente incolpata di un certo reato che
TACCIARE

non ha commesso. Occhio dunque, prima di tacciare qualcuno assicuratevi delle prove sulla sua colpevolezza, altrimenti quella persona la rovinate. : Che ha tre solchi o tre punte. Avete presente Poseidone, Nettuno, oppure il padre della Sirenetta di Wald Disney? Si tratta sempre della stessa persona (o dio), ebbene quel tipo ha sempre in mano un forcone a tre punte, un forcone trisulco per lappunto. Anche vostro nonno, se in campagna possiede uno di quei forconi molto vecchi, con sole tre punte, quel forcone sar trisulco.
TRISULCO

: Caratteristica di ambienti dallatmosfera cupa, sinistra, squallida. Anche riferito allanimo di una persona. Se vi capita di passare vicino a un cimitero di notte, vi accorgerete subito di quanta tetraggine aleggia in quel luogo. Se invece una persona di umore nerissimo, oppure una persona molto cattiva, il suo animo sar pieno di tetraggine.
TETRAGGINE

: Traduzione di un testo lettera a lettera e non fonetico. Se si deve tradurre un testo molto antico, che magari utilizzava un alfabeto diverso dal nostro, alcuni studiosi o archeologi, possono ricorrere alla traslitterazione, ovvero riproducono lettere con lettere in modo da ricostruire il testo originale anche sulla base della conoscenza del solo alfabeto. Si pu fare (non so quanti siano capaci, io no) la traslitterazione di un testo cirillico secondo un alfabeto latino latino.
TRASLITTERAZIONE

TICCHIO : Voglia improvvisa e bizzarra. Mettiamo che piove e state a casa, ma a un certo punto vi salta il ticchio di prendere il motorino e allora, a costo di mettervi limpermiabile, partite lo stesso col due ruote. Occhio a non scivolare!
TRASCENDERE :

Oltrepassare, superare. Eccedere, andare oltre i limiti. Se volete dire che un evento ha superaro di gran lunga qualcosaltro, potete dire che ha trasceso: il concerto di ieri ha trasceso tutti i precedenti, nel senso che stato migliore di tutti i precedenti. Se di solito in storia prendere sempre sei, ma un giorno vi beccate un otto, potete dire che quel compito ha trasceso la media. Usato come intransitivo, indica che si esagerato; domani studier ma senza trascendere (non mi ammazzer di studio). : Incensiere. Vaso dove si brucia lincenso in funzioni religiose. Se purtroppo vi capitato di partecipare ad un funerale, quando a fine messa viene acceso lincenso e il prete agita quella boccia di metallo con la catena dalla quale esce il fumo bianco, la boccia si chiama anche turibolo.
TURIBOLO TREMEBONDO

: Turbato da accentuata e durevole trepidazione. Persona persistentemente

indecisa. Il tremebondo un ansioso cronico, uno che ha sempre paura che gli succeda qualcosa, oppure agitato per niente. Se andate a fare un viaggio con un amico tremebondo, egli inizier a dire: ecco, adesso ci succeder un incidente, ecco che laereo cadra, se

arriviamo a destinazione potrebbe prenderci una malattia. Quindi vi consiglio di non andare a fare viaggi con tipi troppo tremebondi, potrebbero rovinarvi il divertimento. Un tremebondo anche uno che se va in un negozio, vede due maglie e sta tre ore a scegliere quale comprare perch non riesce mai a decidersi.
Torna all'indice

U
: Detto del cane, lamentarsi con insistenti mugolii. Il cane uggiola dalla fame, ci guaisce e si lamenta, piange.
UGGIOLARE

: Facolt di essere in pi luoghi contemporaneamente. Una volta si diceva che nessun uomo ha il dono dellubiquit, infatti, come puoi essere a scuola e nel letto a dormire nello stesso tempo? Ma oggi ho scoperto che lubiquit esiste: se tenete acceso messenger e facebook, potete essere contemporaneamente online in entrambi i sistemi! Non vale? Pazienza, ci ho provato.
UBIQUIT

: Soldato a cavallo con lancia. Immaginate quei soldati del XIV secolo, con le lance, la corazza di metallo, tutti eleganti pronti alla morte. Come la metti, la guerra sempre brutta lo stesso.
ULANO Torna all'indice

V
: Consuetudine, modo di fare. Ho notato che molti ragazzi di oggi hanno il vezzo di andare in giro con delle grandi cuffie da dee-jay appese al collo.
VEZZO

: Che si limita al vagheggiamento, al desiderio ambizioso, senza la possibilit di realizzarsi o esplicarsi. Il carattere velleitario di una pesona o un desiderio, quello della serie che uno vorrebbe fare chiss che, ma nella realt nulla si conclude. Io potrei dire, grazie a me si realizzer la pace nel mondo, grazie a me tutti saranno felici. chiaro che sto dicendo cose velleitarie, belle da sentire ma irrealizzabili. Le utopie in genere sono cose velleitarie.
VELLEITARIO

: Vuoto. Una persona che ha bevuto un litro e mezzo di vino avr gli occhi vacui. Bevete con moderazione.
VACUO

: Impeto travolgente, furia irruenta. Se fate incazzare vostro padre, ma proprio tanto, lo esasperate fin sopra i capelli, allora lui non potr che rimproverarvi con veemenza.
VEEMENZA

: Godimento fisico e spirituale. Piacere sessuale. Godimento fortissimo, non necessariamente erotico. Se andate in pasticceria e vi mangiate una di quelle paste fresche buonissime, ripiene alla crema chantilly, proverete una gran volutt. Ma anche se ascoltare la pi bella canzone del vostro cantante preferito, quando nessuno vi rompe le scatole, venite pervasi da gran volutt. Riguardo la volutt sessuale, ognuno faccia riferimento alle proprie esperienze personali.
VOLUTT

: Che ha volont forte e risoluta. Relativo alla volont. Essendo, almeno in quel periodo, un ragazzo assai volitivo, riuscii a passare la prima parte dellestate ricurvo sui libri in preparazione dellesame di Stato. E mi and bene.
VOLITIVO

: Sentimento di pudore. Atteggiamento riservato e timoroso riconducibile a un naturale senso di pudore. Ho conosciuto ragazze dotate di forte verecondia, neanche i pi delicati e attenti corteggiamenti riuscirono a strappare loro un bacio, diventavano rosse in viso e guardavano a terra imbarazzate. Comunque nella societ di oggi anche di verecondia (purtroppo) se ne inizia a vedere poca
VERECONDIA

: Profezia, predizione solenne. Anche oggi molti maghi, stregoni, falsi dottori, spesso e volentieri smascherati da Striscia la Notizia, si fanno pagare fior di quattrini per i loro vaticinii. Quello che vi predice il futuro, quello che sa indovinare i numeri che usciranno al superenalotto, uno che fa vaticinii, predizioni. Un vaticinio pu essere anche la lettura della vostra mano: vedo tanta fortuna e tanto amore, una vita lunga. Ma secondo voi, se uno fosse in grado di predire con certezza i numeri del superenalotto, anzich spillare a voi cento euro, ma non se li giocherebbe lui stesso i numeri, senza dire niente a nessuno?
VATICINIO

: Che atto a vibrare. Le corde degli strumenti musicali, come anche la loro cassa armionica, sono vibratili.
VIBRATILE

: Che non pi fresco e sodo. Avvizzito. Se lasciate una mela fuori dal frigorifero per una settimana, essa diventa tutta grinzosa, floscia, vizza o avvizzita. Il volto di una donna di settantanni (plastiche facciali a parte) generalmente molto vizzo, floscio e rugoso.
VIZZO

: Di ci che, contrariamente alla propria natura, diviene oggetto di lucro. Colui che agisce solo per avidit di denaro, spesso in modo cinico. La persona venale quella che cerca sempre il buisness, che vede il guadagno dappertutto, e se il guadagno non c allora non vale neanche la pena di impegnarsi su una certa cosa. Lamore venale per una donna quando si sta con lei solo perch ha i soldi e ci fa comodo. Una persona venale anche colui che si fa corrompere facilmente. Una merce pu essere venale se, grazie ad essa, possibile guadagnare denaro, pu essere oggetto di commercio.
VENALE

: Reato nel mostrare disprezzo verso beni giuridici, verso oggetti o vlori tutelati dalle leggi dello Stato. Dimostrazione di disistima o disprezzo che pu assumere toni di scherno o ingiuria. Se una persona insulta, maltratta o danneggia volontariamente la bandiera italiana compie reato di vilipendio. Una volta la gente che compiva reati veniva esposta alla pubblica gogna, cio messa a disposizione della societ per essere derisa e insultata, si pu dire che chi veniva messo alla gogna veniva esposto al vilipendio della societ.
VILIPENDIO

: Della sera. Quando giunge le sera, il cielo si fa scuro, il sole tramonta, giunge il crepuscolo vespertino.
VESPERTINO

: Prolisso, sovrabbondante nel parlare e nello scrivere. Avete presente quella vostra amica che per dire una semplicissima frase del tipo: stasera usciamo inizia a parlare per dieci minuti Allora, siccome ieri ho visto Alessandra, che non aveva proprio tanta voglia di uscire, per ci ho parlato, allora ci siamo messe daccordo e abbiamo pensato che magari si poteva andare da qualche parte, per non mi sembrava giusto prendere delle decisioni senza prima aver chiesto il vostro parere, in fondo siamo tanto amiche. Sappiate che quella vostra amica verbosa nel parlare.
VERBOSO

: Relativo alla caccia. Tutto ci che ha a che fare con la caccia, ad esempio avere il fucile, andare nelle campagne la mattina alle cinque, portarsi il panino in tasca, stare chiusi nel capannio in attesa di uccelli sono tutte attivit venatorie. Se una rivista specifica della caccia e ha tutti articoli che parlano di caccia una rivista venatoria. Un cacciatore colui che esercit lattivit venatoria.
VENATORIO VILLANZONE: Maleducato

fino al punto di provocare un forte risentimento. Uno maleducato, anzi maleducatissimo, anzi super maleducatissimo, che come apre la bocca vi insulta e vi offende a morte un vero villanzone. : Percuotere con verga. Manoscrivere. Il pastore che manda avanti lasino a colpi di bastone uno che verga lasino. Ma questo termine molto pi usato per dire che vi mettete a scrivere con la penna su un foglio di carta, vi metteta a vergare il foglio.
VERGARE

: Sensazione prolungata di solletico, pizzicore, formicolio, frizzo sottopelle. Se bevete un sorso di coca cola, sentite un vellichio in gola. Se vi entra una formica sotto la camicia, avvertite un vellichio diffuso per tutto il corpo.
VELLICHIO

: Estro, brio. Ricordo un gruppo musicale che portava questo nome. Chi ha verve ha estro, fantasia, facolt di inventare cose interessanti e divertenti. Un gruppo musicale che produce belle canzoni, spiritose e piacevoli, ha molta verve. Uno scrittore, o un comico di Zelig, che fa ridere, inventa sempre nuove battute, ha anchesso verve.
VERVE

: Donna di coscumi severi, moralmente irreprensibile. Per estensione chiunque custodisca severamente qualcosa di importante. Una volta le vestali erano le sacerdotesse che custodivano il fuoco sacro il quale non doveva mai spegnersi. Oggi mia suocera, che una donna dedita alla famiglia, alla religione e alla buona condotta morale, pu essere considerata una vestale dei buoni principi cristiani. Si pu dire invece che qualcuno vestale di un qualcosa in senso derisorio. Ad esempio il politico che si mette sempre in mostra e dice continuamente io sono onestissimo come nessun altro, ma in realt non poi cos bravo, pu essee un vestale della politica onesta.
VESTALE

: Quanto pu servire di sostegno, di conforto in unimpresa o attivit. Leucarestia portata in casa ai malati. Se lo Stato mette a disposizione degli incentivi per la rottamazione delle automobili, questo diviene un viatico per chi acquista le auto (perch le paga meno), ma anche per chi vende (perch gli affari vanno meglio). Il viatico sempre qualcosa che aiuta, che fa stare meglio, che allevia una difficolt o un cammino. Se andate in bicicletta e per strada qualcuno vi regala una bottiglia dacqua fresca, quello diviene un viatico per voi che siete assetati.
VIATICO

: Proporre alla discussione. Avanzare, affacciare, prospettare. Immaginate una riunione di grandi manager, quelle con il tavolino ovale e tutti i capoccioni seduti, ciascuno con il suo PC acceso. Uno alza la mano e propone al boss mi scusi, ma in base alle attuali situazioni di mercato, mi sembra inevitabile dover vendere il 10% della societ. Quel manager ha appena ventilato lidea di vendere il 10% della societ. Anche tra amici potete ventilare una proposta Che ne dite se stasera ci andiamo a fare una pizza? Avete ventilato la proposta di farvi una pizza.
VENTILARE

: Caratteristicoe dellepoca della regina Vittoria dInghilterra (1819-1901). Eccessiva castigatezza nei costumi o nel vestire. Pu essere in stile vittoriano un palazzo dellottocento, un abito dellottocento, oppure uno stile di vita di quellepoca. Oggi giorno che vanno di moda i vestiti da donna super scollati, con le gonne inesistenti e le mutande che sbordano dai pantaloni su pance nude, vedere una donna con gonna lunga fino ai piedi e camicia completamente chiusa a maniche lunghe ha del vittoriano (anche se la donna vestita pi bella e sensuale di quella troppo nuda, parola di uomo).
VITTORIANO

: In medicina, arto, osso che presenta una deviazione. Se un uomo ha un piede storto che lo fa zoppicare, in realt ha un piede varo.
VARO Torna all'indice

Z
: Onda improvvisa di puzzo, odore fetido e sgradevole. Getto di liquido o gas che sgorga allimprovviso. In uno sgabuzzino avete dimenticato il sacco dellimmondizia da due settimane; non
ZAFFATA

appena aprirete la porta dello sgabuzzino, verrete travolti da una zaffata di puzza della spazzatura. Se dimprovviso vi si rompe il tubo del gas, quello che dal muro raggiunge il fornello, partir una zaffata di gas. : Arma simile alla lancia, usato fino allinizio del 600 e ancora oggi in uso presso alcuni popoli primitivi. Nella frazione in cui vivo ci sono decine e decine di famiglie con questo cognome. Dunque il significato proprio questo: una specie di lancia, come quelle che si usano nelle trib in mezzo alle foreste per cacciare o fare la guerra.
ZAGAGLIA

Interessi correlati