Sei sulla pagina 1di 1

14

marted 5 marzo 2013

WEB: cinquegiorni.it @: info@cinquegiorni.it

LApprofondimento
Gli angeli del foro

Avvocati di strada in difesa dei pi deboli


Inaugurato nellottobre del 2008 in via San Gallicano, a Trastevere, lo sportello offre consulenza e assistenza legale gratis ai senza fissa dimora. Ogni anno avviate 200 pratiche
di Ester Trevisan alla parte degli ultimi senza riscuotere alcuna parcella. Sono gli angeli del foro, 40 legali che ogni mercoled e gioved pomeriggio offrono consulenze e assistenza legale gratuite a chi non ha un tetto sulla testa e si rivolge allo sportello romano della onlus Avvocato di strada, ospitato allinterno dellIstituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti in via San Gallicano, a Trastevere. Il progetto, ideato e fondato dallavvocato Antonio Mumolo, nasce a Bologna nel 2002 in seno allassociazione Amici di piazza Grande che si occupa di persone senza fissa dimora e approda nella capitale nellottobre del 2008. Obiettivo delliniziativa dare assistenza legale ai clochard che, a causa del disagio sociale e dellemarginazione in cui sono confinati, non hanno la possibilit di far valere i propri diritti. Non avere residenza anagrafica n documenti didentit spiega Andrea Piqu, coordinatore dello sportello romano non consente di accedere al patrocinio gratuito nelle cause civili e noi, attraverso la nostra attivit, cerchiamo di colmare questo vuoto. Per avvalersi degli avvocati

di strada non necessario prenotare un appuntamento n passare attraverso i servizi sociali. Ogni anno apriamo in media oltre 200 pratiche racconta Piqu la maggior parte delle quali sono di natura civile e amministrativa. I casi che coinvolgono gli utenti italiani riguardano principalmente separazioni, divorzi, pensioni di invalidit, licenziamenti illegittimi e controversie di lavoro. Invece gli stranieri, soprattutto extracomunitari, ci chiedono aiuto per questioni legate alla permanenza sul nostro territorio: permesso di soggiorno, protezione internazionale, asilo politico, espulsioni. Meno frequenti i casi penali legati alla commissione di reati: In quelli che ci capita di trattare, i nostri assistiti sono quasi sempre vittime perch, quando si vive per strada, non difficile subire violenze, rapine e furti. Le cause civili pi frequenti scaturiscono da questioni di lavoro e famiglia e a rivolgersi allo sportello di via San Gallicano sono in egual misura italiani e stranieri. Quando inaugurammo lattivit nel 2008 spiega Piqu la nostra utenza era composta prevalentemente da extracomunitari. Negli ultimi tempi, invece, il nu-

I CASI

Lui espulso perch irregolare, lei alleva da sola il figlio in una casa famiglia Quando la burocrazia allontana gli affetti
Lui espulso perch irregolare, lei da sola ad allevare il figlio in una casa famiglia. Una storia di affetti e legami familiari calpestati dalla fredda burocrazia, uno dei tanti casi approdati allo sportello della onlus Avvocati di strada che si sta rimboccando le maniche per risolvere la vicenda e consentire a questa coppia di poter crescere finalmente insieme il loro bambino. La donna, irachena, arriva in Italia nel 2006 per accompagnare il nipote in cura in un ospedale romano. Quando il ragazzo viene dimesso, la zia chiede e ottiene un permesso di soggiorno per motivi umanitari perch il suo paese dorigine in guerra e lei sola, senza altri parenti in Iraq. Una volta stabilizzata nel nostro Paese, si mette alla ricerca di un impiego, riuscendo per a trovare soltanto lavori saltuari. Una precariet che condivide con il fidanzato, anche lui in Italia. I due si sposano ma poco dopo il marito viene espulso perch irregolare. Lei, invece, resta in Italia e si accorge di aspettare un figlio. Si rivolge quindi agli assistenti sociali che le procurano un alloggio in un centro di accoglienza gestito dal Comune di Roma. A questo punto la donna ha

s un tetto sulla testa, ma le resta un vuoto incolmabile nel cuore perch dura stare lontana dal marito con la prospettiva, per giunta, di dover allevare da sola il loro figlio. Ed cos che decide di rivolgersi agli angeli del foro romano ai quali chiede il ricongiungimento familiare per il marito. Ma la procedura si complica e i tempi si allungano. Nel frattempo nasce il bambino che vive con la mamma in una casa famiglia. Al momento gli avvocati di strada sono al lavoro per consentire a questa famiglia di ricostituirsi.
est

mero di italiani aumentato: ogni anno registriamo un 10% in pi, segno tangibile di una povert crescente nel nostro Paese. La maggior parte composta da uomini tra i 45 e i 55 anni che richiedono consulenza legale dopo aver perso il lavoro e perch vivono situazioni conflittuali in famiglia. Due condizioni sottolinea il coordinatore dello sportello che viaggiano spesso insieme: luomo resta senza occupazione, entra in crisi con la moglie, si separa ed costretto a lasciare la casa e a trovare unaltra sistemazione. Allimprovviso si ritrova senza alcun sostegno e in molti chiedono il nostro aiuto anche soltanto per capire se possono far valere i loro diritti e come. Il patrocinio che forniamo completamente gratuito e, nei casi in cui si va in giudizio, per affrontare le spese legali attingiamo a una piccola cassa alimentata da donazioni e finanziamenti derivanti dal 5 per mille. Nel 90% dei casi le persone hanno bisogno soltanto di una consulenza di prima soglia per avere un orientamento legale e poche volte si ravvisa la necessit di intraprendere unazione legale perch quasi sempre sufficiente linvio di una diffida per risolvere la con troversia.