Sei sulla pagina 1di 2

COSA SIGNIFICA FARE IL TUTORE VOLONTARIO Significa mettere a disposizione parte del proprio tempo e delle proprie competenze

di adulto per aiutare un bambino o adolescente in difficolt. Significa vivere unesperienza di solidariet sociale che coinvolge e responsabilizza la comunit nella cura e nella tutela dei bambini e dei ragazzi. Significa svolgere un ruolo concreto di promozione della cultura dei diritti dei bambini e degli adolescenti. QUALI SONO LE COMPETENZE RICHIESTE PER FARE IL TUTORE Un tutore volontario deve: - essere motivato e condividere ragioni e finalit del Progetto Tutori; - avere del tempo per svolgere le funzioni previste (il tempo legato al tipo di tutela e al caso specifico); - essere collaborativo e disponibile al confronto con gli altri soggetti coinvolti, perch la tutela dei minori det un impegno di squadra; - acquisire alcune conoscenze di base trasmesse con il corso per tutori volontari. Per informazioni
Comune di Venezia Servizio Politiche Cittadine per lInfanzia e lAdolescenza Dott.ssa Stefania Bon Tel. 041 5353723/22 stefania.bon@comune.venezia.it Ufficio di Protezione e pubblica tutela dei minori del Veneto (Pubblico Tutore dei minori del Veneto) via Longhena, 6 30175 Marghera (VE) tel. 041 2795925 - 26 e-mail pubblicotutoreminori@regione.veneto.it

Ufficio di Protezione pubblica tutela dei minori del Veneto

Comune di Venezia
Assessorato alle Politiche Sociali e ai Rapporti con il Volontariato Direzione Politiche Sociali, Partecipative e dellAccoglienza Servizio Politiche Cittadine per lInfanzia e lAdolescenza

Il tutore legale del minore di et

CHE COSE IL PROGETTO TUTORI E un progetto del Pubblico Tutore dei minori del Veneto, realizzato in collaborazione con lAssessorato e la Direzione ai Servizi Sociali regionali, con le Aziende ULSS e le Conferenze dei Sindaci del Veneto, e con gli organi giudiziari competenti (Tribunale per i minorenni e Procura minorile, Giudici Tutelari). GLI OBIETTIVI Il Progetto prevede la sensibilizzazione, la formazione e laccompagnamento (consulenza e monitoraggio) di persone disponibili ad essere nominate tutori legali di minori det dagli organi giudiziari competenti.

QUANDO UN MINORE DI ETA HA BISOGNO DI UN TUTORE Quando non ha i genitori o questi non possono esercitare la loro responsabilit genitoriale . Pi in particolare viene nominato un tutore legale al bambino o alladolescente - orfano di entrambi i genitori - dichiarato adottabile - figlio di un genitore anchesso minorenne e non emancipato - straniero presente in genitori - figlio di genitori ignoti - figlio di genitori dichiarati dal Tribunale decaduti o sospesi dalla potest genitoriale - figlio di genitori dichiarati interdetti dal Tribunale Italia senza i

CHI NOMINA IL TUTORE La nomina del tutore spetta al Giudice Tutelare presso i Tribunali ordinari e, in alcuni casi, al Tribunale per i minorenni. Il Giudice Tutelare sovraintende alla tutela con compiti consultivi, deliberativi e autorizzativi per gli atti pi importanti.

LE FUNZIONI DEL TUTORE Il tutore responsabile della cura della persona del bambino o adolescente: deve assicurarsi che tutti i soggetti coinvolti nella tutela (ad esempio i servizi sociali, la comunit o la famiglia affidataria) svolgano le funzioni di loro competenza, che il minore sia seguito, educato, accolto. Il tutore rappresenta il minore det in tutti gli atti civili: decide sulle questioni importanti che lo riguardano e d voce al suo interesse. Il tutore amministra, quando ci sono, i beni del minore det.

IL RIFERIMENTO NORMATIVO La legge regionale n. 42 del 1988, istitutiva del Pubblico Tutore dei minori, attribuisce a questultimo il compito di reperire, selezionare e preparare persone disponibili a svolgere attivit di tutela e di dare consulenza e sostegno ai tutori preparati.