Sei sulla pagina 1di 5

APPARATO DIGERENTE

La maggior parte degli alimenti e dei loro principi nutritivi, non pu essere utilizzata immediatamente dal nostro organismo. Infatti, per poter essere distribuiti nelle varie cellule del corpo, devono essere scomposti in sostanze molto pi semplici. Il processo di trasformazione degli alimenti si chiama: DIGESTIONE al quale processo contribuiscono numerosi organi che costituiscono L'APPARATO DIGERENTE che formato:

dal TUBO DIGERENTE; dalle GHIANDOLE DELLA DIGESTIONE.

Il tubo digerente lungo 12 mt circa composto da: BOCCA, FARINGE, ESOFAGO, STOMACO, INTESTINOTENUE e INTESTINO CR ASSO. Le GHIANDOLE DELLA DIGESTIONE sono: le GHIANDOLE SALIVALI, il fegato, e il pancreas; le GHIANDOLE GASTRICHE e GHIANDOLE INTESTINALI.

La Bocca

La bocca lapertura iniziale del tubo digerente ed delimitata dalle LABBRA, dalle ARCATE DENTALI: mascella superiore, mascella inferiore detta mandibola.In alto la bocca delimitata dal palato e dal pavimento boccale dove troviamo la lingua con le papille gustative.

I Denti

Nelladulto la dentatura definitiva formata da 32 denti , 16 per ogni arcata :4 incisivi, 2 canini, 4 premolari, 6 molari . I denti sono costituiti da un tessuto molto dura: LA DENTINA , rivestita dallo smalto . In ciascun dente riconosciamo: la CORONA che la parte visibile; il COLLETTO che collega la corona alla radice; e la RADICE che la parte ricoperta da cemento; la POLPA DENTARIA che la parte pi interna ricca di vasi sanguigni e di nervi.

La Faringe L'Esofago

La faringe la parte posteriore della cavit orale, nella faringe troviamo: LEPIGLOTTIDE che chiude le vie aeree al passaggio del cibo. Lesofago un lungo canale muscolare che termina con una valvola detta CARDIAS che lo mette in comunicazione con lo stomaco .

LO STOMACO

Lo stomaco un organo muscoloso interiormente rivestito da una mucosa. Comunica con lintestino attraverso una valvola detta PILORO

LINTESTINO

Lintestino un lungo tubo situato nella parte centrale delladdome ricoperto da una membrana: IL PERITONEO; lintestino si divide in: -INTESTINO TENUE formato dal DUODENO, DAL DIGIUNO, E DALLILEO. Sulla superficie interna si trovano i VILLI INTESTINALI che servono allassorbimento delle sostanze della digestione. -INTESTINO CRASSO che il prolungamento dellintestino tenue ed formato dal CIECO, dal COLON e dal RETTO; infine termina con lAPERTURA ANALE.

LE GHIANDOLE
Le GHIANDOLE SALIVARI si trovano soprattutto sotto la lingua, producono la saliva che contiene la PTIALINA. Il FEGATO sii trova nella parte superiore delladdome e produce la BILE che si raccoglie nella CISTIFELLEA e da qui attraverso il COLEDOCO che raggiunge il DUODENO; il PANCRES, situato dietro lo stomaco, produce il succo pancreatico che riversa nel Duodeno mentre versa nel sangue due ormoni: lINSULINA e il GLUCAGONE. Le ghiandole gastriche si trovano nella parte interna dello stomaco e producono il succo gastrico. Le ghiandole intestinali sono situate nellintestino tenue e producono il succo enterico.

LA DIGESTIONE

La digestione il processo di trasformazione del cibo. Le azioni di tipo MECCANICO come la MASTICAZIONE, la DEGLUTIZIONE e LESPULSIONE DELLE SOSTANZE DI RIFIUTO assicurano il transito del cibo, lungo tutto lapparato digerente. Le azioni di TIPO CHIMICO rappresentano la vera e propria digestione cio la trasformazione del cibo in molecole molto pi semplici .

PATOLOGIA A CARICO DELLAPPARATO DIGERENTE


COLITE : infiammazione a carico del COLON. GASTRITE : infiammazione a carico dello stomaco. ULCERA : infiammazione a carico dello stomaco e dellintestino. APPENDICITE : infiammazione a carico dellappendice dellintestino cieco e se non viene curata degenera in peritonite. EPATITE VIRALE : una malattia a carico del fegato dovuta a un virus. Si conoscono 3 tipi di epatite: - A e B di cui si conoscono i vaccini - C: di cui non si conoscono i vaccini CIRROSI EPATICA : inguaribile e spesso mortale causata dallabuso di alcolici, distrugge le cellule del fegato. DIABETE: a carico del pancreas anche ereditario e impedisce al pancreas di produrre insulina con inseguito accumulo di glucosio nel sangue. CARIE DENTARIA: a carico dei denti causata dallazione di alcuni batteri che fanno fermentare le sostanze

zuccherine con produzione di acidi che intaccano lo smalto e la dentina fino ad arrivare alla polpa dentaria e con essa la distruzione del dente.

CONSIGLI:

Evitare lalcool, mantenere una buona igiene del covo orale. Controllare ligiene del cibo e seguire una corretta alimentazione.