Sei sulla pagina 1di 20

Biodegradamento, durabilit e preservazione

C apitolo 2
21

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione

2.1

PREMESSA

Il legno ha l'indubbio vantaggio di essere un materiale totalmente biodegradabile, questo per non significa che sicuramente si degrader nel tempo. Il degrado biologico ad opera di funghi della carie ed insetti xilofagi avviene solo in certe condizioni, inoltre esistono specie legnose pi o meno resistenti all'attacco biologico e parti del tronco maggiormente degradabili. Se il legno si degrada non colpa del legno ma del progettista: la scelta della specie legnosa in funzione dell'ambiente in cui l'elemento verr messo in opera, l'eventuale trattamento preservante, i dettagli costruttivi, la protezione dall'umidit rendono il legno materiale eterno. Il legno non subisce alcun degrado e decadimento delle caratteristiche meccaniche semplicemente dovuto al passare del tempo. Dal punto di vista della durabilit non fa differenza che il legno sia massiccio o lamellare; il legno lamellare solo un po' meno suscettibile all'attacco da insetti come si vedr in seguito. La diagnosi dello stato di degrado delle strutture in opera fa parte della Tecnologia del Legno ed materia del Dottore in Scienze Forestali.

2.2

IL DEGRADO DA FUNGHI DELLA CARIE

I funghi della carie si diffondono nell'aria attraverso le spore, le spore sul legno germinano se questo supera il 20% di umidit; i funghi si diffondono nella massa legnosa attraverso le ife e non necessariamente danno origine al corpo fruttifero visibile; le ife degradano chimicamente il legno (la lignina o la cellulosa o entrambe) determinando una forte diminuzione di resistenza del materiale anche nei primi stadi dell'attacco quando questo non ancora visibile e non ha ancora dato luogo al fenomeno pi macroscopico della marcescenza. L'attacco fungino avanza fintanto che permangono condizioni di umidit favorevoli; non appena l'umidit del legno ritorna a valori inferiori al 20% il fungo cessa la sua attivit, tuttavia il danno causato rimane e se l'umidit del legno ritorna ad essere elevata il fungo riprende la sua attivit. Il fungo non attivo al disotto dei 3C e sopra i 40C.

22

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


RISCHIO ATTACCO FUNGINO

100 90 Umidit relativa dell'aria - Ur [%] 80 70 60


SPOGLIATOI

0,30

0,28

0,26

0,24 0,22

0,20 0,18 0,16 0,14 0,12 0,10

DOCCE PISCINE

0,06

50 40 30 20 10 0

PALESTRE

0,04

0,02

10

30 50 70 20 40 60 Temperatura dell'aria - T [C]

80

90

Figura 2.1: Curve di equilibrio igroscopico del legno in relazione alle condizioni termo-igrometriche ambientali. Si noti che il campo a rischio di degrado biologico da funghi per temperature comprese fa i 3 ed i 40C ed umidit dellaria superiore all85%. A titolo di esempio sono riportate le condizioni termo-igrometriche per gli impianti sportivi (da Norme CONI per limpiantistica sportiva 2008 e Conferenza Stato Regioni 1605/2003); nel caso delle piscine, qualora venga spento limpianto di climatizzazione, lumidit dellaria potrebbe salire fino a livelli prossimi al 100% e di conseguenza il legno si equilibrerebbe a valori di umidit superiori al 20%, cio a rischio di attacco biologico da funghi. Negli edifici per civili abitazioni generalmente lumidit dellaria al disotto del 65%, ad eccezione degli ambienti cucina e bagno in cui per brevi periodi si pu superare tale valore (durante la cottura dei cibi in assenza di efficace allontanamento del vapore, durante luso della doccia).

Laumento di umidit nel legno pu anche derivare da percolazioni, infiltrazioni, condense, ristagni di umidit e in generale dal contatto con acqua liquida in ambienti non necessariamente umidi; in tali casi spesso l'attacco fungino avviene all'interno degli elementi lignei senza manifestazioni all'esterno in quanto la superficie del legno generalmente ha la possibilit di asciugarsi rimanendo sana.

Umidit del legno -

0,08

23

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Figura 2.2: Anche in ambienti in cui lumidit dellaria controllata e viene mantenuta al disotto dell85% (valore limite per il rischio di attacco fungino, vedere Figura 2.1), in corrispondenza dei ponti termici si pu avere condensa che percola sul legno provocando dapprima semplici variazioni cromatiche in superficie e poi pericoloso attacco fungino. Questo fenomeno particolarmente sentito nelle piscine.

Negli edifici le zone maggiormente soggette ad attacco fungino sono le parti conglobate nelle murature (o nei cordoli), ci per vari motivi: il legno non ventilato e un aumento di umidit non riesce ad essere smaltito, la muratura favorisce la permanenza di condizioni umide, l'umidit propria del legno condensa in corrispondenza del muro esterno freddo ed il legno si bagna fungendo da "pompa" che capta l'umidit dell'aria degli ambienti interni e la condensa in testata.
50 %

Umidit relativa dell'aria - Ur [%]

90 % 80 % 70 % 60 %

25 Grammi di vapore per kg di aria secca

Piscine: da 24C - Ur=70% a 21C - Ur=85% Abitazioni: da 20C - Ur=60% a 15C - Ur=85%

-10

-5

15 10 20 25 30 Temperatura dell'aria - T [C]

35

40

Figura 2.3: Diagramma di Mollier. Nel caso delle piscine, partendo da condizioni T=24C e Ur=70%, se la temperatura scende di soli 3C perch viene spento il riscaldamento a parit di contenuto assoluto di umidit nellaria oppure in corrispondenza dei ponti termici o delle superfici di separazione con lesterno mal coibentate, lumidit relativa dellaria sale oltre l85% con rischio di attacco fungino. Nelle abitazioni civili, partendo dalle condizioni di 20C e Ur=60% basta scendere di 5C perch lumidit relativa dellaria salga all85% con rischio di attacco fungino; questo succede frequentemente in corrispondenza dei ponti termici o in punti in cui ci sono infiltrazioni di aria fredda esterna.

24

30 %

40 %

20

15

10

% 20

% 10

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Per i motivi anzi detti l'attacco fungino molto pericoloso. Sia l'alburno che il durame sono soggetti ad attacco fungino, tuttavia esistono specie legnose a durame differenziato quali il castagno e le querce, che presentano, una spiccata differenza in termini di durabilit tra i due tessuti sopra menzionati. I motivi di tali differenze verranno evidenziate nel prossimo paragrafo.

2.3

IL DEGRADO DA INSETTI XILOFAGI

Gli insetti che attaccano il legno sono di varie famiglie e pertanto hanno ciclo vitale diverso. Il ciclo di vita di un insetto (ad eccezione delle termiti) parte dalla deposizione delle uova da parte di un insetto adulto (farfalla) su piccole cavit o fessure del legno. L'uovo si schiude e d vita alla larva che penetra nella massa legnosa mangiandolo e scavando gallerie. La larva pu vivere e lavorare nel legno anche alcuni anni. Poi si trasforma in insetto perfetto (con le ali) ed abbandona il legno forandone la superficie, si accoppia e depone le uova dando origine ad un nuovo ciclo vitale. Il legno lamellare ha molte meno fessure rispetto al legno massiccio e sicuramente di ampiezza molto minore, per questo motivo l'insetto adulto ha difficolt a deporre in esso le uova e quindi gli attacchi da insetti nelle travi di legno lamellare sono generalmente piuttosto sporadici e limitati. importante osservare che i fori che si riscontrano sulla superficie non sono fori di ingresso ma di uscita ovvero fori di sfarfallamento e pertanto la loro quantit non ci fornisce indicazioni sull'entit dell'attacco in corso. Generalmente gli insetti mangiano la sola parte periferica del tronco, l'alburno, essendo questo pi ricco di sostanze a loro gradite come gli amidi e gli zuccheri; il durame, se differenziato come nella quercia e nel castagno, molto resistente all'attacco perch ricco di sostanze estrattive (tannini) che lo rendono sgradevole. Fanno eccezione le specie a durame non differenziato come l'abete che ha il durame povero di estrattivi e pertanto vengono attaccate principalmente nell'alburno ma anche nel durame. Gli amidi e gli zuccheri contenuti nel legno col tempo tendono a trasformarsi rendendo il materiale non pi gradito agli insetti e, superati gli 80-100 anni dall'abbattimento, il legno diventa praticamente immune all'attacco da parte della maggior parte delle famiglie di insetti xilofagi che attaccano il legno in
25

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


opera. Pertanto generalmente le strutture antiche non hanno attacchi di insetti in corso ma eventualmente pregressi e non hanno bisogno di trattamenti preservanti. Il rischio di attacco da insetti subordinato alla possibilit dellinsetto adulto di deporre le uova nelle fessure o cavit del legno; i trattamenti superficiali (impregnanti, vernici, sostanze preservanti) ed i rivestimenti (ad esempio le pareti di legno rivestite con isolanti, intonaci o cartongessi) impediscono allinsetto adulto di deporre le uova sul legno e pertanto il rischio da attacco da insetti generalmente molto remoto.

2.4

LA DURABILIT NATURALE

In linea generale si pu affermare che: L'alburno di tutte le specie poco durabile sia nei confronti dei funghi che degli insetti. Tronchi con strato di alburno sottile ( il caso del castagno limitatamente ad alcune provenienze che mostra uno spessore di alburno inferiore al centimetro) una volta squadrati perdono pressoch totalmente l'alburno; il larice, pino e le querce hanno uno spesso strato di alburno (di alcuni centimetri), pertanto una volta squadrati continuano a conservarne importanti quantit almeno sugli spigoli. Con riferimento al solo durame le specie legnose maggiormente durabili sia nei confronti dei funghi che degli insetti sono: querce, robinia, castagno, larice. Le specie moderatamente durabili sono: douglasia, pino silvestre. Le specie poco durabili sono: abete (rosso e bianco), pioppo. Per una trattazione completa dell'argomento si guardi la norma EN350 nei capitoli successivi. Quanto detto in linea generale; le norme specifiche mostrano in maniera puntuale i possibili problemi di degrado biologico in relazione alla specie legnosa ed alle condizioni di esposizione della struttura o elemento strutturale. I concetti fondamentali e le norme pertinenti che saranno di seguito illustrate sono: le classi di utilizzo (EN 335-1 ed EN 335-2): rappresentano le diverse situazioni di servizio alle quali possono essere esposti il legno e i prodotti a base di legno;

26

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


la durabilit naturale in funzione della specie legnosa (EN350-2): indica il comportamento di ciascuna specie legnosa per quanto riguarda la sua resistenza al degrado biologico (funghi, insetti ed organismi marini perforanti); limpregnabilit (EN350-2): indica la facilit di penetrazione delle sostanze preservanti; i requisiti di durabilit per legno massiccio o lamellare da utilizzarsi in funzione della classe di utilizzo (EN460). Spesso, al fine di facilitare lesposizione, non saranno utilizzate le notazioni contenute nelle norme ma delle notazioni semplificate.

2.5 CLASSI DI UTILIZZO IN FUNZIONE DELL'ESPOSIZIONE ALLE CONDIZIONI AMBIENTALI


Le norme: EN 335-1 "Durabilit del legno e dei prodotti a base di legno. Definizione delle classi di rischio utilizzo Parte 1: Generalit "; EN 335-2 "Durabilit del legno e dei prodotti a base di legno. Definizione delle classi di utilizzo Parte 2: Applicazione al legno massiccio"; definiscono 5 classi di utilizzo (o rischio biologico) per il legno e i prodotti a base di legno:
Classe di utilizzo
1

Ambiente
Situazione in cui il legno riparato, completamente protetto dagli agenti atmosferici e non esposto allumidit, non a contatto con il terreno ed in ambiente secco. Umidit del legno inferiore al 20%.

Esempio
Ambienti interni con bassa umidit dellaria (sempre al disotto dell85%): Elementi allesterno ma riparati dalle intemperie in climi generalmente secchi e lontani da acqua persistente. Strutture di edifici, tettoie, ponti non su corsi dacqua. Abitazioni, uffici, palestre; coperture di piscine e palazzi del ghiaccio se climatizzati.

Rischio
Non c rischio di attacco da funghi; rischio di attacco da insetti.

27

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Classe di utilizzo Ambiente
Situazione in cui il legno riparato, completamente protetto dagli agenti atmosferici ma in cui unelevata umidit ambientale pu determinare umidificazione occasionale ma non persistente, non a contatto con il terreno. Umidit del legno occasionalmente superiore al 20%. Situazione in cui il legno non riparato dagli agenti atmosferici o comunque soggetto a umidificazione frequente, non a contatto con il terreno. Umidit del legno frequentemente superiore al 20%.

Esempio
Ambienti interni con umidit dellaria occasionalmente alte (superiore all85%): Elementi allesterno ma riparati dalle intemperie, in climi umidi e occasionalmente in vicinanza ma non a contatto di acqua persistente. Cantine, locali umidi poco areati; coperture di piscine e palazzi del ghiaccio non adeguatamente climatizzati; ponti coperti su corsi dacqua. Elementi esposti alle intemperie ma non a contatto con acqua stagnante o terreno: Elementi esposti di tettoie e ponti dove comunque lacqua pu defluire e non stagnare. Cantine, locali umidi poco areati, coperture di serbatoi; coperture di piscine e palazzi del ghiaccio non climatizzati. Elementi a contatto col terreno, elementi a contatto o immersi in acqua dolce: Pali, staccionate, arredo per parchi o giardini, sponde fluviali, parti di strutture racchiuse in bicchieri o trappole di umidit.

Rischio
Moderato rischio di attacco da funghi; rischio di attacco da insetti.

Rischio di attacco da funghi; rischio di attacco da insetti.

Situazione in cui il legno si trova a contatto con il terreno o con acqua dolce ed pertanto permanente esposto allumidificazione. Umidit del legno permanentemente superiore al 20%.

Rischio di attacco da funghi; rischio di attacco da insetti.

28

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Classe di utilizzo Ambiente
Situazione in cui il legno si trova permanentemente esposto allacqua salata. Umidit del legno permanentemente superiore al 20%.

Esempio
Elementi immersi o parzialmente immersi in acqua salata: Pontili, pali da ormeggio.

Rischio
Rischio di attacco da organismi marini, rischio di attacco da funghi; rischio di attacco da insetti.

Nelle piscine prescritta una umidit dellaria inferiore al 70% che si ottiene attraverso una adeguata ventilazione o deumidificazione (vedere anche Figura 2.3); tuttavia tale prescrizione limitata al periodo di utilizzo dellimpianto natatorio. Durante le ore o i giorni di non utilizzo, generalmente limpianto di climatizzazione non viene attivato per risparmiare energia e lumidit dellaria pu superare l85% anche per lunghi periodi. Per tale motivo le coperture delle piscine possono essere in classe di utilizzo 1, 2 o 3 in base alle modalit di climatizzazione. Una indicazione che il Progettista dovrebbe prescrivere che la climatizzazione deve essere permanente al fine di non superare mai l85% di umidit dellaria; in questo caso possibile considerare la struttura in classe di utilizzo 1 e conferire correttamente durabilit allopera. Fare comunque attenzione ai ponti termici ed al rischio condensa (vedere Figura 2.2). Discorso analogo vale per le coperture dei palazzi del ghiaccio ed in generale per tutte quelle attivit in cui esistono importanti superfici di acqua e lumidit dellaria pu superare facilmente l85%. Elementi in classe di utilizzo 1, 2 o 3 possono avere parti in classe 4; ad esempio una tettoia esterna coperta pu essere in classe di utilizzo 2 ma se i pilastri alla base sono infilati in bicchieri la pioggia di stravento pu provocare per periodi pi o meno lunghi la permanenza del legno a contatto con acqua e quindi classe di utilizzo 4. Nel caso delle travi di solaio o di copertura degli edifici civili (classe di utilizzo 1) possibile che gli appoggi a muro possano bagnarsi a causa di percolazioni esterne o per la rottura di tubi dacqua, in tal caso le testate vanno in classe di utilizzo 4 ma per cause eccezionali che non dipendono dal normale utilizzo. Diverso il caso dellumidificazione delle testate a causa di condensa, in tal caso, se il progetto non prevede adeguata eliminazione dei ponti termici e ventilazione delle testate, il legno va considerato in classe di utilizzo 4.

29

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Si faccia attenzione a non confondere la classe di utilizzo con la classe di servizio definita in EN 1995-1-1 (vedere anche paragrafo 1.4 Relazioni legno-acqua); in via generale si pu affermare che: elementi in classe di utilizzo 1 possono essere in classe di servizio 1 o 2; elementi in classe di utilizzo 2 possono essere in classe di servizio 2 o 3; elementi nelle classi di utilizzo 3, 4 e 5 sono in classe di servizio 3.

2.6

SPECIE LEGNOSE E DURABILIT NATURALE

Le caratteristiche di durabilit naturale e di impregnabilit2 sono fornite in: EN 350-2: "Durabilit del legno e dei prodotti a base di legno. Durabilit naturale del legno massiccio. Guida alla durabilit naturale e trattabilit di specie legnose scelte di importazione in Europa". La norma, pur riferendosi in generale al legno massiccio, pu essere applicata anche al legno lamellare incollato in mancanza di norme specifiche per esso, in quanto nei confronti della durabilit agli attacchi biologici il legno lamellare incollato si comporta come il legno massiccio, a parit di specie legnosa. Nel seguito la durabilit naturale sar descritta nel seguente modo:
Classificazione della durabilit naturale nei confronti dei funghi cariogeni, riferita al solo durame

Classe di durabilit

Descrizione

1 molto durabile 2 durabile 3 moderatamente durabile 4 poco durabile 5 non durabile Lalburno di qualunque specie legnosa sempre da considerarsi in classe 5 (non durabile).

LaEN3502fornisceleseguentidefinizioni: durabilitnaturale Resistenza propria del legno agli attacchi degli organismi lignivori(vedereEN3501). Impregnabilit Facilit con cui il legno pu essere penetrato da un liquido (peresempiounpreservantedellegno). 30

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Classificazione della durabilit naturale nei confronti degli insetti (Hylotrupes, Anobium, Lyctus, Hesperophanes), ad esclusione delle termiti ed organismi marini

Classe di durabilit

Descrizione

R resistente NR non resistente Il durame generalmente resistente nelle specie legnose a durame differenziato. Classificazione della durabilit naturale nei confronti delle termiti

Classe di durabilit

Descrizione

R resistente MR moderatamente resistente NR non resistente Lalburno di qualunque specie legnosa sempre da considerarsi in NR (non resistente). Classificazione dellimpregnabilit

Classe di impregnabilit
1

Descrizione
impregnabile

Spiegazione
Facile da impregnare; i segati possono venire penetrati completamente senza difficolt mediante trattamento a pressione. Abbastanza facile da impregnare; normalmente non possibile una penetrazione completa ma con un trattamento a pressione di 23 ore si pu raggiungere una penetrazione laterale di 6mm nelle conifere e una penetrazione pi ampia nelle latifoglie. Difficile da impregnare; un trattamento a pressione di 34 ore permette solo una penetrazione laterale compresa tra 3 e 6mm. Virtualmente impossibile da impregnare; penetrazione laterale e longitudinale minima.

moderatamente impregnabile

poco impregnabile

non impregnabile

31

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Classe di durabilit
<2cm 25cm 510cm >10cm x (x) Spessore dellalburno nelle piante adulte

Descrizione

molto sottile: inferiore ai 2cm sottile: da 2 a 5cm medio: da 5 a 10cm ampio: maggiore di 10cm non c distinzione netta fra alburno e durame generalmente non c distinzione netta fra alburno e durame Note

Nota
v nd

Descrizione

la specie mostra un livello di variabilit molto elevato dati disponibili insufficienti

Si riportano di seguito le indicazioni sulle specie legnose maggiormente utilizzate per le strutture. Lelenco non esaustivo; nelle norme citate possibile trovare indicazioni relative ad ulteriori specie legnose.

32

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Degrado biologico Funghi (alburno sempre cl.5) Larghezza alburno cm
x x 25 >5 210 25 nd 25 x >10 25 <2 25 33

Numero da EN350-2

Termiti (alburno sempre NR) dur


NR NR NR NR NR NR R MR MR MR MR R NR

Hylotrupes

Nome

Conifere
2.1 2.7 2.6 2.12 2.16 2.17 (*) 3.22 3.79 3.85 3.86 3.89 3.104 3.3 3.29 3.57 3.62 3.66 3.68 3.77 3.73 3.90 3.92 3.97 Abete bianco Abete rosso Larice Pino nero Pino silvestre Douglasia Cipresso

dur
4 4 3-4 4v 3-4 3-4 2 2 5 3 2 1-2 4 1 2v 1-2 2v 1-2 1 1-2 1 2 2-4 1-3

dur
NR NR R R R R R R R R R R R R R R R R R R R R R R

alb
NR NR NR NR NR NR NR R R R R R R R R R R R R R R R R R

dur
NR NR R R R R R R R R R R R R R R R R R R R R R R

alb
NR NR NR NR NR NR NR NR NR nd NR NR NR nd nd nd nd nd nd nd nd nd nd nd

dur
2-3 3-4 4 4v 3-4 4 nd 4 3v 4 4 4 2-3

Latifoglie

Castagno Pioppo Quercia cerro Quercia rovere Robinia Olmo

Latifoglie tropicali

R 4 2 25 MR 4 2 25 MR 4 nd 510 R 4 2 25 R 4 1 510 R 2 1 25 R 4 1 <2 R 4 2 25 R 4 1-2 25 MR 4v 2 25 MR- nd nd nd NR (*) il cipresso non presente nella EN 350, i dati riportati sono di letteratura [1] [2] [3].

Doussi Brasralocus Merbau Azob Iroko Bilinga/Opepe Afromosia Greenheart Balau Meranti Teak/Teck

LAfromosia una specie in via di estinzione, pertanto il suo utilizzo e deve essere limitato.

Impregnabilit alb
2v 3v 2v 1v 1 2-3 nd 2 1v 1 1 1 1

Anobium

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


In commercio esistono materiali trattati termicamente per aumentarne la durabilit, tuttavia si consiglia di verificare leffettiva efficacia del trattamento e che non ci sia stata diminuzione delle propriet meccaniche. Nelle specie a durame non differenziato (abete bianco e abete rosso) non ci sono importanti differenze in termini di durabilit ed impregnabilit fra alburno e durame. Si sottolinea che la maggiore facilit di impregnazione anche indice della permeabilit allacqua, pertanto specie legnose facilmente impregnabili risultano anche pi rapide allassorbimento dellacqua; questo fatto influisce direttamente sulla durabilit in funzione delle condizioni di esposizione come sar meglio precisato in seguito. La resistenza agli organismi marini perforanti attualmente data dalla norma EN 350-2 solo per alcune specie tropicali in quanto le specie legnose europee non sono adatte alla classe di utilizzo 5:
Numero EN350-2
Classificazione della durabilit naturale nei confronti degli organismi marini perforanti del durame

Nome

Resistenza

5.1 (3.77) Afromosia 5.2 (3.62) Azob 5.3 (3.29) Brasralocus 5.4 (3.68) Bilinga/Opepe 5.5 (3.73) Greenheart 5.7 (3.97) Teack/Teck Lalburno di qualunque specie legnosa resistente).

MR - moderatamente resistente MR - moderatamente resistente R - resistente MR - moderatamente resistente R - resistente MR - moderatamente resistente sempre da considerarsi NR (non

2.7 LA SCELTA DELLUTILIZZO

DELLA

SPECIE

LEGNOSA

IN

FUNZIONE

Nei paragrafi precedenti sono state definite le classi di utilizzo (o rischio biologico) e la durabilit naturale del legno. La scelta della corretta specie legnosa in funzione della classe di utilizzo e/o la necessit di ricorrere a trattamento preservante stabilita nella: EN 460 "Durabilit del legno e dei prodotti a base di legno. Durabilit naturale del legno massiccio. Guida ai requisiti di durabilit per legno da utilizzare nelle classi di rischio".

La norma, pur riferendosi in generale al legno massiccio, applicabile anche al legno lamellare incollato, in quanto nei confronti della durabilit agli

34

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


attacchi biologici il legno lamellare incollato si comporta come il legno massiccio, a parit di specie legnosa. Si noti che la norma parla di classi di rischio ma si riferisce alle classi di utilizzo cos come definite nelle EN 335-1 e EN 335-2. Il problema della adeguatezza di una specie legnosa alla classe di utilizzo va visto in funzione dellorganismo xilofago degradante, pertanto nel seguito sar analizzato il problema scindendolo a seconda dellagente degradante. Le indicazioni circa la possibilit di utilizzo si riferiscono a durata in opera del legno generalmente accettabile. Qualora si voglia ottenere una maggiore durata in opera, ad esempio per elementi strutturali principali di difficile sostituzione e difficile manutenzione o per opere alle quali si voglia conferire lunga vita in servizio, necessario utilizzare specie legnose pi resistenti rispetto a quanto di seguito esposto. Se invece sufficiente una durata in opera breve, ad esempio per strutture temporanee o per elementi per i quali prevista la sostituzione nel tempo, possono essere utilizzate specie legnose di durabilit inferiore di quanto di seguito esposto. In generale elementi non strutturali, elementi le cui conseguenze di rottura non sono importanti e per i quali il degrado non ha importanza dal punto di vista estetico, possono essere realizzati anche con specie legnose la cui durabilit inferiore a quanto verr detto, sapendo per che il materiale subir degrado. 2.7.1 Requisiti nei confronti dei funghi xilofagi

Nella lettura del prospetto seguente ricordarsi che lalburno di tutte le specie considerato non durabile (classe di durabilit 5), pertanto solo in classe di utilizzo 1 possibile utilizzare legno contenente durame senza protezione e/o trattamento. In alternativa, qualora non si vogliano eseguire trattamenti, possibile utilizzare legno privo di alburno (disalburnato) oppure legno contenente alburno se il degrado dellalburno tollerabile ai fini statici e/o estetici. Oppure possibile ricorrere a trattamenti preservanti eventualmente limitati al solo alburno che generalmente pi facilmente impregnabile del durame.

35

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Classe di utilizzo (EN 335)
1 (al coperto asciutto) 2 (al coperto con rischio di inumidimento) 3 (esposto alle intemperie) 4 (a contatto con terreno o acqua dolce) 5 (in acqua di mare)

Classe di durabilit (EN 350)


1 Suff Suff Suff Suff Suff 2 Suff Suff Suff. A C 3 Suff Suff A C C 4 Suff A B Non suff Non suff 5 Suff A B Non suff Non suff

Suff A

La durabilit naturale sufficiente per la classe di utilizzo, non sono necessari trattamenti preservanti. La durabilit naturale generalmente sufficiente, tuttavia per certi usi in cui il legno frequentemente in condizioni umide, pu essere necessario un trattamento preservante. La durabilit naturale pu essere sufficiente in funzione della permeabilit della specie legnosa e delle condizioni di esposizione. Questo succede nella classe di utilizzo 3 in cui il legno soggetto ad inumidimento non persistente ad opera dellesposizione alla pioggia. Materiali meno permeabili (cio materiali la cui impregnabilit bassa come in generale le conifere) sono anche meno permeabili allacqua, pertanto la pioggia sulle superfici verticali o inclinate tende a scorrere via senza provocare aumento di umidit pericoloso; tuttava le superfici orizzontali o poco inclinate su cui lacqua scorre via pi lentamente devono essere protette. Legni maggiormente permeabili dovrebbero essere protetti anche lateralmente, ad esempio legni contenenti lalburno. Trattamento preservante normalmente raccomandato; tuttavia per la classe di utilizzo 4 possibile che in climi secchi, in terreni drenanti e per forme di sezione tali da seccare rapidamente, non sia necessario il trattamento. Potrebbe non risultare necessario il trattamento per la classe di utilizzo 5 per quegli elementi in cui pu essere tollerato il degrado. Durabilit naturale non preservante necessario. sufficiente, trattamento

Non suff

36

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Incrociando le regole anzi dette con la durabilit naturale del legno espressa nella EN 350-2 si ha:
Cl. di utilizzo (EN 335) Specie legnosa (EN 350)
Tutte le specie legnose, durame e alburno 1 al coperto asciutto 2 al coperto con rischio di inumidimento

3 esposto alle intemperie

4 a contatto con terreno o acqua dolce

5 in acqua di mare

Durame di Castagno, Cipresso, Quercia cerro e Quercia rovere non necessitano di trattamento preservante. Alburno e durame di Abete bianco, Abete rosso, Larice, Pino silvestre, Pino nero, Douglasia, Pioppo, nonch alburno di tutte le specie legnose potrebbero necessitare di trattamento preservante se in ambienti frequentemente umidi. Durame di Castagno, Cipresso e Quercia rovere non necessitano di trattamento preservante. Durame di Larice, Pino silvestre, Douglasia e Quercia cerro potrebbero necessitare di trattamento preservante se in climi umidi e piovosi e/o se non protetti contro i ristagni di umidit e se non assicurato il rapido deflusso delle acque. Alburno e durame di Abete bianco, Abete rosso, Pino nero, Pioppo, nonch alburno di tutte le specie legnose necessitano di trattamento preservante se non protetti contro i ristagni di umidit e se non assicurato il rapido deflusso delle acque. Durame di Castagno, Cipresso e Quercia rovere potrebbero necessitare di trattamento preservante se non protetti contro i ristagni di umidit e se non assicurato il rapido deflusso delle acque. Durame di Larice, Pino silvestre, Douglasia e Quercia cerro dovrebbero essere sottoposti a trattamento preservante ad eccezione di quegli elementi in cui pu essere tollerato il degrado. Alburno e durame di Abete bianco, Abete rosso, Pino nero, Pioppo, nonch alburno di tutte le specie legnose necessitano di trattamento preservante. Durame di Larice, Pino silvestre, Douglasia, Castagno, Cipresso, Quercia cerro e Quercia rovere dovrebbero essere sottoposti a trattamento preservante ad eccezione di quegli elementi in cui pu essere tollerato il degrado. Alburno e durame di Abete bianco, Abete rosso, Pino nero e Pioppo, nonch alburno di tutte le specie legnose necessitano di trattamento preservante.

Nella precedente tabella il durame del Larice, del Pino silvestre e della Douglasia sono stati considerati in classe di durabilit 3 nei confronti degli attacchi da funghi xilofagi; alcune provenienze dovrebbero essere

37

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


considerate di classe 4 e quindi trattate come gli Abeti. 2.7.2 Requisiti nei confronti degli insetti coleotteri xilofagi

Il rischio di attacco da insetti c in tutte le classi di utilizzo, pertanto le specie legnose classificate NR (non resistente) devono essere trattate con preservante. Generalmente lalburno sempre NR, pertanto andrebbero usati materiali disalburnati o con alburno sottoposto a trattamento preservante. Si pu utilizzare materiale non trattato con preservante qualora sia tollerata la possibilit di attacco, ad esempio per elementi non portanti e non rilevanti ai fini estetici. Da rilevare per che le classi di utilizzo non tengono conto delle particolari condizioni ambientali (temperatura e umidit ed in generale fattori climatici) che influenzano molto la vita degli insetti xilofagi, pertanto il maggiore o minore rischio e di conseguenza la necessit di ricorrere a trattamento preservante dovrebbe essere oggetto di approfondimento. La presenza di rivestimenti e protezioni superficiali quali le vernici, gli impregnanti superficiali ed i rivestimenti in cartongesso o cappotti, possono rendere difficoltosa o impossibile la deposizione delle uova sulla superficie del legno eliminando il rischio di attacco e rendendo superfluo il trattamento preservante. E noto che il rischio di attacco da Hylotrupes bajulus per le conifere e di Lyctus nelle latifoglie non resistenti si riduce progressivamente con let del legno a causa del degrado nel tempo di alcune sostanze nutritive per gli insetti rendendo il legno praticamente immune da nuovi attacchi se sono passati almeno 80 anni dallabbattimento della pianta. 2.7.3 Requisiti nei confronti delle termiti

Il rischio di attacco da termiti dipende dalla regione in quanto le termiti sono presenti solo in alcune zone del territorio italiano. Inoltre, essendo le termiti animali sociali che nidificano nella terra, fotofobici, riescono ad attaccare solo legno raggiungibile dal terreno rimanendo protette dalla luce, pertanto generalmente legno lontano dal terreno (solai e coperture) praticamente immune dallattacco. Per i motivi anzi detti, il pericolo di attacco da termiti dovrebbe essere oggetto di approfondimento.

38

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


Dove c pericolo di attacco da termiti pu essere utilizzato senza trattamenti preservanti solo il durame di specie legnose classificato R (resistente) o MR (moderatamente resistente) questultimo solo se tollerato il rischio di attacco in relazione alla funzione dellelemento. 2.7.4 Requisiti nei confronti degli organismi marini perforanti

Dove c pericolo di attacco da organismi marini perforanti pu essere utilizzato senza trattamenti preservanti solo il durame di specie legnose classificato R (resistente) o MR (moderatamente resistente) questultimo solo se tollerato il rischio di attacco in relazione alla funzione dellelemento.

2.8

TRATTAMENTI PRESERVANTI

Qualora si voglia utilizzare una specie legnosa la cui durabilit naturale non sufficiente in relazione alle norme su esposte, bisogna ricorrere a trattamento preservante da scegliersi in conformit alle norme: EN 351-1 Durabilit del legno e dei prodotti a base di legno Legno massiccio trattato con i preservanti - Classificazione di penetrazione e ritenzione del preservante; EN 599-1 Durabilit del legno e dei prodotti a base di legno Prestazioni dei preservanti del legno, utilizzati a scopo preventivo, determinate mediante prove biologiche Specifiche secondo le classi di rischio.

Il legno un materiale impermeabile (con esso si fanno le botti, le scandole che si utilizzano in alternativa alle tegole), si bagna ma difficilmente si riesce a far penetrare in esso una sostanza liquida, questo il grosso limite dei trattamenti preservanti. Esistono tuttavia alcune specie legnose, come il pino, che hanno una scarsa durabilit naturale ma che risultano permeabili alle sostanze preservanti. I trattamenti possono essere preventivi o curativi. 2.8.1 Trattamenti preventivi

I trattamenti preventivi si fanno generalmente in stabilimento mediante impregnazione (per le specie impregnabili come il pino) o superficiali a pennello per le specie legnose non impregnabili (come l'abete). I trattamenti superficiali contro gli insetti generalmente sono a base di sostanze quali la permetrina o i sali di boro, riescono a penetrare solo di qualche millimetro, tuttavia tale penetrazione sufficiente ad uccidere la
39

Capitolo 2 - Biodegradamento, durabilit e preservazione


larva appena nasce in quanto l'uovo generalmente posato in prossimit della superficie del legno. Qualora il trattamento venga fatto su legno fresco non ancora o poco fessurato, le fessure da ritiro che si apriranno dopo il trattamento risulteranno non protette e quindi ottimo luogo per l'insetto adulto per deporre le uova; il trattamento quindi deve essere ripetuto dopo l'apertura delle fessure proprio in corrispondenza di queste. Il trattamento ha comunque efficacia limitata nel tempo, pertanto ogni circa 10 anni dovrebbe essere ripetuto (seguendo comunque le istruzioni contenute nella documentazione accompagnatoria fornita dal produttore del preservante stesso). I trattamenti superficiali contro i funghi della carie hanno il solo effetto di ritardare l'attacco fungino ma sicuramente non rendono il legno immune dal degrado specie in ambienti molto umidi o a contatto col terreno. I trattamenti profondi, efficaci sia contro i funghi che gli insetti, si conferiscono in autoclave per immersione mediante cicli di vuoto e pressione al temine dei quali si ottiene un materiale impregnato con le sostanze preservanti anche in profondit. il caso dei pali per linee aeree o degli arredi da giardino, spesso realizzati con pino impregnato in autoclave, che resistono per alcune decine di anni a contatto col terreno, cio in classe di rischio elevata. 2.8.2 Trattamenti curativi

Contro gli attacchi da insetti in corso esistono trattamenti con gas velenosi o con le atmosfere modificate ai quali si ricorre solo in casi eccezionali essendo molto costosi e difficoltosi da utilizzare. Si possono utilizzare i trattamenti a pennello o con gel che impediscono la formazione di nuove larve, tuttavia le larve gi all'interno del legno continueranno a lavorare fino allo sfarfallamento. Contro l'attacco da funghi della carie l'unico intervento risolutivo la rimozione della causa dell'umidit; un eventuale trattamento a pennello non ha grande efficacia se continuano a permanere le condizioni di umidit elevata. Dopo aver bloccato il degrado e rimosse le cause andr valutata la necessit di intervenire con interventi di consolidamento.

40