Sei sulla pagina 1di 10

Anno 0 numero 2 - Febbraio 2009

TRIBUTI E ONERI CONCESSORI


L’OPINIONE C’è posto per te:
Il Comune di Santa Margherita, nelle Gli idonei al concorso del Centro Ricerca di Biotecnologie
ultime settimane, ha notificato ai cit- (Servizio a pag. 4)
tadini delle richieste di pagamento
di tributi per il trasferimento in pro- I DEBITI DELLA CULTURA SANTORIANA
prietà delle aree assegnate ai privati
per la ricostruzione degli immobili IL CONSOLE D’ITALIA A NEW YORK
diruti dal terremoto, nonché delle RECLAMA SOLDI DAL SINDACO DI S. MARGHERITA
ingiunzioni di pagamento per oneri
concessori. Ancora sorprese e della Festa nazio-
Ho avuto modo di interessarmi di pubblicità negativa nale celebrata
entrambe le questioni; l’una, riguar- derivanti dal viaggio presso uno dei
dante i tributi richiesti per la regi- promozional-turistico migliori locali di
strazione e la trascrizione dell’ordi- e mangereccio fatto New York, il
nanza sindacale di trasferimento dai nostri ammini- Cipriani Wall
della proprietà dei lotti, per mero stratori & company in Street.
interesse scientifico; l’altra, riguar- terra d’America. “Una festa della
dante gli oneri concessori, per fini Si sono fatti ricono- Repubblica diver-
professionali, avendo la società pro- scere. Non per le pro- sa dal solito, la
fessionale della quale faccio parte mozioni Gattopardiane, bensì “per prima patrocinata dal console gene-
patrocinato ricorso innanzi al TAR. non aver saldato quanto pattuito”, rale d’Italia a New York, Francesco
Pertanto, mi pare opportuno dare un facendosi bacchettare dal Console Maria Talò” è quanto ha scritto
contributo tecnico rassegnando la generale d’Italia a New York, Silvana Mangione dalla redazione di
mia opinione in ordine ad entrambe Francesco Maria Talò, che ha cono- New York di Gente d’Italia, quotidia-
le problematiche. sciuto l’allegra comitiva margherite- no degli italiani d’America.
Con sufficiente serenità mi sento di se il 2 giugno 2008 nel corso della (segue a pag. 3)
sostenere che nulla è dovuto dai cit-
tadini per il trasferimento dei lotti in IL FRONTE DEL NO: Sedute consiliari in contemporanea venerdì 20 febbraio
proprietà.
Il D.L. 27 febbraio 1968, n. 79, con- Acqua: la parola ai cittadini
vertito con modificazioni in legge 18 In tutte le città in cui il servizio idri- questo profilo la nascita degli A.T.O.
marzo 1968, n. 241, all’art. 4, co è stato privatizzato il prezzo del- è stata una iattura: i debiti delle
espressamente prevede che, nel- l’acqua è schizzato alle stelle: è un società che gestiscono i rifiuti, appe-
l’ipotesi in cui gli immobili distrutti dato di fatto. santiti dal gravame del car-
dal terremoto siano ricostruiti “su Basterebbe questa semplice rozzone clientelare, vengono
altra area ritenuta tecnicamente ido- constatazione per difendere spalmati sulla fiscalità pub-
nea”, “ai proprietari dei fabbricati la natura pubblica del servi- blica, cioè pagati dai contri-
da ricostruire viene assegnata gratui- zio idrico, potenziandone buenti siciliani. Non ci vole-
tamente in proprietà l’area necessa- semmai l’efficienza. Risorse va molto per prevedere l’esi-
ria”. naturali, petrolio, gas, fanno to finanziario disastroso
Inoltre, l’art. 55 del medesimo testo la ricchezza dei territori. Il degli ato in Sicilia. Eppure i
legislativo dispone un’esenzione nostro è ricco di risorse idri- registi dell’operazione hanno
dalle imposte di bollo, di registro ed che e non si comprende per- affondato il coltello nel
ipotecarie, dalle tasse di concessio- ché, anziché farne tesoro per burro. Si indignava a turno
ne governativa, dai diritti catastali, la nostra economia, dovremmo ceder- chi restava fuori dalla torta, salvo zit-
ecc… per tutti gli atti, le domande, i le ad un privato con tutte le incognite tirsi nel momento in cui poteva anche
provvedimenti, i contratti “comun- del caso. Privatizzare le reti è un lui lucrarci qualcosa. Pochi, pochis-
que” relativi alla ricostruzione dei errore strategico imperdonabile che (segue a pag. 2)
comuni della Sicilia colpiti dal terre- equivale a rinunciare ad un pezzo
moto del 1968. della nostra sovranità, tanto più in ALL’INTERNO:
In ultimo, l’art. 43 della legge 1 ago- Acqua. No alla privatizzazione
uno scenario caratterizzato da gravi Al B.E.S. c’è posto per te!
sto 2002, n. 166 prevede che il tra- incertezze circa la disponibilità futu- Alla ricerca delle “chiavi”
sferimento in proprietà delle aree ra di acqua. Opporsi alla privatizza- Messina - S. Margherita solo andata
assegnate ai privati è disposto, dopo zione dell’acqua significa anche, in La Specula osserva
l’ultimazione dei lavori, con ordinan- molti casi, opporsi agli interessi ille- Un bando per 15 giorni
za del sindaco. Orgoglio o vergogna?
(segue a pag. 2) citi ed al cancro delle clientele. Sotto Trummunati
TRIBUTI ED ONERI CONCESSORI: L’opinione
Segnatamente, poi, il comma 3 di somma a nessun titolo può essere gli oneri concessori. Sul punto mi
tale articolo espressamente dispone richiesta ai cittadini dal Comune. permetto solo qualche cenno, consi-
che: “Gli atti, contratti, documenti e In ogni caso, nessun tributo è dovuto derato che sono ad oggi pendenti giu-
formalità occorrenti per la ricostru- per la registrazione e trascrizione dizi dinanzi al TAR e che, pertanto, è
zione o la riparazione degli immobili dell’ordinanza di trasferimento della opportuno aspettare la pronuncia dei
distrutti o danneggiati nei comuni proprietà delle aree assegnate. Ciò giudici.
della valle del Belice, colpiti dagli per espressa previsione normativa di Tuttavia, non può sottacersi che il
eventi sismici del gennaio 1968, esenzione, applicabile anche agli atti Legislatore ha espressamente previ-
sono esenti dalle imposte di bollo, di trasferimento, in quanto gli stessi sto che il contributo per oneri con-
registro, ipotecarie e catastali non- sono preordinati a concludere il pro- cessori non sia dovuto “per le opere
ché dalle tasse di concessione gover- cedimento di ricostruzione degli da realizzare in attuazione di norme o
nativa”. Tali esenzioni sono state pro- immobili diruti dal terremoto. di provvedimenti emanati a seguito
rogate fino al 31 dicembre 2009 dal- Peraltro una simile lettura trova con- di pubbliche calamità”. E pare paci-
l’art. 2, comma 9, della legge 22 forto nell’interpretazione dell’art. 43, fico che la fattispecie in esame rien-
dicembre 2008, n. 203. comma 3, L. n. 166/2002 fornita tri pienamente nella previsione nor-
Alla luce dei citati riferimenti nor- dalla stessa Amministrazione finan- mativa. A ciò aggiungasi che la
mativi pare indubbio che il procedi- ziaria con apposita circolare, cui, per determina dirigenziale di ingiunzio-
mento disegnato dalle norme sia inciso, gli Uffici periferici sono tenu- ne di pagamento adottata dal
destinato a sfociare nel trasferimento ti ad uniformarsi in virtù del vincolo Comune risente di vizi intrinseci ido-
a titolo gratuito della proprietà del- di subordinazione gerarchica che li nei a determinarne l’illegittimità per
l’area, come peraltro ritenuto anche lega all’Amministrazione centrale. violazione delle norme disciplinanti i
dalla giurisprudenza della Corte di Parimenti, a mio avviso può sostener- procedimenti amministrativi.
Cassazione. Dunque, nessuna si che i cittadini non debbano pagare Francesca Valenti

Acqua: la parola sia data ai cittadini


simi, i parlamentari, i sindaci ed i quando l’esito di una vicenda così Consiglio di Amministrazione
consiglieri vigili, lungimiranti e coe- importante rimane appesa alle sen- dell’Ato idrico, cioè da sindaco con-
renti; pochi e quasi sempre senza tenze di tribunali e consigli di giusti- testatore diventa di fatto amministra-
potere di incidere granché. Dopo i zia amministrativi, la politica è già tore del processo di privatizzazione:
rifiuti, l’acqua. E’ un film di seconda sconfitta. nessuna concertazione, nessuna con-
visione, ma su una materia ancor più E noi ? Da quasi un decennio trasfe- divisione con i Sindaci dell’Unione
delicata. La gran parte dell’opinione riamo risorse del nostro bilancio al dei Comuni, inutile perfino a coordi-
pubblica ignara dei retroscena. cosiddetto ato idrico, in cambio del nare una politica univoca su questa
Ignara degli abusi e delle illegittimi- nulla: una sorta di pizzo legalizzato. materia. Decenni di lotte contadine
tà, delle furbizie e delle prepotenze E se il Comune tarda il pagamento per l’acqua approdano oggi a questa
che hanno costellato a profusione viene sommerso da diffide e messe in beffa. Lo spieghi ai contadini memo-
l’iter di affidamento delle reti idriche mora. Nessun Sindaco, nessun fun- ri di quelle lotte il Sindaco post
ad un unico gestore privato: a confer- zionario è stato mai in possesso di comunista Santoro; lo spieghi, se gli
ma dell’avida determinazione dei atti inerenti l’attività dell’ato: paga e riesce, dallo scranno di consigliere
comitati d’affari a mettere mano ai basta. Gestione misteriosa, tetragona di amministrazione dell’ato idrico,
giacimenti finanziari del POR 2000 ed impermeabile ad ogni richiesta di nella cui veste ha già sottoscritto il
– 2006, dacché se non ci fossero trasparenza. Il Presidente Fontana, programma della consegna delle reti
quei quattrini, a nessuno verrebbe in (riconfermato e votato alla grande dai comunali alla Girgenti Acque. Di
mente di privatizzare le reti. Anche margheritesi), è giunto perfino a fronte a tutto questo dobbiamo aprire
in questo caso poteri forti che affon- sostenere che consiglieri e cittadini gli occhi e recuperare il gusto di lot-
dano il coltello dei loro non sono legittimati a richiedere tare in prima persona per difendere
interessi nel burro documentazione inerente l’attività la nostra libertà, il nostro futuro.
della politica dell’ato. Siamo sempre andati a Che gli amministratori subordinino
regionale e pro- rimorchio, più per inerzia che per qualsiasi altra decisione in materia
vinciale, lontana convinzione, dei Comuni capofila in ad una consultazione referendaria
anni luce dalla questa vicenda, Palma e Bivona su seria. Che la parola passi ai cittadi-
capacità di tutti : un colpo al cerchio ed uno alla ni, perché l’accesso all’acqua è dirit-
governare que- botte, non si sa mai. Poi il colpo di to alla vita. Altrimenti daranno
sti processi. grazia: il Sindaco Santoro, umma all’acqua una brutta forma.
D’altra parte, umma, si fa nominare membro del Gaspare Viola

Un forte no alla privatizzazione dell’acqua.


L’Associazione Noi per Sindaco nel C.D.A. far scegliere alla popolazio-
Santa Margherita, manife- dell’ATO idrico. Si fa pro- ne se vuole manterere il
sta la propria preoccupa- motrice affinchè venga servizio idrico privato o tor-
zione per la presenza del indetto un referendum per nare alla gestione pubblica.
I DEBITI DELLA CULTURA SANTORIANA
“Per la prima volta l’inno
americano non è stato cantato,
ma suonato. Per la prima
volta, nel giorno della propria
festa nazionale, la Repubblica
italiana ha deciso di presenta-
re l’inno dell’Unione europea.
Per la prima volta l’inno di
Mameli, ha trovato morbida
risonanza nel sommesso coro
spontaneo di accompagna-
mento da parte degli interve-
nuti. Per la prima volta – si
legge ancora nell’articolo di
Mangione - il console generale
si è rivolto agli invitati soltan-
to in italiano. Per la prima
volta, si sono festeggiate altre
importanti ricorrenze, apparte-
nenti, queste, alla nostra cul-
tura”. Tante prime volte per il
Console insediatosi qualche
mese prima.
E i nostri amministratori?
Anche loro hanno stabilito,
con quel viaggio, un primato,
tanto da far titolare il quoti-
diano LA SICILIA, di domeni-
ca 15 febbraio “A SBAFO A
NEW YORK. E ORA SI
PAGA...” conquistando sia la
prima pagina nazionale che
una interna. Eclatante finire in prima
pagina , accanto alla cro-
naca del vertice del G7
dove i grandi discutono
della fame nel mondo e
delle ristrettezze econo-
miche internazionali, per
apprendere che c’è chi
“ha mangiato a sbafo”.
Si rimane esterrefatti.
Contavamo di finire in
prima pagina magari per-
ché si fossero trovati i
finanziamenti per com-
pletare la ricostruzione,
oppure quelli necessari
per sollevare le acque del
Lago Arancio.
Niente di tutto questo.
Siamo agli onori della
cronaca per le somme
pretese dal Console
necessari “a coprire i
costi sostenuti per gli invi-
tati aggiuntivi del comu-
ne di Santa Margherita di
Belice indicati dal
Sindaco”.
C e n t r o d i r i c e r c a B i o - E v o l u z i o n e S i c i l i a
AL B.E.S. C’E’ POSTO PER TE!
Ecco tutti i nomi degli idonei al concorso
“ Bisognava Essere Santoriani” per ammessi. l’obbligo morale di informare tutta la
venire a conoscenza che, dal 19 set- Ci aspettavamo che nel comizio esti- cittadinanza.
tembre al primo ottobre scorso, era vo il sindaco, il suo vice Portolano, o Invece nulla di tutto questo!
stato indetto un concorso dal Centro altri rivolgessero un invito a parteci- A guardare la graduatoria degli ido-
di Ricerca Bio-Evoluzione Sicilia? pare alla selezione. Avrebbero avuto nei ci siamo veramente convinti che
per avere notizia del bando, pubbli-
cato a metà settembre nel famosissi-
mo sito "www.bioevoluzionesicilia.it”,
“Bisognava Essere Santoriani” .
Ma andiamo al sodo.
Siamo certi dell’assoluta regolarità
della procedura seguita dal rappre-
sentante dell’Ente Prof. Portolano,
Vice Sindaco del Comune.
Sono stati resi noti, sul sito internet
del centro di Ricerca, gli idonei in
possesso di una specifica laurea
(Tab. A), quelli in possesso di un
generico diploma di scuola media
E’ uno degli interrogativi che balza
evidente scorrendo l’elenco degli
idonei che in questo numero de La
Specula pubblichiamo.
Certo, ci aspettavamo a settembre di
vedere affissi, nei bar margheritesi
ed in altri luoghi pubblici, il bando
o, quantomeno, un adeguata informa-
zione, visto che proprio a Santa
Margherita di Belice, in Via
Palestrina, si trova la sede distacca-
ta del Consorzio di Ricerca Bio-
Evoluzione Sicilia – BES, che, come
è noto, è stata recentemente ristrut-
turata.
L’oggetto della selezione, come emer-
ge dalla lettura del bando era “fina-
lizzata alla redazione di una lista di
idoneità per il conferimento di incari-
chi di collaborazione per la realizza-
zione di attività previste nell’ambito
di progetto di ricerca”.
Supponiamo che tali incarichi
riguardino anche la sede distaccata
di Santa Margherita di Belice.
Proprio per questo, ci aspettavamo
che dagli schermi televisivi fosse
stato lanciato l’invito ai numerosi
giovani locali della possibilità di
partecipare al concorso. Concorso
che, si badi bene, è stato bandito da
un Ente Pubblico che vede nel vice
sindaco Baldo Portolano, il presiden-
te della commissione per la valuta-
zione dei titoli formativi e professio-
nali e del successivo colloquio di
approfondimento con i candidati
superiore (Tab. B) e quelli aventi un
diploma di scuola media inferiore
(Tab. C).
Con questo articolo vogliamo infor-
mare chi ancora oggi aspetta il tele-
gramma per essere chiamato al collo-
quio, chi non conosce l’esito del con-
corso e, comunque, tutti i cittadini.
Ovviamente restano i dubbi del
rumoroso silenzio che ha accompa-
gnato l’iter del concorso.
A Sciacca, per l’iniziativa privata di
Rocco Forte, i sindacati ed il mondo
politico stanno facendo a pugni per
reclamare trasparenza nel metodo
che sarà utilizzato nelle assunzioni.
A Santa Margherita, tanto silenzio da
parte dell’Amministrazione comuna-
le, dei sindacati, dei gruppi politici
di maggioranza e minoranza.
Un silenzio che ha impedito a tanti
giovani margheritesi di avere la pos-
sibilità di trovare occupazione nel
proprio paese in un momento di par-
ticolare difficoltà.
Proprio per tale motivo sarebbe stata

necessaria una maggiore trasparen-


za, una maggiore pubblicità del
Bando, sarebbe stato utile coinvolge-
re quante più persone possibili.
L’elenco che abbiamo tratto dal sito
del Consorzio - BES comprende una
lista di idonei; noi pensavamo di tro-
varne solo quaranta, invece abbiamo
avuto la sgradita sorpresa che oltre
quaranta c’è di più.
F. Valenti - A. Augello

Avvisiamo i lettori che nel


prossimo numero de
La Specula pubblicheremo
accanto ai nomi degli idonei
gli eventuali rapporti di
parentela e le appartenenze
politiche.
A L L A R I C E R C A D E L L E C H I AV I
Chiusa al culto la Chiesa della Madonna delle Grazie
A S. Margherita di Belice, Città del legno e vetrate. Al suo interno è collo- cappelletta è quasi sempre chiusa.
Gattopardo, non si trovano tanto facil- cata una statua della Madonna delle Proviamo a trovare anche quest'altra
mente le “chiavi” per aprire i musei, Grazie e sono presenti interessanti “chiave”. La Chiesa di San Giuseppe
le chiese, il parco, le ville e gli altri decori ed un affresco che meriterebbe- con le statue del Patriarca, della
luoghi che potrebbero suscitare l'inte- ro di essere portati all'antico splendo- Madonna dei Peccatori, scolpita nel
resse ad essere visitate dai turisti o da re. Se ricordiamo bene, alcuni anni fa, 1819, e con l'urna di vetro contenente
semplici vacanzieri. Un detto popola- in questa chiesa si sono ritornati a i resti mortali del martire San
re, valido in tutti i posti, dice: “li chia- celebrare, come nel remoto passato, Dionisio. In molti paesi, le chiese
vi di li paisi l'hannu lu sinnacu, l'arci- matrimoni, battesimi e altre funzioni restano aperte oltre alla normale aper-
preti e lu marasciallu”. Per quello che religiose. Il sabato pomeriggio si cele- tura necessaria allo svolgimento delle
riguarda il nostro articolo le “chiavi” brava la Santa Messa. Ultimamente, funzioni religiose. E allora troviamo le
simbolicamente in possesso del mare- invece, la Chiesa della Madonna delle “chiavi” per aprire la Chiesa della
sciallo non servono. Non si stanno cer- Grazie è quasi sempre chiusa. Madonna delle Grazie e gli altri luoghi
cando ladri o delinquenti. Con questo Pertanto, spesso, i fedeli sono costretti religiosi e di interesse turistico. I detti
articolo si vuole evidenziare un nega- a lasciare fiori e lumini sui gradini di popolari hanno quasi sempre ragione:
tivo dato di fatto. Per cercarne le solu- ingresso. Dall'esterno, da qualche “li chiavi di lu paisi l'hannu lu sinna-
zioni. Un fatto negativo che è sotto gli vetrata soc- cu, l'arcipreti e lu maresciallu”. Nel
occhi di tutti: dei margheritesi e, pur- chiusa e nostro caso le competenze e le incom-
troppo, anche dei turisti. Molti luoghi sporca, si benze ricadono sul sindaco e
di interesse turistico sono chiusi. E possono sull'Amministrazione comunale, per
quando sono aperti presentano note- scorgere ciò che concerne il Comune, sul sacer-
voli carenze: di accoglienza, di mate- sull'abside e dote e sulle autorità religiose per
riale informativo, di pulizia ecc... E ai piedi del- quanto riguarda i luoghi di culto.
allora, S.Margherita è la Città del l'altare vasi Spetta a loro garantire la normale
Gattopardo, che mira a diventare una con fiori apertura e rendere idonei e facilmente
cittadina turistica, o è semplicemente ormai sec- fruibili questi luoghi. Ovviamente,
un paese “chiuso” in se stesso. Negli chi lasciati sarebbe auspicabile la fattiva e
ultimi tempi, come riportato da alcu- là da chissà costruttiva collaborazione di tutti i cit-
ni organi di informazione a seguito quanto tempo. Si notano fili (elettrici?) tadini. Collaborazione che, talvolta, va
delle lamentele e delle proteste di cit- penzolanti in prossimità dell'ingresso. voluta, facilitata e resa possibile. La
tadini e turisti, sono diverse “le chia- Di certo non è un bel vedere. Un con- proposta finale. Se si trovano le “chia-
vi” che non si sono, prontamente e testo di abbandono generale. Eppure, vi” e si ha l'intenzione di aprire chie-
inspiegabilmente, trovate. “Chiavi” l'apertura e il decoro della Chiesa se e luoghi di interesse turistico è
necessarie, ad esempio, ad aprire il della Madonna delle Grazie, dal punto necessario che ci siano le persone
Museo della Memoria, il Museo e il di vista religioso e turistico, sarebbe disposte a tenere aperti questi monu-
Parco del Gattopardo, le ville e le chie- doveroso. Questa chiesa potrebbe menti. Una delle tante soluzioni
se . Adesso, siamo alla ricerca, nella benissimo rientrare in un “percorso di potrebbe essere instaurare dei turni.
speranza di trovarla presto, di un altra visita ai luoghi sacri” di S. Margherita. Chi scrive è pronto a fare uno dei
“chiave”. Quella necessaria ad aprire Un “percorso religioso”, che attual- turni. Anche di domenica o nei giorni
il portone della Chiesa della Madonna mente non esiste, ma che sarebbe festivi, quando si sa, ma forse non a
delle Grazie anticamente chiamata interessante realizzare. Oltre alla chie- S.Margherita, che si registrano le mag-
Santa Maria delle Grazie. Questa chie- sa del quale ci stiamo occupando giori presenze di turisti e vacanzieri
sa, fatta costruire da Vincenzo dovrebbe comprendere gli altri luoghi che vogliono visitare i luoghi di mag-
Corbera, per un breve periodo, nel sacri del paese. La Chiesa Madre, con giore interesse storico, culturale e reli-
XVII secolo, divenne la prima Matrice il SS. Crocifisso venerato e benedetto gioso. A conclusione, ricordiamo che
dei primi abitanti del paese. E si pote- da Giovanni Paolo II nella Valle dei il sindaco Francesco Santoro, la scorsa
rono, così, celebrare i matrimoni e i Templi, la Vara Trionfale, il Cristo, estate, presso il Giardino del
battesimi per i quali i margheritesi scolpito nel 1922, posto in un' urna di Gattopardo, ha convocato i giovani di
erano costretti a recarsi nei paesi vici- vetro che viene portato in processione S. Margherita per affidargli i monu-
ni che avevano un Chiesa Madre. Il per il Venerdì Santo e il busto di Santa menti, le piazze e gli altri luoghi pub-
15 gennaio 1968 la chiesa venne Rosalia, patrona di Santa Margherita blici del paese. Una sorta di passaggio
quasi interamente distrutta dal terre- di Belice, recentemente restaurato. di consegna delle “chiavi” della Città.
moto. Solo l'abside semicircolare e L'interessante e suggestiva cappelletta Attualmente, molti di questi luoghi
una parete furono risparmiate dalla della Madonna del Carmine, da secoli sono puntellati, malandati, sporchi e
furia distruttrice del sisma. Alcuni esistente in una grotta, forse di origine chiusi con pesanti lucchetti. I giovani
anni fa, i resti sono stati consolidati, sicana, che si trova nelle immediate non trovano le “chiavi” e nemmeno
parzialmente restaurati e inglobati in vicinanze della Chiesa della Madonna chi dovrebbe custodirli.
una moderna struttura con travi in delle Grazie. Ah già! Anche questa Francesco Sciara
Messina - Santa Margherita solo andata
“ 1 5 9 ” i n C o m u n e
Mi avevano chiesto di scrivere un tutto con 111 mila lire per le spese di namento degli enti locali, stabiliva
articolo su Santa Margherita. carburante sostenute durante il viag- che, chi avesse sulle spalle una con-
Disobbedisco, in parte. gio. Ma la Cassazione gli scrive nero danna di questo tipo, non poteva
Vi racconto la vicenda di Giuseppe su bianco che a parte l’uso improprio candidarsi a sindaco di una città.
Buzzanca, sindaco di Messina, eletto del mezzo, ad essere fuorilegge era Ricordiamo la condanna: peculato
tra le file del Pdl. anche la moglie. Le consorti dei fun- d’uso, teniamola a mente. Il
Cosa c’entra Buzzanca con Santa zionari che, occupando importanti Tribunale non può fare altro che
Margherita? Nulla. O meglio, non ruoli istituzionali, sono dotati di autoapplicare la legge e dichiarare deca-
ancora, ma voi, nel dubbio, leggete. blu, sono “estranee alle esigenze di duto Buzzanca. Poi l’ex sindaco
Giuseppe Buzzanca, viene eletto nel servizio”, quindi non possono usare impugnerà la sentenza davanti alla
2003 primo cittadino di Messina. l’auto. Corte di Cassazione, quando a pochi
Al momento dell’elezione ha già due Mogli, ma anche figli si intende, e giorni dalla sentenza, il governo
condanne per reati contro la pubbli- anche figlie si intende, e anche i emana un decreto legge ( D.L.80 /04)
ca amministrazione. rispettivi compagni dei pargoli si con il quale la condanna per pecula-
A noi, nella nostra storia, interessa intende; la ridondanza a Santa to d'uso veniva esclusa dalle cause di
una delle due. Dopo qualche setti- Margherita è condicio sine qua non. ineleggibilità. Si decade solo per il
mana dalla sua elezione a sindaco «peculato di appropriazione»
della città, viene dichiarato deca- (quando ti impossessi di una cosa
duto dalla sua carica proprio a per sempre) e non per il «pecula-
causa della condanna per peculato to d' uso». Era il decreto “Salva
d’uso continuato. Il discorso qui, Buzzanca”. Dopo mesi e mesi di
capirete, si fa interessante anche commissariamenti e decreti ad
per noi che con Messina condivi- hoc, è la Corte d’Appello a mette-
diamo solo il decadimento cultura- re a dieta il dietologo Buzzanca.
le e le rovine del terremoto. Cosa Lo dichiara decaduto e lo defene-
mai poteva aver fatto Buzzanca stra dal municipio con la sua
tanto da essere “licenziato” dal giunta dopo un lungo zig zag giu-
Palazzo? diziario. Qui finisce la nostra sto-
Oh, molto meno di quello che pen- ria messinese. E forse ne comin-
sate. “Esigenze di sicurezza” aveva repli- cia un’altra, simile ma in salsa mar-
Buzzanca aveva usato la sua "auto cato Buzzanca. Ma non c’è niente da gheritese.
blu", mi pare un’Alfa Romeo 159, per fare. Le leggi, se ne facciano una Benny Calasanzio
farsi trasportare da Messina, insieme ragione, si devono rispettare, almeno
alla moglie, fino a Bari, 450 km, per qualche volta. La condanna per P.S. Era la palma vero? No, intendo,
imbarcarsi in crociera. peculato, quindi, arriva. Andiamo nello scorso numero, nel quiz, fuori
“Pensavo di essere in regola - com- avanti nella nostra storia fino a quan- posto era la palma, vero?
menta il sindaco -. A dirmi che pote- do Buzzanca si candida alla poltrona
vo farlo erano stati il segretario gene- di primo cittadino di Messina e viene L A S P E C U L A
rale della provincia e l' esperto di eletto. Ecco. Dopo l’elezione i consi- porta a casa il primo risultato
diritto amministrativo”. Poi affina la glieri di minoranza (a Messina fun-
versione: spiega che prima di partire zionano) tirano fuori questa vecchia Dopo la nostra prima segnalazione
era stato a lavorare nel suo ufficio di storia, sostenendo che con quella sono scomparse le XXX che oscura-
Palazzo dei Leoni. In virtù di ciò, condanna non può fare il sindaco e vano i nominativi dei soggetti indica-
avrebbe usufruito dell' auto di rap- deve dimettersi. E hanno ragione. L' ti negli atti pubblicati nel sito uffi-
presentanza, e cerca di rimediare a articolo 59 del Testo unico dell' ordi- ciale del Comune.

Da La Specula si osserva

7-2-2009 1-2-2009 7-2-2009


Premio letterario internazionale “GiuseppeTomasi di Lampedusa”
All’albo pretorio, per selezionare 3 esperti un
bando pubblico. Spesi 10.400 euro per 15 giorni di prestazioni.
La manifestazione rischiava di
scomparire. Nel 2007 non si
era svolta. Così i nostri solerti
amministratori si sono presi di
impegno ed hanno pianificato
al meglio l’edizione 2008. Ci
hanno pensato per tempo.
Quindici giorni prima della
consegna ad Edoardo
Sanguineti, del premio lettera-
rio, pubblicano il bando per
selezionare 3 esperti capaci di
espletare l’attività di “Direttore
del premio letterario internazio-
nale”, “Coordinatore e imple-
mentazione” e “Tecnico e assi-
stenza”. Scopriamo oggi, che
fino al 14 luglio 2008 non erano
stati scelti. Il 15 luglio la pub-
blicazione del bando con sca-
denza a 5 giorni. Poi l’aggiudi-
cazione della gara ed il perfe-
zionamento dell’incarico il 26
luglio 2008. Soli 3 partecipanti,
risultati poi i vincitori. Per 15
giorni una spesa di 10.400
euro. Finalmente il 9 agosto
2008 tutti sul palco per la con-
segna del premio.

Ultim’ora: SUL WEB LA VOCE


Ultim’ora: PER 30 GIORNI UN ADDETTO STAMPA AL COMUNE
DEI NOSTRI RAPPRESENTANTI
Consigli comunali in differita. La redazione fa gli auguri w w w. i l m o v i m e n t o . s p l i n d e r. c o m
Finalmente, dopo tanto tempo, articoli
sui giornali, richieste da parte del MGT,
all’architetto giornalista
pubblicista Francesco Un blog da record!
risposte e regolamenti vari, arriva la pos- Graffeo, risultato vincitore
fra i partecipanti al bando Oltre 200 mila visitatori dal novembre 2006.
sibilità di ascoltare l’audio dei Consigli Ben 518 post, una media di 300 visitatori al
Comunali dal sito ufficiale del Comune. pubblico per la selezione di
un addetto stampa al giorno, con visite mensili da tutti e sei i conti-
Ci auguriamo che il servizio attivato non nenti il risultato monitorato da ShinyStat.
sfumi con il passare del tempo. Comune.
Or gog lio o ver gogna?
Par co let t er ar io Gius eppe Tomas i di Lampedus a

Quando qualcuno chiede a me, mar- recente una visitatrice delusa dal ripetitività cocciuta, di assoluta inuti-
gheritese di nascita e viaggiatrice di resto, sanno parlare. Evidentemente, i lità. Vale, in ogni caso, la pena di
professione, da dove provengo, al sassi trasmettono più di tante persone spenderle: non sia mai che nei nostri
nome del paesello della provincia a S. Margherita. Certamente di più di attuali amministratori sorga la voglia
agrigentina, facevo di solito seguire chi, oggi, si dovrebbe preoccupare di porsi delle domande. Se la cosa
due specificazioni. La prima: il paese della visibilità del nostro centro e del risultasse troppo ardua, ne suggeriamo
che prende il nome dal Belice, che si volano turistico. alcune di seguito.
trova in quella Valle scossa dal terre- Un tempo si era creato un Museo, si se e come si ha intenzione di investire
moto del ’68. L’argomento desta nei parlava di viaggi sentimentali, di visi- utilizzando il marchio del Parco
nati prima del ’60 una scintilla: che si te scolastiche, di caffè letterari…mi Letterario?
ricordi, o si sia semplicemente sentito domando: che fine hanno fatto tutte C’è una progettualità mirata a favorire
nominare, quel terremoto toglie dal queste idee? Impigliate tra le erbacce la creazione di cooperative e aziende
completo anonimato il mio paesello. di una villa comunale che imperversa- che partendo dalle attività economi-
Ai nati dopo il ’60, fatta eccezione per no tre stagioni su quattro? L’era del che del territorio possano sfruttare il
i geologi, quel terremoto non sempre Premio Letterario sembra sopravvive- Parco per darsi visibilità e darne alla
dice molto. Talvolta, comunque, capi- re un tantino meglio: proporzione ine- città? Si sta operando perché le azien-
ta che qualcosa rievochi nelle loro sistente tra le risorse impiegate e i de esistenti perseguano questo scopo?
menti. si sta coltivando l’offerta culturale da
La seconda specificazione che pro- offrire a varie tipologie di pubblico per
ferivo, con ben maggiore fierezza, attirarle a visitare i luoghi del
riguardava il Parco Letterario Gattopardo?
Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Si sta utilizzando ciò che resta dei
Diverso è dire che il mio paesello è Patti territoriali e del Consorzio Terre
stato ricostruito (male) dopo un ter- Sicane perché siano veicolo delle
ribile terremoto, rispetto a dire che attrazioni di S. Margherita?
cullò l’infanzia dell’autore del Si sono letti i Racconti e il Gattopardo
Gattopardo! Qui, per carità, non del Tomasi e ci si è emozionati al
nella totalità dei casi, ma potevo punto da essere fieri del proprio pae-
sortire la curiosità e l’ammirazione sello e da volerlo comunicare agli
dei miei interlocutori i quali passa- altri?
vano subito a chiedere cosa questo Se la risposta è negativa a tutte le pre-
Parco comportasse e cosa si poteva ritorni economici. cedenti domande ed in particolare
ammirare venendo a S. Margherita di E così il Parco Letterario oggi rimane all’ultima, cari amministratori, caro
Belice. solo un’occasione perduta, una risor- sindaco, non ci costringa a vergognar-
Ora preferisco non correre il rischio: sasprecata, un potenziale del tutto ci.
evitiamo di citare antenati illustri, se i incompreso. Quello che doveva diven- Ammettete una terribile mancanza di
contemporanei non sono all’altezza tare il minimo comune denominatore analisi: se S. Margherita si lascia sfug-
dell’eredità. In parole povere: inutile tra tante attività produttive e lo stru- gire questa opportunità (e siamo asso-
parlare del Parco e del Tomasi se biso- mento del (ri)lancio turistico, ha sug- lutamente sulla buona strada) non se
gna vergognarsi, un attimo dopo, per il gerito i nomi per rifare il menù delle ne presenteranno tante altre.
modo in cui questo è stato gestito e per pizze di alcune pizzerie e ha distribui- Tanto varrà aspettare un altro catacli-
quello che oggi rappresenta. to premi ad autori che, a loro volta, sma per svegliarci dall’oblio e dalla
Così, oggi non ci rimane che il terre- poco sono stati apprezzati in terra miseria intellettuale e materiale.
moto dunque…che alcune pietre e nostra. Per tantissimi queste righe Anna Carmen Armato
delle macerie che, come ha detto di saranno di una noia mortale, di una Movimento Giovanile Trasversale
trummunati....
STUDENTI O COMPARSE?
All’occorrenza qualcuno preleva i italiana.
Ci sono cose certe per definizione: ragazzi dalla scuola, li mette in fila e Ci si chiede, infine, in questa Santa
uno più uno fa due, dopo il fulmine li siede al teatro Sant’Alessandro. Margherita decadente, se tutto ciò
viene il tuono….. Badate, in quel luogo non si svolgono sia normale. I ragazzi possono uscire
A Santa Margherita, dopo due anni di lezioni, né illustri professori trattano dalla scuola senza la preventiva
amministrazione Santoro, l’elenco temi inerenti la loro formazione, né autorizzazione dei genitori? Chi è
delle certezze si è incrementato di tantomeno argomenti attinenti l’atti- responsabile quando i ragazzi in ora-
una nuova voce: “tutto ciò che orga- vità didattica. Niente di tutto questo. rio scolastico sono fuori della scuola?
nizza l’Amministrazione comunale si Si cazzeggia del più e del meno. Si può interrompere a piacimento
risolve in un flop”. I ragazzi sono lì, solo per fare nume- l’attività didattica? Se malaugurata-
Le manifestazioni sin qui organizzate mente dovesse capitare un incidente
sono state un susseguirsi di clamoro- agli alunni chi ne risponde?
si insuccessi e, nel disastro generale, E’ giusto non confondere i ruoli. La
i fiaschi più eclatanti sono stati i scuola si occupi di istruire adeguata-
convegni. Programmati sulle materie mente gli alunni.
più disparate ed inutili hanno fatto Franco Valenti
registrare, oltre ai malcapitati relato-
ri, solo qualche sparuta e solitaria
presenza. L a S p e c u l a
Ebbene, preso atto della manifesta Periodico di informazione
Autorizzazione Tribunale di Sciacca n.
incapacità ad organizzare anche il 1/2009
più semplice degli eventi, sapete Editore
cosa si è inventata la “nouvelle poli- Associazione Noi per Santa Margherita
tique” margheritese? Direttore Responsabile
Francesco Graffeo
Una nuova figura di studente: lo stu- Condirettori
dente comparsa o se preferite l’allie- ro. Per mitigare gli effetti di un pre- Franco Valenti, Antonino Augello,
vo tappezzeria. Costretto a stare annunciato fallimento. Gaspare Viola
seduto in un rossa poltrona del Teatro Gli allievi tappezzeria sono lì, perché
Segreteria di redazione
Marilena Augello, Antonio Gallucci,
S. Alessandro, ghiacciato d’inverno, qualcuno ha deciso, forse per appa- Melchiorre Titone
a fare da comparsa. Proprio così. gare una smisurata voglia di appari- Redazione
Comparsa, tappezzeria, numero, re, di far perdere loro un giorno di Accursio Soldano, Onorio Abruzzo,
figurante. scuola. Francesco Sciara, Benny Calasanzio,
I genitori ritengono di mandare i pro- Poveri alunni comparsa, chissà se
Giuseppe Serra, Vincenzo Sarullo,
Paolo Morreale, Gaspare Mauceri,
pri figli a scuola per studiare ed sono costretti anche ad applaudire al Calogero Sanfilippo, Giuseppe Sanfilippo,
apprendere. Li immaginano alla cenno della capo claque. Giuseppe Augello, Giuseppe Monteleone,
lavagna, intenti a scrivere un rias- Per loro sfigati scolari figuranti, Salvatore Montalbano, Pasquale Modderno,
sunto, a seguire una lezione di storia comunque, il pericolo più grande è
Filippo Di Giovanna.
Redazione
o di geografia, a scervellarsi per l’obbligo di ascoltare gli interventi via De Amicis, 9 - S. Margherita di Belìce
risolvere un problema di matematica. dei nostri amministratori. Corrono email: laspecula@alice.it
Sono convinti che in quel momento i seriamente il rischio di vanificare Stampa:
loro ragazzi in classe stiano imparan- anni di studio e dimenticare per Arti Grafiche Provideo
do qualcosa, invece no! sempre l’uso corretto della lingua
C.da Casabianca - Sambuca di Sicilia

LA PROMOZIONE TURISTICA IN AMERICA


PRODUCE FINALMENTE I PRIMI EFFETTI.
Il viaggio della delegazione margheritese guidata
dal Sindaco Franco Santoro a New York ha portato il
primo turista nella cittadina del Gattopardo!
Infatti, negli ultimi giorni circola a Santa Margherita di
Belice un Americano sConsolato che, più che visitare
i luoghi del Gattopardo , è stato incaricato di scovare
il Sindaco al fine di recuperare 2.100 $

Interessi correlati