Sei sulla pagina 1di 4

GLI ANTICORPI

Gli anticorpi sono proteine globulari che vengono denominate immunoglobuline perch fanno parte del gruppo delle proteine sieriche conosciute come globuline ed in particolare della frazione g ,quindi il termine gammaglobuline usato come sinonimo di anticorpi circolanti .Lanticorpo o Ig tipo una molecola proteica disposta nello spazio a forma di Y, lunga 240 Angstrom e con peso molecolare di 150000 Dalton, costituita da 4 sub-unit : 2 coppie di catene polipeptidiche unite da ponti S-S. Le catene polipeptidiche di ciascuna coppia, avendo luna peso molecolare maggiore dellaltra, sono indicate, rispettivamente, come pesanti o catene H (a, d, e, g, m) e leggere o catene L (k, l). Ogni anticorpo costituito da due regioni distinte che assolvono funzioni diverse. La prima regione quella dei Fab che contiene il sito di legame con lantigene specifico e tale porzione varia da una Ig allaltra. La seconda regione, costante, quella degli Fc che partecipa alle reazioni di fissazione del complemento (costituito da una famiglia di proteine sieriche che possono essere attivate in una vera e propria cascata proteolitica, cos da generare molecole effettrici) e reazioni allergiche. Le Ig possono essere suddivise in classi differenti in base alle proprie caratteristiche antigeniche e tali differenze si ritrovano a livello delle catene pesanti.

Esistono 5 classi di Ig : IgG, IgM, IgA, IgD, IgE

IgG : da un punto di vista quantitativo, rappresentano la classe pi importante di Ig del siero umano, infatti costituiscono pi dell80% delle Ig del siero umano normale. L IgG un monomero bivalente ed lunica classe ad oltrepassare la barriera placentare. Sono state distinte 4 sottoclassi : IgG1, IgG2, IgG3, IgG4 con catene pesanti differenti per la sequenza degli aminoacidi del frammento Fc e per i ponti S-S.

IgA : si trovano nel siero e nelle mucose. Ne esistono due tipi : le sieriche sono monomeri simili alle Ig e si trovano solo nel siero, le secretorie sono due volte pi grandi delle IgG sieriche, sono dimeri formati da due molecole di IgA sieriche unite da una b-globulina chiamata componente secretoria. Queste grandi IgA si trovano nella saliva, nelle lacrime, nel liquido seminale, nei tratti genito-urinari, gastro-intestinali e nel latte umano. Le IgA secretorie rappresentano un ottimo mezzo di difesa contro le infezioni.

IgM : la classe pi grande di Ig e la ritroviamo solo nel sangue. L IgM composta da 5 unit base legate tra loro da ponti S-S a livello delle porzioni Fc. Una IgM intatta composta da 10 catene leggere e 10 catene pesanti che antigenicamente sono specifiche per le IgM. Dopo iniezione dellantigene, le IgM sono i primi anticorpi che si ritrovano nel siero, ma poich la loro sintesi non si prolunga nel tempo, successivamente prevalgono le IgG.

IgD : sono dei monomeri bivalenti che costituiscono solo l1% di tutte le Ig del siero umano. Proprio a causa della loro bassa concentrazione stato difficile stabilire quali siano le loro specifiche funzioni; si sa tuttavia che le IgD sono presenti sulla superficie dei linfociti B, quindi, stato ipotizzato che le IgD agiscano da recettori cellulari di superficie nei confronti degli antigeni permettendo il differenziamento del linfocita B in plasmacellula che a sua volta sintetizza anticorpi

IgE : sono dimeri bivalenti responsabili dei comuni fenomeni allergici : allergie alimentari, al polline, alla polvere, ecc. Esse hanno alcune propriet insolite, sono presenti in individui allergici in concentrazione molto pi elevata rispetto ai non allergici, inoltre si trovano legate alla superficie di mastociti e linfociti circolanti. I mastociti si trovano nel tessuto connettivo adiacente ai capillari lungo tutto il corpo, nfatti, quando un antigene (per es. il polline) induce la sintesi di IgE, queste si legano alla superficie delle mastcellule. Una seconda esposizione allo stesso antigene fa s che le mastcellule liberino sostanze farmacologicamente attive quali l ISTAMINA che scatena vari fenomeni allergici, perch in effetti, la reazione avviene proprio a livello della superficie della cellula alla quale fissata l IgE