Sei sulla pagina 1di 3

Cinema e Teatro: CONCETTI PSICODINAMICI NELLA RAPPRESENTAZIONE FILMICA DEL SOGNO Dott.

ssa Sara Savio Psicologa, Bologna

Introduzione Il cinema sempre stato definito, fin dalle origini, una "fabbrica dei sogni", una macchina che produce artificialmente sogni. Tuttora tale espressione ben radicata nel linguaggio comune: il cinema viene visto come il pi grande strumento di evasione, in grado di rappresentare e fare prendere corpo ai desideri degli spettatori, anche i pi irrealizzabili. Gi nel cinema delle origini era presente la consapevolezza che tra dispositivo cinematografico e sogno c'erano delle relazioni: se il cinema serviva a riprodurre la realt, poteva anche "riprodurre" i sogni. Il cinema primitivo ha infatti tentato di trasporre sullo schermo il sogno stesso e una serie di stati onirici, come l'allucinazione, la follia, i deliri. Si trattato spesso di una simulazione, se pur "inconsapevole", del sogno: lo spegnersi della luce in sala corrisponde, infatti, alla chiusura delle palpebre. Come il dormiente, lo spettatore ha bisogno che gli siano "offerte" alcune condizioni, una sala oscura, appunto, priva di rumori, in cui possa lasciarsi andare e sospendere quella vigile attenzione, che gli normalmente richiesta nella vita reale. La sala oscura equivale ad una "caduta nell'inconscio", con un conseguente distacco dal mondo esterno. Quando si illumina lo schermo, il film evoca il sogno, in quanto una serie di immagini compaiono e ricompaiono, accavallandosi, proprio come accade nei sogni.

In questo senso il cinema costitutivamente onirico, e, quindi, in teoria, non avrebbe neppure bisogno di mettere in scena dei sogni. Il cinema offre ad un gran numero di persone la possibilit di sognare insieme lo stesso sogno e mostra i fantasmi dell'irreale. Si potrebbe parlare, in questo senso, di onnipotenza del cinema. Tuttavia il sogno cinematografico risulta artificioso, perch "marca" la natura "mentale" delle immagini che mostra. La messa in scena del sogno, infatti crea un certo imbarazzo, trattandosi di una rappresentazione mentale. Imbarazzo in quanto il sogno filmico induce lo spettatore ad attribuire al personaggio un "regime di credulit", che, presente nelle altre sequenze, nel sogno viene a cadere. Di fronte alla sequenza onirica c' una scissione di credulit tra personaggio e spettatore, "un effetto di rottura involontaria prodotto (...) dalla rappresentazione del sogno". La sequenza onirica "costringe" ad attribuire il sogno stesso ad un sognatore e il reale ("la coscienza del sogno") allo spettatore. Il sogno un'esperienza soggettiva (noi vediamo con i nostri occhi le visioni "mentali" del personaggio"), determinata da una dose di irrazionalit, fertile elemento narrativo che il cinema utilizza tuttora abbondantemente.

I sogni presenti nella storia del cinema sono veramente numerosi e spaziano fra i pi diversi generi e autori, sebbene sia stato rilevato, forse a torto, che le sequenze oniriche vere e proprie sono rare. Anche se un certo onirismo stato utilizzato fin dalle origini, prevalentemente nei generi noir e musical. Il sogno nel film diventa un sogno alla seconda potenza, dal momento che il cinema gi di per s sogno. continua a leggere l'articolo....

Links collegati Altri articoli su Gli speciali

-------------------------------------------------------------------------------L'articolo pi letto relativo a Gli speciali: L'IDENTITA' IN RETE: ASPETTI PSICOLOGICI E CORPOREI

Ultime notizie riguardanti Gli speciali:

Login/Crea Account | 0 commenti Soglia -1012345 Nessun commentoNidificatoPianoArgomento Dal pi vecchio in giDal pi recente in giPunteggi pi elevati prima I commenti sono sotto la responsabilit dello scrivente. Non ci riteniamo responsabili per il loro contenuto.

Redazione Redazione Collaboratori Collaboratori Network Network Invito a collaborare Invito a collaborare Dicono di noi Dicono di noi Contatti Contatti Consulenza gratuita Consulenza gratuita Archivio Risposte Archivio Risposte Esperto in Diretta Esperto in Diretta Consulenza On Line Consulenza On Line Libreria online Libreria online Forum Forum Editoriale Editoriale Per saperne di pi Per saperne di pi Libri e Riviste Libri e Riviste News Letter News Letter Codice Deontologico Codice Deontologico Il Decalogo Il Decalogo Le parole per dirlo Le parole per dirlo Tests psicologici Tests psicologici InfanziaAdolescenza Infanzia-Adolescenza Lavoro-Organizzazioni Lavoro-Organizzazioni Anoressia-Bulimia Anoressia-Bulimia Salute-Benessere Salute-Benessere Psicoeconomia Psicoeconomia Tesi di Laurea Tesi di Laurea Gli Speciali Gli Speciali Il fatto del giorno Il fatto del giorno Indice Indice ConvegniCongressi Convegni-Congressi Ricerche-Contributi Ricerche-Contributi Acta News Acta News Riviste di psicologia Riviste di psicologia Formazione Formazione Bacheca Bacheca Forum Forum Acquista on line Acquista on line I Link I Link Le cartoline Le cartoline Utilit e giochi Utilit e giochi Libreria online Libreria online Pubblicit Pubblicit All contents copyright 1999, 2003 Psiconline s.r.l. Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione,stampa e/o diffusione in qualsiasi forma del testo e/o delle immagini senza il permesso scritto di Psiconline srl

All Rights Reserved. No material may be reproduced electronically or in print without written permission from Psiconline srl- Italy

Il mito nelladolescenza L'IDENTITA' IN RETE: ASPETTI PSICOLOGICI E CORPOREI CONCETTI PSICODINAMICI NELLA RAPPRESENTAZIONE FILMICA DEL SOGNO Gli esiti del trauma cranico sul nucleo familiare Tifosi Dalla parte dei professionisti: burnout e traumatizzazione secondaria Mobbing: quando il lavoro non da' il pane, ma il veleno Catastrofi naturali : Ptsd e comunicazione Donato Bilancia, il serial killer della Liguria. Le Psicosi Ipotesi sul Mostro di Firenze I test psicologici e il loro uso Lincubo della violenza allinfanzia - Un problema rimosso Ptsd ed adolescenza Il mito nelladolescenza