Sei sulla pagina 1di 9

Ruba sigarette Processato per direttissima

a pagina sette www.libertasicilia.com

fondato nel 1987 da Giuseppe Bianca

CRONACA

Diciassettenne coautore di incendi


a pagina sette e mail redazione@libertasicilia.com

CRONACA

mercoled 27 febbraio 2013 anno XXVi n. 47 direzione amministrazione e redazione: via Mosco 51 tel. 46.21.11 - faX faX / 60.006 - puBBlicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 - - Fax 0931/ 60.006 0,50 sabato 17 marzo 2012 anno XXV n. 64 direzione amministrazione e redazione: via Mosco 51 tel. 0931 0931 46.21.11 - 09310931 / 60.006 - puBBlicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11Fax 0931 / 60.006 0,50

Quotidiano dELLa provincia di SiracuSa

Ma la pattuglia alla camera si arricchir della presenza di amoddio


EditoriaLE

Tre deputati ed un senatore


di Giuseppe Bianca

Ecco gli eletti


T

citt

Passato lo tsunami, bisogna attendersi unaltra onda anomala che si trascini fino alle prossime elezioni amministrative. Il fenomeno Grillo, alimentato in questi anni dallinsipienza della politica ufficiale, accresciuto dalle adesioni di cittadini, stanchi di un certo modo di fare politica, atteso adesso al varco e non pi come una sorpresa o come una rivelazione, alle prossime elezioni per il rinnovo del consiglio comunale, di quello provinciale e per lelezione di sindaco di Siracusa e presidente della Provincia, per non parlare degli altri comuni del Siracusano chiamati alla fine di maggio alle urne. Permanendo il malcontento generale.
a pagina cinque

Londa lunga alle urne

re deputati (ma molto probabilmente il quarto scatter la prossima settimana) ed un senatore per la provincia di Siracusa. Scende da sei a cinque la pattuglia di parlamentari nazionali siracusani, rispetto alle passate elezioni politiche del 2008. Ed anche questo il bilancio della tornata elettorale per il rinnovo dei due rami del Parlamento, che verr ricordata per labbattersi su tutta lItalia del cosiddetto tsunami costituito dal Movimento cinque stelle di Beppe Grillo. Ci si aspettava di pi, soprattutto nel centro sinistra.
a pagin cinque

Lo tsunami ha spazzato via tutti. Il movimento cinque stelle non solo ha dato una lezione sacrosanta ai partiti tradizionali.
a pagina quattro

Movimento5S primo partito a Siracusa

dibattito sul teatro


La proposta dei Lions siracusani per la gestione del

teatro di Siracusa. Un progetto dal basso per una Fondazione che contribuisca allo sviluppo turistico e culturale dellintera provincia siracusana. La riapertura del teatro comunale di Siracusa come importante occasione da cogliere per lo sviluppo turistico e culturale della citt, attraverso una proposta di gestione frutto di un modello condiviso e dal basso, che preveda la partecipazione attiva delle professionalit, competenze e passioni presenti a Siracusa. Si tratta di un progetto che faccia tesoro delle esperienze gi messe a frutto in altre realt.
A pagina tre

triBunaLE di SiracuSa
FIAT Punto Elx, 1.9 Jtd, anno 2002, km 140.000 c/a, 5 porte, buone condizioni E 2000 tratt Tel. 333/8144854 FIAT anno 1993, cc 700, in ottime condizioni duso, causa inutilizzo cedo a E 900 Tel. 331/3903988 GRANDE Punto colore champagne, anno 2007, prezzo affare E 5000 Tel. 340/3106993 LANCIA Delta, 1.5cc, revisionata fino al 2014, E 1200, con gpl e benzina verde Tel. 333/8318633 377/4928771 LANCIA Dedra anno 91, revisionata, climatizzata, benzina + gpl, radio, buone condizioni E 2000 Tel. 0931/750126 - 347/9192966 349/6531131 PANDA 750, prezzo affare Tel. 0931/711309 368/3579651 SOLO E 1000 Fiat 500 ottime cond. Tel. 339/2044100 VENDESI per passaggio ad auto pi grande Fiat Punto, anno 98, in ottime cond., 5 porte, colore verde, finestrini elettrici. Disponibile per qualsiasi prova E 1300 tratt Tel. 349/5532520 MONOVOLUME Seat Cordova Vario anno 97, in perfette condizioni, revisionata fino al 2014, causa inutilizzo cedo a E 1000 Telefonare per info 333/3847139 PRIVATO vende Bmw 320 diesel, grigio chiaro met.,anno 99, km 96.000 originali, unicoproprietario, climat., vetri elettri anteriori e posteriori, cerchi in lega originali Bmw, comandi radio al volante, sedili in pelle grigio chiari, ottime condizioni, usata pochissimo, solo privati. E 3200 Tel. 338/5810382 AUDI 80 benzina, efficiente, vendesi E 1200 tratt Tel. 349/4117137

27 feBBraio 2013, Mercoled

Prossima inserzione:
Le ASTE GIUDIZIARIE saranno inserite dalla data di pubblicazione del bando fino alla data prevista per l'asta sul sito:

AUTO ITALIANE LANCIA Y, anno 2010, cc 1.2, colore beije Tel. 389/9466526 PRIVATO Fiat Grande Punto, 1.3, 16valvole, diesel multijet, 75 cv, 3 porte bianca, con climatizzatore, servost., autoradio kenwood completo di bluethoot, mp3, lettore cd, chiusura centralizzata con allarme, alzacr. elettrici, km 18.000, anno novembre 2010. E 7500, solo privati. Garanzia Fiat Tel. 338/5810382 FIAT 500 con impianto a gas, dicembre 2009, km 115 mila, E 8000 intratt, no perditempo Tel. 338/6188211 FIAT 500, ottime condizioni E 900, causa trasfer. Tel. 338/2681434 ore pasti FIAT Punto come nuova, anno 2004 E 4000 tratt Tel. 339/2067818

VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI www.astetribunale.com


BMW X3, 3000 diesel, sd, febbraio 07, acquistata E 67.000, vendesi E 45.000 Tel. 335/6495963 - 335/6601720 BMW 320 D Berlina, anno 2001, colore argento, km 200.000, ottime condizioni E 6.000 trattabili. Telefonare per informazioni 0931/769509 - 0931/715620 BMW 320 D s.w., serie limitata, M Sport, anno 2004, motore rifatto con soli 30.000 km Tel. 338/1102686 BMW Gs 1.1, colore nero, anno 97, ottime condizioni Tel. 320/7663100 CAUSA inutilizzo cedo familiare Seat 1.4 benzina,

03/03/2013

e-mail redazione@libertasicilia.com Cronaca di Siracusa online nel mondo

SIRACUSA

27 feBBraio 2013, Mercoled

STRANIERE AUDI A3 1.6 benzina, anno 2001, con imp- GPL, vendesi prezzo realizzo E 1.000 Tel. 347/5820511 HYUNDAI Acent, in ottime cond., con motore revisionato Tel. 338/3664945 KIA Sportage, anno 2003, buone condizioni. Prezzo di realizzo da concordare Tel. 339/4388809

ottimo motore E 2000 Tel. 339/2044100 CAUSA inutilizzo regalo auto revisionata fino al 2014, 1.4cc benzina, impianto gpl facoltativo E 700 Tel. 333/3847139 CHEVROLET Cruze, fine novembre 2010, cambio automatico, 25.000 km, prezzo trattabile Tel. 333/5974063 CITROEN Xara s.w., colore grigio metallizzato, 1.9 benzina, anno 2000, ottime cond. Tel. 347/4439498 CITROEN Saxo, 1.1 benzina, colore blu, tutto di serie, buone condizioni, km 79.000 E 1.900 tratt Tel. 0931/704715 338/6337794

un dibattito pubblico sulla gestione del teatro


La

Se ne fanno carico i Lions che venerd prossimo hanno previsto un appuntamento al salone Borsellino

sez. esecuzioni immobiliari ProcedUra n 7/2001 rG es. lavv. davide adorno, con studio in siracusa, nella Via tripoli 23 (davide.adorno@cert.ordineavvocatisr.it), professionista delegato ai sensi dellart. 591 bis c.p.c. dal Giudice delle esecuzioni, giusta ordinanza del 11/11/2011, aVVisa che presso il suo studio (o altra sede da designarsi), in data 19.04.2013, alle ore 13,30 e seguenti, senza incanto e con offerta ai sensi dellart. 571 cpc, od eventualmente con incanto alle ore 11,00 del successivo 20.04.2013, si venderanno: lotto 1: terreno in augusta, c.da cozzo telegrafo, di mq 3.153, (al nct, fg. 18, part. 303), sul quale insistono fabbricato di 33,47 mq (al nceu del comune di augusta, fg. 18, part. 303, cat. a/4), composto da vano unico e bagno, con annesso forno a legna esterno, e separato ripostiglio per attrezzi. prezzo Base dasta: . 52.895,00 aumento Minimo . 3.000,00. lotto 2: terreno in augusta, c.da Marina di agnone, di complessivi mq 3.055, qualit pascolo, al nct, fg. 1, part. 268 e fg. 2, part. 1650. prezzo Base dasta: . 30.550,00 aumento Minimo . 2.000,00. LOTTO 3: Terreno edificabile in Augusta, frazione Brucoli, in area di lottizzazione convenzionata denominata Brucoli 2 di complessivi mq 576, al nct, fg. 20, part.lle 644, 760 e 808, sul quale insiste fondazione strutturale di edificazione regolarmente dotata di concessione edilizia, allo stato, tuttavia, decaduta per decorso dei termini. prezzo Base dasta: . 8.640,00 aumento Minimo . 1.000,00. chiunque intenda partecipare presenter domanda in bollo ( 14,62) in busta chiusa presso lo studio del sottoscritto avvocato, entro e non oltre le ore 18,00 del giorno precedente alla vendita, unitamente ad assegno circolare non trasferibile, pari al 10% del prezzo base, intestato ad avv. davide adorno. l'aggiudicatario, entro e non oltre 60 giorni dalla aggiudicazione, dovr depositare limporto del prezzo di acquisto dedotta la cauzione versata, pena la applicazione dellart. 587 cpc. tutte le spese inerenti e successive al decreto di trasferimento sono a carico dellaggiudicatario. ulteriori informazioni presso il professionista delegato (339 4123394) o scrivendo a davide. adorno@cert.ordineavvocatisr.it o su www.astegiudiziarie.it, ove sono pubblicate lordinanza di vendita con le modalit di partecipazione e la specifica relazione tecnica e di stima dei beni. siracusa, l 18/02/2013 il professionista delegato avv. davide adorno

tribUnale ciVile di siracUsa

avviso di vendita Procedura esecutiva n. 276/95 r.e.i. si rende noto che giorno 17/4/13, ore 11.30, presso il proprio studio sito a siracusa nel viale Montedoro 66, lavv. Giuseppe librizzi proceder allesame delle offerte di acquisto senza incanto, e se del caso allaggiudicazione, dei seguenti beni: LOTTO 3: garage sito a carlentini in via martiri della resistenza 29, esteso mq. 20 ca., cat. c\6; in catasto fg. 16 p.lla 1696 sub 9 (ex fg. 16 p.lla 1696, ex fg. 16 p.lla 32). Prezzo base dasta 13.000,00. minima offerta in aumento 1.000,00. lotto 4: garage sito a carlentini in via martiri della resistenza 29, esteso mq. 19 ca., cat. c\6; in catasto fg. 16 p.lla 1696 sub 10 (ex fg. 16 p.lla 1696, ex fg. 16 p.lla 32). Prezzo base dasta 12.000,00. minima offerta in aumento 1.000,00 lotto 5: garage sito a carlentini in via martiri della resistenza 29, esteso mq. 17.50 ca., cat. c\6; in catasto fg. 16 p.lla 1696 sub 14 (ex fg. 16 p.lla 1696, ex fg. 16 p.lla 32). Prezzo base dasta 12.000,00. minima offerta in aumento 1.000,00. lotto 6: magazzino sito a carlentini in via del mare 84, esteso mq. 510 ca., cat. c\6; in catasto fg. 16 p.lla 2090 sub 14 (ex fg. 16 p.lle 226, 226/a, 224, 224/a, 259, 259/a, 305, 1760, 1759, 1763, 1765). Prezzo base dasta 222.000,00. minima offerta in aumento 12.000,00. lotto 7: box-deposito sito a carlentini in via del mare 68, esteso mq. 618 ca., cat. c\2; in catasto fg. 16 p.lla 2090 sub 17, 29 e 30 (ex fg. 16 p.lle 226, 226/a, 224, 224/a, 259, 259/a, 305, 1760, 1759, 1763, 1765). Prezzo base dasta 181.000,00. minima offerta in aumento 10.000,00. lotto 8: appartamento sito a carlentini in via del mare 44, esteso mq. 110 ca., vani 6,5, cat. a\2; in catasto fg. 16 p.lla 224 sub 29 (ex fg. 16 p.lle 224, 1760, 1759, 1763, 1765). Prezzo base dasta 124.000,00. minima offerta in aumento 7.000,00. in caso di esito negativo della vendita senza incanto, il 24/4/2013, ore 11.30, sempre presso il proprio studio, lavv. Giuseppe librizzi proceder alla vendita allincanto del suddetto bene. le offerte o domande di partecipazione, redatte in conformit alla legge ed allavviso integrale, dovranno essere depositate in busta chiusa, presso lo studio del suddetto professionista, entro le ore 12.00 del giorno precedente a quello fissato per la vendita, accompagnate da cauzione del 10% e deposito spese del 20% base dasta, con 2 assegni circolari non trasferibili intestati allavv. Giuseppe librizzi. avviso integrale, ordinanza di delega e relazione dellesperto disponibile sul sito internet www. astegiudiziarie.it ovvero presso lo studio predetto. il professionista delegato avv. Giuseppe librizzi

tribUnale di siracUsa

sez. esecuzioni immobiliari ProcedUra n 352/1995 rG es. lavv. davide adorno, con studio in siracusa, nella Via tripoli 23 (davide.adorno@cert.ordineavvocatisr.it), professionista delegato ai sensi dellart. 591 bis c.p.c. dal Giudice delle esecuzioni, giusta ordinanza del 19/06/09, aVVisa che presso il suo studio (o altra sede da designarsi), in data 19.04.2013, alle ore 13,30 e seguenti, senza incanto e con offerta ai sensi dellart. 571 cpc, od eventualmente con incanto alle ore 11,00 del successivo 20.04.2013, si venderanno: lotto 1 - locale destinato a magazzino-negozio, esteso mq 332,00 circa, sito in carlentini, Via del Mare complesso del sole 76/78, gi contrada piscitello, primo piano sottostrada dell'edificio condominiale C, nel NCEU del Comune di carlentini al foglio 16, p.lla 2090, sub 27; prezzo base d'asta ribassato di 1/4 (7 ribasso) in . 24.160,58 aumento minimo . 1.500,00. lotto 2 - locale destinato a magazzino-negozio, esteso mq 534,00 circa, sito in carlentini, Via del Mare complesso del sole 70/72, gi contrada piscitello, primo piano sottostrada dell'edificio condominiale C, nel NCEU del Comune di carlentini al foglio 16, p.lla 2090, sub 28; prezzo base d'asta ribassato di 1/4 (7 ribasso) in . 38.042,90 aumento minimo . 2.000,00. lotto 7 - locale destinato a magazzino-negozio, esteso mq 189,00 circa, sito in carlentini, contrada Balate zacco, Via fratelli cervi largo Matteotti 1, piano seminterrato di edificio condominiale, nel nceu del comune di carlentini al foglio 16, p.lla 1616, sub. 21; prezzo base d'asta ribassato di 1/4 (7 ribasso) in . 22.158,32 aumento minimo . 1.500,00. si fa presente che detto immobile attualmente occupato in forza di contratto di locazione, gi ritenuto dal G.e. non opponibile alla procedura. chiunque intenda partecipare presenter domanda in bollo ( 14,62) in busta chiusa presso lo studio del sottoscritto avvocato, entro e non oltre le ore 18,00 del giorno precedente alla vendita, unitamente ad assegno circolare non trasferibile, pari al 10% del prezzo base, intestato ad avv. davide adorno. l'aggiudicatario, entro e non oltre 60 giorni dalla aggiudicazione, dovr depositare limporto del prezzo di acquisto dedotta la cauzione versata, pena la applicazione dellart. 587 cpc. tutte le spese inerenti e successive al decreto di trasferimento sono a carico dellaggiudicatario. ulteriori informazioni presso il professionista delegato (339 4123394) o scrivendo a davide. adorno@cert.ordineavvocatisr.it o su www.astegiudiziarie.it, ove sono pubblicate lordinanza di vendita con le modalit di partecipazione e la specifica relazione tecnica e di stima dei beni. siracusa, l 18/02/2013 il professionista delegato avv. davide adorno

tribUnale ciVile di siracUsa

proposta dei Lions siracusani per la gestione del teatro di Siracusa. Un progetto dal basso per una Fondazione che contribuisca allo sviluppo turistico e culturale dellintera provincia siracusana. La riapertura del teatro comunale di Siracusa come importante occasione da cogliere per lo sviluppo turistico e culturale della citt, attraverso una proposta di gestione frutto di un modello condiviso e dal basso, che preveda la partecipazione attiva delle professionalit, competenze e passioni presenti a Siracusa. Si tratta di un progetto che faccia tesoro delle esperienze gi messe a frutto in altre realt e permetta alla struttura, i cui lavori di recupero sono in dirittura finale, di potere essere immediatamente competitiva ed al servizio di una nuova idea di sviluppo di Siracusa che si basi sulla effettiva valorizzazione del suo patrimonio culturale. Le linee guida del progetto, nato per iniziativa dei tre Lions Club di Siracusa nellambito delle proprie attivit sociali 2012-2013, saranno illustrate venerd prossimo, 1 marzo, nel salone Borsellino di Palazzo Vermexio, nel corso di un incon-

In foto, il teatro comunale di Siracusa.

tro dibattito aperto alla citt. Sinergia, concretezza, contestualizzazione e sussidiariet, sono

le caratteristiche delle attivit messe in campo dai club service e che i tre Lions Club della

citt (Siracusa Host, Siracusa Eurialo e Siracusa Aretusa N.C.) propongono come parole chia-

ve nellincontro di venerd, nel quale le esperienze di gestione e di successo dei teatri in Sicilia

ed in Italia, saranno messe a confronto con l obiettivo di ricavare esperienze utili a contribuire alla nascita della Fondazione del Teatro di Siracusa. Parteciperanno al dibattito, al quale sono state invitate le istituzioni e le associazioni culturali della citt, Vittorio Fiore, dell Universit di Catania, Sergio Zinna, del Centro Zo di Catania e Pina Ranno, del Teatro dell Archivolto di Genova. I lavori dellassemblea saranno conclusi dal Governatore del Distretto 108 Yb dei Lions, Antonino Pogliese. Intanto, proseguono i lavori di completamento del teatro comunale che serviranno per dare lultimo tocco alla struttura sita nellomonima via di Ortigia. Sembra davvero di essere alla fase conclusiva di una delle pi ataviche opere pubbliche incompiute della citt di Siracusa.

autosport

s.r.l. c.da targia 18 siracusa tel.0931 759918

autosport.toyota.it

Movimento cinque stelle primo partito in provincia


Parlano i numeri che promuovono i grillini e bacchettano i partiti tradizionali che hanno perso voti e credibilit tra gli elettori

27 feBBraio 2013,Mercoled

27 feBBraio 2013, Mercoled

Lo tsunami ha spazzato via tutti.

Il movimento cinque stelle non solo ha dato una lezione sacrosanta ai partiti tradizionali, ma ha conquistato in brevissimo tempo traguardi impensabili. Uno di questi che proprio il movimento inventato da Beppe Grillo, il primo partito nel capoluogo ed in provincia. I risultati sia della Camera che del Senato hanno sancito un predominio assoluto da parte di coloro che fino a qualche tempo addietro erano chiamati anche in termini dispregiativi i grillini. Ed hanno frinito cos forte che leco si ben sentito in ogni comune della provincia siracusana. Sono i numeri a parlare chiaro e a favore di un movimento, nato sui social network, che ha sposato il comune sentire popolare della contestazione, del basta con la solita minestra, della voglia di cambiare lo stato delle cose. Al fianco dellasstensionismo, che pure nella nostra provincia stato alto, si innescato un sentimento diffuso che oggi realt e che domani potrebbe anche rappresentare lalternativa nelle amministrazioni pubbliche locali. I numeri, dicevamo, la dicono lunga sulladesione massiccia che ha contagiato i siracusani sfiduciati ma anche quelli che con questo voto, hanno voluto dare uno schiaffo a chi ritiene li abbia traditi. E sono numeri da fare spavento: pensate che alla Camera in provincia di Siracusa, il movimento cinque stelle ha raccolto 59.196 voti pari al 32,29%. Primo partito in provincia con un distacco di oltre due punti percentuali rispetto allintera coalizione di centro sinistra. Se contiamo solo il partito democratico, la forbice aumenta clamorosamente , visto che il distacco di ben dodici punti percentuali. Al terzo posto la coalizione di centro destra. Rispetto al 2008, quando il movimento cinque stelle non cera, il solo Pdl ha perso oltre 22 punti percentuali: dagli 85.157 voti delle precedenti elezioni politiche, il Pdl sceso al 20,82 delle consultazioni di domenica scorsa. Stessa percentuale di calo di voti anche per la coalizione di centro destra. Pi contenuta, ma pur sempre di perdita si tratta, per il partito democratico. Rispetto al 2008, infatti, il calo di 9

Ecco la nuova squadra di parlamentari siracusani


re deputati (ma molto probabilmente il quarto scatter la prossima settimana) ed un senatore per la provincia di Siracusa. Scende da sei a cinque la pattuglia di parlamentari nazionali siracusani, rispetto alle passate elezioni politiche del 2008. Ed anche questo il bilancio della tornata elettorale per il rinnovo dei due rami del Parlamento, che verr ricordata per labbattersi su tutta lItalia del cosiddetto tsunami costituito dal Movimento cinque stelle di Beppe Grillo. Ci si aspettava di pi, soprattutto nel centro sinistra, ma il premio di maggioranza andato al Pdl, che ha cos fatto incetta di seggi in tutta la Sicilia per quanto riguarda il Senato. Ne ha beneficiato in questo modo il senatore siracusano uscente, Bruno Alicata, che, pour trovandosi in tredicesima posizione, grazie proprio al premio di maggioranza, che ha consentito al Pdl di prendere in Sicilia 14 seggi, tornato ad essere eletto al palazzo Madama. Alla Camera, invece, i deputati siracusani sono tre. Per il Pdl, la riconfermata Stefania Prestigiacomo, che era collocata al secondo posto della lista di Sicilia 2, alle spalle dellex ministro Antonio Martino. Per lex ministra siracusana si tratta di una nuova legislatura da affrontare dal 1994. Laltro eletto il siracusano Giuseppe Zappulla, ex parlamentare regionale ed ex segretario provinciale della Cgil siracusana. Zappulla stato eletto nelle file del Pd. La terza parlamentare che esprime la nostra provincia linse-

In foto, Stefania Prestigiacomo, Maria Marzana e Sofia Amoddio.

Alla Camera Stefania Prestigiacomo, Maria Marzana e Pippo Zappulla e forse Sofia Amoddio; al Senato Bruno Alicata

punti percentuali che in termini numerici significa scendere da 58.5190 voti a 37.345. Sale a 3 punti percentuali la perdita del centro sinistra rispetto a cinque anni addietro. Lo tsunami, insomma, ha travolto non soltanto i partiti ma anche le coalizioni anche a Siracusa citt, dove il movimento cinque

In foto, Beppe Brillo a Siracusa.

stelle si attesta come primo partito in assoluto con il 31,69% dei voti pari a 18.137 suffragi. Molti di pi rispetto al partito democratico che si attesta sul 23,18% per 13.265 voti. La coalizione di centro sinistra, comunque, si conferma nel suo insieme in testa a Siracusa con il 32,29%. Per quanto riguarda il Pdl, perde la

supremazia rispetto al 2008, visto che soltanto al terzo posto con il 21,36% pari a 12.223 voti. Sono trascorsi cinque anni, ma sembra essere passato un secolo per i cambiamenti radicali apportati alla politica locale dal movimento cinque stelle con il quale da oggi dovere fare i conti. F.N.

Coltraro: Il Megafono unico partito senza premier a non scomparire dallo scenario politico siciliano
presidente della Regione Rosario Crocetta al Senato in provincia di Siracusa ha "confermato i risultati delle regionali". Lo sottolinea in una nota il deputato del gruppo Crocetta all'Ars, Giambattista Coltraro, che in una nota afferma: "Bisogna tener conto che il Megafono stato l'unico movimento che non esprimeva un premier a non scomparire dallo scenario politico della Sicilia, cosi' come avvenuto nel Centro destra. Gli elettori siciliani con questo voto hanno riconfermato fiducia al movimento che fa capo al governatore, mentre e' mancato da parte del Pd di Bersani quell'appeal nell'elettorato che avrebbe permesso al centrosinistra di vincere le Politiche". In foto, Coltraro e il governatore Crocetta.

In foto, Pippo Zappulla e Bruno Alicata.

Il movimento il Megafono del

gnante precaria di Rosolini Maria Marzana del Movimento cinque stelle. Come ha commentato a caldo il parlamentare regionale del M5S, Stefano Zito, quella di domenica scorsa stata come la caduta degli dei. Tanti quelli siracusani, anche storici, che non sono tornati in Parlamento. E il caso del senatore Roberto Centaro che dopo diciotto anni di deputazione, deve oggi lasciare lincarico e tornare a fare il magistrato, vittima della deludente prestazione di Grande Sud, movimento che riuscito soltanto a collocare il suo leader Gianfranco Miccich e nullaltro. Fuori dai giochi anche lex sindaco di Siracusa, Roberto Visentin, che ha comunque sfiorato il seggio, atteso che per la lista Monti

sono scattati due seggi (uno per circoscrizione) in Sicilia attribuiti ai capilista e quindi allimprenditore catanese Andrea Vecchio. Anche Fabio Granata soccombe allinconsistenza del Fli di Gianfranco Fini. Minimo anche lapporto dellUdc di Casini. Discorso diverso per lavvocatessa siracusana Sofia Amoddio che nella lista del partito democratico per la Camera era collocata allundicesimo posto, mentre al partito sono scattati dieci seggi. Ma la capolista del partito democratico per la Sicilia Orientale, Flavia Piccolo Nardelli, dovrebbe optare per il seggio del Piemonte, regione di residenza, per cui viene a liberarsi proprio lundicesimo posto nella lista che avvantaggerebbe proprio la Amoddio. R.L.

Passato lo tsunami, bisogna attendersi unaltra onda anomala che si trascini fino alle prossime elezioni amministrative. Il fenomeno Grillo, alimentato in questi anni dallinsipienza della politica ufficiale, accresciuto dalle adesioni di cittadini, stanchi di un certo modo di fare politica, atteso adesso al varco e non pi come una sorpresa o come una rivelazione, alle prossime elezioni per il rinnovo del consiglio comunale, di quello provinciale e per lelezione di sindaco di Siracusa e presidente della Provincia, per non parlare degli altri comuni del Siracusano chiamati alla fine di maggio alle urne. Permanendo il malcontento generale, non improbabile che ci possa essere la sorpresa anche per le amministrative. Si parte da un dato di fatto oggettico. Il movimento cinque stelle a Siracusa ma anche in provincia da oggi il primo partito in assoluto. Con i suoi voti supera di gran lunga sia la coalizione di centro sinistra sia quella di centro destra. Un boom forse inatteso anche fra gli adepti del movimento di Grillo, che apre nuovi scenari e fa una breccia tra i partiti tradizionali. Questultimi devono sapere bene interpretare il messaggio lanciato dalle urne per le Politiche, per sapere come trovare lantidoto giusto. C voglia di cambiamento, voglia di nuovo, di persone magari non capacissime, ma certamente vicine alle esigenze e al sentore del cittadino comune. Siracusa, per rimanere al nostro territorio, ha bisogno di una squadra di amministratori in grado di essere lungimirante, con programmi magari essenziali ma certamente utili alla bisogna. Chi prende in mano il testimone, sa che questo molto scomodo. Le casse ormai a secco dell'ente di piazza Duomo e le tante problematiche anche spiccole che attendono al varco, dimostrano come serva sempre pi passione e spirito di abnegazione. Non sar facile fare il sindaco della citt capoluogo e questo lo sanno anche quelli del movimento cinque stelle, che, superato il periodo di euforia che iniziato nellottobre scorso con la vittoria alle Regionali, sanno che affrontare lamministrazione di una comunit cosa difficile assai e serve in primo luogo la cultura di governo. Giuseppe Bianca

Londa lunga attesa a maggio

EDITORIALE

27 feBBraio 2013,Mercoled

il decreto sul novellame rischia di provocare crisi istituzionale


Il recente Decreto Assessoriale
del Governo Regionale per la Pesca del novellame sta rischiando di far nascere una crisi istituzionale per una guerra di competenze con il Governo Nazionale che ha intimato al comando Generale delle Capitanerie di attenersi alle direttive della Comunit Europea ed al piano Nazionale per la Pesca del Dicembre 2010. Lo afferma Pasquale Aliffi, responsabile del settore Pesca dellUgl di Siracusa. Il Presidente Crocetta con il suo Assessore Caltabellotta continua Aliffi -, invece, dopo essere stati costretti in un primo tempo a bloccarlo, a breve riproporranno il decreto avvalendosi delle norme dello Statuto Speciale dellAutonoma Regione Siciliana rimodulandolo ed inviandolo per conoscenza alla Comunit Europea. Nella speranza che il tutto non sia stata una manovra elettorale, constatiamo con piacere che abbiamo finalmente un Presidente di Regione che fa uso di quello Statuto Speciale che ci permette di evidenziare le nostre prerogative territoriali invece che rigide norme Europee che non tengono In foto, una cassetta di novellame. conto delle caratteristiche di ciaal lastrico da scellerate leggi aumentare la crisi di uno stato pesca che potrebbe usufruire di scun Paese. Ci auguriamo - continua il sin- Europee che pian piano stanno sociale per la relativa disoc- prezzi speciali per un carburante dacalista - che nel rimodulare il facendo consegnare le licenze cupazione dei componenti del dal prezzo eccessivo che viene lavorato nella nostra Sicilia e che in decreto si prendono in conside- di pesca a tantissimi che hanno comparto Pesca. razione i suggerimenti inviati avuto tramandato dai loro genitori Ben venga, inoltre, - conclude alcune nostre zone nel passato ha allAssessore dal Sindacato UGL questo antichissimo mestiere, Aliffi - lo Statuto Speciale, se non causato problemi fisici a diversi di Siracusa che auspicava una contribuendo nel contempo ad per tutti, almeno per il comparto nostri bambini nati malformati. apertura per tutti senza vincoli che poi nello specifico scontenterebbe cronaca molti e scatenerebbe, come gi stava succedendo in quei pochi giorni di apertura, una guerra fratricida fra poveri. Volendo poi soffermarci sulle motivazioni degli ambientalisti e sulle giuste stato ammesso agli arresti domiciliari An- comando provinciale di Siracusa, a seguito di una norme di ripopolamento Ittico tonino Rossitto, il 39enne siracusano, che era mirata perquisizione, ad arrestare lo scorso anno dobbiamo far evidenziare che se stato arrestato nel giugno dello scorso anno Antonino Rossitto, residente in via Immordini con quei banchi di novellame saranno perch trovato in possesso di tre pistole ille- laccusa di detenzione illegale di tre pistole, due future sarde, acciughe o alaci, galmente detenute. delle quali marca Beretta di vero anche che con la perdita delle Il provvedimento di scarcalibro 7,65 e la terza marquote Tonno da parte dellItalia a cerazione stato adottaca Franchi Llama, calibro favore delle quote latte del Nord to dal Gip del tribunale di 7,65 parabellum, nonch di girano nei nostri mari tantissimi Siracusa, Alessandra Gigli, caricatori pieni di munizioni Tonni che si cibano e fanno stragi in accoglimento della spee di ricettazione delle armi. di quintali di questo tipo di pesci. cifica richiesta avanzata dal Tra l'altro la pistola calibro Il paradosso che noi Italiani non legale difensore, avvocato 7,65 parabellum risultata possiamo pescare Tonni mentre i Junio Celesti. di provenienza furtiva. Era pescatori spagnoli e nord africani Il Rossitto aveva fatto stata rubata, infatti, a casa di fanno incetta di questi pesci nel istanza di patteggiamento a un professionista che aveva mare nostrum in barba ai pesca2 anni e 6 mesi di reclusione, che gli ha per- denunciato il furto alla Tenenza dei Carabinieri tori siciliani. messo di ambire alla meno afflittiva misura di Floridia il 15 aprile scorso. Antonino Rossitto, Ben venga allora la volont di degli arresti in casa. custodiva le pistole e le munizioni all'interno di mettere in atto lo Statuto Speciale Sono stati i carabinieri della compagnia del una barca. per le nostre marinerie, ridotte

Lo afferma Pasquale Aliffi, responsabile del settore Pesca dellUgl di Siracusa a proposito della recente normativa adottata dallassessorato regionale

Sorpreso a rubare sigarette diciottenne condannato a quattro mesi

Gli

Deteneva tre pistole in una barca 39enne ammesso agli arresti in casa

agenti delle unit Volanti della Questura di Siracusa hanno arrestato Danilo Pitino (nella foto qui sopra) di 18 anni, siracusano, gi noto alle forze di polizia, per il reato di furto aggravato. In specie il giovane asportava alcune monete e una stecca di sigarette da un distributore automatico sito allinterno di un distributore di carburanti. Dopo le incombenze di rito il giovane stato posto agli arresti domiciliari. Ieri mattina, difeso dallavvocato Junio Celesti, comparso al cospetto del giudice unico, Carmen Scapellato, per essere sottoposto al processo con il rito per direttissima, al termine del quale stato condannato a 4 mesi di reclusione. Pitino ha ottenuto il beneficio della sospensione condizionale della pena, per cui a conclusione del processo stato scarcerato e rimesso in libert.

Sarebbe lui lautore di una serie di attentati incendiari ai danni di automobili parcheggiate lungo la strada. Le prove sarebbero schiaccianti a suo carico ed per questo che stato denunciato a piede libero a distanza di qualche giorno dal verificarsi degli episodi per i quali dovr adesso rispondere. Sono stati gli agenti del Commissariato di pubblica sicurezza di Pachino hanno individuato il secondo autore degli episodi incendiari che si sono verificati nella nottata del 24 febbraio scorso un minore di anni 17, di Pachino. La notte degli eventi criminosi il giovane, con Vizzini Alessandro, tratto in arresto nella circostanza per il reato di evasione, a bordo di uno scooter,

E stato deferito dai poliziotti a seguito delle ricerche degli autori del danneggiamento di alcune automobili

un diciassettenne lautore di alcuni incendi a pachino

27 feBBraio 2013, Mercoled

Pattuglia delle unit Volanti. circolava per le vie alle ore 01.30 in via cittadine prima di Giardina. Alla vista appiccare gli incendi dei poliziotti, i due delle due autovettu- malviventi fuggivare, una Renault Clio no frettolosamente a nera trentacinque bordo di uno scooter. minuti dopo la mez- Intercettati da una zanotte in via Anita, pattuglia della Voed una Fiat Punto lante sul posto, mendi colore bianco, tre il Vizzini stato

bloccato dagli operatori, il minore stato lesto a far perdere le proprie tracce per le vie adiacenti. Da quel momento sono scattate le ricerche da parte degli investigatori tuttavia lo stesso veniva ricono-

sciuto in un secondo momento, identificato dagli agenti del commissariato e deferito alla Procura dei minori per concorso in danneggiamento seguito da incendio e furto. R.L.

autosport

s.r.l. c.da targia 18 siracusa tel.0931 759918

autosport.toyota.it

Per Silvio Vintaloro necessario analizzare il voto delle Politiche per rilanciare un sistema diverso di fare politica nel Paese
Il segretario dei giovani democratici della citt di Siracusa, Silvio Vintaloro, commenta le elezioni politiche 2013. Si mette male, non tanto per il centrosinistra, ma per il futuro dellItalia intera - dice Vintaloro - . C uningovernabilit che specchio del voto degli italiani durante questa tornata elettorale. Sicuramente c da fare tanta autocritica relativa alla modalit dello svolgimento della campagna elettorale, perch non positivo che a muoversi in modo pi esaustivo siano solo ed esclusivamente i candidati, pi altre quattro persone per ogni citt o paese. Ovviamente non un riferimento a qualcuno in particolare, ma in generale. Lautocritica semplicemente necessaria, ma di sicuro non si pu dire che se ci fosse stato Renzi sarebbe andata diversamente. Non perch io abbia qualcosa contro il sindaco di Firenze, ma semplicemente perch a mio modo di vedere il problema non n Bersani, n Renzi. In Italia c un problema di fondo, legato alla cultura. Nel nostro paese non una novit quando si parla di deficit culturale in termini di etica, a dimostrarlo sono i fatti di corruzione politica ed economica. Dunque non mi sento di attaccare Bersani come un irresponsabile, ma mi sento soltanto di prestare lui solidariet, perch lunica colpa che ha avuto in questa campagna elettorale, quella di non aver fatto una falsa promessa alla pari di quelle emesse dal duo cabarettista Grillo-Berlusconi. Il segretario dei Giovani Democratici esclude Pierluigi Bersani dai possibili colpevoli per il risultato delle elezioni. Un altro problema fondamentale su cui bisogna fare autocritica, quello legato allimmagine che il Partito Democratico da al di fuori. Limmagine di disorganicit. Questo aspetto negativo lo si dimostra anche tuttora quando si attacca Bersani in modo poco dignitoso e si elogia Renzi, non perch io sia contrario a Renzi, ma perch fare queste considerazioni dopo aver partecipato alle primarie, dimostra di essere poco coerenti. Inviterei quindi tutto il Partito Democratico, specialmente qui a Siracusa e in provincia, di mettere da parte i classici rancori e di andare

i giovani democratici Faremo autocritica

27 feBBraio 2013, Mercoled

vita di Quartiere

27 feBBraio 2013, Mercoled

Nella zona umbertina del quartiere di Santa Lucia la presentazione di un modello idoneo al coinvolgimento dei due bacini portuali aretusei

avanti uniti, perch c bisogno di unit una volta per tutte. Non si pu continuare a fare una lotta interna, non ci si pu impegna-

In foto, Silvio Vintaloro.

re ogni volta per fare di tutto per perdere. Quindi il messaggio che Vintaloro lancia al partito quello di mostrare pi unit e di

fare autocritica sulla campagna elettorale e di non incolpare solo ed esclusivamente il segretario nazionale, Bersani.

Siamo felici di aver contribuito al successo di Pierluigi Bersani. Parola di Pippo Gianni, che commenta il risultato elettorale del Centro democratico in Sicilia. Un sistema elettorale barbaro - dice Gianni non ha permesso che la reale volont di cambiamento della maggioranza degli italiani, che ha dato fiducia al programma del centro sinistra, potesse confermare un Governo del Paese scaturente dalla coalizione che ha preso pi voti. Una stabilit che potesse permettere lavvio di una stagione di riforme, con in primis quella elettorale, di cui il Paese ha tanto bisogno. Sono felice - continua il parlamentare regionale siracusano - che in Sicilia, il Centro Democratico, abbia ottenuto il seggio alla Camera. Sono convinto che lamico Tabacci premier lo sforzo degli elettori siciliani, optando per unaltra regione, consentendo allamico Carmelo Lo Monte di andare in parlamento. A lui va laugurio affettuoso di buon lavoro mio e dellelettorato della provincia di Siracusa, senza il quale non si sarebbe potuto raggiungere questo importante risultato. La circostanza che sia a Roma che a Palermo a

Un sistema elettorale barbaro non permette il cambiamento

Il commento allesito del voto

Governare sar il centro sinistra, pu permettere che i temi dello sviluppo e del lavoro diventino fatti concreti - conclude Gianni - Gli amici che hanno dato fiducia al progetto del Centro Democratico, vedranno in me e nellamico Lo Monte, limpegno e il sacrificio di due uomini che hanno a cuore lesclusivo interesse del rilancio della Sicilia.

n'importante presentazione dell'architetto Alessandro Bovo al convegno sulla valorizzazione delle citt portuali che si tenuta nella sala Costanza Bruno della Provincia Regionale di Siracusa. Il convegno ha mirato a sviluppare con una operazione di alto profilo culturale e scientifico, una visione strategica connessa alla valorizzazione delle citt portuali. Nel corso del convegno illustri relatori hanno approfondito il tema a cominciare dal dott. Aldo Garozzo presidente dell'Autorit Portuale di Augusta, del dottor Orazio Micali Soprintendente ai beni culturali ed ambientali di Siracusa, della prof. ssa Francesca Castagneto docente della Facolt di Architettura di Siracusa e del dott.

c un modello di hub per la portualit siracusana


Michele Mangiafico Presidente del Consiglio Provinciale di Siracusa che ha evidenziato l'importanza di sviluppare questi progetti. La proposta dell'architetto Alessandro Bovo Presidente dell' Associazione Sviluppo Ambiente e Cultura stata quella di costituire un hub del Mediterraneo, cio non solo sviluppare il Porto Turistico ed il Porto Commerciale di Siracusa come un'unica struttura, ma sviluppare anche una programmazione unica dei porti del mediterraneo che associati rappresenterebbero un volume di traffico enorme posizionandosi nel ranking europeo dei porti pi importanti. Si tratta senza dubbio di passi strategici con lobiettivo di migliorare il potenziale turistico e commerciale, la qualit e lefficienza del sistema portuale del Mediterraneo e delle infrastrutture collegate. Citt portuali intese come laboratori per linnovazione e lo sviluppo sostenibile. Sviluppare tale programma significherebbe portare quest'area portuale al centro del Mediterraneo, com'era anticamente. Con questo convegno ci si proposto di suggerire nuovi indirizzi e possibilit alla pianificazione dei luoghi sede di ambiti portuali, col fine di superare i conflitti e le criticit che sussistono tra porto e contesto. In particolare le citt portuali rappresentano uno strategico crocevia di flussi di persone, merci e informazioni, importantissimo per la competitivit dellintero sistema costiero e territoriale. Esse rappresentano, un grande potenziale luogo di attrazione di nuove imprese, sia per la gamma sia per la qualit dei servizi offerti, ed in questo contesto si pu fare riferimento ad importanti citt portuali come Barcellona, Bilbao, Amburgo e Rotterdam che in questi ultimi anni stanno compiendo passi da gigante. Su questo indirizzo prioritario progettare e riqualificare le aree portuali di Siracusa ed Augusta in un contesto di sviluppo unico in termini di innovazione, di valorizzazione delle risorse naturali e culturali e di integrazione delle risorse e dei servizi al fine di accrescere la competitivit, a livello mediterraneo, sud europeo e globale e quindi assicurare la coesione dei territori e favorire nel tempo occupazione e sviluppo sostenibile. Nel contesto dei trasporti il modello cosiddetto hub and spoke si sviluppato negli Stati Uniti dAmerica in seguito alla deregulation nel comparto strategico dell'aviazione civile commerciale. L'introduzione delle regole del libero mercato, e la possibilit di definire arbitrariamente il prezzo del biglietto, avevano infatti reso assolutamente necessaria una revisione dell'architettura dei trasporti aerei, sia passeggeri che cargo. Concentrando i collegamenti su un "hub", il risultato una capacit di fornire pi frequenze tra due aeroporti "spokes", il cui flusso di traffico, invece di risolversi con voli diretti, viene convogliato sull'hub.

ltimamente nel salone multimediale Ferruzza - Romano del Consorzio Plemmirio, ha avuto luogo il convegno-mostra Agenda Bioarchitettura, un patto per lambiente. Levento organizzato da Inbar (Istituto Nazionale Bioarchitettura) Siracusa con la partecipazione del Consorzio Plemmirio, della Provincia regionale e del Comune di Siracusa e di numerosi Comuni siciliani, di ordini professionali e della Banca Agricola Popolare di Ragusa, si svolto in occasione di Millumino di meno Giornata nazionale del risparmio energetico, un incontro programmatico per il Patto dei Sindaci. La bioarchitettura, secondo la definizione coniata dallo stesso Istituto Nazionale di Bioarchitettura (Inbar), l'insieme delle discipline che presuppongono un atteggiamento ecologicamente corretto nei confronti dell'ecosistema. In una visione caratterizzata dalla pi ampia interdisciplinarit e da un utilizzo parsimonioso delle risorse, la bioarchitettura tende a integrare le attivit dell'uomo alle preesistenze ambientali ed ai fenomeni naturali, al fine di realizzare un miglioramento della qualit della vita attuale e futura. Le teorie della bioarchitettura si diffondono nella met degli anni 1970, grazie allimpegno di alcuni studiosi contro limpiego di materiali e sostanze nocive artificiali nelle costruzioni.

Nelle modalit progettuali della bioarchitettua un patto per lambiente

10

27 feBBraio 2013, Mercoled

Concerto della pia-

Christelle Abinasr allAsam

Ortigia: lesibizione della pianista francese presso il salone Carabelli

nista Christelle Abinasr, presso il Salone monsignor Giacomo Carabelli di via Torres 10, nel cuore del centro storico aretuseo di Ortigia . Formatasi al Conservatoire National de Rgion de Paris con Olivier Gardon e Emmanuel Mercier, Christelle Abinasr ha studiato strumento principale al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica della stessa citt, con Henri Barda e Isabelle Dubuis, e musica da camera con Pierre Laurent Aimard e Jean-Guilhen Queyras, laureandosi a pieni voti. Il suo interesse per il "Lied" e il repertorio "mlodie" l'ha portata a continuare nella sua formazione artistica presso il Conservatorio Nazionale Superiore di Parigi nella classe di canto di Ann Grapotte, dove si specializzata in accompa-

In foto, la bella pianista Christelle Abinasr. gnamento pianistico. ghilterra e Kosovo Qui ha conseguito (Les Floraisons Mula laurea specifica e sicales, Concerti in ha poi continuato la Altamarca, Notomusua formazione con sica, PianosEchos in Jeff Cohen. Ha tenuti Monferrato, Kosova concerti come piani- Kamerfest a Prishtista solista e musicista na, Steirisches Kamda camera con Pier- mermusik Festivare Hommage, Alain land) e in prestigiose Pelissier, Alexandre sedi europee, come il Amedro, Jean-Louis Thtre du Chtelet, Beaumadier, Philip- lIstituto francese di pe Bernold, Ransom Berlino e l'Opra de Wilson, esibendosi Marseille. nei maggiori festival La pianista Christeleuropei, tra cui In- le Abinasr, ha tenuto

registrazioni radiofoniche per FranceMusique. Nel 2009 ha registrato le sonate per violino e pianoforte di Cesar Franck e William Lekeu con il violinista Alexandre Amedro. Nel 2011, il compositore Florent Gauthier ha dedicato alla pianista francese e al flautista JeanLouis Beaumadier, la composizione per ottavino e pianoforte Fantaisie ornithologique e, un anno dopo, Les caractres, primo libro di pianoforte dedicato ai concertisti Didier Castel-Jacomin e Christelle Abinasr. In programma, per gli Amici della Musica di Siracusa, Reflets dans l'eau, Hommage Rameau, Mouvement e L'Isle Joyeuse di C. Debussy seguito da Les Caractres opus 25 di F. Gauthier e da Ondine, Le gibet e Scarbo di M. Ravel, da Gaspard de la Nuit. Il Concerto della pianista Christelle Abinasr stato patrocinato da Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo e Regione Siciliana, Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, con sponsor unico della Banca Agricola Popolare di Ragusa.

Giovani Democratici di Siracusa intervengono sul campo delle politiche sociali. Dal loro punto di vista, infatti i governi precedenti hanno esclusivamente tagliato le risorse destinate alle politiche sociali. Il segretario cittadino Silvio Vintaloro interviene a riguardo: Non esistono fondi destinati alla non autosufficienza, fondi drasticamente ridotti, ai danni delle famiglie, dei giovani e dei servizi per linfanzia. Per questo motivo noi Giovani Democratici rivendichiamo il rifinanziamento per le politiche sociali e la tutela verso le famiglie meno abbienti. Luscente Amministrazione Visentin non ha saputo gestire questa situazione, riempiendo di promesse false le famiglie gi disagiate. Altro problema, non meno rilevante, quello legato alla povert. C bisogno di un piano di contrasto alla povert e allesclusione aggiunge Vintaloro non possibile che nel 2013 ci siano ancora queste discriminazioni. Nel campo della protezione sociale rientra sicuramente il disagio relativo alla sanit. La nostra proposta quella di eliminare definitivamente il ticket sulle visite specialistiche continua il segretario dei Giovani Democratici, e ancora bisognerebbe investire nei servizi territoriali e nella riqualificazione della rete ospedaliera. Lamentele ma non solo, dunque. I Giovani Democratici della Citt di Siracusa hanno le idee chiare per quanto riguarda il rilancio delle politiche sulla protezione sociale. Gli ultimi governi filo-berlusconiani di centro destra non hanno fatto altro che impoverire ancora di pi il nostro territorio, tagliando lo Stato sociale, aumentando le disuguaglianze e ridotto i sostegni per i disabili e per le famiglie in grande disagio. Bisogna smetterla una volta per tutte di offendere la dignit collettiva. Noi siamo pronti a confrontarci con qualsiasi amministratore locale e non, perch le nostre proposte sono chiare e soprattutto umane conclude Vintaloro. La programmazione sociale a livello regionale e territoriale in attuazione della legge quadro per la realizzazione del sistema integrato d'interventi e servizi sociali che, caratterizza la sua innovativit in una radicale trasformazione dello Stato Sociale, richiama l'assunzione di reciproca responsabilit all'impegno per la prevenzione, l'inclusione. L'affermazione ed esigibilit dei diritti connessi alla protezione sociale. Nuove metodologie e strumenti sono stati messi in atto dal Settore Politiche Sociali per l a realizzazione di un tale sistema reticolare, a partire dalla promozione di processi di partecipazione collaborazione dei diversi attori istituzionali e non che accompagna l'applicazione delle legge con una scelta di responsabilit condivise. Avviare, sostenere, coordinare ed integrare azioni che concorrono allo sviluppo delle comunit locali, all'integrazione dei cittadini pi svantaggiati, all'inclusione e alla cittadinanza attiva, nella consapevolezza della complessit di una "risoluzione normativa" per molti versi ancora incompleta la sfida in atto. Questo sito si presenta, quindi, come uno degli strumenti nuovi che contribuisce all'esercizio della partecipazione e della coprogettazione per una politica di interventi integrati attenti ai bisogni che sorgono durante il ciclo di vita e nella quotidianit dell'esistenza, volti da una parte alla promozione e salvaguardia di una migliore e diffusa qualit della vita e dall'altra a garantire su tutto il territorio regionale un livello uniforme di sevizi e prestazioni essenziali.

Politiche sociali ancora da valorizzare adeguatamente

27 feBBraio 2013, Mercoled

Sembra quasi che ancora bruci lesperienza settecentesca inglese, passata sotto il nome di usurpazione dei diritti sacerdotali. Eppure, i massimi esponenti della laicit in Italia, oltre a Cavour, Croce, Gobetti e Einaudi, sono stati Don Sturzo, De Gasperi e Carlo Arturo Jemolo: lezioni dimenticate?

11

Laicit e integralismo senza atteggiamenti fideistici


Caro Direttore,
come ogni mattina, ho letto anche ieri con curiosit il Suo giornale. Sono convinto che il miglior modo per comprendere le notizie, come mi ha insegnato fin da bambino mio padre invitandomi ad applicare un principio fondamentale per ogni spirito libero, quello dellapproccio laico, senza atteggiamenti fideistici che valgono solo ad obnubilare la mente e ad interpretare il mondo esterno secondo schemi precostituiti, immutabili e, in ultima analisi, poco intelligenti (nel senso etimologico del termine, senza offesa per nessuno). Evidenziate le superiori premesse, mi sono meravigliato due volte di alcune considerazioni svolte in un articolo apparso a pagina 8 delledizione del 24 febbraio scorso. Si, due volte: sia perch provenienti da un professionista colto e attento sia perch frutto di antichi steccati ideologici, ormai obsoleti, che hanno portato a confondere il laico col mangiapreti, a temere che la cultura libera sia pericolosa per i principi fondanti una societ e a rimpiangere di aver dovuto dare a Cesare quel che di Cesare, scordando che questultimo caposaldo delle moderne democrazie si fa comunemente discendere proprio dagli insegnamenti del Dio al quale la maggioranza degli italiani pare siano devoti.

Sembra quasi che ancora bruci lesperienza settecentesca inglese, passata sotto il nome di usurpazione dei diritti sacerdotali. Eppure, i massimi esponenti della laicit in Italia, oltre a Cavour, Croce, Gobetti

e Einaudi, sono stati Don Sturzo, De Gasperi e Carlo Arturo Jemolo: lezioni dimenticate? Ed allora, non si pu parlare di laicit esasperata, perch altrimenti dovremmo metterla in correlazione alla religiosit integralista o al clericalismo: non un buon approccio alla discussione serena e mostra di disconoscere levoluzione culturale, che impone il rispetto delle altrui opinioni, la tolleranza verso chi la pensa diversamente, lobbligo morale e civile di coltivare le differenze perch fonti di arricchimento e di libert (politica, religiosa, etc.). Non si pu ridurre surrettiziamente la laicit ad una forma di esclusione della religione: tuttal contrario, se non vogliamo tornare al tempo dellInquisizione o alla falsa opposizione laici-cattolici. A meno che a meno che nelle equazioni proposte si celi una sorta di inconfessata invidia per le attuali nefaste esperienze politiche delle nazioni musulmane. La laicit, se correttamente intesa, figlia del liberalismo, costituisce un metodo, aiutato dalle leggi dello Stato, che devono essere rigorosamente neutrali e garantire, di conseguenza, ogni concezione politica rispettosa della convivenza civile o confessione religiosa non tendente allesclusione di ogni altro credo, in ossequio alla massimo grado possibile di libert di espressione. La laicit nega il dogma e la chiusura mentale ed intende le identit culturali non finalizzate a restringere lo spazio ad altre identit culturali: anzi, incoraggia la comprensione e letica delle responsabilit. Purtroppo, noto con rammarico che i superiori valori (libert, comprensione, tolleranza, neutralit, responsabilit, rispetto, uguaglianza, legalit), elementari ed indiscutibili in ogni altra nazione del mondo civilizzato, non sono ancora entrati nel DNA italico. Purtroppo, col formalismo integralista di chi si batte il petto chiedendo perdono per s stessi, si corre il pericolo di condannare sempre e comunque il prossimo non assimilato! Cordiali saluti. Avv. Giovanni Sallicano

12

n ei

Ripristinare il senso forte e severo dello Stato unitario

il regionalismo fallito, programmare politiche territoriali integrate


tela. periodicamente la pubblica opinione segue con profonda amarezza e pari impotenza le severe circostanziate analisi e denunzie della corte dei conti sulla diffusione della corruzione e dispersione del pubblico denaro senza seguito di efficaci provvedimenti repressivi. la grande maggioranza degli italiani chiede la soppressione di questo assurdo inutile regionalismo, chiede che si ponga fine allo sperpero del pubblico denaro che frutto del lavoro e del risparmio della gente comune e che sia instaurato un regime di severa moralit nellesercizio delle pubbliche funzioni. Ma altres da considerare che la svalutazione teorica del regionalismo fondata su preminenti ragioni di critica politica. lesperienza storica ha insegnato che lesercizio ravvicinato di vasti poteri di governo di vasti territori si sottrae al controllo di merito e di legittimit con la falsa motivazione di una male intesa autonomia che non pu essere limmunit dai vincoli della legalit. Questa disarmante realt allorigine della decadenza politica del nostro paese che ha necessit di una forte e severa ripresa dellautorit dello stato unitario che il vero fondamento della libert. su queste basi litalia si salver. Corrado Piccione

27 feBBraio 2013, Mercoled

tempi risorgimentali da cavour a Minghetti fu ideato il decentramento amministrativo quale esile organo funzionale alle esigenze di rendere spedita la gestione nellambito territoriale dei servizi di pubblica utilit. tale linea fu confermata dalla cultura liberaldemocratica da einaudi a Maiorana e dalla cultura di ispirazione cattolica da toniolo a Meda a de Gasperi. era una geniale intuizione che superava il rigido centralismo franco piemontese e inverava lessenziale del federalismo unitario da Gioberti a cattaneo ch per non ebbe integrale attuazione. _________ lesito disastroso di un assurdo conflitto condusse a situazioni irrazionali. in sicilia il dominio dello straniero assecond la ripresa della piovra mafiosa che fu il lievito di aberrazioni isolazioniste in contrasto con la nobile tradizione unitaria. nel nord prevalse il leghismo secessionista che calpesta le idealit risorgimentali. sono entrambi il prodotto di un assurdo frazionismo separazionista. _________

principio regionista frantumando lunit nazionale. cos la tradizione risorgimentale del decentramento fu sostituita con la istituzione di strutture macro centraliste con elefantiache dimensioni burocratiche, con sperimentata in-

capacit di risolvere i complessi problemi della vita locale, che ha di fatto annullato la vitalit delle comunit cittadine che sono la base delledificio costituzionale dello stato. appartiene alla esperienza comune la cognizione della as-

soluta negativit del regionalismo caratterizzato dalla colpevole dispersione di pubblico denaro, da diffusa corruzione, da illeciti arricchimenti non sempre perseguiti adeguatamente. nel sistema regionista il pubblico denaro non ha adeguata tu-

lassemblea costituente proclam i grandi principi di libert e di solidariet civile ma accolse pur con diffuse riserve di autorevoli costituzionalisti e di eminenti politici (togliatti, nenni) il In alto lavv. Corrado Piccione, sopra Sala dErcole.

l autonoma capacit dei sistemi locali di disegnare sentieri di sviluppo fondati su vantaggi competitivi assoluti, basati cio su risorse non riproducibili senza le condizioni culturali, tecnologiche, economiche e sociali di contesto, si accompagna necessariamente a una modificazione delle relazioni interistituzionali tra i differenti livelli di governo territoriale. la scommessa , infatti, quella di dare forma e veste istituzionale allarticolazione decentrata e tendenzialmente federale della macchina pubblica, evitando sovrapposizioni funzionali e garantendo la necessaria trasparenza e legittimazione alla nuova struttura. 2.1 dallo stato-piramide allo stato-rete le soluzioni sono molteplici, nessuna delle quali di per s decisiva. esse possono limitarsi a introdurre forme di cooperazione interistituzionale orizzontale e verticale ad hoc, attraverso innovazioni organizzative che non implicano unalterazione del paesaggio istituzionale propriamente detto: in fondo, questo il percorso seguito dal processo di consolidamento degli istituti di programmazione negoziata dal 1996 a oggi. Ma c una strada forse pi ardua e pi densa di incognite, che pu assumere i risvolti di una vera e propria riforma dellarchitettura istituzionale del governo territoriale alle diverse scale, muovendo dal grado debole, corrispondente al decentramento amministrativo, al grado forte dellassetto federale. anche questa seconda via stata caratterizzata da passaggi riformatori, dapprima pi timidi (vedi l. 142/1990, dlgs 267/2000 sulle autonomie locali) poi sempre pi radicali e strutturali (riforma federale del 2001, provvedimenti relativi al federalismo fiscale e demaniale) che

Profili concettuali, esplorazioni progettuali in campo socioeconomico


27 feBBraio 2013, Mercoled

13

Stato-rete e territorializzazione delle politiche


tuzionali (le regioni e le province come momenti di rappresentanza e di coordinamento), un approccio cooperativo/ negoziale a livello dei singoli livelli territoriali e istituzionali. dal governo come azione che provvede a fornire direttamente una soluzione ai problemi (il governo come provider), si afferma ora la ricerca di soluzioni differenziate che coinvolgano un ampio ventaglio di soggetti, trasformando quella di governo in unazione che le renda nei fatti possibili (il governo come enabler). nei fatti si tratta di istanze volte a modificare prerogative, funzioni e struttura dellattore pubblico nella direzione in cui gi si era modificata, a partire dagli anni sessanta, la grande impresa privata. allora limpresa si era fatta rete, ristrutturando, decentrando e deverticalizzando le proprie funzioni. negli ultimi anni, ma sicuramente in misura assai timida, il processo stato avviato anche dallamministrazione pubblica, volto a delineare istituzioni pi piccole, pi agili, maggiormente vicine ai destinatari finali. i risultati sinora raggiunti sono tuttavia ben lungi dal ritenersi soddisfacenti: lavvento di uno stato reticolare, in cui istituzioni di governo, agenzie settoriali e istituti di concertazione parteciperebbero a unazione congiunta in senso sia verticale che orizzontale, un traguardo ancora lontano. spinte e controspinte di burocrazie pubbliche gelose delle proprie prerogative tecniche, insieme a una debolezza

ci hanno consegnato un quadro della distribuzione delle competenze tra i diversi livelli territoriali della repubblica certamente nuovo, bench non privo di evidenti imperfezioni e contraddizioni interne. proviamo ora a ricostruire questo duplice processo. levoluzione della disciplina volta a riconfigurare lazione della pubblica amministrazione in italia sufficientemente nota. essa poggia sulla riforma dellordinamento delle autonomie locali (l. 142/1990) cui, verso la fine del decennio seguirono le cosiddette Bassanini, volte a garantire superiori livelli di autonomia e di flessibilit dei governi locali. la legge 59/1997, in particolare, avvia un processo di decentramento di funzioni e compiti a regioni ed enti locali, seguita dalla legge 265/1999 che assume il principio della sussidiariet con la duplice finalit di: a) ripartire le funzioni tra

comuni e province, b) configurare un metodo per il loro esercizio. si tratta, com noto, di tesi affermatesi a livello continentale con la carta europea delle autonomie locali, sottoscritta a strasburgo nel 1985 e ratificata dallItalia con l. 439/1989. lapprodo del processo riformatore si ha con la Modifica al titolo V della ii parte della costituzione (2001). Questo insieme di disposizioni legislative non definisce, di per s, criteri di ripartizione delle competenze, ma pone fondamentali istanze di riequilibrio funzionale del sistema in caso di insufficienza dellistanza inferiore (cio quella maggiormente vicina alle persone e alle comunit) a esercitare adeguatamente le proprie competenze. lobiettivo quello di pervenire a meccanismi di concertazione tra i diversi livelli decisionali, sostituendo alle relazioni gerarchiche fra i consueti livelli isti-

evidente degli eletti, sul piano dellaccountability e delle competenze, disegnano il quadro di unamministrazione territoriale dello stato fragile, frammentata e percorsa da dinamiche competitive e conflittuali che oscurano i pur importanti passi in avanti sul piano della concertazione amministrativa. Quale che sia il livello di maturazione di un diverso stato, appare chiaro che alla macchina amministrativa si chiede di garantire un equilibrio tra pressioni di natura differente, talora conflittuali ed egualmente urgenti, che riguardano: il rispetto delle partizioni giurisdizionali formali e dei diversi livelli territoriali di governo; il riconoscimento delle interdipendenze tra le differenti politiche pubbliche; il bisogno di offrire risultati tangibili alla domanda sociale; la necessit di unazione prolungata nel tempo, indispensabile per realizzare forme di cooperazione efficaci (programmazione di lungo periodo); la connessione tra interventi locali, strategie regionali e quadri di riferimento programmatico nazionale (e internazionale, per es. ue) (Bradford, 2005). Tratto dallo studio dell'Istituto ricerche economico sociali del Piemonte che svolge la sua attivit dindagine in campo socioeconomico e territoriale, fornendo un supporto allazione di programmazione della Regione Piemonte e delle altre istituzioni ed enti locali

14

Contro ogni forma di esclusione sociale


27 feBBraio 2013, Mercoled

nche a Siracusa il Filo d'Argento dell'Auser. Si tenuta in questi giorni infatti, all'Hotel Villa Politi, la cerimonia di presentazione della iniziativa denominata "Filo d'argento" dell'Auser. Anche a Siracusa sar attivo dal mese di marzo il servizio di telefonia sociale realizzato dallAuser per contrastare solitudine ed emarginazione degli anziani. Per illustrare il nuovo servizio, gi presente da diverso tempo nelle altre regione italiane, e descrivere le attivit del circolo intergenerazionale "Nello Palazzolo" di Siracusa, ad uno dalla sua costituzione, sono intervenuti il presidente nazionale Auser Michele Mangano, il presidente provinciale Francesco Di Priolo, il presidente del circolo aretuseo Salvo Antoci, e i rappresentanti dei vari circoli provinciali. All'evento, che tenuto terr presso l'hotel Villa Politi di Siracusa, hanno preso parte l'attrice Carmelinda Gentile con un suo recital e il Coro delle donne con il Coro

Guardando alla condizione dellanziano ed alle sue tante problematiche giorno per giorno
tariato e di promozione sociale, impegnata nel favorire l'invecchiamento attivo degli anziani e a far crescere il ruolo dei senior nella societ. Si propone di contrastare ogni forma di esclusione sociale; migliorare la qualit della vita; diffondere la cultura e la pratica della solidariet e della partecipazione; valorizzare l'esperienza, le capacit, la creativit e le idee degli anziani; sviluppare i rapporti di solidariet e scambio con le generazioni pi giovani. La proposta associativa di Auser rivolta in maniera prioritaria agli anziani, ma aperta alle relazioni di dialogo tra generazioni, nazionalit, culture diverse. Auser non opera semplicemente per gli anziani, ma con gli anziani, per renderli protagonisti della soddisfazione dei loro bisogni. Auser stata costituita nel 1989 dalla Cgil e dal Sindacato dei pensionati Spi-Cgil. E' riconosciuta come Ente Nazionale avente finalit assistenziali, ed

Nel terzo settore attecchiscono nuove identit con un particolare riferimento alla terza et

delle Voci bianche dirette dal Maestro Mariuccia Cirinn. Il gruppo di volontari dell'Auser di Siracusa si appresta ad organizzare diversi servizi di assistenza: con una semplice telefonata gratuita si avr la possibilit di avere compagnia telefonica; il trasporto protetto per visite e controlli medici; ricevere aiuto per piccoli interventi domiciliari, richiedere la consegna della spesa

o dei farmaci; laccompagno alla posta o dal medico, informazioni sui servizi attivi nella propria citt e sulle opportunit di svago e intrattenimento offerte dallassociazione. Attraverso il Numero Verde del Filo dArgento gli anziani possono inoltre segnalare abusi e disservizi, ricevere assistenza legale, partecipare alle iniziative del circolo. Auser una associazione di volon-

iscritta nel Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale. E' una Onlus. Auser aderisce all'Istituto Italiano della Donazione, organismo garante della trasparenza ed efficacia dell'utilizzo dei fondi. Per svolgere al meglio la propria missione, Auser ha deciso, dal 2003, di strutturarsi in due distinte entit: Auser Onlus, che svolge prevalentemente attivit di promozione sociale, e Federazione Nazionale delle Associazioni Auser di Volontariato, dedicata al volontariato. Oggi Auser ha oltre 1500 sedi, conta 300 mila iscritti e 40 mila volontari. La Presidenza Nazionale composta da: Michele Mangano: Presidente Nazionale. Claudio Regazzoni: Vicepresidente. Marco Di Luccio: Vicepresidente. Patrizia Mattioli: Coordinatore Nazionale area tematica Eda-Uniauser, Osservatorio Nazionale Volonariato. Marica Guiducci: Politica e solidariet internazionale, Turismo sociale, Servizio civile

Un successo condiviso con il tecnico biancoverde Santino Coppa che per non nasconde la preoccupazione per il futuro della squadra con il permanere dei problemi di budget, vero tallone d'Achille della societ priolese
Un'ottima Isab Energy Priolo ritrova i suoi elementi migliori e batte il C.U.S Cagliari con venti punti di scarto. Con l'ultima gara, nonostante la vittoria su Umbertide, avevano lasciato molti dubbi tra tifosi e addetti ai lavori ma ieri sera le stelle di Cain, Veselovskij ed Erich sono tornate a brillare, regalando al pubblico amico una serata di ottimo basket. A completare il "lavoro" del trio, le ottime Milazzo e Donvito, letteralmente prese per mano dalle stoiche veterane Seino e Bonfiglio, entrambe acciaccate. Al suono della sirena Coppa schiera il quintetto composto da Erich, Donvito, Seino, Veselovskij, Cain, a cui Fioretto risponde con Goodall, Edelbrink, Fabianova, Santucci, Arioli. La gara si apre nel migliore dei modi con una tripla di Donvito, a cui replica Fabianova, ritmi velocissimi che portano le due formazioni subito ad un testa a testa. In evidenza tra le biancoverdi la gigante Cain, non solo in altezza in questa partita, decisamente pi reattiva dopo la lunga pausa, con ben 22 punti all'attivo e 19 rimbalzi totalizzati. Bene sin da subito anche Veselovkij che ritrova il pallino del gioco dopo aver realizzato solo 5 punti nelle ultime tre partite. Suo il canestro del 9-5 che da la possibilit alle compagne di allungare 13-5. Con un passivo di 8 Cagliari reagisce con Edelbrink, vera trascinatrice delle cagliaritane, secondo miglior punteggio del match(20). La grinta in attacco e una serie di liberi della svedese consentono alle ospiti di riportarsi in parit 1919, risultato che salva sul filo della sirena Veselovskij con tiri liberi a segno. Il secondo tempo si apre con un botta di Visconti, a cui replica ancora Veselovskij, nel frattempo Coppa opera una serie di cambi che mantengono viva la reattivit delle biancoverdi compresa una breve entrata di Bonfiglio, rallentata da un fastidioso problema alla spalla. Intanto Cain e Milazzo portano Priolo a +5 ma Brunetti ed Edelbrink riagguantano, anche se per poco, il pareggio. Si va all'intervallo lungo con le padrone di casa di nuovo in vantaggio grazie ad un parziale di + 6 che Cain pennella allo scadere. Nel terzo quarto la musica non cambia, Priolo trova l'allungo con Donvito e Veselovskij ma sul + 8 Goodall interrompe il digiuno delle cagliaritane con un libero a segno su due. Le padrone di casa non si lasciano intimorire e mantengono il doppio vantaggio fino a fine terzo parziale (48-44). Nel quarto tempo un tiro libero e una tripla della ritrovata Erich rilanciano Priolo, l'inizio dell'ultima decisiva offensiva. Sul risultato di 67-48 una tripla di Milazzo mette la gara sui giusti binari preludendo al trionfo finale. Dall'altra parte l'assolo di Edelbrink, con un parziale di + 7, prova a scuotere le compagne ma lo sforzo della svedese non basta alla formazione ospite ormai in affanno. Allo scadere Milazzo ci riprova e colpisce ancora con una tripla, chiudendo i giochi a + 20 per Priolo. Gli applausi e le congratulazioni che giungono dagli spalti sanciscono l'ottima prestazione delle biancoverdi che consolidano in sesto posto e guardano gi ai play off. Un successo condiviso con il tecnico biancoverde Santino Coppa che per non nasconde la preoccupazione per il futuro della squadra con il permanere dei problemi di budget, vero tallone d'Achille della societ priolese. "Sono soddisfatto di come le ragazze hanno interpretato la gara. Abbiamo ritrovato compattezza e voglia di far bene in tutti i reparti. Questo sforzo purtroppo, - aggiunge Coppa - rischia di essere vano per i noti problemi che la nostra societ non riuscita a risolvere e che rischiano di compromettere il nostro futuro agonistico se permarranno problemi di budget. Onestamente fare l'allenatore in queste condizioni non la cosa pi entusiasmante, noi tecnici dovremo pensare solo al gioco e a far vincere le nostre squadre, invece a me, in questa fase, tocca solo sperare di perdere per non dover affrontare trasferte sempre pi onerose".

Basket a1/F. Lisab Energy priolo vince sul cagliari con tante nubi allorizzonte

SPORT Siracusa

27 feBBraio 2013 Mercoled

15

Si insediato in questi giorni previo

Sperando che in citt possa muoversi qualcosa


abbiamo tante eccellenze in questo campo ma nessuno se ne ancora accorto o reso conto. Fare sistema non significa spifferare sulla stampa un idea piu' o meno brillante significa sedersi attorno ad un tavolo e pensare cosa serve ad esempio per rilanciare il turismo, a mio avviso sono tre gli ingredienti: a) Servizi intesi come trasporti, Navette mezzi di privati ma a costo competitivo etc. per consentire ai turisti meno disagio possibile, b) Cultura dell'accoglienza non solo nei locali ma anche nei Tourist point che non esistono o rimangono virtuali, c) Intrattenimento serale per le vie o in contenitori culturali del centro storico con manifestazioni permanenti che possano attirare ed allietare il turista annoiato che non ha nulla da fare dopo aver visitato i noti monumenti.

Sono troppi colonizzatori stranieri continuano ad attentare ancora alla crescita della nostra economia

al Grand prix di Montelepre podio il noto continua a vincere per l'arcobaleno di Siracusa ed il pres. Musso gongola
Certamente vedere giocare il Noto in queste ultime gare un gran bello spettacolo frutto di una importante ed azzeccata campagna acquisti su cui pochi forse avrebbero scommesso. Grande merito al mister ed al suo staff tecnico oltre che ai direttori per come riescono a motivare tutti i calciatori della rosa durante la settimana e cosa ancora pi sorprendente vedere come siano determinanti anche quei calciatori che a partita in corsa subentrano ad un loro compagno dalla panchina. Infatti, domenica vedi Torcivia che ha sostituito l'argentino Pignatta, la squadra non ha risentito alcun calo di rendimento perch ogni giocatore del Noto dimostra di meritare la maglia da titolare. Ultimamente la panchina si dimostrata la vera forza del gruppo dove chi entra ha motivazioni ed orgoglio da vendere vedi il caso di Mautone ad Acireale o di Torcivia ieri contro il Savoia - che ha letteralmente imbambolato la difesa ospite con una giocata straordinaria risultando poi decisiva ai fini della vittoria finale. Conclude sereno e fiducioso, il Presidente Musso, esorto la tifoseria e la citt di Noto a stare vicino ai colori granata perch la strada ancora in salita ed ardua ma non impossibile e se le prestazioni della squadra si confermeranno, come in queste ultime cinque vittorie, nulla precluso al Noto.

giuramento davanti al commissario e prefetto dott. Alessandro Giacchetti come consigliere comunale di questa nostra splendida e martoriata citt il dott. Alberto Saraceno. Nella speranza che possa muoversi qualcosa e fare squadra per apportare beneficio in questo nostro territorio oramai usurpato da troppo tempo da colonizzatori stranieri che hanno tentato e tentano tutt'oggi spesso riuscendovi nell'intento ad ostacolare la crescita della nostra economia sia essa in termini di servizi, infrastrutture, sanit, trasporti occupazione e quant'altro. Noi osserva infatti il dott. Alberto Saraceno non dobbiamo fermare la speranza ed il cammino verso la rinascita sia essa culturale che coscienziale della nostra gente. Siracusa deve appropriarsi delle istituzioni

a Lei sottrattagli in questi lunghi ed angoscianti anni di incapacit ed intuizione politica a svantaggio della comunit aretusea tutta. Per rendere grande una citt ci voglio grandi ed ambiziosi progetti, se saremo bravi capiremo che solo cos si puo' superare la tanto agognata

crisi altrimenti la nostra citt e la nostra provincia sar emarginata da un sistema economico viario commerciale turistico e cos via. Pensare ad un pacchetto Siracusa che dovr contenere le priorit ma anche una programmazione a vocazione prettamente turistica ed agrumicola

Giornata sportiva giovanile allinsegna dellallegria e soddisfazioni per alcuni giovani atleti della palestra Arcobaleno di Siracusa , che domenica a Montelepre hanno preso parte al Grand Prix giovanissimi della Fijlkam sicilia. Il Palazzetto dello sport affollato da

centinaia di giovani talenti di tutte le categorie , che si sono affrontati con tanta emozione e lealt. I ragazzini della palestra Arcobaleno , guidati dal Maestro Giuseppe Salerno, hanno dato il massimo ed hanno raccolto dei brillanti ri-

sultati. Particolarmente rlevante la prova, nella categoria dei 50 kg specialita' kumite di Gazze Simone 1 classificato e, sempre nella categoria dei 50 kg specialita' kata' 2 classificato Gazze Simone e 3 classificato Lo Monaco Lorenzo. Salvatore Cavallaro

16

27 feBBraio 2013, Mercoled

autosport s.r.l. c.da targia 18

siracusa tel.0931 759918

autosport.toyota.it