Sei sulla pagina 1di 1

Attivit e meccanismo d'azione dei principi attivi dei funghi psilocibinici

ATTIVITA' E MECCANISMO D'AZIONE DEI PRINCIPI ATTIVI DEI FUNGHI PSILOCIBINICI

Le modalit di assunzione e le quantit necessarie per ottenere effetti allucinogeni sono variabili e dipendenti dalla specie, se freschi, secchi o consumati in infusione. Leffetto stupefacente derivante dallingestione di 2g di funghi secchi sovrapponibile a quello atteso dalla somministrazione di 4-9mg di psilocibina pura. Gli effetti della psilocibina si manifestano rapidamente e la maggior parte dei prodotti di degradazione viene eliminata, attraverso l'urina e le feci, entro 8 ore dopo l'ingestione. Tracce dei metaboliti possono persistere nelle urine fino ad una settimana dopo lassunzione. La psilocibina viene rapidamente biotrasformata in psilocina che presenta unattivit 1,4 volte pi intensa del suo precursore. Entrambe mostrano propriet allucinogene simili a quelle della mescalina e dellLSD, ma gli effetti sono di pi breve durata. Gli effetti fisici derivanti dalluso dei funghi si manifestano in forma di nausea, sonnolenza, pupille dilatate ed aumento del tono muscolare. Gli effetti psichici comprendono distorsioni percettive (amplificazione sensoriale che comportano uno stato di sogno immerso nella realt, aumentata percezione dei colori e della definizione degli oggetti), aumento delle capacit introspettive (da qui deriva il loro uso nei rituali religiosi), manifestazioni psicotiche, perdita della memoria (soprattutto di quella a breve termine) e delle capacit cognitive. Tutte queste manifestazioni sono spesso unite alla sensazione di distacco dal corpo. Leffetto globale di tipo euforico e generalmente tutti gli effetti si esauriscono dopo 3-4 ore dallassunzione della droga. Il meccanismo dazione della psilocina e della psilocibina quello tipico degli agonisti serotonergici, degli agonisti 5-HT1A (inibizione neuroni serotonergici) e degli agonisti 5-HT2A, con stimolazione neuroni glutammergici neocortex. Sipotizza inoltre unazione agonista sui recettori 5-HT2C. La tossicit cronica induce disturbi percettivi persistenti (immagini fluttuanti o persistenti, lampi di luce aumentati da stress, stanchezza, oscurit) e schizofrenia, tali sintomi sono aggravati dalluso contemporaneo di cannabis. La tolleranza agli effetti della psilocina e della psilocibina si sviluppa rapidamente, al punto che necessario un uso discontinuo della droga per continuare ad avere i medesimi effetti. fonte: Concentrazioni di psilocina e psilocibina in campioni di differente matrice vegetale, in Bollettino sulle Dipendenze 2010 vol.1

1/1